Version classiqueVersion mobile

Per libri e per scritture

 | 
Simona Inserra

3. Segni d’uso nei libri del XVI secolo della Biblioteca della Società di storia patria per la Sicilia orientale

Francesca Aiello et Silvia Tripodi

Texte intégral

1. Introduzione

  • 1 La Società di Storia Patria per la Sicilia Orientale fu fondata il 15 marzo del 1903 grazie all’in (...)

1Nel corso del tempo, sin dalla sua fondazione nel 1904, l’Istituto catanese ha accresciuto il proprio patrimonio librario secondo un progetto che mirava a riunire, all’interno della propria biblioteca, la produzione editoriale legata alla storia e alla cultura della Sicilia, in particolar modo della parte orientale dell’isola1.

2Il fondo antico si è formato a partire dalla nascita della Società, all’inizio quindi del XX secolo, e consta oggi di circa seicento esemplari tra cinquecentine, edizioni del XVII e XVIII secolo e volumi dell’Ottocento.

  • 2 I fondi librari sono catalogati in due cataloghi cartacei a schede mobili. Le schede sono state pr (...)

3Catalogate negli anni in maniera sommaria, le edizioni antiche non sono mai confluite in un catalogo ad esse dedicato; presa visione, oggi, delle schede catalografiche cartacee inserite all’interno dei due cataloghi esistenti, quello per autore e titolo e quello per soggetto2, si è ritenuto necessario analizzare nuovamente gli esemplari e darne una descrizione quanto più accurata possibile; ciò anche nell’ottica di far emergere gli elementi di provenienza presenti al loro interno e monitorarne le condizioni di conservazione.

  • 3 Cfr., tra gli altri, Rossi M. (2001), Provenienze, cataloghi, esemplari: studi sulle raccolte libr (...)

4Nei cataloghi di libri antichi, tradizionalmente, si tende a porre attenzione alla descrizione dell’edizione, lasciando spesso in secondo piano le informazioni relative agli esemplari. È stata spesso evidenziata la necessità di inserire nelle schede di catalogo l’apparato di annotazioni e segni grafici (note di possesso, segni d’attenzione, sottolineature, maniculae e correzioni al testo, interventi di censura, ecc.) che testimoniano gli usi di ciascun esemplare come oggetto di studio e di lettura3.

5È utile anche individuare i dati relativi alle legature e allo stato di conservazione dei singoli esemplari e includerli nelle descrizioni; il confronto e l’analisi di tutti questi elementi permette di ricostruire e ripercorrere la storia dei singoli volumi e quella dei fondi librari.

  • 4 Cfr. http://data.cerl.org/mei/_search?lang=it.
  • 5 Si potrebbe parlare anche di testimonianze anonime, cioè di informazioni veicolate non solo dalle (...)
  • 6 Incunaboli a … è un progetto di catalogazione degli incunaboli coordinato da Marco Palma che preve (...)
  • 7 Cestelli K., Gonzo A., a cura di (2009), Provenienze: metofologia di rilevamento, descrizione e in (...)

6Nel nostro studio è stato un punto di riferimento il MEI (Material Evidence in Incunabula4), banca dati che censisce tutti i dati di provenienza desumibili anche, ma non solo, dalle note espresse presenti nei libri a stampa del XV secolo5. L’approccio che appartiene alla filosofia del MEI è stato qui applicato alla produzione editoriale del XVI secolo, scegliendo di riproporre e adattare il modello di catalogazione utilizzato nell’ambito del progetto Incunaboli a …6 coordinato da Marco Palma, integrandolo con le indicazioni del ‘Gruppo di lavoro sulle provenienze’ coordinato dalla Regione Toscana e dalla Provincia autonoma di Trento7.

7Questo approccio al libro antico ci porta a considerare ogni manufatto come un esemplare dotato di caratteristiche uniche che vanno ben al di là dell’edizione e del testo stampato e che, proprio perché uniche, devono essere registrate e rese note.

2. La collezione e le schede catalografiche

  • 8 Dondi C. (2009), “Incunaboli: fonti storiche”, L’Almanacco Bibliografico, 12: 1.

8La parte più antica della collezione è costituita da quattordici cinquecentine (dodici edizioni e quattordici esemplari) per le quali si propone, di seguito, una descrizione semplificata che contiene, oltre ai dati relativi all’edizione, le informazioni legate all’esemplare, consapevoli che non è più pensabile produrre un catalogo di una biblioteca senza prevedere l’analisi e l’inserimento dei dati materiali8.

9Gli interventi di lettura, le correzioni, le annotazioni che esulano dal contenuto (appunti o elementi strettamente personali) sono i dati rilevati e annotati con l’intenzione di fornire agli studiosi una serie di riferimenti che potranno consentire l’avvio di ulteriori ricerche. Sono state interamente trascritte le note di possesso riscontrate, il cui studio ha consentito adesso, e permetterà in seguito, di ampliare le conoscenze in merito ai profili dei possessori di questi libri; si identificano le personalità dei privati possessori che hanno semplicemente letto o hanno donato gli esemplari alla biblioteca lasciando traccia di questa azione all’interno dei manufatti. La legatura, anch’essa portatrice di segni, è stata accuratamente analizzata e nella maggioranza dei casi, come si vedrà, si tratta di legature storiche.

  • 9 I tre esemplari che fanno riferimento all’edizione descritta alla scheda 11 sono stati stampati da (...)
  • 10 Il tipografo Pietro Brera (scheda 12) fu attivo a Messina, dove gestì la sua impresa per circa cin (...)
  • 11 L’edizione stampata a Monreale (scheda 8) proviene dalla tipografia degli eredi di Giovan Matteo M (...)

10Le quattordici cinquecentine contengono edizioni di opere di carattere storico e religioso, di formati differenti e prevalentemente integre. In tre casi (cfr. schede 8, 11, 12) si tratta di edizioni siciliane stampate a Palermo9, Messina10 e Monreale11.

11La consultazione del registro d’inventario novecentesco della biblioteca ha permesso di venire a conoscenza dei tempi e delle modalità di acquisizione delle cinquecentine, tutte pervenute in dono a partire dal luglio del 1932.

12Le schede catalografiche qui presentate sono ordinate cronologicamente, dalla più antica alla più recente, e accompagnate dalla segnatura di collocazione. Si è scelto di suddividere le schede in due aree: la prima contiene la descrizione dell’edizione, secondo le indicazioni del Censimento delle Cinquecentine delle biblioteche italiane12; la seconda raccoglie invece le provenienze, la descrizione della legatura e dello stato di conservazione.

13La descrizione fisica prevede il rilevamento delle illustrazioni xilografiche o calcografiche; segue l’elenco dei segni grafici riscontrati all’interno delle carte: di ogni elemento si indica la segnatura della carta in cui si trova e il media grafico utilizzato. Le note di possesso, ove presenti, vengono trascritte integralmente, sciogliendo le abbreviazioni ed evidenziando le parti lacunose o illeggibili.

  • 13 Per la descrizione delle legature, cfr: Petrucci Nardelli F. (2009), Guida allo studio della legat (...)

14Nell’area dedicata alla legatura, si descrivono, sin dalla dimensione della coperta, le caratteristiche strutturali, la tipologia di cucitura riscontrata e le carte di guardia, indicando se si tratti di legatura storica o di restauro.13

15Per quanto concerne lo stato di conservazione, si descrivono le condizioni in cui versa ciascun manufatto, segnalando la tipologia di danni, la presenza di strappi, lacune e macchie di vario tipo.

  • 14 Balsamo L. (2003, p. 15-24), Libro postillato, libro usato in Barbieri E., Frasso G., a cura di, L (...)

16Come si è già scritto, molta attenzione è stata riservata alla descrizione delle note di possesso che caratterizzano ogni esemplare in maniera univoca e gli attribuiscono un «valore documentario ai fini della ricostruzione storica della raccolta libraria»14.

17Non è stato possibile trascrivere integralmente tutte le note e individuare i possessori a causa della presenza di abrasioni e cancellature volontarie. Si propongono qui quelle nelle quali è stata individuata con certezza la provenienza.

  • 15 Tommaso Tamburini (1591-1675), gesuita, fu docente di retorica e teologia nei Collegi di Caltaniss (...)

18Nel frontespizio dell’esemplare descritto nella scheda 6 si trovano le note di possesso di Fabrizio e Tommaso Tamburino, padre e figlio, originari di Caltanissetta, insieme a quella del Collegio dei Gesuiti di Caltanissetta15.

  • 16 Vincenzo Casagrandi (1847-1938) dimostrò una precoce propensione per gli studi umanistici che colt (...)
  • 17 Lo descrive così anche Evola, cit., p. 181.

19Tra note di possesso segnaliamo quella di Vincenzo Casagrandi16 (cfr. schede 9 e 12), presidente della Società, che acquistava e donava libri alla biblioteca per arricchirne la collezione con edizioni rare e di pregio. Tutti gli esemplari da lui donati, anche moderni, riportano sul frontespizio o nelle carte di guardia la sua firma, a volte accompagnata da alcune annotazioni riguardanti le modalità di reperimento del singolo volume; ciò si può riscontrare, per esempio nella scheda 12, nella quale si descrive un libro «importante e raro»17 e si appone la data del 31 dicembre 1913.

  • 18 Si tratta di una famiglia dalle origini forse napoletane o piacentine, che si radicò nel territori (...)

20Anche nell’esemplare descritto nella scheda 9 si trova la firma di Casagrandi, insieme al riferimento alla famiglia Caruso18, rappresentata dallo stemma e dal motto riprodotti in inchiostro metallogallico sulla controguardia anteriore.

  • 19 Gaglio fu docente di Procedura civile e commerciale presso l’Ateneo di Catania, socio della Societ (...)

21Un altro caso interessante è quello dell’esemplare descritto nella scheda 11, nel quale si trovano due note di possesso, di epoca differente: la prima che lo colloca a Palermo nel XVI/XVII secolo; la seconda di Attilio Gaglio19, socio del sodalizio catanese, che lo donò alla biblioteca nel 1948.

3. Catalogo

1 VI F 42

MAZZOLINI, Silvestro

Errata et argumenta Martini Luteris recitata, detecta, repulsa et copiosissime trita: per fratrem Silvestrum Prieriatem, magistrum Sacri Palatii.

(Rome : per Antonium Bladis de Asula impressus, die 27 Martii 1520).

[4], CCLXVIII, [12] c. ; 4°.

*4, A-Z8, Aa-Kk8, Ll4, AA10, †2.

u*si 18le dutu nuho (3) 1520 (T)

 

Frontespizio xilografato con stemma papale e cornici decorate; iniziali xilografate con decorazioni a motivi fitomorfi; note manoscritte in inchiostro metallogallico (s. XVI/XVII; cc. A2r-A7r, C6r, M1v, M4v, M6v, S1r, Gg8v); numerosi segni d’attenzione; nota di possesso abrasa sul frontespizio.

Legatura di restauro rigida (199 x× 138 x× 45) con coperta in pergamena; titolo impresso in inchiostro nero sul dorso; capitelli finti in tessuto bicolore (bianco e verde); cucitura su due nervi. Carte di guardia costituite da un bifolio anteriore e uno posteriore, aggiunte in fase di restauro, con controguardie incollate appieno; la c. I’ è di epoca precedente.

L’esemplare si presenta in discrete condizioni di conservazione, con lieve ossidazione della carta, macchie brune di varia natura, infiltrazioni di umidità, gravi lungo il taglio dell’ultimo fascicolo; asportazione di una parte della c. V1, strappi alla carta Ee4.

 

CNCE 23960.

2 VI F 38

PONTANO, Giovanni Gioviano

Ioannis Iouiani Pontani, Librorum omnium, quos soluta oratione composuit, tomus secundus cui insunt, De aspiratione, lib. 2. Item, Dialogi festiuissimi, diuersorum argumentorum, nempe Charon. Antonius. Actius. Aegidius. Asinus. De sermone, lib. 6. Belli, quod ferdinandus senior Neapolitanorum rex cum Ioanne Andegauiensium duce gessit, libri totidem.

Basileae : (per Andream Cratandrum, mense Martio), anno MDXXXVIII.

[8], 596 p. ; 4°.

a4, a-l4, A4 (- A1, A2), O-Z4, Aa-Zz4, AA-FF4.

67l- s.m. i-l- ruch (3) 1538 (R).

 

Marca tipografica sul verso dell’ultima carta.

Iniziali xilografate con decorazioni a motivi fitomorfi, zoomorfi, antropomorfi; note manoscritte in inchiostro metallogallico (s. XVI/XVII; cc. k4v, l2r, S3v, T2v, T4r, Nn1r; sulla coperta appunti relativi al testo con riferimento alle pagine); note di possesso, in inchiostro metallogallico, cancellate e sovrapposte, sul frontespizio: Ioannis, Ex libro […] 1646; alle cc. A4v, S3v-V4r il testo è cancellato utilizzando inchiostro metallogallico; mancanti i fascicoli da B a N; tracce di un timbro a inchiostro sul contropiatto anteriore.

Legatura floscia (208 x× 150 x× 25) con coperta in pergamena; tracce di due coppie di lacci in pelle allumata; autore e titolo in inchiostro sul dorso; capitelli semistrutturali passanti con cucitura primaria e anima in pelle allumata; cucitura su tre nervi in pelle allumata; indorsatura in carta di recupero.

L’esemplare si presenta in cattive condizioni di conservazione, con ossidazione delle carte, camminamenti di insetti xilofagi, macchie brune di varia natura; coperta quasi completamente staccata dal corpo delle carte; capitelli spezzati; strappo a c. Yy4; lacune sul frontespizio; precedente restauro a c. a2.

 

SBN Libro antico. IT\ICCU\VIAE\005930.

3 VII D 27

PLUTARCHUS

La seconda parte delle vite di Plutarco. Nuovamente da m. Lodouico Domenichi tradotte : co due tavole […].

In Vinegia : appresso Gabriel Giolito de’ Ferrari, 1560.

[6], 535, [100] p. ; 4°.

?4, a-z8, aa-kk8, ll4, aaa-eee8, fff10.

reem ril- n-r- po&n (3) 1560 (R).

 

Marca xilografata sul frontespizio (V363 - Z534 - A121: fenice su fiamme che si sprigionano da anfora recante le iniziali G.G.F. L’anfora poggia su un basamento ai cui lati siedono due leoni alati); un’altra sul frontespizio che introduce alle tavole e un’altra ancora sull’ultima carta.

Iniziali xilografate con decorazioni a motivi fitomorfi e antropomorfi su fondo bianco; fregi xilografati all’inizio e alla fine di ogni capitolo; nota manoscritta in inchiostro metallogallico (s. XVI/XVII) a c. l7r; segni d’attenzione alle cc. i3v, i4r e sottolineature, in blu, a c. dd2r; maniculae alle cc. b4, i4r; a c. Ir nota di possesso, in inchiostro metallogallico, Francesco Terr[…] (s. XVI/XVII); sul frontespizio nota cancellata con inchiostro metallogallico; precedente segnatura sul frontespizio: [C]-L-2.

Legatura di restauro rigida (218 x× 143 ×x 47) con coperta in pergamena; titolo impresso sul dorso in inchiostro nero; piatti in cartone; capitelli finti in tessuto bicolore (verde e bianco). Carte di guardia costituite da un bifolio anteriore e uno posteriore aggiunte in fase di restauro; le cc. I, I’ presumibilmente originali.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con infiltrazioni di umidità, tracce di microrganismi e macchie brune di varie natura; lacune alle cc. fff8-fff10, I’; restauri storici alle cc. fff8v, ff9v, fff10r-v.

 

CNCE 27349.

4 VI G 33

FACIO, Bartolomeo

Bartholomaei Facii et Io. Iouiani Pontani Rerum suo tempore gestarum libri sexdecim. Quos idcirco cum Guicciardino coniunximus, quia vbi Pontanus desinit, Guicciardinus suam historiam inchoauit.

Basileae : (excudebat Petrus Perna suis & Henrici Petri impensis, anno salutis), MDLXVII.

620, [100] p. ; 8°.

a-z8, A-T8.

uaam maf- ilti omde (3) 1567 (R).

Iniziali xilografate con decorazioni a motivi fitomorfi, zoomorfi e antropomorfi.

Nota manoscritta in inchiostro metallogallico sulla controguardia posteriore (s. XVII).

Legatura (168 ×x 120 ×x 45) con coperta in pergamena floscia; tracce di due coppie di lacci in pelle allumata; nome dell’autore in inchiostro sul dorso; capitelli semistrutturali passanti con anima in pelle allumata; cucitura su tre nervi in cuoio; indorsatura in carta di recupero. L’esemplare si presenta in cattive condizioni di conservazione con fori e camminamenti di insetti xilofagi; le carte si presentano fortemente ossidate e con macchie brune di varia natura; coperta quasi del tutto staccata dal corpo del libro e lacera lungo il dorso, capitelli spezzati.

 

SBN Libro antico. IT\ICCU\BVEE\016458.

5 VII C 33

PLUTARCHUS

Vite di Plutarco Cheroneo de gli huomini illustri greci et romani, nuouamente tradotte per m. Lodouico Domenichi et altri, et diligentemente confrontate co’ testi greci per m. Lionardo Ghini […]

In Vinegia : appresso Gabriel Giolito de’ Ferrari, 1567.

[88], 858, [4] c. ; 4°.

a4, A-K4, A-Z8, AA-ZZ8, AAA-GGG8, HHH6 (-HHH6).

++++ 8F4E a-e | -cpr (3) 1567 (R).

 

Marca xilografata sul frontespizio (V363 - Z534 - A121: fenice su fiamme che si sprigionano da anfora recante le iniziali G.G.F. L’anfora poggia su un basamento ai cui lati siedono due leoni alati).

Note manoscritte in inchiostro blu a c. II6r (s. XX); sottolineature in inchiostro blu alle cc. T1r-T2r, T3r, II6v, II8v, KK1r-v; segni d’attenzione in inchiostro blu alle cc. T2r-v, T4r, II6r e in inchiostro metallogallico a c. CC3r; correzione manoscritta della segnatura a c. KK3r; le prime due carte di guardia posteriori presentano un testo manoscritto che riproduce quello contenuto nelle carte stampate mancanti; alla fine di questa trascrizione si trova la nota Catania […] del 1809 […]; sul frontespizio note di possesso cancellate, di cui una parzialmente leggibile: Ex libris sac. […] (s. XVI/XVII).

Legatura di restauro (235 x 180 x 65) rigida con coperta in pergamena; piatti in cartone; tagli marmorizzata; capitelli finti bicolori (bianco e rosso) in tessuto; cucitura su tre nervi. Carte di guardia costituite da un bifolio anteriore e uno posteriore, aggiunte in fase di restauro, con controguardie incollate appieno; sono presenti anche altre due carte di guardia anteriori e sette posteriori, di epoca precedente rispetto alle altre.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con macchie brune di varia natura, ossidazione diffusa delle carte e restauri di epoca precedente nel primo fascicolo.

 

CNCE 26532.

6 II A 22

SICILIA <Regno>

Regni Siciliae capitula, nouissime accuratiori diligentia impressa. Quibus accesserunt alia capitula edita post annum MDXXV nunquam antea impressa, et eiusdem regni pandectae. Cum indice copiosissimo. Mandato illustr.mi et excell.mi principis Castriueterani, regni Siciliae praesidentis recognita, & in vnum redacta per illustrem don Raimundum Raimundettam, sacri regii consistorii praesidentem, legum doctorem celeberrimum.

Venetiis : ex officina Dominici Guerraei, & Io. Baptistae fratrum, 1573.

3 pt. : ill. ; 2°.

 

1: [8], 559, [1] p. ; 2°.

*4 (-*1), A-T8, V8 (-V6), X-2C8, 2D10, 2E8 (-2E8), 2F-2L8, 2M6.

i,en i.ri rer- mist (3) 1573 (R).

 

2: Pandectae reformatae, et de nouo factae, circa solutionem iurium officialium regni Siciliae. Et hac postrema editione a pluribus mendis, ac erroribus mira diligentia expurgatæ.

70, [2] p. ; 2°.

A-D8, E4.

m.i- asn- ins. DoVi (3) 1573 (R).

 

3: Index alphabeticus omnium capitulorum Regni Siciliae.

70, [2] p. ; 2°.

a-d6

00sa erio mean Exc. (C) 1573 (R).

 

Iniziali xilografiche con decorazioni a motivi fitomorfi, zoomorfi e antropomorfi su fondo bianco; illustrazioni e fregi xilografici presenti all’inizio di ogni capitolo della prima parte, fregi xilografici all’inizio della seconda e della terza parte; a c. *2r note manoscritte in inchiostro metallogallico di mani differenti, la prima con il nome del curatore Gio: Pietro Fin’amore e la seconda N 287; note di possesso, in inchiostro metallogallico, a c. *2r: Al p. Tomaso [...]; P. Tomaso Tamborino della Libraria del Collegio di Caltanissetta; Del f. Fabrizio Tamborino (s. XVII); segni d’attenzione alla c. I4; maniculae alle carte N8v, S8r; a c. *2r precedente segnatura A 4.

Legatura di restauro (322 ×x 218 x× 55) rigida con coperta in pergamena, realizzata dalla legatoria Salvatore Bertolo (Catania); sul dorso tassello in cuoio con titolo impresso in oro; capitelli finti in tessuto bicolore (bianco e rosso); cucitura su tre nervi. Carte di guardia costituite da un bifolio anteriore e uno posteriore, aggiunte in fase di restauro, con controguardie incollate appieno.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con fori e camminamenti di insetti xilofagi e macchie di varia natura; sono presenti interventi di consolidamento con carta adesiva sulle carte del primo fascicolo.

 

CNCE 36057.

7 VI E 29

FAZELLO, Tommaso

Le due deche dell’historia di Sicilia, del r.p.m. Tomaso Fazello, siciliano, dell’Ordine de’ predicatori, diuise in venti libri. Tradotte dal latino in lingua toscana dal p.m. Remigio Fiorentino, del medesimo Ordine. Nella prima deca, s’ha pienissima cognitione di tutti i luoghi della riuiera, e fra terra dell’isola. Nella seconda, si contien tutto quello ch’è seguito in Sicilia, da’ primi habitatori, per fino alla felicissima memoria di Carlo quinto imperatore. Con tre tauole. La prima de gli autori citati nell’Historia, la seconda de’ capitoli, e la terza, delle cose più notabili contenute in quella.

In Venetia : appresso Domenico, & Gio. Battista Guerra, fratelli, 1573.

[76], 919, [4] p. ; 4°.

[*]4 (-[*]1, -[*]2), a-i4, A-Z8, AA-ZZ8, AAA-LLL8, MMM4.

lafa 34O. oni. mene (3) 1573 (Q).

 

L’esemplare è mutilo del frontespizio e della prima carta della prefazione; il frontespizio è sostituito da una carta moderna su cui sono riportati, manoscritti, dati sommari e informazioni relative alle parti mancanti e il timbro della R. Deputazione di Storia Patria per la Sicilia, Sezione di Catania.

Frontalini xilografati, iniziali xilografate con decorazioni a motivi fitomorfi; note manoscritte in inchiostro metallogallico (s. XVII) alle cc. B2r, Q1r, Q8r, SS2r, SS3r-v, SS4v, SS5r-v, SS6r, XX7r, XX8r, ZZ8v); segni d’attenzione alle cc. E8r, F8v, Q8r, R6v, SS7v, CCC2v, CCC4r, CCC5r, CC8r, DDD3v, DDD4r, DDD6r; in lapis rosso alle cc. DDD6v, DDD7v, EEE2v, EEE3r-v, HHH3r, HHH5r-v, HHH7r-v, III2r, III4v, KKK7r, LLL3v, sottolineature alle cc. SS3r, XX7r, XX8r, CCC8r; in lapis rosso a c. HHH5r; maniculae a c. R6v; correzione manoscritta al testo stampato alla cc. ZZ8v, HHH7v; a c. G2v nota di possesso Joseph Vezani[…] (s. XVI/XVII), ripetuta a c. MMM4v: Ex libris Joseph Vezani[…] (s. XVI/XVII), dove ci sono anche prove di penna.

Legatura di restauro (222 x× 165 x 68) con coperta in tela e carta colorata (marrone); piatti in cartone; capitelli finti in tessuto bicolore (bianco e rosso); cucitura su tre nervi in spago. Carte di guardia costituite da un bifolio anteriore e uno posteriore con controguardie incollate appieno.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con foxing diffuso e macchie brune di varia natura; ossidazione della carta in corrispondenza delle note manoscritte, causata dall’azione dell’inchiostro metallogallico; restauro di epoca precedente a c. Y1; rinforzo con carta alle cc. SS2r, SS4v, MMM4; lacuna alla c. MMM4.

 

CNCE 18663.

8 V E 34

BENEDICTUS <santo>

Regola del santissimo padre Benedetto. Con le dichiarationi, & constitutioni dei padri Casinensi, tradotta in lingua uolgare et stampata d’ordine di monsignore don Luigi de Torres arciuescouo di Monreale. Con aggiunta d’alcune ordinationi fatte da sua Signoria, & d’altre cose per beneficio delle monache della sua diocese.

In Monreale : appresso gli heredi del Maida, 1582.

[32], 184 p. ; 4°.

?4, a-c4, A-F4 , G4 (-G4), H-Z4.

lapo 3.er reri raLp (3) 1582 (R).

 

Iniziali xilografate con decorazioni a motivi antropomorfi, fitomorfi e zoomorfi; numerose maniculae stampate; note di possesso cancellate sul frontespizio; precedente segnatura, cassata, sulla controguardia anteriore: VII I 24.

Legatura semifloscia (195 x× 150 ×x 13) con coperta in carta marmorizzata; piatti in cartone; cucitura su due nervi. L’esemplare si presenta in cattive condizioni di conservazione, con diffusa ossidazione delle carte, fori e camminamenti di insetti xilofagi, residui solidi di cera; il frontespizio presenta numerose lacune; sono presenti restauri di epoca precedente e rinforzi alla piega dei fascicoli.

 

CNCE 5232.

9 II G 50

MONTAIGNE, MICHEL EYCHEM : DE

Discorsi morali, politici, et militari; del molto illustre sig. Michiel di Montagna caualiere dell’Ordine del re christianissimo; gentil’huomo ordinario della sua Camera, primo magistrato & gouernatore di Bordeos. Tradotti dal sig. Girolamo Naselli dalla lingua francese nell’italiana. Con un discorso se il forastiero si deue admettere alla administratione della republica.

In Ferrara : per Benedetto Mamarello, 1590 (In Ferrara: appresso Benedetto Mammarello, 1590).

[4], 170, [2] c. ; 8°.

4, A-X8, Y4.

o-on e)l- ,&ne daEg (3) 1590 (R).

 

Sul frontespizio marca tipografica (V57 - Z952 - Q10: un pellicano nell’atto di squarciarsi il petto per nutrire i suoi piccoli, accompagnato dal motto Quid non cogit amor).

Frontalini xilografiati; iniziali xilografate con decorazioni a motivi fitomorfi alle cc. †2r, †3v A1r; numerosi segni d’attenzione e sottolineature in inchiostro metallogallico; note manoscritte in inchiostro metallogallico alle cc.: E7r, F3r, V6v; correzioni manoscritte al testo a stampa alle cc. B1r, D8r, E1r, F6v, G3r, G4r, G7v, H5r, H8v, I5v, L5v, K1r, K8r, M5r, N6r, N8v, O5v, O8r, R1v; nota di possesso, in inchiostro metallogallico, sul frontespizio in inchiostro metallogallico: [Lib. Carusa] (s. XVII/XVIII); nota di possesso in lapis a c. Y4v: Proprietà di V. Casagrandi (s. XX); altra nota in inchiostro metallogallico sulla controguardia anteriore, riproducente il motto Fideli [sic] usque ad mortem, affiancato allo stemma contenente un volto, nella parte superiore, e tre croci nella parte inferiore, appartenente alla famiglia Caruso.

Legatura floscia (147 x 95 ×x 22) con coperta in pergamena; titolo in inchiostro metallogallico sul dorso e sul taglio inferiore; capitelli semistrutturali passanti con supporto in pelle allumata; cucitura su due nervi in pelle allumata.

L’esemplare si presenta in cattivo stato di conservazione con foxing diffuso, fori e camminamenti di insetti xilofagi, macchie di varia natura; la coperta è quasi del tutto staccata dal corpo delle carte.

 

CNCE 35895.

10 V E 9

BENEDICTUS <santo>

Vita, e regola del padre santiss. Benedetto, tradotte, e di alcune notazioni illustrate dal p. abate don Silvano Razzi camaldolense. Aggiuntoui la descrizione del sacro eremo di Camaldoli, e due tauole: l’una delle cose più notabili nella vita di esso santo, e l’altra di quelle della regola.

In Fiorenza : per Filippo Giunti, 1593 (In Fiorenza: appresso Filippo Giunti, 1593).

[8], 312, [14] p. ; 4°.

[*]4, A-T8, V-X4, Y4 (- Y3).

70i. his- a-e, puSi (3) 1593 (R).

 

Marca tipografica sul frontespizio (ZS55: giglio fiorentino in cornice figurata; in basso l’iniziale F. all’interno di un’anfora):

Iniziali xilografate con decorazioni a motivi antropomorfi e zoomorfi alle cc. [*]2r, [*]3v, A1r, R7r, S2r; nota di possesso in inchiostro metallogallico sulla c. IIr: Per uso di Sor Maria Agatina Vigo, Moniale nel Ve[n]te Monistero di S. Giuliano in Catania (s. XVIII/XIX); a c. IIr-v altre due note manoscritte cancellate: Sora Giuseppa Margarita [Agliuzza] (s. XVIII/XIX); Sora Giuseppa Margarita (s. XVIII/XIX); un’altra nota di possesso cancellata sul frontespizio: […] di suor Francesca Benedetta (s. XVIII/XIX); precedente segnatura sulle Ir e IIr cc. di guardia: VII G 2.

Legatura floscia (215 x× 153 x× 25) con coperta in carta; cucitura su tre nervi.

L’esemplare si presenta in cattivo stato di conservazione con foxing diffuso, ossidazione della carta e camminamenti di insetti xilofagi. La prima carta di guardia presenta numerose lacune; restauri di epoca precedente nelle prime carte.

 

CNCE 5261.

11 I A 23; I A 28; II A 22

NEPITA, Cosimo

Cosmi Nepitae Siculi catinensis v. iuriconsulti eximii, iudicis M.R.C. & proprothonotarij regni, & de consilio suae catholicae maiestatis. In consuetudines clarissimae ciuitatis Catinae, ac totius fere Sicilie regni comentaria [sic], vna cum consuetudinibus priuilegio fori, ac almi studij eiusdem ciuitatis reformatione numquam impressis. Cunctis aduocatis, procuratoribus, ac notarijs pernecessaria, ac vtilia. Cum summarijs, & indice, tum rerum, tum verborum locupletissimis.

Panormi : apud Io. Franciscum Carraram, 1594.

[58], 382 p. ; 2°.

A2 (-A 1), a-g4, A-Z4, Aa-Zz4, Aaa-Bbb4.

a-n- i-22 87u. ptno (3) 1594 (Q)

 

1. L’esemplare è mutilo dell’ultimo fascicolo; il fascicolo Hh è cucito in modo irregolare; alcune iniziali xilografate con decorazioni a motivi fitomorfi; note manoscritte in inchiostro metallogallico (s. XVII; cc. C 2v, Hh2vb, Hh3vb, Hh4vb, Vv2rb), segni d’attenzione (cc. a4ra, b4rb, d1va-b, e1ra, f1vb, Ff3vb, Kk1va, Ll4va, Mm3rb-vb, Mm4rb, Nn1rb, NN4ra-b, Oo2va, Qq1va-b, Ss1vb, Vv2ra-b, Aaa3ra) e sottolineature (cc. NN1ra, NN4ra, Vv2ra-b); sulla controguardia anteriore nota manoscritta cancellata [doppione]; sul frontespizio note di possesso cancellata con inchiostro metallogallico; aggiunte in inchiostro metallogallico al ritratto di c. A1v.

Legatura rigida (291 x× 195 ×x 30) in mezza pelle e carta marmorizzata; autore, titolo e fregi impressio in oro sul dorso; piatti in cartone; capitelli finti in carta; cucitura su tre nervi.

L’esemplare si presenta in discreto stato di conservazione, con ossidazione della carta e macchie di varia natura; corrosione causata dall’inchiostro metallogallico a c. Q2 e uno strappo a c. Pp3; restauri di epoca precedente alle cc. M2-M3.

 

2. L’esemplare è mutilo del frontespizio; iniziali xilografate con decorazioni a motivi fitomorfi; segni d’attenzione (cc. D2vb, I2ra, I3rb-va, M1ra, P4va, Q1ra-b, T1ra, V3ra, X2va, X3rb, Z1ra, Z2va, Aa1va, Aa3rb, Bb3va, Mm3ra-b, Nn1ra, Oo1va) e sottolineature (cc. H4va, I2ra, Mm3ra); correzione manoscritta al testo a c. Mm3rb; note di possesso in inchiostro metallogallico: Ex libris [] D. Francisci Andreae Gatto Civitatis Pa[normi] (s. XVI/XVII) alla c. Ir.; in lapis dono del prof. Attilio Gaglio maggio 1948; nota di possesso parzialmente cancellata a c. A2r: Ex libris U.I.D. […]; altra nota cancellata alla c. Bbb4v.

Legatura semifloscia (295 ×x 200 x× 30) in pergamena; autore e titolo in inchiostro sul dorso; piatti in cartone; capitelli semistrutturali passanti in pelle allumata con piedino anteriore; cucitura su tre nervi.

L’esemplare si presenta in cattivo stato di conservazione, con tracce di umidità, foxing diffuso, danni da insetti xilofagi e macchie di varia natura; la coperta presenta lacune sui piatti.

 

3. L’esemplare è mutilo del frontespizio; le cc. Bbb2r e Bbb3v erroneamente numerate; iniziali xilografate con decorazioni a motivi fitomorfi; note manoscritte di mani differenti alle cc. C3va, I1ra, O2vb, S3va, Ff2ra, Pp1r, Qq4ra, Aaa3ra (s. XVI/XVII); nota manoscritta in inchiostro metallogallico a c. a1r: N 271; numerosi segni d’attenzione; sottolineature alle cc. H1vb, I1ra; prove di penna a c. L2va e sulle controguardie; note di possesso in inchiostro metallogallico: a c. a1r: Ex libris V. I. D. Caroli de Alessiis e un’altra nota cancellata; alle cc. Oo3v, Oo4r: D. Caroli Alessi Panormienses; alle cc. A3r, C4ra, I2ra, M4rb, Cc4vb, e cancellata a c. Bbb3vb: Ex libris V. I. D. Michaelis Marchesii (s. XVII/XVIII); altra nota di possesso cancellata all cc. T3rb, Ff4rb; timbro a inchiostro con l’indicazione Duplicato a c. a1r.

Legatura semifloscia (284 ×x 202 x× 32) con coperta in pergamena; autore e titolo in inchiostro sul dorso e sul piatto anteriore, con l’indicazione Dupplicato […]; piatti in cartone; capitelli semistrutturali con anima in cuoio passante; cucitura su tre nervi in cuoio passanti. Carte di guardia mancanti, controguardie incollate appieno. L’esemplare si presenta in cattivo stato di conservazione, con infiltrazioni di umidità, fori di insetti xilofagi e macchie brune di varia natura; la cucitura è allentata e i capitelli sono spezzati; precedente rinforzo alla piega della prima e ultima carta; la coperta è lacunosa e parzialmente staccata dal corpo delle carte.

 

CNCE 23796.

12 II G 42

BOLANI, Lorenzo

Opus logicum Laurentii Bolani Siculi Catinensis philosophiae, ac medicinae professoris candidissimi, nec non in almo studio vrbis Catinae lectoris celeberrimi. In quo scientias cum callentibus, tum adepturis necessaria duntaxat, ex Aristotelis vberrimo fonte recepta breuiter, ac peripatetice traduntur.

Messanae : excudebat Petrus Brea, 1597.

[8], 83, [9] c. ; 8°.

a8, A-K8, L12.

uied s.us lea- dadu (3) 1597 (R).

 

Iniziali xilografate con decorazioni a motivi fitomorfi e antropomorfi; sulla controguardia anteriore, nota manoscritta datata […] 3 giu. 10: Lorenzo Bolano fu medico e filosofo, nacque in Catania, esisteva di lui prima del tremoto del 1693 un Chronicon urbis Catinae. Parro e Mongitore lo rammentano. Il Carrera nelle memorie storiche di Catania e il Grossi nel Decacordo stampato dal Vander in Olanda trascrissero alcuni pezzi di questo manoscritto ora perduto. E ora Mario Musmeci dicendo morto il Bolano in Catania nel 1588, quando con la presente opera è provato vivente verso al 1595 in cui la dedicava e nel 1597 la pubblicava. Vedi Musmeci = Sopra uno rudere scoperto di Catania, ivi 1819, pag: XXIX in nota. A c. Ir nota manoscritta di mano differente rispetto alla precedente: Libro raro, invano cercato dall’Evola, Storia tipografica Sic. del secolo XVI. Non esistente nelle altre biblioteche di Sicilia. 31 dicembre 1913, V. Casagrandi; a c. Ir altra nota manoscritta: dono alla B. S. S. P.; nota di possesso sul frontespizio: Pertinet ad locum Sancti Bonaventurae Venetiarum; precedenti segnature: […] 60 sulla controguardia anteriore, I-1-196 cassata a c. Ir.

Legatura floscia (152 ×x 102 ×x 10) con coperta in carta; tagli decorati a spruzzo (rosso e blu); capitelli semistrutturali; cucitura su due fettucce di pelle allumata.

L’esemplare si presenta in discrete condizioni di conservazione, con fori e camminamenti di insetti xilofagi e macchie di varia natura.

 

CNCE 6631.

Notes

1 La Società di Storia Patria per la Sicilia Orientale fu fondata il 15 marzo del 1903 grazie all’iniziativa di Vincenzo Casagrandi e di altri eruditi locali, con lo scopo di promuovere la cultura storica e artistica legata al territorio della Sicilia orientale. Sin dalla sua nascita la Società iniziò a costituire un fondo librario legato alla vocazione specifica dell’istituzione; nel 1919 era già presente una collezione di 2000 volumi a stampa, 4000 opuscoli e alcuni manoscritti, donati dai soci.

2 I fondi librari sono catalogati in due cataloghi cartacei a schede mobili. Le schede sono state predisposte dai bibliotecari che, a titolo volontario, si sono occupati della gestione della biblioteca sin dal suo nascere. Dal 2005 il catalogo cartaceo non è più implementato e i documenti della biblioteca sono catalogati all’interno della banca dati del Sistema bibliotecario dell’Università di Catania (cfr. la maschera di ricerca alla URL: <https://catalogo.unict.it/>. mentre, contestualmente, si procede alla retroconversione del cartaceo.

3 Cfr., tra gli altri, Rossi M. (2001), Provenienze, cataloghi, esemplari: studi sulle raccolte librarie antiche, Vecchiarelli, Manziana (Roma) e Razzolini C., (2012), I segni di provenienza, in Razzolini, C., Di Renzo, E., Zanella, I., Gli incunaboli della Biblioteca Provinciale dei frati minori di Firenze, Pacini - Regione Toscana, Pisa - Firenze.

4 Cfr. http://data.cerl.org/mei/_search?lang=it.

5 Si potrebbe parlare anche di testimonianze anonime, cioè di informazioni veicolate non solo dalle note di possesso, ma anche dai timbri, dalle segnature di collocazione, dalle legature, dalle indicazioni riportate sui dorsi o sui tagli. Cfr. Rossi M., (2001), Provenienze.

6 Incunaboli a … è un progetto di catalogazione degli incunaboli coordinato da Marco Palma che prevede la catalogazione degli incunaboli in quanto esemplari e non solo come edizioni approntate dai prototipografi; per questo motivo i catalogatori utilizzano, come norme catalografiche, De Robertis T., Giovè Marchioli N., Miriello R., Palma M., Zamponi S., a cura di (2007), Norme per i collaboratori dei manoscritti datati d’Italia, CLEUP, Padova. Ad oggi il progetto ha al suo attivo la pubblicazione di due cataloghi: Catalano C., Giordano R. C., Palma M., Scala A., Scialabba M., Terranova S., Tripoli, R. (2015), Incunaboli a Siracusa, Viella, Roma e Aiello F., Di Mauro C., Formica M., Inserra S., Marullo I., Palma M., Saraniti R. (2018), Incunaboli a Catania I: Le Biblioteche Riunite “Civica e A. Ursino Recupero”, Viella, Roma. Sono in corso di preparazione i cataloghi degli incunaboli di Cagliari, Cesena e Ragusa.

7 Cestelli K., Gonzo A., a cura di (2009), Provenienze: metofologia di rilevamento, descrizione e indicizzazione per il materiale bibliografico. Documento elaborato dal Gruppo di lavoro sulle provenienza coordinato dalla Regione Toscana e dalla Provincia autonoma di Trento, [Trento], Provincia autonoma di Trento, Soprintendenza per i beni librari e archivistici; Firenze: Regione Toscana, Giunta Regionale.

8 Dondi C. (2009), “Incunaboli: fonti storiche”, L’Almanacco Bibliografico, 12: 1.

9 I tre esemplari che fanno riferimento all’edizione descritta alla scheda 11 sono stati stampati da Francesco Carrara, attivo nella seconda metà del Cinquecento a Palermo; il suo nome appare per la prima volta, insieme a quello del tipografo Giovanni Matteo Mayda, in un colophon del 1558; dopo alcuni anni di silenzio, il suo nome riappare nel 1583. Cfr. Evola F. (1878), Storia tipografico-letteraria del secolo XVI in Sicilia, Palermo, Lao; Oliva G. (1911), “L’arte della stampa in Sicilia nei secoli XV e XVI”, Archivio storico per la Sicilia orientale, 7, I-III: 391-394; Resta G. (1992), La stampa in Sicilia nel Cinquecento, in Santoro M., a cura di (1992), La stampa in Italia nel Cinquecento. Atti del Convegno, Roma, 17-21 ottobre 1989, Roma, Bulzoni; Ascarelli F., Menato M. (1989), La tipografia del Cinquecento in Italia, Firenze, Olschki.

10 Il tipografo Pietro Brera (scheda 12) fu attivo a Messina, dove gestì la sua impresa per circa cinquant’anni.

11 L’edizione stampata a Monreale (scheda 8) proviene dalla tipografia degli eredi di Giovan Matteo Mayda, il quale sembrerebbe aver avviato la propria attività tipografica a Palermo nel 1522; lavorò insieme a Francesco Carrara tra il 1558 e il 1560. Gli eredi lavorarono sino al 1583, quando poi l’attività venne definitivamente ceduta al Carrara. Cfr. Evola F., cit.; Resta, cit., Ascarelli - Menato, cit.

12 Cfr. EDIT16:< http://edit16.iccu.sbn.it/web_iccu/imain.htm>.

13 Per la descrizione delle legature, cfr: Petrucci Nardelli F. (2009), Guida allo studio della legatura libraria, Milano, Sylvestre Bonnard, 2009; Quilici P. (1992), Storia e tipologia della legatura italiana: dalle origini al secolo XVIII, Roma, L’Officina tipografica; Foot M. M. M. (2000), La legatura come specchio della società, Milano, Sylvestre Bonnard; Federici C. (1993), La legatura medievale. Roma - Milano, Istituto centrale per la patologia del libro - Ed. Bibliografica.

14 Balsamo L. (2003, p. 15-24), Libro postillato, libro usato in Barbieri E., Frasso G., a cura di, Libri a stampa postillati. Atti del Colloquio Internazionale, Milano, 3-5 maggio 2001, C.U.S.L., Milano.

15 Tommaso Tamburini (1591-1675), gesuita, fu docente di retorica e teologia nei Collegi di Caltanissetta, Palermo e Messina; noto anche come censore nel Senato dell’Inquisizione; contribuì con rendite annue all’accrescimento del patrimonio librario del Collegio dei Gesuiti di Caltanissetta, fondato nel 1589 per volere della famiglia Moncada. Cfr. Punturo B. (1975, p. 169-175), Cenni biografici di alcuni illustri cittadini caltanissettesi, Forni, Bologna.

16 Vincenzo Casagrandi (1847-1938) dimostrò una precoce propensione per gli studi umanistici che coltivò fin da giovane. Nel 1888 iniziò a insegnare Storia antica presso l’Ateneo di Catania. L’oggetto principale dei suoi studi fu la storia antica dell’isola e dei monumenti e istituti più importanti della città di Catania. Crf. Libertini G. (1938), “Rievocazione di Vincenzo Casagrandi, Bollettino storico catanese, III, I: 5-32.

17 Lo descrive così anche Evola, cit., p. 181.

18 Si tratta di una famiglia dalle origini forse napoletane o piacentine, che si radicò nel territorio catanese e confluì nel ramo nobiliare degli Statella.

19 Gaglio fu docente di Procedura civile e commerciale presso l’Ateneo di Catania, socio della Società dal 1925. Cfr. “Atti della Società(1925), Archivio storico per la Sicilia orientale, 21, III: 324.

Auteurs

Dottoranda di ricerca in Studi sul patrimonio culturale presso il Dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università degli studi di Catania, attualmente è impegnata nel progetto di catalogazione Incunaboli a Catania, guidato da Marco Palma e Simona Inserra

Ha conseguito la laurea in Beni Culturali presso l’Università di Catania e la laurea magistrale con lode in Scienze del libro e del documento presso l’Università di Bologna - Campus di Ravenna. Ha svolto un tirocinio curriculare presso l’ICCU, Area per la bibliografia, la catalogazione e il censimento del libro antico, occupandosi dello spoglio del repertorio di A. Serra Zanetti e dell’inserimento dei dati nel gestionale EDIT 16. Partecipa al progetto Incunaboli a Catania, guidato da Marco Palma e Simona Inserra

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search