Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Il ‘Libro di lettere' di Girolamo Borsieri

 | 
Paolo Vanoli

Appendici

Appendice III

Texte intégral

1Si presenta una selezione di componimenti poetici, scelti per lo spiccato interesse storico-artistico, tratti dal ms. sup. 3.2.46 della Biblioteca Comunale di Como intitolato Salium. I testi non sono datati, ma la presenza di riferimenti ad avvenimenti della metà del terzo decennio del Seicento, ad esempio la morte del vescovo di Como Aurelio Archinto avvenuta nel 1622 o quella di Giovan Battista Marino, del 1625, portano a collocare una parte consistente degli scritti intorno a questi termini cronologici, pur rilevandosi anche integrazioni successive, collocabili agli anni estremi di Girolamo, come ad esempio i versi dedicati al Palazzo Volpi di Como (Pro Palatio Vulpiano, ms. sup. 3.2.46, p. 78), la cui costruzione fu avviata a partire dal 1627-1628 (Della Torre 1992).
La versione italiana dei testi riportata in nota è da intendere come un mero ausilio alla comprensione letterale degli stessi.

1. Pro Venereis imaginibus ibidem expositis1

  • 1 In difesa delle raffigurazioni amorose esposte nello stesso luogo [‘Il Giardino’]
    La mia ridente vil (...)

Ms. sup. 3.2.46, p. 75

 

2Dat Charitum membris ridens mea villa cubile.
Hasce ultro Veneres nescia turba vocat.
Sint Veneres. Primam Venetum transmisit Apelles,
Insubricus Zeusis pertulit inde alias.
Sed caste insultat domus, hinc cum strepitus absit,
Proxima et ore potens moenia Vesta colat.

2. Ad Scipionem Tonsum pro mutuis collectaneis2

  • 2 A Scipione Toso per le raccolte reciproche
    Osiamo, o Toso, raccogliere entrambi insieme i miracoli d (...)

Ms. sup. 3.2.46, p. 75

 

3Audemus Tonse ambo una miracula Apellis
Colligere. Accedit sors mea, visque tua.
Aes ego cum tabulis, cum libris marmora iungo,
Tu chartis tabulas pergama in alta trahis.
Ambobus similem permittant Fata senectam.
Exprimet unus opem, comprimet alter opes.

3. Ad Comitem Franciscum Abduam Picturae in pago Septimiano intentum3

  • 3 Al Conte Francesco D’Adda intento alla pittura nel borgo di Settimo
    Come Febo, nascosto artefice di (...)

Ms. sup. 3.2.46, p. 78

 

4Pro Phoebo latitans novae author artis
Illustri in Charitum sinu, recentes
Et quaeris tabulas, et ipse pingis.
Si pictae recreant meos ocellos
Quaesitas, repetam hic ego a parente,
Sed Mars cor moveat, manum Diana,
Ut Zeusis properis memor podagrae
Tantum, non pavidus, sis et tibi Argus.
Aedes magnanimum refert, piumque,
Et Musas retinet chely, aere, ferro.
Ars coelum penetrat sono, colore,
Et morbos redimit sine ignis aestu

4.De Museo Pauli Iovii. A Marco Sancti Abundi Abbate in Galliam mutato4

  • 4 Il Museo di Paolo Giovio trasformato nella [villa] Gallia da Marco Abate di Sant’Abbondio
    Questa, ch (...)

Ms. sup. 3.2.46, p. 80

 

5Haec, quae nobilibus caput optima tollit ab undis
Villa olim musis lecta, choroque lacus,
Destructa excrevit, nomen mutata decusque
Vix potis est docti pandere serta senis.
Parce, precor, Paule. Hic Fato prudentia maior
Debuerat Marco post tua facta dari.

5. Pro Marchione Jo. Maria Vicecomite pictorum mediolanensium mecenate5

  • 5 Per il marchese Giovanni Maria Visconti mecenate dei pittori milanesi
    Marte, chiedi le armi ad altri (...)

Ms. sup. 3.2.46, p. 82

 

6Quaere aliis clypeos Mavors. Me Zeusidos agmen
Delectat tabulis, heque trophea parant.
Ceranus dux est, Daniel vexilla subibit
Cum venient certi stemmata indicii.
Milite sub vario mox talia castra resurgent,
Queis mors ipsa meum mittet ab ore decus.

Notes

1 In difesa delle raffigurazioni amorose esposte nello stesso luogo [‘Il Giardino’]
La mia ridente villa offre un giaciglio alle membra delle Grazie.
Addirittura l’ignara turba reclama queste Veneri.
Stiano qui le Veneri.
L’Apelle dei Veneti inviò la prima (di esse).
l’insubrico Zeusi recò poi le altre.
Ma la villa esulta castamente, quando di qui se ne sta lontano il clamore,
e la potente Vesta onori i muri della villa con parole più discrete.

2 A Scipione Toso per le raccolte reciproche
Osiamo, o Toso, raccogliere entrambi insieme i miracoli di Apelle.
Si congiungono la mia fortuna e la tua potenza.
Io riunisco le monete con i quadri, i marmi con i libri,
Tu con le carte [i tuoi scritti?] nobiliti le tavole in opere eccelse.
A entrambi i Fati concedano altrettanta vecchiaia,
In modo tale che l’uno darà luogo al proprio sapere, l’altro raccoglierà le proprie ricchezze.

3 Al Conte Francesco D’Adda intento alla pittura nel borgo di Settimo
Come Febo, nascosto artefice di un’arte nuova
nel seno illustre delle Cariti, cerchi quadri nuovi
e tu stesso li dipingi.
Se le pitture ricreano i miei occhi,
qui, dopo averle ricercate, chiederò di nuovo i quadri al loro autore,
ma Marte inciti il cuore, Diana la mano,
in modo tale che tu (come) Zeusi ti affretti, memore soltanto della podagra,
impavido e in modo che tu sia come Argo.
e diletta le Muse con la lira, col bronzo e col ferro.
L’arte ascende al cielo col suono e con il colore,
e libera dalle malattie senza il calore del fuoco.

4 Il Museo di Paolo Giovio trasformato nella [villa] Gallia da Marco Abate di Sant’Abbondio
Questa, che erge il capo dalle nobili onde, ottima villa
Un tempo scelta per le muse e per il coro del lago [per le ninfe lacustri],
sebbene distrutta e cambiata di nome, mantenne la propria fama.
E’ appena possibile rivelare gli allori del dotto vecchio.
Perdonami, ti prego, o Paolo. Qui la prudenza più grande del Fato
dovrebbe essere assegnata a Marco, dopo le tue imprese.

5 Per il marchese Giovanni Maria Visconti mecenate dei pittori milanesi
Marte, chiedi le armi ad altri. A me la schiera di Zeusi
dà diletto con i quadri, ed essi arrecano i trofei.
Cerano è il comandante, Daniele porterà i vessilli
quando verranno gli allori di un giudizio sicuro.
Al comando di un milite così versatile tali accampamenti risorgeranno presto,
ad essi la stessa morte annuncerà a voce la mia gloria.

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site

Acheter

Volume papier

amazon.fr