Version classiqueVersion mobile

Il ‘Libro di lettere' di Girolamo Borsieri

 | 
Paolo Vanoli

Appendici

Appendice II

Texte intégral

99. Al Cardinale Borromeo, Milano

Biblioteca Ambrosiana, ms. G 220b inf, n. 295 (585); datata in calce: 12 dicembre 1615

 

1Illustrissimo et Reverendissimo Signore et Padrone Colendissimo

 

2Doppo che fui alla presentia di V. S. Ill. ma insieme con Girolamo mio figlio che dissi non haveria mancato di usare ogni sorte di diligentia acciò restasse servita nel negotio dei quadri di questi Signori, perciò molte volte gl’ho trattato sì come me in persuaderli che era bene farne fine, et anco a pretio honesto, e venendole qualche occasione per niuno modo la dovessero tralasciare, con dirli questo che si andavano guastando si come è vero; hora sendosi deliberato il Signor Francesco privarsi dei suoi, ho fatto offitio alla gagiarda e siamo venuti a termine che con diligentia ho veduto detti quadri, et anco visto due estimationi che furno fatte, una di scudi [?] 1254 et l’altra di scudi [?] 1012; le quali parono a me molte alte, poiché sono in tutto pezzi 122, fra quali ve ne sono da pezzi 60 piccoli parte a guazzo et a mio giuditio mal fatti, il restante che sono li buoni li valuteria circa scudi [?] 8 il pezzo da otto o dieci in poi che si potrebbe arrivare a scudi [?] 12 in 15 l’uno, sì che Vostra Signoria Illustrissima intende tutto il seguito, resta solo che mi accenni dove vaglio poiché giubilo in servirla et da Girolamo mio figlio, al quale circa questo più minutamente scrivo, ne potrà da lui cavare il tutto, et supplicandola ad havere in protetione il detto mio figlio con l’humiltà che devo a Vostra Signoria Illustrissima faccio reverentia. Di Como li 12 dicembre 1615 [di] Vostra Signoria Illustrissima e Reverendissima, humilissimo et devotissimo servitore Giovan Battista Borsero

 

Un accenno all’esistenza di questa lettera, che non compare tra quelle rese note da Marcora (1981) e non è utilizzata da Jones 1997, compare in Ceruti 1880, p. 193. Documenta la trattativa tra il cardinale e dei misteriosi gentiluomini comaschi, per l’acquisto di un numero ingente di dipinti. È forte il sospetto che si tratti degli eredi Giovio, tra i quali vi era anche il Francesco che qualche anno dopo sarà in rapporti col Borromeo e con i Borsieri per la copiatura dei ritratti gioviani (cfr. L84). L’assenza di notizie sul soggetto dei quadri che avevano attratto l’interesse del cardinale non ci consente di stabilire se si trattasse, almeno in parte, dei ritratti degli uomini illustri già appartenuti a Paolo Giovio, che a questa data erano divisi tra i vari discendenti e si conservavano presso le loro residenze comasche (a Francesco Giovio erano state assegnate le effigi dei letterati: Rovelli 1928, pp. 148-149). Non conosciamo l’esito della trattativa, che nel caso fosse stata incentrata sui ritratti è da considerare fallita, dato che di lì a poco Federico Borromeo li farà copiare da Antonio Maria Crespi detto il Bustino, avvalendosi ancora una volta dell’intermediazione dei Borsieri e, in aggiunta, di Giovan Pietro Lomeni, prevosto di Gallarate (cfr. Marcora 1981): L3, L84, L91, L100.

100. Al Cardinal Borromeo, Milano

Biblioteca Ambrosiana, ms. G. 232 inf., n. 99 (196); datata in calce: 25 luglio 1621

 

3Illustrissimo et Reverendissimo Signore,

4sono molti giorni che io desiderava ragguagliare Vostra Signoria Illlustrissima per la diligenza usata nelle copie de ritratti, che sono riuscite conformi alli originali et anche aiutate in diverse parti che in essi erano state male intese per la prima volta. Hora intendo dire da mio figliolo come le desidera più sfumate e più unite. Sappia che non si mancharà di fare che rieschano le altre a suo gusto per ché io desidero servirla et mi rincresce non esser in stato tale, che io lo possa fare personalmente come lo farei con tutto il core però se permette Girolamo mio figliolo vien conosciuto atto a poterla servire riceverò gracia singolare che lo impieghi havendo appunto inteso come Vostra Signoria Illustrissima ha occasione pronta di impiegarlo in Santo Ambrogio. Mi perdoni però se usassi troppo licencia che a ciò non mi muove se non la confidenza che io ho sempre havuta nella Illustrissima sua persona a cui desidero il compimento de tutti suoi pensieri. Di Como il 25 di lulio 1621.

5Di Vostra Signoria Illustrissima servitore afecionato Giovan Battista Borsero

 

Edita in Marcora 1981, p. 113 (cfr. anche Terzaghi 2002, pp. 350-351). Completa le informazioni presenti nell’epistolario sull’attività di copiatura dei ritratti giovani conservati a Como, che il cardinale Borromeo aveva affidato alla supervisione dei Borsieri. Alla luce delle predilezioni luinesche di Federico Borromeo non sorprende la richiesta di tele «più sfumate e più unite». Sulla richiesta del canonicato in Sant’Ambrogio per il figlio Girolamo: L91.

101. Al Cardinal Borromeo, Milano

Biblioteca Ambrosiana, S. P. II 262, cart. 27; datata in calce: 19 giugno 1627

 

6Illustrissimo e Reverendissimo Signore,

7mando a Vostra Signoria Illustrissima la nota de’ritratti, de’quali l’altrhieri con lei medesima favellai. Ma perché il puoco numero non offenda la grandezza dell’animo suo holle aggiunta anco quella di altri de’pittori, che sono costì nella contrada del Cavalletto appresso gli eredi di Giovan Battista Camaino.

8Quei perché di forme inequali doveranno copiarsi ciascuna volta, che le paiano degni d’esser aggiunti a’già riposti nella sala de’congressi Ambrosiani. Questi perché di proportione uniforme, e non molto distante dagli adunati potranno comprarsi essendo appunto per lo più di pittori, la memoria de’quali gioverà sommamente per lo profitto dell’Accademia.

9Deliberi dunque per quanto le piace e viva pur certa che la speme sola de’cenni suoi mi farà posporre l’affetto tutto de’negotii famigliari ciascuna volta, ch’io mi conosca atto al servirla. Nostro Signor le doni e lunga vita e largo campo d’oprarsi come fa per beneficio universale.

10Como il 19 giugno 1627

 

11Di Vostra Signoria Illustrissima e Reverendissima Servo obbligatissimo Girolamo Borsieri

12Nota dei ritratti

13Letterati
Il Cardinal Tosco; il Cardinal Bellarmino; Francesco Panigarola; Cornelio Musso; Marco Mantoa Benvidio; Marco Guazzo; Girolamo Mercuriale; Francesco Piccolomini; Giusto Lipsio; Lodovico Dolce; il Doni; il Navarro.

 

14Pittori
Antonio da Corregio; Polidoro da Caravaggio; Andrea del Sarto; Tiziano Vezzelio; Aurelio Lovino; P. Francesco Morazzone; Federico Zuccaro; Vincenzo Campo; Giulio Romano; Giovan Pietro Gnoccho; Pellegrin de Pellegrini; Annuncio Miniatore; Camillo Duchino; Girolamo Grossi; Giovan Battista Lodesano; Baglion Fiamengo; Bartolomeo Schedone; Francesco Parmesano; Giovan Battista Ferrari; Claudio Villotto; Giorgio Todesco; Antonio Pittorello; Giulio Cesare Porcaccino; Camillo Procaccino; Gio. Battista Cerano; Luigi Amidano; Alessandro Fiorentino; Giulio Pozzobonello; Giovan Mauro Fiamenghini; Carlo Mauro Fiamenghini.

15Questi ritratti di pittori trattine i primi quattro che sono copie sono stati fatti da’medesimi rappresentanti. Sono in luogo cioè in altezza di un brazzo e di mezzo in larghezza tutti con ornamento quasi schietto.

 

Edita in Marcora 1981, pp. 116-117. L’unico ritratto tuttora conservato presso la Pinacoteca Ambrosiana che può essere ricondotto all’elenco trasmesso da Borsieri con questa lettera è quello di Francesco Panigarola (Tolomelli in Pinacoteca Ambrosiana 2007, p. 335, n. 840, senza indicazioni di provenienza). Il primo inventario utile dell’Ambrosiana, quello del 1661, ne registra la presenza insieme a quello, perduto, del Navarro («Dottor Navarrius Martinus ab Appisculta»): Vecchio 2009, pp. 29, 34, nn.. 357, 429.
Il misterioso Giovan Battista Camaino potrebbe essere lo stesso Camaino che nel 1612 vende una serie di quadri, molti lombardi, a Carlo Emanuele I di Savoia: Bava 1995a, pp. 246, 264. Tra essi figuravano opere di Camillo Procaccini, Giovan Battita Galliani, Giovan Paolo Gnocchi: tutti e tre significativamente presenti nell’elenco degli autoritratti di pittori rimasti a Milano presso i suoi eredi (Galliani è il «Lodesano»). Tra gli artisti meno noti inclusi nella lista figurano il miniatore Nunzio Galizia; il socio del Duchino (Camillo Landriani) Girolamo Grosso, ricordato da Borsieri nel Supplimento (Borsieri 1619, p. 65); Giovan Battista Ferrari, identificabile in un altro allievo dell’Accademia Ambrosiana (Terzaghi 2002, p. 351); Claude Villotte (Villotto), di cui si conserva l’autoritratto presso la Pinacoteca del Castello Sforzesco di Milano (cfr. Terzaghi in Il ritratto 2002, p. 156, n. 59); l’emiliano Luigi Amidani, attivo a Milano; Alessandro Vaiani (fiorentino); Giuliano Pozzobonelli, ritrattista di numerosi benefattori dell’Ospedale Maggiore di Milano. Concludono la lista dei pittori riconoscibili i due Fiammenghini, Giovan Battista e Giovan Mauro della Rovere, riportati con qualche confusione sui nomi propri. Restano in attesa di identificazione Baglione fiammingo, Francesco Parmesano (il Parmigianino?), Giorgio Todesco e Antonio Pittorello.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search