Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Il chierico rosso e l’avanguardia

 | 
Giuseppe Carrara

L’ideologia del linguaggio

Laura Neri

Texte intégral

Una precisa consapevolezza teorica emerge fin dalle prime pagine di questo importante libro sulla poesia di Sanguineti: i due poli di una nota dicotomia, ideologia e linguaggio, non si pongono affatto in contraddizione, né soprattutto appartengono a due aree semantiche separate, ma sono invece reciprocamente dipendenti e vincolati a una medesima scelta programmatica. A fondamento di tale considerazione è il significato assunto dal termine ideologia, che per Sanguineti rimanda con immediatezza a una finalità pratica, e si sottrae alle astrazioni implicite in un’espressione usata e abusata, cioè quella di «visione del mondo». Il connubio tra ideologia e linguaggio assume quindi il valore di una determinazione storico-sociale, poiché a essere posto sotto accusa è innanzitutto il concetto di arbitrarietà del segno. Da questo punto di vista, è piuttosto un’indagine del linguaggio che può ricondurre alla ricostruzione dell’ideologia, poiché la più profonda critica alle istituzioni, che rappresenta l’obiettivo primario del lavoro poetico di Sanguineti, è veicolata dalla decostruzione della struttura linguistica, dall’aggressione delle forme della comunicazione tradizionale. Dunque, è per virtù di stile che l’opera raggiunge tutta la sua carica polemica, trasgressiva e concettuale; e quell’idea di stile, che assume una connotazione individuale con Spitzer, si declina nell’assunzione di una valenza sociale, in quanto il testo è per Sanguineti un organismo simbolico che funziona secondo una significazione collettiva.

1Il percorso critico di questo libro individua il processo in evoluzione del lavoro poetico di Triperuno che, dalla rappresentazione del disordine, dello straniamento, della deformazione e del sovvertimento delle regole, giunge alla ricomposizione di un’ideologia attraverso il linguaggio. Ne deriva una posizione assolutamente originale che, di contro all’idea ancora molto diffusa di una poesia riconducibile alla messa in scena della dissoluzione fine a se stessa, sostiene la tesi dell’unitarietà. Entro questo sistema, il superamento dell’avanguardia passa attraverso la rottura e la negazione della norma linguistica, operazione di transito che non costituisce certo l’obiettivo della poetica sanguinetiana. E se la sua idea di realismo coincide con quella dell’indagine critica sulla realtà, e non con la pura mimesi del caos, la scrittura di Sanguineti intende raggiungere l’obiettivo di una filosofia della prassi che nel linguaggio e nella sua opera di sperimentazione mostri in atto la tensione sempre contraddittoria di una presa di distanza dalla sperimentazione stessa. È la ricerca di una nuova lingua che, attraversata la palus, torna ad agire sulla realtà.

2Luogo deputato all’esercizio critico, questa nuova lingua muove proprio dalla rappresentazione di una nebulosa di senso che in Laborintus decontestualizza gli oggetti, e dà forma a strutture allegoriche a loro volta frammentate: da una parte, la lettura ne è profondamente frustrata, dall’altra i versi si offrono a interpretazioni multiple, che invocano una fruizione tanto più attiva quanto più faticoso e complesso è il percorso di ricostituzione semantica del testo. Il lavoro di dissezione che Sanguineti opera sul corpo della poesia è così analizzato da Giuseppe Carrara lungo le difficili e talora oscure poesie della raccolta che, sempre sul filo di una tenace fede marxista e materialista, professano la loro problematica concezione di un rapporto non più solidale con la tradizione letteraria, con la storia, con la società neocapitalistica. E se un imperativo etico e morale sostiene la volontà di attraversare quella palude, l’ipotesi di un percorso, la possibilità di esprimere ancora una voce sono continuamente messe in scacco, negate e affermate, distrutte e ricostruite in funzione di un obiettivo che solo il linguaggio, nella sua dimensione polifonica e polisemica, sembra potere raggiungere: l’esperienza conoscitiva. Anche l’atto enunciativo si costruisce, nei testi, declinandosi su più livelli, mentre si profila un io incerto, multiplo e riflesso, che talora si identifica con la voce che parla e talvolta si frantuma in una pluralità di immagini, nella ricerca assidua e progressiva di una unità coscienziale.

3Una ricchissima simbologia di archetipi e di figure entra nei versi, e una sorta di coprotagonista femminile, Ellie, interlocutrice privilegiata del discorso, è anche oggetto di invocazione, celebrazione, aggressione da parte di un io, che la identifica e la disidentifica. Ellie è una donna, rappresentata nella sua dimensione fisica e carnale, ma anche allegoria del linguaggio e della scrittura, veicolo di un percorso gnoseologico. La fenomenologia dell’amore trova in Laborintus uno spazio profondamente contrastato, nella dimensione di una soggettività che è sempre transitivamente sociale, nella tensione tra la vita e la morte, intese come i due estremi inconciliabili di una forma di esistenza che li implica reciprocamente. La dialettica tra la ragione dialogante e la dimensione biologica dell’amore, ossessivamente presente nei versi, è il luogo di incontro e di scontro degli opposti, all’interno dei quali agisce anche come funzione salvifica e forza propulsiva di un sé che continua a non ricomporre una frammentata identità.

4Infatti, la situazione socio-economica, individuale e collettiva si riflette nei testi di Laborintus e, nello spazio di un cruciale rapporto tra anarchia e alienazione, sembra culminare il discrimine tra dissoluzione e ricomposizione della soggettività, tra attraversamento del caos e superamento. Carrara ne ripercorre con grande intelligenza critica gli esiti poetici, ricostruendo i nessi, le aggregazioni di senso, le isotopie semantiche di un itinerario poetico difficile, contrastato, talvolta imperscrutabile e programmaticamente oscuro. I lacerti di un mondo materiale e la simbologia di una dissoluzione psichica entrano in conflitto con le implicazioni storiche, sociali, politiche, e il dettato poetico include i riferimenti più diversi, le citazioni, i frammenti di un universo culturale entro il quale l’ideologia si ricostituisce a stento. Ecco che in Erotopaegnia la condizione patologica dell’io e del linguaggio tende allora a rifunzionalizzare il linguaggio stesso, in virtù dell’elaborazione del concetto di mitopoiesi, intesa come un’azione demistificante in grado di dirigersi verso il rinnovamento della poesia, nella sua tridimensionalità di soggetto, corpo e lingua.

5La ricerca si volge così a una più accessibile comunicabilità, il non-senso tende a sciogliersi in una diversa linearità sintattica e semantica, le dimensioni spazio-temporali ricostruiscono un effetto di realtà familiare e condivisibile. Ma nulla si risolve, poiché le strutture retoriche e formali rendono ragione di un mondo che deve essere riordinato e riorganizzato ancora, per poter essere decifrato e conosciuto. L’azione della poesia muove sui piani della pluridimensionalità, tra la sfera storica e quella psicologica, tra la realtà e il mondo onirico, tra il conscio e l’inconscio. Soprattutto muta la modalità della voce poetica, la quale mostra una enunciazione a sua volta plurivoca: il soggetto è decentrato, le prospettive si spostano, le istanze locutrici e le persone verbali si moltiplicano, spiega ancora Carrara, fino a provocare una reale difficoltà di individuazione e di identificazione.

6Il percorso è faticoso, ma il progetto poetico include ora la costruzione di un nuovo individuo, al quale è affidata la responsabilità di ricostituire un linguaggio, di pronunciare una parola rinnovata. Con Purgatorio dell’Inferno, l’attraversamento della palus giunge al suo epilogo. La storia appare ora il nuovo orizzonte, non pacifico, bensì contrastante e conflittuale, entro il quale il soggetto enunciativo conduce un discorso politico, narrativamente gestito dalle voci del suo tempo che verbalizzano azioni, frammenti di racconto, conversazioni, eventi. Naturalmente l’ordine non è ricomposto, a cominciare dalle strutture metriche e retoriche che continuano a testimoniare una difficile e forse non raggiungibile chiarezza semantica; ed è ancora una volta il linguaggio che veicola da un lato una nuova forma e una diversa significazione, dall’altro la voce – le voci – del dissenso. L’esito è innanzitutto quello di un registro medio, quasi del tutto sconosciuto alle due opere precedenti, e di una ipotesi di rigenerazione proiettata su un futuro meno infausto, disposto ad accogliere finalmente una pars costruens, che da un processo di approssimazione al marxismo, a lungo preparato dai versi, giunge all’espressione di una ideologia positivamente intesa. La speranza è quella di poter agire, di modificare la realtà, e tale palingenesi trova la sua ragione nello spazio di un linguaggio che è esso stesso, innanzitutto, un discorso politico. Sanguineti riafferma così la responsabilità della letteratura, e della poesia, di fronte alle vicende collettive; senza alcun dubbio è un impegno che andrà incontro a ulteriori metamorfosi, ma che ha delineato con Triperuno un preciso e unitario percorso conoscitivo.

Acheter

Volume papier

amazon.fr