Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

I due volti del potere

 | 
Edoardo Manarini

Parte II. Luoghi e clientele

5. Terra e funzioni in Tuscia

Texte intégral

1La ricostruzione patrimoniale per la marca di Tuscia si fonda sostanzialmente sulle relazioni allacciate con alcuni dei maggiori enti monastici toscani. Alla base di queste stavano i rapporti conseguiti in ambito istituzionale che furono essenziali perché la parentela si stabilisse in questo settore del regno. Su tutti, spiccano quelli stretti con i vescovi fiorentini e la discendenza adalbertingia. Una volta raggiunta la massima preminenza politica e sociale, tuttavia, furono i monasteri benedettini i principali interlocutori patrimoniali in tutti gli ambiti territoriali della marca.

2La città di Firenze e il suo territorio rappresentarono il centro di riferimento già a partire dalla metà del secolo IX. Nel centro della città l’abbadiola di S. Andrea fu controllata per almeno tre generazioni con il benestare del presule cittadino. Gli ultimi decenni del secolo X videro la fondazione in autonomia del monastero di S. Maria, la cosiddetta Badia fiorentina, che divenne col tempo uno dei monasteri più potenti dell’intera Toscana, anche grazie alle consistenti dotazioni di Willa e dei marchesi Ugo e Bonifacio II. Ancora nel Fiorentino, abbiamo traccia di rapporti quasi secolari con la chiesa di S. Salvatore a Settimo, a ovest di Firenze.

3La titolarità della marca, di concerto all’unione matrimoniale di Willa e Uberto, figlio di re Ugo, diede la possibilità al figlio Ugo I di ampliare il suo potere e la sua influenza su tutto il territorio toscano, interpretando così un ruolo chiave durante il regno di Ottone III. Nell’ultimo decennio del secolo X, Ugo attuò una precisa politica di amministrazione dei beni fiscali, che mirava a coinvolgere in ogni area della marca i monasteri, già esistenti o da lui fondati, spingendosi molto oltre il fervore religioso solitamente a lui attribuito. Il marchese trasferì così significative porzioni di beni fiscali e privati a S. Ponziano di Lucca, all’abbazia di Sesto fuori le mura della stessa città, alla Badia fiorentina, a S. Gennaro di Capolona alle porte di Arezzo, a S. Michele di Marturi in Valdelsa, a S. Antimo e a S. Salvatore al Monte Amiata nel Senese meridionale. Ognuno di questi cenobi era dislocato al centro di complessi patrimoniali fiscali, fondamentali per il potere dei marchesi su ciascun territorio.

4Il successore Bonifacio II cercò di seguire a sua volta questa politica, ma non riuscì a controllare un’area così vasta come il cugino prima di lui; fra gli enti appena citati, infatti, sono attestate relazioni con la sola Badia di Firenze, che ancora per tutto il secolo XI continuò a ricoprire un ruolo centrale nelle relazioni e nella presenza territoriale del gruppo. Abbiamo, invece, tracce di notevoli relazioni fra Bonifacio e il monastero di S. Salvatore a Fontana Taona, nell’Appennino pistoiese, la cui fondazione non è tuttavia attribuibile con sicurezza al marchese. La posizione del monastero nel Pistoiese è di grande rilevanza, poiché rivolto ai valichi appenninici che portano ai settori bolognesi ed emiliani, sede di radicamento dei genitori di Bonifacio.

5Esaurita l’influenza derivata dall’honor marchionale, i rami discendenti del gruppo tornarono a concentrare la loro presenza nelle porzioni del territorio fiorentino, che videro in principio l’azione degli antenati. Li ritroviamo, dunque, nella zona a sud di Firenze lungo il corso dell’Arno e nel settore appenninico del Mugello. Non riuscendo più a fregiarsi del titolo comitale, i discendenti di Adimaro cercarono nuovi sbocchi politici attraverso legami clientelari con le stirpi comitali dei Cadolingi e dei Guidi, membri del gruppo parentale allargato ed egemoni in quest’area della Toscana già nel secolo XI. A questi ultimi si legarono per via matrimoniale i discendenti radicati nel Bolognese di Adalberto III, che grazie a questa unione acquisirono proprietà e possessi anche sul versante appenninico toscano, in particolare presso Romena. La presenza patrimoniale, mantenuta per buona parte del secolo XI, portò anche a notevoli relazioni con il vicino monastero di Camaldoli.

6Dal punto di vista archivistico, le attestazioni documentarie seguono due percorsi distinti e precisi, corrispondenti ai tre periodi cronologici, in cui è parso più opportuno suddividere la trattazione: i documenti di secolo IX appartengono unicamente all’area fiorentina, conservati in copie negli archivi della canonica della cattedrale di Firenze e dell’abbazia di Settimo; le fonti per il secolo X e l’inizio dell’XI sono per la quasi totalità raccolte nei vari archivi monastici, interlocutori principali degli esponenti del gruppo che detennero il titolo marchionale; infine per le testimonianze dei secoli XI e XII ritorna predominante l’archivio canonicale di Firenze, al quale si unisce l’archivio di Camaldoli con le carte dei Romena. Questi dati archivistici hanno un chiaro riscontro nelle relazioni e nelle attività promosse dal gruppo in questi periodi nella regione. A margine di queste constatazioni rimane la sede vescovile di Arezzo che, pur esprimendo un presule con l’hucpoldingio Everardo e trovando nel successore Elmemperto un fidato sostenitore del marchese Ugo I, manifesta un silenzio archivistico quasi totale riguardo alle attività patrimoniali hucpoldinge nel territorio diocesano.

7In definitiva, l’elevata qualità della presenza patrimoniale degli Hucpoldingi in Toscana fu legata essenzialmente all’ufficio pubblico di marchese di Tuscia e, dunque, alla vicinanza politica che gli esponenti del gruppo seppero raggiungere e mantenere nei confronti dei detentori del potere regio. Quando il titolo marchionale fu affidato ad altri, infatti, l’eccezionale rilevanza avuta solo pochi anni prima non poté essere nemmeno avvicinata. Probabilmente, quindi, la presenza parentale in quest’area originò e dipese quasi esclusivamente dalle relazioni che il gruppo seppe allacciare nelle varie situazioni e fra i diversi livelli sociali, piuttosto che concentrarsi sullo sviluppo di un pragmatico potere signorile sul territorio, riscontrabile solo in minima parte.

5.1 Le presenze patrimoniali nel secolo IX

  • 1Le carte della canonica della cattedrale di Firenze cit., pp. 6-9, doc. 2.
  • 2   Il privilegio imperiale citato nel documento, con il quale la canonica fiorentina riceveva la chi (...)

8L’anno 852 segna la prima indicazione patrimoniale che vede il gruppo inserirsi nell’ambiente urbano della città di Firenze con il concorso dei due rappresentanti pubblici più influenti, il vescovo fiorentino e il marchese di Tuscia. Il 19 ottobre, Berta I fu ordinata badessa dell’abbatiola dedicata a san Andrea1, controllata dal vescovo fiorentino Radingo che, per volontà dell’imperatore Ludovico II2, ne possedeva la chiesa e ne curava la comunità di monache. Alla morte della sorella del vescovo Radburga, la figlia di Hucpold divenne abbatissa e rectrix con la facoltà di comandare, governare, fruire e fare qualsiasi cosa volesse del monastero, compreso libellarios mittere o qualsiasi alias conscriptiones emittere, senza tuttavia sottrarre il dominium del monastero ai presuli e alla chiesa cattedrale di S. Giovanni. A soprintendere tutto ciò presenziarono Hucpold stesso e Adalgausus, vassallo del conte Adalberto di Tuscia.

  • 3   Nelle vicinanze della città compaiono entità patrimoniali riconducibili al potere regio, denomina (...)
  • 4Cronica di Giovanni Villani: a miglior lezione ridotta coll’aiuto de’ testi a penna, a cura di I. (...)
  • 5   La localizzazione topografica più precisa è fornita nel documento dell’aprile 1018, analizzato di (...)
  • 6   La chiesa doveva sorgere su parte dell’attuale piazza della Repubblica, cfr. S. Rinaldi, A. Favin (...)
  • 7Cocchi, Le chiese cit., p. 63 sg.

9Non siamo in grado di stabilire in alcun modo di quale entità fondiaria Berta I poté disporre, poiché le notizie patrimoniali del cenobio sono quasi totalmente sconosciute a causa della totale dispersione archivistica e della demolizione della chiesa stessa in età moderna. Ciononostante, la preminenza dei protagonisti interessati all’abbadiola e la posizione centrale occupata entro il tessuto urbano possono far presupporre una certa importanza almeno a livello cittadino. Innanzitutto, l’origine delle terre, su cui il cenobio fu fondato, sembra ascrivibile al notevole complesso fondiario fiscale situato entro e nei pressi della città di Firenze3. Descritta dal Villani al centro della città antica4, le carte private fiorentine sono più precise nell’indicare la chiesa come prope forum domni regis o de mercado oppure ancora de foro veteri5. Tutte queste sono denominazioni della grande piazza, la cui natura pubblica doveva rifarsi ancora alla conformazione della civitas romana, che aveva probabilmente in quell’area il foro e gli edifici amministrativi e religiosi6. Inoltre, un aspetto peculiare dell’edificio della chiesa fu la sua contiguità con un arco, che le demolizioni ottocentesche svelarono quale fabbrica romana. L’arco è stato associato alla struttura viaria cittadina, che in quel punto doveva tagliare uno degli assi stradali principali che collegava da nord a sud la città, congiungendo la porta settentrionale, detta porta Domus, a quella meridionale, denominata porta Sanctae Mariae7.

  • 8Le carte della canonica della cattedrale di Firenze cit., pp. 19-21, doc. 6. Entrambi i documenti (...)

10Le donne hucpoldinge conservarono la carica abbaziale almeno fino alla fine del secolo IX, poiché nell’893 il vescovo Andrea stabilì, tramite suoi messi, che Berta I sarebbe stata sostituita, al momento della morte, dalla nipote Berta II, figlia di suo fratello Ubaldo8. Anche in questo caso non sono esplicitate informazioni patrimoniali di alcun tipo; possiamo a ogni modo constatare che, pur beneficiando dell’abbaziato di Berta I, il gruppo non riuscì, o non volle, estromettere il vescovo fiorentino dal pieno possesso del cenobio femminile, preferendo quindi una nuova elezione a badessa con il consenso del presule.

  • 9   Il diploma risulta perduto, se ne ha notizia dal regesto contenuto nel cosiddetto Bullettone: ASF (...)
  • 10   Desumiamo il controllo del cenobio da parte del marchese Ugo dal testo della concessione del vesc (...)

11Le attestazioni del secolo X mostrano il continuo interesse rivolto all’ente da parte degli stessi tre interlocutori finora accennati: Ottone II per la parte imperiale, che nel 977 fu interpellata per riconfermare la donazione del monastero di S. Andrea e di tutti i suoi beni all’episcopato fiorentino9; il marchese Ugo di Tuscia, che dovette riceverne il controllo sui beni, lo stesso che detennero le sue ave, dal vescovo fiorentino Sichelmo; e il vescovo Podo, che, riottenuto il cenobio dal marchese, lo concesse a sua volta ai canonici fiorentini10. Anche in questa occasione, allo stesso modo dei predecessori, il vescovo Podo si preoccupò di mantenere un controllo sull’ente, volto a impedirne la frammentazione patrimoniale. A questo scopo, egli proibì esplicitamente ai canonici di donare o alienare in alcun modo i beni acquisiti.

  • 11   Le sole carte riconducibili all’archivio originario di S. Andrea sono le due ordinazioni pocanzi (...)
  • 12Le carte del monastero di S. Miniato cit., pp. 67-76, doc. 5.
  • 13   Ildebrando eccettuò dalla donazione una terra con vigna e selva presso l’odierna Bagno a Ripoli ( (...)

12È chiara dunque la centralità del monastero e del suo patrimonio nell’ambito della città di Firenze e la conseguente rilevanza di chi poté controllarne e amministrarne il patrimonio. A causa della pressoché totale dispersione dell’archivio monastico11, tuttavia, non siamo in grado di ricostruire un quadro complessivo della ricchezza fondiaria della comunità di S. Andrea. L’unica traccia per collocare alcuni dei beni appartenuti al monastero nella zona a sud-est della città si trova in un documento centrale per le vicende del cenobio nel corso del secolo XI: la carta di ordinazione della chiesa di S. Miniato al Monte del 101812. Fra i molti beni elencati, il vescovo Ildebrando incluse anche il cenobio con tutte le sue pertinenze e proprietà dentro e fuori la città di Firenze, accennando in particolare a diverse unità fondiarie poste nel contado fra Ripoli e il corso del fiume Ema13. Questa breve menzione è per noi preziosa perché attesta in quei dintorni almeno una parte della patrimonialità dell’ente, che probabilmente fu a disposizione degli esponenti hucpoldingi che lo controllarono.

  • 14   Cfr. Cap. 5.4.

13Benché la traccia di un’azione e di un radicamento patrimoniale nelle campagne fiorentine sia in definitiva piuttosto flebile, il duraturo controllo sul patrimonio dell’abbatiola di S. Andrea di Firenze trova una rispondenza considerevole nelle attività patrimoniali del ramo discendente degli Adimari, radicatosi in quelle stesse aree del territorio fiorentino14.

 

  • 15   La località è tuttora denominata Badia a Settimo, frazione del comune di Scandicci (FI).
  • 16Carte della Badia di Settimo cit., pp. 251-255, doc. 1. Abbiamo notizia dell’atto di conferma di (...)
  • 17   Motivi e finalità di questa pratica sono delineati in Tabacco, Egemonie cit., pp. 206-209.
  • 18   R. Pescaglini Monti, I conti Cadolingi, in I ceti cit., p. 196; Cortese, Signori cit., p. 88 sg.

14La seconda porzione del territorio fiorentino, che vide fin dal secolo IX la presenza e l’attività hucpoldingia, fu quella a ovest della città di Firenze. Qui, al di là dell’Arno, la chiesa e poi abbazia di S. Salvatore a Settimo divenne un importante centro religioso e un essenziale presidio alle comunicazioni verso Pisa e Lucca15. A favore di essa, nel 988-989, il conte Adimaro confermò al prete Guberto, custode della medesima chiesa, tutti i beni che furono concessi alla stessa dal padre Bonifacio dux et marchio e prim’ancora dal nonno Ubaldo16. Siamo portati a presumere che in questa circostanza Ubaldo I e i suoi discendenti, che mantennero una relazione pressoché secolare con la chiesa di S. Salvatore, sfruttassero la solidità dell’ente ecclesiastico per favorire la tutela di una certa entità patrimoniale17, che non ci è dato conoscere, ma che possiamo supporre di origine pubblica. Benché manchino i dati per poter attribuire la fondazione della chiesa a Hucpold o al figlio Ubaldo nel corso del secolo IX, senza dubbio, l’ente religioso permise la conservazione e l’amministrazione patrimoniale da parte degli Hucpoldingi nell’arco di tre generazioni. In seguito, la chiesa divenne possesso dei Cadolingi, che la trasformarono in monastero benedettino poco dopo il Mille, e se ne servirono come centro di potere per avversare gli interessi politici del vescovo fiorentino18.

  • 19   Cfr. Carte della Badia di Settimo cit., pp. 3-7, 252-255.
  • 20   Ivi, pp. 3-8, doc. 1.

15Benché non si conservi alcuna attestazione patrimoniale per i cento anni che ci interessano, un’indicazione fornita nel dettato del regesto può suffragare qualche altra utile considerazione. La breve memoria trecentesca, che ci conserva traccia della conferma di Adimaro, indica generaliter tutti i possessi che prima Ubaldo e poi Bonifacio trasferirono alla chiesa attraverso una cartula iudicati. Le uniche proprietà nominate sono l’oratorio Sancti Martini qui dicitur Palma e la chiesa Sancti Donati qui dicitur Luchardo. La menzione particolare di queste due chiese è stata convincentemente interpretata come frutto di interpolazioni a originali o a copie di essi19. Questa operazione è infatti rintracciabile a partire da una tarda copia autentica di un diploma di Ottone III, datato al 998, nel quale l’imperatore prese sotto la sua protezione il prete Guberto, il diacono Azzo e la chiesa di S. Salvatore con tutte le sue pertinenze20. Questo diploma e la carta ricordata dalla memoria dovettero formare la base giuridico-documentaria della proprietà di queste chiese, usata per rivendicarne il possesso da parte del monastero di Settimo.

  • 21   Cfr. Wurze, Gli albori cit., pp. 169-172.
  • 22   Cfr. Carte della Badia di Settimo cit., p. 7. Per le successive menzioni delle chiese di S. Marti (...)

16Rimane ora da individuare la controparte della controversia. Sebbene non abbiamo notizie di dispute o liti per queste due chiese fra Settimo e altri soggetti, ritroviamo nella documentazione una contraddizione patrimoniale fra l’intero possesso della chiesa di S. Donato da parte dell’abbazia di S. Salvatore e la proprietà di metà della stessa chiesa da parte dell’abbazia di Marturi, che ne sarebbe entrata in possesso nello stesso 998 per una donazione del marchese Ugo I, la seconda verso il cenobio, ormai unanimemente considerata una falsificazione21. Pur optando per la prima ipotesi avanzata da Antonella Ghignoli22, riguardo a una congetturabile controversia sorta nel secolo XI per la chiesa di S. Donato, possiamo aggiungere due annotazioni degne di rilievo.

  • 23   Ritroviamo questa informazione in un diploma di Ludovico II, nel quale l’imperatore trasferì la c (...)
  • 24Carte della Badia di Marturi cit., pp. 53-60, doc. 3. Il riferimento esplicito al possesso della (...)
  • 25   Cfr. Schneider, L’ordinamento cit., pp. 264-266; Cortese, Signori cit., p. 3.
  • 26Kurze, Monasteri cit., p. 307.

17La prima considerazione riguarda la natura giuridica delle due chiese oggetto delle falsificazioni che è, per entrambe, riconducibile a quella di proprietà fiscali appartenenti al patrimonio regio e marchionale. L’edificazione dell’oratorio, poi divenuto chiesa, di S. Martino alla Palma va con ogni probabilità collocata nello sviluppo insediativo della curtis in loco et fundo Palme, donata nell’864 all’imperatore Ludovico II dal diacono cappellano di corte Farimund e dai suoi fratelli23. La prima menzione, invece, di Lucardo, località della Valdelsa fiorentina, è contenuta nella prima donazione del marchese Ugo, quella autentica del 10 agosto 998, che conferì all’abbazia di Marturi beni non specificati in quel luogo24. È assai probabile che i beni detenuti dal marchese presso Lucardo provenissero dal patrimonio fiscale della marca25. Proprio questa analogia può segnalarci il filo rosso che mosse l’istanza di rivendicazione patrimoniale fra i due enti monastici contrapposti. Entrambi selezionarono con cura i documenti da interpolare a loro favore ed entrambi attinsero al patrimonio archivistico che più poteva rafforzare le loro rivendicazioni verso beni fiscali. Ebbene, ed è la seconda considerazione, entrambi scelsero di legare le proprie istanze ai membri del gruppo parentale degli Hucpoldingi: nel caso di Settimo si sostenne l’antichità del possesso richiamandosi ai primi benefattori di rango marchionale di cui si conservasse memoria; mentre nella falsificazione di Marturi si fece affidamento a una delle figure più potenti della fine del secolo X, già artefice della riorganizzazione del cenobio26.

5.2 Titolarità della marca e fondazioni monastiche

  • 27   Cfr. Cap. 1.3.

18La qualità della presenza patrimoniale hucpoldingia in Tuscia cambiò drasticamente al momento dell’abdicazione di Ugo di Provenza nel 945, quando, in seguito al complotto ordito dai proceres del regno, Willa figlia di Bonifacio I sposò Uberto, marchese di Tuscia e figlio dello stesso Ugo27. A partire dalla metà del secolo X e per oltre un cinquantennio, tre membri del gruppo ebbero accesso al patrimonio fiscale marchionale, che divenne subito centrale nelle attività patrimoniali hucpoldinge in questa parte del regno.

  • 28   Per l’elenco aggiornato delle fondazioni monastiche toscane, composto sulle liste di Kurze, cfr. (...)
  • 29   Cfr. le considerazioni esposte in Kurze, Monasteri cit., p. 308 sgg.
  • 30   Ivi, p. 313.
  • 31   Negli atti di fondazione conservatisi, la clausola che vieta l’alienazione dei beni da parte dell (...)
  • 32Kurze, Gli albori cit., p. 176; Cortese, Signori cit., p. 4.

19Le operazioni più significative furono rivolte a favore di monasteri, già esistenti o di nuova fondazione28, a cui i marchesi vollero assegnare, o per meglio dire affidare29, ampie porzioni, spesso strategiche, di beni appartenenti al fisco marchionale, corroborate anche da elargizioni di proprietà allodiali. Le ragioni di questa munificenza nei confronti di enti monastici vanno ricercate oltre la religiosità dei protagonisti30. Il rapporto stabilito dal marchese Ugo con alcune delle abbazie toscane più ricche e influenti rappresenta, infatti, un elemento centrale nella sua politica marchionale. Egli intese queste grandi fondazioni monastiche come centri amministrativi del patrimonio, onde evitare la dispersione e il conseguente allontanamento di cospicui complessi patrimoniali dalla disponibilità del titolare della marca31. Naturalmente la distinzione tra allodi e beni fiscali è alquanto complicata e non sempre intuibile, poiché il testo delle donazioni esplicita di rado lo stato giuridico dei beni trasferiti. L’unico elemento che può indirizzare il giudizio sono le conferme imperiali, che gli enti ottennero nel corso degli anni, rivelandoci così con buona probabilità quali fra i nuclei patrimoniali donati appartenessero al fisco e quali agli allodi delle famiglie marchionali32.

  • 33Le carte del monastero di S. Maria cit., vol. i, p. 3 sg., doc. 1; p. 5 sg., doc. 2. Le due compr (...)
  • 34   Ivi, pp. 7-9, doc. 3; l’atto stipulato nel 972 comprendeva sette tra case e sortes nei luoghi di (...)
  • 35   Ivi, p. 9 sg., doc. 4; nel luglio del 972 la donna acquistò da un certo Alfrido una terra posta i (...)
  • 36   Nel 971 Ugo acquistò da un certo Guinizo la sua porzione del castello e corte di Papaiano con la (...)

20Le attività a favore degli enti monastici si concentrarono verso la fine del secolo. Negli anni Sessanta e Settanta, ebbero luogo alcune compravendite che possiamo definire preparatorie, poiché operate dai marchesi con il probabile obiettivo di accrescere i loro possessi allodiali contigui ai centri fiscali, in seguito oggetto delle donazioni. Tra il 967 e il 972, Willa acquistò diversi beni nella parte orientale della città di Firenze33, nella zona di Marturi, odierna Poggibonsi34, e infine nelle vicinanze del castello di Capolona alle porte di Arezzo35. Anche il figlio Ugo in due occasioni successive accrebbe il suo patrimonio personale nella porzione di territorio che da Marturi si estendeva attraverso le valli dell’Elsa e della Pesa, al confine fra il Fiorentino e il Senese36. Le proprietà acquistate mediante queste operazioni non rientrarono nelle successive elargizioni alle fondazioni monastiche. Evidentemente, la parte di questi beni rimasta alla diretta gestione di Willa e Ugo aveva una precisa funzione politica di controllo, che procedeva di pari passo alla usuale attività economica.

  • 37  In una lettera del 1057 inviata a Beatrice di Canossa, Pier Damiani riporta la notizia di una terz (...)
  • 38Conradi II cit., p. 28 sg., doc. 25.
  • 39   Cfr. Schneider, L’ordinamento cit., p. 309 sg. Arena è frazione di S. Giuliano Terme (PI); Fiesso (...)

21Intorno agli anni Settanta del secolo X possiamo collocare le due fondazioni monastiche ascrivibili alla marchesa Willa37. Si tratta in primo luogo della ricostituzione di S. Ponziano, situato in un sobborgo di Lucca, avvenuta sicuramente prima del 983 e di cui abbiamo ricordo in un diploma di Corrado II38. Dalla conferma imperiale apprendiamo che Willa aveva rifondato il monastero, spostandolo presso il pratum marchionis, e ricostituito il patrimonio dello stesso grazie alla donazione di beni fiscali posti nelle località di Arena e Fiesso39, lungo il corso del Serchio. Circa al 978 collochiamo, invece, la fondazione all’interno della città di Firenze del monastero di S. Maria, denominato poi Badia fiorentina. Il patrimonio iniziale del cenobio si costituì e crebbe nell’arco di un ventennio a cavallo tra i secoli X e XI grazie alle donazioni del marchese Ugo e del successore Bonifacio II, che implementarono notevolmente la già cospicua dotazione di Willa. Il confronto con le successive conferme imperiali, a partire dalla prima di Ottone III, segnala con una certa chiarezza che i beni donati erano in larga parte di origine pubblica.

  • 40   Il quadro generale è composto a partire dal privilegio di Clemente III del 1188 che fornisce l’el (...)
  • 41   Ivi, vol. i, pp. 10-17, doc. 5. Il punto di partenza furono tutte le terre e gli edifici cittadin (...)
  • 42   Ivi, pp. 24-29, doc. 8; pp. 36-40, doc. 11. Nella prima carta del 995 Ugo donò il castello marchi (...)
  • 43Le carte del monastero di S. Maria cit., vol. i, p. 46 sg., doc. 15.

22Fin dalla sua formazione, il patrimonio abbaziale era compreso in quattro settori del territorio fiorentino, a volte raggiungendo anche il Fiesolano e il Senese. Oltre agli appezzamenti di terreno e agli edifici all’interno e nei pressi del centro cittadino di Firenze, le aree geografiche interessate erano la Valdelsa nei comuni di Colle di Val d’Elsa, Poggibonsi, San Gimignano; l’intero comprensorio del Chianti, soprattutto da San Casciano in Val di Pesa a Gaiole in Chianti; e il Valdarno Superiore fra il Pratomagno e la Val di Sieve nei comuni di Pelago, Reggello, Pian di Scò, Montemignaio e Castel San Niccolò40. La prima corposa dotazione fu predisposta da Willa proprio nel 978, con ogni probabilità al momento della stessa istituzione del cenobio41. In seguito, fu Ugo a beneficiare la Badia in due diverse occasioni, nel 995 e nel 99742. All’indomani della morte del marchese, nel 1002, il cenobio ottenne la conferma imperiale su tutte le proprietà fino a quel momento ottenute43.

  • 44   Il castello di Vicchio, attuale località di Vico l’Abate nel comune di San Casciano in Val di Pes (...)
  • 45   Si tratta della frazione di Cetica, nel comune di Castel San Niccolò (AR).
  • 46   Quest’ultimo complesso fondiario è per la verità inserito in una copia della donazione di Willa: (...)
  • 47   Quest’area patrimoniale è illuminata dalla citata donazione di Ermengarda di Odalgario, che attes (...)
  • 48   La località di Fagise non è stata identificata, Radda coincide con l’odierna Radda in Chianti (SI (...)

23Il diploma di Ottone III permette inoltre di fare il punto sulle proprietà più significative ottenute dalla Badia, poiché riporta l’elenco completo dei beni fiscali trasferiti dai due hucpoldingi nei primi due decenni dalla fondazione, nominando quindi anche quelli per cui non si sono conservati gli atti di donazione. Ebbene figurano i castelli di Signa, Greve, Bibiano in Val di Sieve e Luco, tutti già noti, e quelli di Vicchio in Val di Greve44 e di Cetica nel Val d’Arno casentinese45, che invece non compaiono nei documenti pervenutici. Allo stesso modo, sono comprese le corti di Monte Domini, Bibbione in Val di Pesa, Monte Molinario e Francilione46, di cui avevamo già notizia, due corti presso Foci nell’alta Valdelsa47 e i complessi fondiari di Fagise e Radda48, viceversa mai citati in precedenza.

  • 49Le carte del monastero di S. Maria cit., vol. i, pp. 52-55, doc. 19.
  • 50   Il castello di Broilo si trova nell’attuale comune di Gaiole in Chianti (SI): Repetti, Dizionario (...)
  • 51   Il castello di Tignano doveva trovarsi non lontano da Barberino Val d’Elsa (FI), nel piviere di S (...)

24La carta del 12 agosto 1009 disposta dal marchese Bonifacio II, successore di Ugo, ci consente di fare ulteriore chiarezza sulle distinzioni di natura giuridica dei beni incamerati nel patrimonio abbaziale49. A differenza del suo predecessore, infatti, Bonifacio intese specificare la natura delle diverse proprietà: la corte e il castello di Broilo e i beni posti nelle località di Pesella e di Boiano erano proprietà allodiali del marchese poiché ereditate dal padre50. Le proprietà rimanenti facevano invece parte dei beni del fisco marchionale: la corte di Radda e il castello di Vicchio, già compresi nelle carte precedenti, e le corti e i castelli di Tignano e Seiano, entrambi situati in Valdelsa51, aggiunti per la prima volta da Bonifacio.

 

25Le fondazioni monastiche che abbiamo descritto finora erano collocate in posizioni centrali, e soprattutto cittadine, rispetto all’ambito territoriale complessivo della marca di Tuscia. Da una parte abbiamo constatato il tentativo di inserirsi e di recuperare un presidio nella seconda capitale del regno, dopo le vicende della prima metà del secolo; dall’altra abbiamo osservato il consolidamento della secolare posizione di preminenza occupata all’interno e nel territorio della città di Firenze, edificando e dotando un grande ente monastico, questa volta, in autonomia rispetto al vescovo cittadino.

  • 52   Il marchese Ugo effettuò elargizioni patrimoniali anche al di fuori della marca di Tuscia e in zo (...)
  • 53Kurze, Monasteri cit., p. 308

26L’egemonia su gran parte del regno italico, che il marchese Ugo raggiunse in particolar modo durante la reggenza di Teofano e il regno di Ottone III, gli permise di controllare ampie porzioni del territorio toscano e gestire così intere aree patrimoniali, alle quali nessun esponente della parentela aveva potuto accedere in precedenza. Mantenendo sempre gli enti monastici come principali interlocutori della sua politica, Ugo continuò a dotarli di terre ed edifici appartenenti al demanio pubblico, dimostrando in questo modo la vastità della sua influenza e azione amministrativa, che toccò anche i territori senese, pisano, aretino e volterrano52. Laddove il marchese non individuò ambienti monastici a lui favorevoli, sia per l’effettiva assenza di fondazioni, sia per l’incapacità di controllare quelle esistenti, egli istituì nuove comunità, trasformò chiese esistenti in monasteri oppure ricostituì cenobi in rovina, non intendendo «fondare monasteri di famiglia, ma abbazie marchionali o forse addirittura imperiali»53.

  • 54Id., I reperti d’argento di Galognano come fonti di storia, in Id., Monasteri e nobiltà nel Senes (...)
  • 55Carte della Badia di Marturi cit., pp. 53-60, doc. 3. La dotazione comprendeva: la casa e corte d (...)
  • 56   Cfr. Cap. 6.1.

27Nella porzione più settentrionale del territorio senese, l’Alta Valdelsa, il marchese Ugo decise di risollevare dalle rovine un’antica fondazione monastica, forse risalente al secolo VIII, situata al centro di un nutrito numero di proprietà fiscali. Intorno al 997, il marchese affidò all’eremita Bononio l’incarico di risollevare il monastero di S. Michele di Marturi54. Già nell’agosto del 998, Ugo provvide a costituire il patrimonio monastico che si concentrò nella Valdelsa superiore, nel Chianti e nella Val di Pesa55. L’elargizione fu probabilmente seguita da un secondo trasferimento, di più incerta tradizione, il cui contenuto ebbe come oggetto beni fiscali nel Bolognese, che valuteremo nel capitolo successivo56.

  • 57Carte della Badia di Marturi cit., pp. 81-83, doc. 11; cfr. Kurze, Gli albori cit., pp. 165-168, (...)

28Anche se per alcune delle località donate sappiamo dei possedimenti allodiali di Ugo, attestati dalle compravendite considerate in precedenza, la probabilità che, a partire dalla stessa località di Marturi, la maggioranza dei beni concessi appartenesse al patrimonio fiscale è molto alta. Dimostrazione di questa ipotesi sono le rivendicazioni compiute su questi stessi beni da parte dei successori di Ugo, che evidentemente li consideravano di spettanza marchionale. Proprio Bonifacio II, anni più tardi, divenne il bersaglio di una narratio redatta dai monaci per rivendicare e legittimare la dotazione originaria57: i monaci vollero presentare come violenze ed estorsioni le legittime pretese di Bonifacio per sostenere che le località in questione provenivano dagli allodi del marchese Ugo e, come tali, furono donati a S. Michele di Marturi.

  • 58   L’atto di donazione a favore di S. Antimo è perduto. Ne abbiamo notizia dalla conferma che Enrico (...)
  • 59   Ivi, pp. 174-177, doc. 3. La corte di Bagno è rintracciabile nel comune di San Casciano dei Bagni (...)
  • 60   Sono definiti senza dubbio beni fiscali in Schneider, L’ordinamento cit., p. 109; qualche perples (...)

29Ancora in territorio senese abbiamo notizie di altri due trasferimenti patrimoniali alle due abbazie imperiali di S. Antimo nella valle dello Starcia e di S. Salvatore al Monte Amiata. L’atto originale è conservato solo per quest’ultimo58: nel dicembre del 995 Ugo donò all’abbazia di S. Salvatore la sua casa con corte domnicata nella località di Bagno, con la chiesa e tutte le pertinenze; concesse inoltre il borgo Rotacardosa, anch’esso dotato di chiesa59. Anche per questi, che per la maggior parte dovevano essere beni fiscali60, Ugo pose il divieto di alienazione permanente all’abate del monastero.

  • 61   Ivi, pp. 177-181, doc. 4.
  • 62   Il documento è la promissio rilasciata dal venditore Guinildo relativa ai beni venduti il giorno (...)
  • 63Schneider, L’ordinamento cit., p. 269.
  • 64   I beni sono situati nelle località di Casale San Gimignano (SI), Lamule fra Casale e Monte Voltra (...)
  • 65Die Regesten des Kaiserreiches unter Heinrich VI. 1165 (1190)-1197, a cura di J.F. Böhmer, G. Baa (...)
  • 66   Abbiamo anche notizia di una donazione a favore del capitolo della cattedrale di Volterra in un d (...)

30Nel settore del territorio senese più occidentale e nel Volterrano riscontriamo nel 996 l’azione di Ugo a favore della chiesa e duomo di S. Maria di Volterra61, dove nei pressi del castello del Monte Voltraio egli doveva possedere beni privati, acquistati però tramite una compravendita, di cui abbiamo menzione in un documento del 96962. Benché non si abbiano conferme esplicite, è possibile supporre che le proprietà acquistate siano poi state l’oggetto della donazione63, che ammonta a 22 massarici situate in località poste fra Volterra stessa e San Gimignano64. Identificare fra queste proprietà qualche bene fiscale è assai complicato, considerando anche che esse furono oggetto di conferma solo nel 1186 da parte di Enrico VI65. Possiamo, dunque, scorgere, in questo lasso di tempo molto più ampio rispetto ai casi sopra citati, la tranquilla gestione dei beni donati e dunque l’assenza di particolari necessità di protezione da parte imperiale66.

  • 67   Una donazione a favore del monastero del S. Sepolcro in Acquapendente è attribuita al marchese Ug (...)
  • 68   Cfr. ivi, pp. 118-120.
  • 69   La fortificazione si ergeva sul monte Verruca, altura a est di Pisa, nel comune di Vicopisano; cf (...)
  • 70Falce, Il marchese cit., p. 123.
  • 71Ottonis II cit., p. 630, doc. 219; la conferma fu ribadita da Enrico II: Heinrici II cit., pp. 53 (...)
  • 72Memorie e documenti per servire all’istoria del ducato di Lucca cit., p. 582, doc. 1708; cfr. Sch (...)
  • 73   Cfr. ivi, pp. 304-307.
  • 74Conradi II cit., pp. 106-109, doc. 80.

31Il quadro fin qui descritto delle attività patrimoniali del marchese Ugo si completa con le zone di Arezzo e Pisa mediante le informazioni estrapolate da vari documenti coevi o successivi, in quanto uniche attestazioni conservatesi67. Nel territorio pisano non conosciamo abbazie regie, ma, nonostante una tradizione alquanto intricata e lacunosa68, siamo in grado di attribuire a Ugo la fondazione del piccolo cenobio dedicato a S. Michele presso la preesistente chiesa di S. Angelo, nelle vicinanze del castello della Verruca69. Sebbene non siamo in grado di definire a che titolo il marchese disponesse della rocca, Ugo la donò all’abbazia imperiale di Sesto70, intercedendo poi presso Ottone III, che, nel 996, ne confermò il possesso all’abbazia lucchese71. Contestualmente, il vescovo di Lucca Gerardo, che doveva aver conservato il possesso del piccolo monastero, lo allivellò a Maione, abate di Sesto72. Le relazioni fra il marchese e l’abbazia, che era un importante punto di controllo su Lucca e su tutto il territorio toscano settentrionale73, continuarono anche in seguito, quando lo stesso Maione e Ugo permutarono alcune chiese della zona, come riferisce il testo di un diploma di Corrado II74.

  • 75   Abbiamo notizia della fondazione da parte di Ugo nel diploma di Ottone III del 997: Ottonis II ci (...)
  • 76   La fondazione avvenne probabilmente nel 999: P.F. Kehr, Italia Pontificia, vol. iii, Weindmann, B (...)
  • 77Regesto di Camaldoli cit., p. 8 sg., doc. 12. Si tratta di dieci mansi appartenenti alla corte Or (...)
  • 78   La notizia si apprende dal diploma di Ottone III del 1002: ivi, p. 856 sg., doc. 423; cfr. Falce, (...)

32Il territorio aretino fu l’ultimo versante dell’azione di Ugo. Abbiamo già accennato ai trasferimenti patrimoniali attivati da Willa nei primi anni del governo del figlio. Alla fine del secolo, proseguendo nella direzione tracciata dalla madre, il marchese fondò nel castello di Capolona, appartenente al patrimonio marchionale, il monastero di S. Gennaro, cui furono assegnate tutte le pertinenze della curtis omonima75. Con questa operazione Ugo organizzò i beni fiscali nel territorio circostante e rafforzò il suo controllo su Arezzo, anche in ragione del particolare rapporto che il marchese ebbe con i presuli di quella sede. Everardo, vescovo aretino dal 963 agli anni 80 del secolo X, era infatti suo zio materno; mentre il successore Elmemperto fu missus fuori della Toscana per conto di Ugo. Quando, poi, Elmemperto stesso fondò il monastero di Prataglia nel Casentino come suo Eigenkloster76, dotandolo anche di una parte dell’eredità lasciata alla canonica aretina dal predecessore Everardo77, il marchese Ugo gli trasferì alcune proprietà che deteneva in Casentino fra Bibbiena e Arezzo78.

  • 79   Nobili, Le famiglie cit., p. 145.
  • 80Monastero di San Salvatore a Fontana Taona cit., pp. 99-102, doc. 1. Il monastero si trovava pres (...)
  • 81   Per le origini del cenobio cfr. ivi, pp. 2-6.
  • 82   Ivi, p. 102 sg., doc. 2; p. 106 sg., doc. 6.

33Il successore di Ugo, Bonifacio II, nonostante l’intenzione di proseguire la politica monastica del cugino, non riuscì a estendere la sua influenza oltre i territori dove la presenza parentale era giunta già prima dell’affermazione marchionale. L’influenza del marchese si estese in prevalenza sul territorio fiorentino, dove poté contare sulle buone relazioni con la Badia, fino alla Valdelsa, dove, tuttavia, le resistenze dei monaci di Marturi nel rifiutargli la disponibilità dei beni ottenuti, lo indussero a devastare l’abbazia stessa79. Bonifacio II ebbe anche proprietà e interessi nel Pistoiese, in particolar modo nei tratti appenninici rivolti verso Bologna, area di radicamento dei genitori. Fra il 1004 e il 1005, il marchese Bonifacio effettuò una donazione a favore dell’abate Giovanni e del monastero di S. Salvatore a Fontana Taona80, che permise all’ente di consolidarsi e un decennio dopo di divenire abbazia imperiale. Non siamo in grado di attribuire la fondazione del cenobio a Bonifacio81, tuttavia rimane chiara la decisiva rilevanza che il monastero assunse dopo la donazione del marchese, seguita poi nel giro di pochi anni dalle conferme di Enrico II e Corrado II82.

  • 83   Si tratta delle località Staggiano, frazione di Forra al Pitta (PT), e di Baggio (PT). I beni ass (...)
  • 84Schneider, L’ordinamento cit., p. 322 sg.

34La concessione prevedeva il trasferimento di corti e fondi a settentrione del centro pistoiese, nella Val di Bure, sul versante appenninico che si alza verso il Bolognese83. La maggior parte dei beni donati era di probabile origine fiscale84, come d’altronde fanno ritenere le citate conferme imperiali. Fa eccezione il caphadio Bonifacingo, cioè un bosco che il marchese possedeva come allodio, che era posto nella circoscrizione pievana di Pistoia, in prossimità di un altro caphadio di proprietà della chiesa vescovile della medesima città. Bonifacio ebbe, perciò, la disponibilità di beni ereditati dai genitori nell’area appenninica pistoiese, a ridosso dei territori emiliani.

  • 85 Canonica di S. Zenone. Secolo XI, a cura di N. Rauty, Società pistoiese di storia patria, Pistoia (...)
  • 86   Cfr. Rauty, Documenti cit., pp. 1-3.

35Il bosco, identificato con uno dei nomi principali dello stock onomastico degli Hucpoldingi, doveva far parte di un vasto gruppo di proprietà allodiali della parentela. Una carta pistoiese del 1023 attesta, oltretutto, la presenza di una terra detta Bonifatinga, situata fra le confinazioni di un bene donato alla chiesa pistoiese85. Nonostante queste attestazioni, l’area appenninica di Pistoia non sembra ritornare in seguito fra i luoghi di attività del gruppo parentale, come per la verità era stato fino a quel momento. Le testimonianze patrimoniali del marchese Bonifacio rimangono le sole attribuibili agli Hucpoldingi nella zona di probabile origine della discendenza dei Guidi86.

5.3 Centri di potere e reti vassallatiche

36La presenza patrimoniale e politica hucpoldingia nella marca dunque incrementò qualitativamente con l’acquisizione dell’honor marchionale che, soprattutto con il controllo dei beni fiscali, permise la composizione di un’ampia trama di centri di potere e di relazioni vassallatiche. I complessi fondiari erano composti in genere da un centro fortificato, da una chiesa e dalla corte con i relativi mansi dipendenti, costituendosi quindi sia come centri economici coordinatori della campagna circostante, sia come luoghi di controllo militare e politico.

37L’area più illuminata dalle fonti in nostro possesso è senza dubbio il territorio fiorentino dove possiamo contare almeno dieci centri incastellati, dislocati intorno a Firenze, nel Mugello e nell’alta Valdelsa, corrispondenti alle località di Scandicci, Signa, Bibbiano, Luco, Vicchio, Cetica, Broilo, Tignano e Seiano. Nel settore più settentrionale della Valdelsa senese annoveriamo come cardini organizzativi i quattro castelli di Marturi, Monti, Papaiano, Talcione e il borgo di Foci. In territorio aretino, invece, gli interessi marchionali si concentrarono intorno al castello e alla corte di Capolona, nella piana alle porte di Arezzo, mentre per l’ambito pisano la presenza patrimoniale consisteva nella rocca della Verruca, situata nelle immediate vicinanze della città.

38La gestione amministrativa delle terre e degli uomini residenti e legati a queste realtà fondiarie fu affidata spesso alle fondazioni monastiche, istituite o già esistenti nei pressi di quegli stessi centri patrimoniali, nel corso dell’ultimo decennio del secolo X. Come abbiamo già considerato in precedenza, la politica monastica di Ugo I aveva l’obiettivo di assicurare la continua amministrazione delle terre ed evitarne la dispersione ai danni dell’istituto marchionale. I monasteri, dunque, acquisirono un ruolo fondamentale ponendosi a livello intermedio nel rapporto fra la persona del marchese e le aree a lui soggette. L’apporto monastico venne così a rafforzare la presenza diretta sul territorio da parte del potere marchionale che fin dal principio dell’esperienza di Ugo si avvaleva di diversi personaggi che possiamo includere in un ampio entourage marchionale, composto da soggetti attivi a differenti livelli della società, tutti inquadrati nelle clientele del marchese.

  • 87Provero, L’Italia cit., p. 70 sg.

39Questo gruppo di persone in relazione diretta con Ugo era formato per una parte dai missi, delegati a rappresentare e a svolgere incarichi amministrativi e giudiziari nei vari territori della marca, spesso quelli dove la presenza del marchese era più sporadica. A questa cerchia è consono aggiungere anche gli individui che stipularono con Ugo e Willa transazioni economiche di compravendita, poiché «nella società rurale dei secoli X e XII ogni trasferimento di terre non può essere considerato un atto di valore puramente economico», bensì come «strumento sia per redistribuire le risorse, sia per affermare o consolidare le relazioni»87. Il secondo raggruppamento invece, molto più numeroso, era composto dai professionisti del diritto e della scrittura, membri della cancelleria marchionale.

  • 88Memorie e documenti per servire all’istoria del ducato di Lucca cit., p. 313, doc. 1421; p. 316, (...)
  • 89   Sulla figura di Fraolmo cfr. Puglia, Vecchi cit., p. 157 sg.
  • 90   Una tenue indicazione a riguardo potrebbe essere fornita da un atto di vendita di difficile inter (...)
  • 91   La presenza di un missus di Ugo, sebbene il nome del personaggio sia illeggibile, è attestata anc (...)
  • 92Ottonis II cit., p. 636 sg., doc. 223. Su Maginfredo, che in seguito è attestato come fidelis dir (...)

40Nella città di Lucca nel 970, primo anno di governo di Ugo, due suoi missi, Ingefredo iudex domni imperatoris ed Eliazar detto Erizo, supervisionarono due permute del vescovo Adelongo88. Nel 973 le carte cittadine menzionano l’attività di Fraolmo vicecomes, membro della medesima famiglia che detenne la carica dal principio del secolo89, di cui tuttavia non siamo in grado di stabilire relazioni precise con il marchese Ugo o con il suo gruppo parentale90. Ciononostante, un attivo controllo sulle vicende cittadine era assicurato dal monastero di S. Ponziano, rifondato dalla madre Willa prima del 983, e ancora da missi incaricati di presenziare alle disposizioni patrimoniali del presule91. In questo stesso ambito territoriale dovette agire anche un fedele di Ugo di nome Maginfredo, per il quale lo stesso marchese intercedette nel 996 presso Ottone III, affinché gli fossero concesse varie proprietà nel comitato di Lucca e alcuni appezzamenti di terreno all’interno e presso le mura della città di Pisa92.

  • 93Ottonis II cit., p. 843 sg., doc. 410.
  • 94   Probabilmente i presuli pisani della seconda metà del secolo X erano vicini al gruppo obertengo c (...)
  • 95Ottonis II cit., p. 637 sg., doc. 224.
  • 96   Cfr. Puglia, Vecchi cit., pp. 162, 164.

41Nello stesso territorio pisano agì un altro fedele del marchese di nome Ciolone, che a sua volta nel 1001 ricevette dall’imperatore un massaritium appartenente al fisco imperiale a nord di Pisa, presso Rigoli93. Abbiamo inoltre notizia di un particolare rapporto di vicinanza, probabilmente in chiave antivescovile94, fra Ugo e i canonici di quella città attestato da un altro diploma imperiale95, mentre, ancora una volta, non possiamo stabilire legami precisi con il vicecomes Ildebrando, attivo a Pisa tra il 973 e il 98496.

  • 97Documenti per la storia della città di Arezzo cit., p. 106 sg., doc. 76. Piuttosto che indicare u (...)
  • 98   Cfr. Cap. 2.3.
  • 99   Cfr. I Placiti cit., vol. ii.1, p. 316 sg., doc. 222; pp. 317-319, doc. 223; I placiti del ‘Regnu (...)

42In territorio aretino, abbiamo già considerato le relazioni patrimoniali che Willa instaurò con un certo Alfrido del fu Alfrido. Nel medesimo settore è attestata la presenza di un castaldus et missus del marchese Ugo, impegnato nell’aprile del 977 a salvaguardare alcuni interessi patrimoniali del monastero di SS. Fiora e Lucilla97. Infine, la presenza del potere marchionale, materialmente espressa dal castello di Capolona in prossimità della città, si manifestava essenzialmente nelle relazioni dirette e intime con i presuli aretini: naturalmente lo zio del marchese, Everardo, della cui azione in questo senso tuttavia non conserviamo alcuna notizia, e il successore Elmemperto, così legato a Ugo da divenire suo missus. L’amministrazione della giustizia nel ducato spoletino – territorio di cui Ugo ottenne il governo nel 98698 – fu infatti espletata in qualità di missi del potere marchionale dal vescovo aretino e da un certo conte Guglielmo99, che vedremo avere anche nel Fiorentino un ruolo centrale.

  • 100   Sulla famiglia di Guinildo del fu Camarino cfr. Puglia, Vecchi cit., p. 159 sg.; Id., La marca ci (...)
  • 101Falce, Il marchese cit., p. 99; la successiva concessione in usufrutto è attestata nella narratio (...)

43Per il settore volterrano non sono invece testimoniate esplicite presenze e attività di missi del marchese. Ciononostante, assume notevole rilevanza l’atto di compravendita già citato del 969 fra il marchese Ugo e Guinildo del fu Camarino. L’acquisto rispondeva con ogni probabilità al duplice scopo di consentire a Ugo l’inserimento patrimoniale in un territorio prima di allora mai interessato dall’azione della sua parentela e, in secondo luogo, di stringere una relazione diretta con un esponente di un’influente famiglia locale, ben inserita nelle clientele vescovili e in buoni rapporti anche con la canonica cittadina100. Il medesimo procedimento fu seguito nel 971 in ambito senese, quando il marchese acquistò e poi riconcesse in usufrutto a un tale Guinizo alcune significative proprietà tra cui una parte della corte e del castello di Papaiano101, in seguito fra i centri di potere controllati dall’abbazia di Marturi.

  • 102   Rispettivamente Le carte del monastero di S. Maria cit., vol. i, p. 5 sg., doc. 2; p. 3 sg., doc. (...)

44Nel Fiorentino un ruolo di primo piano era occupato dalla fondazione monastica della Badia fiorentina istituita da Willa nel 978. In preparazione all’operazione, Willa stipulò tra il 967 e il 972 alcune compravendite con esponenti della società intermedia della città e del contado, tali Zenobio della fu Ingalrada, Adanaldo del fu Atriperto e Tebaldo del fu Gualtieri de comitato et territorio Fiorentino102.

  • 103   Diverse notizie prosopografiche su questa discendenza, che tuttavia non menzionano il personaggio (...)
  • 104   I livelli intermedi della società toscana, con particolare attenzione a quella lucchese, sono con (...)

45Ancora nel 988, nel settore più meridionale dello stesso territorio, il marchese Ugo strinse notevoli rapporti patrimoniali con Gherardo del fu Gotizio, anch’egli ricco possidente de comitato Fiorentino, probabilmente esponente del gruppo dei Gotizi103. L’entità considerevole di quest’ultima transazione dimostra con buona evidenza come queste operazioni non avessero solo un valore economico. Attraverso di esse, infatti, Willa e Ugo miravano a istaurare rapporti con individui della società intermedia, costituita da ricchi possessori fondiari politicamente attivi e disposti ad assecondare il potere superiore in ordine al controllo locale degli uomini104.

  • 105Puglia, Vecchi cit., p. 166.
  • 106I Placiti cit., vol. ii.1, p. 674 sg., doc. XI.

46Le relazioni allacciate all’interno dell’ambiente urbano sono invece meno evidenti, complice una tradizione documentaria alquanto frammentaria. I rapporti emersi nel secolo IX con i presuli e la canonica cittadina dovettero continuare anche nel corso del secolo successivo, sempre in relazione al piccolo monastero di S. Andrea. Dalle sottoscrizioni al già citato atto di fondazione della Badia emerge un legame fra Willa e Rodelando vicecomes, attivo a Firenze tra gli anni Sessanta e Settanta del secolo X105. La sua partecipazione alla stesura dell’atto, oltretutto rogato a Pisa, costituisce infatti una limpida indicazione di prossimità fra il vicecomes e i membri del gruppo hucpoldingio che, presumibilmente grazie alla loro preminenza in ambito cittadino, riuscirono ad agganciarlo alle proprie reti clientelari nel Fiorentino. Possiamo ricondurre ancora a quel settore territoriale anche l’azione di Giovanni, gastaldo del marchese Bonifacio II, che nel 1008 assistette a un giuramento giudiziario nell’ambito di una controversia patrimoniale106. La presenza in quello stesso territorio di un ufficiale pubblico direttamente legato al marchese Bonifacio risulta infatti coerente con le aree della marca di Tuscia da lui effettivamente controllate. Evidentemente, Bonifacio II riuscì a inserirsi e a valorizzare le ampie reti relazionali costruite dal cugino solo in alcune aree della circoscrizione marchionale, in particolare quelle più vicine al settore bolognese e dove la presenza patrimoniale del gruppo era più antica e salda.

  • 107Le carte del monastero di S. Maria cit., vol. i, pp. 86-93, doc. 35; pp. 158-165, doc. 63.

47Infine, la Badia fiorentina costituì anche un notevole snodo di connessione con quelle discendenze locali di alto livello sociale che non riuscirono a conseguire un legame matrimoniale diretto con i detentori del potere marchionale. Dall’elenco dei soggetti per cui rivolgere le preghiere in occasione dell’istituzione di un ospizio presso la stessa Badia spiccano infatti, oltre ai nominativi della compagine hucpoldingia, significativi rapporti fra lo stesso ente monastico e due donne, sorelle, figlie di un certo Guglielmo, che possiamo identificare l’omonimo missus del marchese Ugo I107. Le due donne, Waldrada e Atalasia, erano rispettivamente le mogli del marchese Ranieri, che ottenne la marca alla morte dell’hucpoldingio Bonifacio II, e del conte Lotario, esponente di spicco del gruppo dei Cadolingi.

  • 108   Il rapporto con i fondatori, tuttavia, non può essere qualificato entro la tipologia del classico (...)

48In questo particolare caso, dunque, la rete relazionale si configura secondo uno schema inedito: al centro troviamo la fondazione monastica, ancora nel secolo XI molto vicina alla parentela fondatrice108, mentre quale legame di coesione rileviamo i rapporti di parentela con persone dell’entourage marchionale di Ugo. Se per Ranieri questo rapporto significò l’inserimento negli ambienti di vertice della marca, che in seguito propiziò la sua nomina da parte di Enrico II, per il conte Lotario, oltre alla preminenza sociale, possiamo intravvedere anche ragioni più prettamente patrimoniali. Fu forse grazie a questo legame indiretto con gli Hucpoldingi che il conte, sul finire del secolo X, poté costituire a monastero di famiglia proprio la chiesa di S. Salvatore a Settimo, di cui abbiamo rilevato l’importanza patrimoniale fin dalla generazione di Ubaldo I.

 

  • 109   Specificamente nel caso di Ugo I è possibile parlare dell’esistenza di una cancelleria marchional (...)
  • 110Kurze, Gli albori cit., p. 185.
  • 111   A Pisa sono attestati nel corso degli anni dodici esponenti della cancelleria, mentre a Lucca qua (...)

49Il secondo gruppo di personaggi in relazione diretta con gli esponenti del gruppo parentale detentori della carica marchionale era composto da individui professionisti del diritto e della scrittura che formavano la cancelleria marchionale109. Questi personaggi, che si definivano giudici o notai domni imperatoris, partecipavano infatti alla redazione e all’autenticazione degli atti dei marchesi, il cui formulario tipico prevedeva la presenza e dunque la firma di almeno quattro di loro110. Nei diciannove documenti considerati sono nominati settanta personaggi tra notai e giudici domni imperatoris. Benché sia alquanto complicato identificarli singolarmente, se si incrociano le ricorrenze onomastiche e le cronologie dei documenti, il numero delle persone facenti parte del seguito marchionale nel periodo hucpoldingio si aggira intorno alle trentacinque unità, di cui solo sei con il doppio titolo di giudice e notaio domni imperatoris. Considerando le località di redazione dei documenti, la maggior parte dei giudici si doveva riunire presso il marchese quando egli si trovava nei centri urbani, in particolare a Pisa e Lucca111.

  • 112Le carte del monastero di S. Maria cit., vol. i, pp. 36-40, doc. 11.
  • 113   Si tratta di Giovanni notaio e giudice imperiale e di Sigefredo e Teuperto giudici imperiali: Ann (...)

50La loro partecipazione variava evidentemente a seconda delle contingenze e forse delle disposizioni dello stesso marchese. Significativo in questo senso è il caso della donazione disposta da Ugo nel 997 presso il borgo di Foci, nel contado presso Marturi, alla quale parteciparono solo due semplici notai, probabilmente residenti nella zona112. Per contro, nel 996, alcuni membri della cancelleria del marchese, fra i più assidui nel sottoscrivere gli atti marchionali dell’ultimo decennio del secolo X, seguirono Ugo nel viaggio verso l’abbazia della Vangadizza, ben oltre i confini marchionali toscani113.

  • 114Le carte bolognesi del secolo X cit., pp. 88-92, doc. 26.
  • 115Regesto di Camaldoli cit., p. 8 sg., doc. 12.

51L’unico documento conservatosi del vescovo Everardo attesta un folto numero di suoi vassalli che, presso il borgo di Bibbiena, parteciparono alla stipula di un’importante atto di vendita anche se relativo al versante appenninico emiliano114. Fra i diversi personaggi, non altrimenti conosciuti, contiamo anche quattro giudici domni imperatoris e un notaio e giudice sacri palaci, che tuttavia non sottoscrissero mai alcun atto marchionale. Il rapporto fra il vescovo aretino e questi professionisti del diritto non è quindi del tutto chiaro, in particolare non siamo in grado di stabilire se questo riguardasse la sfera pubblica del suo magistero oppure una dimensione più privata relativa alla sua parentela con il marchese Ugo. In questo senso, un documento del suo successore Elmemperto sembra indicare come corretta la prima soluzione proposta, poiché fra i sottoscrittori compare un certo Liutardo «iudex domni imperatoris et avocato ipsius ecclesie»115, mettendo in luce dunque la relazione diretta che questi personaggi avevano con la chiesa aretina, piuttosto che con la persona del presule.

52Infine, nelle due sole carte disposte dal marchese Bonifacio II non compare alcun individuo insignito dei titoli caratteristici dei componenti della cancelleria del predecessore. Le due liste di testimoni, per la maggior parte privi di qualsiasi connotazione oltre il patronimico, sembrano infatti restituire più la cerchia di vassalli del marchese, piuttosto che attestare l’esistenza di una cancelleria marchionale attiva e numerosa come negli anni di Ugo. Probabilmente, la propagazione limitata del potere di Bonifacio sui territori della marca non permise al marchese di catalizzare entro le proprie clientele quel ceto di giurisperiti, che si poneva per cultura e prestigio ai vertici della società locale.

 

  • 116   La legge salica era quella professata da Willa e dal figlio Ugo; solo in un’occasione i testimoni (...)
  • 117   Cfr. Kurze, Gli albori cit., p. 185.
  • 118   Si tratta delle donazioni rogate a Pisa nel 978 e nel 997, a Foci nel gennaio 997, a Marturi nell (...)

53L’ultimo gruppo di individui per i quali è possibile cogliere una relazione, seppur labile, con i detentori del potere marchionale è composto da quei personaggi professanti legge franca che intervenivano agli atti di donazione di Willa e Ugo. Costoro, in grande maggioranza di natio salica116, costituivano infatti una componente fissa fra gli astanti delle elargizioni dei marchesi, che dovevano ritenere la loro presenza testimoniale, nel numero di cinque, necessaria alla validazione dell’atto117. L’occasionale intervento di queste persone non permette di considerarle parte di un gruppo organizzato al seguito dei marchesi. Costoro rappresentavano piuttosto legami di solidarietà meno espliciti, messi in luce per iscritto dalla sola professione di legge, di cui tuttavia Ugo e Willa potevano disporre in ambito locale, nei vari luoghi dove di volta in volta si trovavano a transitare. Le diverse località di redazione dei documenti consentono dunque di tracciare a grandi linee la concentrazione spaziale di queste relazioni entro il territorio marchionale: le rileviamo in particolare nell’area pisana, nella Valdelsa tra Foci e Marturi, nel Volterrano e infine presso Sovana a sud del Monte Amiata118.

5.4 La continuità dei possessi nel Fiorentino e le relazioni con i Guidi nel secolo XI

  • 119   Il matrimonio endogamico fra Gisla e Tegrimo II e la fondazione di S. Fedele di Strumi furono pas (...)

54La grande abbondanza di attestazioni patrimoniali in area toscana si interrompe con la mancata riconferma alla carica marchionale da parte dei discendenti del gruppo parentale. Il grande slancio che l’accesso al patrimonio fiscale diede alle attività e alle politiche, soprattutto monastiche, di Ugo e Bonifacio II non ha lasciato tracce rilevanti nei decenni successivi. Notiamo, anzi, il ritorno della discendenza nel corso del secolo XI alle aree circostanti la città di Firenze, vale a dire le zone che conobbero per prime la presenza hucpoldingia a partire dal secolo IX: le terre bagnate dal fiume Ema, le aree circostanti Ripoli e la zona a valle di Firenze nelle vicinanze di Settimo; elemento di novità, benché in continuità con le aree già note, sono le presenze attestate in Mugello, sulle montagne del Pratomagno e nel Casentino, dove ebbero un ruolo fondamentale le nuove relazioni allacciate con il ramo parentale dei Guidi119. A partire dai primi decenni dopo il Mille, le uniche presenze in Toscana riconducibili a esponenti della parentela sono quelle dei discendenti del conte Adimaro, figlio di Bonifacio I. In particolare sono due i rami nati da questo personaggio a lasciare traccia nelle fonti: la famiglia degli Adimari, documentata fino alla metà del secolo XII, e la linea di discendenza che passa per Maginfredo, figlio di Ubaldo e nipote dello stesso Adimaro.

55Il ramo degli Adimari ebbe importanti relazioni per quasi tutto il secolo XI con l’ambiente cittadino di Firenze, in particolar modo con i canonici di S. Giovanni. Oltre a rilevare la probabile presenza fra il clero cittadino di un esponente della discendenza, l’arcidiacono Bernardo II, possiamo evidenziare l’area a sud-est della città come centrale per le presenze patrimoniali della discendenza, non a caso, quindi, in continuità con i possessi della canonica e del vescovo fiorentino e pressappoco nei medesimi luoghi che abbiamo delineato per la patrimonialità della badiola di S. Andrea.

  • 120Carte della Badia di Settimo cit., p. 20 sg., doc. 7; la chiesa, che negli anni ha cambiato la de (...)
  • 121Cortese, Signori cit., p. 262, nota 5.
  • 122   Si tratta delle attuali frazioni di Rovezzano e Varlungo, entrambe nel comune di Firenze.
  • 123Le carte della canonica della cattedrale di Firenze cit., pp. 236-238, doc. 93.

56Nel piviere di S. Pietro a Quarto, odierna Bagno a Ripoli, Bernardo del fu conte Adimaro refutò alla chiesa di S. Pietro a Ema alcune terre situate nelle vicinanze, contese alla medesima chiesa120; l’atto, datato al 1046, si svolge alla presenza di alcuni famigliari dello stesso Bernardo. Non sappiamo con precisione come egli fosse entrato in possesso delle terre legate a questa chiesa; possiamo rilevare tuttavia che con buona probabilità sua nuora Gasdia di Cicio era figlia di Raimberto detto Cicio, appartenente alla famiglia fondatrice della chiesa di S. Pietro nel secolo IX121. In seguito, nel 1077, la stessa Gasdia e il cognato Adimaro donarono alla canonica fiorentina tutti i loro beni posti nelle località di Rovezzano e Varlungo122, collocati anch’essi nel piviere di S. Pietro a Quarto, appena al di là dell’Arno123. Non sembra un dato trascurabile, alla luce di quanto esposto finora, che entrambi gli atti siano stati rogati nella città di Firenze, in particolare presso la cattedrale di S. Reparata.

  • 124   Attuale Lastra a Signa, comune della provincia di Firenze, a breve distanza da Settimo.
  • 125Cortese, Signori cit., p. 185.
  • 126   Per l’intera vicenda cfr. Cap. 3.3.
  • 127Le carte della canonica della cattedrale di Firenze cit., pp. 378-380, doc. 156.
  • 128   Lo spedale di S. Salvatore a Monte Politano si trovava vicino a Malmantile, frazione di Lastra a (...)
  • 129   Si parla di vera e propria sottomissione della famiglia signorile in Cortese, Signori cit., p. 23 (...)

57Al principio del secolo XII, gli Adimari tentarono di instaurare la propria dominazione signorile intorno al castello di Gangalandi124, puntando al controllo e al prelievo dei tributi sugli uomini delle chiese di S. Martino e S. Angelo a Gangalandi, dipendenti dalla pieve di S. Lorenzo a Signa, a sua volta controllata dalla canonica cittadina da circa un secolo e mezzo125. Benché l’esercito fiorentino si fosse mosso per distruggere il castello126, la famiglia trovò appoggio nella canonica stessa e nel vescovo Ranieri, che gli conferirono l’autorità per riformare l’amministrazione delle due chiese in un unico corpo e di porre i canonici di entrambe sotto il controllo di un solo priore127. Ancora, gli Adimari donarono alle due chiese l’hospitale costruito sul monte Politano128, riservandosene il patronato. Nonostante la sconfitta militare129, la predominanza signorile nell’area intorno a Gangalandi non fu messa in discussione, purché questa non urtasse gli interessi cittadini.

  • 130Le carte della canonica della cattedrale di Firenze cit., pp. 405-408, doc. 168.

58Dopo pochi anni, nel 1124, fu invece risolta una contesa fra l’arciprete Giovanni, preposto della canonica, e Ubaldino e Bernardo di Adimaro per il possesso di tutti i beni detenuti dall’arcidiacono Bernardo, loro avo130. Il documento non fornisce indicazioni precise sulle proprietà in oggetto: in esso si fa genericamente riferimento a «castellis et terris et vineis et rebus» detenute in feudo o a livello dagli stessi Adimari, senza alcuna collocazione topografica. La lite venne infine risolta mediante la permuta dei beni contesi con altri, quantificati in due moggia di terra e bosco e 10 libre di denari lucchesi.

  • 131Cortese, Signori cit., p. 23 sg.
  • 132Carte della Badia di Settimo cit., pp. 53-55, doc. 19; pp. 57-59, doc. 21; oltre alle pertinenze (...)

59L’esercizio di diritti di tipo signorile nell’area di Gangalandi, a occidente di Firenze nei pressi dell’abbazia di Settimo, condusse a importanti contiguità patrimoniali con i Cadolingi, gruppo comitale in quel momento egemone in quell’area131. Tra il 1091 e il 1092, Purpure del fu Bernardo de Campi e il figlio Bernardo vendettero al conte Uguccione dei Cadolingi l’intera loro quota della chiesa di S. Martino Adimari in Mugello e dei beni a essa relativi132. Entrambe queste località sono disposte sul tracciato appenninico in prossimità del passo della Futa, a stretto contatto con il versante appenninico bolognese.

  • 133   Per i possessi dei Guidi nel Pratomagno e nel Casentino cfr. Schneider, L’ordinamento cit., p. 26 (...)
  • 134   La carta è parzialmente edita in Rauty, Documenti cit., p. 139 sg., doc. 92.
  • 135   Ivi, pp. 314-316, doc. XIII.
  • 136   Cfr. Cap. 3.3.

60L’ultima area patrimoniale rintracciabile per gli Adimari è quella della porzione appenninica del Pratomagno fiorentino. In questa zona, Adimaro e Ildebrando, figli di Ubaldo, ebbero diversi possessi fondiari, in particolare presso l’abbazia di Vallombrosa, in grande prossimità con le terre dei Guidi133. Nel 1096, come già prima di loro fece il conte Guido IV, Adimaro e Ildebrando refutarono al cenobio tutte le terre e i boschi posseduti sull’Alpe denominata Vallombrosa, aggiungendo in calce la richiesta di essere sepolti nel medesimo monastero134. Sono rilevanti le confinazioni del bene oggetto della refuta, che «de tertjia parte habet terminum eiusdem terra Adimari, de quarta parte habet terminum terra Adimari et alia terra Sancti Illari». Notizie di questa terra Adimari emergono già in una confinazione del 1039135, che, seppure con prudenza, permette di ascrivere quest’area patrimoniale al primo conte Adimaro, capostipite di questo ramo del gruppo parentale. La presenza continua e duratura in quest’area concorre, d’altra parte, a segnalarci l’esistenza di solidi rapporti clientelari fra Adimari e Guidi, che raggiunsero l’apice a cavallo fra i secoli XI e XII, quando Ildebrando e Adimaro comparvero in varie occasioni fra i primi componenti della clientela guidinga136.

  • 137   Per i possessi in area bolognese cfr. Cap. 6.2.
  • 138   ASFi, Diplomatico, Luco del Mugello, S. Pietro, 1044 luglio; oggetto della vendita furono la terz (...)
  • 139   Cfr. Cap. 4.3.

61Il secondo ramo parentale originatosi dal conte Adimaro giunge, tramite il figlio Ubaldo, a Maginfredo. Questo personaggio fu attivo verso la metà del secolo XI in entrambi i versanti dell’Appennino tosco-emiliano, in particolar modo nei territori di Bologna e di Firenze137. Per quanto riguarda l’area toscana, un unico documento dà notizia delle proprietà di Maginfredo nel Mugello fiorentino. Nel 1044 Giovanni di Tazzo dei Gotizi alienò a una certa Adica di Enrico tutti i beni che in precedenza aveva acquistato da Maginfredo figlio di Ubaldo e da Gisla sua moglie138. Si tratta con buona probabilità di fortificazioni e poderi agricoli dislocati nel tratto appenninico a meridione di Borgo San Lorenzo, sulle propaggini più meridionali della Val di Sieve-Mugello. In particolar modo notiamo che l’insediamento di Lutiano Vecchio sorge sulla strada che, oltrepassato Borgo San Lorenzo, valica i passi appenninici, attraversa Brisighella, o in una sua variante Modigliana, e giunge infine a Faenza; territori questi che abbiamo già visto controllati, in quegli stessi anni, da altri esponenti hucpoldingi e dove lo stesso Maginfredo ebbe proprietà fondiarie139.

  • 140   Per i passaggi genealogici accennati cfr. Cap. 3.4.
  • 141   Per i possessi nel Bolognese di questo ramo della parentela cfr. Cap. 6.4.
  • 142   S. Pietro di Romena si trova nelle vicinanze di Pratovecchio (AR).
  • 143Regesto di Camaldoli cit., p. 114, doc. 280; tutte le località citate sono rintracciabili nelle v (...)
  • 144Wickham, La montagna cit., p. 216: l’ipotesi è avanzata dalla diversa denominazione topografica c (...)
  • 145 Ivi, p. 235, doc. 569; Stia si trova nelle vicinanze di Pratovecchio (AR).
  • 146   Ivi, p. 256, doc. 620: si tratta di S. Maria di Pietrafitta, S. Michele Arcangelo di Poppiena, S. (...)

62In questa medesima area patrimoniale, si inserirono per buona parte del secolo XI anche i discendenti di Adalberto III grazie a relazioni con il ramo parentale dei Guidi, qualitativamente migliori rispetto a quelle strette dagli Adimari poiché di natura matrimoniale140. L’unione contratta fra una figlia di Guido II e Guido I, figlio di Adalberto III, dovette propiziare l’inserimento patrimoniale di quest’ultimo anche nel versante toscano dell’Appennino141, in particolare nella circoscrizione plebana di Romena142. Nel 1055, il conte Guido trasferì al monastero di S. Maria di Sprugnano la chiesa di S. Egidio di Gaviserre e diversi appezzamenti presso le pievi di Stia e di Romena143. Probabilmente, la donazione permise al conte e ai suoi figli di controllare il monastero, che infatti in seguito fu trasferito presso la loro curtis di Poppiena144. Le attività patrimoniali dei figli di Guido si concentrarono, alla fine del secolo, in modo particolare nei confronti del cenobio di Camaldoli: nel 1093 permutarono con il priore Martino una terra presso Stia145; nel 1099 affidarono al cenobio il citato monastero di Poppiena e le quattro chiese da esso dipendenti146.

  • 147Rauty, Documenti cit., pp. 298-301, doc. 226.

63Dopo questa data non abbiamo più alcuna notizia per il versante casentinese dell’Appennino del ramo parentale dei Romena-Panico, che perse le basi patrimoniali acquisite al principio del secolo XI anche a causa di un diverso atteggiamento da parte dei Guidi: il castello di Romena, loro residenza principale nella zona, dovette essere ben presto recuperato al dominio diretto della dinastia guidinga, come attesta la sua menzione nel diploma federiciano del 1164147.

Notes

1Le carte della canonica della cattedrale di Firenze cit., pp. 6-9, doc. 2.

2   Il privilegio imperiale citato nel documento, con il quale la canonica fiorentina riceveva la chiesa di S. Andrea, risulta perduto. Nel testo viene citato anche un altro documento imperiale relativo alla conferma dell’ordinazione di Radburga a badessa del monastero, anch’esso non ritrovato; cfr. ivi, p. 7.

3   Nelle vicinanze della città compaiono entità patrimoniali riconducibili al potere regio, denominate pratum regis e campum regis, cfr. Schneider, L’ordinamento cit., pp. 257-259.

4Cronica di Giovanni Villani: a miglior lezione ridotta coll’aiuto de’ testi a penna, a cura di I. Moutier, P. Massai, vol. i, Moutier, Firenze 1823, p. 139.

5   La localizzazione topografica più precisa è fornita nel documento dell’aprile 1018, analizzato di seguito, che recita «cenobium Sancti Andree, quod est positum in civitate Florentia prope forum domni regis et prope arcum»; per le altre indicazioni cfr. A. Cocchi, Le chiese di Firenze dal secolo IV al secolo XX, vol. i: Quartiere di San Giovanni, Pellas, Firenze 1903, p. 62.

6   La chiesa doveva sorgere su parte dell’attuale piazza della Repubblica, cfr. S. Rinaldi, A. Favini, A. Naldi, Firenze romanica: le più antiche chiese della città, di Fiesole e del contado circostante a nord dell’Arno, Editori dell’Acero, Empoli 2005, p. 197 sg. Il legame con il palazzo regio è inoltre testimoniato dal canone versato dal cenobio composto da un capo di lana caprina che come il monastero era solito consegnare al palazzo dell’imperatore in precedenza, così Berta doveva recapitare alla canonica della cattedrale.

7Cocchi, Le chiese cit., p. 63 sg.

8Le carte della canonica della cattedrale di Firenze cit., pp. 19-21, doc. 6. Entrambi i documenti di ordinazione ci giungono in copie del secolo XI, redatte sul medesimo supporto. Molto probabilmente le due carte furono usate dai canonici per dimostrare il loro secolare legame verso la chiesa di S. Andrea, che fu oggetto di controversie nel secolo XI. Avvalora questa ipotesi la nota tergale alla pergamena che recita: «Domnus Vivianus habuit unam cartam de ratione eclesie Sancti Andree, scilicet de istitutione»; cfr. ivi, p. 7.

9   Il diploma risulta perduto, se ne ha notizia dal regesto contenuto nel cosiddetto Bullettone: ASFi, Manoscritti, 48 bis, n. 8, p. 7.

10   Desumiamo il controllo del cenobio da parte del marchese Ugo dal testo della concessione del vescovo Podo, della quale non si conosce la data precisa: Le carte della canonica della cattedrale di Firenze cit., pp. 68-72, doc. 24. L’analisi approfondita della carta ha delineato sospetti di falsità, o quantomeno interpolazione, in particolare nei passi relativi alla definizione della vita canonicale e ai diritti esclusivi della canonica sull’abbazia stessa: Puglia, Vecchi cit., pp. 178-184.

11   Le sole carte riconducibili all’archivio originario di S. Andrea sono le due ordinazioni pocanzi citate.

12Le carte del monastero di S. Miniato cit., pp. 67-76, doc. 5.

13   Ildebrando eccettuò dalla donazione una terra con vigna e selva presso l’odierna Bagno a Ripoli (FI). Altre terre del medesimo settore sono nominate nelle confinazioni dei beni elencati in seguito. Il corso d’acqua ha ora carattere torrentizio, scorre per 25 chilometri nella provincia di Firenze, nasce dal monte Tondo e si butta nel fiume Greve all’altezza di Galluzzo, a 5 chilometri da Firenze. Nella conferma della prima donazione del vescovo Ildebrando nel 1024 non sono più specificate eccezioni nel trasferimento dell’intero patrimonio di S. Andrea, cfr. ivi, pp. 76-82, doc. 6.

14   Cfr. Cap. 5.4.

15   La località è tuttora denominata Badia a Settimo, frazione del comune di Scandicci (FI).

16Carte della Badia di Settimo cit., pp. 251-255, doc. 1. Abbiamo notizia dell’atto di conferma di Adimaro grazie a una memoria redatta nel Trecento e composta quando si decise di raccogliere in un elenco di regesti il contenuto delle carte più antiche conservate presso l’archivio abbaziale.

17   Motivi e finalità di questa pratica sono delineati in Tabacco, Egemonie cit., pp. 206-209.

18   R. Pescaglini Monti, I conti Cadolingi, in I ceti cit., p. 196; Cortese, Signori cit., p. 88 sg.

19   Cfr. Carte della Badia di Settimo cit., pp. 3-7, 252-255.

20   Ivi, pp. 3-8, doc. 1.

21   Cfr. Wurze, Gli albori cit., pp. 169-172.

22   Cfr. Carte della Badia di Settimo cit., p. 7. Per le successive menzioni delle chiese di S. Martino e di S. Donato nella tradizione del monastero di Settimo cfr. ivi, p. 4.

23   Ritroviamo questa informazione in un diploma di Ludovico II, nel quale l’imperatore trasferì la corte al monastero di Casauria. Il diploma è edito in Ludovici II cit., pp. 191-194, doc. 64; per la notizia della donazione riportata in regesto cfr. ivi, p. 57, doc. 5.

24Carte della Badia di Marturi cit., pp. 53-60, doc. 3. Il riferimento esplicito al possesso della chiesa di S. Donato in Lucardo è contenuto nella falsa donazione del 25 luglio 998, conservata in copia del secolo XI: ivi, pp. 39-51, doc. 2.

25   Cfr. Schneider, L’ordinamento cit., pp. 264-266; Cortese, Signori cit., p. 3.

26Kurze, Monasteri cit., p. 307.

27   Cfr. Cap. 1.3.

28   Per l’elenco aggiornato delle fondazioni monastiche toscane, composto sulle liste di Kurze, cfr. G. Spinelli, Monasteri maschili nella Toscana dell’alto medioevo, in Il monachesimo italiano cit., pp. 391-423.

29   Cfr. le considerazioni esposte in Kurze, Monasteri cit., p. 308 sgg.

30   Ivi, p. 313.

31   Negli atti di fondazione conservatisi, la clausola che vieta l’alienazione dei beni da parte dell’abate è infatti sottolineata con fermezza; cfr. Cortese, Signori cit., p. 87 sg.

32Kurze, Gli albori cit., p. 176; Cortese, Signori cit., p. 4.

33Le carte del monastero di S. Maria cit., vol. i, p. 3 sg., doc. 1; p. 5 sg., doc. 2. Le due compravendite furono stipulate nel 967 e nel 969 e riguardarono due terre con edifici, fra cui una chiesa, per una spesa totale di 230 denari.

34   Ivi, pp. 7-9, doc. 3; l’atto stipulato nel 972 comprendeva sette tra case e sortes nei luoghi di Collina, Tavernelle e Bibbiano, per il prezzo di 100 denari. Sono tutte località situate intorno a Poggibonsi (SI): a nord, ancora nel Fiorentino, Tavernelle corrisponde all’odierna Tavarnelle Val di Pesa (FI); a sud-ovest, Bibbiano è da identificarsi con Bibbiano in Val d’Elsa nel comune di Colle Val d’Elsa; l’insediamento Collina è forse rintracciabile nell’odierna via della Collina nella periferia nord della stessa Poggibonsi.

35   Ivi, p. 9 sg., doc. 4; nel luglio del 972 la donna acquistò da un certo Alfrido una terra posta in località Agilone, luogo di dubbia identificazione, in continuità con alcune proprietà delle chiese di Arezzo e di Chiusi. La transazione sembra organizzare le proprietà nella zona, in vista della successiva fondazione del cenobio di S. Gennaro: Kurze, Monasteri cit., p. 310 sg. e nota 69.

36   Nel 971 Ugo acquistò da un certo Guinizo la sua porzione del castello e corte di Papaiano con la chiesa di S. Andrea e una parte della corte di Buliciano con la chiesa di S. Giorgio, al prezzo di 100 soldi. L’atto, tramandatoci in copia autenticata del secolo XI o del XII, è conservato in ASFi, Diplomatico, Ospedale degli Innocenti, 970 marzo; per la datazione corretta al 971 cfr. Falce, Il marchese cit., p. 99. Papaiano si trova nei pressi di Poggibonsi (SI), mentre Buliciano è una località della Valdelsa, presso Colle di Val d’Elsa (SI). Nel 988 il marchese comperò per 300 soldi d’argento quattro casalini con le rispettive pertinenze da tale Gherardo del fu Gotizio: ivi, pp. 171-174, doc. 2. Tali beni sono posti nella località detta Curtefreda nella pieve di S. Pietro in Bossolo, odierna località di Borgo di Cortefreda in comune di Tavarnelle Val di Pesa (FI); a Vuallari presso la chiesa di S. Margherita; nella località di Bariano nella pieve di S. Stefano; e infine «in loco Montacone [...] qui dicitur Petroio». Sono di difficile identificazione Vuallari e la stessa chiesa di S. Margherita, constatata l’abbondanza di edifici dedicati alla santa in Toscana, nessuno dei quali si trova in prossimità degli altri toponimi identificati. La pieve di S. Stefano, accostata alla località di Bariano, potrebbe essere la pieve di Campoli, località questa vicina alla frazione Quattro Strade del comune di San Casciano in Val di Pesa (FI). Per quanto riguarda Petroio, l’unica evidenza nelle vicinanze è rintracciabile nella frazione Petroio del comune di Castelnuovo Berardenga (SI).

37  In una lettera del 1057 inviata a Beatrice di Canossa, Pier Damiani riporta la notizia di una terza fondazione religiosa, una non meglio specificata basilica di S. Maria in territorio aretino, rifondata e beneficiata dalla marchesa Willa: Die Briefe

des Petrus cit., vol. ii, p. 136 sg., doc. 51.

38Conradi II cit., p. 28 sg., doc. 25.

39   Cfr. Schneider, L’ordinamento cit., p. 309 sg. Arena è frazione di S. Giuliano Terme (PI); Fiesso potrebbe essere collocato nella zona di Montuolo, frazione del comune di Lucca. Per quest’ultima identificazione cfr. ivi, p. 235, nota 64.

40   Il quadro generale è composto a partire dal privilegio di Clemente III del 1188 che fornisce l’elenco completo di tutte le terre acquistate e conservate in gestione diretta dalla Badia fino ad allora: Le carte del monastero di S. Maria cit., vol. ii, pp. 137-140, doc. 225; cfr. anche R. Ninci, Le proprietà della Badia Fiorentina: problemi di identificazione, in ivi, p. 320 sg.

41   Ivi, vol. i, pp. 10-17, doc. 5. Il punto di partenza furono tutte le terre e gli edifici cittadini posseduti da Willa, le cui aree ospitarono il complesso monastico. Nei territori fiorentino e fiesolano la donna donò 21 massarici situati nei luoghi di Monte Domini e Gingnori presso Firenze, nella località Bibbione in Val di Pesa nella pieve di S. Stefano a Campoli: Cortese, Signori cit., p. 5; in Villamagna, frazione del comune di Bagno a Ripoli (FI), e in loco Marine. La corte di Monte Domini è di incerta identificazione, probabilmente era situata presso l’odierno ex Ospedale di S. Gallo in Firenze: Ninci, Le proprietà cit., p. 330; il loco Gingnori è Gignoro tra San Salvi e Ponte a Mensola, verso la frazione fiorentina di Settignano; solo l’ultima località è di difficile identificazione, forse situata in Val di Marina presso il comune di Calenzano (FI). A queste unità fondiarie Willa aggiunse tutte le proprietà, composte di case, terre e pascoli, poste nel luogo detto Monte Milinaio, corrispondente forse all’attuale Montemignaio, situato fra le montagne del Pratomagno a est di Firenze: Cortese, Signori cit., p. 5. La donazione prosegue poi con il trasferimento di quattro interi complessi insediativi, comprensivi di corte, chiesa e castello, tutti situati nel Fiorentino e con buona probabilità appartenenti al patrimonio fiscale. Le curtis di Greve e Signa si trovavano nel Valdarno, subito a valle della città: la prima è ceduta insieme al castello di Scandicci, con la chiesa e 30 mansi dipendenti. La corte doveva collocarsi nel piano di Scandicci (FI) verso il fiume Vingone, dove ancora oggi la prepositura di Scandicci conserva l’antico nome di S. Maria di Greve. Il castello di Scandicio va identificato con l’odierna Scandicci Alto, nel piviere di Giogoli (FI). Ninci, seguito da Cortese, ha dimostrato come sia da escludere l’identificazione con l’abitato di Greve in Chianti: Ninci, Le proprietà cit., p. 321 sg.; Cortese, Signori cit., p. 4, nota 14. La seconda corte, corrispondente all’attuale comune di Signa (FI), comprendeva, a sua volta, il castello, la chiesa e 40 mansi di terre coltivate e incolte. Nell’ultimo tratto della Val di Sieve, a est di Firenze, collochiamo la terza corte con il castello di Bibiano e 10 mansi pertinenti: l’identificazione risolutiva di questo Bibiano con la località frazione del comune di Pelago (FI), e non con l’omonimo toponimo in Valdelsa, si deve alla convincente analisi di Ninci, Le proprietà cit., pp. 324-327. L’ultima corte donata, chiamata Gariperghe, comprendeva un manso e il suo domnicato, la cui collocazione geografica nelle immediate vicinanze meridionali di Firenze non è del tutto chiara: cfr. Cortese, Signori, castelli cit., p. 56; Schiaparelli indica genericamente forse presso Firenze in Le carte del monastero di S. Maria cit., vol. i, Indice, ad vocem.

42   Ivi, pp. 24-29, doc. 8; pp. 36-40, doc. 11. Nella prima carta del 995 Ugo donò il castello marchionale di Luco, includendo anche la sua casa, la chiesa di S. Clemente, le terre dominicali e ben 208 massarici dipendenti dalla corte. Nel 997 il marchese ampliò le concessioni materne relative al «castello et burgo, curte et domnicato et ecclesia Sancti Martini, qui est posito in loco qui dicitur Bibiano», aumentando la dotazione con 37 sorti dipendenti, una casa nel castello e alcuni edifici nel borgo. Un altro notevole gruppo di beni, situati nella Valdelsa senese, prima controllato da Ugo e poi pervenuto alla disponibilità della Badia, è quello venduto dal marchese a una tale Ermengarda, figlia di Odalgario, e poi donato da costei alla Badia nell’ottobre del 996: ivi, pp. 31-36, doc. 10; la stessa Ermengarda con il figlio Milone rinnovò la donazione il 18 dicembre 1036: ivi, pp. 105-109, doc. 40. Le proprietà erano poste nelle vicinanze della corte con castello denominata Colle de Monte, nella pieve di S. Gimignano, elencati in 30 «inter casis, et casilinis, set casalinis cum donicati quamque massaritiis», pertinenti al detto centro fondiario e in continuità con altre proprietà detenute dal marchese. La corte corrisponde con ogni probabilità all’attuale località di Monti nel comune di San Gimignano (SI): Ninci, Le proprietà cit., p. 323 sg.

43Le carte del monastero di S. Maria cit., vol. i, p. 46 sg., doc. 15.

44   Il castello di Vicchio, attuale località di Vico l’Abate nel comune di San Casciano in Val di Pesa (FI), era già stato donato in precedenza dal marchese Ugo con la corte, la chiesa di S. Michele, le terre dominicali e 70 massarici dipendenti. L’analisi di Schiaparelli al documento n. 8, cioè la donazione del castello di Luco in Valdarno, ha evidenziato come l’originale della donazione di Vicchio, ora perduto, fu copiato e corretto per redigere la seconda donazione; cfr. ivi, p. 25. Cfr. anche Ninci, Le proprietà cit., p. 332 sg.

45   Si tratta della frazione di Cetica, nel comune di Castel San Niccolò (AR).

46   Quest’ultimo complesso fondiario è per la verità inserito in una copia della donazione di Willa: cfr. l’edizione della carta originale a p. 14, nota (h).

47   Quest’area patrimoniale è illuminata dalla citata donazione di Ermengarda di Odalgario, che attesta la presenza patrimoniale della Badia nella zona a sud di Poggibonsi.

48   La località di Fagise non è stata identificata, Radda coincide con l’odierna Radda in Chianti (SI).

49Le carte del monastero di S. Maria cit., vol. i, pp. 52-55, doc. 19.

50   Il castello di Broilo si trova nell’attuale comune di Gaiole in Chianti (SI): Repetti, Dizionario cit., vol. i, p. 362 sg. Le altre due località non sono rintracciabili con precisione: Pesella è forse Pestello, nel comune di Montevarchi (AR); Boiano è forse identificabile con Bugialla, nel comune di Radda in Chianti (SI): Cortese, Signori cit., p. 6.

51   Il castello di Tignano doveva trovarsi non lontano da Barberino Val d’Elsa (FI), nel piviere di S. Donato al Poggio; Seiano si trovava nel comune di Certaldo (FI), piviere di S. Gerusalem; per entrambi cfr. ivi, p. 3, nota 9.

52   Il marchese Ugo effettuò elargizioni patrimoniali anche al di fuori della marca di Tuscia e in zone che non riguardavano, almeno direttamente, le aree patrimoniali del gruppo parentale. Nel 996 abbiamo notizia di una sua donazione a favore del vescovo e della canonica di Vercelli della corte di Caresana nel comitato di Tortona, forse gestita da Ugo in quanto bene fiscale: I Placiti cit., vol. ii.1, pp. 344-351, doc. 230. Intervenne, inoltre, in almeno tre occasioni a favore dell’abbazia di S. Maria della Vangadizza da lui fondata. Purtroppo l’edizione dei documenti, non ancora affrontata con metodi scientifici moderni, rende molto difficili ulteriori analisi e ricostruzioni; l’edizione dei regesti è contenuta in A.E. Baruffaldi, Regesto dell’Abbazia della Vangadizza dal 953 al 1659, vol. i, in Badia Polesine, vol. iv, Zuliani, Badia Polesine 1908, p. 8 sg. Cfr. Falce, Il marchese cit., pp. 106 sg., 130-133; Castagnetti, Tra Romania cit., p. 54 sgg. Sulla probabile origine adalbertingia di questi beni disposti dal marchese in Polesine cfr. Bonacini, Il marchese cit., p. 250 sg.

53Kurze, Monasteri cit., p. 308

54Id., I reperti d’argento di Galognano come fonti di storia, in Id., Monasteri e nobiltà nel Senese cit., p. 230.

55Carte della Badia di Marturi cit., pp. 53-60, doc. 3. La dotazione comprendeva: la casa e corte domnicata di Ugo entro il castello di Marturi; lo stesso castello dove l’abbazia era edificata con tutte le pertinenze; il castello di Colle de Monte; la corte Tenzano; beni non specificati nel borgo di Foci e nelle località di Luco, Anclano, Megognano e Lucardo; 24 case comprese fra le pertinenze dei beni citati; e infine più di 130 mansi ubicati in molte località delle aree menzionate, inclusi i castelli di Papaiano e Talciona. Tutte queste località si trovano nelle vicinanze di Marturi, attuale Poggibonsi (SI): il castello di Colle de Monte e il borgo di Foci erano ubicati in Valdelsa, in diocesi di Volterra; la corte di Tenzano si trovava in diocesi di Siena, presso la pieve di S. Agnese; la località di Luco è situata in comune di Poggibonsi; Anclano è in Val di Pesa, nel piviere di S. Pancrazio a Lucignano, in comune di Montespertoli (FI); Megognano si trova in Valdelsa nel comune di Poggibonsi; Lucardo si trova nella Valdelsa fiorentina nel comune di Montespertoli; Papaiano, come già notato, è situato nei pressi di Poggibonsi; infine il castello di Talcione è identificabile con l’odierno Talciona in comune di Poggibonsi; cfr. Cortese, Signori cit., p. 3, nota 6.

56   Cfr. Cap. 6.1.

57Carte della Badia di Marturi cit., pp. 81-83, doc. 11; cfr. Kurze, Gli albori cit., pp. 165-168, 173-175.

58   L’atto di donazione a favore di S. Antimo è perduto. Ne abbiamo notizia dalla conferma che Enrico III rilasciò nel 1051 al cenobio, attestando così la provenienza fiscale dei beni: Heinrici III cit., pp. 360-362, doc. 271; cfr. Falce, Il marchese cit., p. 157.

59   Ivi, pp. 174-177, doc. 3. La corte di Bagno è rintracciabile nel comune di San Casciano dei Bagni (SI); il borgo Rotacardosa, denominato Borgorico, è Borgoricco, località da collocare nella medesima pieve di S. Casciano; cfr. ivi, p. 116 sg.

60   Sono definiti senza dubbio beni fiscali in Schneider, L’ordinamento cit., p. 109; qualche perplessità, in particolare sulla corte di Bagno, è suscitata dalla minuta di un diploma evidentemente preparato a Monte Amiata per la conferma dei beni del monastero. In questo, che non ricevette mai compiutezza giuridica, si afferma che la cortem vocabulum Balneum fosse appartenuta a Ugo marchese ex hereditario iure sui: Ottonis II cit., pp. 858-860, doc. 425. La natura del documento, di per sé alquanto autoreferenziale, non permette la scelta per una soluzione netta e precisa; cfr. Falce, Il marchese cit., p. 116 sg.

61   Ivi, pp. 177-181, doc. 4.

62   Il documento è la promissio rilasciata dal venditore Guinildo relativa ai beni venduti il giorno stesso al marchese Ugo; è conservata in copia del secolo XI o XII nell’Archivio di Stato di Volterra; per l’edizione cfr. ivi, pp. 169-171, doc. 1. Per una diversa datazione all’anno 970 cfr. Puglia, La marca cit., p. 56 sg.; infine per l’ipotesi del 975 cfr. M.L. Ceccarelli Lemut, Il castello di Montevoltraio nel quadro del primo incastellamento del territorio volterrano, in «Quaderno del Laboratorio Universitario Volterrano», n. 6, 2003, p. 115.

63Schneider, L’ordinamento cit., p. 269.

64   I beni sono situati nelle località di Casale San Gimignano (SI), Lamule fra Casale e Monte Voltraio (PI), Cerreto presso Elmo (PI), Settimana, Metato presso Casale (PI), Poggio Ripi presso Monte Voltraio (PI), Montegabbro presso Castel San Gimignano (SI) e Colina: Falce, Il marchese cit., p. 117 sg.

65Die Regesten des Kaiserreiches unter Heinrich VI. 1165 (1190)-1197, a cura di J.F. Böhmer, G. Baaken, in Regesta Imperii, vol. iv.3, Böhlau, Vienna 1972, p. 13, doc. 14.

66   Abbiamo anche notizia di una donazione a favore del capitolo della cattedrale di Volterra in un documento tramandatoci in forma di originale incompleto: Regestum Volaterranum, a cura di F. Schneider, Loescher e Regenberg, Roma 1907, p. 34, doc. 91. Falce, pur sottolineandone le criticità, conclude attribuendogli una sostanziale autenticità, che tuttavia non emerge con molta chiarezza; cfr. Falce, Il marchese cit., pp. 157-159.

67   Una donazione a favore del monastero del S. Sepolcro in Acquapendente è attribuita al marchese Ugo all’anno 993; cfr. l’edizione in P.E.D. Riant, La donation de Hugues, marcquis de Toscane, au Saint-Sépulcre et les établissements latins de Jérusalem au Xe siècle, Imprimerie nationale, Parigi 1884, pp. 14-16. Si tratta di una copia imitativa del secolo XI, che Falce considera vera senza alcuna perplessità: Falce, Il marchese cit., pp. 107-113. Eppure il formulario inusuale, la sottoscrizione di Ugo attraverso il signum manus e la comparsa molto precoce della moglie Giuditta al suo fianco consigliano una maggiore prudenza. Inoltre, i beni donati, tutti collocabili nel territorio di Sovana, località della provincia di Grosseto, si situano in un’area estranea, mai segnalata da tutte le altre fonti relative a Ugo e alle sue attività.

68   Cfr. ivi, pp. 118-120.

69   La fortificazione si ergeva sul monte Verruca, altura a est di Pisa, nel comune di Vicopisano; cfr. Repetti, Dizionario cit., vol. v, p. 700 sg.

70Falce, Il marchese cit., p. 123.

71Ottonis II cit., p. 630, doc. 219; la conferma fu ribadita da Enrico II: Heinrici II cit., pp. 539-541, doc. 425.

72Memorie e documenti per servire all’istoria del ducato di Lucca cit., p. 582, doc. 1708; cfr. Schneider, L’ordinamento cit., p. 327.

73   Cfr. ivi, pp. 304-307.

74Conradi II cit., pp. 106-109, doc. 80.

75   Abbiamo notizia della fondazione da parte di Ugo nel diploma di Ottone III del 997: Ottonis II cit., p. 680 sg., doc. 263. Falce desume anche una successiva donazione da parte di Ugo e della moglie Giuditta: Falce, Il marchese cit., pp. 151-154. Sulla corte di Capolona come bene fiscale cfr. Schneider, L’ordinamento cit., pp. 285-287.

76   La fondazione avvenne probabilmente nel 999: P.F. Kehr, Italia Pontificia, vol. iii, Weindmann, Berlin 1908, p. 170.

77Regesto di Camaldoli cit., p. 8 sg., doc. 12. Si tratta di dieci mansi appartenenti alla corte Orgia, in comune di Castel San Niccolò (AR), donati alla badia per l’anima di Everardo, di cui erano eredità. La medesima eredità relativa alla totalità della corte Orgia è confermata in un diploma imperiale del 998 alla canonica aretina: Ottonis II cit., p. 720 sg., doc. 295.

78   La notizia si apprende dal diploma di Ottone III del 1002: ivi, p. 856 sg., doc. 423; cfr. Falce, Il marchese cit., p. 154 sg.

79   Nobili, Le famiglie cit., p. 145.

80Monastero di San Salvatore a Fontana Taona cit., pp. 99-102, doc. 1. Il monastero si trovava presso l’odierna Badia Taona, frazione del comune di Sambuca Pistoiese (PT).

81   Per le origini del cenobio cfr. ivi, pp. 2-6.

82   Ivi, p. 102 sg., doc. 2; p. 106 sg., doc. 6.

83   Si tratta delle località Staggiano, frazione di Forra al Pitta (PT), e di Baggio (PT). I beni assegnati da Bonifacio II al monastero divennero in seguito possesso dei Cadolingi, i quali, con il conte Uguccione, li refutarono a favore del cenobio nel 1088: ivi, p. 143 sg., doc. 41.

84Schneider, L’ordinamento cit., p. 322 sg.

85 Canonica di S. Zenone. Secolo XI, a cura di N. Rauty, Società pistoiese di storia patria, Pistoia 1995, p. 21, doc. 45: la terra Bonifatinga era confinante del luogo denominato Glaretano, di dubbia identificazione, molto probabilmente lo stesso Garitano con cui confinava il caphadio Bonifacingo.

86   Cfr. Rauty, Documenti cit., pp. 1-3.

87Provero, L’Italia cit., p. 70 sg.

88Memorie e documenti per servire all’istoria del ducato di Lucca cit., p. 313, doc. 1421; p. 316, doc. 1424

89   Sulla figura di Fraolmo cfr. Puglia, Vecchi cit., p. 157 sg.

90   Una tenue indicazione a riguardo potrebbe essere fornita da un atto di vendita di difficile interpretazione, stipulato forse nel 983, fra Ugo e Cunerado detto Cunitio figlio di Cunerado de comitato et territorio Pisense. Questo personaggio, di sicura influenza a livello locale, era probabilmente cugino del vicecomes Fraolmo: Id., La marca cit., pp. 20 sg., 100 sgg. L’atto è edito in Memorie e documenti per servire all’istoria del ducato di Lucca cit., p. 459 sg., doc. 1573. Per la datazione molto controversa cfr. Puglia, Vecchi cit., p. 174, nota 139.

91   La presenza di un missus di Ugo, sebbene il nome del personaggio sia illeggibile, è attestata ancora nel 983 in occasione di una permuta fra il vescovo e il monastero di S. Ponziano: Memorie e documenti per servire all’istoria del ducato di Lucca cit., p. 507 sg., doc. 1625.

92Ottonis II cit., p. 636 sg., doc. 223. Su Maginfredo, che in seguito è attestato come fidelis diretto dell’imperatore, e sulla sua famiglia detta dei Da Ripafratta cfr. Puglia, La marca cit., pp. 43-48.

93Ottonis II cit., p. 843 sg., doc. 410.

94   Probabilmente i presuli pisani della seconda metà del secolo X erano vicini al gruppo obertengo che a sua volta teneva in quella zona posizioni avverse alla politica imperiale e dunque ostili allo stesso Ugo I; cfr. Nobili, Le terre cit., p. 218 sg.

95Ottonis II cit., p. 637 sg., doc. 224.

96   Cfr. Puglia, Vecchi cit., pp. 162, 164.

97Documenti per la storia della città di Arezzo cit., p. 106 sg., doc. 76. Piuttosto che indicare un titolo di derivazione pubblica, la carica di gastaldo esibita da Orso è stata interpretata come una mansione svolta al servizio dello stesso monastero: Puglia, Vecchi cit., p. 167 sg.

98   Cfr. Cap. 2.3.

99   Cfr. I Placiti cit., vol. ii.1, p. 316 sg., doc. 222; pp. 317-319, doc. 223; I placiti del ‘Regnum Italiae’ (secc. IX-XI). Primi contributi cit., pp. 326-328, doc. 12.

100   Sulla famiglia di Guinildo del fu Camarino cfr. Puglia, Vecchi cit., p. 159 sg.; Id., La marca cit., p. 56 sgg.

101Falce, Il marchese cit., p. 99; la successiva concessione in usufrutto è attestata nella narratio di Marturi: cfr. ivi, p. 149.

102   Rispettivamente Le carte del monastero di S. Maria cit., vol. i, p. 5 sg., doc. 2; p. 3 sg., doc. 1; pp. 7-9, doc. 3.

103   Diverse notizie prosopografiche su questa discendenza, che tuttavia non menzionano il personaggio citato, sono in Cortese, Signori cit., pp. 325-333.

104   I livelli intermedi della società toscana, con particolare attenzione a quella lucchese, sono considerati in Collavini, Spazi cit., pp. 319-340.

105Puglia, Vecchi cit., p. 166.

106I Placiti cit., vol. ii.1, p. 674 sg., doc. XI.

107Le carte del monastero di S. Maria cit., vol. i, pp. 86-93, doc. 35; pp. 158-165, doc. 63.

108   Il rapporto con i fondatori, tuttavia, non può essere qualificato entro la tipologia del classico Eigenkloster; cfr. Cap. 7.3.

109   Specificamente nel caso di Ugo I è possibile parlare dell’esistenza di una cancelleria marchionale, sia per il rapporto stabile intrattenuto con i notai, sia per le forme documentarie coerenti di tipo cancelleresco prodotte da quei personaggi; per l’analisi del formulario usato per i documenti di Ugo e della madre Willa cfr. Kurze, Gli albori cit., pp. 183-186. Per i rapporti fra il ceto notarile e le élites italiche fra i secoli IX e XI cfr. F. Bougard, Notaires d’élite, notaires de l’élite dans le royaume de l’Italie, in La culture du haut moyen âge, une question d’élite?, a cura di Id., R. Le Jan, R. McKitterick, Brepols, Turnhout 2009, pp. 454-459.

110Kurze, Gli albori cit., p. 185.

111   A Pisa sono attestati nel corso degli anni dodici esponenti della cancelleria, mentre a Lucca quattordici.

112Le carte del monastero di S. Maria cit., vol. i, pp. 36-40, doc. 11.

113   Si tratta di Giovanni notaio e giudice imperiale e di Sigefredo e Teuperto giudici imperiali: Annales Camaldulenses cit., vol. i, coll. 128-131, doc. 57.

114Le carte bolognesi del secolo X cit., pp. 88-92, doc. 26.

115Regesto di Camaldoli cit., p. 8 sg., doc. 12.

116   La legge salica era quella professata da Willa e dal figlio Ugo; solo in un’occasione i testimoni si proclamarono di legge ripuaria, secondo il diritto originario del gruppo parentale hucpoldingio; cfr. Cap. 7.2.

117   Cfr. Kurze, Gli albori cit., p. 185.

118   Si tratta delle donazioni rogate a Pisa nel 978 e nel 997, a Foci nel gennaio 997, a Marturi nell’agosto 998 – interpolata ma in quanto alle sottoscrizioni ritenuta attendibile – infine presso Sovana nel 995 e a Volterra nel 996; i riferimenti bibliografici sono già stati elencati in precedenza.

119   Il matrimonio endogamico fra Gisla e Tegrimo II e la fondazione di S. Fedele di Strumi furono passaggi fondamentali per lo sviluppo patrimoniale e dinastico del ramo parentale denominato poi dei Guidi, in questa particolare area dell’Appennino tosco-romagnolo; cfr. Cap. 2.2 e 7.3.

120Carte della Badia di Settimo cit., p. 20 sg., doc. 7; la chiesa, che negli anni ha cambiato la dedicazione in S. Piero, si trova nella frazione di Ponte a Ema del comune di Bagno a Ripoli (FI).

121Cortese, Signori cit., p. 262, nota 5.

122   Si tratta delle attuali frazioni di Rovezzano e Varlungo, entrambe nel comune di Firenze.

123Le carte della canonica della cattedrale di Firenze cit., pp. 236-238, doc. 93.

124   Attuale Lastra a Signa, comune della provincia di Firenze, a breve distanza da Settimo.

125Cortese, Signori cit., p. 185.

126   Per l’intera vicenda cfr. Cap. 3.3.

127Le carte della canonica della cattedrale di Firenze cit., pp. 378-380, doc. 156.

128   Lo spedale di S. Salvatore a Monte Politano si trovava vicino a Malmantile, frazione di Lastra a Signa, su un percorso nell’Appennino pistoiese meridionale, che raggiungeva la Val di Pesa; cfr. San Martino a Gangalandi, a cura di R.C. Proto Pisani, G. Romagnoli, Edifir, Firenze 2001, p. 17.

129   Si parla di vera e propria sottomissione della famiglia signorile in Cortese, Signori cit., p. 237.

130Le carte della canonica della cattedrale di Firenze cit., pp. 405-408, doc. 168.

131Cortese, Signori cit., p. 23 sg.

132Carte della Badia di Settimo cit., pp. 53-55, doc. 19; pp. 57-59, doc. 21; oltre alle pertinenze presso la chiesa, la donna vendette le sue proprietà nella corte del castello di Montecarelli. La chiesa di S. Martino Adimari si trovava nel piviere di S. Gavino Adimari, ora prossimo alla frazione Erbaia, nel comune di Barberino del Mugello (FI). Del castello di Montecarelli rimane traccia nell’omonima frazione dello stesso comune, a poca distanza da S. Gavino. Sulla località di Montecarelli cfr. Repetti, Dizionario cit., vol. iii, p. 333 sg.

133   Per i possessi dei Guidi nel Pratomagno e nel Casentino cfr. Schneider, L’ordinamento cit., p. 261 sg.

134   La carta è parzialmente edita in Rauty, Documenti cit., p. 139 sg., doc. 92.

135   Ivi, pp. 314-316, doc. XIII.

136   Cfr. Cap. 3.3.

137   Per i possessi in area bolognese cfr. Cap. 6.2.

138   ASFi, Diplomatico, Luco del Mugello, S. Pietro, 1044 luglio; oggetto della vendita furono la terza porzione del castello detto Castellione, la quarta parte del castello denominato Luntjano vecclo e 30 sortes situate nelle vicinanze. L’identificazione di questi toponimi pone alcune difficoltà. Innanzitutto di lettura, in quanto le lettere del secondo toponimo non sono tutte leggibili e solo grazie a congettura si può giungere al nome di Luntjano. Così, infatti, risulta la lettura della carta in quel punto: «et alio in loco qu(i) n[omin]atur | [Lun]tjano qu(i) vocatur vecclo integra quartam portjone». L’identificazione è resa possibile dall’attributo vecclo dato al luogo, che porta a indicare la frazione di Lutiano Vecchio nel comune di Borgo San Lorenzo (FI). Inoltre, la presenza dell’attributo vecclo fa scartare l’ipotesi di lettura in Larciano, toponimo della zona e citato in varie carte relative all’abbazia di Settimo, che tuttavia non è mai nominato come vecclo: cfr. Carte della Badia di Settimo cit., Indice, ad vocem. Non è poi identificabile con sicurezza la località di Castellione data la mancanza di qualsiasi altra specificazione. Dando una diversa lettura della carta, Cortese giudica le lettere non comprensibili come relative al secondo toponimo, considerando invece la parola vecclo come riferimento a un terzo castello, identificato con Vicchio di Mugello; cfr. Cortese, Signori cit., p. 326, nota 282.

139   Cfr. Cap. 4.3.

140   Per i passaggi genealogici accennati cfr. Cap. 3.4.

141   Per i possessi nel Bolognese di questo ramo della parentela cfr. Cap. 6.4.

142   S. Pietro di Romena si trova nelle vicinanze di Pratovecchio (AR).

143Regesto di Camaldoli cit., p. 114, doc. 280; tutte le località citate sono rintracciabili nelle vicinanze di Pratovecchio.

144Wickham, La montagna cit., p. 216: l’ipotesi è avanzata dalla diversa denominazione topografica con cui fu presentato il monastero in una carta del 1099; cfr. Regesto di Camaldoli cit., p. 256, doc. 620.

145 Ivi, p. 235, doc. 569; Stia si trova nelle vicinanze di Pratovecchio (AR).

146   Ivi, p. 256, doc. 620: si tratta di S. Maria di Pietrafitta, S. Michele Arcangelo di Poppiena, S. Egidio di Gaviserre e S. Niccolò di Lago; la prima è situata a ovest di Poppiena, mentre le ultime due si trovano a nord-est della stessa località: Ammannati, Fiesole cit., p. 155, nota 11.

147Rauty, Documenti cit., pp. 298-301, doc. 226.