Version classiqueVersion mobile

Una finestra sul mondo del lavoro

 | 
Riccardo Bonato
, 
Francesca Campini

Il lavoro saltuario

Il contratto di lavoro occasionale

Giulia Leoni

Texte intégral

1Per contratto di lavoro occasionale si intende un rapporto di lavoro di durata complessiva non superiore a trenta giorni nel corso dell’anno solare con lo stesso committente, il cui compenso complessivo non sia superiore a 5.000 euro (D.Lgs. 276/03, art. 61).

2Per capire meglio le caratteristiche del contratto di lavoro occasionale occorre sottolineare ciò che lo differenzia dalla collaborazione a progetto:

  • l’assenza del coordinamento con l’attività del committente;

  • la mancanza dell’inserimento nell’organizzazione aziendale;

  • il carattere episodico dell’attività;

  • la completa autonomia del lavoratore circa il tempo ed il modo della prestazione.

3Non è necessaria l’apertura di una partita IVA e nemmeno l’iscrizione ad un albo professionale: è sufficiente che il collaboratore presenti al datore di lavoro una ricevuta per prestazione occasionale. Dal punto di vista contributivo, l’iscrizione alla Gestione Separata INPS dei collaboratori è obbligatoria soltanto per redditi imponibili superiori a 5.000 euro: i collaboratori occasionali, quindi, sono esentati dall’obbligo di versare i contributi.

4Il D.lgs 276/2003 ha introdotto anche il lavoro occasionale accessorio, definendo così tutte le attività di natura occasionale che non danno luogo, con riferimento alla totalità dei committenti, a compensi superiori ai 5.000 euro nel corso dell’anno solare, facendo riferimento a quelle attività che vengono prestate in via saltuaria e si pongono in posizione ausiliaria rispetto a una situazione principale.

5Se il committente è un imprenditore commerciale o un professionista, il compenso percepito non può superare i 2.000 euro per ogni singolo committente.

6La disciplina dettata nel 2003 ha però negli anni subito forti cambiamenti, fino ad arrivare all’eliminazione dei requisiti oggettivi e soggettivi che limitavano il campo di applicazione; infatti la normativa ad oggi esistente è applicabile a tutti i settori produttivi, a qualunque committente e a qualunque lavoratore.

7L’unico parametro da considerare per la legittimità del ricorso al lavoro accessorio è il rispetto del limite economico.

8Colui che offre prestazioni di lavoro accessorio deve comunicarlo al Servizio per l’Impiego competente o alle Agenzie per il Lavoro accreditate.

9A sua volta, il privato o l’ente che ha intenzione di assumere lavoratori con questo tipo di contratto, acquisterà presso le rivendite autorizzate (di solito presso l’Inps) i cosiddettibuoni lavoro”, che consegnerà al lavoratore come retribuzione.

10Il lavoratore potrà ritirare il compenso consegnando i buoni (voucher) a sportelli autorizzati e ricevendo, per ogni buono presentato 7,50 euro netti, cioè 10,00 euro meno il 25% che comprende i contributi alla Gestione Separata Inps (13%), i contributi all’INAIL (7%) e la percentuale per la gestione del servizio (5%).

Auteur

Laureanda in Giurisprudenza, Università degli Studi di Milano-Bicocca

© Ledizioni, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search