Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Il ‘Libro di lettere' di Girolamo Borsieri

 | 
Paolo Vanoli

Premessa

Texte intégral

1Il volume su Girolamo Borsieri che viene qui presentato è una rielaborazione accresciuta in molte parti della mia tesi di dottorato discussa nel 2009 presso l’Università degli Studi di Torino e trova il suo fondamento nella capillare ricognizione dei materiali manoscritti del letterato lombardo conservati nei fondi della Biblioteca Comunale di Como. Un’attenzione privilegiata è stata dedicata alle oltre settecentocinquanta missive dell’epistolario, in minima parte rese note da Luciano Caramel nel 1966, in un’efficace quanto parziale antologia montata attraverso la selezione dei testi di interesse storicoartistico. In parallelo si è proceduto all’analisi dei codici contenenti la vasta produzione poetica, specie quella latina, e dell’ambizioso corpus antiquario del Theatrum Insubricae Magnificentiae, finora quasi completamente ignorato dagli studi.

2Col procedere dell’esame dei manoscritti ci si è resi conto che all’immagine di Borsieri come accanito critico ‘militante’della pittura dei suoi giorni trasmessa dagli studi degli ultimi cinquant’anni andava affiancata quella del meticoloso studioso di antiquaria, appuntando l’attenzione su un lato preponderante della sua attività che non ha ancora trovato il dovuto rilievo, se si escludono i brevi ma puntuali accenni riservati all’argomento da Barbara Agosti nel suo fondamentale libro del 1996 dedicato alla Milano di Federico Borromeo.

3Si è ritenuto perciò necessario cercare di rimodellare un profilo complessivo di Girolamo Borsieri che tenesse nel dovuto conto i suoi predominanti interessi letterari ed eruditi, osservandone le ricadute non secondarie sulla sua più nota attività nel campo delle arti e del collezionismo. Dalla pratica della ricerca antiquaria derivano metodi di indagine attenti alla peculiarità di stile delle opere che sono senz’altro da porre tra i fattori alla base della straordinaria sensibilità di Borsieri nei confronti del fatto figurativo e della restituzione verbale dei suoi caratteri formali. La sua attenzione per l’arte contemporanea si unisce a un peculiare interesse per le vicende più antiche della scuola pittorica lombarda, con lo sguardo venato da un precoce storicismo che lo inserisce da protagonista nel fenomeno del sorgere di una nuova coscienza della geografia artistica italiana, che prende vita tra Roma, Bologna e Venezia nei primi due decenni del Seicento, acquisendo alla storia dell’arte vaste zone rimaste escluse dal canone delle Vite vasariane. I progetti incentrati sulla ricostruzione della storia e delle arti della Lombardia, il frammentario Theatrum per l’antichità e il Medioevo, il perduto Simulacro di Milano per i secoli successivi fino all’età contemporanea, si collocano in questo contesto di pieno riconoscimento delle peculiarità culturali e figurative del vasto territorio della Lombardia occidentale, proprio negli anni in cui il fervore di studi scaturito dall’istituzione della Biblioteca Ambrosiana trovava uno straordinario parallelo nella fioritura della scuola pittorica milanese capeggiata da Cerano, Morazzone e i Procaccini e nella sua capacità di proiezione verso l’esterno, tra la Torino dei duchi di Savoia e la Genova di Giovan Carlo Doria.

4Dalla lettura degli scritti di Girolamo Borsieri, in specie dell’epistolario, emerge a più riprese anche un’altra rilevante prerogativa della sua attività di storico e di letterato, in parallelo alla visione del proprio ruolo (e della propria immagine) nella società : il senso di continuità culturale e la ricerca di un dialogo ininterrotto con i numi tutelari della tradizione lariana antica e moderna, i Plinii e i due Giovio, Paolo e Benedetto. Il senso di un’eredità imprescindibile da raccogliere e rivitalizzare permea a vari livelli molti scritti dell’erudito seicentesco, per scelta di temi oltre che di generi letterari. Tra i diversi esempi possibili valgano almeno la descrizione della villa dei Borsieri in Borgo Vico nella celebre lettera a Francesco d’Adda, fitta di topoi derivati dalle epistulae di Plinio il Giovane e dalla descrizione del ‘ Museo’di Paolo Giovio, così come la Descrizione del Lario affrontata tenendo ben presente il precedente cinquecentesco del Giovio. Senza dimenticare i chiari rimandi alle compilazioni di epigrafia e di storia patria di Benedetto Giovio (e di Andrea Alciato) che stanno all’origine delle ricerche storico-antiquarie di Borsieri, nate con l’intento di emendare e aggiornare fino all’età contemporanea quelle sillogi più antiche.

5Il tema affrontato dall’ultimo capitolo del libro è invece quello dell’epistolario manoscritto della Biblioteca Civica di Como, una fonte tanto ben nota a tutti gli studiosi di arte lombarda dell’età di Federico Borromeo quanto ancora bisognosa di un’accurata messa a fuoco. L’antologia di lettere di argomento artistico curata da Luciano Caramel nel 1966 non si soffermava infatti sulla genesi e sulle intenzioni sottese all’operazione editoriale portata avanti da Borsieri attraverso la trascrizione in ‘ bella copia’di una scelta delle lettere da lui inviate nell’arco di un ventennio, dal primo al terzo decennio del Seicento. È parso necessario ricostruire per quanto possibile l’iter di questo progetto mai arrivato alla stampa, inquadrandolo nella cornice della straordinaria fioritura del ‘ libro di lettere’che interessa il contesto letterario italiano tra la seconda metà del Cinquecento e i primi decenni del secolo successivo. Solo osservandolo da questo punto di vista, non quello di un carteggio privato ma quello della costruzione di un libro di lettere ‘ d’autore’, volutamente discosto dalle antologie epistolari e dai libri-formulario per segretari che dominavano il mercato editoriale a cavallo tra i due secoli, si può comprenderne meglio la struttura, il sostrato autobiografico, la varietà degli argomenti trattati, l’incidenza dei processi di riscrittura, l’attenzione non sempre prioritaria per i riferimenti temporali. A proposito della datazione delle lettere, che in grande maggioranza non recano indicazioni di cronologia, e della necessaria cautela che da ciò consegue, si presenteranno alcuni casi utili a svelare i meccanismi di montaggio dei codici dell’epistolario. In parallelo si è dato rilievo alla restituzione dell’immagine di sé che Borsieri sceglie di affidare alle sue lettere, nel racconto di un’autobiografia intellettuale che parte da esperienze giovanili nel campo della musica e dalla poesia per giungere a più severe ricerche agiografiche, storiche e antiquarie, nel tentativo di ulteriore avvicinamento alla cerchia di eruditi gravitanti intorno all’Ambrosiana del cardinale Borromeo.

6La riconsiderazione di tutti i manoscritti di Borsieri e l’esame della produzione letteraria di alcuni personaggi a lui vicini hanno consentito di recuperare diversi materiali di rilievo, sia per quanto riguarda lo stesso protagonista di questa ricerca, sia per quanto attiene ad altre congiunture a lui vicine. Il manoscritto di componimenti poetici latini intitolato Salium ha fornito diverse attestazioni inedite delle sue frequentazioni con il collezionismo milanese coevo, integrando alcuni nomi al già fitto registro dei suoi referenti. Dall’epistolario è poi emersa una ridotta ma significativa serie di lettere che ne documenta il rapporto di consuetudine con il cardinale Desiderio Scaglia di Cremona, nota figura di collezionista di quadri lombardi del Cinque e Seicento, che Borsieri potrebbe aver incrociato durante gli anni del soggiorno nel capoluogo ambrosiano del porporato in qualità di Inquisitore generale dello Stato di Milano. Assai rilevante, anche come attestazione di una fama non solo locale di Borsieri, è poi il reperimento del suo fitto scambio epistolare con l’antiquario tedesco Mark Welser, autore insieme a Jan Gruytere del principale repertorio epigrafico europeo di inizio Seicento. Una fitta corrispondenza che pur in mancanza di adeguate competenze archeologiche e numismatiche per affrontarne nel dettaglio il commento, si è voluto rendere in gran parte nota in appendice, con l’intento di fornire materiali utili allo studio dell’antiquaria lombarda del XVII secolo.

7Ingenti sono i debiti di gratitudine contratti durante l’elaborazione di questo libro con i docenti che mi hanno seguito durante lo svolgimento del dottorato, con gli studiosi cui ho chiesto consigli, con gli amici e i colleghi che mi hanno sostenuto con suggerimenti o anche ‘ solo’con il loro prezioso appoggio. Un ringraziamento particolare va al professor Giovanni Romano, per avermi insegnato a vedere i ‘ problemi’e a ricercare le dinamiche di questa, come di altre, ‘ partite’, volendo usare due termini a lui così cari. Molti sono i consigli, le segnalazioni e gli incoraggiamenti ricevuti da Alessandro Morandotti, Federico Cavalieri, Francesco Frangi, Giorgio Panizza, Rossana Sacchi, Silvio Leydi, Giovanni Agosti, Enrico Meroni e Paolo Plebani. Sono riconoscente anche a Giuseppe Dardanello, Gelsomina Spione, Chiara Gauna, Miriam Failla, Emilio Russo, Linda Borean, Alessandro Angelini, Fulvia Butti, Stefano Maggi, Donatella Caporusso, Irene Favaretto, Jonathan Bober, Giulio Bora, Fiorella Frisoni, Marzia Giuliani, William Stenhouse, Francesco Repishti, Marco Leoni, Andrea Bonavita, Fabio Cani, Sergio Monferrini, Antonella Chiodo, Mariaelisabetta Realini, Daniele Cassinelli, Fabio Bustaffa, Maria Fiori, Federica Giacobello, Matteo Cadario, Mauro Reali, Alberto Rovi, Letizia Casati, Isabella Nobile, Roberto Cara, Alfonso Litta, Luca Tosi, Giulia Zaccariotto, Chiara Pidatella, Marco Bascapè, Cristina Brunati, Paola Bianchi, Federica Missere Fontana, Lucia Travaini, Isabella Balestreri, Annalisa Albuzzi, Anna Manzitti, Camillo Manzitti. Ringrazio infine il personale della Biblioteca Comunale di Como : Licia Viganò, Chiara Milani, Elena Vimercati e in particolare Angela Traversa e Tomaso Fappiano.

Lire

Freemium

open access

Offert par L’éditeur de ce site

Acheter

Volume papier

amazon.fr