Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Autografia ed epistolografia tra XI e XIII secolo

 | 
Micol Long

Introduzione

Note de l’auteur

I testi latini citati da fonti diverse sono stati uniformati trasformando le u in v e le j in i, normalizzando l’uso delle maiuscole e correggendo tacitamente i refusi. Ho invece conservato le differenze presenti nelle edizioni consultate per quanto riguarda dittonghi ed e caudate, y e i.

Le sole abbreviazioni usate sono PL per Patrologia Latina e MGH per Monumenta Germaniae Historica; in tutti gli altri casi il riferimento completo dell’o-pera è dato nella prima citazione, oltre che in bibliografia.

Le traduzioni, ove non diversamente specificato, sono mie.

Texte intégral

  • 1 Cfr. Storia della lettura nel mondo occidentale, a cura di G. Cavallo e R. Chartier, Laterza, Roma (...)

1Se il mutamento nella concezione della lettura nel corso del basso Medioevo ha ricevuto una certa attenzione1, meno indagate sono state le contemporanee — e in un certo senso parallele — trasformazioni nel modo di pensare l’atto della scrittura. Caratteristica dell’epoca è la progressiva diffusione della pratica, da parte degli intellettuali, di contribuire in prima persona alla scrittura delle loro opere, invece di limitarsi, com’era più comune fino a quel momento, a dettare ad alta voce a un segretario e, in generale, di affidarsi alla mediazione di una o più persone incaricate della realizzazione materiale del testo.

  • 2 P. Lehmann, Autographe und Originale namhafter lateinischer Schriftsteller des Mittelalters, inizia (...)
  • 3 D. Ganz, “Mind in character”: ancient and medieval ideas about the status of the autograph as an ex (...)

2Gli autori che hanno lasciato opere scritte di proprio pugno, nell’Europa occidentale dei primi secoli dopo il Mille (prima, cioè, della loro diffusione più generalizzata nel tardo Medioevo) non sono troppo numerosi e sono stati censiti nel 1920 da Paul Lehmann e, più recentemente, da Françoise Gasparri e Monique – Cécile Garand2. Quest’ultima, adottando una prospettiva comparata, ha messo in luce lo status monastico della maggioranza degli autori e il loro esercizio di responsabilità archivistiche, proponendo convincenti spiegazioni sulla connessione tra autografia e storiografia. Tuttavia è possibile allargare l’orizzonte d’indagine per esplorare ulteriori motivazioni della diffusione della pratica dell’autografia tra gli intellettuali, specialmente dal momento che essa travalicò l’ambito degli archivisti – storiografi. In particolare, parallelamente a quanto dimostrato da Armando Petrucci sull’influenza delle contemporanee pratiche notarili per l’affermazione della dignità e dell’utilità dell’autografia in campo letterario, si intende qui ipotizzare l’esistenza di un’altra fonte di influenza, rappresentata dall’ambito epistolare. A mia conoscenza, l’unico saggio esistente dedicato al tema dell’autografia epistolare è un articolo del 1997 di David Ganz, che cita diversi casi medievali, soffermandosi soprattutto sulla concezione della riconoscibilità della grafia personale3.

  • 4 Questo lavoro costituisce una versione rifinita e aggiornata della mia tesi di perfezionamento, dis (...)

3Si presentano qui i risultati della ricerca, nell’ambito epistolare latino tra l’inizio del secolo XI e la metà del XIII, dei riferimenti a casi di autografia epistolare, allo scopo di ricostruire i significati e le funzioni — diversi da quello autenticatorio attivo in ambito documentario — che vi vengono attribuiti4. L’analisi consentirà di indagare la connessione tra autografia e epistolarità, per appurare se l’ambito epistolare costituisca un microcosmo nel quale si ripropongono, in piccolo, le dinamiche della produzione letteraria, in un contesto particolarmente idoneo all’autografia.

  • 5 In termini antropologici, una prospettiva emic e non etic.

4Le lettere contengono spesso informazioni sulle circostanze e le motivazioni della scrittura, offrendosi come una fonte molto indicata per ricostruirle. Ciò consente di adottare un’ottica interna5, tesa a indagare la consapevolezza che gli autori stessi avevano dei possibili usi e vantaggi dell’autografia, da inquadrarsi più in generale nella loro concezione della scrittura.

  • 6 Sono diversi gli studiosi, in particolare nel campo della storia della cultura, che hanno scelto qu (...)

5Se l’anno Mille è generalmente riconosciuto come un tornante fondamentale della storia medievale, la decisione di prendere in considerazione testimonianze fino alla metà del XIII secolo merita una spiegazione più approfondita6. Rispetto agli studi sull’autografia d’autore che si sono concentrati sui primi due secoli dopo il Mille, l’inclusione della prima metà del secolo successivo consente di accrescere il numero e soprattutto la varietà delle testimonianze. La scelta del termine ante quem del 1250 nasce sia dalla necessità di limitare il numero di possibili fonti, in rapido aumento, sia dalla volontà di prendere in esame un contesto in cui il ruolo delle lingue volgari fosse ancora relativamente marginale. L’analisi è infatti limitata all’ambito latino, sulla base della convinzione che le lettere in volgare di quest’epoca presentino in maggioranza caratteristiche troppo diverse, in particolare per quanto riguarda le pratiche di produzione, per poter essere analizzate congiuntamente alle epistole latine.

  • 7 Cfr. G. Constable, Letters and letter–collections, Brepols, Turnhout 1976 (TYP, 17), pp. 11–16 e a. (...)

6Cruciale è anche la definizione del tipo di fonti oggetto dell’indagine. Il termine epistola o lettera è qui usato in un’accezione molto vasta, congruente con quella medievale7, e fondata sulla presenza di un intento comunicativo tra il mittente e uno o più destinatari da lui separati (la cosiddetta “situazione epistolare” di assenza). Ciò ha permesso di includere e confrontare tipi di testi anche molto diversi, dalle lettere missive alle composizioni in versi, purché chiaramente indirizzate e rivolte a qualcuno. Fra queste si possono distinguere le lettere reali, spedite o fatte per esserlo, da quelle fittizie, senza però escludere queste ultime dall’ambito di ricerca, sia in quanto a volte risulta difficile distinguerle, sia perché erano considerate a tutti gli effetti dai contemporanei come delle lettere.

  • 8 In materia di lettere originali si veda la serie Lettere originali del Medioevo latino (VII–XI sec. (...)

7L’analisi si sofferma sulle menzioni dell’autografia nel testo delle lettere, senza prendere in considerazione lettere autografe o presunte tali che non contengono al loro interno riferimenti alla scrittura del mittente. Da una parte, infatti, l’individuazione di tali riferimenti all’interno dei testi segue strategie e approcci molto diversi rispetto alla ricerca di lettere autografe conservate in originale8. Dall’altra, nell’ottica di una ricostruzione della concezione dell’autografia, un testo che non vi faccia riferimento non è necessariamente utile o perlomeno non è comparabile con altri che invece ne trattano. Infine, ancora maggiore che nella conservazione di testi in copia è il ruolo della casualità nella preservazione di manoscritti originali.

8Lo studio è diviso in tre parti. Nella prima, a carattere introduttivo, si affronteranno alcuni temi essenziali per analizzare le testimonianze di autografia epistolare, a cominciare da una ricognizione dei modi in cui veniva per lo più espressa nel Medioevo la nozione di autografia. Seguirà una riflessione sull’esistenza di una topica dell’autografia, nel cui contesto vanno interpretati i riferimenti metagrafici, vale a dire i passi in cui gli autori sembrano fare riferimento alla propria scrittura del testo; ciò risulta necessario per poter invece distinguere le vere e proprie “dichiarazioni di autografia” e valutarne l’attendibilità. Una sintesi dello status quaestionis sul tema dell’autografia consentirà poi di illustrare ciò che è noto delle pratiche di produzione letteraria e, in particolare, epistolare, nei secoli in esame. Successivamente, l’analisi di alcuni passi in cui gli autori fanno riferimento alla scrittura di propria mano senza presentarla come una libera scelta consentirà di riflettere su ciò che diversi tipi di testimonianze implicano in merito alla pratica dell’autografia. Questa prima sezione sarà conclusa da una panoramica su alcuni casi autorevoli (classici, biblici e patristici) di riferimento all’autografia, in grado di esercitare un’influenza, diretta o indiretta, sui secoli in esame.

9Nella seconda parte si analizzeranno riferimenti all’autografia epistolare databili tra l’inizio dell’XI e la metà del XIII secolo, suddivisi in base al tipo di motivazioni offerte per l’autografia o per essa ipotizzabili. Alcune testimonianze, che possono rientrare in diversi ambiti, saranno dunque riesaminate secondo ottiche diverse. Si prenderà in considerazione in primo luogo la menzione della segretezza come motivazione per l’autografia; in seguito si esamineranno alcune lettere di affetto per valutare il possibile valore attribuito alla scrittura di propria mano come segno del particolare riguardo del mittente per il destinatario. In seguito ci si concentrerà su alcune testimonianze che rinviano a un’interpretazione dell’autografia come prova di umiltà, in quanto lavoro faticoso e perfino servile, cui alcuni autori scelgono di sottoporsi anche se potrebbero evitarlo. Nel capitolo successivo si esaminerà il ruolo attribuito alla scrittura di propria mano come garanzia di affidabilità, con particolare riferimenti alla registrazione di eventi cui l’autore ha assistito in prima persona; infine si indagherà la concezione della lettera, in particolare autografa, come reliquia, nel contesto di casi di direzione spirituale per via epistolare e di racconti di miracoli.

10Nella terza e ultima parte si rifletterà in una prospettiva complessiva e comparata su quanto emerso nei capitoli precedenti. In una prima fase si confronteranno tra loro gli autori di dichiarazioni di autografia e i testi che le contengono; successivamente si tenterà un raffronto con alcune dichiarazioni di autografia contenute all’interno di altri testi, in primo luogo prologhi ed epiloghi di opere narrative. Nel capitolo finale si analizzeranno alcuni indizi dell’esistenza di concezioni della scrittura diverse da quella che il mondo classico aveva trasmesso al Medioevo, basata su una disgiunzione tra composizione letteraria e scrittura materiale; indagando il legame tra composizione e meditazione sarà anche richiamata l’importanza del modello agostiniano del soliloquio. Il fenomeno dell’autografia d’autore nei secoli in esame sarà infine esaminato nel suo rapporto con il contesto storico e culturale dell’epoca, mettendo in luce i legami con processi contemporanei quali il progressivo riconoscimento della dignità del lavoro scribale, l’affermazione del sentimento della responsabilità autoriale e l’attenzione riservata da molti autori all’indagine e all’espressione della propria interiorità.

Notes

1 Cfr. Storia della lettura nel mondo occidentale, a cura di G. Cavallo e R. Chartier, Laterza, Roma Bari 1998 e i. Illich, Nella vigna del testo. Per una etologia della lettura, [1993], R. Cortina, Milano 1994.

2 P. Lehmann, Autographe und Originale namhafter lateinischer Schriftsteller des Mittelalters, inizialmente pubblicato su «Zeitschrift des Deutschen Vereins für Buchwesen und Schrifttum», n. 3, 1920, pp. 6–16, e poi confluito in id., Erforschung des Mittelalters. Ausgewählte Abhandlungen und Aufsätze, vol. I, Hiersemann, Stuttgart 1959, pp. 359–381, aggiornato da F. Gasparri, Authenticité des autographes, in Gli autografi medievali. Problemi paleografici e filologici. Atti del convegno di studio della Fondazione Ezio Franceschini (Erice 25 settembre–2 ottobre 1990), a cura di P. Chiesa e L. Pinelli, CISAM, Spoleto 1994, pp. 2–33. Per i secoli XIe XII si veda M. C. Garand, Auteurs latins et autographes des XIème et XIIème siècles, in «Scrittura e civiltà», n. 5, 1981, pp. 77–104.

3 D. Ganz, “Mind in character”: ancient and medieval ideas about the status of the autograph as an expression of personality, in Of the making of books. Medieval manuscripts, their scribes and readers. Essays presented to M. B. Parkes, a cura di P. R. Robinson e R. Zim, Scolar Press, Aldershot 1997, pp. 280–299.

4 Questo lavoro costituisce una versione rifinita e aggiornata della mia tesi di perfezionamento, discussa presso la Scuola Normale Superiore di Pisa il 21 maggio 2013, davanti a una Commissione formata dai Professori Carlo Ginzburg (presidente), Giulia Ammannati, Enrico Artifoni (relatori), Jean–Yves Tilliette, Gian Giacomo Fissore, Maria Pia Paoli ed Emanuele Berti.

5 In termini antropologici, una prospettiva emic e non etic.

6 Sono diversi gli studiosi, in particolare nel campo della storia della cultura, che hanno scelto questo stesso termine ante quem, a cominciare da Charles Homer Haskins, il quale già nel 1927 aveva espresso l’opinione che per chi aspira a indagare la fioritura culturale che ha il suo culmine nel XII secolo occorra prendere in considerazione almeno la prima metà del secolo successivo, cfr. C. H. Haskins, La rinascita del XII secolo, [1927], Il mulino, Bologna 1972, p. 16, e Renaissance and renewal in the twelfth century, a cura di R. Benson e G. Constable, Oxford 1982.

7 Cfr. G. Constable, Letters and letter–collections, Brepols, Turnhout 1976 (TYP, 17), pp. 11–16 e a. Petrucci, Introduzione, in Lettere originali del Medioevo latino (VII–XI sec.), vol. I. Italia., a cura di id., G. Ammannati, A. Mastruzzo, E. Stagni, Scuola Normale Superiore, Pisa 2004, pp. IX–XVIII, che riporta la seguente definizione: «qualsiasi comunicazione scritta autonoma, di natura informativa, petitiva, polemica, accusatoria, affettiva, di saluto, di augurio, di convenienza e così via, che sia inviata da un mittente a un destinatario».

8 In materia di lettere originali si veda la serie Lettere originali del Medioevo latino (VII–XI sec.), vol. I, cit. e vol. II. 1, Francia (Arles, Blois, Marseille, Montauban, Tours), dir. A. Petrucci, a cura di G. Ammannati, A. Mastruzzo, E. Stagni, Scuola Normale Superiore, Pisa 2007 e la recente iniziativa La corrispondenza epistolare in Italia, vol. I. Secoli XII–XV. Convegno di studio (Trieste, 28–29 maggio 2010), a cura di M. Davide, CERM, Trieste, EFR, Roma 2013 e vol. II. Forme, stili e funzioni della scrittura epistolare nelle cancellerie italiane (secoli V–XV). Convegno di studio (Roma, 20–21 giugno 2011), a cura di S. Gioanni e P. Cammarosano, CERM, Trieste, EFR, Roma 2013. Sugli autografi, oltre alla serie Corpus Christianorum Continuatio Mediaevalis Autographa Medii Aevi, un riferimento imprescindibile è Gli autografi medievali, cit., cui si aggiungono il recente Medieval Autograph Manuscripts. Proceedings of the XVII Colloquium of the Comité International de Paléographie Latine (Ljubljana, 7–10 September 2010), a cura di N. Golob, Brepols, Turnhout 2013 e gli atti del convegno “L’épistolaire politique ii. Authentiques et autographes”, tenutosi alla Sorbona il 27–28 gennaio 2012, in corso di pubblicazione. Per l’area italiana sono in corso diverse iniziative, tra cui il progetto “Autografi dei letterati italiani” e la collana “Autographa ”, cfr. «Di mano propria». Gli autografi dei letterati italiani. Atti del convegno internazionale (Forlì, 24–27 novembre 2008), a cura di G. Baldassarri, M. Motolese, P. Procaccioli, E. russo, Salerno, Roma 2010, Autografi dei letterati italiani. Il Cinquecento, a cura di M. Motolese, P. Procaccioli, e. russo, Salerno, Roma 2009, Autografi dei letterati italiani. Origini e Trecento, a cura di G. Brunetti, M. Fiorilla, M. Petoletti, Salerno, Roma 2013 e Autographa, a cura di G. Murano, vol. I. Giuristi, giudici e notai (sec. XII–XVI med.), CLUEB, Bologna 2012.

Acheter

Volume papier

amazon.fr