Version classiqueVersion mobile

Il socialismo democratico italiano fra la Liberazione e la legge truffa

 | 
Daniele Pipitone

4. Una grande riforma delle istituzioni

Texte intégral

1Se stabilire una corrispondenza netta fra le diverse posizioni di fronte al comunismo e la suddivisione in correnti dell’area socialista democratica risulta a volte schematico, ancora meno è possibile una simile operazione per quanto riguarda le elaborazioni programmatiche ed i progetti di riforma dello stato, delle istituzioni e dell’economia, che dovrebbero costituire il nucleo programmatico positivo del partito del socialismo democratico. Ovviamente, diverse sensibilità si riflettono in diversi ordini di priorità, per cui, ad esempio, mentre gli ex–azionisti prestano grande attenzione alle questioni istituzionali e costituzionali, i neo–riformisti si concentrano molto di più sui temi economici e sociali. Non è però possibile individuare una suddivisione netta sulla base di elaborazioni programmatiche differenti, né sarebbe di conseguenza utile impostare l’analisi in base a tale divisione. E’ questa – in fondo – un’altra conseguenza di quella mancanza di un centro di attrazione attorno al quale possano gravitare le differenti culture politiche e elaborazioni programmatiche che è già stata rilevata.

2Più chiara e scorrevole sarà quindi un’impostazione tematica, che cerchi di ricostruire le posizioni dei socialisti democratici nel loro complesso intorno ad alcune questioni fondamentali, che sono in definitiva le questioni che si pongono a tutti i partiti socialisti e socialdemocratici europei nel secondo dopoguerra: l’ordinamento dello stato, la politica estera, la politica economica e sociale. Sono questi i temi sui quali ci si soffermerà in questo capitolo e nel prossimo. Il filo conduttore sarà, naturalmente, sempre il trittico democrazia–anticomunismo–socialismo: se nel capitolo precedente ci si è soffermati sul secondo termine, ci si concentrerà ora sugli altri due, cercando di mettere in luce come i socialisti democratici si propongano di realizzarli nell’Italia del dopoguerra. In un certo senso, si può affermare che il presente capitolo tratta della democrazia, ovvero degli istituti che vengono considerati necessari alla sua realizzazione, ed il prossimo del socialismo, ovvero delle strutture economiche che si ritiene debbano presiedere alla sua costruzione. Non si vuole però dare troppa rigidità a tale distinzione: se da un lato democrazia e socialismo appaiono i principi ispiratori rispettivamente della proposta politica e di quella economica del socialismo democratico (di tutto il socialismo democratico, nelle sue varie declinazioni), dall’altro lato essi sono delle istanze universali che, nell’ottica dei soggetti studiati, devono informare di sé ogni aspetto della vita collettiva; da questo punto di vista, per i socialisti democratici una struttura politica democratica ma non socialista non ha senso, tanto quanto un sistema economico socialista ma non democratico.

3Che cosa intendono dunque concretamente i socialisti democratici per democrazia? A quali orizzonti concettuali fanno riferimento quando ne parlano? E quali istituti immaginano utili a costruirla e difenderla? La risposta a queste domande costituisce l’oggetto del presente capitolo, il quale prende le mosse, quasi inevitabilmente, dai progetti elaborati nella fase della Costituente.

4.1 La costruzione del nuovo stato: la Costituzione

  • 1 Questo vale in particolare per i particolare sui programmi economici, concepiti da Saragat in manie (...)
  • 2 Cfr. su questo, F. Fornaro, Giuseppe Saragat, cit.
  • 3 AAC, Vol. III, seduta pomeridiana del 6 marzo 1947.

4Se l’anticomunismo, variamente declinato e con risultati anche profondamente differenti, costituisce il collante negativo delle diverse anime del socialismo democratico, la sua motivazione principale, ovvero la difesa della democrazia come fine e non solo come mezzo e dei diritti di libertà, è, specularmente, uno dei più importanti collanti positivi. In particolare, su tale principio convergono le due più organiche tendenze dottrinarie presenti nell’area, gli ex–azionisti ed i neo–riformisti, e il principale leader del PSLI, Giuseppe Saragat. Questi, che su altri aspetti del programma socialista democratico mostra scarso interesse1, ha sin dai tempi dell’esilio concentrato la propria autonoma elaborazione dottrinaria proprio intorno ai temi della democrazia e della libertà, intese come elementi essenziali e non accessori del marxismo, ovvero come diritti universali da confermare e da sostanziare in una società socialista e non da superare in quanto espressione del dominio di classe borghese2. In sede di dibattito all’Assemblea Costituente, Saragat tiene soprattutto a ribadire tali principi e a chiarirne alcune importanti specificazioni. Nell’unico intervento che fa in seduta plenaria, egli insiste sul fatto che «i diritti di libertà sono diritti inalienabili in qualsiasi tipo di società», e fa esplicito riferimento alla critica che ad essi è stata mossa dai socialisti nel passato, dichiarandola superata: «Queste limitazioni dei vecchi diritti dell’uomo, dei diritti che si chiamavano “diritti borghesi”, sono a mano a mano superate dalla natura stessa delle cose, dalla possibilità che hanno le classi lavoratrici di poterne beneficiare nel modo più vasto; ed è assurdo ripetere oggi certe critiche che avrebbero potuto avere un senso cinquanta anni fa»3. La democrazia e il suffragio universale, in sostanza, avrebbero cancellato la natura di classe che i diritti di libertà avevano nella società borghese e li avrebbero in qualche modo restituiti alla loro intrinseca natura universale. Per poter svolgere appieno questo ruolo, tuttavia, la democrazia richiede di essere sostanziata da un altro ordine di diritti, i diritti sociali, i quali sono «un complemento necessario dei diritti di libertà»: la capacità di garantire tali diritti secondo l’ex–presidente dell’Assemblea «è un problema di vita e di morte della democrazia politica», in quanto le tensioni sociali che tale mancata garanzia innescherebbe porterebbero inevitabilmente alla rovina anche dei diritti di libertà.

  • 4 CS, 16 gennaio–1 febbraio 1947, Il discorso di Saragat… cit.
  • 5 AAC, Vol. III, seduta pomeridiana del 6 marzo 1947. Anche nel citato discorso di Palazzo Barberini (...)
  • 6 Cfr. su questo P. Caridi, La scissione… cit. e F. Taddei, Il socialismo italiano… cit.
  • 7 Il disciplinamento costituzionale dei partiti politici, che non verrà inserito nella carta, non è c (...)

5Giustizia e libertà, si potrebbe dire. Un binomio che avvicina decisamente Saragat agli azionisti, se non fosse che il suo discorso più a che conciliare le due istanze mira a difendere la seconda dalla prima, ovvero è tutto orientato a impedire che l’affermazione dei diritti sociali sfoci in una compressione dei diritti di libertà: la sua difesa dei “diritti borghesi” è indirizzata apertamente al socialismo primonovecentesco ma implicitamente ai comunisti ed agli ex–compagni del PSIUP. La stessa vibrante difesa dei “principi del 1789” si ha del resto nel discorso che Saragat tiene a Palazzo Barberini alla fondazione del PSLI, in cui afferma: «La critica di Marx sui Diritti dell’Uomo è la critica delle limitazioni borghesi di questi diritti […] Lungi dal rinnegare il contenuto umano che è implicito nella libertà e nella democrazia borghese bisogna esaltarlo ed affermarlo con la soppressione delle sue limitazioni»4. Ad ulteriore riprova del fatto che il centro del discorso di Saragat è in realtà costituito da una indiretta polemica con le sinistre, si può ricordare la sola critica che nel discorso davanti all’Assemblea egli rivolge al progetto di Costituzione, ovvero quella relativa al mancato disciplinamento dei partiti politici, richiesto a suo parere dallo stesso ruolo essenziale che essi vengono ad assumere nelle democrazie moderne: in maniera attenuata (dopo aver rilevato che le migliori garanzie del funzionamento democratico dei partiti stanno nell’attenuazione o eliminazione degli antagonismi sociali e nel senso civico dei militanti) Saragat afferma che «un accenno a questo problema e qualche garanzia devono pur essere formulati nella costituzione […] Un certo controllo analogo a quello sul funzionamento dei giornali si sarebbe potuto, a mio avviso, elaborare per quanto si riferisce alla vita interna dei partiti politici»5. Se si pensa che uno dei temi chiave delle polemiche interne al PSIUP negli anni precedenti era stato proprio lo scontro intorno alla democrazia interna e al modello di organizzazione di partito da adottare6, si capisce meglio a quali formazioni siano rivolti i timori del leader del PSLI7.

  • 8 Cfr. A. Galante Garrone, I diritti di libertà da Ruffini a Calamandrei e A. Pace, Diritti di libert (...)
  • 9 F. Taddei, La Costituente nella politica del PSI, in R. Ruffilli (a cura di) Cultura politica e par (...)
  • 10 CS, 15 novembre 1945, Gli “Amici della Critica Sociale” a convegno.
  • 11 CS, 1–16 agosto 1946, Prefazione della redazione a A. Maddalena, Per la stabilità del governo.
  • 12 Nato nel 1881 a Venezia, professore di Diritto dal 1920, Levi fu vicino al riformismo socialista ne (...)
  • 13 CS, 1 settembre1946, A. Levi, I Partiti e la Costituzione. Cfr. anche CS, 1 maggio 1946, Id., Appun (...)

6Su questa linea di difesa dei diritti di libertà e degli istituti atti a garantirli, Saragat si trova dunque molto più vicino agli azionisti (e in specie a Calamandrei, che sul ruolo dei diritti di libertà nella nuova repubblica democratica si sofferma insistentemente8) che ai propri ex–compagni di partito, i quali a volte oscillano verso una concezione strumentale della democrazia politica, per la quale «il tema dell’assetto istituzionale dello Stato si configura come tema tipicamente “sovrastrutturale” e, quindi, secondario e marginale nella linea teorica del partito»9. Anche «Critica Sociale», del resto, segue in questo il leader del nuovo partito. Per quanto nel 1945 la mozione dell’omonima corrente sposi ancora la ufficiale linea “giacobina” del PSIUP sulla Costituente – ovvero si opponga «ad ogni tentativo di limitarne i poteri e di falsarne lo spirito e i compiti» e respinga «ogni forma di referendum o di plebiscito, come incapace ad esprimere genuinamente la volontà del paese»10 – già nell’a-gosto del 1946 si preoccupa di elaborare un sistema di pesi e contrappesi che eviti degenerazioni dittatoriali o plebiscitarie: «Bisogna evitare che lo sforzo di creare quella stabilità [dell’esecutivo NdA] faccia incorrere nel pericolo di assegnare al governo un potere praticamente sottratto a quelle sanzioni senza cui il controllo della rappresentanza popolare perderebbe ogni efficacia. Si tratta pertanto di trovare quella giusta via intermedia, che salvi la democrazia dai due opposti pericoli che possono insidiare la sua vitalità»11. Preoccupazioni di simile tenore sono avanzate su «Critica Sociale» anche dal giurista Alessandro Levi12, quando parla de «l’opportunità di attribuire alla Costituzione un carattere rigido, fornendo alle libertà ed ai diritti da essa sanciti una particolare guarentigia istituzionale»13.

  • 14 Il carattere di periodicità è confermato e rafforzato dal fatto che in tutto il 1946, molti degli a (...)
  • 15 G. Arfè, Introduzione a F. Taddei, La Costituente nella politica del PSI, cit., p. 15.
  • 16 Levi non è il solo esempio, naturalmente. Lo stesso Mondolfo è solo leggermente più vecchio (nasce (...)
  • 17 Sulle sinistre e la teoria dello Stato, cfr. N. Bobbio, Esiste una dottrina marxista dello Stato?, (...)

7Levi segue puntualmente i lavori costituzionali dalle colonne della rivista di Mondolfo, con una serie di interventi che, per la loro periodicità14 e per il loro soffermarsi sui singoli temi di dibattito, sembrano quasi configurare una rubrica fissa sull’argomento. Non è privo di significato che ad occuparsi dei problemi istituzionali su «Critica Sociale» sia un uomo che si trova «ai margini della tradizione socialista»15 e che fa parte della generazione dei “padri del socialismo” come Levi; da un lato, ciò mostra come il legame con il riformismo prefascista sia per la rivista non solo un richiamo dottrinario ma anche una questione di uomini e di reti di relazioni che si riallacciano (in parte) dopo il ventennio16; dall’altro, è una prova della debolezza culturale dei neo–riformisti sui temi istituzionali, debolezza che va a sua volta ricondotta alla loro dottrina marxista. In questo, si può affermare riguardo agli uomini di «Critica Sociale» quanto è stato detto degli altri partiti marxisti del dopoguerra, ovvero che si presentano all’appuntamento costituzionale con una notevole fragilità di cultura istituzionale, fragilità che li rende su questi temi subalterni alle dottrine del liberalismo classico; se però i socialisti del PSI e i comunisti sopperiscono almeno in parte a tale debolezza con una concezione che vede nel sistema istituzionale sostanzialmente una sovrastruttura, ciò non vale per i socialisti democratici: per loro, la scarsa elaborazione di una teoria dello stato17 si risolve in una sostanziale accettazione dei principi liberali, accettazione che, del resto, è in linea con la rivalutazione “da sinistra” delle libertà borghesi. Nel discorso costituzionale, i neo–riformisti privilegiano così alcuni elementi, che sono per lo più connessi a quelli che sono i loro interessi primari: l’economia e il lavoro.

  • 18 CS, 1 maggio 1946, A. Levi, Appunti per la nuova Costituzione, II.
  • 19 Cfr. CS, 16 marzo 1947, Alessandro Levi, I diritti della classe operaia nei lavori preparatori dell (...)
  • 20 Cit. in G. Vassalli, Piero Calamandrei e la Costituzione, in AA. VV. Piero Calamandrei e la Costitu (...)
  • 21 CS, 16 marzo 1947, A. Levi, I diritti della classe operaia… cit.

8Levi, come del resto Saragat, ritiene i diritti sociali uno degli elementi cardine del futuro ordinamento costituzionale. Tuttavia, egli avanza dei dubbi sulla possibilità pratica dell’inserimento di essi (e di alcuni in particolare) nella carta. Rifacendosi apertamente a Calamandrei, egli rileva che «i tradizionali diritti di libertà hanno, in sostanza, un contenuto negativo, mentre i nuovi diritti sociali hanno come termine complementare un obbligo positivo dello Stato»18, obbligo del quale «è assai più gravoso» richiedere l’adempimento, sia da parte dello Stato sia da parte di eventuali soggetti privati (i datori di lavoro): il timore di Levi è che l’affermazione di simili diritti (in particolare il diritto al lavoro) difficili da garantire per legge porti ad una svalutazione della Costituzione agli occhi dei depositari dei diritti stessi che dovessero sentire tali diritti conculcati19. Sono gli stessi timori espressi da Piero Calamandrei quando afferma: «Bisogna evitare che nel leggere questa nostra Costituzione gli Italiani dicano, dopo aver letto ognuno dei suoi articoli: non è vero nulla»20. Anche sul diritto di sciopero Levi, pur difendendo decisamente la pratica in sé, avanza il dubbio che il riconoscimento incondizionato di tale diritto nella Costituzione possa (oltre che richiedere comunque una disciplina nel caso di servizi pubblici) ingenerare problemi politici, quali la richiesta del riconoscimento del diritto di serrata da parte dei datori di lavoro, o giuridici, quali il fatto che sia «considerato illecito l’eventuale crumiraggio, come attività diretta a menomare l’esercizio di quel diritto»21. Più che il socialista, è qui il giurista che parla, esprimendo il timore per una imperfetta e contraddittoria formulazione del dettato costituzionale–esattamente come accade per Calamandrei. Tuttavia, anche questa discrasia fra obbiettivi politici del socialismo e forme giuridiche che si rifanno sostanzialmente alla teoria liberale è una prova della debolezza della cultura politica marxista ortodossa dei neo–riformisti di fronte alle questioni istituzionali.

  • 22 Cfr. CS, 16 marzo 1947, A. Levi, I diritti della classe operaia… cit.; 16 giugno 1946, R. Rigola, I (...)
  • 23 Cfr. ad esempio, CS, 1 novembre 1946, F. Luzzatto, L’arbitrato obbligatorio; 15 novembre 1946, R. R (...)
  • 24 CS, 31 gennaio 1946, R. Rigola, Il riconoscimento giuridico dei Sindacati.

9La questione dei diritti sindacali si inserisce nella più generale questione della natura delle associazioni dei lavoratori, della loro disciplina giuridica e del loro ruolo istituzionale. Dando per scontato che una qualche forma di riconoscimento giuridico del sindacato sia non solo necessaria ma anche difficilmente evitabile22, gli autori di «Critica Sociale» si oppongono in blocco all’inserimento nel testo costituzionale di forme di regolamentazione restrittive quali l’arbitrato obbligatorio23. Al contempo, tuttavia, si sentono alcune voci che si fanno portatrici di una serie di proposte ruotanti intorno all’inserimento, all’interno degli organi rappresentativi previsti nel futuro ordinamento, di forme di rappresentanze categoriali. La questione è connessa, all’epoca della Costituente, con il dibattito relativo alle funzioni ed alla composizione del secondo ramo del Parlamento. E’soprattutto la vecchia generazione del riformismo prefascista ad indulgere in simili progetti. Rinaldo Rigola, ad esempio, parte dall’esigenza di superare la frattura tra forze del lavoro e istituzioni, ovvero di inserire organicamente le organizzazioni dei lavoratori nelle strutture dello Stato, e afferma: «è certo che la nuova costituzione non potrà fare a meno di organi centrali e periferici, nei quali siederanno i delegati delle associazioni economiche. I sindacati, insomma, saranno di più in più chiamati a esercitare delle funzioni di carattere pubblico – come è nella logica del collettivismo – donde la necessità di farne delle persone giuridiche, di armarli al voto come sono armati i singoli cittadini. Il suffragio sindacale è un complemento del suffragio universale»24.

  • 25 FT, Fondo D’Aragona, B. 5, Corrispondenza 1943–1945, opuscolo di Vico Lodetti (pseudonimo di Lodovi (...)
  • 26 Su Preti, morto in tarda età nel 2009 cfr. http://www.treccani.it/enciclopedia/luigi-preti_(Diziona (...)
  • 27 AAC, Vol. III, seduta pomeridiana del 6 marzo 1947.
  • 28 AAC, Vol. VII, seduta pomeridiana dell’11 settembre 1947. Sullo stesso tema, cfr. CS, 1 marzo 1946, (...)

10Anche altri due esponenti del sindacalismo riformista prefascista esprimono, in maniera differente, la stessa esigenza: Giovan Battista Maglione afferma recisamente che «il Senato […] deve essere trasformato in assemblea tecnico–consultiva a funzioni prelegislative, nella quale intervengano, a fianco dei componenti nominati dal governo per la loro specifica esperienza, i rappresentanti dei Corpi tecnici, amministrativi, culturali, sociali del paese»; Ludovico D’Aragona, in un opuscolo pubblicato nel 1945 con lo pseudonimo di Vico Lodetti, individua come organi costituzionali della futura Repubblica «la Presidenza della Repubblica, la Camera dei Deputati, la Camera Tecnica e il Governo»25. Non sembra un caso che tre dei più importanti protagonisti dell’ultima fase della CGL prefascista, nonché della controversa esperienza di «Problemi del Lavoro» invochino forme di istituzionalizzazione delle rappresentanze professionali. Per quanto non si possa probabilmente parlare di echi diretti del corporativismo fascista, non si può fare a meno di rilevare come tali proposte sembrino veicolare istanze di inserimento “organico” delle masse nello Stato dal sapore olistico, o, quanto meno, interclassista; istanze che sono sostanzialmente estranee alle culture politiche della sinistra marxista del dopoguerra, anche a quella dei socialisti democratici. Non vi è infatti cenno a prospettive simili in alcuno dei documenti elaborati dal PSLI o dalle sue correnti e anzi esse sono esplicitamente rigettate in sede di Costituente dallo stesso Saragat e da Luigi Preti26. Il primo mette esplicitamente in opposizione la rappresentanza per categorie professionali con la democrazia rappresentativa: «Io ho l’impressione che dappertutto dove esiste il corporativismo, la democrazia muore. Ho l’impressione che, in linea generale, il corporativismo è un pretesto per mettere la museruola alla bestia popolare. L’unica cosa veramente organica nella società è l’individuo sociale, l’individuo che è collocato nei suoi rapporti sociali con tutto il resto del mondo del lavoro»27. Il secondo fa affermazioni ancora più recise, criticando la proposta venuta dalle file della DC di costituire il Senato sulla base della rappresentanza di categoria: «Quando si sostiene, almeno in linea di diritto, la parità del Senato e della Camera dei Deputati, proporre poi che il Senato venga formato sulla base della rappresentanza di categoria significa ispirarsi ad un criterio assai poco democratico, anzi addirittura antidemocratico. Nella moderna democrazia non si può ammettere che una Camera, la quale sia effettivamente partecipe della sovranità, attinga la sua autorità […] da una fonte diversa dal suffragio popolare universale»28. Il netto rifiuto che la maggioranza dei socialisti democratici oppone a posizioni che contengono numerosi echi del troppo recente passato fascista, evidenzia come la presenza di questo gruppo di ex–sindacalisti all’interno dei neo–riformisti costituisca un elemento residuale, che non ha grande influenza sulle elaborazioni programmatiche per il nuovo stato. Tuttavia, si vedrà nel prossimo capitolo come, forse proprio in ragione delle loro ascendenze dottrinarie, quasi gli stessi uomini giochino un ruolo importante nel dibattito interno al socialismo democratico su un tema centrale: lo Stato sociale.

  • 29 Cfr. CS, 16 maggio 1947, L. Targetti, Elezioni e partiti.
  • 30 Cfr. CS, 16 maggio 1947, A. Levi, Il potere esecutivo nel progetto di costituzione.
  • 31 Cfr. CS, 1 maggio 1947, A. Levi, Il Parlamento nel progetto di Costituzione.
  • 32 Cfr. CS, 1 giugno 1947, A. Levi, In attesa della Costituzione–Potere giudiziario–Corte Costituziona (...)
  • 33 Cfr. CS, 16 giugno 1947, A. Olivetti, Un’occasione perduta per la Presidenza collegiale; è da preci (...)

11Si potrebbero a questo punto analizzare altri temi legati alla stesura della Carta Costituzionale, sui quali tra l’altro non vi è grande uniformità di vedute fra i socialisti usciti dal PSIUP: dalla legge elettorale29 (e dal dibattito intorno all’opportunità del suo inserimento nella Costituzione) al ruolo del Governo30, dai rapporti fra poteri dello stato31 all’indipendenza della magistratura32 e al ruolo del Presidente della Repubblica33. Tuttavia, si tratta di temi che in realtà interessano scarsamente questi uomini, che sono solo marginalmente affrontati sulle colonne di «Critica Sociale» e che non compaiono mai nei documenti programmatici di partito. E’invece più opportuno soffermarsi – se pure brevemente – su due eccezioni a questo sostanziale disinteresse, l’analisi delle quali permetterà anche di chiarire meglio le consonanze e le differenze fra le posizioni dei socialisti democratici di tradizione marxista e quella parte dell’azionismo che, pur essendo ancora all’interno del PdA durante la fase costituente, proprio in questi anni si sta avvicinando all’area del socialismo democratico: si tratta del problema delle autonomie locali e, soprattutto, della questione della laicità dello Stato.

  • 34 Una breve sintesi del dibattito alla Costituente sul tema delle autonomie locali si ha in U. De Siv (...)
  • 35 Sulle posizioni del PSIUP prima della scissione e durante la fase costituente e dei due tronconi in (...)
  • 36 Cfr. su questo R. Ruffilli (a cura di), Cultura politica e partiti… cit.
  • 37 E’ quanto si rileva, ad esempio, in CS, 1 giugno 1948, G. Pischel, Premesse per una nostra politica (...)
  • 38 E’ questa, naturalmente, una posizione tipica soprattutto dell’ala sinistra del PSIUP, che si fa se (...)
  • 39 Cfr. ad esempio CS, 16 marzo 1946, UGM, Per la repubblica democratica italiana, dove si afferma: «B (...)

12La questione delle autonomie locali, prima, durante e dopo l’elaborazione del testo costituzionale, è ampia e articolata. Il dibattito, che in sede di Commissione dei Settantacinque e ancor più in seduta plenaria si concentra sull’istituto della regione, è in realtà caratterizzato da una pluralità di posizioni intorno alle diverse possibilità di articolazione del sistema dei livelli di governo locale e di interazione fra di essi34. Tale pluralità di posizioni riguarda anche le componenti che confluiscono nell’area del socialismo democratico, ed in particolare la componente di derivazione riformista35. Agiscono al suo interno, infatti, istanze differenti che sfociano in oscillazioni anche notevoli ed in una certa vacuità e genericità delle proposte. Da un lato, si fa sentire la tradizionale difesa delle autonomie locali che era stata caratteristica del riformismo prefascista36, la quale tuttavia aveva concentrato la sua attenzione soprattutto sul livello delle amministrazioni comunali e si trova per certi aspetti impreparata di fronte alla dimensione regionale37. Dall’altro lato, emergono numerose remore all’adozione di un sistema avanzato di autonomie: in parte si tratta della diffusa idea che solo uno stato forte sia lo strumento adatto per quelle politiche di radicale trasformazione economica e sociale che si caldeggiano38; per altra parte, quella debolezza di teoria istituzionale che si è già evidenziata rischia di schiacciare il dibattito sull’alternativa federalismo–centralismo, e quindi di svalutare ogni istanza di autonomia locale agli occhi di coloro che sono ostili ad una costituzione federalista39.

  • 40 CS, 30 settembre 1945, A. Levi, Per una repubblica democratica. Levi ritorna più volte sulla questi (...)
  • 41 CS, 1–16 gennaio 1946, G. B. Maglione, Per una repubblica… cit.
  • 42 CS, 31 ottobre 1945, L. Preti, Regione e Provincia.
  • 43 CS, 1 giugno 1947, L. Preti, Contro il regionalismo. Posizioni simili sono espresse in CS, 1 giugno (...)

13Così, contro le posizioni radicalmente federaliste di Alessandro Levi, che vorrebbe lasciare allo stato centrale solo «le funzioni indispensabili per la vita dell’intero paese – politica estera, difesa nazionale, giustizia, finanza, e poche altre»40, si levano numerosi voci sulla stessa «Critica Sociale». Giovan Battista Maglione si dichiara «recisamente per lo Stato unitario», ritenendo «il federalismo pericoloso in un paese dove è così debole lo spirito unitario»41, ma è soprattutto Luigi Preti a scagliarsi contro simili ipotesi. Egli ritiene che un federalismo su base regionale costituisca «un salto a piedi pari nel passato, con un relativo rinnegamento di quasi un secolo di storia patria», mentre si dichiara a favore del mantenimento e potenziamento della provincia, «cellula base dello Stato», perché rispetta le antiche tradizioni locali italiane e soprattutto perché «non è sostenibile che essa debba costituirsi a cantone federato»42. Ritorna qui la preoccupazione comune a tutti i socialisti di non creare pastoie a futuri interventi di riforma radicale deliberati dal centro; lo stesso Preti la esplicita quando afferma: «è chiaro […] che uno Stato il quale arriva a controllare le grandi industrie, ha la necessità di accentrare maggiormente i suoi poteri rispetto a uno Stato che non svolge nessuna azione economica»43

  • 44 AAC, Vol. V, seduta del 27 maggio 1947.
  • 45 Egli presenta, ad esempio, un emendamento che mira a eliminare dal testo l’esplicita attribuzione a (...)
  • 46 Sul quale cfr. Dizionario Biografico degli Italiani, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, Roma, ad (...)
  • 47 Ivi, seduta pomeridiana del 30 maggio 1947.
  • 48 Ivi, seduta del 4 giugno 1947
  • 49 Sul quale cfr. Dizionario Biografico degli Italiani, cit., ad nomen
  • 50 Ivi, seduta pomeridiana del 30 maggio 1947.
  • 51 Ivi, seduta del 27 giugno 1947.

14Fra la posizione di Preti e quella di Levi si pone tutto un ventaglio di proposte intermedie, che cercano in vario modo di integrare regione, provincia e comune all’interno dello stato nazionale, un ventaglio che emerge chiaramente nel corso del dibattito alla Costituente sul Titolo V: lo stesso Preti, che in sede di discussione generale ribadisce la sua opposizione alla regione e la sua difesa della provincia e del suo ruolo44, al momento di discutere i singoli articoli ripiega sull’introduzione di correttivi e limitazioni al potere delle regioni45; correttivi e limitazioni sono sostenuti anche da Angelo Carboni46, che si dichiara «favorevole alla creazione dell’ente regione» ma a patto che esso abbia «poteri più limitati di quelli presenti nel progetto di Costituzione»47; Calogero Di Gloria difende la provincia e chiede anzi di potenziarne il ruolo, mentre avversa la regione, ventilando la possibilità del «sorgere graduale di piccole dittature regionali più o meno larvate» e di un «urto indomabile di egoismi particolaristici»48; Giuseppe Canepa49 fa «ricorso contro la sentenza di condanna a morte della provincia» che per la dimensione ridotta e l’omogeneità territoriale ritiene molto più in grado di curare e gestire gli interessi e le necessità delle comunità locali, e dichiara quindi: «E’a questa condizione, a condizione cioè che si mantenga in vita un istituto vitale, che noi daremo voto favorevole alla regione»50; Francesco Zanardi, infine, difende come ossatura del decentramento l’autonomia comunale, che ritiene sia stata oggetto di poca attenzione a favore di regione e provincia51.

15Si tratta di una gamma di posizioni variegate, tutte comunque incentrate sulla limitazione delle prerogative regionali; al contempo, il tema della difesa della provincia sembra il più ricorrente, anche se non universalmente condiviso. Come si è già detto, ciò va ricondotto probabilmente al fatto che l’organizzazione in province non mette in discussione l’assetto unitario dello Stato e non sembra pregiudicare la possibilità di politiche incisive di riforma a livello nazionale. Accanto a tali motivazioni, sembra però esservi anche un certo attaccamento ai modelli prefascisti di articolazione istituzionale e alle modalità di azione politica locale che su tali modelli si erano strutturate. Vero è che tali modalità erano incentrate soprattutto sul livello comunale; tuttavia, dando per scontata la necessità di un organismo intermedio fra comuni e Stato, probabilmente la provincia appare meno pericolosa di quanto possa sembrare la regione. In ogni caso, un simile attaccamento agli istituti dello Stato liberale suona come conferma delle incertezze e delle debolezze teoriche intorno ai modelli istituzionali che si sono già messe in rilievo.

  • 52 Cfr. G. De Luna, Storia… cit. In riferimento alla questione delle autonomie, i «Sette Punti», pubbl (...)
  • 53 Sulle posizioni del PdA sul tema delle autonomie e del decentramento, cfr. M. Fanteschi, Fra Terza (...)
  • 54 Cfr. su questo G. De Luna, Storia… cit.
  • 55 Cfr. su questo L. Polese Remaggi, «Il Ponte»… cit.
  • 56 M. Fanteschi, Fra Terza via… cit., p. 138.

16Il tema del decentramento amministrativo e delle autonomie locali è forse il punto di maggiore differenziazione e lontananza di sentire fra i socialisti del PSLI e gli azionisti. Questi, infatti, avevano posto la questione dell’autogoverno locale fin dall’epoca della Resistenza, prima focalizzandolo sulla dimensione provinciale nei “Sette Punti” approvati ai convegni di Milano e Roma nel giugno 194252, poi correggendo il tiro e concentrandosi sul binomio regione–comune durante della guerra di Liberazione53; nel corso di quest’ultima, del resto, la tematica autonomistica si era intrecciata strettamente con quella ciellenistica, in un’ottica per cui i Comitati di Liberazione locali e regionali dovevano essere il modello di “democrazia diretta” cui rifarsi per la creazione dell’ordinamento decentrato dello Stato. Nonostante il rapido dileguarsi delle speranze legate ai CLN fin da prima del 25 aprile54, il tema del decentramento e delle autonomie locali rimane per tutta la fase costituente una bandiera del PdA, che ne fa uno dei punti chiave del suo progetto di riforma dello Stato55. A differenza che per i socialisti del PSLI, per gli uomini del PdA le autonomie regionali rientrano infatti in un complessivo progetto di Stato, che si incentra su una profonda ristrutturazione dell’intelaiatura istituzionale e su una eliminazione degli istituti più caratterizzanti del vecchio stato accentratore, primo fra tutti quello prefettizio. Nel programma di riforma costituzionale che, «unico fra tutti i partiti»56, il PdA presenta in vista della Costituente, si delinea così un nuovo stato incentrato sul binomio autonomie locali – repubblica presidenziale; quest’ultima, sostenuta con alcuni correttivi dallo stesso Calamandrei in sede costituente, mira da un lato a bilanciare delle autonomie locali che non vengono concepite come semplice forma di decentramento amministrativo, bensì come effettivo decentramento dei poteri e della rappresentanza, dall’altro a ovviare a quella fragilità e debolezza dei governi che erano state (nell’interpretazione azionista) fra le cause principali dell’avvento del fascismo; entrambe (autonomie e repubblica presidenziale) mirano poi a scardinare le fondamenta del vecchio impianto statale, centralista, burocratico e clientelare, di epoca liberale.

17Si trova qui, in fondo, un segno delle differenze culturali e dottrinarie che intercorrono fra gli azionisti e gli eredi del riformismo. I primi inseriscono le autonomie locali nel contesto di un più ampio e organico progetto di riforma dello stato, che individua nella dimensione istituzionale il nodo centrale da sciogliere e che muove dal rifiuto degli istituti e dei modelli ideali del vecchio stato liberale. I secondi, al contrario, non elaborano una visione strutturata e organica del tema: le autonomie e il decentramento sono accettati per quel tanto che erano entrati a far parte della tradizione riformista prefascista e per le comuni critiche rivolte al centralismo autoritario dello stato fascista; non diventano però parte organica di un progetto di ristrutturazione istituzionale, confermando ulteriormente quanto detto sopra circa la debolezza su questo terreno del neo–riformismo e del socialismo democratico di ispirazione marxista in generale.

  • 57 Sulla questione dell’articolo 7 cfr. A. Parisella, La discussione dell’articolo 7 della Costituzion (...)
  • 58 AAC, Vol. III, seduta del 25 marzo 1947.
  • 59 “Il Ponte”, a. III, no 5, maggio 1947, P. Calamandrei, Storia quasi segreta di una discussione e di (...)
  • 60 “Il Ponte” dedicò un intero numero, il mese successivo all’approvazione dei Patti, al rapporto fra (...)
  • 61 CS, 1 aprile 1947, G. Pischel, Quest’articolo 7.
  • 62 CS, 1 gennaio 1947, U. G. M. Chiesa e Stato.
  • 63 AAC, Vol. III, seduta del 25 marzo 1947.
  • 64 Ivi, seduta del 14 marzo 1947.
  • 65 Ivi, seduta del 25 marzo 1947.
  • 66 “L’Umanità”, 26 marzo 1947, L’articolo musulmano approvato per il connubio tra democristiani e comu (...)
  • 67 Cfr. “L’Umanità”, 28 marzo 1947, U. Calosso, Segreto dei gesuiti e dei comunisti.

18L’altro tema istituzionale che nel periodo della Costituente è fortemente sentito dai neo–riformisti di «Critica Sociale», e sul quale vi è una sostanziale consonanza con le posizioni del Partito d’Azione, è quello della laicità dello Stato, che emerge prepotentemente nel dibattito sull’articolo 5 del progetto di Costituzione, poi inserito nel testo finale come articolo 757. Sono famosi il discorso tenuto su tale articolo da Calamandrei alla Costituente58 e la ricostruzione che il direttore de «Il Ponte» fece sulle colonne della sua rivista della «storia quasi segreta di una discussione e di un voto»59; in entrambi gli interventi, Calamandrei mette in rilievo l’assurdo giuridico per cui si inserisce nella Carta fondamentale dello Stato il mutuo riconoscimento di sovranità fra questo e la Chiesa e polemizza contro la ricezione nella Costituzione dei Patti Lateranensi, contro l’implicito riconoscimento del cattolicesimo come religione di stato e contro l’impossibilità, sancita costituzionalmente, di una revisione unilaterale dei Patti stessi60. Posizioni molto simili sono espresse anche da vari esponenti del PSLI: Giuliano Pischel esprime il timore che si imprima «nella stessa carta costituzionale […] una male larvata impronta confessionale»61; Mondolfo critica la «enormità della pretesa contenuta nella tesi democratica cristiana, la quale impone allo Stato italiano di rinunziare a introdurre nei patti stipulati quelle modificazioni che condizioni ed esigenze nuove potrebbero rendere necessarie»62; Edgardo Lami Starnuti afferma che «l’articolo del progetto limita veramente la libertà e la sovranità dello Stato italiano perché, senza accordi bilaterali, nessuna modificazione al Concordato sarebbe possibile»63; Paolo Rossi, infine, parla di «regresso dallo Stato liberale al vecchio Stato teocratico» e di «uno Stato sicuramente confessionale, uno Stato sotto il segno della Croce»64. Il 25 marzo 1947, i due gruppi parlamentari del PdA e del PSLI votano assieme ai socialisti, ai repubblicani e a parte dei liberali65 contro l’articolo 7, che passa a grande maggioranza grazie all’inatteso apporto dei comunisti. Quest’ultimo, naturalmente, offre notevoli spunti polemici ai socialisti democratici, che vedono nel «connubio» e del «compromesso» politico66 fra DC e PCI una dimostrazione della natura sostanzialmente antidemocratica e tendenzialmente totalitaria di entrambe le “chiese”67.

  • 68 Sul dibattito sul tema in Costituente, cfr. L. Ambrosoli, La scuola alla Costituente, Paideia, Bres (...)
  • 69 Cfr. C. Corghi, Guido Gonella, in Il Parlamento italiano, vol. XIV, cit. Nello stesso volume, su Go (...)
  • 70 CS, 1–16 agosto 1946, Magister, La libertà della scuola.
  • 71 Firmatario del Manifesto per il Movimento per la democrazia repubblicana, insieme, tra l’altro, a G (...)
  • 72 CS, 15 novembre 1946, A. Basso, Scuola e Costituzione.
  • 73 Cfr. per esempio CS, 1 gennaio 1947, U. G. M. Chiesa e Stato; 16 marzo 1947, Giordan, Problemi dell (...)
  • 74 AAC, Vol. IV, seduta antimeridiana del 17 aprile 1947.
  • 75 Ivi, seduta pomeridiana del 17 aprile 1947.
  • 76 Ivi, seduta antimeridiano del 21 aprile 1947.
  • 77 Oltre agli interventi già citati, cfr. sempre in AAC, Vol. III, gli interventi di Carlo Ruggiero, U (...)
  • 78 Cfr. su questo L. Polese Remaggi, «Il Ponte»… cit.
  • 79 In particolare, l’art. 36, che afferma: «L’Italia considera fondamento e coronamento dell’istruzion (...)
  • 80 «Il Ponte», a. III, no 4, aprile 1947, E. Codignola, Costituzione e scuola.
  • 81 AAC, Vol. IV, seduta pomeridiana del 21 aprile 1947
  • 82 Si tratta soprattutto di emendamenti sulla questione della parificazione e del disciplinamento degl (...)

19La lotta contro l’inserimento all’interno della Costituzione italiana dei Patti Lateranensi è sicuramente l’aspetto più evidente della polemica sulla laicità dello stato condotta da parte dei socialisti democratici durante la fase costituente; non è tuttavia l’unico. A fianco ad esso, sta il problema – strettamente connesso – della scuola68. Si tratta di una tematica sulla quale i neo–riformisti si mostrano particolarmente sensibili, forse più che sull’articolo 7: la difesa della scuola pubblica e dell’insegnamento laico costituisce infatti uno dei nuclei più profondi e più importanti dell’eredità del riformismo prefascista. «Critica Sociale» inaugura la polemica già nell’agosto 1946, subito dopo la nomina di Guido Gonella al Ministero della Pubblica Istruzione (dove resterà sino al 1951)69, mettendo sotto accusa il Concordato e le leggi fasciste che avevano istituzionalizzato la posizione privilegiata dell’insegnamento della religione cattolica e soprattutto accusando apertamente i democristiani di volere «che lo Stato abdichi alla scuola»70. Nel mirino è proprio il neo–ministro, che viene definito «uno dei più accaniti fautori della scuola privata [corsivo nel testo]» e del quale si riportano le dichiarazioni fatte al I Congresso nazionale della DC sulla «funzione ausiliaria» dello Stato nel campo dell’istruzione. Obbiettivo di Gonella e del suo partito sarebbe, nell’interpretazione dell’autore, «levare di mezzo» la scuola pubblica, il che «sarebbe una cuccagna per tante benemerite confraternite care alla democrazia cristiana, alle quali passerebbe quel monopolio scolastico che ora è dello Stato». Come si vede, i toni sono molto accesi, ancor più di quelli utilizzati per l’articolo 7 (che pure, bisogna precisare, è strettamente collegato, in quanto alcune delle disposizioni concordatarie riguardano proprio l’insegnamento della religione cattolica) e non è un caso isolato. Pochi mesi dopo, l’ex–azionista Antonio Basso71 si scaglia contro le «fabbriche di diplomi» parificate durante il fascismo, contro il mantenimento dell’esame di Stato istituito con la riforma Gentile e contro la sussunzione, sotto il concetto di “scuola non statale”, sia delle scuole degli altri enti pubblici sia delle scuole private; egli conclude quindi mettendo in guardia i costituenti dall’approvare a cuor leggero «formule che avrebbero il risultato di distruggere la scuola di Stato»72. La polemica sulle colonne della rivista continua per tutta la fase della Costituente73 e si accompagna ad una parallela polemica svolta dai rappresentanti del PSLI nell’Assemblea. Più volte infatti i deputati socialisti democratici intervengono contro vari aspetti delle proposte democristiane sulla regolamentazione costituzionale dell’insegnamento: Preti rievoca la già citata concezione della funzione ausiliaria dello Stato nell’istruzione affermata da Gonella al congresso democristiano74; Binni accusa la scuola privata cattolica (che definisce “scuola di parte”) di dare «in questo momento un assalto sfrenato alla scuola dello Stato»75; Mario Longhena attacca «l’esame di Stato, così come è stato attuato» (e che si vuole recepire nella formulazione dell’articolo) in quanto «ha creato le scuole private»76; in generale, gli interventi dei deputati del PSLI sono numerosi, tutti polemici e incentrati sulla difesa della scuola pubblica dalle minacce che ritengono le siano portate dalla Chiesa77. Non sono del resto isolati in questo, dato che tutte le sinistre si trovano su posizioni sostanzialmente simili. In particolare, al loro fianco si trovano costantemente gli uomini del Partito d’Azione, in particolare Calamandrei e Codignola, che alla scuola non mancano di guardare come momento di formazione delle nuove élites destinate a guidare la nascente democrazia repubblicana78. Per Codignola si tratta quasi di una questione di famiglia: sul «Ponte», il padre Ernesto attacca duramente la Chiesa per la «coerenza teocratica» con cui persegue i suoi obbiettivi nel campo dell’istruzione. Egli espone le concezioni sostenute da studiosi cattolici (Giuseppe Monti, Padre Bruccoleri) e dallo stesso Pio XI circa il «primo e perfetto mandato educativo» spettante alla Chiesa e il «compito sussidiario, complementare» delegato allo Stato (posizioni, come si è visto, riprese dal ministro Gonella), le mette in relazione con alcuni articoli del Concordato79 che sembrano accoglierle e afferma che tali articoli «non sono conciliabili con altri articoli del progetto di Costituzione»80. Sono gli stessi temi svolti da molti dei costituenti del PSLI e che Tristano Codignola riprende intervenendo in Assemblea: come il padre, Codignola attacca la pretesa della Chiesa di essere la suprema istanza educativa, citando anch’egli Pio XI; come il padre, si sofferma sul Concordato e sulle contraddizioni di alcuni suoi articoli con il principio della libertà di insegnamento; come il padre, infine, critica la parificazione fascista fra scuole pubbliche e private81. Vi è insomma notevole consonanza su questo tema fra costituenti del PSLI e del PdA, così come vi è sulla questione della laicità in generale fra «Il Ponte» e «Critica Sociale»; essa viene dimostrata anche dal fatto che alcuni emendamenti ai vari commi degli articoli 27 e 28 (articoli 33 e 34 del progetto definitivo) recano le firme di rappresentanti di entrambi i partiti82.

20Tale consonanza prosegue durante la prima legislatura repubblicana, quando si tratta di lottare contro l’interpretazione conservatrice che la DC fa della Costituzione e contro la mancata attuazione di quest’ultima, e segna uno degli elementi di maggiore vicinanza e collaborazione fra neo–riformisti ed ex–azionisti (nonché, come si vedrà, di allontanamento di questi dalle destre del PSLI). Vi è però un altro grande tema che segna una continuità fra periodo costituente e periodo successivo, e che al contempo unisce tutte le frange del socialismo democratico, sul quale è necessario soffermarsi prima di proseguire: si tratta del federalismo europeo.

4.2 Una nuova politica internazionale: europeismo e federalismo

4.2.1 Europeismo, federalismo e socialismo fino al Patto Atlantico

  • 83 Cfr. su questo L. Levi, S. Pistone (a cura di), Trent’anni di vita del Movimento Federalista Europe (...)
  • 84 Per questa scansione cronologica, cfr. L. Levi, S. Pistone (a cura di), Trent’anni… cit.; S. Piston (...)

21Unità europea, federalismo, superamento degli stati nazionali sono, almeno in un primo momento, fra le parole d’ordine più condivise e diffuse del socialismo democratico, sulle quali convergono tutte le correnti dell’area. Il momento storico spinge del resto in questa direzione, sia per la nascita e lo sviluppo di movimenti federalisti in tutta Europa, sia perché a chiunque non voglia adeguarsi al dualismo USA–URSS la federazione europea appare il soggetto naturalmente deputato a rappresentare una “terza forza” fra i due contendenti. Il tema è quindi particolarmente sentito sia dai neo–riformisti di «Critica Sociale», sia dallo stesso Saragat, sia dai gruppi minori («Europa Socialista» e «Iniziativa Socialista») che anzi ne fanno la propria bandiera, sia infine dagli ex–azionisti, che aderiscono in massa al Movimento Federalista Europeo, il quale del resto era stato fondato proprio nella residenza milanese di uno di loro – Mario Alberto Rollier – nell’agosto del 194383. Tale consonanza non è però assoluta, né mancano differenziazioni e mutamenti di posizione nel corso degli anni. In effetti, se da un lato l’idea genericamente internazionalista è un patrimonio comune al socialismo democratico e costituisce, in questo senso, uno degli assi portanti della sua identità culturale, dall’altro le posizioni concrete in materia di federalismo e di unità europea risentono fortemente delle evoluzioni politiche contingenti. Si è visto l’utilizzo strumentale che dei temi federalisti e europeisti fa Giuseppe Saragat in occasione della polemica sull’adesione al Patto Atlantico; si vedrà in seguito lo scontro interno al PSU sulla politica estera all’epoca della guerra di Corea. Tale intreccio fra istanze federaliste e polemica politica emerge soprattutto nei momenti “caldi” dello scontro internazionale fra i blocchi, quando i riflessi della politica internazionale si riverberano direttamente sulla situazione interna italiana. In effetti, i mutamenti del dibattito sul federalismo sono scanditi più che dalle vicende di politica interna dall’evolversi della situazione internazionale e, in particolare, della politica estera americana: a segnare i tempi sono quindi il Piano Marshall, la creazione della NATO e i vari momenti dell’integrazione europea occidentale (l’istituzione della Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio e il tentativo di integrarla con la Comunità Europea di Difesa)84.

  • 85 Sull’impegno europeista di Zagari, cfr. G. Muzzi (a cura di) Mario Zagari e l’Europa. Scritti e dis (...)
  • 86 Cfr. su questo ISTORETO, FAG, B. 11, fasc. 262, Garosci a Calamandrei, 9 luglio, s. a. ma 1953, in (...)
  • 87 Su Ernesto Rossi, cfr. A. Braga, Un federalista… cit.; G. Fiori, Una storia italiana… cit.; P. Igna (...)
  • 88 Su Altiero Spinelli, cfr. P. Graglia, Altiero Spinelli, cit.

22Su questi tempi si modula in parte anche il dibattito interno all’area socialista democratica sul federalismo e sull’integrazione europea, del quale è però necessario sottolineare preliminarmente anche un altro aspetto, ovvero la grande fluidità delle posizioni e la frequente mancata corrispondenza fra queste e le correnti ideologiche e dottrinarie già individuate. Il federalismo è per certi versi un tema trasversale alle culture politiche e alle scelte strategiche, che ha radici e sviluppi propri e che solo parzialmente si connette con le altre principali questioni teoriche all’ordine del giorno. Così, accade di trovare tra le file della destra del PSLI, solitamente scettiche e disinteressate alla questione, un fervente federalista quale Mario Alberto Rollier; di vedere avversari interni del PSLI quali Zagari85 e Paolo Treves – per non parlare di Carlo Andreoni–convivere nel MFE; di rilevare divergenze e incomprensioni fra uomini su altre questioni molto vicini quali Garosci e Calamandrei86. In realtà, la fondamentale linea di demarcazione relativa alle tematiche federaliste è rappresentata dalla politica dei blocchi, dall’accettazione o dal rifiuto di essa; una demarcazione concettuale che corrisponde allo spartiacque cronologico rappresentato dal varo del Piano Marshall e, soprattutto, dall’adesione alla NATO. A fianco di tale linea di demarcazione eminentemente strategica se ne trova un’altra, dal carattere principalmente dottrinario, che differenzia l’internazionalismo socialista di derivazione marxista dal federalismo in senso stretto, che si rifà al Manifesto di Ventotene e ha i suoi più importanti rappresentanti in Ernesto Rossi87 e Altiero Spinelli88. Dall’intrecciarsi di queste due linee, la prima emergente a partire grosso modo dal 1948, la seconda attenuantesi a decorrere dallo stesso momento, si definisce e delinea la posizione dei socialisti democratici di fronte al federalismo europeo.

  • 89 Il gruppo raccolto intorno a quest’ultima è anche promotore di una rivista parallela, denominata «I (...)
  • 90 «Iniziativa Socialista», 31 gennaio 1946, Per una nuova politica.

23Le prime a porre al centro dell’attenzione la questione sono le correnti socialiste “eretiche” riunite attorno alle riviste «Europa Socialista» e «Iniziativa Socialista»89. Per entrambe il tema del superamento degli stati nazionali e della tradizionale concezione della politica estera deve costituire il cuore della proposta politica socialista per il dopoguerra. «Iniziativa Socialista» perviene a tale convinzione muovendo da basi dottrinarie molto rigide, che si rifanno ad un internazionalismo marxista rigoroso e intransigente, dal quale deriva una critica feroce sia al comunismo filosovietico, accusato di aver subordinato gli interessi del proletariato agli interessi di uno stato, sia al riformismo tradizionale, che ha capitolato di fronte al nazionalismo. Il punto di partenza è la critica della forma stessa dello stato–nazione, che si ritiene strutturalmente antitetico ad una società socialista: «La società socialista […] non può consolidarsi né svilupparsi in un mondo in cui gli uomini siano suddivisi ed organizzati in una molteplicità di stati. Ogni Stato, qualunque ne sia il colorito ideologico, in ragione del contrasto che esiste permanentemente fra gli interessi particolari dei singoli Stati, è fatalmente spinto a contrapporre se stesso agli altri [e] si presenta in ogni caso come tendenzialmente imperialista [corsivo nel testo]»90.

  • 91 Cfr. «Iniziativa Socialista per l’unità europea», 16 novembre 1946, Lucio Libertini, Le nuove vie d (...)
  • 92 Ibidem.

24L’obbiettivo è un «nuovo internazionalismo», che rifiuti di riconoscere lo stato–nazione come lo spazio naturale dell’agire politico, che sia cosciente dell’impossibilità di una vera politica socialista nel contesto delle tradizionali relazioni diplomatiche fra gli stati, che rifiuti la politica dei blocchi e che ambisca ad edificare l’unità europea dal basso, dall’effettiva unità delle classi lavoratrici del continente91. Si tratta di una posizione che, se da un lato presenta una concezione estremamente avanzata del federalismo europeo, dall’altro lato proprio per tale radicalità pare mettere in non cale il confronto con la realtà effettuale del vecchio continente e con le concrete possibilità d’azione che essa presenta. Del resto – e qui sembra emergere la reale differenza, antropologica prima ancora che programmatica, fra questi giovani rivoluzionari e i comunisti – nel già citato articolo Lucio Libertini afferma con intransigenza: «Di fronte a questi grandi problemi le decisioni si prendono secondo certe valutazioni morali, e non sulla base di un astratto calcolo delle probabilità»92.

25Una simile noncuranza per i rapporti di forza e per le determinanti concrete contrasta con un’altra posizione che ricorre nel gruppo e che discende direttamente dall’impostazione rigidamente marxista di questo: l’idea che, stante il livello di integrazione dei sistemi economici e sociali del continente, il federalismo costituisca una necessità storica inevitabile. «Noi invece siamo federalisti per necessità storica, per necessità che ci viene dall’esterno. Noi non siamo che gli interpreti della storia che ci indica l’Unità dell’Europa come un frutto ormai maturo», afferma un articolo dedicato alle diverse tendenze presenti nel MFE. Entrambe le posizioni, quella “volontaristica” e quella “deterministica”, nascondono comunque una certa debolezza di analisi della situazione postbellica. L’Europa immaginata da questi uomini è infatti un’Europa che giunge fino ai confini dell’URSS, che si pone come una terza forza fra i due imperialismi e che incarna il vero e autentico socialismo. Come si vedrà, è un’impostazione, almeno per questi aspetti, molto simile a quella di «Critica Sociale»; e, come quella dei neo–riformisti, tale impostazione finirà per scontrarsi brutalmente con la politica dei blocchi e delle sfere di influenza, con il brutale calare della cortina di ferro e con la conseguente necessità di reimpostare il discorso federalista all’interno della contrapposizione Oriente–Occidente.

  • 93 Su «Europa Socialista», e in generale sulle posizioni in materia di federalismo europeo, cfr. D. Na (...)
  • 94 ES, 16 aprile 1946, T. Vecchietti, La politica estera del socialismo.
  • 95 ES, 23 febbraio 1947, Il compito della nostra generazione.
  • 96 Cfr. ES, 16 marzo 1946, R. Amaduzzi, Disgregazione e declino dell’economia europea, II: «Oggi la ri (...)
  • 97 Ad esempio quello energetico; cfr. ES, 23 febbraio 1947, M. Ungaro, Industria–nuovi orientamenti ne (...)
  • 98 ES, 27 aprile 1947, G. Russo, Il socialismo si fa lavorando.

26Alle medesime contraddizioni va incontro la rivista «Europa Socialista», che si muove nello stesso torno di tempo, a cavallo della scissione di palazzo Barberini, e che ha posto nell’obbiettivo di una federazione europea socialista la sua stessa ragion d’essere93. Forse meno ideologica e astratta di «Iniziativa Socialista», sicuramente più concentrata sull’a-spetto istituzionale dell’azione dei partiti socialisti europei, la rivista fondata da Silone esprime anch’essa la convinzione che sia «impossibile che accanto ad una politica interna socialista possa coesistere una politica estera che amministri gli interessi internazionali di un paese con i medesimi metodi e criteri di un governo borghese»94, una contraddizione che può essere superata solamente nell’ambito di una federazione europea. Di conseguenza, «la lotta per l’unità europea si identifica […] con la lotta per la società socialista»95. Soprattutto, ed è l’elemento sul quale si insiste di più, l’unificazione europea è una pressante necessità economica per evitare un ulteriore sprofondamento del continente nella crisi96, ragion per cui è necessario potenziare l’integrazione con gli altri stati in alcuni settori strategici97 e, più in generale, «costruire un’area economica europea, sovrapponendosi alla stessa sovranità degli stati»98.

  • 99 Cfr. ad esempio ES, 29 giugno 1947, F. Caffè, Trovato il piano, ritrovare l’Europa: «non si vede co (...)
  • 100 Sul MSEUE, cfr. W. Loth, Il movimento socialista per gli Stati Uniti d’Europa, in S. Pistone, I mov (...)
  • 101 ES, 29 giugno 1947, Gli Stati Uniti Socialisti d’Europa.

27Un simile approccio, che annette grande importanza all’integrazione economica delle diverse realtà del continente – e che sembra avere qualcosa in comune, in questo, con l’approccio funzionalista – presenta notevoli elementi di acutezza e senso della realtà; inoltre, appare sostenuto da un’ampia e dettagliata conoscenza delle condizioni economiche e politiche degli altri paesi europei. Esso però si intreccia con altri aspetti più scopertamente ideologici, quali la convinzione che tale integrazione coincida con l’edificazione di una società socialista99; soprattutto, sul discorso nel suo complesso viene a sovrapporsi quello che è il vero e urgente problema del socialismo democratico, europeo in generale e italiano in particolare: il rapporto con il comunismo. L’unità europea è in questo senso anche – e forse principalmente – orientata a costruire uno spazio internazionale autonomo dai due blocchi, nel quale possa trovare campo la realizzazione quel modello socialista che sia ad Est sia ad Ovest sembra essere impossibile; la terza forza internazionale viene qui a coincidere con la terza via fra capitalismo e bolscevismo, che si incarna a livello di formazioni politiche nei partiti socialisti. Come afferma uno dei documenti fondativi del Movimento Socialista per gli Stati Uniti d’Europa (riunitosi a Montrouge, nei pressi di Parigi, il 21 e 22 giugno 1947)100, «soltanto l’Europa, a condizione che sia federata su base socialista, può svolgere questo ruolo mediatore di fronte alla polarizzazione agli estremi e cercare di condurre i due avversari verso una nuova forma di civiltà umana»101. Il fatto che una simile istanza venga espressa dal congresso del MSEUE indica che non si tratta solamente di un motivo caro a «Europa Socialista»: per i socialisti democratici, europeismo e federalismo sono, in questa fase, strettamente connessi con la loro ricerca di uno spazio politico autonomo, alternativo al comunismo ma non subalterno al liberismo–liberalismo americano (e, in politica interna, alla Democrazia Cristiana).

  • 102 CS, 1 gennaio 1946, I problemi della pace e il convegno delle Nazioni Unite.
  • 103 CS, 1 aprile 1947, U. G. M. Dopo il discorso di Truman.
  • 104 CS, 1 luglio 1947, Observer [Mondolfo], Il piano Marshall.
  • 105 CS, 1 dicembre 1948, U. G. Mondolfo, Il movimento federalista in Europa e nel mondo, articolo nel q (...)

28Si tratta di un’istanza condivisa anche da «Critica Sociale», così come le altre espresse da «Europa Socialista» e da «Iniziativa Socialista». La rivista vi perviene tuttavia con una certa lentezza e con molte incertezze, partendo da posizioni piuttosto generiche e oscillanti. La tematica federalista sembra in origine declinata in un senso che travalica decisamente la dimensione europea e che appare sostanzialmente una ripresa dei postulati internazionalisti della tradizione socialista: «E’insomma necessario che dalla inorganica e indeterminata forma delle Nazioni Unite si muova verso l’organica e ben definita costituzione di una Federazione»102. Nell’aprile 1947 Mondolfo auspica per la prima volta la costituzione di una «Federazione degli Stati Uniti d’Europa»103, sulla quale però non fornisce alcuna ulteriore specificazione. E’solo con il Piano Marshall che si diffonde nella rivista la tematica federalista europea. Sempre Mondolfo auspica che tale piano favorisca la costruzione di un organismo federativo europeo che costituisca un «terzo blocco di forze pacifiche ed interessate a mantenere la pace, non animate da sogni imperialistici, che può impedire, nell’interesse suo e della civiltà, il cozzo degli altri due blocchi»104. Nonostante alcune incertezze residue (Mondolfo parla ancora del federalismo come di un «vincolo di solidarietà che un po’alla volta abbracci tutti i popoli del mondo»), a partire da questo momento il discorso europeo entra nell’orizzonte programmatico della rivista, che vi dedica sempre più spazio, tanto da permettere al direttore di affermare, alla fine del 1948, di aver «seguito con fervore il movimento federalista» e di aver «ripetutamente affermato che solo la costituzione di un vincolo federativo tra gli Stati democratici di Europa può salvare per lungo tempo la pace»105.

  • 106 Cfr. ad esempio CS, 1 ottobre 1947, “Fatti e commenti della stampa italiana ed estera”: Il piano Ma (...)
  • 107 CS, 1 luglio 1948, P. Gallardo, Francia, Germania e Federazione Europea.
  • 108 CS, 16 aprile 1948, C. Pagliero, Le unioni doganali.
  • 109 CS, 1–16 agosto 1947, U. Alfassio Grimaldi, Antiretorica europea.

29A partire dalla primavera del 1947 «Critica Sociale» comincia così a pubblicare numerosi interventi, di tenore molto differente, dedicati alle tematiche europee, che solitamente vengono affrontate in stretta connessione con il Piano Marshall106. Alcuni di tali interventi sono affidati a redattori della rivista o a collaboratori esterni molto vicini ad essa: Piero Gallardo, stretto collaboratore di Mondolfo, che è il redattore per gli esteri e dal 1950 diviene caporedattore107; Carlo Pagliero, assiduo ospite delle colonne del periodico108; Ugoberto Alfassio Grimaldi, futuro direttore della rivista negli anni Settanta109. L’idea di un’Europa socialista appare però piuttosto raramente negli articoli di questi uomini e dello stesso Mondolfo; essi tendono a privilegiare il tema, più eminentemente politico, della Federazione europea come alternativa alla divisione del mondo in blocchi. E’questo un elemento di differenziazione da «Europa Socialista» e «Iniziativa Socialista», che è in parte dovuto alla discrepanza temporale che separa i discorsi europeisti delle tre riviste, due dei quali si sviluppano soprattutto fra la seconda metà del 1946 e la prima metà del 1947, mentre il terzo (quello di «Critica Sociale») si afferma nel periodo successivo, nella mutata atmosfera del Piano Marshall e dell’incipiente Guerra fredda. Vi è però anche un altro elemento che distingue le posizioni delle tre riviste, ovvero l’influenza che la testata fondata da Turati subisce da parte del pensiero federalista propriamente detto.

  • 110 CS, 1 settembre 1947, G. Usellini, L’Europa, questa sconosciuta; 1 ottobre 1947, Id., Politica ed e (...)
  • 111 CS, 1 aprile 1949, M. A. Rollier, La dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e la costituzio (...)
  • 112 CS, 16 ottobre 1948, N. Carandini, Per la federazione europea.
  • 113 CS, 16 febbraio 1952, L. Bolis, Il Vo Congresso dei Federalisti socialisti.
  • 114 CS, 16 ottobre 1948, H. Brugmans, Il Congresso dell’Unione Parlamentare europea.
  • 115 CS, 16 novembre 1950, P. H. Spaak, Fare l’Europa; 1 gennaio 1951, Id. Europa, un’i-dea in cammino; (...)

30Gli interventi più significativi su queste tematiche che compaiono su «Critica Sociale» portano infatti la firma di esponenti, più o meno di rilievo, del Movimento Federalista Europeo: dai membri del PSLI Guglielmo Usellini110 e Mario Alberto Rollier111, dal liberale Nicolò Carandini112 all’ex–azionista e membro dell’UdS Luciano Bolis113, fino ad arrivare a nomi quali Henry Brugmans114 e Paul Henry Spaak115, dei quali ovviamente si pubblicano discorsi o stralci di discorsi. Naturalmente, ciascuno di questi autori esprime le proprie personali posizioni, che non possono essere considerate indicative della linea della rivista; proprio qui sta però il punto: al di là di una generica, per quanto decisa, propensione a sostenere le istanze federaliste e internazionaliste, «Critica Sociale» non possiede una propria linea politica precisa e dettagliata sulla questione, e appare quindi aperta alle diverse tendenze che albergano all’interno del movimento federalista (sempre, naturalmente, limitatamente all’ala “integralista”, che propende per una federazione politica vera e propria e non per una mera area economica comune). L’unico aspetto in cui tale tendenza all’agnosticismo sembra venire meno è quello, come si è detto, relativo alla collocazione internazionale e al ruolo di terza forza che viene assegnato all’Europa. Tale posizione emerge chiaramente in occasione dello scontro sul Patto atlantico. Si è già visto come in occasione della battaglia sull’ingresso dell’Italia nella NATO si faccia ricorso, sia da parte dei sostenitori sia da parte degli oppositori, alle tematiche federaliste come strumenti di propaganda. Non si tratta però solamente di un utilizzo strumentale e “di copertura”: ci si trova invece di fronte allo scontro fra due concezioni dell’europeismo o, più precisamente, alla faticosa sostituzione di una concezione ad un’altra. E’a partire da questo momento che all’interno del socialismo democratico si rimescolano le carte e si ridefiniscono le posizioni sulla tematiche federaliste.

4.2.2 Dalla “Europa terza forza” al “cominciare in Occidente”: fratture e ricomposizioni nelle posizioni internazionali dei socialisti democratici

  • 116 Sui movimenti federalisti nel secondo dopoguerra, cfr. S. Pistone (a cura di), I movimenti… cit.
  • 117 Cfr. S. Pistone, L’Unione Europea dei Federalisti… cit.
  • 118 Cfr. P. Graglia, Altiero Spinelli, cit.

31Fra il 1947 ed il 1948, in corrispondenza con la svolta segnata dal Piano Marshall e dall’inizio della Guerra fredda, i diversi movimenti federalisti europei che si sono formati negli anni precedenti si riposizionano e rivedono la propria strategia politica116; fra questi, vi sono anche l’U-nione dei Federalisti Europei ed il MSEUE. L’UEF a partire dal suo primo congresso ordinario dell’agosto 1947 cambia decisamente la sua linea riguardo alla federazione europea; se fino a quel momento si era attestata su una posizione che interpretava l’Europa come un “terza forza” da frapporre fra USA e URSS (ed in quest’ottica mirava ad una federazione che comprendesse anche i paesi dell’Est e la stessa Unione Sovietica), adesso, preso atto della mutata situazione internazionale, essa sposa la tesi del “cominciare in Occidente”, ossia della limitazione (comunque provvisoria) dello spazio potenziale di unificazione ai paesi uniti all’interno del Piano Marshall117. Nel giro di pochi mesi si allinea su queste posizioni anche il principale referente italiano dell’UEF, il Movimento Federalista Europeo, che a partire dal congresso di Milano del febbraio 1948 è guidato da Altiero Spinelli118.

  • 119 Sulle vicende del MSEUE, cfr. W. Loth, Il movimento… cit.
  • 120 In realtà, il congresso di Montrouge del giugno 1947 era il secondo incontro del movimento; un prim (...)
  • 121 W. Loth, Il movimento... cit., p. 257.

32Anche il Movimento Socialista per gli Stati Uniti d’Europa va incontro, leggermente più tardi rispetto all’UEF, ad una significativa revisione ideologica119. Nato nel giugno del 1947 dall’iniziativa di alcuni raggruppamenti della sinistra socialista europea, fra i quali l’Indipendent Labour Party inglese e la sinistra della SFIO, fra i cui rappresentanti vi sono molti nomi già ritrovati fra i collaboratori di «Iniziativa Socialista» (Pierre Rimbert, Jean Rous, Yves Dechelles)120 e inizialmente ignorato dalle segreterie dei principali partiti socialisti, il MSEUE si era attestato da principio su posizioni terzaforziste tanto sul piano economico–sociale quanto su quello della politica internazionale e, di conseguenza, si rifiutava di collaborare con gli altri movimenti federalisti “borghesi”. Nell’autunno del 1948, però, di fronte all’adesione data dai governi inglese e francese (il primo laburista, il secondo con la partecipazione dei socialisti) ai progetti dei moderati di un’assemblea parlamentare europea il MSEUE deve abbandonare la pregiudiziale contro la collaborazione con i movimenti borghesi, ovvero rinunciare sostanzialmente «alle speranze esagerate in una trasformazione socialista dell’Europa nel prossimo futuro»121. In questo modo, e scontando l’uscita dei laburisti di sinistra e di alcuni membri della sinistra SFIO, il MSEUE si avvia ad una politica per certi versi simile a quella portata avanti dal MFE e dall’UEF, incentrata sull’azione di stimolo e di pressione sui governi e sulle istituzioni nazionali in direzione di una maggiore integrazione e del potenziamento dei nascenti strumenti comunitari. Non è un caso che, proprio in seguito a questa svolta, entri a far parte del movimento il principale propugnatore italiano di tale strategia, Altiero Spinelli.

  • 122 CS, 16 ottobre 1947, U. G. M., Momento grave.
  • 123 CS, 16 novembre 1947, U. G. M., Porro unum…
  • 124 IS, 5 novembre 1947, P. V [ittorelli], Il congresso di Anversa e la ricostituzione dell’In

33Nel socialismo democratico italiano, questa evoluzione a livello europeo del movimento federalista si fa sentire con un certo ritardo, in occasione dello scontro sul Patto Atlantico. Fino a questo momento, tutte le componenti dell’area socialista democratica avevano rifiutato di trarre tutte le conseguenze della divisione del mondo in blocchi e avevano cercato di conservare la linea politica dell’Europa “terza forza” quando ormai i presupposti di questa si stavano sgretolando. Ancora nell’autunno 1947, Mondolfo invocava una «stretta coalizione di tutti coloro che non vogliono asservirsi a nessun imperialismo» e una «Internazionale socialista come strumento della formazione degli Stati Uniti d’Europa»122, una «coerente compagine europea» che, non vincolata a nessun blocco, permettesse di «salvare la pace»123; gli faceva eco, dalle colonne de «L’Italia Socialista», Paolo Vittorelli, che dichiarava come l’unica speranza per il socialismo consistesse «nel presentare all’opinione pubblica, indecisa tra l’alternativa russa e quella americana, un’alternativa socialista europea»124. All’anticomunismo ed alla consapevolezza della natura della politica sovietica in Europa, che fra 1947 e 1948 si erano ormai diffusi fra tutti i socialisti democratici, si accompagnava quindi ancora una pervicace difesa dell’idea di un’Europa unita che si ponesse come mediatrice tra i due blocchi in conflitto, che fosse il punto di partenza per il superamento stesso di tali blocchi.

  • 125 Cfr. G. Averardi, I socialisti democratici… cit., p. 130.
  • 126 ISRT, Fondo PSU, B. 8, fasc. 4, dichiarazione programmatica del PSU.

34E’ questa idea che viene definitivamente messa in crisi con la polemica sul Patto Atlantico. Di fronte all’impossibilità di negare la definitiva integrazione dell’Italia e dell’Europa occidentale in uno dei due blocchi, sotto l’egemonia statunitense, i socialisti democratici si trovano improvvisamente messi a confronto con la debolezza della propria linea e con le contraddizioni insite in essa. La lotta contro il Patto Atlantico, oltre che dipendere dalle ragioni di politica interna che sono state messe in evidenza in precedenza, cela anche il tentativo estremo di difendere la linea dell’Europa “terza forza” a livello internazionale. Del resto, le due motivazioni non sono in opposizione: la stessa linea dell’alternativa fra i due blocchi internazionali – come si è detto – va letta alla luce della ricerca, in politica interna, di uno spazio autonomo fra DC e PCI. La caduta di tale linea scompagina le file del socialismo democratico e fa emergere nuove divisioni su un tema, quello del federalismo–europeismo, che in precedenza era stato uno dei settori in cui più era emersa un’unità d’intenti nell’area socialista democratica. Si formano così due schieramenti, il primo decisamente orientato verso la collaborazione atlantica, il secondo ostinatamente ancorato all’idea di “Europa terza forza”, schieramenti che coincidono sostanzialmente con i due partiti PSLI e PSU. Al quarto congresso del PSLI (Napoli, 4–8 gennaio 1950), immediatamente successivo alla mancata unificazione, la mozione della maggioranza mostra chiaramente il collegamento fra atlantismo e europeismo, ribadendo la propria «adesione al Patto atlantico e alla politica di unione europea»125; il PSU, dal canto suo, riafferma al congresso di Firenze «la sua avversione ai patti militari» e ribadisce che la «funzione particolare del socialismo italiano […] è di promuovere una politica europea francamente federalista in senso socialista, che abbia come fine la sostituzione agli attuali organismo europei di una assemblea sovrana i cui delegati siano eletti a suffragio diretto»126.

  • 127 “L’Umanità”, 3 novembre 1949, G. Saragat, Il problema politico.
  • 128 Cfr. G. Averardi, I socialisti democratici… cit.

35In entrambi gli schieramenti, per ragioni differenti, la prospettiva europea perde mordente e importanza. Nel primo, la stretta connessione delle ipotesi e delle istanze europeiste con la politica atlantica conduce alla progressiva subordinazione delle prime alla seconda e all’emergere di un nuovo atteggiamento di sostanziale disinteresse per i temi federalisti, concepiti in termini eminentemente strumentali: per Saragat, i sostenitori degli Stati Uniti d’Europa diventano dei «sognatori», che «non si rendono conto del male che fanno», che non capiscono come la «ferrea logica delle cose» abbia reso inevitabili tanto il Piano Marshall quanto il Patto Atlantico127. Nel secondo ramo del socialismo democratico, si assiste ad un’evoluzione più complessa. Il PSU compie un percorso di progressiva ridiscussione di una posizione ormai isolata e di accettazione del Patto Atlantico, percorso che si conclude all’epoca dell’unificazione nel PS–SIIS. Tuttavia, la forzata accettazione della «ferra logica delle cose» conduce ad un sostanziale raffreddamento degli entusiasmi europeisti del PSU, evidente nelle dichiarazioni ufficiali del partito: nella mozione unitaria approvata al secondo congresso (27–29 gennaio 1951) non vi è nemmeno un accenno alla unificazione europea128.

  • 129 Cfr. P. Graglia, Altiero Spinelli, cit. In realtà, se Rossi aveva accettato la candidatura di malav (...)
  • 130 Cfr. ISTORETO, FAG, B. 40, fasc. 1024, lettera s. a. (ma attribuibile a Spinelli) a Ernesto Rossi, (...)
  • 131 Cfr. A. Spinelli, Diario Europeo, Il Mulino, Bologna 1989, annotazione in data 20 marzo, cit. in P.(...)
  • 132 Cfr. su questo P. Graglia, Altiero Spinelli, cit.
  • 133 Sull’osmosi fra MFE e MSEUE italiano, è illuminante una lettera che Andreoni scrisse a Rollier nel (...)

36Si verifica quindi, sulla questione del federalismo, una sorta di blanda “scissione trasversale”, per cui i due tronconi del socialismo democratico mettono la sordina al tema, mentre singoli gruppi o esponenti continuano un impegno che, tuttavia, si caratterizza sempre più come esterno e potenzialmente alternativo alla vita di partito. E’innanzitutto il caso di Altiero Spinelli e Ernesto Rossi i quali, sempre rimasti molto defilati nelle vicende politiche dell’area (per quanto entrambi fossero stati candidati nelle liste di Unità Socialista nel 1948129), si dedicano ormai a tempo pieno alla politica federalista del MFE, del quale il primo è segretario. Per loro, l’azione in favore del federalismo europeo ha ormai più importanza di quella in politica interna italiana, e in questo senso essi sostengono non solo il Piano Marshall, ma anche il Patto Atlantico, come strumenti utili a spingere i governi europei verso quell’unificazione politica che, sola, si ritiene possa supportare i nuovi impegni internazionali. La loro linea si caratterizza per la convinzione che la principale discriminante politica sia ormai costituita dalla posizione di fronte alla federazione europea130 e si pone quindi in potenziale (e sovente effettiva) contrapposizione con la linea “terzaforzista” che sta alla base dell’esperienza del PSU. Il caso di Spinelli e Rossi è sicuramente il più plateale, ma non è l’unico. Molti esponenti di tutte le correnti del socialismo democratico si ritrovano nel MFE e nel MSEUE, da dirigenti del PSU quali Calamandrei, Garosci, Vittorelli, Zagari o Silone ad esponenti del PSLI quali Rollier o Andreoni. Schierati su posizioni contrastanti nella politica interna, questi uomini si trovano ad appoggiare compatti nell’ambito del MFE e dell’UEF la linea di Spinelli, orientata all’integrazione politica del continente; il caso più evidente è dato, ancora una volta, dalla questione del Patto Atlantico. Si è visto come Garosci, Calamandrei e Vittorelli siano decisamente ostili all’ingresso dell’Italia nell’alleanza, ostilità che è criticata dallo stesso Spinelli131. Cionostante, l’adesione di questi uomini alla linea federalista che, a partire dal 1947–1948, si impernia sulla parola d’ordine del “cominciare ad Occidente” e che di conseguenza appoggia e sostiene l’alleanza militare atlantica non viene mai meno132. Si tratta insomma di una netta separazione fra politica di partito e politica federalista, per la quale posizioni diverse a livello di partito, non solo sulla politica interna ma anche su quella estera, possono convivere con la comune militanza nel MFE e nel MSEUE; sono due piani separati, o che, più precisamente, tendono a separarsi nel corso di questo periodo. Del resto, il fatto stesso che molti di questi uomini militino al contempo nel MFE e nel MSEUE sta a indicare, oltre ad un notevole livello di integrazione organizzativa fra le due formazioni133, una sempre minore corrispondenza fra divisioni politiche interne e linee politiche federaliste. La lotta per la costruzione di una federazione europea diviene in questa maniera, invece che un completamento del programma socialista democratico per quanto riguarda la politica internazionale, una sorta di alternativa complessiva a tale programma, che si attiva nel momento in cui le vicende politiche interne diminuiscono sempre più le possibilità concrete dei gruppi in questione di realizzare gli obbiettivi che si propongono. E’indicativo in questo senso un articolo di Garosci su “Il cittadino”, settimanale che per qualche mese nel 1949 tenta di proseguire l’esperienza de “L’Italia Socialista”:

  • 134 “Il cittadino–settimanale dell’Italia Socialista”, a. I, no 3, 4 maggio 1949, A. Garosci, E’possibi (...)

37«Siamo i primi a riconoscere – afferma Garosci – che questo grembo del socialismo, in cui nacquero tutti i grandi fenomeni del secolo […] sembra singolarmente isterilito. Ma se la forza nuova [la terza forza NdA] ha da affermarsi nella democrazia, ci pare ben difficile che da altro grembo possa nascere. Per fondere insieme elementi contradditori e disgregati come quelli della terza forza, all’infuori di questa convergenza naturale attorno ai problemi del socialismo sarebbe necessario o un temperamento di avventura o un grande e nuovo principio, un abbandono del terreno dello stato nazionale, come quello che si può intravedere in lontananza in certi elementi di unità europea. Ma sul terreno della tradizione democratica nazionale, solo la tradizione socialista sembra tale da poter stare, malgrado le contraddizioni, in concorrenza con i due partiti che si contendono il paese»134.

  • 135 E’ indicativo del ruolo che va assumendo la tematica europeista il documento per l’unificazione sot (...)
  • 136 Cfr. CS, 1 ottobre 1952, M. A. Rollier, I socialdemocratici e il federalismo; 5 gennaio 1953, ID., (...)

38Socialismo e federalismo appaiono qui non tanto come due principi che si completano a vicenda – come era nelle convinzioni e nelle speranze di «Iniziativa Socialista» e di «Europa Socialista» – bensì come due vie diverse e tendenzialmente alternative per la costruzione di una terza forza fra capitalismo e comunismo. La prima vittima di questa scissione fra socialismo e federalismo è, ovviamente, l’idea di un’Europa socialista, ovvero dell’edificazione dell’unità del continente sulle basi e attraverso le forze (i partiti) del socialismo democratico. La conseguenza più importante è che il tema del federalismo non riesce a diventare un elemento di unificazione del socialismo democratico italiano proprio per la tendenza di tutti i suoi sostenitori a porlo su un piano separato da quello della politica interna. Anche i più accessi fautori dei progetti federali conducono la loro azione a sostegno di essi al di fuori e al di là della vita di partito, mentre l’europeismo e il federalismo tendono sempre più a diventare, nei documenti di partito, enunciazioni di rito, generiche e senza effetti reali135. Non deve quindi stupire se un federalista convinto come Rollier fra il 1952 ed il 1953 lamenti la timidezza e le incertezze dei socialdemocratici italiani i quali, nonostante le enunciazioni di principio, non si muovono con molta determinazione nei confronti dell’unità europea136. Di fatto, con un percorso in questo simile ai partiti fratelli dell’Internazionale socialista, i socialisti democratici italiani tendono a scindere la dimensione nazionale da quella europea e a muoversi comunque in questa, quando necessario, come rappresentanti dei rispettivi Stati più che come socialisti europei.

Notes

1 Questo vale in particolare per i particolare sui programmi economici, concepiti da Saragat in maniera essenzialmente strumentale: «Il fine è la libertà umana, il mezzo è la lotta di classe» [CS, 16 gennaio–1 febbraio 1947, Il discorso di Saragat al Congresso del PSLI]

2 Cfr. su questo, F. Fornaro, Giuseppe Saragat, cit.

3 AAC, Vol. III, seduta pomeridiana del 6 marzo 1947.

4 CS, 16 gennaio–1 febbraio 1947, Il discorso di Saragat… cit.

5 AAC, Vol. III, seduta pomeridiana del 6 marzo 1947. Anche nel citato discorso di Palazzo Barberini il leader PSLI solleva la questione della democrazia interna al partito, che del resto è uno dei temi caldi della scissione [«La democrazia è la partecipazione di tutti i compagni alla vita del partito. La differenza che passa tra noi e i comunisti è questa: mentre i compagni comunisti fanno partecipare i loro militanti alla vita interna del Partito per tutto ciò che si riferisce alla parte organizzativa […] li escludono però dalla formulazione delle linee direttive generali, che vengono sempre dettate dall’alto»]

6 Cfr. su questo P. Caridi, La scissione… cit. e F. Taddei, Il socialismo italiano… cit.

7 Il disciplinamento costituzionale dei partiti politici, che non verrà inserito nella carta, non è comunque soltanto un tema strumentalmente richiamato da Saragat. Anche Calamandrei–confermando ulteriormente una certa convergenza con l’ala scissionista del PSIUP sui temi della libertà e delle sue garanzie–per un certo periodo insiste sulla questione. Cfr. su questo, P. Mantini, La disciplina dei partiti politici nel pensiero di Calamandrei e nella Costituente, in AA. VV. Piero Calamandrei e la Costituzione, Quaderni della FIAP, Milano, 1995; F. Lanchester, I partiti e il sistema elettorale nel pensiero di Calamandrei, in P. Barile (a cura di), Piero Calamandrei, ventidue saggi su un grande maestro, Giuffrè, Milano 1990. Per un’interpretazione di questa istanza (e del suo mancato inserimento nella Carta) alla luce degli sviluppi politici e istituzionali successivi, cfr. P. Scoppola, La repubblica… cit..

8 Cfr. A. Galante Garrone, I diritti di libertà da Ruffini a Calamandrei e A. Pace, Diritti di libertà e diritti sociali nel pensiero di Calamandrei, entrambi in P. Barile (a cura di), Piero Calamandrei, cit.. Sul pensiero giuridico di Calamandrei e in particolare sulla sua attività di costituente la letteratura è estremamente vasta e articolata. Per un inquadramento panoramico aggiornato, cfr. S. Merlini (a cura di), Piero Calamandrei e la costruzione dello Stato democratico, Laterza, Roma–Bari 2007.

9 F. Taddei, La Costituente nella politica del PSI, in R. Ruffilli (a cura di) Cultura politica e partiti nell’età della Costituente, tomo II, L’area socialista. Il Partito Comunista Italiano, Il Mulino, Bologna 1979, p. 61.

10 CS, 15 novembre 1945, Gli “Amici della Critica Sociale” a convegno.

11 CS, 1–16 agosto 1946, Prefazione della redazione a A. Maddalena, Per la stabilità del governo.

12 Nato nel 1881 a Venezia, professore di Diritto dal 1920, Levi fu vicino al riformismo socialista nel periodo a cavallo della Grande Guerra, collaboratore di «Critica Sociale» e de «La Giustizia» del cognato Claudio Treves. Il suo impegno antifascista data dai tempi della firma del Manifesto degli intellettuali antifascisti di Croce, ma non giunse al rifiuto del giuramento di fedeltà al regime nel 1931. Escluso dall’insegnamento in seguito alle leggi razziali, egli subì il confino a partire dal 1940 e fino al 1943, anno in cui riparò in Svizzera. Morì a Berna nel 1953. Cfr. cfr. F. Andreucci, T. Detti, Il movimento operaio… cit., ad nomen.

13 CS, 1 settembre1946, A. Levi, I Partiti e la Costituzione. Cfr. anche CS, 1 maggio 1946, Id., Appunti per la nuova Costituzione, II: «Una guarentigia, almeno formale, per tutti i diritti di libertà e gli altri fondamentali diritti degl’individui, che saranno proclamati nella Costituzione, si potrà avere nel carattere di rigidità [corsivo nel testo], per usare un termine tecnico, da attribuirsi alla stessa»

14 Il carattere di periodicità è confermato e rafforzato dal fatto che in tutto il 1946, molti degli articoli che trattano della Costituente sono intitolati “Appunti per la nuova Costituzione”. Cfr., oltre all’articolo testé citato, CS, 16 febbraio 1946; 16 maggio 1946; 1 giugno 1946; 15 settembre 1946.

15 G. Arfè, Introduzione a F. Taddei, La Costituente nella politica del PSI, cit., p. 15.

16 Levi non è il solo esempio, naturalmente. Lo stesso Mondolfo è solo leggermente più vecchio (nasce sei anni prima di Levi), così come altri collaboratori importanti della rivista, quali Rinaldo Rigola, Gian Battista Maglione, Ludovico D’Aragona, Alessandro Schiavi, Fausto Pagliari. Il discorso sulle reti di relazione è però troppo vasto e forse troppo incentrato su «Critica Sociale» per essere affrontato in questa sede; esso meriterebbe comunque uno studio a se stante, soprattutto per quanto riguarda le permanenze e le dissoluzioni delle reti successivamente al ventennio.

17 Sulle sinistre e la teoria dello Stato, cfr. N. Bobbio, Esiste una dottrina marxista dello Stato?, in «Nuovi Studi Politici», no 1, 1976.

18 CS, 1 maggio 1946, A. Levi, Appunti per la nuova Costituzione, II.

19 Cfr. CS, 16 marzo 1947, Alessandro Levi, I diritti della classe operaia nei lavori preparatori della nuova Costituzione: «Proprio non vorrei mai che, p. es., una folla di disoccupati involontari avesse, una volta o l’altra, a tumultuare sotto qualche pubblico ufficio al grido tristemente famoso, «ci buffunìano»».

20 Cit. in G. Vassalli, Piero Calamandrei e la Costituzione, in AA. VV. Piero Calamandrei e la Costituzione, cit.

21 CS, 16 marzo 1947, A. Levi, I diritti della classe operaia… cit.

22 Cfr. CS, 16 marzo 1947, A. Levi, I diritti della classe operaia… cit.; 16 giugno 1946, R. Rigola, Il lavoro nello statuto della Repubblica.

23 Cfr. ad esempio, CS, 1 novembre 1946, F. Luzzatto, L’arbitrato obbligatorio; 15 novembre 1946, R. Rigola, Scioperi e arbitrato obbligatorio; 1 gennaio 1947, R. Rigola, Stato e sindacati.

24 CS, 31 gennaio 1946, R. Rigola, Il riconoscimento giuridico dei Sindacati.

25 FT, Fondo D’Aragona, B. 5, Corrispondenza 1943–1945, opuscolo di Vico Lodetti (pseudonimo di Lodovico D’Aragona), scritto in periodo clandestino, nel 1943, e pubblicato nel 1945 dopo la Liberazione nei «Quaderni socialisti», no 2, nella collana «Biblioteca Bruno Buozzi»: Problemi di politica interna ed estera (contributo alla preparazione della Costituente).

26 Su Preti, morto in tarda età nel 2009 cfr. http://www.treccani.it/enciclopedia/luigi-preti_(Dizionario-Biografico). Preti, Discorsi parlamentari 1947–1987, a cura di Angelo Sabatini, Camera dei Deputati, Roma 2011.

27 AAC, Vol. III, seduta pomeridiana del 6 marzo 1947.

28 AAC, Vol. VII, seduta pomeridiana dell’11 settembre 1947. Sullo stesso tema, cfr. CS, 1 marzo 1946, L. Preti, Problemi costituzionali di domani.

29 Cfr. CS, 16 maggio 1947, L. Targetti, Elezioni e partiti.

30 Cfr. CS, 16 maggio 1947, A. Levi, Il potere esecutivo nel progetto di costituzione.

31 Cfr. CS, 1 maggio 1947, A. Levi, Il Parlamento nel progetto di Costituzione.

32 Cfr. CS, 1 giugno 1947, A. Levi, In attesa della Costituzione–Potere giudiziario–Corte Costituzionale–Revisione della Costituzione; 16 ottobre 1947, D. Testa, Per l’indipendenza della magistratura.

33 Cfr. CS, 16 giugno 1947, A. Olivetti, Un’occasione perduta per la Presidenza collegiale; è da precisare che si tratta di una risposta a Alessandro Levi, che nel precedente articolo sul potere esecutivo aveva sostenuto che Olivetti avesse abbandonato le proprie tesi a favore di una presidenza collegiale: il leader di “Comunità” ribadisce la propria propensione per questa forma di presidenza.

34 Una breve sintesi del dibattito alla Costituente sul tema delle autonomie locali si ha in U. De Siviero, Le autonomie locali nel dibattito alla Costituente, in Il Parlamento italiano, vol. XIV, 1946–1947, Nuova CEI, Milano 1989; cfr. anche R. Ruffilli (a cura di) Cultura politica e partiti… cit.

35 Sulle posizioni del PSIUP prima della scissione e durante la fase costituente e dei due tronconi in cui esso si divide, fino al 1948, cfr. C. Macchitella, L’autonomismo, in R. Ruffilli (a cura di) Cultura politica… cit.

36 Cfr. su questo R. Ruffilli (a cura di), Cultura politica e partiti… cit.

37 E’ quanto si rileva, ad esempio, in CS, 1 giugno 1948, G. Pischel, Premesse per una nostra politica regionale: «E’ nelle tradizioni del socialismo italiano la ferma e costruttiva rivendicazione delle autonomie comunali; ma quando dall’autonomia comunale passiamo all’autonomia regionale […] non abbiamo ancora sufficientemente determinato cosa intendiamo fare e come intendiamo comportarci nell’ambito dell’ente regione».

38 E’ questa, naturalmente, una posizione tipica soprattutto dell’ala sinistra del PSIUP, che si fa sentire però anche fra i socialisti democratici: lo stesso Saragat critica la regione, nel timore che essa possa rivelarsi un fattore di conservazione in un contesto di forti squilibri territoriali come quello italiano [cfr. “L’Umanità”, 1 marzo 1947, Saragat critica il progetto di Costituzione e a. I, no 68, 22 marzo 1947, Giuseppe Saragat, Il problema del mezzogiorno, entrambi cit. in C. Macchitella, L’autonomismo, cit. p. 144]

39 Cfr. ad esempio CS, 16 marzo 1946, UGM, Per la repubblica democratica italiana, dove si afferma: «Basterebbe il solo problema della costituzione federale od unitaria a impegnarci tutti per una seria meditazione»; ivi, La relazione degli “Amici di C. S.” al Congresso Nazionale, dove ci si chiede: «Ma quale repubblica? Unitaria o federale?»

40 CS, 30 settembre 1945, A. Levi, Per una repubblica democratica. Levi ritorna più volte sulla questione, ribadendo le sue simpatie per un ordinamento compiutamente federale: cfr. CS, 16 maggio 1946, Id., Appunti sulla nuova Costituzione II; 1 settembre 1946, ID., I partiti… cit.

41 CS, 1–16 gennaio 1946, G. B. Maglione, Per una repubblica… cit.

42 CS, 31 ottobre 1945, L. Preti, Regione e Provincia.

43 CS, 1 giugno 1947, L. Preti, Contro il regionalismo. Posizioni simili sono espresse in CS, 1 giugno 1948, G. Pischel, Premesse… cit.

44 AAC, Vol. V, seduta del 27 maggio 1947.

45 Egli presenta, ad esempio, un emendamento che mira a eliminare dal testo l’esplicita attribuzione alle Regioni della potestà legislativa [AAC, Vol. V, seduta pomeridiana del 1 luglio 1947.]

46 Sul quale cfr. Dizionario Biografico degli Italiani, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, Roma, ad nomen.

47 Ivi, seduta pomeridiana del 30 maggio 1947.

48 Ivi, seduta del 4 giugno 1947

49 Sul quale cfr. Dizionario Biografico degli Italiani, cit., ad nomen

50 Ivi, seduta pomeridiana del 30 maggio 1947.

51 Ivi, seduta del 27 giugno 1947.

52 Cfr. G. De Luna, Storia… cit. In riferimento alla questione delle autonomie, i «Sette Punti», pubblicati su “L’Italia Libera” nel gennaio 1943, parlavano di «riorganizzazione degli Enti Comunali e Provinciali con estensione ad eventuali raggruppamenti regionali» [cit. in M. Fanteschi, Fra Terza via e conservatorismo, in R. Ruffilli (a cura di), Cultura politica e partiti nell’età della Costituente, tomo I, L’area liberal–democratica. Il mondo cattolico e la Democrazia Cristiana, Bologna, Il Mulino, 1979, p. 119]

53 Sulle posizioni del PdA sul tema delle autonomie e del decentramento, cfr. M. Fanteschi, Fra Terza via… cit.

54 Cfr. su questo G. De Luna, Storia… cit.

55 Cfr. su questo L. Polese Remaggi, «Il Ponte»… cit.

56 M. Fanteschi, Fra Terza via… cit., p. 138.

57 Sulla questione dell’articolo 7 cfr. A. Parisella, La discussione dell’articolo 7 della Costituzione, in Il Parlamento italiano, vol. XIV, cit.; A. Tempestini, Laici e clericali nel sistema partitico italiano: la Costituente e l’articolo 7, Franco Angeli, Milano 1987; C. Rodotà, S. Rodotà (a cura di), L’articolo 7 e il dibattito sul Concordato, Savelli, Roma 1977.

58 AAC, Vol. III, seduta del 25 marzo 1947.

59 “Il Ponte”, a. III, no 5, maggio 1947, P. Calamandrei, Storia quasi segreta di una discussione e di un voto.

60 “Il Ponte” dedicò un intero numero, il mese successivo all’approvazione dei Patti, al rapporto fra «Stato e Chiesa nella nuova Costituzione» [“Il Ponte”, a. III, no 4, aprile 1947].

61 CS, 1 aprile 1947, G. Pischel, Quest’articolo 7.

62 CS, 1 gennaio 1947, U. G. M. Chiesa e Stato.

63 AAC, Vol. III, seduta del 25 marzo 1947.

64 Ivi, seduta del 14 marzo 1947.

65 Ivi, seduta del 25 marzo 1947.

66 “L’Umanità”, 26 marzo 1947, L’articolo musulmano approvato per il connubio tra democristiani e comunisti.

67 Cfr. “L’Umanità”, 28 marzo 1947, U. Calosso, Segreto dei gesuiti e dei comunisti.

68 Sul dibattito sul tema in Costituente, cfr. L. Ambrosoli, La scuola alla Costituente, Paideia, Brescia 1987; Id., La scuola alla Costituente, in Il Parlamento italiano, vol. XIV, cit. In generale sulla scuola nell’Italia repubblicana, cfr. ID.. La scuola in Italia dal dopoguerra ad oggi, Il Mulino, Bologna 1982; D. Bertoni Jovine, La scuola italiana dal 1970 ai giorni nostri, Editori Riuniti, Roma 1980.

69 Cfr. C. Corghi, Guido Gonella, in Il Parlamento italiano, vol. XIV, cit. Nello stesso volume, su Gonella e sul suo ruolo come ministro della Pubblica Istruzione, cfr. G. Canestri, La scuola nel periodo centrista.

70 CS, 1–16 agosto 1946, Magister, La libertà della scuola.

71 Firmatario del Manifesto per il Movimento per la democrazia repubblicana, insieme, tra l’altro, a Giuliano Pischel, Basso esce dal PdA in occasione della scissione del febbraio 1946. A partire dal 1947, scrive su «Critica Sociale».

72 CS, 15 novembre 1946, A. Basso, Scuola e Costituzione.

73 Cfr. per esempio CS, 1 gennaio 1947, U. G. M. Chiesa e Stato; 16 marzo 1947, Giordan, Problemi della scuola; 1–16 agosto 1947, P. Gallardo, La scuola non deve essere clericale.

74 AAC, Vol. IV, seduta antimeridiana del 17 aprile 1947.

75 Ivi, seduta pomeridiana del 17 aprile 1947.

76 Ivi, seduta antimeridiano del 21 aprile 1947.

77 Oltre agli interventi già citati, cfr. sempre in AAC, Vol. III, gli interventi di Carlo Ruggiero, Umberto Calosso, Rocco Gullo, Giovanni Persico, Gustavo Ghiaini, Ludovico D’Aragona, Paolo Rossi, Paolo Treves, Bianca Bianchi.

78 Cfr. su questo L. Polese Remaggi, «Il Ponte»… cit.

79 In particolare, l’art. 36, che afferma: «L’Italia considera fondamento e coronamento dell’istruzione pubblica l’insegnamento della dottrina cristiana secondo la forma ricevuta dalla tradizione cattolica», e l’art. 5 che stabilisce il divieto per i «sacerdoti apostati e irretiti da censura» di insegnare e svolgere pubblici uffici.

80 «Il Ponte», a. III, no 4, aprile 1947, E. Codignola, Costituzione e scuola.

81 AAC, Vol. IV, seduta pomeridiana del 21 aprile 1947

82 Si tratta soprattutto di emendamenti sulla questione della parificazione e del disciplinamento degli istituti privati. Cfr. ad esempio, l’emendamento al comma 4 presentato, tra gli altri, da Bianca Bianchi, Riccardo Somigliano e Piero Calamandrei; l’e-mendamento al comma 2 presentato da Codignola, Zanardi, Corsanego, Priolo, Pera e Preti; naturalmente, l’emendamento con cui si impone che le scuole private non comportino «oneri per lo Stato», firmato da deputati di tutti i partiti laici e di sinistra.

83 Cfr. su questo L. Levi, S. Pistone (a cura di), Trent’anni di vita del Movimento Federalista Europeo, Franco Angeli, Milano 1973; anche S. Pistone, La lotta del Movimento Federalista Europeo dalla Resistenza alla caduta della Comunità Europea di Difesa nel 1954, in Id. (a cura di), I movimenti per l’unità europea dal 1945 al 1954, Atti del convegno internazionale di Pavia, 19–20–21 ottobre 1989, Jaca Book, Milano 1992. Sui movimenti federalisti in Europa, cfr. anche S. Pistone, L’Unione dei Federalisti Europei, Guida, Napoli 2008.

84 Per questa scansione cronologica, cfr. L. Levi, S. Pistone (a cura di), Trent’anni… cit.; S. Pistone (a cura di), I movimenti… cit., pp. 25 e segg.

85 Sull’impegno europeista di Zagari, cfr. G. Muzzi (a cura di) Mario Zagari e l’Europa. Scritti e discorsi 1948–1993, Lacaita, Manduria 2006.

86 Cfr. su questo ISTORETO, FAG, B. 11, fasc. 262, Garosci a Calamandrei, 9 luglio, s. a. ma 1953, in cui il primo difende la politica europeista di De Gasperi, che a suo parere va decisamente separata dalla politica interna, e rimprovera al secondo un eccessivo antiamericanismo e una certa diffidenza verso l’unità dell’Europa occidentale.

87 Su Ernesto Rossi, cfr. A. Braga, Un federalista… cit.; G. Fiori, Una storia italiana… cit.; P. Ignazi (a cura di), Ernesto Rossi, un’utopia concreta, Milano, Edizioni di Comunità, 1991; E. Rossi, G. Salvemini, Dall’esilio alla Repubblica. Lettere 1944–1957, a cura di Mimmo Franzinelli, prefazione di Mario Isnenghi, Bollati Boringhieri, Torino 2004.

88 Su Altiero Spinelli, cfr. P. Graglia, Altiero Spinelli, cit.

89 Il gruppo raccolto intorno a quest’ultima è anche promotore di una rivista parallela, denominata «Iniziativa socialista per l’unità europea», che è collegata alla francese «Pensée Socialiste», organo della sinistra della SFIO, e che ha nel proprio comitato di redazione, oltre agli “iniziativisti” del PSIUP Matteo Matteotti, Virgilio Dagnino, Mario Zagari, Giuliano Vassalli e Enrico Russo, Yves Dechelles, Guy Mollet, Marceau Pivert, Pierre Rimbert, Jean Rous, ovvero alcuni dei principali rappresentanti dell’ala sinistra del socialismo transalpino. Cfr. «Iniziativa Socialista per l’unità europea», 16 novembre 1946. Cfr, anche F. Taddei, Il socialismo italiano… cit.

90 «Iniziativa Socialista», 31 gennaio 1946, Per una nuova politica.

91 Cfr. «Iniziativa Socialista per l’unità europea», 16 novembre 1946, Lucio Libertini, Le nuove vie dell’internazionale socialista.

92 Ibidem.

93 Su «Europa Socialista», e in generale sulle posizioni in materia di federalismo europeo, cfr. D. Napolitano, Il socialismo federalista… cit., Centro Studi Ignazio Silone, L’Aquila, 1997

94 ES, 16 aprile 1946, T. Vecchietti, La politica estera del socialismo.

95 ES, 23 febbraio 1947, Il compito della nostra generazione.

96 Cfr. ES, 16 marzo 1946, R. Amaduzzi, Disgregazione e declino dell’economia europea, II: «Oggi la ricostruzione di un’Europa democratica è condizionata ad una profonda modificazione della sua struttura produttiva ed alla ricostituzione di una unità economica che renda possibile la sua reinserzione nel sistema economico mondiale».

97 Ad esempio quello energetico; cfr. ES, 23 febbraio 1947, M. Ungaro, Industria–nuovi orientamenti nel campo dell’elettricità.

98 ES, 27 aprile 1947, G. Russo, Il socialismo si fa lavorando.

99 Cfr. ad esempio ES, 29 giugno 1947, F. Caffè, Trovato il piano, ritrovare l’Europa: «non si vede come possano essere compiuti passi sostanziali verso l’unità europea senza avanzare contemporaneamente nella realizzazione della società socialista».

100 Sul MSEUE, cfr. W. Loth, Il movimento socialista per gli Stati Uniti d’Europa, in S. Pistone, I movimenti… cit.

101 ES, 29 giugno 1947, Gli Stati Uniti Socialisti d’Europa.

102 CS, 1 gennaio 1946, I problemi della pace e il convegno delle Nazioni Unite.

103 CS, 1 aprile 1947, U. G. M. Dopo il discorso di Truman.

104 CS, 1 luglio 1947, Observer [Mondolfo], Il piano Marshall.

105 CS, 1 dicembre 1948, U. G. Mondolfo, Il movimento federalista in Europa e nel mondo, articolo nel quale tra l’altro si ribadisce che «in questi ultimi tre anni è apparso evidente che di fronte alle due forze (America e Russia) tra cui il contrasto è andato facendosi sempre più aspro, il pericolo di un inasprimento ulteriore […] poteva essere evitato soltanto dal costituirsi di una Terza Forza, che evidentemente non poteva essere se non l’Europa».

106 Cfr. ad esempio CS, 1 ottobre 1947, “Fatti e commenti della stampa italiana ed estera”: Il piano Marshall; 16 ottobre 1947, D. Cittone, L’Italia nel Piano Marshall; 1 aprile 1948, A. Strinati, La cooperazione europea; 16 giugno 1948, B. Kautsky, Il Piano Marshall dopo un anno;

107 CS, 1 luglio 1948, P. Gallardo, Francia, Germania e Federazione Europea.

108 CS, 16 aprile 1948, C. Pagliero, Le unioni doganali.

109 CS, 1–16 agosto 1947, U. Alfassio Grimaldi, Antiretorica europea.

110 CS, 1 settembre 1947, G. Usellini, L’Europa, questa sconosciuta; 1 ottobre 1947, Id., Politica ed economia federaliste.

111 CS, 1 aprile 1949, M. A. Rollier, La dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e la costituzione federale degli Stati Uniti d’Europa; 1 ottobre 1952, Id., I socialdemocratici e il federalismo; 5 gennaio 1953, Id., Il 5o Congresso nazionale del Movimento Federalista Europeo; 20 dicembre 1953, Id., Il parto dell’Europa.

112 CS, 16 ottobre 1948, N. Carandini, Per la federazione europea.

113 CS, 16 febbraio 1952, L. Bolis, Il Vo Congresso dei Federalisti socialisti.

114 CS, 16 ottobre 1948, H. Brugmans, Il Congresso dell’Unione Parlamentare europea.

115 CS, 16 novembre 1950, P. H. Spaak, Fare l’Europa; 1 gennaio 1951, Id. Europa, un’i-dea in cammino; 1 dicembre 1952, Id. Tempo perduto, occasioni mancate. Va precisato che Spaak non era membro né del MFE, né dell’Unione dei Federalisti Europei cui questo afferiva a livello continentale (e della quel era fra i fondatori Henry Brugmans); egli tuttavia, a partire del 1951, prese a collaborare sempre più strettamente con l’UEF e in particolare con Spinelli nella campagna per il Patto federativo europeo. [cfr. C. Rognoni Vercelli, L’Unione Europea dei Federalisti, in S. Pistone (a cura di), I movimenti… cit.]

116 Sui movimenti federalisti nel secondo dopoguerra, cfr. S. Pistone (a cura di), I movimenti… cit.

117 Cfr. S. Pistone, L’Unione Europea dei Federalisti… cit.

118 Cfr. P. Graglia, Altiero Spinelli, cit.

119 Sulle vicende del MSEUE, cfr. W. Loth, Il movimento… cit.

120 In realtà, il congresso di Montrouge del giugno 1947 era il secondo incontro del movimento; un primo raduno di alcuni gruppi socialisti federalisti si era tenuto a Londra il 22–23 febbraio 1947, per iniziativa dell’ILP; fu in ogni caso a Parigi che, con una partecipazione più nutrita di esponenti del socialismo continentale, si tenne a battesimo il nuovo movimento [Cfr. ES, 29 giugno 1947, V. Libera, Molta strada da Londra a Parigi].

121 W. Loth, Il movimento... cit., p. 257.

122 CS, 16 ottobre 1947, U. G. M., Momento grave.

123 CS, 16 novembre 1947, U. G. M., Porro unum…

124 IS, 5 novembre 1947, P. V [ittorelli], Il congresso di Anversa e la ricostituzione dell’In

125 Cfr. G. Averardi, I socialisti democratici… cit., p. 130.

126 ISRT, Fondo PSU, B. 8, fasc. 4, dichiarazione programmatica del PSU.

127 “L’Umanità”, 3 novembre 1949, G. Saragat, Il problema politico.

128 Cfr. G. Averardi, I socialisti democratici… cit.

129 Cfr. P. Graglia, Altiero Spinelli, cit. In realtà, se Rossi aveva accettato la candidatura di malavoglia e senza obbiettivi concreti [ISRT, Fondo PSU, B. 2, fasc. 1, lettera di Rossi al comitato organizzativi di Unità Socialista di Firenze, s. d.], Spinelli sembrava aver puntato, almeno per un certo periodo, all’elezione tra le file di Unità Socialista. Cfr, ISTORETO, FAG, Spinelli a Garosci, 21 febbraio 1948, dove Spinelli, che fa parte del PSLI, chiede a Garosci di intervenire perché i dirigenti dell’UdS spingano affinché il suo nome non si trovi più in basso del terzo posto nelle liste per la Camera.

130 Cfr. ISTORETO, FAG, B. 40, fasc. 1024, lettera s. a. (ma attribuibile a Spinelli) a Ernesto Rossi, 20 agosto 1947: «dal momento che i qualunquisti lavorano per il federalismo sono meno reazionari dei fusionisti che lavorano a buttare polvere negli occhi della gente, scrivendo inni sulla democrazia progressiva in Polonia e Jugoslavia». E’evidente in questa lettera come fin dalla metà del 1947 le posizioni federaliste di Spinelli stessero convergendo verso una identificazione con posizioni filo–occidentali e anticomuniste: «Bisogna rendersi conto che l’antitesi fascismo–antifascismo è realmente svuotata di ogni contenuto e viene adoperata (oltre che da qualche fascista mussoliniano) soltanto dal partito comunista, per imbrogliare la gente e coprire i veri contrasti. Il vero contrasto è quello tra gente che mira a nuove forme totalitarie e gente che mira a conservare forme democratiche».

131 Cfr. A. Spinelli, Diario Europeo, Il Mulino, Bologna 1989, annotazione in data 20 marzo, cit. in P. Graglia, Altiero Spinelli, cit.

132 Cfr. su questo P. Graglia, Altiero Spinelli, cit.

133 Sull’osmosi fra MFE e MSEUE italiano, è illuminante una lettera che Andreoni scrisse a Rollier nel novembre del 1950, nella quale si legge: «Per stasera sono intanto convocati alla sede del Movimento Federalista i membri della Commissione Socialista del Movimento stesso (Agnoletti, Andreoni, Bolis, Codignola, Cabella, Garosci, Matteotti, Rossi, Silone, Spinelli) per la scelta dei delegati italiani al Congresso del MSSUE [acronimo italiano per MSEUE NdA]». Si noti che a quest’epoca, MFE e MSEUE non si erano fusi, anche se entrambi avevano aderito al Movimento Europeo; tuttavia, è evidente come gli stessi uomini – tra l’altro tutti appartenenti alle frange del socialismo democratico – portassero avanti la propria linea politica in entrambi.

134 “Il cittadino–settimanale dell’Italia Socialista”, a. I, no 3, 4 maggio 1949, A. Garosci, E’possibile una democrazia laica in Italia, fuori dal socialismo?

135 E’ indicativo del ruolo che va assumendo la tematica europeista il documento per l’unificazione sottoscritto da PSLI e PSU nell’aprile del 1951. In tale documento, nel paragrafo dedicato alla politica estera del nuovo partito si dichiara che questa «è definita in termini analoghi a quelli che presiedono la politica estera di tutti i Partiti Socialisti dei Paesi che hanno aderito al […] Patto Atlantico»; è una esplicita a recisa affermazione che le linee direttive della politica estera del costituendo PSSIIS si trovano all’interno dell’alleanza atlantica e del blocco occidentale. A tale preciso impegno politico, si aggiunge poi una generica esortazione a «creare un sistema europeo che per la sua coesione democratica e per il suo sviluppo sociale assicurerà con un migliore equilibrio tra i continenti una pace stabile che renderà inutili le attuali misure di sicurezza e porrà le premesse per la fraterna collaborazione di tutti gli Stati del mondo» [G. Averardi, I socialisti democratici… cit., p. 144]: vaga dichiarazione di principio, che auspica e non vincola ad alcuna azione, che appare sostanzialmente finalizzata ad ammantare di più alte finalità l’accettazione dell’impegno atlantico.

136 Cfr. CS, 1 ottobre 1952, M. A. Rollier, I socialdemocratici e il federalismo; 5 gennaio 1953, ID., Il 5o congresso nazionale del Movimento Federalista Europeo.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search