Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

I due volti del potere

 | 
Edoardo Manarini

Parte III. Potere, relazioni, memoria

8. Caratteri e forme del potere: da funzionari a signori

Texte intégral

1Dopo aver considerato le peculiarità identitarie esibite e praticate dal gruppo di individui che identifichiamo con il nome collettivo di Hucpoldingi, cercheremo ora di tracciare i percorsi di inserimento territoriale e affermazione sociale messi in atto dagli esponenti hucpoldingi in dialettica con i detentori del potere regio nel regno italico, dall’arrivo del capostipite Hucpold fino al consolidamento dei poteri signorili nel Bolognese con Ugo II.

2Sin dalle prime presenze in Italia, il qualificante impegno militare e lo stretto rapporto di Königsnähe con i sovrani italici, in particolare con Rodolfo II di Borgogna, permisero al gruppo di acquisire una posizione preminente fra le più illustri aristocrazie di rango marchionale attive nel regno. In seguito, conclusasi la breve affermazione marchionale di Bonifacio I in territorio emiliano e sopravvissuti al regno di Ugo di Provenza a loro ostile, gli Hucpoldingi conseguirono con l’appoggio del potere regio la carica marchionale sulle circoscrizioni della Tuscia e di Spoleto, senza tuttavia riuscire a fissare il proprio lignaggio in alcuno di quegli ambiti territoriali. Lo sviluppo della preminenza signorile e la dinastizzazione precoce del titolo comitale avvennero invece in quelle aree del territorio bolognese comprese nella circoscrizione pubblica controllata per breve tempo da Bonifacio I al principio del secolo X, dove si concentrava buona parte dei possessi fondiari del gruppo, divisi fra allodi e benefici. Il rapporto di vassallaggio stabilito con l’arcivescovo ravennate contribuì ad accentuare la preminenza parentale in quella regione, rafforzata poi in modo stabile dalla fondazione del monastero di Musiano nella valle appenninica del Savena.

3L’inserimento di propri esponenti nelle gerarchie ecclesiastiche, quale ulteriore mezzo di articolazione e variegazione del proprio completamento egemonico, non fu mai ricercato con perseveranza dalla parentela che ebbe fra le sue fila solo due diaconi, attivi fra Romagna e Toscana, e un vescovo nella sede aretina, il cui rapporto con Ottone I fu centrale nell’equilibrare l’incerta situazione parentale nei primi anni del dominio sassone in Italia.

  • 1   La scansione indicata è proposta e verificata, seppur con esito negativo, per il caso canossano i (...)
  • 2   Costituisce un caso analogo il progetto dinastico degli Aleramici: ivi, pp. 46, 53 sg.; cfr. anch (...)

4Nella costruzione del potere messa in atto dagli Hucpoldingi non constatiamo dunque la scansione ufficio pubblico – dinastizzazione – principato territoriale verificabile altrove1, ma rileviamo invece un andamento peculiare e inedito dell’affermazione signorile, realizzata per la maggior parte in aree poste ai margini delle circoscrizioni pubbliche controllate tra i secoli X e XI2. La frequente soluzione di continuità esperita nella detenzione di cariche pubbliche, soprattutto nei momenti di avvicendamento ai vertici del regno, certifica d’altra parte la permanente preminenza della parentela, la cui ampia capacità di azione evidentemente preoccupava i nuovi sovrani.

5Ripercorrendo in breve le vicende degli esponenti hucpoldingi che ottennero la carica marchionale, rileviamo facilmente l’impossibilità di applicare la scansione sopra citata, poiché ogni qualvolta si conseguivano poteri pubblici, l’influenza regia risultava comunque centrale nel determinare i successivi sviluppi politici della parentela: il ducato di Spoleto fu ottenuto grazie agli accordi stipulati per rovesciare re Ugo e fu perso anni dopo su impulso del nuovo re Berengario II; lo stesso valse per il ritorno al ducato conseguito da Ugo II nei decenni centrali del secolo XI grazie alla volontà imperiale. In Tuscia il marchese Ugo poté invece consolidare il proprio potere marchionale con la condiscendenza della dinastia ottoniana e finanche dinastizzare la carica marchionale a favore del cugino Bonifacio II, che tuttavia non fu in grado di replicare il potere e l’egemonia del predecessore. Infine, alla morte di quest’ultimo si esaurì addirittura ogni interesse hucpoldingio verso la carica marchionale di Tuscia. Solo in Emilia, dove la funzione fu conseguita da Bonifacio I grazie al cognato Rodolfo II di Borgogna, fu possibile il radicamento signorile nei settori bolognesi più periferici della circoscrizione, tradizionalmente appartenenti alle terre esarcali, che non essendo più compresi nel comitato di Modena, concepito da re Ugo, rimasero al di fuori delle circoscrizioni territoriali dipendenti esplicitamente dalla corona italica.

  • 3   In questi termini è inquadrato il simile caso dei Supponidi in Id., L’Italia cit., p. 33: «è un c (...)

6Siamo di fronte dunque a un processo di dinastizzazione del potere messo in atto nelle aree a forte connotazione patrimoniale, disgiunte da quelle governate per il regno. La discendenza hucpoldingia costruì un’egemonia fatta di vari nuclei signorili in una zona ai margini del regno e parallelamente ottenne dal potere regio il governo di circoscrizioni che tuttavia non coincisero e nemmeno comprendevano quegli stessi nuclei signorili. Possiamo quindi assumere questi poteri signorili come strumenti accentratori di relazioni e poteri, ricercati per raggiungere in aperta dialettica con il potere regio il vertice delle circoscrizioni marchionali del regno. Conseguentemente, la parentela hucpoldingia fino ai primi decenni del secolo XI, sino a quando cioè mantenne una preminenza di vertice tra l’aristocrazia italica, si caratterizzò per il reiterato richiamo alla propria tradizione funzionariale, evidentemente ritenuto, secondo lo spirito fondamentale della Reichsadel, la principale modalità di affermazione egemonica e sociale3.

  • 4   Cfr. Delumeau, Dal conte cit., p. 272 sgg.

7Le considerazioni finora svolte permettono quindi di considerare gli Hucpoldingi come unica fra le grandi dinastie della Reichsadel franca a superare i decenni di scontri del primo secolo X – solo un ramo supponide sopravvisse, anche se in ambiti molto ridotti4 – e a trovare poi rinnovata stabilità e nuove vie di affermazione nei rapporti con la dinastia ottoniana.

8.1 L’inserimento nella gerarchia pubblica del regno: incarichi e ruoli a corte

  • 5   Per la ricostruzione e l’analisi delle vicende politiche cfr. Cap. 1.1.
  • 6   Il rapporto vassallatico come innovazione nelle strutture dell’Italia carolingia è delineato in T (...)

8Le vicende hucpoldinge in Italia iniziarono alla metà del secolo IX con il coinvolgimento del capostipite Hucpold nella campagna militare organizzata dall’imperatore Lotario nel settore meridionale della penisola5. Due elementi su tutti aiutano a delineare la sua figura entro la compagine aristocratica franca: l’impegno militare, probabilmente da ricondurre ai rapporti di vassallaggio che legavano le aristocrazie nei confronti della dinastia regia6; l’incarico di signifer, che qualifica la presenza di Hucpold entro il contingente transalpino e segnala, con buona probabilità, una posizione preminente presso l’imperatore medesimo.

  • 7   All’incoronazione regia seguì nell’850 quella imperiale: Bougard, Ludovico cit., p. 387 sg.
  • 8   Il potere regio di Ludovico II sul regno italico si configura secondo il concetto di Unterkönig, (...)

9Al termine della campagna militare, Hucpold fu inserito al vertice della corte del regno italico con l’incarico di comes palacii. Sebbene Ludovico II fosse stato consacrato re nell’8447, le maggiori personalità della corte italica, e dunque con ogni probabilità anche la nomina del conte palatino, sono da ricondurre alle scelte politiche dell’imperatore Lotario, che fino alla morte condizionò fortemente l’agire politico del figlio8. L’inserimento di Hucpold nelle gerarchie pubbliche del regno italico avvenne dunque grazie al rapporto diretto di fidelitas con l’imperatore, che in qualche modo scavalcava l’allora fragile posizione del figlio Ludovico.

  • 9   Cfr. Werner, Missus cit., pp. 94-111.
  • 10   Il medesimo meccanismo si verificò anche un secolo dopo con il conte di palazzo Oberto I, caposti (...)
  • 11Cammarosano, Nobili cit., p. 175 sgg.
  • 12   Cfr. ivi, p. 179 sg.

10L’incarico a corte proiettò Hucpold ai vertici del regno e prevedeva considerevoli impegni amministrativi e giudiziari, che richiedevano precise capacità e competenze9, sulle quali tuttavia non siamo informati. Al contempo, però, gli precluse la possibilità di un concreto inserimento territoriale in una precisa circoscrizione amministrativa10, eventualità che, invece, fu alla base del potere conseguito dai maggiori componenti della Reichsadel, ormai in Italia da almeno due generazioni. I gruppi parentali degli Adalbertingi, dei Guidonidi, degli Hunrochingi e dei Supponidi – definiti da Cammarosano di rango marchionale, in opposizione alle altre famiglie franche dette comitali, poiché con interessi territoriali più circoscritti11 – fondarono il loro potere principalmente sullo stretto rapporto di collaborazione con la dinastia carolingia e, di conseguenza, sulle grandi opportunità di inserimento territoriale che il controllo politico di spazi regionali e pluriregionali consentiva loro12.

  • 13   Gli Adalbertingi irradiavano il loro potere marchionale verso buona parte dell’odierna Toscana da (...)
  • 14   Per il gruppo supponide e l’accrescimento del loro potere durante il regno di Ludovico II cfr. Bo (...)
  • 15   Le clientele vassallatiche e le remunerazioni beneficiarie erano infatti le tradizionali modalità (...)

11La carriera militare e la nomina a conte palatino provano l’appartenenza di Hucpold a questo preminente ambiente aristocratico. Ciononostante, egli comparve nello scacchiere politico del regno italico in un momento non pienamente favorevole per attuare un inserimento territoriale, primo passo per conseguire l’affermazione dinastica della sua compagine parentale. Alla metà del secolo IX, infatti, le più ampie circoscrizioni ai margini del regno erano già sotto il controllo, più o meno stabile, del potere marchionale dei gruppi sopra citati13; al contempo il peso dei Supponidi alla corte di Ludovico aumentò in modo considerevole grazie al matrimonio fra l’imperatore e Angelberga, esponente di quel lignaggio14. Fin dai primi anni in Italia, dunque, Hucpold dovette ricercare percorsi di inserimento alternativi alle remunerazioni beneficiarie distribuite dal potere regio, poiché il suo incarico a corte non lo favoriva in alcun contesto territoriale e, anzi, in qualche modo lo escludeva dai tradizionali canali di coordinamento politico del regno15.

12Il conte palatino cercò allora di sfruttare le opportunità relazionali che la sua posizione a corte gli permise di instaurare, introducendo i suoi figli in due particolari aree della penisola: la figlia maggiore Berta I fu istituita badessa della comunità monastica di S. Andrea di Firenze, con il favore del vescovo cittadino e del marchese Adalberto, fin dai primi momenti alleato di Hucpold; Engelrada I, invece, andò in sposa al duca Martino, esponente di una delle maggiori parentele ducali dell’aristocrazia esarcale.

  • 16   All’interno del vasto patrimonio detenuto da Engelrada emergono per numero e per i precisi connot (...)
  • 17   Non vi è accordo fra gli studiosi circa le aree della Tuscia controllate dagli Adalbertingi nel c (...)
  • 18   L’Esarcato di Ravenna era in teoria compreso nel patrimonium del vescovo di Roma e posto sotto la (...)

13Due sono gli aspetti notevoli del comportamento adottato da Hucpold. Innanzitutto la portata sovraregionale che le strutture parentali, appena alla prima generazione in Italia, sopportarono senza allentare le connessioni cognatizie, che al contrario proseguirono per tutta la seconda generazione soprattutto fra Romagna e Toscana, condizionando fortemente anche gli atteggiamenti patrimoniali dei protagonisti16. In secondo luogo, entrambi questi orizzonti territoriali si collocano in posizioni poco strutturate e marginali, l’uno all’estremità della circoscrizione di carattere marchionale controllata dagli Adalbertingi17, l’altro addirittura oltre i confini circoscrizionali del regno italico18. Questi elementi ci attestano la molteplicità di soluzioni percorribili dagli individui ai vertici della società, ma allo stesso tempo testimoniano le difficoltà che i soggetti politici incontravano, nel momento in cui operavano al di fuori dei meccanismi consueti di acquisizione delle basi territoriali d’intesa con il potere regio.

  • 19   Cfr. Di Carpegna, Guido cit., p. 356 sg.

14Dopo la morte dell’imperatore Lotario, nell’855, la posizione di Hucpold alla corte di Ludovico II andò via via complicandosi, venendo meno il fondamentale legame di fidelitas con la figura di maggior prestigio entro la compagine carolingia, che aveva assicurato al conte palatino la sua posizione e aveva permesso la sua iniziale integrazione nel contesto italico. La partecipazione come parte di una societas comitum a un’assemblea giudiziaria tenutasi oltralpe nell’858 testimonia, forse, l’intento di rientrare politicamente nel territorio di origine – prospettiva comune alla nobiltà franca, come il successivo tentativo dei Guidonidi dimostra con chiarezza19 – che tuttavia, nel caso di Hucpold, con ogni probabilità non ebbe seguito.

  • 20   Non siamo in grado di istituire un collegamento diretto fra i due conflitti; possiamo invece asse (...)

15Dopo il marzo 860, data dell’ultima attestazione del conte di palazzo impegnato nelle sue funzioni giudiziarie in Italia, è difficile stabilire il destino del primo esponente del gruppo hucpoldingio. Le iniziative politiche intraprese da Ludovico II, avviate con forza proprio in quel periodo, e la testimonianza tramandataci dall’Epitome chronicorum Casinensium convergono nel segnalare un probabile conflitto fra il conte palatino e gli ambienti di corte rappresentati dall’imperatrice supponide Angelberga, un’ostilità che forse si accompagnò al già noto tentativo di rivolta compiuto da Lamberto di Spoleto nell’aprile 86020.

  • 21   Cfr. le considerazioni di Cammarosano, Nobili cit., p. 180 sg.

16I rapporti travagliati che sembrano connotare l’esperienza italiana di Hucpold nel sesto decennio del secolo IX non compromisero del tutto la posizione del figlio Ubaldo, che poté comunque instaurare un rapporto di fedeltà diretta nei confronti dell’imperatore Ludovico, senza tuttavia ottenere incarichi pubblici e anzi subendo un forte ridimensionamento di ruolo alla corte imperiale, rispetto alla carica paterna. Il legame di Königsnähe che avvicinava il gruppo hucpoldingio alla dinastia carolingia dunque non venne meno, ma dovette assumere un profilo più distaccato rispetto al passato. Ciononostante, anche il solo legame vassallatico consentiva a Ubaldo un funzionale percorso di affermazione sociale e politica21.

  • 22   Cfr. Cap. 1.2.

17Quale fedele di Ludovico II e suo missus, Ubaldo prese parte a un’inquisizione sullo stato patrimoniale della chiesa di Lucca, concentrando nel settore toscano l’ambito della sua azione politica, in continuità con gli orientamenti paterni e inoltre supportato dalla presenza della sorella Berta a Firenze. Il legame con la parentela marchionale di Tuscia, già allacciato ai tempi del padre, si intensificò probabilmente attraverso il matrimonio di Ubaldo con una figlia di Adalberto I22.

  • 23   Si tratta della lettera indirizzata dallo stesso Carlo III a Ubaldo e del documento dell’893 in c (...)
  • 24Cammarosano, Nobili cit., p. 181.
  • 25Bougard, Les Supponides cit., p. 391 sg.
  • 26   In quest’ottica acquista notevole significato la sola attestazione patrimoniale conosciuta di Uba (...)

18L’unione dovette rappresentare una svolta per la carriera politica di Ubaldo, che poté instaurare un rapporto di fedeltà con il nuovo imperatore e re d’Italia Carlo III. Per suo conto fu impegnato in territorio piacentino – ambito del regno fino a quel momento inedito per gli Hucpoldingi – ancora in opposizione alla vedova Angelberga e al gruppo supponide. Con il riavvicinamento al potere imperiale, Ubaldo conseguì il titolo di comes, esibendolo in due occasioni23. Per l’esiguità delle informazioni non siamo in grado di collocare con sicurezza entro alcuna circoscrizione pubblica l’incarico comitale di Ubaldo, che potrebbe anche essere ricondotto al persistente «retaggio di una qualifica di comes come qualifica sociale e non rigorosamente funzionariale, qualifica di persona al seguito del re [...] con variegate possibilità di attribuzione locale e con possibili fasi di indeterminatezza e sospensione prima della salda definizione funzionariale e locale»24. Considerato il saldo controllo della carica comitale su Piacenza da parte dei Supponidi25, l’unico indizio percorribile è dato dall’ormai decennale presenza del gruppo nella città di Firenze che, forse anche favorito dallo stretto legame con gli Adalbertingi, divenne per Ubaldo il principale centro di potere patrimoniale e politico26.

  • 27   Cfr. Cap. 7.4.

19Conclusasi l’esperienza imperiale di Carlo III, Ubaldo si schierò con il cognato Adalberto II di Tuscia nei ranghi della fazione spoletina guidata dal duca Guido, che contese in aspri scontri militari la corona del regno italico a Berengario del Friuli. Oltre che per il valore militare – qualità che caratterizzò il padre e che sarebbe stata in seguito celebrata anche per il figlio Bonifacio27 – Ubaldo dovette avere un ruolo importante anche nel consolidamento politico che i sovrani guidonidi misero in atto una volta conquistata la corona italica.

  • 28Fasoli, Il dominio cit., p. 107 sg.

20L’eminente posizione della sorella Engelrada fra i vertici dell’aristocrazia esarcale, infatti, costituì un ponte di collegamento strategico per il rinnovato interesse che la dinastia spoletina dimostrò verso Ravenna e verso le terre esarcali28. Esse costituivano uno spazio politico di vitale importanza che non poteva essere lasciato alle mire del rivale Berengario, già attestato sulla sponda veneta del Po. Le attestazioni del titolo comitale per Engelrada e per il marito Martino sono dunque da ricondurre ai tentativi spoletini di espandere l’influenza regia anche in Romagna, dove evidentemente il potere guidonide si servì delle relazioni fornitegli dagli alleati più stretti, quale fu certamente Ubaldo.

  • 29   In particolare siamo a conoscenza dei possessi della sorella Berta I, badessa di S. Andrea; cfr. (...)

21Anche nella nuova definizione degli assetti circoscrizionali operata dai Guidonidi nell’area padana siamo portati a intravvedere la presenza hucpoldingia sia per il ruolo avuto da Ubaldo nel Piacentino sotto Carlo III, sia per la conoscenza che abbiamo degli sviluppi parentali successivi, proprio in quel preciso ambito del regno. In opposizione alle solide presenze supponidi nei territori dell’Emilia occidentale, Guido costituì a comitato la vasta area prospiciente, comprendente i territori reggiano, modenese e in parte quello bolognese. La circoscrizione fu affidata in prima persona a un nipote del re, anch’egli di nome Guido. Tuttavia, non possiamo escludere un nuovo impiego di Ubaldo in funzione antisupponide, anche in considerazione del fatto che il suo gruppo già deteneva quote patrimoniali in quel settore del regno, in particolare in territorio bolognese29.

  • 30   All’efficace descrizione delle quattro famiglie marchionali proposta da Cammarosano, Nobili cit., (...)

22La Königsnähe, abitualmente ricercata dai membri della Reichsadel, assunse nei comportamenti degli Hucpoldingi un valore decisamente più marcato rispetto al concreto radicamento patrimoniale. Il rapporto diretto che prima legò Ubaldo a Carlo III e poi alla dinastia guidonide – unito alle relazioni matrimoniali di prim’ordine e alla perizia militare – segnò infatti la definitiva affermazione del gruppo ai vertici del regno italico, fra quelle aristocrazie di rango marchionale che, contrapposte fra loro in due fazioni, decisero le sorti dei detentori della corona italica dalla morte di Ludovico II fino all’arrivo di Ottone di Sassonia alla metà del secolo X30.

  • 31   Cfr. Cap. 1.3.

23A beneficiare delle iniziative politiche di Ubaldo fu il figlio Bonifacio che, nonostante l’affermazione più che decennale del potere regio di Berengario del Friuli a lui avversa, fu tra i personaggi più potenti del regno al principio del secolo X. Egli fu tra coloro che sollecitarono la discesa in Italia di Rodolfo II re di Borgogna e ne sposò la sorella Waldrada, probabilmente come atto preparatorio alla spedizione militare che tra 922 e 923 valse al re borgognone il trono italico31. Durante il breve regno di Rodolfo, Bonifacio sfruttò la contiguità familiare contratta con il re, così da ottenere l’incarico di consiliarius regio e, soprattutto, la carica di marchio, che costituì una vera e propria svolta nella qualità del potere esercitato dalla parentela hucpoldingia nella successiva storia politica del regno italico.

8.2 L’affermazione marchionale: delega dei poteri pubblici e tentativi di dinastizzazione

  • 32   L’attestazione del titolo marchionale di Bonifacio è contenuta in due diplomi regi: possiamo perc (...)

24Nei comportamenti politici dei primi tre hucpoldingi la relazione di vicinanza con il potere regio fu dunque di vitale importanza per l’inserimento della parentela ai vertici del regno. Tuttavia associare il loro potere a un territorio preciso – dove essi potessero disporre di deleghe a funzioni pubbliche – rimane per queste prime generazioni alquanto problematico e privo di dati certi. Anche la prima attestazione del titolo marchionale per Bonifacio I impone rilevanti difficoltà di contestualizzazione, ma offre nondimeno la possibilità di considerare le prime prove concrete del potere egemonico che il gruppo stava costruendo32.

  • 33   Il carattere constatativo della politica regia postcarolingia e ottoniana, come nel caso di Ugo d (...)
  • 34   Unica eccezione è rappresentata da Willa, probabilmente figlia del marchese Ugo I, che dal padre (...)

25Prima di accingerci all’analisi delle attestazioni marchionali del gruppo, è necessario specificare che fu proprio e solamente la carica marchionale a qualificare i poteri pubblici ottenuti da quei membri della parentela che conseguirono una delega dal potere regio. Ovvero, se già dalla metà del secolo X il titolo comitale appare acquisito e trasmesso indistintamente a livello cognatizio senza un preciso riferimento territoriale, ogni qualvolta un esponente del gruppo fu in grado di ottenere una delega a uffici pubblici da parte del potere regio – o talvolta l’ufficiale legittimazione della propria egemonia33 – questa giunse sempre e solo mediante il conferimento del titolo marchionale34.

  • 35Fumagalli, Terra cit., p. 73 sg.
  • 36   Per le scarne notizie sulla circoscrizione e sul suo titolare dalla creazione all’affermazione di (...)
  • 37   Cfr. Cap. 6.1.

26La carica di marchio che Bonifacio I ottenne grazie alla conquista del trono italico da parte di suo cognato Rodolfo II di Borgogna sembra procedere in continuità con le iniziative paterne verso il territorio emiliano, settore vitale per qualsiasi pretendente che si proclamasse al vertice del regno35. Verosimilmente Rodolfo provvide al definitivo inserimento di Bonifacio quale ufficiale pubblico nella vasta circoscrizione modenese, creata in precedenza dalla dinastia guidonide36. Bonifacio ricevette poi dal cognato una solida base patrimoniale all’interno e nei pressi della medesima circoscrizione37, che andava a corroborare le proprietà già detenute dal gruppo in quella medesima regione.

  • 38   Il processo di diversificazione di interessi sul proprio distretto compiuto dalle famiglie funzio (...)
  • 39   Per una discussione storiografica del concetto di marca carolingia e “nuova marca” cfr. ivi, pp. (...)
  • 40   Cfr. Settia, Nuove cit., p. 55.

27La convergenza tra distretto pubblico e ampia concentrazione patrimoniale è eccezionale nel complesso della vicenda hucpoldingia. Benché di breve durata, essa determinò un impulso decisivo al radicamento signorile e dinastico proprio in quei settori del territorio bolognese compresi in quel più ampio distretto pubblico38. Nell’ambito delle circoscrizioni del regno italico, Bonifacio fu definito marchio di una “nuova marca” costituita su istanza del potere regio tra i secoli IX e X, dove la potenza acquisita dal nuovo marchese «non nasceva soltanto dallo sviluppo di un gruppo parentale, poiché rispondeva a un’esigenza del regno ed era attribuzione di una specifica responsabilità politica e militare»39. Alla precarietà della nuova formazione – nel caso modenese, dissoltasi come circoscrizione pubblica nel giro di pochi anni – faceva da contrappeso il determinante potere acquisito dal marchese, che portava in nuce la possibilità di una decisiva traslazione di autorità dall’entità territoriale della marca, come soggetto definito dall’istituzione regia, alla sola figura istituzionale del marchese40, che effettivamente fu alla base del potere e della consapevolezza di rango del gruppo hucpoldingio.

  • 41   Il nuovo re Ugo di Provenza infatti nominò nuovi conti nei distretti di Reggio e Modena in funzio (...)
  • 42   Ai quattro personaggi citati è da aggiungere il più misterioso tra i figli di Bonifacio I, Ubaldo (...)

28Sebbene l’affermazione marchionale nella circoscrizione emiliana non sia sopravvissuta di molto alla caduta di Rodolfo41, dalla metà del secolo X ai primi anni dell’XI il gruppo parentale espresse ben quattro marchiones42: in seguito alla congiura per rovesciare Ugo di Provenza, Bonifacio e il figlio Tebaldo divennero duchi di Spoleto e marchesi di Camerino; mentre qualche tempo dopo l’esilio del padre Uberto, Ugo ottenne la marca di Tuscia, seguito alla sua morte dal cugino Bonifacio II.

  • 43   La fondazione monastica di Farfa, abbazia regia e usuale interlocutrice dei duchi spoletini, non (...)
  • 44   Sullo sviluppo degli assetti di potere delle dinastie dei Canossa e degli Obertenghi nell’Emilia (...)

29È più agevole riflettere sulla qualità del potere marchionale espresso dagli esponenti del gruppo hucpoldingio nel caso della circoscrizione toscana. Le attestazioni riguardo il ducato spoletino, infatti, si compongo delle semplici indicazioni cronologiche degli anni del governo ducale. In questo dato non possiamo non considerare le circostanze che riportarono Bonifacio e il figlio Tebaldo al potere marchionale: nell’ambito della congiura ordita dai proceres ai danni del potere regio, Bonifacio diede in sposa al marchese di Tuscia Uberto la figlia Willa e ottenne per sé e per il figlio, d’accordo con il pretendente al trono Berengario II, la carica ducale su Spoleto, dove tuttavia gli Hucpoldingi non possedevano rilevanti basi di potere territoriale43. Bonifacio sembra così preferire una circoscrizione a lui sconosciuta – che però costituiva da sempre un importante crocevia al centro della penisola – piuttosto che tentare di riaffermare la propria egemonia nel settore emiliano, dove re Ugo aveva nel frattempo sostituito alla vasta iudiciaria Mutinensis strutture comitali più contenute e al contempo favorito il radicamento territoriale di nuovi gruppi, che in quegli ambiti avevano costituito in poco tempo solide basi territoriali44. Evidentemente uno sforzo di espansione e ridefinizione amministrativa in una vasta e importante area del regno richiedeva l’impegno e la precisa volontà di un potere regio solido, che in quegli anni, seppur solo nominalmente, era ancora in mano a Ugo e a suo figlio Lotario II. Dal punto di vista territoriale, la condotta di Bonifacio fu comunque coerente se si considera che la sua autorità sul territorio spoletino, unita alle notevoli rimanenze patrimoniali in ambito emiliano, consentiva a un unico gruppo marchionale il controllo dell’intero perimetro dei confini esarcali, terre cioè rimaste estranee sia alla dominazione longobarda, sia alla distrettuazione carolingia.

  • 45Keller, La marca cit., p. 135.

30Diverso è il discorso per la marca di Tuscia. Dopo i primi anni di regno ottoniano, in cui Uberto fu allontanato per le resistenze al nuovo sovrano e la carica marchionale rimase vacante, il gruppo hucpoldingio ottenne il vertice della marca con Ugo I, nipote al contempo di re Ugo e di Bonifacio I. In lui la forza legittimante della tradizione funzionariale del padre e le basi di potere allodiale detenute da decenni dall’ascendenza materna trovarono efficace sintesi. Negli anni di Ugo, il potere del marchese di Tuscia andò sempre più delineandosi come potere intermedio tra il re germanico e i poteri locali: la destrutturazione del potere marchionale attuata sistematicamente da Ugo di Provenza, l’emergenza di nuove parentele di rango comitale e l’intervento di Ottone a favore delle aristocrazie episcopali e cittadine modificarono fortemente la configurazione del potere dei marchesi, che divennero, sul modello regio, rappresentanti del potere centrale in Toscana45, depositari, se in grado di esercitarla, solo di una funzione di coordinamento politico e giudiziario delle nuove forze emergenti.

  • 46   Per tutto questo cfr. Cap. 6.2.

31Per incidere in modo concreto nella realtà politica della marca, Ugo cercò di ricostituire l’autonoma struttura dei beni del fisco marchionale attraverso la costituzione o la dotazione di fondazioni monastiche, disposte in coincidenza o in prossimità dei principali centri patrimoniali del fisco regio e marchionale. Fondamentali nell’avvio del progetto di Ugo furono i due monasteri costituiti dalla madre Willa, ovvero S. Ponziano a Lucca e S. Maria a Firenze, il primo nella tradizionale sede dei duchi di Tuscia e il secondo nella città che da più di un secolo vedeva la presenza del gruppo hucpoldingio. A partire da essi il marchese consolidò la sua posizione anche nel contado lucchese, nell’Aretino, nella Valdelsa presso Marturi e nel Senese meridionale46.

  • 47Sergi, I confini cit., p. 31.
  • 48D’Acunto, Nostrum cit., p. 77.
  • 49   Di questo avviso, forse in tono encomiastico, è Pier Damiani: Die Briefe des Petrus cit., vol. ii(...)

32La politica ottoniana si mostrò condiscendente verso la tendenza al principato territoriale dimostrata da Ugo47, appoggiandosi anzi fortemente alla sua figura per il controllo del centro Italia nei momenti di maggior difficoltà per la dinastia sassone. Dopo tre anni dalla morte di Ottone II e con il figlio Ottone III ancora minorenne, Ugo ricevette dall’imperatrice anche l’incarico del ducato di Spoleto e della marca di Camerino, ricostituendo così nelle sue mani quel blocco di potere compatto che era stato del padre per la Tuscia e del nonno Bonifacio per Spoleto. Ancora una volta grazie al legame di Königsnähe con la dinastia imperiale, il gruppo ottenne i territori spoletino e camerinese, laddove, data la totale libertà d’azione, Ugo poté agire non solo quale rappresentante del potere imperiale, ma addirittura assorbirne le prerogative giudiziarie e militari48. Infine, con la discesa in Italia di Ottone III nel 996, Ugo, forse per sua scelta49, perse il controllo del ducato e, più in generale, si vide ridurre considerevolmente gli spazi di manovra per la sua politica territoriale.

33Dopo la morte di Ugo, l’avvicendamento al vertice della marca da parte del cugino di secondo grado Bonifacio II costituisce il più esplicito esempio di dinastizzazione di una carica pubblica messo in atto degli Hucpoldingi, che evidenzia in questo passaggio una grande capacità egemonica, sia politica, sia militare, spendibile con buona probabilità di riuscita su una vasta area del regno. Se tuttavia, nel caso di Ugo, l’autorità del potere marchionale si estendeva sulla gran parte della marca anche travalicandone i confini, nel caso di Bonifacio II, il suo potere effettivo fu limitato principalmente alle zone dove il gruppo parentale aveva nel tempo consolidato i propri possessi allodiali.

34L’inedita divaricazione tra funzione e potere effettivo esperita da Bonifacio II è ascrivibile a due fattori in particolare: il duraturo conflitto per il controllo della marca sostenuto con il gruppo obertengo, da collocare nelle lotte originatesi dal tentativo regio di Arduino d’Ivrea; le conseguenze della politica monastica adottata dal predecessore. Tutti i monasteri con i quali Ugo instaurò rapporti patrimoniali risultano, dopo la sua morte, essere abbazie imperiali. Non disponendo dunque della piena autorità del cugino, Bonifacio II non fu mai in grado di accedere alla maggior parte dei beni fiscali di spettanza marchionale incamerati nei diversi patrimoni monastici. Emblematico, in questo senso, fu il caso dell’abbazia di Marturi, nei confronti della quale il marchese ricorse persino alla violenza per avere ragione delle resistenze dei monaci.

  • 50   L’appoggio imperiale fu, ciononostante, sempre essenziale per ottenere e mantenere il governo del (...)
  • 51Sergi, I confini cit., p. 25 sgg.
  • 52   Cfr. Nobili, Le terre cit., p. 221 sg.

35Considerata l’affermazione territoriale più contenuta – che si estendeva all’incirca nella Tuscia orientale fra i territori pistoiese, fiorentino e aretino – possiamo attribuire un peso minore all’intervento diretto del sovrano Enrico II50, il quale, forse in occasione della sua prima discesa al di qua delle Alpi nel 1004, si limitò a riconoscere le istanze del fedele Bonifacio II mediante l’investitura ufficiale al titolo marchionale, che però corrispondeva solo nominalmente all’intera circoscrizione della Tuscia. Se insomma non si può negare l’acquisizione dinastica, benché per due sole generazioni, del titolo marchionale, questo trovò nelle due occasioni successive due diverse espressioni politiche e territoriali. Alla radice di questa diversificazione fu l’acuirsi, nell’esperienza di Bonifacio II, del divario tra la presenza entro i confini circoscrizionali del marchese come ufficiale pubblico e il contemporaneo consolidamento dinastico del gruppo in precisi ambiti territoriali della marca; ambivalenza questa, insita al potere detenuto da tutti i titolari di distretti pubblici nei secoli X e XI51, che si realizzò con notevoli differenze nelle esperienze di Ugo e Bonifacio II. La situazione di quest’ultimo fu inoltre complicata dalla travagliata successione regia e soprattutto dall’affermarsi delle tante forze signorili – fra cui, oltretutto, i rivali Obertenghi52 – nei confronti delle quali risultava ormai difficile attuare il ruolo di intermediazione che Ugo era stato in grado di esercitare per circa un trentennio.

  • 53   Per le vicende politiche cfr. Cap. 3.1.

36Con la conclusione, forse violenta, dell’esperienza marchionale di Bonifacio II, la marca di Tuscia uscì dagli obiettivi appetibili per il gruppo hucpoldingio, che tuttavia mantenne la sua presenza in quella regione ancora a lungo, limitandola alle sole aree di radicamento signorile. Ciononostante, le tradizioni funzionariali e le ambizioni della parentela non si smorzarono e, ancora una volta nel corso del secolo XI, il gruppo ottenne il governo della circoscrizione marchionale spoletino-camerinese con Ugo II, esponente più autorevole della parentela alla metà del secolo53.

37L’affermazione marchionale di Ugo II nel ducato di Spoleto presenta molte analogie con i casi precedenti degli avi Bonifacio I e Tebaldo. Anche in questa occasione, l’intervento regio fu determinante: l’hucpoldingio ottenne l’incarico al ducato negli anni successivi la riuscita spedizione borgognona, a cui plausibilmente lui stesso prese parte. È probabile, tuttavia, che Ugo non detenesse alcuna – o al più solo esigua – base patrimoniale nella circoscrizione, nella cui documentazione in effetti non lasciò altra traccia tangibile se non, ancora una volta, nell’uso notarile di indicare gli anni ducali nella datazione degli atti privati.

38Poco addentro al governo del ducato, dunque, la propensione più evidente dell’agire politico di Ugo fu quella di consolidare il rapporto diretto con il potere imperiale attraverso il soggiorno a corte e mediante il tradizionale impegno nelle campagne militari. La carica marchionale, in definitiva, non aprì nuove prospettive di inserimento territoriale per il marchese, che parallelamente continuò a occuparsi del patrimonio parentale nel territorio emiliano-romagnolo, o per alcun altro esponente del gruppo. Dopo la morte di Ugo II non sono infatti attestate altre presenze o attività del gruppo hucpoldingio nei territori spoletino e camerinese, per la verità molto distanti dalle zone in cui la parentela stabilì i propri dominati territoriali.

8.3 L’accesso alle gerarchie ecclesiastiche: raccordi e funzioni politiche

  • 54   Per una revisione storiografica sul problema del potere temporale dei vescovi altomedievali cfr. (...)
  • 55Albertoni, L’Italia cit., p. 76.
  • 56   V. Fumagalli, Il potere civile dei vescovi italiani al tempo di Ottone I, in I poteri temporali c (...)

39Nell’età carolingia, postcarolingia e ottoniana le cariche ecclesiastiche, in particolare quelle vescovili, erano considerate dall’aristocrazia italica un’importante via di affermazione politica e sociale54, al pari del conseguimento del titolo comitale55. Alcune dinastie collocarono vescovi in sedi importanti per vincere la concorrenza di altre parentele56, perfezionando anche in questa diversa direzione il loro progetto egemonico in specifici ambiti territoriali. Il gruppo hucpoldingio, viceversa, non adottò mai con particolare convinzione l’inserimento programmatico nelle gerarchie ecclesiastiche dei territori dove stabilì la propria egemonia, preferendo invece ricercare nella dialettica con il regno affermazioni concrete del proprio rango marchionale.

40In tre soli casi, all’altezza della terza e quarta generazione, membri del gruppo parentale furono consacrati alla vita ecclesiastica: due diaconi, Pietro e Ranieri, e il vescovo di Arezzo, Everardo. Se nel caso dei diaconi il loro ufficio fu legato fortemente agli schemi mentali e relazionali dei gruppi con cui gli Hucpoldingi entrarono in contatto nei settori del regno che videro la loro azione, nel caso del vescovo aretino, la sua carica dovette derivare in massima parte dalla preminente posizione politica raggiunta dal padre Bonifacio I e dal fratello Tebaldo nell’area tosco-spoletina.

  • 57   Cfr. Cap. 5.1.

41Figlio della contessa Engelrada e del duca Martino, a sua volta nipote dell’arcivescovo Giovanni VII, il diacono Pietro fu una fra le figure più ricche e influenti dell’ambiente ecclesiastico ravennate fra la fine del secolo IX e l’inizio del X. La sua posizione all’interno della chiesa ravennate, l’immensa ricchezza fondiaria – di cui poté disporre grazie all’intervento diretto della madre che si preoccupò di garantirgli piena disponibilità sulla maggior parte del patrimonio familiare57 – e la preminenza del gruppo paterno nell’area esarcale, di stirpe ducale e già detentore della cattedra arcivescovile, furono all’origine di un suo probabile tentativo di conquista del soglio arcivescovile.

  • 58   Per il brano dell’Antapodosis e per ulteriore bibliografia cfr. Cap. 2.2.
  • 59   Cfr. Savigni, I Papi cit., p. 354 sg.

42Sfuggito alle cronotassi tradizionali e registrato solo in un controverso passo di Liutprando di Cremona58, il progetto di Pietro dovette fallire nel giro di pochi anni, sul finire del secolo IX, anche per l’intricata situazione politica di quei momenti59. Al di là dell’effettivo successo, la vicenda del diacono si colloca a pieno nell’orizzonte politico delle aristocrazie esarcali, dove il gruppo paterno giocava senza dubbio un ruolo centrale, distaccandosi invece dai percorsi intrapresi dal resto della parentela hucpoldingia che, al di fuori dei figli della sorella dello stesso Pietro, non si occupò più dei beni accumulati nei territori esarcali dall’ava Engelrada I.

  • 60   Biagio Civale propende per un tentativo di inserimento nelle gerarchie ecclesiastiche pistoiesi, (...)

43Nella generazione successiva, Ranieri, nato dall’unione della contessa Engelrada II con il pistoiese Tegrimo e dunque nipote del diacono Pietro, ricoprì anch’egli l’ufficio diaconale, benché non sia chiaro a quale sede egli appartenesse, se Pistoia oppure, sulle orme dello zio, Ravenna60. L’accostamento di Ranieri a entrambe le gerarchie ecclesiastiche di queste città presenta nondimeno interessanti suggestioni sulla condotta politica e sulla costruzione egemonica attuata per un verso dalla famiglia ristretta, formata dal padre e dal fratello, e per l’altro dalla parentela allargata, costituita dai cugini degli altri rami hucpoldingi.

  • 61   Cfr. Cap. 2.2.

44Nel primo caso, l’ufficio diaconale nella chiesa pistoiese avrebbe coinciso con gli interessi politici dell’ascendenza paterna – la cui posizione nel Pistoiese crebbe fortemente grazie al diretto intervento di re Ugo61 – e testimonierebbe, dunque, il risoluto avallo dell’orientamento familiare paterno in area toscana. Nel caso ravennate, invece, la tradizione parentale materna e l’ingente patrimonio che ancora Ranieri e Guido detenevano avrebbero costituito le basi sostanziali per mettere in campo un nuovo tentativo di elezione alla cattedra arcivescovile, con la quale il diacono Ranieri venne in stretto contatto, seppur in modo violento e facinoroso.

45Ambedue le prospettive offrono, insomma, convincenti soluzioni, proprio per l’ampiezza delle possibilità di azione che l’unione matrimoniale fra Engelrada II e Tegrimo consegnò ai propri figli. In definitiva, il tema centrale, che trascende la questione dell’appartenenza ecclesiastica di Ranieri, è appunto quello della capacità dei figli di mettere a frutto il progetto sovraregionale dei genitori che, con ogni probabilità, rispondeva a una vocazione egemonica di ampio raggio, sempre ricercata da parte del gruppo parentale hucpoldingio.

  • 62   Per le attestazioni e l’agire politico di Everardo cfr. Cap. 2.1.
  • 63Bougard, I vescovi cit., p. 68.
  • 64Fumagalli, Il potere cit., p. 78.

46Della medesima generazione, ma attivo nella seconda metà del secolo X, il vescovo Everardo figlio del marchese Bonifacio I è l’unico presule noto nell’intera compagine parentale62. Egli detenne la carica vescovile aretina per circa un ventennio tra gli anni Sessanta e Ottanta, in un momento in cui il gruppo affrontò una difficile stabilizzazione in seguito alla perdita del ducato spoletino e all’affermazione sassone in Italia. Benché la sua elezione rappresenti un punto totalmente oscuro, la sua condotta lo ritrae convinto sostenitore del nuovo corso ottoniano e vera e propria figura di collegamento tra il gruppo hucpoldingio e la nuova dinastia. Sebbene Everardo non compaia mai in relazione alla città di Arezzo, come d’altronde i suoi antenati hucpoldingi prima di lui, il controllo dell’ampia diocesi aretina permetteva il collegamento diretto fra tutte le aree di affermazione signorile del gruppo, dal Bolognese, dove lo stesso Everardo deteneva una rilevante quota dell’eredità paterna, alla Toscana, dove la sorella Willa e il nipote Ugo negli anni Sessanta stabilizzarono il loro potere per poi tornare alla carica marchionale, e infine alla Romagna, dove nell’area casentinese i discendenti di Engelrada II scelsero di porre le loro nuove basi territoriali dopo gli scontri con l’arcivescovo ravennate. Con il conseguimento della marca da parte del nipote Ugo, Everardo si avvicinò nettamente all’istituzione marchionale toscana, inaugurando un orientamento sostenuto e approfondito anche dal successore Elmemperto, fedele sostenitore dello stesso marchese Ugo63, e naturalmente da Tedaldo, importante tassello nella conquista della marca da parte della parentela canossana64.

47L’acquisizione della cattedra vescovile di una diocesi centrale nello scacchiere politico del regno si configura dunque quale rilevante passaggio di promozione politica parentale in un momento di grande incertezza. Benché la carica fosse ricoperta in una sede che sottostava ancora in quegli anni all’influenza del ducato spoletino, Everardo poté proficuamente mettere a frutto il valore politico della propria posizione solo grazie alla notevole vicinanza al nuovo imperatore Ottone, ricollegandosi in questo agli schemi già propri dell’agire politico degli altri membri del gruppo parentale: la carica ottenuta acquistava reale valore politico, così da ampliare anche la ricaduta territoriale del proprio potere, solo se era inserita in attiva dialettica con l’agire della dinastia regia.

8.4 La dinastizzazione del titolo comitale e lo sviluppo del potere signorile in un territorio di frontiera

  • 65  L’ottenimento della carica pubblica fa intravvedere, anche per l’area emiliana, quell’ambivalenza (...)
  • 66   I possessi fondiari di Bonifacio sono attestati grazie alla permuta nonantolana del 936 e al dipl (...)

48L’affermazione di Bonifacio I nella vasta circoscrizione modenese rappresentò una svolta sostanziale nella vicenda del gruppo hucpoldingio in Italia. Per la prima volta dai tempi di Hucpold, infatti, un membro del gruppo poté ottenere in via ufficiale la delega allo svolgimento di funzioni pubbliche entro un territorio nel quale la parentela deteneva già cospicue proprietà fondiarie65, riuscendo oltretutto ad ampliarne la quantità proprio grazie ai benefici regi66.

  • 67   I Supponidi furono favoriti dal re nella circoscrizione modenese, dove tra gli anni Trenta e Quar (...)
  • 68   Per il territorio bolognese descritto come zona di cerniera fra il regno italico e il dominio del (...)
  • 69   Cfr. Cap. 6.1 e 6.2.
  • 70   Ivi, p. 395.
  • 71Ead., Comitato cit., p. 63.

49Il consolidamento delle basi territoriali in questo nuovo spazio politico spinse Bonifacio e i suoi figli a fare di questo territorio di frontiera, cruciale per il regno fra gli Appennini toscani e l’Esarcato, il centro del loro potere patrimoniale. Benché già re Ugo di Provenza fosse intervenuto per limitare l’influenza hucpoldingia entro la circoscrizione modenese, favorendo l’affermazione di alcune famiglie di rango comitale – fra cui anche gli ultimi Supponidi67 – Bonifacio riuscì a conservare il proprio potere entro i settori diocesani bolognesi, tradizionalmente parte dell’Esarcato di Ravenna, che erano stati compresi nella costruzione guidonide68. Fu nel Saltopiano e nell’antico distretto appenninico di Brento – dove si concentravano i possedimenti parentali69 – che il gruppo hucpoldingio attivò quei meccanismi di radicamento e trasmissione dinastica del potere e del prestigio sociale70, che l’affermazione funzionariale gli permise di acquisire e consolidare71.

  • 72Tiraboschi, Storia cit., vol. ii, p. 114 sg., doc. 86: nella permuta nonantolana del 936 Bonifaci (...)
  • 73   Praticando dunque più precocemente, circa di una cinquantina d’anni, il processo di assestamento (...)
  • 74   Una casistica di vie diverse per la dinastizzazione del potere è descritta in Id., L’Italia cit., (...)

50Benché privato di ogni funzione pubblica, Bonifacio continuò a operare entro i suoi possessi bolognesi fregiandosi del titolo comitale72. Acquisito già dal padre Ubaldo, il titolo di comes non esprimeva a pieno il rango e la preminenza sociale raggiunti dal gruppo, che come abbiamo visto riacquistò l’autorità marchionale appena le condizioni politiche lo permisero. Tuttavia, a queste altezze cronologiche, doveva rappresentare il più accessibile elemento di memoria del rapporto personale intrattenuto con il re, rimarcando la delega di poteri pubblici ricevuta dal regno73. L’esibizione del titolo comitale corrispondeva insomma alla volontà di acquisire una precisa egemonia signorile, connotata dal titolo di matrice pubblica, nei luoghi dove si concentrava la ricchezza fondiaria del gruppo, per completare il processo di dinastizzazione del potere74.

  • 75   Nel caso hucpoldingio, la signorilizzazione della titolazione pubblica appare anticipata di circa (...)
  • 76   Cfr. Savigni, I papi cit., p. 357 sg.
  • 77   Questa ampia egemonia sul territorio bolognese, tuttavia, non può essere interpretata come l’acqu (...)
  • 78   Cfr. Cap. 6.2 e 7.3. Per le chiese come strumenti di potenza politica, prestigio sociale e memori (...)

51La precocità dell’uso del predicato comitale come rivendicazione di poteri signorili già nella prima metà del secolo X è da considerarsi nella specificità dell’ambito territoriale in cui si radicò il gruppo75. Il territorio bolognese fu per lungo tempo ai margini del regno italico poiché parte dell’Esarcato di Ravenna, su cui si contendevano l’egemonia territoriale la chiesa romana e quella ravennate. In questa situazione istituzionale frammentata dovette essere più facile appropriarsi e dinastizzare la titolazione comitale di matrice pubblica, laddove il regno aveva un inferiore margine di intervento. Inoltre, i rapporti stretti con l’arcivescovo Pietro, che nel suo lungo pontificato rafforzò fortemente il proprio potere in senso territoriale76, fornirono un’ulteriore legittimazione per il gruppo che poté beneficiare anche di rilevanti elargizioni enfiteutiche da parte dello stesso arcivescovo, divenendo così nella seconda metà del secolo X il gruppo economico, militare e politico egemone nel territorio bolognese77. La fondazione del monastero di Musiano costituì infine l’ultimo passaggio per cristallizzare l’egemonia hucpoldingia, così da poter meglio organizzare il territorio controllato dal gruppo e irradiare l’influenza acquisita sugli uomini in esso residenti78.

  • 79   Per tutte queste relazioni clientelari e vassallatiche nel Bolognese cfr. Cap. 6.3.
  • 80   La testimonianza è contenuta nella carta di convenientia del 1176: Petracchi, Della insigne cit., (...)

52Il potere signorile conseguito dagli Hucpoldingi nel Bolognese poggiava dunque su concrete basi patrimoniali e su strumenti attivi di controllo del territorio, che tuttavia non sono apprezzabili con esplicita chiarezza fino al secolo XII. Sono indicatori preziosi in questo senso i rapporti clientelari attestati dalla documentazione patrimoniale, l’esistenza di notai e tabelliones direttamente legati ai membri del gruppo, e infine i solidi rapporti con i pievani della collina bolognese79. L’amministrazione della giustizia è invece attestata in modo esplicito solo nella seconda metà del secolo XII, con preciso riferimento al castello di Pianoro et eius castellantia80.

  • 81   Per le diverse forme di titolatura attuate dagli Hucpoldingi nel Bolognese, volte a differenziars (...)
  • 82   Cfr. Cap. 3.1.

53Prescindendo dagli esigui contenuti reali, il dato più significativo del consolidamento signorile attuato dalla discendenza fu senza dubbio la precoce e costante esibizione del titolo comitale. Esso costituiva il concreto ricordo della tradizione funzionariale nelle strutture pubbliche del regno e rappresentava perciò la principale forma di legittimazione. Nel Bolognese era poi ulteriormente rafforzato dal legame enfiteutico con l’arcivescovo ravennate, il più potente signore territoriale della regione81. Fin dalla metà del secolo X e poi per tutto l’XI, il titolo comitale fu usato in senso dinastico a tutti i livelli della parentela per maschi e femmine senza distinzione, tanto da divenire, svuotato da significati pubblicistici, un vero e proprio elemento di riconoscimento sociale comune a tutti gli individui del gruppo, in ambito bolognese e in tutta la Romagna. La maggior parte delle personalità ai vertici dell’aristocrazia esarcale che dalla metà del secolo X si fregiarono del titolo comitale di matrice carolingia difatti sono riconducibili a unioni matrimoniali contratte con donne del gruppo hucpoldingio o molto prossime a questa parentela82.

  • 83   Nell’atto di refuta e investitura, al quale si fa riferimento, il conte Ugo II viene indicato inc (...)
  • 84   Il significato da attribuire al ruolo avuto nel placito dai conti Ugo e Ubaldo è con ogni probabi (...)

54Il processo di acquisizione e dinastizzazione del titolo comitale fin qui tracciato, per altro predisposto con estrema rapidità e consapevolezza, non fu mai messo in discussione dall’autorità regia, nemmeno quando essa tornò con le dinastie tedesche a rivolgere la propria attenzione anche verso la regione esarcale. Pur sostenendo la preminenza dell’arcivescovo ravennate, gli imperatori non ostacolarono l’egemonia hucpoldingia, purché essa soggiacesse all’autorità superiore del presule, come nel caso evidente del territorio faentino83. Nel corso del secolo XI il rapporto con l’arcivescovo in territorio bolognese acquisì anche una diversa sfumatura, allorché in occasione di un placito giudicante alcuni cittadini bolognesi gli Hucpoldingi non ebbero solo un ruolo di primo piano nelle procedure giudiziarie, ma agirono anche quale diretta emanazione dell’autorità arcivescovile e imperiale, attivando in alcune particolari occasioni – quale fu questa citata – il titolo comitale in chiave pubblicistica, attingendo così alla forte tradizione funzionariale parentale84.

  • 85   Sugli usi di denominazione attuati dalle famiglie signorili cfr. Sergi, I confini cit., p. 237.

55Una particolarità nel meccanismo di trasmissione dinastica del titolo comitale compiuta dal gruppo hucpoldingio è il lungo perdurare della mancanza di caratterizzazione di seguito al titolo di conti, che si sarebbe formalizzata per un solo ramo del gruppo in riferimento al castello di Panico nel corso del secolo XII85. Anche a potenziamento signorile già ampiamente avviato, infatti, gli Hucpoldingi non ricorsero ad alcuno specifico richiamo toponimico a castelli o altri luoghi caratterizzanti da loro posseduti. Evidentemente nel loro ambito di azione l’egemonia signorile e la riconoscibilità parentale era assicurata in modo sufficiente dal solo titolo comitale, che oltretutto permetteva alla parentela di mantenere i rapporti cognatizi molto ampi e interscambiabili, evitando la concentrazione della massima parte del potere nella successione agnatizia di una sola coppia di individui. Nel caso poi di uno dei rami discendenti radicatosi nell’Appennino bolognese orientale fu proprio il predicato comitale a caratterizzare la denominazione del castello di residenza divenendo parte del toponimo, cristallizzatosi nella forma Casalecchio dei Conti.

Notes

1   La scansione indicata è proposta e verificata, seppur con esito negativo, per il caso canossano in Sergi, I confini cit., p. 232 sgg.

2   Costituisce un caso analogo il progetto dinastico degli Aleramici: ivi, pp. 46, 53 sg.; cfr. anche Provero, Terre cit., p. 852.

3   In questi termini è inquadrato il simile caso dei Supponidi in Id., L’Italia cit., p. 33: «è un caso tipico di [...] Reichsadel, ovvero nobiltà del regno, che si qualifica prima di tutto per lo stretto rapporto con il potere regio e per l’ampiezza della propria azione politica, attestata in tutto il territorio del regno. Nel caso dei Supponidi è in massima parte l’intervento regio a determinare ambiti e dimensioni del potere, ma anche prestigio politico e ampiezza del possesso fondiario».

4   Cfr. Delumeau, Dal conte cit., p. 272 sgg.

5   Per la ricostruzione e l’analisi delle vicende politiche cfr. Cap. 1.1.

6   Il rapporto vassallatico come innovazione nelle strutture dell’Italia carolingia è delineato in Tabacco, Egemonie cit., p. 149 sgg.; è ravvisato proprio nell’episodio dell’846 in Cammarosano, Nobili cit., p. 163.

7   All’incoronazione regia seguì nell’850 quella imperiale: Bougard, Ludovico cit., p. 387 sg.

8   Il potere regio di Ludovico II sul regno italico si configura secondo il concetto di Unterkönig, oltretutto esperito a sua volta dallo stesso Lotario nei confronti del padre Ludovico il Pio; sul concetto cfr. Bougard, La cour cit., p. 250 sg.

9   Cfr. Werner, Missus cit., pp. 94-111.

10   Il medesimo meccanismo si verificò anche un secolo dopo con il conte di palazzo Oberto I, capostipite degli Obertenghi: Nobili, Alcune cit., p. 261 sg.

11Cammarosano, Nobili cit., p. 175 sgg.

12   Cfr. ivi, p. 179 sg.

13   Gli Adalbertingi irradiavano il loro potere marchionale verso buona parte dell’odierna Toscana dal comitato di Lucca; gli Hunrochingi erano attestati nella marca del Friuli; infine i Guidonidi controllavano il ducato di Spoleto: ivi, pp. 176-179.

14   Per il gruppo supponide e l’accrescimento del loro potere durante il regno di Ludovico II cfr. Bougard, Engelberga cit., pp. 668-676; Id., Les Supponides cit., pp. 388-392.

15   Le clientele vassallatiche e le remunerazioni beneficiarie erano infatti le tradizionali modalità adottate dal potere regio in ordine al coordinamento politico-militare del regno: Sergi, I confini cit., p. 25.

16   All’interno del vasto patrimonio detenuto da Engelrada emergono per numero e per i precisi connotati militari i possessi in territorio faentino, situati lungo i percorsi appenninici verso la Tuscia; cfr. Cap. 4.1.

17   Non vi è accordo fra gli studiosi circa le aree della Tuscia controllate dagli Adalbertingi nel corso del secolo IX; seguendo Hagen Keller, Bonifacio II controllò Lucca, Pisa, probabilmente Pistoia e forse Luni e Volterra, oltre che le coste tirreniche e la Corsica; solo Adalberto I avrebbe aggiunto le aree di Firenze – dove forse, è una mia ipotesi, fu importante il contributo di Hucpold e dei figli – e di Fiesole: Keller, La marca cit., pp. 122, 129.

18   L’Esarcato di Ravenna era in teoria compreso nel patrimonium del vescovo di Roma e posto sotto la sua giurisdizione: Settia, Nuove cit., p. 45.

19   Cfr. Di Carpegna, Guido cit., p. 356 sg.

20   Non siamo in grado di istituire un collegamento diretto fra i due conflitti; possiamo invece asserire con sicurezza che il peso istituzionale acquisito dall’860 in poi dalla regina Angelberga, e dunque dal suo gruppo parentale, creò forte insofferenza fra i grandi del regno; cfr. Bougard, La cour cit., p. 263.

21   Cfr. le considerazioni di Cammarosano, Nobili cit., p. 180 sg.

22   Cfr. Cap. 1.2.

23   Si tratta della lettera indirizzata dallo stesso Carlo III a Ubaldo e del documento dell’893 in cui si stabiliva che la figlia di Ubaldo avrebbe sostituito la zia Berta alla guida della comunità di S. Andrea al momento della morte dell’anziana badessa; cfr. Cap. 1.2.

24Cammarosano, Nobili cit., p. 181.

25Bougard, Les Supponides cit., p. 391 sg.

26   In quest’ottica acquista notevole significato la sola attestazione patrimoniale conosciuta di Ubaldo, relativa ai rapporti con la chiesa di Settimo, proprio nei pressi della città toscana; cfr. Cap. 5.1.

27   Cfr. Cap. 7.4.

28Fasoli, Il dominio cit., p. 107 sg.

29   In particolare siamo a conoscenza dei possessi della sorella Berta I, badessa di S. Andrea; cfr. Cap. 6.1.

30   All’efficace descrizione delle quattro famiglie marchionali proposta da Cammarosano, Nobili cit., p. 179: «imparentate e alleate a due a due: Supponidi e marchesi del Friuli [...], duchi di Spoleto e marchesi di Toscana», vanno dunque aggiunti al secondo raggruppamento anche gli Hucpoldingi. Sono considerati componenti della Reichsadel italica in Collavini, Spazi cit., p. 320.

31   Cfr. Cap. 1.3.

32   L’attestazione del titolo marchionale di Bonifacio è contenuta in due diplomi regi: possiamo perciò escludere l’uso propagandistico del titolo da parte di Bonifacio e dei suoi discendenti; per le cautele da osservare nel maneggiare la documentazione relativa alla titolazione di gruppi parentali e lignaggi cfr. Sergi, I confini cit., p. 42.

33   Il carattere constatativo della politica regia postcarolingia e ottoniana, come nel caso di Ugo di Tuscia, è messo in luce per vie generali in Tabacco, Egemonie cit., p. 197; cfr. anche Provero, Apparato cit., p. 186.

34   Unica eccezione è rappresentata da Willa, probabilmente figlia del marchese Ugo I, che dal padre ereditò il titolo di marchionissa. Tuttavia, la particolare area di azione, limitata al territorio pisano, e la marginalità della sua figura rispetto agli altri membri del gruppo la lasciano ai margini della compagine hucpoldingia. Sull’ipotesi di identificazione e sulle attestazioni della donna cfr. Puglia, La marca cit., p. 78 sgg.

35Fumagalli, Terra cit., p. 73 sg.

36   Per le scarne notizie sulla circoscrizione e sul suo titolare dalla creazione all’affermazione di Bonifacio cfr. Santos Salazar, Una terra cit., p. 121 sg.

37   Cfr. Cap. 6.1.

38   Il processo di diversificazione di interessi sul proprio distretto compiuto dalle famiglie funzionariali è descritto in Sergi, I confini cit., p. 26 sgg.

39   Per una discussione storiografica del concetto di marca carolingia e “nuova marca” cfr. ivi, pp. 56-62, la citazione è a p. 61.

40   Cfr. Settia, Nuove cit., p. 55.

41   Il nuovo re Ugo di Provenza infatti nominò nuovi conti nei distretti di Reggio e Modena in funzione antihucpoldingia; cfr. Cap. 1.3.

42   Ai quattro personaggi citati è da aggiungere il più misterioso tra i figli di Bonifacio I, Ubaldo II, che compare in due documenti postumi con i titoli di dux et marchio, ai quali tuttavia non è possibile accostare con qualche sicurezza alcuna circoscrizione pubblica; cfr. Cap. 2.2.

43   La fondazione monastica di Farfa, abbazia regia e usuale interlocutrice dei duchi spoletini, non conserva alcuna notizia dei due duchi hucpoldingi, se non la registrazione della loro nomina nei suoi cataloghi: cfr. Cap. 1.3.

44   Sullo sviluppo degli assetti di potere delle dinastie dei Canossa e degli Obertenghi nell’Emilia occidentale cfr. Provero, Il sistema cit., pp. 58-64.

45Keller, La marca cit., p. 135.

46   Per tutto questo cfr. Cap. 6.2.

47Sergi, I confini cit., p. 31.

48D’Acunto, Nostrum cit., p. 77.

49   Di questo avviso, forse in tono encomiastico, è Pier Damiani: Die Briefe des Petrus cit., vol. ii, p. 293, doc. 68.

50   L’appoggio imperiale fu, ciononostante, sempre essenziale per ottenere e mantenere il governo della marca: Nobili, Le famiglie cit., p. 146.

51Sergi, I confini cit., p. 25 sgg.

52   Cfr. Nobili, Le terre cit., p. 221 sg.

53   Per le vicende politiche cfr. Cap. 3.1.

54   Per una revisione storiografica sul problema del potere temporale dei vescovi altomedievali cfr. G. Sergi, Poteri temporali dei vescovi: il problema storiografico, in Vescovo e città cit., pp. 1-16.

55Albertoni, L’Italia cit., p. 76.

56   V. Fumagalli, Il potere civile dei vescovi italiani al tempo di Ottone I, in I poteri temporali cit., p. 78 sg.

57   Cfr. Cap. 5.1.

58   Per il brano dell’Antapodosis e per ulteriore bibliografia cfr. Cap. 2.2.

59   Cfr. Savigni, I Papi cit., p. 354 sg.

60   Biagio Civale propende per un tentativo di inserimento nelle gerarchie ecclesiastiche pistoiesi, che tuttavia, se ci fu, dovette fallire già negli anni Quaranta del secolo: cfr. Civale, I conti Guidi cit., p. 18.

61   Cfr. Cap. 2.2.

62   Per le attestazioni e l’agire politico di Everardo cfr. Cap. 2.1.

63Bougard, I vescovi cit., p. 68.

64Fumagalli, Il potere cit., p. 78.

65  L’ottenimento della carica pubblica fa intravvedere, anche per l’area emiliana, quell’ambivalenza caratteristica della personalità istituzionale degli ufficiali regi nei confronti del territorio da essi controllato, dove erano al contempo ufficiali pubblici e dinasti, alla base dello sviluppo signorile di una dinastia funzionariale; cfr. Sergi, I confini cit., p. 26.

66   I possessi fondiari di Bonifacio sono attestati grazie alla permuta nonantolana del 936 e al diploma ottoniano del 962; cfr. Cap. 6.1. A questi possessi potrebbero essere aggiunte anche le due corti regie di Campo Migliacio e Cortenuova, situate nel Modenese; cfr. Cap. 1.3.

67   I Supponidi furono favoriti dal re nella circoscrizione modenese, dove tra gli anni Trenta e Quaranta detennero sia la carica comitale, sia quella vescovile: Bonacini, Terre cit., p. 120 sgg.

68   Per il territorio bolognese descritto come zona di cerniera fra il regno italico e il dominio della chiesa ravennate cfr. Lazzari, Circoscrizioni cit., p. 380 sgg.

69   Cfr. Cap. 6.1 e 6.2.

70   Ivi, p. 395.

71Ead., Comitato cit., p. 63.

72Tiraboschi, Storia cit., vol. ii, p. 114 sg., doc. 86: nella permuta nonantolana del 936 Bonifacio è detto «comes filius bone memorie domni Ubaldi comitis».

73   Praticando dunque più precocemente, circa di una cinquantina d’anni, il processo di assestamento etnico-politico descritto in Sergi, I confini cit., p. 381 sg. Sulla conservazione della memoria dei rapporti con il regno quale comportamento fondante l’egemonia delle maggiori dinastie cfr. Provero, Apparato cit., p. 232.

74   Una casistica di vie diverse per la dinastizzazione del potere è descritta in Id., L’Italia cit., pp. 30-38.

75   Nel caso hucpoldingio, la signorilizzazione della titolazione pubblica appare anticipata di circa una cinquantina d’anni rispetto agli analoghi casi nel resto dell’Italia centro-settentrionale: T. Lazzari, Società cittadina e rappresentanza cetuale a Bologna (secoli X-XII), in «Bullettino dell’Istituto storico italiano per il medio evo», n. 106/2, 2004, p. 77, nota 28; per un interessante confronto con le connotazioni coeve assunte dal titolo comitale nell’area salernitana cfr. V. Loré, L’aristocrazia salernitana nell’XI secolo, in Salerno nel XII secolo. Istituzioni, società e cultura. Atti del congresso internazionale (Raito di Vietri sul mare, 16-20 giugno 1999), a cura di P. Delogu, P. Peduto, Incisivo, Salerno 2004, pp. 61-102.

76   Cfr. Savigni, I papi cit., p. 357 sg.

77   Questa ampia egemonia sul territorio bolognese, tuttavia, non può essere interpretata come l’acquisizione da parte del gruppo del comitato di Bologna, che fino all’epoca comunale non esistette mai come unità amministrativa: Lazzari, Comitato cit., pp. 183-185.

78   Cfr. Cap. 6.2 e 7.3. Per le chiese come strumenti di potenza politica, prestigio sociale e memoria cfr. Tabacco, Egemonie cit., pp. 206-218; Sergi, I confini cit., p. 391.

79   Per tutte queste relazioni clientelari e vassallatiche nel Bolognese cfr. Cap. 6.3.

80   La testimonianza è contenuta nella carta di convenientia del 1176: Petracchi, Della insigne cit., p. 99 sg. Per l’importanza della capacità giudiziaria nell’ottica del potere signorile cfr. Provero, L’Italia cit., p. 136 sgg.

81   Per le diverse forme di titolatura attuate dagli Hucpoldingi nel Bolognese, volte a differenziarsi dai gruppi aristocratici locali, cfr. Cap. 7.4.

82   Cfr. Cap. 3.1.

83   Nell’atto di refuta e investitura, al quale si fa riferimento, il conte Ugo II viene indicato inconsuetamente come comes Bononiensis. L’epiteto appare tuttavia, come in altri due casi successivi, quale mera designazione dell’area geografica di provenienza, considerato l’orizzonte faentino ed esarcale dell’oggetto e dei convenuti all’atto; per l’uso prettamente geografico del termine comitatus Bononiensis cfr. Lazzari, Circoscrizioni cit., p. 396.

84   Il significato da attribuire al ruolo avuto nel placito dai conti Ugo e Ubaldo è con ogni probabilità da ricondurre alla condizione di preminenti vassalli dell’arcivescovo ravennate; cfr. Cap. 3.1.

85   Sugli usi di denominazione attuati dalle famiglie signorili cfr. Sergi, I confini cit., p. 237.