Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Sicurezza in città: pratiche di controllo all'interno dello spazio urbano

 | 
Sebastian Saborio

Immigrazione e insicurezza. Situazioni di conflitto nella periferia di Roma. Il caso di Tor Sapienza

Daniele Ferretti

Résumé

In the last few months, the presence of reception centres for refugees and asylum seekers has caused conflicting situations in Rome. In particular, from November 2014 to March 2015 a violent conflict occurred in “Tor Sapienza”, a suburb in the East side of Rome. The chapter intends to investigate, through the words of privileged witnesses of the area, the reasons of the conflict and factors which affected the sense of security of citizens. Therefore, after a literature review about the migration/(in) security nexus and the introduction of Refugees and Asylum Seekers Protection system (SPRAR), the results of the research will be presented.

Texte intégral

(In)sicurezza e immigrazione

1Negli ultimi decenni il tema dell’insicurezza dei cittadini si è imposto nel dibattito pubblico e nelle agende di governo (Battistelli, 2008; Battistelli e Paci, 2008; Castel, 2004; Galantino, 2010; Farruggia e Ricotta, 2010; Galantino e Ricotta, 2014).

2Diversi studiosi si sono interrogati sulle ragioni di tale fenomeno, il quale è riconducibile ai rischi insiti nell’attuale modello di sviluppo economico e all’avvento della “società dell’incertezza” a causa dei seguenti fenomeni: il disordine mondiale dell’era post-bipolare, la deregulation universale, la crisi del welfare state, l’indebolirsi delle reti di protezione quali la famiglia e la comunità, la spettacolarizzazione del crimine per opera dei mass media (Beck, 1986; Giddens, 1994; Bauman, 1999).

3Tali processi e la conseguente messa in discussione delle tradizionali strutture che regolavano l’esistenza degli individui nella società moderna hanno un duplice effetto: da un lato contribuiscono all’ampliamento dello spazio di autonomia e realizzazione personale, dall’altro costringono gli individui a far fronte autonomamente a problemi di natura sistemica, con il risultato che un senso di insicurezza (Unsicherheit) pervade l’esistenza del cittadino contemporaneo (Melucci, 1994; Bauman, 2000).

4Questo senso di insicurezza è suddiviso in tre dimensioni, secondo la nota definizione di Bauman (2003: 25): 1) la security, ovvero la certezza che “qualunque cosa sia stata conquistata e conseguita rimarrà in nostro possesso”; 2) la certainty, cioè la “speranza di essere nel giusto” quando compiamo le nostre scelte; 3) la safety, ossia tutto ciò che minaccia “il nostro corpo e le sue estensioni”. Grande attenzione viene prestata nel dibattito pubblico a quest’ultima dimensione, la più visibile delle tre e l’unica su cui la popolazione ha la percezione che “qualcosa può essere fatto” (Bauman, 2003: 13).

5In questo complesso scenario, dove le trasformazioni dell’epoca tardo-moderna ridisegnano la vita degli individui e mettono in discussione sia la sicurezza sociale sia quella civile/strategica (Castel, 2004; Battistelli e Paci, 2008), si inseriscono le migrazioni, che Sayad definisce un “fatto sociale totale”, dato che riguardano “tutte le sfere dell’essere umano e delle sue interazioni con l’universo economico, sociale, politico, culturale e religioso in cui vive” (Palidda, in Sayad, 2002).

6L’immigrazione, infatti, influenza una molteplicità di fenomeni nei Paesi di accoglienza, tra cui la sicurezza. Concentrandoci su quest’ultima, ciò avviene a livello reale, con la connessione tra immigrazione e criminalità (Dal Lago, 1999; 2012; Solivetti, 2012; Barbagli, 2008); a livello percepito, con l’impatto sul senso di insicurezza dei cittadini (Eurobarometro, 2014; Osservatorio Europeo sulla sicurezza, 2015) e, infine, con interventi di policy collocabili nell’ambito della “sicurezza urbana” e orientati all’inclusione di soggetti marginali nel tessuto urbano (Battistelli, 2011). In tale alveo concettuale riteniamo possano rientrare le misure di accoglienza adottate nei confronti di rifugiati e richiedenti asilo, la cui condizione di vulnerabilità comporta rischi di esclusione sociale e devianza.

7Il locale, la città in particolare, nell’“era delle migrazioni” (Castles e Miller, 2012), diviene dunque l’epicentro delle dinamiche generate dalla presenza immigrata. Proprio per questo motivo, esso ha un ruolo decisivo nel rispondere alle sfide globali (Castel, 2004; Caponio, 2006; Augé, 2006; Sassen 2008; Catarci, 2012).

8L’accoglienza dei migranti è più complessa quando avviene in quei quartieri “sensibili” della città contemporanea come le periferie urbane, dove linee di sviluppo “duale” (Borja e Castells, 2002) si fanno evidenti e nelle quali compaiono problemi come povertà economica, carenze in materia di viabilità, trasporti, servizi pubblici, deprivazione socio-culturale, criminalità diffusa, degrado urbano, difficile integrazione inter-etnica (Tacchi, in Bichi e Cesareo, 2010). Fenomeni questi, che aumentano i rischi di esclusione sociale dei residenti e aumentano l’insicurezza, sentimento che l’arrivo della popolazione straniera può acuire (Huysmans, 2000; 2006; Cotesta, 1995; 2012; Galantino, 2015).

9Questo capitolo vuole approfondire quanto accaduto nella periferia di Roma dove, tra il 2014 e il 2015, la presenza immigrata sul territorio ha contribuito all’emergere di situazioni conflittuali in diversi quartieri periferici della Capitale. In particolare sarà esaminato il quartiere della periferia Est della Capitale denominato Tor Sapienza, dove tali dinamiche sembrano essere ancora più evidenti. Dopo una descrizione dei flussi migratori che interessano l’Italia, verrà analizzato il Sistema italiano di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) che, istituito con la legge n. 189 del 2002, rappresenta il “soggetto di riferimento principale delle politiche dell’asilo in Italia” (Ambrosini e Marchetti, 2008: 150). Infine, dopo l’introduzione del contesto territoriale e dei fatti verificatisi, verranno presentati alcuni risultati della ricerca sul campo.

L’immigrazione in Italia: dallo sbarco all’accoglienza

10Dopo un secolo d’emigrazione, negli ultimi 25 anni l’Italia è passata dai 356.159 stranieri regolarmente residenti del 1991 ai circa 5 milioni attuali, pari all’8,3% della popolazione. La vicinanza dell’Italia con alcune delle aree più instabili del pianeta, come i Balcani negli anni Novanta e il Mediterraneo oggi, ha determinato l’arrivo di migliaia di migranti che, esponendosi al rischio di attraversare il mare con imbarcazioni di fortuna, sono alla ricerca di migliori condizioni di vita (Ambrosini, 2009).

11Attualmente, si registra in Italia una forte pressione sulla rotta migratoria centrale europea che, passando dalla Libia fino alle Sicilia, congiunge le due sponde del Mediterraneo. Un processo iniziato nel 2008, con l’arrivo dal mare di 36.951 persone, il quale è proseguito negli anni. Infatti, dopo il calo degli arrivi nel 2009 (9.573) e nel 2010 (4.406) a seguito dei respingimenti in mare effettuati congiuntamente dalle autorità libiche e italiane, nel 2011 sono approdati sulle coste della Sicilia 62.692 migranti.

12Il 2011 può essere considerato un anno cruciale per l’evolversi della situazione sull’intera area del Mediterraneo. Infatti, la venuta delle Primavere Arabe e della crisi libica apre ad una stagione di instabilità nella sponda Sud del Meditterraneo: ciò determina in Italia il primo picco degli arrivi e segna l’inizio sia di una gestione emergenziale del fenomeno sia di una crescente preoccupazione nel dibattito pubblico nei confronti dei flussi migratori (Galantino, 2015).

13Dopo la flessione del 2012 (13.267) e i 42.925 sbarchi nel 2013, nel biennio 2014-2015 gli arrivi via mare crescono ad un ritmo mai registrato fino a quel momento, a seguito dell’aumento dell’instabilità in Paesi quali Siria, Iraq, Sud Sudan, Libia, Somalia, Eritrea, Nigeria, Repubblica Centrafricana, che rappresentano i principali Paesi di provenienza dei migranti in arrivo in Italia. Si calcola che nel 2014 siano giunte in Italia 170.100 persone. Nei primi 9 mesi del 2015 gli sbarchi sono stati 121.500 (Anci et al., 2015).

14A questi numeri l’Italia risponde con l’implementazione del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR), formato dalla rete degli enti locali che, volontariamente, accedono al Fondo Nazionale per le politiche e i servizi dell’Asilo del Ministero dell’interno. Responsabile dello SPRAR è l’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) coordinatore dell’organo operativo del Sistema, cioè il “Servizio Centrale di informazione, promozione, consulenza, monitoraggio e supporto tecnico”.

15Richiedenti asilo, rifugiati, titolari di protezione sussidiaria e umanitaria (Anci et al., 2015; Benedetti, 2010) sono i destinatari degli interventi, realizzati da un sistema di multilevel governance (Caponio, 2006; Franceschetti, 2010) che vede la sinergia tra governo centrale, enti locali e realtà del Terzo Settore (Servizio Centrale, 2012; Anci e al. 2015).

16Una volta che i beneficiari accedono alla rete dello SPRAR dopo le segnalazioni pervenute al “Servizio Centrale”, da soggetti coinvolti a vario titolo nella rete locale dell’accoglienza, nei loro confronti sono attuati interventi di “accoglienza integrata” che prevedono, oltre alla concessione di vitto e alloggio per i beneficiari della protezione, “percorsi di accompagnamento sociale finalizzati alla conoscenza del territorio e all’effettivo accesso ai servizi locali” (Catarci, 2012: 91).

17Obiettivo finale dell’accoglienza è rendere i migranti capaci di provvedere autonomamente a sé stessi e alle proprie famiglie una volta usciti dal circuito dello SPRAR. Per questo motivo sono favoriti “i processi di empowerment dei singoli e delle famiglie” (Servizio Centrale, 2012: 28).

18Pertanto, ai beneficiari sono offerti servizi di assistenza sanitaria e sociale, inserimento scolastico dei minori, mediazione linguistica e interculturale, orientamento e informazione legale, servizi per l’alloggio, formazione professionale, inserimento lavorativo e partecipazione ad attività multiculturali (Servizio Centrale, 2008; Sprar, 2014). Nel corso degli anni lo SPRAR ha progressivamente ampliato la propria rete. In particolare, nel triennio 2014-2016, essa è formata da 345 Comuni, 30 Province e 7 Unioni di Comuni, per un totale di 434 progetti di accoglienza e 20.744 posti finanziati. Questi numeri mostrano una realtà eterogenea al suo interno che determina la coesistenza, sul territorio nazionale, di situazioni positive con altre conflittuali, queste ultime oggetto d’interesse del presente capitolo.

Situazioni di conflitto a Roma: il caso di Tor Sapienza

  • 2 Progetti di Rilevante Interesse Nazionale

19Nel paragrafo sono presentati i risultati della ricerca PRIN2 “La politica estera italiana di fronte alle nuove sfide del sistema internazionale: attori, politiche, istituzioni”, realizzata dall’unità di ricerca della Sapienza Università di Roma, Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche (DISSE), e volta all’analisi dell’interazione tra aspetti esterni e interni dell’insicurezza, con particolare attenzione sull’immigrazione come nuova sfida.

20La ricerca, a cui collabora chi scrive, analizza la relazione tra residenti autoctoni e i migranti del centro d’accoglienza dello SPRAR presente nel quartiere romano di Tor Sapienza il quale, dall’autunno 2014, è stato protagonista di una serie di episodi conflittuali tra i suoi ospiti e la popolazione autoctona della zona. Il presente lavoro sintetizza i risultati della fase di scouting, finalizzata al successivo approfondimento del tema sia quantitativamente, attraverso un sondaggio d’opinione effettuato su un campione rappresentativo di residenti, sia qualitativamente mediante la realizzazione di un “esperimento deliberativo”, ispirato al metodo partecipativo della “giuria dei cittadini” (Crosby e al., 1986) che ha visto un gruppo di cittadini residenti a Tor Sapienza esprimere indicazioni sui fattori che possono facilitare la convivenza tra autoctoni e stranieri sul territorio.

21Seguendo un approccio di ricerca di stampo qualitativo è stata indagata la percezione di testimoni privilegiati del contesto locale di riferimento relativamente alle seguenti aree tematiche: le motivazioni che hanno portato all’emersione del conflitto con i migranti, le relazioni tra i diversi attori nel quartiere e quelle tra il centro d’accoglienza e l’esterno e, infine, la presenza delle istituzioni sul territorio. Nel periodo compreso tra il dicembre 2014 e aprile 2015 sono stati condotti dall’autore e dagli altri componenti dell’unità di Ricerca del DISSE - composta da Fabrizio Battistelli, direttore scientifico della ricerca, Francesca Farruggia, Maria Grazia Galantino, Giuseppe Ricotta - un focus group con gli operatori della cooperativa “Il Sorriso” e 5 interviste semi-strutturate con i seguenti testimoni privilegiati del contesto locale: i rappresentanti dei Comitati di Quartiere “Tor Sapienza” e “Morandi-Cremona”, quelli delle associazioni culturali “Antropos” e “Morandi a Colori” operanti da anni nell’area degli scontri e, infine, dell’associazione culturale “Museo dell’Altro e dell’Altrove-Metropoliz”.

Il contesto territoriale

22Tor Sapienza sorge nel quadrante Est di Roma, tra la via Prenestina e il tratto urbano della A24, nel V Municipio di Roma Capitale. Al 31 dicembre 2013 la popolazione residente era di 12.713 cittadini.

23Il quartiere è nato negli anni Venti del ‘900 grazie al ferroviere antifascista Michele Testa, fondatore della “Cooperativa Tor Sapienza dell’ Agro Pontino” che costruì vicino la stazione dei treni le prime 25 abitazioni.

24Con il boom economico Tor Sapienza accolse le sedi di industrie trasferitesi dal quartiere Ostiense come Voxon, Peroni, Litograf, Fiorucci, la cui presenza innescò l’arrivo di lavoratori del Centro e del Sud Italia. In quegli anni, pertanto, si va consolidando un quartiere operaio che può essere definito a misura d’uomo. Dalla metà degli anni Settanta, tuttavia, inizia il declino, dovuto alla chiusura delle fabbriche, e al conseguente peggioramento della situazione socio-economica della popolazione residente. Parallelamente, arrivano i nuovi insediamenti abitativi intensivi, come il comprensorio di edilizia popolare dell’ATER di viale Morandi. Negli anni Novanta, nelle immediate vicinanze (3 km) del quartiere sorgono i campi rom Salviati I e II, che si aggiungono all’insediamento detto “della Martora” e a quello di via Amarilli, nell’adiacente quartiere di Tor Cervara. Sul finire degli Anni Novanta e nel corso degli anni Duemila, in edifici già esistenti, vengono insediati i centri d’accoglienza per rifugiati e richiedenti asilo. Tra le strutture d’accoglienza per migranti si segnala il centro SPRAR di viale Morandi per minori e adulti gestito dalla Cooperativa sociale “Il Sorriso”, impegnata dal 2000 nel contrasto all’esclusione sociale e nell’accoglienza a Roma. Tra le altre strutture, nel raggio di 2 km sono presenti il Centro Accoglienza Richiedenti Asilo (CARA) di via Staderini e quello di via Collatina, rispettivamente nei quartieri limitrofi di Tor Tre Teste e La Rustica.

25Infine, negli ultimi anni Tor Sapienza ha visto sorgere i movimenti per la casa, tra i quali si segnala l’insediamento di “Metropoliz Città meticcia”, nome che famiglie italiane e straniere hanno dato all’ex fabbrica Fiorucci, da loro occupata nel 2009 e al cui interno è nato il “Museo dell’altro e dell’Altrove”. Un’altra occupazione è quella dell’ex chiesa di San Cirillo da parte del gruppo Resistenza Abitativa Metropolitana (Ram).

26Dagli anni Ottanta, dunque, nel quartiere inizia un processo di “separazione fisica e sociale delle popolazioni con difficoltà economiche e quella della popolazione migrata qui da altri continenti” (Goni Mazzitelli, 2014).

I giorni delle proteste

27Alla fine del 2014 Tor Sapienza sale alla ribalta delle cronache per la rivolta anti-immigrati. Le proteste partono nella notte tra il 10 e l’11 novembre 2014 dopo la notizia circolata tra i residenti di un tentato stupro ai danni di una giovane donna del quartiere. I residenti mettono a fuoco cassonetti e lanciano sassi verso il centro d’accoglienza SPRAR di viale Giorgio Morandi che ospita in quel momento 45 minori stranieri e 35 adulti. L’11 novembre la rivolta prosegue, con 70-80 persone che tentano l’assalto al centro lanciando bombe carta e dando fuoco a cassonetti ed automobili.

28Motivo della protesta, stando a quanto affermato in quei giorni da Tommaso Ippoliti, Presidente del Comitato di quartiere Tor Sapienza, il fatto che “da anni questa borgata è stata abbandonata, non si può uscire la sera e ultimamente le aggressioni e i furti sono aumentati. Chiediamo più sicurezza” (Il Fatto Quotidiano, 12 novembre 2014).

29Quanto accaduto non è passato inosservato. Da parte delle autorità viene dato ordine di disporre un presidio fisso formato da poliziotti e carabinieri e, dopo nuove tensioni, la mattina del 12 novembre i minori vengono trasferiti in un’altra struttura. A livello locale, sulla spinta di quanto accaduto, nasce il comitato di quartiere “Morandi-Cremona”, dal nome delle vie protagoniste delle rivolte. Questo Comitato nasce con l’intento di farsi portavoce dei problemi e dei malesseri dei residenti della zona limitrofa a viale Morandi (Bogliolo e Lombardi, 15 novembre 2015).

30A gennaio 2015, durante un’iniziativa promossa dall’associazione “Morandi a colori” in collaborazione con il Centro d’accoglienza, la quale prevedeva la messa a dimora di un ulivo della pace, divampano nuove proteste nei confronti del centro, che portano l’assessore per le Politiche Sociali di Roma Capitale Francesca Danese a prendere l’impegno di “trasferire i rifugiati per il loro bene e per riportare la coesione sociale” (Bogliolo, 19 gennaio 2015).

31La situazione riesplode definitivamente a marzo quando nuove tensioni, dovute probabilmente alle lettere di sfratto ricevute da alcuni residenti del complesso Ater di viale Morandi, portano al trasferimento degli ultimi migranti presenti nel centro e, successivamente, alla sua definitiva chiusura.

Percezione di insicurezza e immigrazione a Tor Sapienza. Uno studio di caso

32Le interviste sono state condotte con l’intenzione di comprendere le ragioni della protesta, partendo dal racconto di quei giorni. A tal proposito, nel corso del focus group, una operatrice del centro d’accoglienza ha fatto riferimento alla “fine della tolleranza da parte del quartiere”. Altri operatori hanno collegato le proteste alla “presenza del razzismo, sebbene non bisogna generalizzare” e alla specificità di viale Giorgio Morandi, “una zona degradata di un quartiere non degradato e che non vuole agenti esterni”.

33Infatti, nell’area di viale Giorgio Morandi convivono problemi quali l’alta densità abitativa, il forte stato di degrado dei complessi di edilizia pubblica, una povertà urbana non solo economica, ma “culturale e relazionale”, dovuta alla presenza di “comunità isolate e network sociali frammentati” (Troisi, 2015), disoccupazione, illegalità (Elisei, d’Orazio, Prezioso, 2014). Tali criticità, che rendono l’area adiacente a viale Morandi particolarmente problematica, hanno portato all’attivazione sul territorio del progetto “Urban Reblock Tor Sapienza”, nell’ambito del programma europeo “Urbact II” volto alla rigenerazione di spazi urbani a rischio marginalità, con l’obiettivo di migliorare la qualità di vita dei residenti di questa area, mediante un piano di azione locale che vede coinvolta nella veste di capofila l’università di Roma Tor Vergata e diverse organizzazioni territoriali (Troisi, 2015).

34In tale quadro si inseriscono le dinamiche innescate dalla presenza dei migranti ospiti del Centro, in particolare dei minori. Stando alle parole degli intervistati, è possibile ricondurre le ragioni dell’antagonismo a due fattori principali: il primo si collega ad una serie di comportamenti attribuiti ai migranti e riconducibili alla categoria delle inciviltà, che incidono sulla qualità dell’ambiente e sul senso di sicurezza dei residenti. Il secondo elemento è la percezione del migrante come beneficiario di “privilegi” (accesso ai servizi sociali, vitto e alloggio) negati a cittadini italiani.

35Per quanto riguarda la dimensione delle incivilties, il rappresentante dell’associazione “Morandi a colori” ricorda di aver sentito dire da alcuni residenti che i migranti “spesso mangiavano al parco il cibo pre-confezionato e non pulivano, comportando un accumulo di sporcizia”. Sulla stessa lunghezza d’onda è quanto affermato dall’operatore dell’associazione “Antropos”, per il quale “il problema è sorto su situazioni relative al quotidiano come insulti, macchine rotte” - lamentate dai residenti nei confronti dei migranti - e “sulle dinamiche da ‘pischelli’ dovute all’inserimento di 37 minori nel quartiere”. Tale dato trova la sua conferma dagli operatori del centro d’accoglienza, per cui il “rumore fatto dai minori, più agitati rispetto agli adulti” è tra le principali cause delle lamentele del quartiere. Il rappresentante del Comitato Morandi-Cremona, invece, racconta che gli ospiti del centro “giravano nudi davanti le finestre, costringendo i residenti a vedere spettacoli indecenti”.

36È sempre il portavoce del Comitato a introdurre il tema della disparità di trattamento tra italiani e stranieri. Infatti, “lo straniero è assistito mentre gli italiani non arrivano a fine mese. In un quartiere dove il reddito è basso la gente è molto sensibile a questo aspetto: vedi uno straniero coccolato, che butta il cibo nei secchioni e un vicino senza luce, [senza] riscaldamenti e che non può pagare le bollette a fine mese”. Su questa linea è anche il rappresentante del Comitato di Quartiere Tor Sapienza: “non vedo razzismo ma gente arrabbiata per la disparità di trattamento, sia tra italiani, sia tra italiani e stranieri, sia tra gli stranieri”. Una interpretazione confermata anche dal rappresentante di “Metropoliz”, secondo cui “non c’è nessun pregiudizio particolare contro le culture “altre” ma c’è un pregiudizio enorme contro la povertà che dà fastidio perché è lo specchio del nostro futuro prossimo. Esorcizziamo chi rovista nel cassonetto, solo perché sai che quello è il tuo futuro prossimo”. Tuttavia, la totalità degli attori intervistati ritiene che la presenza del Centro sia solo una delle questioni che interessano il quartiere e, probabilmente, non la più urgente. Come spiega l’esponente del Comitato Tor Sapienza, “da 20 anni viviamo con hotel occupati, centro di rifugiati politici, due campi rom di cui uno tollerato e l’altro abusivo. Per quanto riguarda gli immigrati, Tor Sapienza ha sempre convissuto con loro, ma quando in un quartiere convivono 1, 2, 3, 5, 10 pentole bollenti prima o poi qualcosa accade, anche perché non tutti sono ben integrati, non c’è lavoro e non tutti vanno a scuola. Qui i campanelli d’allarme c’erano ma non pensavamo fino a questo punto. Non credo che il problema di Tor Sapienza siano 40 profughi”.

37Tra i problemi di Tor Sapienza, la presenza della popolazione Rom sembra essere il più pressante, per i “problemi di sicurezza, roghi, furti” che secondo i residenti, questa comporta. Della stessa opinione è il rappresentante del Comitato Morandi-Cremona per cui, tuttavia, “noi (residenti nell’area adiacente a viale Morandi) abbiamo altri problemi, come la potatura degli alberi dentro Giorgio Morandi dove non c’è più illuminazione, la cura delle fogne e i rifiuti, però comune a tutta Roma. In più abbiamo fatto l’iniziativa degli orti urbani per strappare la terra occupata da clandestini e rom”.

38Dalle interviste emerge con chiarezza il tema della “separatezza” esistente, sia a livello fisico sia a livello sociale, tra il quartiere “storico” e la zona dei “palazzoni” dell’Ater in viale Morandi. La divisione è provocata dalla mancanza di collegamenti stradali tra le due aree del quartiere e dalla disparità nell’offerta di attività commerciali e servizi, che rendono l’area di viale Morandi “un quadrante che ha vissuto sempre in modo fine a sé stesso”. Tutto ciò si traduce in un atteggiamento di diffidenza tra i residenti, come sostiene l’esponente del Comitato Morandi-Cremona: “dopo tanti anni ho capito che quelli di Tor Sapienza chiamano in senso dispregiativo chi abita in questa parte “quelli dei palazzoni”. Loro non vengono mai qui perché non abbiamo nulla mentre noi scendiamo [da loro] per i servizi”.

39Un ulteriore elemento di interesse è l’assenza di relazioni tra il centro d’accoglienza e le realtà culturali e sociali del quartiere. Infatti, come raccontano gli operatori del centro “i [minori richiedenti asilo] vanno a scuola a Centocelle e a Pietralata, fanno formazione all’Infernetto e lavorano fuori dal quartiere”. L’operatore di Antropos spiega che “si è provato a far delle cose insieme ma non si è arrivati a nulla”. Dello stesso parere è il Comitato Morandi-Cremona, che parla di “rapporti inesistenti con gli operatori del centro”. Unico contatto tra il Centro d’accoglienza e la realtà locale sono i progetti teatrali con il “Morandi a Colori”, sebbene “non sia facile trovare occasioni di confronto perché loro sono impegnati con le attività di formazione in posti diversi da Tor Sapienza”.

40Infine, il rapporto con le istituzioni, di cui gli intervistati denunciano l’assenza. Secondo il rappresentante di “Morandi a Colori”, tale situazione è figlia della “mancanza di progettualità della politica a Roma, che ha sempre cercato di accontentare piuttosto che progettare”. Per il Comitato Tor Sapienza, “la vicinanza e l’intervento delle istituzioni potrebbero rendere il quartiere migliore. Il problema è l’abbandono delle istituzioni”. Al momento, tuttavia, le proteste hanno determinato una maggiore presenza sul territorio dell’amministrazione comunale, che sembra aver trovato nel Comitato Morandi-Cremona un interlocutore privilegiato nella lotta al degrado e nella riqualificazione dell’intera zona. Come spiega il suo esponente, “abbiamo proposto una serie di azioni da fare assieme, dando un interlocutore al sindaco Marino”. Una modalità di gestione della conflittualità considerata tuttavia rischiosa poiché, come sostiene l’operatore di Antropos, “il sindaco è avulso dal contesto territoriale, a differenza dell’amministrazione municipale”.

Osservazioni conclusive

41Dalla ricerca realizzata a Tor Sapienza emergono situazioni altamente conflittuali, all’interno delle quali la presenza di un centro SPRAR ha la funzione di detonatore.

42Dalle interviste appare che, “paradossalmente”, non è l’immigrazione la priorità nelle emergenze del quartiere, alle prese con questioni più urgenti; infatti, agli occhi dei residenti autoctoni sembrano avere un’importanza maggiore gli insediamenti della popolazione rom. Inoltre, i residenti manifestano il loro fastidio nell’assistere alle condizioni abitative precarie esistenti all’interno dei “campi rom”, che sembrano incidere negativamente sulla qualità della vita nel quartiere. Le proteste nei confronti del centro, tuttavia, sembrano aver dato ai residenti di Tor Sapienza l’opportunità di far sentire la propria voce alle istituzioni, di cui lamentano fortemente l’assenza. Queste proteste, quindi, più che essere semplicemente azioni contro la presenza dei migranti, possono essere intese come un tentativo violento ed esasperato di iniziare un percorso di riqualificazione dello spazio urbano. Sulle motivazioni che hanno portato alle tensioni, nelle interviste una serie di incivilties nel quartiere sono imputate ai minori ospiti del centro d’accoglienza. Tali comportamenti, pur non essendo dal punto di vista giuridico reati, incidono fortemente sul senso di insicurezza (Battistelli, 2011) e sono meno tollerati se a commetterli è l’outsider (Becker, 1963), che diventa “il personaggio rappresentativo della crescente illegalità” (Dal Lago, 2012: 118).

43Dai dati raccolti nel corso della ricerca emerge il senso di ingiustizia percepito dai residenti, conseguenza diretta della loro condizione sociale. Si può affermare che ad aver innescato il conflitto sia stata la presenza dei migranti del centro di accoglienza, considerati dai residenti come “competitor sul mercato del lavoro e per la distribuzione dei beni sociali” e “illegittimi richiedenti o riceventi di diritti socio-economici” (Huysmans, 2006: 77). Un atteggiamento che, in accordo alle ricerche sul tema, si mostra più forte nei confronti di richiedenti asilo e rifugiati, poiché il loro status ne impedisce l’accesso immediato al mercato del lavoro e li rende dipendenti dalle prestazioni sociali (Bloch, 1999; Block e Schuster, 2002;, Dancygier, 2010; Geddes, 2003; Phillimore e Godson, 2006).

44In conclusione, il caso di Tor Sapienza conferma la natura polisemica del concetto di “sicurezza urbana” che, a differenza dei tradizionali concetti di “sicurezza nazionale” e “sicurezza pubblica”, non guarda esclusivamente alla tutela dell’ordine pubblico ma comprende un ampio spettro di fenomeni e ambiti di intervento (Selmini, 2004). Per questo motivo, l’analisi mette in luce come sia opportuno coinvolgere, nella progettazione degli interventi, i molteplici attori che condividono il contesto locale (società civile, Terzo Settore, forze dell’ordine a competenza nazionale e locale, servizi pubblici territoriali, enti locali), per un’azione integrata orientata all’ascolto dei bisogni della cittadinanza e delle minoranze etniche, al miglioramento delle relazioni tra i vari attori del territorio e ad una soluzione condivisa dei problemi presenti nel quartiere.

Bibliographie

Ambrosini, M. (2009) Richiesti e respinti. L’immigrazione in Italia, come e perché. Il Saggiatore: Milano.

Anci, & Caritas Italiana, & Cittalia, & Fondazione Migrantes, & SPRAR, & UNHCR (2015) Rapporto sulla protezione internazionale in Italia 2015. Roma.

Battistelli, F. & Paci, M. (2008) Sicurezza e insicurezza nella società contemporanea. Sociologia e ricerca sociale, 85, 5-21.

Battistelli, F. (2008) La fabbrica della sicurezza. Angeli: Milano.

Battistelli, F. (2011) Sicurezza urbana: il paradosso dell’insicurezza e il dilemma della prevenzione. Rassegna Italiana di Sociologia, 57, 201-228.

Barbagli, M. (2008), Immigrazione e sicurezza in Italia. Il Mulino: Bologna.

Bauman, Z. (1999) La Società dell’incertezza. Il Mulino: Bologna.

Bauman Z. (2011) Modernità liquida. Laterza: Bari-Roma.

Bauman, Z. (2003) La solitudine del cittadino globale. La Feltrinelli: Milano.

Beck, U. (1986) La società del rischio. Verso una seconda modernità, Carocci: Roma.

Becker, H. S. (1997) Outsiders Saggi di sociologia della devianza, Gruppo Abele: Torino.

Benedetti, E., (2010) Il diritto di asilo e la protezione dei rifugiati nell’ordinamento comunitario dopo l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona, Cedam: Milano.

Bichi, R. & Cesareo, V. (2010) Per un’integrazione possibile. Periferie urbane e processi migratori. Angeli: Milano.

Bloch, A (1999) Refugee settlement in Britain: the impact of policy on participation. Journal of ethnic and migration studies, 26, 75-88.

Bloch, A., & Schuster, L. (2002) Asylum and welfare: contemporary debates. Critical Social Policy, 22, 393-414.

Bogliolo, L. (19 gennaio 2015) Tor Sapienza: riesplode la rabbia. Il Messaggero.

Bogliolo, L. & Lombardi, M. (15 novembre 2014) Caos immigrati Marino contestato a Tor Sapienza: “ci metto la faccia”. Il Messaggero.

Borja J., & Castells M. (2002) La città globale. De Agostini: Novara.

Caponio, T. (2006) Città italiane e immigrazione. Discorso pubblico e politiche a Milano, Bologna e Napoli. Il Mulino: Bologna.

Castel, R. (2004) L’insicurezza sociale. Che significa essere protetti?. Einaudi: Torino.

Castles, S., & Miller, M. J. (2012) L’era delle migrazioni. Popoli in movimento nel mondo contemporaneo. Odoya: Bologna.

Catarci, M. (2012) L’integrazione dei rifugiati. Formazione e inclusione nelle rappresentazioni degli operatori sociali. Angeli: Milano.

Cotesta, V. (1995) Noi e loro. Immigrazione e nuovi conflitti metropolitani. Rubbettino: Soveria Mannelli.

Cotesta, V. (2012) Sociologia dello straniero. Carocci: Roma.

Crosby N., & Kelly J. M., & Schaefer P. (1986) Citizens Panels: a new approach to citizen participation. Public Management Forum, 170-179.

Dal Lago, A. (1999) La tautologia della paura. Rassegna Italiana di Sociologia, 40, 5-41.

Dal Lago, A. (2012) Non persone. L’esclusione dei migranti in una società globale. Feltrinelli: Milano.

Dancygier, R. M. (2010) Immigration and conflict in Europe. Cambridge University Press: New York.

Elisei P., & D’Orazio A., & Prezioso M. (2014) Smart Governance Answers to Metropolitan Peripheries: Regenerating the Deprived Area of the Morandi Block in the Tor Sapienza Neighbourhood (Rome), http://www.corp.at/archive/CORP2014_161.pdf.

Eurobarometro (2014) Public Opinion in the European Union, http://ec.europa.eu/commfrontoffice/publicopinion/archives/eb/eb81/eb81_en.htm.

Farruggia, F., & Ricotta, G. (2010) Sicurezza urbana e periferie. Due studi di caso a Roma. Aracne: Roma.

Franceschetti, L. (2010) L’integrazione degli immigrati tra rescaling istituzionale e sussidiarietà orizzontale. Il caso di Roma. Aracne: Roma.

Galantino, M. G. (2010) La società della sicurezza. La costruzione sociale della sicurezza in situazioni di emergenza. Angeli: Milano.

Galantino, M. G. & Ricotta G. (2014) Domanda di sicurezza e politiche locali. Il caso del Lazio. Angeli:, Milano.

Galantino, M. G. (2015) Immigration as a threat for security? The Italian media debate and the Lybian crisis. Paper presented at the SGRI conference 2015, Trento.

Geddes, A. (2003) Still beyond fortress Europe? Patterns and pathways in EU migration policy. Queen’s paper on Europeanisation, 4, 1-22.

Goni Mazzitelli, A. (16 novembre 2014) Perché Tor Sapienza. Comune info, http://comune-info.net/2014/11/perche-tor-sapienza/.

Il Fatto Quotidiano (12 novembre 2014) Roma, scontri a Tor Sapienza: rivolta anti-immigrati, http://tv.ilfattoquotidiano.it/2014/11/12/roma-notte-di-scontri-a-tor-sapienza-bombe-carta-contro-polizia/310961/.

Huysmans, J, (2000) The European Union and the securitization of migration. Journal of Common European Market Studies, 38, 751-777.

Huysmans, J. (2006) The politics of insecurity. Fear, migration and Asylum in the EU. Routledge: London.

Maneri, M. (2001) Il panico morale come dispositivo di trasformazione dell’insicurezza. Rassegna Italiana di Sociologia, 43, 5-40.

Melucci, A. (1994) Passaggio d’epoca. Il futuro è adesso. Feltrinelli: Milano.

Osservatorio Europeo sulla Sicurezza (2015) Nella “terra di mezzo” fra terrore globale e paure quotidiane.

Palidda, S., “Introduzione all’edizione italiana”, in Sayad (2002).

Phillimore, J. & Goodson, L. (2006) Problem or opportunity? Asylum seekers, refugees, employment and social exclusion in deprived urban areas. Urban Studies, 43, 1715-1736.

Sassen, S. (2008) Una sociologia della globalizzazione. Einaudi: Torino.

Sayad, A. (2002) La doppia assenza. Dalle illusioni dell’emigrato alle sofferenze dell’immigrato. Cortina: Firenze.

Selmini, R. (1999) Sicurezza urbana e prevenzione della criminalità: il caso italiano, Polis, 13, 121-142.

Selmini R. (2004) La sicurezza urbana, Il Mulino, Bologna.

Solivetti, L. (2012) Immigrazione, società e crimine. Dati e considerazioni sul caso Italia, Il Mulino: Bologna.

Tacchi, E. M. (2010) Problemi e prospettive dell’integrazione sociale nelle aree urbane deboli, in Bichi, R. & Cesareo, V. (2010).

Troisi R. (18 febbraio 2015) La periferia fatta da noi. Comune Info, http://comune-info.net/2015/02/tor-sapienza-3.

Notes

2 Progetti di Rilevante Interesse Nazionale

Auteur

Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche, Sapienza Università di Roma – daniele.ferretti@uniroma1.it

© Ledizioni, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr