Version classiqueVersion mobile

Per libri e per scritture

 | 
Simona Inserra

4. “Ad uso di Maria Innocenza”: produzione devozionale nella Sicilia del XVIII secolo, dal fondo antico della Società di storia patria per la Sicilia orientale

Francesca Aiello et Debora Maria Di Pietro

Texte intégral

1. Dal fondo antico della Biblioteca della Società di Storia Patria per la Sicilia orientale

  • 1 Per la storia della Società si veda quanto già scritto nel terzo capitolo di questo volume.

1La Biblioteca della Società di Storia Patria per la Sicilia orientale di Catania ospita una collezione libraria antica, incrementata grazie alla sollecitudine e alla cura dei soci che nel corso degli anni hanno donato documenti a stampa o manoscritti. La missione di questo sodalizio è stata infatti, fin dalla fondazione, quella di custodire documentazione manoscritta e a stampa legata alla storia della Sicilia e, soprattutto, reperire testi ritenuti rari o preziosi e farne dono alla Società1.

2Il fondo antico ospita, in accordo con la missione dell’istituto, in prevalenza edizioni di carattere storico, ma anche opere a carattere religioso o letterario.

3Per questo contributo si è scelto di descrivere una sezione specifica della collezione, quella che contiene gli esemplari di edizioni di opere di argomento religioso e devozionale stampate in Sicilia nel XVIII secolo.

4Gli esemplari esaminati sono tutti di piccolo formato e certamente realizzati per un pubblico ben determinato composto da suore e nobildonne che utilizzavano tali manufatti per le preghiere e le meditazioni quotidiane; si trattava di testi che avevano lo scopo di istruirle sulla pratica devozionale o di essere di conforto spirituale con le preghiere in onore dei santi, della Vergine, di Gesù Cristo o della martire Sant’Agata, patrona della città di Catania.

5Da un’attenta analisi dei registri e dell’inventario della biblioteca emerge che questi esemplari sono stati acquisiti a seguito di donazioni effettuate tra l’agosto del 1932 e il maggio del 1935. Solo due esemplari sono giunti in biblioteca più tardi, negli anni ’80 del Novecento.

6Come si potrà notare dalle segnature di collocazione essi erano, fino a poco tempo fa, differentemente dislocati negli ambienti della biblioteca: alcuni erano stati posizionati all’interno della sezione delle Miscellanee, altri erano stati collocati nella sala Monografie insieme alla produzione editoriale moderna.

7Attualmente il fondo antico è stato riunito e collocato in un unico ambiente, all’interno di scaffalature metalliche.

8Tutti gli esemplari (eccetto quello descritto nella scheda 16) sono stati stampati da officine tipografiche siciliane, a Catania, Messina e Palermo.

9In questi tre grandi centri si erano insediate stabilmente numerose imprese la cui produzione era continua nel tempo e fiorente: accanto alle edizioni di carattere storico, letterario o scientifico, i tipografi erano soliti stamparne numerose di carattere religioso (Evola, 1885) che intercettavano un pubblico vasto ed erano considerate, pertanto, un sicuro investimento (Giacomarra, 2010).

  • 2 Francesco Amato fu attivo tra il 1715 e il 1726 con opere di vario genere, testi dialettali, paneg (...)
  • 3 L’opac del polo regionale siciliano di SBN registra centouno occorrenze per Gaetano Maria Bentiven (...)

10A Palermo le botteghe attive erano numerose: Francesco e Stefano Amato, per esempio, nella seconda metà del Settecento, erano a capo di una ricca e prolifica impresa2. Anche Gaetano Maria Bentivenga, figlio di Pietro, ebbe larga fortuna; è noto per una produzione tipografica, copiosa e esteticamente ben composta, di opere di varia natura, tra cui anche numerosi libretti di preghiera (Evola, 1940)3.

  • 4 Del tipografo Tomaso Pignataro, l’opac del polo regionale siciliano di SBN registra solo due occor (...)

11A Palermo lavorò anche Tommaso Pignataro dal 1704 al 1709, il quale associava la sua attività di tipografo a quella di libraio4.

  • 5 Oltre cento sono le edizioni di Angelo Felicella registrate dall’opac del polo regionale siciliano (...)

12Infine, tra quelli presenti nelle nostre edizioni, il tipografo Angelo Felicella, titolare della “Stamperia dei Poveri di Gesù Cristo alli Cintorinari” che ebbe in Palermo una lunga e florida attività; la sua produzione fu varia e vasta, ma non tutta tipograficamente notevole; alcune edizioni vengono considerate, per qualità della carta e nitidezza dei caratteri, inimitabili (Evola, 1940)5.

13Per quanto riguarda la produzione tipografica messinese ci sono pervenute due edizione di carattere religioso, quella descritta nella scheda 18, stampata dal tipografo Giuseppe Di Stefano, chiamato nella seconda metà del Settecento a servire il Senato e l’Accademia peloritana e l’esemplare descritto nella scheda 20 che però è privo del nome del tipografo.

  • 6 La stamperia del Bisagni a Catania risulta attiva per oltre un secolo, ma non si conosce ancora ch (...)
  • 7 Puleio si onorò del titolo di impressore dell’Accademia degli Etnei; diede alle stampe officia san (...)

14I libri stampati a Catania sono prodotti della tipografia di Paolo Bisagni, poi ereditata da successori di cui non si conosce ancora l’identità6, e di quella di Gioacchino Puleio7, attiva dal 1740 al 1797.

  • 8 Attivo anche a Siracusa e a Caltagirone, Trento iniziò la sua attività a Catania nel 1720, dedican (...)
  • 9 Una trentina circa sono le edizioni stampate da Francesco Pastore a Catania e registrate nell’opac (...)

15Altri due tipografi hanno operato a Catania, Simone Trento8 e Francesco Pastore9, attivi dalla prima metà del Settecento.

16La produzione libraria a cavallo tra XVII e XVIII secolo è influenzata dal clima controriformista e dalla diffusione dei nuovi modelli di religiosità imposti dopo il Concilio di Trento. Tutti gli ordini religiosi, soprattutto i Gesuiti, incentivarono la stampa e la diffusione di edizioni di carattere religioso e devozionale; si stamparono martirologi, scritti apologetici, vite dei santi, libri di preghiere, spesso non qualitativamente eccellenti, ma economici, facilmente commerciabili e, di conseguenza, capaci di raggiungere tutti i ceti sociali.

2. Gli esemplari

17Tutte gli esemplari qui descritti appartengono a una produzione editoriale minore, sono di piccolo formato, spesso costituiti da pochi fascicoli (in alcuni casi da un solo fascicolo) e talvolta sono privi di legatura.

18Avendo mantenuto, per lo più, la veste editoriale originale, essi conservano informazioni importanti, allocate soprattutto nelle controguardie e nelle carte di guardia, che permettono di collocare i manufatti nello spazio e nel tempo e di seguirne i percorsi dall’uscita dall’officina tipografica sino alla biblioteca (Provenienze, 2009).

19La maggioranza degli esemplari analizzati presenta note di possesso che permettono di collocarne l’uso nel XVIII secolo e all’interno della città di Catania. L’analisi di tutti gli elementi rilevati, insieme alle tracce d’uso, alle annotazioni manoscritte, alle legature e allo stato di conservazione, ci ha permesso di raccogliere dati utili ai fini della individuazione delle provenienze. Nell’analizzare gli esemplari, quindi, ci si è proposti di fornire non solo le informazioni bibliografiche relative alle edizioni, ma anche di descrivere tutti gli elementi grafici e le componenti materiali degli esemplari, nel convincimento che ogni manufatto vada considerato come un prodotto della cultura materiale.

20Le schede che presentiamo di seguito prevedono, nella prima parte, la descrizione bibliografica semplificata dell’edizione e, nella seconda, la descrizione dei dati relativi all’esemplare, del quale sono elencati gli apparati decorativi, le annotazioni di possesso, i segni d’uso, la tipologia della legatura e lo stato di conservazione.

  • 10 La fondazione del monastero intitolato a Santa Chiara si deve al Barone di Oxina Antonio Paternò n (...)
  • 11 Storica famiglia il cui capostipite, il Principe Roberto d’Embrun, della Casa Sovrana di Barcellon (...)
  • 12 Il monastero di San Benedetto fu fondato il 23 aprile 1334 dalla nobildonna Alemanna Lumello nel s (...)

21L’elemento su cui ci siamo maggiormente concentrate è stato il rilevamento delle note di possesso, presenti soprattutto sulle carte di guardia anteriori o sul frontespizio. Esse sono state trascritte integralmente operando, ove possibile, lo scioglimento delle abbreviazioni presenti. Le note recano i nomi delle suore che possedevano o avevano in uso gli esemplari; in alcuni casi, accanto ai nomi, si ritrovano i riferimenti ai monasteri catanesi ove esse vivevano (schede 10 e 11: nel primo si chiarisce che il volume proviene dalla comunità di Santa Chiara10 e che la proprietaria del testo è una monaca Serafica di san Francesco; nel secondo caso si fa riferimento a suor Maria Paternò Castello11 dell’ordine di san Benedetto12).

22Molta attenzione si è data, nelle schede, alla descrizione della legatura e dei suoi elementi costitutivi; nella maggioranza dei casi ci troviamo in presenza di legature storiche, presumibilmente originali. In un solo caso abbiamo registrato una legatura di restauro confezionata nel 2015. Uno spazio della scheda infine è dedicato alla descrizione dello stato di conservazione dei manufatti, al fine di dare informazioni sullo stato attuale della collezione e registrare eventuali situazioni di criticità.

23Le ventisei schede del catalogo seguono un ordine cronologico per data di stampa, dalla meno alla più recente e coprono un arco di tempo che va dal 1707 (scheda 1, edizione stampata da Pignataro a Palermo) al 1796 (scheda 25, edizione stampata da Pastore a Catania).

3. Catalogo

1 VII-B-74 bis

ALBERTI, Domenico Stanislao

Il mese di luglio consagrato alle glorie di s. Ignazio fondatore della compagnia di Giesù proposto a divoti del santo dal padre Domenico Stanislao Alberti della medesima compagnia.

In Palermo : per Tomaso Pignataro, 1707.

140 p. ; 12°.

A-E12, F10.

-osn- s-go a.io AmNo (3) 1707 (A).

 

Esemplare mutilo delle cc. B11, B12, e C1; sul frontespizio stemma della Compagnia di Gesù; testate, iniziali e finalini decorati; alle cc. A2r, A3r, A5v iniziali a motivi fitomorfi e zoomorfi; nota manoscritta a c. Ir: Vieni mio sposo […] / Vieni ad inflarmarmi il / cuor che si al […] / darà d’amor […] / […] sol […] (s. XVIII/XIX); sul verso della stessa c., note di possesso di mani differenti: Questo libro è della […] communità ad uso di Maria Innocenza […] e […] Immaculato / di Giasù custode amato / […] sposo di Maria / custodirà l’alma mia [proteggerà] l’alma mia (s. XVIII).

Legatura di restauro (140 x× 82 ×x 10) floscia in pergamena; capitelli strutturali in lino passanti con anima in pelle allumata; cucitura su tre nervi passanti in pelle allumata; coppia di lacci di chiusura in pelle allumata. Carte di guardia costituite da tre bifoli e una carta anteriore e tre bifoli posteriori, aggiunte in fase di restauro, con controguardie incollate a tamburo.

L’esemplare, restaurato nel 2015, si presenta in ottimo stato di conservazione.

2 V-G-18

Officia sanctorum ordinis sanctiss. patriarchae Benedicti ab omnibus monachis, & monialibus sub eiusdem sancti patris regula militantibus de praecepto recitanda ex Decr. Sac. Rit. Congregationis die 19. Augusti 1719 nec non Officia quorumdam Sanctorum, quorum nomina sequens pagina indicat.

Romae, et Catanae : in aedibus illustrissimi Senatus typis Bisagni, 1720.

108 p. ; 8°.

A-N4, π2.

p.S. inod t.la Qubo (3) 1720 (A).

 

Nota manoscritta a c. Ir: Ad usum sororis Clarae Margaritae Gastone (s. XVIII); presente tra le cc. M4v e N1r un frammento cartaceo manoscritto in inchiostro metallogallico.

Legatura floscia (140 × x 90 ×x 69) con coperta in carta; cucitura su due nervi in pelle allumata passanti. Carte di guardia costituite da un bifolio anteriore e uno posteriore con controguardie incollate appieno.

L’esemplare si presenta in discrete condizioni di conservazione, con macchie brune di varia natura che interessano l’intero corpo delle carte; il piatto posteriore è staccato dal corpo del libro.

3 Misc-A-303-11

HIEREMBERG, Johannes Eusebius

Quanto ha’ mostrato nostro Signore il molto, che gusta, che noi veneriamo S. Michele per li molti luoghi, che vuole, siano ad onor suo consagrati: ed ei gli hà con le sue apparizioni santificati, degli ammirabili consegli e celeste dottrina, che Michele ai suoi hà rivelato e della divozione a SS. angeli a S. Gabriele, e S. Raffaele, cavati dal libro composto dal padre Giovanni Eusebio Hieremberg della Compagnia di Giesù. Dedicato al Sig. D. Luigi vassallo barone di S. Bartolomeo.

In Palermo : per Francesco Amato, 1720.

[6], 66 p. ; 12°.

A-C12.

t-m- noo, lio- unca (3) 1720 (A).

 

Frontalini decorati. A c. A3v nota di possesso Maria Mannino (s. XVIII/XIX); precedente segnatura: IV f 95 sul contropiatto anteriore.

Legatura floscia (133 x× 70 ×x 10) con coperta in carta; cucitura a catenella.

L’esemplare si presenta in cattivo stato di conservazione, con ossidazione della carta e camminamenti di insetti xilofagi; la coperta è staccata dal corpo del libro e presenta lacune ai margini e lungo il dorso. La cucitura non è più funzionale.

4 V-G-35

Fascetto di fiori spirituali, consecrato alla catanese amazone S. Agata; primiceria delle vergini, e martiri siciliane, dove si contengono alcune preci, e lodi della suddetta santa; coll’aggiunta di una novena, per sodisfare alla divozione de’ catanesi, con alcune orazioni, benedizioni di pane &c. cavate dal Breviario romano, e gallicano impresso l’anno 1630, e stampate in Catania l’anno 1708, e 1720.

In Catania : per Simone Trento, 1725.

150 p. ; 8°.

A-I8, K4 (-K4).

teer c.i. c.c. AgEt (3) 1725 (A).

 

Esemplare mutilo della c. K4; sul frontespizio illustrazione con ritratto di Sant’Agata; a c. A2r iniziale con decorazioni a motivi fitomorfi. Sul contropiatto anteriore nota manoscritta: Ad uso di Maria Concezione indegna, schiava di Maria, Vergine e di San Domenico (s. XVIII/XIX).

Legatura floscia (142 x× 95 x× 11) con coperta in pergamena; capitelli semistrutturali con cucitura primaria e cucitura secondaria bicolore (rosa e azzurro, di cui rimangono tracce), anima in pergamena passante; cucitura su due nervi in spago. Carte di guardia mancanti e controguardie incollate appieno.

L’esemplare si presenta in cattivo stato di conservazione, con ossidazione di alcune carte e rare macchie brune di varia natura. La coperta è quasi del tutto staccata dal corpo delle carte, con ampia lacuna sul dorso; capitelli spezzati.

5 VII B 71

ALBERTI, Domenico Stanislao

Il mese di luglio consagrato alle glorie di s. Ignazio fondatore della Compagnia di Gesù. Proposto a’ divoti del Santo dal padre Domenico Stanislao Alberti della medesima Compagnia. III. edizione.

In Palermo : per Francesco Amato, 1728.

142 p. ; 12°.

A-F12.

osn- s-go a,io AmNo (3) 1728 (A).

 

Stemma della Compagnia di Gesù sul frontespizio; testate, iniziali e finalini decorati; alle cc. A2r e A3r iniziali con decorazioni a motivi fitomorfi e zoomorfi, su fondo bianco; sulla controguardia anteriore, precedente segnatura VII B 71 bis.

Legatura semifloscia (130 ×x 74 x× 10) con coperta in pergamena; piatti in cartone; etichetta incollata sul dorso, con precedente segnatura cancellata; cucitura a catenella. Carte di guardia mancanti; controguardia anteriore incollata appieno, controguardia posteriore staccata.

L’esemplare si presente in pessimo stato di conservazione, con una diffusa infezione fungina che interessa le carte e la coperta; macchie brune di varia natura; lacune sulla coperta e sul frontespizio.

6 V-G-25; V-G-31

Dieci meditazioni sopra alcune delle principali azioni di S. Benedetto patriarca de’ monaci d’Occidente, disposte per i giorni della Novena, e per quello della Solennità del santo, da un religioso del suo ordine. II. edizione.

In Catania : per il Trento, 1737.

168 p. ; 12°.

A-G12.

a, i- inl- noi- gngl (3) 1737 (A).

Errori nella segnatura: le cc. B5, C6, F4 non sono segnate.

 

1: L’esemplare è mutilo della c. G12; sulla coperta nota manoscritta: 1305; tra le cc. B12v e C1r frammento cartaceo con nota manoscritta: s. Fedelis asimaringa martiris; precedenti segnature: II G 22, sul contropiatto anteriore e V G 29 sul frontespizio (dove appare anche il numero 25).

Legatura semifloscia (130 ×x 67 x× 10) con coperta in carta decorata; piatti in cartone; cucitura a catenella.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione con infiltrazioni d’umidità, macchie brune di varia natura e ossidazione diffusa; le cc. da G3 a G10 sono strappate e lacunose; camminamenti di insetti xilofagi sul frontespizio.

2: Due frammenti in carta stampata solo su un verso, uno dei quali contenente uno stemma nobiliare con l’indicazione XVI. Fatta pubblicare il Re Carlo Terzo quarantuno. Sulla coperta nota manoscritta: 1300; sul frontespizio precedente segnatura V G 24 31.

Legatura floscia (130 x× 67 ×x 10) con coperta in carta; cucitura a catenella e ulteriore cucitura di restauro che attraversa i fascicoli e il dorso della coperta.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione con infiltrazioni d’umidità, macchie brune di varia natura e ossidazione diffusa; erosioni dovute alla presenza di insetti xilofagi sul frontespizio.

7 V G 39

Novena in onore di S. Luigi Gonzaga della Compagnia di Gesù, proposto per esemplare, e protettore della purità a’ giovani, spezialmente studenti, da un sacerdote della medesima Compagnia.

In Palermo : appresso Angelo Felicella, 1738.

XVI, 216 p. ; 8°.

a8, A-N8, O4.

dio- umel u-a- Inso (3) 1738 (R).

 

Sulla coperta il numero 1089. Precedenti segnature: VI G 25 a c. Ir, V G 41 sul frontespizio che reca anche il numero 1009.

Legatura rigida (143 x 100 x× 15) con coperta in pergamena; piatti in cartone; capitelli semistrutturali con anima in pergamena arrotolata passante; cucitura su due nervi. Carte di guardia costituite da un bifolio anteriore e uno posteriore, con controguardie incollate appieno.

L’esemplare si presenta in buono stato di conservazione, con rare macchie brune di varia natura.

8 V-G-15; V-G-5

Esercizio di divozione per la novena precedente alla solennità della natività di nostro Signore Gesù Cristo proposto ad utile de’ divoti di questo dolcissimo misterio.

In Palermo : per Angelo Felicella, 1742.

143 p. ; 12°.

A-F12.

lalà o,o, tosi faoh (3) 1742 (R).

 

1: Nota di possesso cancellata a c. Ir. Legatura semifloscia (140 ×x 90 x× 9) con coperta in pergamena; piatti in cartone; capitelli semistrutturali con cucitura primaria e piedino anteriore, anima in pergamena arrotolata passante; cucitura su due catenelle. Carte di guardia costituite da un bifolio anteriore e uno posteriore, con controguardie incollate appieno.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con macchie brune di varia natura.

 

2: Sul frontespizio nota di possesso S[uor] Maria Agnese (s. XVIII); nella controguardia anteriore, precedente segnatura cassata IV G 4; tra le cc. A12v e B1r frammento in carta con note manoscritte in inchiostro riportante i misteri del Rosario; tra le cc. F4v e F5r bifolio stampato (datato 1879) Quindici minuti davanti al SS. Sacramento; tra le cc. F11v e F12r quattro carte stampate (105 x 70) contenenti quattro misteri del Rosario (IX, X, XI e XII).

Legatura floscia (140 x× 90 ×x 9) con coperta in carta decorata, rinforzata sul dorso; cucitura a catenella.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con diffuse macchie brune di varia natura.

9 Misc. A-303-13

Massime ricavate dall’opere di S. Francesco di Sales, e distribuite per ogni giorno dell’anno per uso de’ suoi divoti.

In Palermo : nella Stamperia di Stefano Amato, 1746.

84 p. ; 8°.

A-B12, C18.

lela a.i- a-o. peop (3) 1746 (A).

 

Sul frontespizio fregio con decorazioni a motivi fitomorfi; sul contropiatto anteriore nota di possesso: Comunità di s. Chiara (s. XVIII/XIX) e precedente segnatura: IV g 34-1.

Legatura semifloscia (130 × 70 × 8) con coperta in pergamena; piatti in cartone; cucitura a catenella con rinforzi passanti sul dorso.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con macchie di varia natura e lacune in corrispondenza dei tagli; la coperta è lesionata lungo la cerniera.

10 VII B 74

Salterio verginale composto dal serafico dottore S. Bonaventura in onore dell’Immacolata Concezione di Maria sempre Vergine coll’aggiunta d’altre divozioni dedicato al singolarissimo merito, e ferverosa divozione del Signor D. Carlo Gravina Cruyllas, e Scammacca de’ principi di Palagonia, [...].

(In Catania : nella Stamperia del Pulejo, 1752).

263, [4] p. ; 12°.

A-L12, π2.

imsu n.c. s,a. *A*E (3) 1752 (R).

 

Esemplare mutilo delle cc. G6 e G7; sul frontespizio segnatura cassata in lapis: IV G 29.

Legatura mancante, sostituita da una carta moderna che racchiude il corpo del libro; cucitura su due nervi in spago.

L’esemplare si presenta in cattivo stato di conservazione, con ossidazione della carta e macchie brune di varia natura; la cucitura è danneggiata in più punti; frammenti della precedente coperta pergamenacea sul dorso.

11 V G 33

PERRIMEZZI, Giuseppe Maria

 

Il divoto di S. Francesco di Paola istruito nella prattica de’ tredici venerdì del medesimo santo. Con nuovi, e divoti esercizi di meditazioni dalle sue virtù, di affetti al crocifisso e di preghiere al santo, dal P. Giuseppe M. Perrimezzi, religioso del suo ordine e della sua patria. Terza impressione. Dedicata alla molto rev. Maria Serafica Teisser […].

In Palermo : per Francesco Valenza, 1754.

XXIII, 322 p. ; 12°.

a12, A-M12, N18.

o-e- o-o- aaa- cuIn (3) 1754 (R).

 

Fregi a motivi fitomorfi, zoomorfi e antropomorfi; a c. Ir nota di possesso: Questo libro è della Comonità ad uso di Maria Scolastica Paternò Castello figlia e schiava di Maria Vergine e del Padre S. Benedetto, 3 di gennaro 1763 (s. XVIII); sulla stessa carta precedente segnatura cassata: VI g 27. Legatura rigida (135 x× 72 x× 23) con coperta in pergamena; piatti in cartone; capitelli semistrutturali con cucitura primaria e anima in pergamena arrotolata passante; cucitura su due nervi in spago con grecaggio. Carte di guardia costituite da un bifolio anteriore e uno posteriore, con controguardie incollate appieno.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con camminamenti di insetti xilofagi sulle controguardie, ossidazione di alcune carte e macchie brune di varia natura.

12 Misc-A-303-9

Corona in onore del padre Benedetto patriarca de’ monaci in Occidente, da recitarsi ogni giorno da’ suoi divoti.

Catania : Stamp. del dot. Bis., 1754.

72 p. ; 12°.

A-C12.

e-g- i,a- e,a. Paco (3) 1754 (A).

 

Legatura semifloscia (133 ×x 70 x× 5) con coperta in carta decorata; piatti in cartone; cucitura a catenella e successiva cucitura a sopraggitto. Carte di guardia mancanti, controguardie incollate appieno.

L’esemplare si presenta in cattivo stato di conservazione, con camminamenti di insetti xilofagi, macchie dovute a infiltrazioni di umidità, strappi e lacune lungo il dorso. La carta della coperta è lacerata.

13 Misc A-7-30

Divoto esercizio per impetrare il patrocinio del glorioso vescovo, e martire S. Emiddio potentissimo difensore de’ tremuoti, e speciale protettore della chiarissima e fedelissima città di Catania. Fatto ristampare da un suo divoto.

In Catania : Stamperia del Dot. Bisagni, 1761.

31 p. ; 16°.

A16.

nei- tami o,i, rete (3) 1761 (A).

 

Legatura floscia (97 x× 75 x× 2) con coperta in carta; cucitura a catenella.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con una lieve ossidazione delle carte e rare macchie di varia natura; strappi lungo il dorso.

14 V-G-11

Divozione de’ cinque venerdì ad onore di S. Maria Maddalena De Pazzi vergine nobile fiorentina, religiosa carmelitana, in memoria de’ cinque favori più segnalati, che ella riceve da Dio.

In Catania : Stamperia del dot. Bisagni 1762.

131 p. ; 8°.

A-B8 C4, D8, E4, F8-I8, K2.

leu- ledi n-re quDo (3) 1762 (A); rom.

 

Mutilo delle cc. A3, A6, B1, B3, B7, B8); frontalino decorato a c. A2r e fregio a c. I8v; nella controguardia anteriore, precedente segnatura cassata II g 1.

Legatura semifloscia (140 ×x 95 ×x 12) con coperta in pergamena; piatti in cartone; capitelli semistrutturali con cucitura primaria e piedino anteriore, anima in pergamena arrotolata passante; cucitura su due catenelle. Carte di guardia anteriori mancanti, carte di guardia posteriori costituite da un bifolio, con controguardie incollate appieno.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con macchie brune di varia natura; le cc. A e A2 presentano una lacuna in corrispondenza del taglio davanti.

15 Misc-A-304-26

Corona in onore del Santissimo padre Benedetto da recitarsi ogni giorno da’ suoi divoti.

In Palermo : nella Stamperia de’ Ss. Apostoli in piazza Bologni presso D. Gaetano M. Bentivenga, 1777.

40 p. ; 8°.

A8, B12.

u-s. o-e- s.i- gnme (3) 1777 (R).

 

Antiporta con illustrazione calcografica con ritratto di san Benedetto; fregi e frontalini; iniziale decorata con raffigurazione di un paesaggio a c. A2r; tra le carte alcuni frammenti a stampa contenenti preghiere.

Legatura floscia di restauro (150 ×x 100 ×x 5) con coperta con carte sovrapposte in periodi differenti; cucitura a catenella e successivi rinforzi a sopraggitto.

L’esemplare si presenta in cattivo stato di conservazione, con ossidazione della carta, alcuni camminamenti di insetti xilofagi, macchie dovute all’infiltrazione di umidità e altre di varia natura. Nel corso degli anni l’esemplare è stato sottoposto a numerosi interventi di consolidamento della cucitura e della coperta.

16 V G 19

Le divote meditazioni di sant’Aurelio Agostino vescovo d’Ippona, e dottore della Chiesa con li soliloquj, manuale, ed affettuosi sospiri. Dal latino nuovamente in migliore stile tradotte.

In Venezia : presso Giovanni Antonio Pezzana, 1777.

312, XLVIII : ill. ; 12°.

A-P12.

tio, tec- j.e- Prri (3) 1777 (R).

 

Sul frontespizio stemma cardinalizio; alle cc. A2r, A5r, I3r iniziali con decorazioni a motivi fitomorfi; antiporta calcografica a c. A4v; alle cc. A1v e A2r prove di penna in inchiostro metallogallico; nota manoscritta sulla controguardia posteriore: Sambataro; sulla controguardia anteriore nota di possesso erasa e precedente segnatura cassata: IV g 19. Tra le pagine 162 e 163 un Rosario del cuore di Gesù (110 ×x 70), stampato su recto e verso, datato 1880.

Legatura rigida (136 ×x 72 x× 25) con coperta in mezza pergamena e carta marmorizzata; piatti in cartone; capitelli semistrutturali passanti, con cucitura primaria e anima in pergamena arrotolata; cucitura alternata su due nervi in spago; indorsatura in carta di recupero. Carte di guardia mancanti e controguardie incollate appieno.

L’esemplare si presenta in cattivo stato di conservazione, con macchie brune di varia natura; numerosi danni alla coperta causati dall’azione di insetti xilofagi.

17 Misc-A-303-16; V G 24

L’anima divota, che s’incamina per la via della perfezione, proposta in versetti alle spose di Gesù Cristo. Coll’aggiunta di altre divote formole per i s. esercizj, per la s. communione: come pure di alcuni ossequj alla divina madre, per impetrare il di lei potentissimo padrocinio.

In Catania : nelle stampe di D. Gioachimo Pulejo, 1778.

72 p. : 5 c. di tav. calc. ; 12°.

A-C12.

n-l- l.ra r.o, DaSi (3) 1778 (A).

 

1: L’esemplare è mutilo di quattro tavole calcografiche; alla c. A2r nota di possesso Di Maria Anna Russo figlia di Maria (s. XVIII/XIX); sul contropiatto anteriore, precedente segnatura IV g 34 (5).

Legatura floscia (128 x× 73 ×x 7) con coperta in carta decorata e rinforzo sul dorso con altra carta decorata; piatti in cartone; cucitura a catenella.

L’esemplare si presenta in cattive condizioni di conservazione, con camminamenti di insetti xilofagi e infiltrazioni di umidità; la coperta è lacerata in più punti.

 

2: Sul recto della prima tavola calcografica nota manoscritta in inchiostro: 1304 e sul verso nota manoscritta in inchiostro: Comunità (s. XVIII/XIX); note di possesso sul recto della prima tavola calcografica: Ad uso di suor Maria […] del Cuore di Gesù (cancellata), Graza Maletta e Grazia Maletta; nella stessa c. nota manoscritta in inchiostro: a maggio per l’anima di mio patre (s. XVIII) e precedente segnatura cancellata: IV g 21.

Legatura semifloscia (130 x× 71 x× 7) con coperta in carta decorata; cucitura a catenella.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con infiltrazioni d’umidità e macchie di varia natura.

18 V G 38

PATRIGNANI, Giuseppe Antonio

Prattica d’onorare il SS. Bambino Gesù rammemorando la sua natività il dì 25. di ciascun mese cavata dalla S. Infanzia del figliuol di Dio, proposta dal P. Giuseppe Antonio Patrignani con l’aggiunta d’altri divoti ossequi verso la detta S. Infanzia, ristampato da un divoto della S. famiglia in ossequio della medesima.

In Messina : per Giuseppe di Stefano, 1780.

374 p. ; 12°.

A-O12, Q6, π2.

tes- r.re n.o- dezi (3) 1780 (A).

 

Sulla controguardia anteriore nota manoscritta in inchiostro: Il Dio bambino miralo ingrato cuor ed apprende ad amare il Dio d’[amore] (s. XVIII/XIX); altra nota sulla controguardia posteriore D. […] Lodiamo Dio ad uso di Cecilia Sacchero sposa [] di Maria (s. XVIII/XIX); a c. A1v note di possesso: ad uso di Maria e ad uso di Maria Pulvirenti […] morte una […] e prove di penna (s. XVIII/XIX); tra le cc. una carta stampata: III mistero del Rosario (datata 1874) e un cartiglio con impresso Signum com. pasch. Catanae 1836 (47 x× 25); sulla controguardia anteriore precedente segnatura II G 92. Legatura rigida (144 x 70 ×x 25) con coperta in pergamena; titolo in inchiostro sul dorso; piatti in cartone; capitelli semistrutturali, con cucitura primaria e piedino anteriore, anima in pergamena arrotolata passante; cucitura su due nervi in spago; indorsatura in carta di recupero. Carte di guardia mancanti, controguardie incollate appieno.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con ossidazione delle carte e macchie di varia natura; lacuna sulla parte inferiore del frontespizio; coperta parzialmente staccata dal corpo delle carte.

19 V G 16

Esemplare composito

 

1: In festo apparitionis SS. imaginis nuncupate b. Mariae Virginis de bono consilio duplex majus omnia ut in festo S. Mariae ad nives praeter ea, quae sequuntur.

(Catanae : Typis Bisagni, 1783).

13 p. ; 8°.

A8.

r-is a.t. a.us deob (3) 1783 (A).

 

La c. A8 non è impressa.

Note manoscritte sul frontespizio: 1289 e, cassata: 1009.

 

2: Dominica II. Julii. Festum B.M.V. sub titulo SS. Providentiae duplex majus. Omn. ut in festo ad Niv. 5. Aug. praet. pp. ad Vesperas.

[S. l. : s.n., s. d.].

11 p. ; 8°.

A6.

3: Die XXII. Januarii in festo B.ae Eustochii virginis patronae dupl. majus.

(Catanae : typis D. Joachim Pulejo, 1787)

14 p. ; 8°.

A8.

uer, l-i- isi- Lela (3) 1787 (A).

 

4: Die XXVII. Januarii in festo S. Juliani E. cenomanensis, & C. titularis Ecclesiae, & Monasterii duo. I. cla. Cum oct.

[S. l. : s. n., s. d.]

8 p. ; 8°.

A4.

 

Esemplare privo della carta A1.

 

5: Die XIX. Februarii in festo S. Conradi Placentini confessoris patroni. Duplex majus omnia de communi confessoris non pontificis : praeter ea, quae sequuntur.

Catanae : typis Bisagni, 1781.

8 p. ; 8°.

A4.

i-a- o-n- aee, sto. (C) 1781 (A).

 

Legatura semifloscia (133 ×x 93 x× 6) con coperta in carta decorata; piatti in cartone; cucitura a catenella.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con macchie brune di varia natura; la cucitura non è funzionale e la coperta è quasi completamente staccata dal corpo delle carte. La carta della coperta è danneggiata a causa dell’attività di insetti xilofagi.

20 Misc-A-304-20

COLTRARO, Antonio Maria

Meditazioni ed esercizi di divozione nella novena del gran patriarca S. Benedetto per vantaggio spirituale delle religiose del di lui ordine dal sacerdote Antonio Maria Coltraro. Seconda edizione.

In Messina, [s. n.], 1782.

57 p. ; 12°.

A12, B6, C12.

molo a.te e!ro nama (3) 1782 (A).

 

Fregi, frontalini e finalini con decorazioni a motivi fitomorfi sul frontespizio e alle cc. A3v, A4r, C9v; sul frontespizio nota manoscritta: Per l’anima di [Ma.] Agatina recitate per carità de profundis (s. XVIII/XIX); sulla controguardia anteriore, precedente segnatura VI G 16 (1).

Legatura semifloscia (150 ×x 85 x 7) con coperta in carta; piatti in cartone; cucitura a catenella e successiva cucitura a sopraggitto. Carte di guardia mancanti; controguardie di epoca successiva incollate appieno.

L’esemplare si presenta in cattivo stato di conservazione, con ossidazione della carta, infiltrazioni di umidità e macchie di varia natura. La coperta è staccata quasi del tutto dal corpo delle carte; la cucitura non è funzionale.

21 Misc-A-303-14

Omaggio ossequioso all’immacolata signora, o sia stellario dell’istessa con altre divozioni.

In Catania : nelle Stampe di D. Gioacchino Pulejo, 1787.

28 p. ; 12°.

A12, π2 .

n.a- rara nale DiL’ (3) 1787 (A).

 

Legatura floscia (135 x 75 x× 2) in carta decorata; cucitura a catenella e ulteriore cucitura a sopraggitto.

L’esemplare si presenta in cattivo stato di conservazione, con macchie brune di varia natura e ossidazione diffusa delle carte; piatto anteriore mancante e dorso lacunoso; camminamenti di insetti xilofagi e lacerazioni sul piatto posteriore; il bifolio più esterno presenta strappi e lacune.

22 Misc-A-7-31

Divote preghiere da dirizzarsi alla Santa Vergine della provvidenza, che si venera nella Chiesa del Collegio di Maria di questa Città di Catania.

Catania : nelle stampe di D. Gioachimo Pulejo, 1788.

8 p. ; 16°.

[*]4.

a.a. a.a, a.a, viRi (C) 1788 (A).

 

Coperta mancante; cucitura a catenella.

L’esemplare si presenta in cattivo stato di conservazione con ossidazione della carta; il bifolio più esterno presenta strappi lungo il dorso e lacune ai margini; lacuna a p. 7 che interessa la parte superiore della carta; macchie brune di varia natura.

23 V-G-36

Esemplare composito.

 

1. Die XXII Januari in festo B. Eustochii virginis patronae duplex majus.

(Catanae : typis D. Joachim Pulejo, 1787).

14 p. ; 8°.

A8.

uer, l-i- isi- Lela (3) 1787 (A).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1090. Non impressa la c. A8.

 

2: Die XXVII Januarii in festo S. Juliani E. cenomanensis, & C. titularis ecclesiae, & monasterii.

[S.l : s. n, s. d.]

7 p. ; 8°.

A4.

 

A c. A1r nota manoscritta: 1091.

 

3: Die XIX. Februarii in festo S. Conradi Placentini confessoris patroni. Duplex majus omnia de communi confessoris non pontificis : praeter ea, quae sequuntur.

(Catanae : typis Bisagni, 1781).

8 p. ; 8°.

A4.

i-a- o-n- aee, sto. (C) 1781 (A).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1092.

 

4: Die XVI martii in festo B. Laurentii a Fanello monachi benedictini, eremitae, & confessoris duplex omnia de commun. Conf. non pontif. praeter sequentia.

(Catanae : typis doctoris Bisagni, 1781).

4 p. ; 8°

A2.

usn- e-r- I.r. ncam (C) 1781 (A).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1093.

 

5: Officium pretiosissimi sanguinis D. N. J. C. duplex majus recitandum prima fer. VI non impedita in quadragesima.

(Catanae : typis D. Joachim Puleji, 1784).

26 p. ; 8°

A16.

m.o. ,&us y-s, prfe (3) 1784 (R).

 

Le cc. A14, A15 e A16 non sono impresse; a c. A1r nota manoscritta: 1094.

 

6: Dominica II. Julii festum B. M. V. sub titulo SS. Providentiae duplex majus omnia ut in festo ad Niv. 5 aug. praet. pp.

[S.l. : s. n, s. d.].

12 p. ; 8°

A6.

reic m.is o-t. s.a. (C).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1095.

 

7: Die IV. Julii in festo B. tae Joannae M. Bonomi V. O. N. dupl. min.

(Catanae : typis D. Joachim Pulejo, 1787).

4 p. ; 8°

A2.

ute, t,i- o-s- utin (C) 1787 (A).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1096.

 

8: Die IX. augusti in festo S. Aemygdii episcopi, & martyris patroni Catanae ejusque dioec. duplex maj.

(Catanae : Typis D. Joachim Pulejo, 1792).

23 p. ; 8°.

A12.

s.as nsb- a-to fuIn (C) 1792 (A).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1097.

 

9. Die XIX. Augusti in festo S. Ludovici filii primogeniti Caroli II, Sicilae Regis Episcopi tolosani, et confessoris ordinis minor. S. Francisci duplex secundae classis pro utroque Clero Regnorum, utriusque Siciliae.

Catanae : Typis D. Joachim Pulejo, 1791.

6, [2] p. ; 8°.

A4.

d.t. o,t, s,ne n-r- (C) 1791 (A).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1098.

 

10: In festo apparitionis Ss. imaginis nuncupatae B. Mariae Virg. de bono consilio duplex majus. Omnia ut in Festo S. Mariae ad nives praeter ea, quae sequuntur.

(Catanae : Typis Bisagni, 1783).

14 p. ; 8°.

A8.

r-is a.t. a.us (3) 1783 (A).

 

La c. A8 non è impressa. A c. A1r nota manoscritta: 1099.

 

11: Officium puritatis B. M. V. Dupl. Majus. Officium ut ad Nives praet, pp.; quae sequuntur.

(Catanae : Typis D. Joachim Pulejo, 1784).

18 p. ; 8°.

A10.

a.t, e,us r-u- feca (3) 1784 (R).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1100.

 

12: Officium maternitatis B. M. V. dupl. majus officium ut ad Nives praet. pp.; quae sequuntur.

(Catanae : Typis D. Joachim Puleji, 1784).

18 p. ; 8°.

A10.

r-i- m,rò i-t, R.ho (3) 1784 (R).

 

La c. A10 non è impressa. A c. A1r nota manoscritta: 1101.

 

Legatura semifloscia (140 ×x 95 ×x 15) con coperta in carta decorata; cucitura su due nervi in spago passanti.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con fori e camminamenti dovuti all’azione di insetti xilofagi, macchie brune di varia natura che interessano l’intero corpo delle carte; la cucitura è allentata.

24

V-G-8

Esemplare composito

 

1: Die XXII. Januarii in festo B.ae Eustochii virginis patronae dupl. majus.

(Catanae : typis D. Joachim Pulejo, 1787)

14 p. ; 8°.

A8.

uer, l-i- isi- Lela (3) 1787 (A).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1267.

 

2: Die XXVII. Januarii in festo S. Juliani E. cenomanensis, & C. titularis Ecclesiae, & Monasterii duo. I. cla. Cum oct.

[S. l. : s. n., s. d.]

8 p. ; 8°.

A4.

 

A c. A1r nota manoscritta: 1268.

 

3: Officium pretiosissimi sanguinis D. N. J. C. duplex majus recitandum prima fer. VI non impedita in quadragesima.

(Catanae : typis D. Joachim Puleji, 1784).

26 p. ; 8°

A16.

m.o. ,&us y-s, prfe (3) 1784 (R).

 

Le cc. A14, A15, A16 non impresse; a c. A1r nota manoscritta: 1269.

 

4: Die XIX. Februarii in festo S. Conradi Placentini confessoris patroni. Duplex majus omnia de communi confessoris non pontificis : praeter ea, quae sequuntur.

(Catanae : typis Bisagni, 1781).

8 p. ; 8°.

A4.

i-a- o-n- aee, sto. (C) 1781 (A).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1270.

 

5: Noviter concessa pro aliquibus officiis passionis D. N. J. C.

Catanae : Typis D. Joachim Pulejo, 1798.

30, [2] p. ; 8°.

A16.

ulm, e-t. m.n- tiNd (3) 1798 (A).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1271.

 

6: Die XVI martii in festo B. Laurentii a Fanello monachi benedictini, eremitae, & confessoris duplex omnia de commun. Conf. non pontif. praeter sequentia.

(Catanae : Typis doctoris Bisagni, 1781).

4 p. ; 8°

A2.

usn- e-r- I.r. ncam (C) 1781 (A).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1272.

 

7: Dominica secunda post pascha S. Fracisci de Paula C. compatroni principalis totius Regni Siciliae.

(Catanae : in Palatio Illustrissimi Senatus, Typis Bisagni, 1782).

15, [1] p. ; 8°.

A8.

a.ge a.at m.li OrEx (3) 1782 (A).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1273.

8: In festo apparitionis SS. imaginis nuncupate b. Mariae Virginis de bono consilio duplex majus omnia ut in festo S. Mariae ad nives praeter ea, quae sequuntur.

(Catanae : Typis Bisagni, 1783).

13 p. ; 8°.

A8.

r-is a.t. a.us deob (3) 1783 (A).

 

La c. A8 non è impressa; a c. A1r nota manoscritta: 1274.

 

9. Die IV. Junii in festo B. Francisci Caracciolo confessoris, et Congregationis Cleric. Regular. Minor. Fundatoris duplex minus omnia de communi Confessor. non Pont. praeter ea, quae sequuntur.

(Catanae : Typis Doctoris Bisagni, 1779).

24 p. ; 8°.

A12.

c.e- e.m. s. meDa (3) 1779 (A).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1275.

 

10. Dominica II. Julii. Festum B. M. V. sub titulo SS. Providentiae duplex majus Omn. ut in Festo ad Niv. 5 Aug. praet. pp.

[S. l. : s. n., s. d.].

11 p. ; 8°.

A6.

 

A c. A1r nota manoscritta: 1276.

 

11: Die IX. augusti in festo S. Aemygdii episcopi, & martyris patroni Catanae ejusque dioec. duplex maj.

(Catanae : Typis D. Joachim Pulejo, 1792).

23 p. ; 8°.

A12.

s.as nsb- a-to fuIn (C) 1792 (A).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1277.

 

12: Die XVII. Augusti. In festo translationis S. Agathae V. M. duplex 2. Classis.

(Catanae : ex Typographia Doctoris Bisagni, 1780).

13 p. ; 8°.

A8.

fant m.m. s.t. pau. (3) 1780 (A); rom.

 

La c. A8 non è impressa; a c. A1r nota manoscritta: 1278.

 

13: Die XIX. Augusti in festo S. Ludovici filii primogeniti Caroli II, Sicilae Regis Episcopi tolosani, et confessoris ordinis minor. S. Francisci duplex secundae classis pro utroque Clero Regnorum, utriusque Siciliae.

Catanae : Typis D. Joachim Pulejo, 1791.

6, [2] p. ; 8°.

A4.

d.t. o,t, s,ne n-r- (C) 1791 (A).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1279.

 

14: Officium maternitatis B. M. V. dupl. majus officium ut ad Nives praet. pp.; quae sequuntur.

(Catanae : Typis D. Joachim Puleji, 1784).

18 p. ; 8°.

A10.

r-i- m,rò i-t, R.ho (3) 1784 (R).

 

A c. A1r nota manoscritta: 1280.

 

15: Officium puritatis B. M. V. Dupl. Majus. Officium ut ad Nives praet, pp.; quae sequuntur.

(Catanae : Typis D. Joachim Pulejo, 1784).

18 p. ; 8°.

A10.

a.t, e,us r-u- feca (3) 1784 (R).

A c. A1r note manoscritte: 1281 e un’altra rifilata e illeggibile. A seguire, frammento in carta, stampato: In festo B. Joannae M.a Bonomi viriginis.

 

Legatura rigida (145 ×x 95 x× 20) con coperta in mezza pelle e carta decorata; piatti in cartone; capitelli finti in tessuto; cucitura su due nervi in spago; tagli decorati a spruzzo (rosso). Carte di guardia costituite da un bifolio anteriore e uno posteriore, con controguardie incollate appieno.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con macchie di varia natura e un’ossidazione diffusa delle carte.

25 Misc-A-303-18

Preghiera da farsi a S. Marta vergine.

In Catania : nelle stampe del Pulejo, 1792.

24 p. ; 12°.

A12.

o,a- e.a. e.a. Pavi (3) 1792 (A).

 

Legatura floscia (123 ×x 70 x× 3) con coperta in carta decorata; piatti in cartone; cucitura a catenella.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con lieve ossidazione della carta; erosioni superficiali sulla coperta.

26 Misc-A-7-28

Divozione alle agonie del nostro redentore Gesù Cristo da praticarsi in perpetuo il Venerdì Santo nella ven. chiesa de’ chierici regolari minori. Sotto titolo di S. Michele Arcangelo.

In Catania : presso Francesco Pastore, 1796.

64 p. ; 12°.

A-B12, C10.

a-l’ core nola ajel (3) 1796 (A).

 

A c. Ir nota di possesso: P. S. D. Francesca (s. XVIII/XIX); a c. Iv precedente segnatura: IV G 35/1.

Legatura semifloscia (130 ×x 67 x× 5) con coperta in carta decorata a spruzzo; piatti in cartone; cucitura a catenella. Carte di guardia anteriori e posteriori costituite da un bifolio di epoca successiva, con controguardie incollate appieno.

L’esemplare si presenta in discrete condizioni di conservazione, con lacerazioni del dorso e lungo i tagli dovute all’azione di insetti xilofagi; diffusa ossidazione delle carte e macchie brune di varia natura.

Notes

1 Per la storia della Società si veda quanto già scritto nel terzo capitolo di questo volume.

2 Francesco Amato fu attivo tra il 1715 e il 1726 con opere di vario genere, testi dialettali, panegirici e libri di preghiera, tra cui anche l’edizione da noi censita (scheda 4); Stefano iniziò la sua attività nel 1727, dopo la morte di Francesco, di cui si suppone fosse il figlio. L’opac del polo regionale siciliano di SBN registra dodici edizioni di Francesco e oltre cinquanta di Stefano.

3 L’opac del polo regionale siciliano di SBN registra centouno occorrenze per Gaetano Maria Bentivenga (novantotto edizioni stampate a Palermo, in piazza Bologni o in piazze Vigliena, e tre impresse a Monreale) e poco meno di cento occorrenze per il padre Pietro (tutte edizioni impresse a Palermo).

4 Del tipografo Tomaso Pignataro, l’opac del polo regionale siciliano di SBN registra solo due occorrenze; si tratta de Il mese di luglio consagrato alle glorie di S. Ignazio fondatore della Compagnia di Giesù proposto a’ divoti del santo dal padre Domenico Stanislao Alberti della medesima Compagnia, stampato a Palermo nel 1707 (qui presente nella scheda 1 del catalogo) e del Riritramento spirituale d’un giorno per ciascun mese. Composto in francese dal padre Giovanni Croiset sacerdote della Compagnia di Giesù. Tradotto in italiano da un prete dell’Oratorio. Coll’aggiunta d’alcune altre divote orazioni per maggiore utlilità del prossimo ristampate in Roma dal conte d. Carlo Palazzi Mantovano, edizione, come riporta il frontespizio, stampata a Venezia, Bologna, Roma e Palermo da Tommaso Pignataro nel 1706.

5 Oltre cento sono le edizioni di Angelo Felicella registrate dall’opac del polo regionale siciliano di SBN, alcune delle quali stampate insieme a Antonio Gramignani e a Felice Lo Piccolo.

6 La stamperia del Bisagni a Catania risulta attiva per oltre un secolo, ma non si conosce ancora chi rilevò la tipografia alla morte del fondatore. L’opac del polo regionale siciliano di SBN registra una trentina di edizioni del Bisagni e altrettante del Puleio.

7 Puleio si onorò del titolo di impressore dell’Accademia degli Etnei; diede alle stampe officia sanctorum, oratori sacri, offici funebri e naturalmente libretti di preghiera. L’officina verrà poi rilevata dal figlio Francesco Maria, che assunse la gestione dell’officina a partire dal 1760.

8 Attivo anche a Siracusa e a Caltagirone, Trento iniziò la sua attività a Catania nel 1720, dedicandosi prevalentemente a edizioni di piccolo formato. Dal 1744 il tipografo divise la sua attività tra Catania e Caltagirone, diversificando la tipologia delle opere stampate e migliorandone la qualità editoriale. Di Simone Trento l’opac del polo regionale siciliano SBN registra dodici edizioni, la maggior parte delle quali brevi opere di argomento religioso, panegirici e orazioni funebri.

9 Una trentina circa sono le edizioni stampate da Francesco Pastore a Catania e registrate nell’opac del polo regionale siciliano di SBN.

10 La fondazione del monastero intitolato a Santa Chiara si deve al Barone di Oxina Antonio Paternò nel 1563. Nel febbraio del 1643 le monache acquistarono la «Tenuta dell’Acquicella» e lì vissero fino al terremoto del 1693. Morte tutte le religiose che vi abitavano, nel monastero si riunirono le monache superstiti provenienti dai monasteri di S. Maria di Monte Vergine e di S. Gerolamo: i beni e le rendite dei due monasteri furono aggregati. La tenuta dell’Acquicella rimase alle religiose di Santa Chiara fino alla soppressione degli ordini religiosi e il conseguente incameramento dei loro beni da parte dello stato.

11 Storica famiglia il cui capostipite, il Principe Roberto d’Embrun, della Casa Sovrana di Barcellona e Provenza, giunse in Sicilia nel 1060 al seguito del Re Ruggero d’Altavilla. Insigniti, nel corso dei secoli, di onori e titoli, i Paternò furono Vicerè, Vicari Generali del Regno, Cardinali, cavalieri, mecenati, intellettuali e illustri uomini politici.

12 Il monastero di San Benedetto fu fondato il 23 aprile 1334 dalla nobildonna Alemanna Lumello nel sito detto “Pozzo degli Albani”. Prima del terremoto del 1693, che provocò la morte di quasi tutte le religiose benedettine, il complesso monastico primeggiava fra tutti quelli catanesi per vastità e ricchezza nelle decorazioni e negli arredi. Dopo il terremoto, il monastero e la chiesa a esso annessa, vennero ricostruiti mantenendo la loro magnificenza e grandezza.

Auteurs

Dottoranda di ricerca in Studi sul patrimonio culturale presso il Dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università degli studi di Catania, attualmente è impegnata nel progetto di catalogazione Incunaboli a Catania, guidato da Marco Palma e Simona Inserra

Laureata in Lettere all’Università di Catania, con una tesi in Storia contemporanea, è iscritta al corso di laurea Magistrale in Storia dell’arte e Beni culturali. Vincitrice del terzo premio della quarta edizione del Premio letterario Luigi Pirandello, collabora con la casa editrice Splen Edizioni. Attualmente, nell’ambito di un tirocinio curriculare presso la Biblioteca della Società di storia patria per la Sicilia orientale, si sta occupando della catalogazione delle miscellanee del fondo antico

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search