Version classiqueVersion mobile

Per libri e per scritture

 | 
Simona Inserra

1. Per una storia della biblioteca del Seminario Arcivescovile di Salerno e del suo patrimonio librario

Rosa Parlavecchia

Texte intégral

  • 1 Si ringrazia don Alessandro Gallotti, direttore della Biblioteca diocesana di Salerno, per aver per (...)

1La Biblioteca diocesana di Salerno venne istituita formalmente nel 1976, anno in cui, a seguito della chiusura del Pontificio Seminario Regionale Pio XI1, la Santa Sede fece dono dell’intera biblioteca seminariale all’arcidiocesi di Salerno.

  • 2 A proposito della Biblioteca arcivescovile, Guerriera Guerrieri scriveva: «[…] possiede c. 3000 vo (...)
  • 3 Cfr. Giustiniani V. (1996), “Origine e sviluppo della Biblioteca Diocesana di Salerno”, Bollettino (...)

2Grazie all’intercessione di mons. Guerino Grimaldi l’ingente patrimonio librario del Pontificio Seminario Regionale - circa 50000 volumi - fu aggregato a quello della Biblioteca arcivescovile di Salerno e sistemato presso l’attuale sede nel Palazzo di Largo Plebiscito2 sotto la denominazione di “Biblioteca diocesana”3.

  • 4 Pallavicino P. M. S. (1664, p. 540), Istoria del Concilio di Trento, Biagio Diversin e Felice Cesa (...)
  • 5 Sacrosancti et Oecumenici Concilii Tridentini (1854, p. 22.), ex Typis Tasso, Napoli, p. 293; cfr. (...)

3La nascita della Biblioteca del Seminario arcivescovile è senza dubbio contestuale alla fondazione del Seminario avvenuta subito dopo il Concilio di Trento. Nelle Congregazioni della XXIII sessione del 15 luglio 1563 «[…] fu comprovata l’istituzione de’ Seminari: arrivando molti a dire, che ove altro bene non si fosse tratto dal presente Concilio, questo solo ricompensava tutte le fatiche, e tutti i disturbi […]»4. Con il decreto De Reformatione si stabiliva in tutte le diocesi la Forma erigendi Seminarium clericorum5 al fine di educare ed indottrinare i giovani e futuri Ministri della Chiesa Riformata.

  • 6 La Biblioteca agostiniana di San Giovanni in Carbonara a Napoli deve a lui la sua notorietà. Serip (...)

4Le disposizioni stabilite durante il Concilio non furono immediatamente attuate a Salerno a causa della sede vacante dopo la morte - avvenuta a Trento il 17 marzo 1563 - dell’arcivescovo cardinale Girolamo Seripando6.

  • 7 Cfr. Crisci G. (2001, p. 22), Salerno Sacra, cit.
  • 8 Capone A. (1993, p. 10), Il Seminario di Salerno dalle sue origini ai nostri giorni (1565-1932), T (...)

5Il suo successore, Gaspare Cervantes, trasferitosi da Messina il primo marzo 1564, si impegnò immediatamente nella creazione e costruzione del Seminario7, accogliendo otto chierici della città, per il cui mantenimento donò mille carlini d’argento con una bolla datata 30 dicembre 15678.

  • 9 Constitutiones editae, a M. Antonio Marsilio Columna Archiepiscopo Salernitano in Diocesana Synodo(...)

6Pochi anni più tardi l’arcivescovo Marcantonio Marsilio Colonna, durante il Sinodo diocesano tenutosi nel maggio 1579, stilò un regolamento in quarantasette capitoli, De Seminario, et Collegio accolythorum, consultabile all’interno delle Constitutiones stampate a Napoli per i tipi di Orazio Salviani nel 1580; furono stabilite le materie di studio che, oltre alle “umane lettere”, comprendevano la teologia e la filosofia, la grammatica e la musica, il computo ecclesiastico, i riti e le cerimonie della Chiesa9.

  • 10 L’obiettivo del gesuita era quello di difendere la dottrina cattolica incentivando una veicolata f (...)

7È proprio in questi anni che la biblioteca muove i suoi primi passi. La crisi vissuta a causa della riforma luterana costrinse il clero a una seria formazione intellettuale e le biblioteche religiose si adeguarono allo spirito della Controriforma, attrezzandosi con le opere che maggiormente rispettavano i dettami della Chiesa cattolica, così come proposto dal padre gesuita Antonio Possevino che, nella sua Bibliotheca selecta, si era schierato in prima linea nella battaglia teologica e apologetica contro il protestantesimo10.

  • 11 Balducci A. (1962) “Il Seminario Arcivescovile di Salerno”, Rassegna Storica Salernitana, XXIII, 1 (...)
  • 12 Crisci G. (1980, p. 621), Il cammino della Chiesa Salernitana nell’opera dei suoi Vescovi, Libreri (...)

8L’arcivescovo Marsilio Colonna stabilendo l’acquisto di alcuni libri qui perpetuo maneant in un apposito ambiente, dispose che predicti libri asserventur in cubicolo separato, et a nemine dimoveantur ut quisque in eis studere possit11. In questo modo non solo offrì la possibilità ai giovani chierici di approfondire i propri studi attraverso la consultazione di testi a stampa in un luogo adatto, ma garantì agli stessi un notevole risparmio economico12.

  • 13 Cilento N. (1966, p. 81 e 98), Italia Meridionale Longobarda, R. Ricciardi, Napoli-Milano.

9La figura di Marsilio Colonna è senza dubbio quella di un uomo di cultura, attento mecenate e bibliofilo; disponeva, all’interno del Palazzo Arcivescovile, di una biblioteca personale ricca di manoscritti, documenti pergamenacei e libri a stampa - circa 3000 volumi - che fu donata al cugino cardinale Ascanio Colonna e quindi trasferita a Roma. Una copia dell’inventario dei suoi libri fu rinvenuto da Nicola Cilento nel Fondo Ottoboniano latino della Biblioteca Apostolica Vaticana13:

  • 14 BAV, Ott. lat., 757, cc. 101r-139v. Il testo è riportato anche in Idem, p. 81 e in Crisci G. (1980 (...)

Inventario delli libri del studio de la bona memoria del arcivescovo di Salerno, lasciato all’illustrissimo e reverendissimo cardinale signor Ascanio Colonna, quali consignano al sig. Marsilio de Angelis suo procuratore dal R. P. frà Bartolomeo da Castiglione, maestro di casa di detto arcivescovo di buona memoria; a questo dì 17 febbraio 1590 nel Palazzo arcivescovile di Salerno14.

10L’elenco riporta in modo approssimativo sia i titoli dei libri - senza alcuna annotazione tipografica - sia i nomi degli autori, impedendo così una precisa individuazione delle edizioni. L’unica informazione certa riguarda il numero dei volumi di ciascun’opera riportato con precisione al lato.

  • 15 Trissino G. G. (1547), La Italia liberata da Gotthi, Valerio e Luigi Dorico, Roma.

11Tra gli autori presenti nella biblioteca del Colonna vi sono quelli classici, sia latini che greci, come Cicerone, Lucano, Orazio, Ovidio, Plino, Seneca, Terenzio, Virgilio, Filostrato, Isocrate, Plutarco, Senofonte; i padri della Chiesa, tra cui s. Agostino e s. Tommaso; Dante e Petrarca; diversi testi e grammatiche in lingua ebraica; opere in lingua spagnola; ma anche testi di teologia e diritto, sia canonico che civile; diversi sinodi diocesani; e una notevole quantità di testi a carattere storico come La Italia liberata da Gotthi di Gian Giorgio Trissino, presumibilmente nell’edizione romana del 154715.

  • 16 Cfr. Crisci G. (1980, p. 638), Il cammino della Chiesa Salernitana, cit.
  • 17 Sulla sua attività di vescovo a Salerno cfr. Crisci G. (1980, p. 585-598), Il cammino della Chiesa (...)
  • 18 Marcoantonio Colonna fu incaricato da Pio V di partecipare a una commissione di sei cardinali, al (...)

12Come la copia di questo inventario sia finito in Biblioteca Vaticana è presto detto. Il trasferimento a Roma dei volumi del vescovo Marsilio Colonna rappresentò una grave perdita per la diocesi salernitana, tanto che i canonici se ne lamentarono con una lettera16 diretta al suo predecessore nonché cugino, Marcantonio Colonna17. Quest’ultimo, dopo aver ceduto l’arcivescovato, venne nominato cardinale da papa Sisto V nel 1587 e il 14 febbraio 1591 divenne bibliotecario della Biblioteca Vaticana, nomina che mantenne fino al 1597, anno in cui gli successe Cesare Baronio18. Alla lettera Marcoantonio Colonna rispose così:

[…] Ho visto quanto le SS. VV. mi scrivono, et mi è dispiaciuto assai il modo che ha tenuto D. Marsilio (de Angelis) il levar li libri che erano di mons. Bo. Me. Con far tanto danno alla casa dello arcivescovo e mi dispiace ancho non esser’a tempo di potervi rimediar. Con tutto ciò li scrivo molto riservatamente che se non gioverà per altro, li gioverà almeno per farlo accorgere dell’errore ch’ha fatto, ch’io in tanto non ho mancato far saper il tutto al sig. card. Ascanio […] Da Roma, lì 9 maggio 1590 […]

  • 19 Ibidem. Cfr. ADS, Capitolo Metropolitano, Lettere al Capitolo, b. 302, c. 8r.

Il Card. Colonna19

  • 20 BAV, Vat. lat. 6180, c. 28; 6194, cc. 184, 216.
  • 21 Nel 1698 l’abate Carlo Bartolomeo Piazza nel suo ΕΥΣΕΒΟΛΟΓΙΟΝ – pubblicato a Roma come seconda imp (...)
  • 22 Parte della biblioteca di Cristina di Svezia verrà acquisita da Ottoboni. Il primo nucleo della bi (...)
  • 23 Cfr. Rosa M. (1990, p. 187), I depositi del sapere: biblioteche, accademie, archivi, in Rossi P., (...)
  • 24 Cfr. D’Aiuto F. e Vian P., a cura di (2011), Guida ai fondi manoscritti, numismatici, a stampa del (...)
  • 25 BAV, Ott. lat., 757, c. 1r

13La raccolta, infatti, giunse a Roma dove fu incamerata da Ascanio Colonna che aveva già acquistato, nel 1588, la biblioteca del cardinale Guglielmo da Sirleto, composta da circa settemila volumi tra manoscritti e stampati greci e latini, oltre ad alcuni ebraici, arabi, armeni20. Morto Ascanio, la biblioteca fu venduta, nel 1611, al duca Giovanni Angelo Altemps i cui eredi cedettero alcuni manoscritti21 al cardinale Pietro Ottoboni22, poi papa Alessandro VIII23, e furono acquistati nel 1748 da papa Benedetto XIV per la Biblioteca Vaticana dove costituiscono il “Fondo Ottoboniano”24. Sulla prima carta del ms. Ott. lat. 757 contenente l’inventario di Marcoantonio Marsilio Colonna, infatti, è riportato ex codicibus Joannis Angeli Ducis ab Altemps25.

14Questo dato risulta significativo per comprendere alcune caratteristiche del collezionismo librario tra Cinquecento e Seicento. Attraverso la consultazione di cataloghi di biblioteca e di inventari è possibile, infatti, cogliere i ‘saperi’ di una parte della cultura italiana e i testi utilizzati da alcune élites intellettuali per la propria formazione, contestualizzando questo fenomeno nel più ampio scenario della circolazione del libro in età moderna.

  • 26 Cfr. Crisci G. (2001, p. 23), Salerno Sacra, cit.

15Col passare del tempo però il Seminario continuò a crescere grazie all’aumento del numero dei seminaristi, già registrato a partire dal 1584, per cui fu necessario da parte del cardinale Lucio Sanseverino disporre la ristrutturazione l’edificio nel 161326. Fu durante il Sinodo diocesano del 1653 che il cardinale arcivescovo Fabrizio Savelli impose ufficialmente l’aumento del numero degli alumni poiché il suo obiettivo era quello di avere un maggior numero di sacerdoti. Oltre ai seminaristi che erano mantenuti a spese dell’Istituto, vi erano i convittori per i quali l’arcivescovo dispose norme diverse in merito agli abiti, al vitto e agli studi.

16Ma anche il patrimonio bibliografico della biblioteca del Seminario aumentò, soprattutto grazie ad alcune donazioni testamentarie da parte di arcivescovi salernitani.

  • 27 Sulla figura di Bonaventura Poerio cfr. Crisci G. (1980, p. 195-235), Il cammino della Chiesa Sale (...)
  • 28 I lavori furono commissionari all’architetto romano Carlo Buratti nel 1698. Cfr. Pezone M. G. (200 (...)
  • 29 Nella relazione ad limina riportata da Poerio il 1 maggio 1720, la situazione dell’archivio dioces (...)

17Risale al 1722 il lascito di mons. Bonaventura Poerio27, importante figura per la storia della diocesi salernitana, ricordato in particolare per i lavori di ristrutturazione della Cattedrale di s. Matteo28 e per quelli di sistemazione dell’Archivio diocesano29.

18A proposito della sua biblioteca, gli addenda al testamento di Poerio riportano:

  • 30 ADS, Fondo Visite Pastorali, Disposizioni testamentarie Bonaventura Poerio, b. 124, f. 31v.

[…] La Libraria di monsignor Poerio da lui applicata al monisterio di s. Maria delle Grazie de padri osservanti di s. Francesco di Taverna sua patria, sin dacchè era generale dell’ordine, come confermò nel suo testamento, è stata esattamente consegnata al cennato Monistero come da ricevuta e lettera del padre guardiano di esso frà Serafino Carbone sotto li 20 Gennaio e 25 Febraio 1723. Alcuni altri libri non applicati come sopra ma acquistati da monsignor Poerio nel tempo del suo presulato, perché non si sono ritrovati ad esitare, si sono lasciati per uso del reverendo Seminario di Salerno, come da nota distinta di essi e ricevuta del signor canonico don Giovanni Battista Maza rettore sotto li 9 Luglio 1729. Etc. Ed anche si sono notati. folio 24 a tergo […]30.

19Non tutta la “Libraria” di Poerio fu destinata al monastero di s. Maria della Grazie, una parte fu aggregata alla Biblioteca del Seminario così come testimoniato nell’elenco al f. 24v delle sue disposizioni testamentarie. Sono riportati i titoli, i nomi degli autori, in numero di tomi e il formato:

  • 31 Strozzi T. (1700), Controversia della concezione della beata Vergine Maria, Giuseppe Gramignani, P (...)
  • 32 Plinio (1717), Lettere di Plinio il giovane tradotte in lingua italiana, Giovanni Maria Salvioni, (...)
  • 33 Torrigio F. M. (1645), Il sacro choro degli eminent.mi cardinali dell’antica, e venerabil diaconia (...)
  • 34 De Torquemada J. (1715), De summi pontificis auctoritate flores sententiarum, Nestenus, Firenze.
  • 35 Berti A. P. (1720), Relazione del solennissimo funerale celebrato dalla fedeliss. città di Napoli (...)
  • 36 Viviani F. G. M. (1705), Oratione funebre per la morte dell’illustrissimo ed eccellentissimo signo (...)
  • 37 Si tratta della Congregazione dell’Immunità Ecclesiastica istituita da Urbano VIII nel 1626. Cfr. (...)
  • 38 De Franchi B. (1712-1715), Discorsi panegirici ad onore de’ santi, Michele Luigi Muzio, Napoli, Vo (...)
  • 39 Sanfelice G. M. (1717), Diario dell’elezzione dell’imperador Leopoldo I, Domenico Roselli e Niccol (...)
  • 40 De San Miguel I. (1701), Certamen Historiale panegiricum ad honorem Beatissimae Virginis Mariae, F (...)
  • 41 Paoli S. (1715), Difesa delle censure del sig. Lodovico-Antonio Muratori bibliotecario dell’alt. s (...)
  • 42 Aliraman Miranda A. (1704), De’ molti, e varii significati del nome Giudice, Felice Mosca, Napoli.
  • 43 De Abreu S. (1707), Instituzione del parroco, ovvero Specchio de’ parrochi, Venezia Luigi Pavino, (...)
  • 44 Sorrentino M. (1700), Theatrum et examen omnium decisionum Regni Neapolitani, Michele Luigi Muzio, (...)
  • 45 Reccho G. (1717), Notizie di famiglie nobili, ed illustri della città, e Regno di Napoli, Domenico (...)
  • 46 Da Palermo G. A. (1709), Scrutinium doctrinarum qualificandis assertionibus, thesibus, atque libri (...)
  • 47 Volpe A. (1622-1646), Sacrae theologiæ summa, Lazzaro Scoriggio, Napoli, vol. I-XII.
  • 48 Ardia G. A. (1704), Tromba Quaresimale parte prima [seconda], Michele Luigi Mutio, Napoli, vol. I- (...)
  • 49 Pinto F. (1688), Oratione funerale nella morte dell’eccellentiss.mo sig.re d. Gasparre d’Haro marc (...)
  • 50 Viva D. (1713), Damnatae theses ab Alex. 7., Innoc. 11., & Alexandro 8. necnon Jansenii ad theolog (...)
  • 51 Schinosi F. (1706), Istoria della Compagnia di Giesù appartenete al Regno di Napoli parte prima [s (...)
  • 52 Diocesi di Benevento, (1567) Decreta edita in prouinciali synodo Beneuentana anno Domini 1567, ere (...)
  • 53 Presumibilmente si tratta di Sompano L. A. (1703), Totius fere grammaticae Epitome, Felice Mosca, (...)
  • 54 Si ringrazia il dott. Salvatore Amato per il prezioso aiuto nella trascrizione del documento.

[…] Due tomi della Concetione del p. Tommaso Strozzi31, un tomo in quarto delle Lettere di Plinio in italiano32, un altro tometto in ottavo di Francesco Maria Torrigio delli emminentissimi cardinali della Diaconia di s. Niccolò in Carcere33, un altro tometto del card. Torrecremata intitolato flores sententiarum d. Thomae de Summi Pontificis aucthoritate34, una relaz.ne del funerale fatto all’imperatrice della città di Napoli35, una orazione funebre al duca di Montecalvo Pignatelli36, un manuscritto contintente l’indice de’ decreti della s. Cong.ne dell’Immunità esitati per carlini ventinove37.
Altri libri dell’eredità rimasti invenduti sin sono riposti nel reverendo Seminario, e sono stati li seguenti Semery Physica et Metaphysica tom. 2 in 8. Panegirici del p. Bruno de Granchi tom. 1. in 4.38 Diario dell’elezione dell’imperador Leopoldo 1 tom. 1 in 439; La verdad por si i en si idioma spagnolo tom. 1 in folio; p. Isidori a San Michaele certamen panegiricum ad honorem B. V. M. tom. 1 in 8.40
Difesa del Muratori del p. Sebastiano Pauli to. 1 in 841.
Litaniae et preces recitandae in celebratione Jubilaei ex prescripto Clem. XI tom. 1 in 4. Discorso del nome di giudice di Agostino Aliraman Miranda tom.1 in 442. Istituzioni del paroco del p. Abreu tom. Primo solamente in 443. Philosophia rationalis p. Isydori Pyro tom. 2 duplicati in 8. B. Ioachim abb. Defensio tom. 1 in fol. Theatrum decis. Regni Neap. Lucae Matthaei Surrentino tom. 1 in fol.44 Notizia delle famiglie nobili del Regno di Napoli di D. Giuseppe Recco tom. 1 in 445. Marchinus De Trino tom. 1 in fol. Scrutinium Doctrinarum p. fr. Joann. Anton. a Panormo tom. 1 in fol.46 magistri Angeli Vulpes commentaria in summam Joan. Duns Scoti tom. 1 in fol.47 Calabria illustrada dal p. Giovanni Fiore tom. 1 in fol. Tromba catechistica del p. Antonio Ardia tom. 2 in 4.48 Orazione funebre nella morte del marchese del Carpio del dottore Frabrizio (sic!) Pinto49. P. Trottae sup. propositiones damnatas ab Alex. VII. Innoc. XI. et Alex. VIII. tom. 12 in 4. duplicati50. Istoria della Compagnia di Gesù appartenente al Regno di Napoli del p. Francesco Schinosi tom. 2 in 451. Sinodo dell’arcivescovo card. Savelli in 452. Sinodo dell’arcivescovo Torres in 4. Grammatica del Sidicino.53 Manuscritto in difesa del nodus predestinationis del card. Sfrondati. Regola mitigata di s. Teresa per le monache di Capri manuscritta. Tutti li suddetti libri si sono consegnati al signor canonico d. Giovanni Battista Maza rettore del reverendo Seminario per ivi conservarsi come sopra. […]54.

20In totale la donazione di Mons. Poerio consta di tre manoscritti e trenta opere a stampa suddivise in quarantaquattro volumi.

21Nel 1723 l’arcivescovo Pablo Vilana Perlas portò nuova linfa alla vita del Seminario, dispose una generale renovatio del corso di studi istituendo nuove cattedre, chiamando nuovi maestri e costruendo un nuovo edificio in Largo Plebiscito.

  • 55 Cfr. Capone A. (1993, p. 24), Il Seminario di Salerno, cit. È riportata integralmente la relazione (...)
  • 56 Ibidem, p. 27.

22Altre notizie sulla Biblioteca del Seminario sono fornite dalle descrizioni del notaio Giacomo Federici, in data 27 agosto 1731, e del canonico d. Giambattista Mazza, in data 14 settembre 1731. Nel testo trascritto da Federici sono citati diversi ambienti dell’edificio tra cui una stanza «per uso di Libraria»55, mentre in quella del Mazza si parla di «una piccola Libraria con pochi Libri dentro»56.

  • 57 Cfr. Giustiniani L. (1793 p. 178-180), Saggio storico-critico sulla tipografia del Regno di Napoli(...)
  • 58 Beltrano O. (1644), p. 186, Breve descrittione del Regno di Napoli diuiso in dodeci Prouince, appr (...)

23Contestualmente a questa fase è doveroso segnalare la presenza di una stamperia arcivescovile di cui abbiamo notizia grazie a due pubblicazioni edite nel 1732. Si tratta di due opere che recano la firma di Girolamo Vicari (o De Vicariis) patrizio appartenente ad una storica famiglia salernitana la cui presenza in città era già attestata da Beltrano nella Breve descrittione del Regno di Napoli diuiso in dodeci Prouince pubblicato a Napoli per i tipi di Roberto Mollo57 nel 164458.

  • 59 La prima tipografia di stato fu attivata da Cosimo I de’Medici che nominò Lorenzo Torrentino ‘Stam (...)
  • 60 Ciccarello D. (2013, p. 121-122), “Mobilità dei tipografi e committenza di aristocratici e religio (...)

24Già a partire dal Cinquecento, furono numerose le tipografie o stamperie ufficiali nate grazie ad una committenza di tipo laica o clericale59, mentre tra Seicento e Settecento si registrarono numerosi casi di tipografie vescovili o arcivescovili come Asti, Benevento, Bergamo, Bologna, Brindisi, Cesena, Fiesole, Firenze, Ieri, Milano, Modena, Narni, Padova, Perugia, Piacenza, Ravenna, Rimini, Senigallia60.

25Per facilitare l’analisi alle due edizioni salernitane sembra opportuno riportare la trascrizione facsimilare dei frontespizi:

LA PERFEZIONE / NELL’ESERCIZIO DEGLI APPOSTOLICI / MINISTERI: / LA RETTITUDINE / ED ARMONIA / DEL REGGIMENTO DELLA CRISTIANA REPUBBLICA / Ammirante nelle gloriose gesta del Regnante / PONTEFICE / CLEMENTE XII. / OMAGGIO RIVERENTE DI OSSEQUIO, / Che nel sì settimo di Aprile ricorrendo il faustissimo giorno del suo / Nascimento gli si tributa dal Capitolo della Chiesa Metro- / politana di Salerno, nella reintegrazione de’ pri- / vilegj, e nella degnissima provvista delle / due Prime Dignità dalla di lui / munificenza beneficato / altamente. / IN QUESTO / DIVISAMENTO / COMPOSTO, E DATO IN LUCE / DA GIROLAMO DE VICARIIS / PATRIZIO SALERNITANO, / Canonico Cardinal Diacono della medesima S. Chiesa e Convittore / dell’Accademia Nobili Ecclesiastici in Roma. / [fregio silografico] / IN SALERNO, M. DCC. XXXII. / Nella Stamperia Arcivescovile. / [linea tipografica] / CON LICENZA DE’ SUPERIORI.

LA PERFEZIONE / NEL REGGIMENTO / DELLA CRISTIANA REPUBBLICA: / DI UN OTTIMO PRINCIPE DI S. CHIESA: / LA VERA IDEA / DI UN NOBILE ECCLESIASTICO / Ammirata nelle gloriose gesta del Regnante Sommo Pontefice / CLEMENTE XII. / DIVISAMENTO / In nome del Capitolo della Metropolitana Chiesa di Salerno / COMPOSTO, E DATO IN LUCE / DA GIROLAMO DE VICARIIS / Patrizio Salernitano, Canonico Cardinal Diacono della medesima S. Chiesa / e Convittore nell’Accademia de’ Nobili Ecclesiastici in Roma / Coll’Indice copioso così del sostanziale del contenuto, / come delle Materie più notabili. / DEDICATO / All’Illustrissimo, e Reverendissimo Signore, Monsignor / MARCELLO PASSERI / Arcivescovo di Nanzianzo, Uditore vigilantissimo di Sua Santità. / [fregio silografico] / IN SALERNO, M. DCC. XXXII. / Nella Stamperia Arcivescovile. / [linea tipografica] / CON LICENZA DE’ SUPERIORI.

  • 61 Cardella L. (1794, p. 262-264), Memorie storiche de’ cardinali della Santa Romana Chiesa. Stamperi (...)
  • 62 Cfr. Fahy C. (1988, p. 65-88), Edizione, impressione, emissione, stato, in Saggi di bibliografia t (...)

26Dalla disamina degli esemplari è emerso che il contenuto delle opere è lo stesso. Coincidono la mise en page dell’intero volume fino al fascicolo P6, l’epistola dedicatoria che, in entrambi i casi, è rivolta a Marcello Passeri arcivescovo di Nanzianzo61 - datata 2 aprile 1732 e sottoscritta dall’autore - e l’impronta. In realtà si tratta di due emissioni della medesima edizione62 che, oltre alla ricomposizione del frontespizio, si differenziano nella seconda emissione per l’aggiunta dei fascicoli *2-4*2 contenenti l’Indice delle materie più considerabili contenute nell’Opera disposte per ordine d’Alfabeto e Altra da errori da correggersi.

  • 63 Durante il XVI secolo nella città di Salerno risultano attivi alcuni tipografi itineranti, tra cui (...)

27Sembra difficile che sia stata appositamente allestita una tipografia per la tiratura di queste due emissioni, mentre è più probabile che il Vicari, vista la mancata affermazione dell’arte tipografica nella città di Salerno63 dovuta alla vicinanza con Napoli, abbia commissionato la stampa a qualche tipografo purtroppo non facilmente identificabile.

28Ritornando alla storia del Seminario, è importante sottolineare come durante il XVIII secolo la qualità degli insegnanti fosse di grande spessore e caratura come quella del filosofo ed economista Antonio Genovesi il quale, molto probabilmente, si servì della biblioteca del Seminario per motivi di studio. Un’importante testimonianza è fornita da Giuseppe Maria Galanti nel suo Elogio all’abate Genovesi:

  • 64 Galanti G. M. (1772, p. 10-11), Elogio storico del signor abate Antonio Genovesi pubblico professo (...)

Fu quindi in Salerno esaminato per lo suddiaconato sulla dommatica teologia, in presenza dell’arcivescovo di quel tempo d. Fabrizio di Capoa, e altamente sorprese colla vivezza del suo spirito, e colla squisita sua dottrina gli esaminatori, e l’arcivescovo medesimo. Il quale fu così preso dal profondo di lui sapere, che di là a non guari lo chiamò ad occupar la carica di maestro di eloquenza del Seminario di Salerno […]. Per lo corso di due anni, che l’abate Genovesi insegnò eloquenza nel Seminario di Salerno, attese privatamente a coltivare il suo spirito sulla Bibbia, sull’opere de’ PP. della Chiesa, e sulla storia ecclesiastica: lettura poco gradevole per molti, ma per lui abbondante di riflessioni. Spendeva egli la metà delle notti a leggere, scrivere, e meditare, e fin d’allora preparò nell’ombra del silenzio il lume, che doveva rischiararci: il suo genio nascente raccoglieva in s. Tommaso, in s. Agostino, in s. Giovanni Crisostomo i materiali delle opere, che l’hanno reso dipoi immortale64.

29La biblioteca del Seminario continuò a crescere grazie a due lasciti: uno risalente al 1834 e l’altro al 1857. Del primo abbiamo traccia nel testamento olografo di mons. Michelangelo Lupoli:

  • 65 ADS, Fondo Visite Pastorali, b. 95, Arcivescovo Michelangelo Lupoli, Testamento olografo, c.1r.

In nomine Patrij, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Col presente olografo testamento vengo io qui sottoscritto Miche Arcangelo Lupoli arcivescovo di Salerno a disporre di tutto ciò, che mi appartiene, e voglio, che questa pia volontà sia pienamente, ed in tutto eseguita. […] Lego al Seminario Salernitano i miei libri, che sono nel Palazzo arcivescovile, all’infuora degli scritti […] che prenderà a sè il mio erede (il nipote Giuseppe Lupoli) […]65.

  • 66 ADS, Fondo Visite Pastoriali (1856-1857), b. 99 bis, cc. 2v-3r.

30Mentre il secondo si trova nel testamento di mons. Marino Paglia: «[…] Lego al Venerabile Seminario Urbano alla Cattedrale di Salerno tutti li miei libri, li quali saran trasportati subito dopo la mia morte alla Libreria dello stesso […]»66. Purtroppo la documentazione archivistica non permette di quantificare con esattezza la quantità delle opere donate dai due arcivescovi.

31Alle figure del Lupoli e del Paglia si devono inoltre importanti restauri e abbellimenti dell’intero edificio che ospitava il Seminario. In particolare, nel 1843, mons. Paglia rinnovò lo scalone che portava alle camerate e alla biblioteca, decorò con un nuovo pavimento in mattoni il salone della biblioteca.

  • 67 Crisci G. (2001, p. 25), Salerno Sacra, cit.

32Il Seminario arcivescovile purtroppo subirà una grave battuta d’arresto a causa del sequestro avvenuto con regio decreto il 1 settembre 186567. La presa di possesso da parte di Francesco Siniscalchi, regio economo diocesano, è testimoniata da un documento - datato 23 ottobre 1865 redatto alla presenza del notaio Angelo Quaranta - che registra tutti i beni confiscati tra cui i libri della Biblioteca:

Catalogo de’ libri del reverendo Seminario di Salerno

1 Scrittori ecclesiastici edizione di vol: latini […]

217

2 Giovanni Clericato discorsi canonici Veneziaa

3

3 Riccio Popoli Napolib

2

4 Giovanni Clericato discorsi sacramentalic

3

5 Diego Cavarruvia dritto can.co Veneziad

2

6 Braschio promptuario Sinodale Romae

1

7 Collez.ne di tutti i concili generali, e particolari. Coloniaf

4

8 Tommasini nuova, e vecchia disciplina Ecclesiastica. Lioneg

3

9 Atti della Chiesa di Milano di […]h

1

Riporto 236

10 Van-Espeni

2

11 Il Decreto di Graziano emendatoj

2

12 Supplemento alle opere di Van-Espenk

1

13 Il libro quarto delle Decretali

1

14 Corpo del Dritto Canonico

1

15 Domenico Aulisio commentario alle Pandettel

2

16 Gagliardo Dritto canonicom

4

17 Concilio di Trento

2

18 Ciacconen

1

19 Pietro de Marco la concordia della Chiesa, ed imperoo

5

20 Cappellari il Trionfo della S. Sedep

1

21 Matteo Sorrentino descrizione del Regno di Napoliq

1

22 Patavio Dionisio Dottrina de’ tempir

3

23 Idem Dommi Teologicis

6

24 Roberto Bellarmino opere tuttet

6

25 Gludry Biblioteca predicabile

8

26 Monzi idemu

4

27 Tobia Locher

2

28 Estiov

2

29 Lucio Ferraris

4

30 Bonaccina […] terzi volumiw

2

31 Ludovico Tommasino Dommi Teologicix

3

32 Salmanticesi

3

Al riporto 302

Riporto302

33 S. Antonino

1

34 Natale Alessandro dommi teologiciy

3

35 La confessione augustana

1

36 Natale Alessandro Morale

1

37 Tamburrini

1

38 […]

3

39 Bergier Dizionario della Teologiaz

9

40 Yoveni

7

41 Baldacci Dizionario Teologicoaa

2

42 Storia del vecchio, e nuovo testamento

4

43 […] meditazioni

4

44 Durlot Biblioteca cattolica

9

45 Borgovini Legge di Dioab

9

46 Cornelio Giansenio

1

47 Cesare Baroneo annali ecclesiasticiac

26

48 Bainardo adem

12

49 Agostino Torniello annali sacriad

4

50 Natali Alessandro storia Ecclesiasticaae

9

51 Battaglini storia de’ conciliiaf

4

52 Bernini Storia delle Eresieag

4

53 Tillemont storia Eccles.a ah

16

54 Antonio Foresti mappamondo storicoai

13

55 Stecchi storia della Compagnia di Gesù

2

56 Cornelio Alapide

10

57 Poli sinopsi critica

5

58 Panoplia Evangelicaaj

1

Riporto 463

59 Martini Biblia

17

60 Bernardino La[…] commentaria della scrittura

2

61 Biblia Ebraica

2

62 Il Dio creatore di De Lucaak

6

63 S. Attanasio

4

64 S. Bernardo

6

65 Concordanza Biblicaal

1

66 Raccolta della vita de’ Santi

2

67 Sabbatino il vetusto calendario Napolitanoam

2

68 Della Chiesa di Stabiaan

1

69 Clemente VII Lucubraz.e fu Sorrento

2

70 Enciclopedia dell’Ecclesiasticoao

2

71 Collezione Pisauriense de’ Poeti latini

4

72 Francesco de Dominicis numismaticaap

2

73 Marocchi lettera critica

1

74 Idem Specilegio Biblico

2

75 Prediche anonime

1

76 Francesco de Ferrara la Fabbrica del mondoaq

1

77 Martirologis Romano

1

78 Lupoli iscrizioni lapidariear

3

79 Francesco Ma. Pratilli Via appiaas

1

80 Lupoli opuscoliat

2

81 Marocchi Dissertazioni della Chiesa Napolitana

1

82 Idem sulle tavole di bronzo Ercolanesi

2

83 Bossue discorsi

2

Al riporto 535

84 Segneri oper

4

85 Nieremberg Omelie

1

86 Garzia Polemica

2

87 Piquig[..]

1

88 Lorenzo Giustiniano dizionario Geograficoau

1

89 Pilo

2

90 Tito Livio

6

91 Lessico di Cicerone

1

92 Sammela Zitisco lessico dell’antichità romana

3

93 Ughello d’Italia Sacraav

8

94 Vocabolario della Crusca

9

95 Dizionario latino di Calepino

3

96 Giuseppe Ma Secondo dizionario storicoaw

8

97 Del malmantile Poemaax

2

98 Plinio Secondo

1

99 Bergamino

1

100 La Scienza, e la Fedeay

32

101 Wigman

1

102 Bollario Universale Eorino

6

103 Mirabelli

4

104 Biblioteca de’ scrittori latini fascicoli

679

105 Bartoli Sciolto

6

106 L’anno del divertimento sciolto

2

107 Libercoli vari

23

108 Conzales Tellez delle decretaliaz

8

Al riporto 1349

Riporto 1349

109 Anacreto dritto canonico

6

110 Lucio Ferraris

4

111 Ludovico Tommasini

3

112 Francesco Bonhomeo decreti Generali Ecclesiasticiba

1

113 Anacleto dritto Canonico

6

114 Atti della Chiesa di Milano

2

115 Scarfantonio della precedenza de’ canonici

2

116 De Rosa trattato canonico

1

117 Cosci degli spagnoli

1

118 Verde istituzioni canonichebb

2

119 Van-Espen Opere tutte Lovaneobc

3

120 Dizionario de’ concilii

2

121 Concilio di Trento

1

122 Il Sinodo di Montereale

1

123 Lupoli dritto Ecclesiastico

4

124 Orsi Signoria temporale de RRPP.bd

1

125 Mazzarelli giurisprudenza civile della Chiesa

1

126 Bollario di Benedetto XIVbe

10

127 Sinodo Diocesano di Antonio Graziano

2

128 Cause civili agitatebf

4

129 Benedetto XIII. Concilio Romanobg

2

130 Norme di un Vescovo

1

131 Dichiarazioni della Congr.ne dei cardinali nel Concilio Tridentino

1

132 Pandette di dritto civile

2

133 Bonifacio VIII. il sesto delle decretalibh

1

Al riporto 1409

Riporto 1409

134 Il codice Giustinianeo

1

135 Pecorelli dritto Ecclesiastico

2

136 Giovanni De Luca il dottor volgare

5

137 Selvaggio istituzione canonica

2

138 Lupoli indiff. del mat. cristiano

1

139 Simone Maiolo dritt. can.co

2

140 Emilio Gentile de’ Benefici

2

141 De Luca dottor Volgarebi

2

142 Barloosi della protesta de’ parochi

2

143 Carlo Blasco opuscolo canonisbj

1

144 Isidoro Mercatore collez.e de’ canoni

1

145 Raccolta delle notificaz.ni di Benedetto XIVbk

2

146 Salzano opere varie, e dritto canonico

14

147 Francesco Daste Santa visitabl

1

148 Giacomo Lanfredini

1

149 Catechismo Romano

2

150 Michele Casati lettere pastoralibm

1

151Giacomo Cuiaceo opere tuttebn

10

152 Cristoforo Ricacci pratica civilebo

3

153Tommasini dritto canonico

3

154 Bicarci pratica civile

3

155 Un dottore della Sorbona

2

156 Dissertazioni apostoliche

1

157 Decisione del consiglio Napolitano

1

158 Concordato di Pio VII. e Ferd.o I°bp

13

Al riporto 1487

Riporto 1487

159 De vulgare Teologia Dommatica

8

160 Cherubino da Palma teologiabq

3

161 Pratica della confessione anonima

4

162 Dares […] Dott Cristiana

2

163 Gaspare Tievenino Teologia

7

164 Filippo Bigioli leggendario de’ santibr

12

165 S. Alfonso de Liguori teol.a Moralebs

4

166 Scarpazza casi morali

13

167 Idem Teologia moralebt

12

168 Marduni

1

169 Giuseppe Simiolo Instit. Teologiabu

5

170 Francesco Giannetti Morale

7

171 Bernardino Manco il religioso santobv

1

172 Berti Lorenzo teolog.a Dommatica

10

173 Sanchez

2

174 Tornely Teologia Dommatica

11

175 Giuseppe di Iannario

2

176 Laperiti Istit.o pastorale

2

177 Giuseppe Zabrino verità della religione

1

178 Sanchez del Matrimoniobw

3

179 S. Tommaso Somma

9

180 Serry Giacinto istoriabx

1

181 Bergier Dizionarioby

9

182 Martino Becanobz

1

183 Bergamo Morale Evangelicaca

1

184 Lupoli teologia dommaticacb

58

185 Giovanni Medini teologia

1

186 Diana

2

Al riporto 1675

Riporto 1675

187 Berti disciplina teologica

5

188 Bragnoli

1

189 Conciliati dommatica

3

190 Busembam morale critica

3

191 Cucina morale

3

192 Mazzotti morale

4

193 Consorzio morale

1

194 Henry Storia Ecclesiastica

34

195 Pietro Garzoni storia profana

6

196 Antonio Muratori storia d’Italiacc

11

197 Giuseppe di Rosa storia d’Europacd

11

198 Orzi storia Ecclesiastica

19

199 Ciampini Giovanni […] mosaicace

2

200 Buteo

1

201 Pallavicini storia del canonico di Trento

3

202 Hemion storia ecclesiastica

14

203 Henry storia universale

4

204 Fabricio la luce del vangelo

1

205 Paesano Chiesa Salernitanacf

3

206 Calmetcg

10

207 Tirini

2

208 Mazzocchi Sicileggio biblicoch

3

209 […] commentario in S. Paolo

6

210 Tricolezio biblioteca de’ Padri

9

211 Giuseppe Duet Genesici

20

212 Idem […] Biblia

6

Al riporto 1860

Riporto 1860

213 Testamento nuovo in francese

8

214 Baxstroffio Lexicon Ebraico

2

215 S. Cipriano

1

216 S. Tommaso catena aureacj

1

217 S. Agostino

6

218 Felice Ma. da Napoli doveri ecclesiasticick

8

219 S. Ambrogio

8

220 S. Gregorio Magno

5

221 Botticelli indifferenza religiosacl

1

222 S. Tommaso sopra S. Paolo

6

223 Sacy Sacra scritturacm

49

224 Zacconi Lezioni Sacre

6

225 Sabbatini S. messa

14

226 Lettera sull’Italia

20

227 Bargovini Legge di Diocn

9

228 Paciuchelli Lezioni sopra Giona Profetaco

1

229 Clari filosofia cristianacp

4

230 Zaccaria anno apostolico

2

231[…] morale

2

232 Gagliardo moralecq

2

233 Zauri cura pastorale

2

234 Giovambattista Gambardella

1

235 Benedetto XIX. Notificazioni

1

236 Autori Dommatica

2

237 Pienamonte meditazioni

1

238 Opere ascetiche, e predicabili varie

90

Al riporto 2112

Riporto 2112

239 Sonetti

11

240 Santuario d’Italia

3

241 […] trattenimento sulla religione

03

242 Vito Buonsantocr

4

243 Rotriguez

4

244 Bossuet storia delle variazionics

02

245 Autori classici

10

246 Raccolta di autori antichi

10

247 Spicilegio Romano

10

248 Associazione di classici latini

27

249 Fortunato da Brixia filosofia

03

250 Giovanni Cloabergii idem

2

251 La civiltà cattolicact

10

252 Cicerone

4

253 Giornale dell’Indipendenza

8

254 Dizionario del Regno di Napoli

7

255 Idem Geografico

1

256 Bartoli operecu

54

257 Il cristiano istruito […]

2

258 La Religione ne’ suoi fondamenti

4

259 Santuario Capuano

1

260 Fagginoli comedie

5

261 Duet conferenze Ecclesia.

10

262 Ludovici carme

1

Al riporto 2308

Riporto 2308

263 Giovani Paneri Pastrelli

1

264 Baunne Onomastico

1

265 Decloastre mitologia

6

266 Madrolli

1

267 Piano

3

268 Zelocv

2

269 Piandino saggi filosofici

1

270 Abreus

1

271 Collet storia di S. Vincenzo da Paolicw

1

272 Martinet

1

273 Zaccaria celibato sacrocx

1

274 Raccolta di dissertazioni

1

275 Luet pericoli presenti

1

276 Vincenzo Gravina tragediacy

1

277 Il Regno animale fogli 90

1

278 Vita di Mosè Morelli

18

279 Lupoli teologia

14

280 Sacri doveri ecclesiastici

6

281 I carmi dei poeti cristiani

4

282 Atlante Geografico Marzolla

1

283 Tavole calligrafiche

1

284 Vari libri ascetici, scolastici, storici, dommatici, filosofici, profani

721

285 Opere ascetiche vendibili

850

Totale 3946

a. Chiericato G. M. (1715-1720), Decisiones sacramentales, theologicæ, canonicæ, & legales, Andrea Poletti, Venezia, vol. I-IX, ripubblicato nella sua quarta edizione tra il 1717 e il 1727.
b. Riccio O. (1648), Risposta del fidelissimo popolo napoletano, manifestante la sua fedeltà, e costanza, verso S.M. Cattolica, Francesco Antonio Orlando, Napoli.
c. Presumibilmente si tratta di 3 volumi dell’opera di Chiericato G. M. (1715-1720), Decisiones sacramentales, theologicæ, canonicæ, & legales, Andrea Poletti, Venezia, vol. I-IX, ripubblicato nella sua quarta edizione tra il 1717 e il 1727.
d. Presumibilmente si tratta di Covarrubias y Leyva D. (1571), In varios ciuilis, ac pontificij iuris titulos, relectionum, tomus primus [-secundus], Girolamo Scoto, Venezia, vol. I-II.
e. Braschi G.B. (1727), Promptuarium Synodale, Francesco Zinghi & Giuseppe Monaldi, Roma.
f. Conciliorum omnium, tum generalium, tum provincilium atque particularium (1567), Gerwin Calenius & Johann Erben Quentel, Colonia, vol. I-IV. L’edizione risulta attualmente in Biblioteca Diocesana solo con il quarto volume che presenta la nota di possesso «ex libris R[everend]di Seminarii Salerni 1737». Cfr. Giustiniani V. e Sessa M., a cura di (1996, p. 33-34), Catalogo delle Edizioni del XVI secolo, cit., scheda n. 45.
g. Thomassin L. (1705-1706), Vetus et nova Ecclesiæ disciplina, Anisson & Posuel, Lione.
h. Potrebbe trattarsi di Borromeo C. (1769), Avvertimenti di S. Carlo e di S. Francesco di Sales a’ confessori e breve notizia de’ canoni penitenziali secondo l’ordine del decalogo citati da S. Carlo nella parte quarta degli atti della chiesa di Milano, Giacomo Giuseppe Avondo, Torino, oppure Borromeo C. (1822), Quattro prediche fatte da S. Carlo Borromeo al clero milanese nel Sinodo Diocesano 11. del 1584. Con alcuni suoi ricordi pel Coro estratte dagli atti della Chiesa di Milano ed ora ristampate per uso del clero di Nocera in occasione del decimo sinodo, Stamperia Arcivescovile, Assisi.
i. Si tratta dell’autore Zeger Bernard Van Espen.
j. Si tratta di una delle edizioni del Decretum Gratiani emendatum et notationibus illustratum (1584), Magna Societas & Giorgio Ferrari & Girolamo Franzini, Venezia. L’edizione risulta attualmente in Biblioteca Diocesana e presenta la nota di possesso «[ex] libris R[everen]di Seminarii Salerni. Anno 1729». Cfr. Giustiniani V. e Sessa M., a cura di (1996, p. 34), Catalogo delle Edizioni del XVI secolo, cit., scheda n. 46.
k. Potrebbe trattarsi della prima edizione di Van Espen Z. B. (1769), Supplementum ad varias collectiones operum clar. viri Zegeri Bernardi Van-Espen, Baglioni, Venezia.
l. D’Aulisio D. (1719-1720), Commentarii ad titt. Pandectarum, Niccolò Naso, Napoli, vol. I-II.
m. Presumibilmente si tratta di Gagliardo C. (1766-1771), Institutionum iuris canonici communis & Neapolitani, Giuseppe Raimondi, Napoli, vol. I-IV.
n. Si tratta dell’autore Alfonso Chacòn.
o. Presumibilmente si tratta di De Marca P. (1771-1780), Dissertationum de concordia sacerdotii et imperii, Vincenzo Orsino e Francesco Oria, Napoli, vol. I-VI.
p. Si tratta dell’opera di Gregorio XVI (1799), Il Trionfo della Santa Sede e della Chiesa, Pagliarini, Roma.
q. Presumibilmente si tratta di Sorrentino M. (1699), Theatrum et examen omnium decisionum Regni Neapolitani, Michele Luigi Muzio, Napoli.
r. Petavi D. (1757), De doctrina temporum, Giovanni Arduino, Venezia.
s. Petavi D. (1745), Opus de theologicis dogmatibus, Andrea Poleti, Venezia, vol. I-VI.
t. Presumibilmente si tratta di Bellarmino R. (1856-1862), Opera omnia, Josephum Giuliano, Napoli.
u. Potrebbe trattarsi di Mansi G. (1666-1669), Biblioteca morale praticabile. Tomo primo [-quinto], eredi Francesco Storti, Venezia, vol. I-V.
v. Presumibilmente si tratta dell’opera di Leucopetro E. (1861), Napoli e l’Italia, Stabilimento tipografico, Napoli.
w. Si tratta dell’autore Martino Bonacina.
x. Presumibilmente si tratta di Thomassin L. (1680-1689), Dogmatum theologicorum. Tomus primus [- tertius], François Muguet, Parigi, vol. I-III.
y. Theologia dogmatica di Noël Alexandre.
z. Presumibilmente si tratta del Dictionnaire de théologie. Tome premier [-huitième] di Nicolas Sylvestre Bergier o nell’edizione tolosiana del 1823 o in quella parigina del 1829.
aa. Si tratta della Grammatica teologica in due volumi di Cristiano Balducci.
ab. Borgovini G. A. (1789-1791), La legge di Dio e della Chiesa, Domenico Sangiacomo, Napoli, vol. I-IX.
ac. Si tratta degli Annales ecclsiastici del cardinal Cesare Baronio.
ad. Presumibilmente si tratta di Tornelli A. (1656-1657), Annales sacri, Leonardo Venturini, Lucca, vol. I-IV.
ae. Presumibilmente si tratta di Alexandre N. (1748-1752), Historia ecclesiastica Veteris Novique Testamenti, Leonardo Venturini, Lucca, vol. I-IX.
af. Istoria Universale di tutti i Concilii generali e particolari celebrati nella Chiesa di Marco Battaglini.
ag. Bernini D. (1711), Historia di tutte l’Eresie. Tomo primo [-quarto], Paolo Baglioni, Venezia, vol. I-IV. O nell’edizione del 1733 per la Stamperia Baglioni.
ah. Le Nain de Tillemont L. S. (1712), Memoires pour servir a l’Histoire ecclesiastique des six premiers siecles. Tome premiers [- seizieme], Charles Robustel, Parigi, vol. I-XVI. O nell’edizione veneziana di Francesco Pittari realizzata nel 1732.
ai. Foresti A. (1709-1733), Mappamondo storico, Giovanni Battista Albrizzi, Venezia, vol. I-XIV.
aj. Van der Lindt W. (1575), Panoplia euangelica, Maternus Cholinus, Colonia. L’edizione risulta attualmente in Biblioteca Diocesana e presenta la nota di possesso «Da Monsignor Lupoli». Cfr. Giustiniani V. e Sessa M., a cura di (1996), Catalogo delle Edizioni del XVI secolo, cit., scheda 86, p. 61.
ak. De Luca L. N. (1805-1806), Il Dio creatore, Perger, Napoli, vol I-V.
al. Potrebbe trattarsi di Chiave biblica, ossia Concordanza delle Sante scritture (1864), Unione Tipografico-Editrice Torinese, Torino.
am. Sabbatini d’Anfora L. (1744-1768), Il vetusto calendario Napoletano nuovamente scoverto, Carlo Salzano e Francesco Castaldo, Napoli, vol. I-XII.
an. Potrebbe trattarsi di Milante P. T. (1836), Della citta di Stabia, della Chiesa Stabiana e de’ suoi vescovi, S. Giordano, Napoli, vol. I-II.
ao. Potrebbe trattarsi di Enciclopedia dell’ecclesiastico (1843-1845), Stamperia G. Ranucci, Napoli, vol. I-IV.
ap. De Dominicis F. (1826-1827), Repertorio numismatico, Tipografia Vara, Napoli, vol I-II.
aq. Francesco A. (1584), Della fabrica del mondo, Porta, Giovanni Battista, Venezia.
ar. Potrebbe trattarsi di Lupoli M. A. (1789), Per gli funerali della maesta’ cattolica di Carlo III, Stamperia Simoniana, Napoli.
as. Pratilli F. (1745), Della via Appia riconosciuta e descritta da Roma a Brindisi libri 4, Giovanni Di Simone, Napoli.
at. Lupoli M. A. (1823), Opuscula primae aetatis, Morelli & De Bonis, Napoli.
au. Giustiniani L. (1797-1805), Dizionario geografico ragionato del Regno di Napoli, Vincenzo Manfredi, Napoli, vol. I-X.
av. Ughelli F. (1717-1722), Italia sacra. Tomus primus [-decimus], Niccolò e Sebastiano Coleti, Venezia, vol. I-X. L’opera risulta attualmente in Biblioteca Diocesana.
aw. Chambers E. (1747-1754), Ciclopedia ovvero Dizionario universale delle arti e delle scienze. Tomo I [-VIII. Parte II.], Giuseppe de Bonis, Napoli.
ax. Lippi L. (1676), Il Malmantile racquistato poema di Perlone Zipoli, Giovanni Tommaso Rossi, Firenze.
ay. La scienza e la fede. Raccolta religiosa, scientifica, letteraria ed artistica, che mostra come il sapere umano rende testimonianza alla religione cattolica (1841-1883), Vincenzo Manfredi, Napoli. Vol. I-CXXX.
az. González Téllez M. (1673), Commentaria perpetua in singulos textus quinque librorum Decretalium Gregorij IX. Tomus primus [-quintus], Laurent Arnaud & Pierre Borde, Lione, vol. I-V.
ba. Potrebbe trattarsi di Diocesi di Vercelli (1575), Decreta edita, et promulgata in synodis dioecesanis Vercellensibus III., Pacifico Da Ponte, Milano.
bb. Verde F. (1735), Institutionum canonicarum, Gaspare Torelli, Napoli, vol. I-II-
bc. Van Espen Z. B. (1769), Opera omnia canonica integra & completa, Baglioni, Venezia, vol. I-VIII.
bd. Delle relazioni della signoria temporale col primato spirituale dè Romani Pontefici (1849), Manfredi, Napoli.
be. Benedetto XIV (1746-1757), Sanctissimi domini nostri Benedicti papae XIV. Bullarium Tom. I. [-IV.], Tipografia della Congregazione di Propaganda Fide, Roma, vol. I-IV.
bf. Da Cesena G. A. (1752-1754), Cause civili agitate. Tomo primo [-quarto], Giuseppe Bortoli, Venezia, vol. I-IV.
bg. Concilium Romanum (1725), Rocco Bernabò & Francesco Giannini, Roma.
bh. Bonifacio VIII (1476), Liber sextus decretalium, Nicolas Jenson, Venezia. Potrebbe trattarsi di un’edizione successiva.
bi. De Luca G. B. (1740), Il dottor volgare. Tomo primo [-sesto], Modesto Fenzo, vol. I-VI.
bj. Blasco C. (1758-1761), Opuscoli canonici storici critici. Tomo primo [-secondo], Stamperia Abbaziana, Napoli, vol. I-II.
bk. Benedetto XIV (1742), Raccolta di alcune notificazioni, editti, ed istruzioni. Volume primo [-secondo], Antonio De Rossi, Roma, vol. I-II.
bl. D’Aste F. (1706), Metodo della santa visita apostolica, Tommaso Mazzei, Otranto.
bm. Casati M. (1778), Raccolta di lettere pastorali, Giammichele Briolo & Giuseppe Francesco Destefanis, Torino.
bn. Cujas J. (1658), Opera omnia in decem tomos distributa, Societas Typografica librorum officii ecclesiastici ex decreto concilii Tridentini, Parigi, vol. I-X.
bo. Potrebbe trattarsi di Ricucci C. (1765), Moderna praxis civilis. Tomus I. [-III], Roselli Gaetano & Michele Stasi, Napoli. Vol. I-III.
bp. Concordato fra Sua Santita Pio VII. sommo pontefice, e Sua Maesta Ferdinando I. re del Regno delle Due Sicilie. Parte prima [-terza] (1818-1826), stamperia della Società Filomatica, Napoli. Vol. I-III. L’opera è continuata da Collezione degli atti emanati dopo la pubblicazione del Concordato dell’anno 1818. Parte quarta [-quindicesima] (1832-1859), Stamperia dentro la Pieta de’ Turchini Napoli, vol. V-XV. L’opera risulta attualmente in Biblioteca.
bq. Cherubino da Palma (1842), Theologicae institutiones, C. Reale, Napoli, vol. I-VI.
br. Bigioli F. (1847), Il perfetto leggendario, ovvero vite de’ santi per ciascun giorno dell’anno, Tip. Della Minerva, Roma, vol. I-XII.
bs. De’ Liguori A. M. (1757), Istruzione, e pratica per un confessore. Tomo primo [-terzo], Alessio Pellecchia, Napoli, vol. I-III.
bt. Scarpazza F. (1796-1797), Teologia morale tratta dalle divine scritture dai concilj Tomo I [-XII], Francesco Alessandri, Firenze, vol. I-XII.
bu. Simioli G. (1790-1792), Institutiones theologicae. Tomus I [-V], Vincenzo Orsini, Napoli, vol. I-V.
bv. Manco B. (1684), Il religioso santo, Girolamo Fasulo, Napoli.
bw. Sanchez T. (1754), De sancto matrimonii sacramento. Tomus primus [-tertius], Nicolò Pezzana, Viterzo, vol. I.III.
bx. Serry J. H. (1704?), L’istoria delle congregazioni, [s.n.], [s.l].
by. Bergier N. S. (1793-1794), Dizionario di teologia e di storia ecclesiastica, Tommaso Bettinelli, Padova, vol. I-VI. Potrebbe trattarsi di un’edizione successiva.
bz. Becano M. (1617), Apologia pro iudice controversiarum fidei ac religionis, Johann Albin, Magonza.
ca. Da Bergamo G. M. (1742), La Morale evangelica, Stamperia del Seminario, Padova.
cb. Lupoli M. A. (1795-1796), Theologiae dogmaticae lectiones. Tom. I. [-III], Filippo Raimondi, Napoli. Vol. I-III.
cc. Muratori L. A. (1744-1749), Annali d’Italia dal principio dell’era volgare sino all’anno 1500, Giambattista Pasquali, Venezia, vol. I-XII.
cd. De Rosa G., (1740-1755), Istoria d’Europa. Tomo primo [-XII], Gennaro e Vincenzo Muzio, Napoli, vol. I-XII.
ce. Si tratta di un’opera dell’autore Giovanni Giustino Ciampini.
cf. Paesano G. (1846-1852), Memorie per servire alla storia della chiesa salernitana, Vincenzo Manfredi, Napoli.
cg. Si tratta dell’autore Augustin Calmet.
ch. Mazzocchi A. S. (1732-1778), Spilegii biblici. Tomus I. [-III], Staperia Reale, Napoli, vol. I-III.
ci. Potrebbe trattarsi di Duguet J. J. (1786-1787), Spiegazioni del libro della Genesi. Tomo primo [-decimo], Gaetano Fico, Napoli. Vol. I-X.
cj. Tommaso D’Aquino (1494), Cathena aurea, Benedetto Fontana, Venezia. Potrebbe trattarsi di un’edizione successiva.
ck. Da Napoli F. M. (1753-1768), Raccolta di trattati, opuscoli, epistole e sermoni de’ SS. Padri greci e latini intorno ai doveri degli ecclesiastici […] tomo primo [- nove], Giovanni Di Simone, Napoli, vol. I-IX.
cl. Botticelli G. (1818-1821), Saggio sulla indifferenza in materia di religione. Tomo I [-II], Angelo Trani, Napoli, vol. I-II.
cm. Le Maistre de Sacy I. L. (1790-1800), Sacra scrittura tomo primo [-quarantesimosesto], Lorenzo Saseggio, Venezia, vol. I-XLVI.
cn. Borgovini G. A. (1789-1791), La legge di Dio e della Chiesa, Domenico Sangiacomo, Napoli, vol. I-IX.
co. Paciuchelli A. (1686), Lezioni morali sopra Giona Profeta, Paolo Baglioni, Venezia, vol. I-III.
cp. Clary M. B. (1823-1827), La santa filosofia della mente e del cuore ossia La filosofia cristiana in rapporto alla religione, alla morale ed alla politica. Parte I [-III], Angelo Trani, Napoli, vol. I-III.
cq. Potrebbe trattarsi di Chemin J. B. (1823), La morale de’ savii, Agnello Nobile, Napoli.
cr. Potrebbe trattarsi di Buonsanto V. (1808), Etica iconologia per formare il cuore de’giovanotti. Tomo I. [-IV.], Domenico Sangiacomo, Napoli, vol. I-IV.
cs. Bossuet J. B. (1795), Storia delle variazioni delle Chiese protestanti, Pietro Zerletti, Venezia, vol. I-IV.
ct. Potrebbe trattarsi della rivista La civiltà cattolica. Pubblicazione periodica per tutta l’Italia.
cu. Potrebbe trattarsi di Bartoli D. (1825-1844), Delle opere del padre Daniello Bartoli della Compagnia di Gesù, Giacinto Marietti, Torino, vol. I-XXXIV.
cv. Potrebbe trattarsi di Zelo D. (1840), Catechismo apologetico, Tipografia de’fratelli Fernandes, Napoli, vol. I-II.
cw. Collet P. (1744), Compendio della storia di S. Vincenzo de Paoli, Paolo Scionico, Genova.
cx. Zaccaria F. A. (1774), Storia polemica del celibato sacro, Venanzio Monaldi, Roma.
cy. Gravina G. V. (1715), Della tragedia libri uno, Niccolò Naso, Napoli.
  • 68 ADS, Fondo Capitolo Metropolitano, Economato: Capitolo, Seminario, fasc. 4.

Oltre la riportata lista di volumi, evvi un’altra quantità tanto nelle ultime liste de’ scaffali, quanto al di sotto negli scaffali chiusi a legno, i quali non si descrivono per mancanza di tempo68.

33È ipotizzabile che il catalogo fu compilato riportando i titoli così come si susseguivano sulle scansie.

34Le registrazioni bibliografiche sono 285 per un totale di 3946 unità. Come indicato in calce al documento, per ragioni di tempo la descrizione fornita è sommaria, pertanto è molto difficile individuare esattamente le edizioni; nei primi 9 libri oltre al nome dell’autore e al titolo indicativo dell’opera è riportato anche il luogo di pubblicazione, elemento che subito dopo non verrà più indicato. Tuttavia il catalogo resta una testimonianza importantissima e permette di immortalare lo stato della collezione libraria in quella data.

  • 69 L’elenco è stato già pubblicato da Capone A. (1993, p. 49-50), Il Seminario di Salerno, cit. Vedi (...)
  • 70 Capone A. (1993, p. 67), Il Seminario di Salerno, cit.

35Il 6 novembre 1866 i locali furono consegnati al Comune e destinati per il ricovero di malati di colera. Fortunatamente, pochi mesi più tardi, e nel febbraio del 1866, il ricovero fu soppresso e alcuni degli ambienti furono destinati ad uso scolastico. Il 27 novembre del 1868 mons. Salomone rientrò in possesso di alcuni locali. Al Seminario furono assegnate una camerata all’ultimo piano, il refettorio, la cucina e la cappella. Furono però lasciati ad uso dei seminaristi i libri della biblioteca che vennero trasportati in una camerata sopra la cucina. L’istituto fu riaperto, ripristinando le scuole elementari, il ginnasio, i corsi di filosofia e scienze sacre. Grazie alla determinazione dell’arcivescovo Valerio Laspro, il 22 novembre 1879, vi fu la restituzione delle «Macchine Fisiche»69, mentre nel giugno del 1889, l’arcivescovo riuscì ad ottenere la restituzione dell’intero edificio e del mobilio sequestrato70. Furono molte le spese sostenute per poter abbattere i muri divisionali eretti in quegli anni, per riadattare gli ambienti all’uso del Seminario, per ricollocare il patrimonio bibliografico nell’antica aula della biblioteca.

  • 71 Ibidem.

36Nell’ottobre del 1894 fu reso pubblico il programma degli studi per il nuovo anno scolastico, che comprendeva gli insegnamenti di disegno, musica, calligrafia, teologia dogmatica, teologia morale, diritto canonico, storia ecclesiastica, sinopsi biblica, eloquenza sacra e liturgia71.

37Durante la prima guerra mondiale l’autorità militare sequestrò nuovamente gli ambienti del Seminario rilasciandoli nel 1919. Nel frattempo i seminaristi furono trasferiti presso l’abbazia benedettina di Montevergine, in provincia di Avellino.

  • 72 Cfr. Marranzini A. (1996, p. 114), I seminari nella sollecitudine pastorale, cit.

38Dopo l’insediamento di mons. Monterisi non solo fu affrontato il problema del restauro dell’edificio rovinosamente danneggiato dal terremoto del 23 luglio 1930, ma fu anche stabilita la fondazione di un nuovo Seminario regionale - costituito canonicamente da papa Pio XI con motu proprio il primo ottobre del 1930 - che diede inizio alle sue attività nel novembre 1932 presso la nuova sede72. Come già detto, il nuovo Pontificio Seminario regionale Pio XI fu chiuso nel 1976 e il patrimonio della biblioteca fu sistemato nell’antica sede del Seminario arcivescovile che oggi, assieme al Museo diocesano e all’Archivio diocesano, rappresenta un polo culturale di eccellenza per la città di Salerno e la sua provincia.

  • 73 Cfr. Giustiniani V. (1996, p. XXII), Origine e sviluppo della Biblioteca Diocesana di Salerno, cit (...)

39La raccolta libraria è stata arricchita dai lasciti del canonico Salvatore De Rosa, nel 1922, dal canonico Roberto De Graziano, nel 1928, dal canonico Giacinto Carucci, dell’arcivescovo Nicola Monterisi nel 1944, dell’arcivescovo Guerino Grimaldi nel 1992, del prof. Antonio Uliano nel 1994, di mons. Antonio Rainone nel 1995, del sacerdote Salvatore Colamarco nel 199573, dell’ex direttore della biblioteca mons. Vittorio Giustiniani e in ultimo, nel 2016, è stato acquisito il “fondo museo” costituito da circa 4000 unità bibliografiche i cui argomenti spaziano dall’arte alla storia locale, dalla storia delle chiese di Salerno a volumi dedicati alla Cattedrale di s. Matteo.

  • 74 Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici della CEI, a cura di (2015, p. 140), Del cult (...)
  • 75 La scheda catalografica dell’esemplare è stata realizzata in occasione del progetto ideato dall’AI (...)
  • 76 Giustiniani V. e Sessa M., a cura di (1996), Catalogo delle Edizioni del XVI secolo, cit.

40Attualmente il patrimonio della Biblioteca diocesana ammonta a circa 110.000 volumi74, oltre la metà costituito da libri antichi. Nella collezione è presente un solo incunabolo, si tratta dell’opera Mathesis (De nativitatibus libri VIII) di Giulio Firmico Materno nell’edizione veneziana del 1499 sottoscritta da Aldo Manuzio75. Per quanto riguarda le edizioni del XVI secolo sono presenti circa 545 esemplari alcuni dei quali, in particolare 136, sono stati oggetto del Catalogo delle edizioni del XVI secolo della Biblioteca del Seminario Arcivescovile curato da Vittorio Giustiniani e Michelina Sessa76.

  • 77 Parlavecchia R. (2014), Schede n. 17, 29, 37, 38, 71, in Califano A., Vitale A. M., a cura di, La (...)

41Per quanto riguarda le edizioni del XVII e del XVIII secolo, i numeri crescono notevolmente rispetto alle cinquecentine. Per il Seicento vi sono circa 30.860 unità bibliografiche, mentre per il Settecento circa 32.400. I volumi seicenteschi non sono mai stati oggetto di studio né di catalogazione, mentre solo cinque edizioni scientifiche settecentesche contenenti opere di Euclide, Domenico Chellucci, Nicola Antonio De Martino e Pieter van Musschenbroek sono state catalogate da chi scrive in occasione del progetto “La produzione editoriale scientifica tra XVII e XVIII secolo nelle biblioteche campane, dall’ultimo secolo dei canoni bibliografici alle riviste letterario” ideato dall’AIB Campania e promosso dalla Regione Campania77.

42I volumi datati fino al 1830 sono oltre 5000.

43A fronte dell’ingente patrimonio librario, le ricerche finora compiute rappresentano soltanto un punto di partenza utile a indirizzare studi futuri. Il materiale, infatti, si presta a diversi tipi di analisi, quali lo studio approfondito delle note di possesso e di provenienza - ex libris, ex dono, timbri, legature, annotazioni manoscritte - utili nella ricostruzione dei processi di formazione che interessarono la Biblioteca del Seminario Arcivescovile di Salerno. La documentazione archivistica presa in esame ha permesso di evidenziare il forte potenziale ancora inespresso per il prosieguo delle indagini su questa pluristratificata raccolta libraria.

Notes

1 Si ringrazia don Alessandro Gallotti, direttore della Biblioteca diocesana di Salerno, per aver permesso la realizzazione di questo studio.

Cfr. Marranzini A. (1996, p. 114), I seminari nella sollecitudine pastorale di Nicola Monterisi, in Cestaro A., a cura di, Nicola Monterisi arcivescovo di Salerno (1929-1944), Edizioni di storia e letteratura, Roma.

2 A proposito della Biblioteca arcivescovile, Guerriera Guerrieri scriveva: «[…] possiede c. 3000 volumi e opuscoli. Fu formata con le donazioni dell’arcivescovo Monterisi e dei Monsignori Arturo Capone e Matteo Quagliariello. Ha carattere speciale per gli studi ecclesiastici», mentre sulla Biblioteca del Seminario regionale: «[…] fu istituita nel 1932, insieme con il Seminario, ed ha carattere prevalentemente ecclesiastico. Possiede circa 10.000 volumi»; cfr. Guerrieri G. [s.d., p. 18], Guida alle biblioteche della provincia di Salerno, Ente provinciale per il turismo, Salerno. Oltre alla Biblioteca, l’Archivio e il Museo Diocesano sono allogati nell’edificio dell’ex Seminario arcivescovile a partire rispettivamente dal 1984 e dal 1990. Cfr. Guida al Museo Diocesano di Salerno-Campagna-Acerno (2002, p. 10), Conferenza Episcopale Campana, Napoli.

3 Cfr. Giustiniani V. (1996), “Origine e sviluppo della Biblioteca Diocesana di Salerno”, Bollettino di informazione ABEI, 5, 3: 35. Lo stesso testo è riportato in Ead. (1996, p. XVIII-XXIV), Origine e sviluppo della Biblioteca Diocesana di Salerno in Giustiniani V. e Sessa M., a cura di, Catalogo delle Edizioni del XVI secolo della Biblioteca del Seminario Arcivescovile, Biblioteca diocesana di Salerno, Salerno.

4 Pallavicino P. M. S. (1664, p. 540), Istoria del Concilio di Trento, Biagio Diversin e Felice Cesaretti, Roma, vol. III.

5 Sacrosancti et Oecumenici Concilii Tridentini (1854, p. 22.), ex Typis Tasso, Napoli, p. 293; cfr. Crisci G. (2001), Salerno Sacra. Ricerche storiche, Gutemberg, Lancusi, vol. I.

6 La Biblioteca agostiniana di San Giovanni in Carbonara a Napoli deve a lui la sua notorietà. Seripando, infatti, si occupò di incrementare la dotazione libraria della biblioteca sia con i propri volumi che con quelli del fratello Antonio e si adoperò tra il 1550 e 1552 per la costruzione di un salone che potesse custodirli. Serrai A. (2006, p. 52-54), Breve storia delle Biblioteche in Italia, Sylvestre Bonnard, Milano. Vedi anche Trombetta V. (2002, p. 174-177), Storia e cultura delle biblioteche napoletane. Librerie private, istituzioni francesi e borboniche, strutture postunitarie, Vivarium, Napoli. La figura di Girolamo Seripando è, inoltre, legata alla fondazione della Tipografia Vaticana, istituita per fronteggiare l’editoria protestante. Cfr. Romani V. (2012, p. 261-279), Tipografie papali: la Tipografia Vaticana, in Ceresa M., a cura di, La Biblioteca Vaticana tra Riforma cattolica, crescita delle collezioni e nuovo edificio (1535-1590), Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano 2012.

7 Cfr. Crisci G. (2001, p. 22), Salerno Sacra, cit.

8 Capone A. (1993, p. 10), Il Seminario di Salerno dalle sue origini ai nostri giorni (1565-1932), Tip. F.lli Di Giacomo, Salerno.

9 Constitutiones editae, a M. Antonio Marsilio Columna Archiepiscopo Salernitano in Diocesana Synodo (1580, p. 76-92), ex Officina Saluiana, Neapoli.

10 L’obiettivo del gesuita era quello di difendere la dottrina cattolica incentivando una veicolata fruizione del patrimonio bibliografico in modo da supportare in modo ‘militante’ la funzione della Chiesa. La sua Bibliotheca selecta fu pubblicata a Roma dalla Tipografia Vaticana nel 1593. Cfr. Santoro M. (2008, p. 204), Storia del libro italiano. Libro e società in Italia dal Quattrocento al nuovo millennio, Ed. Bibliografica, Milano. Sulla figura del Possevino cfr. Balsamo L. (2006), Antonio Possevino S.I. bibliografo della Controriforma e diffusione della sua opera in area anglicana, Olschki, Firenze.

11 Balducci A. (1962) “Il Seminario Arcivescovile di Salerno”, Rassegna Storica Salernitana, XXIII, 1-4: 160-162, dove si riporta la trascrizione della prima visita al Seminario compiuta dal Colonna nel 1577.

12 Crisci G. (1980, p. 621), Il cammino della Chiesa Salernitana nell’opera dei suoi Vescovi, Libreria Editrice Redenzione, Napoli-Roma, vol. I.

13 Cilento N. (1966, p. 81 e 98), Italia Meridionale Longobarda, R. Ricciardi, Napoli-Milano.

14 BAV, Ott. lat., 757, cc. 101r-139v. Il testo è riportato anche in Idem, p. 81 e in Crisci G. (1980, p. 637), Il cammino della Chiesa Salernitana, cit.

15 Trissino G. G. (1547), La Italia liberata da Gotthi, Valerio e Luigi Dorico, Roma.

16 Cfr. Crisci G. (1980, p. 638), Il cammino della Chiesa Salernitana, cit.

17 Sulla sua attività di vescovo a Salerno cfr. Crisci G. (1980, p. 585-598), Il cammino della Chiesa Salernitana, cit.

18 Marcoantonio Colonna fu incaricato da Pio V di partecipare a una commissione di sei cardinali, al fine di esaminare e confutare la confessione augustana e gli attacchi dei Centuriatori di Magdeburgo. Sarà Cesare Baronio, con i dodici volumi degli Annales Ecclesiastici, a raccoglie la storia della Chiesa cattolica dalle origini fino al 1198, rappresentando la risposta del mondo controriformista ai Centuriatori di Magdeburgo, autori della luterana Ecclesiastica historia pubblicata a Basilea tra il 1559 e il 1574. L’autore, cardinale bibliotecario della Biblioteca Apostolica Vaticana dal 1597, ebbe la possibilità di consultare fonti inedite e mai utilizzate. La confutazione delle Centurie magdeburgesi si era resa necessaria per promuovere una risposta ufficiale da parte della Chiesa romana, che doveva contrastare l’idea «che la Riforma fosse la vera depositaria del messaggio evangelico […], mentre la Chiesa cattolica ne aveva rappresentato il tradimento e la degenerazione […]». Pignatti F. (2012, p. 191), Cesare Baronio studioso e la Vaticana, in Ceresa M., a cura di, La Biblioteca Vaticana, cit.

19 Ibidem. Cfr. ADS, Capitolo Metropolitano, Lettere al Capitolo, b. 302, c. 8r.

20 BAV, Vat. lat. 6180, c. 28; 6194, cc. 184, 216.

21 Nel 1698 l’abate Carlo Bartolomeo Piazza nel suo ΕΥΣΕΒΟΛΟΓΙΟΝ – pubblicato a Roma come seconda impressione da Domenico Antonio Ercole – e in particolare nel trattato «Delle pubbliche, e priuate celebri Librerie», inserisce un’esaustiva voce dedicata esclusivamente alla biblioteca «Colonnese, ouero Sirleta» sottolineando che «dei suoi volumi […] altra parte entrò per nobile accrescimento alla famosa Libreria Altempsiana, hora con infelice caducità de suoi primieri splendori, distratta in diuerse altre Librerie […]». Cfr. Piazza C. B. (1698, p. cxxxij-cxxxiv), Ευσεβολόγιον, per Domenico Antonio Ercole, Roma.

22 Parte della biblioteca di Cristina di Svezia verrà acquisita da Ottoboni. Il primo nucleo della biblioteca della regina consisteva in una raccolta di libri provenienti dal bottino della guerra dei Trent’anni (1618-1648). Un catalogo originale dei manoscritti della regina redatto nel 1649, si trova alla Biblioteca reale di Stoccolma: comprende 1208 esemplari. Nel periodo di regno, la regina arricchì la sua biblioteca con numerosi acquisti. Dopo l’abdicazione, i suoi libri partirono da Stoccolma e giunsero a Roma dove dal 1660 incominciarono ad essere catalogati da Holstenius. All’inizio la biblioteca fu collocata a palazzo Farnese, poi definitivamente a palazzo Riario, nel gennaio del 1663. I volumi della biblioteca erano circa 2.125, in parte si trattava di quelli provenienti da Stoccolma, mentre altri erano acquisti o doni ricevuti durante il soggiorno romano. Alla morte della sovrana, nel 1689, la biblioteca fu ereditata dall’affezionato cardinale Decio Azzolino. Con la dipartita di quest’ultimo, avvenuta solo due mesi dopo, la maggior parte dei libri di pregio fu venduta dal nipote del porporato, il marchese Pompeo Azzolino, al cardinale Pietro Ottoboni. Cfr. P. Vian (2001), Un bibliotecario al lavoro: Holste, la Barberiniana, la Vaticana e la Biblioteca della regina Cristina di Svezia, in Miscellanea Bibliothecae apostolicae Vaticanae, 8, Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano, pp. 445-492.

23 Cfr. Rosa M. (1990, p. 187), I depositi del sapere: biblioteche, accademie, archivi, in Rossi P., a cura di, La memoria del sapere. Forme di conservazione e strutture organizzative dall’antichità a oggi, Laterza, Roma-Bari.

24 Cfr. D’Aiuto F. e Vian P., a cura di (2011), Guida ai fondi manoscritti, numismatici, a stampa della Biblioteca Vaticana, vol. I-II, Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano.

25 BAV, Ott. lat., 757, c. 1r

26 Cfr. Crisci G. (2001, p. 23), Salerno Sacra, cit.

27 Sulla figura di Bonaventura Poerio cfr. Crisci G. (1980, p. 195-235), Il cammino della Chiesa Salernitana, cit., vol. II.

28 I lavori furono commissionari all’architetto romano Carlo Buratti nel 1698. Cfr. Pezone M. G. (2008, p. 13), Carlo Buratti: architettura tardo barocca tra Roma e Napoli, Alinea, Firenze.

29 Nella relazione ad limina riportata da Poerio il 1 maggio 1720, la situazione dell’archivio diocesano si presenta caotica e vergognosa a causa dell’incuria dei suoi addetti.

30 ADS, Fondo Visite Pastorali, Disposizioni testamentarie Bonaventura Poerio, b. 124, f. 31v.

31 Strozzi T. (1700), Controversia della concezione della beata Vergine Maria, Giuseppe Gramignani, Palermo, vol. I-II.

32 Plinio (1717), Lettere di Plinio il giovane tradotte in lingua italiana, Giovanni Maria Salvioni, Roma.

33 Torrigio F. M. (1645), Il sacro choro degli eminent.mi cardinali dell’antica, e venerabil diaconia di S. Nicolò in Carcere tulliano di Roma, Giovanni Battista Robletti, Roma.

34 De Torquemada J. (1715), De summi pontificis auctoritate flores sententiarum, Nestenus, Firenze.

35 Berti A. P. (1720), Relazione del solennissimo funerale celebrato dalla fedeliss. città di Napoli alla S.C.M. della imperatrice Eleonora Maddalena Teresa Palatina di Neoburgo, Agnello Cirillo, Napoli.

36 Viviani F. G. M. (1705), Oratione funebre per la morte dell’illustrissimo ed eccellentissimo signor D. Pompeo Pignatelli duca di Monte-Calvo, Giuseppe Roselli, Napoli.

37 Si tratta della Congregazione dell’Immunità Ecclesiastica istituita da Urbano VIII nel 1626. Cfr. Moroni G. (1842, p. 206-211), Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica, dalla Tipografia Emiliana, Venezia, vol. XVI.

38 De Franchi B. (1712-1715), Discorsi panegirici ad onore de’ santi, Michele Luigi Muzio, Napoli, Vol. I-II. Presumibilmente i due volumi erano rilegati in un unico tomo.

39 Sanfelice G. M. (1717), Diario dell’elezzione dell’imperador Leopoldo I, Domenico Roselli e Niccolò Rasi, Napoli.

40 De San Miguel I. (1701), Certamen Historiale panegiricum ad honorem Beatissimae Virginis Mariae, Felice Mosca, Napoli.

41 Paoli S. (1715), Difesa delle censure del sig. Lodovico-Antonio Muratori bibliotecario dell’alt. sereniss. di Modena, contro L’Eufrasio dialogo di due poeti vicentini, Niccolò Nisi, Napoli.

42 Aliraman Miranda A. (1704), De’ molti, e varii significati del nome Giudice, Felice Mosca, Napoli.

43 De Abreu S. (1707), Instituzione del parroco, ovvero Specchio de’ parrochi, Venezia Luigi Pavino, vol. I-II.

44 Sorrentino M. (1700), Theatrum et examen omnium decisionum Regni Neapolitani, Michele Luigi Muzio, Napoli.

45 Reccho G. (1717), Notizie di famiglie nobili, ed illustri della città, e Regno di Napoli, Domenico Antonio Parrino e Niccolò Parrino, Napoli.

46 Da Palermo G. A. (1709), Scrutinium doctrinarum qualificandis assertionibus, thesibus, atque libris conducentium, exemplis propositionum à conciliis oecumenicis, Rocco Bernabò, Roma.

47 Volpe A. (1622-1646), Sacrae theologiæ summa, Lazzaro Scoriggio, Napoli, vol. I-XII.

48 Ardia G. A. (1704), Tromba Quaresimale parte prima [seconda], Michele Luigi Mutio, Napoli, vol. I-II.

49 Pinto F. (1688), Oratione funerale nella morte dell’eccellentiss.mo sig.re d. Gasparre d’Haro marchese, del Carpio, Francesco Mollo, Napoli.

50 Viva D. (1713), Damnatae theses ab Alex. 7., Innoc. 11., & Alexandro 8. necnon Jansenii ad theologicam trutinam revocatae juxta pondus sanctuarii, Tipografia del Seminario, Pavia.

51 Schinosi F. (1706), Istoria della Compagnia di Giesù appartenete al Regno di Napoli parte prima [seconda], Michele Luigi Mutio, Napoli, vol. I-II.

52 Diocesi di Benevento, (1567) Decreta edita in prouinciali synodo Beneuentana anno Domini 1567, eredi di Antonio Blado, Roma.

53 Presumibilmente si tratta di Sompano L. A. (1703), Totius fere grammaticae Epitome, Felice Mosca, Napoli.

54 Si ringrazia il dott. Salvatore Amato per il prezioso aiuto nella trascrizione del documento.

55 Cfr. Capone A. (1993, p. 24), Il Seminario di Salerno, cit. È riportata integralmente la relazione del notaio Federici.

56 Ibidem, p. 27.

57 Cfr. Giustiniani L. (1793 p. 178-180), Saggio storico-critico sulla tipografia del Regno di Napoli, stamperia di Vincenzo Orsini a spese del libraio Vincenzo Altobelli, Napoli.

58 Beltrano O. (1644), p. 186, Breve descrittione del Regno di Napoli diuiso in dodeci Prouince, appresso Roberto Mollo, Napoli.

59 La prima tipografia di stato fu attivata da Cosimo I de’Medici che nominò Lorenzo Torrentino ‘Stampatore ducale’ per 12 anni (1547-1563), Simonetti C. M. (2011), “L’editoria del Principe ovvero la stampa ufficiale delle istituzioni laiche e religiose”, L’almanacco bibliografico, VI, 17: 1-24. Invece, la prima stamperia papale sarà quella del Popolo Romano, istituita da Pio IV nel 1561 e per la cui direzione fu chiamato da Venezia Paolo Manuzio. Cfr. Barberi F. (1942), Paolo Manuzio e la Stamperia del Popolo Romano (1561-1570). Con documenti inediti, Tip. Cuggiani Roma.

60 Ciccarello D. (2013, p. 121-122), “Mobilità dei tipografi e committenza di aristocratici e religiosi nel XVII secolo”, Paratesto, X.

61 Cardella L. (1794, p. 262-264), Memorie storiche de’ cardinali della Santa Romana Chiesa. Stamperia Pagliarini, Rome, vol. VIII.

62 Cfr. Fahy C. (1988, p. 65-88), Edizione, impressione, emissione, stato, in Saggi di bibliografia testuale, Antenore, Padova; e Baldacchini L. (2006, p. 110-113), Il libro antico, Carocci, Roma.

63 Durante il XVI secolo nella città di Salerno risultano attivi alcuni tipografi itineranti, tra cui Francesco Fabri attivo tra il 1544 e il 1545, cfr. Vincelli G. M. P. (2013, p. 384-385), Fabri, Francesco in Borraccini R. M., Lipari G., Reale C., Santoro M., Volpato G., a cura di, Dizionario degli editori, tipografi, librai itineranti in Italia tra Quattrocento e Seicento, Fabrizio Serra, Pisa-Roma, vol. II; Cilio Alifano attivo a Salerno nel 1543, cfr. Zappella G. (2013, p. 267-268), Cilio Alifano, in Idem, vol. I; Girolamo De Martino editore e libraio salernitano principalmente attivo a Napoli dove utilizzò l’officina di Mattia Cancer, cfr. Dattola M. (2013, p. 349), De Martino, Girolamo, in Idem, vol. II. Nel 1647 Francesco Savio, stampatore arcivescovile a Napoli, stamperà a Salerno un’opera del cappuccino Francesco De Franchis a spese di Giuseppe Torelli, cfr. Andria M. (2013, p. 942-947), Savio, Francesco, in idem, vol. III. Per il XVIII secolo l’unico tipografo attivo su territorio salernitano risulta Ferdinando Campo 1789 con sei edizioni.

64 Galanti G. M. (1772, p. 10-11), Elogio storico del signor abate Antonio Genovesi pubblico professore di civil economia nella Universita di Napoli, [s. n.], Napoli.

65 ADS, Fondo Visite Pastorali, b. 95, Arcivescovo Michelangelo Lupoli, Testamento olografo, c.1r.

66 ADS, Fondo Visite Pastoriali (1856-1857), b. 99 bis, cc. 2v-3r.

67 Crisci G. (2001, p. 25), Salerno Sacra, cit.

68 ADS, Fondo Capitolo Metropolitano, Economato: Capitolo, Seminario, fasc. 4.

69 L’elenco è stato già pubblicato da Capone A. (1993, p. 49-50), Il Seminario di Salerno, cit. Vedi anche ADS, Fondo Capitolo Metropolitano, Economato: Capitolo, Seminario, fasc. 4, ff. 17v-19r.

70 Capone A. (1993, p. 67), Il Seminario di Salerno, cit.

71 Ibidem.

72 Cfr. Marranzini A. (1996, p. 114), I seminari nella sollecitudine pastorale, cit.

73 Cfr. Giustiniani V. (1996, p. XXII), Origine e sviluppo della Biblioteca Diocesana di Salerno, cit.

74 Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici della CEI, a cura di (2015, p. 140), Del culto e della cultura: archivi biblioteche e musei ecclesiastici in Italia, Gangemi, Roma.

75 La scheda catalografica dell’esemplare è stata realizzata in occasione del progetto ideato dall’AIB Campania e promosso dalla Regione Campania “L’apparato iconografico nel libro del Quattrocento: le edizioni illustrate del XV secolo conservate nelle biblioteche campane”, reca la firma di Anna Paola Potenza ed è stata pubblicata in Vitale A. M., a cura di (2011, n. 22, p. 80), Il torchio e la mano. Edizioni illustrate ed esemplari miniati del Quattrocento dalle biblioteche campane.

76 Giustiniani V. e Sessa M., a cura di (1996), Catalogo delle Edizioni del XVI secolo, cit.

77 Parlavecchia R. (2014), Schede n. 17, 29, 37, 38, 71, in Califano A., Vitale A. M., a cura di, La produzione editoriale scientifica tra XVII e XVIII secolo nelle biblioteche campane: dall’ultimo secolo dei canoni bibliografici alle riviste letterarie, AIB Campania, Napoli.

Auteur

Dottore di Ricerca in Studi Umanistici ha discusso, presso l’Università della Calabria, una tesi dal titolo Donum Sancti Domini Nostri Alexandri VII. Il fondo Chigi della Biblioteca Universitaria Alessandrina, Roma. Catalogo), è vincitrice della X edizione del Premio Bibliographica della Biblioteca di Sardegna. Laureata con lode in Gestione e conservazione del patrimonio archivistico e librario presso l’Università degli Studi di Salerno, ha perfezionato i suoi studi presso l’Universidad de Salamanca e la Scuola Vaticana di Biblioteconomia. Durante la sua formazione ha lavorato presso la Biblioteca dell’Istituto Italiano di Cultura di Barcellona e la Biblioteca Chigiana della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Attualmente è cultore della materia presso l’Università degli Studi di Salerno e l’Università della Calabria. Dal 2016 è membro della redazione della Rassegna Storica Salernitana

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search