Version classiqueVersion mobile

Il ‘Libro di lettere' di Girolamo Borsieri

 | 
Paolo Vanoli

Appendici

Appendice V

Texte intégral

1Si riporta la sesta sezione, intitolata Le imagini divote, della raccolta poetica di Girolamo Borsieri, Il Salterio - Affetti spirituali (Biblioteca Comunale di Como, ms. sup. 3.2.45). La trascrizione segue l’edizione di Sandro Piazzesi del 2009, mantenendone la numerazione progressiva.

Le imagini divote

1

Per una flagellazione di Luciano [Borzone]

 

2Questi è Giesù che in poca tela ancora,
quasi d’Adam l’antico error emmende,
nove percosse attende.
Ah, perché pari agli occhi il cor non desti,
peregrin? Già lo strepito n’udresti,
ma non osa in sì duro e gran tormento
ubbidir a la man l’aspro stromento.

2

3Sei vivo sì, sei vivo,
ministro crudelissimo? Or che tenti
con quella sferza tua tutta omai sangue?
D’aggiunger a Giesù piaghe e tormenti?
Ahi, già cadrebbe esangue!
Se tu non fossi per lo senno immenso
del pittor senza moto, ei senza senso.

3

4E chi sì tosto altrove,
o peregrin, ti spinge? Sgombra il timore omai,
che non t’ingannan meraviglie nove!
Moto ha la man che dura sferza stringe,
mirane le percosse. Ma non sai
conoscer perché il colpo non rinove?
Stanca di flagellar piu` non si move.

4

5Quasi insensata imago
sia Cristo in questo lino
te’n parti, peregrino?
Ahi, di vagar senza vaghezza vago,
insensato sei tu che duol non senti
a così miserabili tormenti.

5

Cristo incoronato di Tiziano

 

6Deh, parla pur o tace
in questa adorna tela il mio fattore?
Tace, che fier dolore
così forse interruppe già gli accenti,
che par ch’egli ora tenti
scioglier la lingua invano.
Ma non men gli interruppe Tiziano.

6

Cristo nella pietà del Fontana

 

7Ne la imagine ancora
Giesù parla e t’invita,
peccatore, a la vita.
Già de le finte membra
finti non sono i guai.
Ma perché muto sasso a te sol sembra?
Forse perché non hai,
or che ad udirlo pur tu t’ apparecchi,
per parole di Dio divini orecchi.

7

8Petra autem erat Christus
Fatto di pietra, ahi lasso,
vegg’io pur Cristo avanti me? Lo veggio.
Vita n’abbia il mio sasso,
che il regno de ciel troppo io vaneggio.
Deh, quanto senno, industre fabro, avesti!
Chi fu pietra per me di pietra festi.

8

9O, qual di Cristo sei viva scoltura,
che parli ognora e mai
gli accenti udir non fai!
Ma ne l’affetto mio la tua natura
provo e conosco omai
che tu, per l’opra ancor de lo scoltore,
muta agli orecchi sei, loquace al core.

9

10In un marmo animato
quella pietà vegg’io che mi dié vita.
Cor mio, che fai? Sei forse
più fiero ancor de l’orse,
or che fino di sasso il ciel t’ addita?
Se pietà la pietà sì non può trarne,
carne il marmo ben è, ma non la carne.

10

La BeataVergine con Cristo morto nelle braccia di Antonio Campo

 

11Opra di dotta mano
è che favelli colorita imago.
Opra di vivo duol, che taccia questa
ch’afflitta al sen si stringe il morto vago.
Pieta` senza me resta,
che se penar cominciane il cor mio
morto qui cado e senza moto anch’io.

11

La stessa con Cristo vivo ancor infante del Lovino Vecchio

 

12Mira con quanto affetto,
divoto peregrino,
bacia il figlio la madre in questo lino,
e ribaciato poi
bacia l’altrui pietà ne’ baci suoi.
Ah, ben n’udresti ancora l’armonia,
s’egli non fosse Cristo, ella Maria!

12

13Occhi miei che v’inganna? Un legno? Un lino?
No, che non giugne l’un né l’altro a tanto.
Forse il mirabil manto
di costei che qui sembra
madre celeste di divine membra?
Né ciò pur. Sola ingannavi la mano
di dottissimo artefice e sovrano.

13

Giesù con San Giovanni del Brambilla

 

14Questi è Giovanni e quegli
Giesù, per opra d’immortal scoltore,
anco di sasso, intenti
a’teneri e pietosi abbracciamenti.
Tu che vinto già sei da lo stupore,
dove speri trovar più sodo amore?

14

Per una Madonna in cera dello stesso [Francesco Brambilla]

 

15Dotta fu ben la mano
che in cera ti scolpio,
donna che in terra partoristi Dio,
se l’umile suo stil pote e’l sovrano,
quasi faccia da vetro ben riflessa,
mostrar ancor ne la materia stessa.

15

Santo Stefano del Moranzone

 

16Se parlo, Mazzucchelli,
io che pur rappresento chi primero
dié la vita per Cristo a popol fiero,
parlo per la virtu` de’tuoi pennelli,
che santa tela alfin per me son io,
e il pregio che vien quindi e` tuo, non mio.

16

San Girolamo del Figino

 

17Ombra ben sei per l’adre pene, onde il senso affliggi,
non già per l’arte, venerabil padre,
ch’a morta morte il gran pensier affiggi.
Viva carne t’offers’ella, ma poi
non t’osò dar cio` che gradir non vuoi.

17

18Questi ancor per miracolo di mano,
onde famosa è l’arte,
tra sterpi ode, favella
e verga in aureo stile argentee carte.
Parti omai, peregrin, parti! Che tenti?
Udirne i sacri accenti?
Ah, che ciò tenti invano!
A piu` pregiata sorte
muto qual morto il tien pensier di morte.

18

San Bruno del Lovin Giovane

 

19Anco ne la pittura,
perché l’imago al vero sia simile,
Bruno serba il suo stile,
che se dal finto volto
voce l’arte procura,
quasi contempli in solitaria cella,
apre la bocca si`, ma non favella.

19

20Ed ha vita ed ha voce
in questo nobil lino
il grande Certosino.
Ma qual lingua tra noi folle ed ardita
a risponder lo invita?
Non dee parlar chi ne le scole sue
sommo maestro del silenzio fue.

20

Santa Agnese del Cerano

 

21Stringiti pur l’agno e la palma al petto,
guerrera nobilissima di Dio.
Quinci e quindi apprend’io
che s’agno e palma fosti ne’ martiri,
palma ed agno ancor sei negli alti giri.

21

L’Angiolo Gabriello del Lovino Vecchio

 

22Ergo la mente a si` gran fabro omai
e quasi inutil pondo
lascio le membra a lo stupor profondo,
che pur ti movi senza moto e dai
voce al cor senza voce,
angiolo in me loquace, in te veloce.
O de l’arte miracolo sublime,
non questa lingua, ma il pensier t’esprime!
Che per tuo merto almen se non per mio,
se già spirto sei tu, son spirto anch’io.

22

23Deh, come per valor di nobil mano
leggiadro in questa tela è il nuncio alato
del Redentor sovrano!
Al Lovino il custode l’ha mostrato,
che s’io ne miro il viso
forma a punto mi par di paradiso.

23

24Angiolo questi è ben, che cosi` umile
dinanzi la reina
del cielo i vanni ferma.
Ahi, che beltà divina!
Tropp’è la nostra inferma,
che benché sia perfetta
già non appaga il cor se l’occhio alletta.

24

San Michele del Moranzone

 

25E` pur il Re Tartareo quel campione
che di superbia armato
a l’armato Michel cola` s’oppone.
Deh, come par ch’immondo spirto sia?
Partiti, peregrin! Forse potria
da quell’orribil seno
invece di stupore uscir veneno.

25

Per un Angiolo del Fontana c’ha una cetra nelle mani

 

26Non ti partire, o peregrino, ancora,
ch’udrai, bench’io sia pietra,
tosto il soave suon di questa cetra.
Pur fai meco dimora.
Ma dove e` il tuo desio?
Ah, che per me pietra sei tu, non io!

26

Lo inferno del Caresana

 

27Mira là come fuma e come splende,
credulo forastiero,
il foco ond’altri suole
l’opre aggradir de le divine scole.
Che sì, che se per vero
l’angiolo reo l’apprende,
vuole repente a prova
veder s’ivi lo inferno ancor si trova?

27

Per la Beata Maddalena Albricia del Borgognone

 

28Di colei che gia` sovra alpestre monte, presso le mura ond’ha la gloria il Lario,
vinse del mondo e de la carne i fasti,
l’imago ancor son io che tu formasti,
incredulo pittore?
Non esser duro, no, non esser vario
a questi detti. O troppo grave errore!
Te stesso omai condanna
che la tua man, non la mia fé, t’inganna.

28

Giesù Cristo legato di Leonardo

 

29Vivo ne’ miei tormenti,
Vinci, e ne’ tuoi colori,
mi scorgono i pittori.
Deh, vivo ancor mi veggia
nel suo desir chi nel suo mal vaneggia!

29

Per la Beata Maria Maddalena del Lovino

 

30Parlo sì, ma non parlo
gia` con la lingua. Parlo col valore
di chi voce mi dié, spirto e colore.
Forse tu ciò non credi,
peregrin. Questa tela ancor non vedi?
Parti se non t’appaghi a’ detti miei,
ma più non puoi partir che preso sei.

30

La stessa del Brambilla

 

31Tu pur già pieghi, peregrin, gli orecchi
per ascoltar costei,
quasi ella a parlar teco s’apparecchi.
Ma come incauto sei
se non conosci ancora ch’è di sasso.
Deh, volgi altrove il passo!

31

La Beata Vergine col figlio di Raffaello nella Sagristia della Madonna di San Celso

 

32E qual donna vegg’ io,
sopra dipinto lino,
le braccia aprir perché si stringa al petto
l’amato pargoletto?
Ben quella che il fattor suo partorio,
ch’altra aver qui non puo` spirto divino.
Tant’oltre, Raffaello,
penetrato e` il valor del tuo pennello!

32

La stessa di Leonardo posta nella capella della Concezione in San Francesco dentro Milano

 

33Scherza la madre teco
o scherzi tu con lei,
amoroso bambin ch’intento sei,
sotto dipinto viso,
a le grazie svelar del paradiso?
Tec’ella e tu con lei. Vivo stupore!
Che non può la virtù di gran pittore?

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search