Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Alberto Martini (1931-1965)

 | 
Federica Nurchis

Introduzione

Texte intégral

«Una delle dimensioni più caratteristiche della cultura moderna è certamente offerta dall’oscillazione pendolare tra i due termini, solo apparentemente antinomici, di puntigliosa specializzazione e di informata divulgazione: […] un’opera che sia veramente divulgativa, che riesca, cioè, a spogliare un risultato critico della complicata veste scientifica, per rivelarlo nella sua essenziale nudità, non può venire che da uno specialista, il quale, nel momento stesso in cui semplifica la sua particolare conoscenza, attua una sintesi culturalmente operante su di un più vasto pubblico, senza che ne scapiti la verità filologica, condizione interna e sottintesa, ma sempre presente nel dare al piano e semplice discorso un timbro di puntualità e di rigore critico».

  • 1 La definizione è tratta da una lettera dello storico dell’arte Sergio Bettini ad Alberto Martini ( (...)

1Alla metà degli anni Cinquanta, con queste parole Alberto Martini salutava favorevolmente la nascita della collana di monografie della «Serie Arte Garzanti», guidata da Marco Valsecchi, positivo esempio di divulgazione artistica a buon mercato, in formato tascabile, rivolta a un pubblico finalmente allargato e desideroso di immergersi, sguazzando tra le tavole, nella modernissima «civiltà della visione» del secondo dopoguerra1.

2Di lì a pochi anni si sarebbe trovato anch’egli a dirigere una raccolta destinata a divenire celebre, come quella dei «Maestri del Colore» Fabbri Editori, e nuovamente a riflettere sull’importanza, da un lato di un’eccellente riproduzione a colori delle opere, dall’altro della specializzazione degli autori, per una pubblicazione a fascicoli che modificherà – Martini ancora non poteva saperlo – la percezione della storia dell’arte nel nostro paese.

3Tra il 1931 e il 1965, tra gli sconvolgimenti del conflitto mondiale e l’entusiasmo della rinascita, si inscrive la breve vicenda biografica del personaggio, storico dell’arte, fucina di idee innovative rese possibili dal clima prospero e brillante del “miracolo economico italiano”.

  • 2 Su Alberto Martini e i suoi interessi, oggetto delle mie ricerche di dottorato, si è allestita una (...)

4Nei trentaquattro anni di vita, agevolato dal fervore culturale indotto dal boom economico, Alberto Martini affronta le più diverse esperienze: dagli studi scientifici all’ideazione di dispense divulgative, dalla direzione di un periodico all’allestimento di mostre, dalla radio alla televisione, dalla compilazione del catalogo di un museo alla consulenza per la nascente casa d’aste Finarte, senza mai snobbare il mondo delle gallerie e del collezionismo, dall’antico al contemporaneo2.

  • 3 Agosti 2008, p. LIX.

5Nelle numerose occupazioni, sempre esercitate con grande serietà, capita molto spesso a Martini di visitare raccolte private di opere d’arte: come nel 1958, quando insieme a Giuseppe Fiocco varca la soglia della casa milanese di Alberto Saibene in via Palestro 6. È una nota del collezionista, che vede nel giovane «un intenditore, oltre che studioso intelligente»3, ad aver attirato l’attenzione sulla sua figura, di cui ben poco si conosceva, se non l’alunnato longhiano all’ateneo fiorentino e la direzione dei mitici «Maestri del Colore», per averne letto il nome nel colophon sul risvolto delle belle copertine. Dati che già di per sé bastavano a dare corpo all’interesse per l’attività del critico e che imponevano la ricerca delle sue carte, ritrovate presso gli eredi a Milano, città in cui si era trasferito da Ravenna nel 1958.

6Non si poteva immaginare che la moglie di Alberto, Paola Salvioni Martini, rimasta vedova all’età di ventiquattro anni, avesse custodito con affettuosa coscienza ogni documento che lo riguardasse, dal cartaceo alle fotografie, dai suoi libri alla corrispondenza, in attesa di poter raccontare qualche notizia del padre – quando insieme avessero trovato la forza di aprire quella cassa trascinata nei vari traslochi della famiglia per mezzo secolo – alla figlia Lorenza, nata solo un anno prima dell’incidente stradale in cui Alberto Martini perdeva la vita, insieme all’amico di sempre Roberto Pagnani e alla consorte Raffaella Ghigi, l’8 maggio 1965.

7Si tratta di un fondo cospicuo, costituito da una parte documentaria – il materiale di studio, i testi da lui composti, sia editi che inediti, la corrispondenza – e una fotografica, con immagini di opere d’arte, ma anche scatti eseguiti nel corso di manifestazioni e mostre, di viaggi per le campagne fotografiche della casa editrice dei fratelli Fabbri, di vacanze e momenti di svago con colleghi e artisti o per filmati televisivi: un patrimonio, se si vuole, non specialistico – non potrebbe entrare che in minima parte in una fototeca di storia dell’arte –, ma che offre molti spunti per mettere a fuoco uno spaccato delle poliedriche esperienze che un giovane studioso intraprendente poteva accumulare nel vivace slancio culturale tra la fine degli anni Cinquanta e i primi Sessanta.

8Per quanto consentito dalle difficoltà in cui si è trovata alla morte del marito, Paola ha mantenuto il più possibile intatto anche l’insieme di opere d’arte donate ad Alberto dai numerosi amici pittori e scultori, che si unisce all’esiguo gruppo di dipinti rimasti nella casa di famiglia a Ravenna, dove oggi risiede la sorella Luisa Martini.

9Non si poteva nemmeno sperare che anche gli eredi Pagnani, il figlio Giorgio con la moglie Ada e i nipoti Francesca e Roberto, avessero cristallizzato, nella dimora ravennate in cui pure vivono, l’aspetto dato all’edificio e alle sue stanze dalla coppia di amatori d’arte contemporanea. Roberto e Raffaella Pagnani avevano costruito la residenza negli anni Cinquanta con l’intento primario di contenere degnamente la superba raccolta, in gran parte legata all’Informale. Entrare a villa Ghigi-Pagnani è un’esperienza unica, un salto all’indietro tra i più ambiti desideri collezionistici di cinquant’anni fa, di fronte ai mobili antichi, agli oggetti, ai libri, che fanno da contesto e contrappunto ai dipinti moderni; vi sono custodite anche lettere e fotografie dell’epoca, un campionario delle strabilianti amicizie intessute dal padrone di casa con personaggi di spicco del mondo artistico del tempo, da Georges Mathieu a Mattia Moreni passando per Ben Shahn, da Lella Russoli a Carlo Cardazzo, da Peggy Guggenheim a Francesco Arcangeli, ma anche letterati, politici e protagonisti della Resistenza cui Pagnani ha preso parte, senza risparmiarsi presenze curiose come Lucky Luciano. Nel conto si annoverano anche diverse testimonianze riguardanti Alberto Martini, con il quale Roberto ha un rapporto di profonda amicizia dalla giovane età dello storico dell’arte.

10Seguendo le tracce offerte dalle carte possedute dalla famiglia Martini, si è raggiunto anche il materiale conservato in alcuni fondi di privati e istituzioni con cui, a vario titolo, il critico era entrato in contatto: il libro è così cresciuto nelle mani che hanno pescato tra i documenti della Fondazione di Studi di Storia dell’Arte Roberto Longhi, dove si è rintracciata la versione della tesi di laurea, discussa nel 1954 su Bartolomeo della Gatta, con le correzioni del professore e alcune lettere di Alberto, che unite a quelle conservate nell’archivio milanese, consentono di ricomporre un carteggio tra maestro e allievo. Si sono ricongiunti, grazie alla disponibilità dei detentori delle missive corrispondenti, anche altri scambi epistolari, di cui il testo dei capitoli propone ampi stralci, come quello con Evelina Borea e Giovanni Previtali, con Ulrich Middeldorf, con Francesco Negri Arnoldi, con Roberto Pagnani e con Alberto Giacometti. I rullini delle fotografie realizzate con la Asahi Pentax che possedeva, Martini li consegnava per la selezione e lo sviluppo all’amico fotografo Alfredo Loprieno, i cui eredi possiedono ancora provini e negativi dell’intero corpus di immagini, con l’aggiunta degli scatti eseguiti da Loprieno durante il lavoro svolto con lo studioso dagli ultimi anni Cinquanta e fino al 1965. Altri materiali sono pervenuti dal fondo di Ottone Rosai conservato a Firenze presso l’Archivio Contemporaneo Alessandro Bonsanti Gabinetto G.P. Vieusseux, dalle carte di Franco Russoli in mano alla famiglia, dal Museo Giorgio Morandi di Bologna, dalla National Gallery of Scotland di Edimburgo e dalle Teche Rai; minor fortuna si è incontrata invece con la casa editrice fondata dai tre fratelli Fabbri, passata al principio degli anni Settanta all’Istituto Finanziario Industriale di Giovanni Agnelli e oggi parte dell’universo Rcs-Mondadori.

11Nel volume, la ricostruzione del percorso critico di Alberto Martini prende avvio dagli studi universitari nella Firenze di Longhi, dove nascono i rapporti con la generazione di studiosi coetanei, che si cementeranno all’ombra del magnifico indice (tutto longhiano) dei fascicoli Fabbri; la tesi sul monaco camaldolese della Gatta, al secolo Piero d’Antonio Dei, darà origine a un saggio apparso nel 1960 sull’«Art Bulletin», che sancirà alcune acquisizioni fondamentali nella scansione cronologica del catalogo giovanile dell’artista.

12L’analisi del percorso pittorico individuato da Martini per il Dei ha prodotto un capitolo sostanzialmente distante dai successivi e più specialistico: è stata l’occasione di segnalare, problema “gattesco” per problema “gattesco”, le novità emerse dalle ricerche del laureando e le sue posizioni, in un panorama più ampio della sintesi approdata sulla rivista di Princeton. Ciò anche alla luce di contributi recenti, che se inquadrano l’articolo del 1960 tra i punti fermi degli studi sul tema, trascurano tuttavia l’elaborato assegnato da Longhi.

13I capitoli che seguono focalizzano l’attenzione su alcuni degli episodi più significativi della vita di Alberto Martini: dalle numerose collaborazioni con la Radiotelevisione Italiana per il decennio 1955-1965, all’esperienza di direzione della rivista «Arte figurativa antica e moderna» sullo scorcio degli anni Cinquanta; poi l’approdo alla Fratelli Fabbri Editori insieme a Russoli e l’inizio della produzione delle innovative dispense con le grandi foto a colori, che hanno guidato i primi passi verso la storia dell’arte di milioni di italiani.

14Nell’ampio panorama delle amicizie instaurate con collezionisti, mercanti, editori, critici e soprattutto artisti, quattro sono i rapporti che più hanno segnato la breve esistenza di Martini: quello con Roberto Pagnani e il pittore Mattia Moreni, con Giorgio Morandi e con Alberto Giacometti.

15Fonte imprescindibile per la narrazione, tramite una serie di interviste raccolte in questi anni di ricerche, sono i ricordi di chi ha personalmente conosciuto e frequentato lo storico dell’arte: artisti, familiari, amici e colleghi, rintracciati grazie alla collaborazione di diverse persone, in primis di Paola Martini, chiamata a ritessere la tela di vecchie conoscenze e a scandagliare la memoria, ma anche del fotografo Piero Baguzzi, che ha permesso di riunire un piccolo, ma significativo nucleo di funzionari della Fratelli Fabbri Editori. È il tentativo di ovviare al problema, altrimenti irrisolvibile, di una ricostruzione che fosse solo desunta dai documenti o approssimativamente immaginata da chi scrive, per condizione anagrafica, a più di mezzo secolo di distanza.

16Rende l’idea della varietà di interessi del personaggio l’insieme dei suoi scritti, raccolti al termine del libro: un elenco che, pur ristretto entro un decennio, conta un numero impressionante di voci, forse ancora non completo, con numerosi articoli, presentazioni di artisti, recensioni, lavori divulgativi, il catalogo di un museo e una decina di rigorosi saggi scientifici; con una lista dei suoi testi rimasti per varie ragioni inediti.

17Ne esce una figura di storico dell’arte fuori dai ranghi del mondo accademico, a cui pure rimane per certi versi legato. Un uomo che molto giovane affronta i più diversi ambiti della disciplina, dall’antico al contemporaneo, e si avvicina con entusiasmo e competenza ai nuovi media, rincorrendo nelle mille attività l’obiettivo di un’apertura delle conoscenze artistiche di sapore civile, impregnato di costante dedizione specialistica, elemento che Martini sa ancor più necessario quando si rivolge al nuovo, grande, pubblico. Si legge di fondo una certa inquietudine nell’ansia di sperimentare i più svariati mezzi comunicativi, prima di trovare la propria dimensione in un progetto di ampio respiro, calato nel giusto equilibrio tra i due termini, che lui stesso definisce «solo apparentemente antinomici, di puntigliosa specializzazione e di informata divulgazione», come quello messo in cantiere alla Fabbri. È un personaggio capace di muoversi con grande agilità e nessun imbarazzo, pur profondamente consapevole della diversità d’intenti, tra pubblicazioni scientifiche rivolte al mondo degli studi e produzioni didascaliche a puntate, da considerare degne di pari cura, passione e valore. Resta tuttavia una certa tensione tra i grandi impegni della divulgazione, che assorbono la maggior parte del tempo di Alberto, e le attività di ricerca da “vero” storico dell’arte, a cui non smette mai di applicarsi: «qui a Milano faccio molto lavoro divulgativo, ma trovo sempre il tempo per dedicarmi a lavori scientifici: ho in corso di stampa un lungo saggio sulla “Ravenna riminese” nella rivista bolognese […], ho corretto le bozze del mio benedetto catalogo ravennate, che uscirà tra un mese circa nell’elegante collana della Fondazione Cini, e altre cosette minori», scrive a Ulrich Middeldorf, che segue con affetto i progressi di quel ragazzo che aveva mosso i primi passi nella materia a Firenze, tra le aule dell’università, la casa di Longhi e l’Istituto Germanico.

18Il volume offre un primo punto fermo negli studi su Alberto Martini; una solida mappatura dell’attività dello studioso, che non va tuttavia considerata un approdo definitivo, ma un cantiere aperto a nuove scoperte documentarie che potranno ancora emergere dagli eredi, da un più approfondito studio delle carte di Franco Russoli, oggetto delle ricerche di dottorato, in corso, di Erica Bernardi (Università Ca’ Foscari di Venezia), dal materiale di altri fondi di corrispondenti dei due responsabili delle serie Fabbri e, con un po’ di fortuna, dagli archivi della casa editrice, dove ad oggi non sembra potersi rinvenire alcunché riguardo ai progetti per le collane dirette nei primi anni Sessanta.

Notes

1 La definizione è tratta da una lettera dello storico dell’arte Sergio Bettini ad Alberto Martini (Padova, 9 febbraio 1965), conservata nell’archivio di quest’ultimo (AAM), dove si trova anche la recensione ai volumi della «Serie Arte Garzanti», rimasta verosimilmente inedita.

2 Su Alberto Martini e i suoi interessi, oggetto delle mie ricerche di dottorato, si è allestita una mostra presso la casa che fu di Giovanni Testori a Novate Milanese: Nurchis 2012-2013 (tesi di dottorato) e 2013; cfr. inoltre Nurchis 2010.

3 Agosti 2008, p. LIX.