Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Roman Jakobson, linguistica e poetica

 | 
Edoardo Esposito
, 
Stefania Sini
, 
Marina Castagneto

I. Poetica e oltre

Jakobson: prospettive plurali

Stefania Sini

Texte intégral

  • 1 Roman Jakobson, Budetljanin nauka: vospominanija, pis’ma, stat’i, stichi, proza [Il futurista dell (...)

1«E si delineava chiaramente un fronte unico di scienza, arte, letteratura, vita, ricco di nuovi, ancora ignoti valori di futuro». Così nel 1977, conversando con Bengt Jangfeldt, Roman Jakobson racconta i suoi anni studenteschi trascorsi in un’«epoca di cataclismi» da cui sono travolti con gli assetti dell’Europa e del mondo intero tutti i campi della conoscenza. «Sembrava», ricorda l’anziano studioso guardando indietro a oltre sessanta anni prima, «che si stesse creando la scienza delle nuove leggi, la scienza in quanto tale, che apre immense prospettive e che introduce nell’uso nuovi concetti – concetti dei quali allora si diceva che non entrassero nei limiti abituali del senso comune».1

2La Bildung esistenziale e scientifica di Roman Jakobson trova in questa humus di tumultuoso scardinamento e propulsiva trasformazione di contenuti e confini dell’episteme la sua attiva e partecipata finalità. Nel corso della sua lunga operosissima vita attraverso il secolo ventesimo, Roman Osipovič non rinuncerà mai ad affiancare al rigore della ricerca specialistica l’esplorazione curiosa degli orizzonti limitrofi nel campo delle scienze e delle arti nel costante perseguimento di un «fronte unico» di intenti dalle radici comuni. Da qui ha preso giovane le mosse e da qui prosegue nella maturità e nella vecchiaia.

  • 2 Ivi, p. 42. («Для меня очень важной была связь с искусством, к которому я никакого активного, дейс (...)

Per me è stato molto importante il legame con l’arte con la quale non ho alcun rapporto attivo, fattuale, dove sono soltanto uno spettatore. In generale nella vita svolge un ruolo molto grande per me quella cosa che si chiama in maniera complicata interdisciplinary cooperation. Mi è sempre stato necessario guardare da questo punto di vista: ma cosa c’è nella lingua di diverso? Cosa non corrisponde a ciò nella poesia? Come ora vedo, è stato questo che ha attirato verso di me l’attenzione di alcuni artisti, nello specifico e in particolare di Malevič. Quando leggo i suoi appunti vedo che egli ha fortemente sentito le nostre conversazioni e che dal suo proprio lato artistico ha cominciato a pensare a cosa non appartiene alla pittura e a cosa nello stesso tempo è incomparabilmente più vicino alla pittura che alla musica.2

  • 3 Scrive a tal proposito Natal’ja Avtonomova nell’intervento presentato in questo volume: «La base e (...)
  • 4 Si veda il link alla pagina web https://libraries.mit.edu/archives/research/collections/collection (...)

3La riflessione sulla lingua si genera dunque in Jakobson grazie al commercio ravvicinato con l’attività dei poeti e degli artisti suoi contemporanei e alla coinvolta attenzione verso ciò che accade nel campo delle scienze; in tale feconda osmosi tra pratiche e discussioni teoriche attinenti a campi del sapere molteplici i confini tra Geisteswissenschaften e Naturwissenschaften risultano visibili sì ma al contempo elastici e porosi. Si tratta per lo studioso russo non soltanto di una convinta consapevolezza bensì di una scelta di vita, di un habitus a cui egli è rimasto sempre fedele in tutte le tappe della sua vita intellettuale. Tale habitus si traduce nel lungo e paziente lavoro di tessitura di reti di relazioni fra ambienti e persone di origine disciplinare diversa, nella sua partecipazione alacre a iniziative e progetti di ricerca promossi in seno a innumerevoli svariate istituzioni culturali.3 Se guardiamo all’elenco della sua corrispondenza con interlocutori pubblici conservato presso l’archivio del MIT, ciò che stupisce non è tanto il gruppo delle università con cui collaborò o fu in contatto, quanto il numero di associazioni, centri, circoli, accademie, fondazioni, società ecc. nei confronti dei quali si mostrò generoso di risposte e disponibilità.4

4L’apertura dialogica e la pluralità di prospettive caratteristiche della postura intellettuale del grande studioso russo hanno così costituito un ideale di riferimento per gli organizzatori e i partecipanti del Convegno internazionale Roman Jakobson Linguistica e Poetica riunitisi dal 18 al 20 novembre 2015 presso il Dipartimento di Studi letterari, filologici e linguistici dell’Università degli Studi di Milano e a Vercelli presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università del Piemonte Orientale, di cui testimoniano gli scritti qui presentati. Si tratta, vale la pena di ricordarlo, del primo incontro internazionale jakobsoniano svoltosi in Italia dopo quello di Roma nel 1986 a cura di Pietro Montani e Massimo Prampolini.

5Tra gli illustri specialisti che hanno accolto il nostro invito desideriamo ricordare innanzi tutto Umberto Eco, che ci ha onorato della sua presenza in una delle sue purtroppo ultime apparizioni pubbliche prima della scomparsa nel febbraio del 2016. Questo volume avrebbe voluto e dovuto aprirsi con il racconto offertoci da Eco della frequentazione e collaborazione con il grande linguista russo e del ruolo fondamentale esercitato dall’opera di quest’ultimo sulla messa a punto del pensiero semiotico dello studioso italiano. Possiamo ora soltanto conservare il ricordo indelebile del suo intervento illuminante e gremito di fatti e la sua amichevole gentilezza mostrata con tutti gli ospiti durante la prima giornata del nostro convegno. A lui va dunque il nostro primo pensiero e la nostra commossa riconoscenza.

6La prima parte del volume, dedicato alla poetica, inizia con una sezione di carattere storico aperta dalla preziosa testimonianza di Linda Waugh sulla sua esperienza di coautrice con Roman Osipovič dello studio The Sound Shape of Language, sulla loro pratica condivisa di lavoro, pensiero e scrittura e sul magistero intellettuale di cui la studiosa americana ha raccolto l’eredità.

7Edoardo Esposito compone in un quadro dettagliato, ricco di documenti inediti conservati presso l’archivio del MIT, le relazioni tra Jakobson e la cultura italiana e l’impatto esercitato dai suoi studi sul sistema dei saperi umanistici del nostro paese nel corso di cinque densissimi decenni: dal 1933 – anno di apparizione su «La Cultura» del saggio La Scuola linguistica di Praga, al 1980, quando l’Accademia dei Lincei lo insignisce del Premio internazionale “Antonio Feltrinelli”.

8Anche i contributi di Marina Sorokina e di Peter Steiner si caratterizzano per una cospicua messe di fonti di archivio soffermandosi entrambi su aspetti finora ignoti della biografia jakobsoniana – con particolare riferimento al periodo praghese – della quale vengono valutati i gesti esistenziali e politici nel complesso orizzonte storico configuratosi dopo la Rivoluzione di ottobre.

9Rinomata specialista dell’emigrazione russa, Sorokina ricostruisce una fitta trama di relazioni intrecciate da Jakobson con le istituzioni politiche – tra cui per esempio il Commissariato popolare dell’Istruzione –spiegando a quale tipologia di emigrante possa venire ascritto lo studioso russo, quali risvolti ideologici comportino le sue ricerche linguistiche e etnografiche e come queste sollecitino l’attenzione di volta in volta di diversi istituti di potere.

  • 5 Peter Steiner, Russian Formalism. A Metapoetics, Ithaca-London, Cornell University Press, 1984; or (...)

10Da parte sua Peter Steiner – al quale dobbiamo la nota e fondamentale monografia Russian Formalism5 che aggiorna e completa con decisivi affondi teorici l’opera pionieristica del suo maestro Victor Erlich – esamina gli anni trascorsi da Roman Osipovič in Cecoslovacchia e i rapporti difficili e spesso contraddittori da lui intrattenuti su tre fronti di autorità: i due Ministeri degli interni e degli Affari Esteri del paese ospitante e la Croce Rossa sovietica al seguito della quale lo studioso giunge in missione a Praga nel 1920 e che dal 1922 si trasforma in vera e propria rappresentanza politica.

  • 6 Oltre ai suoi numerosi saggi e alle molteplici iniziative editoriali e accademiche ricordiamo Cath (...)

11I contributi della seconda sezione del volume sono dedicati al ruolo svolto da Jakobson nella vicenda complessiva del movimento formale e nella sua trasformazione in strutturalismo. Ne discute innanzi tutto Catherine Depretto, insigne slavista e autorevole specialista del formalismo russo,6 che riflette su quanto lo sviluppo del pensiero jakobsoniano abbia costituito una sorta di filtro attraverso cui la comunità scientifica internazionale e quindi la storiografia accademica hanno valutato il significato storico del movimento formale. La studiosa francese restituisce vividezza di considerazioni teoriche e dati filologici al quadro originario – con particolare attenzione agli anni russi di Roman Osipovič – e mostra la eterogeneità delle posizioni dei formalisti e dei loro differenti rapporti con la ingombrante figura del collega e amico precocemente emigrato.

12Il problematico legame con la madrepatria diventa materia incandescente per Jakobson con la morte di Vladimir Majakovskij nel 1930. Il traumatico evento e la reazione che dall’emigrazione l’amico del poeta affida allo scritto a sua volta incendiario (per rimanere nella metafora) O pokolenii rastrativšem svoich poètov (Sulla generazione che ha dissipato i suoi poeti) sono al centro degli interventi di Andrej Ustinov e di Ornella Discacciati. Entrambi gli studiosi analizzano da due diversi angoli visuali il significato di questo punto di non ritorno (stavolta fuori di metafora) rappresentato dalle pagine jakobsoniane. Ustinov ne discute vedendovi un ripensamento globale da parte dell’autore del proprio percorso intellettuale, della concezione artistica germinata in seno alle avanguardie e aperta al confronto tra le arti, e al contempo come un catalizzatore di destino con conseguenze e ricadute ad ampio raggio sulla sua biografia futura, lontana ormai per sempre dalla patria. Discacciati esamina Sulla generazione che ha dissipato i suoi poeti nel contesto della vita culturale russa dopo la metà degli anni venti leggendo questo testo dallo statuto di genere ibrido, a cavallo tra letteratura e saggio, come una dichiarazione teorica sapientemente intessuta di ellissi e allusioni, nella quale il dolore per la morte di Majakovskij costringe a riflettere sulle inesauste tensioni fra autorialità e opera, personalità letteraria (literaturnaja ličnost’) e immanenza testuale, fra costrizioni oggettive e spinte creative, in un momento di profonda crisi tanto esogena quanto endogena del movimento formale e di necessaria revisione di tutti i principi operativi e teorici da cui esso aveva preso avvio quasi vent’anni prima.

  • 7 Sulla vicenda molto si è scritto ed è stato prodotto anche un film documentario – Viktor Šklovskij (...)
  • 8 Possiamo ricordare a questo proposito la ‘stoccata’ contro Šklovskij che Jakobson depositerà in un (...)

13È noto come nella complessiva lacerazione del non ritorno in Russia di Jakobson si inscriva il cocente dissidio con l’amico Viktor Šklovskij, conflitto che alla fine degli anni venti è ormai insanabile e destinato ad approfondirsi vieppiù nel corso degli anni a venire.7 Alla figura di Šklovskij è dedicato il saggio di Galin Tihanov che volgendo lo sguardo indietro al periodo della Prima guerra mondiale vi rintraccia la scaturigine delle maggiori sollecitazioni teoriche dei formalisti, a cominciare dalla nozione di straniamento.8 Tihanov si sofferma in particolare sul testo šklovskiano Sentimental’noe putešestvie (Il viaggio sentimentale) pubblicato a Berlino nel 1923, le cui pagine testimoniano dell’esperienza delle rivoluzioni di febbraio e ottobre e quindi della guerra civile, affiancando ricordi autobiografici a riflessioni attraverso le quali l’autore enuncia la propria peculiare declinazione della poetica formalista. Già qui, come poi nel seguito della sua prolifica produzione critica, Viktor Borisovič mostra la sua ‘differenza specifica’ – per usare un termine caro al suo ambiente – rispetto a Jakobson. Occupandosi soprattutto di prosa, Šklovskij ha interesse per procedimenti e tecniche di carattere sostanzialmente compositivo, se non proprio macrotestuali, elementi, dunque, a differenza della poesia, facilmente trasferibili da una lingua all’altra, traducibili. Ne deriva per Tihanov la possibilità di pensare alla grande letteratura del mondo, alla World Literature, di cui peraltro in quegli anni si stava sperimentando la possibilità con il progetto di Maksim Gor’kij di traduzione e pubblicazione per il nuovo immenso e indotto pubblico della nascente società comunista della «Vsemirnaja Literatura» (appunto letteratura universale, o del mondo). Tale grandioso progetto, mosso da ideali con tutta evidenza progressivi, a cui Šklovskij aderisce nel 1919, è in realtà informato, come osserva Tihanov, da criteri inveteratamente tradizionalisti.

  • 9 Natal’ja Avtonomova, Otkrytaja struktura: Jakobson-Bachtin-Lotman-Gasparov [La struttura aperta], (...)
  • 10 Ivi, p. 22. («Якобсон – это связующее звено во всемирном путешествии идеи структуры: Москва – Праг (...)
  • 11 Id., O nekotorych smyslach raboty filologa [Su alcuni sensi del lavoro del filologo], infra, p. 15 (...)
  • 12 Ibidem.

14Radici e frutti dello strutturalismo di Jakobson è il titolo della sezione successiva che prende avvio con le riflessioni di Natal’ja Avtonomova intorno ai fondamenti filosofici della filologia jakobsoniana. Proseguendo l’itinerario tracciato nel suo fondamentale lavoro Otkrytaja struktura,9 la studiosa esamina la personalità intellettuale del grande linguista la cui opera ha segnato la formazione di un nuovo modello epistemologico che ha unito la comunità scientifica nel tempo e nello spazio. «Jakobson è l’anello di congiunzione nel viaggio mondiale dell’idea di struttura: Mosca – Praga – Copenhagen – Parigi – Harvard – Mosca».10 Si tratta invero della «struttura aperta», che costituisce secondo Avtonomova la specola attraverso cui è possibile indagare «molti problemi della conoscenza umanistica contemporanea (in particolare quelli che riguardano la dinamica dell’oggetto e dei mezzi della sua analisi, l’apertura della conoscenza verso i contesti della sua ricezione, l’interazione delle diverse discipline ecc)».11 Inoltre la struttura aperta può servire a «chiarire i sensi filosofici della epistemologia non riduzionistica di Jakobson».12 La cui esperienza scientifica e umana si configura, come abbiamo osservato in precedenza, all’insegna della relazione, del collegamento fra molteplici campi e prospettive disciplinari, del dialogo fra scuole, orientamenti, singoli studiosi che il filologo russo si è adoperato instancabilmente a fare incontrare promuovendone dialoghi e confronti fecondi. Quella di Jakobson, ci suggerisce Avtonomova, è una filosofia pratica, nell’autentico senso dell’espressione, costruita attraverso il lavoro concreto con i testi, i concetti e le persone.

  • 13 Patrick Sériot, Structure et totalité. Les origines intellectuelles du structuralisme en Europe ce (...)

15Il contributo di Patrick Sériot scandaglia le radici del pensiero jakobsoniano individuando nei concetti di somiglianza e analogia i tratti più profondi e oltremodo problematici dell’edificio teorico e metodologico costruito dal linguista russo. Lo studioso svizzero – del quale ricordiamo l’importante Structure et totalité 13 mostra con acuminata vis argomentativa come alla base della diacronia comparata, della distribuzione geografica delle lingue nonché della celebre distinzione tra metafora e metonimia proposte da Jakobson vi sia la convinzione secondo cui «ogni forma di somiglianza è necessariamente significante» e come questa idea sia sgorgata da tre fonti distinte e amalgamate nel disegno jakobsoniano: la filosofia russa dell’icona con le sue varianti esicaste secondo cui «il nome di Dio è Dio»; la Naturphilosophie romantica e la sua declinazione russa che lega le lingue a un suolo specifico negando qualunque forma di aleatorietà; la combinazione di cratilismo e antidarwinismo, nella versione della teoria della nomogenesi. Queste tre fonti, di cui partecipano altresì estesi residui di neoplatonismo, convergono nella forma mentis jakobsoniana tendente alla vseedinstvo (unitotalità) che non manca di conservare i suoi legami, nemmeno troppo nascosti, con il pensiero magico.

16Segue l’intervento di Zhou Qichao che studia la nozione di «letterarietà» attraverso l’opera di Roman Jakobson, Jan Mukařovský, Roman Ingarden. L’illustre slavista e teorico della letteratura cinese rende conto di un’ampia messe di studi apparsi in Cina dedicati a questo concetto cruciale per la teoria e critica letterarie novecentesche, e si sofferma su diverse soluzioni traduttive del termine literaturnost’ in lingua cinese, ciascuna delle quali comporta soluzioni ermeneutiche alternative. Vengono descritti i contesti teorici nei quali sono stati prodotti i lavori deputati alla elaborazione del concetto – la linguistica di Jakobson, l’estetica ‘sociologica’ di Mukařovský, l’estetica fenomenologica di Ingarden, e attraverso il confronto di tali contesti e delle riflessioni a cui hanno dato voce viene messa a fuoco la fecondità euristica della nozione di letterarietà.

17Il contributo di chi scrive propone una campionatura di occorrenze della nozione telelologica tratte da alcuni scritti jakobsoniani nelle sue diverse accezioni – diacronica, o storicistica, o sincronico-funzionale (con il polivalente significato di “funzione”), intenzionale (in senso fenomenologico o in altro senso) le quali possono comparire separatamente o congiuntamente nei testi esaminati. Anche alla luce della sua capillare circolazione – accolto o rifiutato – negli scritti di molti studiosi in dialogo con Roman Osipovič, si cerca di riflettere sul ruolo e la insistita continuità che l’elemento teleologico assume nel percorso teoretico dello studioso russo, domandandosi se esista un nesso tra la teleologia e l’assiologia del nuovo che emerge a tratti prepotentemente dai lavori di Roman Osipovič.

  • 14 Giovanni Bottiroli, What is alive and what is dead in Jakobson. From codes to styles, infra, pp. 2 (...)

18Chiude la sezione il saggio di Giovanni Bottiroli impegnato a discutere quanto dell’eredità jakobsoniana oggi possa essere ancora prezioso per gli studi letterari. Riconoscendo al formalismo russo in generale e al contributo di Roman Jakobson in particolare il merito storico della fondazione di una nuova disciplina nel campo delle scienze umane – la teoria della letteratura – Bottiroli riflette sulle indicazioni provenienti dai testi di Jakobson spesso lette in maniera impoverita e banalizzata e ne rileva sia i presupposti filosofici inaccoglibili sia le possibilità ancora fruttuose. L’apparente contraddizione tra la tesi della specificità della parola letteraria e la consapevolezza della labilità dei confini tra ciò che è letterario e ciò che non lo è svanisce secondo Bottiroli «nel momento in cui impariamo a vedere nella nozione di letterarietà non il riflesso di una proprietà, bensì una massima metodologica (o pragmatica)», che ci invita a «non trascurare la forma. […] Così intesa, la lezione di Jakobson è insuperata e non superabile».14 Se il modello della comunicazione proposto dal linguista russo rappresenta un’idea da rifiutare poiché «il codice è un ostacolo insormontabile per il dinamismo semantico che caratterizza le opere letterarie e l’arte in genere», trattando del primato del processo metaforico nelle scuole romantiche e simboliste, del predominio della metonimia nel realismo, estendendo i due principi stilistici alla pittura (cubismo basato sulla sineddoche, il surrealismo sulla metafora) e al cinema, Jakobson «delinea un punto di vista testuale, dove le figure retoriche fondamentali diventano stili». Intuizione feconda che Bottiroli accoglie declinandola nella sua teoria della pioggia degli stili.

19Il tempo grande di Roman Jakobson è l’ultima sezione della prima parte del volume. La apre Liu Dan con una rassegna critica della ricezione del pensiero di Jakobson nella scienza cinese dove a partire dagli anni ottanta si comincia a conoscere l’opera del grande studioso russo. Negli anni duemila le ricerche e le traduzioni si moltiplicano. Le discipline coinvolte in tale esplorazione che coinvolge monografie, articoli, corsi accademici sono la linguistica, la semiotica, la critica e la teoria della letteratura, i translation studies, le teorie della comunicazione. Le nozioni maggiormente studiate sono letterarietà, metafora e metonimia; vengono altresì proposti confronti tra l’opera jakobsoniana e quella di altri teorici contemporanei.

20Conclude la sezione e questa prima parte il contributo di Elmar Holenstein che ci offre un’analisi magistrale di un componimento poetico cinese nel quale parola e immagine, riflessione e emozione sono condensati in una serratissima sintesi di arte e filosofia. L’illustre fenomenologo e grande studioso di Jakobson, autore di lavori imprescindibili per la conoscenza delle radici teoretiche dell’opera di Roman Osipovič, sceglie la poesia e sceglie l’indagine sul testo secondo i consigli del critico russo. Oggetto specifico di analisi è un’iscrizione dell’imperatore cinese Qianlong Emperor (Beijing, XVIII secolo) sul suo doppio ritratto shi yi shi er (Uno o Due) «che esemplifica come un poema dica ciò che dice attraverso come lo dice». In questo componimento «la relazione tra il poema e il suo autore può essere una relazione di similitudine». Inoltre, ricorda Holenstein, Qianlong era a capo di un impero plurilingue. «Egli era fiero della sua etnicità Manchu come lo era della sua cultura cinese. Era in grado di condurre udienze in cinque lingue senza un interprete. Aveva ordinato un Dizionario Pentaglotta con il titolo “Specchio imperiale della lingua Qing (la lingua della sua dinastia) in cinque incarnazioni”. La questione qui è: sono uno o sono cinque?» Queste parole di Elmar Holenstein ci paiono le più preziose per congedare la parte della nostra raccolta dedicata alla poetica e per condurci nella seconda che tratta di linguistica. Esse ci mostrano che le suddivisioni tra lingue linguaggi e identità sono giochi di specchi, prospettive plurali, su cui possiamo soltanto continuare a interrogarci, come Jakobson ci ha insegnato: «un fronte unico di scienza, arte, letteratura, vita, ricco di nuovi, ancora ignoti valori di futuro».

Notes

1 Roman Jakobson, Budetljanin nauka: vospominanija, pis’ma, stat’i, stichi, proza [Il futurista della scienza; ricordi, lettere, versi, prosa], a cura di Bengt Jangfeldt, Moskva, Gileja, 2012, p. 21. («И ясно рисовался единый фронт науки, искусства, литературы, жизни, богатый новыми, еще не изведанными ценностями будущего. Казалось, творится новозаконная наука, наука как таковая, открывающая бездонные перспективы и вводящая в обиход новые понятия – понятия, о которых тогда говорилось, что они не укладываются в привычные рамки здравого смысла»; traduzione mia, come sempre, d’ora in avanti, salvo diversamente indicato).

2 Ivi, p. 42. («Для меня очень важной была связь с искусством, к которому я никакого активного, действенного отношения не имею, где я только зритель. Это вообще в жизни играет очень большую роль для меня – то, что мудрëно называется interdisciplinary cooperation. Мне всегда было нужно с этой точки зрения посмотреть: а что в языке иначе? Что в поэзии этому не соответствует? Как я теперь вижу, это было то, что привлекало ко мне внимание некоторых художников, в частности и особенно Малевича. Когда я читаю его записи, я вижу, как он сильно переживал наши разговоры, и как он, со своей, художнической стороны, начинал думать о том, чтò не является живописью, и чтò, в то же время, несравненно ближе к живописи, чем музыка»).

3 Scrive a tal proposito Natal’ja Avtonomova nell’intervento presentato in questo volume: «La base esistenziale di questo enorme lavoro era manifestamente l’idea propria del pensiero russo della comunicazione come condizione di possibilità dell’attività intellettuale. In Jakobson questo orientamento si presenta in pratiche comunicative singolarmente intense. Con la letteratura e con le tematiche linguistiche lavorò a Praga, con soggetti cognitivistici in Scandinavia e al contempo ovunque fece conoscenza e si avvicinò a persone di diverse professioni: con Niels Bohr già in Danimarca, e poi al Massachusetts Institute of Technology, con i biologi, genetisti, matematici François Jacob, Jacques Hadamard e altri a Parigi e New York. La sua comunicazione con le persone era straordinaria». Natal’ja Avtonomova, O nekotorych smyslach raboty filologa [Su alcuni sensi del lavoro del filologo], infra, p. 153 («Экзистенциальной опорой этой огромной работы, видимо, была свойственная русской мысли идея общения как условия возможности интеллектуальной деятельности. У Якобсона эта установка представлена в уникально интенсивных коммуникативных практиках. […]. С литературой и лингвистическими темами он работал в Праге, с когнитивистскими сюжетами – в Скандинавии и при том везде знакомился и сближался с людьми разных профессий: с Нильсом Бором – уже в Дании, а потом в Массачусетском технологическом институте, с биологами, генетиками, математиками - Франсуа Жакобом, Жаком Адамаром и др. – в Париже и Нью-Йорке. Его общение с людьми было необычным»).

4 Si veda il link alla pagina web https://libraries.mit.edu/archives/research/collections/collections-mc/mc72.html#ref300.

5 Peter Steiner, Russian Formalism. A Metapoetics, Ithaca-London, Cornell University Press, 1984; ora Lausanne, Sdvig press, 2014. Trad. it. Il formalismo russo, trad. di Giorgio Zanetti, Bologna, Il Mulino, 1991.

6 Oltre ai suoi numerosi saggi e alle molteplici iniziative editoriali e accademiche ricordiamo Catherine Depretto, Le formalisme en Russie, Paris, Institut d’Études Slaves, 2009; Id., Formalizm v Rossii: predšestvenniki, istorija, kontekst. [Il formalismo in Russia: predecessori, storia, contesto], trad. di Vera Mil’čina, Moskva, Novoe Literaturnoe Obozrenie, 2015.

7 Sulla vicenda molto si è scritto ed è stato prodotto anche un film documentario – Viktor Šklovskij i Roman Jakobson. Žizn’ kak roman [Viktor Šklovskij e Roman Jakobson. La vita come un romanzo], regia di Viktor Nepevnyj, 2009 – che abbiamo proiettato durante il nostro convegno. Per un confronto tra i due studiosi si veda Ilya Kalinin, Viktor Shklovsky vs Roman Jakobson. Poetic Language or Poetic Function of Language, in Praga crocevia fra cultura slava, tedesca, ebraica / Praga crossroad of Slavic, German, ad Hebrew Culture (1918-1939), a cura di Guido Massino e Stefania Sini, «Enthymema», 9, 2017, pp. 342-351.

8 Possiamo ricordare a questo proposito la ‘stoccata’ contro Šklovskij che Jakobson depositerà in una pagina di flagrante rilievo strategico come l’introduzione all’antologia di Todorov del 1965: «È evidente che tra gli investigatori di queste leggi immanenti nessuno aveva dato credito alle polemiche giornalistiche in cui si deplorava il disaccordo all’interno dell’Opojaz e si annunciava, per stupire il lettore, che “l’arte è sempre stata libera dalla vita, e sul suo colore non si è mai riflesso il colore della bandiera che sventola sulla fortezza della città”. Ma proprio a tali rodomontate si attaccavano coloro che polemizzavano con il “metodo formale”. E si sarebbe in torto se si identificasse la scoperta, cioè l’essenza del pensiero “formalista”, con le insulsaggini intorno al segreto professionale dell’arte, che consisterebbe nel mostrare le cose estraniandole dal loro automatismo e rendendole sorprendenti (ostranenie), mentre in effetti si tratta di un mutamento sostanziale tra significante e significato, tra segno e concetto, che avviene all’interno del linguaggio poetico» (Verso una scienza dell’arte poetica. Introduzione a I formalisti russi, Teoria della letteratura e metodo critico, a cura di Tzvetan Todorov, Torino, Einaudi, 1968, pp. 8-9; trad. di Paolo Fossati).

9 Natal’ja Avtonomova, Otkrytaja struktura: Jakobson-Bachtin-Lotman-Gasparov [La struttura aperta], Moskva, Rosspen, 2009.

10 Ivi, p. 22. («Якобсон – это связующее звено во всемирном путешествии идеи структуры: Москва – Прага – Копенгаген – Париж – Гарвард – Москва»).

11 Id., O nekotorych smyslach raboty filologa [Su alcuni sensi del lavoro del filologo], infra, p. 152.

12 Ibidem.

13 Patrick Sériot, Structure et totalité. Les origines intellectuelles du structuralisme en Europe centrale et orientale, Paris, Presses Universitaires de France,1999.

14 Giovanni Bottiroli, What is alive and what is dead in Jakobson. From codes to styles, infra, pp. 215-216.

Acheter

Volume papier

amazon.fr