Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Alessandro Baudi di Vesme e la scoperta dell’arte in Piemonte

 | 
Alessandra Giovannini Luca

Capitolo 1. Dall’archivio al museo

Texte intégral

1.1. La formazione e i primi studi

  • 1A. Manno, Il patriziato subalpino (Dizionario genealogico A-B), vol. II, G. Civelli, Firenze 1905 (...)
  • 2   Torino, ASUTo, Facoltà di Giurisprudenza, Registro Iscrizione 1869-1873, n. 124.
  • 3   Ivi, Esami Generali 1871-1874, Registro “Giurisprudenza Lauree 1871-1874”, p. 24.
  • 4   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 13, c. 1, attestato di congedo illimitato dall’esercito del 30 (...)

1Terzogenito di sette figli, Alessandro Baudi di Vesme nacque a Torino il 23 maggio 1854 da Carlo Baudi conte di Vesme e da Amata de Courbeau-Vaulserre1. Immatricolato nel 1870 presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Torino2, conseguì la laurea nell’agosto del 1874 con la votazione 49/70, dopo aver presentato una dissertazione scritta in Economia politica ed esser stato esaminato dalla commissione presieduta da Tancredi Canonico, professore ordinario di Diritto e procedura penale3. L’anno seguente svolse il servizio di leva, ottenendo il congedo illimitato dall’esercito nel 18764.

  • 5   Torino, ASTo, Corte, Archivio dell’Archivio (1843-1964), vol. III, f. 3272 “Baudi di Vesme conte (...)
  • 6   Su Carlo Baudi di Vesme (1809-1877) cfr. M. Fubini Leuzzi, ad vocem Baudi di Vesme, Carlo, in DBI (...)
  • 7   Gli Archivi dello Stato erano regolati dai decreti reali n. 1852 del 5 marzo 1874 e n. 1861 del 2 (...)
  • 8   Su Nicomede Bianchi (1818-1886) v. M. Fubini Leuzzi, ad vocem Bianchi, Nicomede, in DBI, vol. X, (...)
  • 9   «Il Vesme è davvero […] in condizioni poco liete; da indi le sue paure e il suo scoraggiamento. E (...)
  • 10   Ivi, lettera di Vesme a Bianchi del 17 luglio 1883.

2Introdotto allo studio delle discipline storiche e paleografiche5 dal padre, erudito e senatore6, a seguito della scomparsa di quest’ultimo e con l’aggravarsi delle condizioni finanziarie tutt’altro che floride della sua famiglia, nel 1879 Vesme decise di proporsi come volontario archivista alla Soprintendenza agli Archivi piemontesi, dove lavorò sino al 18877. Per diventare alunno archivista dovette superare un concorso di ammissione: fu lui stesso, tramite Emanuele Bollati di Saint-Pierre, direttore della sezione in cui era impiegato, a presentare la domanda al soprintendente Nicomede Bianchi8. Nel gennaio 1881, passati due anni senza che l’esame avesse avuto luogo, il giovane studioso annunciò le proprie dimissioni9. La selezione per l’alunnato di 1ª categoria nell’amministrazione degli archivi fu indetta alla fine di marzo, e Vesme si classificò primo fra tutti i candidati del Regno10.

  • 11   Ivi, lettera di Bianchi al Ministero dell’Interno del 9 maggio 1882.
  • 12   Ivi, lettera di Vesme a Bianchi del 17 luglio 1883.
  • 13   Ivi, lettera confidenziale di Bollati di Saint-Pierre al ministro dell’Interno del 13 aprile 1883 (...)
  • 14   Ivi, lettera del Bollati di Saint-Pierre al Bianchi del 24 maggio 1883.
  • 15   Ivi, decreto ministeriale del 15 luglio 1883 e atto di giuramento del 15 settembre 1883.
  • 16   Ivi, decreto ministeriale del 16 dicembre 1886.

3Come si evince dalla corrispondenza epistolare tra Bianchi e Bollati di Saint-Pierre, gli anni trascorsi da Vesme presso la Soprintendenza archivistica furono caratterizzati dalle sue continue richieste di gratifiche pecuniarie, peraltro non previste nel biennio di formazione. Tra il 1881 e il 1883 si susseguì una serie di istanze vertenti sia su premi in denaro sia su agevolazioni per viaggi, presentate dal soprintendente torinese al Ministero dell’Interno nella convinzione che l’opera del Vesme fosse «di importanza maggiore di quella che ordinariamente presta un semplice alunno, poiché nel periodo di tempo che lavora in questo archivio ha dedicato l’opera sua all’ordinamento di carte antiche, per le quali richiedonsi cognizioni paleografiche, per cui il lavoro che da oltre un anno presta in questi archivi deve considerarsi come eccezionale e straordinario»11. A fronte del fatto che altri alunni entrati in servizio dopo di lui risultavano già stipendiati, nell’estate del 1883 Vesme domandò di essere riconosciuto come collaboratore e di calcolare il suo ingresso in archivio dall’avvio del servizio volontario12. Quell’anno segnò la conclusione del biennio di alunnato e la sua promozione a sotto-archivista di 3ª classe. Anche in questo caso l’avanzamento di carriera fu sollecitato da Vesme medesimo, che per la seconda volta minacciò di dimettersi13. Un nuovo intervento in suo favore di Bollati di Saint-Pierre, che ribadì a Bianchi di «non tener conto della minaccia, […] dettata credibilmente dall’amarezza di veder deluse le sue speranze di nomina a sotto-archivista, resa più acerba dalla ristrettezza di mezzi pecuniari»14, ottenne lo scopo desiderato. La nomina fu ratificata con decreto ministeriale il 15 luglio15. Il passaggio successivo al ruolo di sotto-archivista di 2ª classe avvenne nel gennaio del 188716.

  • 17   Per un profilo sintetico di Francesco Gamba (1818-1887) v. A. Casassa, ad vocem, Gamba, Francesco(...)
  • 18   «Mi pregio di annunziare alla Signoria Vostra che con Regio Decreto datato del 13 maggio 1887 […] (...)

4Nello stesso anno, che vide la morte di Francesco Gamba, direttore della Regia Pinacoteca di Torino17, un regio decreto affidava la vice-direzione del museo a Vesme, che pochi mesi dopo terminava la sua carriera negli Archivi piemontesi presentando le proprie dimissioni al soprintendente18.

5Al di là dell’impegno indefesso e degli eccellenti risultati conseguiti nelle attività di spoglio e ordinamento più volte richiamati nell’epistolario amministrativo della Soprintendenza archivistica, le carte non consentono di conoscere il percorso di formazione intellettuale e culturale di Vesme oltre gli scatti del suo curriculum. Per mettere a fuoco la stagione che predispose il suo passaggio alla galleria cittadina e il contestuale avvicinamento a temi e metodi propri della storia dell’arte è perciò indispensabile considerare le indagini da lui avviate negli anni Ottanta, provando a intersecare le competenze maturate in archivio con i dibattiti che a livello locale e nazionale ripartivano, in quello stesso periodo, dallo studio dei documenti per garantire anche alle scienze umanistiche dignità disciplinare e nuova credibilità scientifica.

  • 19   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 10, c. 10, «Indice dei libri riguardanti le arti del disegno e (...)
  • 20   Nell’immediato periodo postunitario erano infatti stati predisposti e realizzati i riordini del f (...)
  • 21   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 4, c. 10, f. “Porporati”.
  • 22Ibidem. Cfr. inoltre A. Giovannini Luca, Nel segno di Bartsch: le ricerche di Alessandro Baudi di (...)
  • 23   Su Vernazza (1745-1822) v. L. Levi Momigliano, Giuseppe Vernazza e la nascita della storia dell’a (...)
  • 24G. Vernazza, Dizionario dei tipografi e dei principali correttori e intagliatori che operarono ne (...)
  • 25   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 4, c. 3, f. “Giovenale Boetto”.
  • 26   Sull’amicizia tra Vico e Carlo Baudi di Vesme v. Torino, SBSAEP, Biblioteca storica, Vico, letter (...)
  • 27   Ivi, lettera del 9 settembre 1881 di Vico a Gamba.

6Che l’orientamento di Vesme verso gli studi storico-artistici fosse mediato dal suo approccio di studioso di fonti storiografiche e archivistiche è un dato che trova una conferma puntuale nella stesura di due indici «dei libri sulle arti del disegno» posseduti dalla Biblioteca Universitaria di Torino e da quella del re19, da lui completati nell’autunno 1880 mentre intraprendeva le prime esplorazioni su alcuni segmenti di ricerca che sarebbero diventati due assi portanti della sua attività futura: la storia dell’incisione e il collezionismo dinastico. In un contesto cittadino contraddistinto da una singolare convergenza d’intenti tra le istituzioni e gli studiosi per promuovere la valorizzazione dei principali nuclei pubblici di stampe e disegni20, Vesme avviava infatti lo studio dell’incisore piemontese Carlo Antonio Porporati21 e la redazione del «Catalogue des Estampes de la Bibliothèque Nationale de Turin», stilato tra il 1881 e il 1882 su incarico di Gaspare Gorresio, prefetto della Biblioteca Nazionale della città22. In un confronto aperto con la letteratura locale di riferimento, il saggio su Porporati si riallacciava alle ricerche compiute dall’erudito albese Giuseppe Vernazza alla fine del Settecento23 e proseguite da Roberto D’Azeglio nella voce inedita aggiornata e pubblicata nel 1880 da Giovanni Vico, che ne aveva apertamente auspicato il completamento24. L’intento di allargare le conoscenze sulla storia dell’incisione in Piemonte sarebbe stato riconfermato nella seconda metà del decennio dalle indagini di Vesme su Giovenale Boetto25. Nel frattempo, la redazione del «Catalogue» consentiva al giovane archivista di allacciare i primi e decisivi contatti con Gamba e Vico, che all’epoca lavoravano per acquisire parte della collezione di stampe della Biblioteca Nazionale e conoscevano Vesme solo di nome, in quanto figlio dell’amico Carlo26. A quella data Alessandro era del resto già noto in città come «collettore di stampe»27, ed è verosimile credere che proprio i suoi interessi collezionistici, combinati con l’acribia filologica affinata in archivio, avessero agito da sprone tanto per le sue prime ricerche quanto per il suo reclutamento da parte di Gorresio nella stesura del «Catalogue».

  • 28 I. Porciani, Identità locale-identità nazionale: la costruzione di una doppia appartenenza, in O. (...)
  • 29G. Claretta, Storia della reggenza di Cristina di Francia, 2 voll., Civelli, Torino 1868-1869; A. (...)

7Mentre la storia dell’incisione interveniva in maniera determinante nell’indirizzare le predilezioni del conte verso l’ambito storico-artistico, egli intraprese le prime indagini sul collezionismo dinastico. La tematica era condivisa da una feconda tradizione di studi autoctoni che aveva conosciuto una nuova fioritura a seguito dell’Unità e partecipava al delicato processo di costruzione della doppia identità, nazionale e locale, anche attraverso la celebrazione della dinastia regnante nella veste di patrona delle arti28, a fronte della stretta correlazione tra la storia della casata e le vicende figurative e architettoniche regionali che a Torino trovava un riscontro diretto anche nella fisionomia storica delle principali collezioni pubbliche di arte e di antichità29.

  • 30   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 4, c. 10, f. “Porporati”. In questo fascicolo si conservano alc (...)
  • 31   Parte della missiva verteva sull’identificazione di alcuni ritratti della famiglia Savoia-Carigna (...)

8Le prime ricognizioni di Vesme su questo argomento datano al 1884. In quell’anno egli sottopose a Vincenzo Promis, allora direttore della Biblioteca del re e suo interlocutore per il catalogo di Porporati30, le sue considerazioni in merito alla provenienza, all’iconografia e all’autografia di alcuni dipinti esistenti in Palazzo Carignano. Il carteggio conferma la sua frequentazione con la direzione e le raccolte della Regia Pinacoteca della città, e consente di individuare nel controllo documentario il principale strumento di indagine impiegato da Vesme, che suggeriva a Promis un confronto «dei quadri con piani e relazioni storiche di quei fatti d’anni; poiché – proseguiva, esprimendo le sue riserve sull’affidabilità delle notizie fornite dal primo direttore del museo – io credo che esse sian dovute semplicemente al marchese Roberto D’Azeglio; il quale nei suoi scritti è lontano dal mostrarsi dotto in strategia o storico esatto»31.

  • 32A. Baudi di Vesme, Van Dick peintre de portraits des princes de Savoye avec le fac-simile d’un au (...)
  • 33A. Michiels, Van Dyck et ses élèves: avec cinq eaux-fortes du maître, Librairie Renouard, Paris 1 (...)
  • 34   L’autografo del pittore era stato rinvenuto negli archivi del Museo Civico di Torino: Baudi di Ve (...)
  • 35   Ivi, p. 130.

9Parte delle ricerche confluì nel primo testo edito di Vesme, apparso su «Miscellanea di storia italiana» nel 1885. L’articolo prendeva in esame i ritratti di alcuni esponenti della famiglia regnante che la storiografia artistica riteneva realizzati da Anton van Dyck. L’incipit ricordava infatti che «les historiens de l’art et les catalogues des musées font mention d’un certain nombre de portraits peints par Van Dyck, qui répresentent des princes de la famille de Savoye; mais comme, à coté d’oeuvres de tout point incontestables, il s’en trouve aussi de celles dont l’authenticité peut donner matière à doute et d’autres qui ne nous offrent aucunement les traits des personnes qu’on avait cru jusq’à present y reconnaître, j’ai pensé qu’il serait utile de passer en revue un à un tous ces portraits, d’exposer les raisons pour et contre l’exactitude de leur désignations, et de donner le cas échéant, quelques reinseignements pouvant faciliter la recherche des ouvrages disparus»32. Partendo dai riferimenti indicati dalle due biografie più recenti dell’artista fiammingo33, le argomentazioni di Vesme si concentravano sull’iconografia dei dipinti ed erano supportate da un’approfondita consultazione delle fonti edite e manoscritte. Alla verifica aveva infatti concorso anche un’esauriente ricognizione sulla documentazione archivistica, che aveva consentito, per esempio, di rinvenire la ricevuta di pagamento di Van Dyck, nella quale si dichiaravano saldati i lavori per due ritratti di Tommaso di Savoia34; allo stesso modo, lo studioso si avvaleva dell’incrocio dei dati con la genealogia sabauda per scalzare l’identificazione del soggetto di un quadro della Regia Pinacoteca con il cardinal Maurizio bambino, per ragioni di anacronismo35.

  • 36A. Baudi di Vesme, Sull’acquisto fatto da Carlo Emanuele III re di Sardegna della quadreria del p (...)
  • 37   Ivi, p. 163.
  • 38   «Inventario dei quadri nel Palazzo del duca di Savoia in Torino» (1631); «Descrizione delle pittu (...)
  • 39C. Rovere, Descrizione del Reale Palazzo di Torino, Botta, Torino 1858, p. 46.
  • 40   Da Vienna giunse infatti la copia manoscritta e tradotta del catalogo di vendita: «Catalogue des (...)

10Il suo interesse per le vicende figurative che si intrecciavano con la storia dei Savoia fu riconfermato l’anno successivo dal saggio dedicato al nucleo di pittura nordica presente nella galleria torinese36. Il lavoro era nato dal «vivo desiderio di conoscere quando e per quali circostanze fossero i sovrani sabaudi venuti in possesso di tante meraviglie dell’arte»37, avvenimento di cui la memoria storica sembrava aver smarrito le tracce. Dopo aver consultato invano i cataloghi delle raccolte ducali38 e i testi che potevano contenere degli indizi utili (dalla Storia pittorica dell’Italia di Luigi Lanzi alla Lista di pitture e sculture eseguite o comperate per la casa di Savoia di Angelo Angelucci), Vesme aveva trovato una prima preziosa indicazione sulla provenienza dei dipinti nella Descrizione del Reale Palazzo di Torino di Clemente Rovere39, ove si accennava all’acquisto della cospicua quadreria del principe Eugenio di Savoia Soissons da parte di Carlo Emanuele III nel 1741. Poiché non era stata rinvenuta la copia del contratto, lo studioso aveva deciso di rivolgersi, tramite Promis, al bibliotecario della corte imperiale di Vienna, per il reperimento di altre testimonianze che potessero convalidare l’asserzione di Rovere40. La pubblicazione integrale del catalogo di vendita e della corrispondenza intercorsa tra il conte Luigi Malabaila di Canale (l’emissario inviato a Vienna per le trattative d’acquisto) e Carlo Vincenzo Ferrero, marchese d’Ormea e primo ministro di Carlo Emanuele III, confermava la solidità dei presupposti metodologici di Vesme, che aveva innervato di prove documentarie tutta la struttura argomentativa del suo contributo.

  • 41 Id., Torquato Tasso e il Piemonte. Appunti storici di Alessandro Vesme, in «Miscellanea di storia (...)
  • 42   Ivi, p. 108.

11Le indagini sulle storia della casata reale proseguirono senza soluzione di continuità l’anno seguente, con la preparazione di un testo dedicato al soggiorno di Torquato Tasso a Torino. La ricostruzione storica dei rapporti del poeta con la corte torinese e del suo soggiorno presso i Savoia richiese non solo una minuziosa ricerca d’archivio, ma portò addirittura Vesme a ripercorrere il tragitto seguito dal letterato ferrarese da Novara a Vercelli, in modo da testare sul campo i riferimenti rinvenuti. Egli riuscì a identificare, per esempio, il «padre di famiglia» che aveva offerto ospitalità al Tasso in un esponente degli Ajazza e a dimostrare che il passaggio del poeta in Piemonte era avvenuto sul finire della stagione estiva, correggendo parte delle affermazioni del marchese Giuseppe Campori41. La rettifica di alcune informazioni fornite dalle biografie del Tasso era condotta senza togliere alcun merito alle indagini precedenti, ma «solo per amore di quell’esattezza storica, che è il più gran pregio di cosiffatta ricerca e che sola può condurre alla scoperta della verità»42.

  • 43A. Baudi di Vesme, Saggio di iconografia sabauda, ossia elenco di ritratti incisi o litografati d (...)
  • 44   Ivi, pp. 157-159.

12La pubblicazione che chiuse la prima tranche di studi legati alla storia della dinastia regnante uscì nel 188943. Lo scritto si proponeva di presentare un elenco delle incisioni e delle litografie che avevano come soggetto degli esponenti di casa Savoia. Il consueto incipit programmatico illustrava gli scopi, le fonti e le coordinate cronologiche e tipologiche della ricerca. Pur senza aver la pretesa di presentare un elenco completo, l’opuscolo avrebbe giovato in prima istanza ai «raccoglitori di ritratti storici». A beneficio di un ampio settore di studi che oggi chiameremmo di storia della cultura, Vesme ne auspicava l’utilità anche per «i pittori di storia, i curiosi del costume, gli artisti drammatici, loro indicando le fonti da consultare all’occorrenza. Egual vantaggio – aggiungeva – esso può offrire a chi studia gli antichi ritratti dipinti preoccupandosi dell’identità delle persone rappresentate e della sincerità delle attribuzioni o battesimi; finalmente, chi si occupa della storia dell’arte ed in particolare di quella dell’incisione in rame troverà anch’esso qualche utile notizia, come m’induce a creder l’esser qui registrate alcune stampe ignorate da famosi iconologi»44.

  • 45O. Maruti, Alessandro Baudi di Vesme. Saggio di iconografia sabauda, in «L’Archivio storico dell’ (...)

13All’introduzione seguiva il catalogo vero e proprio: per ogni opera erano indicate la tecnica, le dimensioni, le iscrizioni, una breve descrizione e il luogo di conservazione, mentre erano assenti le riproduzioni delle opere citate. I limiti del lavoro erano stati illustrati nella recensione del volumetto apparsa sulle pagine de «L’Archivio storico dell’arte» e firmata da Orazio Maruti (alias Adolfo Venturi). Nel suo intervento, pur riconoscendo la diligenza con cui era stata composta l’opera, lo studioso modenese suggeriva che «forse sarebbe stato utile, specie per la parte più antica e che più vivamente interessa gli studiosi dell’arte, di avere dall’autore l’indicazione di tutte le fonti iconografiche, con un esame critico del loro valore, tanto più che l’autore mostra di avere compresa l’importanza delle ricerche sue, anche per la determinazione dell’identità delle persone rappresentate negli antichi ritratti e della sincerità dell’attribuzione loro. Ma tale, speriamo, potrà divenire lo scopo di ulteriore lavoro dell’operoso vice-direttore della Regia Pinacoteca di Torino»45.

1.2. La generazione del metodo storico

14Le iniziative sin qui descritte confermano non solo l’orientamento e i progressi compiuti da Vesme in due ambiti di ricerca già frequentati e condivisi dalla letteratura artistica piemontese, ma denunciano anche una consonanza metodologica verosimilmente non casuale con altri settori disciplinari, che in quegli anni attribuivano alla fonte documentaria il valore di vero e proprio paradigma nei processi conoscitivi.

  • 46 L. Levi Momigliano, La giunta di antichità e belle arti, in E. Castelnuovo, M. Rosci (a cura di), (...)
  • 47P. Villari, La filosofia positiva e il metodo storico, in «Il Politecnico», s. IV, vol. I, n. 1, (...)

15Le indagini di Vesme si allineavano infatti a una tradizione storiografica locale fortemente caratterizzata in chiave filologica, che per gli studi di storia dell’arte continuava a giovarsi dei preziosi manoscritti di Giuseppe Vernazza e poteva contare sui risultati delle esplorazioni condotte da Clemente Rovere (1807-1860), Antonio Bosio (1811-1880) e Luigi Bruzza (1813-1883) e più tardi, in un clima di rinnovato interesse per le memorie patrie, da Angelo Angelucci (1820-1892), Giovan Battista Adriani (1823-1905) e Gaudenzio Claretta (1835-1900)46. Negli anni Ottanta, tuttavia, la portata epistemologica riconosciuta al documento di prima mano riscuoteva nuovo credito anche in altri rami delle scienze umane, a fronte di quella cultura di matrice positivista che in Italia aveva trovato pubblica affermazione nel noto intervento di Pasquale Villari all’Istituto superiore di Firenze del 186547.

  • 48A. Graf, Di una trattazione scientifica della letteratura, Ermanno Loescher, Torino 1877; L. Sozz (...)
  • 49   Su Graf v. M. Cerruti, Arturo Graf, in Traniello 1993, pp. 370-372; su Renier v. G. Folena, Rodol (...)
  • 50 A. Luzio, R. Renier, Isabella d’Este ed Elisabetta Gonzaga nelle relazioni famigliari e nelle vic (...)
  • 51A. Graf, R. Renier, F. Novati, Programma, in «Giornale storico della Letteratura italiana», a. I, (...)
  • 52A. Quondam, Il grande emporio di erudizione. Rapporto con la tradizione antiquaria ed erudita set (...)
  • 53Graf, Renier, Novati 1883, p. 3.

16Già prefigurato dalla prolusione accademica di Arturo Graf del 187648, l’obiettivo di riformare la storia letteraria attraverso lo studio delle fonti trovò concreta estrinsecazione nella fondazione nel 1883 del «Giornale storico della Letteratura Italiana» da parte dello stesso Graf, insieme con Rodolfo Renier e Francesco Novati49. Sarebbe quantomeno fuorviante non cogliere la stringente affinità di metodi e obiettivi tra le prime ricerche di Vesme e il manifesto programmatico della rivista: una vicinanza che dieci anni più tardi sarebbe stata confermata dal confronto del conte con Renier per il volume su Isabella d’Este, preparato con Alessandro Luzio50. Posta la ricerca erudita a fondamento e presupposto per l’esercizio della comparazione tra i vari campi del sapere, nel «Giornale» si sarebbe compiuto «tutto quel lavoro preparatorio, minuto e paziente, ond’esce poi la verità scientifica, costruita e provata»51, su modello del «grande emporio di erudizione» dei ricercatori settecenteschi52. «La storia della letteratura italiana – sostenevano Graf, Novati e Renier – va in massima parte rifatta. […] La nuova storia della letteratura italiana bisogna che poggi essenzialmente sullo studio diretto dei monumenti, e che rifugga da ogni costruzione sistematica. Le biblioteche e gli archivi nostri riboccano di documenti, o ignoti affatto, o intraveduti appena. […] V’è insomma tutto uno sterminato materiale da vagliare e da ordinare prima che altri possa, in modo degno della scienza, accingersi all’ingente fatica di scrivere una storia generale della letteratura italiana»53.

  • 54C. Dionisotti, ad vocem Scuola storica, in Dizionario critico della letteratura italiana, vol. IV (...)
  • 55G.M. Varanini, Carlo Cipolla e la storiografia italiana fra Ottocento e Novecento, atti del conve (...)
  • 56C. Rinaudo, I cinquant’anni della Rivista storica italiana, in «Torino: rivista mensile municipal (...)

17Fare storia della letteratura negli anni della “scuola storica”54 significava in prima battuta «accertare dati bibliografici, fonti, tradizioni di manoscritti»: partendo da questo assioma, la Facoltà di Magistero dell’ateneo torinese si schierava su un indirizzo di ortodossia filologica che avrebbe rispettato e difeso nei decenni a venire. Posizioni analoghe venivano assunte dal fronte delle discipline storiche, che dal 1882 si garantiva una guida sicura nei progetti di edizione delle fonti con l’arrivo di Carlo Cipolla alla cattedra di Storia moderna55 e una tempestiva diffusione delle novità storico-bibliografiche attraverso la «Rivista storica italiana», fondata nel 1884 da Ariodante Fabretti, docente di Archeologia56.

  • 57M.G. Sarti, ad vocem Milanesi, Gaetano, in DBI, vol. LXXIV, 2010, pp. 420-426; G. Milanesi, Dell’ (...)
  • 58G. Campori, Raccolta di cataloghi ed inventarii inediti di quadri, statue, disegni, bronzi, dorer (...)
  • 59S.A. Meyer, Epoche, nazioni, stili (1815-1873), in O. Rossi Pinelli (a cura di), La storia delle (...)
  • 60Agosti 1996. Cfr. altresì M. Dalai Emiliani, Il progetto culturale e l’azione istituzionale di Ad (...)

18A quelle date il ruolo riconosciuto all’erudizione era condiviso anche da alcuni esponenti del dibattito storico-artistico nazionale. Nel quadro che qui si vuole richiamare per capire in che modo e per quali vie Vesme approdò allo studio della storia delle arti, non possono non essere ricordate le esperienze di Gaetano Milanesi a Siena e di Giuseppe Campori a Modena57. «[Diversi motivi] – aveva spiegato quest’ultimo nella prefazione alla sua Raccolta di cataloghi ed inventarii inediti del 1870 – hanno fatto sentire la necessità dello studio della storia e delle nuove indagini per appurarla e dichiararla ov’essa appariva oscura, difettiva, errata. Uno straordinario impulso si destava in tutti i Paesi a ricercare le antiche notizie dell’arte e degli artisti, e preziosi documenti […] venivano estratti dagli archivi per fornire le prove dell’autenticità delle opere passate in vendita e di quelle allogate nelle pinacoteche e nei musei»58. Germinate negli anni immediatamente successivi all’Unità in contesti territoriali che erano stati attraversati da una vivace ripresa degli studi sulle loro specificità culturali, le iniziative promosse da Campori e Milanesi riconoscevano nella prova documentaria il viatico per rifondare la storia dell’arte locale59. Proprio la loro prassi di lavoro avrebbe fornito, di lì a pochi anni, uno degli strumenti decisivi per affrontare e dirimere la vexata quaestio dello statuto disciplinare della storia dell’arte, in Italia «ancora ultima nel consesso delle discipline storiche come la Cenerentola della leggenda»60.

  • 61A. Venturi, Memorie autobiografiche, Hoepli, Milano 1927, p. 17.
  • 62   «Ora, fra quelli che negli ultimi anni più hanno lavorato, studiato e sostenuto il decoro nostro, (...)
  • 63 A. Venturi, La Galleria Estense in Modena , Toschi, Modena 1882.
  • 64Infra, Paragrafo 2.1.
  • 65G.C. Sciolla, F. Varallo (a cura di), «L’Archivio storico dell’arte» e le origini della «Kunstwis (...)

19A segnare uno scarto di aggiornamento nel metodo di studio e a rivestire un ruolo di primo piano tanto nella legittimazione della materia storico-artistica quanto nel percorso di formazione di Vesme fu Adolfo Venturi, che proprio sullo scorcio degli anni Ottanta, mentre «divorava gli scritti del Campori»61, andava reinterpretando la pratica erudita alla luce di un modello disciplinare moderno, teso a coniugare lo “spirito da ricercatore” con l’occhio del conoscitore62. Le sue posizioni si riverberarono nel volume sulla storia della Galleria Estense del 188263. Frutto di assidue ricerche d’archivio, il testo sperimentava quella linea progettuale di documentazione delle collezioni che avrebbe informato il piano di riordino delle gallerie nazionali elaborato dallo stesso Venturi nel decennio seguente64. La convinzione che qualunque attività di studio e tutela dovesse prevedere una fase preliminare di verifica delle fonti di prima mano venne riaffermata nel 1888 dalla fondazione della prima rivista specializzata in materia, «L’Archivio storico dell’arte», diretta dal modenese insieme con Domenico Gnoli, che sino alla fine del secolo avrebbe mantenuto una linea editoriale incardinata sul potenziamento dell’edizione di documenti65.

  • 66   Pisa, SNS, Archivio Venturi, lettera di Vesme a Venturi del 31 maggio 1886. Cfr. di Macco 2008, p (...)
  • 67   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 14, c. 1, verbali delle sedute del 9 dicembre 1886 e d (...)
  • 68   Pisa, SNS, Archivio Venturi, lettera di Vesme a Venturi del 26 maggio 1886 e ivi, lettera di Vesm (...)
  • 69   Ivi, lettere di Vesme a Venturi del 24 novembre 1886, 12 gennaio 1887 e 1° dicembre 1888.
  • 70   Ivi, lettera di Vesme a Venturi del 19 aprile 1886.

20I primi contatti tra Vesme e Venturi risalgono alla metà degli anni Ottanta e furono inaugurati da un proficuo scambio di notizie documentarie. Il giovane sotto-archivista conosceva per fama lo studioso modenese come autore del volume sulla Galleria Estense e confessava la sua invidia per «aver così bene illustrato una delle grandi gallerie d’Italia, e che vorrei bene poterla imitare per quella di Torino»66. A quelle date, anche in virtù dei suoi legami con il museo diretto da Gamba, gli interessi del conte erano già decisamente orientati verso la «storia delle arti pittoriche», suo «studio prediletto», come precisava a Venturi nell’aprile del 1886, mentre si accingeva a fare il suo ingresso alla Società di Archeologia e Belle Arti per la provincia di Torino67. L’aiuto del modenese fu richiesto nel reperimento di carte su Torquato Tasso presso l’Archivio di Stato di Modena, avendo Vesme «scorto dall’esame del suo gran lavoro sulla Galleria Estense quanta destrezza ella abbia nelle ricerche d’archivio e quanta famigliarità con codesti Archivi di Stato»68. Per parte sua, Venturi aveva trovato nel suo corrispondente un interlocutore affidabile per ottenere informazioni sul messale miniato di Domenico Della Rovere negli archivi torinesi69 e per ricostruire la biografia dell’Argenta70.

  • 71   Con grande dispiacere di Vesme, che desiderava vivamente poter conoscere di persona il suo corris (...)
  • 72   Ivi, lettera di Vesme a Venturi del 26 maggio 1886.

21Il rapporto tra Venturi e Vesme si mantenne esclusivamente epistolare per diverso tempo71, ma finì con alimentare ben presto anche un confronto su temi di più ampio respiro, in un affratellamento umano e professionale convalidato dal precoce orientamento di Vesme verso le posizioni del modenese contro «l’indifferenza universale che è in Italia per ciò che riguarda la storia delle arti pittoriche»72:

  • 73   Ivi, lettera di Vesme a Venturi del 20 luglio 1887.

«Grazie dell’apostolico suo scritto “Per la storia dell’arte”, ch’io lessi avidamente e che ora faccio circolare fra gli amici. In parecchi punti credo d’aver capito più di quanto ella poteva o doveva dire, ma a buon intenditor poche parole. Su alcune questioni toccate nel suo opuscolo bramerei ragionare a lungo con lei»73.

Come si vedrà nel prossimo capitolo, Venturi svolse un ruolo decisivo nell’impostare l’attività del conte torinese nel suo primo decennio alla guida della Regia Pinacoteca di Torino. Fu però in questi anni che il modenese giocò una parte fondamentale nel processo di affinamento metodologico e di consapevolezza disciplinare che condusse Vesme a dedicarsi allo studio delle arti. A fronte di una materia che solo all’inizio del nuovo secolo avrebbe trovato compiuto riconoscimento con la creazione della prima cattedra universitaria di storia dell’arte, le suggestioni venturiane non sarebbero state tuttavia altrettanto efficaci se, nel contempo, Alessandro non avesse allacciato i suoi primi rapporti con la direzione del museo, formalizzati dalla sua nomina a vice-direttore nel 1887.

  • 74   Si veda per esempio l’allontanamento di Ricci da Venturi alla metà degli anni Novanta: G. Bosi Ma (...)
  • 75   Su Corrado Ricci (1858-1934) cfr. S. Sicoli, ad vocem, Ricci, Corrado, in Dizionario biografico 2 (...)
  • 76 S. Sicoli, L’ispettore Malaguzzi Valeri alla pinacoteca di Brera: un decennio di attività (1903-1 (...)
  • 77A. Giovannini Luca, Alessandro Baudi di Vesme e le ricerche sull’arte antica piemontese tra Otto (...)

22Insieme con gli altri profili che avrebbero partecipato al riordino delle gallerie nazionali negli anni Novanta del XIX secolo, Vesme e Venturi appartenevano all’ultima schiera di ricercatori e funzionari autodidatti che allora aderiva all’esperienza editoriale de «L’Archivio storico dell’arte» e viveva una stagione di appassionata condivisione di metodi e obiettivi destinata a veder allentata la sua coesione originaria nel giro di un decennio74. Una generazione che non è improprio definire “di mezzo”, per il ruolo svolto nel rilancio della disciplina, nella definizione della normativa e delle strutture di tutela, nella riforma dei musei statali e nella predisposizione di un iter didattico specifico per i futuri storici dell’arte. Accanto alla vicenda biografica di Vesme, i percorsi di formazione di altri studiosi consentono infatti di riconoscere nell’esperienza in museo il tratto unificante e decisivo per l’avvio della professione in ambito storico-artistico nel secondo Ottocento. Quelli per esempio di Corrado Ricci, anch’egli avvicinato alla storia dell’arte da Venturi dopo una carriera da bibliotecario e chiamato, con la nomina a coadiutore presso la Galleria della Pilotta a Parma nel 1893, a confrontarsi sul campo con le problematiche di lettura e di tutela che le collezioni presentavano75, e del più giovane Francesco Malaguzzi Valeri, che dopo gli studi da archivista e l’incontro con Venturi dovette proprio al funzionario ravennate il suo ingresso alla pinacoteca di Brera76. Una generazione non di storici dell’arte tout court, ma in primis di museologi, per i quali la storia dell’arte di necessità si imparava e si raccontava in museo77.

  • 78M. di Macco, Torino, in Guida breve al patrimonio artistico delle province piemontesi, Tipografia (...)

23L’esperienza in galleria portò Vesme a misurarsi in concreto con le criticità che la struttura e le raccolte presentavano. Il contatto diretto e quotidiano con le opere ne rese possibile uno studio meno condizionato dall’istanza storica e più consapevole delle specificità delle testimonianze figurative e delle loro esigenze di documentazione e conservazione. Non è un caso che le ricerche sull’arte regionale, quelle a cui Vesme si sarebbe dedicato con maggior impegno, vennero avviate contestualmente alla frequentazione della pinacoteca e del suo entourage, che nel 1878 aveva assicurato al nucleo di pittura piemontese una collocazione privilegiata nel percorso espositivo dedicandole un settore ad hoc78.

  • 79   Le prime lettere conservate presso l’archivio della SPABA relative a tali artisti risalgono al 18 (...)
  • 80   Ivi, m. 5, c. 5.
  • 81   Ivi, m. 10, f. 16, lettere di Marocchino a Vesme del 23 aprile e dell’8 maggio 1889, del 28 giugn (...)
  • 82   Torino, Archivio privato della famiglia Baudi di Vesme, lettera di Vesme ai padri Barnabiti di Mo (...)
  • 83   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 9, c. 1, f. “Territorio/Varie”, «Vercelli, autografo del parroc (...)
  • 84G. Baldissone (a cura di), Camillo Leone una vita da museo. Memorie 1876-1901, Interlinea edizion (...)

24Le ricerche svolte da Vesme alla metà degli anni Ottanta su Defendente Ferrari, Gandolfino da Roreto, Macrino d’Alba e sulle famiglie dei Giovenone e dei Lanino si incardinarono su una revisione capillare dei testi di riferimento per lo studio dell’arte antica in Piemonte79. L’operazione è attestata dalla presenza nel suo archivio personale di una copia fittamente glossata dei Documenti e notizie intorno agli artisti vercellesi di Giuseppe Colombo e dalla sua corrispondenza tra il 1889 e il 1891 con Francesco Marocchino, impiegato presso l’archivio del Comune di Vercelli80. Le imprecisioni riscontrate nel testo di Colombo avevano infatti spinto il neodirettore della galleria di Torino a cercare il manoscritto originale di padre Bruzza, domandandone notizia prima all’archivista vercellese81, poi, su suggerimento del medesimo, ai Barnabiti di Moncalieri, a cui aveva richiesto di effettuare ricerche anche presso il Generalato dell’ordine a Roma, puntualizzando la propria «intenzione […] di spigolare in quelle scritture le notizie artistiche che non furono pubblicate dal padre Colombo perché forse considerate di poca importanza e di correggere alcuni errori che riscontrai nel libro di lui sui pittori vercellesi»82. Le ricerche di Vesme andarono a buon fine83, e proseguirono di certo sino all’estate del 1900, quando lo studioso soggiornò presso Camillo Leone «per fare certi suoi studi nell’archivio del nostro municipio, onde poter scrivere una storia più dettagliata e vera sugli antichi pittori vercellesi e così correggere varie inesattezze stampate da […] Colombo nelle sue memorie»84.

  • 85A. Baudi di Vesme, Martino Spanzotti maestro del Sodoma. Nuovi documenti, in «L’Archivio storico (...)
  • 86G. Colombo, Documenti e notizie intorno agli artisti vercellesi, Guidotti, Vercelli 1883; Baudi d (...)
  • 87Id., Il primo maestro di Bernardino Lanino, in «L’Archivio storico dell’arte», s. I, a. III, f. 1 (...)
  • 88Id., I Van Loo in Piemonte, in «L’Archivio storico dell’arte», s. I, a. V, f. 6, 1893, pp. 333-368 (...)

25In questa cornice si inserirono i due saggi apparsi rispettivamente nel 1889 e nel 1890 sulle pagine de «L’Archivio storico dell’arte»: Martino Spanzotti maestro del Sodoma. Nuovi documenti e Il primo maestro di Bernardino Lanino. L’articolo dedicato a Spanzotti prendeva le mosse da alcuni studi avviati da Bruzza, fautore della prima segnalazione del pittore casalese85. Attraverso l’incrocio dei documenti pubblicati da Colombo con nuovi dati d’archivio (che venivano presentati in versione integrale ai lettori della rivista), Vesme aveva proposto la base documentaria su cui ricostruire la personalità di un artista che, allo scadere degli anni Ottanta, rimaneva ancora un nome senza opere e al quale si riconduceva, per la prima volta, la formazione di Defendente Ferrari86. A partire dalle fondamentali ricerche del Bruzza e del Colombo si era sviluppato anche il suo contributo successivo, che costituiva un nuovo importante tassello per la ricostruzione della formazione e della prima attività di Bernardino Lanino: sulla scorta di alcune testimonianze documentarie reperite presso l’Archivio civico di Vercelli, egli aveva presentato Baldassarre Cadighi (o de Cadighis) quale primo maestro del pittore, in seguito passato nella più celebre bottega gaudenziana87. Le pubblicazioni successive riguardarono l’attività della famiglia Van Loo in Piemonte (1893) e alcune notizie su Giovan Francesco Caroto (1895) e Matteo Sanmicheli (1897)88.

  • 89   Sulla Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti cfr. F. Malaguzzi, Cultura e Società a Torin (...)
  • 90M. Michela, [Introduzione], in Catalogo degli oggetti componenti la mostra di arte antica. Torino (...)
  • 91   «Io mi terrò pago se questa succinta chiacchierata sopra l’arte antica in Piemonte varrà a distru (...)
  • 92   Preziosa testimonianza rimane l’elenco delle fonti a stampa sull’arte piemontese presentato da Ve (...)
  • 93A. Giovannini Luca, Tutela e restauro del patrimonio pittorico «fuori delle gallerie»: lineamenti (...)

26Il dato che importa rilevare in riferimento all’esperienza in museo è che il nuovo incarico di direttore della Regia Pinacoteca ebbe un peso decisivo nell’indirizzare le ricerche di Vesme verso la cultura figurativa regionale, e verso la stagione rinascimentale in particolare. Queste si inserivano in una filiera di studi locali che, dopo le indagini di Vernazza a fine Settecento, aveva conosciuto una nuova ripresa negli anni Settanta del XIX secolo, con la scoperta delle pitture di Defendente Ferrari a Sant’Antonio di Ranverso e con l’istituzione nel 1874 della Società di Archeologia e Belle Arti per la provincia di Torino89. In quel decennio, come si vedrà in seguito, erano state avviate una serie di iniziative di studio, censimento e conservazione del patrimonio storico-artistico subalpino unite dal proposito di «rivendicare glorie nostre e fare che dai resti del passato saviamente raccolti rifulgano le tradizioni della nostra arte e la modesta grandezza degli avi»90. Compendiato per la prima volta il segmento più antico della storia artistica locale nella mostra del 1880 e nell’articolo L’arte antica in Piemonte di Francesco Gamba91, quelle stesse iniziative avevano evidenziato chiaramente quanto il quadro delle conoscenze fosse disomogeneo e oltremodo lacunoso. Urgeva, da un lato, una sistematizzazione della documentazione esistente e una ricognizione sistematica per il reperimento di nuove informazioni, utili a pianificare le indagini su un patrimonio territoriale ancora per tanta parte inesplorato; dall’altro, si rendeva imprescindibile proseguire con maggiore coordinamento nella sua catalogazione e salvaguardia92. In un contesto regionale particolarmente carente sia di strutture sia di risorse umane da impiegare nella tutela degli oggetti d’arte «fuori delle gallerie»93, un ruolo decisivo sarebbe toccato agli istituti museali: nelle intenzioni del suo giovane direttore, la Regia Pinacoteca di Torino doveva diventare il centro privilegiato di raccolta delle testimonianze figurative locali, luogo di raccordo per lo studio e la ricerca sull’arte in Piemonte.

Notes

1A. Manno, Il patriziato subalpino (Dizionario genealogico A-B), vol. II, G. Civelli, Firenze 1905, pp. 202-203.

2   Torino, ASUTo, Facoltà di Giurisprudenza, Registro Iscrizione 1869-1873, n. 124.

3   Ivi, Esami Generali 1871-1874, Registro “Giurisprudenza Lauree 1871-1874”, p. 24.

4   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 13, c. 1, attestato di congedo illimitato dall’esercito del 30 aprile 1876.

5   Torino, ASTo, Corte, Archivio dell’Archivio (1843-1964), vol. III, f. 3272 “Baudi di Vesme conte Alessandro. Alunno negli Archivi 1879/1888”, lettera di Emanuele Bollati di Saint-Pierre a Nicomede Bianchi del 17 novembre 1879.

6   Su Carlo Baudi di Vesme (1809-1877) cfr. M. Fubini Leuzzi, ad vocem Baudi di Vesme, Carlo, in DBI, vol. VIII, 1965, pp. 282-287 e M. Ricci, Della vita e degli studi di Carlo Baudi di Vesme, in «L’Archivio storico italiano», s. III, t. XXV, 1877, pp. 440-462.

7   Gli Archivi dello Stato erano regolati dai decreti reali n. 1852 del 5 marzo 1874 e n. 1861 del 27 maggio 1875 e dal regolamento ministeriale del 10 giugno 1876. Sull’articolazione dell’Archivio di Stato di Torino cfr. N. Bianchi, Prima relazione triennale dell’Archivio di Stato in Torino. Anni 1871, 1872, 1873, V. Bona, Torino 1874.

8   Su Nicomede Bianchi (1818-1886) v. M. Fubini Leuzzi, ad vocem Bianchi, Nicomede, in DBI, vol. X, 1968, pp. 156-163.

9   «Il Vesme è davvero […] in condizioni poco liete; da indi le sue paure e il suo scoraggiamento. Ella non tenga conto dei suoi propositi di dimissione. […] Per mio conto, dico il vero, sarei proprio dolente di perdere nel Vesme un impiegato che non può far a meno di giovare all’andamento del servizio per la sua intelligenza ed operosità»: Torino, ASTo, Corte, Archivio dell’Archivio (1843-1964), vol. III, f. 3272, lettera di Bollati di Saint-Pierre a Bianchi del 3 gennaio 1881.

10   Ivi, lettera di Vesme a Bianchi del 17 luglio 1883.

11   Ivi, lettera di Bianchi al Ministero dell’Interno del 9 maggio 1882.

12   Ivi, lettera di Vesme a Bianchi del 17 luglio 1883.

13   Ivi, lettera confidenziale di Bollati di Saint-Pierre al ministro dell’Interno del 13 aprile 1883 e la risposta dal Ministero del 18 aprile. Una lettera del nuovo soprintendente agli Archivi piemontesi Bollati di Saint-Pierre al senatore Nicomede Bianchi del 19 maggio 1883 sollecitava una rapida promozione dell’alunno Vesme a sotto-archivista stipendiato: ivi.

14   Ivi, lettera del Bollati di Saint-Pierre al Bianchi del 24 maggio 1883.

15   Ivi, decreto ministeriale del 15 luglio 1883 e atto di giuramento del 15 settembre 1883.

16   Ivi, decreto ministeriale del 16 dicembre 1886.

17   Per un profilo sintetico di Francesco Gamba (1818-1887) v. A. Casassa, ad vocem, Gamba, Francesco, in DBI, vol. LI, 1998, pp. 802-804, con bibliografia. Si veda inoltre infra, Paragrafo 2.1.

18   «Mi pregio di annunziare alla Signoria Vostra che con Regio Decreto datato del 13 maggio 1887 […] io venni nominato vice direttore della Regia Pinacoteca»: Torino, ASTo, Corte, Archivio dell’Archivio (1843-1964), vol. III, f. 3272, lettera di Vesme a Bollati di Saint-Pierre del 25 giugno 1888.

19   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 10, c. 10, «Indice dei libri riguardanti le arti del disegno e facenti parte della Biblioteca Nazionale di Torino (novembre 1880)»; ivi,«Indice dei libri riguardanti le arti del disegno e facenti parte della Biblioteca del Re in Torino (marzo 1880)».

20   Nell’immediato periodo postunitario erano infatti stati predisposti e realizzati i riordini del fondo di stampe della Biblioteca Reale e dell’Accademia Albertina; negli anni Settanta, grazie all’apporto determinante di Giovanni Vico, prendeva forma il Gabinetto di Stampe e Disegni della Regia Pinacoteca. Cfr. in merito infra, Paragrafo 5.1.

21   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 4, c. 10, f. “Porporati”.

22Ibidem. Cfr. inoltre A. Giovannini Luca, Nel segno di Bartsch: le ricerche di Alessandro Baudi di Vesme sulla storia dell’incisione, in C. Gauna (a cura di), Quaderno della Scuola di Dottorato in Studi umanistici, indirizzo Storia dell’Arte, Editris Duemila, c.d.s.

23   Su Vernazza (1745-1822) v. L. Levi Momigliano, Giuseppe Vernazza e la nascita della storia dell’arte in Piemonte, Fondazione Ferrero, Alba 2004.

24G. Vernazza, Dizionario dei tipografi e dei principali correttori e intagliatori che operarono negli stati sardi di terraferma e più specialmente in Piemonte sino all’anno 1821 con la bibliografia dei lavori a stampa di G. Vernazza, Stamperia reale, Torino 1859 (ed. consultata rist. anastatica Bottega d’Erasmo, Torino 1964, pp. 277-278); R. D’Azeglio, Notizie inedite e documenti intorno alla vita di Giovenale Boetto e di Carlo Antonio Porporati, intagliatori piemontesi dei secoli XVII e XVIII, con note di Giovanni Vico, Tip. Roux e Favale, Torino 1880, pp. 50-52.

25   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 4, c. 3, f. “Giovenale Boetto”.

26   Sull’amicizia tra Vico e Carlo Baudi di Vesme v. Torino, SBSAEP, Biblioteca storica, Vico, lettera di Giovanni Vico a Francesco Gamba del 14 aprile 1882. Ringrazio Federica Panero per aver messo a mia disposizione la trascrizione del carteggio.

27   Ivi, lettera del 9 settembre 1881 di Vico a Gamba.

28 I. Porciani, Identità locale-identità nazionale: la costruzione di una doppia appartenenza, in O. Janz, P. Schiera, H. Siegrist (a cura di), Centralismo e federalismo tra Otto e Novecento. Italia e Germania a confronto, Il mulino, Bologna 1997, pp. 141-182 e «Annali di critica d’arte», Identità nazionale e memoria storica. Le ricerche sulle arti visive nella nuova Italia 1861-1915, 2 voll., a. IX, 2013.

29G. Claretta, Storia della reggenza di Cristina di Francia, 2 voll., Civelli, Torino 1868-1869; A. Angelucci, Arti e artisti in Piemonte, in «Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la provincia di Torino», vol. II (1878-1879), 1878, pp. 31-86; A. Manno, I principi di Savoia amatori d’arte, ivi, 1879, pp. 197-226; G. Claretta, Inclinazioni artistiche di Carlo Emanuele I e dei suoi figli, ivi, vol. V (1887-1894), 1887, pp. 339-360; Id., I Reali di Savoia munifici fautori delle arti. Contributo alla storia artistica del Piemonte nel secolo XVIII, in «Miscellanea di storia italiana», s. II, t. XXX, 1893, pp. 82-135.

30   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 4, c. 10, f. “Porporati”. In questo fascicolo si conservano alcune copie di lettere scritte nel maggio 1882 dal signor Salazaro di Napoli a Vincenzo Promis per il reperimento di informazioni su Porporati; due lettere scritte da Ferdinando Colonna a Promis del 28 aprile e del 28 maggio 1882 attestano che le ricerche erano state richieste da Vesme: «Di ritorno in Napoli saprò dirle qualche cosa di più preciso intorno all’artista Porporato, di cui mi chiede notizie in nome del signor conte di Vesme»: ivi, lettera di Colonna a Promis del 28 maggio 1882.

31   Parte della missiva verteva sull’identificazione di alcuni ritratti della famiglia Savoia-Carignano: un’effigie del principe Tommaso, per il quale Vesme annunciava la prossima pubblicazione di un documento inedito, e due ritratti femminili identificati come Caterina d’Este, moglie di Emanuele Filiberto, e Vittoria Francesca, la «madamigella di Susa», moglie di Vittorio Amedeo: Torino, BR, Fondo Vincenzo Promis, t. III, 1-221/Ia, n. 135, lettera di Vesme a Promis del 20 ottobre 1884.

32A. Baudi di Vesme, Van Dick peintre de portraits des princes de Savoye avec le fac-simile d’un autographe inédit de l’artiste, in «Miscellanea di storia italiana», s. II, t. XXIV, 1885, p. 101.

33A. Michiels, Van Dyck et ses élèves: avec cinq eaux-fortes du maître, Librairie Renouard, Paris 1881 e J. Guiffrey, Antoine van Dyck: sa vie et son oeuvre, A. Quantin, Paris 1882.

34   L’autografo del pittore era stato rinvenuto negli archivi del Museo Civico di Torino: Baudi di Vesme 1885, p. 123.

35   Ivi, p. 130.

36A. Baudi di Vesme, Sull’acquisto fatto da Carlo Emanuele III re di Sardegna della quadreria del principe Eugenio di Savoia. Ricerche documentate, in «Miscellanea di storia italiana», s. II, t. XXV, 1886, pp. 163-256.

37   Ivi, p. 163.

38   «Inventario dei quadri nel Palazzo del duca di Savoia in Torino» (1631); «Descrizione delle pitture sculture et altre cose più notabili del Real Palazzo di Torino» (1754); «Catalogue des tableaux des plus excellents peintres italiens, flamands et hollandois existans dans les galleries apartements et cabinets de S.M. le roi de Sardaigne» (s.d., ma da collocarsi dopo il 1777). Si veda S. Pinto (a cura di), Musei d’arte a Torino. Cataloghi e inventari delle collezioni sabaude, U. Allemandi, Torino s.d. [1993], ff. I-III-IV.

39C. Rovere, Descrizione del Reale Palazzo di Torino, Botta, Torino 1858, p. 46.

40   Da Vienna giunse infatti la copia manoscritta e tradotta del catalogo di vendita: «Catalogue des tableaux trouvés dans l’hoire de S.A.S. le prince Eugène de Savoye», s.d., pubblicato in Baudi di Vesme 1886.

41 Id., Torquato Tasso e il Piemonte. Appunti storici di Alessandro Vesme, in «Miscellanea di storia italiana», s. II, t. XXVI, 1887, p. 107.

42   Ivi, p. 108.

43A. Baudi di Vesme, Saggio di iconografia sabauda, ossia elenco di ritratti incisi o litografati dei principi e delle principesse di Savoia, redatto da Alessandro Vesme, vice-direttore della regia Pinacoteca di Torino, in «Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la provincia di Torino», vol. V (1887-1894), 1889, pp. 157-208.

44   Ivi, pp. 157-159.

45O. Maruti, Alessandro Baudi di Vesme. Saggio di iconografia sabauda, in «L’Archivio storico dell’arte», s. I, a. II, f. 8-9, 1889, p. 385.

46 L. Levi Momigliano, La giunta di antichità e belle arti, in E. Castelnuovo, M. Rosci (a cura di), Cultura figurativa e architettonica negli Stati del Re di Sardegna 1773-1861, vol. III, Stamperia artistica nazionale, Torino 1980, pp. 386-387; M.B. Failla, Verso una «fisionomia di scuola piemontese», in G. Romano (a cura di), Diplomazia musei collezionismo tra il Piemonte e l’Europa negli anni del Risorgimento, Fondazione CRT, Torino 2011, pp. 119-137; F. Fantino, Tra erudizione e tutela: gli studi storico artistici a Torino al tempo di Malaguzzi Valeri, in Rovetta, Sciolla 2013, pp. 375-383; L. Gallo, Eruditi e documentaristi in Piemonte tra fine Ottocento e inizio Novecento, ivi, pp. 385-393.

47P. Villari, La filosofia positiva e il metodo storico, in «Il Politecnico», s. IV, vol. I, n. 1, 1866, pp. 1-29.

48A. Graf, Di una trattazione scientifica della letteratura, Ermanno Loescher, Torino 1877; L. Sozzi, La critica e la storia letteraria, in F. Traniello (a cura di), L’Università di Torino. Profilo storico e istituzionale, Pluriverso, Torino 1993, pp. 142-147.

49   Su Graf v. M. Cerruti, Arturo Graf, in Traniello 1993, pp. 370-372; su Renier v. G. Folena, Rodolfo Renier e gli esordi del «Giornale storico», in Cent’anni di “Giornale storico della letteratura italiana”, atti del convegno (Torino, 5-7 dicembre 1983), Loescher, Torino 1985, pp. 17-50; su Novati v. A. Benedetti, Una contrastata carriera letteraria: Francesco Novati, in «Il veltro: rivista della civiltà italiana», vol. 54, n. 1-2, 2010, pp. 87-98, con bibliografia.

50 A. Luzio, R. Renier, Isabella d’Este ed Elisabetta Gonzaga nelle relazioni famigliari e nelle vicende politiche. Narrazione storica documentata, L. Roux e C., Torino-Roma 1893. Vesme fornì a Renier i materiali documentari su Andrea Mantegna: Pisa, SNS, Archivio Venturi, lettera di Vesme a Venturi del 4 agosto 1896.

51A. Graf, R. Renier, F. Novati, Programma, in «Giornale storico della Letteratura italiana», a. I, vol. I, 1883, p. 2.

52A. Quondam, Il grande emporio di erudizione. Rapporto con la tradizione antiquaria ed erudita settecentesca, in Cent’anni di “Giornale storico della letteratura italiana” 1985, pp. 386-438.

53Graf, Renier, Novati 1883, p. 3.

54C. Dionisotti, ad vocem Scuola storica, in Dizionario critico della letteratura italiana, vol. IV, Unione tipografico-editrice torinese, Torino 1986, pp. 139-148, con bibliografia; G. Lucchini, Le origini della scuola storica. Storia, letteratura e filologia in Italia (1866-1883), Il mulino, Bologna 1990.

55G.M. Varanini, Carlo Cipolla e la storiografia italiana fra Ottocento e Novecento, atti del convegno (Verona, 23-24 novembre 1991),  Accademia di agricoltura scienze e lettere, Verona 1994.

56C. Rinaudo, I cinquant’anni della Rivista storica italiana, in «Torino: rivista mensile municipale», a. XIV, n. 5, 1934, pp. 647-649.

57M.G. Sarti, ad vocem Milanesi, Gaetano, in DBI, vol. LXXIV, 2010, pp. 420-426; G. Milanesi, Dell’erudizione e della critica nella storia delle Belle Arti, in «Nuova Antologia di scienze, lettere e arti», s. I, vol. I, f. 3, 1866, pp. 442-450; T. Ascari, ad vocem Campori, Giuseppe, in DBI, vol. XVII, 1974, pp. 559-560 e M. Pigozzi, Giuseppe Campori e il gusto documentario tra erudizione e storia, in N. Gasponi (a cura di), Giuseppe Campori collezionista. 100 disegni dalla raccolta della Biblioteca Poletti, Nuovagrafica, Carpi 2001, pp. 33-69.

58G. Campori, Raccolta di cataloghi ed inventarii inediti di quadri, statue, disegni, bronzi, dorerie, smalti, medaglie, avori, ecc. dal secolo XV al secolo XIX, C. Vincenzi, Modena 1870 (ed. consultata rist. anastatica Arnaldo Forni editore, Sala Bolognese 1975, p. VIII).

59S.A. Meyer, Epoche, nazioni, stili (1815-1873), in O. Rossi Pinelli (a cura di), La storia delle storie dell’arte, Einaudi, Torino 2014 (d’ora in poi Meyer 2014a), pp. 193-194 (Il metodo storico-critico e la «Augenphilologie»). Sulle implicazioni identitarie delle indagini sul patrimonio artistico v. Ead., La storia dell’arte tra Nationbuilding e studio della forma, ivi (d’ora in poi Meyer 2014b), pp. 239-244.

60Agosti 1996. Cfr. altresì M. Dalai Emiliani, Il progetto culturale e l’azione istituzionale di Adolfo Venturi per la storia dell’arte nell’Italia unita, in D’Onofrio 2008, pp. 25-30.

61A. Venturi, Memorie autobiografiche, Hoepli, Milano 1927, p. 17.

62   «Ora, fra quelli che negli ultimi anni più hanno lavorato, studiato e sostenuto il decoro nostro, in questo genere di studi, metto senz’altro il Venturi, nel quale si trovano equilibratissimi il senso storico e il senso tecnico. […] Studioso ricercatore d’archivi e di storie, egli è pure accurato e fino scrutatore delle forme pittoriche»: C. Ricci, Adolfo Venturi e le gallerie di Roma, in “Il Corriere della Sera”, a. XVIII, n. 214, 6-7 agosto 1893.

63 A. Venturi, La Galleria Estense in Modena , Toschi, Modena 1882.

64Infra, Paragrafo 2.1.

65G.C. Sciolla, F. Varallo (a cura di), «L’Archivio storico dell’arte» e le origini della «Kunstwissenschaft» in Italia, Edizioni dell’Orso, Alessandria 1999 e F. Papi, Adolfo Venturi fra letterati e connoisseurs: la fondazione dell’«Archivio storico dell’arte» attraverso le lettere edite e inedite di Venturi, Gnoli e Cantalamessa, in D’Onofrio 2008, pp. 237-244.

66   Pisa, SNS, Archivio Venturi, lettera di Vesme a Venturi del 31 maggio 1886. Cfr. di Macco 2008, pp. 219-230. Per l’epistolario si veda l’Appendice di F. Fantino, Dall’archivio al museo: il carteggio di Alessandro Baudi di Vesme con Adolfo Venturi (1886- 1913), in «Annali di critica d’arte», a. VI, 2010, pp. 238-288.

67   Torino, SPABA, Archivio amministrativo, m. 14, c. 1, verbali delle sedute del 9 dicembre 1886 e del 27 aprile 1887.

68   Pisa, SNS, Archivio Venturi, lettera di Vesme a Venturi del 26 maggio 1886 e ivi, lettera di Vesme a Venturi del 11 maggio 1886.

69   Ivi, lettere di Vesme a Venturi del 24 novembre 1886, 12 gennaio 1887 e 1° dicembre 1888.

70   Ivi, lettera di Vesme a Venturi del 19 aprile 1886.

71   Con grande dispiacere di Vesme, che desiderava vivamente poter conoscere di persona il suo corrispondente: ibidem.

72   Ivi, lettera di Vesme a Venturi del 26 maggio 1886.

73   Ivi, lettera di Vesme a Venturi del 20 luglio 1887.

74   Si veda per esempio l’allontanamento di Ricci da Venturi alla metà degli anni Novanta: G. Bosi Maramotti, I rapporti di Adolfo Venturi con Corrado Ricci, in G. Agosti (a cura di), Archivio di Adolfo Venturi. 4. Incontri venturiani, Scuola Normale Superiore di Pisa, Pisa 1995, pp. 9-37.

75   Su Corrado Ricci (1858-1934) cfr. S. Sicoli, ad vocem, Ricci, Corrado, in Dizionario biografico 2007, pp. 510-527 e relativa bibliografia. Si vedano inoltre Emiliani, Spadoni 2008; D. Domini, La formazione intellettuale (1878- 1890), ivi, pp. 121-129; D. Levi, Appunti su Corrado Ricci e la sua attività museografica, in Emiliani, Domini 2004, pp. 51-63.

76 S. Sicoli, L’ispettore Malaguzzi Valeri alla pinacoteca di Brera: un decennio di attività (1903-1914), in Rovetta, Sciolla 2013, pp. 217-239.

77A. Giovannini Luca, Alessandro Baudi di Vesme e le ricerche sull’arte antica piemontese tra Otto e Novecento. Proposte per una lettura generazionale, in «Quaderno di Storia Contemporanea», n.s., a. XXXVI, n. 53, 2013 (d’ora in poi Giovannini Luca 2013a), pp. 33-41.

78M. di Macco, Torino, in Guida breve al patrimonio artistico delle province piemontesi, Tipografia Impronta, Torino 1979, pp. 86-91.

79   Le prime lettere conservate presso l’archivio della SPABA relative a tali artisti risalgono al 1886 e confermano l’intensa attività di ricerca di dati biografici svolta da Vesme: Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 7, passim.

80   Ivi, m. 5, c. 5.

81   Ivi, m. 10, f. 16, lettere di Marocchino a Vesme del 23 aprile e dell’8 maggio 1889, del 28 giugno 1890 e del 2 febbraio 1891. Sulla figura del padre barnabita Luigi
Bruzza si veda Luigi Bruzza. Storia, epigrafia, archeologia a Vercelli nell’Ottocento, guida alla mostra (Vercelli, Museo Leone, 5-20 ottobre 1984), a cura della Cassa di risparmio di Vercelli, s.ed., Vercelli 1984 e Levi Momigliano 2004, parte II, Capp. II e III, rispettivamente pp. 135 e ss. e pp. 161 e ss. Alla sua morte (1883) parte delle sue carte fu donata dall’Ordine dei Barnabiti al municipio vercellese; Giuseppe Colombo se ne servì per comporre Documenti e notizie intorno agli artisti vercellesi, pubblicato a spese del locale istituto di Belle Arti nello stesso 1883. Cfr. anche C. Barelli, Considerazioni in merito alle ricerche di Luigi Bruzza e Giuseppe Colombo sulla scuola pittorica vercellese, in Atti del Convegno di studi nel centenario della morte di Luigi Bruzza (Vercelli, 6-7 ottobre 1984), s.ed., Vercelli 1987, pp. 65-81.

82   Torino, Archivio privato della famiglia Baudi di Vesme, lettera di Vesme ai padri Barnabiti di Moncalieri del 25 aprile 1889; ivi, lettera di Vesme agli stessi del 21 luglio 1889.

83   Torino, SPABA, Archivio Vesme, m. 9, c. 1, f. “Territorio/Varie”, «Vercelli, autografo del parroco Luigi Bruzza (donatomi dal padre Canobbio 1889)».

84G. Baldissone (a cura di), Camillo Leone una vita da museo. Memorie 1876-1901, Interlinea edizioni, Novara 2007, p. 479.

85A. Baudi di Vesme, Martino Spanzotti maestro del Sodoma. Nuovi documenti, in «L’Archivio storico dell’arte», s. I, a. II, f. 10, 1889, pp. 421-423; L. Bruzza, Notizie intorno alla patria e ai primi studi del pittore Giovan Antonio Bazzi detto il Sodoma, in «Miscellanea di storia italiana», s. I, t. I, 1862, pp. 7-45.

86G. Colombo, Documenti e notizie intorno agli artisti vercellesi, Guidotti, Vercelli 1883; Baudi di Vesme 1889, p. 423.

87Id., Il primo maestro di Bernardino Lanino, in «L’Archivio storico dell’arte», s. I, a. III, f. 1, 1890, pp. 79-80.

88Id., I Van Loo in Piemonte, in «L’Archivio storico dell’arte», s. I, a. V, f. 6, 1893, pp. 333-368; Id., Giovan Francesco Caroto alla corte di Monferrato (commento a una pagina del Vasari), ivi, s. II, a. I, f. 1-2, 1895, pp. 33-42 (d’ora in poi Baudi di Vesme 1895a); Id., Matteo Sanmicheli scultore e architetto cinquecentista, ivi, f. 4, pp. 274-321 (d’ora in poi Baudi di Vesme 1895b); Id., Chi era il padre di Matteo Sanmicheli, ivi, a. III, f. 4, 1897, pp. 275-280.

89   Sulla Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti cfr. F. Malaguzzi, Cultura e Società a Torino. I 116 anni della S.P.A.B.A., in E.C. Ostellino, P. Bossi (a cura di), Indice di 116 anni di pubblicazioni, L’Artistica, Savigliano 1992, pp. 9-17; F. Gamba, Abbadia di Sant’Antonio di Ranverso e Defendente De Ferrari da Chivasso pittore dell’ultimo dei Paleologi, in «Atti della Società di Archeologia e Belle Arti della provincia di Torino», vol. I (1875-1877), 1876, pp. 119-172. Cfr. anche Fantino 2013, pp. 375-383.

90M. Michela, [Introduzione], in Catalogo degli oggetti componenti la mostra di arte antica. Torino 1880, V. Bona, Torino 1880, p. 9; M. di Macco, Avondo e la cultura della sua generazione: il tempo della rivalutazione dell’arte antica in Piemonte, in R. Maggio Serra, B. Signorelli (a cura di), Tra verismo e storicismo: Vittorio Avondo dalla pittura al collezionismo, dal museo al restauro, Celid, Torino 1997, pp. 49-60; S. D’Italia, Primitivi piemontesi in mostra: Torino 1880-1898, in S. Baiocco (a cura di), Defendente Ferrari a Palazzo Madama. Studi e restauri per il centenario della donazione Fontana, L’Artistica, Savigliano 2009, pp. 29-47.

91   «Io mi terrò pago se questa succinta chiacchierata sopra l’arte antica in Piemonte varrà a distruggere per sempre il vecchio pregiudizio, ripetuto a iosa da chi non fece che ripetere ciò che aveva copiato da altri; e sarò lieto se avrò contribuito a collocare il nostro Paese nel posto che in fatto d’arte gli è meritatamente dovuto»: F. Gamba, L’arte antica in Piemonte, in Torino. Esposizione Nazionale di Belle Arti e Congresso artistico nazionale, Botta, Torino 1880, p. 527.

92   Preziosa testimonianza rimane l’elenco delle fonti a stampa sull’arte piemontese presentato da Vesme in occasione del X Congresso internazionale di storia dell’arte, tenutosi a Roma nel 1912. Gli atti del Congresso vennero pubblicati soltanto nel 1922: A. Baudi di Vesme, per le fonti della storia dell’arte piemontese, in L’Italia e l’arte straniera, atti del X Convegno internazionale di storia dell’arte (Roma, Palazzo Corsini, 16-21 ottobre 1912), Maglione, Roma 1922, pp. 501-506. Cfr. infra, Paragrafo 4.1.

93A. Giovannini Luca, Tutela e restauro del patrimonio pittorico «fuori delle gallerie»: lineamenti per un quadro istituzionale, in M.B. Failla (a cura di), Tutela e restauro in Piemonte. Esperienze sul territorio tra Otto e Novecento, Il Prato, Firenze 2015, pp. 99-117.