Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

I due volti del potere

 | 
Edoardo Manarini

Parte II. Luoghi e clientele

6. Patrimonio, radicamento e preminenza nel Bolognese

Texte intégral

1Il territorium civitatis della Bologna romana rappresenta il fulcro della presenza patrimoniale degli Hucpoldingi in Italia. A partire dalle prime attestazioni di fine secolo IX, ritroviamo qui tracce persistenti delle attività e dei possessi parentali, dislocati pressoché uniformemente per tutto il territorio diocesano sia in pianura, sia in montagna. I nuclei attorno ai quali era costruita la ricchezza hucpoldingia si componevano soprattutto di proprietà fondiarie, gestite mediante i contratti enfiteutici, spesso accompagnate da fortificazioni, il più delle volte residenze del gruppo. Non sono attestate, invece, proprietà all’interno del centro urbano, ambiente che sembra essere sempre rimasto estraneo al radicamento del gruppo parentale. Nell’ambito bolognese, dunque, è possibile considerare più nitidamente la costruzione e il funzionamento della dominazione signorile hucpoldingia, imperniata su diversi centri di potere fortificati e su ampie relazioni vassallatiche.

2Le fonti conservate permettono di tracciare tre distinte fasi in cui suddividere lo sviluppo patrimoniale in quest’area. La prima consiste nella costituzione del patrimonio, di cui tuttavia non siamo informati se non per brevi e fugaci accenni. La donazione al monastero di S. Benedetto in Adili e l’acquisizione della corte regia di Antognano da parte di Bonifacio I, entrambe realtà situate nel Saltopiano bolognese, consentono quantomeno di tracciare i contorni di un ambito patrimoniale, la pianura a nord-ovest di Bologna, e di valutare il legame con il regno quale presupposto fondamentale per queste acquisizioni. Dello stesso periodo sono le relazioni allacciate con il monastero di Nonantola e ancora con l’arcivescovo di Ravenna Pietro.

3Il settore appenninico rimane quasi completamente sottotraccia in queste prime attestazioni, salvo poi nella seconda fase, dalla metà del X alla metà del secolo XI circa, costituire uno dei cardini della gestione fondiaria. Nell’area a sud di Bologna, Adalberto II fondò il monastero di famiglia di S. Bartolomeo di Musiano, che per quasi due secoli costituì un fondamentale interlocutore patrimoniale per una porzione notevole delle proprietà parentali, dislocate in prossimità del distretto pubblico di Brento. La fondazione di Musiano fu essenziale per la seconda fase della vicenda patrimoniale del gruppo: quella della tenuta e della gestione, durata circa un secolo. In questo stesso periodo la posizione politica nel Bolognese, consolidata dalla preminenza del marchese Ugo II, fu arricchita da nuove e redditizie relazioni allacciate con il capitolo della chiesa bolognese, con i vescovi di Ferrara e, nuovamente, con l’arcivescovo di Ravenna.

4Gli sconvolgimenti politici portati dalla lotta per le investiture, a Bologna particolarmente sentiti anche per lo scisma vescovile, ebbero sicura importanza nel giungere alla terza e ultima fase. A partire dagli anni Ottanta del secolo XI, ritroviamo una frequenza eccezionale di alienazioni patrimoniali, mediante vendite e donazioni, che non riguardarono il solo monastero di Musiano. Furono infatti beneficiati anche il cenobio di S. Stefano, benché da sempre ostile al gruppo parentale, e ancora la recente fondazione di S. Cristina di Settefonti, fin da subito piuttosto indipendente dal controllo hucpoldingio. Dinanzi a una esplicita diminuzione della ricchezza fondiaria complessiva, al principio del secolo XII, rileviamo il progetto di concentrazione dei possessi e radicamento territoriale attuato da un ramo della discendenza nella valle del fiume Reno, ponendo il suo fulcro nel castello di Panico. La medesima situazione è rintracciabile nella parte orientale della montagna bolognese, nelle valli dell’Idice e del Sillaro, dove, intorno al castello di Casalecchio dei Conti e ad altre fortificazioni in direzione del Mugello toscano, altri discendenti del gruppo parentale organizzarono le loro proprietà.

  • 1   Si fa qui riferimento alle carte riconducibili all’archivio del monastero di Musiano prima dell’u (...)

5Il dossier documentario ottenuto dall’analisi dei diversi archivi attesta innanzitutto la notevole dispersione conservativa delle pergamene relative agli Hucpoldingi. La motivazione è intrinseca allo sviluppo della presenza parentale sul territorio: la grande estensione patrimoniale e la sostanziale autonomia nella gestione delle proprietà, portata avanti ben oltre la metà del secolo XI, hanno impedito alla maggior parte della documentazione di confluire in un unico archivio. Anche il monastero privato di S. Bartolomeo di Musiano, che ricevette solo una parte del patrimonio, non poté conservare che una quantità ridotta della massa totale della documentazione. I poli archivistici desumibili dalla geografia dei fondi sono quindi tre, tutti di natura religiosa. Il primo e più importante è rappresentato dagli archivi dei monasteri bolognesi, fra i quali spicca per rilevanza quello di S. Bartolomeo1, seguito da S. Cristina e dall’archivio di S. Stefano. Il secondo è rappresentato dall’archivio nonantolano che conserva poche attestazioni, ma di notevole importanza. Il terzo e ultimo centro di conservazione documentaria è costituito dall’archivio della chiesa di Ravenna, con due soli esemplari conservati, e dall’archivio della chiesa di Ferrara; quest’ultimo risulta inoltre accidentale depositario di alcune pergamene sempre relative al Bolognese, probabilmente appartenute in origine all’archivio di Musiano.

  • 2   Si tratta di 12 delle 32 pergamene, a contenuto patrimoniale, considerate di seguito.

6Il quadro archivistico delineato pone dunque il problema di comprendere e contestualizzare questa particolare struttura documentaria, quale tassello fondamentale per studiare la configurazione della patrimonialità hucpoldingia in questo territorio. Constatata la grande dispersione dei documenti in ben tredici fondi archivistici differenti, è di grande rilevanza il dato che il 37,5 % degli atti conservati negli archivi religiosi sia stipulato con privati2, lasciando solo intuire la reale natura della maggior parte delle attività patrimoniali compiute dal gruppo. Dal momento che gli enti religiosi conservavano con più attenzione i documenti specificamente a loro indirizzati, il dato esposto suggerisce che gli Hucpoldingi non privilegiarono, qui come altrove, le fondazioni religiose, preferendo piuttosto organizzare relazioni volte a un controllo più diretto del territorio.

7Studiata nel suo insieme, la documentazione bolognese permette anche di considerare la parentela da un punto di vista esterno, investigando cioè come una parte della società locale reagì alla presenza hucpoldingia e soprattutto alla sua dominazione signorile. L’analisi è resa possibile da un elemento giuridico unico nel panorama italiano, specifico dell’ambito territoriale felsineo: nella maggior parte dei contratti di enfiteusi rogati in questo territorio fra i secoli X e XII, infatti, la normale clausola di disponibilità fu modificata per impedire la subconcessione del bene proprio nei confronti dei membri del gruppo parentale. Con ogni probabilità questo espediente giuridico fu l’esito di una politica patrimoniale alquanto aggressiva attuata dalla parentela fra i secoli X e XI, fin dai primi momenti di radicamento nel Bolognese. I soggetti più attivi della società locale, primo fra tutti il monastero di S. Stefano, cercarono in questo modo di contenere la prepotenza di carattere signorile – qui precocemente dimostrata dagli Hucpoldingi – attraverso un accorgimento giuridico che istituiva fra chi lo adoperava una sorta di solidarietà che si contrapponeva alla dominazione signorile del gruppo.

6.1 Acquisizioni e scambi di terre nel secolo X

  • 3   Il termine saltus definiva nella terminologia fondiaria romana un terreno tenuto a bosco o a pasc (...)

8Le prime attestazioni di beni posseduti e gestiti dalla parentela nel territorio bolognese si concentrano nell’area di pianura fra Modena e Bologna, a nord della via Emilia, denominata Saltus Planus3.

  • 4Tiraboschi, Storia cit., vol. i, p. 447 sg. Su questa fonte e sulle dipendenze cassinesi emiliane (...)
  • 5   La notizia della fondazione del cenobio compare in una donazione a favore dell’abbazia di Nonanto (...)
  • 6   Il settore di pianura compreso dal corso di questi due fiumi segnava sin dall’epoca longobarda l’ (...)
  • 7Codice diplomatico longobardo cit., vol. iii.1, pp. 118-123, doc. 25.

9La prima traccia patrimoniale consiste in una donazione a favore del monastero di S. Benedetto in Adili, nota grazie al breviarium attribuito a tale Giovanni preposito cassinese che sul finire del secolo IX svolse indagini patrimoniali sui monasteri emiliani controllati dall’abbazia di Montecassino4. Il monastero di S. Benedetto fu fondato da Orso dux e dalla moglie Ariflada, esponenti della parentela ravennate dei cosiddetti duchi di Persiceta5, e divenne nell’ultimo periodo longobardo una dipendenza cassinese, insieme ad altri monasteria posti nel medesimo settore della pianura bolognese, fra i fiumi Muzza e Reno6. Il passaggio sotto l’influenza della potente abbazia laziale fece parte, verosimilmente, della politica antinonantolana del re Desiderio, per limitare l’ascesa della fondazione del dux Anselmo riccamente dotata dal predecessore Astolfo7.

  • 8Chronica monasterii Casinensis, a cura di H. Hoffmann, Impensis bibliopolii Hahniani, Hannover 19 (...)
  • 9   Il toponimo è oggi scomparso ma è identificabile nell’area coltiva fra l’attuale comune di S. Aga (...)

10Durante il secolo successivo possiamo suppore che le dipendenze emiliane seguissero le vicende della casa madre, devastata e distrutta dai saraceni nell’883 e quindi probabilmente non più in grado di amministrare il proprio patrimonio, così ingente e disperso. Per superare le difficoltà sopraggiunte sul finire del secolo, circa nell’899, l’abate Ragemprando concesse all’imperatrice Ageltrude, ricercando la sua cura e protezione, due celle dipendenti da Montecassino «cum omnibus rebus suis in finibus Lambardie, unam in loco qui dicitur Laude et alteram in Persiceta»8. È in questo stesso torno di anni che possiamo inserire la donazione di 18 iugeri di terreno del fondo Berselio compiuta dalla badessa Berta I9, figlia di Hucpold.

  • 10Benati, Il monastero cit., p. 126.
  • 11   Ivi, p. 112.

11La donazione dovette essere registrata nel corso della ricognizione operata dal preposito Giovanni che racconta di come insieme ai monaci di Adili «cepimus inter nos colloqui de rebus et possessionibus Casinensi cenobi pertinentibus, que Desiderius rex et Carolus una cum filiis suis Pipino et Carulo huic loco dederant»10. Un resoconto o un elenco ottenuto dall’indagine di Giovanni dovette giungere nell’archivio di Montecassino; lì fu conservato fin quando, circa due secoli dopo, l’abate Oderisio se ne servì per rivendicare le dipendenze emiliane cassinesi davanti a Matilde di Canossa11.

  • 12   Ivi, p. 106 sg.
  • 13   Non possiamo sapere se vi fu una donazione anche a favore del cenobio fiorentino data la scompars (...)

12In quel momento, dunque, fu prodotto il testo del breviarium, forse dallo stesso Pietro Diacono, autore del registro in cui il brano è contenuto, rielaborando la documentazione genuina relativa ai possessi che l’abbazia deteneva dall’età longobarda e carolingia nella pianura fra Bologna e Modena. Sebbene il testo conservatoci nel registro sia probabilmente artefatto, possiamo limitare le contraffazioni alle indicazioni cronologiche e alla lista pressoché ininterrotta di diplomi regi e imperiali ricevuti da Montecassino, vero nodo di interesse per l’estensore cassinese12. Il documento sembra, invece, sostanzialmente corretto nei passi dove l’elenco dei beni è più preciso e particolareggiato: tra questi non abbiamo motivo di dubitare della veridicità della donazione disposta da Berta, oltretutto, poiché relativa a terre poste in un’area che per decenni rimase centrale nelle presenze fondiarie del gruppo hucpoldingio. È difficile, tuttavia, stabilire per quali vie Berta riuscì a disporre delle terre donate, ed è singolare constatare che la donna scelse il monastero di Adili per assicurarsi la salvezza dell’anima, piuttosto che beneficiare il monastero di S. Andrea di cui lei stessa era badessa13. Benché in questo caso il legame politico con i Guidonidi sia rappresentato da un’unica flebile compresenza di interessi patrimoniali, per il nipote Bonifacio la componente politica e la matrice fiscale dei possessi presenti in questa zona è provata, come vedremo, con maggiore chiarezza.

  • 14Tiraboschi, Storia cit., vol. ii, p. 114 sg., doc. 86.
  • 15   Il toponimo è di incerta identificazione. Potrebbe essere accostato a Lovoleto, frazione di Grana (...)
  • 16   Le unità agrarie comprese nella pianura persicetana sono: il fondo Riolo, attuale frazione di Cas (...)
  • 17   Cfr. Lazzari, Circoscrizioni cit., pp. 386 sgg., 399.
  • 18   Le terre in area ferrarese, oltre ad ammontare da sole a un’estensione di 918 iugeri, sono accomp (...)
  • 19   L’abate Ingelberto trasferì a Bonifacio 1164 iugeri di terreni appartenenti alla corte di Funzano(...)

13La breve indicazione patrimoniale a favore del monastero di S. Benedetto in Adili precede un’altra transazione patrimoniale, ben più corposa, che fornisce una più precisa indicazione delle pertinenze patrimoniali del gruppo parentale, nonostante una tradizione alquanto discussa. Si tratta di una permuta di beni, datata al 936, fra Bonifacio I e l’abate di Nonantola Ingelberto14: trovandosi nel vico Lucoleta15, nella pieve di S. Giovanni in Persiceto, l’hucpoldingio scambiò un totale di 1162 iugeri, pari a circa 293 ettari, di terre agricole collocate nell’area persicetana fra Modena e Bologna16 – corrispondente in massima parte al territorium di Persiceto17 – e nel Ferrarese18, oltre il corso del Po, in cambio di appezzamenti di eguale estensione parte delle pertinenze abbaziali in Toscana19.

  • 20Castagnetti, Falsari cit., p. 143.
  • 21   L’occasione per la copiatura e interpolazione dell’atto originale potrebbe anche essere collocata (...)
  • 22   Cfr. R. Rinaldi, C. Villani, Nonantola, in Lanfranco e Wiligelmo. Il Duomo di Modena, Panini, Mod (...)
  • 23   Cfr. Cap. 1.3.
  • 24Lazzari, Comitato cit., p. 88.

14Il documento è conservato nell’archivio abbaziale mediante copia databile al secolo XI e redatta imitando una scrittura libraria di IX-X; manca tutto l’escatocollo e sul verso sono compilati brani liturgici. Castagnetti definisce la carta una falsificazione da collegare, da un lato, ai falsi costruiti in occasione delle liti per i confini diocesani fra Modena e Bologna a partire dalla seconda metà del secolo X; dall’altro ai falsi diplomi regi e imperiali che concernevano i possedimenti dell’abbazia in Tuscia20. Che si tratti di un documento interpolato o modificato in seguito, è indubbio21. Molti elementi riportati nel testo, tuttavia, consentono di accettare la testimonianza che nel suo complesso appare autentica. La coerenza patrimoniale della discendenza di Bonifacio espressa dalla carta è, infatti, indubitabile alla luce delle attestazioni dei suoi eredi. Possiamo rilevare, inoltre, che entrambi gli attori della permuta avevano già acquisito possessi nell’area toscana, con particolare riguardo al Fiorentino e al Pistoiese22. Considerata la situazione politica che Bonifacio dovette affrontare in quel torno di anni23, non sembra fuori luogo l’ipotesi di una strategia difensiva volta a rafforzare e compattare la presenza patrimoniale nelle aree di più antico radicamento e di maggiore prossimità ai valichi appenninici24.

15È importante osservare che questo è l’unico documento pervenutoci che attesti relazioni dirette fra esponenti degli Hucpoldingi e il monastero di Nonantola, nonostante le molte adiacenze patrimoniali e le coincidenti aree di influenza. A questo proposito la scarna indicazione patrimoniale, citata poc’anzi, a favore del vicino monastero di Adili, da sempre antagonista dell’abbazia di Nonantola, può indicarci quali parti prese la parentela al suo primo affacciarsi in questi territori.

  • 25   Non possiamo localizzare con sicurezza la corte, essa doveva però trovarsi nelle vicinanze dell’a (...)
  • 26   Il controllo della corte prevedeva anche la riscossione dei diritti di ripatico di due corsi d’ac (...)

16Fu lo stretto rapporto che Bonifacio ebbe con Rodolfo II a permettergli di consolidare i primi possessi nel Bolognese, ricevendo in beneficio dal cognato la vasta corte regia di Antognano posta in loco Saltospano, nella pieve di S. Vincenzo di Galliera25. La corte con le sue dipendenze copriva un vasto settore della pianura fra Bologna e Ferrara, accompagnando allo sfruttamento agricolo la valorizzazione dei traffici fluviali, componente economica e sociale essenziale per questa porzione di pianura26. La rilevanza politica di questo articolato bene fiscale doveva quindi essere senz’altro notevole poiché, oltre agli introiti materiali, permetteva di controllare un’ampia porzione di territorio rurale e gli uomini in esso residenti.

  • 27Conradi I cit., p. 357, doc. 249.
  • 28   Nel diploma del 962, conservato nell’Archivio capitolare di Arezzo, non viene fornita altra indic (...)
  • 29   Alcuni diplomi imperiali del secolo XI ricordano proprietà e diritti che due marchesi di nome Ugo (...)
  • 30   Si tratta della carta datata al 12 luglio 970, copia autentica del secolo XI di falsificazione pr (...)

17La corte di Antognano rimase a lungo sotto l’influenza del gruppo parentale che per decenni conservò in quest’area di pianura una porzione importante del proprio patrimonio. Il diploma di Ottone I, datato al 3 novembre 96227, che ci informa del beneficio ottenuto in precedenza da Bonifacio I, concedeva la medesima corte con le stesse pertinenze al prete Erolfo, con tutta probabilità appartenente alla canonica di Arezzo28. Pur non potendo spiegare come la stessa Antognano passò in seguito nella disponibilità patrimoniale del marchese Ugo I di Tuscia, non possiamo tralasciare che lo zio di Ugo, Everardo, ricoprì la cattedra aretina e che il legame instauratosi fra i due dovette essere solido. Ebbene, Ugo riuscì a unire la corte di Antognano al già cospicuo numero di proprietà che detenne in quell’area, fra Ferrara e Gavello29, per poi donarla insieme al resto delle sue pertinenze al monastero di Marturi sul finire del secolo X. L’opera di elaborazione e di falsificazione documentaria, che i monaci toscani attuarono nel corso del secolo successivo, ne fece in seguito il bene più antico a essere documentato nell’archivio abbaziale30.

  • 31Kurze, Gli albori cit., pp. 168-171.
  • 32   Cfr. Falce, Il marchese cit., pp. 185-189.

18Sebbene il testo della donazione sia contenuto in tre documenti certamente falsificati e interpolati, Kurze ha mostrato come il contenuto giuridico sia autentico, poiché nella sostanza sempre ripetuto uguale in tutti i documenti31. Analizzare nel dettaglio le tre descrizioni dei beni donati, è utile per delineare la morfologia e il progressivo sviluppo della corte in questione32.

  • 33   La corte è accostata alla chiesa del S. Salvatore, comprende i diritti sulla ripa de Concinno, su (...)

19Le due donazioni del 998 descrivono la configurazione della corte per come si doveva presentare alla fine del secolo X, probabile momento dell’effettiva donazione. In esse, la struttura curtense non si discosta di molto da quella illustrata dal primo diploma ottoniano33: la descrizione identifica questa volta un solo diritto di ripatico, quello di Concenno, ma specifica altre pertinenze fra cui due canali navigabili nei pressi dell’attuale Poggio Renatico, una terra dislocata lì vicino e la presenza di due fortificazioni e di un gastaldo, con ogni probabilità preposti al controllo dell’area. Le informazioni sono dunque coerenti sia da un punto di vista territoriale, sia per quanto attiene il progressivo articolarsi della presenza di tipo signorile in quest’area, di cui l’introduzione di nuovi diritti di passaggio e la presenza di fortificazioni sono una chiara spia.

  • 34   Le pertinenze di Antognano sono: la chiesa del S. Salvatore e la chiesa di S. Maria in Argile; i (...)
  • 35   Identificare dove sorgeva l’edificio religioso pone qualche difficoltà poiché nella zona non sono (...)
  • 36   Per un quadro territoriale d’insieme si rimanda a E. Manarini, Paesaggio ed edifici di culto del (...)
  • 37   Al contrario, non riuscendo a ritrovare la maggior parte dei castelli elencati nella donazione, B (...)

20La caratterizzazione della curtis di Antognano è ancora più particolareggiata nella donazione datata al 12 luglio 970, che, nonostante la chiara falsificazione cronologica, fornisce dati molto precisi sulle condizioni della corte che possiamo far risalire alla metà circa del secolo XI34. Nella sua prima parte l’elenco ricalca grosso modo la prima descrizione del 962; l’aggiunta sostanziale è data della chiesa di S. Maria di Arçiclo, vicina all’attuale Castello d’Argile nel Saltopiano bolognese, prima d’ora sconosciuta35. Le vere novità sono comprese nella seconda parte, dove da un lato le tante peschiere elencate ci consegnano un’idea abbastanza precisa delle attività economiche svolte nella zona, mentre dall’altro il cospicuo numero di castelli autorizza l’ipotesi di un sistema di controllo signorile alquanto capillare e molto attivo sul territorio. Fornire indicazioni precise su ciascun toponimo citato risulta assai difficile data l’instabilità di un territorio dove le paludi e le esondazioni dei corsi d’acqua hanno segnato per secoli il tratto paesaggistico prevalente36. Possiamo, tuttavia, ritenere la maggior parte delle indicazioni coerenti dal punto di vista territoriale, riferendole al medesimo settore dei territori bolognese e ferrarese, dove il ruolo egemone del gruppo parentale sarebbe stato ancora determinante per tutto il secolo XI37.

  • 38   Il testo del diploma è esplicito nel disporre la concessione dei beni al prete Erolfo «sicut Boni (...)
  • 39   Cfr. Cap. 1.3.
  • 40   Sull’importanza politica dell’area cfr. Santos Salazar, Una terra cit., p. 114 sgg.

21L’analisi condotta finora ha permesso di ancorare l’azione e la presenza patrimoniale del gruppo parentale all’area di pianura fra Modena e Bologna, spingendosi anche verso nord, fino al territorio ferrarese. La presenza fondiaria, molto labile alla fine del secolo IX, dunque si consolidò e si ampliò nei primi decenni del X grazie alla preminente figura del marchese Bonifacio I, che dovette ricevere in beneficio notevoli porzioni di terre del fisco regio, come il diploma di Ottone testimonia38. Il complesso di queste terre e diritti era compreso nella circoscrizione pubblica della iudiciaria Mutinensis, che Bonifacio controllò durante il regno del cognato Rodolfo39. Essa era rivolta amministrativamente verso la città di Modena, ma comprendeva un’area molto più vasta che raggiungeva anche importanti settori delle diocesi di Bologna e Ferrara40.

  • 41Benati, Il monastero cit., p. 105 sg.
  • 42   Attuale Rigosa, frazione del comune di Bologna.
  • 43   Alla fine del secolo XI la contessa Matilde di Canossa disponeva di questa corte, trasferendola p (...)
  • 44   Tiziana Lazzari suppone, a ragione, che si potesse trattare di un esponente di una famiglia già l (...)

22Il marchese Bonifacio I non detenne beni fondiari nel solo Saltopiano. Come la carta nonantolana suggerisce, egli dovette controllare anche varie località del Bolognese, poste nella prima fascia appenninica a meridione della città. Se riteniamo poi attendibile l’identificazione data da Amedeo Benati riguardo a un’altra menzione contenuta nel breviarium cassinese41, possiamo anche aggiungere il possesso della corte di Rigosa da parte del conte Adalberto I42, quale importante indicazione della presenza patrimoniale nell’area a ovest di Bologna, legata alla figura del padre43. Una vendita attuata dal vescovo Everardo, altro figlio del marchese Bonifacio, permette di tracciare un quadro patrimoniale più puntuale anche in questo settore. Non siamo, tuttavia, in grado di chiarire e comprendere a pieno le motivazioni sottese alla vendita, date le esigue informazioni sul compratore, un certo Mauringo44. Il documento, a ogni modo, ritrae Everardo nell’atto di cedere la sua quota di eredità paterna.

  • 45   Il toponimo è di incerta localizzazione: potrebbe trattarsi di Prada presso Gaggio Montano (BO), (...)
  • 46   Ivi, pp. 88-92, doc. 26.
  • 47   Occupandosi di beni allodiali, Everardo si servì della legge ripuaria e non di quella romana, ine (...)
  • 48   Il bene più corposo consisteva in una parte, equivalente a 110 iugeri, del domocoltile della cort (...)
  • 49   Everardo cedette anche la sua quota di beni posti entro la fortificazione: la sua porzione di ter (...)

23Il 4 agosto 979, Everardo vendette a un certo Mauringo da Prada45 una rilevante quantità di possessi fondiari che lui stesso dice situati fra il corso dei fiumi Reno, Po e Panaro46. È subito evidente che la delimitazione geografica data dal vescovo coincideva grossomodo all’area patrimoniale che abbiamo associata alla figura di Bonifacio I47. In particolare, il complesso fondiario oggetto della compravendita contava diversi insediamenti curtensi in prevalenza disposti sulle prime pendici del versante appenninico bolognese occidentale48 ed era organizzato intorno al castro Cellola, fortificazione a ovest di Bologna dove il gruppo possedeva diverse proprietà49.

  • 50   Per il patrimonio degli arcivescovi ravennati nel Bolognese cfr. Fasoli, Il patrimonio cit., p. 3 (...)
  • 51   Cfr. Cap. 1.2.
  • 52Le carte ravennati del decimo cit., vol. ii, pp. 19-22, doc. 96. Funo è frazione di Argelato (BO) (...)
  • 53   Il testo dell’atto prevede la concessione della corte di Funo ad «Adelberto gracia Dei comes seu (...)
  • 54   La contessa Anna era vedova del conte Guido, figlio del conte reggiano Bertaldo, esponente di un (...)

24Le acquisizioni patrimoniali, tuttavia, non avvennero in questa fase solo grazie alle relazioni con il potere regio. Uno dei figli del marchese Bonifacio I, il conte Adalberto I, strinse relazioni patrimoniali con uno dei più ricchi possessori fondiari della zona: l’arcivescovo di Ravenna Pietro50. Sebbene le relazioni fra il presule e il ramo romagnolo del gruppo fossero in quegli anni di aperto conflitto51, nel 958 Pietro concesse ad Adalberto la metà della massa di Funo con la cappella di S. Lorenzo e con tutte le sue pertinenze situate nelle pievi di S. Giorgio e S. Marino in Lovoleto52. Benché non fosse presente alla stipula dell’atto, la rimanente metà fu elargita alla contessa Anna moglie del conte, con la specifica e reiterata clausola che stabiliva, alla sua morte, il passaggio della rispettiva metà al marito, o ai discendenti di lui53. La clausola è volta a evitare la dispersione dei beni ottenuti, a favore di eventuali figli di un primo matrimonio della donna, oppure, in secondo luogo, a impedire il rafforzamento della parentela di origine in quel territorio54.

  • 55   Su questa parentela cfr. Bonacini, Il marchese cit., p. 258.
  • 56Le carte bolognesi del secolo X cit., pp. 63-65, doc. 15. Il protocollo dell’atto riporta come lu (...)

25Non possiamo stabilire se i Bertaldingi, gruppo parentale di provenienza reggiana55, rappresentassero un effettivo pericolo per i beni che gli Hucpoldingi avevano accumulato in quest’area di pianura. Sappiamo, però, della loro effettiva e separata presenza patrimoniale nelle vicinanze delle località fin qui citate, nella seconda metà del secolo X: in un contratto di enfiteusi del 986 relativo a terre poste nel Saltopiano56, sono nominati fra le confinazioni gli heredes quondam domne Anna. I discendenti di Bertaldo ebbero, dunque, delle proprietà fondiarie in continuità con quelle degli Hucpoldingi, ma, nonostante l’unione matrimoniale tra i due gruppi, i patrimoni rimasero distinti.

26Le attestazioni patrimoniali del secolo X mostrano dunque una decisiva presenza in territorio bolognese, sia nell’area di pianura a nord-ovest della città, sia nel settore appenninico a sud di essa. Bonifacio I, in particolare, riuscì nell’arco della sua attività politica a dotarsi della maggior parte dei beni che poi sarebbero stati gestiti dai suoi figli e dai suoi discendenti nel corso del secolo XI.

6.2 Organizzare e gestire il possesso fondiario

27Per un periodo di tempo di circa un secolo una sostanziale stabilità patrimoniale caratterizzò le medesime aree delineate dalle acquisizioni di secolo X. Fra la quarta e l’ottava generazione, un buon numero di esponenti hucpoldingi si alternò nella gestione delle proprietà, per lo più fondiarie, che rimasero per tutto questo periodo nella disponibilità diretta della parentela. Le fonti dimostrano che questo avvenne attraverso due strumenti precipui: la fondazione di un monastero privato e i contratti enfiteutici.

  • 57   Per il significato simbolico e concreto di questa fondazione nella storia del gruppo parentale cf (...)
  • 58Le carte bolognesi del secolo X cit., pp. 51-55, doc. 11. Il complesso monastico di S. Bartolomeo (...)
  • 59   Sull’importanza di questo asse viario cfr. P. Foschi, La viabilità medievale tra Bologna e Firenz (...)
  • 60Le carte bolognesi del secolo X cit., p. 53: «in nostra potestate sit regendi et agregandi et ord (...)

28Il settore appenninico a sud di Bologna rappresentò un punto centrale e strategico per il gruppo, dove Adalberto II decise di stabilire un proprio Eigenkloster57. Nel 981, il conte e la moglie Bertilla, alla presenza dei figli Bonifacio, Walfredo e Adalberto fondarono il monastero di S. Bartolomeo e S. Savino presso la località di Musiano58, posta lungo la strada verso la Toscana e bagnata dal corso del fiume Savena59. L’atto stabiliva quale porzione del patrimonio parentale fosse destinata alla fondazione, che doveva rimanere strettamente sotto il controllo di Adalberto e dei suoi eredi, grazie al diritto di elezione dell’abate60.

  • 61   Gli appezzamenti facevano parte dei fondi Vinti e Cignano, situati presso Pianoro (BO), e della l (...)
  • 62   Il castello sorgeva su un piccolo altopiano lambito dal fiume Savena, a un chilometro circa dall’ (...)
  • 63   La menzione della cessione dei diritti di mercato da parte del conte Adalberto va inserita nella (...)

29Innanzitutto, la prima porzione di beni donati comprendeva gli edifici accessori alla vita dei monaci, un oratorio, che probabilmente costituiva la primitiva sede per il culto, e diversi appezzamenti di terra che componevano la quasi totalità del fondo di Musiano. La seconda porzione di terre si collocava in diversi fondi situati fra Musiano e il castello di Pianoro61, importante centro di potere del gruppo per questo settore appenninico62. L’ultima parte era composta dall’intera corte di Linare, situata nella pieve di S. Marino in Lovoleto, nella pianura a nord di Bologna. A tutto questo il conte aggiunse anche i diritti sul mercado che si teneva a Musiano63, ribadendo la donazione in integrum del fondo stesso.

  • 64   Ivi, p. 99 sgg.; cfr. P.L. Dall’Aglio, C. Franceschelli, La viabilità del territorio bolognese ne (...)
  • 65Foschi, Il patrimonio cit., p. 102.
  • 66   Il castello detto Panicale presso la pieve di S. Giovanni Battista di Gorgognano era situato nell (...)
  • 67Le carte bolognesi del secolo X cit., p. 53: «ubi pauperes et peregrini refectionem habeant».

30Abbiamo già rilevato la felice posizione della fondazione monastica collocata nella valle del fiume Savena a una decina di chilometri a meridione di Bologna, in posizione intermedia fra le due arterie viarie principali di questa parte dell’Appennino nel Medioevo: la via dello Stale e la Flaminia minor, entrambe convergenti in direzione del versante toscano, presso Barberino del Mugello e Borgo San Lorenzo rispettivamente, scendendo poi verso Firenze64. Sappiamo, inoltre, dell’esistenza di una bretella di collegamento fra i due versanti, passante proprio per Musiano65. Un’area di strada dunque importante nella quale il gruppo decise di stabilizzare la propria presenza fisica, grazie al complesso monastico, al mercato e ai vicini castelli di Pianoro e Gorgognano66, e spirituale, grazie alle preghiere dei monaci e alle donazioni dei pellegrini che il cenobio si prefissava di accogliere67.

  • 68   Si tratta di località comprese nei comuni di Pianoro e San Lazzaro (BO). I campioni dei beni del (...)
  • 69   Cfr. Cap. 1.3.
  • 70   Brento è frazione del comune di Monzuno, Barbarolo è frazione di Loiano, Montecerere è l’attuale (...)
  • 71   Cfr. Cap. 8.4; cfr. le considerazioni svolte in Lazzari, Comitato cit., p. 91.

31Il contenuto della donazione, che comprese terre arative, vigne, olivi e pascoli, oltre ad assicurare il sostentamento dei monaci e il necessario per i riti liturgici, pose sotto il diretto controllo dell’abbazia una rilevante porzione di territorio appenninico che servì da punto fermo per il gruppo parentale e rimase nel corso dei secoli sostanzialmente immutato. Ancora nel Settecento, l’area in cui si collocavano i beni del monastero corrispondeva al settore patrimoniale che gli Hucpoldingi diedero in gestione al cenobio nelle località di Musiano, Pieve del Pino, Pizzocalvo, Monte Calvo e Riosto68, nella prima fascia appenninica del Bolognese. Come abbiamo già notato per i beni compresi nella pianura del Saltopiano, anche in questa zona del territorio bolognese rileviamo l’esistenza di un antico distretto giurisdizionale, collegato alla iudiciaria Mutinensis e denominato iudiciaria de quattuor castellis, ripreso e concepito dai re italici della stirpe guidonide sul finire del secolo IX69. Per quanto attiene al nostro discorso basterà rilevare la vicinanza della fondazione di Musiano ai quattro castelli di Brento, Barbarolo, Montecerere e Gesso70, centri politici e giurisdizionali propagatori di impulsi centrifughi verso il territorio circostante. Fondare e controllare un’abbazia benedettina in questo particolare ambito territoriale significava tentare con strumenti economici, politici e religiosi il radicamento del gruppo, con tutta probabilità originato, anche in quest’area del Bolognese, da brevi incarichi o corresponsabilità pubbliche ottenute fra i secoli IX e X71.

  • 72   Fra le carte del monastero troviamo testimonianze delle attività patrimoniali svolte dagli abati (...)
  • 73   La carta di fondazione del 981, unico documento risalente al secolo X conservatosi per Musiano, c (...)

32Dal momento della sua dotazione patrimoniale, il monastero di Musiano ricoprì un ruolo primario nella politica fondiaria del gruppo parentale per l’ambito territoriale assegnatogli72. Non rileviamo, tuttavia, nuovi trasferimenti patrimoniali da parte del gruppo per circa un secolo, periodo questo molto lungo, che non può essere spiegato con le sole perdite accidentali che l’archivio del monastero dovette subire nel corso dei secoli73.

33I documenti di enfiteusi concessi da esponenti hucpoldingi nel corso del secolo XI, fino agli anni Settanta dello stesso, possono indicare una spiegazione. I contratti, infatti, si distribuiscono per tutti gli ambiti patrimoniali individuati in territorio bolognese e mostrano la volontà e, al contempo, la capacità del gruppo di gestire direttamente i propri beni. In tutto questo periodo la parentela dovette mantenere con sicurezza la propria presenza sul territorio riuscendo ad amministrare con efficacia i beni fondiari, senza la necessità di far convergere la maggior parte della ricchezza entro le mura consacrate e sicure di S. Bartolomeo.

  • 74Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, p. 26 sg., doc. 12. La pergamena è mutila dopo la (...)
  • 75Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 104-106, doc. 50. I beni in oggetto erano post (...)

34Nel 1011 la contessa Bertilla, ormai vedova, concesse a personaggi provenienti dal castello di Pianoro il fondo Nibano, forse posto nelle vicinanze74. Nel 1042 il marchese Ugo II concesse in enfiteusi a Farolfo, Teuzo e Gaidolfo tutte le proprietà che un tempo erano possedute da Azo de Robiano75, loro avo. Si tratta dunque del rinnovo alla terza generazione di beni che tale Azo de Robiano dovette ottenere in enfiteusi circa negli ultimi decenni del secolo X dal nonno del marchese Ugo, il già citato Adalberto II.

  • 76   Archivio della Curia Arcivescovile di Ferrara, Monastero di S. Guglielmo, Pergamene, Filza A, n. (...)
  • 77   Potrebbe trattarsi dell’attuale località di Marrara, già citata, prossima a Gaibana.
  • 78   Un’enfiteusi del 1078 ci conferma la sua presenza patrimoniale continuativa riferendo fra le conf (...)
  • 79   Ivi, vol. i, pp. 251-253, doc. 122. Da segnalare la confinazione del terreno in oggetto per un la (...)
  • 80   Su questa discendenza e la sua genealogia cfr. Lazzari, Comitato cit., pp. 164 sg., 202. Il padre (...)

35Queste relazioni di lungo corso, contratte attraverso i contratti enfiteutici, ritraggono gli interessi e la posizione preminente che il gruppo parentale ebbe anche in quest’area. Ancora Ugo, dodici anni più tardi, organizzò la porzione delle sue proprietà situate nella pieve di S. Martino in Gorgo, settore più settentrionale del Saltopiano, nel Ferrarese76. Oltre agli appezzamenti di terreno, una componente rilevante del bene in oggetto era composta dalle peschiere e dai corsi e canali d’acqua navigabili. Il contratto prevedeva, infatti, il controllo da parte dei coloni anche di questo tipo di pertinenze, fatta eccezione della ripa de Madrara77 e della ripa della Gaibana, due ripae di comunicazione fra le varie terre, che dovevano generare anche introiti mediante i tributi di passaggio ai quali il marchese non volle rinunciare. Nel 1064, infine, il conte Alberto I si occupò del fondo Siviratico nel settore del Saltopiano bolognese78, come abbiamo visto area patrimoniale hucpoldingia dalla metà del secolo X, concedendo in enfiteusi una terra aratoria a Pietro detto Pagano del fu Gotofredo da Sancto Venanzio79, esponente di una importante famiglia con basi fondiarie nel Saltopiano e detentrice di parte dei diritti relativi alla stessa chiesa di S. Venanzio di Galliera80.

  • 81   Località sul crinale fra le valli di Setta e Reno, non lontano da Panico, nel comune di Marzabott (...)
  • 82Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 210-213, doc. 101; la località era situata pre (...)
  • 83   L’indicazione testuale non permette l’identificazione precisa del personaggio, potrebbe trattarsi (...)
  • 84   L’ipotesi di Paola Foschi che Bonando possa aver sposato in seconde nozze la contessa Willa, una (...)

36Si è detto poc’anzi che il patrimonio del monastero di Musiano non fu ampliato dai fondatori in maniera significativa fino agli ultimi decenni del secolo XI, che videro un’inversione di tendenza rispetto ai comportamenti tenuti in precedenza. Una donazione del 17 febbraio 1061 sembra, tuttavia, considerare beni appartenuti alla parentela, che da quel giorno entrarono a far parte del patrimonio monastico. I cinque figli del fu Bonando da Caprara81, Lamberto, Bonvicino, Ugo, Raginerio e Azo, donarono la loro parte della chiesa di S. Salvatore sita in località Betholetho con le decime, le primizie, le terre colte e incolte, le vigne e i castagneti, le oblazioni e i diritti di sepoltura a essa pertinenti82. Sebbene i donatori non esplicitino a quale titolo detenessero questi beni, l’invocazione di clemenza per l’anima del marchese Ugo, la presenza patrimoniale degli eredi del conte Adalberto nelle confinazioni83 e il castello di Pianoro quale luogo di stipula dell’atto, sono tutti indizi che indicano l’esistenza di un legame fra il detto Bonando e il marchese, probabilmente di ordine vassallatico84.

  • 85   Cfr. Zagnoni, Il monastero cit., p. 84 sg.

37Possiamo dunque aggiungere al quadro patrimoniale fin qui delineato anche questo settore della montagna bolognese, fra le valli del Reno e del Setta, che si sarebbe rivelato centrale nel radicamento territoriale del ramo dei Conti di Panico dalla fine del secolo XI. Osserviamo, inoltre, quale rilevante fattore di continuità e solidità patrimoniale che il monastero di S. Bartolomeo mantenne da quel momento il controllo della chiesa di S. Salvatore delle Bedolete per svariati secoli, fino all’epoca moderna85.

38Per completare la descrizione del patrimonio così come si configurò intorno ai decenni centrali del secolo XI, dobbiamo occuparci, da una parte, nuovamente del settore più orientale della pianura e della montagna bolognesi; dall’altra, rivolgerci ancora una volta a settentrione, verso la pianura e i corsi d’acqua del Ferrarese.

  • 86   Si tratta di quella vasta porzione appenninica costituita dalle valli dei fiumi Reno, Setta, Save (...)
  • 87   Cfr. Cap. 3.2.
  • 88Carte dell’Archivio Arcivescovile di Pisa cit. vol. i, pp. 260-264, doc. 102. La carta dovette pe (...)
  • 89   Maginfredo si impegnò a cedere una metà del castello e della corte di Scanello – attuale frazione (...)
  • 90   La parte di patrimonio spettante a questo Bonifacio di Enrico si articolava in prevalenza presso (...)

39Iniziamo a considerare le valli appenniniche orientali, fra i fiumi Reno e Santerno86, che abbiamo già visto al centro dell’interesse del gruppo parentale. Nel corso dell’analisi prosopografica abbiamo già considerato il documento del 27 marzo 103487: in quella data fu sottoscritto a Mantova un accordo fra il marchese Bonifacio di Canossa e Maginfredo figlio di Ubaldo per risolvere la disputa per l’eredità del loro avo comune Adimaro88. I due in quest’occasione si accordarono nello stipulare due vendite da presentare il successivo 25 aprile nel castrum di Massumatico, al cospetto di un’assemblea di giudici presieduta dal conte Ugo II, loro cugino. Quel giorno i giudici avrebbero stabilito quale carta di vendita sarebbe stata da considerare valida89. Il terzo protagonista dell’intesa è Bonifacio figlio di Enrico, anch’egli nipote di Adimaro e quindi destinatario di una quota dell’eredità90.

  • 91Lazzari, Comitato cit., p. 97 sg.
  • 92   Ancora nel corso del secolo XII i discendenti di Maginfredo di Ubaldo contrastarono la chiesa pis (...)

40Il patrimonio copriva nel complesso una vasta zona entro le cinque valli appenniniche bolognesi, che coincideva in larga parte con quell’area amministrativa denominata iudiciaria Mutinensis o distretto di Brento91, di cui abbiamo già rilevato l’importanza nella costituzione patrimoniale del gruppo. In particolare, i beni più preziosi che sembrano attrarre maggiormente le parti coinvolte sono le fortificazioni e gli appezzamenti agricoli di Scanello e Monterenzio fra le valli del Savena e dell’Idice92.

  • 93Antiquitates cit., vol. v, col. 615 sg. La carta, al momento dell’edizione muratoriana, era conse (...)
  • 94   Si tratta della pieve di S. Giorgio in Tamara, situata a est di Ferrara ora frazione di Copparo ( (...)
  • 95   Non abbiamo altre informazioni su questo Almerico. Potrebbe trattarsi del marchese Almerico II, v (...)
  • 96   La pieve doveva trovarsi non lontana dall’attuale Trecenta, in provincia di Rovigo; cfr. A. Casta (...)
  • 97Le carte ferraresi cit., p. 180, doc. 60; sulle vicende di Ardizzo e il suo legame vassallatico c (...)
  • 98   Cfr. Cap. 4.1.

41Spostandoci, ancora una volta a nord, al confine del Saltopiano fra Bolognese e Ferrarese, possiamo considerare, dopo la metà del secolo XI, quali esiti raggiunse la presenza patrimoniale più che secolare del gruppo parentale. Il 14 febbraio 106293, il vescovo di Ferrara Rolando investì il conte Ugo III titulo atque investitura benefici dei diritti su due pievi della zona e sulle decime da riscuotere negli insediamenti vicini94. A tutto ciò, il vescovo aggiunse all’investitura anche i beni donati quello stesso giorno dal conte, di cui non è rimasto il documento relativo, che gli derivavano dall’eredità di un certo Almerico nei comitati di Ferrara e Gavello95. Lo stesso conte Ugo ebbe rapporti positivi anche con il successivo vescovo di Ferrara, Graziano, che nel 1077 gli concesse in feudo la pieve di S. Giorgio in Lavino96, appena ricevuta da un vassallo minore di nome Ardizzo97. Le località citate, il cui controllo signorile fu in questi decenni affermato e riconosciuto formalmente dall’istituzione più influente nella zona, erano già comprese da tempo nei settori territoriali dove il gruppo parentale sviluppò la propria presenza patrimoniale98.

  • 99   BNF, Nouv. Acq. Lat. 2573, fol. 22, n. 23.
  • 100   Cfr. Cap. 6.5.
  • 101   In questo stesso periodo, inoltre, riaffiorò in un diploma che l’arcivescovo ottenne da Enrico IV (...)

42A margine di questi sviluppi patrimoniali possiamo collocare la relazione enfiteutica che Adelaide, figlia del marchese Ugo II, e suo figlio Adalberto IV strinsero con l’arcivescovo di Ravenna Guiberto nel 107499. I due ricevettero dal presule un vasto ammontare di beni soprattutto agricoli, pari a quanto ebbe e detenne dalla stessa chiesa ravennate un certo Frederone, nei comitati e nelle diocesi di Bologna e Ferrara. Particolarità del contratto, oltre all’estrema vaghezza dei beni concessi, è la presenza della formula di esclusione per la subconcessione nei confronti degli eredi di Adalberto II100. Questa dovette essere inserita dall’arcivescovo a scopo cautelativo nei confronti di possibili usurpazioni da parte dei parenti stessi della donna101. La mancanza di qualsiasi riferimento al marito di Adelaide non permette di chiarire la sua posizione in riferimento alla compagine parentale. Tuttavia, il rapporto enfiteutico stretto con l’arcivescovo e la sua presenza a Ravenna per la stipula del contratto potrebbero indicare l’inserimento della donna in ambito esarcale e, sul modello dei suoi avi, il suo matrimonio con esponenti delle aristocrazie ravennati, forse il medesimo Frederone.

  • 102   Si tratta dell’arcivescovo di Ravenna, dell’abbazia di Nonantola e, da ultimo, del vescovo di Fer (...)

43È evidente che in questa specifica area di pianura gli interlocutori patrimoniali del gruppo furono sempre ecclesiastici102, a differenza del resto del territorio bolognese. Con il passare dei decenni, infatti, pur cambiando soggetti di riferimento, gli esponenti hucpoldingi non smisero mai di ricercare la legittimazione della loro presenza nei medesimi luoghi, aiutandosi, quando possibile, con la preminenza sociale che riuscirono a raggiungere in seno alla corte del regno.

  • 103   Cfr. Cap. 2.2.

44Nei decenni in cui gli Hucpoldingi si adoperarono nella gestione della propria ricchezza fondiaria, non tutti gli esponenti del gruppo allargato presero parte attiva alla conduzione delle proprietà, rimanendone in sostanza esclusi. È questo il caso di Lamberto, figlio di Ermengarda e nipote di Adalberto I. Nato dall’unione della figlia del conte con il vescovo bolognese Giovanni103, egli dispose di alcune proprietà fondiarie, prossime ai beni del gruppo parentale materno.

  • 104Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 43-45, doc. 20.
  • 105Lazzari, I “de Ermengarda” cit., pp. 604-606.
  • 106   Oltre a constatare la quasi totale mancanza di rapporti fra il cenobio e il gruppo, un valido str (...)
  • 107   Nel 1015 Lamberto alienò a Pietro di Benedetto una terra arativa e vitata, posta oltre il fiume S (...)

45Attivo agli inizi del secolo XI, Lamberto si occupò di proprietà situate presso il monastero bolognese di S. Stefano e in alcune località della pianura prospiciente la città. Le due clusure di terra donate nel 1017 allo stesso cenobio sono ascrivibili con una certa sicurezza al patrimonio che egli dovette ereditare dalla parentela paterna: la donazione fu disposta, infatti, oltre che per il beneficio delle anime di Lamberto stesso, dei suoi parenti e del vescovo Giovanni, anche per restaurare la chiesa di S. Stefano104. Il monastero bolognese già dal secolo precedente era al centro degli interessi del gruppo parentale originato dal duca Petrone105, dimostrandosi poi nel corso del secolo XI apertamente ostile al gruppo hucpoldingio106. Ciononostante, i dati riguardanti le operazioni patrimoniali che Lamberto concluse nel 1015 e nel 1021 non consentono di escludere la provenienza dei beni in oggetto dalla parentela materna. Ambedue gli appezzamenti concessi in enfiteusi, posti nelle località Arcoveggio e Marano, sono infatti inseriti fra le proprietà «fratris et consortibus meis [i.e. di Lamberto] qui supra dominacionis»107.

  • 108   La clausola di esclusione dalla subconcessione del bene dato in enfiteusi, presente nell’atto del (...)
  • 109   La carta alla quale si fa riferimento è allegata allo studio citato Lazzari, I “de Ermengarda” ci (...)

46Data la vicinanza delle terre che gli Hucpoldingi detenevano a nord di Bologna, presso Funo, e nella pianura a nord-est, intorno a Budrio, i fratelli e i consorti citati potrebbero anche essere identificati con i parenti della madre Ermengarda, nei confronti dei quali, a ogni modo, Lamberto rimase distante e probabilmente estraneo108. Ciononostante una sostanziale prossimità patrimoniale, anche se mai confermata in maniera esplicita dai documenti, è riscontrabile considerando la dislocazione dei beni dei discendenti di Lamberto, soprattutto nel settore di pianura a nord della città. La carta in calce allo studio di Tiziana Lazzari, svolto sulla discendenza di questo personaggio, mette infatti in luce la compresenza patrimoniale in località fin qui citate, quali Lovoleto, la pieve di S. Maria in Duno, Argelato, Fiesso e Zola Predosa109.

  • 110Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. ii, pp. 784-787, doc. 391. I beni sono situati nelle (...)
  • 111   Tiziana Lazzari non lo comprende nella sua ricostruzione; Sesto è tuttavia segnato nella carta de (...)

47La mancanza di relazioni con il monastero di S. Bartolomeo di Musiano conferma senz’altro l’estraneità di Lamberto e dei suoi discendenti nei confronti del gruppo materno. A tale proposito un trasferimento patrimoniale del 1089 pone qualche difficoltà interpretativa soprattutto a causa dell’incertezza genealogica. In quell’anno, Pasquale figlio della fu Remengarda e alcuni suoi parenti concessero a S. Bartolomeo di Musiano diversi beni posti nella pieve di S. Ansano del Pino e nella corte di Sesto, in particolar modo la loro parte della chiesa di S. Andrea e del castello ivi eretto110. Le scarne indicazioni fornite dalla carta non permettono di includere con sicurezza Pasquale fra i discendenti di Lamberto111.

  • 112   Per le relazioni fra i discendenti di Lamberto e il cenobio bolognese cfr. Lazzari, I “de Ermenga (...)

48L’importanza economica e militare dei beni donati e la loro notevole vicinanza a Musiano e ai centri di potere degli Hucpoldingi non sono tuttavia trascurabili. Si potrebbe perciò delineare la provenienza materna di queste proprietà, trasmesse poi per via ereditaria da Lamberto ai discendenti. Inoltre la donazione della propria porzione di patrimonio da parte di Pasquale a favore di Musiano potrebbe essere intesa da un lato come mitigazione dei rapporti fra i discendenti di Lamberto e l’abate del cenobio, in quegli anni più autonomo; dall’altro come il recupero, concretizzato dall’abate, di una parte dei possessi dei fondatori. Nonostante questo ipotetico avvicinamento a S. Bartolomeo, non possiamo che considerare fondante per Lamberto e per i suoi discendenti la precisa scelta patrimoniale e politica di favorire il cenobio di S. Stefano, già al centro degli interessi del gruppo parentale di Petrone e punto di riferimento dei vescovi della chiesa bolognese e dei gruppi aristocratici a loro vicini112.

6.3 Terre, uomini e castelli tra i secoli X e XII

  • 113   Cfr. Cap. 1.3.
  • 114   Simone Collavini mostra come per superare fasi di disgrazia politica la salvezza e il rilancio de (...)
  • 115   Cfr. Cap. 3.1.

49L’esposizione delle attestazioni e delle vicende patrimoniali fin qui affrontata rileva con chiarezza alcuni elementi, sui quali è opportuno formulare qualche considerazione. Il materiale archivistico superstite restituisce una sostanziale continuità delle presenze patrimoniali che non dovettero subire né incrementi significativi, né perdite rilevanti per almeno un secolo, dopo l’ultima acquisizione del 958. Inoltre, dopo il diploma del 962, non possediamo per l’area bolognese alcun atto di legittimazione da parte del potere pubblico a favore dei possessi hucpoldingi. Evidentemente questa mancanza non si tradusse per lungo tempo in reali difficoltà di tenuta patrimoniale. D’altronde, nelle difficoltà politiche che gli Hucpoldingi affrontarono nei primi decenni di radicamento patrimoniale – ovvero negli anni travagliati del regno di Ugo di Provenza113 – possiamo individuare in nuce le pratiche e le strategie alla base della vitalità e dell’ampiezza d’azione che caratterizzarono il gruppo nel periodo successivo114. La situazione dovette cambiare al mutare del quadro politico generale a partire dagli anni Ottanta del secolo XI115.

  • 116Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 427-430, doc. 210; la conferma contiene anche (...)

50Le presenze patrimoniali nella pianura bolognese si componevano di proprietà fondiarie, dei diritti di passaggio, del controllo del traffico fluviale e del possesso dei centri rurali fortificati, spesso contigui agli edifici religiosi predisposti alla cura d’anime. La presenza e il radicamento nel settore occidentale fra S. Giovanni in Persiceto e la pieve di S. Vincenzo di Galliera, il cosiddetto Saltopiano, erano probabilmente espressione ed evoluzione degli interventi legati all’ambito pubblico di quel territorio. Mentre per la frazione di pianura a sud di Persiceto, fra Modena e Bologna non abbiamo attestazioni in seguito alla permuta con l’abbazia di S. Silvestro di Nonantola e ai rapporti allacciati con i Canossa, i possessi nelle aree agricole e paludose lungo il Po fra Bolognese, Ferrarese e Rodigino derivarono da relazioni spesso positive con le maggiori istituzioni religiose attive in quella frazione di territorio. Una buona parte delle proprietà individuate a nord di Bologna, fra le pievi di S. Marino di Lovoleto e S. Giorgio di Piano, doveva provenire dal patrimonio della chiesa ravennate, di cui l’enfiteusi del 958 testimonia l’istaurarsi di rapporti vassallatici, protrattisi anche nel secolo seguente. Nel corso del secolo XI, poi, parte di quelle terre furono donate dal marchese Ugo II e poi confermate dal figlio Alberto a favore della canonica bolognese116.

  • 117   Ivi, p. 430: «Et licitum sit vobis vestrisque [successori]bus dominacione pro his [i.e. su quelle (...)
  • 118   Del resto risalgono a pochi anni prima altre attività del conte Alberto in quell’area, quando nel (...)

51Dalla seconda metà del X al 1074, la presenza parentale nella zona dovette svilupparsi con precisi intenti di controllo e di gestione dei beni materiali e delle persone che lavoravano quelle terre. Sebbene infatti la conferma dei sei terreni della corte di Funo a favore dei canonici avesse anzitutto scopi religiosi, Alberto I inserì anche una clausola per il rinnovo della concessione medesima117: una contraddizione giuridica che, mutuando una caratteristica propria delle enfiteusi, doveva mirare alla salvaguardia della proprietà eminente sui beni da parte dell’hucpoldingio. Egli affermava così la propria autorità e preservava ancora al gruppo una tangibile influenza su quei beni118.

  • 119   Costituisce un problema aperto la falsa donazione del marchese Ugo I all’abbazia di Marturi del 9 (...)
  • 120   Cfr. Fasoli, Il dominio cit., pp. 134-138.

52In quest’area di pianura a nord della via Emilia, il gruppo non controllò mai una rete coerente di centri di potere per affermare e rafforzare la propria egemonia119. Esclusi i limitati trasferimenti agli enti religiosi, gli Hucpoldingi mirarono alla gestione delle molte proprietà fondiarie coordinando un folto gruppo di vassalli e intermediari locali. In questa situazione, le relazioni enfiteutiche costituivano dunque un valido strumento per controllare in modo diretto notevoli porzioni patrimoniali, imitando la politica degli arcivescovi ravennati che fra i secoli X e XI costruirono in questo modo ampie e solide reti relazionali con i gruppi aristocratici locali120, fra cui gli stessi Hucpoldingi.

  • 121   Cfr. Cap. 8.4.
  • 122   Nella documentazione bolognese del secolo XI emergono sette individui con il titolo di vicecomes; (...)

53Insieme ai rapporti enfiteutici considerati in precedenza rileviamo altresì solidarietà più esplicitamente vassallatiche, contraddistinte dall’uso del titolo di vicecomes, inteso tuttavia come titolo scevro di implicazioni pubbliche e coerente all’uso che gli Hucpoldingi facevano a loro volta del titolo comitale121. Sono quindi attestazioni in prevalenza patrimoniali a indicarci i collegamenti fra questi personaggi e i membri del gruppo, in particolare nei decenni centrali del secolo XI, all’epoca cioè del marchese Ugo II122.

  • 123   Nel 1038 è attestato in una confinazione nei pressi della pieve di Budrio dei SS. Gervasio e Prot (...)
  • 124   Ivi, vol. i, pp. 138-140, doc. 65; pp. 246-248, doc. 119; pp. 323-325, doc. 158; pp. 433-435, doc (...)
  • 125Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. ii, p. 874 sg., doc. 437.
  • 126Antiquitates cit., vol. i, col. 855: la sua sottoscrizione viene subito dopo quella dei figli del (...)
  • 127Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 196-198, doc. 94.

54Nell’area di Galliera e in prossimità del castello di Budrio i possessi hucpoldingi risultano contermini agli interessi patrimoniali del vicecomes Binbo, di cui non abbiamo altre informazioni se non la continuità patrimoniale degli eredi123. Negli stessi settori patrimoniali emerge anche la figura del vicecomes Ungaro, unico fra questi personaggi a essere attestato con più regolarità nella documentazione: cinque confinazioni patrimoniali a lui riferite permettono di localizzare il suo patrimonio e quello dei suoi eredi entro le pievi di Budrio, S. Giovanni in Triario e S. Vincenzo di Galliera124. Ancora nel medesimo settore, entro la pieve di S. Stefano in Claterna, rileviamo gli interessi di altri due personaggi, entrambi in riferimento alla massa Ellerario, nella quale Ubaldo IV deteneva varie proprietà di cui diremo tra poco. Enrico vicecomes ricoprì il ruolo di investitor nel contratto stipulato dal conte125, mentre Walfredo comessarius del fu Ildebrando, esponente del seguito signorile presente a Musiano nel 1056126, possedeva proprio in quella località dei beni in comune con il fratello Benno127.

  • 128   Il tabellio Pietro Migaranenses è rogatario del documento di Ubaldo IV del 1082 citato poc’anzi. (...)
  • 129   La carta risale al 1085: ivi, vol. ii, p. 687 sg., doc. 342.

55Gli interessi patrimoniali e le relazioni vassallatiche fin qui considerate sono ulteriormente valorizzate dalla constatazione che solo in questa specifica zona ritroviamo fortificazioni ascrivibili con sicurezza al gruppo per l’intera area della pianura bolognese. Il castrum di Migarano, situato poco più a sud di Budrio, fu un possesso del gruppo ancora per tutto il secolo XI, rivestendo una certa importanza in ambito locale grazie alla chiesa di S. Nicola, eretta al suo interno, e al personale notarile in esso attivo128. Una confinazione patrimoniale nei pressi della località Castellioni, a nord di Budrio, permette poi di avanzare l’ipotesi che i membri del gruppo possedessero anche le strutture difensive attestate dal medesimo toponimo129.

  • 130   Nella pieve di S. Gervasio in Lepediano, attuale Pieve di Budrio, il conte Adalberto II ebbe dei (...)

56Per quanto riguarda invece il più volte citato castello di Budrio, non disponiamo di alcun elemento utile a stabilirne il possesso diretto da parte degli Hucpoldingi o di qualcuno dei vicecomites citati. Tuttavia, la notevole quantità di indicazioni patrimoniali relative alle sue vicinanze autorizza, con cautela, l’ipotesi del controllo parentale, o per conto terzi, dell’insediamento fortificato. Proprio nei pressi della fortificazione, nel settore più orientale della pianura bolognese, si trovava un rilevante nucleo di proprietà intorno all’insediamento fortificato di Budrio130.

  • 131Lazzari, Comitato cit., p. 85 sg.
  • 132   Cfr. N. Alfieri, La via Flaminia «minore», in La viabilità tra Bologna e Firenze cit., pp. 95-101 (...)
  • 133   Sul significato di questa espressione cfr. G. Sergi, «Aree» e «luoghi di strada»: antideterminism (...)

57L’intervento parentale in questo ambito non sembra riconducibile alla sfera degli uffici pubblici assunti dal gruppo, piuttosto può riallacciarsi agli sforzi di controllo rivolto in particolare alle vie di comunicazione nella bassa pianura e, soprattutto, verso i passi appenninici. Proprio nei pressi di Budrio doveva infatti transitare la già citata via Flaminia minor che collegava la pianura bolognese orientale al versante toscano131, dal quale attraverso la valle dell’Idice e il Casentinese – passando per il monastero di Capolona fondato dal marchese Ugo di Tuscia – si poteva giungere ad Arezzo132, centro urbano fondamentale per la parentela per tutto il secolo X. L’influenza irradiantesi da quest’area di strada133, sommata all’estensivo possesso fondiario in varie zone del territorio, contribuì dunque all’espansione dell’area di potere sotto il controllo hucpoldingio a cavallo fra Toscana ed Emilia.

  • 134   Il possesso fondiario rappresentava nel medioevo il primo e necessario requisito per raggiungere (...)
  • 135   Per la funzione dei castelli come centro relazionale del potere signorile cfr. ivi, p. 66 sg.

58Le forme di radicamento sul territorio e i metodi dell’imposizione signorile si configurarono in maniera molto diversa nel settore appenninico a sud di Bologna, dove nella porzione orientale la presenza patrimoniale ebbe con buona probabilità una matrice pubblica, originatasi a partire dagli interventi regi degli anni fra i secoli IX e X. Il radicamento, in seguito, si strutturò maggiormente accostando alle molte proprietà fondiarie, basi ineludibili del potere134, un complesso di fortificazioni castrensi collocate fra basso e medio Appennino135: oltre ai quattro castelli di Brento, Barbarolo, Montecerere e Gesso, punti cardine della circoscrizione pubblica postcarolingia, rileviamo il possesso dei castelli, per citare quelli certi, di Gorgognano, Pianoro, Scanello, Monterenzio e Pizzocalvo, quest’ultimo il più vicino alla città di Bologna.

59Quest’area costituì il territorio di più pronunciato dominio signorile, dove i molti centri incastellati lungo le valli appenniniche rappresentavano l’elemento fondamentale nella costruzione signorile hucpoldingia. Intorno a essi si articolavano reti di relazione ampie e molto attive sul territorio, formate da vassalli e fedeli. Il quadro si completa accostando alle fortificazioni anche l’altro fondamentale elemento organizzativo dato dagli Hucpoldingi al territorio: il monastero di Musiano, luogo cardine per il ramo bolognese per almeno due secoli.

  • 136Foschi, Il patrimonio cit., p. 102.
  • 137   Per il significato simbolico che i diritti di mercato assumevano in ottica signorile cfr. Cap. 7. (...)

60La documentazione in nostro possesso illumina in modo particolare la situazione delle valli dei fiumi Reno, Savena e Idice, attribuendo grande importanza ai percorsi viari che dalla pianura bolognese salivano verso la Toscana in direzione di Firenze e Arezzo. Abbiamo già considerato come dal centro fortificato di Budrio, l’antica Flaminia minor giungesse ad Arezzo attraverso la valle dell’Idice e il Casentinese. Inoltre, su una strada di collegamento che connetteva la Flaminia alla parallela via dello Stale136, fu istituito l’Eigenkloster di S. Bartolomeo, dove, anche grazie al mercato, si attraeva il flusso di persone che transitava per quei percorsi137.

  • 138   Su queste due pievi cfr. Le pievi cit., pp. 396 sgg., 432 sgg.

61All’ambito territoriale in cui sorgeva il monastero corrispondeva anche una notevole densità di castelli controllati direttamente dal gruppo, che dunque in quell’area fra Savena e Idice, doveva esercitare un più intenso controllo sulle persone. È interessante notare che l’organizzazione territoriale data attraverso questi castelli non ricalcava, almeno nella dislocazione dei centri di potere, la precedente struttura territoriale concepita dai re italici nella costituzione del settore appenninico della iudiciaria Mutinensis. Solo due dei quattro centri definiti pagi alla fine del secolo IX, cioè Barbarolo e Montecerere, mantennero anche nei secoli successivi una notevole rilevanza insediativa, poiché divennero sede di chiese pievane138. Il gruppo preferì invece stabilirsi in centri fortificati posizionati più a valle, in prossimità degli assi viari principali che permettevano un collegamento più diretto con il versante toscano.

  • 139   Come detto pocanzi, il castello detto Panicale era situato nelle vicinanze dell’odierno Pianoro; (...)
  • 140Le carte bolognesi del secolo X cit., pp. 47-49, doc. 9.
  • 141   Oltre a redigere il livello entro il castello e a detenere proprietà presso di esso, la coppia si (...)
  • 142   Ivi, pp. 51-55, doc. 11. Nell’actum finale si legge actum in predicto vico Panigale; tuttavia non (...)
  • 143Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. ii, pp. 707-709, doc. 352. Un altro personaggio di no (...)

62Il primo insediamento fortificato di cui abbiamo notizia è il castello di Panicale nella pieve di S. Giovanni in Gorgognano, situato sulle colline tra i corsi del Savena e del torrente Zena139. La prima attestazione del castello risale al 976 quando al suo interno fu rogato un livello, relativo a una terra collocata in monte super castello, concesso da un certo Bernardo detto Berno e dalla moglie140. Grazie ai dati offerti dal documento141, possiamo stabilire un probabile legame fra la coppia e il conte Adalberto II, che proprio dal medesimo castello dispose cinque anni dopo la fondazione del monastero di Musiano142. L’insediamento fortificato dovette costituire un importante centro di residenza per il gruppo al principio della seconda metà del secolo X. In seguito, benché il castello avesse perduto di importanza a favore del vicino insediamento di Pianoro, la zona di Gorgognano e la sua pieve rimasero ancora a lungo sotto il controllo hucpoldingio, come attesta la presenza di Vuinibaldo de Gargognano tra i fedeli che presenziarono a fianco del conte Uberto nel 1085143.

63Il castello di Pianoro, posizionato più a valle a poca distanza da Musiano, divenne già alla fine del secolo X il vero centro di dominatus loci in questo specifico ambito territoriale. Il castello fu, infatti, la residenza preferita dai membri del gruppo nel corso del secolo XI, nonché il centro nodale per le relazioni con gli uomini del seguito hucpoldingio attivi nella società locale.

  • 144Le carte bolognesi del secolo X cit., pp. 88-92, doc. 26.
  • 145Le carte del monastero di S. Maria cit., vol. i, pp. 52-55, doc. 19.
  • 146Benati, Il Saltopiano cit., p. 343.
  • 147Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, p. 26 sg., doc. 12.

64Il primo esponente a mostrare interessi in relazione a Pianoro è il vescovo Everardo che nella carta del 979 escluse dalla transazione quanto in precedenza dato per cartulam a un certo Liutardo «qui et Azo abitator in Planoro»144. Il vescovo dunque ebbe delle terre in quei luoghi e ne affidò la gestione a un esponente della società locale. Nel 1009 Bonifacio II, figlio del fondatore di Musiano, licenziò una donazione a favore della Badia fiorentina proprio da quel castello145. Le sottoscrizioni all’atto attestano dunque alcuni degli uomini al seguito del marchese, con ogni probabilità residenti e attivi nei pressi della stessa località di Pianoro: la prima firma autografa è quella di Tommaso dativus – qualifica di tradizione latina in uso nelle zone esarcali della iudiciaria Mutinensis per indicare gli scabini146 – che probabilmente assolveva anche funzioni giudiziarie entro il circuitus castri; la seconda sottoscrizione autografa è di Pietro di Acio, seguita poi da quattro signa manuum di altri personaggi non altrimenti conosciuti. Tra i fedeli del gruppo possiamo contare anche un’intera famiglia di Pianoro, formata da Alberto di Lamberto de Planorus e dai suoi tre figli Garardo, Aldrevando e Lamberto, che nel 1011 ricevettero in enfiteusi vari appezzamenti di terreno nelle vicinanze del castello dalla contessa Bertilla147. Dati i casi citati, possiamo concludere che le persone residenti entro la fortificazione appenninica facessero spesso parte delle clientele degli esponenti hucpoldingi, a prescindere dal preciso ambito d’azione politica di ognuno.

  • 148Antiquitates cit., vol. i, col. 855.
  • 149   Feo, Per l’edizione cit., p. 40.
  • 150Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 210-213, doc. 101.
  • 151   Feo, Per l’edizione cit., p. 39.
  • 152Le carte bolognesi del secolo X cit., p. 54.

65Il vicecomes Pietro del fu Ugo, presente a Musiano alla liberazione del 1056148, fece probabilmente parte di questo gruppo di persone. Benché non si conservi di lui alcuna informazione patrimoniale, il suo titolo e la prossimità alla contessa Willa e ai suoi figli permette di avanzare l’ipotesi che egli avesse qualche tipo di responsabilità sul castello hucpoldingio più importante della zona, oltretutto luogo di residenza della serva liberata in quell’occasione. Insieme a lui dovette svolgere le sue mansioni il tabellione Sichizo del fu Azo, estensore di quella stessa carta del 1056, che fu attivo esclusivamente presso Pianoro tra gli anni Cinquanta e Ottanta del secolo XI149. Fu lui, infatti, a redigere l’atto dei figli di Bonando da Caprara che nel 1061 giunsero al castello del loro signore defunto, Ugo II, per donare a intercessione della sua anima150. È probabile che Sichizo fosse originario di Vinti, una località nei pressi di Pianoro che faceva parte della prima dotazione del monastero di Musiano, come dimostrerebbe la completio del figlio: Raginerio filius Sichizi de Vinti operò presso il cenobio nel corso degli ultimi due decenni del secolo151. Fra i vari documenti da lui redatti contiamo anche la prima copia della carta di fondazione di S. Bartolomeo, richiesta dai monaci nel 1097152.

  • 153   La trascrizione della carta è compresa in Petracchi, Della insigne cit., p. 97 sg.
  • 154   Lo stesso Raginerio, citato poc’anzi e attivo nel medesimo ambito territoriale, è attestato con e (...)
  • 155   Feo, Per l’edizione cit., p. 29.

66Ancora alla fine del secolo XI un altro notaio di Pianoro di nome Giovanni fu strettamente legato alla contessa Beatrice: in qualità di messo della donna, nell’ambito di una compravendita con il monastero di Musiano, valutò con la controparte il prezzo dei beni oggetto della transazione153. Giovanni potrebbe essere anche lo stesso estensore della carta di vendita, benché nella sottoscrizione il rogatario si firmi ego Iohannes tabellio. Non essendo del tutto inusuale a queste altezze cronologiche che la stessa persona si definisca al contempo notarius e tabellio154 – oltretutto in un diverso contesto come quello dell’incarico di missus – possiamo proporre l’identificazione di questo notaio con l’omonimo tabellione attivo esclusivamente presso Pianoro negli anni Novanta del secolo XI155.

  • 156   Un terzo castello che forse nel corso del secolo X era controllato dal gruppo è quello di Sesto n (...)
  • 157   La pieve è situata sulla collina rocciosa fra i torrenti Idice e Zena: Le pievi cit., p. 419.
  • 158   Per le attestazioni del castello di Zena cfr. P. Foschi, Castelli e fortificazioni nel Bolognese: (...)
  • 159   Il notaio Teucio de castro Gene copiò presso Pianoro un atto di vendita compiuto dal conte Uberto (...)
  • 160   L’enfiteusi citata in precedenza del 1054 fu redatta in castro qui dicitur Pigicalvoli: Francesch (...)
  • 161   Per questa discendenza cfr. Lazzari, Comitato cit., p. 200 sg.
  • 162   Archivio Abbaziale di Nonantola (=AAN), Pergamene, IX, 75.
  • 163Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 418-420, doc. 205.

67Nelle vicinanze di Pianoro, lungo il corso del torrente Zena, possiamo contare altri due castelli156. Non lontano dalla pieve di S. Maria di Zena157, il gruppo doveva possedere un castello158, da cui provenne un altro notaio attivo alla metà del secolo XII sempre presso Pianoro159. Posizionato invece sulle prime alture collinari, molto più vicino alla città, si trovava il castello di Pizzocalvo, che fu una delle residenze del marchese Ugo II160. Nella seconda metà del secolo XI il castello fu gestito da una famiglia denominata domini de Poiocalvuli con ogni probabilità legata al marchese e ai suoi figli161, i quali tuttavia mantennero ancora a lungo interessi patrimoniali presso il castello come attesta la carta del conte Uberto del 1130162. La stessa famiglia di domini è attestata nel 1074 con il titolo di vicecomes riguardo il possesso di un bosco situato in una massa nella pieve di Budrio163. L’indicazione patrimoniale e l’attestazione del titolo vicecomitale, ancora una volta nel settore budriese, sembrano avvalorare l’ipotesi di notevole prossimità fra questa discendenza e il ramo bolognese hucpoldingio.

  • 164   La località conserva il medesimo toponimo, frazione di Castel San Pietro (BO). Ancora nel 1251 un (...)
  • 165Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 104-106, doc. 50. Sul gruppo familiare dei de (...)

68Ancora nel settore appenninico orientale, fra le valli dell’Idice e del Sillaro, gli Hucpoldingi possedettero i castelli di Monterenzio, Scanello e presso la località Scorticheto, che da loro prese in seguito il nome di Casalecchio dei Conti164. Come nei settori di pianura, anche in questa zona il gruppo usò lo strumento enfiteutico per comprendere nelle proprie clientele gli esponenti più in vista del luogo, come ci mostrano le relazioni fra il marchese Ugo II e i de Robiano presso la pieve di Montecerere165. Due generazioni dopo Ugo, il medesimo ambito territoriale divenne di primario interesse per i membri della parentela che cercarono di instaurare un più definito potere signorile fondato sulla residenza stabile nel castello di Casalecchio e sui rapporti patrimoniali e politici con la recente fondazione di S. Cristina di Settefonti.

  • 166   Si tratta di Fuschizo da Ceretolo presente alla carta di Alberto I del 1074 e di Sarracino da Pon (...)

69L’ultimo settore dell’Appennino bolognese in cui gli Hucpoldingi possedettero beni e soprattutto castelli è quello più occidentale, tra le valli del Setta, del Reno e del Lavino, dove, tuttavia, a causa delle poche rimanenze documentarie per i secoli X e XI dobbiamo costatare diverse zone d’ombra, difficilmente colmabili. Solo alcune attestazioni testimoniali di uomini provenienti da Ceretolo e Pontecchio possono indicare in modo sommario i caratteri della presenza signorile hucpoldingia in quest’area166.

  • 167   Il castello e la corte dovevano trovarsi presso l’attuale località di Zola Predosa (BO).
  • 168   AAN, Pergamene, VIII, 43bis.
  • 169   Cfr. Cap. 3.2.
  • 170   La questione sarà ripresa nel Cap. 6.4.

70Il maggiore indizio sull’entità dei possessi parentali a sud-ovest di Bologna è dato dalla carta di vendita del vescovo Everardo del 979, che riguardava beni allodiali in quella parte di Appennino. Fra queste proprietà figura anche il castro Cellola, quale parte fortificata dell’omonima corte167. Solo nel 1094 ritroviamo Alberto II presso il medesimo borgo per consolidare la ricchezza fondiaria di un suo uomo di nome Ragimberto deteneva nei pressi del vicino castello di Petrosa168. Ciononostante la contermine presenza fondiaria di Matilde di Canossa – forse acquisita proprio in virtù della sua ascendenza hucpoldingia169 – e il conseguente ingresso in quell’area patrimoniale da parte del monastero di Nonantola comportarono la graduale esclusione dei discendenti hucpoldingi da quel settore patrimoniale sulle prime colline bolognesi170.

  • 171Savioli, Annali cit., vol. i.2, p. 159 sg., doc. 100.

71Il centro di potere predominante nella valle del Reno fu senza dubbio il castello di Panico. La fortificazione, situata su una sporgenza rocciosa lungo il corso del fiume, fu con ogni probabilità la principale residenza del ramo parentale originatosi da Adalberto III che, a partire dal secolo XII, prese a identificarsi proprio con quel toponimo. Nonostante l’indubbia rilevanza, Panico non è mai menzionato nelle fonti patrimoniali del secolo XI, impedendo così un suo più organico inserimento nella costruzione signorile di questo ramo del gruppo. Solo una carta del 1116 getta una tenue luce sull’area di influenza gravitante attorno a questo insediamento fortificato: alla donazione del conte Milone presenziarono come suoi testimoni un uomo di Panico, uno di Montepastore e Bernardo vicecomes di Amola171. L’insieme di queste due località più quelle di Ceretolo e Pontecchio prima riportate suggerisce l’estensione approssimativa dell’area che dal castello di Panico si doveva irradiare su buona parte del medio Appennino bolognese, in cui questo ramo della discendenza costruì la propria egemonia.

6.4 Donare e vendere: le operazioni patrimoniali fra radicamento territoriale e dispersione dei possessi

  • 172   Cfr. Cap. 3.1.

72Le politiche patrimoniali hucpoldinge subirono un brusco cambiamento nel corso dell’ultimo ventennio del secolo XI. Se fino agli anni Settanta abbiamo rilevato l’attività diretta e costante nelle medesime aree patrimoniali, volta ad amministrare e in certi casi ad aumentare la ricchezza fondiaria, in seguito, forse anche a causa degli sconvolgimenti politici di quegli anni172, gli Hucpoldingi dovettero far fronte a un indebolimento sostanziale delle loro posizioni patrimoniali, cercando di resistere oppure di monetizzare l’allontanamento da alcuni dei loro possedimenti.

  • 173   Cfr. Lazzari, Comitato cit., p. 133 sgg.

73Sul finire del secolo contiamo cinque donazioni e tre vendite che attestano un’inversione di tendenza alquanto rilevante nella gestione del patrimonio, soprattutto se confrontata con le attività dei decenni precedenti. In queste occasioni oltretutto i discendenti del gruppo dovettero relazionarsi con alcuni monasteri bolognesi, con i quali non vi era stato alcun rapporto in precedenza. Oltre a interventi a favore di S. Bartolomeo di Musiano, constatiamo elargizioni a favore del monastero di S. Stefano e a favore della recente fondazione femminile di S. Cristina di Settefonti. In particolare, il cenobio di S. Stefano costituiva la più potente istituzione religiosa legata all’ambiente urbano bolognese173, che nonostante il trasferimento a suo favore rimase ostile al gruppo parentale anche in seguito.

  • 174   Si tratta dei sei documenti, tutti di enfiteusi, che attestano l’attività dell’abate Rodolfo: Le (...)

74Il cenobio di S. Bartolomeo di Musiano continuò a essere il fulcro patrimoniale e politico per il ramo bolognese anche in questi anni di conflitti e per buona parte del secolo XII. Gli abati, tuttavia, con il trascorrere del tempo riuscirono a guadagnarsi una cospicua autonomia nella gestione delle proprie terre nei confronti dei discendenti dei fondatori. In particolare l’abate Rodolfo, attestato nella documentazione fra il 1065 e il 1078, comprese in ogni suo contratto d’enfiteusi il preciso divieto all’enfiteuta di subconcedere il bene a favore degli eredi di Bonifacio I o di Adalberto II174, quest’ultimo fondatore del cenobio stesso. Questa clausola aveva lo scopo di evitare la dispersione e il trasferimento incontrollato di parti importanti del patrimonio monastico, prevenendo un possibile tentativo di recupero delle proprietà anche agli stessi fondatori.

  • 175   L’abate Ingezo compare nei documenti a partire dal 1088 fino al 1108. La prima menzione del succe (...)
  • 176   La clausola era così articolata: «licentia sit vobis de dare in talis hominibus qui de districta (...)

75Anche se gli abati successivi Ingezo e Agostino, non fecero un uso considerevole della formula175, essi ricorsero a un altro espediente per raggiungere il medesimo scopo, introducendo in alcune delle carte enfiteutiche il divieto completo di alienare i beni ricevuti «in ullo titulo in extranea persona». Il trasferimento del bene ricevuto in enfiteusi era ammesso solo nelle mani dell’abate in cambio della corresponsione di un giusto prezzo; solo nel caso l’abate si fosse rifiutato di pagare una cifra adeguata, era consentito rivolgersi ad altri uomini, ma solo a quelli appartenenti al districtus del monastero176, che dunque non avrebbe subito perdite patrimoniali in ogni caso.

  • 177   L’appezzamento si trovava in località Colonne nei pressi di Monte Calvo, attuale frazione di San (...)
  • 178Le carte del monastero di S. Stefano cit., pp. 306-308, doc. 171.

76Questi accorgimenti giuridici, messi in atto per evitare di perdere il controllo sulle terre date in enfiteusi, non sembrano sufficienti per poter suppore una frattura completa fra i monaci e la discendenza fondatrice. Ancora nel 1111, infatti, la prossimità patrimoniale fra gli Hucpoldingi e il monastero appare molto solida: allorquando l’abate di Musiano concesse una terra arativa situata nella corte di Monte Calvo177, questa confinava «a tribus lateribus iura comitis et supradicto monasterio» e per il quarto lato con un corso d’acqua178. Una contiguità dunque che quasi si confondeva, come d’altronde era naturale date le circostanze di fondazione del monastero, e che non fu certo percepita come pericolosa. Le transazioni disposte in quegli stessi anni da esponenti del gruppo a favore del cenobio sono, d’altra parte, una prova ulteriore della persistente qualità delle relazioni fra le due parti.

  • 179Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. ii, pp. 707-709, doc. 352; la donazione comprendeva a (...)
  • 180   Cfr. Violante, Alcune cit., p. 49 sg.

77Nel 1085 il conte Uberto donò al monastero di S. Bartolomeo la chiesa di S. Nicola situata nel castello di Migarano179. Probabilmente la donazione fu attuata nell’osservanza delle nuove disposizioni che si affermarono con la riforma gregoriana, riguardo al divieto nei confronti di persone laiche a detenere la proprietà di chiese e di monasteri180. La rinuncia ai diritti sulla chiesa da parte di Uberto, che sembra dare all’abate Giovanni un’inedita posizione di superiorità, è perfezionata dalla concessione di quattro clausure di terra poste nello stesso castello. Benché il significato prettamente economico sotteso all’operazione fosse quello di fornire il sostentamento necessario al mantenimento della chiesa e allo svolgimento degli uffici liturgici, il contratto enfiteutico consentì a Uberto di conservare una flebile posizione di preminenza che, mediante la corresponsione del canone annuo, enfatizzava la propria ricchezza fondiaria.

  • 181   La carta oggi è perduta; Savioli ne diede una trascrizione nella sua opera: Savioli, Annali cit., (...)

78Circa un decennio dopo, nel 1099, la contessa Beatrice, cugina di Uberto, nel giro di pochi mesi trasferì una grande quantità di proprietà, non meglio specificate, al monastero di S. Bartolomeo e all’abate Ingezo. La prima transazione si svolse il 7 febbraio quando la contessa, alla presenza del marito Alberto del fu Orso, donò al monastero la terza parte di una certa proprietà che le pervenne in eredità dai genitori Ugo III e Matilde, di cui in precedenza aveva trasferito le rimanenti due porzioni al marito181.

  • 182   Anche se non sono documentate attività del monastero di Musiano nel Ferrarese, potrebbe essere qu (...)
  • 183   La trascrizione dell’atto, con molte lacune e scorrettezze, è compresa in Petracchi, Della insign (...)

79Non siamo in grado di stabilire se anche in questo caso si trattasse di edifici religiosi detenuti dalla contessa, tuttavia abbiamo già rilevato come i genitori, Ugo e Matilde, ottennero in beneficio alcune pievi ferraresi, che potrebbero quindi essere state comprese nell’eredità a favore della figlia182. A ogni modo, Beatrice cedette una parte, forse cospicua, delle sue proprietà beneficiando il monastero più vicino alla parentela. L’attività della contessa proseguì nel settembre dello stesso anno, quando, trovandosi nel castello di Pianoro, vendette all’abate Ingezo tutti i suoi possessi posti all’incirca fra Monte Calvo e Pianoro, comprensivi di terre, pascoli, prati e boschi183. L’effettivo passaggio di proprietà fu inoltre reso cogente dall’alta pena pecuniaria di 3 lire d’oro, nel caso di interferenze o spoliazioni da parte degli eredi.

80Sebbene le alienazioni di alcune porzioni del patrimonio familiare siano evidenti all’analisi di questi documenti, il rapporto che continuava a intercorrere fra gli Hucpoldingi e i monaci di Musiano non permette di considerare queste cessioni come un distacco totale dalle consuete aree di influenza da parte del gruppo.

81Queste azioni rappresentano, tuttavia, un cambiamento rispetto alla gestione patrimoniale precedente. A partire dagli ultimi decenni del secolo, il monastero e il suo abate sembrano godere di una maggiore libertà d’azione patrimoniale, accompagnata da precise politiche autonome di mantenimento e organizzazione dei possessi, in questi anni oltretutto molto accresciuti. Nelle donazioni reiterate nei confronti del cenobio possiamo intravvedere la consapevolezza da parte dei donatori delle difficoltà sempre maggiori nel mantenere un controllo continuo e proficuo sulla totalità del patrimonio e, allo stesso tempo, la migliore solidità patrimoniale garantita dal monastero.

  • 184   La carta, come la precedente, è edita da Petracchi su trascrizione di una copia successiva, molto (...)
  • 185   Questo conte Traversario dovette far parte della dodicesima generazione della parentela, attivo c (...)

82L’inconveniente di questo andamento fu, appare ovvio, quello di favorire vigorosamente l’ente monastico che, col passare del tempo, dovette riuscire nel tentativo di invertire a proprio favore i rapporti di potere con i discendenti dei fondatori. Una prova di questo rovesciamento è costituita dalla convenientia redatta nel 1176, quando il conte Ranieri dovette accordarsi con l’abate di Musiano sui diritti e sui proventi legati al castello di Pianoro e ai vassalli in esso residenti, che evidentemente entrambi reclamavano come propri184. L’abate riuscì in quest’occasione a ottenere la rinuncia da parte del conte al patronato sul monastero, così come lo dovette esercitare il conte Traversario185, e ottenne inoltre il riconoscimento alla metà dei proventi e delle spese sui beni e sui diritti di placito nel castello di Pianoro. In cambio Ranieri ricevette la metà dei possessi e dei diritti avuti dal detto Traversario «de vasallis Planorii et eius castellantia».

  • 186   Cencetti considera probabile l’ipotesi che la seconda copia, realizzata su altra del 1097, sia st (...)

83Intorno alla metà del secolo XII, dunque, gli abati di Musiano riuscirono a svincolarsi dalla preminenza dei fondatori e a sostituirli parzialmente nelle loro prerogative signorili in una delle aree più importanti della loro dominazione territoriale. Non sembra un caso, inoltre, che proprio a quegli anni risalga la seconda copia della charta dotis del 981186, vergata dallo stesso notaio Girardino, estensore dell’accordo appena descritto. La volontà di autonomia e la necessità di mantenere viva la memoria della prima dotazione sembrano combaciare in queste iniziative intraprese dai monaci di Musiano, che seppero dunque sfruttare a proprio vantaggio la situazione di difficoltà in cui incorsero i fondatori sul finire del secolo XI.

  • 187   Per una visione d’insieme sul patrimonio del monastero di S. Stefano cfr. F. Bocchi, L’”azienda” (...)

84In quegli stessi anni, il ramo bolognese hucpoldingio ebbe relazioni anche con il monastero di S. Stefano. Questi rapporti rappresentano un caso totalmente isolato nella vicenda patrimoniale del gruppo, anche se sono emblematici di questi particolari decenni. Abbiamo già rilevato come il cenobio benedettino, all’immediata periferia di Bologna, avesse rappresentato un vigoroso oppositore alla presenza e alle politiche degli Hucpoldingi verso la città stessa e verso la parte del suo territorio in cui il monastero aveva i propri interessi187. Ritrovare quindi in questi anni le testimonianze di due elargizioni patrimoniali a favore di questo particolare ente monastico consente di elaborare nuove considerazioni in ordine ai comportamenti tenuti dagli esponenti della parentela hucpoldingia.

  • 188Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. ii, p. 874 sg., doc. 437. La datazione è supposta dal (...)
  • 189   Si tratta di un pegno e di quattro enfiteusi disposte da privati a favore del monastero di S. Ste (...)
  • 190   Dalla documentazione emerge in questa zona la preminente posizione di Amelfredo figlio di Ildizo (...)
  • 191   L’atto è redatto dal tabellione Pietro Migaranenses, la cui attestazione di provenienza permette (...)
  • 192   Si tratta di Gerardo e Ugo figli di Adescalco, Pietro Rusticani e Rodolfo figlio di Rustico. I du (...)

85Probabilmente nel 1082, il conte Ubaldo IV e la prima moglie Mansilda donarono al monastero di S. Stefano vari beni, fra cui un ospitale, posti nella massa Ellerario188. Benché il supporto pergamenaceo sia in condizioni pessime, le poche informazioni superstiti sono sufficienti per inquadrare questa donazione in una più ampia e significativa azione patrimoniale del monastero bolognese. A partire infatti dal 1057, con una serie di sei acquisizioni patrimoniali successive189, il monastero di S. Stefano aumentò in modo considerevole la sua presenza fondiaria nella zona della massa appena citata, posta nel settore di pianura fra la via Emilia e Budrio. In particolare l’abate Guinizo, in carica dal 1059 al 1100, riuscì mediante le enfiteusi a incamerare nel patrimonio monastico le terre e i possessi di diversi coltivatori privati190. Nel giro di un ventennio ottenne quindi una posizione egemone nella zona, che culminò infine con la donazione, in un certo modo forzata, da parte del conte Ubaldo dei suoi possessi compresi in quella massa. Le poche righe rimaste dell’atto indicano con chiarezza la subalternità e le pressioni che in quella circostanza il conte dovette subire, laddove, pur trovandosi nei pressi del proprio castello di Migarano e dunque servendosi del notaio in esso residente191, ben quattro testimoni su nove sono personaggi vicini allo stesso monastero di S. Stefano192.

  • 193   Ivi, vol. i, p. 803 sg., doc. 399.
  • 194   Il solo Martino di Vitale potrebbe essere identificato con un omonimo Martino figlio di Vitale, c (...)
  • 195   Si tratta della località di Buda, frazione del comune di Medicina, nel settore orientale della pr (...)

86Nel medesimo contesto possiamo inserire la seconda donazione del 1090193, compiuta a favore del medesimo ente monastico dallo stesso Ubaldo con il concorso, questa volta, di altri cinque personaggi, senza alcun titolo, non altrimenti conosciuti nelle carte bolognesi194. I beni donati, di cui non conosciamo i precisi connotati a causa dello stato disastroso del supporto, dovevano essere dislocati nelle vicinanze del luogo di stipula, Medicina, nella pieve di S. Maria in Buda195, dunque in continuità con i beni che il monastero bolognese acquisì con la precedente donazione del solo conte Ubaldo.

  • 196   Una breve notizia patrimoniale è contenuta in un documento del 1119, appartenente all’archivio de (...)

87Queste sono le ultime attestazioni patrimoniali del gruppo parentale in questa zona e, in complesso, le ultime nell’area di pianura del territorio bolognese196. Immaginare una perdita repentina e improvvisa della grande quantità di possessi e di proprietà fondiarie fin qui descritte non sembra verosimile; tuttavia notiamo per quest’area, e non solo, un costante e involutivo processo di frammentazione patrimoniale, avviatosi a partire dal penultimo decennio del secolo XI.

  • 197   Settefonti compare come luogo di redazione di una vendita del 1051: Le carte bolognesi del secolo (...)

88In questi anni delicati, il gruppo parentale volse la propria attenzione anche verso una recente fondazione cenobitica femminile, S. Cristina di Settefonti, situata nell’area medio-appenninica orientale bolognese, prossima quindi a località che abbiamo già collocato al centro degli interessi del gruppo. Il luogo dove il monastero sorgeva era fortificato da almeno mezzo secolo e costituì senza dubbio un rilevante punto di interesse nell’organizzazione insediativa appenninica197, fra le valli dell’Idice e del Sillaro, dove i discendenti della parentela avevano un sicuro caposaldo nel vicino castello di Casalecchio dei Conti. Nelle elargizioni patrimoniali attuate nei primi mesi di vita della comunità monastica siamo portati a intravvedere, oltre alle consuete motivazioni pie, un tentativo di collaborazione e sostentamento reciproco che tuttavia non trovò un interlocutore disposto al contraccambio.

  • 198   L’elargizione comprendeva quaranta tornature di terreni presso la chiesa di S. Giovanni in Fontan (...)
  • 199   L’arrivo delle monache a Settefonti dovette avvenire fra il 1097, anno della donazione della chie (...)
  • 200   Ivi, vol. ii, p. 915 sg., doc. 459: si tratta di una terra con frascario di dieci tornature nella (...)
  • 201Annales Camaldulenses cit., vol. iii, col. 221 sg., doc. 151. Si tratta delle attuali località di (...)

89Ancora prima dell’istituzione della comunità camaldolese, la chiesa di S. Cristina fu beneficiata dal conte Ubaldo IV198. Nel settembre del 1099, pochi mesi dopo il probabile arrivo delle monache199, anche la contessa Beatrice trasferì al cenobio alcuni beni posti nelle vicinanze in continuità con alcuni possessi200. Ancora nel 1109 il monastero ricevette un’ulteriore donazione di altre venti tornature di terreni, collocate nella vicina località di Sassonero, da Maginfredo, Ubaldo e Guido figli del domnus Guido di Maginfredo, del castello di Bisano201. Costoro appartenevano al ramo del gruppo parentale composto dai discendenti di Maginfredo di Ubaldo. I tre donarono quei terreni per la salvezza dell’anima della madre Acta, dimostrando ancora una notevole compattezza parentale, che andava oltre la sola prossimità patrimoniale.

  • 202   Per l’area toscana cfr. Cap. 5.3.
  • 203   La donazione della chiesa di S. Cristina a favore di Martino, priore di Camaldoli, e di Cuniza, b (...)

90Questi personaggi sono legati altresì al versante appenninico toscano, come d’altra parte il loro avo Maginfredo, di cui abbiamo descritto le presenze patrimoniali nel Bolognese e nell’area toscana del Mugello202. Proprio da quella zona del Fiorentino, dal monastero femminile di S. Pietro in Luco, furono inviate le monache guidate da Matilde, figlia della badessa Cuniza, per stabilire una comunità femminile camaldolese nella chiesa di S. Cristina, donata nel 1097 allo stesso cenobio di Luco203.

  • 204   Cfr. Di Pietro, Monasteri cit., pp. 265-283.

91Le elargizioni patrimoniali elencate costituivano una buona parte della dotazione che la badessa Matilde ebbe a disposizione per il sostentamento e il primo sviluppo del cenobio. Tuttavia, la badessa riuscì ad attuare una propria politica patrimoniale, in sostanza indipendente da interferenze e svincolata da qualsiasi rapporto di soggezione nei confronti dei personaggi donatori. L’esemplificazione più limpida è fornita, come nel caso del monastero di S. Stefano, dalle concessioni enfiteutiche, dove l’applicazione della formula di esclusione dalla subconcessione del bene nei confronti dei membri del gruppo parentale fu costante e senza soluzione di continuità dal 1104 al 1204204. Come abbiamo rilevato a proposito dei comportamenti patrimoniali tenuti dagli abati di Musiano, nei confronti dei quali sul finire del secolo XI il gruppo parentale non fu più in grado di esercitare un’influenza tale da controllarne la totalità delle operazioni, così il monastero femminile di S. Cristina, seppur beneficiato dalla parentela, non concesse mai la possibilità di disporre dei possessi incamerati. Non divenne mai, dunque, quel punto di riferimento che Musiano era stato per circa un secolo. Probabilmente il ramo bolognese soffrì un ridimensionamento tale, che, alle soglie del secolo XII, non era più in grado di condizionare le politiche di una comunità monastica, sebbene questa sorgesse nella vicina residenza di Casalecchio dei Conti.

  • 205Le carte del monastero di S. Stefano cit., p. 340 sg., doc. 189; per la datazione corretta cfr. M (...)
  • 206   AAN, Pergamene, IX, 75; si tratta di una pezza di terra arativa e vitata, ereditata dallo zio Uba (...)

92Ancora nei primi decenni del secolo XII abbiamo notizia di due cessioni di beni da parte del conte Uberto nei pressi delle fortificazioni di Pianoro e Pizzocalvo, in precedenza al centro delle attività signorili e patrimoniali del ramo bolognese. Nel 1114 Uberto vendette a Pietro, figlio di Verardo chierico di Pianoro, e alla moglie tutto quello che i due già detenevano in feudo dallo stesso conte nella corte di Pianoro205. In seguito, nell’ottobre del 1130, egli stipulò un’altra alienazione di terre a favore della chiesa della S. Croce di Pizzocalvo206.

  • 207   Cfr. Cap. 3.1.

93Anche se quest’ultima cessione patrimoniale non sembra di per sé di grande rilevanza, ancora una volta le finalità sottese all’insieme delle transazioni operate da Uberto e da Beatrice sembrano proporsi lo scopo di demandare la gestione di una buona parte della ricchezza fondiaria a privati o a enti religiosi, abbandonando l’uso dello strumento enfiteutico. Il denaro ottenuto sembra, ora, una ragione in se stesso, d’altra parte accompagnato dalla volontà di concentrare le proprie energie sulle residenze fortificate e, supponiamo, sui proventi a esse legate. I motivi di questo capovolgimento nella gestione patrimoniale sono con buona probabilità da imputare al progressivo declino politico patito dal gruppo hucpoldingio, lampante se consideriamo la progressiva perdita di preminenza nell’ambiente di corte. D’altra parte, però, non va nemmeno dimenticato l’emergere di un nuovo soggetto politico, i cives Bononienses, che già nei primi anni del secolo XII si fece precipuo interlocutore del potere imperiale, andando di fatto a scavalcare e indebolire fortemente le posizioni hucpoldinge207.

94Il percorso patrimoniale che abbiamo delineato per le aree del territorio bolognese interessate dalla presenza del gruppo parentale va ora completato con l’analisi della patrimonialità hucpoldingia nel versante appenninico occidentale, costituito principalmente dalla valle del fiume Reno. Quest’area, che abbiamo già associato all’azione di alcuni esponenti del gruppo nel corso del secolo X, fu teatro principale dell’azione dei discendenti di Adalberto III, detti poi di Panico, che con il conte Guido I, alla metà del secolo XI, ebbero possessi e pertinenze sia nel Bolognese, sia nel Casentino presso Romena.

  • 208   Sui beni donati nel 1099 al monastero di Camaldoli cfr. Cap. 5.3.
  • 209   Cfr. Cap. 3.4.
  • 210   In ambito pistoiese questo ramo parentale ebbe relazioni soprattutto con il vescovo cittadino, gi (...)

95Gli interessi patrimoniali su due versanti dovettero coesistere per quasi cento anni, fino cioè agli inizi del secolo XII, quando la donazione di varie chiese e beni nella parte toscana208, disposta dai conti Ugo IV e Alberto II a favore di Camaldoli, segnò un passaggio cruciale per l’orientamento adottato dai loro discendenti verso la sola area bolognese209, con al più decise spinte verso il versante appenninico pistoiese210. Qui, la gestione del patrimonio seguì le linee già tracciate per il resto del gruppo nel corso del secolo XI, ovvero mediante le relazioni con enti monastici e attraverso rapporti clientelari.

  • 211   Vi fu un decisivo intervento da parte della contessa Matilde teso a favorire in questi luoghi, in (...)

96La vicina presenza dell’abbazia di Nonantola, con la quale mai questa discendenza ebbe rapporti, dovette rappresentare un serio ostacolo al mantenimento e alla gestione dei beni, in particolare in questa zona di pianura presso la via Emilia, che divenne un’area densamente controllata dal cenobio modenese grazie all’intervento della dinastia canossana211.

  • 212   La notizia è ricavata dalle confinazioni relative a una terra venduta da abitanti del borgo di Sa (...)
  • 213   ASBo, Demaniale, Servi di Maria, 2/6092, n. 2. Si tratta di due terre situate presso Casale Marza (...)

97Ancora agli inizi del secolo XII, tuttavia, nella pianura a ovest di Bologna il ramo dei Panico possedeva terre vicine alle proprietà del monastero di S. Maria in Strada212; mentre nel 1106 il conte Milone donò due appezzamenti, probabilmente situati nella medesima zona, al monastero di S. Elena di Sacerno213, posto anch’esso a nord della via Emilia nei pressi di Lavino.

  • 214   Questa località di trovava sotto la parrocchia di S. Prospero in comune di Savigno (BO); la vecch (...)
  • 215   Il documento è conservato in originale – così l’editore – nella Biblioteca Comunale Ariostea di F (...)
  • 216   I Conti di Panico agirono stabilmente in quel settore appenninico ancora nel secolo XIV, quando n (...)
  • 217   AAN, Pergamene, VIII, 43bis.
  • 218   Si tratta delle località di Cursio, Roncathelle e Calvanella, descritte nel documento come prope (...)
  • 219   AAN, Pergamene, IX, 4; le terre concesse ad Andrea, Martino e Domenico, figli del fu Teucio de St (...)
  • 220   Proprietà in questa località sono attestate nella carta del 979; cfr. Cap. 6.1.
  • 221   La donazione è conservata in copia autentica nell’AAN, Pergamene, IX, 7. L’edizione, anche se con (...)

98Fra le valli del Reno e della Samoggia, già nel 1068 il conte Alberto donò all’abbazia di S. Lucia di Roffeno la chiesa della SS. Trinità, fondata nella località Prato Baratti214. Benché la tradizione dell’atto ponga qualche dubbio sull’autenticità del documento215, possiamo comunque ritenere le indicazioni da esso fornite come un’attendibile attestazione di presenza in quell’ambito appenninico216, del resto prossimo ai centri di potere hucpoldingi, come il castello di Panico e l’attuale Zola Predosa. Presso questa stessa corte, nel 1094, il conte Alberto si occupò di rafforzare la ricchezza fondiaria di un suo uomo, Ragimberto di Petrosa, dotandolo di diverse proprietà in continuità alle proprie217. I beni erano situati in tre località vicine al castello di Petrosa218, che con ogni probabilità si trovava nei pressi della corte di Zola, importante centro economico e militare della parentela già dalla fine del secolo X. Ancora nel 1102, il conte Milone concesse a tre fratelli l’enfiteusi di cinque terre poste nei dintorni, comprese nella pieve di S. Lorenzo in Collina in curte castro Cerule219. Fra questi, uno degli appezzamenti situato in località Castiluni, luogo da tempo associato al patrimonio parentale220, annovera fra le confinazioni una terra domnicata Matilda cometissa. Particolare da non trascurare se consideriamo le attività della contessa di Canossa in quei medesimi luoghi che culminarono nel 1102 con la donazione del castello di Cellula all’abbazia di Nonantola221.

  • 222   Il conte donò alla donna la sua quota del castello e della curia di Panico, a eccezione della loc (...)
  • 223   Spagnesi, Wernerius cit., p. 90, nota 3; cfr. anche Milani, Lotte cit., p. 93.
  • 224   Il conte Ugolino figlio del conte Ranieri ricevette il diploma dal legato imperiale il 23 gennaio (...)

99Ancora nel 1116 il conte Milone si occupò dei suoi possedimenti in quella stessa porzione dell’Appennino bolognese, questa volta beneficiando una donna di nome Matilde222, probabilmente appartenente alla influente famiglia cittadina dei Carbonesi223. L’atto potrebbe configurarsi come la predisposizione della successione ereditaria di una parte sostanziosa della quota di patrimonio detenuta da Milone, di cui non sono noti eredi, nei confronti di Matilde, figlia di Witerno. Benché questa possa sembrare una pericolosa frammentazione patrimoniale, i discendenti della stirpe dei Panico controllarono sempre saldamente questa parte della montagna bolognese, seguitando a fare del castello omonimo il loro principale centro residenziale e signorile. Come Conti di Panico infatti ricevettero nel 1221 la conferma di tutti i loro possessi nelle valli dei fiumi Setta, Sambro e Reno dal legato di Federico II, Corrado di Metz224.

6.5 La formula di esclusione nelle enfiteusi bolognesi tra i secoli X e XII

  • 225   Sui caratteri diplomatici generali dell’enfiteusi bolognese cfr. G. Cencetti, Diplomatica dell’en (...)
  • 226Le carte bolognesi del secolo XI, Appendice, a cura di M. Modesti, Accademia delle Scienze dell’I (...)
  • 227   Cfr. S. Pivano, I contratti agrari in Italia nell’Alto Medioevo: precaria e livello, enfiteusi pa (...)
  • 228Pio, Poteri cit., p. 559.

100Fra le caratteristiche delle enfiteusi stipulate in territorio bolognese tra la fine del X e l’inizio del secolo XII emerge un uso peculiare della clausola di disponibilità, che fissava le possibilità dell’enfiteuta riguardo alla subconcessione del bene ricevuto225. Nella maggior parte dei contratti, infatti, il concedente vietava la subconcessione del bene agli eredi quondam Bonefacii et illorum servis oppure – a partire dal 1046226 – agli eredi quondam Alberti comitis, riferendosi chiaramente ai discendenti degli hucpoldingi Bonifacio I e Adalberto II presenti e attivi nel territorio bolognese. La ragione più probabile per cui i possessori vollero imporre una clausola così mirata e specifica – altrove rivolta genericamente a maiores personas227 – è da ricercare nelle modalità di acquisizione e di inserimento patrimoniale attuate dai primi membri del gruppo stabilitisi in questo specifico ambito territoriale. Lo scopo principale era dunque evitare nuove e ricorrenti usurpazioni e, al contempo, mantenere un rapporto di chiara e diretta supremazia sull’enfiteuta228.

  • 229Le carte bolognesi del secolo X cit., pp. 65-67, doc. 16. I dati cronologici portano l’editore a (...)
  • 230   Ivi, p. 4; l’editore tuttavia considera della fine del secolo X un atto recentemente datato al se (...)

101La prima attestazione della formula risale al 988 ed è contenuta in un contratto enfiteutico disposto dall’abate del monastero di S. Stefano Salomone, che volle inserire il divieto di alienazione nei confronti degli eredi di Bonifacio riguardo alcune terre nella massa di Barbiano229, poste a sud della città non molto distanti da Musiano. Pur tenendo presente l’enorme quantità di documenti perduti – sono infatti solo 22 le carte del secolo X conservatesi negli archivi bolognesi230 – è significativa la comparsa della formula appena sette anni dopo la fondazione di S. Bartolomeo di Musiano da parte di Adalberto II. Evidentemente, da quel momento, i soggetti economici e politici più attivi del territorio, fra cui spiccavano senza dubbio gli abati di S. Stefano, incominciarono a munirsi di particolari accorgimenti giuridici per opporsi e in qualche modo contenere l’incipiente potere signorile che il gruppo hucpoldingio stava costruendo in quell’ambito territoriale.

  • 231   Il computo è stato effettuato sulla recente edizione delle carte bolognesi del secolo XI di Giova (...)
  • 232Lazzari, Comitato cit., p. 101.

102La formula di esclusione è contenuta nella maggior parte dei contratti enfiteutici rogati nel corso del secolo XI e conservati negli archivi bolognesi, 187 unità in totale231: in 101 casi essa vietava la subconcessione agli eredi di Bonifacio, in 24 a quelli del conte Adalberto/Alberto, in 9 fu rivolta indiscriminatamente a qualsiasi soggetto terzo, mentre in 53 contratti – meno di un terzo del totale – essa non fu inserita. Il monastero di S. Stefano, dal cui archivio proviene la maggior parte delle carte bolognesi sopravvissute, usò la formula sistematicamente, con rare eccezioni232. Nella seconda metà del secolo, anche lo stesso monastero di Musiano inserì l’esclusione nei propri contratti enfiteutici, forse su precisa iniziativa dell’abate Rodolfo, attivo fra il 1065 e il 1078. Queste attestazioni sono un indizio significativo del progressivo sviluppo di un’azione autonoma dell’ente monastico nei confronti del controllo dei fondatori, che tuttavia non provocò né la rottura del rapporto privilegiato, né contrasti violenti.

  • 233Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 9-11, doc. 4.
  • 234   Cfr. Cap. 2.2.
  • 235   Come gìa notato in precedenza, nel 1021 Lamberto di Ermengarda concesse in enfiteusi una terra pr (...)

103In alcuni documenti, cinque in tutto, agli eredi di Bonifacio I sono associati gli eredi di altre importanti gruppi aristocratici del Bolognese. Nel 1007 una carta riporta in luogo della formula «execto heredes quondam Bonefacius et heredes quondam Iohannes qui fuit nepos quondam Petroni ducis atque marchionis et illorum servientibus»233. La data in cui queste due discendenze furono associate nell’esclusione collima perfettamente con l’ipotesi, avanzata in precedenza234, dell’unione concubinaria di Ermengarda, figlia di Adalberto I, e del vescovo di Bologna Giovanni, discendente del duca Pietro. Ciononostante, l’ambito d’azione in prevalenza urbano in cui agì quella discendenza e la volontà di contrastare lo stesso gruppo parentale materno, a loro volta mediante l’uso della formula235, dovette tranquillizzare i concittadini che non riproposero più tale formulazione.

  • 236   Ivi, pp. 230-232, doc. 111; p. 314 sg., doc. 154; pp. 418-420, doc. 205.
  • 237   Pio, Poteri cit., p. 561.
  • 238   Tra i testimoni della fondazione di Musiano del 981 compare un Giovanni de Pelegrino de Elena che (...)
  • 239Lazzari, Comitato cit., p. 103.

104In altre tre enfiteusi degli anni Sessanta e Settanta del secolo XI, gli Hucpoldingi appaiono associati alla discendenza degli Aleni236. Questo gruppo parentale deteneva tra i secoli X e XI possessi sparsi in diverse aree del territorio bolognese, in particolare nelle valli appenniniche del Savena, dell’Idice e del Reno, nella pianura di Lovoleto e Budrio e a ridosso del centro urbano nei borghi di S. Stefano e S. Donato237. Dai pochi dati in nostro possesso non è possibile tuttavia risalire a un rapporto diretto fra il gruppo hucpoldingio e gli heredes Aleni238, che più probabilmente furono oggetto della formula di esclusione a causa di una politica patrimoniale in quegli anni particolarmente spregiudicata239.

  • 240Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. ii, p. 872 sg., doc. 436.
  • 241   Cfr. I Placiti cit., vol. iii.1, pp. 28-31, doc. 333; I placiti del ‘Regnum Italiae’ (secc. IX-XI (...)

105Infine, in un documento del 1096 compare la formula «exepto heredes quondam Bonefacii et Alberici et illorum servis», con le parole et Alberici inserite dal notaio in interlinea240. Escludendo un errore dello scrivente – Alberici al posto di Alberti – per il fatto che i nomi di Bonifacio e Alberto non compaiono mai insieme in nessun altro caso, possiamo proporre l’identificazione di questo Alberico con il capostipite della famiglia degli Alberici, presente a entrambi i placiti bolognesi del 1030 e del 1037 fra gli esponenti dei gruppi cittadini241. Tuttavia, come per i casi precedenti, non siamo in grado di risalire al preciso motivo per cui l’abate di S. Stefano Guinizo intese associare queste due discendenze nell’esclusione alla subconcessione del bene dato in enfiteusi.

  • 242   Si tratta dell’attuale località di Sant’Agata Bolognese (BO).
  • 243Tiraboschi, Storia cit., vol. ii, pp. 203-205, doc. 185. In questo caso l’espressione comitatus B (...)
  • 244   BNF, Nouv. Acq. Lat. 2573, fol. 22, n. 23.

106Infine, sono due le attestazioni della formula di esclusione ai danni degli Hucpoldingi rinvenute in carte disposte da attori non bolognesi, comunque relative a beni situati in quel territorio. Un documento nonantolano del 1071, redatto da un notaio estraneo al contesto bolognese, prescrive infatti l’impossibilità di subconcedere i beni posti nella corte di S. Agata, collocata nella pianura bolognese occidentale242, «in nullam potestatem, nec in nullum hominem, et neque in progeniis quondam Alberti comitibus Bononiensibus, nec in masnata eorum»243. La seconda enfiteusi fu invece redatta a Ravenna nel 1074 su richiesta di Adelaide figlia del marchese Ugo II244. Anche in questo caso, benché la donna facesse parte della parentela, l’arcivescovo Guiberto volle inserire la clausola per cautelarsi nei confronti di possibili usurpazioni da parte dei parenti stessi della donna.

  • 245Le carte del monastero di S. Stefano cit., pp. 299-301, doc. 167.
  • 246   ASBo, Demaniale, S. Giovanni in Monte, 3/1343, n. 5/1.

107Le attestazioni della formula proseguono negli atti del secolo XII con una certa costanza fino al 1115, sebbene già in un’enfiteusi di S. Stefano del 1110 compaia la dicitura «exepto in maioribus personis et in omnibus servis»245. Evidentemente, in concomitanza con il forte ridimensionamento del potere esercitato dal gruppo nella maggior parte del territorio bolognese, l’uso della formula perdeva di significato. La ritroviamo infatti con sempre minore frequenza fino al 1137, probabilmente perché ancora memorizzata nei formulari usati dai notai. Infine, un documento del 1138 testimonia in modo esplicito il cambiamento ormai pressoché definitivo: nel testo dell’enfiteusi, la formula riferita agli eredi di Bonifacio e ai loro servi, evidentemente per il notaio ormai incomprensibile, è cassata e sovrascritta nell’interlinea con la generica formulazione excepto in maioribus personis246.

  • 247   Cfr. Di Pietro, Monasteri cit., pp. 265-283.

108L’unico ambito territoriale in cui si mantenne ancora a lungo l’uso di escludere dalla subconcessione gli esponenti hucpoldingi fu quello relativo al patrimonio del monastero di S. Cristina di Settefonti, di cui abbiamo parlato poc’anzi. Nonostante le elargizioni ricevute e la vicinanza di Casalecchio dei Conti, le badesse riuscirono a trarre beneficio dalle donazioni e, al contempo, a mantenere una propria politica patrimoniale autonoma, senza soffrire l’ingombrante contiguità territoriale con la discendenza hucpoldingia. Nelle enfiteusi da loro disposte, infatti, la formula di esclusione comparve fin dal principio, mantenendosi poi senza soluzione di continuità fino al 1204247, quando evidentemente le monache non sentirono più la vicina presenza dei discendenti hucpoldingi come una minaccia.

Notes

1   Si fa qui riferimento alle carte riconducibili all’archivio del monastero di Musiano prima dell’unione con il cenobio di S. Stefano del 1307, che portò anche all’accorpamento dei rispettivi archivi.

2   Si tratta di 12 delle 32 pergamene, a contenuto patrimoniale, considerate di seguito.

3   Il termine saltus definiva nella terminologia fondiaria romana un terreno tenuto a bosco o a pascolo, di estensione molto ampia e in genere di proprietà del fisco imperiale, godeva di una gestione autonoma, facente capo all’amministrazione centrale. Col passare dei secoli perse quell’originaria connotazione giuridica di struttura agraria e fondiaria compatta, divenendo semplicemente un contenitore topografico: A. Benati, Il Saltopiano fra antichità e medioevo. Incognite, considerazioni, ipotesi, in Romanità della pianura: l’ipotesi archeologica a S. Pietro in Casale come coscienza storica per una nuova gestione del territorio. Giornate di studio (S. Pietro in Casale, 7-8 aprile 1980), Lo scarabeo, Bologna 1991, p. 340 sg.; cfr. T. Lazzari, Il Saltospano e l’organizzazione civile del territorio altomedievale, in Una terra di confine. Storia e Archeologia di Galliera nel Medioevo, a cura di P. Galetti, CLUEB, Bologna 2007, p. 39 sgg.

4Tiraboschi, Storia cit., vol. i, p. 447 sg. Su questa fonte e sulle dipendenze cassinesi emiliane cfr. le considerazioni di H. Bloch, Monte Cassino in the Middle Ages, vol. i, Ed. di Storia e Letteratura, Roma 1986, pp. 407-410.

5   La notizia della fondazione del cenobio compare in una donazione a favore dell’abbazia di Nonantola disposta dal duca Giovanni e dalla sorella Orsa, figli del citato duca Orso: nel 776 i due donarono numerose terre a Nonantola, fuorché quanto già dato dal genitore a S. Benedetto in Adili. La donazione è edita in Tiraboschi, Storia cit., vol. ii, pp. 21-24, doc. 9; cfr. Bottazzi, Il monastero cit., p. 90 sg. Per il contesto politico e le prime vicende della fondazione cfr. A. Benati, Il monastero di S. Benedetto in Adili e la politica antinonantolana del re Desiderio, in «AMR», n.s., n. xxxiv, 1983, p. 92 sgg.

6   Il settore di pianura compreso dal corso di questi due fiumi segnava sin dall’epoca longobarda l’area di confine fra Modenese e Bolognese. In particolare era il corso della Muzza, oggi poco più che un rigagnolo, a segnare la linea di demarcazione dei due territori, come stabilito in un placito di re Rachis di dubbia tradizione, datato al 746: Codice Diplomatico Longobardo (sec. VIII), vol. iii.1, a cura di C. Brühl, ISIME, Roma 1973, pp. 88-93, doc. 20; cfr. Benati, Il monastero cit., p. 94. Il significato del termine monasterium nell’alto Medioevo è chiarito in Bottazzi, Il monastero cit., p. 89.

7Codice diplomatico longobardo cit., vol. iii.1, pp. 118-123, doc. 25.

8Chronica monasterii Casinensis, a cura di H. Hoffmann, Impensis bibliopolii Hahniani, Hannover 1980, p. 128.

9   Il toponimo è oggi scomparso ma è identificabile nell’area coltiva fra l’attuale comune di S. Agata Bolognese (BO) e il sito del monastero di S. Benedetto in Adili, località oggi denominata S. Benedetto, frazione del medesimo comune.

10Benati, Il monastero cit., p. 126.

11   Ivi, p. 112.

12   Ivi, p. 106 sg.

13   Non possiamo sapere se vi fu una donazione anche a favore del cenobio fiorentino data la scomparsa del suo archivio. Beneficiando del dubbio, però, non possiamo non attribuire rilevanza alla scelta di favorire il monastero bolognese; cfr. Cap. 7.3.

14Tiraboschi, Storia cit., vol. ii, p. 114 sg., doc. 86.

15   Il toponimo è di incerta identificazione. Potrebbe essere accostato a Lovoleto, frazione di Granarolo dell’Emilia (BO), che è in seguito citato più volte fra le proprietà hucpoldinge. La difficoltà di questa soluzione è data dall’indicazione della pieve alla quale Lovoleto doveva appartenere dalla metà del secolo X, cioè S. Marino, che è detta specificamente in Lovelito. Ciononostante, il documento si riferisce al 936, anno che precede di un ventennio le prime attestazioni delle pievi vicine a quella più antica di S. Giovanni in Persiceto; cfr. Le pievi cit., p. 8.

16   Le unità agrarie comprese nella pianura persicetana sono: il fondo Riolo, attuale frazione di Castelfranco Emilia (MO); il fondo Recovato, corrispondente all’antico Archoatum: Tiraboschi, Dizionario cit., vol. i, p. 25, anch’esso frazione di Castelfranco Emilia; il fondo Rusti, non identificato; il fondo Gavile, che diede il toponimo alla chiesa di S. Maria di Gaville presso la località di Manzolino, nel medesimo comune, cfr. E. Angiolini, Fonti per la storia del «locus ubi dicitur Gavile», in Per Vito cit., pp. 153-173; una massariciola di 3 iugeri denominata Gebolini e situata nei pressi dell’odierno San Giovanni in Persiceto, talvolta nominata anche come limes, cfr. ivi, p. 340; la terra que dicitur regia nel fondo Persecetano probabilmente posta presso l’antico castrum di Persiceta, che doveva trovarsi fra Nonantola e San Giovanni in Persiceto e doveva rimanere un riconoscibile termine confinario nella zona, cfr. Bottazzi, Il monastero cit., p. 103. Infine, i fondi di Gaiolo e Vignola fanno parte del medio settore appenninico modenese: il primo è localizzato da Tiraboschi presso Baggiovara (MO): cfr. Tiraboschi, Dizionario cit., vol. i, p. 325; il fondo di Vignola invece potrebbe essere identificato con due diverse località ancora oggi esistenti. La prima è Vignola nel Modenese, la cui prima attestazione documentaria del 933 la vedrebbe come fondazione vescovile; cfr. E.P. Vicini, Regesto della Chiesa cattedrale di Modena, vol. i, Maglione, Roma 1931, pp. 68-70, doc. 46. A questo proposito, è interessante notare come Domenico Cerami in uno studio sull’incastellamento di questa parte dell’Appennino sia portato a collegare strettamente le fondazioni castrensi di Vignola e di Cellula, entrambe probabilmente legate al radicamento del gruppo parentale hucpoldingio: D. Cerami, Incastellamento e aristocrazia rurale tra Panaro e Samoggia (secoli X-XII), in Rocche e castelli lungo il confine tra Bologna e Modena. Atti della giornata di studio (Vignola, 25 ottobre 2003), a cura di P. Bonacini, D. Cerami, Fondazione di Vignola, Vignola 2005, p. 92 sg. La seconda ipotesi contempla l’identificazione con Vignola de’ Conti, località del comune di Tolé (BO). Benché non sia una località prossima all’area patrimoniale oggetto della donazione, essa sarebbe stata in seguito oggetto di un documento del 1116 redatto da un discendente di Bonifacio; cfr. Cap. 6.4. Corticella è l’ultimo fondo elencato: si trovava nella pianura a nord di Bologna e corrisponde all’attuale Corticella, frazione del comune di Bologna.

17   Cfr. Lazzari, Circoscrizioni cit., pp. 386 sgg., 399.

18   Le terre in area ferrarese, oltre ad ammontare da sole a un’estensione di 918 iugeri, sono accompagnate da informazioni molto generali, rispetto alle precise indicazioni qualitative e quantitative dei fondi emiliani, per assicurare il pieno possesso in integrum quicquid invenire potueritis: si tratta del pagus di Ficarolo, ora comune nel Rodigino, dei fondi Badriniana, rintracciabile nella via Badriniano presso Castelnovo Bariano (RO), e Fabrica, della corte di Settepolesini, ora frazione di Bondeno (FE). Il solo fondo Fabrica sfugge a una precisa identificazione.

19   L’abate Ingelberto trasferì a Bonifacio 1164 iugeri di terreni appartenenti alla corte di Funzano, situata nel comitato fiorentino nel vico chiamato Maceline, con le pertinenze poste nei luoghi di Susiano, Seber[..]no e Memuniano. Date le scarse indicazioni contenute nel testo è difficile proporre ipotesi di localizzazione.

20Castagnetti, Falsari cit., p. 143.

21   L’occasione per la copiatura e interpolazione dell’atto originale potrebbe anche essere collocata alla metà del secolo XI, come una carta del monastero bolognese di S. Stefano sembra indicare: una rogazione databile al 1063 attesta la conferma da parte del duca Goffredo all’abate di S. Stefano di tutti i beni nel Modenese e nel Ferrarese dai tempi del domnus Bonefacius. Identificando quest’ultimo con Bonifacio I degli Hucpoldingi – e non con l’omonimo marchese canossano – potremmo intuire una contesa fra i due cenobi proprio sul patrimonio che nel secolo X era controllato dal gruppo hucpoldingio. La carta bolognese è edita in Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, p. 250 sg., doc. 121.

22   Cfr. R. Rinaldi, C. Villani, Nonantola, in Lanfranco e Wiligelmo. Il Duomo di Modena, Panini, Modena 1985, p. 92 sg.

23   Cfr. Cap. 1.3.

24Lazzari, Comitato cit., p. 88.

25   Non possiamo localizzare con sicurezza la corte, essa doveva però trovarsi nelle vicinanze dell’attuale San Vincenzo, frazione di Galliera (BO). L’informazione del beneficio detenuto da Bonifacio è contenuta nel diploma di Ottone I del 3 novembre 962: Conradi I cit., p. 357, doc. 249. Fra gli edifici dipendenti, forse annessa al domocoltile, è elencata una cappella dedicata a Cristo Salvatore; di difficile localizzazione, è stata avanzata l’ipotesi che si trattasse dell’edificio poi trasformato in monastero di S. Salvatore di Sant’Alberto, oggi Sant’Alberto frazione di San Pietro in Casale (BO); cfr. Le pievi cit., p. 310. A questa curtis regia possiamo aggiungere su base congetturale le corti di Campo Migliacio e Cortenuova, situate nel Modenese; cfr. Cap. 1.3.

26   Il controllo della corte prevedeva anche la riscossione dei diritti di ripatico di due corsi d’acqua navigabili nei luoghi di Galliera, coincidente con l’attuale comune del Bolognese, e di Concenno, toponimo oggi rintracciabile in diverse località comprese nel comune di Poggio Renatico (FE): A. Benati, Confine ecclesiastico e problemi circoscrizionali e patrimoniali fra Ferrara e Bologna nell’alto medioevo, in «Atti della Deputazione Ferrarese di Storia Patria», s. iii, n. xxvii, 1980, p. 41, nota 21. Era inoltre compresa l’esazione dovuta per il passaggio sul ponte costruito sulla loro confluenza denominata Lavino, in direzione del Po di Ferrara: ivi, p. 42, nota 23. Sul ramo del Po di Primaro, a sud di Ferrara, erano poi compresi i diritti di passaggio attraverso Gaibana, oggi in provincia di Ferrara, e il lavoro di dodici pescatori della villa que nuncupator Veterana, che non è identificabile con sicurezza. Potrebbe corrispondere all’attuale Vedrana, frazione di Budrio; tuttavia i 27 chilometri che la separano da Gaibana rendono insicura questa ipotesi.

27Conradi I cit., p. 357, doc. 249.

28   Nel diploma del 962, conservato nell’Archivio capitolare di Arezzo, non viene fornita altra indicazione relativa a tale Erolfo. In un documento del 10 maggio 963, però, Ottone confermò varie proprietà ai canonici della chiesa di S. Donato di Arezzo, tra i quali compare un presbitero di nome Erolfo; cfr. ivi, p. 361 sg., doc. 253.

29   Alcuni diplomi imperiali del secolo XI ricordano proprietà e diritti che due marchesi di nome Ugo detennero in quei territori e donarono all’abbazia di Pomposa. La prudenza del Falce è corretta nel considerare come due persone distinte lo junior Ugo marchio figlio di Uberto, probabilmente un obertengo, e l’hucpoldingio Ugo marchio di Tuscia. Alla luce, tuttavia, delle proprietà ferraresi di Bonifacio, nonno di Ugo, non sembra inverosimile che lo stesso marchese Ugo I ebbe delle terre in questi territori, segnatamente in Soleriam et Cavallariam ac Polixinum, che infine donò a S. Maria di Pomposa. Per il diploma di Corrado II cfr. Conradi II cit., p. 230 sg., doc. 240; per quelli di Enrico III cfr. Heinrici III cit., p. 183 sg., doc. 145; pp. 243-245, doc. 193; per i diplomi di Enrico IV cfr. Heinrici IV cit., p. 230 sg., doc. 177; pp. 606-608, doc. 450. Cfr. anche Falce, Il marchese cit., p. 160 sg.

30   Si tratta della carta datata al 12 luglio 970, copia autentica del secolo XI di falsificazione precedente, edita in Carte della Badia di Marturi cit., pp. 35-38, doc. 1. Le altre due carte di donazione citate risalgono al 25 luglio 998 – probabilmente un falso – e 10 agosto 998 – dal contenuto verosimile, probabilmente in parte interpolato: ivi, pp. 39-51, doc. 2; pp. 52-60, doc. 3.

31Kurze, Gli albori cit., pp. 168-171.

32   Cfr. Falce, Il marchese cit., pp. 185-189.

33   La corte è accostata alla chiesa del S. Salvatore, comprende i diritti sulla ripa de Concinno, su due aqua de posta chiamate Uitrica e Meleto – rispettivamente la frazione di Madonna dei Boschi, in comune di Poggio Renatico (FE), e del comune di Malalbergo (BO) – i diritti sulla terra detta Severatico – odierno San Prospero di Poggio Renatico: Benati, Confine cit., p. 43, nota 28 – retta da tale Gualfredo gastaldo, i diritti sulla ripa de Castellonovo, di difficile identificazione, e infine su una parte del castello di Turignano, rintracciabile nella tenuta Torniano, a est di Poggio Renatico: ivi, p. 43, nota 29.

34   Le pertinenze di Antognano sono: la chiesa del S. Salvatore e la chiesa di S. Maria in Argile; i diritti di ripatico di Galliera, di Concenno, il diritto di passaggio sul ponte sul Lavino; il possesso delle aqua de posta chiamate Uitrica e Meleto; la villa Uuillerano e la villa et ensula detta Gaibana; le paludi e le peschiere poste nei fondi Campolungo, Burbuliaco, Villamagna, Curniolo, Grotario, Palazolo, Rotascura, Gazanetica, nel campo detto Vedrecha e in tutto il Lavino; la terra detta Severatico, che fu retta dal gastaldo Walfredo; due mansi nella località Cartiano detenuti dai figli di tale Pietro; la corte di Rivaria, la villa con corte dominica chiamata Doni e le corti con i relativi castelli di Turignano, Ignano e Galisterna; e infine i castelli di Poiolo, Vinti e Castellonovo. Oltre ai toponimi citati in precedenza e a quelli per cui non è stato possibile fornire alcuna identificazione, ora troviamo il fondo Villamagna che era nei pressi di Marrara, alla destra del Po morto di Primaro, frazione del comune di Ferrara; cfr. ivi, p. 43, nota 27; Rivara, frazione di San Felice sul Panaro (MO); Dono, che doveva essere un ampio distretto rurale già in epoca romana, ne ritroviamo traccia nelle denominazioni di almeno cinque parrocchie situate in questa parte della pianura. Oggi, Santa Maria in Duno è frazione di Bentivoglio (BO); cfr. ivi, p. 44.

35   Identificare dove sorgeva l’edificio religioso pone qualche difficoltà poiché nella zona non sono rintracciabili notizie di edifici di culto dedicati alla Vergine Maria; la chiesa attestata per la località di Argile è nota soltanto a partire dal Trecento e con l’intitolazione a san Pietro: Il territorio di pianura della diocesi di Bologna. Identità e presenza della Chiesa. Urbanistica, socio-demografia, edifici di culto e pastorale di un paesaggio in trasformazione, a cura di C. Manenti, Compositori, Bologna 2011, p. 220.

36   Per un quadro territoriale d’insieme si rimanda a E. Manarini, Paesaggio ed edifici di culto del comparto Reno Galliera, in ivi, p. 212 sg.

37   Al contrario, non riuscendo a ritrovare la maggior parte dei castelli elencati nella donazione, Benati allarga l’ambito territoriale anche all’Appennino bolognese e imolese dove con il solo conforto toponomastico riesce a identificare alcune località fra quelle citate: cfr. Benati, Confine cit., p. 44, nota 32.

38   Il testo del diploma è esplicito nel disporre la concessione dei beni al prete Erolfo «sicut Bonifacius dux et marchio ad beneficium tenuit».

39   Cfr. Cap. 1.3.

40   Sull’importanza politica dell’area cfr. Santos Salazar, Una terra cit., p. 114 sgg.

41Benati, Il monastero cit., p. 105 sg.

42   Attuale Rigosa, frazione del comune di Bologna.

43   Alla fine del secolo XI la contessa Matilde di Canossa disponeva di questa corte, trasferendola poi all’abbazia di Nonantola; cfr. A. Overmann, La contessa Matilde di Canossa. Sue proprietà territoriali. Storia delle terre matildiche dal 1115 al 1230. I regesti matildici, Multigrafica, Roma 1980, p. 152 sg., reg. 78.

44   Tiziana Lazzari suppone, a ragione, che si potesse trattare di un esponente di una famiglia già legata vassallaticamente agli Hucpoldingi: Lazzari, Comitato cit., p. 91. Una importante indicazione in questo senso è data dalla numerosa presenza di testimoni di legge franca ripuaria, natio propria del gruppo hucpoldingio; cfr. Cap. 7.2.

45   Il toponimo è di incerta localizzazione: potrebbe trattarsi di Prada presso Gaggio Montano (BO), oppure di Prada nelle vicinanze di Pavullo (MO). Il compratore si dichiara figlio di tale Giovanni da Carolio, toponimo identificato da Cencetti in Garzoleto presso San Giovanni in Persiceto, oggi localizzabile nella via Garzolè: Le carte bolognesi del secolo X cit., p. 92

46   Ivi, pp. 88-92, doc. 26.

47   Occupandosi di beni allodiali, Everardo si servì della legge ripuaria e non di quella romana, inerente il suo incarico episcopale; cfr. Cap. 7.2.

48   Il bene più corposo consisteva in una parte, equivalente a 110 iugeri, del domocoltile della corte situata nei luoghi Civiciano e Paliana, presso Zola Predosa (BO): secondo quanto riporta un documento nonantolano del 1085, la località di Civiciano era compresa nella corte di Gesso presso Zola Predosa: Tiraboschi, Storia cit., vol. ii, p. 208, doc. 192; ancora Tiraboschi colloca Paliana nella corte di Cellula: ivi, vol. i, p. 337. Sono venduti poi i beni fondiari, per un totale di sedici massarici e mezzo, nelle seguenti località: Titigno, forse l’attuale Tignano, frazione di Sasso Marconi (BO); Guiglia, omonima località ora in provincia di Modena; Marconiaula, non localizzato; Casola, toponimo ricordato dall’attuale località di S. Martino in Casola, presso Zola Predosa; Castelione, toponimo di difficile localizzazione, forse riconducibile a una località posta nei pressi di Sant’Agata Bolognese (BO): Bottazzi, Il monastero cit., p. 108 sg.; e infine Fagnano, ora frazione di Castello di Serravalle (BO).

49   Everardo cedette anche la sua quota di beni posti entro la fortificazione: la sua porzione di terre edificate all’interno del castello; la sua parte della cappella costruita nelle vicinanze in onore di san Cassiano; e infine tutti i beni di sua proprietà collocati in circuitu castri. Sono poche le notizie relative alla cappella, affiancata nei pressi e all’interno del castello dagli altri edifici religiosi di S. Giovanni Battista e di S. Michele Arcangelo; cfr. M. Fanti, Note topografico-storiche sui documenti bolognesi del secolo XI, in Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, p. xl, doc. 99.

50   Per il patrimonio degli arcivescovi ravennati nel Bolognese cfr. Fasoli, Il patrimonio cit., p. 399.

51   Cfr. Cap. 1.2.

52Le carte ravennati del decimo cit., vol. ii, pp. 19-22, doc. 96. Funo è frazione di Argelato (BO). Di un edificio religioso intitolato a san Lorenzo è rimasta traccia nel Podere S. Lorenzo, presso la periferia dell’attuale Funo. Le due pievi indicate coincidono con le attuali località di San Giorgio di Piano (BO) e San Marino, frazione di Bentivoglio (BO).

53   Il testo dell’atto prevede la concessione della corte di Funo ad «Adelberto gracia Dei comes seu filiis et nepotibus meis in omnem medietatem, in alia vero medietatem Anne comitisse iugalis». Il bene dunque fu affidato per una metà ad Adalberto e ai suoi discendenti e per l’altra metà alla moglie Anna, stabilendo poi che alla morte di lei anche quella porzione dovesse giungere al marito o ai suoi eredi.

54   La contessa Anna era vedova del conte Guido, figlio del conte reggiano Bertaldo, esponente di un gruppo parentale influente nel Reggiano e nel Modenese; cfr. Cap. 2.2.

55   Su questa parentela cfr. Bonacini, Il marchese cit., p. 258.

56Le carte bolognesi del secolo X cit., pp. 63-65, doc. 15. Il protocollo dell’atto riporta come luogo di stipula il castro Massimatico, mentre nell’escatocollo troviamo actum in vico Berbuliatico. Possiamo dunque dedurre che il fondo Berbuliatico doveva trovarsi nei pressi di Massumatico, frazione di San Pietro in Casale (BO). Potremmo, inoltre, accostare il detto toponimo con il fondo Burbuliaco legato alla corte di Antognano, data la sicura vicinanza geografica fra le due unità territoriali di riferimento, Massumatico e Antognano appunto.

57   Per il significato simbolico e concreto di questa fondazione nella storia del gruppo parentale cfr. Cap. 7.3.

58Le carte bolognesi del secolo X cit., pp. 51-55, doc. 11. Il complesso monastico di S. Bartolomeo di Musiano era situato presso l’attuale Pian di Macina, frazione di Pianoro (BO). Tutti gli edifici furono rasi al suolo da un bombardamento durante la Seconda Guerra Mondiale; nel dopoguerra fu ricostruita la chiesa in stile romanico nello stesso luogo della precedente; cfr. L. Fantini, Antichi edifici della montagna bolognese, vol. ii, Carisbo, Bologna 1972, pp. 238-241.

59   Sull’importanza di questo asse viario cfr. P. Foschi, La viabilità medievale tra Bologna e Firenze, in La viabilità tra Bologna e Firenze nel tempo. Problemi generali e nuove acquisizioni. Atti del convegno (Firenzuola-San Benedetto Val di Sambro, 28 settembre - 1 ottobre 1989), Deputazione di storia patria, Bologna 1992, p. 131 sgg.

60Le carte bolognesi del secolo X cit., p. 53: «in nostra potestate sit regendi et agregandi et ordinandi, omnia qualiter supra legitur in honore monachorum servientium; et post nostrum obitum [...] deveniat in potestate heredum nostrorum similiter gubernandi et regendi in honore monachorum». Sulla capacità della fondazione monastica privata di attrarre ulteriori offerte e beni, poi controllati dai fondatori dell’ente cfr. Tabacco, Egemonie cit., p. 207.

61   Gli appezzamenti facevano parte dei fondi Vinti e Cignano, situati presso Pianoro (BO), e della località Casigno, posta un miglio più a sud di Musiano. A questi si aggiungevano anche alcuni beni che in precedenza Adalberto aveva acquistato da una certa Waldrada.

62   Il castello sorgeva su un piccolo altopiano lambito dal fiume Savena, a un chilometro circa dall’odierno Pianoro Vecchio; cfr. Fantini, Antichi cit., p. 283 sgg. e T. Lazzari, A. Monti, Il castello di Pianoro. Le fonti scritte e alcune considerazioni sulle evidenze archeologiche, in Castelli medioevali e neomedievali in Emilia-Romagna. Atti della giornata di studio (Bologna, 17 marzo 2005), a cura di M.G. Muzzarelli, A. Campanini, CLUEB, Bologna 2006, pp. 115-141.

63   La menzione della cessione dei diritti di mercato da parte del conte Adalberto va inserita nella frequente casistica delle cessioni di diritti di matrice pubblica operate, fra i secoli X e XI, da personaggi prossimi al potere pubblico a favore degli enti ecclesiastici; cfr. A.A. Settia, «Per foros Italiae». Le aree extraurbane fra Alpi e Appennini, in Mercati e mercanti nell’alto Medioevo: l’area euroasiatica e l’area mediterranea, CISAM, Spoleto 1993 (Settimane, 40), p. 197 sgg. In particolare sul mercato di Musiano cfr. P. Foschi, Il patrimonio fondiario dell’abbazia di S. Bartolomeo di Musiano in rapporto all’insediamento e alla viabilità nella valle del Savena nel Medioevo, in San Bartolomeo cit., p. 141 sgg.

64   Ivi, p. 99 sgg.; cfr. P.L. Dall’Aglio, C. Franceschelli, La viabilità del territorio bolognese nelle carte del secolo XI, in Bologna e il secolo XI cit., p. 450 sgg.

65Foschi, Il patrimonio cit., p. 102.

66   Il castello detto Panicale presso la pieve di S. Giovanni Battista di Gorgognano era situato nelle vicinanze dell’odierno Pianoro, su di una collina a sinistra del fiume Zena; in questa località fu redatta la donazione.

67Le carte bolognesi del secolo X cit., p. 53: «ubi pauperes et peregrini refectionem habeant».

68   Si tratta di località comprese nei comuni di Pianoro e San Lazzaro (BO). I campioni dei beni del Settecento sono considerati in Foschi, Il patrimonio cit. p. 150 sg.

69   Cfr. Cap. 1.3.

70   Brento è frazione del comune di Monzuno, Barbarolo è frazione di Loiano, Montecerere è l’attuale Frassineto località di Castel San Pietro Terme e Gesso è una località del comune di Casalfiumanese; sono tutti comuni dell’Appennino bolognese.

71   Cfr. Cap. 8.4; cfr. le considerazioni svolte in Lazzari, Comitato cit., p. 91.

72   Fra le carte del monastero troviamo testimonianze delle attività patrimoniali svolte dagli abati in questo senso. Purtroppo a causa delle vicissitudini archivistiche, si è salvato un solo documento relativo ai primi decenni di esistenza del cenobio: risale al 1001-1002 e vede l’abate Pietro rinnovare un contratto di livello di una terra dello stesso fondo di Musiano in Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 5-7, doc. 2. Per i decenni successivi, invece, la quantità di enfiteusi aumenta leggermente: sono quattro i documenti relativi a terreni prossimi al monastero, cfr. ivi, pp. 377-379, doc. 185 (1071); ivi, vol. ii, pp. 445-447, doc. 218 (1075); pp. 477-479, doc. 233 (1076); pp. 769-771, doc. 384 (1088). Un contratto enfiteutico riguarda invece le terre detenute in pianura: ivi, vol. ii, pp. 273-275, doc. 384 (1065).

73   La carta di fondazione del 981, unico documento risalente al secolo X conservatosi per Musiano, ci è giunto tramite una copia del secolo XII, ricavata da precedente di XI; cfr. Le carte bolognesi del secolo X cit., p. 51. Ciò testimonia la particolare attenzione che i monaci dovevano avere per le condizioni materiali dei documenti più importanti che l’archivio monastico conteneva. Sembra difficile quindi attribuire alla sola casualità la completa mancanza di altre donazioni fino all’anno 1085.

74Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, p. 26 sg., doc. 12. La pergamena è mutila dopo la nona riga. Il documento attesta il monastero di Musiano quale probabile residenza della contessa Bertilla, una volta divenuta vedova: Lazzari, Comitato cit., p. 91.

75Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 104-106, doc. 50. I beni in oggetto erano posti «in fundum Robiano et in loco qui dicitur Caselle vel per alias fundoras vel locas et rebus et alodex et possessionibus»; per i toponimi nominati non possiamo che indicare genericamente la loro appartenenza al distretto pievano di S. Maria di Montecerere. L’atto fu redatto a Scorticheto, di cui rimane traccia nella via di Scorticheto che dai pressi della via Emilia raggiunge Casalecchio dei Conti. Dagli elenchi pievani del 1300 risulta vi fosse costruita una cappella dedicata a san Pietro e dipendente dalla pieve di Montecerere: Le pievi cit., p. 399.

76   Archivio della Curia Arcivescovile di Ferrara, Monastero di S. Guglielmo, Pergamene, Filza A, n. 1; edita in A. Franceschini, Note introduttive alla storia di un paese che non c’era: S. Bartolomeo in Bosco, in In quel giorno si raccapitolò tutto l’inverno... Memorie di Don Ferdinando Botti (1783-1799), primo parroco di San Bartolomeo ne Boschi, Gruppo Culturale “In Nemore”, San Bartolomeo in Bosco 1983, p. 72 sg. In quest’occasione, Ugo, dal castello di Pizzocalvo a sud di Bologna, divise le terre arative e le paludi poste nel fondo detto Tre Policino in sei parti affidandole a un totale di sedici coloni. A giudicare dalle confinazioni del fondo, esso doveva trovarsi presso Gaibana, probabilmente nella zona d’acqua fra il corso del Po di Primaro e il corso del Reno. Una confinazione contenuta in una carta bolognese del 1084 attesta un’ulteriore presenza patrimoniale del marchese Ugo e dei suoi eredi in questa zona, dal Ferrarese fino a Pegola, frazione del comune di Malalbergo (BO), in Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. ii, pp. 638-640, doc. 318.

77   Potrebbe trattarsi dell’attuale località di Marrara, già citata, prossima a Gaibana.

78   Un’enfiteusi del 1078 ci conferma la sua presenza patrimoniale continuativa riferendo fra le confinazioni di una vigna dello stesso fondo Siviratico alio capite terra Albertinga: ivi, vol. ii, p. 495 sg., doc. 242. Un documento del 1075 attesta, poi, altre proprietà attribuite ad Alberto nella località Casignano: ivi, vol. ii, pp. 456-458, doc. 223. Le scarse informazioni fornite dal documento non permettono però alcun tipo di localizzazione.

79   Ivi, vol. i, pp. 251-253, doc. 122. Da segnalare la confinazione del terreno in oggetto per un lato con la proprietà di un fratello di Alberto stesso; San Venanzio è frazione di Galliera (BO).

80   Su questa discendenza e la sua genealogia cfr. Lazzari, Comitato cit., pp. 164 sg., 202. Il padre di Pietro, Gotofredo, è con ogni probabilità da identificare con l’omonimo personaggio presente al placito bolognese del 1030, evidentemente in quell’occasione già al seguito del marchese Ugo II: ivi, p. 160.

81   Località sul crinale fra le valli di Setta e Reno, non lontano da Panico, nel comune di Marzabotto (BO).

82Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 210-213, doc. 101; la località era situata presso il fiume Setta ed è rintracciabile in Bedolete ora Piandisetta, frazione del comune di Grizzana Morandi (BO).

83   L’indicazione testuale non permette l’identificazione precisa del personaggio, potrebbe trattarsi di Adalberto II oppure di suo figlio omonimo Adalberto III.

84   L’ipotesi di Paola Foschi che Bonando possa aver sposato in seconde nozze la contessa Willa, una volta deceduto il marchese Ugo, non sembra accettabile. Oltre alla notevole differenza di rango fra Willa e Bonando da Caprara, che rende di per sé inverosimile un’unione matrimoniale fra i due, il testo della donazione che viene addotto per supporre il legame matrimoniale non contiene in realtà alcun elemento probante, se non l’omonimia della consorte del defunto Bonando, oltretutto indicata senza alcun titolo, con la marchesa Willa. L’ipotesi è formulata in Foschi, La famiglia dei conti di Panico, una signoria cit., p. 10; Ead., Il patrimonio cit., p. 105 sg.

85   Cfr. Zagnoni, Il monastero cit., p. 84 sg.

86   Si tratta di quella vasta porzione appenninica costituita dalle valli dei fiumi Reno, Setta, Savena, Idice, Sillaro e Santerno.

87   Cfr. Cap. 3.2.

88Carte dell’Archivio Arcivescovile di Pisa cit. vol. i, pp. 260-264, doc. 102. La carta dovette pervenire all’archivio arcivescovile pisano allorquando, il 27 agosto 1077, Matilde di Canossa donò al vescovo e ai canonici della cattedrale di Pisa i beni ottenuti in quest’occasione da suo padre: Die Urkunden und Briefe der Margräfin Mathilde von Tuszien, a cura di E. Goez, W. Goez, Hahnsche Buchhandlung, Hannover 1998, pp. 87-92, doc. 23. L’elenco dei beni contenuti nella donazione matildica consente un’indicazione di massima sulla quota ereditaria totale che la contessa ottenne dal padre nell’Appennino orientale bolognese: si tratta delle corti di Scanello, Casadro, Monterenzio, Poruclo, Castelvecchio, Castrum Sancti Ambrosii, Lusiliauli – forse Livergnano; per la loro localizzazione cfr. M. Tirelli Carli, La donazione di Matilde di Canossa all’episcopato pisano, in «Bollettino Storico Pisano», n. 46, 1977, pp. 153-155.

89   Maginfredo si impegnò a cedere una metà del castello e della corte di Scanello – attuale frazione del comune di Loiano – e la metà delle duecento tornature di terreno poste in circuitu castri. Bonifacio, da parte sua, si impegnò a vendere la parte del castello detenuta in quel momento da Maginfredo, aggiungendo la metà di duecento tornature agricole nella circoscrizione plebana di S. Pietro in Barbarolo, a eccezione della corte Poruclo. La pena per il mancato rispetto dell’accordo sarebbe stata la consegna della propria quota del castello di Monterenzio. Il comune di Monterenzio si trova lungo la valle dell’Idice a circa 25 chilometri da Bologna. La chiesa di S. Pietro in Barbarolo fa parte dell’omonima località in comune di Loiano (BO); la corte di Poruclo, che non sembra aver lasciato traccia, doveva trovarsi nelle vicinanze di Barbarolo. È interessante notare che questi beni sono compresi in una descrizione più ampia che spazia per i possedimenti montani dal Monte Morosino, verso sud, e dal corso del Santerno fino al corso del Reno; la parte in pianura è invece delimitata dallo stesso rilievo verso nord e dalle paludi fino al corso del Savio a est. Il Monte Morosino fa parte delle alture che dividono il fiume Santerno dal Sillaro in comune di Fontanelice (BO).

90   La parte di patrimonio spettante a questo Bonifacio di Enrico si articolava in prevalenza presso il castello di Monterenzio.

91Lazzari, Comitato cit., p. 97 sg.

92   Ancora nel corso del secolo XII i discendenti di Maginfredo di Ubaldo contrastarono la chiesa pisana nel pieno possesso di questi beni appenninici; per una più diffusa trattazione della questione si rimanda a Manarini, Ai confini cit.

93Antiquitates cit., vol. v, col. 615 sg. La carta, al momento dell’edizione muratoriana, era conservata presso l’Archivio Estense, presumibilmente, di Modena; in quella sede non è stato però possibile rintracciarla. Per l’investitura e il rapporto con il vescovo cfr. Cap. 3.1.

94   Si tratta della pieve di S. Giorgio in Tamara, situata a est di Ferrara ora frazione di Copparo (FE), di metà della pieve di S. Maria di Gaibana, delle decime del villaggio di Rotundoli e di Correggio e di beni generici posti in via Uratica. A parte Correggio, gli altri due toponimi sono di difficile identificazione; il passo relativo alla seconda pieve citata è complicato da una lacuna che l’editore settecentesco non ha quantificato, non sembrano esserci comunque ostacoli nell’identificare la chiesa di S. Maria con la pieve della più volte citata Gaibana.

95   Non abbiamo altre informazioni su questo Almerico. Potrebbe trattarsi del marchese Almerico II, vissuto alla metà del secolo X, imparentato con il gruppo hucpoldingio; cfr. Cap. 2.2.

96   La pieve doveva trovarsi non lontana dall’attuale Trecenta, in provincia di Rovigo; cfr. A. Castagnetti, L’organizzazione del territorio rurale nel Medioevo. Circoscrizioni ecclesiastiche e civili nella «Langobardia» e nella «Romania», Giappichelli, Torino 1972, p. 126.

97Le carte ferraresi cit., p. 180, doc. 60; sulle vicende di Ardizzo e il suo legame vassallatico con la chiesa di Ferrara cfr. Castagnetti, Società cit., pp. 221-224.

98   Cfr. Cap. 4.1.

99   BNF, Nouv. Acq. Lat. 2573, fol. 22, n. 23.

100   Cfr. Cap. 6.5.

101   In questo stesso periodo, inoltre, riaffiorò in un diploma che l’arcivescovo ottenne da Enrico IV il ricordo della vicenda patrimoniale, legata a Engelrada I, della metà del secolo X; cfr. Cap. 4.2.

102   Si tratta dell’arcivescovo di Ravenna, dell’abbazia di Nonantola e, da ultimo, del vescovo di Ferrara.

103   Cfr. Cap. 2.2.

104Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 43-45, doc. 20.

105Lazzari, I “de Ermengarda” cit., pp. 604-606.

106   Oltre a constatare la quasi totale mancanza di rapporti fra il cenobio e il gruppo, un valido strumento per sondarne la reciproca ostilità è quello dell’uso programmatico, da parte del monastero di S. Stefano, della formula di esclusione nella subconcessione di beni dati in enfiteusi; cfr. Cap. 6.5.

107   Nel 1015 Lamberto alienò a Pietro di Benedetto una terra arativa e vitata, posta oltre il fiume Savena in località Arcoveggio; ora inglobata nel comune di Bologna, ne rimane traccia nella via dell’Arcoveggio, a nord del centro storico della città. La carta è conservata nell’Archivio Abbaziale di Montecassino, nel fondo Pomposa. È stata edita in C. Mezzetti, Le carte dell’archivio di Santa Maria di Pomposa (933-1050), Tesi di Dottorato presso il Dipartimento di Studi sul Medioevo e il Rinascimento dell’Università di Firenze, Firenze 2006, doc. 97. Nel 1021 concesse in enfiteusi a Pietro del fu Giovanni detto de Homizo una terra aratoria, situata nella valle detta Marano, nei pressi dell’attuale Castenaso (BO); Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 55-57, doc. 26.

108   La clausola di esclusione dalla subconcessione del bene dato in enfiteusi, presente nell’atto del 1021, è una prova rilevante per comprendere la posizione di Lamberto nei confronti del gruppo parentale materno.

109   La carta alla quale si fa riferimento è allegata allo studio citato Lazzari, I “de Ermengarda” cit., p. 602. I beni presi in considerazione sono quelli evidenziati come proprietà dei de Ermengarda. I beni dei discendenti di Lamberto appartengono al ramo paterno, originato da Lamberto fratello del vescovo Giovanni. Al solo ambito ferrarese appartengono le proprietà dei Torelli, parentela originata dal matrimonio fra una donna dei de Ermengarda e un personaggio della famiglia ferrarese dei Torelli alla metà del secolo XI; cfr. ivi, pp. 621-649.

110Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. ii, pp. 784-787, doc. 391. I beni sono situati nelle località di Olmita, Costi, Scandolara, Farnito, Plano, nel monte detto Pulisini e nei luoghi detti ripo Albarita e ripo detto Rio Pauli, nel territorio della pieve di S. Ansano del Pino, attuale Pieve del Pino, frazione di Sasso Marconi (BO). La località di Sesto, oggi ricordata da via Sant’Andrea di Sesto, si trova a circa 4 km a nord-ovest di Musiano, sul crinale appenninico che conduce a Pieve del Pino, attraverso l’omonima via. Questa del 1089 è inoltre la prima attestazione della chiesa di S. Andrea, che nei secoli successivi sarebbe stata dipendenza del monastero di Musiano; cfr. Zagnoni, Il monastero cit., p. 90.

111   Tiziana Lazzari non lo comprende nella sua ricostruzione; Sesto è tuttavia segnato nella carta dei possessi fra i beni dei discendenti di Lamberto. Paola Foschi invece non ha dubbi nel considerare Pasquale parte della famiglia dei de Ermengarda, senza però addurre ulteriori argomentazioni: Foschi, Il patrimonio cit., p. 108 sg.

112   Per le relazioni fra i discendenti di Lamberto e il cenobio bolognese cfr. Lazzari, I “de Ermengarda” cit., pp. 615-617.

113   Cfr. Cap. 1.3.

114   Simone Collavini mostra come per superare fasi di disgrazia politica la salvezza e il rilancio degli Aldobrandeschi sia passato proprio attraverso una maggiore attenzione alla base patrimoniale e alla ricostruzione del proprio potere, innanzitutto sul piano locale. Un siffatto processo costituì un importante impulso vitale che caratterizzò questa parentela per un lungo periodo successivo: Collavini, Honorabilis cit., p. 73.

115   Cfr. Cap. 3.1.

116Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 427-430, doc. 210; la conferma contiene anche la notizia della prima concessione.

117   Ivi, p. 430: «Et licitum sit vobis vestrisque [successori]bus dominacione pro his [i.e. su quelle terre] obedire et renovare»; la pessima condizione del supporto non permette una piena comprensione del testo, caduto in molti punti.

118   Del resto risalgono a pochi anni prima altre attività del conte Alberto in quell’area, quando nel 1070 un messo del conte diede in pegno una terra in località Lamario, nei pressi di Funo, a tali Bonfante ed Enrico, evidentemente per prestiti o passate transazioni economiche operate con gli stessi da Alberto: ivi, vol. i, p. 362 sg., doc. 177.

119   Costituisce un problema aperto la falsa donazione del marchese Ugo I all’abbazia di Marturi del 970 che attesterebbe l’esistenza di un gran numero di fortificazioni proprio in questa porzione di territorio. Tuttavia, la sicura falsificazione dell’atto e il mancato riscontro patrimoniale nelle altre carte bolognesi fanno dubitare fortemente che il gruppo potesse controllare tali fortificazioni ancora nel corso del secolo XI. L’unica attestazione plausibile è quella relativa al castrum di Massumatico del 1034.

120   Cfr. Fasoli, Il dominio cit., pp. 134-138.

121   Cfr. Cap. 8.4.

122   Nella documentazione bolognese del secolo XI emergono sette individui con il titolo di vicecomes; solo due di questi non sono in alcun modo riferibili a relazioni con il gruppo parentale hucpoldingio. Per questi due personaggi, Atto e Rainberto vicecomites, cfr. Lazzari, Comitato cit., p. 162 sg.

123   Nel 1038 è attestato in una confinazione nei pressi della pieve di Budrio dei SS. Gervasio e Protasio; nel 1059 è attestata la proprietà dei suoi eredi nelle vicinanze di S. Venanzio: Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 87-89, doc. 42; p. 195 sg., doc. 93.

124   Ivi, vol. i, pp. 138-140, doc. 65; pp. 246-248, doc. 119; pp. 323-325, doc. 158; pp. 433-435, doc. 212; ivi, vol. ii, p. 572 sg., doc 283. Inoltre Ungaro partecipò al placito bolognese del 1037: I placiti del ‘Regnum Italiae’ (secc. IX-XI). Primi contributi cit., pp. 407-409, doc. 33.

125Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. ii, p. 874 sg., doc. 437.

126Antiquitates cit., vol. i, col. 855: la sua sottoscrizione viene subito dopo quella dei figli del defunto marchese Ugo II. Su questa carta di liberazione cfr. Cap. 7.2.

127Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 196-198, doc. 94.

128   Il tabellio Pietro Migaranenses è rogatario del documento di Ubaldo IV del 1082 citato poc’anzi. Questa risulta l’unica carta da lui redatta a essere sopravvissuta: G. Feo, Per l’edizione delle carte bolognesi del sec. XI. Il censimento dei notai, in «Nuovi annali della Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari», n. 12, 1998, p. 39. La chiesa di S. Nicola di Migarano fu invece trasferita al monastero di Musiano dal conte Uberto nel 1085: Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. ii, pp. 707-709, doc. 352.

129   La carta risale al 1085: ivi, vol. ii, p. 687 sg., doc. 342.

130   Nella pieve di S. Gervasio in Lepediano, attuale Pieve di Budrio, il conte Adalberto II ebbe dei terreni agricoli nel fondo Aquilio, denominato Brelito, e nella località di Castellioni: per la prima località, non identificata con precisione, ivi, vol. i, pp. 87-89, doc. 42; per la seconda, posta a nord di Budrio, ivi, vol. ii, p. 687 sg., doc. 342. Nella medesima pieve anche il marchese Ugo II ebbe delle terre nel fondo Bescario: ivi, vol. ii, pp. 817-819, doc. 407. Ancora Ugo ebbe dei terreni nella località di Cisterna presso la vicina massa di Medicina, attuale Medicina (BO): ivi, vol. i, pp. 381-383, doc. 187. Infine, l’ultimo lotto di appezzamenti agricoli era situato poco più a sud-est, dove il fiume Sillaro si affaccia sulla pianura e si incurva verso il Reno, presso la località Volta de Sillaro: ivi, vol. i, pp. 360-362, doc. 176.

131Lazzari, Comitato cit., p. 85 sg.

132   Cfr. N. Alfieri, La via Flaminia «minore», in La viabilità tra Bologna e Firenze cit., pp. 95-101. Alcune considerazioni di sintesi sono tracciate in P. Foschi, Una nuova tappa di studi sulla via Flaminia minore, «Il Carrobbio», n. 29, 2003, pp. 19-36.

133   Sul significato di questa espressione cfr. G. Sergi, «Aree» e «luoghi di strada»: antideterminismo di due concetti storico-geografici, in La viabilità appenninica dall’Età Antica ad oggi. Atti delle giornate di studio (12 luglio, 2-8-12 agosto, 13 settembre 1997), a cura di P. Foschi, E. Penoncini, R. Zagnoni, Gruppo studi alta valle del Reno, Porretta Terme 1998, pp. 11-15.

134   Il possesso fondiario rappresentava nel medioevo il primo e necessario requisito per raggiungere la ricchezza. Il passaggio, poi, dalla ricchezza al potere era diretto e senza forti mediazioni da parte di istituzioni pubbliche, cfr. Provero, L’Italia cit., p. 53 sgg.

135   Per la funzione dei castelli come centro relazionale del potere signorile cfr. ivi, p. 66 sg.

136Foschi, Il patrimonio cit., p. 102.

137   Per il significato simbolico che i diritti di mercato assumevano in ottica signorile cfr. Cap. 7.3.

138   Su queste due pievi cfr. Le pievi cit., pp. 396 sgg., 432 sgg.

139   Come detto pocanzi, il castello detto Panicale era situato nelle vicinanze dell’odierno Pianoro; per la pieve di S. Giovanni Battista di Gorgognano cfr. ivi, p. 349 sgg.

140Le carte bolognesi del secolo X cit., pp. 47-49, doc. 9.

141   Oltre a redigere il livello entro il castello e a detenere proprietà presso di esso, la coppia si avvalse anche di un testimone, Teuzo figlio di Bonizo detto da Civiciano, che proveniva dalla corte di Civiciano, nei pressi dell’odierna Zola Predosa, posseduta del gruppo hucpoldingio: cfr. ivi, p. 48.

142   Ivi, pp. 51-55, doc. 11. Nell’actum finale si legge actum in predicto vico Panigale; tuttavia non vi sono dubbi sulla sua identificazione con il castello poc’anzi citato: ivi, p. 54 sg., nota 4.

143Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. ii, pp. 707-709, doc. 352. Un altro personaggio di nome Vuinibaldo, possibilmente il padre o l’avo del personaggio attestato nel 1085, ebbe delle proprietà anche presso il castello hucpoldingio di Pizzocalvo, come attesta un contratto del 1054 che nelle vicinanze del castello comprendeva le proprietà degli heredes quondam Guinibaldo: ivi, vol. i, p. 165 sg., doc. 78.

144Le carte bolognesi del secolo X cit., pp. 88-92, doc. 26.

145Le carte del monastero di S. Maria cit., vol. i, pp. 52-55, doc. 19.

146Benati, Il Saltopiano cit., p. 343.

147Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, p. 26 sg., doc. 12.

148Antiquitates cit., vol. i, col. 855.

149   Feo, Per l’edizione cit., p. 40.

150Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 210-213, doc. 101.

151   Feo, Per l’edizione cit., p. 39.

152Le carte bolognesi del secolo X cit., p. 54.

153   La trascrizione della carta è compresa in Petracchi, Della insigne cit., p. 97 sg.

154   Lo stesso Raginerio, citato poc’anzi e attivo nel medesimo ambito territoriale, è attestato con entrambe le titolature.

155   Feo, Per l’edizione cit., p. 29.

156   Un terzo castello che forse nel corso del secolo X era controllato dal gruppo è quello di Sesto nei pressi della chiesa di S. Andrea, nelle vicinanze di Musiano. Possiamo supporre il possesso da parte del gruppo hucpoldingio grazie alla carta di donazione con cui un probabile discendente di Lamberto di Ermengarda elargì la sua parte della corte, della chiesa e del castello di Sesto proprio al monastero di Musiano: Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. ii, pp. 784-787, n. 391.

157   La pieve è situata sulla collina rocciosa fra i torrenti Idice e Zena: Le pievi cit., p. 419.

158   Per le attestazioni del castello di Zena cfr. P. Foschi, Castelli e fortificazioni nel Bolognese: repertorio e cronologia, Gruppo studi alta valle del Reno, Porretta Terme 2012, p. 187.

159   Il notaio Teucio de castro Gene copiò presso Pianoro un atto di vendita compiuto dal conte Uberto nel 1114: Le carte del monastero di S. Stefano cit., p. 340 sg., doc. 189.

160   L’enfiteusi citata in precedenza del 1054 fu redatta in castro qui dicitur Pigicalvoli: Franceschini, Note cit., p. 72 sg.

161   Per questa discendenza cfr. Lazzari, Comitato cit., p. 200 sg.

162   Archivio Abbaziale di Nonantola (=AAN), Pergamene, IX, 75.

163Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 418-420, doc. 205.

164   La località conserva il medesimo toponimo, frazione di Castel San Pietro (BO). Ancora nel 1251 un esponente della discendenza è detto comitis de Casaliclo, in quell’occasione ricordato per la vendita di due terre al monastero di Musiano; cfr. Zagnoni, Il monastero cit., p. 52.

165Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 104-106, doc. 50. Sul gruppo familiare dei de Robiano cfr. Lazzari, Comitato cit., pp. 172, 203 sg.

166   Si tratta di Fuschizo da Ceretolo presente alla carta di Alberto I del 1074 e di Sarracino da Pontecchio, che fu testimone alla donazione del 1085 disposta dal conte Uberto: Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 427-430, doc. 210; vol. ii, pp. 707-709, doc. 352.

167   Il castello e la corte dovevano trovarsi presso l’attuale località di Zola Predosa (BO).

168   AAN, Pergamene, VIII, 43bis.

169   Cfr. Cap. 3.2.

170   La questione sarà ripresa nel Cap. 6.4.

171Savioli, Annali cit., vol. i.2, p. 159 sg., doc. 100.

172   Cfr. Cap. 3.1.

173   Cfr. Lazzari, Comitato cit., p. 133 sgg.

174   Si tratta dei sei documenti, tutti di enfiteusi, che attestano l’attività dell’abate Rodolfo: Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 273-275, doc. 133; pp. 327-329, doc. 160; pp. 377-379, doc. 185; vol. ii, p. 445 sg., doc. 218; pp. 477-479, doc. 233; pp. 515-517, doc. 252. Per l’uso di questa formula di esclusione nelle enfiteusi bolognesi cfr. Cap. 6.5.

175   L’abate Ingezo compare nei documenti a partire dal 1088 fino al 1108. La prima menzione del successore Agostino è del 1124, mentre la prima dell’abate successivo, Rodolfo II, è del 1136. La formula è usata due volte su sei enfiteusi totali da Ingezo. Per Agostino non è possibile fare una stima completa poiché le carte edite si fermano all’anno 1125. Fino a quel momento sono conosciute due enfiteusi di questo abate, entrambe con la formula.

176   La clausola era così articolata: «licentia sit vobis de dare in talis hominibus qui de districta ipsius monasterio fuerit, a salva iustitia donica persolvendum». Mediante il termine districtus l’abate doveva intendere l’area patrimoniale del monastero che fu sempre alquanto compatta; cfr. Zagnoni, Il monastero cit., p. 51.

177   L’appezzamento si trovava in località Colonne nei pressi di Monte Calvo, attuale frazione di San Lazzaro di Savena (BO).

178Le carte del monastero di S. Stefano cit., pp. 306-308, doc. 171.

179Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. ii, pp. 707-709, doc. 352; la donazione comprendeva anche 30 tornature di terra, le decime, le primizie e le oblazioni spettanti a S. Nicola. Sulla chiesa di S. Nicola cfr. F. Servetti Donati, Budrio casa nostra, Comune di Budrio, Budrio 1977, pp. 242-246.

180   Cfr. Violante, Alcune cit., p. 49 sg.

181   La carta oggi è perduta; Savioli ne diede una trascrizione nella sua opera: Savioli, Annali cit., vol. i.2, p. 140 sg., doc. 85. L’erudito settecentesco non fu probabilmente in grado di leggere il toponimo o la specificazione relativa al bene oggetto del documento. Il testo della trascrizione riporta in quel punto: «idest tertia porcione de omnibus rebus et possessionibus meis quantacumque mihi pertinet de [lacuna non quantificata] que fuit et pertinuit a quondam Ugo et Matilda».

182   Anche se non sono documentate attività del monastero di Musiano nel Ferrarese, potrebbe essere questa una spiegazione al singolare ritrovamento settecentesco di alcune carte relative a Beatrice e a Musiano nell’Archivio della cattedrale di Ferrara, oggi perdute. L’atto non fornisce, d’altra parte, alcun indizio sicuro per collocare i beni donati nel Bolognese, come invece si afferma in Zagnoni, Il monastero cit., p. 46 e in Foschi, Il patrimonio cit., p. 107.

183   La trascrizione dell’atto, con molte lacune e scorrettezze, è compresa in Petracchi, Della insigne cit., p. 97 sg. L’autore afferma che la carta era conservata nell’Archivio della cattedrale di Ferrara e che fu Giuseppe Scalabrini, canonico ferrarese, a inviargli la trascrizione per la pubblicazione. Tuttavia, a una prima ricognizione nei vari fondi dell’attuale Archivio della Curia Arcivescovile di Ferrara non è stato possibile rinvenire alcunché. La vendita si riferisce a una generica quantità di beni compresa nei seguenti confini: da un lato la strada che conduce a Monte Calvo; dal secondo lato la strada che conduce alla cella di S. Nicola; dal terzo il rio detto Beccaro; dal quarto il rio detto Arolo. Identificando con sicurezza il solo Monte Calvo non possiamo spingerci oltre nella localizzazione. Il bosco è situato nella località Macha Bovum. La probabile scorrettezza della trascrizione non permette anche in questo caso una precisa identificazione. Si tratta però di un terreno posto in diretta continuità con beni sia del monastero, sia della venditrice.

184   La carta, come la precedente, è edita da Petracchi su trascrizione di una copia successiva, molto frammentaria, da parte di Scalabrini. Anch’essa si trovava presso l’Archivio della cattedrale di Ferrara e oggi non è reperibile. La trascrizione è in ivi, p. 99 sg.

185   Questo conte Traversario dovette far parte della dodicesima generazione della parentela, attivo circa alla metà del secolo XII. Oltre a questa indicazione, abbiamo notizia dei beni di questo conte nelle vicinanze di Pianoro, in località Isola, allorché è ricordato fra i confinanti di una terra venduta all’ospedale di Pianoro nel 1146: ASBo, Demaniale, S. Stefano, 10/946, n. 10.

186   Cencetti considera probabile l’ipotesi che la seconda copia, realizzata su altra del 1097, sia stata redatta nel 1174; cfr. Le carte bolognesi del secolo X cit., p. 51. Alla luce di queste considerazioni alcune delle disposizioni contenute nella carta potrebbero essere intese come interpolazioni che i monaci inserirono a loro favore: prima fra tutte la reiterata concessione al monastero del fondo di Musiano sul quale esso sorgeva.

187   Per una visione d’insieme sul patrimonio del monastero di S. Stefano cfr. F. Bocchi, L’”azienda” Santo Stefano, in 7 colonne e 7 chiese: la vicenda ultramillenaria del complesso di Santo Stefano di Bologna, a cura di Ead., Grafis, Casalecchio di Reno 1987, pp. 183-209.

188Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. ii, p. 874 sg., doc. 437. La datazione è supposta dall’editore, sulla base dei pochi dati offerti dalla pergamena, fra gli anni 1067, 1082 e 1097. Gli estremi cronologici di attività del conte Ubaldo e la serie di azioni del monastero di S. Stefano verso quelle terre rendono però più verosimile l’ipotesi del 1082. La massa Ellerario si trovava nel territorio dell’antica pieve di S. Stefano di Claterna, oggi all’estremo confine settentrionale del comune di Ozzano dell’Emilia (BO) verso Budrio, presso la località di Prunaro.

189   Si tratta di un pegno e di quattro enfiteusi disposte da privati a favore del monastero di S. Stefano fra il 1057 e il 1088, tutte nella medesima località della massa Ellerario: ivi., vol. i, pp. 175-177, doc. 83; pp. 190-192, doc. 91; pp. 196-198, doc. 94; vol. ii, pp. 601-603, doc. 299; p. 776 sg., doc. 387.

190   Dalla documentazione emerge in questa zona la preminente posizione di Amelfredo figlio di Ildizo e dei suoi figli Senioritto e Rainardo, che ebbero una vasta ricchezza fondiaria proprio nella massa Ellerario. Senioritto, o Signorello, fu il primo a legarsi al monastero di S. Stefano nel 1083. Benché egli fosse un ricco possessore fondiario, si curasse della cappella di S. Maria iusta Elerario – luogo di redazione dell’enfiteusi del 1083 – e fosse sposato con una donna dal nome franco di Vuilla, non sembra possibile stabilire relazioni sicure con gli Hucpoldingi. L’enfiteusi concessa da Amelfredo a privati risale invece all’anno 1048: ivi, vol. i, pp. 129-131, doc. 61. I riferimenti alle proprietà dei suoi figli e discendenti nella stessa massa sono inclusi nelle carte appena citate, in particolare nelle confinazioni dei beni oggetto di enfiteusi.

191   L’atto è redatto dal tabellione Pietro Migaranenses, la cui attestazione di provenienza permette di supporre anche il luogo di redazione, nelle vicinanze di Migarano, altrimenti non restituibile dallo stato della pergamena.

192   Si tratta di Gerardo e Ugo figli di Adescalco, Pietro Rusticani e Rodolfo figlio di Rustico. I due fratelli sono protagonisti di una concessione di enfiteusi nel 1074 all’abate Guinizo: ivi, vol. i, pp. 418-420, doc. 205; probabilmente Pietro Rusticani è lo stesso Pietro figlio di Rustico che compare testimone di due atti del monastero di S. Stefano nel 1097 e nel 1099: ivi, vol. ii, p. 877 sg., doc. 439; p. 919 sg., doc. 461; Rodolfo figlio di Rustico tabellione può essere identificato con un certo Rodolfo figlio di Rustico notaio, che compare testimone di un enfiteusi ricevuta dal monastero di S. Stefano nel 1072: ivi, vol. i, pp. 395-397, doc. 194.

193   Ivi, vol. i, p. 803 sg., doc. 399.

194   Il solo Martino di Vitale potrebbe essere identificato con un omonimo Martino figlio di Vitale, citato in una cara del 1063, attivo però nella parte occidentale del Bolognese, presso il vico Panigale. In questo contratto di enfiteusi fra privati è presente la formula di esclusione per la subconcessione del bene nei confronti degli eredi di Bonifacio e dei loro servi; cfr. ivi, vol. i, pp. 248-250, doc. 120.

195   Si tratta della località di Buda, frazione del comune di Medicina, nel settore orientale della provincia di Bologna.

196   Una breve notizia patrimoniale è contenuta in un documento del 1119, appartenente all’archivio delle chiese bolognesi di S. Vittore e di S. Giovanni in Monte, che si trova in ASBo, Demaniale, S. Giovanni in Monte, 1/1341, n. 31. Il testo, seppur con la data errata del 1121, è compreso nel cartulario denominato De donationibus del cenobio di S. Vittore. Il testo della donazione riporta che parte di ciò che Azo di S. Maria in Duno donò alla canonica di S. Vittore gli veniva «ex hoc quod adquisivit ab Alberto comite infra plebe Sancti Marini». La scarna notizia attesta dunque qualche esigua rimanenza patrimoniale, ancora a queste altezze cronologiche, nella zona di San Marino di Bentivoglio. L’edizione del cartulario si trova in M. Modesti, Studi per l’edizione critica delle carte bolognesi del secolo XII: prosopografia dei notai ed edizione critica di due cartulari notarili, BUP, Bologna 2012, p. 166 sg., doc. 13.

197   Settefonti compare come luogo di redazione di una vendita del 1051: Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 142-144, doc. 67.

198   L’elargizione comprendeva quaranta tornature di terreni presso la chiesa di S. Giovanni in Fontana, nella pieve di Buda, dieci tornature del bosco di Meleto – località posta a circa un chilometro a nord di Villa di Sassonero, a mezzacosta fra la valle e il crinale del rilievo appenninico – e infine ciò che era stato detenuto in feudo da tale Ugo di Adalberto. Il contenuto della donazione è ricordato nel privilegio di Alessandro III del 1177, conferma di un precedente privilegio di Pasquale II, elargito fra 1099 e 1118; cfr. Kehr, Italia cit., vol. v, Berlin 1911, p. 288 sg. La conferma patrimoniale del vescovo bolognese Gerardo del 1154 riporta invece meno dettagli, che evidentemente in quegli anni non era necessario specificare. Entrambe le carte sono conservate nell’Archivio di Stato di Bologna, nel fondo di S. Cristina: il privilegio di Alessandro III è edito in Annales Camaldulenses cit., vol. iv, col. 83 sg., doc. 52; la conferma del vescovo Gerardo in Codice diplomatico della chiesa bolognese cit., pp. 247-249, doc. 120.

199   L’arrivo delle monache a Settefonti dovette avvenire fra il 1097, anno della donazione della chiesa al monastero di Luco, e l’agosto 1099, data della prima carta in cui la badessa Matilde è nominata; cfr. Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. ii, pp. 913-915, doc. 458.

200   Ivi, vol. ii, p. 915 sg., doc. 459: si tratta di una terra con frascario di dieci tornature nella già citata località Meleto. Per l’antica pieve di S. Giovanni in Pastino o Toraciano, luogo di stipula e circoscrizione plebana di cui lo stesso monastero faceva parte, cfr. Le pievi cit., pp. 357-361.

201Annales Camaldulenses cit., vol. iii, col. 221 sg., doc. 151. Si tratta delle attuali località di Villa di Sassonero e di Bisano, entrambe frazioni di Monterenzio (BO).

202   Per l’area toscana cfr. Cap. 5.3.

203   La donazione della chiesa di S. Cristina a favore di Martino, priore di Camaldoli, e di Cuniza, badessa di S. Pietro in Luco, fu disposta il 5 settembre 1097 da Agerardo e Guido, figli di Agerardo, e dai loro consorti. Le carte che attestano questi avvenimenti sono disperse fra l’archivio di S. Cristina e quello di Camaldoli; sono in parte riassunte in Annales Camaldulenses cit., vol. iii, p. 86 sg. Una rilettura recente dei fatti intorno la fondazione del monastero bolognese si trova in P. Foschi, Il monastero di S. Cristina della Fondazza: origini e sviluppi medievali, in Il monastero di S. Cristina della Fondazza, a cura di P. Foschi, J. Ortalli, Deputazione di storia patria, Bologna 2003, pp. 5-10.

204   Cfr. Di Pietro, Monasteri cit., pp. 265-283.

205Le carte del monastero di S. Stefano cit., p. 340 sg., doc. 189; per la datazione corretta cfr. Modesti, Studi cit., p. 127. I beni alienati sono stimati per un prezzo di 6 soldi d’argento.

206   AAN, Pergamene, IX, 75; si tratta di una pezza di terra arativa e vitata, ereditata dallo zio Ubaldo IV e posta presso il vicino fiume Idice, in località Poio de Vico. Il prezzo stabilito non è leggibile a causa dello stato del supporto.

207   Cfr. Cap. 3.1.

208   Sui beni donati nel 1099 al monastero di Camaldoli cfr. Cap. 5.3.

209   Cfr. Cap. 3.4.

210   In ambito pistoiese questo ramo parentale ebbe relazioni soprattutto con il vescovo cittadino, già prima del 1132 e soprattutto nel secolo XIII; cfr. Foschi, La famiglia dei conti di Panico, una signoria cit., pp. 15-17. In particolare per i primi rapporti fra conti e vescovo nel secolo XII cfr. Ammannati, Fiesole cit., p. 166.

211   Vi fu un decisivo intervento da parte della contessa Matilde teso a favorire in questi luoghi, in particolare presso Zola, Rigosa e Gesso, la patrimonialità dell’abbazia di Nonantola; cfr. Overmann, La contessa cit., p. 24.

212   La notizia è ricavata dalle confinazioni relative a una terra venduta da abitanti del borgo di Santa Maria in Strada alla medesima abbazia nel 1108 edita in Le carte del monastero di S. Stefano cit., pp. 294-296, doc. 164. Per il monastero di S. Maria in Strada e il suo patrimonio cfr. D. Cerami, S. Maria in Strada: un monastero tra due fiumi, in «AMR», n.s., n. lix, 2009, pp. 163-203.

213   ASBo, Demaniale, Servi di Maria, 2/6092, n. 2. Si tratta di due terre situate presso Casale Marzano, forse la medesima località prossima ad Anzola dell’Emilia, citata nel Breviarium cassinese del preposito Giovanni: Tiraboschi, Storia cit., vol. i, p. 448.

214   Questa località di trovava sotto la parrocchia di S. Prospero in comune di Savigno (BO); la vecchia chiesa della SS. Trinità esiste tuttora, anche se sconsacrata: Fanti, Note cit., p. xliv, doc. 165.

215   Il documento è conservato in originale – così l’editore – nella Biblioteca Comunale Ariostea di Ferrara e edito in Le carte ferraresi cit., pp. 157-159, doc. 52. Due copie, una semplice e una autentica del 1204, sono conservate a Bologna nel fondo del monastero di S. Stefano, edite in Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 338-340, doc. 165. Gli editori delle carte bolognesi non sembrano conoscere l’esistenza dell’originale, o presunto tale, a Ferrara. In sede di edizione, tuttavia, avanzano molti dubbi sulla veridicità del documento, il cui formulario non coincide con gli altri esempi del medesimo notaio Onesto, essendo molto simile a quelli usati dalla seconda metà del secolo XII in avanti. Il fatto poi che questo sia il primo documento in cui si trova la dicitura Conti de Panigo fa propendere per una falsificazione o almeno per una forte interpolazione: Lazzari, Comitato cit., p. 94, nota 161.

216   I Conti di Panico agirono stabilmente in quel settore appenninico ancora nel secolo XIV, quando nel 1320 Federico da Panico prese l’abbazia di Roffeno sotto la sua custodia: R. Zagnoni, L’abbazia di Santa Lucia di Roffeno nel Medioevo (secoli XI-XIV): nuovi documenti, in Monasteri d’Appennino. Atti della giornata di studio (11 settembre 2004), a cura di Id., Gruppo studi alta valle del Reno, Porretta Terme 2004, p. 116.

217   AAN, Pergamene, VIII, 43bis.

218   Si tratta delle località di Cursio, Roncathelle e Calvanella, descritte nel documento come prope castellario Petroze, dunque nei pressi dell’attuale Zola Predosa.

219   AAN, Pergamene, IX, 4; le terre concesse ad Andrea, Martino e Domenico, figli del fu Teucio de Stamperto erano poste nelle località di Pozathello, Oplo e Castiluni. Di questi luoghi, situati nelle vicinanze, non siamo in grado di fornire l’ubicazione esatta. La pieve di S. Lorenzo in Collina si trova a circa 5 chilometri dell’attuale centro di Zola Predosa, sui primi contrafforti collinari dell’Appennino occidentale bolognese; cfr. Le pievi cit., p. 378 sgg.

220   Proprietà in questa località sono attestate nella carta del 979; cfr. Cap. 6.1.

221   La donazione è conservata in copia autentica nell’AAN, Pergamene, IX, 7. L’edizione, anche se con alcuni errori, si trova in Antiquitates cit., vol. v, col. 655. L’eredità della madre hucpoldingia Willa sembra essere all’origine della presenza patrimoniale canossana in quest’area: attraverso il marito e padre, Bonifacio, Beatrice e Matilde disposero di terre e uomini in quella zona e forse, da un certo momento in poi, controllarono anche l’intero centro fortificato di Cellula; cfr. i documenti editi in A. Falce, Documenti inediti dei duchi e marchesi di Tuscia (sec. VII-XI), in «Archivio storico italiano», s. vii, n. ix, 1928, pp. 257-271, docc. xvii.1-4 e Tiraboschi, Storia cit., vol. ii, p. 187 sg., doc. 164. Sul contesto in cui collocare la donazione, tenendo presente che vi si riporta la data del 1103 dalla trascrizione errata di Muratori, cfr. B. Andreolli, Terre monastiche. Evoluzione della patrimonialità nonantolana tra alto e basso medioevo, in Il monachesimo italiano cit., p. 760 sg.

222   Il conte donò alla donna la sua quota del castello e della curia di Panico, a eccezione della località di Amola, il castello di Montasico e il castello e la curia di Vignola; stabilì, inoltre, una pena pecuniaria di 400 libbre d’oro nel caso che qualche parente minacciasse Matilde nelle proprietà acquisite. Oltre a Panico, le località donate sono: Amola di Montagna, nei pressi di Calderino, frazione di Monte San Pietro (BO); Montasico sul versante appenninico sinistro della valle del Reno, frazione di Marzabotto (BO); Vignola dei Conti presso Tolé, frazione di Vergato (BO). La carta è edita da Savioli che la estrasse dall’archivio privato dei Conti di Panico di Padova: Savioli, Annali cit., vol. i.2, p. 159 sg., doc. 100. Serafino Calindri, nel dare notizia del medesimo documento, restituì la lezione Matilde filie uterini al posto di filie Witerni di Savioli, suggerendo la suggestiva ipotesi, purtroppo non altrimenti verificabile, che si trattasse di una figlia naturale dello stesso Milone: S. Calindri, Dizionario corografico, georgico, orittologico storico della Italia, vol. iv: Montagna e collina del territorio bolognese, Forni, Sala Bolognese 1972, p. 225 sg.

223   Spagnesi, Wernerius cit., p. 90, nota 3; cfr. anche Milani, Lotte cit., p. 93.

224   Il conte Ugolino figlio del conte Ranieri ricevette il diploma dal legato imperiale il 23 gennaio 1221. L’atto si è conservato in tre copie alquanto tarde – la più affidabile è una copia autentica del 1485 conservata a Padova – che tuttavia permettono di risalire al tenore dell’originale; il diploma padovano è edito in Savioli, Annali cit., vol. iii.2, pp. 3-5, doc. 511; cfr. anche P. Foschi, La famiglia dei conti di Panico: una mancata signoria interregionale, in Signori feudali cit., p. 71 sg.

225   Sui caratteri diplomatici generali dell’enfiteusi bolognese cfr. G. Cencetti, Diplomatica dell’enfiteusi bolognese, in «Rivista di storia del diritto italiano», n. xii, 1939, pp. 438-455.

226Le carte bolognesi del secolo XI, Appendice, a cura di M. Modesti, Accademia delle Scienze dell’Istituto di Bologna, Bologna 2005, pp. 6-8, doc. 2.

227   Cfr. S. Pivano, I contratti agrari in Italia nell’Alto Medioevo: precaria e livello, enfiteusi pastinato e parzionaria, masseria e colonia, usufrutto vitalizio, contratto a tempo e parziaria, Unione Tipografico-Editrice, Milano 1904, pp. 201-204. Per la discussione e la valutazione delle interpretazioni che la storiografia locale bolognese aveva elaborato fondandosi sulla particolarità di questa clausola di esclusione cfr. Lazzari, Comitato cit., p. 100 sgg.

228Pio, Poteri cit., p. 559.

229Le carte bolognesi del secolo X cit., pp. 65-67, doc. 16. I dati cronologici portano l’editore a indicare due possibili anni di redazione della carta, il 958 e il 988. Con tutta probabilità, poiché nell’enfiteusi sono disposti alcuni beni che S. Stefano ricevette da un certo Drasclavo segnalato in altre tre carte rispettivamente del 959, 982 e come defunto nel 983, la datazione corretta è l’anno 988; per gli atti di questo Drasclavo cfr. ivi, pp. 33-36, doc. 3; pp. 55-57, doc. 12; pp. 58-60, doc. 13.

230   Ivi, p. 4; l’editore tuttavia considera della fine del secolo X un atto recentemente datato al secolo successivo: Pio, Poteri cit., p. 558, nota 40.

231   Il computo è stato effettuato sulla recente edizione delle carte bolognesi del secolo XI di Giovanni Feo.

232Lazzari, Comitato cit., p. 101.

233Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 9-11, doc. 4.

234   Cfr. Cap. 2.2.

235   Come gìa notato in precedenza, nel 1021 Lamberto di Ermengarda concesse in enfiteusi una terra presso l’attuale Castenaso, disponendo l’esclusione alla subconcessione nei confronti dei suoi parenti materni: Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. i, pp. 55-57, doc. 26.

236   Ivi, pp. 230-232, doc. 111; p. 314 sg., doc. 154; pp. 418-420, doc. 205.

237   Pio, Poteri cit., p. 561.

238   Tra i testimoni della fondazione di Musiano del 981 compare un Giovanni de Pelegrino de Elena che potrebbe essere un ascendente degli Aleni associati nella formula agli Hucpoldingi: Le carte bolognesi del secolo X cit., p. 54. Tuttavia questo unico indizio non consente un collegamento sicuro fra i due gruppi.

239Lazzari, Comitato cit., p. 103.

240Le carte bolognesi del secolo XI cit., vol. ii, p. 872 sg., doc. 436.

241   Cfr. I Placiti cit., vol. iii.1, pp. 28-31, doc. 333; I placiti del ‘Regnum Italiae’ (secc. IX-XI). Primi contributi cit., pp. 407-409, doc. 33; per la famiglia degli Alberici cfr. Lazzari, Comitato cit., pp. 169, 172, 176, 189-192.

242   Si tratta dell’attuale località di Sant’Agata Bolognese (BO).

243Tiraboschi, Storia cit., vol. ii, pp. 203-205, doc. 185. In questo caso l’espressione comitatus Bononiensis riferita a un membro del gruppo parentale va intesa quale indicazione geografica di appartenenza; cfr. Cap. 8.4.

244   BNF, Nouv. Acq. Lat. 2573, fol. 22, n. 23.

245Le carte del monastero di S. Stefano cit., pp. 299-301, doc. 167.

246   ASBo, Demaniale, S. Giovanni in Monte, 3/1343, n. 5/1.

247   Cfr. Di Pietro, Monasteri cit., pp. 265-283.

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site