Version classiqueVersion mobile

Il socialismo democratico italiano fra la Liberazione e la legge truffa

 | 
Daniele Pipitone

5. Una grande riforma dell’economia

Texte intégral

  • 1 Vi è anche un altro aspetto da mettere in luce a questo proposito. Proprio il richiamo all’eredità (...)
  • 2 Si tratta di un’impostazione che deriva direttamente dall’esperienza del Partito d’Azione, nel qua (...)
  • 3 Inoltre, e si tratta di un fattore non irrilevante, «Critica Sociale» è l’unica rivista (eccezion (...)

1La compresenza di elementi di consonanza e di fattori di differenziazione fra le diverse anime del socialismo democratico che si è rilevata nei capitoli precedenti si manifesta in maniera netta nell’ambito delle culture economiche, elemento chiave per comprendere la portata e la natura del socialismo che i gruppi considerati ambiscono a costruire. Anche in questo ambito, infatti, si può rilevare una sostanziale concordia nell’individuare le linee generali e le ispirazioni di fondo della politica di un socialismo democratico: per tutti gli uomini dell’area si tratta di mettere a punto un sistema economico sostanzialmente alternativo al laissez faire, un sistema al cui cuore si trova l’idea di pianificazione. Anche in questo ambito, però, si riscontrano delle differenze a volte vistose nelle giustificazioni ideologiche di tale linea e, soprattutto, nel grado di approfondimento cui essa viene portata. Così, mentre per i neo–riformisti di «Critica Sociale» (almeno in un primo momento) questo sistema, se pure non è una società socialista, nondimeno costituisce un avviamento in quella direzione, per gli ex–azionisti il problema sta soprattutto nell’eliminazione delle basi economiche del fascismo e del sistema liberale che lo ha generato o, detto altrimenti, nella ricerca delle fondamenta più solide possibili per la nuova repubblica democratica. Al contempo–in maniera in qualche modo speculare a quanto rilevato per le questioni istituzionali–l’importanza centrale che riveste la dimensione economica e produttiva nella dottrina marxista porta gli eredi di Turati ad un grado di approfondimento e di analisi molto maggiore1 di quello raggiunto dagli eredi di Rosselli, i quali sembrano a volte accontentarsi di generiche formulazioni di interventismo statale che possano fungere da adeguato complemento agli obbiettivi di rinnovamento dello Stato e delle istituzioni che stanno loro a cuore2. E’per questa ragione che l’asse centrale dell’analisi che segue è costituito da «Critica Sociale», perché, come per l’anticomunismo, la rivista diretta da Mondolfo mostra un grado di approfondimento e di articolazione analitica tale da permettere di utilizzarla come pietra di paragone sia per gli altri socialisti di tradizione marxista sia per il gruppo degli ex–azionisti3.

2Anche in questo ambito, infine, si può individuare (forse in maniera ancora più netta che per la dimensione politico–istituzionale) uno spartiacque nel 1948–1949, che divide una fase caratterizzata dall’obbiettivo di una riforma organica e complessiva del sistema economico e sociale – che è oggetto del presente capitolo – e una fase di ripiegamento su tematiche specifiche e obbiettivi settoriali – su cui si ritornerà in chiusura del libro.

5.1 Una nuova economia per un nuovo stato: pianificazione, socializzazione, transizione al socialismo

  • 4 Cfr. su questo, e in generale sulla socialdemocrazia svedese e sulla costruzione del welfare nel p (...)
  • 5 Cfr. su questo, G. Mori (a cura di), La cultura economica nel periodo della ricostruzione, Bologna (...)
  • 6 Cfr. su questo V. Spini, I socialisti e la politica di piano, Sansoni, Firenze 1982; A. Agosti, Ro (...)
  • 7 Cfr. “Bollettino dell’Istituto di studi Socialisti”, Dicembre 1945, R. Morandi, Programma dell’Ist (...)
  • 8 Nella sezione di studio dedicata a “Industria, socializzazione e pianificazione”, istituita presso (...)
  • 9 Lo stesso Togliatti afferma, al convegno economico del PCI intitolato Ricostruire: «Se dicessimo o (...)

3Al centro delle proposte di politica economica dei socialisti democratici nell’immediato dopoguerra stanno i due concetti connessi di pianificazione dello sforzo produttivo e di socializzazione, totale o più spesso parziale, delle imprese. I due termini non sono affatto sinonimi, ma appaiono spesso uniti da uno stretto legame. In effetti, in Italia e in Europa (con la pur rilevante eccezione della Svezia, dove la pianificazione economica statale si sviluppa autonomamente dalla nazionalizzazione delle imprese4), nel secondo dopoguerra l’attuazione di piani economici (cui tutti i partiti socialisti ambiscono) è spesso immaginata strettamente connessa con la nazionalizzazione di alcuni settori industriali chiave; detto altrimenti, la realizzazione del piano è sovente incentrata sui nuovi enti preposti a gestire le imprese nazionalizzate. Tale binomio pianificazione–nazionalizzazioni è considerato la strada maestra per la ricostruzione di un sistema economico diverso da quello che ha portato ai disastri della Grande Crisi e della Seconda Guerra Mondiale. Per la maggioranza dei socialisti europei, questo sistema si identifica con il socialismo. Certo, la via per la costruzione di esso è ancora lunga, ma un’economia di piano appare come lo strumento più idoneo per incominciare a percorrerla. Non stupisce dunque che il PSIUP faccia proprie le proposte di pianificazione economica, e che anzi si presenti come il partito della pianificazione per eccellenza5. E’Rodolfo Morandi, in particolare, che, dalla sua posizione di fondatore dell’Istituto di Studi Socialisti, sviluppa a livello teorico il discorso sul piano6, orientando tra l’altro in questa direzione una buona parte del lavoro del neonato Istituto7. Ma tutte le anime del partito, nel biennio 1945–1947, individuano nell’elaborazione di piani economici generali e settoriali la strada giusta per la gestione della ricostruzione economica8, e al contempo per avviare l’edificazione di un sistema produttivo di tipo nuovo, un’economia mista nel cui humus possa germogliare il tanto agognato socialismo. Per di più, l’insistenza sulla pianificazione è uno degli elementi che differenziano i socialisti dai comunisti, in quanto questi ultimi, sin dal convegno intitolato Ricostruire, dell’agosto 1945, individuano nell’i-niziativa privata la sola forza in grado di far ripartire il sistema italiano9.

  • 10 Cfr. V. Spini, I socialisti… cit.

4E’ probabile che la freddezza comunista sul tema costituisca un incentivo per l’area socialista autonomista a sviluppare a sua volta il discorso sulla pianificazione. Che sia o meno così, in ogni caso sulle colonne di «Critica Sociale» la questione è presente in maniera massiccia per i primi tre anni della seconda vita della rivista, per poi rarefare le apparizioni fin quasi a volatilizzarsi. E’del resto il dibattito generale sulla pianificazione ad esaurirsi, di fronte all’affermazione della linea di politica economica einaudiana e, soprattutto, del fronte conservatore dopo il 18 aprile. Le possibilità di azione delle sinistre, relegate all’opposizione, si riducono di molto, e lo stesso accade a quelle di un socialismo democratico i cui voti non sono indispensabili alla DC, e che si trova quindi in una condizione praticamente di impotenza. Ma fintanto che i destini immediati del paese non sono decisi, e soprattutto durante la fase costituente, socializzazione e pianificazione non appaiono come lontane utopie o possibilità irrealizzabili, ma come proposte concrete per la riorganizzazione industriale avanzate dal secondo partito italiano. E su di esse, tutte le anime del PSIUP appaiono in sostanziale accordo, con gli autonomisti convinti quanto, se non più, delle sinistre del partito che tali proposte debbano essere il cuore del programma socialista. Se infatti l’interesse di Morandi per i temi della pianificazione è forte fin dai tempi della clandestinità10, «Critica Sociale» sembra non voler essere da meno e dedica grandi energie all’analisi dei problemi dell’economia pianificata ed all’elaborazione di proposte, generali o specifiche, di riforma in tal senso del sistema italiano. Prima di addentrarsi nell’analisi delle posizioni dei neo–riformisti e di altri socialisti democratici di cultura marxista, è però il caso di soffermarsi brevemente su un altro settore del socialismo democratico, che affronta le tematiche della pianificazione e della socializzazione in una prospettiva piuttosto differente: il settore degli ex–azionisti.

5.2 Gli ex–azionisti fra razionalizzazione del capitalismo e pianificazione

  • 11 Cfr. su questo G. De Luna, Storia… cit.
  • 12 Su La Malfa, cfr. P. Soddu, Ugo La Malfa… cit.
  • 13 IS, 8 luglio 1947, E. Rossi, Ricostruire l’Istituto di Ricostruzione.
  • 14 IS, 5 luglio 1947, E. Rossi, Quattrini agli industriali.
  • 15 IS, 18 novembre 1948, E. Rossi, Industrie nazionalizzate e industrie da nazionalizzare. E’interess (...)

5Un discorso a parte va infatti fatto per questi ultimi, in ragione della diversa posizione che assumono fra di essi le tematiche della pianificazione e della socializzazione e, in generale, le questioni economiche. Il PdA, a partire dalla fine della guerra, aveva sostanzialmente rinunciato alle istanze pianificatrici che erano emerse nei settori più “socialisteggianti” del partito, in particolare nell’Italia settentrionale11, in favore di una linea di razionalizzazione e modernizzazione del sistema capitalista che era portata avanti soprattutto dal gruppo di La Malfa12. Nonostante l’uscita di quest’ultimo dal partito, tale era rimasta la linea ufficiale del PdA fino allo scioglimento. L’eredità di una simile impostazione si fa sentire anche nei gruppi di ex–azionisti che entrano a far parte della nebulosa del socialismo democratico, come ben esemplifica il caso di Ernesto Rossi. Sebbene marginale rispetto alle vicende politiche dell’area e concentrato principalmente sulle tematiche federaliste, Rossi pubblica una serie di interventi dedicati alla politica economica su “L’Italia Socialista”, interventi nei quali emerge chiaramente una linea che si fonda sulla razionalizzazione del capitalismo e sull’eliminazione delle distorsioni al libero mercato, per quanto non siano completamente assenti una certa attenzione al ruolo sociale dell’impresa e, soprattutto, una riflessione sulla necessità che lo Stato si faccia carico di garantire servizi e infrastrutture. Intervenendo sulle sorti dell’Istituto di Ricostruzione Industriale, Rossi ne difende sia le ragioni sia le modalità della fondazione nel 1933, sposando la tesi che, di fronte alla necessità di un intervento economico (creditizio) da parte dello Stato, sia giusto che questo pretenda come contropartita una partecipazione alla gestione e agli eventuali utili dell’impresa. Egli critica invece aspramente la gestione dell’IRI e dell’intervento pubblico in generale nel dopoguerra, per due ordini di ragioni: da un lato, ritiene che l’Istituto di Ricostruzione debba liberarsi di tutte le partecipazioni in aziende e settori di non diretto interesse pubblico e inessenziali alla politica economica del governo, mentre dovrebbe sottoporre le industrie che rispondono a tali criteri a un processo di razionalizzazione, semplificazione e accorpamento in grandi complessi specializzati, in maniera da tagliare costi di produzione e aumentare la ricchezza prodotta13; dall’altro lato, egli si scaglia contro quella che chiama «socializzazione delle perdite», ovvero contro la tendenza dei governi successivi alla Liberazione a sostenere finanziariamente le grandi industrie mediante trasferimenti senza contropartite (ovvero senza potere incidere sul controllo e la gestione delle aziende stesse), tendenza che egli riconduce a «una intesa, tacita o esplicita non [si sa], fra i rappresentanti dei cosiddetti partiti di massa e gli imprenditori: «A voi tante centinaia di milioni, a noi tante migliaia di voti degli operai che potrete continuare a mantenere in soprannumero nei vostri stabilimenti»»14. Tali posizioni non sono episodiche; in un articolo successivo, egli si scaglia nuovamente contro la «socializzazione delle perdite», ovvero contro i grandi capitani d’industria che, richiedendo e ottenendo l’intervento statale a coprire i loro deficit, si comportano come «pirati» e speculatori e non come industriali. Al contempo, Rossi insiste sulla necessità che le aziende statalizzate dovrebbero essere «industrie pilota e non fanalini di coda» e funzionare secondo «un piano d’insieme per la riconversione e l’indirizzo produttivo generale»; ad ostacolare tale funzione di traino dell’impresa pubblica sarebbero a suo parere «le commissioni interne, i consigli di gestione, le camere del lavoro, la CGIL, che […] tengono le fabbriche dello Stato come baronie riservate agli operai in esse assunti, in qualsiasi momento e per un qualsiasi transitorio lavoro»15.

  • 16 Rossi torna sovente su questo tema, a dimostrazione della natura non episodica di tali posizioni: (...)
  • 17 Sull’opinione di questi sui sindacati, cfr. ISTORETO, FAG, b. 40, fasc. 1024, Spinelli a Garosci, (...)
  • 18 Cfr. su questo L. Polese Remaggi, «Il Ponte»… cit. E’da rilevare che Bertolino critica apertamente (...)
  • 19 «Il Ponte», a, II, no 9, settembre 1946, A. Bertolino, Significato della democrazia economica.

6La critica, parimenti dura e feroce, agli industriali e ai sindacati va inserita in quel modello di razionalizzazione e modernizzazione del capitalismo e di lotta contro le distorsioni al libero mercato che caratterizzerà l’agire successivo di Rossi – un modello per il quale il sindacato sembra costituire di per sé un monopolio, da combattere esattamente come i trust o i cartelli16; essa pone però l’uomo in una posizione sostanzialmente isolata all’interno dello stesso gruppo di ex–azionisti (eccezion fatta per Spinelli17), che invece si trovano su coordinate piuttosto differenti. Essi infatti si muovono piuttosto sulla linea sostenuta da Alberto Bertolino su «Il Ponte», per cui la nuova politica di intervento statale costituisce il necessario complemento sul piano economico del progetto di rivoluzione democratica18. Il tema centrale è sempre quello dell’unificazione di democrazia politica e democrazia economica, di libertà individuali e giustizia sociale, in un’ottica che vede nella partecipazione del cittadino alla vita democratica della collettività il nucleo centrale (etico–politico, prima che economico) della nuova società: «Non si tratta d’integrare semplicemente la democrazia politica e giuridica con un’egualitaria distribuzione di beni, ma di dare alla democrazia un’interpretazione conforme agli sviluppi della coscienza e della civiltà di oggi. La democrazia politica e la giuridica, isterilendosi in un formalismo procedurale, non riescono a realizzare la piena personalità dell’uomo […] ma la democrazia economica risulterà altrettanto formale e deficiente se non si libererà dalla pretesa di attuare una volta e per sempre una eguaglianza economica materialisticamente intesa nella società»19.

  • 20 Per un’analisi dettagliata e approfondita del contributo di Bertolino alla linea economica del «Po (...)
  • 21 «Il Ponte», a. II, no 5, maggio 1946, A. Bertolino, Costituente e riforma economica.
  • 22 «Il Ponte», a. I, no 3, A. Bertolino, Premesse alla pianificazione.
  • 23 «Il Ponte», a. II, no 5, maggio 1946, A. Bertolino, Costituente… cit.

7Eguaglianza delle possibilità ma non livellamento forzato della condizioni materiali; eliminazione dei privilegi ma mantenimento degli incentivi; affermazione del valore sociale del lavoro, visto come fondamento della partecipazione del singolo allo sforzo collettivo: questi, in sostanza, i punti fondamentali del discorso, sul cui sfondo si intravede una volontà di negare l’autonomia assoluta dell’ambito economico e di riportarlo in un rapporto dinamico con il contesto di relazioni politiche e giuridiche “integranti” che caratterizza una società democratica. In una simile ottica, le tematiche della pianificazione e della socializzazione entrano come gli strumenti da utilizzare per superare la separazione fra economico e politico, con l’opposizione fra libertà e giustizia cui tale separazione dà luogo20. Bertolino si spinge piuttosto in là, soprattutto negli anni della Costituente, in questa direzione. Egli ventila la possibilità di forti limitazioni al diritto di proprietà, che immagina fondato unicamente sul lavoro produttivo («la proprietà è ammessa finché sia funzione del lavoro») e che ritiene si debba subordinare in ogni caso all’interesse sociale, per cui le imprese «quando presentino un interesse collettivo superiore a quello individuale o particolare, passeranno in proprietà dello stato»21. Al contempo, il redattore economico del «Ponte» constata come sia ormai «opinione comune che l’economia di un paese è come un organismo e perciò deve essere guidata e controllata»22, e afferma che dovrebbe essere competenza dello stato «la funzione di regolamento della economia nazionale»23.

  • 24 IS, 14 agosto 1947, Vittoria laburista alla Camera dei Lords.
  • 25 IS, 1 ottobre 1947, c. i., IRI.
  • 26 IS, 11 settembre 1947, L. Valiani, Politica economica socialista. Le posizioni di Valiani, che a d (...)
  • 27 CS, 31 ottobre 1945, G. Pischel, Il socialismo del partito d’azione.
  • 28 IS, 7 gennaio 1949, a. G[arosci]., Nuova esperienza economica.

8Alle posizioni di Bertolino sembra essere vicina la maggioranza degli azionisti che confluiscono nel MAS–GL, stando almeno agli scarsi accenni che questi fanno a simili questioni. “L’Italia Socialista” sembra orientata verso una difesa di forme di pianificazione, a giudicare dal saluto entusiasta che viene rivolto all’approvazione del progetto di legge sui poteri del governo inglese in materia economica («I provvedimenti di socializzazione delle ferrovie, dei trasporti automobilistici e dell’energia elettrica rappresentano un notevole passo nell’applicazione del programma del socialismo inglese»24) o dall’auspicio che l’IRI venga utilizzato per un «tentativo di avviamento ad un nuovo complesso finanziario statale che, con criteri di massima economicità, interverrà nell’economia nazionale»25. Leo Valiani afferma, riguardo alle proposte di politica economica laburiste, (che consistono a suo parere «in un’energica ma accorta fiscalità, nel rafforzamento della disciplina della mano d’opera, nel prolungamento della settimana lavorativa, in misure di razionalizzazione industriale e commerciale che contribuiscano all’alleggerimento dei costi di produzione, nell’incremento delle esportazioni e, in generale, in accordi economici che intensifichino gli scambi internazionali»): «le possono accettare dei socialisti e farne l’avviamento alla pianificazione, nonché alla feconda cooperazione con i paesi che hanno economie complementari alla nostra»26. Giuliano Pischel, che proviene dalle file del socialismo e ad esse fa ritorno dopo la fine dell’esperienza azionista, sulle colonne di «Critica Sociale» afferma che il PdA è portatore di un progetto che vede affiancate piccole imprese individuali operanti in regime di concorrenza perfetta a grandi società a proprietà collettiva, organizzate secondo una vasta gamma di assetti proprietari: «statizzate, nazionalizzate, municipalizzate, cooperative, paracooperative, fors’anche di azionariato operaio, e infine socializzate»27. Garosci, in un momento successivo alla fase qui considerata, si sofferma ad esaltare i risultati ottenuti da «l’esperimento Roosevelt, gli esperimenti di economia diretta degli scandinavi, l’esperimento laburista» che a suo parere hanno dato vita ad «un’economia che non è più capitalistica, anche se ci sono ancora i capitalisti […] una economia che nel suo fondamento almeno è «socialista», guidata con la coscienza del fine sociale insito in una data società, col fine preciso di allargare il benessere e con la precisa nozione delle necessità economiche per raggiungere tale fine»28.

  • 29 In IS, 19 novembre 1947, L. Valiani, Il socialismo l’economia e i blocchi, l’autore spiega la sua (...)
  • 30 «Il Ponte», a. VI, no 1, gennaio 1950 A. Bertolino, La politica economica del Keynes. In realtà, B (...)

9Emerge qui un aspetto importante delle posizioni economiche degli ex–azionisti, ovvero la genericità e la vaghezza di quel che si intende, almeno dal punto di vista delle forme produttive, con il termine “socialismo”. Per Garosci sembra coincidere in questo caso con il welfare state; per Rossi, si è visto, esso è compatibile con un’azione di contrasto al sindacato, mentre per Valiani esso pare consistere sostanzialmente in una politica produttivista29; lo stesso Bertolino, in un momento successivo a quello in cui scrive gli articoli testé citati, afferma che «i nuovi strumenti economici» costruiti da Keynes «sembrano idonei ad altri usi, come, per esempio, a facilitare la realizzazione di un’economia socialista in una “società libera”»30. Dietro tali discrepanze sembra celarsi quel primato del fattore politico–istituzionale sull’economico che si è visto essere diffuso nella cultura azionista, per cui il legame fra struttura economica e sovrastruttura politica sfuma, quando non viene apertamente ribaltato; del resto, la rivendicazione di un socialismo non marxista da parte degli azionisti significa anche il rigetto di una concezione eminentemente economico–produttiva del socialismo stesso.

  • 31 Cfr. su questo V. Spini, I socialisti… cit.

10In ogni caso, le posizioni maggioritarie nella pattuglia di ex–azionisti che nell’ottobre del 1947 si orienta verso l’area socialista democratica sono in linea di massima favorevoli a forme di pianificazione e di limitazione della proprietà privata, per quanto rimangano piuttosto generiche, subordinate ad altri obbiettivi, di carattere politico–istituzionale o anche etico–antropologico, di trasformazione radicale della società e dell’ethos pubblico. Nel solo esponente (non molto attivo politicamente) dell’area che mostra vero interesse e reali competenze sul tema, Bertolino, la fine delle speranze di cambiamento della società recherà con sé anche un’attenuazione delle speranze in un cambiamento dell’economia31.

5.3 Neo–riformisti e socialisti eretici di fronte a pianificazione e socializzazione

  • 32 Cfr. CS rispettivamente del 15 settembre, 30 settembre, 15 ottobre, 15 novembre e 30 novembre 1945 (...)
  • 33 Soprattutto, dimostra come il tema costituisca un elemento di «comune sentire» che si diffonde anc (...)
  • 34 CS, 15 settembre 1945, V. Dagnino, La riforma industriale. Necessità e limiti attuali della social (...)
  • 35 Cfr. su questo P. Barucci, Ricostruzione, pianificazione, Mezzogiorno, Il Mulino, Bologna 1978.
  • 36 CS, 30 novembre 1945, R. Rigola, La democrazia nei rapporti tra capitale e lavoro.
  • 37 CS, 15 dicembre 1945, G. Guenci, Preparazione alla socializzazione.
  • 38 CS, 1–16 agosto 1946, C. Pagliero, Per il trapasso all’economia collettivistica; 16 settembre 1947 (...)

11A risultati non dissimili di delusione e abbandono dei progetti di cambiamento radicale delle strutture produttive pervengono i socialisti democratici di cultura marxista, ma partendo da presupposti differenti e seguendo un percorso più articolato, nel quale trovano spazio – se pure temporaneamente – momenti di approfondimento significativi. «Critica Sociale» si occupa fin da subito del tema con una serie di articoli che, fra il settembre ed il novembre 1945, tratteggiano un progetto di riorganizzazione dell’apparato produttivo italiano incentrato sulla socializzazione delle industrie e sull’adozione di un sistema di piani economici nazionali32. L’autore è Virgilio Dagnino, membro della corrente di Iniziativa Socialista: la sua presenza su «Critica Sociale» è sia un segno tangibile della collaborazione fra le due principali correnti che condurranno la scissione del gennaio 1947, sia una dimostrazione della trasversalità della tematica rispetto alle diverse anime del socialismo italiano33. Nell’insieme, gli articoli giungono a delineare in maniera dettagliata e circostanziata un modello di economia pianificata e socializzata sorretto da analisi piuttosto acute e approfondite. Partendo dalla constatazione che le esigenze di ampi interventi statali in economia si stiano affermando in tutti i paesi usciti dalla guerra, Dagnino individua il compito dei socialisti nell’elaborazione di un programma preciso di socializzazione al fine di «creare una salda piattaforma per la ricostruzione [e per] uscire dall’incertezza e dal caos economico, politico, e morale»34 – programma che egli, appunto, cerca di tratteggiare. Senza addentrarsi in un’analisi dettagliata delle proposte presentate, vale la pena mettere in luce come esse siano, nonostante alcune asperità verbali, tutt’altro che schematiche e dottrinarie. Il riconoscimento della necessità, stanti i rapporti di forza interni ed internazionali, di limitarsi ad una socializzazione parziale dei «grandi complessi industriali»; il rifiuto di assumere acriticamente il concetto, molto diffuso all’epoca ma altrettanto vago, di «grandi monopoli»35; il tentativo di individuare concretamente i settori di interesse nazionale; l’attenzione a non inimicarsi i ceti medi «coi quali si desidera collaborare nella lotta contro la monarchia e l’alto capitalismo» e i tecnici che «non avrebbero da perdere alcun vantaggio in caso di socializzazione»; l’attenzione a una serie di aspetti specifici, dalla questione degli indennizzi ai piccoli azionisti a quella della gestione burocratica, dagli assetti proprietari ai consigli di gestione, fino alla politica doganale necessaria a favorire le imprese socializzate: sono tutti elementi che dimostrano la volontà di costruire un progetto operativo e concreto, che poco concede alle rigidità ideologiche e molto invece alle compatibilità politiche e macroeconomiche e che funga da base effettiva per l’azione del partito. Ciononostante, è un tentativo che presenta alcuni grossi limiti, per molti aspetti invisibili all’epoca. In primo luogo, pare sottovalutare completamente le difficoltà amministrative e burocratiche che la gestione di un simile apparato comporta, data soprattutto la situazione del sistema amministrativo italiano; in secondo luogo, sembra dare per scontato che il settore socializzato, debitamente guidato da piani nazionali, sia in grado di garantire una produttività maggiore di quello privato; e infine, ultimo ma non per importanza, ignora del tutto il problema dei rapporti fra economia pianificata e libertà politiche, che costituisce uno dei più forti e diffusi temi polemici dei liberisti. Ma la guerra è finita da pochi mesi, spira ancora il vento del Nord e Dagnino non è il solo a considerare possibile, e anzi inevitabile il superamento del capitalismo e l’avvento, se non del socialismo, per lo meno di un sistema misto. Sulla stessa linea si mettono il vecchio sindacalista Rinaldo Rigola, secondo il quale si sta affermando, e durerà «per un periodo incalcolabile di tempo, un’economia mista»36; il “compagno ing. Guido Guenci”, aperto fautore di una socializzazione totale37; il “giovane compagno Carlo Pagliero”, che preconizza l’imminente realizzazione di un sistema di pianificazione socialista38. Per tutti costoro, pianificazione e socializzazione – per altro raramente distinte – sono non solo auspicabili, ma inevitabili e imminenti.

  • 39 Altri esempi sono CS, 1 luglio 1946, rubrica “Ciò che si stampa”, P. GA, Attualità storica del col (...)
  • 40 ES, 1 maggio 1946 16 maggio 1946, K. Renner, La socializzazione del salario, I e II. Per restare s (...)
  • 41 CS, 1–16 agosto 1946, C. Pagliero, Per il trapasso all’economia collettivistica; 16 settembre 1947 (...)

12E’ una convinzione molto diffusa sulle colonne di «Critica Sociale»39 e nella più ampia area socialista democratica. Anche «Europa Socialista», in questo torno di tempo, mostra la stessa fiducia nelle potenzialità di un’economia pianificata e la stessa convinzione che tale economia sia uno sbocco inevitabile. La rivista fondata da Silone, muovendosi nell’ottica europea che le è propria, pubblica un intervento del Presidente della Repubblica austriaco Karl Renner nel quale si dichiarano maturi i tempi per la socializzazione di alcuni settori del sistema capitalista, in particolare dei grandi portafogli azionari e delle imprese in cui si è già consumata la scissione fra proprietà e controllo: «tutte le proprietà cosiddette «cartacee» e gli istituti che ne sono il veicolo o gli esponenti sono maturi per la socializzazione»40. Il futuro vicedirettore della testata, Gaetano Russo, aveva del resto affermato sin dal primo numero: «Le incipienti socializzazioni sono i soli atti di positiva e concreta volontà ricostruttiva della economia europea: le prime anticipazioni di nuove e più vaste riforme dell’ordinamento capitalistico e del sistema della produzione»41.

  • 42 ES, 23 febbraio 1947, F. C [affè], Economia – Il programma del tempo perduto.

13Nel giro di pochi mesi, la convinzione di una inevitabile evoluzione verso forme di economia pianificata sembra però perdere mordente, e l’approccio al tema diviene più variegato, proprio perché si inseriscono quegli elementi problematici assenti negli articoli di Dagnino. Sebbene non si perdano ancora le speranze, sfuma la convinzione di essere dalla parte giusta della storia: la socializzazione delle grandi industrie non viene più considerata un evento inevitabile, perché richiesto dallo spirito dei tempi, ma diviene un elemento programmatico, la cui realizzazione dipenderà dall’azione dei partiti che la propugnano. Se inizialmente è il vento della pianificazione e della socializzazione dell’economia che sembra gonfiare le vele del socialismo (democratico), adesso i ruoli si invertono, e sono i socialisti (democratici) a sentire di dover lavorare per rendere possibile la costruzione di un’economia mista. Già all’inizio del 1947, l’economista Federico Caffè sente il bisogno, dalle colonne di «Europa Socialista», di esortare le principali forze politiche, «notoriamente interventiste sul terreno economico e tendenzialmente pianificatrici», a liberarsi della sudditanza verso i «fautori del conformismo liberale» e ad adottare quelle drastiche misure di intervento «che altrove sono state ritenute pregiudiziali alla ripresa economica»42.

  • 43 CS, 1 e 16 dicembre 1947, 1 gennaio 1948, C. Barbagallo, Iniziativa privata o pianificazione? I, I (...)

14Si apre allora un altro ordine di problemi, gravitanti attorno alla necessità di convincere il pubblico delle bontà di un’economia mista e di sostenere la natura progressiva di essa. E’quanto cerca di fare un lungo intervento di Corrado Barbagallo pubblicato a fine 1947 su «Critica Sociale»43, in cui si confutano le più diffuse obiezioni alla pianificazione (eccessiva standardizzazione del prodotto, gigantismo burocratico, mancanza di incentivi al lavoro e alla produzione) e soprattutto si tenta di dimostrare come questa non sia in contrasto con le libertà dei cittadini: «la libertà economica non coincide sempre con quelle che noi diciamo le libertà, civile e politica, […] l’una e l’altra possono, in certi casi, essere nomi simili che coprono realtà opposte».

  • 44 Per gli ex–azionisti, tuttavia, esso non è una novità. Tale nodo si è già presentato nel PdA [Cfr. (...)
  • 45 CS, 16 ottobre 1947, rubrica “Ciò che si stampa”: B. Wootton, Libertà e pianificazione.
  • 46 CS, 16 gennaio 1948, rubrica “Fatti e commenti della stampa italiana ed estera”: Per la terza forz (...)

15E’ questo il nodo fondamentale, che compare intorno al 1947: il rapporto tra pianificazione e libertà44, sul quale ci si è già soffermati in relazione alla critica dell’URSS e del comunismo. Dal punto di vista dei programmi economici, esso sancisce un cambio di prospettiva: dall’ottimistica fede nell’avvento di un’economia pianificata, alla problematica difesa di essa dagli attacchi dei liberali e dei critici del comunismo sovietico. Si apre in sostanza quella lotta su due fronti, contro il liberismo da un lato e contro la via sovietica all’economia pianificata dall’altro, che segnerà d’ora in poi l’approccio di «Critica Sociale» al tema. Il problema dell’esistenza o meno di un’antitesi fra libertà e pianificazione, che la rivista risolve, fra mille dubbi, in senso negativo, è comunque diffuso a livello europeo. «Critica Sociale» cita infatti a suo sostegno il libro di Wootton che nega tale antitesi45, e soprattutto un radio discorso del premier britannico Attlee, che afferma: «il nostro compito consiste nell’introdurre praticamente un sistema nuovo e fruttuoso che riunisca la libertà individuale con l’economia pianificata, la democrazia con la giustizia sociale»46.

  • 47 Trasformazioni di cui la rivista dà conto e che analizza e difende: cfr. CS, 1–16 agosto 1946, Le (...)
  • 48 Cfr. su questo G. Silei, Welfare state e socialdemocrazia. Cultura, programmi e realizzazioni in E (...)
  • 49 CS, 1–16 gennaio 1946, G. Colombini, La riforma bancaria francese.
  • 50 Ivi, F. Pagliari, La democrazia industriale in Francia e altrove.
  • 51 Ivi, V. Dagnino, La socializzazione in Europa e negli Stati Uniti.
  • 52 Ivi, F. Pagliari, La democrazia… cit.

16La citazione di Attlee permette di introdurre un altro aspetto dell’approccio della «Critica Sociale» alla questione pianificazione/socializzazioni: quello relativo alle contemporanee vicende europee, spesso prese ad esempio per il ruolo che vi svolgono i partiti socialisti. Nell’immediato dopoguerra Francia e Inghilterra, per vie diverse, varano effettivamente una serie di provvedimenti di nazionalizzazione, riguardanti in primis le banche, ma anche alcuni importanti settori industriali (in particolar modo le miniere). In entrambi i paesi, i partiti socialisti giocano un ruolo importante in questa svolta: in Gran Bretagna il Labour Party, per la prima volta al governo da solo, edifica nei sei anni in cui rimane al potere un sistema di economia mista e di welfare state che cambia profondamente il volto del paese47; in Francia la SFIO, pur non egemone come i cugini d’oltremanica, partecipa ai governi di unità nazionale e all’elaborazione delle due costituzioni della IV Repubblica, e fa delle difesa delle nazionalizzazioni del 1945–46 uno dei cardini della sua politica48. I socialisti democratici guardano con grande ammirazione agli esperimenti inglese e francese: essi appaiono la prova empirica che un progetto di nazionalizzazioni si può e si deve mettere in atto. Così, nel gennaio del 1946 «Critica Sociale» pubblica tre articoli che descrivono e analizzano le esperienze in atto nei paesi europei. Particolare riguardo è riservato alla Francia, della quale si descrivono dettagliatamente la nazionalizzazione della Banca Centrale e dei principali istituti di credito49, secondo uno spirito che viene interpretato come «ostile al burocratismo e allo statalismo»50, in linea con la tradizione del socialismo francese. A fianco del vicino transalpino stanno ovviamente la Gran Bretagna, dove il governo laburista insediato da pochi mesi «ha già presentato il progetto per la nazionalizzazione della Banca Centrale»51, e, non deve stupire, la Cecoslovacchia, dove la nazionalizzazione «abbraccia l’85% dell’industria»52.

  • 53 ES, 1 marzo 1946, A. Williams, La nazionalizzazione delle miniere in Gran Bretagna.
  • 54 ES, 16 marzo 1946, H. J. Lasky, Una nuova era sociale in Gran Bretagna.
  • 55 ES, 1 maggio 1946, T. Williams [ministro dell’agricoltura], Nazionalizzazione delle terre in Gran (...)
  • 56 ES, 16 dicembre 1946, J. Henderson, Bilancio di un anno di politica interna laburista.
  • 57 ES, 1 maggio 1946, E. Smith, Plan for Plenty; cfr. anche 1 maggio 1946, Cronache economiche. Gran (...)
  • 58 Cfr. ES, 1 marzo 1946, G. Gurvitch, La rappresentanza operaia e il problema delle nazionalizzazion (...)
  • 59 Cfr. ES, 16 marzo 1946, T. Oden, La cooperazione nella vita economica della Svezia.
  • 60 Cfr. ES, 1 marzo 1946, G. Parravicini, recensione di D. E. Lilienthal, TVA [Tennessee Valley Autho (...)
  • 61 Cfr. ES, 1 aprile 1946, E. Downton, Il progetto di elettrificazione nel IV piano quinquennale sovi (...)
  • 62 Cfr. ES, 16 maggio 1946, Cronache economiche–Socializzazioni in Polonia; 1 novembre 1946, V. Liber (...)
  • 63 Cfr. ES, 23 marzo 1947, V. Libera, Democrazia economica – esperimento del socialismo francese, dov (...)
  • 64 Cfr. ES, 6 aprile 1947, P. Sideri, I laburisti contro i baroni della city.
  • 65 ES, 23 febbraio 1947, G. Granata, Il servizio della salute in Inghilterra. Sul rapporto libertà–pi (...)

17Più ancora di «Critica Sociale«, è però naturalmente «Europa Socialista» ad insistere sugli esempi di pianificazione e socializzazione che provengono dagli altri paesi del continente. Fin dal primo numero, la rivista fondata da Silone ospita numerosi interventi dedicati all’operato dei governi a guida o a partecipazione socialista presenti in Europa, attraverso reportage di propri corrispondenti e soprattutto mediante traduzioni di discorsi di leader stranieri o di articoli di giornalisti esteri. A dominare la scena è l’operato del governo laburista, la cui politica di nazionalizzazioni viene esaltata come «una grave disfatta per il capitalismo» e «una trasformazione di portata storica»53, del quale si descrivono i progetti di assicurazioni sociali («il laburismo darà ai lavoratori la libertà dal bisogno»54) e di riforma agraria55, di cui si elencano i risultati56 e si delineano i piani per il futuro57. Non si guarda però soltanto ad esso: dalla Francia58 alla Svezia59, dagli Stati Uniti del New Deal60 all’U-nione Sovietica dello spettacolare boom industriale61, il primo anno della rivista è tutto un susseguirsi di reportage dall’estero che descrivono le mirabili realizzazioni dei diversi modelli di pianificazione economica – un osanna generalizzato, che, come già si è visto per gli altri socialisti democratici, non manca di estendersi ai paesi del costituendo blocco sovietico62. I toni tuttavia cambiano piuttosto rapidamente. Più o meno nello stesso periodo in cui «Critica Sociale» comincia a porsi in maniera più problematica di fronte al binomio pianificazione/socializzazioni, «Europa Socialista» registra la perdita di slancio, o il passaggio dalla poesia dei programmi postbellici alla prosa dei tentativi di realizzazione, dell’azione socialista a livello europeo: si parla sempre meno degli esperimenti di pianificazione e, quando lo si fa, l’attenzione sembra concentrarsi sulla difesa dell’operato dei governi socialisti o a partecipazione socialista dagli attacchi e dalle critiche che vengono loro rivolte63, oppure sui timori circa le reazioni del capitale alle riforme socialiste64. Fa inoltre la sua comparsa, a partire dal 1947, la questione del rapporto problematico fra libertà e pianificazione, per cui un articolo che descrive, peraltro in maniera molto approfondita, i provvedimenti sociali laburisti sente il bisogno di precisare che essi pongano le basi per una «democrazia economica […] senza bisogno di passare attraverso totalitarismi e dittature, senza necessità soprattutto di sacrificare le libertà individuali e politiche»65.

  • 66 Cfr. su questo G. Mori (a cura di), La cultura economica… cit.

18Per un certo periodo di tempo, insomma, fintanto che la situazione interna e quella internazionale permangono fluide e aperte a diversi possibili sviluppi, l’attenzione dei socialisti democratici per pianificazione e socializzazione–nazionalizzazione si sostenta anche del richiamo agli avvenimenti europei, richiamati per dimostrare come l’evoluzione verso forme di economia mista sia inarrestabile. Si tratta di una fiducia piuttosto ingenua, ben diversa, ad esempio, dal realismo con il quale il gruppo dirigente comunista affronta la ricostruzione di un sistema economico capitalista, e anzi se ne fa in una certa misura coautore66. Una fiducia che si sostanzia di un duplice atteggiamento: da un lato, si ha una dottrinaria fede nell’inevitabilità dell’evoluzione storica e della successione del socialismo al capitalismo (irrigidita tra l’altro dalla condanna del volontarismo leninista già evidenziata). Dall’altro lato, sembra verificarsi una sorta di inconscia sovrapposizione dei propri desideri alla realtà, la quale finisce per essere letta e interpretata “sub specie socialismi”, ovvero incasellando tutti cambiamenti e le modificazioni della struttura economica e produttiva nella grande strada che porta alla società nuova.

19Anche in questo caso, naturalmente, la rottura dell’alleanza fra i grandi e l’inizio della guerra fredda segnano un brusco risveglio per i socialisti democratici. A partire dal 1948, lo sguardo che essi gettano all’Europa varia: nazionalizzazioni e pianificazione passano in secondo piano, anche perché le prime subiscono una battuta d’arresto dopo la rapida affermazione dell’immediato periodo postbellico, e la seconda diviene sempre più elemento caratterizzante delle democrazie popolari dell’Est. Specularmente, anche l’interesse per questi temi in politica interna va scemando, dopo essere stato provvisoriamente ravvivato da un’ultima fiammata di grandi speranze e rapide disillusioni che si verifica in concomitanza con il lancio del Piano Marshall.

  • 67 Sul piano Marshall la letteratura è ormai estremamente vasta e variegata. Si rimanda pertanto, olt (...)
  • 68 CS, 16 luglio 1949, R. Tremelloni, L’Italia e l’economia europea. Sullo stesso tema, cfr. anche CS (...)
  • 69 CS, 19 ottobre 1947, D. Cittone, L’Italia nel piano Marshall. In realtà, già Carlo Pagliero, tratt (...)
  • 70 CS, 1 febbraio 1949, D. Cittone, La politica economica del governo.
  • 71 Su questo cfr. cfr. C. Spagnolo, La polemica sul “Country Study”, il fondo lire e la dimensione in (...)
  • 72 CS, 16 maggio 1949, D. Cittone, Il Rapporto Hoffman I.
  • 73 Da notare che le critiche contenute nel “Rapporto Hoffmann” sono in realtà «di stampo keynesiano, (...)
  • 74 CS, 16 maggio 1949, D. Cittone, Il Rapporto Hoffman II.

20Se il 1947 è l’anno della guerra fredda, della rottura della collaborazione fra DC e sinistre e della scissione socialista, esso è infatti anche l’anno del Piano Marshall. L’offerta americana di aiuti per la ricostruzione dell’Europa diviene rapidamente uno dei principali oggetti del contendere della politica internazionale, con l’Unione Sovietica che denuncia il Piano come strumento di asservimento dell’Europa agli USA (e impone ai suoi alleati orientali di rinunciare ad aderirvi)67. Nel loro piccolo, anche i socialisti italiani si scontrano sulla questione degli aiuti ERP: mentre il PSI, allineandosi ai comunisti, fa propria la denuncia delle mire imperialistiche americane, il PSLI vede nel Piano Marshall una grande occasione non solo per ricostruire il paese, ma addirittura per imprimere una svolta in direzione della pianificazione. Esso, forse anche in seguito all’ostilità mostrata dal PSI, diviene rapidamente una bandiera del socialismo democratico, una bandiera che viene sventolata per anni, se ancora nel luglio 1949 Roberto Tremelloni presenta l’ERP come un’ancora di salvezza per l’intero continente europeo (in realtà, per la sua parte occidentale), nonché come un enorme stimolo per la sua integrazione economica e, in prospettiva, politica68. A connettere esplicitamente ERP e pianificazione dello sforzo produttivo è però, sulle colonne di «Critica Sociale», il redattore per la parte economica Davide Cittone, che invoca apertamente una forma di “dirigismo”69 proprio al fine di sfruttare i crediti americani e poterne ricevere ulteriori e che critica il governo per la mancanza di un piano economico generale per l’utilizzo di tali crediti70. Una critica, quest’ultima, che sembra trovare conferma nel cosiddetto Rapporto Hoffman, ovvero il Country Study che nel febbraio 1949 il responsabile per l’Italia dell’ERP, Paul Hoffman, presenta al Congresso americano, e che contiene molti rilievi negativi alle scelte di politica economica del governo71. Cittone cita ampi brani dal rapporto, che affermano che «né il mondo degli affari né il governo italiano hanno svolto un’azione concreta per conciliare il bisogno di investimenti, ovunque vivissimo, e di piena utilizzazione della capacità produttiva con una ragionevole stabilità finanziaria»72: insomma, la rigida ortodossia di Einaudi, proseguita dal suo successore al Tesoro Pella, non è gradita agli americani, che vorrebbero che i fondi ERP fossero utilizzati per rilanciare investimenti e produzione73. L’autore si rifà ancora al rapporto per sostenere che «i maggiori impedimenti nei confronti della ripresa italiana e del raggiungimento degli obbiettivi ERP in Italia consistono nel fatto che l’Italia non può essere attualmente in grado di formulare i piani e le direttive che le permettano di giungere ad una reale politica economica nazionale e assicurarne la realizzazione»74, soprattutto a causa dell’inefficienza dell’apparato burocratico e amministrativo; e sempre seguendo il Country Study, spiega che «in uno stato democratico costituzionale, la pianificazione economica significa l’amministrazione coordinata e controllata di alcuni settori fondamentali dell’economia, quali la finanza pubblica, il credito bancario e il commercio estero, avendo di mira alcune mete generali nella produzione e negli scambi ed in aderenza ad un bilancio economico nazionale degli investimenti alquanto particolareggiato»: sono queste, conclude l’autore, «fra le prime istanze dei nostri programmi elettorali».

  • 75 Cfr. il già citato ES, 29 giugno 1947, F. Caffè, in Trovato il piano… cit.
  • 76 ES, 1 giugno 1947, B. Cialdea, La Commissione Economica per l’Europa.
  • 77 ES, 6 luglio 1947, B. Cialdea, Il primo passo verso la pianificazione europea.

21«Critica Sociale» non è la sola a connettere Piano Marshall e pianificazione. A sviluppare fino in fondo tale connessione è anzi «Europa Socialista», che auspica che l’ERP conduca ad un piano organico non solo italiano, ma anche e soprattutto europeo75. In effetti, proprio quando, nella prima metà del 1947, la convinzione che nei vari paesi del continente si stiano realizzando passi significativi verso il socialismo sembra vacillare, il piano di aiuti americani pare intervenire a proporre una nuova prospettiva di pianificazione a livello sopranazionale. Già poco prima che esso venga ufficialmente annunciato dal segretario di stato americano nel suo discorso ad Harvard del 5 giugno 1947, la rivista chiede, per bocca di Basilio Cialdea (futuro collaboratore de “L’Umanità” e di «Critica Sociale»), l’istituzione di una Commissione Economica per l’Europa76. Un mese dopo, lo stesso autore saluta l’ERP come un «primo passo verso la pianificazione europea»77.

  • 78 Cfr. su tutto questo, e in generale sulla politica economica degli anni della ricostruzione e del (...)

22La pianificazione, interna e internazionale, appare quindi come la conseguenza inevitabile del Piano Marshall, il quale anche per questo viene difeso e caldeggiato. Significativamente, però, anche tale entusiasmo si smorza nel giro di poco tempo: «Europa Socialista» esce di scena nell’estate del 1947, mentre il succitato discorso di Tremelloni è l’ultima ricorrenza, sulle pagine della rivista di Mondolfo, di un piano di aiuti che continua ancora per anni dopo il 1949. Proprio nel momento in cui la linea ortodossa di politica economica viene timidamente integrata con i primi tentativi di intervento dello Stato e di formulazione di piani (piano Fanfani per la casa, 1949, creazione della Cassa del Mezzogiorno, 1950, piano La Malfa per le Partecipazioni Statali, 1951–1953)78, «Critica Sociale» mette la sordina al tema della pianificazione in generale, e cessa di esaltare in tal senso gli aiuti ERP, come se la prosaica realtà dei governi centristi e di una politica di intervento statale stentata e spesso contraddittoria avessero l’effetto di deprimere ogni fiducia nello stesso strumento programmatorio. Eppure, proprio la rivista diretta da Mondolfo si era spinta piuttosto in là su questa strada, cercando di studiare nel dettaglio i vari aspetti di un piano economico nazionale, sia dal punto di vista dell’organizzazione dei settori socializzati dell’economia, sia dal punto di vista delle gestione complessiva delle risorse mediante la leva fiscale.

23Di questi aspetti, su due in particolare è utile soffermarsi brevemente, sia per la loro importanza intrinseca sia perché mettono in evidenza come tematiche non caratterizzanti dei socialisti democratici possano essere declinate da questi ultimi in un contesto di programmi generali di pianificazione: la riforma bancaria e la riforma fiscale.

  • 79 Cfr. ad esempio CS, 1 giugno 1946, L. Severgnini, La politica economica del partito socialista; CS (...)
  • 80 CS, 1–16 aprile 1946, 1 maggio e 16 maggio 1946, G. Colombini, Il problema bancario italiano, I, I (...)

24La prima è un tema che ha grande rilevanza politica e propagandistica e, soprattutto, che è direttamente connesso con le proposte di nazionalizzazione delle grandi industrie che costituiscono il cuore dei progetti di socializzazione parziale dei socialisti democratici: senza la garanzia di un adeguato accesso al credito e il supporto da parte del sistema finanziario, ben difficilmente le industrie nazionalizzate potrebbero svolgere il loro ruolo assegnato in un piano economico nazionale. Non stupisce quindi che «Critica Sociale» si occupi della questione sempre in connessione con il tema della pianificazione79. In particolare, la rivista ospita una serie di tre interventi di Giuseppe Colombini dedicati specificamente a «il problema bancario italiano»80, che descrivono lo sviluppo del credito nel paese e tratteggiano le linee fondamentali di una riforma. Si tratta di tre interventi complessi e dal taglio piuttosto specialistico, che partono appunto dal presupposto che «in regime di politica economica di intervento […] non si può pensare di lasciare alla libera iniziativa il più delicato settore dell’economia». Mostrando un notevole comprensione delle peculiarità del sistema creditizio italiano (la debolezza del sistema bancario, la mancanza di istituti specializzati in credito industriale) l’autore elabora una proposta di riorganizzazione complessiva di tale sistema, imperniata sulla nazionalizzazione della Banca d’Italia e dei principali istituti finanziari (in realtà, già in parte nazionalizzati negli anni Trenta) e finalizzata soprattutto alla mobilitazione del credito a fini produttivi. Il potere di indirizzo sulle scelte industriali, derivante dal controllo del credito, sembra in effetti essere l’obbiettivo principe della proposta che, in linea con le idee economiche dei socialisti democratici in questo periodo, ritiene la pianificazione strumento essenziale di una politica di ricostruzione e rilancio del paese.

  • 81 In particolare Livio Severgnini, che la stessa «Critica Sociale» qualifica come consultore finanzi (...)
  • 82 Il cambio della moneta, come è noto, non venne mai realizzato; un’imposta patrimoniale venne varat (...)
  • 83 Cfr. ad esempio CS, 1 settembre 1947, E. Massarani, In tema di riforma tributaria; CS, 15 novembre (...)
  • 84 Cfr. ad esempio CS, 30 novembre 1945, E. Massarani, Esperimenti monetari; CS, 1 febbraio 1946, C. (...)
  • 85 CS, 15 settembre 1946, C. Pagliero, Circolazione monetaria e lavori pubblici; CS, 1 marzo 1947, ID (...)
  • 86 Cfr. ad esempio, CS, 1 ottobre 1946, s. a. Mentre la situazione si aggrava; 16 aprile 1947, U.G. M (...)
  • 87 CS, 15 ottobre 1946, I. M. Lombardo, Per la ricostruzione dell’Italia.
  • 88 Cfr. ad esempio CS, 1 novembre 1946, L. Severgnini, Il cambio della moneta; CS, 1 settembre 1947 e (...)

25Se la riforma bancaria rappresenta un passaggio essenziale di ogni progetto di pianificazione economica, quella fiscale è più legata a questioni prettamente italiane. Forse proprio per questo, essa interessa fortemente «Critica Sociale», che vi dedica ampio spazio. Per lo più, anche se non esclusivamente, esso viene affidato a esperti del settore81 e declinato attorno a tre nuclei principali: i provvedimenti straordinari da prendere nel dopoguerra (cambio della moneta e imposta straordinaria sul patrimonio)82, la lotta all’evasione, solitamente connessa ad una riforma dei sistemi di accertamento83, e il passaggio ad un sistema di imposizione diretta e progressiva84. Sono tre questioni strettamente connesse fra loro, che vanno tutte nella direzione di un riequilibrio in senso redistributivo del sistema tributario e delineano, nel complesso, un modello di tassazione moderno ed efficiente, adatto sia a sostenere forme più o meno ampie di pianificazione sia semplicemente a stimolare uno sviluppo sostenibile, socialmente ed economicamente, del sistema produttivo. Inoltre, lungi dal costituire un ambito “tecnico” e riservato agli esperti, esse hanno a volte una risonanza politica piuttosto ampia. Sul cambio della moneta e sulla patrimoniale, ad esempio, «Critica Sociale» non si limita a pubblicare una serie di articoli che scendono nel dettaglio dei meccanismi secondo cui tali provvedimenti dovrebbero essere condotti85, ma conduce una dura polemica contro gli «ingiusti profitti» realizzati sul mercato nero in epoca bellica e immediatamente postbellica86, in linea in questo con Ivan Matteo Lombardo, che tratta della questione alla Costituente87, e con lo stesso ministro comunista delle Finanze Mauro Scoccimarro, uno dei pochissimi membri del PCI a ricevere numerosi plausi sulle colonne della rivista proprio per i suoi progetti in tal senso88.

  • 89 CS, 1 dicembre 1948, rubrica: fatti e commenti…, La riforma fiscale nel Belgio
  • 90 CS, 16 marzo 1948, rubrica: fatti e commenti…, Imposta sul reddito negli Stati Uniti.
  • 91 CS, 1 luglio 1948, L. Severgnini, Ricostruzione edilizia.
  • 92 CS, 5 ottobre 1954, R. Tremelloni, Il secondo tempo della riforma tributaria.

26Naturalmente, l’affermazione della linea economica ortodossa einaudiana rappresenta per tutti questi progetti uno scacco praticamente definitivo. A partire dalla seconda metà del 1947, il tema sembra quindi perdere mordente: sulle pagine di «Critica Sociale» si riporta ancora qualche esempio di imposizione progressiva in Belgio89 e negli Stati Uniti90, peraltro non particolarmente analizzato; un ultimo articolo dove si suggerisce, decisamente ormai fuori tempo massimo, che la ricostruzione edilizia venga finanziata attraverso l’imposta straordinaria sui patrimoni91. Poi, più niente fino all’intervento che nel 1954 Roberto Tremelloni, all’epoca Ministro delle Finanze, dedica alla riforma del si stema tributario avviata dal suo predecessore Vanoni, e che egli intende portare avanti secondo un programma di «graduale maggiore importanza dell’imposizione diretta […], migliore perequazione dell’onere tributario […],decisa resistenza contro il crescere delle esenzioni […], avviamento all’unico testo di leggi tributarie»92. Programma accuratamente edulcorato e fatto di battaglia di retroguardia, dal quale si evince che le esplicite, e in qualche modo radicali, richieste degli anni della ricostruzione non hanno avuto alcun seguito, e anzi sono state messe decisamente in sordina. Una vera e propria eclissi, dunque, quasi contemporanea alla scomparsa di altri temi già trattati, quali quello della pianificazione, quello della connessa riforma bancaria e, come si vedrà ora, quello dello stato sociale.

5.4 Previdenza, assistenza, Stato sociale

27Anche per quanto riguarda le politiche sociali e le forme di assistenza e previdenza–ciò che viene sinteticamente definito stato sociale–si può infatti rilevare entro la fine del 1948 (quindi in un momento leggermente posteriore rispetto alle altre tematiche) un deciso calo della tensione riformatrice che anima la rivista nei primi anni di vita. Anche in questo ambito, il ripiego su tematiche “tecniche” e settoriali segna l’abbandono dei progetti di “grande riforma” accarezzati in precedenza. Se le tematiche relative allo stato sociale non vengono totalmente abbandonate, ciò è dovuto probabilmente alla crescente diffusione e centralità che esse assumono nel quadro politico europeo: non è un caso che la maggior parte delle volte che si parla di assistenza e/o previdenza dopo il 1948, ciò avviene tramite la recensione di un libro sul tema, o nell’ambito della rassegna della stampa estera, inglese in particolare. Insomma, i temi del welfare, più che inaridirsi del tutto, si sotterrano come un fiume carsico, pronti a riemergere al richiamo delle contemporanee esperienze europee; ma è un richiamo debole, incapace di innescare un interesse autonomo e un’elaborazione indipendente da parte degli eredi del riformismo. I quali confermano, ancora una volta, di avere rapidamente esaurito la propria “spinta propulsiva”, nonostante quelle che sembravano promettenti premesse.

  • 93 F. Conti, G. Silei, Breve storia dello Stato Sociale, Carocci, Roma, 2005 p. 9. Sul tema dello sta (...)
  • 94 Ibidem, p. 89.
  • 95 Ibidem, p. 9.
  • 96 Nell’accezione più classica, per previdenza sociale si intendono schemi assicurativi obbligatori c (...)
  • 97 Da notare che l’edificazione o il potenziamento di un sistema di Welfare (di fatto se non di nome) (...)

28Prima di focalizzarsi su queste ultime, sono però necessarie due precisazioni. In primo luogo, è opportuno distinguere fra la nozione generica di “stato sociale” e quella più specifica di “welfare state”. Per quanto riguarda la prima, la si intende qui come «l’insieme delle iniziative assunte dai vari paesi nell’ambito dell’assistenza, della previdenza, della sanità, della regolamentazione del lavoro e, più in generale, per la tutela dei ceti più deboli»93. In questo senso lato, esso si presenta in Europa fin dal XIX secolo e in Italia, in particolare, fin dalla legge del 1898 sull’assicurazione obbligatoria per alcune categorie di lavoratori. Sotto tale definizione si rubricano tutti i successivi sviluppi delle politiche sociali nel nostro paese, compresi gli interventi fascisti–ereditati in gran parte dalla Repubblica–che, nonostante il significativo ampiamento del settore, restarono di carattere prevalentemente settoriale e occupazionale ed improntati a «una forte frammentazione e soprattutto ad evidenti disparità di trattamento tra soggetto e soggetto»94. Per Welfare state si intende invece «una precisa fase di sviluppo dei sistemi di sicurezza sociale: quella cioè che, sulla scorta di elaborazioni compiute negli anni Quaranta del Novecento, fu avviata nel Regno Unito subito dopo la Seconda Guerra Mondiale e che poi finì con l’influenzare molte delle riforme attuate negli altri paesi europei»95. Esso si differenzia dalla nozione più generica di “stato sociale” essenzialmente per la forte ispirazione universalistica (ovvero per la tendenziale estensione delle assicurazioni obbligatorie e dell’assistenza sociale a tutti i cittadini, a prescindere della posizione occupazionale) e per la volontà di coprire in maniera completa tutte le principali forme di rischio e insicurezza per il cittadino96; nell’Italia del secondo dopoguerra, tale forma specifica di politiche sociali era pressoché assente, e tale restò per lungo tempo97.

29Politiche sociali del primo tipo non erano una novità per il riformismo socialista, che si era confrontato con esse sia attraverso l’esperienza delle società di mutuo soccorso e delle varie forme di solidarietà operaia e di previdenza spontanea e volontaria, sia attraverso la richiesta di leggi a tutela del lavoro e dai rischi ad esso connessi, che aveva sempre accompagnato tanto le immediate rivendicazioni salariali quanto le prospettive rivoluzionarie a lungo termine. Quello che invece mancava–e non per arretratezza, ma perché storicamente successivo–era un concetto più ampio e insieme più definito di sicurezza sociale, che avesse come tendenziale oggetto della propria azione i cittadini in quanto tali e non le singole categorie di lavoratori. Un progetto di costruzione di un sistema di tutele contro i principali rischi, e di assistenza ai soggetti più deboli, gestito dallo Stato e finanziato non direttamente dai beneficiari tramite casse settoriali o società di mutuo soccorso, ma dall’intera collettività tramite lo strumento generalizzato della leva fiscale. Insomma, mancava quell’idea organica di Welfare state, che–senza voler con questo dare giudizi di valore o di presunta maggiore o minore “arcaicità” del contesto italiano–costituiva l’orizzonte ideale verso cui si andava orientando la maggior parte delle socialdemocrazie europee.

  • 98 E’ forse necessaria a questo punto una precisazione. I socialisti democratici, si è detto, mostran (...)

30La seconda precisazione è diretta conseguenza di quanto detto finora. Le tematiche sociali, o più correttamente la richiesta e l’elaborazione di progetti di politiche sociali, sono un elemento importante di «Critica Sociale». Molto meno, lo sono le tematiche del Welfare state, che compaiono molto più raramente sulla rivista, e per di più ad opera di collaboratori esterni, sovente “esperti” del settore non organici al gruppo di redazione. Tuttavia, la presenza stessa di articoli che delineano riforme complessive del sistema di previdenza e assistenza sociale mostra come tali temi non siano del tutto ignorati. Inoltre, il fatto che sovente essi siano declinati in esplicito riferimento all’esperienza laburista o facciano ricorso a categorie concettuali elaborate nell’ambito di essa mostra come la prospettiva sia proprio quella del welfare98.

  • 99 Cfr. F. Andreucci, Maglione Giovan Battista, in Id., T. Detti, Il movimento operaio… cit.

31Dichiaratamente ispirato al Rapporto Beveridge è l’intervento che, per la chiarezza con cui identifica la portata innovativa del Welfare, per la decisione con cui si richiama ad esso e per la figura del suo autore, è probabilmente il più interessante che la rivista pubblica sul tema. La firma è di Giovan Battista Maglione, riformista del PSU di Matteotti, importante dirigente della CGL prefascista, nella quale si occupò proprio di assicurazioni sociali, e infine uno dei membri del sindacato che, con personalità quali Rigola o D’Aragona, operò per una sorta di compromesso con il fascismo in nome della salvaguardia delle residue strutture del movimento operaio; sempre in bilico fra collaborazione e critica del regime, uscì comunque indenne dal Ventennio, durante il quale fu segretario generale dell’Associazione nazionale di studio problemi del lavoro (ANS, fondata insieme a Rigola) e redattore capo del periodico che questa pubblicava, «Problemi del lavoro», e nel dopoguerra vide respinta la richiesta di adesione al PSIUP99. La sua presenza sulle colonne di «Critica Sociale» (che condivide con Rigola, il quale, sia detto per inciso, ha opinioni molto diverse sullo Stato sociale) è quindi indicativa per due ordini di ragioni. Innanzitutto, perché non è isolato, ma fa parte di una pattuglia di socialisti riformisti e sindacalisti prefascisti che rimasero emarginati nel dopoguerra per il loro atteggiamento collaborativo, o per lo meno ambiguo, verso il fascismo, e la cui collaborazione a «Critica Sociale» meriterebbe qualche riflessione. In secondo luogo, perché mette in rilievo il ruolo avuto dal sindacalismo, anche da quello che più aveva ascoltato le sirene corporative, nell’elaborazione delle problematiche della previdenza e dell’assistenza sociale: sul ruolo di queste nel fare da trait–d’union fra il sindacalismo socialista e il corporativismo fascista bisognerebbe forse soffermarsi maggiormente. Infine, perché l’attenzione ai temi del Welfare sembra caratterizzarsi non solo come novità, ma anche come riscoperta e aggiornamento di istanze già avanzate in periodo prefascista e fascista; il che potrebbe suggerire che la relativa marginalità che suddette tematiche hanno avuto nell’elaborazione programmatica della sinistra (e dello stesso socialismo democratico) sia forse da imputarsi al sospetto verso modelli che sapevano di corporativismo e di “collaborazione di classe”. Si tratta comunque di un’inferenza troppo azzardata, che richiederebbe molte altre conferme.

  • 100 CS, 16 giugno 1946, G. B. Maglione, Sicurezza sociale, condizione umana.
  • 101 Cfr. su questo F. Conti, G. Silei, Breve storia… cit.

32In ogni caso, Maglione cita esplicitamente il Rapporto Beveridge come il più limpido esempio da seguire per la costruzione di un nuovo sistema di sicurezza sociale e si dimostra estremamente lucido nell’individuarne le novità più salienti: «Non si tratta più di migliorare ed allargare forme specifiche di assistenza sociale, bensì di gettare le basi per un sistema di assicurazione nazionale che efficacemente accompagni tutti i cittadini (in quanto «uomini», e non perché appartenenti a determinate categorie, o perché posti in condizioni particolari di bisogno) dalla culla alla tomba»100. No a forme di previdenza settoriale, quindi, e sì ad una decisa virata in senso universalista; lo stesso titolo dell’articolo – Sicurezza sociale, condizione umana – fa riferimento ad una espressione (“Social Security”) che era stata coniata per definire i principi ispiratori delle nuove forme di previdenza create dall’Amministrazione Roosevelt, le quali avevano portato, per un breve periodo, gli Stati Uniti all’avanguardia in questo campo101. C’è forse un velato richiamo corporativista e interclassista in questa insistenza sulla natura non categoriale degli schemi assicurativi, che sembra trasparire dal richiamo che Maglione fa al “Piano della sicurezza sociale e della solidarietà nazionale” elaborato nel 1940 dalla succitata Associazione di studio per i problemi del lavoro. Ciononostante, è innegabile che l’articolo imposti i temi dello Stato sociale secondo il modello e l’ispirazione del Welfare, e lo faccia con esplicito richiamo all’opera di costruzione di quest’ultimo messa in campo dal governo laburista.

  • 102 Ibidem.

33Se pure l’intervento di Maglione è l’esempio più chiaro di richiamo all’esperienza britannica, non è comunque l’unico. Alcuni autori vi fanno esplicito riferimento, anche se sono meno pronti dell’ex–sindacalista nel coglierne appieno la portata. Nel commentare la creazione del National Health Service, ad esempio, un articolo commenta che «la istituzione di un’assistenza sanitaria gratuita darebbe il vantaggio di un’organica e completa tutela fisica della nostra popolazione, in specie di quella infantile»102. L’affermazione appare a metà strada fra preoccupazioni eugenetiche tipiche di un certo paternalismo ottocentesco e più moderna concezioni universalistiche dell’assistenza. La cosa non deve stupire; al contrario, mette in luce come le nuove istanze della sicurezza sociale (ma il discorso potrebbe allargarsi ad altre tematiche) si innestino sovente, nei socialisti democratici, su impostazioni consolidate del riformismo più tradizionale.

  • 103 CS, 16 maggio 1946, G. Orsini, La riforma della previdenza sociale.
  • 104 Nel quale si legge: «Primarily Social Security means security of income up to a minimum, but the p (...)

34In altri casi, il richiamo alle tematiche del Welfare è indiretto, ma comunque evidente. In un articolo che tratteggia un progetto di riforma della previdenza, per altro dal sapore marcatamente universalistico, si legge: «il fondamento della previdenza sociale è proprio in questa lotta contro la povertà, in questo ideale di garantire ad ognuno un minimo sufficiente per attenuare […] le conseguenze sull’economia del singolo di certi avvenimenti o di certe situazioni»103. Al di là del merito della proposta, in linea con le ispirazioni più genuine del modello del Welfare, salta agli occhi soprattutto l’espressione “minimo sufficiente” che potrebbe pacificamente essere tratta direttamente dal Rapporto Beveridge104: se pure l’autore non vi fa mai riferimento diretto, è evidente che il clima è quello.

  • 105 CS, 1 luglio 1946, A. Lorenzini, Assicurazioni sociali e riforma sanitaria.
  • 106 CS, 1 gennaio 1947, S. Lusso, Sulla riforma della previdenza sociale.
  • 107 Ovviamente, il Welfare state non è esclusivo patrimonio inglese, nemmeno negli anni trattati. Le n (...)

35In alcuni altri articoli, invece, il modello britannico non sembra presente nemmeno in maniera implicita. Le proposte di riforma dello stato sociale, in questo caso, sembrano frutto dell’elaborazione autonoma degli autori, tutti con una certa esperienza diretta nel campo. Un membro dell’Istituto di Patronato e Assistenza della Camera del Lavoro di Bologna propone, ad esempio, un riordino complessivo del sistema che sfocia in un progetto di assicurazioni contro tutti i principali rischi, finanziato a ripartizione e imperniato su «prestazioni “fisse” uguali per tutti», con l’obbiettivo di «garantire a tutte le categorie degli assicurati eguali prestazioni, sia economiche che sanitarie, bastevoli ad appagare gli elementari bisogni di esse»105. Un altro autore, che la rivista presenta come un “interno” della burocrazia assistenziale, propone l’eliminazione della pletorica e frammentata rete di enti previdenziali categoriali creati dai fascisti e la creazione di un Istituto unico che provveda alle assicurazioni essenziali: vecchiaia, invalidità, malattia o infortunio, disoccupazione. Nonostante l’esigenza di garantire «nella massima misura possibile» le «fondamentali necessità di sicurezza»106, e la volontà di uniformare tutti i trattamenti assistenziali, non sembra emergere qui un chiaro progetto di sistema di welfare universalistico, quanto piuttosto una conoscenza empirica della realtà italiana. Tale conoscenza, però, spinge questo autore, così come altri citati, ad un ripensamento complessivo del sistema dell’assistenza e della previdenza che spesso finisce per convergere verso gli obbiettivi di coloro che, più esplicitamente, puntano al modello del Welfare britannico107.

  • 108 Per citarne alcuni: CS, 1 dicembre 1946, G. Orsini, Necessità di amministrazioni regolari negli Is (...)
  • 109 CS, 1 agosto 1948, Coriolano, La sicurezza sociale in Inghilterra; 16 maggio 1949, sir Stafford Cr (...)
  • 110 CS, 1 dicembre 1954, G. Galliadi, Appunti sulla previdenza sociale.
  • 111 CS, 16 novembre 1952, G. Pieraccini, Sanità sociale.

36Altri articoli in questi anni caldeggiano, descrivono o anche solo accennano a una riforma complessiva dello Stato sociale108. A poco a poco, però, i progetti di una ristrutturazione complessiva del sistema vengono accantonati. Si continua a descrivere le riforma laburiste109 e, ogni tanto, qualche collaboratore ritorna sul tema della razionalizzazione del sistema e dell’estensione e omogeneizzazione della copertura assicurativa e sanitaria110; l’ex sindaco di Firenze, Gaetano Pieraccini, medico e senatore di Unità Socialista, torna sull’argomento in un momento di afasia della rivista, ma per affermare che i provvedimenti più urgenti sono la fornitura gratuita di «calze elastiche, cinti erniari, occhiali e dentiere»111, e che solo dopo aver risposto a tali esigenze si potrà edificare una «assistenza sociale sanitaria totalitaria». Sostanzialmente, però, il tema della riforma complessiva dello stato sociale conosce un progressivo rarefarsi durante il 1948, per sparire quasi del tutto negli anni successivi. Un percorso che, con una lieve discrepanza cronologica, è molto simile a quello conosciuto dalle altre tematiche riformatrici analizzate: la “grande riforma” dello stato e della società sparisce dall’ordine del giorno, sostituita da preoccupazioni più contingenti e settoriali.

37La coincidenza di tale sparizione con la fine della fase costituente e con l’avvio dei governi centristi non è sicuramente casuale; l’affermazione della Democrazia Cristiana alle prime elezioni politiche della Repubblica pone fine ad ogni realistica ipotesi di governo a guida socialista, o comunque di indirizzo chiaramente progressivo, e ha come ricaduta più immediata la fine di ogni ipotesi di riforma generale del sistema politico ed economico. Tematiche come la pianificazione, la riforma industriale, la riforma creditizia e fiscale, la ristrutturazione (o creazione) del sistema di previdenza e assistenza cessano di essere i potenziali cardini del programma d’azione di un possibile governo socialista; al contempo, esse non riescono a diventare le coordinate ideologiche fondamentali di un partito socialista democratico. I neo–riformisti di «Critica Sociale» e i socialisti democratici in generale, segnati dalla schiacciante vittoria della DC prima e dagli scontri interni alle liste di Unità Socialista poi, parzialmente inquadrati in un partito che è forse il primo e più rapido esempio di degenerazione clientelare della politica italiana del dopoguerra, privi del rapporto con quelle masse che sono rimaste legate al PCI e, in misura minore, al PSI, si ripiegano su se stessi. Come si vedrà più avanti, i neo–riformisti in particolare ritornano a prospettive più “tradizionali”, diretta eredità del riformismo “storico” e mai abbandonate, quali l’attenzione alle politiche locali, ai problemi “concreti” dei lavoratori, alla scuola o alla cooperazione; cercano una sponda nell’attività governativa e parlamentare esplicata dai propri ministri, sottosegretari e deputati (l’esempio più importante è sicuramente l’inchiesta parlamentare sulla disoccupazione promossa e condotta da Roberto Tremelloni, che «Critica Sociale» segue attentamente e di cui pubblica la relazione finale); ribadiscono infine, dal punto di vista dottrinario, la fedeltà ad un marxismo ortodosso e gradualista dal sapore a volte vetusto.

  • 112 Da notare che la molteplicità di letture della partecipazione socialista al governo trovano parzia (...)
  • 113 CS, 1 novembre 1946, R. Rigola, La lotta contro la disoccupazione.
  • 114 CS, 16 gennaio 1951, Id., Un esperimento di keynesismo del secolo XIX, dove si afferma anche che l (...)

38Ma i tempi sono cambiati, e le condizioni anche: quella che era stata la forza del riformismo, il legame con il sindacato, la rete di camere del lavoro, di cooperative, di società di mutuo soccorso, manca ai socialisti democratici del dopoguerra. Essi sono dei riformisti senza il popolo, a volte nonostante esso, e la loro impostazione, che vuole essere pragmatica e concreta, rischia di apparire avulsa dalla realtà. Peggio ancora, sono dei riformisti in un governo senza riforme, il che equivale a dire che sono destinati ad un completo discredito. La partecipazione al governo, al di là delle valutazioni opposte che ne danno le diverse componenti dell’area, segna (o per lo meno accompagna) la fine delle maggiori ambizioni dei socialisti democratici112. Il tentativo di trovare una ragion d’essere nell’azione governativa dispiegata al fianco della DC di De Gasperi è infatti destinato a fallire, per la natura certo non socialista o progressiva dei dicasteri che si succedono fra il 1948 e il 1953. L’ambizione di una “grande riforma” è quindi la prima vittima dell’impotenza politica in cui si trovano i socialisti democratici dopo la scissione di Palazzo Barberini. Essa del resto – nei tratti in cui è stata fin qui delineata – non è mai stata condivisa da tutti i socialisti democratici, nemmeno da tutti collaboratori di «Critica Sociale». Per fare un solo esempio, il vecchio Rinaldo Rigola scrive sulla rivista diretta da Mondolfo vari articoli in cui condanna l’intervento dello Stato in economia, criticando l’utilità di esso al fine di combattere la disoccupazione113 o presentando gli Ateliers Nationaux del 1848 francese come un esempio di fallita politica keynesiana114. Tanto meno, i vari progetti di riforma sono mai arrivati a precipitare in un organico programma di democrazia sociale. Si capisce quindi come mai essi vengano accantonati così rapidamente e, sembra, senza particolari rimpianti. Per quanto riguarda le tematiche del Welfare state, il loro abbandono sembra paradigmatico di un’involuzione complessiva: a differenza di quanto accade, se pure in tempi diversi e mai in modo lineare, negli altri partiti socialisti occidentali, esse non riescono a svolgere la funzione di “traghettamento” della cultura politica socialista democratica dalle prospettive tradizionali (riformiste o rivoluzionarie) ai nuovi lidi della regolamentazione e “umanizzazione” del capitalismo. Del resto, all’isterilirsi di tale cultura politica corrisponde un progressivo disgregarsi dell’area che ad essa fa riferimento. E’quindi il momento di tornare alle vicende politiche di questa, non senza prima essersi soffermati, però, sulla figura più rappresentativa, dal punto di vista dell’elaborazione economica, delle destre del PSLI: Roberto Tremelloni.

5.5 Il socialismo democratico al governo: le posizioni di Roberto Tremelloni

  • 115 Sul quale cfr. M. Granata, Roberto Tremelloni: riformismo e sviluppo economico, Rubbettino, Soveri (...)
  • 116 CIRIEC, AT, 1.4.1.2.9. Bozza del discorso tenuto a Napoli il 2 febbraio 1948
  • 117 CIRIEC, AT, 1.4.1.2.15. Discorso tenuto a Cosenza il 15 marzo 1948.

39L’obbiettivo di una grande riforma dell’economia e della società viene fatto proprio, in un primo momento, anche dalle destre del partito, le quali non esprimono, dal punto di vista istituzionale ed economico, concezioni organiche e differenti da quelle del gruppo dei neo–riformisti. Tuttavia, la partecipazione al governo, elemento chiave della linea politica delle destre PSLI (e, almeno in termini strategici, dello stesso Saragat), non può non avere dei riflessi, sull’approccio con cui si guarda alle problematiche politiche e, in particolare, economiche. Il caso di Roberto Tremelloni è da questo punto di vista particolarmente interessante115. Egli è infatti sicuramente una delle personalità del PSLI di maggiore spicco per quanto attiene alla sfera economica. Più volte ministro, da un lato incarna l’ala “pragmatica” del partito, che ostenta sempre un’impostazione tecnica dell’agire politico e si concentra sulle possibilità reali di azione, dall’altro rappresenta la versione “alta” della vocazione governativa della maggioranza del PSLI, ovvero quel “ministerialismo” che è uno dei principali oggetti del contendere fra le varie anime del Partito. Tremelloni si presenta sempre come un tecnico, un esperto di questioni di politica economica e fiscale, che mette al servizio del Paese e del Partito le proprie competenze. Nei numerosi discorsi che, fra il 1946 ed il 1949, tiene in giro per l’Italia, in comizi o in assise di partito, questa autorappresentazione è evidente. Rivolgendosi alla platea del primo congresso PSLI (Napoli, 1–5 febbraio 1948) Tremelloni si dichiara spaventato da «questa inflazione di metafisica che si fa nei congressi» e propone all’uditorio «un discorso che vi fa discendere dal settimo cielo dei problemi finalistici alle basse cose della nostra vita quotidiana»116; mentre in un comizio a Cosenza dichiara: «Io non sono un uomo adatto a fare comizi, perché parlo poco, non so affatto entusiasmare la folla, preferisco ragionare piuttosto che lanciarmi nel brillante carosello della frasi ad effetto. Sono, in sostanza, un cattivo candidato, così come il candidato politico è concepito dai più»117.

  • 118 CIRIEC, AT, 1.4.1.2.15. Discorso tenuto a Milano il 24 gennaio 1949.
  • 119 Cfr. anche CIRIEC, AT, 1.4.1.3.21. Discorso al congresso PSLI, 4 gennaio 1949: «Il ministro del 19 (...)

40Una simile impostazione ha probabilmente la funzione di barcamenarsi all’interno di un partito ferocemente diviso in correnti e in fazioni, come sembra di intuire quando, al secondo Congresso del PSLI (Milano, 23–26 febbraio 1949), Tremelloni dichiara di «voler parlare con piena onestà, prescindendo, come ho sempre fatto, da questioni di frazione»118. Tuttavia, essa indica anche una certa concezione del ruolo del ministro, ed in particolare del ministro a capo di un dicastero economico. Tremelloni concepisce, o fa mostra di concepire, tale ruolo in senso essenzialmente tecnico–amministrativo: il ministro, prima ancora di essere un uomo di partito, è un servitore dello Stato e della collettività119. Tale concezione è direttamente collegata alle sue posizioni in materia di politica economica, delle quali è al contempo causa ed effetto.

41Se infatti il ministro è in qualche modo il referente di tutta la società e non di una sola parte, le politiche che persegue non possono che essere finalizzate al miglioramento delle condizioni della società nel suo insieme, il che significa della società intesa come un tutto unico, che cresce o deperisce in maniera unitaria. Invertendo i termini della implicazione, ne consegue che se la società può progredire solamente in maniera unitaria (per cui le condizioni di esistenza delle sue componenti seguono, a grandi linee, le stesse sorti), allora il dovere del governo consiste nell’a-dottare quei provvedimenti che, di volta in volta, sono atti a stimolare e sostenere tale progresso. In concreto, significa che la politica economica non può che essere una, che miri all’aumento della produzione e del reddito nazionale. Al di là di tale politica, non vi è che uno scivolamento, più o meno rapido o evidente, verso la crisi e la recessione. Ovviamente, da socialista, Tremelloni ritiene che il solo limite a tale impostazione sia la necessità di garantire a tutti un livello di vita minimo: la strada per lo sviluppo economico passa infatti inevitabilmente per l’uscita da quello che più volte definisce il circolo vizioso della miseria, che impedisce la liberazione delle forze produttive e un loro impiego ottimale. Tuttavia, quello che sembra mancare nei suoi discorsi è la consapevolezza che non necessariamente la via del rilancio produttivo è una soltanto: la possibilità che vi siano diverse strade, sul medio periodo altrettanto sostenibili, verso la crescita economica, non viene contemplata.

  • 120 R. Tremelloni, La situazione economica dell’Italia e il PSLI, opuscolo tratto dal discorso tenuto (...)

42In realtà, l’impostazione di Tremelloni trova una motivazione empirica nelle necessità pressanti della ricostruzione postbellica, necessità che hanno carattere sia contingente sia strutturale e che sembrano prevedere soluzioni obbligate. Innanzitutto, si tratta per Tremelloni di fronteggiare il deficit dei conti pubblici e della bilancia dei pagamenti, ovvero di aumentare le entrate dello Stato e contemporaneamente le esportazioni. Da un lato, ciò significa attuare «una dura politica fiscale» che, nell’impossibilità di una modifica in senso indiretto e progressivo della tassazione, non può che concretizzarsi nell’aumento delle imposte indirette, che colpiscano soprattutto i consumi, naturalmente quelli voluttuari e, attraverso di essi, i profitti della borsa nera e gli eccessivi guadagni congiunturali. Dall’altro lato, Tremelloni constata l’impossibilità di chiedere alla popolazione «ulteriori sacrifici alimentari, perché ciò vorrebbe dire senza alcun dubbio superare quei pericolosi limiti di rottura che tutti paventano», e ritiene necessario il ricorso per gli anni successivi a prestiti esteri – il cui ammontare è calcolato, e forse non è un caso, in 500 milioni annui, ovvero quanto verrà stanziato dal European Recovery Program – stante l’impossibilità di un recupero in tempi rapidi della produttività e della competitività italiana120. Recupero che, invece, costituisce secondo l’esponente socialista democratico la necessità strutturale dell’economia italiana.

  • 121 Ibidem.
  • 122 CIRIEC, AT, 1.4.1.2.9. Conferenza tenuta a Napoli, 23 novembre 1947.

43Sia gli obbiettivi contingenti sia quelli strutturali sono perseguibili, secondo Tremelloni, solo mediante l’adozione di un piano che stimoli «quegli investimenti che sono più suscettivi di un aumento del dividendo nazionale» e favorisca «una più ampia dotazione di beni strumentali», nella cui mancanza è ravvisato uno dei peggiori deficit competitivi del paese121. Tale piano dovrebbe da un lato «stimolare una politica produttivistica» e in tal modo «rompere il circolo vizioso della povertà endemica», perché «senza un aumento del dividendo nazionale è vano trovare vie d’uscita dalla nostra povertà»; dall’altro «evitare le dannose conseguenze di carattere sociale che sono tipiche dell’attesa di soluzioni spontanee», dato che «ciò che è essenziale» e che i socialisti chiedono «è che questo aumento di dividendo nazionale non avvenga a danno di chi sta già troppo male e a vantaggio di chi sta già troppo bene»122. Questa duplice valenza assegnata alla programmazione economica statale, di soluzione dell’antica arretratezza del paese e di riequilibrio della piramide dei redditi non è peregrina, e anzi richiama allo stesso tempo una tradizione antica e una linea politica che tornerà in auge al momento del centro–sinistra. In questa sede, importa rilevare soprattutto due elementi. In primo luogo, il carattere fondamentale di una politica socialista sembra qui risiedere principalmente in un insieme di azioni perequative e redistributive del reddito. Non si parla di cambiamento dei rapporti di produzione né, più pragmaticamente, degli assetti proprietari dell’industria italiana, e nemmeno di nazionalizzazioni, consigli di gestione o partecipazione operaia. In secondo luogo, Tremelloni tende a presentare tale politica economica come una strada obbligata, priva di alternative. Che lo faccia per convinzione, per aumentare la pressione verso i settori governativi che ad essa si oppongono o per giustificare l’ingresso del PSLI al governo (che avviene nello stesso torno di tempo in cui egli espone le opinioni succitate) non è dato sapere; quel che è certo è che tale convinzione costituisce una costante del discorso pubblico del ministro socialista democratico.

  • 123 CIRIEC, AT, 1.4.1.2.9. Discorso al congresso di Napoli del PSLI, 2 febbraio 1948.
  • 124 L’interpretazione del New Deal in chiave socialista, socialisteggiante o genericamente collettivis (...)

44Essa sembra del resto trovare una potente conferma nel lancio da parte americana dell’ERP, che viene presentato come una straordinaria opportunità per l’Italia e al contempo come una conferma delle posizioni in favore della pianificazione. Secondo Tremelloni, «un Paese come il nostro, nelle attuali condizioni non può prendere sul serio l’ipotesi del suicidio come soluzione dei problemi economici», ragion per cui il Piano Marshall è semplicemente indispensabile: «se non si uscirà dal pantano soltanto con i prestiti americani […] si affonderà sicuramente nel pantano senza di essi». In polemica con «i nazionalisti di nuovo conio» (ovvero comunisti e socialisti del PSI), che minacciano la perdita dell’indipendenza nazionale nel caso di ingresso di capitali stranieri, egli dichiara che l’ERP «rappresenta il più grande tentativo finora tentato di solidarietà economica internazionale»123. L’intervento americano viene inoltre apprezzato per la richiesta ad esso collegata di una serie di indicazioni programmatiche circa l’utilizzo delle risorse disponibili. Riecheggiando un’opinione comune nell’area del socialismo democratico, Tremelloni considera il Piano Marshall un’occasione di avviare una politica di pianificazione economica, che si ritiene venga vista di buon occhio dagli stessi americani i quali, con il New Deal, avrebbero imboccato decisamente la strada del controllo democratico della collettività sull’economia124. Un corretto sfruttamento dei fondi ERP richiederebbe necessariamente insomma, secondo l’economista socialista democratico, l’adozione di un piano economico nazionale – che, di nuovo, viene presentato come una necessità oggettiva.

  • 125 CIRIEC, AT, 1.4.1.2.15. Discorso tenuto a Cosenza il 15 marzo 1948. In tale intervento, Tremelloni (...)

45Sul tema Tremelloni ritorna più volte in questi anni, a volte coniugandolo con notevoli aperture a delle prospettive che in precedenza aveva ignorato, ovvero le teorie keynesiane e le politiche di sicurezza sociale che si vanno diffondendo nei paesi dell’Europa settentrionale. Così, inserendo il discorso all’interno della cornice della pianificazione, egli ricorda che «taluni scienziati [economici NdA] pongono la loro attenzione soprattutto sui mutamenti di struttura del sistema capitalistico, sulle deficienze che esso presenta, sull’esigenza universale di considerare il problema produttivo come un tutto non disgiunto dal problema distributivo, sull’imperiosa necessità di attenuare brusche ripercussioni di depressioni cicliche o di monopolismo connaturato al sistema criticato»: il riferimento a Keynes è qui quasi palese. Tremelloni intreccia inoltre le politiche economiche keynesiane con il nascente Welfare state: «oggi si reputa, dai paesi civili, giusto l’avviarci, ad esempio, verso la piena occupazione – cioè verso il diritto di tutti al lavoro; verso la sicurezza sociale – cioè il diritto di tutti ad una sicurtà contro i maggiori rischi che attentano alla salute umana e ad una minimizzazione dei rischi di indigenza totale»125. Va notato che entrambi questi nuovi elementi sono considerati dall’economista socialdemocratico due obbiettivi che richiedono e al contempo presuppongono un’opera di pianificazione. Il piano, insomma, rimane al centro del programma economico di Tremelloni, come è al centro del programma socialista democratico in questo periodo. Si tratta però di un’idea che contiene una notevole dose di ambiguità: esso può essere inteso sia come strumento di cambiamento radicale della società, sia come semplice modello di amministrazione efficiente, con tutte le sfumature e le gradualità che si trovano fra tali due estremi. Tale confusione concettuale da un lato permette a Tremelloni (e ai socialisti democratici in generale) di attribuire un valore positivo – o addirittura esemplare – alle esperienze inglesi e americane, dall’altro consente loro continui aggiustamenti programmatici, in concomitanza con la necessità di giustificare una permanenza al governo che, con il passare degli anni, sembra deludere sempre più le aspettative di cambiamento di quello che dovrebbe essere l’elettorato di riferimento e di una parte della stessa base del partito.

  • 126 CIRIEC, AT, 1.4.1.3.21. Discorso al congresso PSLI, 4 gennaio 1949. La stessa ricostruzione compar (...)
  • 127 CIRIEC, AT, 1.4.1.3.21. Discorso al congresso PSLI, 4 gennaio 1949.

46I vari aspetti di tale ambiguità, così come il tentativo di scioglierla, appaiono chiaramente in un discorso tenuto da Tremelloni al secondo congresso del PSLI, il 24 gennaio 1949. Si tratta di un discorso lungo e articolato, che riprende e riassume quasi tutti i temi che si sono toccati in precedenza e li inserisce nel nuovo contesto politico che vede la DC saldamente insediata alla guida del governo e il PSLI dibattersi nel dilemma se proseguire o meno la partecipazione ad esso. Non stupisce quindi che la prima parte del discorso di Tremelloni sia dedicata all’esposizione e difesa dell’azione socialdemocratica alla maggioranza: «Avevamo preso impegni limitati. Inserirci come terza forza, tra due contendenti estremi, far funzionare con onestà il congegno democratico, collaborare al rifacimento o al riordinamento del congegno statale; e, nel campo economico, evitare slittamenti verso l’inflazione quanto verso la deflazione, postulare una politica produttivistica […] evitare che i sacrifici fossero unilaterali, massimizzare la produzione di reddito e l’occupazione, sollecitare le riforme possibili nelle condizioni economiche attuali del Paese. E avevamo concentrato la nostra attenzione sull’esigenza che l’ERP non desse luogo a speculazioni o privilegi»126. Si tratta di obbiettivi per lo più vaghi, dai risultati non quantificabili, e di petizioni di principio, di difficile verifica: trattandosi di una ricostruzione ex post delle ragioni dell’andata al governo, l’impressione che se ne riceve è di una certa difficoltà nel giustificare quest’ultima. Tale impressione è confermata dall’elenco dei risultati concreti che vengono rivendicati: i ministri del PSLI hanno ottenuto «il comunicato del 7 agosto, dove finalmente, oltre alle esigenze puramente monetarie, si associavano scopi di politica produttivistica e di occupazione»; hanno «avversato aumenti delle spese militari» e «postulato vivacemente l’aumento, e una meno iniqua distribuzione, della pressione fiscale»; hanno «sollecitato la riforma tributaria» e si sono «opposti a tributi indiretti gravanti su consumi non essenziali»127. Insomma, sono «intervenuti sempre in difesa dei lavoratori»; con quali risultati, Tremelloni evita di dirlo. Il successo più importante resta comunque, per l’economista lombardo, la corretta gestione del Piano Marshall; se si pensa che di lì a qualche mese sarebbe esplosa la polemica sul “country study”, nella quale il governo sarebbe stato rimproverato degli stessi americani per l’eccessiva timidezza nell’adottare misure molto simili a quelle sostenute da Tremelloni, tale affermazione appare quasi paradossale.

  • 128 La critica alle inefficienze e alle insufficienze della pubblica amministrazione è una costante de (...)

47La diagnosi e la prognosi che il ministro socialista democratico fa della situazione economica italiana rimangono comunque le stesse già analizzate. Tremelloni ribadisce la descrizione del «circolo vizioso» in cui è intrappolata l’economia italiana: «abbiamo bassi redditi e quindi bassi consumi, e quindi consumi che non vanno molto oltre quelli puramente alimentari; basso risparmio e quindi bassi investimenti e quindi bassa occupazione, e quindi basso reddito. Il circolo si chiude e ci strozza con la corda della miseria». La soluzione a tale circolo vizioso è individuata nel rilancio di produzione e produttività, da ottenersi tramite un’accurata pianificazione da parte dello stato, sorretta a sua volta da una pubblica amministrazione efficiente128. In polemica stavolta con i liberisti ortodossi che «postulano la politica dell’assenza dello Stato nel campo economico [e] subiscono l’idea di intervento come gli uomini primitivi subivano una grandinata», Tremelloni spiega quindi che se «in tutti i paesi moderni si è abbandonata la concezione dello Stato che si disinteressa delle cose economiche» e «volente o nolente lo Stato deve continuamente intervenire», allora è «meglio che intervenga con organicità e con obiettivi ben determinati». Egli individua quindi i settori chiave sui quali il piano dovrebbe intervenire: «la riforma agraria», «le leggi per la personalità giuridica dei sindacati e per il diritto di sciopero», «la riforma tributaria», la «collaborazione dei lavoratori alla gestione delle Aziende», la «disciplina, coordinamento e controllo dell’esercizio del credito».

48Le iniziative legislative dei governi centristi su questi temi avranno tuttavia portata limitata (riforma agraria), nulla (riforma tributaria) o addirittura negativa (leggi sulla pubblica sicurezza), e ciononostante tali governi godranno per la maggior parte del tempo del sostegno e della partecipazione della destra del PSLI e di Tremelloni stesso (e quando tale partecipazione verrà a mancare, non sarà per contrasti programmatici, ma a causa delle convulsioni interne dell’area). Proprio le questioni concrete che Tremelloni porta all’attenzione del partito nel suo secondo congresso divengono così la misura della discrepanza fra ispirazioni ideali e programmatiche e azione politica del partito stesso.

49In qualche modo, si torna al problema indicato inizialmente: la convinzione, continuamente espressa da Tremelloni, che la via del rilancio produttivo sia sostanzialmente obbligata, e passi per il doppio binario dell’intervento dello Stato e del miglioramento del tenore di vita delle masse, impedisce di vedere come la ripresa italiana si stia attuando per vie sostanzialmente differenti, incentrate sulla compressione dei salari e non (nell’immediato) sull’aumento dei consumi, su una più o meno rigida ortodossia liberista, sull’accettazione di un tasso di disoccupazione elevato, la cui sola soluzione appare l’emigrazione. L’economista socialdemocratico e con lui buona parte del partito continuano a ribadire la necessità, o meglio l’inevitabilità, di un piano e di interventi a favore dei lavoratori e a sostegno dei loro diritti; la mancanza di iniziative in tal senso è attribuita a problemi contingenti (e a tal fine si invoca spesso l’emergenza, sia essa economica o politica), non a una linea precisa di politica economia alternativa. Quanto questo sia dovuto alla suddetta distorsione concettuale, quanto a consapevole occultamento, è difficile dire. Ciò che appare evidente è la schizofrenia che caratterizza il dibattito economico nel partito: da un lato la politica economica è indicata come il terreno principe per la realizzazione di un programma socialista, dall’altro essa non è, nei fatti, la determinante fondamentale dell’agire del partito. La permanenza al governo e l’alleanza sempre più stretta con la Democrazia Cristiana sono perseguite per motivi pratici e giustificate per ragioni politiche che poco hanno a che fare con la politica economica. Con quali conseguenze, si vedrà tra breve.

50In chiusura del capitolo, è però importante citare due passaggi molto significativi delle conclusioni del discorso di Tremelloni. Il primo afferma che «se sono lasciati senza soluzione i grandi problemi del nostro tempo, quello del diritto al lavoro e quello della cosiddetta “sicurezza sociale” [sottolineato nel testo], cioè i problemi fondamentali senza la cui soluzione non vi è benessere collettivo, noi vedremo fallire la democrazia.» Il secondo è una constatazione di indiscutibile lucidità: «Il socialismo dell’Occidente europeo, costretto ad accettare la base del sistema sociale capitalistico, si è assunto oggi quale funzione immediata di modificarne le contraddizioni, di correggerne le asprezze. E’passato, quasi ovunque, dal ruolo limitato della protesta, al ruolo attivo di modificatore dell’accento delle politiche governative. E’questo un fenomeno occasionale o è una nuova svolta della politica socialista? E’ancora presto per dirlo, ma io credo che sia una svolta definitiva.» Diritto al lavoro e sicurezza sociale, accettazione (sostanziale se non formale) del capitalismo e rinuncia alla rivoluzione: sono i passaggi cardine del socialismo europeo della seconda metà del Novecento, indicati e enumerati con notevole precisione e nettezza. Si tratta di una svolta dottrinaria organica, aperta e dichiarata, le cui ricadute pratiche sono però scarse o nulle, a causa della situazione politica italiana e della posizione del partito al cui interno avviene tale svolta. In questo forse risiede non solo la ragione del fallimento del tentativo socialdemocratico, ma anche il destino di queste idee nelle successive evoluzioni della sinistra italiana

Notes

1 Vi è anche un altro aspetto da mettere in luce a questo proposito. Proprio il richiamo all’eredità riformista è forse alla base di un’attenzione agli aspetti tecnici e specifici dei vari problemi economico–sociali, secondo l’idea per cui lo studio e l’elaborazione dottrinaria debbono servire anche ad approntare gli strumenti per un intervento efficace nella realtà concreta; nel momento in cui vi è un modello complessivo di riferimento (il binomio pianificazione/socializzazione) tale attenzione agli aspetti tecnici e settoriali sfocia in una maggiore articolazione e organicità del progetto; quando però tale modello viene meno, la settorialità ha il sopravvento e finisce per ricadere in una serie di proposte episodiche e slegate le une dalle altre. E’quanto accadrà negli anni successivi al 1948.

2 Si tratta di un’impostazione che deriva direttamente dall’esperienza del Partito d’Azione, nel quale «tutto il dibattito economico […] privilegiò un tipo di approccio “politico”», caratterizzato da «una complessiva genericità propositiva», in cui «l’uso ostentato dei termini socializzazione, nazionalizzazione, collettivizzazione appariva quasi come un esercizio di “giacobinismo verbale”» [G. De Luna, Storia… cit. pp. 202–203].

3 Inoltre, e si tratta di un fattore non irrilevante, «Critica Sociale» è l’unica rivista (eccezion fatta per «Il Ponte», che però non si può catalogare in toto come interno all’area socialista democratica) che esce regolarmente lungo tutto il corso del periodo considerato, e che consente di conseguenza un’analisi precisa dell’evoluzione del dibattito interno all’area e delle variazioni nella ricorrenza delle tematiche politiche e dottrinarie.

4 Cfr. su questo, e in generale sulla socialdemocrazia svedese e sulla costruzione del welfare nel paese scandinavo, K. Misgeld, K. Molin, K. åMark (a cura di), Creating Social Democracy. A Century of the Social Democratic Labor Party in Sweden, Pennsylvania University Press, University Park, Pennsylvania 1992.

5 Cfr. su questo, G. Mori (a cura di), La cultura economica nel periodo della ricostruzione, Bologna, Il Mulino, 1980.

6 Cfr. su questo V. Spini, I socialisti e la politica di piano, Sansoni, Firenze 1982; A. Agosti, Rodolfo Morandi… cit.

7 Cfr. “Bollettino dell’Istituto di studi Socialisti”, Dicembre 1945, R. Morandi, Programma dell’Istituto.

8 Nella sezione di studio dedicata a “Industria, socializzazione e pianificazione”, istituita presso la sede di Milano, figurano i nomi di Angelo Saraceno, fratello di Pasquale e stretto collaboratore di Morandi, di Roberto Tremelloni, futuro ministro socialdemocratico, e di Virgilio Dagnino, appartenente alla corrente di Iniziativa Socialista. Cfr. Bollettino dell’ISS, 16 febbraio 1946.

9 Lo stesso Togliatti afferma, al convegno economico del PCI intitolato Ricostruire: «Se dicessimo oggi di volere un piano economico generale come condizione per la ricostruzione, sono convinto che porremmo una rivendicazione che noi stessi non siamo in grado di realizzare. Voglio dire che anche se fossimo oggi al potere da soli, faremmo appello per la ricostruzione all’iniziativa privata, perché sappiamo che vi sono compiti a cui sentiamo che la società italiana non è ancora matura» [cit. in S. Bartolozzi Batignani, La Programmazione, in G. Mori (a cura di), La cultura economica… cit., p. 116].

10 Cfr. V. Spini, I socialisti… cit.

11 Cfr. su questo G. De Luna, Storia… cit.

12 Su La Malfa, cfr. P. Soddu, Ugo La Malfa… cit.

13 IS, 8 luglio 1947, E. Rossi, Ricostruire l’Istituto di Ricostruzione.

14 IS, 5 luglio 1947, E. Rossi, Quattrini agli industriali.

15 IS, 18 novembre 1948, E. Rossi, Industrie nazionalizzate e industrie da nazionalizzare. E’interessante rilevare l’autodefinizione di Rossi come socialista, spia allo stesso tempo della molteplicità di posizioni che tale definizione consente e della volontà – in questo periodo – degli ex–azionisti di inserirsi all’interno del movimento socialista, seppure con spirito critico e con posizioni non marxiste.

16 Rossi torna sovente su questo tema, a dimostrazione della natura non episodica di tali posizioni: cfr. ad esempio IS, 17 gennaio 1948, E. Rossi, Le banche al servizio dei bancari; 30 dicembre 1948, Storia quasi cinese. Per una politica sociale non demagogica.

17 Sull’opinione di questi sui sindacati, cfr. ISTORETO, FAG, b. 40, fasc. 1024, Spinelli a Garosci, 23 giugno 1948, dove si afferma che i sindacati sono «il peggior roditore della democrazia» perché «educando le masse stesse a vedere i problemi della vita sociale da un punto di vista ultrasezionalista decompongono la materia prima stessa della democrazia»; di conseguenza, «l’obbiettivo a cui bisogna mirare è l’abolizione della libertà sindacale, come si deve mirare all’abolizione delle libertà di costituire Trusts e cartelli».

18 Cfr. su questo L. Polese Remaggi, «Il Ponte»… cit. E’da rilevare che Bertolino critica apertamente le posizioni di Rossi sul sindacato recensendo il suo libro Critica del sindacalismo, accusando il compagno di partito di essere troppo legato a «presupposti filosofici decisamente individualistici e naturalistici» e di ricorrere, a causa di un’eccessiva astrattezza teorica, a criteri per i quali si finisce per «buttare all’aria tutti i fatti che non si adeguano agli schemi scientifici attuali, dando così un aprioristico giudizio su processi in atto di vita sociale» [«Il Ponte», a. III, no VII–VIII, Luglio–agosto 1947, A. Bertolino, recensione di Ernesto Rossi, Critica del sindacalismo, La Fiaccola, Milano 1945]. Insomma, Bertolino riconosce la coerenza delle critiche di Rossi ai sindacati con la dottrina cui egli si richiama (che è quella, secondo Bertolino, di «un Einaudi, un Robbins, un Von Mises», ovvero della scuola neo liberale), ma contesta la validità della dottrina stessa, o meglio di un’analisi del fatto economico puramente ideale e non confrontata alla realtà.

19 «Il Ponte», a, II, no 9, settembre 1946, A. Bertolino, Significato della democrazia economica.

20 Per un’analisi dettagliata e approfondita del contributo di Bertolino alla linea economica del «Ponte» e al dibattito politico–economico del dopoguerra, cfr. V. Spini, I socialisti… cit.

21 «Il Ponte», a. II, no 5, maggio 1946, A. Bertolino, Costituente e riforma economica.

22 «Il Ponte», a. I, no 3, A. Bertolino, Premesse alla pianificazione.

23 «Il Ponte», a. II, no 5, maggio 1946, A. Bertolino, Costituente… cit.

24 IS, 14 agosto 1947, Vittoria laburista alla Camera dei Lords.

25 IS, 1 ottobre 1947, c. i., IRI.

26 IS, 11 settembre 1947, L. Valiani, Politica economica socialista. Le posizioni di Valiani, che a differenza di molti suoi compagni di partito si interessa costantemente di tematiche economiche, sono in verità molto eclettiche e variegate, e in certi casi piuttosto ambigue. Ciò che preme in questa sede sottolineare è comunque la considerazione sostanzialmente positiva che Valiani ha di forme di intervento statale nell’economia e di limitazione della proprietà privata. Cfr. anche IS, 18 settembre 1947, L. Valiani, Il governo e il piano.

27 CS, 31 ottobre 1945, G. Pischel, Il socialismo del partito d’azione.

28 IS, 7 gennaio 1949, a. G[arosci]., Nuova esperienza economica.

29 In IS, 19 novembre 1947, L. Valiani, Il socialismo l’economia e i blocchi, l’autore spiega la sua critica alla linea einaudiana come «il dissenso fra un maestro dell’economia liberale, che si pone dal punto di vista dei consumatori e il militante dell’economia socialista, che fa sua la posizione produttivistica».

30 «Il Ponte», a. VI, no 1, gennaio 1950 A. Bertolino, La politica economica del Keynes. In realtà, Bertolino è uno dei primi in Italia ad interessarsi a Keynes e a riconoscere l’importanza della sua opera, soprattutto per la capacità di mettere in discussione i pilastri teorici della teoria economica classica., ragion per cui non si può affermare che egli fraintenda o forzi il pensiero dell’economista britannico. Nello stesso articolo, del resto, Bertolino precisa che «Keynes è un sostenitore illuminato dell’economia capitalistica» e non un socialista. Il punto è piuttosto che indicare le politiche keynesiane come uno strumento valido per la costruzione di una società socialista equivale a modificare di molto il concetto di socialismo, oppure–ed è il caso degli azionisti–a considerarlo un concetto principalmente politico, al quale si possono adattare diversi sistemi economici. Cfr. su questo V. Spini, I socialisti… cit.

31 Cfr. su questo V. Spini, I socialisti… cit.

32 Cfr. CS rispettivamente del 15 settembre, 30 settembre, 15 ottobre, 15 novembre e 30 novembre 1945, V. Dagnino, La riforma industriale I, II, III, IV, V.

33 Soprattutto, dimostra come il tema costituisca un elemento di «comune sentire» che si diffonde anche là dove vi sono delle resistenze a farlo proprio. L’ideologia di «Iniziativa socialista» infatti presenta alcuni aspetti potenzialmente in contrasto con le idee di pianificazione e nazionalizzazione, soprattutto per quanto riguarda il ruolo dello Stato, che per questi anticomunisti di sinistra ha una connotazione essenzialmente negativa. Essi tendono a privilegiare l’autonoma azione della classe lavoratrice sul terreno della lotta di classe e della sovversione delle strutture economiche dominanti, piuttosto che confidare nell’azione di uno Stato che viene considerato come un limite da superare verso la costruzione del socialismo [cfr. su questo, «Iniziativa socialista», 31 gennaio 1946, Per una nuova politica, dichiarazione programmatica della rivista].

34 CS, 15 settembre 1945, V. Dagnino, La riforma industriale. Necessità e limiti attuali della socializzazione.

35 Cfr. su questo P. Barucci, Ricostruzione, pianificazione, Mezzogiorno, Il Mulino, Bologna 1978.

36 CS, 30 novembre 1945, R. Rigola, La democrazia nei rapporti tra capitale e lavoro.

37 CS, 15 dicembre 1945, G. Guenci, Preparazione alla socializzazione.

38 CS, 1–16 agosto 1946, C. Pagliero, Per il trapasso all’economia collettivistica; 16 settembre 1947, Carlo Pagliero, Pianificazione socialista.

39 Altri esempi sono CS, 1 luglio 1946, rubrica “Ciò che si stampa”, P. GA, Attualità storica del collettivismo; CS, 16 luglio 1946, F. Luzzatto, Le modalità della socializzazione.

40 ES, 1 maggio 1946 16 maggio 1946, K. Renner, La socializzazione del salario, I e II. Per restare sempre nell’ambito europeo, la rivista pubblica anche un doppio articolo dello studioso francese C. Bettelheim, Problemi teorici e pratici della pianificazione ES, 1 dicembre 1946; 1 gennaio 1947] Si tratta probabilmente (non è esplicitato) di un estratto dall’o-monimo volume pubblicato in Francia nel 1946 e tradotto in Italia soltanto nel 1969, che viene richiamato anche su «Critica Sociale» da Fausto Pagliari [CS, 16 gennaio–1 febbraio 1947, F. Pagliari, Accumulazione primitiva e sindacati operai in Russia.].

41 CS, 1–16 agosto 1946, C. Pagliero, Per il trapasso all’economia collettivistica; 16 settembre 1947, Carlo Pagliero, Pianificazione socialista.

42 ES, 23 febbraio 1947, F. C [affè], Economia – Il programma del tempo perduto.

43 CS, 1 e 16 dicembre 1947, 1 gennaio 1948, C. Barbagallo, Iniziativa privata o pianificazione? I, II, III.

44 Per gli ex–azionisti, tuttavia, esso non è una novità. Tale nodo si è già presentato nel PdA [Cfr. G. De Luna, Storia… cit.] e serpeggia in modo ricorrente fra gli eredi di questo.

45 CS, 16 ottobre 1947, rubrica “Ciò che si stampa”: B. Wootton, Libertà e pianificazione.

46 CS, 16 gennaio 1948, rubrica “Fatti e commenti della stampa italiana ed estera”: Per la terza forza.

47 Trasformazioni di cui la rivista dà conto e che analizza e difende: cfr. CS, 1–16 agosto 1946, Le nazionalizzazioni in Gran Bretagna; 1 marzo 1947, rubrica: fatti e commenti… La crisi del carbone in Inghilterra; 1 novembre 1948, M. Phillips, Tre anni per cambiare volto all’Inghilterra; 1–16 gennaio 1952, F. Pagliari, La riforma agraria inglese.

48 Cfr. su questo G. Silei, Welfare state e socialdemocrazia. Cultura, programmi e realizzazioni in Europa. occidentale dal 1945 ad oggi, Lacaita, Manduria–Bari–Roma 2000. Per una panoramica complessiva delle posizioni e delle politiche messe in atto dai socialisti europei nel dopoguerra, cfr. D. Sassoon, Cento anni… cit.

49 CS, 1–16 gennaio 1946, G. Colombini, La riforma bancaria francese.

50 Ivi, F. Pagliari, La democrazia industriale in Francia e altrove.

51 Ivi, V. Dagnino, La socializzazione in Europa e negli Stati Uniti.

52 Ivi, F. Pagliari, La democrazia… cit.

53 ES, 1 marzo 1946, A. Williams, La nazionalizzazione delle miniere in Gran Bretagna.

54 ES, 16 marzo 1946, H. J. Lasky, Una nuova era sociale in Gran Bretagna.

55 ES, 1 maggio 1946, T. Williams [ministro dell’agricoltura], Nazionalizzazione delle terre in Gran Bretagna.

56 ES, 16 dicembre 1946, J. Henderson, Bilancio di un anno di politica interna laburista.

57 ES, 1 maggio 1946, E. Smith, Plan for Plenty; cfr. anche 1 maggio 1946, Cronache economiche. Gran Bretagna: continua l’azione del governo Labour.

58 Cfr. ES, 1 marzo 1946, G. Gurvitch, La rappresentanza operaia e il problema delle nazionalizzazioni, dove si descrive il dibattito alla Costituente francese sulle nazionalizzazioni; anche ES, 1 maggio 1946, Cronache economiche–Francia: le nazionalizzazioni ad uno stadio più avanzato di quello inglese.

59 Cfr. ES, 16 marzo 1946, T. Oden, La cooperazione nella vita economica della Svezia.

60 Cfr. ES, 1 marzo 1946, G. Parravicini, recensione di D. E. Lilienthal, TVA [Tennessee Valley Authority], Democracy on the March.

61 Cfr. ES, 1 aprile 1946, E. Downton, Il progetto di elettrificazione nel IV piano quinquennale sovietico, dove si legge «una magica rete di torri e di fili sta per estendersi attraverso un sesto del pianeta».

62 Cfr. ES, 16 maggio 1946, Cronache economiche–Socializzazioni in Polonia; 1 novembre 1946, V. Libera, Rivoluzione agraria all’Est; 16 novembre 1946, F. Arca, Riforma agraria in Romania.

63 Cfr. ES, 23 marzo 1947, V. Libera, Democrazia economica – esperimento del socialismo francese, dove si difende dagli attacchi dei comunisti la politica deflazionista del governo Ramadier, che si sostiene avvantaggi i lavoratori.

64 Cfr. ES, 6 aprile 1947, P. Sideri, I laburisti contro i baroni della city.

65 ES, 23 febbraio 1947, G. Granata, Il servizio della salute in Inghilterra. Sul rapporto libertà–pianificazione, declinato sul tema specifico della libertà sindacale, un altro articolo [ES, 4 maggio 1947, C. Gragnani, Controversie sulla pianificazione democratica] si spinge ancora oltre, giungendo ad ammettere – sulla scia di un neo–liberale come Wilhelm Roepke – che in linea teorica i due termini sono antitetici (non può darsi sindacato libero in un’economia pianificata), e utilizzando come linea di difesa l’i-dea che in Inghilterra, grazia all’empirismo anglosassone, tale antitesi venga smorzata e evitata.

66 Cfr. su questo G. Mori (a cura di), La cultura economica… cit.

67 Sul piano Marshall la letteratura è ormai estremamente vasta e variegata. Si rimanda pertanto, oltre che al repertorio bibliografico a cura di G. Bochicchio, Il Piano Marshall in Italia: guida bibliografica 1947–1997, Biblioteca di storia moderna e contemporanea, Roma 1998, ad alcune opere di carattere generale: E. Aga Rossi (a cura di), Il Piano Marshall e l’Europa, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, Roma 1983; M. Campus, L’Italia, gli Stati Uniti e il piano Marshall, 1947–1951, Laterza, Roma 2009; D. Ellwood, L’Europa ricostruita, Politica ed economia tra Stati Uniti ed Europa occidentale 1945–1955, Il Mulino, Bologna 1994; F. Fauri, Il Piano Marshall e l’Italia, Il mulino, Bologna 2010; J. Harper, L’America e la ricostruzione dell’Italia 1945–1948, Il Mulino, Bologna 1987; C. Spagnolo, La stabilizzazione incompiuta: il Piano Marshall in Italia, Carocci, Roma 2001.

68 CS, 16 luglio 1949, R. Tremelloni, L’Italia e l’economia europea. Sullo stesso tema, cfr. anche CS, 1 aprile 1948, Arturo Strinati, La cooperazione europea e CS, 1 luglio 1948, P. Gallardo, Francia, Germania e Federazione europea.

69 CS, 19 ottobre 1947, D. Cittone, L’Italia nel piano Marshall. In realtà, già Carlo Pagliero, trattando delle modalità della pianificazione da attuare in Italia, aveva parlato del Piano Marshall come di un Piano economico internazionale, cui il Piano italiano avrebbe dovuto dare risposta e complemento. [Cfr. CS, 16 settembre 1947, C. Pagliero, Pianificazione socialista.

70 CS, 1 febbraio 1949, D. Cittone, La politica economica del governo.

71 Su questo cfr. cfr. C. Spagnolo, La polemica sul “Country Study”, il fondo lire e la dimensione internazionale del Piano Marshall, in «Studi Storici», no 1, 1996.

72 CS, 16 maggio 1949, D. Cittone, Il Rapporto Hoffman I.

73 Da notare che le critiche contenute nel “Rapporto Hoffmann” sono in realtà «di stampo keynesiano, relative all’eccessivo contenimento degli investimenti pubblici» [A. Magliulo, Il keynesismo in Italia (1913–1963). Le ragioni di una rivoluzione mancata, in P. Barucci (a cura di) Le frontiere dell’economia politica, Polistampa, Firenze 2003, p. 421], più che direttamente alla mancanza di un piano. Ma il redattore di «Critica Sociale» preferisce leggervi soprattutto quello che interessa a lui e che risponde alla sua impostazione dottrinaria.

74 CS, 16 maggio 1949, D. Cittone, Il Rapporto Hoffman II.

75 Cfr. il già citato ES, 29 giugno 1947, F. Caffè, in Trovato il piano… cit.

76 ES, 1 giugno 1947, B. Cialdea, La Commissione Economica per l’Europa.

77 ES, 6 luglio 1947, B. Cialdea, Il primo passo verso la pianificazione europea.

78 Cfr. su tutto questo, e in generale sulla politica economica degli anni della ricostruzione e del centrismo, V. Castronovo, La Storia economica, in Storia d’Italia dall’U-nità a oggi, vol. IV, Einaudi, Torino 1975, p. 385 e segg.; Id., Storia economica d’Italia, Einaudi, Torino 1995; F. Barca, Il capitalismo italiano: storia di un compromesso senza riforme, Donzelli, Roma1999; G. Mori, L’economia italiana tra la fine della seconda guerra mondiale e il «secondo miracolo economico» (1945–58), in Storia dell’Italia repubblicana, vol. I, La costruzione della democrazia, Torino, Einaudi 1994.

79 Cfr. ad esempio CS, 1 giugno 1946, L. Severgnini, La politica economica del partito socialista; CS, 16 luglio 1946, F. Luzzatto, Le modalità della socializzazione. Ma anche una recensione di una monografia sul tema: cfr. CS, 16 agosto 1948, rubrica: ciò che si stampa, Giuseppe Lanzarone: “il sistema bancario italiano”.

80 CS, 1–16 aprile 1946, 1 maggio e 16 maggio 1946, G. Colombini, Il problema bancario italiano, I, II e III.

81 In particolare Livio Severgnini, che la stessa «Critica Sociale» qualifica come consultore finanziario della Commissione Tecnica Centrale della Camera del Lavoro di Milano, ed Enzo Massarani, autore di alcune opere di diritto societario edite a Ginevra nei campi di internamento universitari [E. Massarani, Le società commerciali, Ginevra, Fondo europeo di soccorso agli studenti, s. d.]

82 Il cambio della moneta, come è noto, non venne mai realizzato; un’imposta patrimoniale venne varata nel marzo del 1947, ma non fu progressiva, bensì semplicemente proporzionale; inoltre, in mancanza dello strumento di controllo costituitodal cambio della moneta, la sua efficacia fu sensibilmente ridotta [cfr. V. Castronovo, La Storia economica, cit.; P. Barucci, Ricostruzione… cit.]

83 Cfr. ad esempio CS, 1 settembre 1947, E. Massarani, In tema di riforma tributaria; CS, 15 novembre 1946, ID. Ancora in tema di riforma tributaria.

84 Cfr. ad esempio CS, 30 novembre 1945, E. Massarani, Esperimenti monetari; CS, 1 febbraio 1946, C. Pagliero, Il problema tributario; CS, 1 maggio 1947, E. Massarani, La riforma tributaria–postilla.

85 CS, 15 settembre 1946, C. Pagliero, Circolazione monetaria e lavori pubblici; CS, 1 marzo 1947, ID., L’imposta straordinaria sul patrimonio;

86 Cfr. ad esempio, CS, 1 ottobre 1946, s. a. Mentre la situazione si aggrava; 16 aprile 1947, U.G. M. Nubi sull’orizzonte.

87 CS, 15 ottobre 1946, I. M. Lombardo, Per la ricostruzione dell’Italia.

88 Cfr. ad esempio CS, 1 novembre 1946, L. Severgnini, Il cambio della moneta; CS, 1 settembre 1947 e CS, 16 settembre 1947, E. Massarani, Finanza straordinaria e imposta progressiva sul patrimonio I e II.

89 CS, 1 dicembre 1948, rubrica: fatti e commenti…, La riforma fiscale nel Belgio

90 CS, 16 marzo 1948, rubrica: fatti e commenti…, Imposta sul reddito negli Stati Uniti.

91 CS, 1 luglio 1948, L. Severgnini, Ricostruzione edilizia.

92 CS, 5 ottobre 1954, R. Tremelloni, Il secondo tempo della riforma tributaria.

93 F. Conti, G. Silei, Breve storia dello Stato Sociale, Carocci, Roma, 2005 p. 9. Sul tema dello stato sociale in generale e del Welfare state in particolare, cfr. anche G. Silei, Welfare state e socialdemocrazia… cit; I. Fasulli, Welfare State e patto sociale in Europa, Gran Bretagna, Germania, Francia, Italia 1945–1985, CLUEB, Bologna 2003.

94 Ibidem, p. 89.

95 Ibidem, p. 9.

96 Nell’accezione più classica, per previdenza sociale si intendono schemi assicurativi obbligatori contro i principali rischi: disoccupazione, vecchiaia, malattia, infortuni, invalidità, maternità e via di seguito. Per assistenza sociale le «varie forme di tutela predisposte a favore di quelle categorie di cittadini che–per motivi economici, sociali o sanitari–versano in una situazione di bisogno» [F. Conti, G. Silei, Breve storia… cit. p. 10].

97 Da notare che l’edificazione o il potenziamento di un sistema di Welfare (di fatto se non di nome) fu uno degli obbiettivi dei governi di centro–sinistra, che vi riuscirono però in maniera contraddittoria e non sempre organica: la frammentazione degli schemi previdenziali, che continuarono ad avere carattere prevalentemente occupazionale, non fu mai completamente superata, per quanto essi crebbero, in maniera spesso scomposta, fino a coprire la quasi totalità della popolazione; e solo nel 1978 si arrivò alla creazione di un Sistema Sanitario Nazionale sul modello del National Health Service britannico del 1945.

98 E’ forse necessaria a questo punto una precisazione. I socialisti democratici, si è detto, mostrano grande ammirazione per l’operato economico del governo laburista. L’interpretazione prevalente di tale operato, però, è che esso costituisca il primo tentativo organico di costruzione di una società socialista con metodi democratici: i provvedimenti più ammirati e sui quali ci si sofferma maggiormente sono infatti quelli di nazionalizzazione e di programmazione economica, più che quelli di costruzione di un sistema previdenziale e assistenziale universalistico. L’interesse per la Gran Bretagna laburista non significa automaticamente interesse per il nascente Welfare State.

99 Cfr. F. Andreucci, Maglione Giovan Battista, in Id., T. Detti, Il movimento operaio… cit.

100 CS, 16 giugno 1946, G. B. Maglione, Sicurezza sociale, condizione umana.

101 Cfr. su questo F. Conti, G. Silei, Breve storia… cit.

102 Ibidem.

103 CS, 16 maggio 1946, G. Orsini, La riforma della previdenza sociale.

104 Nel quale si legge: «Primarily Social Security means security of income up to a minimum, but the provision of an income should be associated with treatment designed to bring the interruption of earnings to an end as soon as possible» [Social Insurance and Allied Services, Report by sir William Beveridge…. London, November 1942] cit. in F. Conti, G. Silei, Breve storia… cit.

105 CS, 1 luglio 1946, A. Lorenzini, Assicurazioni sociali e riforma sanitaria.

106 CS, 1 gennaio 1947, S. Lusso, Sulla riforma della previdenza sociale.

107 Ovviamente, il Welfare state non è esclusivo patrimonio inglese, nemmeno negli anni trattati. Le nazioni scandinave si sono incamminate su tale strada, per quanto con notevoli peculiarità, già prima della Seconda Guerra Mondiale. Se si fa riferimento all’Inghilterra, è perché essa appare come il principale modello che gli autori citati conoscono, o richiamano esplicitamente.

108 Per citarne alcuni: CS, 1 dicembre 1946, G. Orsini, Necessità di amministrazioni regolari negli Istituti di Previdenza Sociale; CS, 16 luglio 1947, G. Salinari, Assicurazioni sociali e prezzi; 16 novembre 1947, rubrica: fatti e commenti…, La conferenza internazionale delle assicurazioni sociali; 16 giugno 1948, G. B. Maglione, La prevenzione sanitaria; 16 agosto 1948, A. Del Bue, Assistenza preventiva e assistenza curativa;

109 CS, 1 agosto 1948, Coriolano, La sicurezza sociale in Inghilterra; 16 maggio 1949, sir Stafford Cripps, La ricostruzione in Gran Bretagna.

110 CS, 1 dicembre 1954, G. Galliadi, Appunti sulla previdenza sociale.

111 CS, 16 novembre 1952, G. Pieraccini, Sanità sociale.

112 Da notare che la molteplicità di letture della partecipazione socialista al governo trovano parziale riflesso nella storiografia sul tema. Vi è tutta una letteratura, di valore storiografico molto vario, che accetta e non di rado esalta la teoria saragattiana della «solidarietà democratica» [cfr. per esempio G. Averardi, I socialisti democratici… cit.; F. Fornaro, Giuseppe Saragat, cit.; A. Benzoni, V. Tedesco, Il movimento socialista nel dopoguerra, Padova, Marsilio, 1968; L. Faenza, La crisi… cit.]. Al contempo, i rapporti che i dirigenti del PSLI, in particolare Faravelli, intrattennero con sindacalisti americani quali Luigi Antonini e Vanni Montana, sono stati considerati una conferma, ovviamente da un punto di vista scientifico e non polemico, delle tesi secondo le quali il PSLI–PSDI avrebbe avuto una importante sponda oltre Atlantico, soprattutto per quanto riguarda l’anticomunismo in generale e le questioni di politica estera in particolare [cfr. P. Caridi, La scissione… cit., ripresa da D. Sassoon, Cento anni di socialismo… cit.

113 CS, 1 novembre 1946, R. Rigola, La lotta contro la disoccupazione.

114 CS, 16 gennaio 1951, Id., Un esperimento di keynesismo del secolo XIX, dove si afferma anche che le leggi sociali sono meri palliativi e l’unica soluzione per abolire la disoccupazione è «giù le frontiere, giù le armi»

115 Sul quale cfr. M. Granata, Roberto Tremelloni: riformismo e sviluppo economico, Rubbettino, Soveria Mannelli 2010.

116 CIRIEC, AT, 1.4.1.2.9. Bozza del discorso tenuto a Napoli il 2 febbraio 1948

117 CIRIEC, AT, 1.4.1.2.15. Discorso tenuto a Cosenza il 15 marzo 1948.

118 CIRIEC, AT, 1.4.1.2.15. Discorso tenuto a Milano il 24 gennaio 1949.

119 Cfr. anche CIRIEC, AT, 1.4.1.3.21. Discorso al congresso PSLI, 4 gennaio 1949: «Il ministro del 1950 non ha più i compiti limitati alla determinazione di qualche indirizzo di massima; e deve sedersi in ufficio, badare a fare l’amministratore della cosa pubblica, anzitutto [sottolineato nel testo] l’amministratore della cosa pubblica.»

120 R. Tremelloni, La situazione economica dell’Italia e il PSLI, opuscolo tratto dal discorso tenuto a Milano l’11 maggio 1947 e conservato in CIRIEC, AT, 1.4.1.2.8.

121 Ibidem.

122 CIRIEC, AT, 1.4.1.2.9. Conferenza tenuta a Napoli, 23 novembre 1947.

123 CIRIEC, AT, 1.4.1.2.9. Discorso al congresso di Napoli del PSLI, 2 febbraio 1948.

124 L’interpretazione del New Deal in chiave socialista, socialisteggiante o genericamente collettivista non è una novità e risale agli anni Trenta. Ciò che conta sottolineare in questa sede è che i socialisti democratici, ansiosi di accreditare la natura progressista dell’alleato americano e al contempo di presentare la pianificazione economica come una inevitabile necessità della storia, fanno propria tale interpretazione, della quale il Piano Marshall appare come una conferma.

125 CIRIEC, AT, 1.4.1.2.15. Discorso tenuto a Cosenza il 15 marzo 1948. In tale intervento, Tremelloni riprende addirittura le stesse identiche espressioni già utilizzate in altra occasione, ripetendo che «se non si uscirà dal pantano soltanto con i prestiti americani […] si affonderà sicuramente nel pantano senza di essi».

126 CIRIEC, AT, 1.4.1.3.21. Discorso al congresso PSLI, 4 gennaio 1949. La stessa ricostruzione compare in un appunto per una «Relazione i gruppi parlamentari», mancante di data ma ragionevolmente riconducibile a questo periodo, vista la struttura molto simile delle argomentazioni. Tremelloni afferma infatti che «avevamo promesso poco – sentivamo la responsabilità di promettere troppo» [sottolineato nel testo]; che era necessario «stimolare una politica produttivistica», l’unica in grado di aumentare il reddito nazionale; che bisognava «evitare lo slittamento verso inflazione o deflazione» e «evitare che l’Erp diventasse dominio degli erpivori o desse luogo a inflazione o fosse amministrato dagli industriali». [in CIRIEC, AT, 1.4.1.2.10–Gruppo parlamentare PSLI]

127 CIRIEC, AT, 1.4.1.3.21. Discorso al congresso PSLI, 4 gennaio 1949.

128 La critica alle inefficienze e alle insufficienze della pubblica amministrazione è una costante del pensiero di Tremelloni, che ricorre sempre come complemento “pratico” ai discorsi di teoria economica: nessun piano e nessuna forma di intervento statale possono essere efficaci senza lo strumento fondamentale di una burocrazia efficiente e affidabile. Allo stesso tempo, connessa con questa esigenza è quella di creare degli strumenti tecnici di raccolta e analisi dei dati macroeconomici in grado di fornire precise indicazione sulla strada da percorrere.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search