Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Sicurezza in città: pratiche di controllo all'interno dello spazio urbano

 | 
Sebastian Saborio

La polizia locale tra gestione dell’immigrazione e controllo del territorio

Giulia Fabini

Résumé

This article examines how city police officers carry out ID checks in Bologna, Italy. It is based on in depth, on-to-one interviews with city police officers and documented/undocumented migrants. The case study sheds light on city police officers discretionarily enforcing the immigration law in Bologna for the purpose of territory control rather than undocumented immigration control. The police carry out ID checks following citizens’ requests for “security” and to put an end to the so called “incivilities” often using the law as a tool to move undocumented migrants from the public space. Far from being neutral concepts, urban security, decorum, and public space are defined through police practices.

Texte intégral

Introduzione

1Questo lavoro analizza l’interazione tra migranti e polizia locale nei momenti in cui avvengono i controlli dei documenti in un contesto locale, la città di Bologna, mettendo in luce l’utilizzo discrezionale della normativa sull’immigrazione da parte della polizia locale. Verrà dimostrato come la normativa sembra venire applicata più per finalità di controllo del territorio che non di controllo dell’immigrazione irregolare di per sé.

  • 1 Come tali, la maggior parte dei migranti irregolari in Italia non possono essere individuati dalle (...)

2Ipotizzo che il controllo dell’immigrazione irregolare in Italia avvenga principalmente durante l’attività di controllo del territorio, piuttosto che ai confini. Infatti, il 75% dei migranti irregolari presenti in Italia sono over-stayers (EMN, 2012), ovvero migranti entrati regolarmente, di norma con un visto turistico, e divenuti irregolari in un momento successivo, cioè non lasciando il paese alla scadenza del visto1.

3È la polizia che ha il compito di individuare il migrante irregolare durante l’attività di controllo del territorio urbano e che compie il primo passo nel processo di criminalizzazione, proponendo la fattispecie di reato che poi viene generalmente accolta come tale dai giudici (Mosconi, Padovan, 2005; Quassoli, 2002; Campesi, 2003). Inoltre, è alla polizia che viene demandata, quasi esclusivamente, l’attuazione della normativa sul controllo dell’immigrazione, dalle procedure di ingresso e di permanenza a quelle di espulsione (cf. Weber, Bowling, 2011). Le polizie – anche quella locale – selezionano i migranti nei confronti dei quali applicare la legge sull’immigrazione. Questo lavoro prende in considerazione l’applicazione della normativa sull’immigrazione solo nella parte riguardante le espulsioni, tralasciando, quindi, tutto ciò che concerne le procedure di richiesta di permesso di soggiorno o di asilo.

4In questo saggio ipotizzo che la legge sull’immigrazione, nella sua applicazione a livello locale, non divenga altro che uno dei molti strumenti normativi in mano tanto alla polizia locale quanto alle altre polizie per rispondere alle richieste di sicurezza e di contrasto al “degrado” avanzate dai residenti; compiti questi sempre più centrali per i governi locali, non solo in Italia ma anche a livello globale (Ricotta, 2015).

5Se è vero che i processi di securitizzazione urbana vengono accettati dalla popolazione solo laddove vengono percepiti da questa come necessari per garantire la sua sicurezza (Saborio, 2014), troppo spesso la domanda di sicurezza in Italia è stata declinata come richiesta di liberare lo spazio urbano dalla presenza dei migranti, quasi fossero un disturbo o un pericolo per il solo fatto di esserci e di esistere. Una richiesta di apparente invisibilità, quindi, unita però alla oramai diffusa consapevolezza della necessaria e quasi irrinunciabile presenza di migranti irregolari in ampi settori dell’economia sommersa italiana, quali i settori agricolo, edile e soprattutto della cura alla persona (Calavita, 2005; Colombo, Sciortino, 2004; Ambrosini, 2015).

  • 2 La presente ricerca è stata svolta in un periodo storico successivo, in cui questi processi si eran (...)

6A livello locale, sicurezza urbana e controllo dell’immigrazione si confondono profondamente. Questo capitolo si propone di fare ordine tra le due sfere di pertinenza nelle loro reciproche implicazioni. La crescente centralità che il tema della sicurezza guadagna all’interno del dibattito pubblico trova massima espressione nelle retoriche di contrasto all’immigrazione irregolare sviluppatesi a partire dagli anni Novanta, figlie, a loro volta, delle retoriche sulla criminalità diffusesi negli Stati Uniti dalla metà degli anni Settanta2.

7In quegli anni, gli Stati Uniti vengono scossi da una rivoluzione neoliberista (in ambito economico) e neoconservatrice (in ambito politico) senza precedenti (Garland, 2004): si assiste alla fine del sistema di produzione fordista e al passaggio ad un nuovo sistema produttivo, contestualmente all’erosione dello stato sociale, mentre si fanno spazio retoriche che, rispetto alla condizione di povertà, insistono sulla responsabilità individuale e sulla ridefinizione della questione criminale come problema di edificazione morale, con l’effetto, tra gli altri, di aumentare la divisione di classe e razziale all’interno della società americana. (Melossi, 2002; Wacquant, 2006). In questo contesto si situa la trasformazione nel controllo della criminalità: l’e-mergere di un clima culturale ipervigilante, ambivalente e insicuro, clima nel quale la criminalità ha iniziato ad essere attribuita solo alle frange più disagiate della popolazione e alle minoranze etniche: un problema di indisciplina, di mancanza sia di autocontrollo da parte degli individui che, più in generale, di controllo sociale. “Sicurezza” diviene la nuova parola d’ordine, incidere sul sentimento di paura la nuova ossessione. Si governa attraverso la paura (Simon, 2008) e allo Stato si richiede la protezione dai rischi della vita urbana.

8In Italia, le retoriche di contrasto all’immigrazione irregolare nascono negli anni Novanta, in un momento storico di crisi sia politica che economica. Contemporaneamente si assiste al crollo del sistema politico parlamentare della prima Repubblica a causa della corruzione di molti dei suoi esponenti, a una crisi economica legata ad aumento del deficit pubblico, rallentamento della produzione, svalutazione della lira, e infine alle grandi stragi mafiose e l’infiltrazione delle mafie in ampi settori della politica e dell’economia (Cornelli, 2008). La “domanda di sicurezza” fu la modalità di espressione dei sentimenti di rabbia, indignazione, sfiducia che da tempo serpeggiavano all’interno della società italiana (Geinsourg, 2006). In quel periodo di crisi, il sentimento anti-immigrato rispose, da un lato, al bisogno della comunità di ritrovare coesione contro un nemico comune, dall’altro, al bisogno dei rappresentanti dei partiti politici di legittimare il proprio potere di fronte ad un elettorato con l’obiettivo di riconquistare il suo consenso. Nel migrante venne riconosciuto tale nemico. Da allora, fino all’inizio della crisi economica, la figura del migrante è sempre stata dipinta come tale all’interno del circuito mass mediatico e politico (Maneri, 2013).

9Nel tempo, la legiferazione in materia ha contribuito al processo di criminalizzazione dei migranti. La Legge Martelli del 1990, Legge Turco Napolitano del 1998, la Bossi-Fini del 2002, i Pacchetti sicurezza del 2007, 2008 e 2009, hanno rafforzato il clima anti-immigrato (Quassoli, 2013), dando vita a una serie di soluzioni normative fortemente simboliche (ma con ricadute anche reali) che puntano alla costruzione di uno status giuridico differenziato per il migrante che vive in Italia-efficacemente denominato «diritto speciale dello straniero» (Caputo, 2007). Fin dalla Legge Martelli del 1990, la politica in materia migratoria in Italia ha criminalizzato la figura del migrante (Melossi, 2007; 2008; Sbraccia, 2007; Crocitti, 2014) non perché fosse una strategia efficace ai fini della gestione del fenomeno migratorio, ma perché tale criminalizzazione veniva usata come risorsa simbolica e come strumento di rassicurazione dell’opinione pubblica (Masera, 2009).

10Il primo paragrafo si focalizzerà sul legame tra controllo dell’immigrazione irregolare, politiche di sicurezza e Polizia Locale, mentre il secondo presenterà la metodologia e il contesto della ricerca. Il terzo paragrafo invece si soffermerà sul ruolo della polizia locale nel controllo dell’immigrazione e la maniera in cui gli operatori percepiscono il loro ruolo. Il quarto paragrafo si concentrerà sui risultati della ricerca e, in particolar modo, su come la nazionalità, l’età, e il luogo dell’incontro con la polizia influiscono sulla possibilità che il migrante venga fermato o no per un controllo dei documenti. Le conclusioni rifletteranno sulla connessione tra controllo dell’immigrazione, sicurezza urbana e ridefinizione dello spazio pubblico.

Controllo dell’immigrazione irregolare, politiche di sicurezza e polizia locale

11Diritto e polizia sono legati a doppio filo nella misura in cui la polizia deve muoversi all’interno dei confini tracciati dal diritto e, allo stesso tempo, usa il diritto in maniera discrezionale per rispondere a esigenze pratiche che incontra durante l’attività di controllo del territorio (Bittner, 1967). Peter Manning sostiene che il diritto non guida l’azione di polizia né vi pone dei limiti di legalità, ma serve, piuttosto, a coprire selettivamente, a legittimare ex-post e a razionalizzare la sua condotta (Manning, 1977: 101). Un po’più morbida è l’opinione di Robert Reiner, secondo il quale la legislazione non sarebbe né irrilevante, né completamente determinante per le pratiche di polizia: giudici ed élite politiche sono responsabili di produrre leggi sufficientemente elastiche da “lasciare considerevole agibilità alla cultura di polizia per dare forma alle pratiche di polizia coerentemente con le esigenze situazionali” (Reiner, 2000: 86). Ma il diritto non si limita alle sole norme. I discorsi delle istituzioni e, più in generale, quelli dominanti all’interno del dibattito pubblico rispetto alla legislazione sull’immigrazione concorrono alla formazione di idee condivise dalla generalità della cittadinanza. Di conseguenza, l’operato di polizia non dovrà rispondere solo ed unicamente alla legislazione scritta, ma anche alle percezioni che questa genera nei cittadini. A tal proposito, Luigi Ferrajoli ci pone di fronte all’esistenza di un circolo vizioso perverso: “Proprio perché sfornito di diritti, l’immigrato viene avvertito come antropologicamente diseguale e fonte oscura di pericoli per la sicurezza; questa percezione razzista a sua volta, vale a legittimare la sua discriminazione nei diritti; e quanto maggiore è l’emarginazione sociale prodotta dalla discriminazione giuridica, tanto maggiore è la sollecitazione di leggi razziste, prodotte quale fabbrica del consenso, non già benché razziste ma precisamente perché razziste” (Ferrajoli, 2010: 124-5). In altre parole, non è solo il razzismo insito nella società che produce questa legislazione, ma è anche la legislazione stessa che riproduce razzismo all’interno della società (Calavita, 2005).

12Questo piano del discorso si fa particolarmente importante per l’operato della polizia se è vero che la polizia agisce più in risposta alle preoccupazioni dei residenti che sulla base di iniziativa personale. Secondo Salvatore Palidda, con l’avvento della “polizia post-moderna” sarebbe avvenuto un cambiamento a livello della fonte di legittimazione dell’operato di polizia: la polizia post-moderna non troverebbe più nel governo quanto nel pubblico la propria fonte di legittimazione (Palidda, 2000). Nelle società post-industriali, secondo Palidda, le forze di polizia rappresentano “potere socialmente costruito con la partecipazione della maggioranza della popolazione” (Palidda, 2010) e assicurano il potere sociale dei cittadini nei confronti dei non-cittadini. In questo modo, la polizia diverrebbe sempre più dipendente dal pubblico, al punto che si assisterebbe ad un cortocircuito della sicurezza, dove il pubblico, alimentato dai media e legittimato da una legislazione razzista, chiede più sicurezza declinandola come intervento anti-immigrati e la polizia esegue, alimentando e confermando a sua volta quel tipo di legislazione. La “nuova” percezione che la popolazione locale condivide rispetto ai migranti presenta delle importanti conseguenze nel modo in cui la legislazione sull’immigrazione viene, di fatto, applicata dalla polizia. Il livello simbolico della legge diviene importante perché, se la legge attribuisce agli “altri” lo status di “non-persone” (Dal Lago, 1999), il pubblico si sentirà più legittimato a chiedere alla polizia di agire duramente contro di loro.

  • 3 Legge 25 marzo 1993, n. 81.

13L’ipotesi qui messa in campo è che il potere di polizia nell’ambito del controllo dell’immigrazione sia stato rafforzato sia per via legale, in forza dei cambiamenti avvenuti nella legislazione, sia per via del fatto che gli agenti si sentono maggiormente legittimati ad usare il loro potere discrezionale anche al di fuori dei limiti posti dalle leggi nel momento in cui sono chiamati ad agire contro quelli che vengono considerati “non-persone” dall’opinione pubblica; ancor di più se è proprio su quella stessa opinione pubblica che si basa la legittimazione dell’operato di polizia. Questo diventa particolarmente importante per le polizie locali che, più delle altre, soprattutto da quando sono passate sotto il controllo diretto da parte dei sindaci3, dipendono dalle lamentele dei residenti. Infatti, l’elezione diretta dei sindaci ha rafforzato il loro ruolo e, di conseguenza, quello delle città e delle polizie locali nella gestione della sicurezza urbana.

Metodologia e contesto della ricerca

  • 4 Con il termine migranti faccio riferimento agli stranieri non europei residenti a Bologna. I dati s (...)
  • 5 I CIE (Centro di Identificazione e Espulsione) sono stati istituiti nel 1998 con la Legge Turco-Nap (...)
  • 6 Dati originali, ottenuti tramite l’analisi di 1200 fascicoli riguardanti tutti i trattenimenti nel (...)

14Stando ai dati forniti dal dipartimento programmazione settore statistica del comune di Bologna, i migranti4 residenti a Bologna a Dicembre 2013 sono 32.600 (l’8,5% della popolazione) e provengono principalmente da Bangladesh, Filippine, Moldova, Marocco, Ucraina, Albania, Pakistan, Cina, Sri Lanka. Bologna è una delle 13 città in Italia che ha visto la presenza di un CIE5, operativo dal 2002 a marzo 2013. I migranti detenuti nel CIE di Bologna nel 2011 e nel 2012 provengono principalmente da Marocco, Tunisia, Albania e Senegal6. La popolazione straniera non è distribuita in maniera omogenea nella città, ma si riscontra una particolare concentrazione di stranieri nelle aree che circondano il centro storico e nella periferia Nord. In particolare il quartiere Bolognina è quello con la percentuale più elevata di stranieri residenti (25%), a cui segue il quartiere S. Donato (18%). La Bolognina è il quartiere in cui vivono la maggior parte dei migranti intervistati, ed è anche il quartiere vissuto come maggiormente problematico da parte degli intervistati.

  • 7 Le donne non sono state intervistate poiché da un lato sottoposte meno frequentemente al controllo (...)

15La ricerca è di tipo qualitativo, ed è basata su interviste in profondità semi-strutturate condotte con sedici migranti, regolari e irregolari, e undici operatori della Polizia Locale di Bologna. Durante le interviste ad entrambe le categorie è stato chiesto di parlare principalmente dei momenti in cui avvengono i controlli dei documenti: a chi, dove, come e perché viene chiesto di mostrare i documenti. I migranti sono stati inizialmente selezionati in due scuole d’italiano a Bologna e tra gli amici e conoscenti di chi scrive; il campione è stato successivamente ampliato usando la tecnica dello snowball. I migranti intervistati sono tutti giovani maschi tra 25 e 35 anni, provenienti principalmente da Pakistan, India, Tunisia, Marocco e Senegal7. La ridotta dimensione del campione stesso non permette di declamarne la rappresentatività, ma di certo fornisce uno sguardo approfondito e informato rispetto ai meccanismi selettivi di controllo in atto. Soprattutto, il fatto di ricomprendere diverse nazionalità all’interno del gruppo campione risponde all’esigenza di confrontare le esperienze di migranti appartenenti a nazionalità che nel contesto Bolognese risultano meno sottoposte a processi di criminalizzazione (Pakistani e Indiani) e nazionalità che, invece, più di altre subiscono i meccanismi di controllo da parte delle forze dell’ordine (Tunisini, Marocchini, Senegalesi). Inoltre, sebbene il gruppo campione non possa definirsi rappresentativo della realtà Bolognese, la validità dei risultati viene confermata dalla possibilità di incrociare questi con le interviste raccolte da operatori della polizia municipale di Bologna. Le interviste alla polizia municipale si sono svolte in due mattinate presso il comando della Polizia Locale di Bologna. Chi scrive non ha potuto partecipare alla selezione del campione, ma sono state intervistate sia operatrici che operatori, appartenenti a sei diversi reparti (tre reparti territoriali, un reparto delle attività produttive e due reparti addetti alla “Sicurezza”), operanti in tutto il territorio comunale.

16Le interviste sono state raccolte tra Ottobre 2010 e Febbraio 2011, e hanno tutte una durata ricompresa tra i 45 minuti e l’ora e mezza, sono state tutte (tranne una) registrate e interamente trascritte.

La “polizia dell’ultimo metro”

Noi siamo la “polizia dell’ultimo metro” ed è una buona metafora. La nostra attività di polizia, del nostro corpo, rispetto a com’è l’assetto generale della attività di polizia in Italia, è veramente quella dell’ultimo metro. Noi abbiamo una presenza pressante, a volte anche soffocante per come viene percepita, nel controllo del territorio anche minuto. La strada, il mercato, il giardino, la piazza, il banchetto, il negozio. Non abbiamo una struttura tale da fare attività di altissima investigazione: dobbiamo spazzar la strada.

(intervista 7, polizia locale di Bologna)

17La polizia locale è quella che si occupa delle “piccole cose”, degli “atti di inciviltà urbana”. Ha meno potere rispetto alle altre polizie, ma una presenza più costante. La sua importanza è cresciuta contestualmente alla maggiore rilevanza che il contenimento di un certo tipo di “micro-criminalità” ha assunto nei discorsi dei politici locali e nazionali, dei cittadini e nella cronaca negli ultimi quindici anni circa. Quanto più certi atti cosiddetti di inciviltà urbana acquisivano risonanza, tanto più chi si occupa di “spazzare la strada” ha finito con l’avere, agli occhi della cittadinanza e dei politici di turno, una rinnovata importanza e poteri adatti alla nuova circostanza. Nel corso di questi cambiamenti, la polizia locale ha subito notevoli modifiche a livello nazionale, regionale e cittadino.

18Nel controllo dell’immigrazione, la polizia locale ha gli stessi poteri della polizia di stato o dei carabinieri: essendo agenti di polizia giudiziaria, gli operatori di polizia locale all’interno del territorio municipale possono fermare i migranti, chiedere loro i documenti, avviare le procedure di identificazione e addirittura proporre un’eventuale espulsione. Questo non significa che non vi sia una suddivisione delle competenze tra le diverse forze di polizia. Ma tale divisione si gioca maggiormente su di un piano informale, e si rivela immediatamente più difficile da cogliere per una “non addetta ai lavori”.

19Gli operatori hanno più volte sottolineato che ciò che li distinguerebbe dalle altre forze di polizia non sarebbe altro che una maggiore conoscenza del territorio. Va specificato che gli operatori di polizia locale sono spesso originari del luogo in cui lavorano. Secondo gli intervistati, il radicamento nel territorio li avvantaggerebbe rispetto a un carabiniere o un poliziotto. Spiega uno degli operatori:

R. Noi svolgiamo le stesse cose che svolgono i reparti operativi della polizia e dei carabinieri. (...) In più, se posso dire, noi siamo del territorio, quindi io sono quindici anni che sono su Bologna e non mi hanno mai trasferito.

D. E ne deriva dei vantaggi?

R. Può essere che ne derivi dei vantaggi perché io conosco, ho molti più feedback sul territorio, amici e quant’altro, confidenti... Per l’attività lavorativa sicuramente il rapporto fiduciario con la popolazione è importante.

(Intervista 6, reparto pubblica sicurezza)

  • 8 Si riprenda la definizione che di polizia di prossimità fornisce il manuale per Polizia di Stato in (...)

20La conoscenza minuta del territorio permetterebbe di accedere alle informazioni utili con una facilità che le altre polizie difficilmente possono replicare, e questo è motivo di orgoglio per gli intervistati. Alla luce di questo, molti intervistati si spingono a proclamare che la polizia locale sarebbe la vera “polizia di prossimità” a Bologna-una polizia di prossimità che però, va detto, sembra sia più incline al controllo del territorio che all’attività di ascolto e di mantenimento della pace sociale, che pure dovrebbero essere le principali attività di una polizia che voglia dirsi davvero di prossimità8, almeno nella sua versione e nel suo riadattamento, per così dire, all’italiana (Bertaccini, 2005).

21A parte una maggiore conoscenza del territorio, la definizione delle competenze della polizia locale in ambito di controllo dell’immigrazione è resa particolarmente ostica dal fatto che, come sottolinea Rossella Selmini, la polizia locale “opera sulla base di una normativa incerta e in continua ridefinizione” (Selmini, 2010) e non è stato facile definire il suo ambito di competenza nell’attività di controllo dell’immigrazione.

22Una ricerca sulla polizia locale dell’Emilia-Romagna condotta dal “Servizio politiche per la sicurezza e la polizia locale” ci aiuta a fare un po’di far chiarezza sulle competenze della polizia locale nel controllo dell’immigrazione, ponendo l’attenzione sia sulla normativa in vigore sia, grazie all’ausilio di questionari, sulla percezione che hanno gli operatori rispetto a quali sono i loro compiti. Per quel che riguarda l’attività di “identificazione degli stranieri”, questa rientra tra le “attività importanti messe in pratica dalla Polizia ma non previste dalla legge come tipiche”, viene effettuata con frequenza alta dal 71,3% delle strutture e, sebbene sia ancora un’attività marginale rispetto al lavoro complessivo, sembra acquisire sempre maggiore rilevanza. Leggermente diverso il discorso riguardante “l’accompagnamento degli stranieri al confine”. È, infatti, questa un’attività svolta solo dal 7% delle strutture; oltretutto con una frequenza molto bassa. Il 60% degli intervistati ritiene, tuttavia, che questa stia acquisendo sempre maggiore rilevanza, sebbene per ora rappresenti ancora un’attività marginale rispetto al carico di lavoro complessivo (Selmini, 2010: 126 ss.)

23Parte delle interviste si è allora focalizzata sul tentativo di mettere in luce la percezione che gli operatori stessi hanno del proprio ruolo. E il dato interessante che emerge dalle testimonianze è che, a fronte di una normativa incerta, gli operatori di Polizia locale intervistati mostrano di avere una chiara consapevolezza di quale sia il loro compito. Una consapevolezza che non si deve a una quanto dubbia chiarezza di legge ma che più che altro è il risultato di una decisione individuale. La scelta di che cosa significhi essere operatore di polizia locale e di quali siano i poteri connessi al proprio ruolo; la decisione di che cosa si voglia o non si voglia fare come operatore di polizia locale sembra, informalmente, lasciata alla libera iniziativa di ogni singolo. Questo emerge con chiarezza nel seguente brano:

La discussione interna alla polizia municipale (…) riguarda al fatto più per che cosa si vuole fare. Io... ci sono dei colleghi che dicono “sono entrato per mettere delle cose sui verbali, io la gente non l’arresto”... perché non vuol fare il poliziotto! Però le competenze che la legge con le nostre qualifiche ci da sono esattamente quelle della polizia di stato: uguali. Abbiamo gli stessi obblighi e gli stessi poteri. Che poi, dopo, per motivi di accordi, per motivi istituzionali, vengano o non vengano fatte delle cose… ecco, questo qui viene confuso spesso su quello che possiamo o che non possiamo fare. [...] Cioè, è tutto... la legge dice delle cose, ma lascia tutto... lascia molto margine di discriminazione, che viene utilizzato a seconda di chi vuole o non vuole fare le cose, non essendo mai specificato. Ma i limiti e gli obblighi che ci derivano dalla legge sono esattamente gli stessi della polizia di stato.

(Intervista 2, reparto attività produttive)

24La legge affiderebbe le stesse competenze a tutti i poliziotti, quale che sia la forza a cui nello specifico appartengono. L’intervistato spiega che quello che la polizia locale a Bologna fa o non fa, non dipende da quello che può fare o non fare, dato che per legge potrebbe fare tutto. Piuttosto, dipende da che cosa decide di fare o non fare. E questo tanto a livello di istituzione, quanto a livello di singoli soggetti. Infatti, quali che siano gli orientamenti decisi a livello di istituzione, sta di fatto che alcuni operatori di polizia locale sono entrati nell’istituzione non con l’idea di fare il poliziotto, e quindi tendano a rifiutare certe competenze e a non esercitare certi poteri. Le istituzioni sono, innanzitutto, i soggetti che ne fanno parte. Sono proprio i soggetti con le loro scelte e il loro sistema di idee l’elemento di imprevedibilità che entra nell’interazione, anche quella tra migrante e polizia, un’interazione teoricamente contraddistinta dalla fissità della Legge.

25Un ulteriore elemento può spiegare se un operatore deciderà di interpretare il proprio ruolo più come poliziotto o come vigile urbano: la concezione di che cosa significhi potere discrezionale per la polizia, e il grado di potere discrezionale che si ritiene essere legittimamente associato al proprio operare. Alcuni intervistati reputano di avere le mani legate e che “la legge non lascia spazio” (intervista 9). Altri invece “senza neanche la minima esitazione” ritengono che proprio la discrezionalità sia “la vera essenza del potere di polizia” (intervista 7). Discrezionalità, quindi, sotto forma di una decisione di azione o inazione che prende luogo all’interno di una zona grigia:

Il controllo della devianza è fatto di molte zone grigie, perché l’osservanza scrupolosa della legge significherebbe un maxi carcere con dentro sessanta milioni di persone (ride) quindi è chiaro che nella zona grigia ci si guadagna e ci si rimette un po’ tutti. […]

(intervista 7, polizia locale Bologna)

26Nella zona grigia ci si guadagna e ci si rimette un po’ tutti. La discrezionalità, infatti, non deve essere intesa in termini puramente negativi per il migrante. Nel prosieguo dell’intervista, l’operatore spiega che la discrezionalità della zona grigia starebbe nel decidere “se identificare” e “fino a che punto identificare”. È l’operatore che decide “quanto pressare” il migrante irregolare eventualmente intercettato durante il controllo del territorio. La discrezionalità dell’operatore al momento del controllo, infatti, può rivelarsi un vantaggio per il migrante. Il poliziotto che ritiene di non avere discrezionalità si avvicinerà sicuramente a posizioni di intransigenza, mentre quello che pensa di potersi muovere con una certa indipendenza nel marasma della normativa avrà probabilmente un atteggiamento più morbido. Per il migrante, quindi, farà differenza trovarsi di fronte all’uno o all’altro.

27In ogni caso, la generalità degli intervistati mostra la tendenza a interpretare il proprio ruolo al massimo delle potenzialità consentite; vale a dire che, nella generalità dei casi, gli operatori di polizia locale tenderanno a usare al massimo grado i poteri che la normativa (e, come vedremo, la prassi) riconosce loro. La polizia locale a Bologna è una presenza attenta nel controllo del territorio e capita spesso che fermi i migranti e chieda loro i documenti.

Ridefinire lo spazio pubblico tramite il controllo dei documenti

28Nell’indovinare le possibili dinamiche di un normale controllo dei documenti su un migrante saremmo probabilmente portati a immaginare come situazione tipica la seguente: un migrante sta camminando da solo per strada e - in ragione delle sue apparenze fisiche che ne rivelano un’origine non italiana - viene fermato dalla polizia, la quale gli chiede di mostrare i documenti. Ma questa situazione, per così dire, del controllo “a campione” trova difficilmente riscontro nella realtà.

29Innanzitutto, stando alle testimonianze sia dei migranti che della polizia, il controllo avviene più raramente quando si è soli che quando si è in gruppo. In secondo luogo, nessuno tra gli operatori di polizia intervistati ha riferito che esegue controlli a campione e che applica la normativa sull’immigrazione sul migrante qualsiasi trovato semplicemente privo del permesso di soggiorno. I poliziotti eseguirebbero una selezione che sebbene percepita dai migranti come scelta casuale segue certe logiche ricorrenti. In generale, sembra che, nella prassi, debba esserci sempre un motivo ulteriore al fatto di essere percepito come “straniero” che spinga il poliziotto al controllo. Sono molti gli intervistati a ribadire che “se una persona non ha fatto niente, io non la fermo” (intervista 11). Un piccolo furto, uno stato di ubriachezza, la partecipazione a una rissa o più spesso (almeno per quanto concerne il caso della polizia locale a Bologna) il sospetto di coinvolgimento nel traffico illegale di stupefacenti, sono tutti motivi sufficienti a iniziare il controllo.

30L’operazione di “chirurgia sociale” (Bittner, 1967) messa in atto dalla polizia nei confronti dei migranti a Bologna si sviluppa in due tempi: prima il poliziotto deve decidere chi fermare, a chi chiedere i documenti durante il controllo del territorio, e opera, quindi, una scissione tra migranti “buoni” e “cattivi” sulla base delle sole apparenze. Una volta accertato che il migrante si trova nel territorio in condizione irregolare, il poliziotto deve procedere ad una nuova selezione, e decidere se chiudere un occhio e lasciare andare il migrante, oppure se portarlo in questura in vista dell’identificazione e dell’eventuale espulsione. Proprio come riferiva uno degli intervistati, questa operazione di “chirurgia sociale” contraddistingue il potere di polizia. Durante il controllo del territorio, il poliziotto decide, discrezionalmente, se applicare o no la legge.

31Questo capitolo si focalizza in particolare sulla prima fase della selezione: la scelta che la polizia opera di fermare o meno un migrante intercettato durante l’attività di controllo del territorio. Questa scelta infatti, come vedremo, è fortemente connessa proprio a esigenze di controllo del territorio e, soprattutto, dello “spazio pubblico” da parte della polizia, alle richieste della “cittadinanza” di ordine e sicurezza, e alle pressioni dei media locali.

32La probabilità di un migrante di essere fermato per un controllo di polizia varierà a seconda di certi fattori che potremmo dire extra-giuridici, come ad esempio le “apparenze scorrette” o le lamentele dei residenti. Nel 1983, Harvey Sacks spiegava che esistono “norme di comportamento adeguate” mediante le quali le relazioni in pubblico sono routinizzate, e che “gli agenti di pattuglia sono specificamente orientati a individuare le apparenze scorrette che le persone possono presentare” (Sacks, 1983: 181). Si hanno apparenze scorrette laddove un comportamento non è adeguato alla persona che lo mette in atto o al luogo in cui questo viene messo in atto. Dunque, le apparenze scorrette hanno molto a che vedere con la definizione dello spazio pubblico, sia nel senso delle persone che possono attraversarlo sia nel senso di ciò che nello spazio pubblico è permesso fare. Quello dei poliziotti è un problema decisionale, secondo Sacks, che coincide con “il dovere di massimizzare la possibilità di selezionare tra i passanti coloro che risulteranno essere dei criminali, e minimizzare quella di selezionare coloro che non risulteranno essere dei criminali” (ibid.). Purtroppo, non è una probabilità remota che proprio in questo tentativo di massimizzazione vengano a crearsi vere e proprie “catene del pregiudizio e dello stereotipo” (Bonatti, 2000).

33Nel caso studiato, le apparenze scorrette coincidono con la provenienza geografica, l’età e la zona in cui il migrante si trova al momento del controllo.

34Gli intervistati provenienti da Marocco, Tunisia e Senegal (tutti giovani maschi) affermano di subire il controllo dei documenti con una tale frequenza che alcuni di loro non sono nemmeno in grado di dire quante volte siano stati effettivamente fermati. Ben diversa è la situazione degli intervistati provenienti da Pakistan, il più sfortunato dei quali sembra abbia subito solo tre controlli in cinque anni, e il più fortunato addirittura nessuno in venti. Posto che, come gli intervistati stessi tengono a far notare, subire il controllo più raramente non significa che quando ciò accade non ci si senta comunque oggetto di discriminazione razzista, il fatto che vi sia un divario così evidente tra le esperienze dei due gruppi indica un diverso livello di stigmatizzazione. Va esplicitato che gli stereotipi che l’immaginario condiviso dagli abitanti di Bologna associa ai diversi gruppi nazionali sembra essere coerente con la diversa intensità con cui quegli stessi gruppi subiscono il controllo da parte delle forze di polizia: mentre gli uni– i pakistani in particolare-vengono percepiti quali lavoratori docili e ubbidienti, gli altri – Marocchini, Tunisini e Senegalesi - sono considerati pericolosi e tendenzialmente dediti ad attività criminose.

  • 9 Potrei avanzare possibili spiegazioni al fatto che i pakistani vengano più spesso fermati in moto: (...)

35Un’ulteriore differenza va poi rintracciata nel tipo di controllo subito: se gli appartenenti al primo gruppo vengono generalmente fermati a piedi (cf. Melossi, 2000), gli altri, in particolare i cittadini pakistani, raccontano di subire più che altro controlli in moto o in auto9. Potremmo allora forse ipotizzare che a Bologna tunisini, marocchini e senegalesi, che più degli altri gruppi nazionali subiscono controlli a piedi, costituiscano un problema agli occhi della polizia non tanto per quello che fanno, ma per le caratteristiche fisiche e i modelli di socialità riconducibili al gruppo nazionale di appartenenza. Sembra plausibile che questa risieda, oltre che nel tipico allarmismo divulgato dalla cronaca locale, la quale tende a criminalizzare in forma maggiore certi gruppi nazionali piuttosto che altri, anche nella diversa maniera che i due gruppi hanno di viversi lo spazio pubblico cittadino: è molto più comune trovare un giovane tunisino, o marocchino, o senegalese a passare del tempo in strada chiacchierando e bevendo qualche birra (secondo gli stessi canoni di divertimento dei giovani autoctoni) che trovare un giovane pakistano negli stessi atteggiamenti. La maniera in cui spesso la polizia interviene nello spazio pubblico nei confronti dei migranti irregolari è di chiedere loro di spostarsi da un certo luogo o di tornare alle proprie abitazioni, cioè di abbandonare un certo spazio pubblico in favore di un altro spazio pubblico “più consono” oppure, meglio, di abbandonare uno spazio pubblico per fare ritorno ad uno spazio privato. La polizia che chiede a un migrante irregolare di spostarsi piuttosto che portarlo in questura per identificarlo e notificargli un ordine di allontanamento non starà applicando la legge sull’immigrazione; eppure, userà quella stessa legge come minaccia per forzare i migranti a spostarsi. La legge sull’immigrazione, dunque, che venga applicata o meno, diventa nelle mani della polizia anche locale uno strumento di controllo e di ridefinizione dello spazio pubblico.

36Per quel che concerne il secondo aspetto – l’età di chi viene fermato – è evidente che i maschi più giovani vengano fermati più spesso degli altri. Questo dato emerge da una comparazione condotta tra maschi giovani e meno giovani all’interno dei gruppi con la stessa provenienza geografica: per esempio i giovani Senegalesi vengono fermati più spesso dei Senegalesi adulti, proprio come i giovani Marocchini e Tunisini sono fermati più spesso dei meno giovani. E’ importante sottolineare che, sulla base delle interviste condotte con gli operatori di polizia locale a Bologna, l’aspetto anagrafico non è determinante di per sé, ma incide sulla selettività del controllo poiché si accompagna ad altri fattori: prima tra tutti, l’abilità linguistica (chi è più adulto generalmente si trova in Italia da più tempo e ha una conoscenza più approfondita della lingua italiana), fattore questo da cui l’operatore deduce un certo grado di integrazione del migrante all’interno della società italiana. Poi, la quantità di tempo passato negli spazi pubblici: chi è più giovane passa molto più tempo in strada, divenendo così fonte di lamentele da parte dei residenti autoctoni, i quali li percepiscono come un pericolo. Nelle prossime pagine approfondirò proprio questo punto.

37Il terzo fattore che gioca un ruolo importante nella decisione della polizia locale di fermare o meno un migrante per sottoporlo al controllo dei documenti riguarda la zona in cui il migrante viene intercettato:

Tra l’altro, tra virgolette qua ci sono delle zone che sono delle zone sospette. Capito? Cioè, che lì quando ti trovano lì non ti possono trattare bene magari perché sono delle zone di spacci...

(MA, Senegal, 34 anni)

38La ricerca rivela la presenza a Bologna di certe zone a rischio. La zona a rischio è “un luogo di frequentazione, che sia il luogo dove frequenti i marocchini, o il luogo dove frequenti i senegalesi, o altri immigrati” (MA, Senegal, 34 anni); ma è anche il luogo dove le probabilità di essere fermati per un controllo dei documenti e di essere portati in questura aumentano esponenzialmente.

  • 10 “Police property” è il nome con cui Lee si riferisce a quella categoria di persone il cui controllo (...)

39Queste zone presentano alcune caratteristiche simili allo skid-row di cui parla Bittner (1967): ghetti etnicamente caratterizzati, abitati da persone percepite dalla polizia come produttrici di un particolare problema. In queste zone, scrive Bittner, “i poliziotti spesso prendono decisioni sulla base di ragioni che il diritto non riconoscerebbe come valide” (Bittner, 1967: 709) e utilizzano procedure speciali non conformi alla “normale” procedura. Così come lo skid-row per i suoi abitanti, anche la “zona a rischio” è pericolosa per il migrante: qui, infatti, i migranti diventano “police’s property”10 (Lee, 1981), soggetti in misura maggiore all’arbitrarietà del potere del poliziotto. In una cosiddetta zona a rischio l’interazione tra migranti e polizia segue una dinamica particolare, dovuta principalmente al fatto che il migrante ivi intercettato viene generalmente e preventivamente sospettato di essere coinvolto nel traffico illegale di sostanze stupefacenti:

Loro [la polizia] vengono ogni tanto a fare dei controlli. E soprattutto se è un luogo di spaccio come te l’ho detto, spesso vengono e quando arrivano ti portano comunque, sempre ti portano. Perché partono dall’idea che c’avevi qualcosa addosso quindi... meglio evitarli.

(MA, Senegal, 34 anni)

40In questo brano MA spiega che i poliziotti sospettano ogni migrante che si trovi in una zona a rischio di essere coinvolto nel commercio illegale di stupefacenti e, quindi, “spesso vengono e quando arrivano ti portano comunque”. Nella zona di spaccio ciò che il poliziotto cerca non è semplicemente il migrante irregolare, ma il migrante irregolare dedito a traffici illeciti. Presumibilmente, il poliziotto che si muove in una zona a rischio non agisce secondo il fine di individuare i migranti irregolari e portarli in questura per identificarli ed eventualmente espellerli, ma è più portato a far rispettare le regole del disordine, agendo col fine di mantenere il disordine entro certi livelli di tollerabilità (Palidda, 2000). In una zona a rischio la polizia tenderà a un’applicazione più severa della normativa. I migranti questo lo sanno. Entrambi gli attori, infatti, sono consapevoli che la loro interazione in questi luoghi acquisisce una certa aggressività e segue regole del gioco diverse dal solito. Inoltre, costituisce un elemento di ambiguità il fatto che le cosiddette zone a rischio siano, allo stesso tempo, siti di spaccio agli occhi della polizia e zone esclusive di socialità per i migranti che le frequentano, dato che l’accesso alle altre zone della città viene loro “vietato” in vari modi:

Noi diciamo “no, noi non siamo qua per spacciare, noi siamo qua per bere perché non abbiamo dove... cioè, dove andiamo? Noi non possiamo entrare in zona universitaria, non possiamo entrare, andare dove ci sono le persone, voi ci avete isolato di qua, cioè, siamo persone vogliamo stare...insieme...”

(MA, Senegal, 34 anni)

41Le zone a rischio sono spazio pubblico (anche) di socialità. Proprio il fatto di essere stati isolati, e non di essersi isolati, spiega perché i migranti continuino a frequentare le zone a rischio nonostante sappiano quanto sia pericolose per loro.

42Ultimo elemento extra-giuridico qui analizzato ad avere un impatto nella maniera in cui la legge sull’immigrazione viene messa in atto dalla polizia locale a Bologna sono le lamentele dei residenti. Anche i residenti svolgono un ruolo di rilievo all’interno del meccanismo selettivo dei controlli: le “lamentele dei cittadini, segnalazioni dei residenti in zona” (intervista 4) sono in grado di direzionare il controllo esercitato dalle forze dell’ordine sulla popolazione; e questo è forse particolarmente influente per l’azione della polizia locale. Le “lamentele dei cittadini” avranno, infatti, maggiore impatto laddove (a livello locale) è più breve la distanza tra chi chiede sicurezza, i cittadini, e chi a questa domanda di sicurezza deve fornire una risposta concreta, ovvero i sindaci tramite l’ausilio delle polizie locali. Gli operatori intervistati hanno più volte affermato di agire spesso con lo scopo unico di rassicurare la cittadinanza, anche quando consapevoli che l’azione richiesta risulterà inefficace al fine del contrasto all’immigrazione irregolare.

43È questo il caso (uno tra tanti) di due operatori che lamentano un problema molto sentito nella loro attività di controllo del quartiere, ovvero la situazione dei parcheggiatori abusivi nigeriani e rumeni presso il parcheggio dell’ospedale maggiore (quartiere S.Viola). Secondo uno dei due, i parcheggiatori abusivi “creano non soltanto un senso di insicurezza ma anche molestie perché ovviamente pretendono denaro e quindi diciamo che abbiamo molte chiamate per questo problema” (intervista 5). Questi due operatori di polizia procedono in continuazione a identificazioni e accompagnamenti in questura, col fine di riuscire a trasmettere almeno una sensazione di sicurezza a quei cittadini che, telefonando, la pretendono. Elemento interessante di questa testimonianza è che l’operatore afferma di conoscere i migranti presenti nel parcheggio, di sapere chi è senza documenti e di assistere a “una sorta di radicazione delle stesse persone”. L’operatore è assolutamente consapevole dell’inutilità di questo tipo di attività di controllo:

Ci sono certi meccanismi della legge italiana che non permettono anche la fuoriuscita di queste persone immediatamente e quindi c’è la liberazione e ritornano di nuovo lì perché fondamentalmente non sanno dove andare ed è l’unico posto in cui riescono a racimolare qualche soldo.

(Intervista 5, polizia locale Bologna)

44Questo operatore sa che le persone, sebbene fermate e identificate, continueranno a tornare nel parcheggio dell’ospedale Maggiore “perché fondamentalmente non sanno dove andare”. Eppure, afferma di continuare a fermare le stesse persone, chiedere loro i documenti, portarle in questura per l’identificazione. Quando intervistato sul senso di continuare a identificare la stessa persona, risponde che:

R. Lo si fa perché: uno, è un dovere, nel senso che... due, perché comunque devi dare un segnale sia ai cittadini che ti vedono lì e se non intervieni dai un segnale ancora più negativo di quello che alla fine non è, quindi…

D. Ovvero una sorta di rassicurazione.

R. Sì, i cittadini ti devono vedere. Anche non far finta di niente quando... Vedere e operare! È questo quello di cui hanno bisogno. Poi è chiaro che il problema è quotidiano e si ripresenta; però quando ci sei tu, lo devi fare. Sei benissimo consapevole che l’indomani lo troverai lì: questo lo so io, lo sa il commando. I cittadini sicuramente questo non lo capiscono. Non lo capiscono perché ovviamente non sanno le problematiche che c’è dietro a mettere in atto, uno, la legge.

(operatore 8, polizia locale Bologna)

45L’operatore spiega che se anche l’azione è inefficace e ininfluente rispetto al livello della gestione del fenomeno migratorio nel suo insieme (“lo sa la polizia, lo sa il commando, lo sanno i migranti stessi”), continuare ad agire è importante al fine di trasmettere un sentimento di sicurezza alla cittadinanza. L’elemento di rassicurazione è centrale e imprescindibile per tutti gli operatori e le operatrici intervistate. Molte delle logiche alla base del controllo si basano, più semplicemente, proprio su questo.

46Più i cittadini si lamenteranno, più i giornali locali denunceranno questo problema, più i cittadini si lamenteranno dello stesso, più la polizia si farà intransigente e stringerà la morsa sul migrante, come ad esempio sul venditore abusivo nel parcheggio dell’ospedale maggiore. E’ questo niente più che il meccanismo della “tautologia della paura” (Dal Lago, 1999), un classico nella gestione del fenomeno migratorio in Italia. È quindi la cittadinanza, l’opinione pubblica, le percezioni di senso comune, l’altro fattore completamente eteronomo che impatta con forza nella vita del migrante e che, dall’altro lato, direziona la polizia nell’attività di controllo del territorio.

Conclusioni

47La provenienza geografica del migrante, la sua età, il luogo in cui viene fermato e le lamentele della cittadinanza per una maggiore “sicurezza” e “decoro” sono tutti elementi che incidono nella maniera in cui la polizia locale implementa la legge sull’immigrazione e, contemporaneamente, attua il controllo del territorio.

48Fondamentalmente, quando l’operatore di polizia chiede i documenti a un migrante lo fa non perché voglia accertarsi della sua regolarità giuridica. Cioè, ufficialmente il motivo del fermo sarà l’irregolarità giuridica, mentre in realtà la motivazione è diversa. Cioè, è più probabile che il controllo dei documenti sia un pretesto per fermare un migrante perché si sospetta stia commettendo (o potrebbe eventualmente in futuro commettere) un altro tipo di reato, o perché si trova nel posto sbagliato.

49Quando, dove, e verso quali migranti avvengono i controlli dei documenti dipende, in larga parte, dalla discrasia tra l’idea di come gli spazi pubblici dovrebbero essere vissuti, di chi si ritiene abbia diritto di attraversarli e la realtà di come quegli stessi spazi vengano effettivamente utilizzati e da chi.

50Nel momento in cui si parla di controllo dell’immigrazione, anche il diritto allo spazio pubblico diviene un tema centrale. Abbiamo visto come la Polizia Locale, sotto il controllo del sindaco e intesa come polizia di prossimità, senta di dover rispondere alle richieste di una non meglio definita “sicurezza”, che a sua volta si basa su concetti falsamente neutri e fortemente ambigui quali “degrado” e “decoro”.

51A questo punto, nel caso del controllo dell’immigrazione in Italia diventa necessario chiedersi: Chi definisce cosa debba essere inteso come degrado o come decoro? Chi compone quella cittadinanza a cui la polizia locale risponde con i succitati tentativi di rassicurazione?

52Definire chi può utilizzare o no lo spazio pubblico, quanto lo spazio pubblico sia effettivamente pubblico e chi componga il pubblico che partecipa a queste definizioni sono argomenti centrali nel comprendere le ricadute di concetti quali “sicurezza urbana” nel controllo del territorio, e che ruolo svolga in questa dinamica una legge dell’immigrazione restrittiva e criminalizzante come quella italiana. Definire chi componga il pubblico cui la Polizia risponde e di chi è lo spazio pubblico diviene centrale nel tipo di politiche che vengono messe in atto e nel come vengono messe in atto.

Bibliographie

AA. VV. (2004) Il servizio di polizia per una società multiculturale. Un manuale per la polizia di stato. Ministero degli Interni.

Ambrosini, M. (2015) Irregular but tolerated: Unauthorized immigration, elderly care recipients, and invisible welfare. Migration Studies, 3,2, 199-216.

Bertaccini, D. (2005) La nuova riforma della polizia italiana – I discorsi e le pratiche ufficiali di «polizia di prossimità» in Italia. In Pavarini, M. (ed.) L’amministrazione locale della paura – Ricerche tematiche sulle politiche di sicurezza urbana in Italia. Roma: Carrocci Editore.

Bricola, F. (1975) Politica criminale e politica penale dell’ordine pubblico. La questione criminale, 1, 221-88.

Calavita, K. (2005) Immigrant at the margins: law, race, and exclusion in Southern Europe. Cambridge: Cambridge University Press.

Campes, i G. (2003) Il controllo delle nuove classi pericolose: sottosistema penale di polizia e immigrati. Dei delitti e delle Pene, 1-2-3, 145 ss.

Campesi, G. (2009) Genealogia Della Pubblica Sicurezza. Teoria e Storia Del Moderno Dispositivo Poliziesco. Verona: Ombrecorte.

Caputo, A. (2007) Irregolari, criminali, nemici. Note sul “diritto speciale” dei migranti. Questione Giustizia, II, 1, 45-64.

Colombo, A. (2012) Fuori controllo? Miti e realtà dell’immigrazione in Italia. Bologna: Il Mulino.

Colombo, A. & Sciortino, G. (2004) Italian immigration: The origins, nature and evolution of Italy’s migratory systems. Journal of Modern Italian Studies, 9,1, 49–70.

Cornelli, R. (2008) Paura e Ordine Nella Modernità. Milano: Giuffrè.

Crocitti, S. (2014) Immigration, crime, and criminalization in Italy. In Bucerius, S., e Tonry, M. (ed.) The Hoxford Handbook of ethnicity, crime, and immigration. Oxford: Oxford University Press.

Dal Lago, A. (1999) Non-persone. L’esclusione dei migranti in una società globale. Milano: Feltrinelli.

European Migration Network (2005) Irregular migration in Italy. Italian contribution to the second European Pilot study. Roma: IDOS-EMN national contact point.

Fabini, G. (2014) The illegal immigration law: A regime of law, discourses, and police practices. AmeriQuests: Illegality Regimes: Mapping the Law of Irregular Migration, 11, 2, 2014. Consultabile su http://www.ameriquests.org/index.php/ameriquests/issue/view/198/showToc

Ferrajoli, L. (2006) Il «diritto penale del nemico» e la dissoluzione del diritto penale. Questione Giustizia, 4, 797-812.

Garland, D. (2004) La cultura del controllo. Crimine e ordine sociale nel mondo contemporaneo. Milano: Il saggiatore.

Ginsborg, P. (2006) Storia d’Italia dal dopoguerra a oggi. Torino: Einaudi.

Lee J. A. (1981) Some Structural Aspects of Police Deviance in Relations with Minority Groups. In Shearing, D. e Clifford, Organizational Police Deviance. Its Structure and Control. Butterworths.

Lipsky, M. (1980) Street-Level Bureaucracy: Dilemmas of the Individual in Public Service. Russell Sage Foundation.

Maneri, M. (2013) Si fa presto a dire sicurezza. Analisi di un oggetto culturale. Etnografia e ricerca qualitativa, 2, 283-312.

Manning, P. K. (1977) Police Work. Cambridge: MIT Press.

Melossi, D. (2000) Multiculturalismo e sicurezza in Emilia-Romagna: Seconda parte, Quaderno n.21 del Progetto “Città Sicure”. Bologna: Regione Emilia-Romagna.

Melossi, D. (2002) Stato, controllo sociale, devianza. Milano: Mondadori.

Melossi, D. (2007) La criminalizzazione dei migranti: un’introduzione. Studi sulla questione criminale, II, 1, 2007, 7-12.

Melossi, D. (2008) Il giurista, il sociologo e la “criminalizzazione” dei migranti: che cosa significa “etichettamento” oggi? Studi sulla Questione criminale, III, 3, 9-24.

Mosconi, G. & Padovan, D. (2005) La fabbrica dei delinquenti. Processo penale e meccanismi sociali di costruzione del condannato. Torino: L’Harmattan Italia.

Palidda, S. (2000) Polizia post-moderna, Etnografia del nuovo controllo sociale. Milano: Feltrinelli.

Palidda, S. (2010) Revolution in police Affairs. In Dal Lago, A., e Palidda, S. (ed.) Conflict, Security and Reshaping of Society: The Civilitation of War. London: Routledge.

Quassoli, F. (2002) Il sapere dei magistrati: un approccio etnografico allo studio delle pratiche giudiziarie. In Dal Lago, A., e De Biasi, R. (ed.) Un certo sguardo. Introduzione all’etnografia sociale. Roma-Bari: Editori Laterza.

Quassoli, F. & Chiodi, M. (2000) Rappresentazioni sociali e pratiche organizzative di polizia e magistratura. In Melossi, D. (ed) Quaderno n.21 di città sicure. Bologna; Regione Emilia Romagna.

Quassoli, F. (2013) Clandestino: Institutional practices and discourse devices for the control and exclusion of migrants in contemporary Italy. The Journal of Language and Politics, 12, 2, 203–225.

Reiner, R. (2000) The politics of the police. Oxford: Oxford University Press.

Ricotta, G. (2015) Politiche di sicurezza urbana in Italia: neoliberismo e nuova punitività. In G. Moini (ed), Neoliberismi e azione pubblica. Il caso italiano. Roma: Ediesse.

Saborio, S. (2014) The new military urbanism. Police repression and conflict in Rio de Janeiro. Etnografia e ricerca qualitativa. 3, 401-422.

Sacks, H. (1983) Come la polizia valuta la moralità delle persone basandosi sul loro aspetto. In Giglioli C., e Dal Lago A. (ed.) Etnometodologia. Bologna: Il Mulino.

Sbraccia, A. (2007) Migranti tra mobilità e carcere. Storie di vita e processi di criminalizzazione. Milano: FrancoAngeli.

Selmini, R. (2010) Cosa fa la polizia municipale e come cambia la sua identità. In Selmini R., e Albertazzi G. (ed.) La polizia locale dell’Emilia Romagna: sviluppo e prospettive. Quaderno n. 36 di città sicure. Regione Emilia Romagna: Bologna.

Simon J. (2008) Il Governo Della Paura. Guerra Alla Criminalità e Democrazia in America. Milano: Cortina.

Sudnow, D. (1983) Reati normali: aspetti sociologici del codice penale nella difesa d’ufficio. In Giglioli C., e Dal Lago A. (ed.) Etnometodologia. Bologna: Il Mulino.

Weber, L., & Bowling, B (2011) Introduction: Stop and Search in Global Context. Policing and Society, 21, 4, 353–356.

Ziglio, C. (2000) Etnografia delle professioni. Il caso della Polizia di Stato. Roma: Armando editore.

Notes

1 Come tali, la maggior parte dei migranti irregolari in Italia non possono essere individuati dalle polizie all’atto di attraversare i confini, ma devono essere rintracciati all’interno del territorio.

2 La presente ricerca è stata svolta in un periodo storico successivo, in cui questi processi si erano gi consolidati

3 Legge 25 marzo 1993, n. 81.

4 Con il termine migranti faccio riferimento agli stranieri non europei residenti a Bologna. I dati sulla presenza di “stranieri non europei” residenti a Bologna sono stati dedotti dai dati sugli stranieri in generale presenti nel capoluogo: Stando al rapporto statistico del dipartimento programmazione del comune di Bologna gli stranieri sono in totale 56.300, il 14,7% della popolazione, il 42% dei quali sono europei.

5 I CIE (Centro di Identificazione e Espulsione) sono stati istituiti nel 1998 con la Legge Turco-Napolitano e sono luoghi di detenzione amministrativa per migranti irregolari, nei quali i migranti irregolari rintracciati nel territorio vengono trattenuti in attesa dell’esecuzione dell’espulsione.

6 Dati originali, ottenuti tramite l’analisi di 1200 fascicoli riguardanti tutti i trattenimenti nel CIE di Bologna nel 2011 e 2012.

7 Le donne non sono state intervistate poiché da un lato sottoposte meno frequentemente al controllo di polizia, e dall’altro poiché ritengo che le donne siano sottoposte ad un meccanismo di controllo diverso rispetto a quello cui vengono sottoposti gli uomini; argomento che comunque richiederebbe un’ulteriore ricerca che non può trovare posto né rappresenta il focus del presente capitolo.

8 Si riprenda la definizione che di polizia di prossimità fornisce il manuale per Polizia di Stato in una società multiculturale (AA. VV, 2004): la polizia di prossimità è “una nuova filosofia d’azione nel lavoro di poliziotto che, pur continuando a porre in primo piano i tradizionali settori della sicurezza pubblica e del rispetto della legge, muta i consueti moduli operativi ed amplia gli obiettivi di fondo del proprio agire” (43), nel senso che l’agire preventivo della polizia segue un’ottica quasi educativa “che parte da una conoscenza approfondita delle specificità esistenti sul territorio e punta ad anticipare i problemi sociali cercando di allontanare o di far scemare le tensioni direttamente dall’interno” (44). L’obiettivo che accompagna il concetto di polizia di prossimità non è solo l’affermazione di una situazione di legalità diffusa, ma anche la salvaguardia della pace sociale. In altre parole, il poliziotto non si deve limitare più al mero contrasto degli atti criminosi, ma anche di tutti quei comportamenti, detti “antisociali” come conflitti di vicinato, infrazioni scolastiche, problemi di degrado, “suscettibili di minare alle fondamenta la situazione di pace sociale presente in un determinato territorio” (ibidem).

9 Potrei avanzare possibili spiegazioni al fatto che i pakistani vengano più spesso fermati in moto: i residenti a Bologna di nazionalità pakistana sono spesso proprietari di piccoli esercizi alimentari o di pizzerie (i più adulti), oppure vi lavorano come porta pizze (i più giovani), con o senza permesso di soggiorno. Dunque è più probabile che i giovani, moto-muniti per ragioni lavorative, si muovano più spesso in moto che a piedi. Dunque per questo motivo l’identificazione potrebbe aver luogo più che altro durante un controllo della viabilità, oppure in seguito al rilevamento di un incidente stradale.

10 “Police property” è il nome con cui Lee si riferisce a quella categoria di persone il cui controllo sociale e la cui gestione sono completamente demandati alla polizia.

Auteur

Department of Legal Sciences “Cesare Beccaria”, University of Milan

© Ledizioni, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr