Version classiqueVersion mobile

Il ‘Libro di lettere' di Girolamo Borsieri

 | 
Paolo Vanoli

Appendici

Appendice IV

Texte intégral

1La numerazione progressiva è nostra. Le altre indicazioni (libro e numero del componimento) rispecchiano quelle originali. In calce a ogni testo è riportato tra parentesi quadre il commento di Ettore Capriolo contenuto nelle due «tavole» inserite a chiusura delle due parti de Gli Scherzi (Milano, 1612). Seguono una serie di poesie tratte dal manoscritto dell’ottavo libro de Gli Scherzi (ms. sup. 3.2.45), mai dato alle stampe. Per la possibile identificazione di alcune delle opere d’arte citate nei versi di Borsieri si veda sopra il cap. 1.2.

1. (II, 8)

2Stassene solo Amore,
Fattosi novo Hipparco,
In riva a chiaro fiume
A numerar del Ciel questo, e quel lume.
Andianne, Amanti, ad involargli l’arco,
E i dardi. Così poi
Ci crederà Ciprigna figli suoi.

[Per una Tavola di mano d’Antonio di Correggio, in cui è dipinto amore, che numera le Stelle. Prendi lo Scherzo per modo di Emblema]

2. (II, 65)

3E che ti pare, o peregrin, di noi?
Che siam frutti di quelli,
Che fregiano di Bacco i bei capelli?
Ah tu dirizzi per toccarci il dito.
Và, che t’habbiam schernito.

[Frutti di cera, che sono nella galaria del Principe di Val di Taro]

3. (II, 68)

4Cangia i mortali in pietre,
E le pietre in mortali,
Questo gran Fabro, a le cui forze uguali
Non fur di Grecia gli scoltori illustri.
Fuggi le mani industri
Malcauto peregrino, se non vuoi
Esser’uno ancor tu de’marmi suoi

[Valore d’Annibal Fontana scoltore Milanese]

4. (II, 69)

5A te, saggio scoltor l’arte concede
Il far loquaci i sassi,
Perche rimangan poi di voce cassi
Gli huomini inanzi à lor. Se ciò non crede,
Alcun de ’ peregrini
Più cauti, à questo marmo s’avicini.

[Per una statua di mano del Fontana]

5. (II, 70)

6Vedi tu, Polemone, questo augello,
A cui forma, e colore
Diede Zeusi novello?
Per opra del pittore
Vola. Dubiti forse,
Ch’ei ciò non possa fare?
Toccalo alquanto, e lo vedrai volare.

[Per un cigno di mano di Giov. Dominico Caresana, depinto in una Villa del Signor Borsieri. Averti, Lettore, che le pitture da lui celebrate, ed in questa, e nell’altra parte, sono pitture che per lo più si trovano in Como in casa sua, che dilettandosi esso di pittura, ed havendo un padre, il quale oltre la grande cognitione, c’ha di monete, di gioie, conosce ancora quali siano le buone pitture. Quindi è che in casa sua si veggono quadri bellissimi, istromenti di musica rari, medaglie, libri, dissegni, ed altre cose pretiosissime, di quelle, che possono render famoso qual si voglia studio]

6. (II, 71)

7Credi, che questa imagine sia viva,
Errante peregrino?
E’viva, sì. Le diè vita il valore
De l’immortal pittore.
Ben di parole è priva.
Ma sai perch’ella è priva di parole?
Perche parlar non vuole.

[Harpocrate di mano del Tintoretto]

7. (II, 73)

8In questo bel cipresso,
C’ha per custode un marmo,
Vago di sugellar l’opre più belle Del secol nostro il valoroso Apelle,
Ha così ben il suo sembiante espresso,
Ch’egli qui vivo par, morto in se stesso.

[Per un ritratto d’Ambrogio Figino fatto da lui medesimo sopra una tavoletta di cipresso, che fu poi legata in marmo]

8. (II, 74)

9Quest’odoroso legno, ov’ hai ritratto
Te stesso, o dotto Ambrogio a gli occhi miei
Sì vivo par, che vivo
Io qui ti crederei,
Se talhor poscia tratto,
A veder di tua man figure nove,
Non m’accorgessi, che tu vivi altrove.

[Per un ritratto d’Ambrogio Figino]

9. (II, 75)

10Già mancava l’humore
Vitale al gran pittore,
Quando di mille strali
Carca la morte disse.
Voi sapete, Mortali,
Che dal pennello suo depinta i’ fui,
Hor il pennello mio depinge lui.

[In morte d’Ambrogio Figino]

10. (II, 76)

(Peregrino – Imago)

11P. Deh dimmi, bella imago,
Che così ben inganni gli occhi miei,
Sei pur viva, ò sei finta?
I. E son finta, e son viva.
P. E come viva, e finta insieme sei?
I. I te’l dirò. Colui, che m’hà dipinta,
Mostrossi tanto di curarmi vago,
Che de lo spirto solo
Conosciutami priva,
Perch’egli à me concesso
Fosse repente ne privò se stesso.

[In morte d’Ottavio Semino Pittore Genovese, che morì depingendo]

11. (IV, 2)

12Fermate il riso, Amanti.
Dirvi non vò qual’animale i’ sia,
che bendate le luci non havete.
Ah ridete, ridete?
Merita forse la pigritia mia
Ciò da voi? Com’è misero il mio stato.
Vero battuto son, finto beffato.

[Per un asino di mano del Tempesta]

12. (IV, 8)

13Bench’io dimori in tela vil dipinta
Una capra però viva son’io.
Viva mi fè l’eccelso Bassanese,
Ond’ingannato fue
Più volte l’arator con finto bue.
Peregrin, se desio
Mai di saper’il vero in te s’accese,
Hor s’accenda. Vedrai s’havrò mentito,
Quando tu m’havrai mostro un Becco à dito.

[Per una capra di mano di Giacomo da Ponte detto dal vulgo il Bassanese]

13. (IV, 10)

14Libai già rose, e gigli,
Ape ingegnosa, e’l favo ne formai,
Dove fuggendo il gelido rigore
Del verno il viver col morir cangiai.
Hor più morta non son, che lo scoltore
Trasformando im me stessa la mia cera
M’ha fatta ritornar qual dianzi anch’era.

[Ape di cera di mano di Annibal Fontana]

14. (IV, 12)

15Non pensar, pescatore,
Che senza la natura
Di Cigno, la figura
M’habbia dato il pittore.
M’ha dato l’una, e l’altra, e se vorrai
Udir quell’armonia,
Per cui se tal’i sia
Sicuro esser potrai, Fa, ch’io vegga la morte, e l’udirai.

[Per un Cigno di mano di Giovan Dominico Caresana]

15.(IV, 13)

16Così movi le piante,
Rozo caprar, intorno à questo Drago,
Che ben ti mostri vago
Di chiuderlo nel seno.
Deh nol toccar, ch’ei spirarà veneno.

[Per un drago di argento picciolo di mano di Ferrante della lima]

16. (IV, 19)

17In questo lino accolta
Ogni beltà vegg’io,
Ond’è, ch’appago in un l’occhio, e’l desio.
O nobili colori
Certo esprimete Venere, ò Licori.

[Ritratto di una ninfa di mano di Bernardino Lovino. E’tolto questo scherzo da un monostico greco di Sinesio]

17. (IV, 25)

18Nude le poppe ad arte
ti mostra la Vittoria,
Nobilissimo Estense, in queste carte,
Perché tu con sua gloria
Dovendo in un seguir Minerva, e Marte
A vincer t’apparecchi
I giovani fanciul, giovane i vecchi.

[Per un ritratto d’Alfonso d’Este Duca di Ferrara sopra un dissegno di mano di Raffaello d’Urbino, in cui si vede il Duca ancor pargoletto con la vittoria, che gli mostra le poppe. Si dice in queste carte perch’era questo dissegno in un libro, dove n’erano anco molt’altri]

18. (IV, 26)

19Move l’acuta spada
Questo guerriero in maestosa faccia,
E comanda e minaccia.
Certo le piante moverebbe ancora,
S’egli udisse toccar tromba sonora.

[Per un ritratto di Nicolò Piccinino]

19. (IV, 27)

20S’appenda in Campidoglio,
A marmo pretioso,
E’l grido duso non provi oscuro, o corto,
Quel pennello famoso,
Che vivo mi serbò. Deh come a torto
Mi piagnete per morto, amici miei.
Se fussi morto vosco parlarei?

[Per lo ritratto di Claudio Merulo]

20. (IV, 32)

21Questa infelice imago,
Che fu dianzi loquace,
Non per l’acqua, o per gli anni,
Com’altri pensa, hor tace,
Ma per colui, che ristorar pensando
Di lei gli antichi danni
Così l’offese, quando
Sopra il pennello rustico le mise,
Che se languia, l’uccise.

[Per un ritratto d’un Capitano di mano di Titiano, a cui un pittore ignorante tolse ogni bellezza presumendo ricolorarlo]

21. (IV, 34)

22Quando fu’l carro de la gloria assisa
Erse i trofei de la battaglia dura,
Ripose la Natura,
Quali gran fede in picciolo sugello
La forza sua, Gallian, nel tuo pennello.
Perciò se tu l’adopri in tele, o’n carte,
La natura arte fai, natura l’arte.

[Valore di Gio. Battista Galliani pittore Lodegiano. Si finge, che la pittura guerreggiando con la scoltura rimanesse vincitrice, come dice lo stesso Galliani in alcune sue conclusioni]

22. (IV, 35)

23Viva si vede in questo legno ancora,
Che forse sopra un colle,
Fiorì, frondosa pianta anch’egli, al Maggio,
La castissima Donna, che non volle
Nasconder de l’Adultero l’oltraggio Dotto pittor, tu fai,
Ch’ella il fier colpo non fornisca mai,
Perchè mentre qui langue,
Nè tuoi color sempre rosseggi il sangue.

[Lucretia Romana di mano di Bramantino, donata dal Principe di Val di Taro Don Federico Landi a Rodolfo Secondo Imperatore]

23. (IV, 37)

24Mira colà su quell’antico legno,
Tu, che dè marmi intendi la favella,
Come si lagna Polissena, e come
Arde ver lei di sdegno
Il fier Pirro. Fors’ella
Fa, ch’ei fermi la man, perché è sì bella,
O forse del pittore,
Opra è, ch’ei non diventi hor uccisore.

[Polissena uccisa da Pirro di mano d’Antonio Campo]

24. (IV, 41)

25O come tosto il guardo
Da me togli, e le piante
Nemico de la man, che m’ha depinta,
Altrove, drizzi, peregrino errante.
Pensi forse, che finta,
Qual viva, i’fugga ancor l’amante mio?
Arretra il piè, che’l fuggi tu, non io.

[Dafne di mano di Aurelio Lovino]

25. (IV, 44)

26Mira qua, peregrin, come si duole
Di Cerere la figlia,
Che de lo stigio Regno
L’imperatore l’invole.
Ben vicine ha le lagrime a le ciglia;
Ma l’uscita permetterle non osa,
Che lagrimar non dee si bella sposa.

[Il rapimento di Proserpina di mano di Gianpierino]

26. (IV, 45)

27Come bella l’invidia in questo lino
Fè gran pittor. Tu fermi, peregrino,
Prima il pensier, che’l passo.
Hai forse invidia, ch’ella,
Che brutta esser dovria,
Sia così bella? Sì. Deh come fia
D’invidia il mondo casso,
Se dove appar più chiaramente espressa
È d’invidia cagion l’invidia stessa?

[L’invidia di mano di Gaudentio. Si mostra nello Scherzo, che la stessa invidia è cagione d’Invidia, con l’occasione della bellezza di questa pittura]

27. (IV, 49)

28Sopra quest’ampio CAMPO
Testè cangiato, Amore,
In bell’aratro l’arco,
S’è fatto leggiadrissimo aratore.
Corri, amator, di quella siepe al varco,
E vibra intorno i rai.
Arar tu lo vedrai,
E dirai forse, ch’ei con queste prove
Brama domar’un’altra volta Giove.

[Amor, che ara di mano d’Antonio Campo. Nella conclusione di questo Scherzo si tratta della favola d’Europa]

28. (IV, 54)

29Arda i volumi suoi,
E quinci apprenda in nova guisa il vero
Di Stagira il filosofo severo.
Nel suo, ne l’altrui loco
Opra in se stesso il foco.
Fors’ei nol crede. Amore il mostra espresso,
Hor ch’egli abbruscia, in questo lin, se stesso.

[Amor nelle fiamme di mano del Coreggio]

29. (IV, 55)

30Piano, Amanti, ch’amore
Dorme. Qui l’armonia
L’ha testè d’una cetra addormentato,
E forse lungo sia
Il sonno suo, s’ei non sarà destato
Da Venere, che’l cerca in ogni via.
O voi felici, se saprete in tanto
La cagione annullar del vostro pianto.

[Amor addormentato di mano del Morazzone]

30. (IV, 56)

31Ecco la messaggiera
Del dì. Svegliati Amore.
Svegliati. Ohimè non sai,
che se ne’ boschi sui
Addormentato si trovasse ma
De la fiera Siringa l’amatore,
Ratto coi dardi tui
A te faria quel, che tu festi a lui.

[Amor addormentato. È nella tavola di mano del Moranzone di sopra rimembrata]

31. (IV, 57)

32Vedrò, figlio bramato, s’infelice
Sia l’amorosa schiera,
Mentre qui dormirai.
Questo è lo stral dorato, onde tu sai
Ferire, e non sanare. O me felice.
Esser vogl’io l’arciera.
Ch’almen’io se farò piaga mortale
Havrò remedio, a la salute, equale.

[Per una Venere di mano del Mazzucchelli]

32. (IV, 58)

33Colà dorme il mio figlio,
Ed io quì vegghio sovra l’herbe assisa.
Mirami peregrin. Forse non sai,
Perch’io vegghi. Oh, che misero periglio
V’ha per me, v’ha per lui. Mover le risa
Pan s’udrebbe ne’boschi, e’l sonno mio
Fora vigilia, se dormissi anch’io.

[Per una Venere desta, ed amore addormentato di mano di Pietro Francesco Mazzucchelli detto il Moranzone]

33. (IV, 59)

34Dammi lo strale, Amore.
Pur sai, che non son’io Progne, o Medea,
Né colei, ch’a la morte per honore
Volta i pensieri sui
Illustre fé se stessa, infame altrui.
Darammi l’arco suo la casta Dea,
Se’l tuo d’uopo faratti a tutte l’hore.
Dammi lo strale, Amore.

[Per una Venere di mano di Giacomo Palma, che trahe dalla faretra del figlio uno strale]

34. (IV, 60)

35Che no, che non ti stai
Meco sempre adirato,
O mio bambino alato,
Se per pietade un solo
bacio a tuoi labri involo?
Mirami pur. Ben sai
Quel, che tu meco con quest’arte fai.

[Parole di Venere ad Amore, per una pittura di mano di Calisto Toccagna, in cui si vede amore, che pare adirato contro sua madre, ed ella, che pare adattarsi per renderlo piacevole]

35. (IV, 63)

36Più non t’invidio, bella Citherea,
Che per la possa d’honorata mano
Cangiato il volto mio,
In questo nobil lin son bella anch’io.
Oh se tal mi vedea
Il gran pastore, onde del Re Troiano,
E l’orgoglio, e’l poter al fin fu domo,
Egli a me, non a te donava il pome.

[Pallade di ma o del Tintoretto]

  • 6 Sul manoscritto cfr. Piazzesi 2009, pp. 123-125. Alcuni di questi componimenti si trovano pubblicat (...)

37Componimenti attinenti alle arti tratti dall’ottavo libro de Gli Scherzi, rimasto manoscritto (Biblioteca Comunale di Como, ms. sup. 3.2.45)6.

36. (VIII, 18)

Amor addormentato

38Sì, che tu dormi, Amore,
Ma sveglian col tuo sonno
La face, e l’arco il mio ferito core.
O qual valor discopro. Come ponno
Trovar gli amanti mai chi loro affidi
S’addormentato ancor ardi, et uccidi?

37. (VIII, 19)

Amor dipinto

39Non tema questo dardo
chi colmo di stupore
in me fisa lo sguardo,
che, bench’io paia vivo a’ guerier miti
il vero amor non sono.
Il vero ben sarei
se mentre ogn’aspro core
da quei begli occhi è vinto
Potesse divenir Licori il finto.

38. (VIII, 23)

Proprio ritratto

40Veggo, Figin, che il mio ritratto è vivo,
e pur quando tu’l festi
er’io di vita privo.
Ah che Clori allhor [?] pia
diede a’colori tuoi l’anima mia.

39. (VIII, 24)

41Figin se con nov’arte
t’ode amor favellar ne le mie carte,
me con nov’arte ancora
ode amor favellar nelle tue tempre.
Deh faccia il ciel, che sempre
l’un ne l’altro favelli
tu per virtù di carmi, io di pennelli.

40. (VIII, 25)

Segue

42Hor che sì m’assomigli,
vattene, imago mia,
tosto a colei, che con l’amato volto,
e col soave canto il cor m’ha tolto.
Non temer, ch’ella fiera ancor ti sia,
che s’avverrà che ti vagheggi mai
quel ch’io perdei tu da’suoi lumi havrai.

41. (VIII, 26)

Segue

43È pur di vita questa imago priva?
Sì. Me n’avveggio, ch’ella
né spira, né favella.
Deh la baciasse almen la donna mia,
che da quel bacio e spirito e voce havria.

42. (VIII, 27)

Segue

44Vinta già la natura
da la tua dotta mano
fu, mio Figino, ed hora
è vinto il tempo ancora.
O meraviglia di valor sovrano
habbia prisca virtù nome novello
ch’ove la gloria muor, vive il pennello.

43. (VIII, 28)

45Deh qual valor consente,
che così m’assomigli, o dolce imago.
Cor a te non ha dato lo scoltore,
a me l’ha tolto amore,
tu senza motto, senza motto anch’io,
tu priva del tuo spirto, ed io del mio.
Da me sol diferente
ti trovo in ciò, qualhor meglio ti guardo,
che tu foco non senti, ed io tutt’ardo.

Notes

6 Sul manoscritto cfr. Piazzesi 2009, pp. 123-125. Alcuni di questi componimenti si trovano pubblicati in Volpati 1947; Gregori 1962; Caramel 1966, Perotto 1986. Cfr. inoltre Stoppa 2003, p. 50.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search