Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Autografia ed epistolografia tra XI e XIII secolo

 | 
Micol Long

Parte I. L'autografia nel Medioevo: considerazioni preliminari

3. La pratica

Texte intégral

3.1 Lo status quaestionis

3.1.1 L’autografia letteraria ed epistolare

  • 108 Cfr. h. J. Chaytor, Dal manoscritto alla stampa. La letteratura volgare del Medioevo, [1945], Donze (...)
  • 109 Si veda, per una sintesi complessiva e in particolare sulla svolta degli anni’50 e’60 del Novecento (...)
  • 110 Due studi fondamentali — e in un certo senso complementari — sono M. T. Clanchy, From memory to wri (...)
  • 111 Cfr. A. Petrucci, La scrittura del testo, in Letteratura italiana, vol. IV. L’interpretazione, a cu (...)
  • 112 Cfr. M. C. Garand, Guibert de Nogent et ses secrétaires, Brepols, Turnhout 1995 (CCA-MA, 2), A. Don (...)

1Prima della metà del secolo scorso ben pochi studiosi avevano indagato le pratiche di produzione letteraria da una prospettiva di storia della cultura108; in seguito, l’interesse dei medievisti per la storia della literacy (intesa non solo come alfabetizzazione), della lettura e della scrittura fu in buona parte dovuto allo sviluppo di nuovi modelli teoretici nell’ambito di discipline contigue, che trasformarono l’approccio alla storia della cultura scritta. Jack Goody, Marshall McLuhan, Walter Ong, Lucien Febvre e Henri–Jean Martin, solo per fare qualche nome, considerarono la scrittura (e, in alcuni casi, la stampa) come una tecnologia in grado di influenzare la società e la mentalità109. Fra i vari contributi che recepirono queste suggestioni in ambito medievistico, particolarmente importanti per questo studio sono quelli che analizzano il modo in cui, a partire dal secolo XI, la cultura scritta estese progressivamente la sua influenza dando luogo a nuove forme di interdipendenza tra scrittura e oralità110. Pur collocandosi in questo contesto, parzialmente indipendente è la tradizione di riflessione sull’autografia, che ha ricevuto un impulso importante da Armando Petrucci, cui si deve l’introduzione della categoria di “rapporto di scrittura” tra un autore e il suo testo111. Studi per lo più dedicati a singoli personaggi hanno messo in luce il ruolo dei collaboratori, segretari e copisti, “mediatori di scrittura” il cui contributo al prodotto finale, non solo dal punto di vista grafico–formale ma anche da quello testuale, poteva essere notevole, come è particolarmente lampante nella produzione epistolare112.

  • 113 Cfr. C. du cange, Glossarium mediae et infimae latinitatis, [1678], vol. VI, L. Favre, Paris 1846, (...)
  • 114 Cfr. G. Brunetti, L’autografia nei testi delle origini, in «Di mano propria», cit., p. 66.

2È dunque riconosciuto che nell’alto Medioevo e fino almeno al secolo XIII la maggioranza degli autori non scriveva di propria mano, ma si serviva di collaboratori, definiti scriptores o notarii113, ai quali la scrittura materiale, in particolare in bella copia su pergamena, era affidata. Ciò derivava in primo luogo dal fatto che i pochi che possedevano le competenze per comporre un’opera appartenevano a un’élite quasi esclusivamente religiosa e socialmente elevata e di solito avevano dei segretari e copisti a disposizione; scrivere di persona avrebbe non solo costituito un inutile dispendio di tempo e fatica, ma anche presupposto un tipo di competenze del tutto diverse da quelle richieste dall’attività creativa114.

  • 115 Cfr. M. Carruthers, The book of memory. A study of memory in medieval culture, Cambridge University (...)
  • 116 Petrucci, Dalla minuta al manoscritto d’autore, cit., Clanchy, From memory to written record, cit., (...)

3Questa disgiunzione nella pratica dei due significati del verbo scribo, composizione e scrittura materiale, si riflette nella concezione dominante, di origine antica, della creazione letteraria (almeno per gli autori maturi) come attività puramente mentale, legata alla sfera della memoria, separata e incompatibile con qualunque attività materiale115. Nella fase successiva l’autore poteva dettare il testo a un segretario o realizzare personalmente una prima stesura, per lo più sotto forma di minuta, su tavolette cerate (in realtà, ricoperte da uno strato di gomma lacca fusa) o schedulae pergamenacee, che erano poi affidate a collaboratori per essere ricopiate116.

  • 117 Sulla corroborazione di un documento, di cui la sottoscrizione autografa costituisce un mezzo, cfr. (...)

4Per quanto riguarda l’ambito epistolare, esisteva uno spazio tradizionalmente riservato all’intervento autografo d’autore nell’esemplare destinato a essere spedito, quello della subscriptio. Fondamentale risulta l’influenza dell’ambito diplomatico117, in particolare quando lo scopo dell’intervento autografo è autenticatorio, anche se non si può escludere la presenza (magari contemporanea) di altre motivazioni, come la volontà di compiere un gesto di affetto o di onore verso il destinatario della lettera. Occorre tenere presente che l’autografia parziale può condividere di quella integrale alcuni motivi ma non altri: non può essere dovuta all’assenza di un segretario né alla volontà di scrivere una lettera riservata.

  • 118 H. Hoffmann, Zur mittelalterlichen Brieftechnik, in Spiegel der Geschichte. Festgabe für Max Brauba (...)
  • 119 Phil 19. Si veda il paragrafo 4.2 “Le Scritture e la loro esegesi”.
  • 120 Cfr. E. Dekkers, Les autographes des Pères latins, in Colligere fragmenta. Festschrift Alban Dold z (...)

5La pratica di aggiungere qualche riga autografa alla lettera dettata ad un segretario risale all’Antichità ed è attestata nell’alto Medioevo118: in mancanza degli originali è testimoniata da note dei copisti che segnalano il cambiamento di mano nel manoscritto originale che stanno copiando, con formule fra le quali la più frequente è et alia manu. Più raramente può essere testimoniata dall’autore stesso: molto note sono, nelle epistole neotestamentarie, le dichiarazioni paoline di autografia («ego Paulus scripsi mea manu»)119. Anche nelle lettere di alcuni Padri della Chiesa esistono formule di copisti che segnalano l’intervento autografo d’autore o riferimenti a sottoscrizioni autografe da parte degli autori stessi120.

  • 121 Cfr. C. Silva–Tarouca, Nuovi studi sulle antiche lettere dei Papi. Originali e registri del secolo (...)
  • 122 Due lettere del primo contengono le formule manu propria e istud manu propria fecit seguite da un b (...)
  • 123 Cfr. Ganz, “Mind in character”, cit., p. 288 e P. Worm, From subscription to seal: the growing impo (...)
  • 124 Cfr. D. Wollaston, Herbert de Losinga, in Norwich cathedral. Church, city, and diocese, 1096–1996, (...)
  • 125 È anche l’opinione di Hartmut Hoffmann, che però cita come interventi autografi di Herbert solo i p (...)

6Per quanto riguarda il Medioevo, ha ricevuto particolare attenzione l’ambito delle lettere papali e imperiali121, ma si possono rintracciare riferimenti a sottoscrizioni autografe anche nelle epistole di vescovi altomedievali, come Desiderio di Cahors (580–655), Daniele di Winchester (morto nel 745) e Lullo di Magonza (710–786)122. Si ritiene tradizionalmente che le ultime si attestino intorno al VII–VIII secolo, coerentemente con la transizione dall’uso diffuso dalla sottoscrizione a quello del sigillo, nelle lettere come nei documenti123. Tuttavia nell’epistolario di Erberto di Losinga (1054–1119), primo vescovo di Norwich124, la ricorrenza della formula et alia manu alla fine di tre lettere permette di supporre la presenza di sottoscrizioni autografe nelle lettere originali125.

3.1.2 L’autografia d’autore nei secoli in esame

  • 126 Cfr. M. Cursi, Percezione dell’autografia e tradizione dell’autore, in «Di mano propria», cit., p. (...)
  • 127 Garand, Auteurs latins et autographes, cit., pp. 77–104.
  • 128 La presentazione della propria opera come frutto della richiesta, e spesso dell’insistenza, di qual (...)

7Se qualche raro caso di autori che prendono personalmente la penna in mano si trova già nell’alto Medioevo, è a partire dal secolo XI e soprattutto dal XII che si registra una nuova serie di casi di autografia d’autore, destinata a non interrompersi più126. Monique–Cécile Garand, in uno studio fondamentale dedicato a questo fenomeno, ha adottato un approccio comparativo, rilevando similitudini importanti tra gli autori di autografi dei secoli XI e XII127. Ademaro di Chabannes, Gregorio da Catino, Lamberto di Saint–Omer, Guglielmo di Malmesbury, Bernard Itier, Guiberto di Nogent ed Edmero il Sassone — per fare qualche nome — erano tutti monaci, per lo più dall’infanzia, e la maggior parte di loro non esercitò cariche troppo elevate; quasi tutti furono incaricati di gestire biblioteche, archivi, scriptoria. A questi dati già significativi va aggiunta la singolare uniformità di genere delle loro opere, quasi tutte storiografiche o agiografiche: riflettendo sulla connessione tra autografia e storiografia la studiosa ha rilevato la dipendenza dello storiografo da materiale scritto e il fatto che l’opera fosse spesso redatta su richiesta di un superiore, in modo abbastanza analogo al compito di redigere un documento128.

8La diffusione della pratica autografa non si arrestò però a questo tipo di autori e di produzione letteraria, allargandosi invece a chierici secolari e perfino a laici, autori non solo di opere storiografiche ma anche filosofiche e teologiche; risulta dunque evidente che si tratta di un concorso di diversi fattori d’influenza, apprezzabili nella loro totalità soprattutto se si amplia l’orizzonte cronologico di indagine fino al XIII secolo.

  • 129 A. Petrucci, Minuta, autografo, libro d’autore, in Il libro e il testo. Atti del convegno internazi (...)

9Una fonte cruciale d’influenza è l’ambito delle contemporanee pratiche notarili, come rilevato da Armando Petrucci129. I codici autografi dei secoli centrali del Medioevo possiedono diverse caratteristiche in comune con la produzione documentaria, come la loro destinazione — più che alla riproduzione e alla circolazione — alla conservazione presso la sede di produzione, nonché il fatto che l’autografia conferisca a volte un crisma di autenticità al testo. Anche l’elaborazione dell’opera in più fasi di scrittura, parzialmente o totalmente autografe, la cui dignità di conservazione comincia a essere riconosciuta, ha evidenti paralleli con il formalizzarsi delle pratiche notarili. Ciò vale soprattutto per l’Italia, dove il notariato esercitò, tra XIII e XIV secolo, un ruolo culturale di spicco.

  • 130 È celebre una lettera nella quale Bernardo di Chiaravalle nega che una missiva inviata a suo nome r (...)

10Tra le altre ipotesi, è possibile avanzare quella, oggetto del presente studio, di un’influenza dell’epistolografia, all’interno della quale potevano esistere spazi e motivazioni per l’adozione di una pratica autografa. Si potrebbe infatti sostenere che è anche in ambito epistolare che si sviluppa la consapevolezza dei rischi legati all’intermediazione di segretari e copisti e di conseguenza dell’importanza del controllo, il più possibile diretto, dell’autore sul proprio testo. Un’esigenza fondamentale è la fedeltà del prodotto finale all’intenzione originaria; la dimostrazione a contrario è offerta dai casi in cui i segretari sono accusati di aver messo per iscritto qualcosa che non rispecchia il pensiero del dictator, nelle varie sfumature del caso, dall’incomprensione alla vera e propria falsificazione130. Altro nodo cruciale che emerge in ambito epistolare e costituisce un incentivo ad adottare pratiche autografe è l’esigenza di riservatezza o di segretezza, che rende auspicabile la riduzione della catena di intermediazioni, fino talvolta ad eliminarle del tutto.

11Un secondo ambito entro cui si esercita l’influenza del modello epistolare è il riconoscimento della dignità dell’attività materiale della scrittura, che passa anche attraverso la celebrazione degli aspetti tangibili della corrispondenza. Dal frequente riferimento alle realtà concrete che condizionano la scrittura epistolare (la dimensione della pergamena, le condizioni di lavoro dello scrivente) alla valorizzazione del contatto fisico con la lettera che si invia o si riceve, il passo non è molto lungo per arrivare ai casi, attestati, in cui l’autografia è considerata il mezzo di un collegamento il più possibile diretto, di cui la pergamena nella sua materialità è tramite, tra mittente e destinatario.

3.2 Per un’analisi delle testimonianze

12Uno spoglio delle fonti epistolari latine dall’inizio del secolo XI alla metà del XIII ha permesso di individuare un certo numero di testimonianze relative all’autografia d’autore. Lasciando per ora da parte le dichiarazioni secondo le quali essa costituisce una libera scelta legata a intenti precisi, l’analisi di alcuni casi significativi consentirà di riflettere su ciò che diversi tipi di testimonianze permettono di inferire a proposito della pratica dell’autografia.

  • 131 The letters of Peter the Venerable, cit., vol. I, ep. 128, p. 326. I funera frequentia cui si fa ri (...)

13In primo luogo è utile prendere in considerazione una testimonianza in cui la pratica dell’autografia epistolare è implicata, ma non esplicitamente dichiarata e sottolineata. È il caso della lettera nella quale Pietro di Poitiers, segretario e amico dell’abate di Cluny Pietro il Venerabile, si scusa con quest’ultimo non solo della povera qualità della pergamena, ma anche della grafia della missiva («ignoscite pauperi cartae et vili scripturae») dovuta — afferma — alla sua condizione di sofferenza, sia per l’assenza dell’amico, sia per i recenti lutti, nonché per l’infermità di cui soffre al piede, al punto che può a malapena fare qualcosa131.

  • 132 Ivi, vol. II, pp. 331–343. Lo stesso abate afferma che il suo segretario e amico era versato tanto (...)
  • 133 Attraverso la copiatura e in alcuni casi il recupero degli originali; è proprio agli anni in cui en (...)
  • 134 The letters of Peter the Venerable, cit., vol. I, ep. 1, p. 1.

14Pietro di Poitiers, monaco, presumibilmente di umili origini, fu al servizio dell’abate di Cluny per più di vent’anni come segretario personale132, e tra i suoi compiti vi era, oltre alla scrittura delle lettere, anche la copiatura di libri e in generale la preparazione delle opere del Venerabile per la pubblicazione. Contribuì in modo determinante alla costituzione dell’epistolario133, che in un’occasione definisce «uscito dalla mia mano» («de manu mea recedens»)134, forse alludendo al suo ruolo di esecutore materiale dell’opera. L’epistola in questione è il frutto di una circostanza abbastanza eccezionale di separazione dei due uomini, perché Pietro di Poitiers non aveva potuto accompagnare il suo abate in un temporaneo ritiro eremitico, proprio causa della sua infermità al piede. Nel passo citato, l’autografia non è dichiarata o segnalata, il che va con ogni probabilità ricondotto proprio alla sua natura ordinaria: che Pietro di Poitiers scrivesse di propria mano la lettera era scontato, sia per lui sia per il destinatario, che del resto conosceva sicuramente la sua grafia.

15Appare importante tenere conto dell’esistenza di una pratica usuale dell’autografia da parte di coloro che, sapendo scrivere e desiderando comporre una lettera, non avevano la possibilità di servirsi di un segretario o di un copista specializzato; si tratterebbe dunque di religiosi di basso rango, comuni monaci o chierici, e in particolare di coloro che erano abituati a scrivere, come copisti e segretari. Tale pratica, per sua stessa natura, lascia di rado tracce nei testi, proprio perché era data per scontata e non aveva bisogno di essere rilevata come eccezionale o giustificata in base a una situazione particolare o a una motivazione specifica.

  • 135 The letters of Adam Marsh, vol. II, cit., ep. 242, p. 566: «scripsi tamen quoniam ad scribendum imp (...)

16A questo proposito si può ricordare che Adam Marsh, attivo nella prima metà del XIII secolo e dunque al limite del periodo cronologico qui preso in considerazione, sembra in almeno un caso alludere alla propria autografia in modo diverso dagli altri autori presi in considerazione, i quali ne rilevano l’eccezionalità e ne illustrano i motivi. Si tratta di una lettera nella quale, senza fare riferimenti alle circostanze della sua scrittura, afferma che la sua calligrafia può testimoniare il suo turbamento135. Non c’è dubbio che la lettera sia autografa, ma il fatto che la circostanza della scrittura di propria mano non sia sottolineata dà adito al sospetto che altre sue lettere potessero essere autografe senza che egli sentisse il bisogno di rilevarlo: se ciò fosse vero, potrebbe costituire un indizio dell’affermazione dell’autografia epistolare, a quell’epoca e nel particolare contesto in cui operava Adam, come pratica meno eccezionale di quanto non fosse nell’XI e nel XII secolo.

  • 136 R. W. Southern, Peter of Blois: a twelfth century humanist?, in id., Medieval humanism and other st (...)

17Un caso molto singolare è poi quello di un’affermazione di Pietro di Blois (1135–1203), poeta e autore di una popolare raccolta di lettere136. In un’epistola a Reginaldo FitzJocelyn, vescovo di Bath, egli si difende dalle accuse di plagio affermando che la stessa velocità con la quale compone le lettere, tanto rapidamente quanto possono essere scritte, lo assolve da queste accuse. Molti possono testimoniare — afferma — di averlo visto mentre dettava lettere su temi diversi a tre scribi contemporaneamente, mentre egli stesso ne scriveva una quarta, cosa che è stata testimoniata solo di Giulio Cesare:

  • 137 Ep. XCII ad Reginaldum Bathoniens episcopum, in PL CCVII, coll. 290C–290D. Per una traduzione e ana (...)

«Vidit quandoque dominus Cantuariensis, et vos ipse cum eo multique alii me de diversis materiis tribus dictare scriptoribus, et uniuscuiusque calamo festinanti satisfacere meque, quod de solo Iulio Caesare scribitur, quartam epistolam dictare et scribere»137.

  • 138 Gaio Plinio Secondo, Storia naturale, vol. II. Antropologia e zoologia: libri 7–11, a cura di a. Bo (...)
  • 139 Cfr. E. Türk, Pierre de Blois. Ambitions et remords sous les Plantagenêts, Brepols, Turnhout 2006, (...)

18Sono evidenti sia l’enfasi iperbolica sia la volontà di ricalcare modelli letterari antichi; la fonte di ispirazione per quest’abilità eccezionale attribuita a Cesare è probabilmente Plinio. La Naturalis historia riporta infatti la notizia che Cesare potesse «scrivere o leggere e nello stesso tempo dettare e ascoltare e, su argomenti importanti, dettare contemporaneamente quattro lettere»138. La scelta di aggiungere alla dettatura contemporanea a più segretari la scrittura autografa di una lettera costituisce un’innovazione di Pietro di Blois, una variatio che potrebbe essergli stata suggerita non solo dagli usi dell’epoca, ma addirittura dalla sua personale esperienza come studente e, ancora più, come segretario, grazie alla quale era probabilmente abituato a scrivere lettere di propria mano139.

  • 140 Das Briefbuch Abt Wibalds, cit., vol. I, ep. 23, p. 40. La figura di Wibaldo di Stavelot sarà anali (...)
  • 141 Per un’analisi della lettera si rimanda al paragrafo 6.2 “L’autografia nel rapporto tra maestro e d (...)

19Anche laddove l’autografia è presentata come imposta dalle circostanze, poi, occorre essere prudenti e tenere conto che dichiarazioni di questo tipo possono rispondere a una molteplicità di ragioni. Si prenda la lettera che Wibaldo di Stavelot dichiara di aver scritto di propria mano durante la notte a causa dei molti impegni che lo assillano durante il giorno: «cum occupationibus nostris explicandis tota dies non sufficiat, hęc vestrę sinceritati una post matutinas vigilias lucubratiuncula propria manu exaravimus»140. In primo luogo va osservato che non vi è modo di verificare se davvero le affermazioni dell’abate corrispondano a verità: l’unica certezza è che ha sentito il bisogno di fornire al destinatario queste informazioni, con ogni probabilità per conferire particolare valore alla lettera, presentata come scritta di propria mano nonostante i molti impegni, e addirittura in condizioni difficili, di scarsa luce. Inoltre ogni epistola va posta nel contesto dell’intero epistolario, e in particolare dell’eventuale corrispondenza esistente con il destinatario: quella in questione è indirizzata dall’abate di Stavelot al suo antico maestro, Rainardo di Reinhausen, e la scelta autografica potrebbe dipendere anche dal suo particolare riguardo per lui, nonchè dal fatto che Rainardo avrebbe probabilmente riconosciuto con piacere la grafia del suo ex allievo141.

20Risulta utile infine prendere in considerazione due lettere del già citato Adam Marsh, il quale chiede che a due suoi confratelli siano assegnati dei segretari che scrivano per loro. Esse contengono interessanti riferimenti all’autografia d’autore, presentata come attività faticosa ed estenuante, imposta dall’assenza di segretari, alla quale si cerca di sfuggire.

  • 142 The letters of Adam Marsh, vol. II, cit., ep. 190, p. 470: «obsecro, pater, consueta provisionis ve (...)
  • 143 Su cui si veda a. G. Little, The grey friars in Oxford, Clarendon Press, Oxford 1892, pp. 188–189.

21La prima epistola fu inviata al ministro provinciale Guglielmo di Nottingham per descrivere la procedura di promozione di un confratello, Tommaso di York, all’incarico di insegnamento delle Scritture a Oxford. Si conclude con l’appello al destinatario affinché, con la consueta bontà e lungimiranza, fornisca al fratello Riccardo di Cornovaglia l’aiuto competente di un segretario incaricato di aiutarlo e assisterlo nella scrittura142. Nell’altra lettera, indirizzata allo stesso destinatario, Adam fornisce il suo consiglio a proposito dell’opportunità di inviare dei confratelli francescani al di fuori della provincia di competenza di Guglielmo. Afferma poi di ritenere del tutto sorprendente che al suo amico Gualtiero di Maddeley143, il quale da lungo tempo insegna le divinae litterae, non sia ancora stato assegnato un segretario, il che costituisce una forma di incomprensibile parsimonia:

  • 144 The letters of Adam Marsh, vol. II, cit., ep. 195, p. 478.

«non exiliter mirandum censeo, quod karissimo fratri Waltero de Maddele, qui onus divine erudionis impendende sibi iamdudum impositum diligenter hactenus continuavit, in obsequiali adiutorio, nescio per quam circumspectionis severitatem, nondum fuit provisum»144.

  • 145 «Quid est quod ceteris fratribus officio legendi deputatis, presertim quibus successit, in magnis p (...)

22Adam lamenta che tutti gli altri che svolgono lo stesso lavoro, e in particolare coloro ai quali Gualtiero è succeduto, sono stati provvisti di volumi e assistenti, mentre sembra che solo Gualtiero sia stato ignorato145. Ciò risulta interessante proprio perché dipinge un quadro in cui l’uso di un segretario è pratica normale, anche se occorre considerare la possibilità che si tratti di un’esagerazione strumentale.

  • 146 «Etiam manu propria scriptitando in dies corporale robur atterere, cum non sit fortitudo lapidis fo (...)

23Molto vivida è la descrizione dell’autografia quotidiana come un’attività estenuante, laddove si afferma che, a causa della mancanza di un assistente, Walter non solo è oppresso dal carico di lavoro, ma sfinisce addirittura la sua forza fisica scrivendo ogni giorno di sua mano (manu propria scriptitando), benché non sia forte146.

  • 147 Da Orderico Vitale («magnum vero scribendi laborem amodo perpeti nequeo, notarios autem qui mea nun (...)
  • 148 The letters of Adam Marsh, vol. II, cit., ep. 190, p. 470: «plures, ut audio, reperientur opportuni (...)

24Del resto diversi autori che nel prologo o nell’epilogo della propria opera affermano di aver lavorato scrivendo a mano rappresentano la propria autografia come una condizione obbligata dovuta all’assenza di segretari147. Questi riferimenti sono però in genere estremamente sintetici, mentre nella lettera di Adam Marsh vi è una dettagliata descrizione della scrittura di propria mano, presentata come attività faticosa e stancante; non è impossibile che si implichi che essa costituisce un lavoro squalificante per un uomo di pensiero, il che potrebbe suggerire che l’assegnazione di un segretario potesse costituire una sorta di riconoscimento del valore della propria attività. Non è probabilmente una coincidenza che in entrambi i casi Adam sottolinei l’eccellente lavoro svolto dai due uomini in questione a vantaggio della comunità francescana, l’uno come insegnante e l’altro come autore. Specialmente nel caso della richiesta per conto del frate Riccardo di Cornovaglia si sottolinea la dimensione comunitaria, affermando che molti sarebbero pronti ad assistere il frate, ricopiando di propria mano le sue opere, tanto per uso privato quanto e più per il vantaggio dell’intera comunità148.

25Occorre naturalmente tenere conto dell’obiettivo delle petizioni, che giustifica il ricorso all’iperbole nel rappresentare in termini negativi l’autografia; tuttavia è evidente che persisteva l’idea che gli uomini di pensiero avessero diritto a collaboratori che li aiutassero nel loro lavoro come segretari e copisti, e che scrivere a lungo costituisse un lavoro faticoso ed estenuante. Allo stesso tempo, però, queste lettere aprono uno scorcio su realtà nuove o rinnovate (in primo luogo il contesto universitario), in cui è plausibile supporre che un sempre crescente numero di uomini si trovassero a scrivere, almeno occasionalmente, di propria mano.

Notes

108 Cfr. h. J. Chaytor, Dal manoscritto alla stampa. La letteratura volgare del Medioevo, [1945], Donzelli, Roma 2008.

109 Si veda, per una sintesi complessiva e in particolare sulla svolta degli anni’50 e’60 del Novecento, c. F. Briggs, Literacy, reading and writing in medieval West, in «Journal of medieval history», n. 26, 2000, pp. 397–420. Sulla literacy cfr. anche h. J. Graff, Assessing the history of literacy in the 1990 s: themes and questions, in Escribir y leer en Occidente, a cura di A. Petrucci e f. M. Gimeno blay, Departamento de Historia de la Antigüedad y de la Cultura Escrita, Universitat de València, València 1995, pp. 13–46.

110 Due studi fondamentali — e in un certo senso complementari — sono M. T. Clanchy, From memory to written record. England 1066–1307 [1979], Blackwell, Oxford Cambridge (Mass.) 1993 e B. Stock, The implications of literacy. Written language and methods of interpretations in the eleventh and twelfth century, Princeton University Press, Princeton 1983.

111 Cfr. A. Petrucci, La scrittura del testo, in Letteratura italiana, vol. IV. L’interpretazione, a cura di a. asor rosa, G. Einaudi, Torino 1985, pp. 285–310 e A. Petrucci, Dal manoscritto antico al manoscritto moderno, in Genesi, critica, edizione. Atti del convegno internazionale di studi della Scuola Normale Superiore di Pisa (11–13 Aprile 1996), a cura di P. d’iorio e n. ferrand, Scuola Normale Superiore, Pisa 1998, pp. 3–13. Per la tradizione di studio sull’autografia si veda a. bartoLi LangeLi, Autografia e paleografia, in «Di mano propria». Gli autografi dei letterati italiani. Atti del convegno internazionale (Forlì, 24–27 novembre 2008), a cura di G. Baldassarri, M. Motolese, P. Procaccioli, E. Russo, Salerno, Roma 2010, pp. 41–60.

112 Cfr. M. C. Garand, Guibert de Nogent et ses secrétaires, Brepols, Turnhout 1995 (CCA-MA, 2), A. Dondaine, Secrétaires de saint Thomas, Editori di san Tommaso, Roma 1956 e J. Leclercq, Saint Bernard et ses secrétaires, originariamente pubblicato in «Revue bénédectine», 61 (1951), pp. 208–229 e riedito in Recueil d’études sur saint Bernard et ses écrits, vol. I, a cura di J. Leclercq, Edizioni di storia e letteratura, Roma 1962, pp. 3–25, il quale alle pp. 3–5 fa diversi esempi di autori nella cui produzione letteraria è stata dimostrata l’importanza dei mediatori di scrittura, come Lietberto canonico di Saint–Ruf, Riccardo di San Vittore, Anselmo d’Aosta e Odone di Morimond.

113 Cfr. C. du cange, Glossarium mediae et infimae latinitatis, [1678], vol. VI, L. Favre, Paris 1846, p. 131, W. Wattenbach, Das Schriftwesen im Mittelalter, Verlag von S. Hirzel, Leipzig 1896, pp. 444–447.

114 Cfr. G. Brunetti, L’autografia nei testi delle origini, in «Di mano propria», cit., p. 66.

115 Cfr. M. Carruthers, The book of memory. A study of memory in medieval culture, Cambridge University Press, Cambridge 1990, pp. 195–201. La prima fase di ideazione di un testo da parte di un autore, che si può indicare come inventio per distinguerla dalla dictatio intesa come vera e propria elaborazione del testo, è descritta da Quintiliano nel libro decimo della sua Institutio oratoria e appare rispecchiata fedelmente dalle descrizioni di alcuni Padri della Chiesa, primo fra tutti Agostino, il quale nelle sue Confessiones parla dei “ricettacoli della memoria” nei quali entra per scegliere tra ciò che gli si presenta, quando, per usare la sua espressione, “narra mnemonicamente”, cioè compone. Descrivendo e indagando se stesso, dalla riflessione sui sensi egli passa a quella sulla memoria, «ove si trovano i tesori di immagini senza numero accumulati da ogni genere di cose percepite. Ivi sta riposto anche il frutto del nostro pensiero, quando aumentiamo o diminuiamo o comunque variamo le nostre sensazioni, o qualunque altra cosa vi sia stata depositata in riserva e che la dimenticanza non abbia ancora assorbita e sepolta. Quando vi entro, basta che io chieda quello che voglio trarne», in sant’agostino, Le confessioni, a cura di C. Mohrmann, BUR, Milano 2006, l. 10, cap. 8, p. 456 (traduzione dell’editore), ma si veda l’intero capitolo ottavo, dedicato alla memoria.

116 Petrucci, Dalla minuta al manoscritto d’autore, cit., Clanchy, From memory to written record, cit., pp. 118–120, J. Leclercq, Cultura umanistica e desiderio di Dio. Studio sulla letteratura monastica del Medio Evo, [1957], G. C. Sansoni, Firenze 1965, p. 226, Leclercq, Saint Bernard et ses secrétaires, cit., p. 12, E. Lalou, Les tablettes de cire médiévales, in «Bibliothèque de l’École des Chartes», n. 147, 1989, pp. 123–140 e r. h. e M. A. Rouse, The vocabulary of wax tablets, in Vocabulaire du livre, cit., pp. 220–230. Una fonte particolarmente ricca di descrizioni delle varie fasi della produzione letteraria è la Vita sancti Anselmi di Edmero di Canterbury, il quale non solo racconta la tormentata redazione e trascrizione del Proslogion da parte di Anselmo, ma fa anche riferimento alla propria redazione della Vita, prima composta su tavolette e poi trascritta su pergamena, cfr. Eadmer, The life of saint Anselm Archbishop of Canterbury, a cura di R. W. Southern, Clarendon Press, Oxford 1972, rispettivamente pp. 30–31 e 150.

117 Sulla corroborazione di un documento, di cui la sottoscrizione autografa costituisce un mezzo, cfr. A. Pratesi, Genesi e forme del documento medievale, [1979], Jouvence, Roma 1999, p. 85.

118 H. Hoffmann, Zur mittelalterlichen Brieftechnik, in Spiegel der Geschichte. Festgabe für Max Braubach zum 10 April 1964, a cura di K. Repgen e S. Skalweit, Aschendorff, Münster 1964, pp. 151–154.

119 Phil 19. Si veda il paragrafo 4.2 “Le Scritture e la loro esegesi”.

120 Cfr. E. Dekkers, Les autographes des Pères latins, in Colligere fragmenta. Festschrift Alban Dold zum 70. Geburtstag am 7.7 1952, a cura di B. Fischer e V. Fiala, Beuroner Kunstverlag, Beuron in Hohenzollern 1952, p. 129.

121 Cfr. C. Silva–Tarouca, Nuovi studi sulle antiche lettere dei Papi. Originali e registri del secolo IX. Canone critico per le lettere pontificie dei secoli VII–IX, in «Gregorianum», n. 12, 1931, nota 2, p. 21, H. Atsma e J. Vezin, Les autographes dans les documents mérovingiens, in Gli autografi medievali, cit., pp. 61–76.

122 Due lettere del primo contengono le formule manu propria e istud manu propria fecit seguite da un breve saluto (Desiderii episcopi Carducensis Epistolae, a cura di W. Arndt, in MGH Epp. 3. Epistolae Merowingici et Karolini aevi [I], a cura di E. Dümmler, Weidmann, Berlin 1892, l. 1, ep. 1, p. 194 e l. 2, ep. 1, p. 203). Nel caso di Daniele di Winchester la formula del copista appare essere stata posposta per errore («vale vale centuplicer carissime mihi et alia manu», ivi, ep. 64, p. 136), e una lettera di Lullo termina con una benedizione autografa: «propria manu scribsi haec: observa, quae precipiuntur, et salvus eris», in MGH Epp. Sel. 1. Die Briefe des heiligen Bonifatius und Lullus, a cura M. Tangl, Weidmann, Berlin 1916, ep. 92, p. 212.

123 Cfr. Ganz, “Mind in character”, cit., p. 288 e P. Worm, From subscription to seal: the growing importance of seals as signs of authenticity in early medieval royal charters, in Strategies of writing. Studies on text and trust in the Middle Ages: papers from “Trust in writing in the Middle Ages (Utrecht, 28–29 November 2003), a cura di P. Schulte, M. Mostert, I. Van Renswoude, Brepols, Turnhout 2008, pp. 63–83.

124 Cfr. D. Wollaston, Herbert de Losinga, in Norwich cathedral. Church, city, and diocese, 1096–1996, a cura di I. Atherton, E. Fernie, C. Harper–Bill, H. Smith, Hambledon Press, London 1996, pp. 22–35 ed e. M. Meyrick Goulburn e H. Symonds, The life, letters, and sermons of Bishop Herbert de Losinga (b. circa A. D. 1050, d. 119), vol. I. The life and letters, J. Parker & co., Oxford London 1878 e L. Wahlgren Smith, On the composition of Herbert Losinga’s letter collection, in «Classica et mediaevalia», n. 55, 2004, pp. 229–246.

125 È anche l’opinione di Hartmut Hoffmann, che però cita come interventi autografi di Herbert solo i primi due dei tre casi cui si fa riferimento qui, cfr. Hoffmann, Zur mittelalterlichen Brieftechnik, cit., pp. 155–156. Le lettere in questione saranno esaminate nei capitoli successivi.

126 Cfr. M. Cursi, Percezione dell’autografia e tradizione dell’autore, in «Di mano propria», cit., p. 162.

127 Garand, Auteurs latins et autographes, cit., pp. 77–104.

128 La presentazione della propria opera come frutto della richiesta, e spesso dell’insistenza, di qualcuno, è un topos molto diffuso (cfr. Curtius, Letteratura europea, cit., p. 99). Nondimeno, il parallelo con l’incarico di redigere un documento risulta suggestivo.

129 A. Petrucci, Minuta, autografo, libro d’autore, in Il libro e il testo. Atti del convegno internazionale (Urbino 20–23 settembre 1982), a cura di C. Questa e R. Raffaelli, Università degli studi di Urbino, Urbino 1984, pp. 399–413 e Petrucci, Dalla minuta al manoscritto d’autore, cit., pp. 353–372.

130 È celebre una lettera nella quale Bernardo di Chiaravalle nega che una missiva inviata a suo nome restituisse il suo pensiero e ne incolpa i suoi scriptores, i quali a suo dire non l’hanno ben compreso, cfr. San Bernardo, Lettere. Parte seconda, a cura di F. Gastaldelli, Scriptorium Claravallense, Fondazione di studi cistercensi, Milano 1987, ep. 387, p. 498: «multitudo negotiorum in culpa est, quia dum scriptores nostri non bene retinent sensum nostrum, ultra modum acuunt stilum suum, nec videre possum quae scribi praecepi». Se è possibile che si tratti di un modo di scaricare sui suoi subordinati la colpa di una lettera di cui l’autore si era poi pentito, ciò non ne diminuisce il valore ai nostri occhi, specialmente perché la descrizione è generalizzata. Relativamente diffuso era anche il problema delle lettere false, che circolavano a nome di un autore senza che egli ne sapesse nulla. Il riferimento fondamentale in materia è Fälschungen im Mittelalter: internationaler Kongreß der Monumenta Germaniae historica (München, 16–19 September 1986), vol. IV. Fingierte Briefe, Frömmigkeit und Fälschung, Realienfälschungen, Hahnsche Buchhandlung, Hannover 1988. Per una testimonianza dei secoli in esame, si veda l’arcivescovo Teobaldo del Bec (o meglio, Giovanni di Salisbury a suo nome), che disconosce alcune lettere affermando che sono del tutto false: «litteras istas nec scripsi nec scribere volui, nec ab aliquo meorum scripta novi. Falsae sunt, et eis ad delusionem vestram et sui dampnationem solus falsarius scienter usus est, quisquis sit ille», in The Letters of John of Salisbury, vol. I, cit., ep. 88, p. 137.

131 The letters of Peter the Venerable, cit., vol. I, ep. 128, p. 326. I funera frequentia cui si fa riferimento sono probabilmente i lutti dovuti a un’epidemia che aveva mietuto diverse vittime a Cluny, come ipotizza l’editore, cfr. ivi, vol. II, p. 184: «ignoscite pauperi cartae et vili scripturae quoniam, et propter absentiam vestram et funera frequentia pedisque mei aliquantulam adhuc debilitatem, vix aliquid facere libet».

132 Ivi, vol. II, pp. 331–343. Lo stesso abate afferma che il suo segretario e amico era versato tanto nelle lettere umane quanto in quelle divine: «si scripturarum sanctarum libuit abdita rimari, te semper paratissimum repperi. Si de saecularis litteraturae scientia gratia tamen divinae aliquid conferre placuit promptum et perspicacem inveni», ivi, vol. I, ep. 58, p. 181.

133 Attraverso la copiatura e in alcuni casi il recupero degli originali; è proprio agli anni in cui entrò al servizio dell’abate di Cluny che risalgono le più antiche lettere accolte nell’epistolario, cfr. ivi, vol. II, p. 15.

134 The letters of Peter the Venerable, cit., vol. I, ep. 1, p. 1.

135 The letters of Adam Marsh, vol. II, cit., ep. 242, p. 566: «scripsi tamen quoniam ad scribendum impulit exagitati spiritus nescio qualis impatientia, quam proferunt presentis carte caracteres».

136 R. W. Southern, Peter of Blois: a twelfth century humanist?, in id., Medieval humanism and other studies, Blackwell, Oxford 1970.

137 Ep. XCII ad Reginaldum Bathoniens episcopum, in PL CCVII, coll. 290C–290D. Per una traduzione e analisi cfr. Southern, Peter of Blois, cit., pp. 119–1120.

138 Gaio Plinio Secondo, Storia naturale, vol. II. Antropologia e zoologia: libri 7–11, a cura di a. Borghini, E. Giannarelli, A. Marcone, G. Ranucci, G. Einaudi, Torino 1983, l. 7, par. 25, p. 60: «scribere aut legere, simul dictare et audire solitum accepimus, epistulas vero tantarum rerum quaternas pariter dictare». Plinio riporta questa notizia come una voce che circolava, senza pronunciarsi in merito alla sua attendibilità. Che Pietro di Blois potesse aver avuto occasione di leggere almeno il brano in questione delle Storie naturali appare verosimile, data la quantità e la concentrazione di manoscritti nei luoghi da lui frequentati, ma non certo. L’editore delle lettere segnala un unico passo nel quale Pietro potrebbe riecheggiare, peraltro in modo scorretto, l’Historia naturalis: sole carnes indurantur (The later letters of Peter of Blois, a cura di E. Revell, Oxford University Press, Oxford 1993, ep. 2, par. 24, p. 18 ed ep. 15, par. 1, p. 85), che potrebbe derivare dall’espressione induratas sale (Gaio Plinio Secondo, Storia naturale, vol. IV. Medicina e farmacologia: libri 28–32, a cura di U. Capitani e I. Garofalo, G. Einaudi, Torino 1986, l. 28, par. 264, p. 250), ma il parallelo non mi pare probante.

139 Cfr. E. Türk, Pierre de Blois. Ambitions et remords sous les Plantagenêts, Brepols, Turnhout 2006, pp. 13–16.

140 Das Briefbuch Abt Wibalds, cit., vol. I, ep. 23, p. 40. La figura di Wibaldo di Stavelot sarà analizzata più diffusamente in seguito; il tema della scrittura notturna sarà esaminato in particolare nel paragrafo 7.2 “L’autografia di personaggi venerabili”.

141 Per un’analisi della lettera si rimanda al paragrafo 6.2 “L’autografia nel rapporto tra maestro e discepolo”.

142 The letters of Adam Marsh, vol. II, cit., ep. 190, p. 470: «obsecro, pater, consueta provisionis vestre suavitas propter Dominum et in Deo karissimo fratri Ricardo Cornubiensi [...] prospicere velit in adiutorio competenti secrete societatis in officio subveniendi et scribendi subsidio».

143 Su cui si veda a. G. Little, The grey friars in Oxford, Clarendon Press, Oxford 1892, pp. 188–189.

144 The letters of Adam Marsh, vol. II, cit., ep. 195, p. 478.

145 «Quid est quod ceteris fratribus officio legendi deputatis, presertim quibus successit, in magnis provisum est voluminibus et in sociorum subvenientium adiutoriis, iste solus videtur non curari».

146 «Etiam manu propria scriptitando in dies corporale robur atterere, cum non sit fortitudo lapidis fortitudo sua, nec caro eius caro enea est».

147 Da Orderico Vitale («magnum vero scribendi laborem amodo perpeti nequeo, notarios autem qui mea nunc excerpant dicta non habeo»), al canonico Guglielmo di Newburgh («huc accedit, quod a me dictata in ceris nemo michi scribebat in membranis, atque ideo dum mihi duplex labor incumberet»), a Roberto il Monaco («ego vero, quia notarium non habui alium nisi me, et dictavi et scripsi») e al monaco Idungo («quia scriptorem non habens propria manu libellum hunc conscripsi, quod testatur litterarum informis forma»), rispettivamente in The ecclesiastical history of Orderic Vitalis, a cura di M. Chibnall, vol. V, Clarendon Press, Oxford 1975, l. 9, par. 1, p. 6, William of Newburgh’s Explanatio sacri epithalamii, cit., p. 364, Récueil des historiens des croisades. Historiens occidentaux, vol. III, cit., p. 721, r. b. C. Huygens, Le moine Idung et ses deux ouvrages: «Argumentum super quatuor quaestionibus» et «Dialogus duorum monachorum», CISAM, Spoleto 1980, p. 91. Queste testimonianze saranno analizzate nel paragrafo “Dichiarazioni non epistolari di autografia” del decimo capitolo.

148 The letters of Adam Marsh, vol. II, cit., ep. 190, p. 470: «plures, ut audio, reperientur opportuni ad nunc dictum fratris obsequium, si scripture quas ex studiosa prefati fratris Ricardi vigilantia manibus suis conscripserint singulis sue concedantur in usus utilitatis private, tamen ad communitatis profectum ampliorem».