Version classiqueVersion mobile

Alessandro Baudi di Vesme e la scoperta dell’arte in Piemonte

 | 
Alessandra Giovannini Luca

Introduzione

Texte intégral

  • 1   Attualmente irreperibile tra le carte dello studioso, l’appunto è stato citato da A. Cavallari Mu (...)

«Preparare materiali che altri, forse non ancora nato, metterà in opera […] può sembrare un’ingenuità, ma è in sostanza un atto di generosità e di abnegazione»1.

1Il tono un poco sommesso con cui Alessandro Baudi di Vesme allude al testimone idealmente consegnato alle generazioni future sembra voler ricondurre nella sfera dell’ordinario l’impressionante quantità di notizie da lui raccolta sulla storia delle arti negli antichi Stati sabaudi: una miniera preziosa di informazioni che soltanto dopo la sua morte sarebbe confluita nei quattro volumi di quelle Schede Vesme che ancora oggi costituiscono il principale riferimento documentario per chi si occupa di ricerca storico-artistica in Piemonte.

2Il lavoro filologico svolto da Vesme fu subito riconosciuto nel suo pieno valore e celebrato come un unicum nel panorama degli studi. Ben altra fortuna venne riservata alla sua biografia, che per lungo tempo è rimasta insondata al di sotto del suo tracciato istituzionale e ha risentito, inevitabilmente, di una lettura condizionata dall’opera di redazione manoscritta delle Schede: una soluzione per metonimia che ha tramandato, cristallizzandola, l’immagine anodina di uno studioso chino sulle carte d’archivio, chiuso entro i confini del territorio piemontese, culturalmente lontano da una disciplina riformata sulla base del motto toeschiano «prima conoscitori, poi storici».

  • 2A. Venturi, Della posizione ufficiale della storia dell’arte rispetto alle altre discipline stori (...)

3Il mancato accreditamento di Vesme va però letto con l’occhio del tempo e imputato solo in parte alla distanza metodologica che ha reso meno immediato e appetibile il confronto con lui e con quella che, in Italia, fu l’ultima generazione di ricercatori e funzionari autodidatti responsabile della prima definizione statutaria della storia dell’arte, al principio degli anni Novanta dell’Ottocento «ancora ultima nel consesso delle discipline storiche»2. È soltanto da pochi decenni, infatti, che anche in Piemonte sono iniziati gli approfondimenti sui percorsi della tutela e del restauro, della museologia, del collezionismo e della ricezione, fino a intersecarli con le indagini sulla produzione e sulla letteratura artistica, sul gusto e sulla fortuna critica. Ancora più recenti e non del tutto assimilate sono state le sollecitazioni ad affrontare in quest’ottica il passaggio dal XIX al XX secolo: un periodo che fu cruciale per la ridefinizione della normativa, delle strutture, delle figure professionali e della stessa disciplina storico-artistica, tanto da essere oggi unanimemente riconosciuto come la stagione in cui nacque la storia dell’arte nel nostro Paese.

  • 3G. Agosti, La nascita della storia dell’arte in Italia. Adolfo Venturi dal museo all’università 1 (...)
  • 4   A partire da C. Piva, I. Sgarbozza (a cura di), Il corpo dello stile. Cultura e lettura del resta (...)
  • 5A. Griseri, ad vocem Baudi di Vesme, Alessandro, in DBI, vol. VII, 1965, pp. 280-282; Cavallari M (...)
  • 6E. Castelnuovo, Discours d’installation, in Université de Lausanne. Installation de MM. les Profe (...)

4Il proposito di colmare la lacuna storiografica nella quale si collocano Alessandro Baudi di Vesme e la sua attività non sarebbe stato attuabile senza alcuni modelli di lavoro, che hanno messo in evidenza la necessità di coinvolgere nella discussione sulla storia della critica d’arte attori, temi e urgenze più specificatamente legate al mondo delle istituzioni museali e della salvaguardia del patrimonio artistico: i contributi su Adolfo Venturi, Corrado Ricci, Pietro Toesca e Francesco Malaguzzi Valeri sono soltanto alcune delle indagini che si collocano su questa traccia3. Accanto agli interventi sulla nascita e l’evolversi degli enti di tutela, dei musei e delle loro raccolte e insieme con le acquisizioni sulla storia della conservazione e del restauro4, questo filone di studi ha fornito non solo un inquadramento storico-culturale alla mia ricerca, ma anche gli strumenti critici per impostarla. Nel novero della ridottissima bibliografia dedicata a Vesme5, le indicazioni di Michela di Macco sul sodalizio da lui stretto con Adolfo Venturi durante la stagione di riordino delle gallerie nazionali hanno costituito il presupposto concreto per ripensarne il profilo alla luce di un avvicinamento ai temi e ai problemi della storia dell’arte che, sul finire del XIX secolo, non poteva che sperimentarsi in un museo; allo stesso tempo, hanno aperto una pista promettente per una prima analisi degli orientamenti della storia e della critica d’arte in Piemonte tra Otto e Novecento capace di restituire e governare il suo «milieu concret»6.

5Con la convinzione che per proporre un’alternativa credibile alla lettura tradizionale fosse necessario osservare Vesme con uno sguardo più largo rispetto al taglio biografico e meno condizionato dal cliché di semplice ricercatore di documenti, ho ritenuto opportuno seguire la traccia di alcune questioni rimaste aperte, a mio giudizio funzionali a verificare il suo personale metodo di lavoro e, nel contempo, a contestualizzarlo e a individuarne la legittimità: in che modo e con quali risultati tangibili egli riuscì a coniugare la carriera di funzionario statale, impegnato nel museo e sul territorio, con i suoi interessi di studio? Come e su quali temi si costruì e si alimentò il suo confronto con l’orizzonte italiano e con quello straniero? Su che tessuto locale e su quali ragioni e consuetudini culturali e metodologiche si innestarono le sue risposte alle istanze di aggiornamento provenienti dall’Italia e dall’estero e a quelle avanzate dalle nuove leve di storici dell’arte?

  • 7A. Giovannini Luca, Per una storia dell’arte in Piemonte: il contributo di Alessandro Baudi di Ve (...)

6Questa serie di domande ha costituito la spina dorsale della mia ricerca e del testo che ne è scaturito, frutto del triennio di dottorato in Storia del patrimonio archeologico e artistico svolto presso il Dipartimento di Studi Storici dell’Università di Torino7. Modulare l’argomento su tali interrogativi è stato un passaggio obbligato per poter inquadrare Vesme in primo luogo nell’ambito piemontese: oltre alle strutture, alle professionalità e alle risorse a disposizione, sono stati presi in esame non solo gli orientamenti della storiografia locale, fondata su una solida tradizione di studi filologico-documentari, ma anche l’emergenza concreta di scoprire, analizzare e tutelare un patrimonio figurativo e architettonico che, sullo scorcio del Novecento, rimaneva per tanta parte inesplorato e attendeva ancora una sua piena riabilitazione storico-critica. Ne è conseguita l’inevitabile comparazione con il panorama italiano e con le modificazioni cruciali che ne caratterizzarono il passaggio dal XIX al XX secolo, sulla scorta dei modelli di eccellenza stranieri: la riforma dei musei governativi e dell’intero sistema nazionale delle Belle Arti, sfociata nella prima legge di tutela e nell’istituzione delle soprintendenze; la creazione della prima cattedra universitaria di storia dell’arte, la progressiva normalizzazione del profilo professionale dello storico dell’arte e il contestuale esautoramento dell’eterogenea schiera di artisti e intellettuali che sino ad allora aveva ricoperto gli incarichi dirigenziali nel settore storico-artistico; il tramonto del metodo storico e l’affermarsi di una nuova impostazione metodologica di marca idealistica.

  • 8   Si veda infra, la Sezione Fonti/Fondi documentari.

7Il mio studio si è giovato, in primo luogo, dell’esame delle fonti archivistiche esistenti entro e fuori i confini piemontesi8. Alcune di esse hanno permesso di ricostruire una fitta serie di rapporti epistolari (già noti o presunti ma non sempre documentati), confermando l’ipotesi che le carte torinesi oggi consultabili sono fortemente lacunose, sia per la parte istituzionale sia per quanto riguarda la corrispondenza personale di Vesme. La verifica condotta sui bollettini locali e sui principali periodici specializzati, nazionali e stranieri, ha consentito di calibrare con maggior precisione i giudizi dell’osservatorio italiano ed europeo rispetto alle iniziative di studio e tutela approntate in Piemonte e di controllare e completare alcune vicende segnalate dai carteggi manoscritti. Le raccolte fotografiche hanno infine costituito uno strumento prezioso di integrazione delle notizie, tanto nell’ambito degli studi quanto sul fronte delle pratiche di documentazione e conservazione del patrimonio.

8Rispetto all’ordine cronologico della monografia tradizionale ho preferito privilegiare una strutturazione “per competenze”, persuasa che questa sia la formula più idonea a soddisfare gli obiettivi di contestualizzazione e a mettere in luce le diverse anime di Vesme nelle loro strette correlazioni. Il volume si articola perciò in cinque aree tematiche, precedute da un capitolo introduttivo sugli anni della formazione (1): la direzione della Regia Pinacoteca di Torino (2); il coinvolgimento di Vesme nelle attività di salvaguardia dei beni artistici non appartenenti allo Stato, formalizzato dalla sua nomina a soprintendente alle gallerie e agli oggetti d’arte del Piemonte e della Liguria nel 1907 e da quella a presidente dell’Ufficio Esportazione nel 1913 (3); l’impegno nella sistematizzazione delle fonti sulla storia dell’arte locale e nella riabilitazione critica e storiografica della Rinascenza pittorica piemontese attraverso il magistero di Martino Spanzotti (4); il suo contributo al progredire delle conoscenze sulla storia dell’incisione in Italia, le iniziative da lui promosse per la tutela delle collezioni cittadine di grafica e la composizione della sua raccolta personale di stampe (5). Un ultimo capitolo è stato dedicato all’analisi delle vicende novecentesche delle “Carte Vesme”, nel confronto con i piani editoriali che nel secolo scorso hanno portato alla pubblicazione delle Schede omonime (6).

  • 9 M. Baxandall, Patterns of intention: on the historical explanation of pictures, Yale University p (...)
  • 10A. Momigliano, Sui fondamenti della storia antica, Einaudi, Torino 1984, p. 39.

9Oltre a legittimare la ricollocazione di Vesme sullo scenario italiano ed europeo di quegli anni a fianco dei profili che più incisero sulla fisionomia della storia dell’arte e sui suoi percorsi futuri, i risultati delle ricerche qui avviate consentono di interpretare in maniera più articolata l’intero contesto piemontese anche al di fuori dei limiti cronologici di questo volume, e rendono auspicabile una «nuova configurazione del campo»9 in cui siano esaminati e resi espliciti i legami a doppio filo che hanno contraddistinto e che tuttora connotano gli studi storico-artistici e le scelte operate negli ambiti della museologia, della tutela e del restauro. Concretizzato in un poderoso lavoro di organizzazione dei documenti e di censimento del patrimonio artistico il cui fine ultimo era riscattare il Piemonte dal novero delle periferie dell’arte, il connubio ricerca-tutela costituisce infatti la chiave di lettura più corretta per disegnare criticamente la biografia intellettuale di Vesme, che rimase, consapevole di esserlo, un interprete di fonti e non uno storico10. A più di cent’anni di distanza dall’avvio di una specializzazione professionale destinata a sfociare in una netta separazione delle carriere, non appare inadeguato tornare oggi a interrogarsi sulla validità di quel principio di complementarietà, e intravvedere in un migliore coordinamento delle responsabilità disciplinari il punto da cui ripartire per rinsaldare e rinnovare la cooperazione tra gli enti preposti alla tutela e i luoghi della formazione e della ricerca.

Notes

1   Attualmente irreperibile tra le carte dello studioso, l’appunto è stato citato da A. Cavallari Murat, Alessandro Baudi di Vesme, critico e storiografo, in A. Baudi di Vesme, Schede Vesme. L’arte in Piemonte tra i secoli XIII e XIX (A-Z); elenchi di opere presso parrocchie, musei, comuni, collezioni private, vol. IV, Stamperia Artistica Nazionale, Torino 1982, p. XXVII.

2A. Venturi, Della posizione ufficiale della storia dell’arte rispetto alle altre discipline storiche, in «Offizieller Bericht über die Verhandlungen des Kunsthistorischen Kongresses zu Nürnberg», 25-27 settembre 1893, pubblicato in Id., Vedere e rivedere. Pagine sulla storia dell’arte 1892-1927, a cura di G.C. Sciolla e M. Frascione, Il segnalibro, Torino 1990, p. 83.

3G. Agosti, La nascita della storia dell’arte in Italia. Adolfo Venturi dal museo all’università 1880-1940, Marsilio, Venezia 1996; M. di Macco (a cura di), Toesca, Venturi, Argan. Storia dell’arte a Torino 1907-1931, in «Ricerche di Storia dell’Arte», n. 59, 1996; A. Emiliani, D. Domini (a cura di), Corrado Ricci storico dell’arte tra esperienza e progetto, atti del convegno (Ravenna, 27-28 settembre 2001), Longo, Ravenna 2004; M. D’Onofrio (a cura di), Adolfo Venturi e la storia dell’arte oggi, atti del convegno (Roma, Università “La Sapienza”, 25-28 ottobre 2006), Panini, Roma 2008; A. Emiliani, C. Spadoni (a cura di), La cura del bello. Musei, storie e paesaggi per Corrado Ricci, catalogo della mostra (Ravenna 2008), Electa, Milano 2008; E. Gabrielli, P. Callegari (a cura di), Pietro Toesca e la fotografia: saper vedere, Skira, Milano 2009; F. Crivello (a cura di), Pietro Toesca all’Università di Torino. A un secolo dall’istituzione della cattedra di storia dell’arte medievale e moderna 1907-1908/2007-2008, atti della giornata di studi (Torino, 17 ottobre 2008), Dell’Orso, Alessandria 2011; A. Rovetta, G.C. Sciolla (a cura di), Francesco Malaguzzi Valeri (1867-1928): tra storiografia artistica, museo e tutela, atti del convegno (Milano, 19 ottobre 2011; Bologna, 20-21 ottobre 2011), Scalpendi, Milano 2013.

4   A partire da C. Piva, I. Sgarbozza (a cura di), Il corpo dello stile. Cultura e lettura del restauro nelle esperienze contemporanee, De Luca, Roma 2005 e dalla collana Restauri e restauratori in archivio (cfr. Fonti/Bibliografia) si è strutturato ed è cresciuto il database online ASRI-RESI (Archivio Storico Nazionale e banca dati dei Restauratori italiani). Sullo stato di avanzamento del progetto rimando a L. Secco Suardo, Il progetto nazionale ASRI, Archivio Storico Nazionale e Banca Dati dei Restauratori italiani, in M.B. Failla, S.A. Meyer, C. Piva, S. Ventra (a cura di), La cultura del restauro. Modelli di ricezione per la museologia e la storia dell’arte, atti del convegno internazionale (Roma, Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo alle Terme - Università “La Sapienza”, 18-20 aprile 2013), Campisano editore, Roma 2014, pp. 661-681.

5A. Griseri, ad vocem Baudi di Vesme, Alessandro, in DBI, vol. VII, 1965, pp. 280-282; Cavallari Murat 1982, pp. X-XXVII; C.E. Spantigati, ad vocem Baudi di Vesme, Alessandro, in Dizionario biografico dei soprintendenti storici dell’arte 1904-1974, Bononia University press, Bologna 2007, pp. 68-73; M. di Macco, Il museo negli studi e nell’attività di Adolfo Venturi (dal 1887 al 1901), in D’Onofrio 2008, pp. 219-230.

6E. Castelnuovo, Discours d’installation, in Université de Lausanne. Installation de MM. les Professeurs ordinaires, 28 mai 1970, Losanna 1970, riportato in Id., Monsieur le Conseiller d’État, in La cattedrale tascabile. Scritti di storia dell’arte, Sillabe, Livorno 2000, p. 11.

7A. Giovannini Luca, Per una storia dell’arte in Piemonte: il contributo di Alessandro Baudi di Vesme (1854-1923) tra erudizione, museo e tutela, tesi di dottorato in Museologia e critica artistica e del restauro (L-ART/04), Dipartimento di Studi Storici, Università degli Studi di Torino, tutor M.B. Failla, a.a. 2011/2013 (XXVI ciclo).

8   Si veda infra, la Sezione Fonti/Fondi documentari.

9 M. Baxandall, Patterns of intention: on the historical explanation of pictures, Yale University press, New Haven-London 1985 (ed. it. consultata Id., Forme dell’intenzione: sulla spiegazione storica delle opere d’arte, Einaudi, Torino 2000, pp. 89-90).

10A. Momigliano, Sui fondamenti della storia antica, Einaudi, Torino 1984, p. 39.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search