Version classiqueVersion mobile

Roman Jakobson, linguistica e poetica

 | 
Edoardo Esposito
, 
Stefania Sini
, 
Marina Castagneto

Fonetica e fonologia

Qualche osservazione sulla fonologia à la Jakobson

Pierluigi Cuzzolin

Texte intégral

Ringrazio per le sue osservazioni Margherita De Michiel e Rosanna Sornicola, per le proficue conversazioni sulla linguistica tra Ottocento e Novecento. Ovviamente sono il solo responsabile di ciò che sostengo in questo lavoro.

  • 2 Language, Poetry and Poetics. The Generation of the 1890s: Jakobson, Trubetzkoy, Majakovskij, Proc (...)

11. Sulla figura di Roman Jakobson, in particolare la sua figura di linguista, ma non esclusivamente quella, la letteratura critica si è venuta accrescendo di contributi come per pochi altri linguisti contemporanei. Basti pensare al tributo pagato alla sua articolata immagine di studioso a due anni dalla scomparsa, quando presso il Massachusetts Institute of Technology fu organizzato il primo Roman Jakobson Colloquium.2 Da allora la figura dello studioso non ha smesso di attirare l’attenzione di specialisti delle varie discipline nelle quali la sua impronta è stata considerata fondamentale, dai fonologi ai fonetisti, dai sintatticisti ai semiologi, agli antropologi, fino agli studiosi di letteratura e poesia, in particolare di area slava, l’altra grande parte dell’attività scientifica del Nostro. In fondo il presente congresso, le cui organizzatrici mi fa piacere ringraziare per il gentile invito, altro non è che una ulteriore prova che delle idee e delle proposte di Jakobson si continua a discutere intensamente.

  • 3 Elmar Holenstein, Roman Jakobson’s Approach to Language: Phenomenological Structuralism, Bloomingt (...)
  • 4 Luciano Ponzio, Roman Jakobson e i fondamenti della semiotica, Milano, Mimesis, 2015. È peraltro u (...)
  • 5 Cfr. Jørgen Rischel, Roman Jakobson and the phonetics-phonology dichotomy, «Acta Linguistica Hafni (...)
  • 6 Cfr. Ewan Dunbar, William Idsardi, The acquisition of phonological inventories in Oxford Handbook (...)

2Le brevi pagine che seguono non hanno certo l’ambizione di riconsiderare la teoria fonologica di Jakobson nel suo insieme. Lavori del genere peraltro esistono già: penso in particolare a quelli di Elmar Holenstein,3 nei quali lo studioso ha analizzato con acribia la produzione di Jakobson, mettendone in luce in particolare i presupposti filosofici. Analogamente una visione di insieme della figura di Jakobson è stata proposta di recente da un altro filosofo, Luciano Ponzio, il quale ha posto in evidenza fin dal titolo del suo volume,4 ripercorrendo la formazione e la biografia di Jakobson, la rilevanza della riflessione sul segno nella sua opera complessiva, che anzi da questo nucleo di riflessione in ultima analisi discenderebbe. Ma è soprattutto nel campo della fonetica e della fonologia, come si accennava, che la bibliografia è in continua crescita, a partire dai punti di vista più diversi. Non si tratta solo di aspetti legati alla sistematicità strutturale della prospettiva jakobsoniana nella sua globalità,5 ma anche a quelli legati ai problemi dell’acquisizione degli inventari fonologici.6

3In questo mio breve contributo vorrei solo proporre alcune riflessioni sulla fonologia quale Jakobson ha delineato nel corso degli anni, certo uno dei campi in cui il suo apporto è stato tra i più fecondi. In particolare vorrei focalizzare la mia attenzione su un punto che è stato spesso al centro della discussione negli ultimi decenni, ma che non ha trovato a tutt’oggi una soddisfacente trattazione, ovvero il rapporto tra fonetica e fonologia. Del resto l’uso delle etichette di fonetica e fonologia rischia di suonare oggi quasi poco aggiornato, date le numerose vie, spesso di direzione contraria l’una all’altra, per cui le due discipline si sono oggi incamminate. Il rapporto tra fonetica e fonologia in Jakobson non è sempre limpido ed è tutt’altro che privo di aspetti problematici, solo all’apparenza secondari. Fra tutti questi aspetti ce n’è uno su cui mi pare si sia poco riflettuto ed è la consequenzialità con cui viene istituito il rapporto tra le due discipline di studio; una consequenzialità che poggia su basi epistemologiche fragili. Ma cercherò di chiarire il mio pensiero nelle pagine che seguono.

  • 7 Cfr. Rischel, op. cit.

4Com’era da aspettarsi, ci si è esplicitamente posti il problema se non sia più conveniente, oltre che metodologicamente corretto, analizzare la teoria fonologica di Jakobson storicizzandone i presupposti e i contenuti, e dunque alla luce delle correnti ideologiche al cui interno egli si trovò a operare.7 Personalmente penso che sia non meno corretto e adeguato un atteggiamento ‘laico’, per così dire, che veda nell’opera di Jakobson un contributo che va indagato e valutato per quello che esso ha da dare a una teoria fonologica. Non è un caso che le idee proposte da Jakobson nell’ambito del fenomeno dell’afasia e dell’apprendimento linguistico oppure le osservazioni critiche avanzate alla ricostruzione del sistema consonantico indeuropeo dal punto di vista tipologico siano a tutt’oggi guardate come acquisizioni ineludibili con cui confrontarsi e non certo soltanto come tappe di uno sviluppo storico dell’ambito disciplinare nel quale sono state formulate.

 

  • 8 Federico Albano Leoni, Les parties et le tout: Jakobson, Husserl et la phonologie, «Histoire Épist (...)

52. Una delle idee sulle quali Jakobson ha più a lungo lavorato e più a lungo ha riflettuto è quella di fonema. Come ha da ultimo opportunamente posto in rilievo Albano Leoni,8 nella riflessione teorica di Jakobson quest’idea parte da lontano, perché la riflessione sul fonema, e sulla sua natura, era cominciata nell’ultimo quarto dell’Ottocento; su questo punto tornerò nella prossima sezione. Anche il giovane Jakobson si trova a discutere del fonema, del quale alla fine degli anni Trenta egli dà la seguente definizione:

  • 9 Roman Jakobson, Zur Struktur des Phonems, in SW. I, pp. 280-294: 292.

Auch ein Phonem ist in diesem Sinne doppelseitig, doch das Eigenartige und Seltsame liegt hier darin, dass dem bestimmten und konstanten lautlichen Unterschied zweier Phoneme die blosse Tatsache eines potentiellen Bedeutungsunterschiedes, keinesfalls aber ein bestimmter und konstanter Bedeutungsunterschied entspricht. Um mit Husserl zu sprechen, ist ein Phonem der bedeutungsverleihende Akt, keineswegs aber der bedeutungsfüllende Akt gegeben.9

  • 10 Cfr. Albano Leoni, Les parties et le tout, cit.

6Come si vede, all’altezza cronologica del 1939, il punto centrale della riflessione di Jakobson si impernia sul rapporto complesso tra fonema e significato utilizzando per sovraestensione, ma in maniera impropria e non consequenziale, secondo Albano Leoni,10 categorie mutuate dal Husserl delle Logische Untersuchungen, con risultati peraltro non del tutto perspicui. Il fonema è atto potenziale in riferimento al significato, non è atto che riempie il significato, semmai lo conferisce. Come è facile evincere, la prospettiva qui adottata si rifà al dibattito come si era venuto sviluppando all’interno del Circolo di Praga.

  • 11 Cfr. Stephen R. Anderson, Phonology in the Twentieth Century: Theory of Rules and Theories of Repr (...)

7La prospettiva cambia in modo radicale negli anni Cinquanta, quando Jakobson si stabilisce negli Stati Uniti ed entra in contatto con una versione dello strutturalismo molto diversa da quella europea.11 Tuttavia l’operazione di Jakobson è molto particolare: la definizione del concetto di fonema secondo caratteristiche fonetiche, ovvero la presenza vs assenza di tratti supera, in un certo modo, il problema concettuale di trovare una istanza che spieghi la natura del fonema, unità astratta, minima, dal valore puramente oppositivo, conciliandola con la sua realizzazione concreta, il fono. Nella prospettiva di Jakobson questo problema, su cui così tanto si è discusso e si continua a discutere, viene superato in una prospettiva più generale e astratta, con la teoria dell’analisi in tratti binari.

8Non è questo l’unico caso in cui è stata messa in luce una caratteristica di Jakobson, cioè quella di proporre idee e schemi così generali e all’apparenza inoppugnabili da essere di fatto anche ostacolo allo sviluppo stesso della disciplina (questa, per esempio, l’opinione di Bertil Malmberg sulle idee fonologiche di Jakobson, e in particolare sul triangolo vocalico fondamentale, nel capitolo a lui dedicato nella sintesi sulla linguistica del ventesimo secolo).

 

  • 12 Roman Jakobson et alii, Preliminaries to speech analysis. The distinctive features and their corre (...)

93. È noto che l’elaborazione della teoria dell’analisi fonematica per tratti binari, ovvero la proposta probabilmente più importante di Jakobson, di certo quella che ha incontrato maggiore fortuna e goduto di maggior diffusione, trova la sua prima e fondamentale esposizione in un lavoro che Jakobson scrive con Morris Halle e Gunnar C.M. Fant12 come technical report dedicato all’analisi del discorso (speech analysis). All’analisi fonematica Jakobson si era già dedicato in precedenza, soprattutto durante gli anni in cui aveva lavorato all’analisi formale della composizione poetica e, a questo proposito, osservazioni interessanti si trovano in lavori degli anni Venti e Trenta. La logica che sta alla base del lavoro citato è ora molto diversa, probabilmente diversa in maniera radicale. Ne cito l’incipit:

  • 13 Ivi, p. 1.

If the word bill were to appear in the sequence one dollar bill or as a single word said to a waiter after a meal, the listener would be able to predict its appearance. In such a situation, the sounds which compose this word are redundant to a high degree, since they “could have been inferred a priori”. If, however, the word is deprived of any prompting context, either verbal or non verbal, it can be recognized by the listener only through its sound-shape. Consequently, in this situation the speech sounds convey the maximum amount of information.13

10In questo incipit ci sono vari elementi che meriterebbero qualche osservazione, ma ci sono almeno due punti che necessitano di qualche parola di commento, anche se di fatto i due punti si rivelano come le due facce di un’unica medaglia.

11Il primo punto è legato al fatto che un’identica parola non veicola, o, meglio, può non veicolare la stessa quantità di informazione se osservata in condizioni di isolamento o all’interno di un contesto: quanto più ampio e, per così dire, routinario il contesto tanto più prevedibile la parola; anzi, poiché si tratta della forma fonetica, più prevedibili i suoni che la compongono. In isolamento, invece, si danno le condizioni ideali perché l’informazione sia massima. Come si può notare, però, l’introduzione della nozione di informazione non è ovvia: in questo caso, ciò che si analizza secondo il parametro della teoria dell’informazione è sostanzialmente la qualità del segnale sonoro, ridondante in condizione di alta o totale prevedibilità, massimamente informativo se in condizione di isolamento. Insomma, ci sarebbe una geometria variabile, per così dire, che caratterizza la forma fonica in quanto dipendente dal contesto in cui essa viene articolata. Altro ancora ci sarebbe da osservare ma il punto decisivo per la mia argomentazione è quello messo in rilievo.

12Il secondo punto interessante è che il contesto adeguato a far sì che si possa inferire informazione può essere sia verbale sia non verbale. Il cenno a quest’ultimo tipo non è privo di qualche spunto di riflessione. Che il contesto sia un elemento essenziale per l’informazione, che è a sua volta l’elemento essenziale della comunicazione, come ribadisce subito Jakobson, può essere ben comprensibile. Che il contesto non sia verbale, invece, fa sì che qualche interrogativo si ponga inevitabilmente: se il contesto non verbale corrisponde di fatto alla condizione di isolamento, non è chiaro in che cosa esso si distingua da quello; se invece non vi corrisponde, bisognerà presupporre che il contesto non verbale equivalga però a una condizione in cui comunque la qualità del segnale sonoro deve mostrare ridondanza anch’essa, se in condizione di alta o totale prevedibilità. In questo caso risulta poco chiaro in che cosa differisca il contesto verbale da quello non verbale. Ma anche in questo caso la riflessione meriterebbe di essere ulteriormente approfondita.

13Ovviamente si tratta di dettagli, ma è proprio in questi dettagli che la riflessione di Jakobson spesso non è articolata in modo completamente esplicito e convincente; e lo si è già visto a proposito della definizione di fonema che Jakobson aveva dato applicando in modo inconseguente categorie husserliane, come si è visto sopra.

 

  • 14 Federico Albano Leoni, Dei suoni e dei sensi, Bologna, Il Mulino, 2009.
  • 15 Federico Albano Leoni, Discutendo sulla (presunta) morte del fonema, «Studi e Saggi Linguistici», (...)
  • 16 Giovanna Marotta, Sulla (presunta) morte del fonema, «Studi e Saggi Linguistici», 48, 2010, pp. 28 (...)
  • 17 Albano Leoni, Discutendo sulla (presunta) morte del fonema, cit.
  • 18 Alberto Manco, Discutendo ancora sulla (presunta) morte del fonema, «Studi e Saggi Linguistici», 5 (...)
  • 19 Andrea Paoloni, Una nota sul dibattito relativo alla nozione di fonema Studi e Saggi Linguistici, (...)
  • 20 Si tratta, ovviamente, di un dibattito rimasto, per così dire, sospeso, al quale non è stata affat (...)

144. In relazione alla tematica jakobsoniana della natura e della struttura del fonema, merita qualche parola il lavoro che sta compiendo Federico Albano Leoni, del quale mi limiterò a citare almeno il volume Dei suoni e dei sensi,14 una lettura davvero importante per chi si interessi a questo problema. La tesi, oggi sufficientemente provocatoria, anche se non del tutto nuova, è che il fonema sia un’entità concettuale che non esiste: anzi, come Albano Leoni ha ribadito in una sua risposta alla recensione del suo volume, il fonema sarebbe il risultato di una riflessione avvenuta all’interno di culture che hanno elaborato scritture alfabetiche.15 La posizione parrebbe dunque un ritorno a un periodo anteriore alla riflessione del Cours di Saussure e alle idee espresse da Baudouin de Courtnay. Tutto ciò potrebbe addirittura essere visto come una posizione attardata su presupposti positivisti e dunque un regresso rispetto allo stato delle nostre conoscenze. Le cose non stanno così: la novità concettuale introdotta da Albano Leoni è che al concetto di fonema sia giunta una civiltà linguistica che aveva distillato il suo sapere nella sintesi dell’alfabeto. Il fonema sarebbe dunque la conseguenza della realizzazione dell’alfabeto, e non, contrariamente a quanto si crede e si continua a sostenere, ciò che ha permesso di giungere a creare l’alfabeto, per cui a ogni fonema corrisponde un simbolo. Da questo punto di vista, e sia detto en passant, merita una attenta lettura lo scambio di opinioni tra Giovanna Marotta,16 Federico Albano Leoni17 e l’intervento finale, almeno per ora, di Alberto Manco18 e Andrea Paoloni19 sullo statuto del fonema.20

  • 21 Sulla figura di Piero Meriggi, la cui vita non è stata priva di aspetti anche tragici, è calato un (...)

15Poco sopra ho accennato al fatto che la tesi di Albano Leoni non è del tutto nuova. Credo che l’affermazione meriti qualche precisazione. Fatta salva l’idea che Albano Leoni ha portato al dibattito un contributo personale per metodo e argomenti dispiegati, che tengono conto delle ultime novità teoriche nel campo di fonetica e fonologia, all’idea dell’esistenza del fonema, che fu sintetizzata per la prima volta, come entità astratta, in modo inequivoco da Baudouin de Courtenay e dal suo allievo Mikołaj Kruszewski tra gli anni Settanta e Novanta dell’Ottocento, come è ormai noto da tempo, non mancarono oppositori che argomentarono anche vivacemente contro una tale ipotesi, soprattutto chi, come per esempio gli strutturalisti americani, negava ogni realtà psicologica del fonema. Ma fra gli oppositori mette conto di ricordare anche uno studioso italiano, che doveva dare i suoi risultati più importanti, e per i quali è rimasto celebre, nel campo dell’anatolistica, Piero Meriggi.21 Questo studioso però aveva lavorato a lungo, negli anni che precedettero la seconda guerra mondiale, presso l’Istituto di Fonetica dell’Università di Amburgo, e là si era dedicato proprio a studi di fonetica sperimentale nel periodo immediatamente precedente la seconda guerra mondiale con un approccio in parte simile a quello adottato da Albano Leoni. Ciò che mi pare interessante è osservare che Meriggi partiva da presupposti di tipo sperimentale, per certi aspetti ancora positivisti, e non antipsicologisti, per negare l’esistenza del fonema. Su questa pagina poco nota e studiata della linguistica italiana mi riservo di ritornare in altra sede.

16Ciò che parrebbe essere un accostamento al tema del presente lavoro piuttosto mediato e che prende le mosse da lontano entra in realtà in medias res perché Jakobson non è solo colui che, insieme a Nikolaj Trubeckoj, ha contribuito probabilmente più di ogni altro alla nascita della fonologia come disciplina autonoma, ma è anche colui che di questa disciplina ha, per alcuni aspetti essenziali, esplorato i limiti. Quello che mi pare interessante è il fatto che nell’un caso e nell’altro si siano messi in luce aspetti problematici delle definizioni e delle argomentazioni di Jakobson, aspetti che possono anche essere interpretati come contraddizioni non sanate all’interno della grande costruzione teorica di Jakobson.

 

175. C’è un altro elemento tuttavia che non può passare inosservato a un lettore attento. In tutti i suoi scritti, da quelli della gioventù fino alla maturità piena fino all’ultima parte della sua produzione scientifica, Jakobson fa mostra di essere non solo vorace lettore, ma anche aggiornatissimo, e in tutti i settori in cui potesse manifestarsi un legame con la linguistica. Tra gli anni 1923 e 1929 un importante filosofo tedesco, studioso di fama e fra gli artefici della rinascita neokantiana, Ernst Cassirer, scrive una delle opere più significative della filosofia del Novecento, secondo un giudizio oggi unanime, Philosophie der symbolischen Formen, tradotta nelle lingue di cultura più importanti. In Italia lo sarebbe stata da Eraldo Arnaud solo nel 1967. Il primo volume di quest’opera monumentale è dedicato proprio alle forme simboliche del linguaggio umano e ne viene data illustrazione con esempi tratti da numerose lingue storico-naturali. Chi scrive non è a conoscenza di opinioni o giudizi espressi da linguisti su quest’opera, che probabilmente non rientra nel novero delle letture obbligate del linguista; e insomma, uno studio su un apporto alla riflessione teorica in linguistica da parte di Cassirer è ancora da scrivere, e chi sta scrivendo confessa la propria attuale inadeguatezza in merito. Non è comunque verisimile che Jakobson, linguista a tutto tondo, non fosse a conoscenza di quest’opera, del suo contenuto e delle idee che vi erano espresse, e che potevano trovare consonanza con quanto egli era venuto elaborando. Da tempo è stato messo in luce da Holenstein che la formazione filosofica di Jakobson ha pochi nomi di riferimento:

  • 22 Holenstein, Jakobson’s philosophical background, cit., p. 28. Come ho già accennato, il ruolo che (...)

The following seems to be appropriate: The general frame of his [Jakobson; PC] philosophical world view was pegged out by the Russian ideological tradition and through it by “Romantic and Hegelian philosophy”. When it came to elaborating his philosophical ideas, however, Jakobson no longer relied on Hegel and his schools – with the exception of some Russian Hegelians – but rather on philosophers such as Husserl and Peirce and on theoretical developments within the empirical sciences themselves, especially on those in the field of biology and on such as were connected with the terms ‘cybernetics’ and ‘information theory’ in the forties and fifties.22

18Tanto più curioso è dunque il fatto che negli scritti di Jakobson la parola simbolo non compaia di fatto quasi mai, almeno negli scritti qui presi in esame. Curioso ma non inspiegabile se si pensa a quanto egli scriveva nella relazione di chiusura del congresso degli antropologi e linguisti tenutosi nel 1953:

  • 23 Roman Jakobson, Results of a Joint Conference of Anthropologists and Linguists, in SW. II, 554-567 (...)

Language is an instance of that subclass of signs which under the name of symbols have been astutely described by Chao, who indeed symbolically embodies the best both in Western and Eastern thought. Therefore, when specifying language we must, with H. L. Smith, observe other symbolic patterns for comparison, the system of gestures, for instance … [O]ne can only agree with our friend N. McQuown who realized perfectly that there is no equality between systems of signs, and that the basic, the primary, the most important semiotic system is language: language really is the foundation of culture. In relation to language, other systems of symbols are concomitant or derivative.23

  • 24 Holenstein, Jakobson’s philosophical background, cit.

19Mi pare evidente che l’aspetto simbolico della lingua in Jakobson non riveste una rilevanza particolare, ma sembra più un tributo pagato a una riflessione che pure era stata decisiva per lo sviluppo dello strutturalismo, e in particolare a Peirce, «the most powerful source of inspiration».24 Se il simbolo altro non è che un tipo di segno, è abbastanza evidente che tutta la parte simbolica del linguaggio a Jakobson, ormai attento ad aspetti tecnici di analisi dei suoni, della materia fonetica, risultasse estranea.

20Secondo le parole di Jakobson, dunque, egli ci tiene a ribadire, come sostiene esplicitamente nella relazione con cui egli chiudeva il Congresso di antropologi e linguisti e pubblicato nel 1953, in righe che precedono la citazione riportata sopra e che qui ho tralasciato, che la lingua è un esempio di sottoclasse di segni, chiamati simboli, il cui sistema deve essere confrontato, per esempio, col sistema dei gesti, altra sottoclasse di segni. Parrebbe dunque che la lingua, sistema di simboli, sia in rapporto di dipendenza da un sistema di segni, e dunque semiotico, più generale. Tuttavia, alcune righe più avanti, Jakobson, con una formulazione poco perspicua, afferma che non si può non concordare con l’idea che non tutti i sistemi semiotici sono uguali, e che quello fondamentale, alla base di tutti gli altri è la lingua. Così importante, insomma, che tutti gli altri sistemi di simboli sono o concomitanti con esso o derivati da esso. Ora, può darsi che tra inferenze e presupposizioni, legate anche a una certa affabulazione espositiva e alla variatio lessicale, il discorso risultasse chiaro e coerente. Può peraltro stupire il fatto che i termini simbolo e segno potessero risultare così intercambiabili da essere sinonimi a chi aveva letto con attenzione e tanto assimilato la lezione di Peirce.

21A me pare, però, che quanto Jakobson sostiene risulti quanto meno ambiguo a proposito di un punto: nella prima parte della citazione, infatti, il linguaggio è una sottoclasse del sistema di segni detti simboli, mentre nella seconda parte, il linguaggio è alla base di ogni sistema semiotico, tanto che ogni altro sistema di simboli o è concomitante o ne è derivato. Insomma, non risulta chiaro, oltre ogni ragionevole dubbio, se il linguaggio sia il sistema semiotico primo e se sia esso stesso un sottosistema di un più generale e astratto sistema di segni, ovvero semiotico.

22A ciò si sommi che pare non consequenziale aggiungere che il linguaggio è lo strumento essenziale della comunicazione in quanto informazione. Anche in questo caso i termini usati si caricano più di ambiguità di quanto non apportino chiarezza al contenuto dell’argomentazione.

 

236. Vorrei concludere queste mie brevi osservazioni mettendo a parte chi ha avuto la bontà di leggere fin qui di un sospetto personale, apparentemente lontano dall’argomento qui pur cursoriamente discusso. Tra Vladimir Nabokov, esule russo anch’egli come Jakobson, e cittadino del mondo come e più di Jakobson, e quest’ultimo non correva simpatia: Vladimir Nabokov insegnava nella stessa università di Harvard letteratura russa ed entomologia, accanto a Roman Jakobson, ed è noto che i due non si amassero. Ho il sospetto, per me quasi una certezza, che l’incipit di Lolita, il capolavoro che Nabokov pubblicò nel 1955 – l’anno della riedizione del technical report in cui Jakobson, in collaborazione, proponeva l’analisi fonematica in termini binari – contenga intenti parodistici nei confronti del metodo e della teoria propugnata dal suo compagno di esilio. Ne riproduco qui il celeberrimo incipit:

Lolita, light of my fire, fire of my loins. My sin, my soul. Lo-lee-ta: the tip of the tongue taking a trip of three steps down the palate to tap, at three, on the teeth. Lo. Lee. Ta.

24Sull’analisi del passo di Nabokov non mi soffermo: richiederebbe competenze multiple che il sottoscritto ammette di non possedere. Non può passare inosservata però la terminologia che Nabokov usa, oltre al metodo di scrittura. Tutto questo ricorda, parodiato, quanto Jakobson veniva scrivendo e sostenendo in quegli anni, oltre che le analisi del verso poetico nelle letterature slave antiche e moderne, e delle quali Nabokov doveva essere sicuramente a conoscenza.

25È inutile aggiungere che la scrittura di Nabokov non costituisce alcun punto di riferimento critico al lavoro di Jakobson. Tuttavia, se questo mio sospetto coglie nel segno, essa può costituire un ottimo punto di osservazione per capire con quanta ironia potesse essere rappresentata, tanto da essere addirittura parodiata, la prospettiva di analisi del linguaggio proposta da Jakobson da parte di un artista, russo ed esule anch’egli, che il linguaggio usava, e in modo magistrale, per comporre grande letteratura.

Notes

2 Language, Poetry and Poetics. The Generation of the 1890s: Jakobson, Trubetzkoy, Majakovskij, Proceedings of the First Roman Jakobson Colloquium, Massachusetts Institute of Technology, 5-6 ottobre 1984, a cura di Krystyna Pomorska et alii, Berlin-New York-Amsterdam, Mouton de Gruyter, 1987.

3 Elmar Holenstein, Roman Jakobson’s Approach to Language: Phenomenological Structuralism, Bloomington & London, Indiana University Press, 1976; Id., Jakobson’s philosophical background, in Language, Poetry and Poetics, cit.. Il testo di Holenstein (1976) cui si fa riferimento in questo lavoro è la traduzione inglese dell’edizione originale francese anteriore di due anni, a sua volta versione francese della Habilitationschrift dell’autore, redatta in tedesco.

4 Luciano Ponzio, Roman Jakobson e i fondamenti della semiotica, Milano, Mimesis, 2015. È peraltro un peccato che il libro di Ponzio sia rovinato da una quantità davvero intollerabile di refusi.

5 Cfr. Jørgen Rischel, Roman Jakobson and the phonetics-phonology dichotomy, «Acta Linguistica Hafniensia», 29/1, 1997, pp. 121-147.

6 Cfr. Ewan Dunbar, William Idsardi, The acquisition of phonological inventories in Oxford Handbook of Developmental Linguistics, a cura di Jeffrey L. Lidz, William Sznyder e Joe Pater, Oxford, Oxford University Press, 2016, pp. 7-16.

7 Cfr. Rischel, op. cit.

8 Federico Albano Leoni, Les parties et le tout: Jakobson, Husserl et la phonologie, «Histoire Épistémologie Langage», 37-1, 2015, pp. 27-42: 31.

9 Roman Jakobson, Zur Struktur des Phonems, in SW. I, pp. 280-294: 292.

10 Cfr. Albano Leoni, Les parties et le tout, cit.

11 Cfr. Stephen R. Anderson, Phonology in the Twentieth Century: Theory of Rules and Theories of Representations, Chicago, University of Chicago Press, 1985.

12 Roman Jakobson et alii, Preliminaries to speech analysis. The distinctive features and their correlates, Boston, Massachusetts Institute of Technology, 19552.

13 Ivi, p. 1.

14 Federico Albano Leoni, Dei suoni e dei sensi, Bologna, Il Mulino, 2009.

15 Federico Albano Leoni, Discutendo sulla (presunta) morte del fonema, «Studi e Saggi Linguistici», 49, 2011, pp. 205-220.

16 Giovanna Marotta, Sulla (presunta) morte del fonema, «Studi e Saggi Linguistici», 48, 2010, pp. 283-304.

17 Albano Leoni, Discutendo sulla (presunta) morte del fonema, cit.

18 Alberto Manco, Discutendo ancora sulla (presunta) morte del fonema, «Studi e Saggi Linguistici», 50/2, 2012, pp. 149-164.

19 Andrea Paoloni, Una nota sul dibattito relativo alla nozione di fonema Studi e Saggi Linguistici, «Studi e Saggi Linguistici», 50/2, 2012, pp. 165-172.

20 Si tratta, ovviamente, di un dibattito rimasto, per così dire, sospeso, al quale non è stata affatto posta l’ultima parola.

21 Sulla figura di Piero Meriggi, la cui vita non è stata priva di aspetti anche tragici, è calato un oblio immeritato. La figura di questo studioso e la sua produzione più squisitamente linguistica, quella cioè che non ha posto al centro i suoi interessi anatolici, ovvero quella legata soprattutto al suo periodo amburghese, meriterebbero di essere studiate e adeguatamente rivalutate.

22 Holenstein, Jakobson’s philosophical background, cit., p. 28. Come ho già accennato, il ruolo che il pensiero di Husserl ha esercitato sulla riflessione linguistica di Jakobson è stato di recente piuttosto ridimensionato, e mi pare con piena ragione, da Albano Leoni (2015).

23 Roman Jakobson, Results of a Joint Conference of Anthropologists and Linguists, in SW. II, 554-567: 555-556.

24 Holenstein, Jakobson’s philosophical background, cit.

Auteur

Università di Bergamo: pierluigi.cuzzolin[at]unibg.it

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search