Version classiqueVersion mobile

Il socialismo democratico italiano fra la Liberazione e la legge truffa

 | 
Daniele Pipitone

2. Adesione al Patto Atlantico e partecipazione al governo: la prima rottura nel socialismo democratico 1948 - 1949

Texte intégral

2.1 L’adesione dell’Italia al Patto Atlantico e l’inasprirsi dello scontro interno alle liste di Unità Socialista

  • 1 Cfr. F. Fornaro, Giuseppe Romita,… cit.

1L’uscita dal PSI di Romita e di un buon numero di dirigenti sindacali socialisti (fra i quali Arturo Chiari, segretario nazionale della Fiom, e Italo Viglianesi, segretario nazionale della federazione dei chimici1) apriva la strada ad una potenziale ristrutturazione e riaggregazione dell’area socialista democratica, che del resto costituiva l’obbiettivo di ripiego di Romita, dopo che quello primario di ricostituzione di un partito socialista unico era definitivamente fallito. Il senatore di Alessandria si mosse subito in questa direzione, trovandosi in sintonia con l’Unione dei Socialisti e con una parte del PSLI, e ricevendo la benedizione del Comisco. Tuttavia, l’evolversi della situazione fu tutto fuorché lineare, soprattutto a causa dell’inasprirsi dello scontro all’interno del PSLI, che fra la fine del 1948 e l’inizio del 1949 aveva subito una brusca accelerazione a causa delle polemiche sull’adesione italiana al Patto Atlantico. Su questo aspetto è dunque necessario soffermarsi, perché fu all’origine di un acuirsi delle differenze interne e, in ultima analisi, contribuì alla rottura del partito; perché costituì la prima scelta davvero controversa che la partecipazione al governo richiese e allo stesso tempo mise in luce chiaramente l’entità dell’influenza che la politica internazionale giocava sugli equilibri interni di partito; perché, infine, fece emergere le linee di frattura più profonde nella cultura politica del socialismo democratico.

  • 2 Sulle dinamiche dell’adesione dell’Italia alla Nato, e in generale sulla politica estera dei primi (...)
  • 3 Sulla forza dei sentimenti neutralisti e sulle ragioni che, almeno in alcune componenti politiche, (...)
  • 4 Cfr. su questo F. Fornaro, Giuseppe Saragat, cit.
  • 5 Cfr. su questo, e in particolare sull’esperienza parigina di Saragat, M. Donno, Socialisti… cit.
  • 6 Cfr. questo “L’Umanità”, 23 ottobre 1948, s. a. La Federazione europea è la meta degli accordi di P (...)
  • 7 Cfr. su questo R. Quartararo, Italia e Stati Uniti… cit.
  • 8 Per fare un esempio, sulla questione del patto di Bruxelles, Zagari stesso si dichiara concorde con (...)
  • 9 “L’Umanità”, 26 ottobre 1948, s. a. Il congresso del Partito a Milano in Gennaio.
  • 10 Cfr. ad esempio “L’Umanità”, 2 dicembre 1948, s. a. Un chiarimento necessario, dove riporta l’affer (...)

2L’adesione italiana alla nascente alleanza militare occidentale seguì un percorso tortuoso e accidentato, contrassegnato dalla freddezza degli alleati occidentali (la Gran Bretagna in particolare) verso un coinvolgimento dell’Italia nel sistema di sicurezza collettivo occidentale e dalle ambiguità di cui lo stesso governo di Roma ammantò la sua politica estera dalle elezioni del 1948 alla firma del trattato nella primavera del 19492. De Gasperi si trovava infatti in una situazione delicata: da un lato, era consapevole che l’adesione alla Nato costituiva un tassello fondamentale della sua scelta filoccidentale e della sua stessa linea politica interna; dall’altro, doveva fare i conti con la prevedibile opposizione frontista, con un’opinione pubblica molto sensibile alle parole d’ordine della pace e della neutralità e con i vasti settori neutralisti della sinistra DC e PSLI3. In un simile contesto, il Presidente del consiglio ed il suo Ministro degli Esteri Carlo Sforza procedettero per gradi, inserendo i contatti con gli alleati in un contesto più ampio, che andava dalle questioni legate al trattato di pace alle forme di collaborazione e/o integrazione europea, evitando prese di posizione nette di fronte all’opinione pubblica, cercando sempre di annacquare la specificità dell’alleanza nel contesto più ampio della collaborazione occidentale. In particolare, essi individuarono nelle istanze federaliste la chiave per vincere, o meglio per aggirare, le posizioni neutraliste di certi settori della maggioranza, primi fra tutti quelli socialisti democratici: una linea che essi condivisero con lo stesso leader – per ora non ancora incontrastato – del PSLI, Saragat. Questi aveva individuato il centro della sua visione politica nella contrapposizione frontale fra comunismo e democrazia (della quale il socialismo doveva essere la punta avanzata) fin da prima della scissione del 19474 e, ondivago su moltissimi altri temi, si mantenne sempre fedele a tale impostazione di fondo. Per la posizione che ricopriva (era Vicepresidente del Consiglio e Ministro della Marina Mercantile) e per le sue esperienze come esule prima e come ambasciatore e Parigi poi, Saragat era inoltre uno dei socialisti più consapevoli dell’influenza che la politica estera era destinata ad esercitare sulla politica interna italiana del dopoguerra: è quindi verosimile che egli avesse percepito prima di altri la natura effettiva del trattato che si andava profilando e avesse deciso che non vi fossero alternative all’adesione5. Si impegnò quindi a spostare lentamente il partito su posizioni filo–atlantiche e a scongiurare al contempo una contrapposizione interna troppo brutale, che potesse sfociare in una rottura. La sua linea politica, sicuramente la più conseguente fra tutte quelle dei socialisti democratici sul tema, si articolò in due direzioni. Innanzitutto, evitò che il dibattito si concentrasse fin dall’inizio sull’adesione o meno ad un’alleanza militare, dilazionando i tempi, assumendo posizioni di sapore neutralista all’interno del governo, come il rifiuto di prendere in considerazione la possibilità di aderire al Patto di Bruxelles6 (possibilità cui del resto nemmeno De Gasperi teneva molto7) o mostrandosi occasionalmente in sintonia con le sinistre del partito8. In secondo luogo, mantenne la barra della politica estera del PSLI saldamente orientata verso l’integrazione europea, economica e politica prima che militare, convincendo la Direzione PSLI che il fine del governo fosse «difendere la pace e contribuire alla costituzione della Federazione europea»9 e facendo trapelare sui giornali di area notizie che sembravano indicare come gli sforzi italiani fossero concentrati eminentemente a tale fine e non, o solo in subordine, su trattati militari10.

  • 11 Cfr. su questo O. Barié, Gli Stati Uniti… cit., e R. Quartaro, Italia e Stati Uniti… cit.
  • 12 Le vicende del dibattito interno al PSLI sulla politica internazionale negli anni 1946–1949, e in p (...)

3Saragat, insomma, utilizzò le tematiche federaliste e europeiste al fine di smussare le differenze e di confondere i piani della questione, aiutato in questo dall’identico atteggiamento che avevano De Gasperi e Sforza e dalla stessa tendenza americana a ritenere strettamente legati patto atlantico e forme di integrazione euro – occidentali11. Coronamento finale di questa ambiguità sarebbe stata la gestione saragattiana del secondo congresso del partito. Prima di trattare di esso, tuttavia, occorre ancora soffermarsi sulle posizioni delle altre componenti del partito e delle liste di Unità Socialista, posizioni che si possono ridurre sostanzialmente a tre: quella atlantista delle destre del PSLI, quella neutralista e “terzista” del centro e della sinistra del partito e quella dell’UdS, sostanzialmente in linea con il centro–sinistra del PSLI ma più esplicita nelle sue affermazioni e conclusioni12.

  • 13 Cfr. “L’Umanità”, 19 ottobre 1948, P. Treves, Le vecchie formule non bastano più, dove si sostiene (...)
  • 14 “L’Umanità”, 21 ottobre 1948, C. Andreoni, Sotto il segno della realtà.
  • 15 FT, FLD, B. 5, corrispondenza 1948, Carlo Andreoni a Giuseppe Faravelli del 28 ottobre 1948, nella (...)
  • 16 Cfr. anche A. De Felice, Il PSLI e la scelta occidentale… cit.

4Per quanto riguarda le destre del PSLI, esse in parte sposarono le posizioni di Saragat, magari forzandole leggermente in direzione atlantista13, in parte invece si dichiararono più apertamente orientate verso una scelta di campo fra uno dei due blocchi e rifiutarono “un’impossibile neutralità”14, che rischiava di inchiodare il partito «per l’eternità nell’umiliante posizione di malinconici acchiappanuvole destinati a restare ai margini della storia»15. In generale, anche le destre si trovavano in una posizione equivoca, molto simile a quella di Saragat, che si richiamava come le sinistre alle ipotesi di federazione europea, e che si differenziava principalmente per la critica alle posizioni neutraliste, giudicate irrealistiche16.

  • 17 “L’Umanità”, 24 novembre 1948, Tribuna Libera, M. Punzo, Prima neutralisti, poi federalisti.
  • 18 “L’Umanità”, 16 ottobre 1948, Tribuna Libera, G. Vassalli, Dobbiamo restare neutrali.
  • 19 Atti parlamentari – Camera dei Deputati, Discussioni, vol. IV, p. 5067, cit. in A. De Felice, Il PS (...)

5Le componenti di centro–sinistra del PSLI svilupparono discorsi più articolati e variegati, che andavano dal neutralismo integrale e internazionalista degli eredi di Iniziativa Socialista alle più moderate posizioni “terziste” e europeiste di Critica Sociale. La sinistra “iniziativista”, invocava una neutralità “completamente disarmata”17, bocciava ogni ipotesi federalista legata alle “esigenze della politica statunitense”18 e cercava di porre una distinzione netta fra l’idea di Europa “terzista” e mediatrice fra le due potenze e quella “occidentalista” e militarizzata che veniva adombrata dai progetti di Patto Atlantico19: posizioni certo coerenti, ma fortemente ideologizzate e ignare dei rapporti di forza internazionali.

  • 20 CS, 1 ottobre 1948, UGM, Atmosfera torbida.
  • 21 CS, 16 ottobre 1948, UGM, Per una pace vera.
  • 22 Cfr. A. De Felice, Il Psli e la scelta occidentale (1948–1949), cit. CS, 1 novembre 1948, P. Gallar (...)
  • 23 CS, 15 novembre 1949, UGM, Appello alla saggezza.
  • 24 Sul rifiuto del realismo politico e sulla rivendicazione dell’idealismo come strumento di azione po (...)
  • 25 Cfr. CS, 16 dicembre 1948, U.G. Mondolfo (discorso alla Camera), La politica estera dell’Italia–la (...)
  • 26 CS, 16 gennaio 1949, UGM, Il compito del nostro Congresso.
  • 27 IS, 26 gennaio 1949. s. a. La difficile via del Socialismo nella lucida impostazione di Faravelli; (...)
  • 28 CS, 1 febbraio 1949, G. PISCHEL, Prospettive del Patto Atlantico.
  • 29 IS, 19 ottobre 1948, p. v [ittorelli], Posizioni aventiniane. Cfr. anche IS, 13 novembre 1948, p. v (...)
  • 30 IS, 9 gennaio 1948, p. v. E’utile l’adesione italiana al Patto Atlantico? Da notare che Vittorelli (...)
  • 31 IS, 11 gennaio 1949, p. v., Politica militare degli S. U. in Europa.
  • 32 IS, 16 dicembre 1948, A. G[arosci], Mozioni PSLI.

6Più ambigua era la posizione dei rappresentanti di Critica Sociale. Mondolfo si soffermò più volte sui progetti di federazione europea (occidentale, anche se potenzialmente estendibile ai paesi dell’Est) come «unico mezzo per difendere l’indipendenza dell’Europa» dalle speculari pressioni sovietiche e americane20 e come una «“Terza Forza” compatta e salda, capace di esercitare una funzione di equilibrio tra le altre due, e di dare il beneficio di una pace vera»21. Tale posizione, che Mondolfo condivideva con tutta Critica Sociale22 appariva in realtà piuttosto fragile: essi si basava infatti sull’idea, piuttosto peregrina, che fosse interesse delle due stesse superpotenze (una delle quali, l’URSS, veniva al contempo descritta come impegnata a «espandere indefinitamente il proprio dominio ed influsso nel mondo»23) favorire la costruzione di una stabile realtà politica estesa a tutto il continente. Tale “naïveté” neo – riformista non si spiega solo con una notevole ingenuità e una sostanziale cecità di fronte alle dinamiche geopolitiche, derivanti dall’insofferenza verso la realpolitik – cecità e insofferenza che pure vi erano e che, detto per inciso, costituivano una delle differenze “antropologiche” rispetto a buona parte dell’ala saragattiana del PSLI24. Dietro tale impostazione, si scorge il disperato tentativo di porre la propria parte politica al riparo dalle conseguenze della divisione in blocchi del panorama internazionale. A differenza della sinistra radicale, che concepiva la neutralità in termini principalmente ideologici e dottrinari, i neo–riformisti si battevano per essa per ragioni contingenti. Ritenendo reale la minaccia sovietica, non erano contrari in linea di principio ad un’alleanza difensiva occidentale25. Tuttavia – ed era la considerazione preminente – temevano che un coinvolgimento diretto dell’Italia in un patto antisovietico sarebbe sfociato inevitabilmente in una polarizzazione dello scontro interno e in una deriva autoritaria o in “una vera guerra civile”26, nella quale le posizioni del socialismo democratico avrebbero definitivamente perso la propria ragion d’essere. Faravelli palesò tale timore al congresso del gennaio 1949, accusando la destra PSLI di aver «accettato l’ineluttabilità del ricorso alle armi, alla forza, alla polizia, come strumento normale di lotta contro il bolscevismo, favorendo così l’evoluzione verso stati reazionari e da ultimo dittatoriali»27; gli fece eco ad assisi concluse Giuliano Pischel, il quale dichiarò che l’inevitabile scontro conseguente al Patto Atlantico avrebbe condotto «ad una rottura tra la maggior parte della classe lavoratrice ed i partiti democratici e di democrazia socialista (con conseguente loro involuzione interna)», con il risultato che «non [sarebbe restato] per fronteggiare una simile situazione che rafforzare un regime poliziesco ad un tempo di prevenzione e di repressione»28. La terza via in politica estera proposta dai neo–riformisti era insomma soprattutto funzionale alle posizioni di questi ultimi in politica interna: no alla Nato perché essa avrebbe aggravato la frattura interna del paese, quindi; sì invece ad una federazione europea che sostenesse quel sogno di terza forza fra comunisti e democristiani che essi continuavano a perseguire. In sintesi, erano queste le posizioni del gruppo di Critica Sociale, che in questo si trovava in accordo pressoché totale con l’Unione dei Socialisti. Vittorelli, dalle colonne de “L’Italia Socialista”, auspicava la creazione di «questa barriera contro la guerra, questa potenza socialista europea capace di imporre a tutte le altre potenze mondiali il rispetto per le proprie convinzioni, per le proprie aspirazioni di vita, per quel tanto di socialismo che già in tante parti dell’Europa occidentale si [era] realizzato»29. Egli precisava inoltre che i socialisti democratici «non [potevano] contemplare con leggerezza i turbamenti che [sarebbero potuti] derivare nella situazione interna italiana da un’adesione a un patto militare, perché non [potevano] essere disposti ad avallare una politica di repressione antioperaia»30, e che «[era] ben noto che una attuale adesione a un blocco militare [avrebbe compromesso] fortemente la stabilità interna»31. Fu però Garosci a cogliere con acutezza la portata dello scontro in atto, dentro e fuori il PSLI, al di là della fumosità del dibattito in corso. Analizzando le correnti che si stavano preparando al congresso, egli individuava due linee politiche essenziali: per una (sostenuta da Andreoni e, più velatamente, da Simonini) il PSLI doveva «considerare che il cerchio chiuso in cui sembra[va] muoversi il mondo [era] – almeno finché [fosse esistita] una Russia sovietica – definitivo e assettarsi pertanto in esso: accettare cioè la politica necessaria dei blocchi militari, offensivi o difensivi, non importa, comunque condotti con estrema decisione, per “salvare l’occidente”; la politica del pugno di ferro e dello stato di polizia, la fatalità di una maggioranza conservatrice, all’interno della quale [poteva] essere consentito ai socialisti di operare per alleviare le sofferenza dei lavoratori e mantenere certe elementari libertà». A fianco di questa posizione stava «un’altra tesi: […] il PSLI [doveva] restare un partito socialista democratico e accettare solo quelle azioni che spost[assero] essenzialmente l’attuale mondo verso un equilibrio socialista democratico». Il socialismo, in sintesi, doveva «credere che si po[tesse] salvare la pace, e che il contributo italiano a questa pace non [fosse] nelle sette divisioni dell’esercito del trattato, ma nell’iniziativa politica che tend[esse] a risolvere il caos occidentale»32.

7Le posizioni di Critica Sociale e dell’UdS erano insomma opposte e speculari a quelle di Saragat: concentrati sulla politica interna i primi, su quella estera il secondo, entrambi trovarono nelle posizioni federaliste e europeiste la giustificazione della loro linea politica. Per i primi, certo, si trattava di convinzioni molto più radicate e, soprattutto, di un cardine del loro programma politico, mentre per il secondo la scelta appariva decisamente più strumentale; tuttavia, tutti giocarono, ciascuno a suo modo, su degli equivoci voluti, convergendo così nel trasformare il federalismo in una cortina di fumo che nascondeva la vera entità dello scontro. Sul breve periodo, Saragat ne avrebbe tratto maggiore profitto, mentre i suoi avversari all’interno del partito avrebbero dovuto scontare la debolezza del loro progetto politico. Tuttavia, la posizione dei suoi avversari non era per nulla assurda; in un certo senso, si può anzi dire che fossero proprio queste componenti a vedere più lontano, sia nello scorgere il rischio di uno schiacciamento del vaso di coccio del socialismo democratico fra i vasi di ferro delle opposte “chiese”, sia nell’adombrare l’involuzione dello stesso PSLI. Tuttavia, era una visione presbite, che non riusciva a realizzare quanto l’appello al federalismo europeo fosse, fra la fine del 1948 e l’inizio del 1949, vano e condannato a cadere nel vuoto o, nella migliore delle ipotesi, costituisse un orizzonte a lunghissimo termine; a breve termine, nel frattempo, esso era un’arma a doppio taglio, che venne utilizzata con destrezza da Saragat e da De Gasperi, con meno abilità dalle destre del PSLI, per confondere le acque in vista dell’approvazione del trattato. Lo svolgersi del secondo congresso PSLI e gli eventi successivi furono una conferma di ciò.

  • 33 Sulle varie mozioni presentate al II Congresso del PSLI, cfr. G. Averardi, I socialisti… cit.

8Le assisi generali del Partito Socialista dei Lavoratori si aprirono a Milano il 23 gennaio 1949. Il partito vi arrivò diviso e frammentato, con due relazioni della direzione uscente (una, di maggioranza, del segretario Alberto Simonini, l’altra della minoranza di sinistra presentata da Giuliano Vassalli), con cinque mozioni nazionali e numerose mozioni locali. I principali contendenti erano la sinistra di Vassalli, Zagari, Pischel, Matteotti, Pietra, il centro–sinistra di Mondolfo e Faravelli, la destra moderata di Spalla e Simonini e quella più radicale di Andreoni33. I problemi sul tappeto erano molti, e molte soprattutto le ragioni di scontro interno: dalla partecipazione al governo alle scelte di politica estera, passando per i problemi sindacali e l’eterno dilemma dell’unificazione socialista, vi erano una serie di nodi collegati fra loro che richiedevano di essere sciolti. Il II Congresso non prese apparentemente posizioni chiare su nessuno di tali nodi, il che testimoniava sia la profondità della scontro, sia il timore che questo, se portato alle estreme conseguenze, sfociasse in una nuova scissione. In realtà, tuttavia, esso segnò una vittoria delle destre del partito e soprattutto di Saragat che ad esse si appoggiava, il quale fu il protagonista dei lavori congressuali e colui che ne determinò gli esiti.

  • 34 Cfr. IS, 12 gennaio 1949, Democristiani e socialisti si preparano alla spiegazione; 13 gennaio 1949 (...)
  • 35 Cfr. CIRIEC, AT, 1.4.1.2.10. Lancio stampa ARI, 15 dicembre 1948.
  • 36 E’indicativo che Spalla faccia riferimento a coloro che «fino a pochi mesi fa continuavano ad insol (...)
  • 37 Ibidem.

9Le quattro mozioni principali erano giunte a Milano in un contesto di grande incertezza, che rendeva difficile fare previsioni circa i risultati dell’assemblea. Pare che sinistra e centro–sinistra sembrassero avere buone probabilità di vittoria, stando almeno ai resoconti – seppur di parte – che “L’Italia Socialista” faceva dei congressi provinciali34 e alle informazioni che circolavano nelle agenzie di stampa35. Il congresso si strutturò sostanzialmente intorno al confronto fra due posizioni tattiche, ciascuna delle quali implicava una scelta strategica. Da un lato, le due mozioni di destra (Andreoni e Spalla–Simonini) giocarono in difesa, attestandosi sulle posizioni assunte dal partito, sostenendo la partecipazione al governo, restando volutamente ambigui sulla politica estera, criticando gli interlocutori dell’UdS e dell’area autonomista del PSI per la richiesta pregiudiziale di passaggio all’opposizione, appellandosi all’i-dentità ed all’orgoglio di partito per respingere le critiche provenienti da questi settori e per frenare il processo di unificazione36. Così, Spalla ribadiva: «l’unità socialista non è per noi la riunione di diversi gruppi, ma la confluenza in un unico organismo [naturalmente, il PSLI NdA] di tutti coloro che credono fermamente nella strada che noi abbiamo scelta e che ancora oggi riteniamo sia quella giusta». Sul Patto Atlantico, invece, egli si limitava a vaghe enunciazioni di principio («la difesa della nostra autonomia e della nostra indipendenza […] sta nella solidarietà con gli altri popoli che si trovano nelle stesse condizioni») per poi dichiarare di non sentirsi all’altezza di trattare un tema tanto complesso: «ponendosi dal punto di vista dei più umili lavoratori, per i quali è impossibile esprimere quali sono gli obiettivi da raggiungere in questo campo» egli proponeva di affidare «a chi [era] meglio provveduto»37 la scelta. Come si vedrà, era una linea molto simile a quella sviluppata da Saragat.

  • 38 Ivi, p. 74.
  • 39 Ivi, p. 75–76.

10Dall’altro lato, sinistra e centro–sinistra si trovarono invece a dover andare all’attacco, per spezzare la dinamica che, partendo dalla partecipazione al governo, andava a impedire l’unificazione socialista e avrebbe finito per costringere il partito ad accettare il Patto Atlantico. Così, Pischel apriva l’illustrazione della sua mozione dichiarando esplicitamente e addirittura enfatizzando la natura della posta in gioco: «Questo Congresso è invece decisivo per le sorti dell’unità socialista. Di qui o si esce facendo risolutamente un passo avanti verso di essa; o alla unificazione socialista, se accettassimo certe posizioni patrocinate dalla destra, infliggeremmo uno scacco che se non porrà una pietra sepolcrale su questo problema, schiuderà comunque una involuzione, un arretramento e un disperdimento delle forze che oggi convergono su di noi»38. Dopo aver difeso il documento sull’unità sostenuto dalla sua mozione e aver speso una parola sul tema dell’unità sindacale, egli si scagliava quindi contro la partecipazione al governo, che considerava ormai strettamente legata alla questione del Patto Atlantico, al punto di dichiarare: «nel caso di un nostro rifiuto [del patto] non ci sarebbe possibile continuare a condividere le responsabilità di un Gabinetto che a tale riguardo è ormai decisamente avviato». Nell’esporre quindi le ragioni della totale contrarietà della sinistra del PSLI a qualsiasi patto militare, Pischel affermava che una eventuale accettazione di questo da parte del partito avrebbe rappresentato «non solo la rottura con la classe lavoratrice, fatale per il socialismo democratico, ma la spaccatura del paese in due blocchi avversi»39. E’lo stesso timore più volte espresso da Mondolfo e sul quale, si è visto, insistette Faravelli durante il suo intervento al congresso, nel corso del quale il direttore de “L’Umanità” ribadì anche le posizioni del gruppo di Critica Sociale a favore dell’unità socialista e contro la partecipazione al governo.

  • 40 Cfr. “L’Umanità”, 8 gennaio 1949, La relazione di Saragat sulla politica estera; IS, 8 gennaio 1949 (...)
  • 41 A. De Felice, Il PSLI e la scelta occidentale… cit., p. 101.
  • 42 G. Averardi, I socialisti… cit., pp. 82–87, passim.
  • 43 Ivi, p. 92.

11Destra e sinistra del partito si trovavano dunque su due linee opposte, abbastanza omogenee al loro interno nonostante la presenza di diverse sfumature. Fu Saragat che intervenne a sbloccare la situazione, non fornendo una soluzione di compromesso bensì compattando la destra intorno a sé e spostando sullo sfondo del dibattito il tema più urgente, l’adesione italiana al Patto. Nella discussione in direzione sulla politica estera, avvenuta il 7 gennaio 1949 e nella quale egli aveva riferito sul dibattito interno al governo, il vicepresidente del consiglio aveva ottenuto di rimandare la questione all’imminente congresso40. Riuscendo sostanzialmente a «far passare inosservato il suo assenso alla linea di politica estera seguita dal governo»41, Saragat si presentò così al congresso in una posizione libera, sganciato almeno formalmente da qualsiasi mozione, e vi giocò il ruolo di padre nobile e ideologo – nonché quello di ago della bilancia. La sua relazione iniziale appariva ispirata, volava alto, si richiamava ai principi ispiratori del socialismo, ricordava le motivazioni della scelta governativa: l’utilizzo dell’ERP in favore dei lavoratori, la difesa della libertà e della democrazia. Sulla questione dell’unità, Saragat si dichiarò disposto a uscire dal governo se un futuro congresso di unificazione l’avesse richiesto; anche se attaccò gli autonomisti PSI perché ancora «legati a un partito [il PSI] vincolato a un patto coi comunisti». Soprattutto, evitò accuratamente di proclamarsi apertamente favorevole ad un accordo militare e, di nuovo, confuse le acque, giocò sulla dissoluzione della specificità del Patto Atlantico, girò attorno alla questione con espressioni sibilline: asserì che non si poteva «porre il problema della sicurezza unicamente sotto un aspetto militare», ma che andavano tenuti in conto «l’aspetto della politica interna e anche della politica sociale interna»; parlò in maniera piuttosto oscura di un «punto di massima sicurezza» da raggiungersi con un equilibrio fra esigenze di politica estera e di politica interna, che difendesse la democrazia e – unica dichiarazione esplicita sul tema – mantenesse saldi «i rapporti di amicizia con l’America». Dopodiché – e qui sta tutto il senso del suo intervento – sposò sostanzialmente la linea di Spalla e invitò il Congresso a non esprimersi e a limitarsi a dare alla futura Direzione «un orientamento [che] non le leg[asse] troppo le mani in una materia tanto delicata e complessa»42, conscio di quanto sarebbe stato più facile mettere il partito di fronte al fatto compiuto. La strategia si rivelò vincente: smussando i toni, evitando di porre i congressisti di fronte a scelte di schieramento nette e mostrandosi al contempo sensibile a certe istanze della sinistra, Saragat riuscì ad evitare che la Direzione finisse in mano alla sinistra. Egli propose quindi una mozione, denominata “Concentrazione socialista”, che unificava quelle di centro–destra, che firmò insieme a Ludovico D’Aragona e che riuscì a raccogliere l’adesione di quasi la metà dei delegati. Si trattava di un documento che rispecchiava in pieno la linea del vicepresidente del consiglio, mantenendosi nell’ambiguità su quasi tutte le questioni sul tappeto. Esso esordiva affermando che «la unità di tutti i socialisti democratici costitui[va] un obbiettivo fondamentale della politica del Partito»; proseguiva affermando che «la partecipazione […] a governi di coalizione non [poteva] essere esclusa o affermata sulla base di posizioni aprioristiche», ma doveva essere valutata in base agli obbiettivi raggiunti o raggiungibili e che, «ove il raggiungimento di tali obbiettivi si [fosse rivelato] irraggiungibile, [sarebbe stato] compito della Direzione del Partito porre termine ad una partecipazione governativa» divenuta «sterile e dannosa»; concludeva infine, relativamente alla politica estera, indicando come obiettivi fondamentali del partito la ricostituzione dell’Internazionale Socialista e la Federazione Europea, e dando «mandato alla Direzione del Partito di ispirare la sua azione politica ai principi su esposti»43.

  • 44 Dati tratti da G. Averardi, I socialisti… cit.
  • 45 Cfr. IS, 1 febbraio 1949, Mutate organizzazione e prospettive nel gruppo della “Unione dei Socialis (...)
  • 46 Dagli appunti che Mario Alberto Rollier prese in occasione dell’incontro sembra infatti che, almeno (...)
  • 47 IS, 1 febbraio 1949, A. G[arosci], Il dibattito nell’Unione dei Socialisti.
  • 48 IS, 22 febbraio 1949, A. G., Congedo e appuntamento.
  • 49 IS, 16 febbraio 1949, Cordiale polemica tra Faravelli e Romita. Stando alle carte di Rollier sulla (...)
  • 50 Sul quale cfr. F. Andreucci, T. Detti, Il movimento operaio… cit., ad nomen.
  • 51 Cfr. ACS, MI, Gab., PP, b. 112, 8 febbraio 1949, relazione del questore di Roma.
  • 52 Ivi, 23 aprile 1949, relazione del questore di Roma.
  • 53 Ibidem.
  • 54 Cfr. su questo D. Pipitone, “L’Italia Socialista”… cit.

12Il Congresso si concluse con la vittoria della mozione presentata da Saragat, che prese il 49,44% dei voti; alla mozione della sinistra andò il 32,85% dei voti, mentre quella di Mondolfo e Faravelli prese il restante 17,71%44. La strategia di Saragat era risultata vincente, essendo riuscita a coagulare attorno a sé un blocco di centro–destra quasi maggioritario, che appoggiava pienamente il leader e che sembrava aver compiuto ormai una scelta di campo netta in favore della collaborazione con la Democrazia Cristiana e del Patto Atlantico. La bandiera dell’unità socialista, sventolata dalle sinistre e da Mondolfo e Faravelli, sembrava venire momentaneamente ammainata dal partito. Le scelte che questo compì a Milano non mancarono di avere effetti sui suoi interlocutori più immediati, primi fra tutti gli uomini dell’Unione dei Socialisti. Pochi giorni dopo la chiusura delle assisi del PSLI, si riunì infatti la direzione dell’UdS per commentare i risultati del congresso degli alleati: sfumata la possibilità di un’unificazione immediata cui il movimento puntava, si trattava infatti di aggiornare la propria posizione politica. All’incontro del 30 gennaio si confrontarono due linee differenti. La prima, sostenuta da Lombardo e Rollier, preso atto dell’allontanamento delle prospettive di unificazione sosteneva la necessità di sciogliere l’UdS e di confluire nel PSLI45. Su posizioni opposte, anche se con qualche perplessità circa la continuazione dell’attività dell’Unione46, si trovarono invece la maggioranza degli ex–azionisti, Ignazio Silone e Luigi Carmagnola. Gli uomini del MAS–GL, in particolare, vedevano nei risultati del congresso PSLI l’imbocco di una china pericolosa, che avrebbe portato all’assorbimento dei socialisti nei due blocchi contrapposti e nella perdita della loro ragion d’essere. Non avrebbe potuto essere più esplicito Garosci quando affermava: «Il congresso […] ha prospettato nel PSLI il pericolo della formazione di un partito «andreoniano» cioè, tanto per intenderci, un partito che sente la democrazia politica solo in funzione anticomunista»47. Un simile partito, nel quale era venuta alla luce «l’e-sistenza di una destra che [era] già fuori dal socialismo democratico»48 non poteva essere accettabile per gli uomini che avevano sognato la rivoluzione democratica e che, da quando si era sciolto il Partito d’A-zione, erano andati cercando nelle varie formazioni socialiste uno strumento adatto a portare avanti il loro programma. Più consono doveva sembrare loro il progetto ormai apertamente ventilato da Romita, di una riunificazione da realizzarsi «tra la parte del PSLI che è veramente socialista», senza «coloro che a quel Congresso hanno dimostrato di essere soltanto dei radicali, e la parte del PSI che accetta la indipendenza assoluta del nostro partito dal PCI»49. Era il progetto che avrebbe portato alla nuova rottura nell’area socialista democratica e che avrebbe fatto proseguire la ricomposizione di questa per altri due anni. Nell’immediato, però, l’UdS deliberava di «sciogliere da ogni impegno gli aderenti all’Unione», decisione in conseguenza della quale il suo stesso leader Lombardo, assieme ad altre figure significative quali l’ex–azionista Rollier e l’ex–socialista Secondo Ramella50, lasciavano la formazione e aderivano al PSLI51. I membri restanti si riunivano poco dopo a Firenze e decidevano di «tenere ancora in vita l’Unione dei Socialisti e di continuare nell’azione per l’unificazione socialista»52. Essi dovevano però registrare la crisi definitiva del giornale che aveva accompagnato le loro battaglie per quasi due anni: “L’Italia Socialista” chiuse infatti i battenti il 22 febbraio 1949, per ragioni finanziarie53 probabilmente non del tutto slegate dalla fine del rapporto fra Lombardo e gli ex–azionisti54, dopo aver visto il fallimento del progetto politico che aveva sostenuto.

  • 55 La richiesta formale venne inviata dall’ambasciatore italiano a Washington, Alberto Tarchiani, il 1 (...)
  • 56 Cfr. “L’Umanità”, 4 febbraio 1949, Alberto Simonini segretario del PSLI.

13I progetti di Saragat, invece, sembravano procedere a gonfie vele. De Gasperi e Sforza, senza ancora renderlo pubblico, avevano ormai deciso l’adesione al Patto Atlantico55. Superato lo scoglio del congresso, il leader PSLI non sembrava avere più problemi a portare il suo riluttante partito in questa direzione. La sua vittoria di fine gennaio non era però stata completa. Se pure la sua mozione aveva sfiorato la maggioranza assoluta, la Direzione era risultata composta da sette membri di Concentrazione Socialista, cinque della sinistra e tre del centro di Critica Sociale: se pure segretario era stato riconfermato Alberto Simonini, che aveva ritirato la sua mozione per aderire a quella Saragat–D’Aragona, la maggioranza dell’organo dirigente del partito era in teoria orientata verso la neutralità, e lo stesso quotidiano ufficiale, “L’Umanità”, aveva mantenuto come direttore Giuseppe Faravelli56. Nelle settimane convulse che precedettero il dibattito alla Camera sulla richiesta da parte del Governo del mandato a trattare l’adesione al Patto, questa maggioranza neutralista della Direzione avrebbe cercato di ribaltare la situazione.

  • 57 Per quanto riguarda l’adesione dell’Italia, cfr. in particolare A. Liberti (a cura di) 1949: il tra (...)
  • 58 “L’Umanità”, 5 marzo 1949, La Direzione a maggioranza si è pronunciata contro i patti militari.
  • 59 Cfr. “L’Umanità”, 8 marzo 1949, Il congresso straordinario convocato per giugno a Roma. Mondolfo Se (...)
  • 60 Cfr. “L’Umanità”, 13 marzo 1949, La riunione dei parlamentari di «Unità Socialista».
  • 61 Cfr. su questo A. De Felice, Il PSLI e l’adesione…, cit.

14Non è il caso in questa sede di ricostruire nel dettaglio le vicende che portarono l’Italia a partecipare alle trattative formali di costituzione dell’Alleanza Atlantica, né di seguire l’evolversi giorno dopo giorno dello scontro interno al PSLI, argomenti che sono stati già oggetto di studi approfonditi57. Lo scontro raggiunse il culmine nelle prime due settimane di marzo, dopo che per tutto il mese di febbraio le due parti nelle quali si era diviso il partito erano andate ribadendo le proprie posizioni. Alla riunione della direzione del 4 marzo passò per otto voti contro sette una delibera proposta da Ugo Guido Mondolfo, nella quale si dichiarava che «l’Italia [doveva] essere mantenuta libera da impegni militari in un atteggiamento di neutralità»58. Nei giorni successivi emerse come questa votazione avesse segnato la saldatura fra le due correnti di centro e di sinistra: il segretario Simonini si dimise e venne sostituito da Mondolfo, con una mossa che, nei fatti, ribaltava il risultato del Congresso59. La vittoria dei neutralisti in Direzione non ebbe comunque gravi effetti sul voto in Parlamento circa il mandato del governo a trattare sul Patto: i gruppi parlamentari erano infatti composti in gran parte da esponenti della destra, che il 12 marzo deliberarono a maggioranza di votare a favore, lasciando ai parlamentari contrari libertà di astensione e rompendo di fatto con la Direzione del partito60. A questa mossa di plateale sconfessione, la Segreteria guidata da Mondolfo sostanzialmente non reagì, accettando nei fatti il compromesso della neutralità e rinunciando ad ogni tentativo di imporsi sui parlamentari. Ovviamente, un simile tentativo avrebbe potuto avere conseguenze imprevedibili, oltre che semplicemente andare a vuoto: una minoranza forte di oltre il 49% dei voti congressuali e della maggior parte degli eletti in Parlamento non si riconduce all’ordine facilmente. Il punto centrale è però proprio questo, ossia che i gruppi di sinistra e centro–sinistra evitarono di giungere ad una rottura sulla questione della NATO, come lo stesso Mondolfo si preoccupava di precisare nel corso della discussione alla Camera61. Non si trattava solamente di una consapevolezza della propria impotenza, o del timore di provocare una scissione. Tale scelta apparentemente “morbida” derivava in realtà dalla stessa impostazione politica data alla battaglia interna al partito dal gruppo di Critica Sociale e seguita, in questo caso, dalla sinistra.

15I due schieramenti che si erano formati sulla Nato coincidevano infatti con i filo e gli anti governativi, e con i filo e gli anti unitari; essi presentavano due differenti modi di concepire il rapporto fra politica estera e politica interna e di valutare la scelta sul Patto Atlantico. Per la destra, difendere quest’ultimo significava difendere la collaborazione governativa e rifiutare di farsi dettare la linea politica dagli interlocutori a sinistra; significava, in altri termini, tenere dritta la barra nella direzione che era stata segnata nel corso dell’anno precedente. A questo sentire comune si andò a sovrapporre la posizione di Saragat, che non vi è ragione di dubitare fosse genuinamente favorevole ad una alleanza occidentale, vista tutta l’evoluzione che la concezione della politica estera – e in particolare dei rapporti fra comunismo e democrazia – del futuro Presidente della Repubblica aveva conosciuto dal 1946 in poi. Per quanto riguarda le sinistre, in particolare ma non solo quella di Critica Sociale, si è visto come la scelta neutralista sorgesse anche, se non principalmente, dal timore di esacerbare la contrapposizione frontale fra la DC e il Fronte e di perdere le residue possibilità di attrarre il voto popolare, oltre che dalla volontà di non rompere con gli altri socialisti autonomisti. Esse privilegiavano, nei fatti se non nelle dichiarazioni, la politica interna e, soprattutto, la realizzazione della mitica unità socialista. Fu questo privilegiare la politica interna la causa della sconfitta delle sinistre PSLI, che non capirono come le loro posizioni “terziste”, europeiste, federaliste fossero improponibili nel contesto della guerra fredda e non potessero costituire una valida, realistica alternativa alla NATO. Tuttavia, fu anche il motivo per cui esse non spaccarono il partito su questo tema, preferendo conservare la fragile posizione conquistata in Direzione per spingere – questa volta sì con tutte le loro forze – per l’accelerazione di quel processo unitario cui subordinavano ogni altro obbiettivo tattico e strategico. Il fatto che vi fossero degli interlocutori esterni cui essi guardavano (l’UdS e gli autonomisti che, in questo torno di tempo, stavano uscendo dal PSI) rendeva molto più probabile la rottura. Questa si sarebbe infatti consumata non sulla politica estera, sulla quale Mondolfo e compagni, ma anche Zagari o Vassalli, furono più morbidi del previsto, ma sulla questione, questa sì per essi centrale, dell’unità socialista.

  • 62 Cfr, su questo A. De Felice, Il PSLI e l’adesione…, cit., pp. 284–286, dove si indicano in 15 i dep (...)

16Il mandato al Governo per condurre le trattative sull’adesione al Patto Atlantico venne quindi votato dalla maggioranza dei parlamentari del partito, nelle sedute alla Camera del 18 marzo e al Senato del 27 marzo 194962. La vittoria di Saragat e delle destre del PSLI fu netta: avendo i gruppi parlamentari socialisti democratici approvato a maggioranza l’operato del Governo, non si pose nemmeno il problema del ritiro dei ministri di Unità Socialista, ritiro che del resto non fu chiesto nemmeno dal centro–sinistra ora alla guida del Partito. Ciò non significava che le tensioni fossero state superate e che una volta aggirato lo scoglio del Patto Atlantico il partito avrebbe potuto ritrovare compattezza. Al contrario, le tensioni in quelle che erano state le liste di Unità Socialista continuarono a crescere. Ingoiato il boccone amaro della Nato, le sinistre del PSLI e ciò che restava dell’UdS si andarono organizzando unitariamente in vista del vero obbiettivo cui puntavano: l’unificazione di tutti i socialisti che rifiutavano l’alleanza con il PCI. L’uscita del gruppo di Romita dal PSI rendeva tale prospettiva concreta e, al contempo, costituiva una possibilità di ribaltare gli equilibri di forze con le destre del PSLI. Queste ultime, dal canto loro, erano decise a difendere la strategia imperniata sul binomio anticomunismo–partecipazione al governo; escluse da una manovra di vertice dalla Segreteria, convinte di avere la maggioranza all’interno del PSLI, guidate dalla leadership incontrastata di Saragat, le destre puntavano decisamente alla riconquista del partito. Tutto si giocava, ormai, nella battaglia sull’unità socialista.

2.2 Dalle prospettive unitarie alla rottura: la nascita del PSU

  • 63 Cfr. “L’Umanità”, 8 marzo 1949, Il congresso straordinario convocato per giugno a Roma, in cui si i (...)
  • 64 Secondo il questore di Roma, che seguiva attentamente tutte le vicende interne all’area, le princip (...)

17La decisione di andare ad un congresso straordinario era stata presa in concomitanza con il cambio di segreteria, a testimonianza che quest’ultimo non era considerato nemmeno dai suoi protagonisti una possibile sistemazione stabile della Direzione del partito. Il terzo congresso del Partito Socialista dei Lavoratori Italiani venne indetto per il giugno del 1949 a Roma63; esso fu, probabilmente, il più duro della breve storia del partito. La battaglia precongressuale si svolse in un clima di feroce scontro interno, in cui ogni componente tendeva ormai apertamente a delegittimare gli avversari e a dipingerli come estranei allo spirito del partito; in questo modo, da entrambe le parti si preparava, più o meno consapevolmente, la scissione. A complicare le cose si aggiunse il fatto che solo due delle tre principali forze in campo erano interne al PSLI, mentre la terza, composta da UdS e autonomisti usciti dal PSI, esercitava pressioni sempre più forti dall’esterno, accelerando le tendenze disgregatrici. Lo scontro si imperniava sempre sugli stessi punti: il riconoscimento della Nato, la partecipazione al governo, le modalità e finalità dell’unificazione socialista (contro la quale nessuno osava pronunciarsi apertamente), cui si cui si sommò, ma in una posizione più sfumata, la questione sindacale, che nella primavera del 1949 era stata agitata dall’uscita dalla CGIL di molti dei sindacalisti del PSLI64. Tuttavia, se fino a questo momento i vertici si erano mostrati più prudenti e intenzionati a scongiurare una rottura, il clima da resa dei conti che si era instaurato dopo la spaccatura sulla NATO e la sensazione che fosse oramai in gioco il controllo sul partito spinsero quegli stessi vertici a fare appello ai sentimenti più estremi presenti nella base, esacerbando le tensioni presenti in essa e bruciando progressivamente tutte le possibilità di una composizione dello scontro.

  • 65 La rivista, che aveva cadenza settimanale, pubblicò in tutto undici numeri, dal 6 aprile all’11 giu (...)
  • 66 “L’Umanità”, 11 marzo 1949, Una dichiarazione della minoranza.
  • 67 “L’Umanità”, 8 aprile 1949, Tribuna congressuale: D. Fabbrini, Mentre la casa brucia.
  • 68 “L’Umanità”, 24 aprile 1949, Tribuna congressuale: E. Ricci, Noi della destra.
  • 69 “Democrazia Socialista”, 5–11 maggio 1949, rubrica: “La voce della base”.
  • 70 “L’Umanità”, 24 maggio 1949, Tribuna congressuale: C. ANDREONI, Due politiche.
  • 71 “L’Umanità”, 6 giugno 1949, Tribuna congressuale: G. SPALLA, Perché difendiamo il nostro Partito.
  • 72 “Democrazia Socialista”, 14–20 aprile 1949.
  • 73 “Democrazia Socialista”, 9–15 maggio 1949, G. Saragat; Unità e lealtà. Il riferimento è al voto con (...)
  • 74 SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, la sezione del PSLI di Pistoia a Mondolfo, 16 aprile 1949.

18Delle due tendenze interne al partito, la destra si presentava indubbiamente come la più compatta e decisa. Poco dopo l’estromissione dalla Segreteria, essa si raccolse intorno al settimanale “Democrazia Socialista”, espressione della corrente di Concentrazione Socialista formatasi al congresso precedente65. Accusando la Segreteria di Mondolfo di «monopolizzare tutte le cariche» e dichiarando «antidemocratico e antistatutario il divisamento di Faravelli di dirigere il giornale, organo di tutto il partito, con criteri frazionistici»66, la corrente guidata da Saragat impostò la battaglia precongressuale sulla base delle parole d’ordine della libertà interna e dell’indipendenza del PSLI. Come già accennato in precedenza, il richiamo all’orgoglio e all’identità di partito costituirono il vessillo polemico della destra, l’ombrello sotto il quale essa riconduceva a unità la difesa della partecipazione al governo, la scelta atlantica, l’u-scita dalla CGIL, il sospetto e l’animosità nei confronti dell’UdS e degli autonomisti del PSI. Era una linea che, a quanto è dato rilevare, sembrava esercitare una certa presa sulla base. Ad essa si rifaceva un militante che, intervenendo sulla “Tribuna congressuale” del quotidiano di partito, attaccava quei dirigenti i quali «onde non compromettere il processo della chimerica unificazione socialista [stavano] sgretolando l’u-nico partito socialista che potrebbe dare un certo affidamento al popolo italiano»67; un altro accusava i “cari compagni” della sinistra di portare «alla liquidazione questo nostro partito che è l’unica organizzazione politica esistente in Italia» a condurre una politica autenticamente socialista68; su “Democrazia socialista”, altri ancora accusavano gli avversari di “demagogica intransigenza”, di essere “affossatori del socialismo” e “vili pecoroni”69. Tale aggressività verbale era probabilmente stimolata e sicuramente amplificata e sfruttata dai dirigenti stessi (senza l’avvallo dei quali difficilmente avrebbe trovato posto nella stampa di area), in quanto funzionale al loro obbiettivo di delegittimare le correnti di centro e di sinistra. I vertici di “Concentrazione”, abbandonata ogni ipotesi di mediazione, non erano infatti da meno quanto a toni ultimativi: non erano casi isolati quelli di Andreoni, secondo il quale il congresso doveva «solo confermare l’esistenza del PSLI come partito socialista democratico […] o dichiarare che il partito non [aveva] più ragione di esistere»70, o di Spalla, che sentimentalmente ricordava: «Il Partito nostro è il frutto del sacrificio di tanti modesti militanti che in alcuni luoghi non hanno fatto calcoli di convenienza ma che tutto hanno arrischiato, che per esso ha posto [sic] a repentaglio la tranquillità loro e delle loro famiglie ed a volte [sic] anche la loro stessa esistenza»71. Del resto, campione di tale impostazione tesa a presentare gli avversari come nemici del partito fu lo stesso Saragat il quale, abbandonati gli abituali toni concilianti ed altisonanti, si scagliava contro il “sordido opportunismo” degli avversari, riversava su Romita «per i suoi precedenti e per il modo della sua azione il sospetto che non tutto il suo rumoroso fervore [fosse] volto alla nobile causa», ribadiva come «l’unità [dovesse] realizzarsi in seno al PSLI e non altrove»72 e giungeva ad attaccare frontalmente Calamandrei: «…eletto coi nostri voti, un bel giorno sbatte le porte e se ne va, insalutato ospite. Pochi giorni dopo ce lo ritroviamo dinnanzi in veste di sollecitatore di una Costituente»73. A titolo puramente indicativo, per mostrare come tale tentativo del leader socialista democratico di intercettare le pulsioni di difesa identitaria della base avesse quanto meno terreno fertile, si può citare una lettera che la sezione del PSLI di Pistoia indirizzò a Mondolfo, concernente proprio il giurista fiorentino: in tale missiva, Calamandrei era violentemente attaccato per aver tradito il mandato conferitogli dagli elettori del PSLI, veniva definito “punta avanzata del fusionismo” ed era accusato di “arrivismo” e “malafede”74.

  • 75 “L’Umanità”, 11 maggio 1949, Tribuna congressuale: G. Caputo (segretario della Sezione di Cerisano– (...)
  • 76 “L’Umanità”, 3 giugno 1949, Tribuna congressuale; T. Ciccone (Sulmona), Le possibilità dell’opposiz (...)
  • 77 SU, FUGM, B. 3, Fasc. 4, Vero Porta a Faravelli, 19 marzo 1949.
  • 78 “L’Umanità”, 13 aprile 1949, Tribuna Congressuale: L. Faenza, A. Azzaroni, lettera a Saragat.
  • 79 “L’Umanità”, 10 aprile 1949, Tribuna congressuale; A. Poggi, Ma dove andiamo? Cfr. anche “L’Umanità (...)
  • 80 “L’Umanità”, 17 maggio 1949, Tribuna congressuale: U. Alfassio Grimaldi, Atlantismo e celerismo al (...)

19Se Concentrazione Socialista scelse come bandiere di lotta l’identità di partito e la difesa di questo dagli attacchi esterni (e infatti scelse come proprio nome ufficiale “Concentrazione socialista per la difesa del Partito”), il centro–sinistra impostò la sua battaglia sull’unificazione socialista e sulla critica della politica seguita dal PSLI nell’anno precedente. I toni furono, se possibile, ancora più duri di quelli degli avversari, ormai apertamente ritenuti al di fuori dell’alveo del movimento socialista. Anche nel caso del centro–sinistra, il quale si mosse in maniera meno lineare e più frammentata degli avversari, giungendo al congresso con più mozioni separate, si riscontra la stessa rispondenza (anche qui, probabilmente istigata dai dirigenti) fra umori della base e posizioni dei vertici. Dalla Calabria si invitavano i parlamentari a «recarsi in provincia […] per rendersi esatto conto delle situazioni locali» e di come «con l’avvallo […] dato alla politica della DC […] la clericalizzazione del paese [fosse] quasi un fatto compiuto»75; dall’Abruzzo si invitava Saragat a «non avallare con la nostra partecipazione al governo l’a-zione conservatrice e anche reazionaria della Democrazia Cristiana»76. La partecipazione al governo democristiano era sovente considerata un vero tradimento del socialismo: «Ma quale delusione ha provocato la destra! Quanta miseria!», esclamava un corrispondente alessandrino di Faravelli, che riteneva «urgente e indispensabile oggi trovare un chiaro limite di demarcazione a destra per distinguere dal pseudo socialismo piccolo borghese»77; rivolgendosi a Saragat dalle colonne della “Tribuna congressuale”, due militanti concludevano lapidari: «Ma abbiamo imparato altro da te. Che quando un socialista arriva allo scrittoio lucente di un ministero, dimentica di ragionare per classi e ragiona per Stati. Proprio come un comunista»78. Altrettanto definitivi erano i giudizi dei dirigenti, in particolare di quelli di Critica Sociale, per i quali l’alternativa era «semplicemente questa: o mantenere il nostro partito sulla strada maestra del socialismo o trasformarlo in un partito di radicalismo borghese»79. Di fronte a tale prospettiva, che pensava avrebbe portato a «una crisi insanabile tale da far prevedere scissioni, sfaldamenti e disorientamenti», Ugoberto Alfassio Grimaldi non esitava a rivolgere ad uno dei dirigenti della destra ritenuto più deciso nel perseguirla, Carlo Andreoni, il seguente consiglio: «…abbandoni un momento la penna, vada a prendere lo specchio, vi si rimiri a lungo e si vergogni»80.

  • 81 SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, Faravelli a Mondolfo, 7 aprile 1949.
  • 82 FT, FLD, B. 5 (corrispondenza 1949), Mondolfo a Faravelli, 12 aprile 1949.
  • 83 “L’Umanità”, 6 giugno 1949, Tribuna politica – G. Quazza, Conformismo: ecco il nemico. Lo stesso te (...)

20In generale, i leader neo–riformisti erano convinti che la partecipazione al governo stesse conducendo il partito verso un progressivo slittamento su posizioni conservatrici estranee al socialismo. E’quanto traspare da una lettera di Faravelli a Mondolfo nella quale, in riferimento al fatto che in alcuni comuni in provincia di Messina «i socialdemocratici [erano] entrati in liste di monarchici fascisti del MSI, “indipendenti di destra” e simile genia», si commentava ironicamente: “Nuovi orizzonti collaborazionistici”81. Lo stesso Mondolfo, in una missiva di poco successiva, constatava con amarezza che «anche in mezzo ai membri della direzione gli orizzonti collaborazionistici [andavano] sempre dilatandosi verso destra»82. Al contrario, essi propugnavano una linea di “terza forza”, neutralista in politica internazionale e di “alternativa democratica” sul piano interno, considerata la sola linea che potesse «fermare sulla via della deriva antidemocratica il malcontento (giustificatissimo) delle classi lavoratrici per l’inerzia sociale del Governo»83.

  • 84 Sulle difficoltà economiche e organizzative del PSI in questo periodo, cfr. P. Mattera, Il partito… (...)
  • 85 Le campagne per esortare gli iscritti a leggere il quotidiano di partito sono una costante di quest (...)
  • 86 SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, Carlo Casati al Segretario e alla Direzione del PSLI, 10 giugno 1949.
  • 87 CIRIEC, AT, 1.4.1.2.10, OdG del Comitato Direttivo della Federazione di Torino del 4 settembre 1948
  • 88 SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, Faravelli a Mondolfo e Cossu, 12 aprile 1949.
  • 89 Sul fatto che i rappresentanti dello IALC non avessero fin da subito fatto pressioni per la scissio (...)
  • 90 SU, FUGM, B. 3, Fasc. 4, Faravelli a Mondolfo, 14 marzo 1949.
  • 91 FT, FLD, B. 5, corrispondenza 1949, Montana a Saragat, 2 dicembre [senza anno, ma 1948]. La voce ch (...)
  • 92 Cfr. su questo FT, FLD, B. 5, corrispondenza politica, Montana a Andreoni, s. d., lettera allegata (...)
  • 93 FT, FLD, B. 5, corrispondenza 1949, Andreoni a D’Aragona, 29 settembre 1949.
  • 94 L’appoggio statunitense (non solo dello IALC, ma anche dell’ambasciata americana a Roma) alle corre (...)

21Si trattava di una linea difficile da seguire, che rischiava continuamente di oscillare in maniera eccessiva verso uno dei due campi principali e che minacciava di schiacciare il partito in una posizione sterile e, soprattutto, difficilmente sostenibile a livello economico e organizzativo. Da questo punto di vista, infatti, il PSLI si trovava nel 1949 in una condizione estremamente precaria. Si è visto come la scissione di Palazzo Barberini non avesse sortito gli effetti che alcuni dei suoi propugnatori avevano forse sperato e come il partito non potesse contare che su una piccola parte del patrimonio materiale, organizzativo e di iscritti del vecchio PSIUP (il cui principale erede, d’altra parte, stava attraversando esso stesso un periodo di gravissime difficoltà84). Nonostante il sostegno ricevuto dai sindacati italo–americani – evidentemente non continuativo o non sufficiente – nel 1949 la situazione finanziaria del partito era decisamente compromessa. Per tutto l’anno, “L’Umanità” fu a rischio di chiusura e si trovò costretta a lanciare continuamente sottoscrizioni d’emergenza, la cui stessa ricorrenza è dimostrazione del fatto che esse si rivelavano costantemente insufficienti85. Del resto, che la situazione fosse tragica è dimostrato da una lettera inviata dal responsabile finanziario del partito, Carlo Casati, al Segretario ed alla Direzione, nella quale si parla di «progressivo inaridirsi delle fonti d’entrata», si indicano passività a brevissima scadenza per 29 milioni di lire e si conclude che «la situazione […] è tale che non tollera nel modo più assoluto dilazioni di sorta»86. In una simile situazione, la partecipazione al Governo e l’assunzione di impegni ministeriali non erano probabilmente visti soltanto come strumenti alternativi di propaganda delle posizioni del partito, ma anche come fonti non secondarie di finanziamento, diretto o indiretto. Naturalmente, è questo un terreno di difficile esplorazione per la ricerca, mancando praticamente documenti a riguardo; ciò nonostante, in alcuni rari casi emergono dalle fonti elementi che sembrano confermare indirettamente tale ipotesi. La federazione di Torino, ad esempio, già nel settembre del 1948 si trovava in gravi ristrettezze economiche e chiedeva alla Direzione nazionale di «richiamare i compagni Ministri, Deputati, Senatori e quanti ricoprono cariche a cui sono stati designati dal Partito all’obbligo morale e politico di soccorrere il Partito stesso, sia con sovvenzioni dirette qualora abbiano (come spesso accade) proventi multipli, sia con l’interessamento, almeno nel proprio collegio, per la ricerca di fondi e per il disbrigo di pratiche utili ai compagni ed al Partito»87. Si può supporre che da più parti, soprattutto all’interno del pur scarno apparato del partito, si vedesse la presenza al Governo come uno strumento insostituibile per supplire alla mancanza di fonti di finanziamento e di strumenti di influenza. Proprio la debolezza organizzativa, del resto, poteva a ben vedere rendere più pressante la necessità di garantirsi tali fonti e di tali strumenti. Tutto ciò, ovviamente, giocava a favore della destra “partecipazionista”, la quale sembrava godere inoltre di appoggi superiori alle altre frazioni del partito. Secondo Faravelli, sempre attento alle questioni finanziarie e organizzativa, i «concentrati […] dispon[evano] di larghi mezzi»: essi infatti pubblicavano «l’orribile settimanale “Democrazia Socialista”, […] altri settimanali che, evidentemente riforniti di mezzi, [avevano] ingrandito il loro formato, [uscivano] a quattro pagine e [erano] distribuiti gratuitamente in tutte le sezioni del Partito»88. Fra gli altri sostenitori della destra del partito parevano esserci anche quegli stessi sindacalisti italo–americani che avevano, seppure con qualche dubbio89, appoggiato la scissione di Palazzo Barberini. Essi sembravano “furibondi” con il centro e la sinistra, ed in particolare con il loro principale referente, lo stesso Faravelli, a causa delle posizioni neutraliste che tali correnti avevano assunto, mentre Andreoni pareva fosse divenuto “il loro cucco”90. Che i rappresentanti dello IALC spingessero per una adesione al Patto Atlantico pare confermato da una lettera che Vanni Montana indirizzava a Giuseppe Saragat a fine 1948, nella quale si criticava il leader PSLI per aver minacciato le dimissioni dei ministri del partito dal governo in caso di accordi militari91 e nella quale gli si ricordava che in caso di voto contrario al Patto, i socialisti democratici avrebbero perso «gli amici ed i compagni che [erano] stati al loro fianco, anche da soli, e contro tutti, fin dai momenti più difficili». La stessa lettera conferma inoltre che i rapporti di Montana con Faravelli si stavano brutalmente deteriorando, dato che il primo pregava Saragat di risparmiargli «gli insulti di “ricattatore” ecc. ecc., con cui Faravelli rispose ad una lettera consimile». Oltre che dalla questione del Patto Atlantico, Montana sembrava preoccupato soprattutto dai problemi sindacali; egli si mostrava decisamente favorevole alla creazione di un sindacato unico degli anticomunisti, il che significava, in concreto, una fusione fra la LiberaCGIL di Giulio Pastore e la Federazione Italiana del Lavoro, nata dall’uscita dei sindacalisti PSLI dalla CGIL nella primavera del 194992. L’obbiettivo di Montana non si realizzò mai, visto che anche nella destra di Concentrazione socialista «gli avversari arrabbiati della fusione immediata tra la FIL e la LCGIL [erano] numerosissimi»93 (fra questi si trovava lo stesso Andreoni, che sembra abbia cominciato ad allontanarsi dalla sua corrente a partire da questo momento). Tuttavia, sembra evidente che le preferenze e gli eventuali appoggi dei sindacati italo–americani fossero orientati verso le destre del PSLI, il che potrebbe contribuire a spiegare la forza che queste dimostrarono nella fase precongressuale94.

  • 95 Cfr. ad esempio, “Democrazia Socialista”, 12–18 maggio 1949, 19–25 maggio 1949, 26 maggio–1 giugno (...)
  • 96 SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, Mondolfo alla Commissione del Comisco Bruxelles, 5 giugno 1949.
  • 97 Ibidem. Il fatto che Mondolfo facesse dichiarazioni tanto esplicite in una lettera inviata al Comis (...)
  • 98 Cfr. anche SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, Faravelli a Mondolfo e Cossu, 12 aprile 1949: «se veramente fos (...)

22Tale forza fu ben presto chiara sia alla destra, che non mancava occasione per segnalare le proprie vittorie ai congressi locali95, sia al centro ed alla sinistra, come dimostra una relazione inviata da Mondolfo al Comisco sullo stato del processo di unificazione. In tale relazione, il segretario del PSLI constatava che «i congressi provinciali già avvenuti in preparazione del Congresso Nazionale e le votazioni compiute nelle singole sezioni [avevano dimostrato] che [era] notevolmente cresciuto il numero dei nostri compagni favorevoli alla partecipazione al Governo», al punto che «essi avrebbero [avuto] certo la maggioranza se [si fosse discusso] del problema della partecipazione in un Congresso dei soli iscritti PSLI»96. Era per questa ragione che i leader del centro–sinistra desideravano trasformare il congresso straordinario del 16 giugno in un congresso di unificazione: secondo Mondolfo, le destre avrebbero potuto «rimanere in minoranza se [si fosse discusso della partecipazione al governo] in un congresso a cui [avessero partecipato] anche i compagni usciti dal PSI»97. Era per questo che le sinistre guardavano con tanto interesse al gruppo di Romita ed all’UdS98. Ed era questo nodo gordiano che legava unificazione e linea politica del PSLI che il congresso doveva sciogliere. Di conseguenza, le tappe fondamentali dello scontro precongressuale furono scandite dai momenti delle trattative per l’unificazione, intavolate e portate avanti dalla segreteria Mondolfo in contrasto più o meno aperto con la destra. Il percorso di queste trattative fu convulso e sarebbe eccessivo seguirlo nel dettaglio. Indicarne i momenti chiave sarà però utile a mostrare l’atteggiamento delle altre componenti in gioco, l’UdS e gli autonomisti del PSI.

23L’UdS innanzitutto, o meglio ciò che ne restava dopo la confluenza di Lombardo nel PSLI, ovvero il MAS–GL ed il gruppo di Europa Socialista.

  • 99 “L’Umanità”, 17 marzo 1949, Evitare a qualunque costo la formazione di un terzo partito – dichiaraz (...)
  • 100 “L’Umanità”, 15 maggio 1949, Solenne appello a tutti i socialisti democratici perché si raccolgano (...)
  • 101 “L’Umanità”, 15 maggio 1949, Gli autonomisti del PSI rompono con il fusionismo.

24Fortemente critica verso la corrente di Saragat, l’UdS, ora guidata da Silone, aveva salutato il cambio di maggioranza che aveva portato Mondolfo alla segreteria del PSLI come una «svolta politica […] quanto mai salutare e tempestiva»99. Si trattava di un’apertura di credito praticamente immediata, che ebbe però un seguito solo dopo che la tempesta in casa socialista democratica sul Patto Atlantico si placò momentaneamente, in coincidenza con l’avvicinarsi del congresso del PSI di Firenze. Quando ormai questo era già in corso ed appariva chiaro che la corrente di Romita sarebbe uscita dal partito, nelle vicende italiane intervenne il Comisco, con una lettera inviata ai due partiti socialisti italiani e a Silone (in rappresentanza dell’UdS). L’organizzazione dei partiti socialisti occidentali deplorava «un atteggiamento con il quale la grande maggioranza dei dirigenti del PSI si esclude[va] essa stessa dalla organizzazione socialista internazionale», rivolgeva «un appello solenne ai socialisti italiani appartenenti a qualsiasi formazione, fedeli alla indipendenza e alla democrazia, alla pace e alla libertà dei popoli, affinché si racco[gliessero] in un solo partito socialista, libero da qualsiasi vincolo con il comunismo e con il Cominform» e si impegnava «a dare a tale partito il suo appoggio fraterno e senza riserve»100. Lo stesso giorno, il quotidiano del PSLI dava notizia del discorso di Romita al Congresso del PSI, con il quale il senatore alessandrino dichiarava la sua rottura con la maggioranza del partito101.

  • 102 Cfr. su questo G. Gabrielli, Gli amici… cit.
  • 103 Cfr. su questo ACS, MI, Gab., PP, b. 110, 23 maggio 1949, relazione del questore di Roma.
  • 104 “L’Umanità”, 17 maggio 1949, Il testo del documento sottoscritto a Firenze.
  • 105 “L’Umanità”, 17 maggio 1949, Dichiarazioni del compagno Saragat.

25Nel mese successivo, gli eventi si susseguirono frenetici. In essi svolse un ruolo significativo il Comisco, che nel 1949 mostrò un livello di interventismo nelle vicende italiane che non aveva avuto in precedenza e non avrebbe più avuto in seguito102. Il 16 maggio, il giorno dopo la chiusura del XXVIII Congresso del PSI, sempre a Firenze si riunivano «su invito del […] Comisco» Romita e i suoi, Silone e altri membri dell’UdS e lo stesso Mondolfo103. «Rispondendo all’appello solenne delle conferenza internazionale di Baarn» (del Comisco), essi dichiaravano di «considerare la realizzazione dell’unificazione al primo piano delle loro preoccupazioni immediate»104. Di fronte a tale dichiarazione, che la presenza di Mondolfo al convegno sembrava avvallare come posizione della direzione del PSLI, Saragat interveniva subito a raffreddare gli entusiasmi, invitando autonomisti PSI e UdS a confluire, sic et simpliciter, nel PSLI: «Il dovere di tutti i militanti del PSLI è di spalancare le porte della loro casa a tutti i nuovi compagni. Quello dei socialisti autonomisti del PSI e dei socialisti democratici isolati è di accogliere l’appello del Comisco, e di unirsi a noi per la lotta comune contro ogni forma di oppressione e per il trionfo del socialismo democratico»105.

  • 106 Cfr. “L’Umanità”, 19 maggio 1949, Una intesa a Milano tra UdS e autonomisti, dove si dà notizia che (...)
  • 107 Cfr. ISRT, fondo PSU, B. 1, fasc. 3, sottofasc. Grosseto, il Com. Coord. Reg. a tale Sommovigo, 30 (...)
  • 108 Cfr. per esempio, “L’Umanità”, 19 maggio 1949, Una intesa a Milano tra UdS e autonomisti, 22 maggio (...)
  • 109 SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, delibera della Direzione del PSLI, 25 maggio 1949; cfr. anche “L’Umanità”, (...)
  • 110 SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, Dichiarazione della corrente autonomista proveniente dal PSI, 31 maggio 19 (...)
  • 111 “L’Umanità”, 6 giugno 1949, Ugo Guido Mondolfo, Scopi e limiti del congresso di unificazione.
  • 112 SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, Nota verbale della corrente autonomista, 1 giugno 1949; cfr. anche ivi, no (...)
  • 113 Cfr. su questo, ivi, Verbale della seduta della commissione per l’unificazione socialista, 1 giugno (...)
  • 114 Ivi, Romita a Mondolfo, 8 giugno 1949; cfr. anche ivi, dichiarazione dell’esecutivo dell’Unione dei (...)
  • 115 Sul quale, del resto, lo stesso Faravelli aveva tempo prima espresso dubbi circa il fatto che egli (...)
  • 116 “L’Umanità”, 12 giugno 1949, La proposta di un breve rinvio del congresso respinta con un voto di m (...)
  • 117 “L’Umanità”, 14 giugno 1949, Il congresso del PSLI riaffermerà la volontà unitaria della democrazia (...)
  • 118 “L’Umanità”, 15 giugno 1949, s. a. [ma Giuseppe Faravelli], Congedo.

26L’UdS e gli autonomisti non avevano tuttavia alcuna intenzione di entrare nel partito di Saragat alla spicciolata e cominciarono da subito a muoversi unitariamente106, mentre in alcune realtà locali si formavano, anche con la partecipazione delle sezioni del PSLI, comitati di coordinamento fra le tre componenti in vista dell’unificazione107. A dimostrazione di come lo stesso processo di unificazione costituisse una carta essenziale da giocare nella battaglia congressuale, va rilevato che “L’Umanità” si preoccupava sovente di dare notizia di tali iniziative locali, cercando di creare l’immagine di una forte spinta dal basso in favore della linea unitaria del suo direttore Faravelli e del segretario Mondolfo108. Il 23 maggio, il direttivo degli autonomisti del PSI e i rappresentanti dell’UdS inviavano una lettera alla Direzione del PSLI, nella quale si invitava a porre «il problema dell’unità prima e al di sopra di tutti gli altri» e a «partecipare insieme con noi e d’intesa con la Conferenza socialista internazionale, alla convocazione di un Congresso Generale di unificazione». In concreto, si proponeva che tale congresso fosse «chiamato ad asservire [sic] tutte le altre istanze congressuali in corso», ad «assorbire tutti i poteri degli organismi che ad esso [avessero partecipato] e a risolvere le questioni politiche – da quelle fondamentali e quelle contingenti – che travaglia[va] no la vita del socialismo italiano». In risposta a tale lettera, la Direzione del PSLI deliberava pochi giorni dopo di approvare l’operato di Mondolfo, di recepire le esortazioni del Comisco e di impegnarsi a «proporre al proprio congresso straordinario che si [sarebbe tenuto] il 16 giugno a Roma la sua immediata trasformazione in Congresso di unificazione»109. Cominciarono a questo punto una serie di contatti frenetici fra gli esecutivi dei tre soggetti in questione, che si incentrarono sui problemi collegati del computo dei voti da attribuire a ciascuna componente in sede congressuale e dei poteri da attribuire alle assisi straordinarie. Agli autonomisti PSI che chiedevano che, «nella momentanea impossibilità materiale di documentare il numero degli aderenti alla corrente» venisse loro attribuito «come minimo il numero di voti riportato al congresso di Firenze»110, la direzione del PSLI rispose proponendo di limitarsi a riunire il congresso per sancire l’unificazione, lasciando momentaneamente «impregiudicata ogni soluzione dei problemi politici attuali» – ovvero continuando provvisoriamente la collaborazione governativa – e demandando ad un futuro nuovo congresso unitario la «determinazione delle direttive politiche che il nuovo partito [avrebbe dovuto] seguire in materia di partecipazione al Governo, di politica estera, di politica interna ed economica e così via»111. UdS e autonomisti respinsero una simile proposta, rifiutando di «accettare, in attesa del comune congresso, la politica di […] proseguire nella collaborazione governativa»112. Gli incontri proseguirono infruttuosamente, invischiati sempre più nel gioco delle pregiudiziali, finché non si decise di richiedere l’intervento di una delegazione del Comisco per ricomporre lo scontro113. Dato che l’arrivo in Italia di tale delegazione era previsto per il 15 giugno, appena un giorno prima del congresso del PSLI, UdS e autonomisti chiesero a quest’ultimo di rimandare l’inizio dei lavori di qualche settimana «per consentire ai compagni del Comisco la possibilità di svolgere quell’opera di mediazione che [era] stata di comune accordo sollecitata»114. La segreteria di Mondolfo portò tale proposta di rinvio in Direzione, dove tuttavia essa fu respinta, grazie al voto contrario del terzo esponente della corrente di Mondolfo e Faravelli in segreteria, Martoni115. Le conseguenze furono immediate: Mondolfo si dimise da Segretario, Faravelli da direttore de “L’Umanità”, Matteotti e Cossu dall’Esecutivo. Il gruppo di Concentrazione stabilì una segreteria collegiale e mandò alla direzione del quotidiano di partito Andreoni, Treves e Valeri116. Di fronte al rifiuto di concedere un rinvio, l’UdS «dichiarava decaduta ogni possibilità di ulteriori discussioni», mentre gli autonomisti affermavano di aver essere disposti a «riprendere le trattative solo all’arrivo dei rappresentanti del Comisco»117. Nel suo articolo di congedo, l’ormai ex–direttore de “L’Umanità” si scagliava duramente contro la destra del partito, che non aveva voluto «rinunciare a una consacrazione congressuale di una vittoria ormai certa per la quale non ha badato a mezzi» e praticamente annunciava la scissione, affermando: «L’eventuale naufragio dell’unità socialista non potrà avere complici noi che […] abbiamo fatto sul serio dell’unità socialista il criterio informatore della nostra azione». Per Faravelli l’unificazione era infatti questione di vita o di morte: «Senza di essa la democrazia socialista degenera in un riformismo paternalistico e burocratico che non meno del bolscevismo ne è la perfetta negazione, del quale già si vedono purtroppo gli indizi premonitori e che segnerà la sua fine»118.

  • 119 Per i testi delle sette mozioni, cfr. G. Averardi, I socialisti… cit. Averardi attribuisce erroneam (...)

27La scissione non ebbe tuttavia luogo, in quanto al Congresso si pervenne ad una sorta di compromesso. Conviene però procedere con ordine. Alle assisi straordinarie del 16 giugno il PSLI giunse con sette mozioni; di queste, tre erano le principali, espressioni delle tre correnti di destra (“Concentrazione socialista per la difesa del partito”), di centro (“Per la difesa del socialismo”) e di sinistra (“Una politica socialista per l’unità socialista”)119. Se paragonate all’entità e alla durezza dello scontro precongressuale, tali mozioni appaiono singolarmente tendenti ad un compromesso. Tutte e tre sembrarono cercare di smorzare i toni su alcuni dei principali problemi che si dibattevano nel partito. Rispetto alla NATO, ad esempio, la mozione di destra si impegnava ad adoperarsi «affinché il Patto atlantico [permanesse] come strumento efficace per facilitare la formazione delle Federazione Europea»; la mozione di Faravelli accettava di «considerare il Patto atlantico come un fatto compiuto» e si accontentava di «impedire che [diventasse] all’interno uno strumento militaresco di reazione»; la mozione della sinistra, infine, pur ribadendo la sua opposizione ad esso, parlava anch’essa di “fatto compiuto”. Sembrava insomma che nessuna delle principali componenti fosse intenzionata a concentrare lo scontro sull’alleanza atlantica. Allo stesso modo, le posizioni sulla questione sindacale differivano solamente per sfumature di toni, ma tutte parlavano di creare «una forza orientata al sindacalismo autonomo e democratico» (sinistra), di «ricondurre il movimento sindacale sul terreno che gli [era] proprio, liberandolo da ogni ipoteca politica e confessionale» (destra), di «riportare i sindacati italiani (dentro la CGIL o, se questo non è possibile, fuori di essa) alle loro gloriose tradizioni» (centro).

28I veri punti di divisione erano la partecipazione al governo e la questione dell’unità socialista. Solamente sulla prima lo scontro era però palese e diretto. La mozione di Faravelli e Mondolfo infatti, constatando che «in nessuna parte l’opera del presente governo risponde[va] a direttive socialiste», chiedeva che «il Congresso deliber[asse] l’uscita della […] delegazione dal Governo». I centristi furono gli unici a palesare quale fosse il vero punto di scontro del Congresso, rilevando come «da puramente tattica la collaborazione [stesse] diventando strategica» e come «per garantirla, il Partito non solo [fosse] spinto a considerare conchiuso il processo dell’unità socialista, ma rischia[sse] di mettere a repentaglio la sua stessa unità interna». La mozione di sinistra, paradossalmente, era meno diretta nel suo attacco alla linea avversaria e preferiva concentrarsi sull’elenco delle inadempienze del governo e sul “progressivo slittamento a destra” di questo, per concludere che «solo il passaggio all’opposizione [poteva] ridare ai socialisti la possibilità di adempiere alla loro funzione». La mozione di Concentrazione socialista, dal canto suo, confermava implicitamente le critiche rivolte dagli avversari alla partecipazione governativa, motivando quest’ultima non tanto con ragioni di ordine economico o sociale, quanto piuttosto con la parola d’ordine della difesa democratica: essa infatti considerava «utile la collaborazione al governo con tutti i partiti che si [ponevano] risolutamente e sinceramente sul terreno della democrazia politica», collaborazione che aveva «come risultato essenziale il rafforzamento delle istituzioni repubblicane […] premessa insostituibile per condurre in modo efficace la lotta per le rivendicazioni economiche sociali della classe lavoratrice». Per quanto riguardava l’unificazione socialista, la mozione della destra ribadiva la linea già indicata: «il PSLI si rivolge in modo particolare agli «autonomisti» che militano ancora nel PSI ed a tutti coloro che […] si attardano in formazioni marginali, e li esorta a portare il loro contributo di pensiero e di azione nella casa che è anche la loro».

  • 120 Cfr. G. Averardi, I socialisti… cit.; cfr. anche “L’Umanità”, 20 giugno 1949, I risultati delle vot (...)
  • 121 Una sconfessione che appare sancita dalle manifestazioni di insofferenza che la platea congressuale (...)
  • 122 Come si è detto, la commissione del Comisco giunse a Roma il 15 giugno e intraprese subito una seri (...)
  • 123 “L’Umanità”, 9 giugno 1949, Il Congresso accetta le proposte del Comisco.
  • 124 “L’Umanità”, 20 giugno 1949, L’appuntamento è al 25 agosto.

29La vittoria, ampiamente prevista, della mozione di Concentrazione Socialista (che prese il 63,88% dei voti contro il 35,15% delle due mozioni di centro e di sinistra che si erano unificate120), costituì dunque un’aperta conferma della linea filo–governativa ed una più velata sconfessione delle prospettive unitarie a breve scadenza121. Tuttavia nemmeno la battagliera e infervorata destra del PSLI osò pronunciarsi apertamente contro il mito dell’unificazione e, nel concreto, contro le proposte del Comisco, intervenuto apposta per risolvere le divergenze fra i tre gruppi dell’area122. Tali proposte, del resto, consentivano di procrastinare il momento dell’unificazione e lasciavano quindi spazio ad ulteriori manovre: esse indicevano il congresso unitario il 25 agosto 1949 e stabilivano la nomina di commissioni paritetiche per la verifica degli effettivi di ciascuna componente. Un ordine del giorno, approvato per acclamazione, le accolse “senza riserve”123. Forte della netta vittoria, e probabilmente ansioso a questo punto di smarcarsi dal ruolo troppo di parte assunto nei mesi precedenti, Saragat si spinse ancora più in là e, nel discorso conclusivo del congresso, affermò: «io dichiaro fin da oggi che se per ipotesi al congresso unificato dovesse vincere una maggioranza di carattere anticollaborazionistico, non solleverò nessuna obiezione e mi impegno fin da ora a dare nello stesso istante le dimissioni dal Governo»124.

  • 125 Cfr. su questo “L’Umanità”, 19 giugno 1949, Approvate le modifiche all’art. 53 dello statuto.

30La linea politica del PSLI, in questo modo, rimaneva ibrida e caratterizzata da tendenze contrastanti. La vittoria congressuale della destra – la quale, grazie ad una modifica statutaria proposta da Giuseppe Spalla e approvata dal Congresso125, poteva ora contare sui quattro quinti dei membri della direzione – garantiva la permanenza del partito nella coalizione governativa; tuttavia, non si scioglieva il nodo dell’unificazione e ciò rendeva la strategia del PSLI, come aveva affermato lo stesso Saragat, provvisoria. Lo scontro fra le varie anime, interne ed esterne al partito, proseguì dunque con la stessa asprezza e con le stesse parole d’ordine del periodo precongressuale mentre, in modo per certi versi paradossale, si svolgevano i contatti fra la Direzione del PSLI (guidata ora del neo–segretario Ludovico D’Aragona), l’UdS e i gruppi autonomisti usciti dal PSI.

  • 126 ISRT, Fondo PSU, B. 4, fasc. 3, Dichiarazione politica dell’Unione dei Socialisti; cfr. anche L’Uma (...)
  • 127 ISRT, Fondo PSU, B. 4, fasc. 3, lettera inviata alle unioni regionali dell’UdS.

31Il 25 giugno, il comitato centrale dell’UdS accettò in linea di massima le proposte del Comisco riguardo il processo di unificazione e demandò al proprio esecutivo di portare avanti le trattative sulla base di quattro punti programmatici: la «solidarietà di tutti i lavoratori nella difesa delle loro condizioni di vita, delle loro aspirazioni sociali, della lotta contro le classi padronali»; la «lotta politica su due fronti»; una «politica internazionale socialista indipendente dalla politica estera delle grandi potenze» e, infine, la «democrazia interna di partito»126. Nelle comunicazioni di tale direttiva alle unioni regionali si trova una delle pochissime indicazioni generali sul numero di iscritti dell’Unione dei Socialisti, che vengono stimati intorno ai 10.000–15.000127: un numero molto esiguo, se si tiene conto che il PSLI, per quanto debole, vantava un numero di iscritti dieci volte superiore.

  • 128 ISRT, Fondo PSU, B. 4, fasc. 6, elenchi dei delegati al Convegno Nazionale di Firenze del 19 giugno (...)
  • 129 ISSGS, FGR, B. 1, fasc. 2, Luna a Romita, 25 luglio 1949.
  • 130 Cfr. ISSGS, FGR, B. 1, fasc. 2, Luna a Romita, 22 settembre 1949, dove si legge: «Presentai lunedì (...)
  • 131 ISSGS, FGR, B. 1, fasc. 2, Fornara a Romita, 10 luglio 1949.
  • 132 “L’Umanità”, 30 giugno 1949, La mozione al Convegno autonomista sul problema dell’unità socialista.

32I gruppi di autonomisti usciti dal PSI che si radunarono quattro giorni dopo in un convegno nazionale a Firenze non sembravano del resto esser molto più consistenti, se dal computo delle deleghe risultava un totale di 21.213 voti128. Tali gruppi, tuttavia, stavano ancora organizzandosi e cercando di portare con sé la maggior parte possibile di iscritti e di sezioni del PSI, il che costituiva probabilmente una delle ragioni per cui non si mostravano disponibili a compromessi con la destra del PSLI: eventuali cedimenti in senso filo – governativo avrebbero infatti costituito un potente disincentivo per quegli iscritti del PSI che, pur non apprezzando il sempre più stretto legame con i comunisti, rifiutavano di farsi “complici” dei governi centristi. E’quanto traspare dalla corrispondenza di Giuseppe Romita con alcuni notabili locali del PSI che l’ex–Ministro dell’Interno cercava di portare con sé nel nuovo partito. Emerico Luna, deputato dell’Assemblea Regionale Siciliana, si diceva ad esempio avverso alla dipendenza dai comunisti, ma temeva di fare la fine del PSLI: «ma temo il pericolo saragattiano, e cioè l’iniezione nel Partito nostro di gente che è socialista solo a parole. Saragat è un traditore! Perché poteva anche staccarsi dal suo partito, ma non doveva garantire la dittatura nera!»129. Il vecchio riformista siciliano finì per convincersi della scelta di Romita e lo seguì nel nascente Partito Socialista Unitario130, ma non tutti fecero la stessa scelta. Piero Fornara, socialista novarese di idee autonomiste ed ex–deputato alla Costituente, declinò l’invito di Romita spiegando: «non riesco a pensare che alleati, volenti o nolenti, ai saragattiani decisi a restare nel governo (e tu sai che ci resteranno sempre o almeno finché non saranno scacciati dai DC come limoni spremuti) voi possiate far nulla di buono in senso socialista»131. Di fronte a quello che doveva essere uno stato d’animo diffuso tra le file autonomiste ancora indecise se aderire all’ennesima scissione dal corpo del PSI, soprattutto dopo i risultati del congresso del PSLI, Romita e i suoi non potevano dunque mostrarsi cedevoli sui temi dell’opposizione al governo democristiano e al Patto Atlantico. La mozione finale del convegno di Firenze del 29 giugno 1949, per quanto ribadisse che «la unificazione delle forze socialiste costitui[va] l’unica possibilità di sbloccare la situazione politica italiana», non esitava quindi a esprimere «il proprio dissenso dai risultati del congresso del PSLI» e a ribadire tutti gli elementi di disaccordo con gli interlocutori. Tale mozione indicava i principali punti programmatici che avrebbero dovuto caratterizzare il nuovo partito unificato, mostrando di non avere alcun desiderio di compromesso con la destra del PSLI: «a) solidarietà incondizionata con la lotta che i lavoratori del braccio e della mente conducono per la instaurazione di una società socialista […] b) opposizione volta a dare al socialismo la direzione politica del paese […] c) resistenza alla invasione democristiana che tende a trasformare la Repubblica in regime conservatore e clericale […] d) opposizione ad alleanze e patti militari, e quindi anche al Patto Atlantico […] e) autonomia del partito, che deve essere liberato da patti e legami permanenti con qualsiasi altra organizzazione politica»132.

  • 133 ISRT, Fondo PSU, B. 4, fasc. 3, “lettera ai compagni” del 4 luglio 1949. In tale lettera si indica (...)
  • 134 INSMLI, FMAR, B. 4, fasc. 41, Dichiarazione per la “Corrente per l’unità socialista” di Giuseppe Fa (...)
  • 135 FT, FLD, B. 5, corrispondenza 1949, D’Aragona a Romita, 1 luglio 1949.

33A fianco di UdS e autonomisti, che all’inizio del luglio del 1949 deliberarono «di costituirsi in federazione, sotto il nome di Movimento di Unificazione Socialista, al fine di coordinare i loro sforzi in vista del Congresso di unificazione socialista»133, si schierarono nell’attacco alla nuova Direzione del PSLI le sinistre di questo partito, sconfitte sul piano congressuale, ma determinate a pervenire comunque ad un’unificazione che cambiasse i rapporti di forza interni. In un documento steso da Faravelli a nome della “Corrente per l’unità socialista”, che univa centro e sinistra del PSLI, si rilevava la «crescente invadenza della Democrazia Cristiana in tutte le forme di vita del paese» e si constatava che «nessun alito socialista si [riusciva] ad infondere in nessuna delle varie forme dell’azione governativa»; per queste ragioni, un’ulteriore permanenza dei ministri del PSLI nel governo rischiava di «corrompere lo strumento stesso della nostra lotta: il Partito nel quale, per la sempre crescente influenza che vi esercita[va] no ceti conservatori, sta[va] verificandosi un lento e quasi inavvertito […] degenerare dello spirito socialista in un riformismo paternalistico e oligarchico che non [aveva] niente a che fare col socialismo democratico»134. I toni molto aspri di tale documento non costituivano un caso isolato: all’inizio di luglio, D’Aragona scriveva a Romita, rinfacciandogli i durissimi attacchi rivolti alla destra del partito, accusata di adoperare senza scrupoli i vantaggi dati dalla posizione governativa. Sul numero del 16 giugno della sua rivista «Panorama Socialista», Romita aveva infatti parlato di «infinita rete di complicità che si otten[eva] attraverso i favori governativi, l’appoggio dei prefetti, delle camere di commercio, delle concessioni industriali»135. D’Aragona concludeva chiedendosi, e chiedendo al leader autonomista, se fossero quelli i toni adatti per giungere ad un congresso di unificazione.

  • 136 Cfr. ad esempio, “L’Umanità”, 30 luglio 1949, Una dichiarazione sull’unificazione socialista.
  • 137 FT, FLD, B. 5, corrispondenza 1949, Silone al Comitato Esecutivo del PSLI, 5 agosto 1949.
  • 138 FT, FLD, B. 5, corrispondenza 1949, Il Comitato Esecutivo del PSLI al C. E. dell’UdS, 11 agosto 194 (...)

34A questi attacchi la Direzione del PSLI rispose con durezza, ribadendo la scelta governativa e criticando gli atteggiamenti delle sinistre del partito e degli interlocutori esterni, considerati antiunitari136; soprattutto, essa rifiutò di rendere conto a chicchessia delle scelte del partito, considerando le richieste di chiarimenti che giungevano da UdS e autonomisti come indebite ingerenze. A Silone che domandava delucidazioni circa la “quasi completa assenza di reazione” del PSLI ai progetti di leggi sindacali e di legge elettorale maggioritaria ventilati dal governo137, l’e-secutivo del PSLI rispondeva con sussiego, minimizzando le questioni e nascondendosi dietro questioni di procedura o di adeguata informazione, e concludeva: «Abbiamo voluto rispondere ai punti da voi indicati per una ragione di pura cortesia, perché della nostra azione dobbiamo rispondere esclusivamente agli organi di partito»138.

  • 139 “L’Umanità”, 22 luglio 1949, La prima riunione del Comitato Misto.
  • 140 Cfr. “L’Umanità”, 31 agosto 1949, Il congresso di unificazione si terrà dal 4 al 12 dicembre.
  • 141 Cfr. “L’Umanità”, 7 settembre 1949, Approvate le norme per il congresso; 8 settembre 1949, Definite (...)
  • 142 INSMLI, FMAR, B. 4, fasc. 41, lettera ai componenti della corrente di Concentrazione socialista, s. (...)
  • 143 In un momento imprecisato successivo al convegno di Firenze del 29 giugno, gli autonomisti assunser (...)
  • 144 ISRT, Fondo PSU, B. 1, fasc. 3, E[nzo] E [nriques] Agnoletti (per la segreteria UdS) ai compagni, 9 (...)
  • 145 Cfr. ad esempio, ISRT, Fondo PSU, B. 1, fasc. 3, dove è conservata la corrispondenza fra il comitat (...)
  • 146 ISRT, Fondo PSU, B. 8, fasc. 4, Promemoria per la stampa a cura dell’ufficio stampa del congresso d (...)
  • 147 Cfr. ad esempio ACS, MI, Gab., PP, b. 110, 13 novembre 1949, rapporto del questore di Roma in cui s (...)
  • 148 Cfr. “L’Umanità”, 14 settembre 1949, C. A[ndreoni], Quesiti a Romita; 18 ottobre 1949, Carlo Andreo (...)
  • 149 “L’Umanità”, 20 ottobre 1949, G. Spalla, Lettera ai compagni.
  • 150 “L’Umanità”, 21 ottobre 1949, C. A[ndreoni]. Quale unificazione? In maniera più indiretta, lo stess (...)
  • 151 Cfr. su questo ISRT, Fondo PSU, B. 6, fasc. 3, Circolare no 1 del Comitato centrale di coordinament (...)

35Sospetti e insofferenze caratterizzavano insomma i rapporti fra le varie componenti che avrebbero dovuto condurre le trattative per l’u-nificazione. Queste presero comunque il via il 21 luglio 1949, con la richiesta di Romita di spostare il Congresso «dal 25 agosto al periodo novembre–dicembre del corrente anno»139, richiesta che venne prontamente accolta dagli interlocutori. A fine agosto, la data del congresso venne definitivamente individuata nel 4 dicembre140, mentre nel corso del mese successivo vennero messe a punto le regole per la nomina delle commissioni paritetiche e per la verifica degli iscritti141. Nel frattempo, tutte le frazioni si mobilitavano per giungere all’appuntamento congressuale nelle posizioni più forti possibili. La corrente di Concentrazione socialista invitava i suoi membri a «vigilare su tutte le nuove iscrizioni per evitare infiltrazioni comuniste, che [avrebbero potuto] snaturare completamente l’indirizzo politico del Partito», a «fare opera di proselitismo portando nel Partito nuove forze sinceramente orientate verso il socialismo democratico», ad «aumentare in questi mesi il numero delle sezioni del Partito, in modo che in autunno il Partito [potesse] contare sull’attività di almeno 500 nuove sezioni»142. Gli autonomisti143 e l’UdS, dal canto loro, avevano ben chiaro quale fosse l’obbiettivo fondamentale del congresso: «battere la tendenza impersonata da Saragat»144. A tal fine, essi cercarono di fare opera di proselitismo fra gli indecisi del PSI e i gruppi più dispersi della diaspora socialista145. Quanto successo riscuotessero, è difficile da quantificare. Tuttavia, in un promemoria presentato al Congresso di Firenze di fondazione del PSU, si indicano circa 30.000 iscritti per l’UdS e fra i 60 e gli 80.000 per i gruppi di autonomisti146, il che, in rapporto alle cifre fornite in precedenza, sembrerebbe attestare un certo successo del lavoro precongressuale. Stando a tale promemoria, la somma dei voti di queste due componenti e del centro–sinistra del PSLI (che si riteneva disponesse di circa 50.000 voti) avrebbe minacciato di mettere in minoranza il gruppo di Saragat, che poteva contare approssimativamente su 100.000 voti congressuali e che per questa ragione avrebbe deciso di abbandonare il congresso di unificazione. E’piuttosto difficile verificare la veridicità di tale interpretazione, che comunque sembra essere stata condivisa dalle autorità di polizia che seguivano le vicende, timorose (senza reale motivo, per altro) di uno sbandamento dei socialisti democratici verso posizioni filo–comuniste147. Una conferma indiretta sembra potersi trarre dai toni degli interventi precongressuali che i principali esponenti della destra del PSLI fecero su “L’Umanità”. Se infatti fino a metà ottobre gli articoli del direttore del giornale, Carlo Andreoni, seguivano il solito schema di attacco agli autonomisti, che si fondava sull’accusa di favorire il comunismo e sulla difesa dell’operato del partito criticato da Romita e dall’UdS148, nella seconda metà del mese una nuova tematica entrava nel discorso dei membri della Concentrazione Socialista. A proporla era Giuseppe Spalla, che già nella primavera era stato il portavoce della difesa “sentimentale” del partito e che ora spiegava così la strategia delle sinistre del PSLI e dei loro alleati: «Costruire un altro Partito! Ma l’impresa non è facile perché il distruggere è assai meno faticoso del costruire; si gioca allora la carta grossa: il Congresso. Se si conquista la maggioranza si ha a disposizione lo strumento che gli altri hanno faticosamente forgiato, o diversamente ci si vale del Congresso come palcoscenico per montare il fatto clamoroso di una scissione che consenta di trascinare con sé una parte del nostro Partito […]. Ed a questo gioco si prestano molto volentieri quegli stessi nostri iscritti che affannosamente si adoperano per creare l’atmosfera del dissolvimento interno»149. Carlo Andreoni esprimeva, in maniera molto più brutale, ma con identici intenti, lo stesso convincimento quando parlava di «questo fatto nuovo nella storia politica, costituito dal tentativo di «rubare» un partito»150. Non è quindi assurdo ipotizzare che l’andamento delle operazioni di verifica della consistenza dei gruppi a livello locale e regionale, operazioni che dovevano terminare il 31 ottobre e che quindi erano probabilmente in fase conclusiva151, si stesse rivelando sfavorevole alla corrente di Concentrazione.

  • 152 Tre erano le mozioni nazionali presentate al comitato di coordinamento dei tre gruppi: quella della (...)
  • 153 “L’Umanità”, 1 novembre 1949, Il Partito ritira l’adesione al Congresso di unificazione e invita i (...)
  • 154 Cfr. “L’Umanità”, 28 ottobre 1949, Tre mozioni nazionali… cit.

36Tale ipotesi sembra trovare un’ulteriore, per quanto sempre indiretta, conferma dalla tempistica con cui la Direzione del PSLI decise di ritirarsi dal congresso e dalle motivazioni che essa addusse per tale decisione. Il giorno stesso in cui si chiudeva la raccolta e la verifica delle adesioni al nuovo partito, infatti, l’organo direttivo del partito si riunì e emise un comunicato che segnava una brusca inversione di rotta. Esso attaccò la mozione presentata in comune dall’UdS e dagli autonomisti152, accusandola di «non avere ancora trovato un reale assestamento sulla comune piattaforma socialista democratica quale si [era] venuta precisando in questi ultimi anni in tutti i partiti socialisti del mondo libero», definendone il linguaggio “offensivo e ingiurioso” nei confronti del PSLI e denunciando le “forme plebiscitarie” di reclutamento messe in atto dai suoi firmatari153. Se le accuse di aver portato avanti una politica di tesseramento eccessiva sono difficilmente verificabili, non vi è dubbio che quelle relative agli attacchi al PSLI avevano un certo fondamento: la mozione di UdS e autonomisti parlava infatti, in riferimento all’azione del PSLI fino a quel momento, di «linea politica dettata dalla sfiducia nell’avvenire del socialismo», di scelta di «fiancheggiare e sostenere un regime conservatore», di volontà di «subordinare gli interessi [del Paese] a una qualsiasi influenza imperialistica»154. In realtà, ciò che stava accadendo era che finalmente le contraddizioni fra due linee politiche antitetiche, i cui rappresentanti rifiutavano di scendere a compromessi sui punti chiave, erano giunte al punto di rottura.

  • 155 “L’Umanità”, 3 novembre 1949, Un comunicato del centro–sinistra.
  • 156 ISRT, Fondo PSU, B. 6, fasc. 3, circolare del comitato Centrale di Unità Socialista (Centro–sinistr (...)
  • 157 ISRT, Fondo PSU, B. 6, fasc. 3, dichiarazione del Comitato centrale di coordinamento e di controllo (...)
  • 158 “L’Umanità”, 27 novembre 1949, L’ultima “dichiarazione” del centro–sinistra.
  • 159 Per l’elenco completo dei deputati del gruppo del PSU, costituitosi ufficialmente il 31 gennaio 195 (...)
  • 160 Cfr. ISTORETO, FAG, B. 67, fasc. 1401, Verbale della seduta plenaria del 7 dicembre 1949.

37E la rottura questa volta avvenne. Il centro–sinistra del PSLI, che la aveva evitata in occasione dello scontro sul Patto Atlantico e che la aveva solo ventilata al III Congresso, la mise in atto quando vide che le sue residue speranze di ribaltare la situazione interna al partito andavano in fumo. Il 3 novembre 1949, il “comitato centrale della corrente di Unità Socialista”, ovvero del centro–sinistra, dichiarava di «non poter prendere atto della deliberazione della Direzione del PSLI» perché illegittima e in contrasto con il mandato congressuale. Esso «constata[va] che la competenza e i poteri del comitato centrale di coordinamento per la unificazione socialista [permanevano] immutati e lo invita[va], pertanto, a continuare la sua opera, rivolta a condurre tutte le forze socialiste democratiche al congresso di unificazione»155. Era l’annuncio della scissione, che veniva confermata da un comunicato dell’8 novembre, nel quale si dichiaravano “illegali” le decisioni della Direzione e si invitavano le sezioni e le federazioni a proseguire nei lavori precongressuali156. Il giorno prima, il Comitato centrale di coordinamento e di controllo per l’unificazione socialista, composto dai rappresentanti di UdS e autonomisti e da Mondolfo e Faravelli per il centro–sinistra del PSLI, aveva «preso atto dell’assenza degli esponenti della destra del PSLI»157 ed aveva deliberato di proseguire i suoi lavori. A fine novembre, la corrente di centro–sinistra dichiarò di «assumere […] integralmente la rappresentanza del patrimonio del PSLI, di tener fede agli impegni assunti verso il socialismo italiano e il socialismo internazionale e di continuare l’organizzazione per la partecipazione del PSLI al congresso di unificazione in programma a Firenze dal 4 all’8 dicembre»158. Su 33 deputati di Unità Socialista, 13 scelsero di aderire alla scissione. A questi (fra i quali vi erano Mondolfo, Zagari, Vigorelli, Calamandrei, Corrado Bonfantini e Matteo Matteotti) si aggiunse Giuseppe Lupis, uscito dal PSI al seguito di Romita159. Dieci furono i senatori che aderirono al nuovo partito, quattro provenienti dal PSLI (Gaetano Pieraccini, Luigi Carmagnola, Luigi Rocco, Francesco Zanardi) e sei dal PSI (Giovanni Cosattini, Emidio Leopardi, Virgilio Luisetti, Salvatore Molè, Giuseppe Romita, Tommaso Tonello)160. Il 4 dicembre 1949, al teatro Niccolini di Firenze, si apriva il congresso di fondazione del Partito Socialista Unitario.

Notes

1 Cfr. F. Fornaro, Giuseppe Romita,… cit.

2 Sulle dinamiche dell’adesione dell’Italia alla Nato, e in generale sulla politica estera dei primi governi De Gasperi, cfr., O Barié, Gli Stati Uniti, l’Unione Occidentale e l’inserimento dell’Italia nell’Alleanza Atlantica, in ID (a cura di), L’alleanza occidentale. Nascita e sviluppi di un sistema di sicurezza collettivo, Il Mulino, Bologna 1988; R. Quartararo, Italia e Stati Uniti. Gli anni difficili 1945–1952, ESI, Napoli 1986; A. Liberti (a cura di), 1949: il trauma della Nato. Il dibattito alla Camera sull’adesione dell’Italia al Patto Atlantico, Edizioni Cultura della Pace, San Domenico di Fiesole 1989; E. Di Nolfo, R. H. Rainero, B. Vigezzi (a cura di), L’Italia e la politica di potenza in Europa, vol. II, 1945–50, Marzorati, Milano 1990. Sulla linea politica di De Gasperi negli anni del centrismo, cfr. P. Craveri, De Gasperi, Il Mulino, Bologna 2006.

3 Sulla forza dei sentimenti neutralisti e sulle ragioni che, almeno in alcune componenti politiche, li ispiravano, così come sulla identificazione fra politica estera e politica interna, cfr. R. Quartararo, Italia e Stati Uniti… cit.; B. Vigezzi, De Gasperi, Sforza, la diplomazia italiana fra Patto di Bruxelles e patto atlantico (1948–49) in «Storia Contemporanea», a. XVIII, no 1, febbraio 1987.

4 Cfr. su questo F. Fornaro, Giuseppe Saragat, cit.

5 Cfr. su questo, e in particolare sull’esperienza parigina di Saragat, M. Donno, Socialisti… cit.

6 Cfr. questo “L’Umanità”, 23 ottobre 1948, s. a. La Federazione europea è la meta degli accordi di Parigi.

7 Cfr. su questo R. Quartararo, Italia e Stati Uniti… cit.

8 Per fare un esempio, sulla questione del patto di Bruxelles, Zagari stesso si dichiara concorde con «la tesi anti–isolazionista di Saragat» e con la posizione di questi circa la «inaccettabilità dell’incameramento della nostra politica estera nel patto di Bruxelles» [IS, 1 ottobre 1948, s. a. La politica estera pietra di paragone dei partiti socialisti.].

9 “L’Umanità”, 26 ottobre 1948, s. a. Il congresso del Partito a Milano in Gennaio.

10 Cfr. ad esempio “L’Umanità”, 2 dicembre 1948, s. a. Un chiarimento necessario, dove riporta l’affermazione di Saragat, in realtà piuttosto sibillina, che l’indirizzo che De Gasperi «intende dare alla politica estera italiana si concilia con quello del nostro Partito»; IS, 2 dicembre 1948, Distensione nel governo dopo un chiarimento sui patti militari, in cui si riferisce di un colloquio De Gasperi–Saragat, nel quale il primo avrebbe rassicurato il secondo sul fatto che «noi siamo orientati verso la federazione, non verso i patti militari».

11 Cfr. su questo O. Barié, Gli Stati Uniti… cit., e R. Quartaro, Italia e Stati Uniti… cit.

12 Le vicende del dibattito interno al PSLI sulla politica internazionale negli anni 1946–1949, e in particolare sull’adesione dell’Italia al Patto Atlantico, sono ricostruite con accuratezza e dovizia di particolari in A. De Felice, La socialdemocrazia e la scelta occidentale dell’Italia, 1947–1949… cit.; a tale opera si rimanda quindi per una storia dettagliata dell’evolversi delle posizioni delle diverse correnti del PSLI sulla questione, mentre in questa sede ci si concentrerà principalmente sui temi chiave del dibattito e soprattutto sulle implicazioni di questo nella definizione della linea politica e dell’identità culturale e ideologica del partito, nonché sull’impatto che esso ebbe sui rapporti con le altre componenti della “nebulosa socialista democratica”.

13 Cfr. “L’Umanità”, 19 ottobre 1948, P. Treves, Le vecchie formule non bastano più, dove si sostiene l’accettabilità di accordi anche militari, purché siano inseriti in un contesto di integrazione politica e economica fra le sedici nazioni aderenti al Piano Marshall.

14 “L’Umanità”, 21 ottobre 1948, C. Andreoni, Sotto il segno della realtà.

15 FT, FLD, B. 5, corrispondenza 1948, Carlo Andreoni a Giuseppe Faravelli del 28 ottobre 1948, nella quale si afferma polemicamente che il partito «a grande maggioranza ha auspicato infatti la graduale trasformazione del Patto dei Sedici in un patto che sia anche politico–militare e apra le porte alla costituzione della Federazione Europea».

16 Cfr. anche A. De Felice, Il PSLI e la scelta occidentale… cit.

17 “L’Umanità”, 24 novembre 1948, Tribuna Libera, M. Punzo, Prima neutralisti, poi federalisti.

18 “L’Umanità”, 16 ottobre 1948, Tribuna Libera, G. Vassalli, Dobbiamo restare neutrali.

19 Atti parlamentari – Camera dei Deputati, Discussioni, vol. IV, p. 5067, cit. in A. De Felice, Il PSLI e la scelta occidentale… cit., p. 95.

20 CS, 1 ottobre 1948, UGM, Atmosfera torbida.

21 CS, 16 ottobre 1948, UGM, Per una pace vera.

22 Cfr. A. De Felice, Il Psli e la scelta occidentale (1948–1949), cit. CS, 1 novembre 1948, P. Gallardo, Parliamo ancora di politica estera; CS, 16 dicembre 1948, B. Cialdea, Considerazioni sulla politica estera.

23 CS, 15 novembre 1949, UGM, Appello alla saggezza.

24 Sul rifiuto del realismo politico e sulla rivendicazione dell’idealismo come strumento di azione politica e come elemento costitutivo della cultura socialista, cfr. CS, 1 marzo 1949, UGM, Ancora sul Patto Atlantico, dove si legge «Questa dichiarazione potrà sembrare infirmata di un’inverosimile ingenuità agli occhi di coloro che tengono soprattutto ad essere seguaci della “Realpolitik”; [ma] se non ci fosse una certa dose di idealismo in tutte le nostre aspirazioni, potremmo e dovremmo rinunciare anche ad essere socialisti».

25 Cfr. CS, 16 dicembre 1948, U.G. Mondolfo (discorso alla Camera), La politica estera dell’Italia–la posizione di Unità Socialista, dove si afferma: «Noi crediamo di poter ravvisare […] un carattere puramente difensivo e perciò uno scopo sostanzialmente pacifico del Patto di Bruxelles e forse anche del preannunciato patto Atlantico».

26 CS, 16 gennaio 1949, UGM, Il compito del nostro Congresso.

27 IS, 26 gennaio 1949. s. a. La difficile via del Socialismo nella lucida impostazione di Faravelli; cfr. anche G. Averardi, I socialisti… cit., p. 77.

28 CS, 1 febbraio 1949, G. PISCHEL, Prospettive del Patto Atlantico.

29 IS, 19 ottobre 1948, p. v [ittorelli], Posizioni aventiniane. Cfr. anche IS, 13 novembre 1948, p. v., L’Italia e il Patto Atlantico.

30 IS, 9 gennaio 1948, p. v. E’utile l’adesione italiana al Patto Atlantico? Da notare che Vittorelli afferma anche che «se i socialisti avessero in Italia la forza che hanno in Inghilterra, essi potrebbero assumere qualsiasi impegno, poiché la loro forza sarebbe una garanzia delle finalità pacifiche dell’impegno stesso e sarebbero anche in grado di persuadere la classe operaia di queste finalità.» Il che costituisce un’ulteriore dimostrazione del fatto che il cuore del problema risieda nelle ricadute politiche e propagandistiche del patto.

31 IS, 11 gennaio 1949, p. v., Politica militare degli S. U. in Europa.

32 IS, 16 dicembre 1948, A. G[arosci], Mozioni PSLI.

33 Sulle varie mozioni presentate al II Congresso del PSLI, cfr. G. Averardi, I socialisti… cit.

34 Cfr. IS, 12 gennaio 1949, Democristiani e socialisti si preparano alla spiegazione; 13 gennaio 1949, Accentuata prevalenza del centro e della sinistra nei congressi provinciali del PSLI; 14 gennaio 1949, Apertura degli autonomisti del PSI per l’unificazione del socialismo democratico; 15 gennaio 1949, La sinistra del PSI chiede la ricostituzione del Fronte, nei quali si riportano i dati di una serie di congressi provinciali (fra i quali quelli di Roma, Milano, Genova e di molte città del centro–nord) che sembrano mostrare una netta prevalenza delle due mozioni in questione; nel primo articolo citato, si afferma esplicitamente che «Sinistra e centro appaiono, da queste prime prove congressuali, assai rafforzati rispetto allo scorso anno».

35 Cfr. CIRIEC, AT, 1.4.1.2.10. Lancio stampa ARI, 15 dicembre 1948.

36 E’indicativo che Spalla faccia riferimento a coloro che «fino a pochi mesi fa continuavano ad insolentirci», si richiami «alle ragioni fondamentali della nostra scissione» e rifiuti di «rinunciare a quello che siamo in cambio di una facile popolarità» [G. Averardi, I socialisti… cit., p. 80].

37 Ibidem.

38 Ivi, p. 74.

39 Ivi, p. 75–76.

40 Cfr. “L’Umanità”, 8 gennaio 1949, La relazione di Saragat sulla politica estera; IS, 8 gennaio 1949, Il PSI riscriverà al Comisco, il PSLI rinvia tutto al Congresso.

41 A. De Felice, Il PSLI e la scelta occidentale… cit., p. 101.

42 G. Averardi, I socialisti… cit., pp. 82–87, passim.

43 Ivi, p. 92.

44 Dati tratti da G. Averardi, I socialisti… cit.

45 Cfr. IS, 1 febbraio 1949, Mutate organizzazione e prospettive nel gruppo della “Unione dei Socialisti”.

46 Dagli appunti che Mario Alberto Rollier prese in occasione dell’incontro sembra infatti che, almeno in un primo tempo, Silone, Garosci e Vittorelli ritenessero che l’UdS avesse perso ormai ogni utilità, e che andasse sciolta. [Cfr. INSMLI, FMAR, B. 3, Fasc. 30].

47 IS, 1 febbraio 1949, A. G[arosci], Il dibattito nell’Unione dei Socialisti.

48 IS, 22 febbraio 1949, A. G., Congedo e appuntamento.

49 IS, 16 febbraio 1949, Cordiale polemica tra Faravelli e Romita. Stando alle carte di Rollier sulla riunione del 30 gennaio, Vittorelli aveva espresso tale opinione, riportata in un appunto che recita «autono. PSI + sinistra PSLI = Vero Part. Soc.» [INSMLI, FMAR, b. 3, Fasc. 30].

50 Sul quale cfr. F. Andreucci, T. Detti, Il movimento operaio… cit., ad nomen.

51 Cfr. ACS, MI, Gab., PP, b. 112, 8 febbraio 1949, relazione del questore di Roma.

52 Ivi, 23 aprile 1949, relazione del questore di Roma.

53 Ibidem.

54 Cfr. su questo D. Pipitone, “L’Italia Socialista”… cit.

55 La richiesta formale venne inviata dall’ambasciatore italiano a Washington, Alberto Tarchiani, il 1 marzo 1949; la risposta positiva americana giunse esattamente una settimana dopo, l’8 marzo. Cfr. su questo O. Barié, Gli Stati Uniti… cit.; R. Quartararo, Italia e Stati Uniti… cit.; A. Liberti (a cura di), 1949: il trauma… cit.

56 Cfr. “L’Umanità”, 4 febbraio 1949, Alberto Simonini segretario del PSLI.

57 Per quanto riguarda l’adesione dell’Italia, cfr. in particolare A. Liberti (a cura di) 1949: il trauma… cit.; per quanto riguarda le vicende interne del PSLI, cfr. A. De Felice, Il PSLI e l’adesione al Patto Atlantico, cit.

58 “L’Umanità”, 5 marzo 1949, La Direzione a maggioranza si è pronunciata contro i patti militari.

59 Cfr. “L’Umanità”, 8 marzo 1949, Il congresso straordinario convocato per giugno a Roma. Mondolfo Segretario del Partito – Faravelli direttore de L’Umanità.

60 Cfr. “L’Umanità”, 13 marzo 1949, La riunione dei parlamentari di «Unità Socialista».

61 Cfr. su questo A. De Felice, Il PSLI e l’adesione…, cit.

62 Cfr, su questo A. De Felice, Il PSLI e l’adesione…, cit., pp. 284–286, dove si indicano in 15 i deputati di Unità Socialista che votarono favorevolmente all’Ordine del Giorno sulla fiducia al Governo sulla politica estera (11 gli astenuti, 3 gli assenti, un no di Calamandrei) e in 10 i senatori che fecero la medesima scelta (3 gli astenuti, un assente)

63 Cfr. “L’Umanità”, 8 marzo 1949, Il congresso straordinario convocato per giugno a Roma, in cui si indicano le date del 10, 11 e 12 giugno per la riunione delle assise del partito. Esse saranno in seguito spostate leggermente più in là nel tempo e si apriranno il 16 di giugno.

64 Secondo il questore di Roma, che seguiva attentamente tutte le vicende interne all’area, le principali questioni erano la partecipazione al Governo e l’unificazione socialista. Cfr. ACS, MI, Gab., PP, b. 110, 19 maggio 1949, relazione del questore di Roma

65 La rivista, che aveva cadenza settimanale, pubblicò in tutto undici numeri, dal 6 aprile all’11 giugno 1949; essa era direttamente finalizzata alla battaglia precongressuale.

66 “L’Umanità”, 11 marzo 1949, Una dichiarazione della minoranza.

67 “L’Umanità”, 8 aprile 1949, Tribuna congressuale: D. Fabbrini, Mentre la casa brucia.

68 “L’Umanità”, 24 aprile 1949, Tribuna congressuale: E. Ricci, Noi della destra.

69 “Democrazia Socialista”, 5–11 maggio 1949, rubrica: “La voce della base”.

70 “L’Umanità”, 24 maggio 1949, Tribuna congressuale: C. ANDREONI, Due politiche.

71 “L’Umanità”, 6 giugno 1949, Tribuna congressuale: G. SPALLA, Perché difendiamo il nostro Partito.

72 “Democrazia Socialista”, 14–20 aprile 1949.

73 “Democrazia Socialista”, 9–15 maggio 1949, G. Saragat; Unità e lealtà. Il riferimento è al voto contrario che il giurista fiorentino, solo fra i deputati di Unità Socialista, espresse sul Patto Atlantico.

74 SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, la sezione del PSLI di Pistoia a Mondolfo, 16 aprile 1949.

75 “L’Umanità”, 11 maggio 1949, Tribuna congressuale: G. Caputo (segretario della Sezione di Cerisano–Cosenza), Ritornare a Palazzo Barberini.

76 “L’Umanità”, 3 giugno 1949, Tribuna congressuale; T. Ciccone (Sulmona), Le possibilità dell’opposizione.

77 SU, FUGM, B. 3, Fasc. 4, Vero Porta a Faravelli, 19 marzo 1949.

78 “L’Umanità”, 13 aprile 1949, Tribuna Congressuale: L. Faenza, A. Azzaroni, lettera a Saragat.

79 “L’Umanità”, 10 aprile 1949, Tribuna congressuale; A. Poggi, Ma dove andiamo? Cfr. anche “L’Umanità”, 22 aprile 1949, Tribuna Congressuale; U. Alfassio Grimaldi, La funzione del centro, dove si afferma che il PSLI avrebbe finito per «cessare di essere socialista se la maggioranza assoluta [fosse toccata] alla destra».

80 “L’Umanità”, 17 maggio 1949, Tribuna congressuale: U. Alfassio Grimaldi, Atlantismo e celerismo al congresso socialista.

81 SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, Faravelli a Mondolfo, 7 aprile 1949.

82 FT, FLD, B. 5 (corrispondenza 1949), Mondolfo a Faravelli, 12 aprile 1949.

83 “L’Umanità”, 6 giugno 1949, Tribuna politica – G. Quazza, Conformismo: ecco il nemico. Lo stesso tema è ripreso da Giuliano Pischel, il quale parla tuttavia di “alternativa socialista” [“L’Umanità”, 11 giugno 1949, Tribuna congressuale – G. Pischel, Alternativa Socialista.]. Le due definizioni non sono in contraddizione; stanno piuttosto a indicare che per i rappresentanti del centro–sinistra socialismo e democrazia fossero consustanziali e, soprattutto, che solo nel socialismo fosse possibile trovare un’alternativa allo scontro frontale fra bolscevismo e conservatorismo democristiano. La terza forza, per questi autori ancora legati ad una concezione rivoluzionaria (nei fini, anche se non nei mezzi), si incarnava e si esauriva nel socialismo, senza compromessi con i riformismi “piccolo–borghesi”.

84 Sulle difficoltà economiche e organizzative del PSI in questo periodo, cfr. P. Mattera, Il partito…, cit,.

85 Le campagne per esortare gli iscritti a leggere il quotidiano di partito sono una costante di questo periodo. Vignette, comunicati, riquadri pubblicitari ricorrono continuamente sulle prime pagine de “L’Umanità”, mentre vengono periodicamente pubblicate liste di sottoscrittori (siano essi singoli o sezioni e federazioni) con l’entità di loro contributi.

86 SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, Carlo Casati al Segretario e alla Direzione del PSLI, 10 giugno 1949.

87 CIRIEC, AT, 1.4.1.2.10, OdG del Comitato Direttivo della Federazione di Torino del 4 settembre 1948.

88 SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, Faravelli a Mondolfo e Cossu, 12 aprile 1949.

89 Sul fatto che i rappresentanti dello IALC non avessero fin da subito fatto pressioni per la scissione e avessero continuato, a tutto il 1946, a finanziare il PSIUP nel suo insieme, cfr. P. Caridi, La scissione… cit.

90 SU, FUGM, B. 3, Fasc. 4, Faravelli a Mondolfo, 14 marzo 1949.

91 FT, FLD, B. 5, corrispondenza 1949, Montana a Saragat, 2 dicembre [senza anno, ma 1948]. La voce che Saragat avesse minacciato le dimissioni dei ministri socialisti democratici, che Montana dichiara essergli “venuta da un amico serio”, non trova conferme nei resoconti de “L’Umanità”, né in A. De Felice, Il PSLI e la scelta occidentale… cit. E’vero comunque che alla fine del 1948 il Vicepresidente del Consiglio aveva posizioni ancora ambigue circa le alleanze militari, posizioni che, come si è visto, non si sarebbero chiarite se non dopo il II Congresso del Partito.

92 Cfr. su questo FT, FLD, B. 5, corrispondenza politica, Montana a Andreoni, s. d., lettera allegata a una missiva di Andreoni a D’Aragona del 27 settembre 1949.

93 FT, FLD, B. 5, corrispondenza 1949, Andreoni a D’Aragona, 29 settembre 1949.

94 L’appoggio statunitense (non solo dello IALC, ma anche dell’ambasciata americana a Roma) alle correnti di destra del socialismo democratico ed alla loro stampa periodica è sostenuto su basi documentarie, ma relativamente al 1952, in G. Gabrielli, Gli amici… cit.

95 Cfr. ad esempio, “Democrazia Socialista”, 12–18 maggio 1949, 19–25 maggio 1949, 26 maggio–1 giugno 1949.

96 SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, Mondolfo alla Commissione del Comisco Bruxelles, 5 giugno 1949.

97 Ibidem. Il fatto che Mondolfo facesse dichiarazioni tanto esplicite in una lettera inviata al Comisco fa supporre che questo avesse già espresso, anche informalmente, una posizione sostanzialmente contraria alla collaborazione al governo democristiano; posizione che, del resto, sarà ribadita dopo la nascita del PSU. Sulla ricorrente ostilità dell’organo dei socialisti europei ed in particolare del Labour alla linea filo–governativa e filo–americana del PSLI cfr. G. Gabrielli, Gli amici… cit. Anche i documenti di polizia attestano la preferenza dei laburisti per le correnti di sinistra del socialismo democratico, anche se si tratta di “voci” di cui non è verificabile l’attendibilità. Cfr. ACS, MI, Gab., PP, b. 110, 7 settembre 1949, relazione del questore di Roma.

98 Cfr. anche SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, Faravelli a Mondolfo e Cossu, 12 aprile 1949: «se veramente fossero intavolate trattative, noi potremmo mettere la nostra destra con le spalle al muro e trasformare il nostro Congresso in un congresso di unificazione».

99 “L’Umanità”, 17 marzo 1949, Evitare a qualunque costo la formazione di un terzo partito – dichiarazioni di Silone sulla situazione socialista in Italia.

100 “L’Umanità”, 15 maggio 1949, Solenne appello a tutti i socialisti democratici perché si raccolgano in un unico grande partito. Il Comisco, che già aveva duramente criticato la scelta frontista del PSI alle lezioni del 1948 (alle quali, si è visto, aveva dato il suo appoggio alle liste di Unità Socialista), aveva definitivamente espulso il partito di Nenni dalle sue fila l’8 marzo. Cfr. su questo A. Varsori, Il Labour Party e la crisi del socialismo italiano (1947–48), in AA. VV., I socialisti e l’Europa, Angeli, Milano 1989 e I. Favretto, The Long Search for a Third Way: the British Labour Party and the Italian Left since 1945, Palgrave–Macmillan, London 2003.

101 “L’Umanità”, 15 maggio 1949, Gli autonomisti del PSI rompono con il fusionismo.

102 Cfr. su questo G. Gabrielli, Gli amici… cit.

103 Cfr. su questo ACS, MI, Gab., PP, b. 110, 23 maggio 1949, relazione del questore di Roma.

104 “L’Umanità”, 17 maggio 1949, Il testo del documento sottoscritto a Firenze.

105 “L’Umanità”, 17 maggio 1949, Dichiarazioni del compagno Saragat.

106 Cfr. “L’Umanità”, 19 maggio 1949, Una intesa a Milano tra UdS e autonomisti, dove si dà notizia che «presso l’Unione dei Socialisti di Milano si è costituito un comitato di coordinamento fra l’UdS e la corrente autonomista del PSI al fine di concordare i modi e le forme per procedere alla riunificazione dei socialisti democratici.»

107 Cfr. ISRT, fondo PSU, B. 1, fasc. 3, sottofasc. Grosseto, il Com. Coord. Reg. a tale Sommovigo, 30 maggio 1949, nella quale si dà notizia della nascita del Comitato di Coordinamento per l’unificazione socialista, «costituitosi a Firenze con l’adesione di compagni del PSLI, dell’UdS e dei gruppi degli autonomisti usciti dal PSI, e con lo scopo di operare sul piano regionale per accelerare il processo ormai in atto di riunificazione di tutte le forze democratiche e socialiste». Nella stessa lettera si parla di un «Congresso di unificazione che sarà tenuto alla metà di giugno».

108 Cfr. per esempio, “L’Umanità”, 19 maggio 1949, Una intesa a Milano tra UdS e autonomisti, 22 maggio 1949, Gli autonomisti espulsi in nome della democrazia!, 31 maggio 1949, La via dell’unità socialista seminata di insidie dai suoi nemici, 1 giugno 1949, Felicemente avviate le trattative per l’unificazione.

109 SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, delibera della Direzione del PSLI, 25 maggio 1949; cfr. anche “L’Umanità”, 26 maggio 1949, La Direzione del PSLI proporrà al Congresso di trasformarsi in Congresso di unificazione.

110 SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, Dichiarazione della corrente autonomista proveniente dal PSI, 31 maggio 1949.

111 “L’Umanità”, 6 giugno 1949, Ugo Guido Mondolfo, Scopi e limiti del congresso di unificazione.

112 SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, Nota verbale della corrente autonomista, 1 giugno 1949; cfr. anche ivi, nota verbale dell’UdS all’Esecutivo del PSLI, 1 giugno 1949.

113 Cfr. su questo, ivi, Verbale della seduta della commissione per l’unificazione socialista, 1 giugno 1949.

114 Ivi, Romita a Mondolfo, 8 giugno 1949; cfr. anche ivi, dichiarazione dell’esecutivo dell’Unione dei Socialisti Indipendenti, 7 giugno 1949.

115 Sul quale, del resto, lo stesso Faravelli aveva tempo prima espresso dubbi circa il fatto che egli stesse venendo “circuito da Simonini” [SU, FUGM, B. 3, fasc. 4, Faravelli a Mondolfo e Cossu, 12 aprile 1949]

116 “L’Umanità”, 12 giugno 1949, La proposta di un breve rinvio del congresso respinta con un voto di maggioranza.

117 “L’Umanità”, 14 giugno 1949, Il congresso del PSLI riaffermerà la volontà unitaria della democrazia socialista.

118 “L’Umanità”, 15 giugno 1949, s. a. [ma Giuseppe Faravelli], Congedo.

119 Per i testi delle sette mozioni, cfr. G. Averardi, I socialisti… cit. Averardi attribuisce erroneamente la mozione della sinistra a Mario Tanassi e, viceversa, quella proposta da quest’ultimo (“Per una politica socialista più aderente alla realtà”), di orientamento di centro–destra, a Pischel, Vassalli, Vigorelli e Zagari. Per una corretta attribuzione, cfr. i testi delle due mozioni in “L’Umanità”, 5 maggio 1949.

120 Cfr. G. Averardi, I socialisti… cit.; cfr. anche “L’Umanità”, 20 giugno 1949, I risultati delle votazioni.

121 Una sconfessione che appare sancita dalle manifestazioni di insofferenza che la platea congressuale mostrò verso gli interlocutori a sinistra. Cfr. ACS, MI, Gab., PP, b. 110, 16 giugno 1949, relazione del questore di Roma sul congresso del PSLI, dove si afferma che «gli umori della maggioranza del congresso […] nettamente di destra» si manifestarono nelle ripetute proteste, «sempre più violente e clamorose», che interruppero più volte la lettura del messaggio dell’UdS, «fortemente critico all’indirizzo dei rappresentanti del PSLI nel governo».

122 Come si è detto, la commissione del Comisco giunse a Roma il 15 giugno e intraprese subito una serie di incontri con i rappresentanti di PSLI, UdS e autonomisti PSI. Cfr. su questo “L’Umanità”, 16 giugno 1949, Documenti sul problema dell’unità socialista.

123 “L’Umanità”, 9 giugno 1949, Il Congresso accetta le proposte del Comisco.

124 “L’Umanità”, 20 giugno 1949, L’appuntamento è al 25 agosto.

125 Cfr. su questo “L’Umanità”, 19 giugno 1949, Approvate le modifiche all’art. 53 dello statuto.

126 ISRT, Fondo PSU, B. 4, fasc. 3, Dichiarazione politica dell’Unione dei Socialisti; cfr. anche L’Umanità, 26 giugno 1949, L’Unione dei Socialisti aderisce al congresso di unificazione.

127 ISRT, Fondo PSU, B. 4, fasc. 3, lettera inviata alle unioni regionali dell’UdS.

128 ISRT, Fondo PSU, B. 4, fasc. 6, elenchi dei delegati al Convegno Nazionale di Firenze del 19 giugno 1949.

129 ISSGS, FGR, B. 1, fasc. 2, Luna a Romita, 25 luglio 1949.

130 Cfr. ISSGS, FGR, B. 1, fasc. 2, Luna a Romita, 22 settembre 1949, dove si legge: «Presentai lunedì le dimissioni dal PSI, e sono nel vostro movimento».

131 ISSGS, FGR, B. 1, fasc. 2, Fornara a Romita, 10 luglio 1949.

132 “L’Umanità”, 30 giugno 1949, La mozione al Convegno autonomista sul problema dell’unità socialista.

133 ISRT, Fondo PSU, B. 4, fasc. 3, “lettera ai compagni” del 4 luglio 1949. In tale lettera si indica anche che «le basi ideologiche e politiche fondamentali del Movimento restano segnate, oltrechè [sic] dal DOCUMENTO ROMITA [maiuscolo nel testo, si tratta probabilmente del documento del novembre 1948] dalla mozione “per il socialismo” presentata dagli autonomisti al Congresso di Firenze del PSI; dalla dichiarazione politica dell’USI; e dalla mozione votata a Firenze, il 29 giugno u. s. al Convegno Nazionale degli Autonomisti del PSI.»

134 INSMLI, FMAR, B. 4, fasc. 41, Dichiarazione per la “Corrente per l’unità socialista” di Giuseppe Faravelli, s. d. ma dell’estate del 1949. Faravelli fu stigmatizzato dalla Direzione del PSLI per la pubblicazione di volantini “frazionistici” e insultanti per il partito: cfr. “L’Umanità”, 28 luglio 1949, L’onore del partito al disopra delle tendenze.

135 FT, FLD, B. 5, corrispondenza 1949, D’Aragona a Romita, 1 luglio 1949.

136 Cfr. ad esempio, “L’Umanità”, 30 luglio 1949, Una dichiarazione sull’unificazione socialista.

137 FT, FLD, B. 5, corrispondenza 1949, Silone al Comitato Esecutivo del PSLI, 5 agosto 1949.

138 FT, FLD, B. 5, corrispondenza 1949, Il Comitato Esecutivo del PSLI al C. E. dell’UdS, 11 agosto 1949.

139 “L’Umanità”, 22 luglio 1949, La prima riunione del Comitato Misto.

140 Cfr. “L’Umanità”, 31 agosto 1949, Il congresso di unificazione si terrà dal 4 al 12 dicembre.

141 Cfr. “L’Umanità”, 7 settembre 1949, Approvate le norme per il congresso; 8 settembre 1949, Definite le norme per la preparazione del Congresso. Cfr. anche ISRT, Fondo PSU, B. 6, fasc. 3, circolari nno 1 e 2 del Comitato Centrale di Coordinamento e di Controllo per l’unificazione socialista, del 15 e 30 settembre 1949.

142 INSMLI, FMAR, B. 4, fasc. 41, lettera ai componenti della corrente di Concentrazione socialista, s. d. ma dell’estate del 1949.

143 In un momento imprecisato successivo al convegno di Firenze del 29 giugno, gli autonomisti assunsero la denominazione di Movimento Socialista Autonomista. Tale denominazione, tuttavia, non sempre compare nei documenti, nei quali talvolta si parla di “gruppi autonomisti”, talaltra di Movimento di Unificazione Socialista in riferimento ai soli autonomisti. Per questa ragione, e per il fatto che tutti questi gruppi ebbero vita quanto mai effimera, finendo per confluire nel PSU nel dicembre del 1949, ci si riferirà ad essi come ai gruppi di autonomisti usciti dal PSI, senza soffermarsi sulle denominazioni di volta in volta assunte.

144 ISRT, Fondo PSU, B. 1, fasc. 3, E[nzo] E [nriques] Agnoletti (per la segreteria UdS) ai compagni, 9 ottobre 1949. La stessa espressione figura in una circolare del Movimento di Unificazione Socialista, s. d., in ISRT, Fondo PSU, B. 4, fasc. 3, dove si parla espressamente di una alleanza fra UdS, autonomisti e centro–sinistra del PSLI al fine di battere le destre.

145 Cfr. ad esempio, ISRT, Fondo PSU, B. 1, fasc. 3, dove è conservata la corrispondenza fra il comitato di coordinamento toscano del MUS e vari esponenti locali dell’area socialista; anche ivi, B. 4, fasc. 5 e B. 10, fasc. 10, fasc. 11. Per quanto riguarda i contatti di Romita, cfr, la sua non ricchissima corrispondenza, della quale si sono già citate alcune lettere, in ISSGS, FGR, B. 1, fasc. 2, in particolare Gino Colajanni a Romita, 3 giugno 1949; Enrico Paresce a Romita, 11 settembre 1949; il Comitato di coordinamento unificazione socialista di Treviglio (Bergamo) a Romita, 6 ottobre 1949.

146 ISRT, Fondo PSU, B. 8, fasc. 4, Promemoria per la stampa a cura dell’ufficio stampa del congresso di unificazione socialista.

147 Cfr. ad esempio ACS, MI, Gab., PP, b. 110, 13 novembre 1949, rapporto del questore di Roma in cui si descrive la situazione “caotica” venuta a crearsi dopo la rottura – di cui si parlerà a breve – nel PSLI: in esso si parla di «manovre poco chiare dei gruppi autonomisti e dell’Unione dei Socialisti relative all’immissione nei gruppi stessi di elementi del PSI, di estranei e addirittura dei comunisti», manovre che avrebbero spinto la direzione del PSLI, «prevedendo un esito sfavorevole al congresso dell’unificazione e considerando il pericolo incombente sul partito» di «cadere nelle mani di Romita ed affiancare, quindi, la politica social–comunista», a ritirare l’adesione allo stesso. Da rilevare che, probabilmente, i sospetti di infiltrazioni comuniste riportati dal questore vanno ricondotti da un lato ai timori degli apparati polizieschi, dall’altro agli argomenti polemici usati dalle destre del PSLI, ai quali evidentemente il documento è ispirato. Di fatto il PSU non sembra esser mai stato in alcun modo “inquinato” dai comunisti.

148 Cfr. “L’Umanità”, 14 settembre 1949, C. A[ndreoni], Quesiti a Romita; 18 ottobre 1949, Carlo Andreoni, Il mito dell’unità.

149 “L’Umanità”, 20 ottobre 1949, G. Spalla, Lettera ai compagni.

150 “L’Umanità”, 21 ottobre 1949, C. A[ndreoni]. Quale unificazione? In maniera più indiretta, lo stesso timore compare in un articolo successivo, dove si legge: «E’possibile che questi compagni in ritardo, trattenuti ancora su posizioni anacronistiche e superate, negative e segnate dal marchio inesorabile della sconfitta, possano confluire con noi in un unico Congresso, portatori attardati delle rancide parole d’ordine di Nenni e Togliatti, per gettare sulla bilancia congressuale il peso dei loro voti, trasformando così inevitabilmente quello che poteva essere un Congresso di unificazione in un Congresso di confusione e di scissione?» [“L’Umanità”, 27 ottobre 1949, C. Andreoni, La parola al Partito.]

151 Cfr. su questo ISRT, Fondo PSU, B. 6, fasc. 3, Circolare no 1 del Comitato centrale di coordinamento, 15 settembre 1949.

152 Tre erano le mozioni nazionali presentate al comitato di coordinamento dei tre gruppi: quella della destra del PSLI, “Per il socialismo democratico”, quella del centro–sinistra, “Mozione di unità socialista” e quella di UdS e autonomisti, “Con i lavoratori, per il socialismo”. Cfr. “L’Umanità”, 28 ottobre 1949, Tre mozioni nazionali per il congresso di unificazione.

153 “L’Umanità”, 1 novembre 1949, Il Partito ritira l’adesione al Congresso di unificazione e invita i ministri socialisti a rassegnare il mandato.

154 Cfr. “L’Umanità”, 28 ottobre 1949, Tre mozioni nazionali… cit.

155 “L’Umanità”, 3 novembre 1949, Un comunicato del centro–sinistra.

156 ISRT, Fondo PSU, B. 6, fasc. 3, circolare del comitato Centrale di Unità Socialista (Centro–sinistra del PSLI), 8 novembre 1949.

157 ISRT, Fondo PSU, B. 6, fasc. 3, dichiarazione del Comitato centrale di coordinamento e di controllo per l’unificazione socialista, 7 novembre 1949.

158 “L’Umanità”, 27 novembre 1949, L’ultima “dichiarazione” del centro–sinistra.

159 Per l’elenco completo dei deputati del gruppo del PSU, costituitosi ufficialmente il 31 gennaio 1950, cfr. il sito della Camera dei Deputati, http://www.camera.it, alla sezione “Legislature precedenti”.

160 Cfr. ISTORETO, FAG, B. 67, fasc. 1401, Verbale della seduta plenaria del 7 dicembre 1949.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search