Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Alessandro Baudi di Vesme e la scoperta dell’arte in Piemonte

 | 
Alessandra Giovannini Luca

Capitolo 6. Dalle “Carte Vesme” alle Schede Vesme

Texte intégral

1Ad Alessandro Baudi di Vesme va riconosciuto il più imponente lavoro di reperimento e catalogazione di notizie e documenti sulla storia delle arti in Piemonte che sia mai stato compiuto sino ad oggi. Una messe straordinaria di informazioni che rimase in larga parte inedita per oltre un quarantennio e che poté essere messa a disposizione degli studiosi soltanto con la pubblicazione dei quattro volumi delle Schede Vesme (1963-1982), affermandosi da allora come il più autorevole regesto documentario di riferimento per la ricerca storico-artistica piemontese.

  • 1   Rimando al Capitolo 1.

2Sulla scorta del filone di studi coltivato dalla tradizione erudita regionale e rilanciato nel secondo Ottocento anche in altri campi del sapere1, quella raccolta di fonti bibliografiche e archivistiche era iniziata negli anni Ottanta in concomitanza con i primi incarichi istituzionali di Vesme, che ne aveva dato una comunicazione sintetica durante i lavori del X Congresso internazionale di storia dell’arte nel 1912. In piena sintonia con le istanze di rivendicazione culturale che avevano sotteso le azioni di studio e tutela del patrimonio figurativo e architettonico locale sin dai primi anni postunitari, il conte torinese si era perciò impegnato in un’infaticabile opera di rinvenimento delle notizie sugli artisti vissuti tra i secoli XIII e XIX che avevano lavorato in o per il Piemonte o che erano stati piemontesi di nascita. L’unico criterio di selezione da lui adottato era stato il loro vincolo alla regione subalpina, con l’obiettivo di garantire e consegnare alle future generazioni di ricercatori, in un ambito cronologico il più possibile ampio e per l’intera gamma della produzione artistica, una solida base filologica sulla quale fondare gli studi successivi sulla storia delle arti in Piemonte.

  • 2 E. Durando, La nomina di un pittore alla corte di Emanuele Filiberto, in «Bollettino storico-bibl (...)

3L’ambizioso progetto di Vesme era del resto noto da tempo e già nel 1911 Edoardo Durando, nel riferire sul «Bollettino storico-bibliografico subalpino» su Alessandro Ardente, pittore alla corte di Emanuele Filiberto di Savoia, aveva evitato di proposito di «accumulare notizie […] perché si aspetta che lo stesso Alessandro Vesme, degnissimo direttore della Regia Pinacoteca di Torino, che, si sa, ha con lunga fatica raccolto negli archivi piemontesi documenti e notizie per la storia degli artisti che lavorarono in Piemonte, dia finalmente alle stampe il frutto delle sue ricerche»2.

  • 3   La definizione di notiziario spetta a Vesme medesimo: Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 10, c. 5, (...)

4Purtroppo le informazioni reperite da Vesme vennero pubblicate solo dopo la sua morte, prima in forma di estratto nel 1928 e nel 1932, poi nei quattro volumi delle Schede. Quanto questi ultimi corrispondano alla struttura e alle funzioni del «notiziario» da lui composto3, quali siano state le vicende di riordino, i piani di pubblicazione e i passaggi di proprietà del materiale che costituiva il suo archivio e quali siano infine le possibilità di approfondimento e le opportunità attuali di fruizione delle Schede sono i quesiti aperti a cui si cercherà di rispondere in questo capitolo, a fronte delle considerazioni formulate in precedenza sul profilo di Vesme nella duplice veste di studioso e funzionario al servizio dello Stato.

6.1. Assetto e tutela delle “Carte” dopo la scomparsa di Vesme

  • 4   Torino, SBSAEP, Archivio storico, 186.A, b), lettera del Ministero della Pubblica Istruzione a Pa (...)
  • 5   Ivi, lettera di Pacchioni al Ministero della Pubblica Istruzione del 14 novembre 1923.

5Pochi giorni dopo la morte del conte, i manoscritti da lui raccolti sulla storia delle arti in Piemonte e le carte del suo archivio personale furono al centro di un confronto tra i suoi fratelli e il Ministero della Pubblica Istruzione, che intendeva assicurarne alcuni nuclei al patrimonio statale. All’inizio di novembre Guglielmo Pacchioni veniva infatti incaricato dall’amministrazione centrale di fare il possibile per ottenere dagli eredi la rubrica a schede mobili sulla pittura piemontese stilata dal suo predecessore, della quale quest’ultimo, «secondo quanto egli stesso dichiarava, si sarebbe poi servito per la redazione dello schedario d’ufficio»4. Pacchioni approfittava della comunicazione per informare Giovanni Gentile, allora ministro della Pubblica Istruzione, che «oltre agli appunti per uno “Schedario della pittura piemontese”, […] il conte Vesme ha atteso con paziente tenacia durata circa un quarantennio allo spoglio di molti archivi piemontesi. Il materiale così raccolto, per quanto mi hanno più volte riferito alcuni studiosi amici del Vesme, è della maggiore importanza per la conoscenza della storia artistica nel Piemonte. Ho pertanto ritenuto – proseguiva il nuovo direttore della Regia Pinacoteca – di […] affidare i manoscritti a una commissione che faccia una stima affinché lo Stato li compri (escludo lo schedario della pittura piemontese che spero gli eredi siano disposti ad offrire in dono) per individuare […] tutto ciò che può essere subito pubblicato e citarne la pubblicazione in atti di accademie e istituti di cultura piemontesi o italiani, in riviste d’arte o di storia, etc.»5.

  • 6Ibidem.
  • 7Ibidem.
  • 8   Ivi, lettera di Cesare Baudi di Vesme a Pacchioni del 14 luglio 1924.
  • 9   Ivi, lettera di Pacchioni al Ministero della Pubblica Istruzione del 12 febbraio 1924.

6Una volta ottenuto il consenso ministeriale, si venne alla nomina dei componenti della commissione, che furono selezionati tra Federico Patetta, «ordinario di questa università, amico personale [di Vesme] e buon raccoglitore di stampe»6, Arturo Allomello, Lorenzo Rovere, Cesare Bertea, Lionello Venturi e Alessandro Luzio. Poiché la scelta doveva essere limitata a «non più di tre o al massimo quattro persone»7, il comitato finì con l’essere composto dai primi quattro studiosi. Dopo aver considerato le posizioni degli eredi e il corpus della collezione di stampe8, nella primavera del 1924 la direzione della Regia Pinacoteca di Torino diede incarico alla commissione così costituita di redigere un inventario di tutti i manoscritti che si conservavano in deposito fiduciario negli uffici del museo9.

  • 10   Di tale manoscritto si conservano attualmente due copie, una presso la SPABA, l’altra nell’Archiv (...)

7L’«Inventario delle carte di contenuto storico-artistico del conte Alessandro Baudi di Vesme» che scaturì da quell’indagine costituisce ancora oggi lo strumento fondamentale per valutare la consistenza e l’articolazione del fondo dello studioso torinese all’indomani della sua scomparsa10.

  • 11   Il notiziario comprendeva anche gli artisti attivi in Savoia e in Sardegna.

8Una parte consistente delle “Carte” era costituita dal notiziario degli artisti subalpini e di quelli che avevano lavorato in o per il Piemonte, articolato in parte per ordine alfabetico (n. 1 dell’inventario post mortem), in parte per criterio topografico (nn. 4-25) e in buste per autore (nn. 26-35). Si trattava di un modello organizzativo non condizionato da alcuna periodizzazione, che alla struttura puramente alfabetica aveva affiancato l’aggregazione per località di provenienza e per luoghi di produzione artistica secondo l’antica geografia degli Stati sabaudi11. All’interno di un’opera di ricognizione sistematica e ad ampio raggio, sia dal punto di vista cronologico sia da quello delle diverse specializzazioni dei maestri considerati, le buste con «note e documenti» sul Sodoma, Defendente Ferrari, Macrino d’Alba e sulle famiglie degli Oldoni, Lanino e Giovenone confermavano la particolare attenzione riservata da Vesme ad alcuni protagonisti della storia pittorica regionale nella sua stagione quattro-cinquecentesca.

  • 12   Ivi, m. 13, c. 3, «Inventario delle carte di contenuto storico artistico del conte Alessandro Bau (...)

9L’archivio dello studioso si componeva, tuttavia, non solo della preziosissima documentazione che costituiva il notiziario, ma anche della rubrica a schede mobili delle pitture (affreschi, tele e tavole) esistenti sul territorio piemontese e ligure, divise per province e individuate nel corso dell’esercizio di tutela svolto da Vesme come soprintendente, verso la quale si era orientato immediatamente l’interesse della Minerva. Seguiva un nutrito numero di stampe fotografiche disposte per ordine topografico o tematico, ad eccezione delle buste nominative dedicate alle riproduzioni di opere di alcuni dei pittori su cui si erano concentrate le ricerche dello studioso12. Oltre ad alcuni libri, a manoscritti già pubblicati o in procinto di esserlo, a note tratte da documenti d’archivio o dedicate ad argomenti specifici, a trascrizioni di indici e cataloghi e alle carte personali, il fondo comprendeva anche miscellanee dedicate ad artisti vari (n. 44), a incisori e medaglisti (n. 45), a scultori (n. 55) e ad arazzi e tappezzerie (n. 56). Un assetto che riproduceva con buona probabilità la disposizione voluta da Vesme e che confermava, ancora una volta, la sua propensione a servirsi dell’indagine documentaria in ogni ambito di attività. L’inventario post mortem restituiva infatti una strutturazione delle carte funzionale a soddisfare esigenze diverse, e induce oggi a ritenere che il materiale così predisposto, incluso quello fotografico, fosse destinato non solo a supportare i suoi studi, ma anche ad agevolare la salvaguardia del patrimonio artistico mobile esistente nel Piemonte e nella Liguria e a favorire l’avanzamento delle indagini sulle collezioni della Regia Pinacoteca di Torino.

  • 13   Torino, SBSAEP, Archivio storico, 186.A, b), lettera di Pacchioni al Ministero della Pubblica Ist (...)
  • 14   Ivi, lettera di Cesare Baudi di Vesme a Pacchioni del 23 giugno 1924. Il 14 luglio Cesare Vesme c (...)
  • 15   Torino, SBSAEP, Archivio storico, 186.A, b), cartolina di Calabi a Pacchioni del 10 novembre 1923 (...)
  • 16   Ivi, lettera di Cesare Baudi di Vesme a Pacchioni del 14 luglio 1924.
  • 17   Ivi, lettera di Rovere a Pacchioni del 27 luglio 1924.
  • 18   Ivi, lettera di Pacchioni al Ministero della Pubblica Istruzione del 20 agosto 1924.
  • 19   Ivi, lettere di Pacchioni al Ministero della Pubblica Istruzione del 10 marzo e del 16 marzo 1925 (...)

10L’«Inventario» in questione venne inviato nell’aprile del 1924 a Cesare Baudi di Vesme, che nel frattempo faceva sapere a Pacchioni di aver venduto i libri del fratello – tranne il Dizionario geografico di Goffredo Casalis che lo studioso emiliano aveva richiesto per la biblioteca dell’istituto da lui diretto13 – e reclamava con una certa urgenza la documentazione su Francesco Bartolozzi per Augusto Calabi14, il quale si era già tempestivamente premurato di contattare Pacchioni per avere notizie al riguardo15. A metà luglio gli eredi proponevano al Ministero della Pubblica Istruzione di cedere i manoscritti per 4.000 lire16. Dopo il parere positivo espresso a nome della commissione da Lorenzo Rovere17, alla fine di agosto l’amministrazione centrale si dichiarò disposta all’acquisto della documentazione alla cifra pattuita in modo da destinarla alla pinacoteca di Torino, assicurando nel contempo a quest’ultima anche la collezione di incisioni di scuola piemontese18. Ancora un anno più tardi, nella primavera del 1925, Pacchioni avvertiva la Direzione Generale che gli eredi sollecitavano la formalizzazione delle procedure di compravendita del fondo, verso il quale nel frattempo si era rivolta anche l’attenzione della Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti, allora presieduta da Oreste Mattirolo19.

  • 20L. Rovere, Prefazione, in A. Baudi di Vesme, Manoscritti del conte Alessandro Baudi di Vesme rigu (...)
  • 21   Torino, SBSAEP, Archivio storico, 186.A, b), nota di Lorenzo Rovere e di Arturo Allomello a Pacch (...)

11A seguito del definitivo dietrofront della Minerva, l’archivio di Vesme venne salvato dalla dispersione grazie all’intervento del marchese Carlo Compans di Brichanteau, socio della SPABA, il quale offrì «la somma necessaria […] purché tutte le carte, che intanto erano rimaste depositate negli uffici della Regia Pinacoteca, passassero alla Società d’Archeologia e la direzione di questa studiasse i mezzi più opportuni per metterle in valore»20. Il 4 febbraio 1926 Lorenzo Rovere e Arturo Allomello effettuarono il ritiro dei materiali per conto della Società21.

6.2. I progetti di pubblicazione del «notiziario»

6.2.1. Il riordino di Lorenzo Rovere e gli estratti del 1928 e del 1932

  • 22   Torino, FTM, Archivio storico, CAA.143, “Verbale di eseguita consegna della biblioteca della SPAB (...)

12Appena divenute proprietà della SPABA, le “Carte Vesme” vennero date in consegna a Rovere, che ne curò «il riordinamento e il completamento» e le tenne presso di sé di certo sino al 193522.

  • 23   Si ricordi l’incipit della recensione al testo di Weber: Rovere 1911, pp. 137-138.
  • 24   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 13, c. 13 “Brinckmann”; ivi, m. 10, c. 3 “San Filippo”; ivi, m. (...)
  • 25   Torino, FTM, Biblioteca, “Schedario L. Rovere”, sc. “Piemonte I”, 61bis, schedario delle fonti e (...)
  • 26   Torino, FTM, Biblioteca, “Schedario L. Rovere”, sc. “Piemonte I” e “Piemonte II”.
  • 27   Ivi, sc. “Piemonte II”, Paesi Piemonte, provincia Novara-Vercelli, Artisti. Vercelli e vercellese (...)

13Il direttore del Museo Civico di Torino stava approntando in quegli anni il suo archivio personale (oggi conosciuto come “Schedario Rovere”), che predispose secondo schemi e finalità per molti versi analoghe a quelle adottate da Vesme per le sue “Carte” così da favorire, con buona probabilità, quella sistematizzazione delle notizie sulla storia artistica regionale più volte invocata in prima persona23. Anche alla luce di tale progetto va considerato il minuzioso lavoro di riordino eseguito sull’archivio del conte torinese, che costituì, nei contenuti oltre che nella struttura, il modello per la formazione del regesto delle fonti dedicate alla storia dell’arte in Piemonte composto da Rovere. Soltanto l’impiego delle “Carte” come materiale non solo da revisionare, ma sul quale lavorare per attingerne informazioni, può infatti giustificare il passaggio di alcuni documenti dell’Archivio Vesme al fondo Rovere, e viceversa. Così avvenne per le cartelle relative ad Albrecht Erich Brinckmann, per l’articolo di Giovanni Chevalley sulla chiesa torinese di San Filippo Neri e per le perizie eseguite dal direttore del Museo Civico su alcune raccolte private24, oggi parte delle “Carte” anziché dello “Schedario”, nel quale invece si conserva il manoscritto originale della comunicazione effettuata da Vesme al congresso romano del 191225. Nella composizione dei fascicoli dello “Schedario” dedicati alla cultura figurativa locale nelle sue diverse manifestazioni26, il debito contratto da Rovere verso le ricognizioni del conte è dichiarato nelle numerose note apposte a margine e dalla presenza di lunghi brani stralciati dalle “Carte”, che riportano trascrizioni di notizie e di appunti personali di Vesme27.

  • 28Artisti del ‘500 in Piemonte 26 luglio 1928, p. 6. Si conserva una copia dell’articolo tra le car (...)
  • 29La Mostra Storica Sabauda e della Vittoria nelle celebrazioni torinesi del IV centenario di Emanu (...)
  • 30Artisti del ‘500 in Piemonte 26 luglio 1928, p. 6.

14L’opera di riordino e di integrazione delle “Carte Vesme” eseguita da Lorenzo Rovere fu da subito finalizzata alla realizzazione di un piano editoriale. Nel 1928, alla fine di luglio, “La Stampa” annunciava l’imminente pubblicazione di una parte del fondo, in concomitanza con i festeggiamenti per il quarto centenario della nascita del duca Emanuele Filiberto di Savoia28. Mentre la Mostra Sabauda e della Vittoria curata da Rovere, Chevalley ed Eugenio Olivero ripercorreva la storia della dinastia regnante attraverso un allestimento ambientato29, l’occasione celebrativa suggerì il criterio da adottare per la pubblicazione dei manoscritti di Vesme, che si sarebbe concentrata sugli artisti che avevano operato alla corte del duca: «La nostra Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti – informava il quotidiano – sta preparando per i suoi soci un volume che porterà un prezioso contributo alla conoscenza dell’arte e degli artisti che lavorarono in Piemonte nel Cinquecento. La pubblicazione, che uscirà prima della fine del corrente anno, […] è basata sulle schede inedite compilate dal compianto e illustre storico dell’arte conte Alessandro Baudi di Vesme. […] Il socio dottor Lorenzo Rovere […] ha proceduto con devozione di amico e con alta dottrina al lavoro di scelta e di coordinamento delle schede. La pubblicazione sarà curata e annotata dalla professoressa Anna Brizio. […] Sarebbe desiderabile che la Società potesse trovare i fondi necessari per continuare la pubblicazione di tutto il preziosissimo materiale raccolto dal Vesme»30.

  • 31Baudi di Vesme 1928.

15Come annunciato dall’estensore dell’articolo, il volume si aprì con una prefazione del direttore del Museo Civico, che aveva curato in prima persona la scelta delle schede da inserire31.

  • 32Rovere 1911, pp. 137-146; Id. 1912, pp. 45-56.
  • 33   «Già dall’inizio della sua carriera [Vesme] si era dato alle ricerche di indole storico-artistica (...)
  • 34Ibidem.

16Mentre la raccolta delle fonti bibliografiche e archivistiche veniva dichiarata il presupposto indispensabile per la redazione di una storia critica dell’arte attraverso il richiamo all’imponente Kunstliteratur di Julius von Schlosser, il tono della nota introduttiva di Rovere rimaneva sostanzialmente allineato sulle posizioni espresse diciassette anni prima nella sua lunga recensione al volume di Siegfried Weber sui fondatori della scuola artistica subalpina32. A suo giudizio, dal punto di vista dell’avanzamento delle ricerche storico-artistiche, il Piemonte continuava infatti a trovarsi in «condizioni meno fortunate in confronto ad altre regioni d’Italia». «Non che siano mancati qui i ricercatori anche di lunga lena – precisava Rovere – […] ma è mancato poi finora completamente un lavoro di sintesi per cui il nostro Piemonte […] è rimasto una delle regioni meno conosciute d’Italia dal punto di vista storico-artistico. E lo stesso Schlosser precitato, pur così accurato in tutte le sue parti, quando si viene al Piemonte lascia scorgere gravi difetti e manchevolezze». Per converso, tutt’altro impegno era stato profuso da Alessandro Baudi di Vesme, che «aveva continuato le tradizioni dei suoi predecessori citati, ponendosi con maggior senso critico e con più profonda e vasta preparazione sulla via per esempio di quel Vernazza che già tanto materiale aveva raccolto»33. In merito alle vicende relative al mancato acquisto da parte del Ministero della Pubblica Istruzione, Rovere ricordava che tra le “Carte” «un gruppo cospicuo aveva attirato subito l’attenzione della commissione nominata: uno schedario […] di tutti gli artisti (pittori, scultori, architetti e artefici minori) che avevano lavorato in Piemonte o per il Piemonte, o piemontesi cioè di nascita, o nativi di altre parti d’Italia o dell’estero». La pubblicazione di quei manoscritti avrebbe colmato «una vera lacuna ogni dì dolorosamente constatata da quanti studiosi si occupano dell’arte in Piemonte. […] Nella maggior parte dei casi non si trovano che notizie monche, inesatte, talvolta contraddittorie o errate. Spesso si incontra il silenzio assoluto. E mentre per altre regioni d’Italia non c’è artefice di ultimissimo ordine che non possieda già una rispettabile bibliografia, per non pochi artisti che lasciarono numerose e valorose tracce dell’opera loro in Piemonte le cognizioni permangono del tutto insufficienti»34.

  • 35Rovere 1928, p. IX.

17La prefazione di Rovere confermava che sullo scorcio degli anni Trenta del Novecento tra i ricercatori subalpini si manteneva intatta la convinzione di dover predisporre una solida base filologica di riferimento per poter affrontare lo studio della storia delle arti in Piemonte. Nonostante la struttura scelta da Vesme per il suo notiziario non presentasse alcuna scansione per epoche, la pubblicazione del 1928 si orientò verso il secondo Cinquecento, lasciando da parte la stagione rinascimentale, attorno alla quale aveva gravitato la maggior parte delle indagini condotte in loco sino ad allora. Mentre ricordava Vesme come un «raccoglitore di documenti» e ribadiva che le precarie condizioni finanziarie della SPABA non avevano consentito che una parziale pubblicazione del suo fondo, la premessa di Rovere si chiudeva con i sentiti ringraziamenti ad Anna Maria Brizio per l’impegno da lei profuso nella scelta e nel controllo delle schede che, fatte le opportune valutazioni, erano state corredate da alcune note critiche e selezionate nei passaggi ritenuti più significativi35.

  • 36 A. Baudi di Vesme, L’arte alla corte di Emanuele Filiberto e Carlo Emanuele I (nei primi anni del (...)
  • 37Arte in altre parti del Piemonte incluse o escluse dal ducato di Savoia, ivi, pp. 255-316. Che du (...)
  • 38A. Baudi di Vesme, Di alcune monete, medaglie e pietre dure intagliate per Emanuele Filiberto duc (...)
  • 39Il Rinascimento piemontese, in “La Stampa”, a. LXII, n. 138, 10 giugno 1929, p. 8.
  • 40Il bibliografo, recensione a Baudi di Vesme 1928, in «L’Arte», n.s., a. XXXI, f. 5, 1929, pp. 283 (...)

18Le voci riprodotte a stampa con la finalità di esemplificare la varietà delle manifestazioni artistiche locali vennero ricavate tanto dallo schedario alfabetico quanto dalle buste cosiddette per località. Nella prima parte del volume si presentarono perciò alcuni tra gli architetti, i pittori, gli scultori, gli orefici, i medaglisti, gli incisori di pietre dure, gli armorari, gli ageminatori, gli incisori e tipografi, gli stuccatori, i vasari, gli arazzieri e i ricamatori che avevano lavorato durante il ducato di Emanuele Filiberto e nei primi anni di quello di Carlo Emanuele I di Savoia (1528-1580)36. Nella seconda confluì invece un’antologia del materiale ordinato topograficamente, dal quale erano state estrapolate le schede di alcuni artisti attivi nel secondo Cinquecento37. In omaggio al programma di celebrazione del duca sabaudo, l’appendice ospitò il saggio di Vesme intitolato Di alcune monete, medaglie e pietre dure intagliate per Emanuele Filiberto duca di Savoia, già pubblicato nel 1901 in soli dodici esemplari38. Sull’impresa editoriale ritornò nell’estate del 1929 “La Stampa”, che la ricordò tra «gli effetti pratici dal punto di vista scientifico» innescati dai festeggiamenti per Emanuele Filiberto39; nel contempo il bollettino bibliografico de «L’Arte» annunciava ai suoi lettori l’attesa pubblicazione dei manoscritti di Vesme, congratulandosi con la Brizio per la cura da lei impiegata nella trascrizione e revisione dei testi40.

  • 41A. Baudi di Vesme, L’arte negli stati Sabaudi ai tempi di Carlo Emanuele I, di Vittorio Amedeo I (...)
  • 42   L. Rovere, Prefazione, ivi, p. IX.
  • 43   A testimonianza di un nuovo spostamento di carte che non venne risanato rimane il fascicolo “Lett (...)
  • 44Rovere 1932, p. X.

19Nel 1932, grazie al contributo economico del senatore Luigi Burgo e in occasione del primo Congresso regionale delle Società storiche piemontesi tenutosi a Cavallermaggiore (CN), fu data alle stampe una seconda tranche di voci biografiche estesa alla cronologia relativa ai ducati di Carlo Emanuele I, Vittorio Amedeo I e alla reggenza di Cristina di Francia (1580-1650)41. A differenza dell’esperimento editoriale precedente, le schede, suddivise per grandi gruppi e organizzate all’interno di essi in ordine alfabetico, furono presentate senza postille42. La pubblicazione seguì i medesimi parametri di ordinamento adottati nel 1928, proponendosi di coprire un arco cronologico preciso e di rappresentarne la storia artistica attraverso una casistica differenziata di profili, che questa volta vennero ordinati alfabeticamente all’interno delle classi tipologiche di appartenenza e non furono più né commentati né contrassegnati da un’indicazione di provenienza, nel caso appartenessero alle buste per località43. Nella sua prefazione agli «Atti della Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti» del 1932, Lorenzo Rovere riprendeva i concetti già espressi quattro anni prima, insistendo sulla ferma volontà della Società (allora guidata da Attilio Bonino) di pubblicare nella sua versione integrale l’intera mole documentaria raccolta da Vesme in un momento successivo e più favorevole dal punto di vista del reperimento delle risorse finanziarie. Il progetto prevedeva la suddivisione del materiale in grandi categorie di produzione artistica, a loro volta ordinate per criterio alfabetico, e la redazione di indici topografici «in modo da presentare […] un quadro delle regioni e dei luoghi e dei monumenti dove gli artisti stessi esplicarono la loro attività»44.

  • 45A. Cavallari Murat, L’arte negli stati sabaudi da Carlo Emanuele I alla reggenza di Cristina di F (...)
  • 46   «Non si deve dimenticare – scriveva Cavallari – che quando gli si prestò occasione seppe intuire (...)
  • 47   Torino, FTM, Biblioteca, “Schedario L. Rovere”, sc. “Piemonte I”, f. “Bibliografia generale del P (...)
  • 48   Torino, FTM, Archivio storico, SMO 144-145. La documentazione, costituita da appunti per la proge (...)
  • 49   Sulla figura di Viale si sono concentrate le giornate di studi Vittorio Viale direttore di museo. (...)
  • 50L. Rovere, V. Viale, A.E. Brinckmann, Filippo Juvarra, Oberdan Zucchi, Milano 1937, p. 39.
  • 51   Il materiale presentato dai due studiosi era costituito dai «documenti, ancora inediti, che, racc (...)

20L’uscita del volume fu annunciata ai lettori della rivista «Torino» da Augusto Cavallari Murat45, che profittò dell’occasione per tratteggiare un primo profilo di Alessandro Baudi Vesme e il ruolo decisivo da lui giocato nell’individuazione «dei caratteri e dei pregi di una pittura piemontese che prima era negata» attraverso i suoi studi su Spanzotti46. Due anni più tardi la «Revue d’histoire ecclésiastique» contribuì alla divulgazione dell’iniziativa al di fuori dell’ambito nazionale, segnalandone l’utilità anche per i ricercatori italiani o stranieri che in qualche modo entravano in contatto, nel corso delle loro indagini, con le vicende artistiche del Piemonte47. Che il ricorso al notiziario di Vesme fosse diventato nel frattempo una consuetudine operativa tra gli studiosi piemontesi trovò la sua piena conferma anche nel 1937, quando si inaugurò la mostra del Barocco piemontese48 e venne contestualmente pubblicato il regesto su Filippo Juvarra, presentato da Rovere e da Vittorio Viale49 come la «base filologica compilata sui documenti» da cui sviluppare «la futura biografia critica» dell’architetto messinese50: nel volume erano confluite tutte le preziose notizie raccolte sull’argomento da Vesme, che purtroppo sarebbero risultate irreperibili nel secondo dopoguerra, alla ripresa dei lavori per la pubblicazione del materiale51.

6.3.2. Gli anni Sessanta e i primi tre volumi delle Schede

  • 52   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, lettera di V (...)
  • 53   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, lettera di V (...)

21Nel 1935 la SPABA fu sciolta e confluì nella Deputazione subalpina di storia patria, per ricostituirsi soltanto nel 194752. Tra il 1936 e il 1937 il fondo Vesme fu collocato presso gli uffici del Museo Civico di Torino, dove si trovava ancora al principio degli anni Ottanta, quando iniziarono i lavori per l’edizione del quarto volume delle Schede Vesme. Nonostante le vicende occorse alle “Carte” tra il 1932 e il 1958 (anno in cui venne ripreso il piano di pubblicazione) rimangano in parte ancora da chiarire, negli «anni difficili» della permanenza della Società presso la Deputazione di storia patria e nel periodo postbellico il progetto di dare alle stampe il notiziario di Vesme non solo non fu abbandonato, ma proseguì sotto la guida intelligente prima di Rovere e poi di Vittorio Viale, che impegnarono il personale del museo da loro diretto nella trascrizione delle voci biografiche, giunta nel 1958 a un totale di 900 schede53.

  • 54   Su Cavallari Murat (1911-1989) si rimanda a F. Zampicinini, Scritti di Augusto Cavallari Murat, i (...)
  • 55   «Colgo l’occasione per chiederle se verrà attuata la promessa pubblicazione delle schede di mio z (...)
  • 56   Ivi, m. 25, c. 12, lettera di Viale a Cavallari Murat del 16 marzo 1959.

22Alla fine degli anni Cinquanta, sotto la presidenza di Augusto Cavallari Murat54, furono avviate nuove indagini sul regesto documentario con l’intento di concretizzare in breve tempo i programmi rimasti in sospeso, che nel frattempo venivano rilanciati anche dal nipote dello studioso, Carlo Baudi di Vesme55. Nello stadio esplorativo che precedette e preparò la pubblicazione, la Società si avvalse del comitato allora preposto alla cura dei propri piani editoriali, guidato da Vittorio Viale e composto da Carlo Felice Bona, Marziano Bernardi, Aldo Bertini, Carlo Carducci, Angelo Dragone, Andreina Griseri, Ernesto Scamuzzi, Paolo Verzone e Luigi Mallè56.

  • 57   Ivi, m. 24, c. 19, lettera di Cavallari Murat a Viale del 29 aprile 1959.
  • 58   Ivi, m. 25, c. 12, lettera di Viale a Cavallari Murat del 27 maggio 1959.
  • 59   Ivi, m. 24, c. 19, lettera di Viale a Cavallari Murat del 2 maggio 1959.
  • 60   Ivi, lettera di Viale a Cravero del 7 maggio 1963.
  • 61   Sul tema si vedano gli inquadramenti tracciati da R. Coppo, La riscoperta dell’arte barocca in Pi (...)
  • 62   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, c. 19, lettera di Cavallari Murat a Viale dell’8 g (...)
  • 63   Prendendo in osservazione il I volume delle Schede (A-C), vi si trovano intercalate schede appart (...)

23Nella primavera del 1959 si ipotizzò «lo smaltimento di tutte le schede» entro l’anno successivo «in edizione economica e maneggevole, tipo enciclopedia», da articolare in ben dieci volumi57. Mentre Viale metteva in guardia Cavallari Murat sull’impegno che la SPABA stava per assumersi58, durante l’estate partirono le prime opere di ricognizione, sulla base delle preziose trascrizioni svolte negli anni precedenti59. Scartata la proposta di Viale di considerare i manoscritti di Vesme nella loro piena estensione cronologica60 e in perfetta continuità con i lavori approntati nel 1928 e nel 1932 e con gli orientamenti della ricerca storico-artistica coeva verso le arti del Sei e Settecento61, la commissione concentrò il suo lavoro sulla pubblicazione del materiale relativo al secolo XVIII. La stagione barocca venne individuata come il segmento cronologico su cui far convergere la ricerca, anche in ragione delle predilezioni dei potenziali finanziatori dell’iniziativa e degli interessi del pubblico: «L’operazione schede Vesme può riuscire finanziariamente solo se interessa totalmente il periodo settecentesco», scriveva il presidente della Società a Viale, mentre lo rassicurava sulla competenza scientifica dei ricercatori impiegati nell’impresa e gli chiedeva di radunare nel proprio studio o «dove crederai opportuno gli originali relativi al Settecento»62, recuperandoli sia dallo schedario alfabetico, sia dalle buste per località63.

  • 64   Ivi, lettera di Aldo Bertini a Cavallari Murat del 17 luglio 1959.

24Oltre alla decisione di posticipare l’edizione delle schede riferite al periodo antecedente la metà del Cinquecento – peraltro non condivisa all’unanimità – all’interno del comitato si manifestarono forti perplessità sui parametri redazionali da adottare e sulle effettive possibilità di portare a termine il progetto editoriale in tempi brevi. A questo proposito, durante la disamina preliminare condotta durante l’estate, Aldo Bertini non mancò di esprimere a Cavallari le proprie considerazioni sui criteri da seguire e sulla convenienza di editare tutto il materiale radunato da Vesme, già da tempo conosciuto e utilizzato dagli storici dell’arte. Senza sottovalutare gli oneri e i rischi che un’iniziativa di tale portata avrebbe implicato, Bertini sottolineava che l’obiettivo di ottenere un risultato apprezzabile dal punto di vista scientifico non doveva in alcun modo cedere il passo all’esigenza di chiudere il lavoro in tempi rapidi, suggerendo «l’aggiunta delle note strettamente indispensabili all’orientamento del lettore» e raccomandando «di non fissare limiti di tempo troppo rigidi per la pubblicazione, che richiederà notevole dispendio di fatica, se si vuole rimanere fedeli a quella linea di rigore critico cui si sono ispirate le pubblicazioni della Società»64.

  • 65   Ivi, c. 17, lettera di Dragone a Viale del 7 ottobre 1963.
  • 66   Ivi, c. 15, lettera dell’Azienda Grafica Editoriale a Cavallari Murat del 5 settembre 1960.
  • 67   Ivi, c. 15, lettera dell’Azienda Grafica Editoriale a Cavallari Murat del 29 novembre 1960; si ve (...)
  • 68   Ivi, lettera di Cravero a Ernesto Scamuzzi del 6 marzo 1962, da cui si apprende che Viale aveva t (...)
  • 69   Ivi, m. 25, c. 7, lettera di Cavallari a Viale del 3 febbraio 1960.
  • 70   Ivi, m. 24, c. 9, lettera di Anna Maria Brizio a Cravero del 10 giugno 1963.

25La ricognizione venne portata a termine alla fine dell’anno. Angelo Dragone, che era stato chiamato a vagliare i manoscritti, riferì a Cavallari Murat i risultati delle sue indagini (che mettevano in evidenza le manomissioni compiute durante il periodo 1932-1958) e le previsioni per l’invio in stampa delle biografie selezionate65. Nel 1960 venne ipotizzata la realizzazione di quattro volumi66 e si decise di avviare la composizione dei primi due, che avrebbero accolto in ordine alfabetico le voci degli artisti per la cronologia 1550-1800, comprese quelle già pubblicate in precedenza67. Vittorio Viale svolse una parte decisiva nella progettazione del primo di essi, anche partecipando materialmente alla copiatura del materiale sino al febbraio di quell’anno68, quando presentò le proprie dimissioni dalla carica di presidente della commissione redazionale e venne sostituito da Cavallari Murat69. Nonostante Bertini si fosse espresso a favore dell’aggiunta di postille esplicative a corredo dei testi (soluzione in seguito riproposta dalla Brizio)70, si stabilì che l’edizione avrebbe riportato sic et simpliciter le notizie senza commenti o integrazioni di sorta, come suggerito da Noemi Gabrielli, allora soprintendente alle gallerie del Piemonte e vice-presidente della SPABA.

  • 71   Ivi, c. 14, lettera dell’Azienda Grafica Editoriale a Cravero del 22 gennaio 1962; ivi, c. 15, le (...)
  • 72   Dopo la mostra Gotico e Rinascimento in Piemonte del 1938, curata da Rovere e Viale, si deve alla (...)
  • 73V. Viale (a cura di), Mostra del Barocco piemontese, catalogo della mostra (Torino, Palazzo Reale (...)
  • 74   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, lettera di V (...)

26Nel 1963 si infittirono gli scambi epistolari in vista della pubblicazione del primo volume, slittata di molti mesi rispetto alle scadenze preventivate con la casa editrice, che già nel marzo dell’anno precedente aveva minacciato di recedere dall’impegno a causa dei ripetuti ritardi nella consegna delle bozze71. Nella primavera inoltrata Viale, non più coinvolto in prima persona nella vicenda editoriale ma interpellato da Cravero, ritornò ancora una volta sulla decisione di escludere la pubblicazione del materiale relativo al periodo antecedente la metà del Cinquecento, esprimendo tutto il proprio sconcerto per le spudorate dichiarazioni della commissione editoriale sulla presunta recente scoperta di tali manoscritti: «Mi pare che in codesta lettera le si faceva presente – scriveva il direttore del Museo Civico di Torino a Cravero – che la commissione era venuta solo ora a conoscenza che vi sono delle schede Vesme per il periodo anteriore al 1559. Non si meravigli che io sia rimasto sorpreso di una siffatta affermazione, dato che questo gruppo di schede è stato sicuramente visto, consultato e citato dai firmatari della lettera. E aggiungo che in tutti libri ed articoli correnti che trattano dell’arte piemontese dal XIII al XVI secolo […] codeste schede sono ricordate fra le fonti bibliografiche». Pur riconoscendo l’opportunità di dare la precedenza alle carte relative all’epoca barocca (che diversamente dal “primo periodo” della storia artistica regionale72 era ancora in attesa di una definizione critica e alla quale, proprio nel 1963, veniva dedicata la mostra sul Barocco piemontese73), Viale non mancava di ribadire con decisione la sua posizione a favore della pubblicazione delle voci di cronologia anteriore: «Desidero precisare che quando […] io ho sottoposto alla commissione la continuazione della pubblicazione delle schede Vesme si sono unicamente considerate le schede dalla fine del ‘600 a tutto il ‘700. […] Aggiungo che al momento stesso in cui lasciai la presidenza della commissione delle pubblicazioni consegnai al segretario Mallé l’intero gruppo di schede, comprese quelle dal XIII al XIV secolo. […] Anche questo gruppo di schede è di considerevole ampiezza, consistendo di otto fascicoli di schede e di quaderni ordinati per località, con particolare riguardo ad alcuni centri maggiori come Vercelli, Casale, Pinerolo etc. o ad alcuni artisti come Spanzotti, Defendente, i Giovenone, gli Oldoni, etc.»74.

  • 75   Ivi, L’imminente pubblicazione delle schede Vesme per il periodo barocco, s.d. [ma 1963].
  • 76   Ivi, bozza di lettera di Cravero ai soci, s.d.
  • 77A. Baudi di Vesme, Schede Vesme. L’arte in Piemonte dal XVI al XVIII secolo (A-C), vol. I, Stampe (...)
  • 78A. Dragone, Ripubblicate le Schede Vesme con la storia dell’arte sabauda, in “La Stampa”, a. XCVI (...)
  • 79   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, nota di comu (...)
  • 80   Ivi, lettera di Cravero a Viale del 18 novembre 1963. Non è stato possibile risalire alla composi (...)

27Mentre proseguivano i lavori per la preparazione del primo volume, la Società si impegnava nel difficile compito di reperire nuovi finanziamenti. A tal fine, fu inviato ai soci un comunicato che metteva in luce l’importanza delle Schede per la conoscenza di «quell’arte barocca piemontese che già ha avuto tanti riconoscimenti dalla critica internazionale». I sei volumi previsti dal nuovo piano editoriale avrebbero accolto le voci ordinate alfabeticamente dalla A alla Z, comprese quelle già pubblicate nel 1928 e nel 1932; un settimo sarebbe stato dedicato agli indici e alle note critiche75. La circolare (che conteneva anche le indicazioni su come prenotare l’acquisto ed era corredata dalle schede esemplificative di Agostino Tassi, Federico Zuccari, Francesco De Mura e Giovanni Paolo Pannini) precisava inoltre che la serie completa si sarebbe intitolata L’arte nella seconda metà del ‘600 e del ‘700 negli Stati sabaudi (schede Vesme)76. Benché ne fosse stata preventivata l’uscita nel giugno del 196377, il primo volume delle Schede venne presentato da Roberto Cravero soltanto alla fine di novembre di quell’anno, durante un’adunanza della SPABA a cui parteciparono tutte le autorità cittadine e che venne prontamente recensita da Angelo Dragone su “La Stampa”78. In quell’occasione il presidente annunciò l’imminente pubblicazione del materiale restante relativo al Sei e Settecento e di una serie di indici per agevolarne la consultazione; i manoscritti per località e quelli relativi al periodo antecedente la metà del secolo XVI sarebbero stati oggetto di una pubblicazione conclusiva79, affidata all’apposito gruppo di lavoro costituito durante l’estate con il compito specifico di «esaminare l’opportunità di estendere o no al primo periodo la pubblicazione delle schede»80.

  • 81   Ivi, c. 14, lettera di Cravero alla commissione redazionale delle pubblicazioni del 12 novembre 1 (...)
  • 82   Ivi, lettera di Cavallari Murat a Dragone del 2 dicembre 1963; ivi, lettera di Cravero a Giorgio (...)

28Dopo le diplomatiche raccomandazioni di Cravero per un «più approfondito scambio di idee» tra i componenti della commissione in modo da evitare le «difficoltà incontrate nell’elaborazione del primo volume» e valutare con maggior accuratezza «l’eventuale pubblicazione del primo gruppo delle schede»81, a dicembre prendevano il via i lavori per l’edizione del secondo tomo, destinato ad accogliere le voci dalla lettera D alla M. In qualità di presidente della commissione, Cavallari Murat si rivolse ad Angelo Dragone, che era stato incaricato dello spoglio del materiale, per ricevere consigli sull’eventualità o meno di far rientrare nel volume la voce “Lanino”, «tanto più in previsione di quanto sta per decidere la sottocommissione quanto alle schede appartenenti al primo periodo»82.

  • 83   Ivi, comunicazione ai soci di Cravero, gennaio 1964.
  • 84   Ivi, c. 17, lettera di Carboneri ad Agostino Cerutti del 12 febbraio 1964.
  • 85   Ivi, comunicazione ai soci di Cravero, gennaio 1964.
  • 86   Ivi, c. 17, lettera di Carboneri ad Agostino Cerutti del 12 febbraio 1964.
  • 87   Ivi, lettera di Cravero a Dragone del 24 febbraio 1964.
  • 88   Ivi, lettera di Cravero a Cavallari Murat del 5 marzo 1964.
  • 89   Ivi, lettera di Viale a Cravero del 16 marzo 1964.

29Nel gennaio 1964 Cravero informava i soci dell’imminente pubblicazione del secondo volume83, che sarebbe dovuto uscire nel mese di marzo84, prospettando nuovamente la composizione di una parte topografica e di indici analitici85. La circolare segnalava l’importanza e la continuità dell’iniziativa promossa alla fine degli anni Cinquanta, quando «l’idea di un proseguimento nell’originario disegno si convertì nella ferma determinazione di portare a compimento l’impresa, delineando un vero e proprio piano editoriale per mettere le schede Vesme al più presto a disposizione di tutti (né degli italiani soltanto, visto l’interesse col quale gli stessi stranieri ormai guardano all’arte piemontese)»86. A febbraio Dragone fu informato da Nino Carboneri, nuovo presidente della SPABA, che Cravero aveva fatto redigere dal figlio Davide un confronto con il regesto stilato da Rovere e Viale nel 1937, al fine di ricomporre la scheda perduta di Filippo Juvarra e inserirla nel volume in preparazione. Dopo aver abbandonato tale ipotesi per la ferma opposizione di Viale87, Cravero si rivolse a Cavallari Murat per ottenere il suo parere sulla convenienza di segnalare quell’imbarazzante omissione, magari con una nota di rimando al regesto, mentre allegava i risultati delle verifiche svolte dal figlio88; una decina di giorni più tardi Viale, interpellato sulla possibilità di pubblicare le note da lui stilate insieme con Rovere in sostituzione dell’originale, esprimeva a Cravero il suo pieno dissenso anche da questa seconda ipotesi89.

  • 90   Ivi, lettera di Cravero ad Agostino Cerutti del 12 febbraio 1964.
  • 91Ibidem.
  • 92A. Baudi di Vesme, Schede Vesme. L’arte in Piemonte dal XVI al XVIII secolo (D-M), vol. II, Stamp (...)
  • 93   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, lettera di C (...)
  • 94 N. Carboneri, [Introduzione], in Baudi di Vesme 1966.

30Il secondo volume sarebbe dovuto uscire nel marzo 196490 e avrebbe dovuto accogliere anche la lettera M, inizialmente destinata al terzo volume e in seguito fatta confluire nel secondo «poiché non è stato possibile rintracciare la voce Juvarra e, per ragioni di opportunità, si dovrà differire la pubblicazione della voce Lanino per unirla al gruppo degli artisti vercellesi del primo periodo (secoli XIII/XVI)»91. In realtà, il secondo tomo vide la luce soltanto nel 196692. Nella sua introduzione Nino Carboneri ricordava il lavoro del consiglio direttivo precedente, della commissione preposta alle pubblicazioni della Società e le pazienti revisioni condotte da Angelo Dragone, Davide Cravero e Luciana Barzan93. Tra le caute precisazioni sul carattere della pubblicazione, definita «un’edizione di fonti» non «aggiornata e definitiva» che avrebbe richiesto di essere affrontata con tutta una serie di avvertenze, non mancava l’accenno alla predilezione per la pittura locale di Quattro e Cinquecento di Vesme che, «o per interesse di ricerca o per casuale abbondanza di reperimenti, ha dedicato maggiore attenzione e di conseguenza più ampio spazio a determinati artisti rispetto ad altri, indipendentemente da un giudizio qualitativo. Le inevitabili sproporzioni vanno quindi intese per quello che in sostanza rappresentano, cioè il frutto diretto ed immediato dell’esplorazione archivistica, non ancora sottoposto al rigore di una compilazione preordinata»94.

  • 95A. Baudi di Vesme, Schede Vesme. L’arte in Piemonte dal XVI al XVIII secolo (N-Z), vol. III, Stam (...)
  • 96   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, lettera di N (...)

31Il terzo volume (lettere N-Z) venne licenziato nel 196895, con una prefazione introduttiva di Noemi Gabrielli, in veste di nuova presidente della SPABA. L’anno successivo, durante la campagna di divulgazione dell’opera, la studiosa ricordava con orgoglio al sindaco di Torino che l’«enciclopedia» era approdata a un totale di ben duemila e quarantadue voci biografiche96.

6.3.3. Il IV volume

  • 97   Ivi, c. 19, lettera di Carlo Baudi di Vesme a Franco Mazzini del 4 ottobre 1973.
  • 98A. Rosboch, [Introduzione], in Baudi di Vesme 1982, p. VI.

32Nonostante le sollecitazioni di Carlo Baudi di Vesme, che già nel 1973 aveva invocato la ripresa dei piani editoriali sui manoscritti dello zio segnalando polemicamente come se ne fosse «utilizzata per anni l’opera […] ignorandone la figura»97, il progetto di pubblicazione delle “Carte” ripartì soltanto nel 1979, sotto la presidenza di Piero Cazzola98.

  • 99   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, c. 15, lettera di Rosboch a Mario Viora di Bastide (...)
  • 100   Alessandro Rosboch, succeduto a Cazzola alla guida della Società, annunciò infatti che il volume (...)

33Nell’estate del 1981 si cercarono i contributi economici per realizzare l’impresa, che avrebbe assicurato l’edizione di tutte le schede in precedenza escluse per incongruenza cronologica99. Il testo sarebbe stato corredato da illustrazioni e composto da circa 600 pagine100.

  • 101   Gentile partecipò soltanto ai lavori iniziali della commissione: Baudi di Vesme 1982, p. VII.
  • 102   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, G.G. Massara(...)
  • 103Ibidem.

34Formata da Carlo Baudi di Vesme, Antonella Bo, Augusto Cavallari Murat, Maria Bianca Denoyé Pollone, Anna Serena Fava, Angelo Giaccaria, Guido Gentile101, Augusta Lange, Gian Giorgio Massara, Paolo Nesta, Vittorio Roccavilla, Dario Sesia e Maria Luisa Tibone Moncassoli, la commissione fu chiamata a dare corpo e sistema alle voci rimaste inedite e a vagliare nel contempo l’eterogeneo quanto prezioso materiale che insieme con il notiziario componeva l’archivio di Vesme. Oltre a pianificare la stesura di un quinto tomo, destinato ad accogliere gli indici «sia topografici che per materia e per nomi»102, il comitato avrebbe dovuto predisporre le ricognizioni necessarie per individuare e rubricare quanto sarebbe rimasto escluso anche dal quarto volume: «Tracciare cioè l’elenco di quanto rimane nelle cartelle – quasi sempre riordinate da Lorenzo Rovere – e conservate attualmente presso i Musei Civici di Torino ma di proprietà della SPABA: si tratta di numerosi stemmi di famiglie di pittori, di elenchi di opere conservate in collezioni reali o private, di antiche fotografie, di interventi di restauro, di monogrammi e firme, di pubblicazioni e articoli»103.

  • 104Ibidem.
  • 105G.G. Massara, Un grande cacciatore, in “La Gazzetta del popolo”, a. CXXXV, n. 71, 2 dicembre 1982 (...)

35L’uscita del quarto volume delle Schede, prevista per la primavera del 1982, slittò alla fine dell’anno, e l’opera comparve senza alcun corredo iconografico104. Dalle pagine de “La Gazzetta del Popolo” di giovedì 2 dicembre Gian Giorgio Massara annunciava che la sua presentazione e la commemorazione della figura e dell’attività di Vesme da parte di Rosalba Tardito Amerio, Augusto Cavallari Murat e Angelo Dragone sarebbero avvenute l’indomani nel salone dell’Accademia delle Scienze, in contemporanea con l’inaugurazione delle nuove sale della Galleria Sabauda dedicate ai maestri fiamminghi e olandesi105.

  • 106Cavallari Murat 1982, pp. XI-XXVII.
  • 107   Si ricordino i percorsi tracciati in merito da Castelnuovo, Rosci 1980, 3 voll. Per le iniziative (...)
  • 108   Appendice, 6.A, n. 3. Lo schedario per province si trova integro in Torino, SPABA, Archivio Vesme (...)
  • 109   Più precisamente, un taccuino manoscritto di Vesme (m. 5, c. 1) e parte della documentazione dell (...)

36La pubblicazione era introdotta da una prefazione di Rosboch, che ripercorreva le tappe principali della vicenda editoriale delle “Carte”, e da un lungo saggio di Cavallari Murat, che da allora avrebbe costituito il punto di riferimento per la ricostruzione del profilo del conte torinese, confermando quella lettura di ricercatore di documenti che già Rovere aveva delineato nel discorso pronunciato all’indomani della scomparsa di Vesme106. Diversamente dai precedenti, il volume era articolato in due parti. Nella prima, organizzata secondo il consueto ordine alfabetico e priva di note critiche, erano confluite tutte le schede del notiziario rimaste inedite; tra esse, quelle degli artisti del XIX secolo, vale a dire un segmento fondamentale per la storia della cultura figurativa piemontese, che proprio all’inizio degli anni Ottanta riceveva dalla storiografia contemporanea i suoi primi riconoscimenti, sulla scorta delle esperienze toscane di Sandra Pinto107. La seconda sezione, intitolata Elenchi di opere presso parrocchie, musei, comuni e collezioni private, aveva accolto invece materiali fortemente eterogenei: lo schedario sulle pitture esistenti in Piemonte e Liguria che al momento della scomparsa di Vesme era stato al centro delle trattative intercorse tra il Ministero della Pubblica Istruzione e i suoi eredi108, il contenuto delle buste cosiddette per località che non si riferiva a voci biografiche (di queste, inserite nella I sezione, si riportava però un elenco) e altri documenti esistenti nell’Archivio Vesme di cui si era giudicata opportuna la pubblicazione, insieme con le integrazioni a suo tempo effettuate da Rovere, debitamente distinte e siglate109.

  • 110   Anziché continuare con le note relative alla provincia di Genova, le schede su quella di Cuneo (A (...)
  • 111Baudi di Vesme 1982, pp. 1671-1672; 1668; 1693.
  • 112   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 5, c. 1.
  • 113Baudi di Vesme 1982, pp. 1673-1676.
  • 114   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 10; cfr. anche Baudi di Vesme 1982, pp. 1693-1702.
  • 115   Ivi, pp. 1722-1736. Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 6.
  • 116   Le Note sparse raccolgono appunti suddivisi tra mazzi diversi dell’Archivio Vesme (5 e 9).

37In questa parte del volume la commissione editoriale decise perciò di adottare come parametro di organizzazione quello topografico e di adeguare tutta la documentazione all’articolazione per province (Cuneo, Genova, Portomaurizio, Alessandria, Novara, Torino) della rubrica a schede mobili composta da Vesme a supporto della sua attività di soprintendente, che fu scorporata e trasformata nella struttura portante della sezione110. Un criterio che tuttavia non venne applicato rigorosamente, come attestano per esempio gli appunti relativi a Chieri, sparsi in ben quattro differenti punti del testo anziché essere radunati sotto un’unica voce111, e le note sui sopralluoghi effettuati in diverse località del Piemonte da Vesme e registrate su un taccuino112, mantenute invece in un unico corpus113. All’impianto topografico si adattarono anche alcune notizie ordinate in realtà per argomento. Così avvenne per quelle relative all’Accademia di San Luca, in sede editoriale raccolte sotto la voce “Torino” ma appartenenti a una miscellanea insieme con gli arazzi e le tappezzerie114, e per il documento sui Gioannetti e la fabbrica di Vinovo, rubricato sotto la voce “Vinovo” creata ad hoc115. Nella piccola appendice Note sparse figuravano appunti e trascrizioni di fonti verosimilmente ritenute non riconducibili alle prime due sezioni ma che si era giudicato necessario editare116; infine, uno stringato indice nominativo e topografico inserito in chiusura sopperiva provvisoriamente all’assenza del preventivato quinto volume.

6.3. Oltre le Schede. Prospettive di ricerca e fruizione

38Con l’uscita del IV volume si chiudeva la lunga vicenda editoriale delle “Carte Vesme”, inaugurata nel 1928 con la presentazione in estratto di alcune schede sugli «Atti della Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti».

  • 117   Si vedano gli indici dattiloscritti e firmati da Massara e Mario Frascione allegati alle carte re (...)
  • 118   Ivi, m. 13, c. 14, lettera di Massara a Rosanna Maggio Serra del 28 gennaio 1993.
  • 119   Ivi, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, lettere di Elena Della (...)
  • 120   Ivi, Inventario generale, introduzione archivistica di Ilaria Bibollet e Laura Gatto Monticone.
  • 121   Ivi, inventario corrente dell’Archivio Vesme (1998): Appendice, 6.B. Si consideri per esempio la (...)

39Sullo scorcio degli anni Novanta del secolo scorso, mentre il fondo dello studioso torinese depositato presso il Museo Civico di Torino rientrava nella sede della Società, Gian Giorgio Massara si fece carico di svolgere nuove indagini per individuare il materiale rimasto inedito ed effettuare alcuni interventi di classificazione e ordinamento117. Gli esiti della sua ricerca vennero sottoposti alla presidenza della SPABA nel 1993118, insieme con un’istanza per la ripresa del progetto editoriale e il contestuale avanzamento della candidatura di Elena Dellapiana per una revisione delle “Carte” propedeutica a predisporne un’analisi critica119. Nel marzo del 1998, in concomitanza con i lavori di verifica e di riorganizzazione dell’archivio societario svolti da Laura Gatto Monticone e Ilaria Bibollet, fu approntato anche il riordino dell’intera raccolta documentaria del conte torinese120, durante il quale le due archiviste cercarono di «mantenere il più possibile evidente la struttura originaria della documentazione, limitandosi a suddividere le schede vere e proprie da quello che si può considerare “materiale preparatorio” alle medesime, precisando le schede già pubblicate e quelle inedite» e dedicando alle fotografie una sezione apposita per ragioni conservative121.

  • 122   Per esempio, le carte che costituiscono la busta su Alessandria (n. 7 dell’inventario post mortem(...)
  • 123   Come confermato dalla brevità a dir poco sospetta di alcuni profili (quello di Gaudenzio Ferrari, (...)
  • 124   I materiali radunati nella cartella 3 della scatola 3 (“Schede sparse pubblicate”) si riferiscono (...)

40Da allora nessun’altra opera di revisione è stata condotta sul fondo Vesme. La sua attuale articolazione risulta legata in maniera indissolubile al condizionamento esercitato dai progetti editoriali che si sono avvicendati nel corso del XX secolo. In conseguenza dei numerosi interventi di sistemazione diretti a predisporlo e adattarlo per la stampa, l’Archivio presenta oggi una fisionomia ben diversa da quella descritta nell’inventario post mortem del 1924. Alle integrazioni e alle fascicolazioni eseguite da Rovere, insieme con gli spostamenti effettuati durante la preparazione degli estratti del 1928 e del 1932, sono infatti andate a sommarsi nuove manomissioni, oggi testimoniate dalla frammentazione in più unità archivistiche di notizie che in origine costituivano un unicum ben riconoscibile122 e dalla perdita di alcune carte123, sino agli interventi più recenti che non sempre hanno classificato i manoscritti in modo corretto. È all’ultimo riordino che vanno attribuite, per esempio, l’approssimativa distinzione tra le schede pubblicate e quelle rimaste inedite e il mancato riconoscimento delle voci per Le Peintre-Graveur italien, rubricate impropriamente come materiale preparatorio per la redazione del regesto documentario sulla storia delle arti in Piemonte124.

41Il confronto tra l’impianto odierno dell’Archivio Vesme e quello descritto dall’inventario del 1924 consente di misurare le implicazioni del progetto delle Schede da un punto di vista in primo luogo strutturale. I volumi non solo non hanno restituito l’organizzazione originaria del notiziario, ma ne hanno scomposto la sequenza secondo un taglio cronologico affatto adottato da Vesme, che aveva invece privilegiato, ove possibile, un impianto “per località” funzionale a individuare agevolmente i centri della produzione artistica locale, anche in un’ottica di impiego di tali informazioni nel campo della tutela. Con l’edizione del quarto volume, anche altri materiali esistenti nelle “Carte” sono stati inseriti in un’architettura lontana dal loro assetto primigenio, diretta a privilegiare la singola voce piuttosto che considerarla come elemento di un fondo archivistico in sé compiuto.

42Va introdotta a questo punto una distinzione fondamentale in termini di finalità tra l’urgenza di garantire alla ricerca storico-artistica locale un valido strumento di controllo filologico (già riconosciuta da Vesme e invocata a più riprese da tutti i comitati editoriali avvicendatisi nel corso del tempo) e l’ordinamento impartito dal conte ai suoi manoscritti, diretti a supportare anche i suoi incarichi di soprintendente e direttore di museo e inevitabilmente condizionati, nella loro redazione, non solo dalla disponibilità delle fonti, ma anche dai suoi interessi per la storia della pittura e per quella dell’incisione. È sulla base di questi due filtri critici che è possibile leggere e storicizzare sia l’operazione effettuata da Vesme per la raccolta dei dati archivistici e bibliografici sulla storia delle arti in Piemonte, sia l’impresa editoriale che ne scaturì.

  • 125   Per un prospetto del materiale inedito cfr. Appendice, 6.B.
  • 126   Si veda la nota 184 del Capitolo 5 e Giovannini Luca c.d.s.
  • 127   I due mazzi che costituiscono la raccolta fotografica di Vesme comprendono 436 fotografie e 22 ri (...)
  • 128   Il fondo può a buon diritto essere ritenuto parte complementare di quello della Fototeca della SB (...)
  • 129   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 8, fuori cartella, appunto di Vesme, s.d.
  • 130Giovannini Luca 2011, con bibliografia precedente ed E. Gabrielli, Pietro Toesca: “misurare” l’ar (...)

43La prospettiva storica e i recenti orientamenti disciplinari della storia dell’arte permettono oggi di riconsiderare le “Carte” e le Schede e, da un lato, di riprendere alcune proposte già avanzate per il completamento della loro edizione e per l’elaborazione di indici analitici; dall’altro, di individuare in entrambe nuove piste di ricerca e più coerenti modalità di fruizione e valorizzazione. Oltre all’eterogenea quanto preziosa documentazione che insieme con il notiziario compone l’Archivio Vesme125, tra i manoscritti inediti è doveroso segnalare il cospicuo nucleo di schede dedicate ai pittori-incisori italiani non descritti da Adam Bartsch, che meriterebbe una pubblicazione critica ad hoc126. Un’altra emergenza all’interno del fondo è costituita dalla raccolta di fotografie127. È ancora una volta l’interazione tra le predilezioni storiografiche di Vesme e le sue responsabilità istituzionali a spiegare la presenza di riproduzioni di pitture esistenti sul territorio piemontese e ligure e di oggetti di proprietà privata presentati per l’esportazione, a conferma di uno specifico intento di salvaguardia convalidato dalla loro diretta corrispondenza con le notifiche registrate nello schedario diviso per province. Se risultano poche le riprese di opere della Regia Pinacoteca di Torino128, per converso il numero preponderante di fotografie di dipinti di scuola piemontese di Quattro e Cinquecento, corredate a tergo da fitte segnalazioni bibliografiche e stilistiche, ribadisce l’attenzione rivolta ai protagonisti di quella stagione artistica da parte di Vesme, fiducioso nelle potenzialità della fotografia come aiuto prezioso nell’esame autottico delle opere tanto da sostenere che «è una verità alla La Palisse il dire che l’esame delle riproduzioni fotografiche, anche eccellenti, non dispensano dall’esame dei dipinti originali. Ma si può anche aggiungere, quantunque in via meno assoluta, che in moltissimi casi l’esame degli originali non dispensa da quello delle fotografie»129. Una prassi di lavoro, quella dell’impiego della fotografia nella documentazione del patrimonio storico-artistico, che a partire dall’ultimo decennio dell’Ottocento si era affermata non solo nel campo della tutela con l’istituzione del Gabinetto Fotografico Nazionale, ma anche in quello della ricerca, che a Torino si era avvalso della lucida guida di Pietro Toesca, assertore convinto della funzione cognitiva svolta dalla fotografia tanto da anteporre, al momento della sua chiamata alla neo-istituita cattedra torinese di storia dell’arte, la costituzione di un gabinetto fotografico all’acquisto di materiale bibliografico130.

  • 131   L’avvio di una digitalizzazione delle Schede è al momento al vaglio nell’ambito del progetto PRIN (...)

44Tuttavia, se la portata epistemologica dei manoscritti di Vesme per l’avanzamento della conoscenza sulla storia delle arti in Piemonte fu dichiarata fin dalla sua scomparsa, ancora oggi si stenta a riconoscere in essi un validissimo testimone da interrogare per mettere a fuoco anche altri ambiti propri della storia dell’arte, quali la cultura della tutela e del restauro, le vicende del collezionismo e la storia della disciplina storico-artistica. Le “Carte” rappresentano infatti una fonte preziosa sia per l’imponente mole di notizie storiche che le informa, sia perché, nella loro integrità, contribuiscono a ricostruire la storia dei metodi e degli indirizzi di studio e tutela adottati in Piemonte tra la fine dell’Ottocento e i primi vent’anni del Novecento. A fronte delle odierne riflessioni sull’accessibilità delle fonti storico-artistiche e sulle soluzioni offerte dall’ICT, la versatilità delle “Carte” e la loro capacità di rispondere a domande nuove rendono auspicabile approntare una loro versione digitale che, oltre ad aggiornarne e integrarne le voci, ne oltrepassi l’impiego come dizionario biografico puro e semplice, in modo da assicurare quelle ricerche trasversali libere dalla traccia nominativa per artista e consentire l’impiego del notiziario di Vesme, sembra paradossale dirlo, anche per studiare l’arte fuori dal Piemonte131.

Notes

1   Rimando al Capitolo 1.

2 E. Durando, La nomina di un pittore alla corte di Emanuele Filiberto, in «Bollettino storico-bibliografico subalpino», a. XVI, 1911, pp. 79-80.

3   La definizione di notiziario spetta a Vesme medesimo: Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 10, c. 5, appunto di Vesme su Anton Raphael Mengs, s.d.

4   Torino, SBSAEP, Archivio storico, 186.A, b), lettera del Ministero della Pubblica Istruzione a Pacchioni del 9 novembre 1923.

5   Ivi, lettera di Pacchioni al Ministero della Pubblica Istruzione del 14 novembre 1923.

6Ibidem.

7Ibidem.

8   Ivi, lettera di Cesare Baudi di Vesme a Pacchioni del 14 luglio 1924.

9   Ivi, lettera di Pacchioni al Ministero della Pubblica Istruzione del 12 febbraio 1924.

10   Di tale manoscritto si conservano attualmente due copie, una presso la SPABA, l’altra nell’Archivio storico della SBSAE del Piemonte: ivi, «Inventario delle carte di contenuto storico artistico del conte Alessandro Baudi di Vesme già direttore della Regia Pinacoteca», s.d.; Torino, SPABA, Archivio Vesme m. 13, c. 3, idem, s.d. [1924]. Cfr. Appendice, 6.A.

11   Il notiziario comprendeva anche gli artisti attivi in Savoia e in Sardegna.

12   Ivi, m. 13, c. 3, «Inventario delle carte di contenuto storico artistico del conte Alessandro Baudi di Vesme già direttore della Regia Pinacoteca», s.d., nn. 37-38.

13   Torino, SBSAEP, Archivio storico, 186.A, b), lettera di Pacchioni al Ministero della Pubblica Istruzione del 12 febbraio 1924.

14   Ivi, lettera di Cesare Baudi di Vesme a Pacchioni del 23 giugno 1924. Il 14 luglio Cesare Vesme chiedeva al direttore della Regia Pinacoteca la restituzione dei documenti sull’incisore toscano (ivi, lettera di Cesare Baudi di Vesme a Pacchioni del 14 luglio 1924), come confermato dalla postilla aggiunta da Pacchioni all’inventario post mortem: «N.B. Sono stati restituiti tutti i manoscritti e le note relative al Bartolozzi, […] monografia già in corso di stampa presso editori inglesi e di cui gli eredi si prendono, essi stessi, direttamente la cura». Cfr. Appendice, 6.A.

15   Torino, SBSAEP, Archivio storico, 186.A, b), cartolina di Calabi a Pacchioni del 10 novembre 1923.

16   Ivi, lettera di Cesare Baudi di Vesme a Pacchioni del 14 luglio 1924.

17   Ivi, lettera di Rovere a Pacchioni del 27 luglio 1924.

18   Ivi, lettera di Pacchioni al Ministero della Pubblica Istruzione del 20 agosto 1924.

19   Ivi, lettere di Pacchioni al Ministero della Pubblica Istruzione del 10 marzo e del 16 marzo 1925.

20L. Rovere, Prefazione, in A. Baudi di Vesme, Manoscritti del conte Alessandro Baudi di Vesme riguardanti l’arte alla corte di Emanuele Filiberto e di Carlo Emanuele I nei primi anni del suo regno, in «Atti della SPABA», vol. XI, f. 2, 1928, p. VII.

21   Torino, SBSAEP, Archivio storico, 186.A, b), nota di Lorenzo Rovere e di Arturo Allomello a Pacchioni del 4 febbraio 1926. In merito cfr. anche A. Rosboch, [Introduzione], in Baudi di Vesme 1982, p. V.

22   Torino, FTM, Archivio storico, CAA.143, “Verbale di eseguita consegna della biblioteca della SPABA presso il Museo Civico di Torino” del 5 gennaio 1935. Da esso si apprende che al Museo Civico vennero trasferiti la biblioteca della Società e «i fondi manoscritti, le stampe, le fotografie, ad eccezione delle schede Vesme, che si trovano attualmente, per comune accordo, in consegna del dottor commendator Lorenzo Rovere, che ne cura il riordinamento e il completamento. […] Per ciò che si riferisce alle schede Vesme, data la piena fiducia che presso entrambe le parti gode il consegnatario e data la facoltà sopra accordata alla direzione del museo, facoltà che mette praticamente le schede predette a sua disposizione, questa non ha difficoltà a riconoscersene parimenti in possesso virtuale». Il fondo Vesme si presenta oggi organizzato secondo una fascicolazione sulla quale compare la calligrafia di Rovere, di cui si conservano numerose schede e appunti soprattutto nella rubrica a schede mobili delle pitture esistenti in Piemonte e Liguria.

23   Si ricordi l’incipit della recensione al testo di Weber: Rovere 1911, pp. 137-138.

24   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 13, c. 13 “Brinckmann”; ivi, m. 10, c. 3 “San Filippo”; ivi, m. 10, c. 14 “Stime fatte da Rovere. Ricardi di Netro”.

25   Torino, FTM, Biblioteca, “Schedario L. Rovere”, sc. “Piemonte I”, 61bis, schedario delle fonti e della bibliografia per la storia dell’arte in Piemonte: Baudi di Vesme 1922, pp. 501-506. Prima del riordino effettuato da Rovere, l’elenco era verosimilmente allegato alle carte che oggi costituiscono la cartella 8 del mazzo 13 del fondo Vesme.

26   Torino, FTM, Biblioteca, “Schedario L. Rovere”, sc. “Piemonte I” e “Piemonte II”.

27   Ivi, sc. “Piemonte II”, Paesi Piemonte, provincia Novara-Vercelli, Artisti. Vercelli e vercellese. In questo fascicolo si trova l’elenco cronologico degli artisti operanti a Vercelli inserito da Vesme nel quaderno “Vercelli” e di cui Rovere copiò sia l’introduzione, sia la sezione relativa ai pittori del secolo XVI; anche per i pittori attivi nel Sei e Settecento il riferimento è sempre alla “Schede Vesme”. Ivi, provincia Torino, “Inventari copiati da Vesme”, “Sch. Vesme. Incartamento: Note sopra dipinti varii veduti”, “Un gruppo di quadri visti da Vesme presso privati”.

28Artisti del ‘500 in Piemonte 26 luglio 1928, p. 6. Si conserva una copia dell’articolo tra le carte di Rovere: Torino, FTM, Biblioteca, “Schedario L. Rovere”, sc. “Piemonte I”, f. “Bibliografia generale del Piemonte. L’arte in generale”.

29La Mostra Storica Sabauda e della Vittoria nelle celebrazioni torinesi del IV centenario di Emanuele Filiberto e del X anniversario della vittoria, catalogo della mostra (Torino, castello del Valentino, 1928), Chiantore, Torino 1928. Cfr. F. Ruento, Torino 1937: la mostra del Barocco piemontese, tesi di laurea in Museologia, Facoltà di Lettere e Filosofia, Università degli Studi di Torino, rel. E. Pagella, a.a. 2008/2009, pp. 26-27.

30Artisti del ‘500 in Piemonte 26 luglio 1928, p. 6.

31Baudi di Vesme 1928.

32Rovere 1911, pp. 137-146; Id. 1912, pp. 45-56.

33   «Già dall’inizio della sua carriera [Vesme] si era dato alle ricerche di indole storico-artistica, che […] continuò per tutta la vita, per circa un quarantennio, frugando con infaticata lena e con scrupolosa attenzione negli archivi pubblici e privati non soltanto della regione piemontese ma di altre città d’Italia e dell’estero, e avendo per programma quasi esclusivo la storia delle belle arti negli antichi Stati di Savoia e nelle regioni circumvicine che formano l’attuale Piemonte»: Rovere 1928, p. I.

34Ibidem.

35Rovere 1928, p. IX.

36 A. Baudi di Vesme, L’arte alla corte di Emanuele Filiberto e Carlo Emanuele I (nei primi anni del suo regno), in Id. 1928, pp. 93-254.

37Arte in altre parti del Piemonte incluse o escluse dal ducato di Savoia, ivi, pp. 255-316. Che durante i lavori preparatori si fosse verificato uno spostamento di carte è testimoniato dall’esistenza della cartella “Arte (c. 1550-1580) in altre parti del Piemonte incluse o escluse dal ducato di Savoia”, coincidente con le schede inserite in questa seconda sezione e che in seguito furono ripubblicate nei primi tre volumi delle Schede: le voci di artisti relative alle località di Alba, Alessandria, Boscomarengo, Aosta, Asti, Nizza Marittima, Novara, Orta, Pinerolo, Saluzzo, Savoia, Trino e Tortona vennero infatti prelevate dalle rispettive buste di appartenenza e non più ricollocate: Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 4, c. 2.

38A. Baudi di Vesme, Di alcune monete, medaglie e pietre dure intagliate per Emanuele Filiberto duca di Savoia, Paravia, Torino 1901, ripubblicato in Id. 1928, pp. 317-326.

39Il Rinascimento piemontese, in “La Stampa”, a. LXII, n. 138, 10 giugno 1929, p. 8.

40Il bibliografo, recensione a Baudi di Vesme 1928, in «L’Arte», n.s., a. XXXI, f. 5, 1929, pp. 283-284.

41A. Baudi di Vesme, L’arte negli stati Sabaudi ai tempi di Carlo Emanuele I, di Vittorio Amedeo I e della reggenza di Cristina di Francia: dai manoscritti del conte Alessandro Baudi di Vesme, in «Atti della SPABA», vol. XIV, 1932, 2 ff.

42   L. Rovere, Prefazione, ivi, p. IX.

43   A testimonianza di un nuovo spostamento di carte che non venne risanato rimane il fascicolo “Lettere A-C pubblicate nel I volume”, creato in occasione della pubblicazione del 1932 e rimasto tale sino ad oggi: Torino, SPABA, Archivio Vesme, sc. 3, c. senza titolazione, f. “Lettera A-C pubblicate nel I volume”. Le pesanti modifiche imposte dagli spostamenti effettuati verosimilmente da Anna Maria Brizio e di certo da Rovere sono peraltro convalidate da alcune annotazioni di quest’ultimo, particolarmente significative e di indubbia interpretazione: «Miscellanea indefinibile. Ripassata. Tolto e ordinato ciò che più importava», oppure l’indicazione, per la miscellanea artisti vari: «Schede fuse nello schedario generale. Rimangono note di importanza dubbia»: ivi, m. 10, c. 16.

44Rovere 1932, p. X.

45A. Cavallari Murat, L’arte negli stati sabaudi da Carlo Emanuele I alla reggenza di Cristina di Francia, in «Torino: rassegna mensile municipale», a. XII, n. 4, 1932, pp. 67-70.

46   «Non si deve dimenticare – scriveva Cavallari – che quando gli si prestò occasione seppe intuire giustamente alcuni sviluppi artistici dell’arte piemontese. La critica moderna ha forse smentito la derivazione del Giovenone e di Defendente Ferrari dal grande pittore casalese […] da lui scoperto e valorizzato?»: ivi, p. 69.

47   Torino, FTM, Biblioteca, “Schedario L. Rovere”, sc. “Piemonte I”, f. “Bibliografia generale del Piemonte. L’arte in generale”, estratto da un periodico, s.d. Si tratta di un articolo a firma R.M., recensione a Baudi di Vesme 1932, in «Revue d’histoire ecclésiastique», vol. XXX, 1934, p. 777.

48   Torino, FTM, Archivio storico, SMO 144-145. La documentazione, costituita da appunti per la progettazione della mostra del Barocco piemontese del 1937, riporta sul fronte dei fascicoli dedicati ai pittori e agli scultori dei secoli XVII e XVIII la dicitura «Schede Vesme».

49   Sulla figura di Viale si sono concentrate le giornate di studi Vittorio Viale direttore di museo. Le esperienze vercellesi (Vercelli, 21 marzo 2009) e La vita e l’attività professionale di Vittorio Viale, presidente della SPABA e direttore dei Musei Civici di Torino (Torino, 5 maggio 2009), a cura della Fondazione Torino Musei e della SPABA onlus. Si veda anche E. Pagella, «Uno specialista perfetto». Sull’attività di Vittorio Viale per i musei di Torino, in B. Signorelli, P. Uscello, Torino 1863-1963: architettura, arte, urbanistica, SPABA, Torino 2002, pp. 145-157.

50L. Rovere, V. Viale, A.E. Brinckmann, Filippo Juvarra, Oberdan Zucchi, Milano 1937, p. 39.

51   Il materiale presentato dai due studiosi era costituito dai «documenti, ancora inediti, che, raccolti da Alessandro Baudi di Vesme con lunghi anni di accurate ricerche, sono passati poi in proprietà, con il corpus delle sue schede, alla Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti e sono ora conservati in deposito presso il museo civico di Torino»: ibidem.

52   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, lettera di Viale a Roberto Cravero del 13 dicembre 1963. Cfr. in merito Malaguzzi 1992, p. 15. Sulla fusione della Società con la Deputazione subalpina di storia patria v. anche Torino, Deputazione Subalpina di storia patria, Archivio storico, m. 235, c. “1936 I”, decreto ministeriale n. 972 del 27 gennaio 1936.

53   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, lettera di Viale a Roberto Cravero del 13 dicembre 1963.

54   Su Cavallari Murat (1911-1989) si rimanda a F. Zampicinini, Scritti di Augusto Cavallari Murat, in «Bollettino della SPABA», n.s., vol. XLVII, 1995, pp. 261-284, con bibliografia.

55   «Colgo l’occasione per chiederle se verrà attuata la promessa pubblicazione delle schede di mio zio. Le dirò in via confidenziale che sono stato in passato più volte sollecitato a intervenire, e che legalmente mi è possibile farlo solo ora. Ma questo solo desidero: che l’opera di mio zio serva a tutti»: ivi, m. 24, c. 19, lettera di Carlo Baudi di Vesme a Cavallari Murat, s.d.

56   Ivi, m. 25, c. 12, lettera di Viale a Cavallari Murat del 16 marzo 1959.

57   Ivi, m. 24, c. 19, lettera di Cavallari Murat a Viale del 29 aprile 1959.

58   Ivi, m. 25, c. 12, lettera di Viale a Cavallari Murat del 27 maggio 1959.

59   Ivi, m. 24, c. 19, lettera di Viale a Cavallari Murat del 2 maggio 1959.

60   Ivi, lettera di Viale a Cravero del 7 maggio 1963.

61   Sul tema si vedano gli inquadramenti tracciati da R. Coppo, La riscoperta dell’arte barocca in Piemonte tra le due guerre, tesi di laurea in Storia della critica d’arte, Dipartimento di Arti, Musica e Spettacolo, Università degli Studi di Torino, rel. G.C. Sciolla, a.a. 1994/1995 e Ruento 2008/2009.

62   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, c. 19, lettera di Cavallari Murat a Viale dell’8 giugno 1959.

63   Prendendo in osservazione il I volume delle Schede (A-C), vi si trovano intercalate schede appartenenti allo schedario alfabetico con voci invece derivate dalle buste per località, in quell’occasione accorpate per ragioni di cronologia.

64   Ivi, lettera di Aldo Bertini a Cavallari Murat del 17 luglio 1959.

65   Ivi, c. 17, lettera di Dragone a Viale del 7 ottobre 1963.

66   Ivi, c. 15, lettera dell’Azienda Grafica Editoriale a Cavallari Murat del 5 settembre 1960.

67   Ivi, c. 15, lettera dell’Azienda Grafica Editoriale a Cavallari Murat del 29 novembre 1960; si veda anche il sollecito della casa editrice del 22 dicembre 1960 (ivi, c. 17).

68   Ivi, lettera di Cravero a Ernesto Scamuzzi del 6 marzo 1962, da cui si apprende che Viale aveva trascritto 910 delle totali 1.800 schede, 500 delle quali semplicemente da ristampare.

69   Ivi, m. 25, c. 7, lettera di Cavallari a Viale del 3 febbraio 1960.

70   Ivi, m. 24, c. 9, lettera di Anna Maria Brizio a Cravero del 10 giugno 1963.

71   Ivi, c. 14, lettera dell’Azienda Grafica Editoriale a Cravero del 22 gennaio 1962; ivi, c. 15, lettera di Cravero all’avvocato Paolo Emilio Perreri del 18 marzo 1963.

72   Dopo la mostra Gotico e Rinascimento in Piemonte del 1938, curata da Rovere e Viale, si deve alla Brizio il primo assestamento organico delle notizie sulla pittura in Piemonte dal periodo romanico al Cinquecento: A.M. Brizio, La pittura in Piemonte dall’età romanica al Cinquecento, Paravia, Torino 1942. Sulla mostra del 1938 v. Bocasso 2009/2010.

73V. Viale (a cura di), Mostra del Barocco piemontese, catalogo della mostra (Torino, Palazzo Reale, Palazzo Madama, Palazzina di Stupinigi, giugno-ottobre 1963), 3 voll., Arti Grafiche F.lli Pozzo-Salvati-Gros Monti e C., Torino 1963.

74   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, lettera di Viale a Cravero 7 maggio 1963.

75   Ivi, L’imminente pubblicazione delle schede Vesme per il periodo barocco, s.d. [ma 1963].

76   Ivi, bozza di lettera di Cravero ai soci, s.d.

77A. Baudi di Vesme, Schede Vesme. L’arte in Piemonte dal XVI al XVIII secolo (A-C), vol. I, Stamperia Artistica Nazionale, Torino 1963; Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, lettera di Cravero a Carlo Bona del 24 maggio 1963.

78A. Dragone, Ripubblicate le Schede Vesme con la storia dell’arte sabauda, in “La Stampa”, a. XCVII, n. 283, 29 novembre 1963, p. 11.

79   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, nota di comunicazione ai soci di Cravero, gennaio 1964.

80   Ivi, lettera di Cravero a Viale del 18 novembre 1963. Non è stato possibile risalire alla composizione della commissione preposta alla disamina delle carte relative al periodo precedente la metà del Cinquecento.

81   Ivi, c. 14, lettera di Cravero alla commissione redazionale delle pubblicazioni del 12 novembre 1963.

82   Ivi, lettera di Cavallari Murat a Dragone del 2 dicembre 1963; ivi, lettera di Cravero a Giorgio Rolandi del 22 dicembre 1963.

83   Ivi, comunicazione ai soci di Cravero, gennaio 1964.

84   Ivi, c. 17, lettera di Carboneri ad Agostino Cerutti del 12 febbraio 1964.

85   Ivi, comunicazione ai soci di Cravero, gennaio 1964.

86   Ivi, c. 17, lettera di Carboneri ad Agostino Cerutti del 12 febbraio 1964.

87   Ivi, lettera di Cravero a Dragone del 24 febbraio 1964.

88   Ivi, lettera di Cravero a Cavallari Murat del 5 marzo 1964.

89   Ivi, lettera di Viale a Cravero del 16 marzo 1964.

90   Ivi, lettera di Cravero ad Agostino Cerutti del 12 febbraio 1964.

91Ibidem.

92A. Baudi di Vesme, Schede Vesme. L’arte in Piemonte dal XVI al XVIII secolo (D-M), vol. II, Stamperia Artistica Nazionale, Torino 1966.

93   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, lettera di Cravero ad Agostino Cerutti del 12 febbraio 1964.

94 N. Carboneri, [Introduzione], in Baudi di Vesme 1966.

95A. Baudi di Vesme, Schede Vesme. L’arte in Piemonte dal XVI al XVIII secolo (N-Z), vol. III, Stamperia Artistica Nazionale, Torino 1968.

96   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, lettera di Noemi Gabrielli ad Andrea Guglielminetti del 4 ottobre 1969.

97   Ivi, c. 19, lettera di Carlo Baudi di Vesme a Franco Mazzini del 4 ottobre 1973.

98A. Rosboch, [Introduzione], in Baudi di Vesme 1982, p. VI.

99   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, c. 15, lettera di Rosboch a Mario Viora di Bastide, presidente della Reale Mutua Assicurazioni, del 10 giugno 1981; ivi, m. 25, c. 5, facsimile di lettera di Rosboch per richiesta contributo del 15 novembre 1980.

100   Alessandro Rosboch, succeduto a Cazzola alla guida della Società, annunciò infatti che il volume avrebbe compreso «le schede che per vario motivo furono tralasciate nelle precedenti pubblicazioni; le schede e gli appunti manoscritti che il Vesme compilò con riguardo a opere e monumenti artistici esistenti in determinate località del Piemonte ovvero alla produzione artistica che si svolse in tempi ed ambiti territoriali determinati»: ivi, lettera di Alessandro Rosboch al presidente della Reale Mutua Assicurazioni del 10 giugno 1981.

101   Gentile partecipò soltanto ai lavori iniziali della commissione: Baudi di Vesme 1982, p. VII.

102   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, G.G. Massara, Un patrimonio culturale: le Schede Vesme. Notizie inedite su artisti del passato, in «Anisa-Associazione nazionale degli insegnanti di storia dell’arte», scheda n. 1 (Piemonte), s.d. [1982].

103Ibidem.

104Ibidem.

105G.G. Massara, Un grande cacciatore, in “La Gazzetta del popolo”, a. CXXXV, n. 71, 2 dicembre 1982, p. 3; Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 25, c. 2, invito di Alessandro Rosboch ai soci, s.d. Sull’inaugurazione delle sale rinnovate del museo v. M. Ferrero, Dalla ricostruzione postbellica al riconoscimento come nucleo collezionistico, in Spantigati 2012, pp. 164-167, con bibliografia e Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 24, c. 15, lettera di Guido Donini, cancelliere dell’Accademia delle Scienze, a Rosboch del 19 ottobre 1982.

106Cavallari Murat 1982, pp. XI-XXVII.

107   Si ricordino i percorsi tracciati in merito da Castelnuovo, Rosci 1980, 3 voll. Per le iniziative curate da Sandra Pinto v. S. Pinto (a cura di), Cultura neoclassica e romantica nella Toscana Granducale: collezioni lorenesi, acquisizioni posteriori, depositi, catalogo della mostra (Firenze, Palazzo Pitti, 1972), Centro Di, Firenze 1972; Ead. (a cura di), Cultura neoclassica e romantica nella Toscana granducale. Sfortuna dell’Accademia, catalogo della mostra (Firenze, dall’8 luglio 1972), Centro Di, Firenze 1972; Ead. (a cura di), Romanticismo storico, catalogo della mostra (Firenze, dicembre 1973-febbraio 1974), Centro Di, Firenze 1974; Ead., D. Durbé (a cura di), I Macchiaioli, catalogo della mostra (Firenze, Forte di Belvedere, 23 maggio-22 luglio 1976), Centro Di, Firenze 1976.

108   Appendice, 6.A, n. 3. Lo schedario per province si trova integro in Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 5, c. 1: è stato possibile individuarlo nella II sezione del IV volume soltanto attraverso un confronto con la sua versione manoscritta.

109   Più precisamente, un taccuino manoscritto di Vesme (m. 5, c. 1) e parte della documentazione delle cartelle 1 e 2 del mazzo 10 (Note varie su arazzi; ceramica in Piemonte). Cfr. Appendice, 6.B.

110   Anziché continuare con le note relative alla provincia di Genova, le schede su quella di Cuneo (A-Z) con cui comincia la rubrica sono infatti seguite dalle integrazioni redatte da Rovere (A-Z) relative al Cuneese ma di fatto collocate altrove; il testo prosegue quindi con gli appunti rimanenti del quaderno relativo al ducato di Savoia (oggi scorporato nel mazzi 4 e 9) per poi riprendere con la rubrica a schede mobili relative all’area genovese.

111Baudi di Vesme 1982, pp. 1671-1672; 1668; 1693.

112   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 5, c. 1.

113Baudi di Vesme 1982, pp. 1673-1676.

114   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 10; cfr. anche Baudi di Vesme 1982, pp. 1693-1702.

115   Ivi, pp. 1722-1736. Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 6.

116   Le Note sparse raccolgono appunti suddivisi tra mazzi diversi dell’Archivio Vesme (5 e 9).

117   Si vedano gli indici dattiloscritti e firmati da Massara e Mario Frascione allegati alle carte relative all’attività di Vesme, a quelle personali e a parte del materiale escluso dalla pubblicazione del 1982: Torino, SPABA, Archivio Vesme, mm. 7, 10, 13.

118   Ivi, m. 13, c. 14, lettera di Massara a Rosanna Maggio Serra del 28 gennaio 1993.

119   Ivi, Archivio amministrativo, m. 24, f. 19 “Schede Vesme. Corrispondenza”, lettere di Elena Dellapiana a Bruno Signorelli del 18 e 23 dicembre 1993.

120   Ivi, Inventario generale, introduzione archivistica di Ilaria Bibollet e Laura Gatto Monticone.

121   Ivi, inventario corrente dell’Archivio Vesme (1998): Appendice, 6.B. Si consideri per esempio la busta “Note e fotografie sul Caroto”, oggi divisa tra i mazzi 7, 9 e 12: Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 7, c. 3 “Il Caroto a Casale”; ivi, m. 9, c. 2 “Note sparse”; ivi, m. 12, c. 2 “Casale”. In altri casi, tuttavia, parte del materiale manoscritto relativo a un artista è stato unito alle stampe positive relative alla sua produzione o, viceversa, scorporato, come la busta su Macrino d’Alba e la sua scuola.

122   Per esempio, le carte che costituiscono la busta su Alessandria (n. 7 dell’inventario post mortem) sono attualmente sistemate nelle cartelle 1 e 2 della scatola 4 e nella cartella “Schedario per località pubblicato nel IV volume” del mazzo 5, che raduna le note integrative di Rovere relative ad Alessandria (pubblicate nella seconda sezione del IV volume, seppur non sempre integralmente). La voce Alessandria nel fascicolo “Territorio/varie” del mazzo 9 accoglie infine ciò che rimane delle busta originaria, privata dei documenti confluiti nei fascicoli descritti. Un caso analogo si è riscontrato per la busta “Nizza Marittima”. I materiali che la componevano si ritrovano nel mazzo 9, ma non solo: la cartella 2 della scatola 4 conserva le voci degli artisti inserite nell’estratto del 1928 e ripubblicate nei primi tre tomi delle Schede; inoltre nel fascicolo “Per località ma già pubblicate” della medesima cartella si ritrovano altre voci di artisti nizzardi estrapolate dalla busta originaria per essere accorpate al materiale destinato a essere editato in occasione delle celebrazioni per Emanuele Filiberto di Savoia. Anche le buste con note e documenti dedicate ai protagonisti del Rinascimento artistico locale (nn. 26-35) non sono del tutto integre. La cartella con note e documenti sui Giovenone, per esempio, si presenta scorporata nel quaderno omonimo del mazzo 6 e nella cartella 6 del mazzo 7 (titolata “Giovenone note sparse”); i documenti che appartenevano alle “Note su Defendente Ferrari” sono oggi divisi tra i mazzi 7 e 11 e la scatola 3.

123   Come confermato dalla brevità a dir poco sospetta di alcuni profili (quello di Gaudenzio Ferrari, per esempio). Oggi risultano irreperibili anche alcune note relative alle buste per località che sono state pubblicate (Ivrea, Saluzzo, Susa).

124   I materiali radunati nella cartella 3 della scatola 3 (“Schede sparse pubblicate”) si riferiscono infatti a voci destinate a far parte del lavoro sugli incisori italiani non descritti da Adam Bartsch, come confermato dalla loro redazione in lingua francese e dal fatto che il loro contenuto differisce da quello delle medesime voci che si ritrovano invece nelle scatole 1 e 2 (delle quali perciò non vanno considerati doppioni). Anche la cartella 4 del medesimo contenitore concerne non già “schede sparse non pubblicate”, bensì ulteriori biografie destinate alla pubblicazione sulla storia dell’incisione, così come quelle confluite nella cartella 10 “Incisori piemontesi pubblicati” (anch’esse differenti per lingua e contenuto dalle omonime voci presenti nelle scatole 1 e 2, come risulta evidente dal confronto della scheda di Carlo Antonio Porporati inserita nel mazzo 10 con quella esistente nella serie alfabetica: ivi, m. 4, c. 10 “Incisori piemontesi pubblicato”; ivi, sc. 2, fuori cartella, lettera P). Alla medesima categoria vanno riferite le bozze per i lavori su Giorgio Reverdino e sullo Pseudo-Ruspagiari, la documentazione su Stefano Della Bella, Giovan Battista Piranesi e altri incisori: ivi, m. 7, cc. 5-8-9-10-11.

125   Per un prospetto del materiale inedito cfr. Appendice, 6.B.

126   Si veda la nota 184 del Capitolo 5 e Giovannini Luca c.d.s.

127   I due mazzi che costituiscono la raccolta fotografica di Vesme comprendono 436 fotografie e 22 riproduzioni fotomeccaniche (si tratta per la maggior parte di riprese di dipinti murali e su tela o tavola; tuttavia sono presenti anche riproduzioni di monumenti e architetture, disegni, incisioni, sculture, stoffe, ricami, manufatti lignei e armi).

128   Il fondo può a buon diritto essere ritenuto parte complementare di quello della Fototeca della SBSAE del Piemonte.

129   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 8, fuori cartella, appunto di Vesme, s.d.

130Giovannini Luca 2011, con bibliografia precedente ed E. Gabrielli, Pietro Toesca: “misurare” l’arte con l’obiettivo fotografico, in Ead., Callegari 2009, pp. 15-57; M. Aldi, F. Crivello, P. Callegari, E. Gabrielli, Pietro Toesca e l’uso didattico delle immagini, ivi, in particolare M. Aldi, Nota sugli anni di insegnamento a Torino (1907-1914), pp. 85-87.

131   L’avvio di una digitalizzazione delle Schede è al momento al vaglio nell’ambito del progetto PRIN La vita delle opere: dalle fonti al digitale. Progetto pilota per la ricerca e la comunicazione nei musei della storia conservativa delle opere d’arte (responsabile nazionale: Antonella Gioli, Università degli Studi di Pisa). Sull’impiego delle Schede per lo studio di altri contesti territoriali rimando al piano di indicizzazione delle voci di artisti lombardi dei secoli XVII e XVIII coordinato da Alessandro Morandotti e Gelsomina Spione, al momento in corso, e al mio intervento al convegno di studi Scambi artistici tra Torino e Milano 1580-1714, a cura di A. Morandotti, G. Spione, 28-29 maggio 2015, cui seguiranno gli atti.