Version classiqueVersion mobile

Autografia ed epistolografia tra XI e XIII secolo

 | 
Micol Long

Sintesi conclusiva e prospettive di ricerca

Texte intégral

1Tra i risultati del lavoro vi è in primo luogo l’individuazione di un numero non trascurabile di testimonianze relative all’autografia epistolare nei secoli in esame, nell’ordine di una ventina, oltre alla notizie relative a casi di autografia epistolare in altre fonti, ai probabili interventi autografi d’autore segnalati da formule di copisti e alle affermazioni che sembrano implicare la scrittura di propria mano. Si tratta di un insieme limitato di testimonianze, come era ampiamente prevedibile, il che rende difficile trarne considerazioni di valenza generale; il livello delle riflessioni sui singoli casi può essere superato solo in via di ipotesi. Occorre considerare che si tratta di una scelta anche metodologica in favore di uno dei possibili modi di indagare il fenomeno dell’autografia d’autore: non l’approccio quantitativo ma l’indagine dell’autoconsapevolezza degli autori stessi. Il genere epistolare si rivela particolarmente idoneo per un’analisi di questo tipo, dal momento che la tendenza degli autori ad autorappresentarsi — non di rado nell’atto di comporre la lettera stessa — li spinge spesso a fornire informazioni in merito alla loro pratiche scrittorie e al loro pensiero in proposito.

2Lo studio della concezione dell’autografia assume un particolare valore nel contesto del periodo storico, che costituisce un momento di svolta tra l’alto Medioevo, in cui la scrittura di propria mano da parte degli autori era del tutto eccezionale, e un’epoca in cui essa diventa invece capillare. Le testimonianze individuate, considerate collettivamente, supportano a mio parere l’ipotesi che l’ambito epistolare sia stato uno dei contesti di sperimentazione dell’autografia e di sviluppo di una sua rinnovata valorizzazione.

3Da una panoramica dei modi in cui la nozione di autografia era espressa emerge l’impressione di un non indifferente rinnovamento rispetto al mondo antico e tardoantico. In ambito letterario si constata l’esistenza di diverse perifrasi in grado di indicare la scrittura di propria mano da parte dell’autore di un testo: tale flessibilità, rilevabile soprattutto in confronto all’ambito documentario, potrebbe dipendere dai diversi significati e valori ad essa di volta in volta attribuiti. Tra i riferimenti individuabili all’interno dei testi, un cenno a parte merita la formula et alia manu, introdotta da un copista che rileva il cambiamento di mano nel manoscritto che sta copiando, laddove questo è l’originale; essa permette in alcuni casi di supporre nelle lettere la presenza di sottoscrizioni autografe, diffuse soprattutto nell’alto Medioevo, ma di cui è stato possibile individuare un caso del pieno XII secolo, nelle lettere di Erberto di Losinga.

4Esiste una ricca tradizione di riferimenti metagrafici, vale a dire di passi nei quali l’autore fa riferimento alla scrittura del testo stesso: spesso si citano gli strumenti della scrittura su tavolette cerate, che rimandano a una prima fase di elaborazione, più frequentemente gestita dall’autore in autonomia. Le dichiarazioni di autografia si distinguono dalle allusioni metagrafiche in quanto nascono dalla volontà di comunicare che il mittente ha scritto di propria mano il testo che il destinatario ha tra le mani, al quale si fa spesso riferimento, ad esempio descrivendo la grafia.

5È noto che gli autori medievali si servivano per lo più di collaboratori cui era affidata la scrittura materiale; l’attività intellettuale della creazione letteraria era chiaramente distinta dalla realizzazione del testo e considerata perfino incompatibile con essa. Fra le ipotesi interpretative che possono essere avanzate per spiegare il fenomeno della progressiva diffusione dell’autografia d’autore nei secoli in esame vi è quella, oggetto del presente studio, di un’influenza dell’ambito epistolare, all’interno del quale potevano esistere spazi e motivazioni per l’adozione di una pratica autografa.

6In alcuni casi gli autori affermano di aver scritto di propria mano perché costretti dalle circostanze; tuttavia la scelta di rilevare l’autografia risponde probabilmente a esigenze precise, come la volontà di autorappresentarsi in condizioni di lavoro difficili, allo scopo di conferire maggior valore allo scritto o di giustificarne eventuali difetti. Appare importante inoltre tenere presente che esisteva una pratica usuale dell’autografia tra coloro che non potevano usufruire dei servigi di un segretario e desideravano scrivere per sé; quasi mai, però, essa dà luogo a dichiarazioni di autografia, che sono per lo più il frutto di una situazione eccezionale che viene rilevata e giustificata.

7Allusioni all’autografia, anche epistolare, emergono nell’opera di vari autori classici, in particolare Quintiliano, Cicerone, Seneca e Ovidio: sia pure in misura diversa, questi autori potrebbero aver esercitato un’influenza nei secoli in esame. In ambito biblico i pochi riferimenti a episodi di autografia (dalle Tavole della Legge alle sottoscrizioni paoline), anche se spesso citati, non sembrano aver dato luogo a fenomeni di consapevole imitazione fino almeno alla metà del XIII secolo. Fra i Padri della Chiesa è in primo luogo Ambrogio di Milano a fornire una testimonianza eccezionale relativa all’autografia, ma un’influenza diretta delle sue lettere può essere provata solo in pochi casi; ben più diffuse erano le epistole di Girolamo, che pure contengono alcuni riferimenti alla scrittura di propria mano.

8Fra le motivazioni più frequentemente menzionate nelle dichiarazioni di autografia vi è la necessità di segretezza: questa non appare sempre verosimile, ed è perciò preferibile parlare di vari gradi di confidenzialità. La plausibilità della segretezza è poi indipendente da quella dell’autografia, che in alcuni casi può essere messa in dubbio, in quanto potrebbe trattarsi di un topos indipendente dalle reali pratiche di produzione epistolare. In altri casi, tuttavia, l’idea di una lettera autografa in quanto segreta appare plausibile, e soprattutto si rileva, anche in altre fonti, la diffusione dell’idea di un legame tra autografia epistolare e riservatezza.

9Nelle lettere di affetto l’autografia è spesso presentata come mezzo e garanzia di una scrittura caratterizzata come intima e personale, sulla base del modello del colloquio riservato tra amici. Un caso di rapporto privilegiato nel quale la scrittura di propria mano potrebbe assumere un particolare ruolo è quello tra maestro e discepolo: essa può infatti rimandare a ricordi condivisi e in particolare alla comune esperienza del contesto scolastico. Inoltre in alcune epistole l’autografia è considerata un gesto di affetto in quanto dono del proprio tempo e della propria fatica, inequivocabilmente testimoniati al destinatario dalla grafia. Si rileva la relativa frequenza, nelle lettere di affetto, dei riferimenti alla missiva come oggetto materiale: è possibile che tale tradizione abbia concorso alla progressiva valorizzazione della scrittura, considerata non sempre distinta e incompatibile con la creazione letteraria ma a volte ad essa, almeno concettualmente, collegata. Proprio la concezione dell’epistola, in tutti i suoi aspetti, come un dono per l’amico cui era indirizzata poteva favorire una particolare cura anche per il suo aspetto materiale e grafico – formale, in cui sarebbe da inquadrare anche la scelta autografica, in grado di conferire un valore supplementare al testo. Infine, se qualsiasi lettera può essere considerata un sostituto dell’autore in base alla riconoscibilità del suo contributo, l’intervento autografo rappresenta l’unico mezzo per una trasposizione grafico – visuale dell’impronta personale. Si può poi suggerire la possibilità di una connessione tra autografia e richiesta di preghiera, in quanto la grafia personale costituisce un segno di autoidentificazione, che, come il nome proprio o l’autorappresentazione figurata, è a volte associato alla richiesta di preghiere, quasi servisse a guidarla.

10Alcune testimonianze rinviano poi a un legame concettuale tra autografia e umiltà: è il caso di lettere nelle quali il riferimento alla scrittura di propria mano è usato in modo funzionale all’esigenza di rappresentare l’autore in una condizione di ostentata debolezza e inferiorità, di descrizioni di biografi che rilevano come eccezionale il fatto che personaggi venerabili si dedichino alla scrittura di propria mano e della tendenza a presentare come motivazione per la propria autografia il sentimento di vergogna che si prova a comporre di fronte a qualcun altro per via della consapevolezza della propria insipienza.

11L’autografia può poi essere presenta come una garanzia dell’affidabilità di una testimonianza, specialmente se l’autore descrive eventi cui ha assistito in prima persona.

12Infine, una particolare valorizzazione della lettera nella sua dimensione materiale è attestata in alcuni contesti di direzione spirituale: missive di personaggi venerabili possono essere paragonate a testi sacri o addirittura a reliquie, conservate religiosamente, usate come amuleti e credute capaci di compiere miracoli. Ciò può riguardare anche lettere materialmente scritte da segretari, ma si segnalano alcuni casi in cui uno scritto è conservato con particolare reverenza proprio in virtù della sua autografia. Nell’agiografia il tema dell’epistola di un santo che compie miracoli al posto del vir Dei è infatti attestato, e se nelle fonti più antiche spesso non viene precisato se essa sia stata scritta di sua mano, l’impressione è che nel basso Medioevo siano più frequenti riferimenti precisi all’autografia.

13Un’analisi comparata degli autori di dichiarazioni di autografia epistolare consente di rilevare alcuni tratti comuni: si tratta quasi esclusivamente di religiosi, molti di essi sono o sono stati monaci e diversi fra loro hanno avuto un’esperienza come redattori di lettere o di documenti, mentre meno caratterizzante è l’appartenenza geografica. Una comparazione tra le lettere che contengono dichiarazioni di autografia consente di rilevare in primo luogo la loro relativa brevità e il fatto che si tratta spesso di epistole indirizzate a corrispondenti di lunga data, cui l’autore è legato da un rapporto personale e cordiale. Il ricorso all’autografia assume infatti, in alcuni casi, un valore particolare in base della consapevolezza, da parte dell’autore, della fruizione della lettera da parte di un destinatario in grado di riconoscere la sua grafia e di apprezzarne il gesto. Per quanto riguarda il contenuto delle lettere, occorre considerare la possibilità di un’influenza reciproca tra pratica autografica e contenuto del testo. In alcuni casi, infatti, le caratteristiche di quest’ultimo (per esempio la sua natura riservata), suggeriscono di ricorrere all’autografia; oltre a ciò, non si può escludere che le modalità di composizione e realizzazione del testo lo influenzino. La scelta di scrivere di propria mano una lettera e di segnalarlo suggerisce poi un’assunzione di responsabilità esclusiva del contenuto come della forma del testo. La valorizzazione e l’autorivendicazione dell’apporto individuale dell’autore si legano strettamente alla sua autoidentificazione, opposta alla tendenza all’anonimato letterario.

14L’analisi, a scopo comparativo, di alcuni riferimenti all’autografia d’autore nel prologo o nell’epilogo di opere narrative della stessa epoca permette di rilevare che questi testi, se non hanno una forma epistolare, sono comunque caratterizzati da un intento comunicativo nei confronti di un destinatario preciso e dalla tendenza dell’autore ad autorappresentarsi e a fornire informazioni autobiografiche, elementi già osservati nelle lettere analizzate. Alcuni di essi caratterizzano anche tipi di testi normalmente autografi come i colofoni.

15Rispetto alla concezione dominante dell’attività della composizione letteraria come separata e incompatibile con la scrittura materiale, nell’opera di alcuni autori di dichiarazioni di autografia epistolare si possono rilevare indizi di una connessione tra le due sfere, in primo luogo per via del riferimento agli strumenti e ai supporti della scrittura nella rappresentazione dei momenti di creazione letteraria. Inoltre la concezione della composizione, anche epistolare, come attività contemplativa affine alla meditazione, specialmente in quanto esercizio di autonalisi ed espressione di sé, rimanda al modello agostiniano del soliloquium, che poteva concretizzarsi in un’attività di scrittura solitaria e dunque idealmente autografa.

16Il fenomeno dell’autografia epistolare d’autore tra XI e XIII secolo s’inserisce in un contesto ricco di novità culturali, in primo luogo una rinnovata espansione della cultura scritta. Non si tratta di solo di un aumento quantitativo delle testimonianze prodotte e dunque conservate, ma anche dello sviluppo di nuove concezioni del ruolo autoriale e di pratiche di scrittura ideate in funzione della lettura. Il modello del “libro d’autore” appare adatto a descrivere un certo tipo di produzione epistolare: alcune lettere autografe, idealmente destinate a circolare in un ambiente ristretto e solo in originale e concepite in funzione di una fruizione visuale e non solo auditiva, sono un caso emblematico in cui il testo e la sua realizzazione materiale (in primo luogo la sua apparenza grafica) sono un tutt’uno.

  • 676 Biografi rispettivamente di Anselmo d’Aosta, Ermanno detto “il Contratto” e Bernardo di Chiaravall (...)

17Numerose sono le prospettive di ricerca che emergono dal lavoro. Una riflessione sull’apporto dei “mediatori di scrittura” alla produzione letteraria di un autore risulta di grande utilità e sarebbe interessante approfondire alcuni casi di rapporto tra autore e segretario, specialmente considerando che ne esistono di molto ben documentati (si pensi a segretari – biografi come Edmero il Sassone, Bertoldo di Reichenau e Goffredo di Auxerre676). Potenzialmente collegato è il tema del rapporto tra maestro e discepolo, che potrebbe permettere di illuminare l’intreccio delle carriere di celebri religiosi dei secoli centrali del Medioevo.

18La riflessione sul ruolo dell’autografia come garanzia di autenticità potrebbe assumere un particolare interesse nell’ambito dello studio di visioni mistiche: se in alcuni casi a maneggiare la penna è il visionario stesso, in altri è il mediatore, il quale afferma di aver raccolto personalmente la testimonianza e di registrarla scrivendo di propria mano, come in una delle due versioni della Visio Godeschalci. La disgiunzione tra l’attività mentale e quella materiale della scrittura potrebbe inoltre essere indagata sulla base (o con il supporto) di testimonianze iconografiche che rappresentano l’autore, a volte accompagnato dalla sua fonte d’ispirazione divina, e lo scriba.

19Il rapporto tra autografia e tendenze autobiografiche merita senz’altro di essere approfondito: in particolare, il lavoro già svolto sulle lettere potrebbe fornire un punto di partenza per un’analisi delle dichiarazioni di autografia in prologhi ed epiloghi, che spesso si accompagnano a informazioni autobiografiche. I prologhi hanno infatti diversi elementi in comune con le epistole, e costituiscono parimenti una fonte privilegiata di informazioni sulla genesi dell’opera, consentendo di indagare il modo in cui la costruzione della persona auctoris a beneficio del lettore si serve anche del riferimento alla produzione del testo, nella sua dimensione sia intellettuale sia materiale. Per procedere con la necessaria cautela risulta utile un approccio comparato, in grado di appurare non solo quanto siano ricchi di informazioni autobiogrofiche i prologhi di testi presumibilmente elaborati tramite la scrittura autografa d’autore, ma anche quanto lo siano quelli di opere che invece con ogni probabilità sono state dettate a segretari e copisti.

20Il metodo di lavoro proposto in questo studio, basato sull’analisi e sulla comparazione delle testimonianze degli autori stessi allo scopo di indagare non tanto le loro pratiche di scrittura ma soprattutto il loro pensiero, potrebbe essere applicato anche ad altri temi, come ad esempio la comunicazione epistolare su tavolette cerate. Alcuni riferimenti ad essa sono stati citati, ma molti altri non hanno trovato spazio in queste pagine, e uno spoglio complessivo permetterebbe di radunarne un numero significativo.

21Lo studio del fenomeno dell’autografia d’autore potrebbe infine essere esteso ad altre tipologie di fonti, non solo in latino ma anche in volgare, ed ad altre epoche. L’attribuzione di un valore particolare alla scrittura di propria mano in virtù della sua eccezionalità si ritrova perfino nel mondo odierno, in cui la mediazione usuale non è quella dei segretari, ma dei computer. Analogamente a quanto avveniva nei secoli centrali del Medioevo, il ricorso all’autografia assume particolare valore nell’ambito di comunicazioni di natura personale (dediche, biglietti e lettere), specialmente laddove è più forte il coinvolgimento affettivo.

Notes

676 Biografi rispettivamente di Anselmo d’Aosta, Ermanno detto “il Contratto” e Bernardo di Chiaravalle.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search