Versión clásicaVersión móvil
OpenEdition Books

Alessandro Baudi di Vesme e la scoperta dell’arte in Piemonte

 | 
Alessandra Giovannini Luca

Ringraziamenti

Texto completo

1I miei ringraziamenti vanno a Maria Beatrice Failla, per il sostegno e per le proficue discussioni durante l’organizzazione e la stesura della tesi di dottorato, da cui ha preso le mosse questo volume; a Michela di Macco, per aver incoraggiato e orientato l’avvio dei miei studi; a Bruno Signorelli e all’organico della Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti onlus, per aver permesso e agevolato in ogni modo le ricerche sull’Archivio Vesme; alla famiglia Baudi di Vesme, per avermi consentito di accedere all’Archivio privato; a Dario Marcatto, Federica Panero e Marianna Ferrero per lo scambio costante di idee e suggerimenti sui temi affrontati.

2Sono grata ad Anna Maria Bava per aver autorizzato la consultazione delle carte relative all’attività svolta da Vesme come direttore di museo e soprintendente e a Diego Mirenghi dell’Archivio storico della Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici del Piemonte per averla seguita e supportata; ad Antonella Affronti per la ricerca sulla documentazione fotografica e a Nicoletta Nicoletti per quella sui materiali bibliografici; a Filippo Lanzoni e Fabio Olivieri per le indagini sull’Archivio storico dell’Ufficio Esportazione; a Daniela Biancolini Fea e ad Enrico Barbero per aver consentito e coadiuvato lo spoglio delle carte di Alfredo d’Andrade conservate presso la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici per le province di Torino, Asti, Cuneo, Biella e Vercelli; a Enrica Pagella e Simone Baiocco per l’analisi del Fondo Vittorio Avondo presso gli uffici del Museo Civico d’arte antica - Palazzo Madama. Grazie infine a Vincenzo Ferraro, per avermi guidata nella ricognizione nell’Archivio fotografico di Secondo Pia al Museo della SS. Sindone; a Michela Cometti della Fototeca della Fondazione Torino Musei; a Ilaria Della Monica dell’Archivio Berenson e a Giovanni Pagliarulo della Fototeca de “I Tatti” di Settignano (FI); a Claudia Wedepohl ed Eckart Marchand dell’Aby Warburg Institute di Londra, a Clelia Alessandrini della Biblioteca Palatina di Parma, a Elena Rossoni del Gabinetto Disegni e Stampe della Pinacoteca Nazionale di Bologna; a Carl Brandon Strehlke del Philadelphia Museum of Art e a Stephen Gritt della National Gallery of Canada per le informazioni su Pasquale Farina; a Paola Novaria e Giuliana Maria Borghino Sinleber dell’Archivio storico dell’Università di Torino.

Comprar

Volumen papel

amazon.fr