Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Roman Jakobson, linguistica e poetica

 | 
Edoardo Esposito
, 
Stefania Sini
, 
Marina Castagneto

Radici e frutti dello strutturalismo di Jakobson

Il tenacissimo telos: assiologia del nuovo e il tessuto delle relazioni

Stefania Sini

Texte intégral

  • 1 Mi limito a menzionare alcuni studi imprescindibili in cui si affronta la questione: Peter Steiner(...)

1La ricorrente presenza all’interno del corpus degli scritti di Roman Jakobson di richiami alla teleologia non ha mancato di suscitare l’attenzione da parte di diversi studiosi che sottolineandone il peso specifico in riferimento al lungo itinerario intellettuale del grande linguista ne hanno suggerito le possibili matrici filosofiche e storico-culturali.1

2Evocato a sostegno dell’argomento funzionalista, il concetto teleologico compare nei lavori jakobsoniani a fianco di termini quali intenzione, scopo, finalità, means-end, e altri, in una costellazione semantica tanto estesa quanto sfuggente. Gli specialisti di Jakobson potrebbero obiettare che si tratta di un’evidenza di fatto, un semplice topos sulla cui ovvietà è inutile soffermarsi. Credo invece che valga la pena di provare a esaminare le declinazioni di questo topos, il quale non è affatto un concetto chiaro e distinto. Anche alla luce della sua capillare circolazione – accolto o rifiutato – negli scritti di molti studiosi in dialogo con Roman Osipovič, cercheremo dunque di riflettere sulla insistita continuità che l’elemento teleologico assume nel percorso teoretico dello studioso russo.

3Diciamo «elemento», ma potremmo anche parlare di sostrato, o di fondamento, o di frame, o ancora di un approccio teleologico.

Elemento

Sostrato

Fondamento

teleologico

Cornice

Approccio

  • 2 Linda R. Waugh, Monique Monville-Burston, Introduction to Roman Jakobson, SW. I: vol. I, Phonologi (...)

4Si tratta di sintagmi non del tutto equivalenti ma che nel discorso jakobsoniano indicano un momento ineludibile la cui esplicitazione risulta necessaria. Troviamo per esempio la voce tradotta approach nel testo del 1927-28 sul quale ci soffermeremo a breve, ribadita da Linda Waugh e Monique Monville-Burston che nella prefazione al I volume dei Selected Writings si avvalgono altresì della parola basis: «The teleological basis for language change has been instrumental in inspiring further work». «A teleological approach to language change is thus essential».2

5Nella consapevolezza testé dichiarata di avere di fronte un significato per niente univoco e monolitico, possiamo in prima approssimazione enuclearne almeno 3 macroaccezioni.

accezione diacronica-evolutiva, o ‘storicistica’;

accezione sincronico-funzionale (con il polivalente e problematico significato di funzione);

accezione intenzionale (in senso fenomenologico o in altro senso).

  • 3 Rinvio agli imprescindibili lavori di Holenstein, Jakobson and Husserl. A Contribution to the Gene (...)

6Ciascuna di tali macroaccezioni è a sua volta composta da diversi nuclei semantici instabilmente intrecciati fra loro in dosi variabili, nonché eterocliti – si pensi ai molteplici significati di intenzione/intenzionale – e può comparire negli scritti di Jakobson sia individualmente sia congiuntamente con le altre, tutte comunque in larga misura ascrivibili al concetto di forma o struttura, o intero o totalità.3 Dato il poco spazio a disposizione e l’estrema complessità del problema, in questo intervento non possiamo che limitarci a una mossa preliminare: presentare una campionatura essenziale e minima di occorrenze della nozione teleologica tratte da diversi scritti jakobsoniani. Descriveremo tali occorrenze cercando di individuarne se non il profilo teoretico e l’appartenenza o ascendenza filosofica, almeno il peso e ruolo (funzione, scopo?) nell’argomentazione di volta in volta considerata. Vorremmo poi domandarci se esista un nesso fra la teleologia e un altro elemento (substrato, fondamento, cornice, approccio ecc.) costitutivo della visione del mondo del nostro autore: vale a dire il riferimento all’assiologia del nuovo, la presupposizione della novità, del cambiamento, dello scarto dalla norma, quale valore per definizione positivo, momento che emerge a tratti prepotentemente dai lavori di Roman Osipovič.

1. Propositi diacronici

  • 4 Anatoly Liberman, op. cit., p. 143.

7Comincerei con la prima accezione di assiologia sopra elencata, quella che riguarda l’evoluzione della lingua. Il testo più stringatamente eloquente a questo proposito è l’inaugurale O hláskoslovném zákonu a teleologickém hláskosloví (The Concept of the Sound Law and the Teleological Criterion) del 1927-28, lavoro che come osserva Anatoly Liberman reca i tratti di un vero e proprio «manifesto», nel quale «The key notion of the evolutionary theory of language espoused by Roman Jakobson is teleology».4 Roman Osipovič vi discute infatti la teoria neogrammatica delle leggi fonetiche, «ipotesi di lavoro» priva fino ad allora di un «fondamento teorico», e la riformula appunto su base teleologica.

  • 5 Roman Jakobson, The concept of the sound law and the teleological criterion (1927), in Id., SW. I:(...)

The revision of the traditional tenet leads to the recognition of the fact that language (and in particular its sound-system) cannot be analyzed without taking into account the purpose which that system serves. Once this amendment is made, the objections to the doctrine of the sound law lose their validity.5

8Il bersaglio è dunque la visione meccanicistica dell’evoluzione di cui i neogrammatici sono fautori, un cascame teorico che deve essere combattuto per mezzo di un «approccio teleologico». Non diversamente, d’accordo con Nikolaj Trubeckoj e Sergej Karcevskij, Jakobson si rivolgerà ai colleghi riunitisi nell’aprile 1928 a L’Aia al I Congresso internazionale dei Linguisti:

  • 6 Id., Proposition au premier congrès international des linguistes, ivi, p. 6.

C’est que la question du but d’un événement phonétique qui s’impose de plus en plus au linguiste, à la place de la question traditionnelle des causes. Ce n’est pas en renonçant à la notion de “loi phonétique” qu’on dépasserait la tradition des “Junggrammatiker”, mais bien en interprétant cette notion téléologiquement et en abandonnant la conception mécanistique.6

9Vediamo tuttavia subito come in entrambi questi testi programmatici l’analisi diacronica dei suoni si imbatta nella necessità di un esame sul piano sincronico. A essere diretto verso uno scopo è infatti il sistema linguistico nella sua cogente interezza. In The Concept of the Sound Law and the Teleological Criterion, dopo il paragrafo introduttivo, al punto 1 compare infatti il termine di funzione, e con ciò stesso emerge, strettamente legata alla prima, la seconda macroaccezione di teleologia, quella sincronico-funzionale:

  • 7 Id., The concept of the sound law and the teleological criterion, cit., p. 101.

The idea of a sound law operating without exceptions in a given language must be limited to a linguistic system characterized by one and the same function, i.e., to linguistic entities which are functionally equivalent.7

10Il riferimento alla funzione a sua volta comporta di fatto la presa in carico dell’orizzonte extra-linguistico, del mondo e delle sue dinamiche pragmatiche e sociali, così che alla spinta centripeta dell’analisi immanente dei fatti linguistici si accompagna una altrettanto rilevante forza centrifuga:

  • 8 Ibidem.

2. The neo-grammarians did not succeed in explaining the social character of sound changes (why a speech community accepts and sanctions individual slips), but this problem too finds its solution once it is posed teleologically. The same requirement applies if one attributes the decisive role in sound changes to the succession of generations.
3) The overlapping between territorially, socially or functionally distinct linguistic patterns can be fully comprehended only from a teleological point of view, since every transition from one system to another necessarily bears a linguistic function.8

  • 9 «Da cosa dipende la direzione degli istinti stilistici? Dallo scopo perseguito da questa o quell’e (...)
  • 10 Id, Linguistica e stilistica, ivi, p. 11. Trad. it. Cultura della lingua. Linguistica e stilistica(...)
  • 11 Scrive Vinokur a Jakobson nell’agosto 1925: «come fai a non vedere con il lume della tua ragione c (...)

11È interessante osservare come sulla mancata considerazione del carattere sociale dei cambiamenti fonetici da parte dei neogrammatici si fosse espresso anche Grigorij Vinokur nel 1924 in Kul’tura jazyka, mostrando da un lato di accogliere nella sua trattazione una prospettiva teleologica,9 ma muovendo dall’altro da presupposti filosofici differenti, tali da suscitare in seguito la disapprovazione dello stesso Jakobson. Secondo Vinokur la principale lacuna dei teorici delle leggi fonetiche riguardava la semantica (cosicché «la lingua perdeva per loro insieme al senso quelle qualità che le erano proprie in quanto simbolo collettivo e sociale»).10 Del resto nel 1924 l’ex membro del MLK aveva già consumato il suo distacco dal «Lef» e dal metodo formale, tacciati rispettivamente di nichilismo e di fragilità e arretratezza teorica.11

12Di fatto la compresenza di tensioni centripete e centrifughe nella messa a fuoco dell’oggetto di studio è riscontrabile tanto nelle riflessioni dei ‘letterati’ Opojazovcy che nella seconda metà degli anni Venti fanno i conti con il byt, le serie extraletterarie e il problema della storia, quanto in quelle dei linguisti moscoviti e praghesi che inaugurano la scienza strutturale tra imperativi sistemici e aperture sugli orizzonti sociali, geografici, storici. Se tra i primi, come vedremo a breve, l’imperativo telelologico appare spesso ma non unanimemente ribadito né uniformemente declinato, i lavori dei secondi sono invece espliciti al riguardo. Si aprono così le Tesi del ’29:

  • 12 B. Havránek, R. Jakobson, V. Mathesius, J. Mukařovský, N.S. Trubečkoj e altri, Tesi. Pubblicate su (...)

Produit de l’activité humaine, la langue partage avec cette activité le caractère de finalité. Lorsqu’on analyse le langage comme expression ou comme communication, l’intention du sujet parlant est l’explication qui se présente le plus aisément et qui est la plus naturelle. Aussi doit-on, dans l’analyse linguistique, prendre égard au point de vue de la fonction. De ce point de vue, la langue est un système de moyens d’expression appropriés à un but. On ne peut comprendre aucun fait de langue sans avoir égard au système auquel il appartient.12

  • 13 Su questo mi si permetta di rinviare a Sini, Dentro e fuori il testo. Appunti sulle Tesi di Praga, (...)

13Ecco che fa la sua comparsa la terza complessa e non univoca macroaccezione del concetto di teleologia: «il punto di vista della funzione» implica il rinvio all’«intenzione del soggetto parlante» che apporta all’idea del sistema linguistico quale entità immanente dove tutto si tiene se non una curvatura pragmatica strictu sensu, comunque una spinta centrifuga verso il mondo, prescrivendo un’imprescindibile attenzione alla realtà extra-verbale.13

14Con ciò i praghesi non vogliono fare tabula rasa degli apporti consegnati dagli illustri predecessori allo studio dei suoni della lingua. La stessa legge fonetica può anzi ricavare dall’approccio telelologico un sostegno più convincente:

  • 14 Jakobson, The concept of the sound law and the teleological criterion, cit., p. 2.

The surmounting of the neo-grammarian tradition does not imply a refutal of the sound-law concept, but, on the contrary, it means a reinforcement of this notion by the substitution of a teleological approach for the mechanical view. And since not the motor but the acoustical aspect of speech sound, aimed at by the speaker, has a social value, the teleological conception of sound problems increases the relevance of acoustical analysis in comparison with the physiology of speech.14

2. Diacronie saussuriane

  • 15 «Tutta la vita», scrive Natal’ja Avtonomova, «Jakobson conversò interiormente con Saussure e ne ri (...)

15Semmai, Jakobson e i suoi sodali vogliono marcare la differenza – il salto di paradigma – tra il proprio operato e quello altrui: una differenza che intende qualificarsi come novità radicale, superamento senza residui, e non solo rispetto alla scuola dei neogrammatici, ma anche al più autorevole e innovativo dei linguisti, vale a dire Ferdinand de Saussure. Pur riconoscendogli gli indiscutibili molteplici meriti, Roman Osipovič non ne tace le carenze teoriche e perfino una certa arretratezza riguardo a scoperte già acquisite in terra slava.15 Scriverà nel 1932 al pubblico italiano:

  • 16 Jakobson, La Scuola linguistica di Praga, in Id., SW. II, The Hague-Paris, 1971, pp. 542-543.

La tesi dell’importanza della linguistica sincronica, divulgata dalla pubblicazione del Cours de linguistique générale di F. de Saussure, è già implicita nell’opera del professore tedesco di Praga, A. Marty, sulle proposizioni impersonali. Ma la formula programmatica della differenziazione sistematica della linguistica «statica» (cioè sincronica) da quella «storica» fu per la prima volta formulata con grande precisione da T. G. Masaryk. A questa tesi di Masaryk si ricollegano i linguisti cechi contemporanei che lavorano nel campo della sincronia (Rocher, Mathesius). Nella questione dei rapporti fra queste due discipline la concezione di Masaryk è molto più vicina alla tesi del Circolo che il punto di vista saussuriano. «Non è il caso», dicono le tesi del Circolo, «di porre delle barriere invalicabili fra i metodi sincronici e diacronici come fa la scuola di Ginevra. Se si considerano in linguistica sincronica gli elementi del sistema della lingua dal punto di vista della loro funzione, non si potrebbero giudicare i mutamenti subiti dalla lingua senza tener conto del sistema colpito da detti cambiamenti». […]
La concezione strutturalistica del legame fra essenza della cosa e la sua evoluzione è in stretto rapporto, in Masaryk e nei lavori del Circolo, con l’interpretazione teleologica del processo storico, mentre per il Saussure i mutamenti sono ciechi e sprovvisti di senso.16

16E ancora:

  • 17 Ivi, p. 545.

F. de Saussure ha fatto un notevole passo avanti rispetto ai neogrammatici ortodossi: si è reso conto che accanto al fatto empirico, cioè alla parola individuale, esiste la lingua come norma sociale, e che questa lingua è un sistema di valori relativi che non può essere compreso dalla scienza che dal punto di vista funzionale. Ma egli non ha tratto da ciò tutte le conseguenze, e non ha inteso che la dinamica del sistema d’una lingua, cioè la nascita d’una norma, dev’essere affrontata, del pari che la statica, dal punto di vista teleologico. Perciò il nuovo metodo non trovò applicazione nel campo della linguistica storica.17

17D’altronde il maestro ginevrino era obiettivo critico già nel ‘manifesto’ del ’27-’28:

F. de Saussure and his school broke a new trail in static linguistics, but as to the field of language history they remained in the neo-grammarian rut. Saussure’s teaching that sound changes are destructive factors, fortuitous and blind, limits the active role of the speech community to sensing each given stage of deviations from the customary linguistic pattern as an orderly system. This antinomy between synchronic and diachronic linguistic studies should be overcome by a transformation of historical phonetics into the history of the phonemic system. In other words, phonetic changes must be analyzed in relation to the phonemic system which undergoes these mutations. For instance, if the order within a linguistic system is disturbed, there follows a cycle of sound changes aiming at its renewed stabilization (like in a game of chess).

  • 18 Liberman, op. cit., p. 145.

18L’esempio degli scacchi, notoriamente caratteristico dell’argomentazione di Saussure, viene evocato per contestare proprio quest’ultimo in nome dell’imperativo teleologico. Il quale mostra in The Concept of the Sound Law and the Teleological Criterion una compresenza di significati. Come scrive Libermann: «When we view stress and lenght as phonological entities, we inevitably come to the conclusion that free stress and lenght are incompatible. […] The universals of the 1928 manifesto where supposed to reveal the sound system’s possible ways of development; for instance, if stress became fixed in a language (as it did in Early Germanic), length could establish itself as a relevant, self-discriminating feature. Such is one of the meanings of the term teleological as used by Jakobson in the Twenties».18 Il secondo significato di «teleologico», suggerisce Libermann, è racchiuso nelle ultime righe del passo succitato, terminanti con il riferimento al gioco degli scacchi: «the second aspect of the teleological view of language change is: change as a means of restoring balance».

19Il significato di teleologia come ristabilimento di un equilibrio è ancora più evidente nel contributo al Congresso de L’Aia, dove peraltro Saussure è interlocutore ripetutamente chiamato in causa.

  • 19 Jakobson, Proposition au premier congrès international des linguists, cit., pp. 5-6.

Partout, ou un procès destructif a eu lieu, il est nécessairement suivi d’une réaction active. Et tout comme au jeu d’échecs la perte d’une pièce provoque souvent toute une série de déplacements de la part du joueur menacé, en vue de rétablir l’équilibre, de même dans une langue donnée, on a besoin de toute une série d’innovations phonétiques visant à restabiliser le système phonologique. Il arrive, aussi bien à la collectivité des sujets parlants qu’au joueur d’échecs, de recourir à des procédés qui, tout en sauvant la situation sur un point, risquent d’en- traîner des conséquences désastreuses sur d’autres points du système. L’analogie saussurienne entre la langue et le jeu d’échecs peut être poussée jusqu’au bout. Il existe des changements linguistiques qui, pareillement aux déplacements dans le jeu d’échecs, ont l’intention d’exercer une action sur le système.19

  • 20 Si vedano per esempio i rilievi aspramente polemici di Luigi Rosiello («nello struttural-funzional (...)
  • 21 Sériot, op. cit., pp. 195-199 e passim.

20Ci troviamo dunque di fronte a un’idea di evoluzione programmaticamente alternativa rispetto a quella saussuriana, idea problematica che non ha mancato di suscitare discussioni tra i linguisti nei decenni successivi. Le sue basi epistemologiche sono state tacciate ora di compromissione metafisica ora di ambiguità teorica.20 Come ha mostrato efficacemente Patrick Sériot, Jakobson e Trubeckoj si avvalgono della proposta «nomogenetica» di Lev Semënovič Berg (1876-1950) secondo cui l’evoluzione «non è dovuta al caso o alla selezione naturale di individui divergenti», bensì è «conforme a leggi». «La nomogénèse est une alternative explicite au darwinisme. Il s’agit d’une théorie autogénétique de l’évolution, qui postule que l’évolution est un développement de rudiments ou de potentialités préexistants. [...] Jakobson s’appuie constamment sur les théories de Berg». In particolare, spiega Sériot, secondo questo modello «le lingue non possono evolvere che in una direzione e in una sequenzialità conforme alle leggi del sistema».21

  • 22 «Même si ce n’est pas toujours clair chez Saussure lui-même, la langue n’est pas un chose mais un (...)

21Il confronto di Jakobson con Saussure mostra infine due modi di vedere la lingua diametralmente divergenti: alla concezione deontologica – o giuridica, o istituzionale, o, ancora, potremmo dire, ‘costruttivista’ del maestro ginevrino si oppone senza possibilità di conciliazioni quella ontologica del grande linguista russo.22

3. In Russia, frattanto

  • 23 Jurij Tynjanov, Roman Jakobson, Problemy izučenija literatury i jazyka, «Novyj Lef», 12, 1928, p. (...)

22Rammentiamo che nello stesso 1928 in cui viene pubblicato il manifesto del «criterio teleologico» escono su «Novyj Lef» a firma di Jurij Tynjanov e Roman Jakobson i Problemy izučenija literatury i jazyka (Problemi di studio della letteratura e della lingua) che segnano il passaggio dal formalismo allo strutturalismo e dove la necessità di dare fondamento teorico ai rapporti tra sincronia e diacronia occupa uno spazio rilevante. «La storia del sistema», scrivono gli autori, «è a sua volta un sistema. Il puro sincronismo si è rivelato un’illusione: ogni sistema sincronico ha un suo passato e un suo futuro come inseparabili elementi strutturali del sistema. […] Ogni sistema è dato necessariamente come un’evoluzione, e, d’altro lato, l’evoluzione ha inevitabilmente un carattere sistematico».23

23È interessante peraltro osservare come in questo testo non vi sia traccia della parola «teleologia», mentre si accampa con forza il termine di «funzione». Si comprende che nella redazione del testo ha esercitato il suo peso il paritario ruolo coautoriale di Tynjanov. Il quale infatti sin dai primi anni Venti apporta un contributo decisivo alla teoria funzionalista della letteratura ma rifiuta qualsivoglia impegno teleologico o credo intenzionale, da lui pubblicamente respinti come sinonimi. Nella sua concezione sistemica tanto del testo quanto delle serie complesse – generi, correnti, storia della letteratura, cultura ecc. – che dà ragione del dinamico interrelarsi degli elementi costitutivi in un continuo confronto e scontro di forze, vero e proprio conflitto tra dominanti e dominati (deformati) – concezione che lui stesso definisce «motoenergetica» –, il rinvio all’orientamento dialettico delle componenti elude programmaticamente l’intenzionalità e la teleologia.

  • 24 Jurij Tynjanov, Oda kak oratorskij žanr [L’ode come genere oratorio] (1927), in Id., Poètika. Isto (...)

È necessario eliminare dal termine «orientamento» (ustanovka) la sfumatura finale. Il concetto di funzione esclude il concetto di teleologia. Il piano teleologico dell’analisi della letteratura prevede l’«intenzione creativa»; ciò che non è inclusa in essa viene dichiarata come casualità o semplicemente resta senza analisi. Invece il concetto di «casualità» in relazione all’«intenzione creativa» non risulta affatto una casualità nel sistema della letteratura.24

24E ancora:

  • 25 Id., O literaturnoj èvoljucii [Sull’evoluzione letteraria] (1927), ivi, p. 278. («У нас есть слово (...)

Abbiamo la parola «orientamento». Essa designa per esempio «intenzione creatrice dell’autore». Tuttavia accade che «di buone intenzioni sia lastricato l’inferno». Aggiungiamo: l’intenzione autoriale può essere soltanto il fermento. Maneggiando uno specifico materiale letterario, l’autore si allontana, sottomettendovisi, dalla sua intenzione. […]
La funzione letteraria, la correlazione dell’opera con le serie letterarie, completano il lavoro. Eliminiamo la sfumatura teleologica, finalistica, l’«intenzione», dalla parola «orientamento». Cosa si ottiene? L’«orientamento» dell’opera letteraria (della serie) rivela la sua funzione discorsiva, la sua correlazione con il byt.25

25Dinanzi a siffatto rifiuto tynjanoviano di improprie «sfumature» intenzionali, finalistiche e teleologiche, la posizione di altri formalisti appare più attenuata, se non divergente. Afferma per esempio Boris Èjchenbaum:

  • 26 Boris Èjchenbaum, Melodika russkogo liričeskogo sticha [Melodica del verso lirico russo] (1922), i (...)

La poetica inizia dalla distinzione della lingua poetica rispetto alla serie dei fenomeni linguistici in generale, come attività diretta a un particolare scopo. Se anche tale scopo non è definito con precisione, sono sufficienti i suoi connotati. In tal modo la poetica si costruisce sulla base di un principio teleologico e per questo parte dalla nozione di procedimento» (poiché inizia con «l’individuazione della lingua poetica dalla serie dei fenomeni linguistici in generale, come attività diretta a un particolare scopo.26

  • 27 Ibidem («Лингвистика оказывается в ряду наук о природе, поэтика – в ряду наук о духе»). «I linguis (...)
  • 28 «L’opera d’arte è sempre il risultato di una lotta complessa di distinti elementi formativi, è sem (...)
  • 29 Jakobson, The Dominant (1935), in Readings in Russian Poetics, a cura di Ladislav Mateika e Krysty (...)
  • 30 Broder Christiansen, Philosophie der Kunst, Hanau, Clauss & Feddersen,1909. Trad. russa, Filosofij (...)

26Vale la pena di osservare che nelle righe succitate Èjchenbaum sta polemizzando contro la tendenza della linguistica contemporanea – nella fattispecie quella rappresentata dai moscoviti del MLK – a inghiottire nel proprio alveo lo studio della letteratura; nello sforzo di circoscrivere i rispettivi domini disciplinari salvando l’autonomia della poetica, il teorico russo giunge a collocare la linguistica all’interno della «serie delle scienze della natura», laddove la poetica occuperebbe la «serie delle scienze dello spirito».27 Al di là della discutibile classificazione, più volte notata dagli studiosi, vediamo come proprio in questo lavoro pionieristico Èjchenbaum descriva lo spazio dell’opera poetica quale «risultato di una lotta complessa di distinti elementi formativi» che «non coesistono semplicemente, e non “corrispondono” semplicemente l’uno all’altro. A seconda del carattere generale dello stile, questo o quell’altro elemento ha significato di dominante organizzativa, che signoreggia sulle altre e le sottomette a sé».28 La nozione di dominante, cardine teorico non solo delle analisi degli opojazovcy, Tynjanov compreso – che infatti dedica Sull’evoluzione letteraria all’amico Boris Michajlovič e lo ricorda in L’ode come genere oratorio giusto a proposito di funzione e dominante – ma anche, come è noto, della futura riflessione di Roman Jakobson,29 accoglie qui dunque apertis verbis la componente teleologica. La quale componente a sua volta è un debito nei confronti del filosofo a cui i formalisti – Tynjanov compreso – riconoscono la paternità del concetto in questione, vale a dire Broder Christiansen, che nella sua Filosofia dell’arte ne ha fatto il momento costitutivo dell’oggetto estetico. Senza poterci addentrare ora nell’analisi del testo di Christiansen, ci limitiamo a rilevare in questo lavoro la fondamentale presenza della teleologia.30

  • 31 Nel commento a O literaturnoj èvoljucii di Tynjanov, Čudakov, Čudakova e Toddes elencano diversi n (...)

27In ogni caso, le affermazioni di Èjchenbaum non sono isolate; al contrario, l’argomento teleologico risuona di frequente nei lavori di critici e teorici della letteratura russa del tempo.31 Lo evoca per esempio Viktor Žirmunskij già nel ’21 a proposito del concetto di procedimento (priëm):

  • 32 Žirmunskij, Zadači poètiki, cit., p. 51 («Прием есть факт художественно-телеологический, определяе (...)

Il procedimento è un fatto artistico-teleologico, definito dal suo compito: in questo compito, cioè nell’unità stilistica dell’opera d’arte, esso consegue la sua giustificazione estetica.32

  • 33 Lev Jakubinskij, O zvukach stichotvornogo jazyka [Sui suoni del linguaggio poetico], in Poètika. S (...)

28In particolare ne discute Lev Jakubinskij in alcuni suoi saggi che fanno da battistrada nello sviluppo teorico dell’Opojaz. Dal saggio Sui suoni del linguaggio poetico del 1916 prendono infatti le mosse le riflessioni dei formalisti pietroburghesi. Allievo di Baudouin De Courtenay, Jakubinskij illustra la differenza tra linguaggio pratico «in cui le rappresentazioni linguistiche (suoni, morfemi, ecc.) non hanno valore in sé, ma sono soltanto mezzo di comunicazione», e linguaggio poetico, «in cui gli scopi pratici passano in secondo piano […] e le combinazioni linguistiche acquisiscono valore in sé».33 Il riferimento alla finalità torna anche nello studio sul Discorso dialogico del 1923, il cui primo capitolo si intitola appunto O funkcional’nych mnogoobrazijach reči (Sulle varietà del discorso funzionale): qui i termini «funzione», «funzionale» sono sempre connessi dittologicamente a «scopo» (cel’) e «dello/relativo/in base allo scopo» (celevoj).

  • 34 Jakubinskij, O dialogičeskoj reči [Sul discorso dialogico] (1923), in Id., Izbrannye raboty. Jazyk (...)

§ 12. L’interesse e l’attenzione alle varietà della lingua relative allo scopo sono nuovamente sorti in noi negli ultimi tempi in connessione con problemi di poesia.
Poiché al centro dell’attenzione delle Raccolte [dell’Opojaz] si è posta la lingua poetica, sono stati inizialmente distinte due varietà funzionali della lingua: la lingua pratica e la lingua poetica, perciò il momento classificatorio è stato quello finalistico.34

29Una volta ampliato l’orizzonte dell’analisi linguistica in direzione della complessa realtà dell’enunciazione (vyskazvanie), Jakubinskij non può tuttavia tacere le proprie obiezioni metodologiche nei confronti della priorità assegnata dai suoi colleghi al «momento finalistico»:

  • 35 Ivi, p. 15. «13. Вопросу о формах речевого высказывания посвящены дальнейшие страницы моей статьи. (...)

Alla questione delle forme dell’enunciazione discorsiva sono dedicate le prossime pagine del mio articolo. Mi sono soffermato proprio su tale questione per i motivi seguenti: innanzi tutto negli ultimi tempi, all’esame del fatto della varietà di manifestazioni discorsive, essa è come rimasta in ombra, offuscata dal momento finalistico (ciò che nella terminologia del circolo linguistico di Mosca è designato con le parole «funzionalità del discorso»); in secondo luogo perché la delimitazione basata sulla distinzione delle forme dell’enunciazione deve, per ragioni metodologiche, precedere le altre, in particolare la delimitazione finalistica. In realtà, producendo la delimitazione in sfere «finalistiche», noi in sostanza non delimitiamo fenomeni linguistici, ma fattori di questi fenomeni, e non possiamo dare subito una sia pure grossolana proiezione di queste delimitazioni nella sfera del discorso stesso.35

  • 36 Steiner, op. cit.,
  • 37 Sull’antipsicologismo di Husserl e Jakobson, cfr. Holenstein, Jakobson and Husserl, cit.

30Come ricorda Peter Steiner, una classificazione funzionale dei suoni linguistici era stata proposta dalla Scuola di Kazan’, di cui faceva parte il maestro di Jakubinskij, Baudouin de Courtenay. Tale orientamento era peraltro «parallelo alla tesi sostenuta dal seguace di Franz Brentano, il filosofo Anton Marty, tesi concernente l’origine teleologica del linguaggio come mezzo della comunicazione umana». Prosegue Steiner: «Jakubinskij, however, avoided the psychologism of Marty’s teleology, which treated intention in terms of a conscious subject. For Jakubinskij, it was not the subjective intentions of the speaker but the objective correlation of linguistic means and ends that distinguished poetic from practical language».36 Da parte sua Brentano è un fondamentale interlocutore di Husserl in relazione ad alcuni problemi centrali per la fenomenologia, tra i quali la questione del riferimento intenzionale, dunque della relazionalità costitutiva degli atti di coscienza, che Husserl rivede in direzione antipsicologistica. L’opzione antipsicologistica sarà fatta propria da Jakobson, vicino a Husserl anche attraverso una delle declinazioni di teleologia frequentate dalla linguistica strutturale, nella ricerca di leggi universali.37

4. Scienze, arte e poesia. Il tenacissimo telos

  • 38 Giovanni Bottiroli, Gli strutturalisti, in Id., Che cos’è la teoria della letteratura. Fondamenti (...)

31Il fatto è che negli scritti di Jakobson, come anche nelle Tesi di Praga, il termine «funzione» e i suoi derivati possono leggersi sia in senso logico, sistemico, relazionale, sia in senso strumentale, a indicare cioè l’uso in vista di un fine.38 Sulla possibile ambiguità di questa composita accezione Roman Osipovič non mostra di nutrire dubbi; al contrario anche negli anni statunitensi rivendica con forza la portata innovativa del suo approccio teleologico.

32Esemplare a tal proposito è il saggio del 1962 Efforts towards a means-ends model of language in interwar continental linguistics in cui lo studioso ricostruisce il lungo percorso e i risultati acquisiti dalla linguistica europea e euroasiatica «in direzione», appunto della messa a punto di una teoria «nomotetica». Si tratta di una narrazione tanto appassionata quanto rigorosa e puntuale, gremita di nomi, dati, riferimenti bibliografici e argomenti, che registra progressi e scoperte di un battaglione di scienziati baldanzosamente diretto verso il suo scopo: la costruzione di un metodo basato proprio sulla direzione verso uno scopo. Al di là di questa teleologia al quadrato, possiamo osservare come il ritratto dei pionieri del funzionalismo sia quello di un’agguerrita avanguardia:

  • 39 Jakobson, Efforts towards a means-ends model, in Id., SW. II, cit., p. 523.

The Prague Linguistic Circle, founded by the far-sighted Czech scholar Vilém Mathesius in 1926, was modeled upon an earlier vanguard organization of young Russian inquirers, the Moscow Linguistic Circle, and upon the newly created Linguistic Society of America. The cooperation between scholars of different nations was the pivotal point of the Circle’s activities. Thus, for instance, in 1928, the year of its consolidation, among the thirteen papers read in the Circle, five were Czech, one French, and seven Russian; three of these last were by visitors from the Soviet Union: Tomaševskij, Tynjanov, and Vinokur.39

  • 40 Cfr. Id., An example of migratory terms and institutional models. (On the fiftieth anniversary of (...)

33Cosmopolitismo plurilingue, scambi interdisciplinari, capacità di dare vita a configurazioni istituzionali inedite – il Circolo come raggruppamento originariamente non accademico in grado di affrontare e gestire rotture e ricombinazioni dell’episteme40 – caratterizzano i protagonisti di questo lungo cammino. La cui posta in gioco è l’innovazione scientifica, lo svecchiamento, lo scarto da norme inveterate e stantie:

  • 41 Jakobson, Efforts towards a means-ends model, cit., p. 523.

there is a typical drift which unites the work of all these explorers and strictly distinguishes them both from older tradition and from some different doctrines which found their outspoken expression likewise in the ‘30’s.
[…] Statements about language as a tool, instrument, vehicle, etc., can be found in any textbook, but, strange as it seems, the apparently self-evident inference from this truism was not drawn in the linguistic tradition of the last century. Thus the elemental demand to analyze all the instrumentalities of language from the standpoint of the tasks they perform emerged as a daring innovation. The prolonged neglect of any inquiry into the means-ends relationship in language – a neglect which still survives in some academic biases – finds its historical explanation in the inveterate fear of problems connected with goal-directedness.41

34Negli anni della maturità e del successo internazionale Jakobson persevera nella sua ostinazione, arricchendola di sostegni ricavati dai più svariati contributi delle scienze contemporanee: biologia, genetica, fisica, cibernetica, passando certamente per la semiotica e la teoria della comunicazione. Invitato nel 1967 dall’Unesco a rispondere della linguistica in riferimento alle «principali tendenze nella ricerca sociale», Roman Osipovič imbastisce la sua relazione sui rapporti tra lo studio del linguaggio e le altre scienze con una fitta e documentatissima rassegna di argomenti a favore del modello teleologico:

  • 42 Id., Linguistics in relation to other sciences, in Id., SW. II, cit., pp. 683-684 (corsivi nel tes (...)

The discussion of the goal-directedness in today’s biology is of vital interest for all branches of knowledge related to organismic activities, and the judgment advanced may serve to corroborate a consistent application of a means-end model to the language design, to its self-regulating maintenance of integrity and dynamic aequilibrium (homeostasis), as well at its mutations. Although the same labels which were used in the prestructural stage of historical linguistics – “blind, haphazard, fortuitous, random changes, accidental slips, multiplied errors, happenstances” – are still tenacious in biological creeds and phraseology, nevertheless such pivotal concepts as “purposiveness”, “anticipation”, “initiative and foresight” take ever deeper root.42

35E ancora:

biologists are forced “to recognize the existence of direction toward future functions in pre-mental organisms such as plants and lower animals”. […] no necessity “to put the word purpose in quotation marks” […] “homeostasis and goal-seeking are the same thing”.
For the founders of cybernetics “teleology” was synonymous with “purpose controlled by feedback”.[…] numerous observations and data in all the areas of biology have shown already for a long time an indisputable purposiveness in the structures and processes peculiar to the living organisms. This purposiveness strikes as a manifest, perhaps even decisive difference of living systems from any objects of inorganic nature. In application to biological objects, the questions how and for what reason exhaustively sufficient in physics or chemistry, have to be necessarily supplemented by a third, equally relevant question for what purpose.

[…]

  • 43 Ivi, pp. 684; 687.

It was the physicist Niels Bohr who repeatedly warned biologists against fear of notions like purposiveness, foreign to physics but lending themselves so readily to the description of organic phenomena. […]
The discussion of goal-directedness in today’s biology is of vital interest for all branches of knowledge relating to organismic activities, and the judgments self-regulating maintenance of integrity and dynamic equilibrium (homeostasis), as well as to its mutations.[…]
Recidives of superstitious fears of a means-end model which still torment a few linguistics are the last survivals of a sterile reductionism. 43

36Vediamo dunque nuovi argomenti addotti da Jakobson a corroborare la tesi difesa fin dagli anni di gioventù. È questa una prova di coerenza, di continuità della ricerca e dei princìpi su cui è informata. Tra i quali ai primi posti la forza del nuovo, lo scarto dalla norma, la spinta propulsiva verso un avanti che è assiologico e al contempo storico. In tutte le molteplici narrazioni retrospettive che l’anziano Roman Osipovič comporrà a futura memoria, lo slancio verso il futuro rappresenta il tema ricorrente, possiamo dire la dominante:

  • 44 Id., Budetljanin nauka: vospominanija, pis’ma, stat’i, stichi, proza [Il futurista della scienza; (...)

In quegli anni sembrava assolutamente indubbio che stessimo vivendo sia nell’arte figurativa, sia nella poesia, sia nella scienza – o meglio, nelle scienze – un’epoca di cataclismi. […] E si delineava chiaramente un fronte unico di scienza, arte, letteratura, vita, ricco di nuovi, ancora ignoti valori di futuro. Sembrava che si stesse creando la scienza delle nuove leggi, la scienza in quanto tale, che apre immense prospettive e che introduce nell’uso nuovi concetti – concetti dei quali allora si diceva che non entrassero nei limiti abituali del senso comune.44

37Ci sembra insomma che questo entusiasmo da cui la Bildung di Roman Jakobson ha ricevuto l’impronta – in anni, ricordiamo, di sconvolgimenti e peripezie tutt’altro che all’insegna dell’euforia – , questo fervore creativo delle arti e delle scienze del neonato secolo ventesimo a cui lo studioso rende instancabilmente omaggio, possano spiegare l’affezione per le teleologia che altrettanto instancabilmente egli dichiara nei suoi lavori, lungo l’arco di tutta la sua vita.

  • 45 Id., Verso una scienza dell’arte poetica. Introduzione a I formalisti russi, cit., trad. di Paolo (...)

Il significato primitivo del termine poesia in greco antico corrisponde a «creazione», e nell’antica tradizione cinese shih, «poesia, arte verbale», e chih, «finalità, progetto», sono due nomi e due concetti intimamente legati tra loro. Proprio questo carattere specificamente creativo e teleologico del linguaggio poetico è quello che i giovani russi hanno tentato di esplorare.45

Notes

1 Mi limito a menzionare alcuni studi imprescindibili in cui si affronta la questione: Peter Steiner, Russian Formalism. A Metapoetics, Ithaca-London, Cornell University Press, 1984; Frantisek William Galan, Historic Structures. The Prague School Project, 1928-1946, University of Texas Press, 1985; Elmar Holenstein, Jakobson’s Philosophical Background, in Language, Poetry and Poetics: the Generation of the 1890’s. Jakobson, Trubetskoy, Majakovskij. Proceedings of the first Roman Jakobson Colloquium, at the MIT, October 5-6, 1984, edited by Krystyna Pomorska, Elżbieta Chodakowska, Hugh McLean, Brent Vine, Berlin-New York-Amsterdam, de Gruyter, 1987; Anatoly Liberman, Roman Jakobson and his Contemporaries on Change in Language and Literature (the Telelological Criterion), in Language, Poetry and Poetics, cit. ; Savina Raynaud, Strutture in prospettiva funzionale, in Id., Il Circolo Linguistico di Praga (1926-1939). Radici storiche e apporti teorici, Milano, Vita e Pensiero, 1990; Patrick Sériot, Structure et totalité. Les origines intellectuelles du structuralisme en Europe centrale et orientale, Paris, Presses Universitaires de France, 1999; Natalija Avtonomova, Otkrytaja struktura: Jakobson-Bachtin-Lotman-Gasparov, Moskva, Rosspèn, 2009; Theoretical Schools and Circles in the Twentieth-Century. Literary Theory, History. Philosophy, edited by Marina Grishakova and Silvi Salupere, Routledge, 2015 (short chapter Reason, Spirit and Telos).

2 Linda R. Waugh, Monique Monville-Burston, Introduction to Roman Jakobson, SW. I: vol. I, Phonological Studies, 3a ed., Berlin, Mouton de Gruyter, 2002, pp. xxxiv; xi.

3 Rinvio agli imprescindibili lavori di Holenstein, Jakobson and Husserl. A Contribution to the Genealogy of Structuralism, «Human Context», 7, 1, 1975, pp. 61-83; Id., Jakobson’s Philosophical Background, cit., Steiner, op. cit., Sériot, op. cit., Avtonomova, op. cit., cui mi permetto di affiancare Stefania Sini, L’intero irrequieto: sulla poligenesi dell’idea strutturale nel pensiero russo del primo Novecento, «Enthymema», 1, 2010, pp. 191-228.

4 Anatoly Liberman, op. cit., p. 143.

5 Roman Jakobson, The concept of the sound law and the teleological criterion (1927), in Id., SW. I: Phonological Studies, Mouton & Co., 1962, p. 1 (corsivi miei, come sempre, d’ora in avanti, salvo diversamente indicato).

6 Id., Proposition au premier congrès international des linguistes, ivi, p. 6.

7 Id., The concept of the sound law and the teleological criterion, cit., p. 101.

8 Ibidem.

9 «Da cosa dipende la direzione degli istinti stilistici? Dallo scopo perseguito da questa o quell’enunciazione. […] Per ciascuno scopo – i propri mezzi». Grigorij Vinokur, Jazyk byta [La lingua del byt] (1924) in Id., Kul’tura jazyka.Očerki lingvističeskoj technologii [Cultura della lingua. Saggi di linguistica tecnologica], Moskva, Rabotnik prosveščenija, 1925, poi Moskva, Federacija, 1929 (in copertina 1930); ora Moskva, Labirint, 2006, p. 84. «От чего зависит направление стилистических инстинктов? От цели, преследуемой тем или иным высказыванием. […] Для каждой цели – свои средства» (traduzione mia).

10 Id, Linguistica e stilistica, ivi, p. 11. Trad. it. Cultura della lingua. Linguistica e stilistica, trad. di Stefania Sini, «Kamen’», 41, 2012, p. 13. Cfr. Stefania Sini, I caratteri dello stile e lo stile dei caratteri. Cenni sull’opera di Grigorij Vinokur, «Letteratura e Letterature», 5, 2011, pp. 75-97.

11 Scrive Vinokur a Jakobson nell’agosto 1925: «come fai a non vedere con il lume della tua ragione che Èjchenbaum nel suo Lermontov ripete cose trite e ritrite, nonché stantie, della scuola neogrammatici?» Cfr. G.O. Vinokur, R.O. Jakobson, Ėpizod ėpistoljarnoj polemiki G.O. Vinokura R.O. Jakobsona (K 100-letiju G.O. Vinokura) [Un episodio della polemica epistolare tra G.O. Vinokur e R.O. Jakobson], a cura di S.I. Gindin e E.A. Ivanova, «Izv. RAN», ser. lit. i jaz., LV, 6, 1996, pp. 60-74: 66. Secondo Nikolaj Ivanovič Nikolaev, qui gli argomenti di Vinokur sono concordi con quelli esibiti da Viktor Žirmunskij nel momento in cui matura il suo distacco dall’Opojaz. «Quando in un’altra missiva Vinokur si espresse favorevolmente su K. Vossler, sulla critica all’approccio naturalista dei neogrammatici verso le regolarità fonetiche, Jakobson nel 1927 notò subito in una lettera di risposta la sua “affinità con Žirmunskij e con la cosiddetta ‘scuola idealistica’ tedesca in linguistica”»: «Le tue citazioni di approvazione nella lettera contro la trattazione delle leggi fonetiche di questa scuola sono per me decisamente inaccettabili» (ivi, p. 69). «In tal modo, nella questione sulla “dialettologia poetica” non si parlava soltanto dei diversi approcci alla poetica, ma anche delle diverse linguistiche. Criticando la “dialettologia poetica” di Jakobson, Žirmunskij si basava sulla tradizione della linguistica romantica (da A. Schlegel, Humboldt e A.A. Potebnja fino a K. Vossler) che portava con sé l’idea del linguaggio come attività, ma si rifaceva anche alle concezioni della linguistica contemporanea con il suo concetto di pluralità di attività linguistiche (nella variante del 1924 dell’articolo I compiti della poetica viene citato J. Baudouin De Courtenay)». Cfr. Viktor Žirmunskij, Zadači poètiki [I compiti della poetica], «Načalo. Žurnal istorii literatury i istorii obščestvennosti», 1, 1921, pp. 51-81. [Una prima variante di questo articolo era apparsa a puntate nel 1919 sul quotidiano «Žizn’ iskusstva»], ora in Id., Sankt-Peterburg, Azbuka Klassika, 2001, pp. 25-79. Cfr. Nikolaj I. Nikolaev, M.M. Bachtin, Nevel’skaja škola filosofii i kul’turnaja istorija 1929-ch godov, in Bachtinskij sbornik (raccolta bachtiniana), otv. red. i sost. Vitalij L’vovič Machlin, Moskva, Jazyki slavjanskoj kul’tury, 2004, pp. 231-232. Trad. it, La critica non ufficiale al «metodo formale» nella cultura russa degli anni ’20, a cura di Giuseppina Larocca, «Enthymema», II, 2010, pp. 111-112.

12 B. Havránek, R. Jakobson, V. Mathesius, J. Mukařovský, N.S. Trubečkoj e altri, Tesi. Pubblicate sul primo numero dei «Travaux du Cercle Linguistique de Prague» del 1929, a cura di Emilio Garroni e Sergio Pautasso. Trad. di Sergio Pautasso, Napoli, Guida 1970, p. 15.

13 Su questo mi si permetta di rinviare a Sini, Dentro e fuori il testo. Appunti sulle Tesi di Praga, in Praga crocevia fra cultura slava, tedesca, ebraica, a cura di Guido Massino e Stefania Sini, «Enthymema», XIX, 2019, pp. 358-368.

14 Jakobson, The concept of the sound law and the teleological criterion, cit., p. 2.

15 «Tutta la vita», scrive Natal’ja Avtonomova, «Jakobson conversò interiormente con Saussure e ne riorientò radicalmente le posizioni. Così, fin dall’inizio (e in seguito più duramente), Jakobson formula una serie di tesi di principio rivolte contro le antinomie saussuriane». Avtonomova, op. cit., p. 31.

16 Jakobson, La Scuola linguistica di Praga, in Id., SW. II, The Hague-Paris, 1971, pp. 542-543.

17 Ivi, p. 545.

18 Liberman, op. cit., p. 145.

19 Jakobson, Proposition au premier congrès international des linguists, cit., pp. 5-6.

20 Si vedano per esempio i rilievi aspramente polemici di Luigi Rosiello («nello struttural-funzionalismo si deve riconoscere la presenza del principio metafisico dell’entelechia leibniziana nel concetto di struttura linguistica che in virtù di un teleologismo interno avrebbe in sé le cause del proprio funzionamento autoregolativo») e quelli più attenuati di Eugenio Coseriu («non sembra avere molto senso dire che i cambi “hanno l’intenzione di esercitare una pressione sul sistema […] è difficile trovare qualcosa di positivo nella teleologia intesa come “tendenza all’armonia dei sistemi”») riportati da Raynaud, op. cit., pp. 372-374.

21 Sériot, op. cit., pp. 195-199 e passim.

22 «Même si ce n’est pas toujours clair chez Saussure lui-même, la langue n’est pas un chose mais un modèle. Et Jakobson a beau s’évertuer à “dépasser” les antinomies saussuriennes, telles que langue/parole, il s’enferre dans un quête ontologique, sans jamais voir la révolution épistémologique que constitue la théorie du point de vue (et donc de la valeur). […] Il y a, malgré les apparences et malgré les déclarations, une composante profondément ontologique dans le strucuralisme de Jakobson et Troubetzkoy». 298-299; 301. Le conclusioni cui giunge Sériot non possono non ricordarci alcuni nodi teorici a lungo elaborati da Franco Brioschi nella sua polemica contro certa koiné strutturalistico-semiologica e la sua «prosopopea del linguaggio» di marca irredimibilmente platonista. Cfr. in particolare, ma non solo, Franco Brioschi, Un mondo di individui. Saggio sulla filosofia del linguaggio, Milano, Unicopli, 1999.

23 Jurij Tynjanov, Roman Jakobson, Problemy izučenija literatury i jazyka, «Novyj Lef», 12, 1928, p. 36. Trad. it. Problemi di studio della letteratura e del linguaggio, trad. di Vittorio Strada, in I formalisti russi. Teoria della letteratura e metodo critico, a cura di Tzvetan Todorov, prefazione di Roman Jakobson, Torino, Einaudi, 1968, p. 148.

24 Jurij Tynjanov, Oda kak oratorskij žanr [L’ode come genere oratorio] (1927), in Id., Poètika. Istorija literatury. Kino [Poetica. Storia. Letteratura. Cinema], a cura di Evgenij A. Toddes, Aleksandr P. Čudakov, Mariètta O. Čudakova, Moskva, Nauka, 1977, p. 228n. («Из термина «установка» необходимо вытравить целевой оттенок. Понятие функции исключает понятие телеологии. Телеологический план рассмотрения литературы предусматривает «творческое намерение»; то, что не укладывается в него, объявляется случайностью или просто оставляется без анализа. Между тем понятие «случайности» по отношению к «творческому намерению» оказывается вовсе не случайностью в системе литературы») (traduzione mia, come sempre d’ora in avanti, salvo diversamente indicato).

25 Id., O literaturnoj èvoljucii [Sull’evoluzione letteraria] (1927), ivi, p. 278. («У нас есть слово “установка”. Она означает примерно “творческое намерение автора”. Но ведь бывает, что “намерение благое, да исполнение плохое”. Прибавим: авторское намерение может быть только ферментом. Орудуя специфическим литературным материалом, автор отходит, подчиняясь ему, от своего намерения. […] Литературная функция, соотнесенность произведения с литературными рядами довершает дело. Вычеркнем телеологический, целевой оттенок, «намерение» из слова «установка». Что получится? “Установка” литературного произведения (ряда) окажется его речевой функцией, его соотнесенностью с бытом.»).

26 Boris Èjchenbaum, Melodika russkogo liričeskogo sticha [Melodica del verso lirico russo] (1922), in Id., O poèzii [Sulla poesia], Leningrad, Sovetskij Pisatel’, 1969, p. 14 («поэтика начинается с выделения поэтического языка из ряда языковых явлений вообще, как деятельности, направленной к особой цели. Пусть цель эта даже не может быть точно определена – достаточно ее признаков. Таким образом, поэтика строится на основе телеологического принципа и потому исходит из понятия приема; лингвистика же, как и все естествознание, имеет дело с категорией причинности и потому исходит из понятия явления как такового»).

27 Ibidem («Лингвистика оказывается в ряду наук о природе, поэтика – в ряду наук о духе»). «I linguisti hanno ragione, quando rimproverano i teorici della poesia di ingenuità e affermano che la scienza sulla lingua poetica «è il fanalino di coda della linguistica». È indubbio che per la sua rinascita osservabile ai nostri giorni la poetica sia legata più di ogni altra cosa alla linguistica». Ivi, p. 13. («Лингвисты правы, когда упрекают теоретиков поэзии в наивности и утверждают, что наука о поэтическом языке “плетется доселе в хвосте лингвистики.” Несомненно, что своим возрождением, наблюдаемым в наши дни, поэтика обязана больше всего лингвистике»). La frase sul «fanalino di coda» è una citazione dal lavoro di Jakobson, Novejšaja russkaja poèzija. Nabrosok pervij (V. Chlebnikov) [La nuovissima poesia russa. Primo schizzo (V. Chlebnikov)], Praga, 1921, p. 5, a cui: Èjchenbaum rinvia in nota.

28 «L’opera d’arte è sempre il risultato di una lotta complessa di distinti elementi formativi, è sempre una sorta di compromesso. Questi elementi non coesistono semplicemente, e non ‘corrispondono’ semplicemente l’uno all’altro. A seconda del carattere generale dello stile, questo o quell’altro elemento ha significato di dominante organizzativa, che signoreggia sulle altre e le sottomette a sé». Ivi, p. 332. («Художественное произведение всегда – результат сложной борьбы различных формирующих элементов, всегда – своего рода компромисс. Элементы эти не просто сосуществуют и не просто „соответствуют“ друг другу. В зависимости от общего характера стиля тот или другой элемент имеет значение организующей доминанты»).

29 Jakobson, The Dominant (1935), in Readings in Russian Poetics, a cura di Ladislav Mateika e Krystyna Pomorska, Cambridge and London, Cambridge University Press, 1971, pp. 82-90; Id., Linguistica e poetica (1958), in Saggi di linguistica generale, a cura di Luigi Heilmann, Milano, Feltrinelli, 1966, pp. 181-218.

30 Broder Christiansen, Philosophie der Kunst, Hanau, Clauss & Feddersen,1909. Trad. russa, Filosofija iskusstva, perevod G.P. Fedotova, pod redakciej E.V. Aničkova, SPb, Izd. Šipovnik, Biblioteka sovremennoj filosofii, 1911. Per una riflessione su questo importante lavoro e sul ruolo in esso del fondamento teleologico, mi sia consentito di rinviare nuovamente a Sini, L’intero irrequieto, cit.

31 Nel commento a O literaturnoj èvoljucii di Tynjanov, Čudakov, Čudakova e Toddes elencano diversi nomi di critici, letterari, filologi e linguisti che discutono di teleologia, a favore o contro: Aleksandr P. Skaftymov, Pavel N. Sakulin, Sergej Baluchatyj, Boris M. Engel’gardt, Viktor V. Vinogradov, Boris I. Jarcho, Nikolaj K. Piksanov, Boris V. Tomaševskij. Cfr. Tynjanov, Poètika. Istorija literatury. cit., pp. 527-528. Un’altra fonte cui si deve la fortuna della teleologia in terra russa è, come ricorda Nikolaj Nikolaev, il libro del filosofo Heinrich Rickert Kulturwissenschaft und Naturwissenschaft (1899, 7a ed. 1926) «in cui alle scienze della cultura si attribuivano valore, senso, fine (teleologicità). […] In polemica con i formalisti, V. È Sezeman e A. A. Smirnov, pienamente concordi con la metodologia di Rickert, intendono teleologicamente il principio [del procedimento (priëm)] nel suo legame indissolubile con il valore e la valutazione». Cfr. Nikolaev, Kommentarijj a Michal Bachtin, Sobranie sočinenij, t. 1. Filosofskaja èstetika 1920-ch godov [Opere, t. 1. Estetica filosofica, Moskva, Russkie slovari, 2003, pp. 782-785, con riferimento a Vasilij È. Sezeman, Èstetičeskaja ocenka v istorii iskusstva (K voprosu o svjazi istorii iskusstva s èstetikoj) [La valutazione estetica nella storia dell’arte (Sulla questione del legame della storia dell’arte con l’estetica], «Mysl’»; 1, 1922, pp. 117-147, e a Aleksandr A. Smirnov, Puti i zadači nauki o literature [Percorsi e compiti della scienza sulla lettertura], «Lit. Mysl’», 2, 1923, pp. 91-109. Questa linea di pensiero è familiare a Èjchenbaum, Žirmunskij (oltre che a Bachtin), mentre sembra estranea a Jakobson, che piuttosto ricava al riguardo suggerimenti teoretici da Gustav Špet e dalla lettura diretta di Husserl.

32 Žirmunskij, Zadači poètiki, cit., p. 51 («Прием есть факт художественно-телеологический, определяемый своим заданием: в этом задании, то есть в стилистическом единстве художественного произведения, он получает свое эстетическое оправдание»).

33 Lev Jakubinskij, O zvukach stichotvornogo jazyka [Sui suoni del linguaggio poetico], in Poètika. Sbornik po teorii poètičeskogo jazyka (Raccolta sulla teoria del linguaggio poetico], vyp. I, Pietrograd, 1916, p. 37. Come osserva Peter Steiner, secondo la visione funzionalista di Jakubinskij, «in linguistics, the opposition between the teleological and the causal can be suspended, because every uttterance, whether poetic or not, pursues some objective. From this perpective, language can be conceptualized as a means-end structure serving particular goals». Steiner, op. cit., p. 148.

34 Jakubinskij, O dialogičeskoj reči [Sul discorso dialogico] (1923), in Id., Izbrannye raboty. Jazyk i ego funkcionirovanie [Lavori scelti. La lingua e il suo funzionamento], Moskva, Nauka, 1986, p. 23. («§ 12. Интерес и внимание к целевым многообразиям языка возник у нас в последнее время снова в связи с вопросами поэзии. Поскольку в центре внимания «Сборников» стоял поэтический язык, постольку первоначально были выделены две функциональные разновидности языка: практический и поэтический языки, причем классификационным моментом являлся целевой»).

35 Ivi, p. 15. «13. Вопросу о формах речевого высказывания посвящены дальнейшие страницы моей статьи. Я остановился именно на этом вопросе по следующим причинам: во-первых, он, при обсуждении факта, многообразия речевых проявлений в последнее время, оставался как бы в тени, заслоненный моментом целевым (то, что в терминологии московского лингвистического кружка обозначается словами «функциональность речи»); во-вторых, потому, что разграничение, основывающееся на различении форм высказывания, должно предшествовать другим, особенно целевым разграничениям по методологическим соображениям. Действительно, производя разграничения в области «целевой», мы в сущности разграничиваем не языковые явления, а факторы этих явлений, и мы не можем сразу же дать хотя бы грубую проекцию этих разграничений в область самой речи».

36 Steiner, op. cit.,

37 Sull’antipsicologismo di Husserl e Jakobson, cfr. Holenstein, Jakobson and Husserl, cit.

38 Giovanni Bottiroli, Gli strutturalisti, in Id., Che cos’è la teoria della letteratura. Fondamenti e problemi, Torino, Einaudi, 2006, pp. 102-103.

39 Jakobson, Efforts towards a means-ends model, in Id., SW. II, cit., p. 523.

40 Cfr. Id., An example of migratory terms and institutional models. (On the fiftieth anniversary of the Moscow Linguistic Circle) (1965/1968), ivi, pp. 527-538. Cfr. Theoretical Schools and Circles in the Twentieth-Century, cit.

41 Jakobson, Efforts towards a means-ends model, cit., p. 523.

42 Id., Linguistics in relation to other sciences, in Id., SW. II, cit., pp. 683-684 (corsivi nel testo).

43 Ivi, pp. 684; 687.

44 Id., Budetljanin nauka: vospominanija, pis’ma, stat’i, stichi, proza [Il futurista della scienza; ricordi, lettere, versi, prosa], a cura di B. Jangfeldt, Moskva, Gileja, 2012, p. 21. (В те годы казалось совершенно несомненным, что мы переживаем и в изобразительном искусстве, и в поэзии, и в науке – вернее, в науках, эпоху катаклизмов. […] И ясно рисовался единый фронт науки, искусства, литературы, жизни, богатый новыми, еще не изведанными ценностями будущего. Казалось, творится новозаконного наука, наука как таковая, открывающая бездонные перспективы и вводящая в обиход новые понятия – понятия, о которых тогда говорилось, что они не укладываются в привычные рамки здравого смысла»).  

45 Id., Verso una scienza dell’arte poetica. Introduzione a I formalisti russi, cit., trad. di Paolo Fossati, p. 8.

Acheter

Volume papier

amazon.fr