Version classiqueVersion mobile

Società delle tecnologie esponenziali e General Data Protection Regulation

 | 
Simone Bonavita

Il futuro del GDPR tra profilazione, trattamenti automatizzati, marketing e misure di sicurezza

Giovanni Ziccardi

Texte intégral

1I temi dei big data, della profilazione su larga scala, della compliance ai principi (e direttive) di sicurezza e quelli connessi agli aspetti più tecnologici della protezione dei dati – se così si può dire, in un panorama che è, oggi, ormai tutto tecnologico – sono sicuramente argomenti non solo di grandissima attualità, ma che consentono di tracciare anche alcune linee di previsione sulla privacy del futuro, con tutta la cautela che richiede un settore così imprevedibile come quello delle Information e Communication Technologies. Nei contributi pubblicati in questo volume si evidenziano alcune puntuali linee interpretative, esplicitate o soltanto accennate, che meritano ulteriori approfondimenti.

2Vi è, in primis, un chiaro timore del Legislatore europeo nei confronti della profilazione, del tracking degli individui, del trattamento automatizzato dei dati e del fatto che la possibilità che decisioni con conseguenze giuridiche, e basate sui dati delle persone, possano essere assunte senza l’intervento di un essere umano. Si tratta di un timore lecito, e non solo retaggio di film o romanzi dal sapore kafkiano (dove la “burocrazia automatizzata” si ribella all’uomo) o fantascientifico: oggi, per tutte le grandi società (e, soprattutto, per le grandi piattaforme) vi è al centro del business la possibilità di trattare i big data in maniera automatizzata sino a prevedere i comportamenti delle persone.

3Non solo i comportamenti dei consumatori come le preferenze di acquisto (quindi: la cosiddetta “profilazione commerciale”), ma anche la possibilità di misurare, memorizzare, archiviare e trattare le performance lavorative, lo stato di salute, la vita del soggetto nella società tecnologica.

4Simili possibilità, che sono ogni giorno più potenti grazie ad algoritmi sempre più sofisticati, richiamano tempi bui (durante e subito dopo la Seconda Guerra Mondiale) e il rischio che le caratteristiche peculiari dei cittadini possano essere utilizzate per discriminarli. Il GDPR, da questo punto di vista, si trova nella difficile posizione di dovere, da un lato, permettere la più ampia circolazione del flusso di informazioni tecnologica, perché lo richiedono la società tecnologia, l’economia digitale e l’idea stessa di Unione Europea. Dall’altro, però, si trova a dover prevedere cautele, garanzie e misure di sicurezza (ad esempio: rafforzando il diritto di opposizione a simili trattamenti) che proteggano tale flusso informativo, dal momento che oggi, nella società attuale, la protezione dei dati rappresenta una delle massime tutele per i diritti della persona.

5Proprio il tema della misure di sicurezza, della tenuta di registri, della valutazione tecnologica dell’impatto del trattamento dei dati è il secondo grande spunto di dibattito che viene sollevato negli Articoli che seguono: occorre, secondo il GDPR, una notevole opera di responsabilizzazione da parte di chi tratta i dati, anche prevedendo sanzioni molto elevate, al fine che si crei, attorno ai dati, un sistema di misure di sicurezza adeguate, certificazioni, adempimenti organizzativi e tecnici e controlli esterni (ad esempio da parte delle autorità di controllo o di un Data Protection Officer) per equilibrare i diritti dei cittadini ricostruendo una certa “parità delle armi”.

6La grande novità del GDPR, che ha eliminato la fattispecie delle misure minime di sicurezza previste nel dettaglio per legge e ha lasciato liberi i titolari dei trattamenti di scegliere, in base a costi, stato dell’arte e rischio, le misure più adeguate, è stata presentata come una rivoluzione che, finalmente, dovrebbe garantire livelli di sicurezza adeguati allo sviluppo della società tecnologica.

7Si vedrà nei prossimi mesi, probabilmente, e all’esito dei primi controlli dei Garanti, se una simile opportunità sarà colta pienamente.

Auteur

Coordinatore, Information Society Law Center dell’Università degli Studi di Milano

© Ledizioni, 2018

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search