Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Autografia ed epistolografia tra XI e XIII secolo

 | 
Micol Long

Ringraziamenti

Texte intégral

1L’elenco delle persone e delle istituzioni che hanno reso possibile questo lavoro e mi hanno aiutato e stimolato a migliorarlo è lungo.

2Vorrei ringraziare in primo luogo coloro che alla Scuola Normale Superiore di Pisa hanno creduto nelle potenzialità del mio progetto di ricerca, concedendomi una borsa di perfezionamento e, di volta in volta, finanziamenti per effettuare ricerche fuori sede e partecipare a conferenze.

3Sono molto grata al professor Carlo Ginzburg per avere, con la sua caratteristica curiosità intellettuale e generosità, accettato di seguire il mio progetto. Un ringraziamento di cuore va al professor Armando Petrucci per la grande disponibilità e gentilezza dimostratemi e per i preziosi consigli, che mi hanno molto aiutata a definire l’oggetto dell’indagine. La professoressa Giulia Ammannati mi ha poi seguita con attenzione e competenza, aiutandomi nella selezione e nell’interpretazione delle testimonianze.

4A Torino, il professor Enrico Artifoni è stato, come sempre, una fonte costante di suggerimenti bibliografici, consigli e stimoli a migliorare il lavoro, fin nei più piccoli dettagli. Un caloroso ringraziamento va anche al professor Gian Giacomo Fissore, che in più occasioni mi ha fornito il suo prezioso parere, su singoli problemi come sulla ricerca complessiva.

5Sono poi debitrice alla professoressa Lena Wahlgren – Smith per aver discusso con me il caso di Nicola di Clairvaux e avermi gentilmente mandato le sue note provvisorie al testo della sua nuova edizione delle lettere, e alla professoressa Martina Hartmann per aver risposto alle mie domande in merito alla sua edizione delle epistole di Wibaldo di Stavelot, nonché, più tardi, per avermi accolta per un soggiorno di ricerca di dieci mesi agli MGH. Il parere e i suggerimenti del professor Jean – Yves Tilliette, dell’Università di Ginevra, sono stati molto utili per la revisione del lavoro. In generale, sarebbe impossibile elencare singolarmente tutti gli altri studiosi, incontrati in occasione di conferenze e seminari, con i quali ho avuto occasione di parlare di questa ricerca, traendo utili spunti.

6Il soggiorno di dieci mesi presso l’École Nationale des Chartes di Parigi, reso possibile dalla collaborazione con la Scuola Normale, nonché dai fondi europei del Programma LLP/Erasmus, è stato un’esperienza preziosa, sia come occasione di formazione sia per la possibilità di accedere allo straordinario patrimonio bibliotecario parigino. Il soggiorno di un mese nella città di Leeds, finanziato dall’Associazione Amici della Scuola Normale, mi ha poi dato la possibilità non solo di sfruttare la biblioteca dell’università e di migliorare il mio inglese, ma anche di entrare in contatto con un vivace gruppo di giovani medievisti.

7Infine, sono molto grata alla Commissione Pubblicazioni dell’Università di Torino per avermi dato la possibilità di pubblicare questo lavoro.

8L’ultimo ringraziamento va alla mia famiglia, che da sempre mi m’incoraggia e mi sostiene, ai miei amici, vicini anche se spesso lontani, e a Tommaso.