Version classiqueVersion mobile

Il socialismo democratico italiano fra la Liberazione e la legge truffa

 | 
Daniele Pipitone

1. Fra 2 giugno e 18 aprile. La genesi dell’area socialista democratica

Texte intégral

  • 1 Tale constatazione si basa non sul numero di voti raccolti (il PSI si presentava nelle liste del Fr (...)

1Alle elezioni politiche del 1948, che videro il trionfo della Democrazia Cristiana e la sconfitta del Fronte Popolare, le liste di Unità Socialista si piazzarono al terzo posto, con il 7,1% dei voti. Nella generale sconfitta delle sinistre, e nella particolare débâcle dei socialisti, non si trattò di un risultato disprezzabile, soprattutto perché lasciava abbastanza aperta la partita interna al socialismo italiano, spaccato in due tronconi, uno dei quali (il PSI) era più forte elettoralmente, ma non di molto1. Le differenze fra il PSI e Unità Socialista erano tuttavia grandi. Il Partito Socialista godeva di alcuni punti di forza non trascurabili: dopo la breve parentesi della direzione centrista successiva alla sconfitta, si presentava sostanzialmente unito intorno alla leadership Nenni – Morandi, andava ricostruendo un apparato organizzativo e propagandistico funzionante e soprattutto non era lacerato al suo interno da divisioni strategiche. L’alleanza di ferro con i comunisti, sancita dal rinnovo annuale del patto di unità d’azione, garantiva la copertura ideologica e la chiara appartenenza ad uno dei due blocchi del panorama politico nazionale. Il PSI era insomma un partito vero che, con tutte le sue contraddizioni, aveva sposato una linea politica precisa che non sarebbe sostanzialmente mutata fino al mutare della situazione nazionale e internazionale.

  • 2 Il gruppo parlamentare alla Camera di Unità Socialista dura dal 1 giugno 1948 al 31 gennaio 1950, q (...)

2Tutt’altro discorso andava fatto per le liste di Unità Socialista. Esse infatti costituivano una sorta di cartello elettorale che aveva unito gruppi e personalità profondamente differenti, il cui principale denominatore comune era la volontà di mantenersi autonomi dal PCI e soprattutto l’ostilità o il sospetto verso l’Unione Sovietica. Quanto fosse fittizia questa unità venne dimostrato chiaramente dalle numerose scissioni e ricomposizioni che caratterizzarono la vita del gruppo parlamentare nel corso della legislatura2. Per comprendere le ragioni di tale instabilità, e in generale le successive vicende del socialismo democratico italiano, bisogna risalire alle modalità ed alle istanze che presiedettero alla formazione di tali liste, a partire dalla nascita della più importante fra le formazioni che le composero, il Partito Socialista dei Lavoratori Italiani.

1.1 La scissione di Palazzo Barberini

  • 3 Cfr. O. Lizzadri, Il regno di Badoglio, Milano, Feltrinelli 1963. Cfr. anche F. Taddei, Il socialis (...)
  • 4 Cfr. su questo F. Taddei, Il socialismo… cit.
  • 5 Ad esempio, la questione della pregiudiziale antigovernativa era ormai sorpassata dal sostegno soci (...)
  • 6 In particolare, i già citati P. Caridi, La scissione… cit. e F. Taddei, Il socialismo… cit.
  • 7 Sulla biografia politica di Saragat, importante per capire la sua scelta anticomunista, cfr. F. For (...)
  • 8 Sull’azione di Basso in questo periodo, cfr. S. Merli, Il “partito nuovo” di Lelio Basso, Marsilio, (...)
  • 9 Cfr. su questo, M. Degl’Innocenti, Dal dopoguerra… cit.
  • 10 La storia convulsa delle vicende immediatamente precedenti al congresso, e del congresso stesso, è (...)
  • 11 Ora in G. Saragat, Quarant’anni… cit.

3Fin dalla sua nascita nell’agosto del 1943, il Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria si era caratterizzato per la presenza di tendenze politiche e ideologiche profondamente differenti e per le diverse storie dei suoi dirigenti e militanti3. Esuli antifascisti, vecchi socialisti d’anteguerra rimasti in Italia durante il ventennio e giovani maturati sotto il regime si trovarono insieme in un partito in cui differenze generazionali e di vissuto politico si sommavano a prospettive ideologiche molto variegate4. Una pluralità di voci e di correnti non era certo una novità nella storia del socialismo, anche se nel secondo dopoguerra si declinava in termini parzialmente nuovi5; ciò che trasformò tale pluralità in una incompatibilità di fondo fu la valenza di scelta strategica che assunse la questione ideologica su cui si imperniò il dibattito: il rapporto con i comunisti. Man mano che dal clima di alleanza antifascista del periodo bellico si passava alla contrapposizione frontale fra i blocchi, il dibattito nel PSIUP si arroventò. Non è qui il caso di soffermarsi sull’analisi delle vicende che portarono alla scissione, già oggetto di studi approfonditi6. Basti rilevare come lo scontro interno si polarizzò ben presto attorno alle figure di Giuseppe Saragat7, intimamente convinto della necessità di separare nettamente socialismo e comunismo, e di Lelio Basso, che invece puntava al superamento della divisione storica del movimento marxista ed alla costituzione di un partito unico della classe operaia8. All’azione di questi due dirigenti, probabilmente i soli che, convinti dell’inevitabilità di una scissione, lavorarono coscientemente per essa, il grosso dei leader socialisti non seppe o non volle porre freno. Così, quando lo scontro interno al partito si acutizzò per la sconfitta alle amministrative del novembre 19469, la convocazione di un congresso straordinario per il gennaio 1947 venne vissuta da molti come l’occasione della resa dei conti finale. La netta affermazione della sinistra guidata da Basso, Nenni e Morandi nei congressi locali mise all’angolo le componenti autonomiste, rappresentate principalmente dalle correnti di Critica Sociale e di Iniziativa Socialista (che, come era uso nel PSIUP dell’epoca, prendevano il nome dalle riviste che ne costituivano la voce). La prima, che si richiamava alla tradizione del riformismo prefascista e difendeva l’autonomia del PSIUP dal PCI, era guidata da Ugo Guido Mondolfo e da Giuseppe Faravelli; la seconda, espressione della sinistra interna critica verso l’URSS e verso l’atteggiamento conciliante del PCI dopo la svolta di Salerno, era radicata in gran parte nella Federazione Giovanile Socialista, che allora godeva di grande autonomia dal partito. Una simile, inedita alleanza fra la destra e l’estrema sinistra del partito costituisce una riprova di come il rapporto con i comunisti rappresentasse una novità tale da ridefinire le tradizionali sfumature ideologiche del socialismo. Nei primi giorni del 1947, frenetici contatti fra Saragat e i vertici di Critica Sociale e di Iniziativa Socialista prepararono la decisione dei delegati delle due correnti di non partecipare al congresso alla città universitaria e di riunirsi invece nelle sale di Palazzo Barberini10. Qui, il 12 gennaio 1947, Saragat pronunciò il discorso che sanciva la nascita del Partito Socialista dei Lavoratori Italiani11.

4La nuova rottura del socialismo italiano era ufficiale, e sarebbe rimasta definitiva fino al tracollo, quarantacinque anni dopo, dell’intero movimento socialista (eccezion fatta per la breve parentesi della riunificazione del 1966 – 69). Si trattava infatti di una rottura strategica che nasceva dalla presenza nel PSIUP di due linee politiche fondamentalmente inconciliabili, separate dalla fondamentale discriminante costituita dal rapporto con il PCI. Non che fosse l’unica discrepanza fra le varie correnti: altrettanto profonde erano le differenze intorno a problemi quali la funzione della democrazia, la collocazione sociale del partito, la natura dei ceti medi, la concezione dell’internazionalismo socialista. Il dibattito sul significato dell’unità d’azione (e quello sottotraccia sull’opportunità di un’alleanza organica con i comunisti) costituì però il catalizzatore dello scontro, che trasformò le differenze dottrinarie in differenze di linea politica immediata e le fece così precipitare in uno scontro senza possibilità di mediazione.

  • 12 Cfr. su questo D. Sassoon, Cento anni di socialismo. La sinistra in Europa occidentale del XX secol (...)
  • 13 Afferma Giuseppe Tamburrano: «La ragione fondamentale per la quale Nenni è unitario è la sua esperi (...)
  • 14 Cfr. su questo, F. Taddei, Il socialismo… cit..
  • 15 Alleanza con i comunisti che implicava, ovviamente, il riferimento al modello del socialismo reale (...)
  • 16 Sul PdA resta fondamentale l’opera di G. De Luna, Storia del Partito d’Azione 1942–1947, Editori Ri (...)
  • 17 L’editoriale del primo numero della rivista, nel settembre 1945, dichiarava: «Noi non intendiamo pe (...)

5In realtà, il PSIUP si trovava, negli anni del dopoguerra, a cavallo di una linea di frattura politica nazionale e internazionale che si andava rapidamente allargando, fino a trasformarsi in una voragine insuperabile. Non era del resto il solo partito socialista che si trovava in una situazione simile: negli altri paesi europei nei quali esisteva un forte partito comunista, i socialisti si trovarono a dover compiere una scelta simile12; solo in Italia, tuttavia, la parte maggioritaria del socialismo si indirizzò verso l’alleanza organica con i comunisti. Le ragioni di tale scelta probabilmente variano per ognuno dei protagonisti: per esempio, per Nenni sembra essere stata determinante la volontà di evitare spaccature nella classe operaia13, per il timore che si ripetessero le vicende del primo dopoguerra; per Basso sembra essersi trattato di un’esigenza di chiarificazione ideologica, tesa a liberarsi di elementi potenzialmente interclassisti inclini a compromessi socialdemocratici14, al fine di costruire quel partito unico della classe operaia che da sempre era nelle sue mire. Al di là delle convinzioni dei singoli leader, vi erano comunque alcuni fattori che spingevano verso un’alleanza dei socialisti con il PCI: la percezione della presa che questo aveva sulle masse popolari; il senso di inferiorità organizzativa nei confronti del partito nuovo di Togliatti e i timori che ne derivavano; l’importanza del mito sovietico agli occhi di una grande fetta dell’elettorato socialista; la convinzione che l’unità delle sinistre fosse condizione necessaria per un’azione politica efficace. A tali aspetti si aggiungeva il timore estremamente diffuso di una “degenerazione socialdemocratica”, dalla quale l’alleanza con i comunisti sembrava poter mettere al riparo15. Timore che, non c’è dubbio, era alimentato dalla stessa propaganda comunista, ma che trovava origine nelle autonome elaborazioni del gruppo dirigente socialista e probabilmente aveva echi profondi a livello di base. Esso si confondeva e si sovrapponeva alla generale condanna del riformismo prefascista, considerato imbelle, ministerialista, inefficace, nonché totalmente screditato dall’inadeguatezza della sua opposizione al fascismo. Tale condanna trovava d’accordo gli azionisti, eredi di un patrimonio dottrinario che del rifiuto della tradizione socialista prefascista aveva fatto una bandiera16; inoltre, era abbondantemente presente nei gruppi che avrebbero dato vita al PSLI (e che forse non a caso avrebbero atteso cinque anni ad adottare la denominazione di socialdemocrazia) e nella stessa «Critica Sociale» la quale, pur venerando i padri fondatori, affermò ripetutamente di volere un socialismo nuovo, che superasse la contrapposizione fra massimalismo e riformismo e si adeguasse alle mutate esigenze storiche17. Ma su alcune di queste considerazioni si tornerà però più avanti.

  • 18 ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1949, b. 20, 10 marzo 1947, relazione del prefetto di Savona.
  • 19 Ivi, 20 gennaio 1947, relazione del prefetto di Novara.
  • 20 ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1950, b. 27, 29 gennaio 1947, relazione del prefetto di Firenze.
  • 21 ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1949, b. 20, 4 aprile 1947, relazione del prefetto di Caserta.
  • 22 Cfr. Ivi, relazioni del prefetto di Palermo, 4 aprile–29 settembre 1947; relazioni del prefetto di (...)
  • 23 Cfr. ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1951, b. 31, 20 ottobre 1947, relazione del prefetto di Venezia; (...)
  • 24 Ovvero di circa un milione di iscritti. Il dato è riportato in G. Galli, Storia… cit. Esso non semb (...)
  • 25 Cfr. su questo P. Caridi, La scissione… cit.
  • 26 In quell’anno, il partito risultava avere 111.262 iscritti [Cfr. FT, fondo PSDI, serie 4, b. 6, fas (...)
  • 27 Cfr. per i dati il sito della Camera dei Deputati, all’indirizzo http://legislature.camera.it/.
  • 28 P. Caridi, La scissione… cit.
  • 29 Cfr. ad esempio ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1950, b. 27, 16 marzo 1947, appunto del prefetto de L’ (...)
  • 30 Cfr. P. Vittorelli, Precedenti e significati dell’unità socialista, in «Nuova Antologia», fasc. 108 (...)

6Restando invece alle vicende del neonato partito, alcuni elementi meritano di essere messi in rilievo. Innanzitutto, il difficile radicamento alla base, che emerse probabilmente fin dai primi mesi di vita del PSLI. Data l’estrema lacunosità delle fonti, è impossibile fornire dati quantitativi attendibili circa la consistenza del partito nel primo anno di vita. I pochi documenti disponibili vanno comunque tutti nella medesima direzione, indicando una certa difficoltà della compagine scissionista a garantirsi almeno una parte della consistente base di massa del PSIUP. In tutte le (poche) provincie per le quali sono stati rintracciati dei dati, nei suoi primi sei mesi di vita il PSLI non sembra essere andato oltre qualche centinaio di iscritti: circa 400 a Savona18 e Novara19, 500 a Firenze20, 801 a Caserta21, almeno qualche centinaio in provincia di Palermo, Bari e Brindisi22; fanno eccezione Venezia e Imperia, dove il partito giunse a contare rispettivamente 1.000 e 1.500 iscritti23. Se si proiettassero tali cifre a livello nazionale si resterebbe ben al di sotto dei 100.000 iscritti, ovvero a meno di un decimo di quella che sembra essere stata la consistenza del PSIUP unitario24. Tale ordine di grandezza è sostanzialmente lo stesso che viene accettato dalla letteratura25 ed è per altro comparabile ai dati relativi al più antico tesseramento PSDI per il quale sia disponibile una documentazione di partito, quello del 195526. Che non si trattasse di un risultato soddisfacente appare evidente se si considera la sfasatura rispetto all’entità della rottura nel gruppo parlamentare, che coinvolse 49 dei 114 eletti nelle file del PSIUP27. La scissione apparve insomma ben presto essere un’operazione prevalentemente di vertice, non in grado di “sfondare” alla base, come mostrò chiaramente il sostanziale insuccesso del PSLI alle prime prove elettorali amministrative in Sicilia e a Roma, dove la nuova formazione non andò oltre il 4% dei voti. In ciò giocò certamente un ruolo decisivo la maggiore forza organizzativa che le sinistre del PSIUP erano riuscite, fin dalla seconda metà del 1946, a mettere in campo. Come afferma Paola Caridi, «la scissione si giocò non tanto tra i saloni di Palazzo Barberini e la Città Universitaria, quanto piuttosto nei locali delle sezioni dell’ex–PSIUP sparse su tutto il territorio nazionale, dove fu intrapresa una lotta durata mesi, perlomeno sino all’estate, per conquistare i militanti, quasi tutti ancora indecisi nei confronti di una rottura che speravano si sarebbe sanata». Il controllo dell’apparato, che aveva permesso alla linea Nenni – Basso di vincere i congressi locali, si sarebbe rivelato ancora più utile alla direzione del nuovo PSI, che riuscì facilmente a «dare ai militanti l’immagine che il partito fosse la continuazione reale del PSIUP, appena scalfito dalla scissione»28. Inoltre, ad andare perduto fu probabilmente soprattutto l’elettorato operaio, ovvero la principale componente sociale (se pur non la sola) cui il nuovo partito intendeva rivolgersi. Così sembra trasparire dai pochi documenti disponibili29, così sembrarono ritenere alcuni dei protagonisti dell’epoca30, così infine sembra lecito inferire dalla constatazione che doveva essere l’elettorato operaio il più sensibile alle sirene dell’alleanza con il PCI e del rigido classismo espresso dalla linea Nenni – Basso – Morandi nel PSI.

  • 31 E’quanto traspare, ad esempio, da una discussione del comitato direttivo della federazione romana n (...)
  • 32 Cfr. su questo P. Caridi, La scissione.. cit.
  • 33 Che ottennero dallo IALC, dal FTUC (Free Trade Union Committee) e tramite quest’ultimo dalla stessa (...)
  • 34 Alberto Simonini, ad esempio, fra l’estate e l’autunno del 1947 organizzò d’accordo con Montana l’i (...)
  • 35 Cfr. ad esempio FK, FGP, serie 3.5, b. 17, fasc. 545, 3 giugno 1948, Saragat a Montana, in cui l’al (...)
  • 36 Tutti costoro furono, in tempi diversi o coincidenti e a vario titolo, in contatto con Montana, che (...)
  • 37 L’espressione incriminata era ispirata ad una lettera di Faravelli a Saragat in cui il primo esorta (...)
  • 38 Cfr. su questo M. Donno, Socialisti democratici… cit.
  • 39 Cfr. su questo, P. Caridi, La scissione… cit.; G. Gabrielli, Gli amici… cit. Sulle vicende della ri (...)
  • 40 Cfr. su questo F. Romero, Gli Stati Uniti e il sindacalismo europeo, Lavoro, Roma 1989.
  • 41 Ad esempio R. Faenza, M. Fini, Gli americani… cit.
  • 42 Cfr. su tutto questo P. Caridi, La scissione… cit.
  • 43 Cfr. su questo G. Gabrielli, Gli amici… cit. Sull’intervento della CIA in Italia nell’ambito della (...)
  • 44 Cfr. su questo V. Zaslavsky, Lo stalinismo e la sinistra italiana. Dal mito dell’URSS alla fine del (...)
  • 45 Cfr. su questo P. Scoppola, La repubblica… cit.; S. Colarizi, Storia dei partiti nell’Italia repubb (...)

7Del resto, le armi a disposizione del nuovo partito in questa lotta fratricida erano assolutamente inadeguate: debolezza organizzativa e, soprattutto, cronica mancanza di fondi sembrano essere stati elementi costanti nella vita del PSLI delle origini31. La perdita di gran parte delle sedi e dei beni del vecchio PSIUP dovette essere un duro colpo, nonché una fonte di spese straordinarie; al contempo, la drastica rottura con i comunisti dovette costringere i socialisti democratici a fare a meno delle correnti di sostegno e finanziamento che giungevano tramite il PCI. Essi si misero quindi alla ricerca di altre fonti di sostentamento e le trovarono, ma solo in parte, nelle associazioni sindacali italo – americane, che fin dai tempi della guerra intervenivano a favore dei socialisti del paese d’origine e si erano riunite nell’Italian – American Labor Council (IALC) diretto da Luigi Antonini, vicepresidente dell’ILGWU (International Ladies’Garnment Workers’Union, affiliata all’American Federation of Labor, una delle due maggiori confederazioni sindacali statunitensi), e al cui ufficio stampa lavorava un altro emigrato italiano, Vanni Montana. Proprio Antonini e Montana furono i principali interlocutori oltreoceano dei socialisti democratici in questo torno di tempo, praticamente i soli che finanziarono il nuovo partito. Poco dopo la scissione, infatti, e in concomitanza con la crisi del terzo governo De Gasperi, Saragat e Matteo Matteotti si recarono negli Stati Uniti e parteciparono al congresso dell’ILGWU, dal quale ottennero un finanziamento decennale di 150.000 dollari32; gli aiuti non si limitarono comunque a questo prestito, e periodicamente i dirigenti PSLI si rivolsero ai loro interlocutori per avere ulteriori finanziamenti33, organizzare azioni di propaganda34, accreditare il nuovo partito negli ambienti americani35, ottenere dichiarazioni ufficiali di appoggio e intercessioni presso autorità statunitensi. Tale legame transoceanico del PSLI – il quale, va rilevato, era gestito da dirigenti del partito di diverse tendenze, da Saragat a Faravelli, da Simonini a Matteotti36 – costituì fin da subito uno dei capi d’accusa più infamanti che la propaganda comunista scagliò contro quelli che cominciavano ad essere chiamati “piselli”. La polemica sui “dollari di Antonini”37 scoppiò già pochi mesi dopo la scissione ed ebbe anche un corrispettivo internazionale quando i dirigenti laburisti Harold Laski e Denis Healey attaccarono il PSLI ritenendolo strumento della politica americana in Italia38. Il neonato partito si trovava in effetti in una condizione di isolamento internazionale a causa della freddezza dei socialisti europei e della sua iniziale esclusione dall’organismo di coordinamento di questi ultimi, il Comisco, a favore del PSI39; cosa che dovette spingerli ancor di più a cercare aiuti fra i soli che fossero disposti a concederli, ovvero il gruppo di Montana e Antonini. Costoro furono probabilmente i primi fra i socialisti ed i sindacalisti occidentali a fare della rottura con i comunisti il cardine della loro strategia politica, in linea con la confederazione sindacale statunitense cui appartenevano, l’AFL, e con lo stesso governo di Washington40. Tuttavia, non bisogna esagerare il ruolo che ebbero IALC e ILGWU nelle scelte politiche dei socialisti democratici, come non solo la propaganda avversaria ma in certi casi anche la storiografia ha fatto41. Innanzitutto, vi sono ormai abbondanti prove che essi non furono all’origine della rottura di Palazzo Barberini: pur avendo sempre spinto il PSIUP in direzione autonomista, essi non premettero su Saragat e alleati per la scissione e piuttosto la appoggiarono quando oramai era stata decisa dagli italiani; del resto, fino all’autunno 1946 i finanziamenti dello IALC vennero erogati a tutte le componenti del PSIUP42. In secondo luogo, non sempre le pressioni di Montana e Antonini andarono a buon fine: come si vedrà più avanti essi, in quanto sindacalisti, tenevano soprattutto alla rottura della CGIL unitaria ed all’unificazione delle correnti sindacali socialiste democratiche con quelle democristiane; ebbene, proprio su questo punto essi vennero sconfessati dalla maggioranza dei socialisti democratici, anche di destra, che finirono per dare il proprio appoggio alla UIL. In terzo luogo, se pure non vi sono dubbi circa la consonanza, almeno limitatamente alla questione comunista, fra i sindacalisti italo–americani e l’amministrazione Truman (o ampi settori di essa), ciò non significa che Montana e Antonini vadano considerati emissari diretti del governo federale o, addirittura, dei servizi segreti, per quanto con questi abbiano collaborato quando i reciproci obbiettivi politici coincidevano43. Infine, e soprattutto, si impongono alcune considerazioni storiografiche più generali. In primo luogo, non ha ovviamente senso considerare i finanziamenti esteri ad un movimento politico una fonte di scandalo o un segno di minorità etica, quanto piuttosto come un elemento che contribuisce a spiegare l’evoluzione del movimento stesso; e questo per le stesse ragioni per cui sarebbe quantomeno riduttivo interpretare le vicende del PCI (e del PSI finché fu ad esso legato) come semplice emanazione della politica sovietica in ragione dei finanziamenti provenienti da Mosca44 o la politica democristiana come braccio secolare della Chiesa, la cui capillare struttura organizzativa costituì un elemento decisivo (certamente ben più dei sindacati americani per il PSLI) nella prima fase di vita del partito 45. In secondo luogo, non bisogna comunque sopravvalutare tale contributo e leggere tutte le scelte politiche dei socialisti democratici come se fossero state eterodirette da oltreoceano: come si è detto, le volte che le pressioni degli americani andarono in direzione opposta alle linee predominanti in Italia, esse non sortirono gli esiti sperati.

  • 46 Sul viaggio di Saragat e Matteotti negli Stati Uniti, su invito dello IALC, cfr. P. Caridi, La scis (...)
  • 47 ACS, MI, Gab., PP, b. 110, 19 settembre 1947, relazione del capo della polizia sul primo convegno n (...)
  • 48 Cfr. ACS, MI, Gab., PP, b. 110, 2 ottobre 1947, relazione del Colonnello dei Carabinieri Mario Sacc (...)
  • 49 Su entrambe le figure, importanti protagonisti delle vicende studiate, cfr. F. Andreucci, T. Detti,(...)
  • 50 Cfr. su questo ivi, b. 110, 21 e 24 novembre 1947, 3 dicembre 1947, relazioni del Capo della Polizi (...)
  • 51 Cfr. ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1949, b..19, 9 febbraio 1948, relazione del questore di Roma sull (...)
  • 52 Cfr. ACS, MI, Gab., PP, b. 110, 5 febbraio 1948, relazione del prefetto di Napoli sul Congresso PSL (...)
  • 53 Il primo congresso del PSLI si concluse infatti con una mozione unificata, proposta nuovamente da S (...)

8Del resto, gli aiuti americani forse garantirono la sopravvivenza del PSLI, ma certo non furono in grado di supplire alle carenze organizzative e di radicamento di cui questo soffrì da subito e che furono una costante nella vita del partito. L’insuccesso della scissione e la debolezza del partito ebbero quasi immediatamente delle conseguenze sulla dialettica interna ad esso. Fin quasi da subito, cominciò un rimescolamento delle componenti che si erano unite a Palazzo Barberini in nome dell’anticomunismo e che si ridefinirono attorno a quella che doveva diventare la nuova grande linea di divisione del partito, la collaborazione con la Democrazia Cristiana e, in pratica, la partecipazione al governo. In fondo, era la logica della guerra fredda che si imponeva: una volta stabilita l’opposizione rispetto ad uno dei due principali contendenti, la forza d’attrazione dell’altro inevitabilmente si faceva più forte. In questo contesto, scegliere l’alleanza con la DC significava accettare fino in fondo la logica dei blocchi e le inevitabili conseguenze che essa imponeva; restare all’opposizione, al contrario, implicava un rifiuto di tale logica, rifiuto che però lasciava ben poco spazio di azione politica. Il primo a rendersi conto di tali implicazioni, e a trarne una definitiva scelta filo democristiana, fu Saragat. Fin dal ritorno dal suo viaggio in America nel luglio 1947 egli prese probabilmente la decisione di entrare nel governo di De Gasperi, che ormai da maggio aveva rotto con i comunisti46. Tale decisione fu il tema centrale del primo convegno nazionale del PSLI, che si svolse nel settembre 1947 e dove si palesò per la prima volta una contrapposizione netta attorno alla questione del governo. Si fronteggiarono infatti due mozioni, una a firma D’Aragona–Battara, «favorevole alla collaborazione al governo subordinata a determinate condizioni», l’altra a firma Libertini–Faravelli «tendente ad una decisa azione per la formazione di un governo socialista» (ovvero per l’opposizione al IV governo De Gasperi)47. Ad evitare lo scontro frontale, intervenne Saragat che invocò l’unità del partito e propose un apparente compromesso che, lasciando «una certa libertà di movimento» alla direzione, costituiva in realtà una delega in bianco per quest’ultima e per il segretario, ovvero Saragat stesso48. Si trattava di un copione che si sarebbe ripetuto, in ben più gravi circostanze, negli anni successivi. Per ora, importa soprattutto rilevare come la corrente di Critica Sociale, che era stata una delle anime della scissione di Palazzo Barberini, si spaccasse in due, con Ludovico D’Aragona da un lato e Giuseppe Faravelli dall’altro49. L’ala sinistra guidata da quest’ultimo andava ad allearsi con il gruppo di Iniziativa Socialista, ovvero i giovani della federazione giovanile del PSIUP che in maggioranza erano passati al PSLI. Quest’ultimo gruppo, schierato su posizioni di sinistra radicale, rigidamente internazionaliste e attraversate da venature antistataliste e libertarie, critico “da sinistra” del PCI traditore della causa proletaria, fu quello che più risentì della svolta moderata del partito. L’ingresso al governo, che Saragat riuscì a condurre in porto a fine anno, si rifletté immediatamente sulla federazione giovanile, guidata prima da Leo Solari e poi, a partire dal novembre 1947, da Livio Maitan50. Dopo un crescendo di scontri interni legati principalmente all’atteggiamento da tenere rispetto ai comunisti ed alla DC, in occasione del primo congresso nazionale (Napoli, 1–5 febbraio 1948) la Direzione del PSLI sciolse la Direzione della Federazione giovanile, essendo i suoi membri in maggioranza “contrari alle linee politiche generali”, e nominò una commissione straordinaria di cui entrò a far parte, in rappresentanza del partito, quello stesso Battara che aveva proposto la mozione filo–governativa a settembre51. In conseguenza di tale provvedimento, Maitan, Virgilio Dagnino e Ludovico Targetti (altri due dirigenti di Iniziativa) uscirono dal partito52. Questo appariva dunque diviso fra favorevoli e contrari alla partecipazione al governo ed all’alleanza con la DC fin dai primi mesi della sua nascita: tale divisione, in parte trasversale alle correnti che avevano fondato il PSLI; venne momentaneamente messa in sordina per affrontare le prime elezioni dell’Italia repubblicana53, ma sarebbe riemersa prepotentemente negli anni successivi.

1.2 Le ultime vicende del PdA

  • 54 Cfr. su questo G. De Luna, Storia… cit.
  • 55 Cfr. G. De Luna, Storia… cit.

9Quella socialista non fu la sola scissione che segnò la vita politica del dopoguerra. Quasi di un anno precedente, la separazione fra l’anima liberaldemocratica e quella liberalsocialista del Partito d’Azione aveva lasciato quest’ultimo in una profonda crisi54, che si era aggravata con la débâcle subita alle elezioni per l’Assemblea Costituente (alle quali aveva ottenuto un insignificante 1,4%) e che era sfociata nello scioglimento del partito stesso dopo il Consiglio Nazionale dell’ottobre 194755.

  • 56 Su La Malfa e Parri, cfr. P. Soddu, Ugo La Malfa. Il riformista moderno, Carocci, Roma 2008 e L. Po (...)
  • 57 Cfr., su questo, A. Gambino, Storia del dopoguerra. Dalla Liberazione al potere DC, Laterza, Bari 1 (...)
  • 58 Cfr. su questo P. Caridi, La scissione… cit.

10La fine dell’esperienza politica azionista non coincise tuttavia con la fine dell’attività politica di molti membri del partito. Amareggiati dal fallimento delle speranze in un cambiamento radicale della società basato sui valori della Resistenza, i principali esponenti del PdA scelsero comunque di continuare l’azione politica e si dispersero negli altri partiti, in un arco che andò dai repubblicani fino alla sinistra socialista. Si trattò di una scelta sovente sofferta e, almeno al principio, da molti non sentita come definitiva. Se La Malfa e Parri avevano preso la loro decisione fin dal 1946, rifiutandosi in ogni caso di gravitare nell’area socialista56, i loro ex–compagni di partito si trovarono di fronte a diverse opzioni e, soprattutto, a due partiti socialisti la cui fisionomia era lungi dall’essere definita. Se pure era evidente che la principale causa della scissione di Palazzo Barberini era stata il rapporto con il PCI, molto più difficile era prevedere quali strade avrebbero preso i due partiti nati al congresso di Roma: il PSI, pur mantenendo operante il patto di unità d’azione, non aveva ancora ufficializzato la decisione di presentare liste unitarie con il PCI (che sarebbe giunta solo alla fine dell’anno, dietro proposta dello stesso Partito socialista nella direzione del 7 novembre57); il PSLI si mantenne all’opposizione fino al dicembre del 1947, quando fece il suo ingresso nel IV governo De Gasperi58.

  • 59 Proprio sulla difesa della democrazia, come valore assoluto e non relativizzabile, Saragat aveva in (...)
  • 60 Cfr. Istoreto, FAG, b. 42, fasc. 1087 Valiani a Garosci, 16 gennaio s. d, ma 1947: «i due tronconi (...)
  • 61 Su Valiani cfr. A. Ricciardi, Leo Valiani. Gli anni della formazione: tra socialismo, comunismo e r (...)
  • 62 Sul quale mancano studi biografici; cfr. comunque F. Fantoni (a cura di) L’impegno e la ragione: ca (...)
  • 63 Istoreto, FAG, b. 42, fasc. 1087, Valiani a Garosci, 30 novembre s. a., [ma 1946]. Cfr. anche Ernes (...)

11La scelta degli azionisti non appariva dunque scontata. A livello dottrinario, era probabilmente maggiore la vicinanza al neonato PSLI, specie per l’insistenza di quest’ultimo sul tema della democrazia politica59. Inoltre, il PSLI radunava quell’ala riformista che sembrava la candidata naturale a raccogliere il consenso dei ceti medi progressisti, estremamente sospettosi verso un PSI alleato dei comunisti60. E’indicativo in questo senso quanto scriveva Leo Valiani61 ad Aldo Garosci62 il 30 novembre 1946, quando lo scontro nel PSIUP stava ormai giungendo al calor bianco: «in caso di scissione, si prende contatto con chi ci è politicamente più vicino, nel senso che fa appello alle forze del paese che ci interessano. Questo è Saragat»63.

  • 64 Su Codignola cfr. P. Bagnoli, Il socialismo di Tristano Codignola. Con interventi, documenti, lette (...)
  • 65 Cfr. su questo G. De Luna, Storia… cit.; P. Caridi, La scissione… cit..; P. Vittorelli, Precedenti (...)
  • 66 Cfr. su questo, G. De Luna, Storia… cit.
  • 67 Cfr. P. Vittorelli, Precedenti…, cit.; P. Caridi, La scissione… cit.; A. Roveri, Il socialismo trad (...)
  • 68 Cfr. Istoreto, FAG, b. 42, fasc. 1087 Valiani a Garosci, 16 gennaio s. a, ma 1947: «[il PSLI] è un (...)
  • 69 Cfr. Istoreto, FAG, b. 42, fasc. 1087, Valiani a Garosci, s. d. ma dopo il giugno 1947: «Ti confess (...)
  • 70 Cfr. G. De Luna, Storia... cit.; P. Vittorelli, Precedenti…, cit; ID., La diaspora azionista, in AA (...)

12Non stupisce quindi che già il 27 gennaio il comitato Centrale del PdA, su proposta dello stesso Valiani e di Tristano Codignola64, decidesse di aprire un canale preferenziale con il PSLI, al fine di sondare il terreno per un’eventuale unificazione65. L’entità della scissione non era probabilmente ancora chiara, e l’adesione di numerosi parlamentari del PSIUP al nuovo partito poteva anzi far pensare ad un notevole successo66. Ciononostante, i contatti fra i due partiti non sortirono i risultati sperati, paradossalmente a causa delle resistenze dei settori più moderati del PSLI che temettero di snaturare la natura del partito accettando l’unione con elementi spiccatamente non marxisti come gli azionisti67. Tali timori non erano per altro infondati, dato che proprio fra i più accesi sostenitori azionisti della fusione era diffusa l’idea che la maggiore debolezza organizzativa del PSLI avrebbe permesso agli azionisti di svolgervi un ruolo decisivo, fino a mutarne la natura e ad assumerne la leadership68. Socialismo democratico, dunque, ma – si potrebbe dire – secondo la ricetta azionista. Nei mesi successivi fu poi chiaro che a livello di base la compagine scissionista non aveva grande seguito. E’probabile che ciò influisse sugli orientamenti degli azionisti, rafforzando l’ala che già in precedenza inclinava in direzione del PSI, guidata da Foa e Lombardi; sicuramente indebolì le posizioni di chi vedeva con favore, o almeno con interesse, la possibilità di una fusione con il PSLI69. Così, il 30 giugno il Comitato Centrale del PdA rovesciò i risultati di cinque mesi prima e si dichiarò favorevole alla confluenza nel PSI; poco tempo dopo, il 19–20 ottobre 1947, il Consiglio Nazionale del Partito d’Azione decideva, a maggioranza, lo scioglimento del partito, decretandone la confluenza nelle fila del PSI, con 64 voti favorevoli e 29 contrari70.

  • 71 Sugli ultimi tre sono disponibili opere biografiche complete, oltre che più o meno numerose antolog (...)
  • 72 Cfr. su questo “L’Umanità”, 2 maggio 1947, A. Spinelli, Partito di pianificazione senza demagogia, (...)
  • 73 IS, 21 ottobre 1947, Appello dei membri del C. C. contrari alla fusione col PSI.
  • 74 IS, 16 novembre 1947, Le federazioni toscane del Pd’A si pronunciano per l’autonomia. Il testo del (...)
  • 75 Su Francovich cfr. il profilo biografico di G. Vaccarino, Carlo Francovich 1910–1990, in «Italia Co (...)
  • 76 L’elenco completo dei nomi si trova, oltre che in calce al succitato manifesto pubblicato nell’epis (...)
  • 77 Sui fratelli Carlo e Alessandro Galante Garrone cfr. P. Borgna, Un paese migliore. Vita di Alessand (...)
  • 78 E’da notare che lo stesso asse Torino–Firenze fu uno dei pilastri che sostenne «Il Ponte» di Piero (...)
  • 79 Da quanto si può desumere dalle notizie pubblicate da “L’Italia Socialista”, esse furono in tutto u (...)
  • 80 Per una ricostruzione dettagliata delle vicende de “L’Italia Socialista”, da cui emerge l’impossibi (...)
  • 81 Cfr. IS, 2 dicembre 1947, Le Federazioni autonome del Pd’A si organizzano sul piano nazionale come (...)
  • 82 IS, 2 dicembre 1947, La dichiarazione politica di Azione Socialista Giustizia e Libertà.
  • 83 Istoreto, FAG, b. 40, fasc. 1024, Garosci a Spinelli, 5 novembre 1947. Garosci fa qui riferimento a (...)
  • 84 Istoreto, FAG, b. 40, fasc. 1024, Spinelli a Garosci, 9 novembre 1947.
  • 85 Ivi, Spinelli a Garosci, 20 agosto 1947.
  • 86 Cfr. ad esempio, la lettera aperta che Codignola invia a Luigi Russo il 27 aprile 1946, pubblicata (...)
  • 87 Il quale pur ribadendo il suo attaccamento passionale al marxismo, riconosce che «in pratica l’econ (...)

13Restava fuori dal PSI un nutrito gruppo di dirigenti azionisti, da Garosci, Codignola, Valiani a Giorgio Agosti, da Paolo Vittorelli a Mario Alberto Rollier, da Ernesto Rossi a Piero Calamandrei71. Nessuno di questi, tuttavia, confluì nel PSLI. Alcuni, come Valiani, si ritirarono momentaneamente dalla politica attiva; altri, come Altiero Spinelli, si erano già iscritti da qualche mese al PSLI72; la maggior parte decise di fare per il momento parte a sé e andò a fondare il Movimento di Azione Socialista – Giustizia e Libertà, che prese rapidamente forma nel mese e mezzo successivo alla fine del PdA. Fin dal 22 ottobre, un gruppo di dirigenti che due giorni prima aveva votato contro la fusione diramò un appello agli iscritti del partito, invitando le sezioni a sconfessare il Consiglio Nazionale e «proclamare la propria autonomia politica e organizzativa» e annunciando un prossimo convegno nazionale dei dissidenti73. Il 16 novembre la federazione fiorentina si costituì per prima in movimento autonomo e pubblicò un manifesto programmatico in cui ribadiva le istanza del PdA e si pronunciava a favore di un socialismo autonomo (dal PCI)74. Fra i firmatari del documento, oltre a numerosi esponenti locali del partito, figuravano alcuni dei nomi più celebri del PdA, quali Codignola, Calamandrei, Rossi, Carlo Francovich75, Umberto Olobardi, Marion Cave76. Firenze fu, in effetti, uno dei centri principali del movimento, così come era stata una delle culle dell’azionismo; l’altro grande polo attorno a cui ruotò il MAS–GL fu Torino, in cui il gruppo di discendenza giellista (il cui nucleo centrale era composto da Giorgio Agosti, i fratelli Galante Garrone, Dante Livio Bianco, Mario Giovana77, ma a cui erano legati per vie diverse figure quali Garosci e Rollier) sostenne sempre, per quanto dall’esterno e in maniera via via più distaccata, gli sforzi del MAS–GL78. Queste due realtà costituirono le principali, se non le uniche, basi solide del movimento, mentre della restante ventina fra sezioni e federazioni che raccolsero inizialmente l’appello dei dissidenti si persero rapidamente le tracce79. Accanto ad esse, l’altro elemento che conferì al MAS–GL quel poco di solidità di cui godette fu “L’Italia Socialista”, quotidiano erede della testata del PdA “L’Italia Libera” diretto da Garosci e Paolo Vittorelli. Per quanto non riducibile al ruolo di organo del movimento, “L’Italia Socialista” costituì un centro di aggregazione delle sparse forze azioniste autonome (fuori e dentro il MAS–GL)80. Fu essa che diede la notizia della nascita ufficiale del movimento, avvenuta a Roma il 29 e 30 dicembre 1947,81 e ne pubblicò integralmente la dichiarazione programmatica. Gli estensori di questa si presentavano come «socialisti democratici del PdA» e dichiaravano di voler «continuare a lavorare anche in pochi per l’unità del socialismo democratico». A tal fine, essi ritenevano necessaria una lotta su due fronti, contro la «mentalità di dominio manifestata dal partito al potere sugli apparati dello Stato, l’occupazione permanente dello stato con spirito di fazione e di sopraffazione» e contro «coloro che [avevano] irreggimentato le classi lavoratrici in vista di una battaglia che non [era] la loro» e che «proced[eva] a freddo da un conflitto internazionale»82. L’esplicito inserimento nell’alveo del socialismo (democratico) non deve leggersi tanto come un ripudio della provenienza azionista, quanto piuttosto come l’espressione della volontà di salvarne il significato più profondo. Non va infatti dimenticato che dopo la scissione “liberaldemocratica” del 1946 la stragrande maggioranza dei membri del PdA era ormai convinta che l’area socialista fosse l’approdo inevitabile del partito; in questo senso, l’aggettivo “democratici” che accompagnava il “noi socialisti” dell’esordio, marcava chiaramente la distinzione dalla maggioranza azionista che confluendo nel PSI si era indirettamente alleata con i comunisti. In ultima analisi, erano questi il vero bersaglio polemico del gruppo: la lotta su due fronti contava non tanto per la chiusura al centro, in qualche modo scontata per degli uomini che da sempre avevano guardato con sospetto alla DC, quanto piuttosto per la decisa presa di distanza dal PCI. Alla base di questa seconda rottura del PdA vi era dunque una differenziazione strategica, che appariva ben chiara ai soggetti stessi. Nel novembre 1947, Garosci parlava a Spinelli di «manovre immorali del portare in un fronte social comunista gli uomini del PdA che in fondo hanno tutt’altre origini e tutt’altri sentimenti»83. La risposta del futuro leader federalista era anche più lapidaria: «sono fondamentalmente reazionari sia il blocco delle sinistre che quello delle destre»84; qualche mese prima egli aveva espresso la convinzione che «il vero contrasto [fosse] quello tra gente che mira[va] a nuove forme totalitarie e gente che mira[va] a conservare forme democratiche»85. Meno definitivi nel giudizio sui comunisti, ma comunque decisi a non affiancarsi ad essi, apparivano in questo torno di tempo Codignola86 e Valiani87.

14Non era anticomunismo, almeno non nel senso più duro del termine: come la storia successiva dimostrò, molti di questi uomini non ebbero problemi a collaborare con i comunisti su singole battaglie, o anche ad entrare nelle loro liste da indipendenti (Spinelli). Era piuttosto la guerra fredda che imponeva scelte nette anche a coloro che, in entrambi gli schieramenti, si trovavano incredibilmente stretti. Gli azionisti che entrarono nel PSI compirono in qualche modo una scelta di schieramento; coloro che rifiutarono tale strada si dedicarono in gran parte a costruire una sinistra che fosse autonoma, quando non antagonista, rispetto al PCI. Nemmeno gli ex–azionisti, insomma, sfuggivano completamente alla polarizzazione di quegli anni.

1.3 «Europa Socialista»

  • 88 Cfr. su questo G. Galli, Storia… cit., p. 192: «La scissione […] è un fatto traumatico per il quadr (...)
  • 89 P. Caridi, in La scissione… cit., cita F. Cazzola, Il partito come organizzazione, Ed. Tritone, Rom (...)
  • 90 In INSMLI, FMAR, b. 2, fasc. 24, vi sono infatti alcune lettere provenienti da ex–sezioni del PSIUP (...)
  • 91 Cfr. O. Gurgo, F. De Core, Silone, L’avventura di un uomo libero, Marsilio, Venezia 1998, p. 248; p (...)

15La scissione socialista del gennaio 1947 non diede vita soltanto a due partiti contrapposti. La natura, a molti apparsa fratricida e dettata da ragioni personalistiche, dello scontro fra le diverse anime del socialismo italiano, fece sì che numerosi militanti e dirigenti scegliessero di non schierarsi in prima battuta né con il PSI né con il PSLI88. Che, in generale, si fosse trattato di un gioco a somma negativa si può dedurre dal fatto che, mentre il PSIUP era giunto forse al milione di iscritti, il PSI degli anni successivi ne aveva circa la metà89, ed il PSLI–PSDI sicuramente non si avvicinò mai a tale cifra. Vi fu insomma un’emorragia di iscritti, parte dei quali non si schierò con alcuna delle due fazioni ma si ritirò dalla vita politica attiva90. Anche a livello di gruppo dirigente vi furono settori che non vollero prendere immediatamente posizione: Ignazio Silone, che nel PSIUP unitario si era più volte battuto per preservare l’unità e l’autonomia del partito, dopo l’avvenuta scissione rifiutò di entrare sia nel PSI sia nel PSLI. Tuttavia, egli non abbandonò l’attività politica: dalla direzione di «Europa Socialista», il periodico da lui fondato nel marzo del 1946 come bisettimanale e ora trasformato in settimanale91, si dedicò al lavoro di ricucitura della composita trama socialista.

  • 92 Vecchietti rimane fino al maggio 1946, data in cui la pubblicazione della rivista viene sospesa; al (...)
  • 93 Cfr. su questo D. Napolitano, Il socialismo federalista… cit.
  • 94 Cfr. ad esempio: ES, 1–16 marzo 1946, A. Williams, La nazionalizzazione delle miniere in Gran Breta (...)

16La nuova rivista, nella quale a Silone si erano affiancati prima Tullio Vecchietti come redattore capo, poi Gaetano Russo92 come vice – direttore, godeva di una vasta schiera di firme italiane ed europee (fra le seconde, ricordiamo André Malraux, Harold Laski, Karl Renner, Benedikt Kautski, Viktor Larock). Nell’ottica di un deciso sostegno ai progetti federalisti93, essa si contraddistinse per la presentazione e descrizione delle realtà socialiste (di governo e di opposizione) dei vari paesi del continente94. Al contempo «Europa Socialista» era anche intensamente concentrata sui problemi del socialismo nostrano e dopo la scissione si adoperò per favorire un processo di riunificazione.

  • 95 ES, gennaio 1947, I. Silone, Partito in formazione.
  • 96 Cfr. ES, 23 febbraio 1947, I. Silone, Come riorganizzare il movimento socialista?.
  • 97 Del quale non vi è praticamente alcun profilo biografico approfondito. Per qualche informazione di (...)
  • 98 Su Vigorelli cfr. M. Paniga, Ezio Vigorelli, gli Eca e la battaglia per una riforma dell’assistenza (...)
  • 99 Su Foa, cfr. la sezione speciale a lui dedicata nell’anno della morte in «Annali della Fondazione U (...)

17La prima serie della rivista si chiudeva dopo la scissione del PSIUP, con un editoriale di Silone significativamente intitolato “Partito in formazione” – sintetica quanto esplicita dichiarazione programmatica – in cui il direttore svolgeva una requisitoria contro i difetti del PSIUP e dei sui dirigenti, accusati di «misconoscere la funzione autonoma e i compiti del Partito socialista» e di soffrire di «una specie di schizofrenia che il socialismo italiano si porta nel sangue», consistente nella continua e costante discrepanza fra enunciazioni ideologiche e prassi politica95. Palazzo Barberini doveva diventare, secondo Silone, «l’inizio di un processo di completa riorganizzazione delle forze politiche del socialismo italiano», che ne superasse le «velleità estremiste» e la speculare «incapacità costruttiva». Tale ricostruzione era anche il programma politico di «Europa Socialista» e conseguentemente la nuova serie esordiva proponendo un’inchiesta su «come riorganizzare il movimento socialista» rivolta a tutti i principali esponenti del socialismo italiano96. Ad esso risposero numerose figure di primo piano, appartenenti sostanzialmente a tre aree politiche: da un lato, comparvero in gran numero scritti di rappresentanti del PSLI, fra cui Carlo Andreoni97, Ezio Vigorelli98 e molti deputati alla Costituente; dall’altro, diedero il loro contributo alcuni dei nomi illustri dell’azionismo (Valiani, Codignola, Foa99); infine, non mancarono interventi di membri del PSI, fra i quali prevalevano tuttavia coloro che nel giro di pochi mesi avrebbero lasciato il partito guidato da Basso (Ivan Matteo Lombardo, Luigi Carmagnola). Nel complesso, al questionario risposero cinquantacinque fra dirigenti, militanti e semplici simpatizzanti. La mancanza di rappresentanti significativi del PSI è però indicativa. L’azione di Silone non riuscì in realtà a raggiungere il maggiore troncone del vecchio PSIUP, e questo perché la stessa impostazione della rivista era in realtà alternativa alla linea che il partito di Basso aveva fatto propria. Agli occhi dei dirigenti del PSI e nella realtà dei fatti, il richiamo ad un socialismo autonomo era una riedizione delle istanze autonomiste che avevano presieduto alla scissione. Il fatto che Silone non avesse voluto aderire al PSLI non significava che non ne condividesse le istanze, bensì che ritenesse poco opportuna una rottura del partito. Certo, il rifiuto dell’abitudine di lanciare proclami a vuoto e di condurre una politica assolutamente non conseguente investiva anche il PSLI; tuttavia, davanti alla linea di demarcazione strategica che la guerra fredda stava tracciando, Silone si poneva chiaramente da una parte o, per lo meno, contro una parte. Messo alle strette, egli avrebbe ben presto palesato la sua scelta.

  • 100 Cfr. ad esempio, ES, 16 marzo 1947, Per l’unità socialista. Un manifesto dei socialisti dell’Alta P (...)
  • 101 ES, 2 marzo 1947, Gruppi d’”Europa socialista”. Cfr. anche ES, 30 marzo 1947, Gruppi d’Europa Socia (...)
  • 102 Cfr. ES, 1 giugno 1947, Comitati d’azione per l’unità socialista.

18Nel frattempo, comunque, lo scrittore abruzzese tentava di porsi come ponte fra i due partiti socialisti: a fianco dell’inchiesta sul socialismo citata, «Europa Socialista» pubblicava una rubrica intitolata Per l’unità socialista, in cui si dava notizia di convegni dedicati al tema, di mozioni delle federazioni locali per il superamento della scissione, di iniziative unitarie prese da alcune sezioni azioniste. Un brulichio di iniziative che avrebbe dovuto testimoniare la forza e l’importanza delle istanze unitarie che provenivano dalla base100 e per le quali la rivista cerca di porsi come referente nazionale, invitando «quei compagni che dopo la scissione [erano] rimasti in posizione indipendente ad aderire o a dar essi stessi vita ai gruppi di ‘Europa Socialista’ »101. Alla funzione di voce del socialismo unitario, il settimanale di Silone andava accostando quella di organizzatore e promotore di un movimento politico: ne è riprova l’annuncio, che comparve sulla rivista il 1 giugno, della costituzione dei Comitati d’Azione per l’Unità Socialista, ai quali chiunque «militi nelle file di un partito socialista o che […] stia in disparte sfiduciato e stanco»102 veniva invitato a partecipare. E’però molto difficile stabilire l’entità di questo movimento, che la rivista tendeva a presentare come spontaneo, ma a capo del quale cercò comunque di porsi fin da subito.

  • 103 Cfr. su questo S. Merli, Il “partito nuovo”… cit; P. Mattera, Il Partito… cit.; A. Agosti, Rodolfo (...)

19In ogni caso, l’inasprirsi dello scontro interno ed internazionale toglieva linfa a simili iniziative, in particolare fra le file del PSI, dove le istanze unitarie e i richiami alla tradizione socialista rischiavano di configurarsi come ulteriori rifiuti della linea del partito. Le iniziative unitarie alle quali Silone cercava di dare voce presentavano lo stesso limite invalicabile dell’inchiesta sul socialismo: non intaccavano il corpo principale del PSI, ormai avviato alla costruzione di un “partito nuovo”103 sul modello comunista e sordo ai richiami all’unità socialista; al massimo, potevano interessare quelle residue frange autonomiste che ancora restavano nel partito, e che ne sarebbero di lì a poco uscite.

  • 104 ES, 20 luglio 1947, Gruppo “Europa Socialista”, Mozione per l’unità socialista.
  • 105 Cfr. INSMLI, FMAR, b. 3 fasc. 26, lettera del Comitato Centrale di Europa Socialista ai gruppi loca (...)

20Gli sforzi di Silone per la ricostruzione dell’unità socialista erano quindi destinati allo scacco, come l’alleanza elettorale fra PCI e PSI avrebbe di lì a poco palesato. Già prima della costituzione del Fronte Popolare l’inasprimento dello scontro politico nel corso del 1947 tolse al settimanale la sua stessa ragion d’essere. Esso chiuse così i battenti il 20 luglio 1947, quasi mestamente, annunciando una sospensione per ferie che sarebbe stata definitiva e presentando, nell’ultimo numero, una Mozione per l’unità socialista104 firmata non più dalla redazione ma, significativamente, dal Gruppo Europa Socialista. Il documento, che riprendeva molte delle questioni sollevate sei mesi prima dagli scissionisti del PSIUP, sanciva la trasformazione di «Europa Socialista» in gruppo di pressione organizzato. Il 22 ottobre 1947 fu eletto un comitato centrale del movimento, che riuniva esponenti dei gruppi che avevano collaborato al settimanale, e che doveva coordinare i gruppi locali sorti nel frattempo105. L’obbiettivo dichiarato era sempre «costituire un luogo d’incontro fra tutti i socialisti iscritti o no ai diversi partiti», «un punto di partenza per l’attuazione dell’unità socialista». Tuttavia, la condanna senza appello che veniva pronunciata verso i primi segnali della costituzione del Fronte Popolare e l’invito a mettersi «immediatamente in contatto con le Federazioni autonome del partito d’azione» indicavano chiaramente come il movimento ed il suo leader fossero ormai orientati verso l’accordo con le altre sparse realtà del socialismo autonomista. Indirettamente, era una conferma che la rottura di Palazzo Barberini era stata dettata da ragioni strategiche e non contingenti: anche Silone, nell’imminenza dello scontro frontale, era costretto a schierarsi.

1.4 La nascita dell’UdS

  • 106 Su Lombardo mancano profili biografici accurati. Si rimanda quindi alla breve voce sulla Treccani o (...)
  • 107 Sul congresso PSI del 19–22 gennaio 1949, nel quale la mozione di Lombardo prese poco più dello 0.5 (...)
  • 108 P. Caridi, La scissione… cit., p. 361.
  • 109 In ES, 16 marzo 1947.
  • 110 Fra questi, lo stesso Gaetano Russo che era caporedattore di Europa Socialista, a testimoniare gli (...)

21Fra le varie truppe sbandate del socialismo che Silone cercava di radunare, le ultime arrivate furono quelle guidate dall’ex–segretario del PSIUP Ivan Matteo Lombardo106. Questi era in un primo tempo rimasto nel PSI e ne era quindi uscito in seguito alla decisione, assunta alla fine del gennaio 1948 dal XXVI congresso del partito, di presentare una lista unica con il PCI107. Tale decisione segnava la sconfitta definitiva della linea politica che Lombardo seguiva da alcuni mesi e che era incentrata sul tentativo di «far convogliare attorno al PSLI, al gruppo di Silone e alla grossa area di centro del PSI il consenso necessario per formare un partito di massa autonomo dal PCI»108. Si trattava, in fondo, dello stesso progetto di Silone, portato avanti dal di dentro del partito invece che dal di fuori: non a caso, Lombardo scriveva su «Europa Socialista», la sua risposta al questionario su “Come riorganizzare il movimento Socialista” era stata fra le prime ad esser pubblicata sulla rivista109 ed egli faceva parte del comitato centrale del movimento. Come quello di Silone, però, anche il progetto di Lombardo riproponeva l’alternativa strategica che era stata all’origine della scissione, dato che ogni possibilità di unità socialista doveva passare per la rottura dell’alleanza con i comunisti. Come quello di Silone il progetto di Lombardo fallì, e a questi non restò che prenderne atto e uscire dal partito. Ad attendere lui e gli altri autonomisti del PSI110, vi erano «Europa Socialista» ed il Movimento di Azione Socialista–Giustizia e Libertà, che si andavano organizzando e preparavano un Convegno unitario a Milano per l’inizio del 1948. Le fonti documentarie disponibili non permettono di stabilire con precisione quando nacque l’idea di tale convegno e ad opera di chi; tuttavia, si può affermare che esso costituì lo sbocco naturale dell’azione dei diversi gruppi finora analizzati.

  • 111 INSMLI, FMAR, b. 3, fasc. 28, Rollier a Rossi, 13 gennaio 1948.
  • 112 Ivi. B. 3, fasc. 28.
  • 113 Questo nonostante lo stesso Rollier si preoccupasse di inviare una lettera riservata a Adriano Oliv (...)
  • 114 A testimonianza della precarietà del movimento, la sua denominazione varia, sia nelle corrispondenz (...)
  • 115 Sui due Malan, cfr. P. Egidi Bouchard, Frida e i suoi fratelli: il romanzo della famiglia Malan nel (...)
  • 116 Cfr. le numerose lettere di Rollier ad esponenti locali del PdA in INSMLI, FMAR, b. 3, fasc. 28.
  • 117 ivi, Barberis e Malan a Rollier, 2 febbraio 1948.
  • 118 ivi. Rollier ad Agosti, 14 gennaio 1948; Agosti a Rollier, 19 gennaio 1948; Rollier a Levi, 14 genn (...)
  • 119 Cfr. ad esempio Ivi, Rollier a Silone, 10 novembre 1947, lettera in cui Rollier dichiara che «la ba (...)
  • 120 In particolare, con tali Savelli, Quarti e Gomarasca, come risulta dalla corrispondenza degli ex–az (...)
  • 121 Ivi. B. 3 Fasc. 28. Silone a Savelli, Gomarasca, Quarti.

22Per la metà di gennaio, comunque, il progetto era già consolidato. Il 13 del mese l’ex–azionista e ora membro del MAS–GL Mario Alberto Rollier incontrò Lombardo – ancora ufficialmente nel PSI – per renderlo operativo, e dall’incontro sortirono «la lista degli invitati e l’ordine del giorno»111 del convegno. Questo si tenne al Castello Sforzesco il 7 e 8 febbraio 1948 e fu organizzato soprattutto da «Europa Socialista» e dagli ex–azionisti, per quanto fossero presenti numerosi altri gruppi della diaspora socialista: nel manifesto di convocazione del convegno112 si parla di «socialisti indipendenti e rappresentanti di correnti socialiste e democratiche che si trovino sullo stesso piano programmatico e politico», di «sindacalisti indipendenti», di «tecnici socialisti», delle associazioni partigiane “Giustizia e Libertà”, “Matteotti”, alcune “Autonome” e «rappresentanti di formazioni garibaldine» e, infine, dei gruppi di Comunità, unica altra entità chiaramente definita, che tuttavia non sembra avere avuto un ruolo di particolare peso né nel convegno né negli sviluppi successivi113. I membri del MAS–GL114 si muovevano in maniera piuttosto compatta, come si vede dalla corrispondenza di Rollier, che costituisce uno spaccato significativo delle dinamiche di questa componente, che costituì là dove era particolarmente radicata (Piemonte, Toscana) una delle basi più solide del nuovo soggetto politico. Nelle settimane precedenti il convegno di Milano, Rollier ebbe contatti con il gruppo ex–PdA di Torino (Giorgio Agosti, Roberto e Frida Malan, Riccardo Levi, Luigi Barberis115), con Paolo Vittorelli, che faceva parte del Comitato Centrale romano del MAS–GL, e con esponenti locali (del centro – nord) del disciolto partito, che avevano rifiutato la confluenza nel PSI116. A loro volta, i torinesi si occuparono di gestire i contatti con il gruppo fiorentino e soprattutto di sollecitare “latitante Calamandrei”117. Le reti di relazioni che si attivarono in questo caso furono di due tipi: alla rete formale costituita dal MAS–GL si sovrappose quella rete informale di contatti fra amici che era tipica della tradizione azionista. Ad esempio, ad uno scambio di lettere privato fra Agosti e Rollier, nel quale si discute del convegno e delle posizioni che l’associazione torinese assume dinnanzi ad esso, si affianca con una perfetta sincronia l’invito ufficiale al congresso, che viene trasmesso da Rollier a Riccardo Levi118. Dal canto suo, il gruppo di «Europa Socialista» (con il quale gli ex–azionisti avevano comunque da tempo stretti contatti119) si incaricò degli aspetti più strettamente organizzativi, in collaborazione con gruppi locali120, e del «compito di preparare uno schema di mozione che [sarebbe stata] consegnata agli intervenuti il giorno stesso del convegno»121.

  • 122 Cfr. ivi, fasc. 28, Rollier a Vassalli, 30 gennaio 1948: «Lo scopo politico, almeno nelle mia mente (...)
  • 123 Cfr. ivi. Rollier a Garosci, 2 febbraio 1947: «nel caso del più completo insuccesso del convegno [… (...)
  • 124 Ivi, Vittorelli a Rollier, 4 febbraio 1947.
  • 125 Ibidem.

23Per quanto si muovessero di concerto, non sembra che gli organizzatori del convegno avessero però una completa identità di vedute, in particolare circa il rapporto con il principale interlocutore, il PSLI. Se Rollier era fautore non solo di un’alleanza elettorale con tale partito122, ma anche di una forma di unificazione immediata con il PSLI123, altri ex–azionisti apparivano decisamente più prudenti: Garosci, tramite Vittorelli, invitava Rollier a «sospendere gli inviti ai dirigenti del PSLI»124 al convegno, e precisava che questo avrebbe dovuto «consentire la creazione (ma solo questo e niente di più) di una specie di Comitato di Coordinamento di tutte le forze socialiste indipendenti, ad esclusione del PSLI, [sottolineato nel testo] per poi poter trattare, a nome di tutti i socialisti autonomi rimasti fuori dai due partiti ufficiali, con il PSLI». Il problema era insomma arrivare all’incontro con il PSLI da una posizione di forza per non essere semplicemente assorbiti dal più strutturato partito di Saragat. Tale posizione dipendeva in gran parte dalla presenza di una figura prestigiosa come Lombardo, il quale tuttavia ancora il 4 febbraio «si riserva[va] effettivamente di decidere sul da farsi dopo aver visto quanto [fosse] serio il Convegno»125.

  • 126 Ivi, discorso di Ivan Matteo Lombardo, 8 febbraio 1948.

24Alla fine, Lombardo al convegno non solo partecipò, ma tenne anche il discorso di chiusura, sancendo così automaticamente la sua uscita dal PSI. Egli infatti impostò tutto il suo intervento sul richiamo alla tradizione socialista, sulla difesa dell’autonomia di tale tradizione dalla morsa soffocante del PCI e sul rifiuto del Fronte Popolare, cui rimproverava la mancanza di democrazia interna e, in generale, la sottovalutazione del valore della libertà e della democrazia126: un’altra dimostrazione, in fondo, che ciò che univa i partecipanti era principalmente il rifiuto del legame organico con i comunisti (quando non l’aperto anticomunismo), mentre mancavano precise indi cazione programmatiche o ideologiche, il che costituiva il germe di divisioni future.

  • 127 Ivi. Mozione finale del Convegno, s. d..
  • 128 Ibidem.
  • 129 Su Simonini, eletto segretario del PSLI nel febbraio 1948, cfr. M. Donno, Alberto Simonini socialis (...)
  • 130 “L’Umanità”, 12 febbraio 1948, Esaminata la situazione elettorale dal PSLI e dalla Unione Socialist (...)
  • 131 ISRT, fondo PSU, B. 2, fasc. 1.

25Per intanto, comunque, «il convegno nazionale dei socialisti indipendenti, riunito a Milano nella sala del Gonfalone del Castello Sforzesco nei giorni 7 e 8 febbraio 1948 per iniziativa di ‘Europa Socialista’ e con la partecipazione degli autonomisti del PSI, dei Gruppi Socialisti Indipendenti, di Azione Socialista Giustizia e Libertà, di ‘Europa Socialista’, del partito repubblicano socialista e di socialisti democratici senza partito o rimasti fuori dai partiti» deliberava «di coordinare gli sforzi dei singoli e dei gruppi in un movimento inizialmente federativo col nome di Unione dei Socialisti [sottolineato nel testo]»127. Tale movimento non richiedeva lo scioglimento dei gruppi che vi aderivano, ma ne accettava la persistenza, anche se accettava parimenti l’adesione diretta di singoli. Obiettivo strategico dell’UdS era di promuovere, «nell’ambito del socialismo democratico», la «formazione di una efficiente unità delle forze socialiste italiane»128; nell’immediato, di fronte alle imminenti elezioni, essa deliberava di «tentare ogni sforzo perché si present[assero] al Paese LISTE DI UNITA’SOCIALISTA [maiuscolo nel testo], con contrassegno proprio». Nel caso che «le forze socialiste democratiche esistenti» non rispondessero positivamente all’appello, l’UdS non avrebbe tuttavia presentato alcun candidato proprio. Si trattava di un invito esplicito al PSLI, accompagnato da un’implicita promessa di non fargli concorrenza come partito organizzato: un’offerta indiscutibilmente allettante, che infatti il partito di Saragat accettò immediatamente. I contatti fra i due soggetti iniziarono subito, e già il 12 febbraio “L’Umanità” e “L’Italia Socialista” davano notizia di colloqui fra le delegazioni, guidate rispettivamente da Alberto Simonini129, segretario del PSLI, e da Ivan Matteo Lombardo, che al termine del convegno di Milano era stato eletto segretario della nascente UdS. Il giorno successivo, il 13 febbraio, Simonini e Lombardo depositavano al Viminale il simbolo della liste di Unità Socialista, il sole nascente, primo simbolo socialista e richiamo esplicito alla tradizione130. Una settimana dopo, il 20 febbraio, una circolare del Comitato centrale di coordinamento per le liste di unità socialista, firmata da Carlo Andreoni e Paolo Vittorelli, annunciava a tutte le Federazioni PSLI e a tutte le Unioni Provinciali UdS l’accordo raggiunto per le liste unitarie131.

1.5 Le liste di unità socialista

26Dietro il simbolo del sole nascente si raggruppavano dunque le varie formazioni uscite dalla crisi del PSIUP, che per affrontare una campagna elettorale molto dura misero la sordina ai problemi che sussistevano fra le varie componenti e all’interno di ciascuna di esse.

  • 132 IS, 6 marzo 1948.
  • 133 Cfr. ad esempio Istoreto, FAG, b. 20, fasc. 58, Giovana a Garosci, 2 marzo 1948, dove si parla dell (...)
  • 134 ACS, MI, Gab., PP, b. 111, 19 febbraio 1948, relazione del prefetto di Firenze su una riunione dell (...)
  • 135 Istoreto, FAG, b. 72, fasc. 1432; 6 febbraio 1948, Simonini a Silone e Garosci.
  • 136 Cfr. su questo P. Mattera, Il partito… cit.
  • 137 “L’Umanità”, 10 febbraio 1948, s. a. Il convegno di Milano.
  • 138 “L’Umanità”, 10 febbraio 1948, P. Caleffi, Gli indipendentisti si uniscono per favorire l’unità dei (...)

27La formazione di liste unitarie non significò, infatti, una unificazione effettiva dei vari tronconi del socialismo democratico. Al di là dei toni trionfalistici della stampa di partito – “L’Italia Socialista” titolava, il giorno della presentazione delle liste, Il sole sorge ancora – Depositata a Roma la lista di Unità Socialista132 – permanevano ambiguità non sciolte sulla linea politica e soprattutto diffidenze e sospetti reciproci.. Da parte di molti membri dell’UdS non erano rari dubbi e sospetti sul PSLI e sui suoi componenti, in particolare dopo l’andata al governo del dicembre 1947133; lo stesso Codignola, uno dei più attivi leader dell’UdS, una settimana dopo la presentazione delle liste unitarie criticava esplicitamente in una riunione del movimento il PSLI per la “sequela di errori” che aveva commesso, ultimo dei quali l’entrata al governo, e che gli avevano impedito di fare breccia nella classe operaia134. Gli uomini del PSLI, d’altro canto, non esitavano a mostrare un certo fastidio verso quelli che apparivano loro gli ultimi arrivati dell’autonomia socialista e a rivendicare una primogenitura nella scelta autonomista, con un richiamo continuo all’orgoglio ed ai sentimenti identitari di partito. Di fronte alla nascita dell’UdS, Simonini aveva già posto dei precisi paletti: «questa Direzione – aveva scritto il segretario del PSLI a Silone e Garosci – non potrebbe certo dare la propria adesione a una qualsiasi proposta di presentazione di più liste socialiste né accogliere nella lista del nostro Partito candidati indipendenti secondo una della ipotesi prospettate [….] Sarebbe cosa grave e nociva alla auspicata unità socialista se noi accettassimo di rinunziare a presentarci agli elettori col nostro contrassegno di Partito»135. Lo stile e l’impianto retorico di questa lettera sono già di per se stessi significativi per la tendenza a mascherare, dietro parole d’ordine di cui non si osa mettere in dubbio il valore (in questo caso, l’unità, vero e proprio feticcio dei socialisti di tutte le tendenze136), strategie politiche profondamente differenti. Ancor più indicativo è forse l’attaccamento dimostrato verso il simbolo, segno di un richiamo identitario che fu negli anni successivi uno dei temi più evocati dalla destra del partito, e che mostra come nel PSLI, appena un anno dopo la scissione di Palazzo Barberini, si stesse cementando un senso di appartenenza e di distinzione molto forte, incentrato sull’orgoglio di essere stati i primi a prendere la difficile decisione di rompere con i comunisti. Significativi, in tal senso, sono i commenti che “L’Umanità” dedicò al convegno di Milano dal quale nacque l’UdS, che sottolineavano come fosse stato “riconosciuto apertamente” che «se l’aspirazione ad un movimento socialista autonomo [era] stata mantenuta viva e si [era] anzi diffusa nella coscienza di tanta gente, lo si [doveva] al nostro Partito»137 e si compiacevano, con Piero Caleffi, che al PSLI fosse stato tributato il «riconoscimento di una coraggiosa primogenitura»138.

  • 139 Cfr. su questo P. Mattera, Il partito… cit.

28All’origine di tale sentimento di orgoglio identitario stava probabilmente la durezza dello scontro a sinistra che si era consumato durante e dopo la rottura del partito unitario. Nelle fasi preparatorie del XXV Congresso del PSIUP lo scontro fra le correnti aveva raggiunto il calor bianco, con gli esponenti delle frazioni contrapposte che si contendevano le federazioni una ad una e i dirigenti nazionali che sollevavano dubbi sulla legittimità dei congressi provinciali. Una volta consumatasi la scissione, come in ogni separazione lo scontro, invece che affievolirsi, si era aggravato ulteriormente intorno alla questione della divisione dei beni, delle sedi, dei fondi di partito139. A ciò andava aggiunta la pressione che veniva esercitata dalla potente struttura organizzativa comunista, tesa ad isolare gli scissionisti nelle organizzazioni di massa e fra i lavoratori.

  • 140 Cfr. comunque P. Mattera, Il partito… cit.
  • 141 Cfr. su questo M. Donno, Socialisti… cit.
  • 142 Cfr. ad esempio ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1950, b. 27, 15 ottobre 1947, relazione del comandante (...)
  • 143 “L’Umanità”, 17 febbraio 1948, s. a. Una Costituente del Socialismo sarà tenuta dopo le elezioni? C (...)
  • 144 INSMLI, FMAR, B. 2, fasc. 24, lettera aperta di Mario Perino a «Critica Sociale», 23 febbraio 1948.

29Anche in questo caso, non è facile valutare l’entità di tale pressione, né le modalità con cui essa veniva esercitata, né infine gli effetti che ebbe sul neonato Partito Socialista dei Lavoratori140. E’comunque fuori di dubbio che essa vi sia effettivamente stata e che si sia esercitata in particolare a livello locale. Se anche infatti non si volesse prestare pieno credito alle ripetute denunce de “L’Umanità” circa gli attacchi a sedi di partito compiuti dei comunisti141, vi è una documentazione varia, per quanto frammentaria, che accredita tale ipotesi. In varie occasioni, le autorità di pubblica sicurezza segnalarono violente contestazioni ai comizi del PSLI o alle riunioni del partito142. In un’intervista a “L’Umanità” del febbraio 1948, Silone spiegava (in maniera ovviamente strumentale) che la “campagna di odio e diffamazione” contro il PSLI aveva dato “un certo risultato” tenendo lontani da tale partito i gruppi operai che si andavano distaccando dal fronte: l’UdS serviva quindi a suo parere dare rappresentanza a tali gruppi143. Nello stesso torno di tempo, un militante di base scriveva a «Critica Sociale» descrivendo le difficoltà che trovava a far passare la sezione locale, «uscita intatta dal vecchio PSIUP», dalla parte delle liste di Unità Socialista; e questo a causa sia dei sospetti nutriti verso la politica «saragattiana […] da alcuni ritenuta troppo destrista» sia del fatto che la maggior parte degli uomini «non [aveva] sufficiente coraggio di affrontare le ire e gli insulti dei progressisti comunisti»144.

  • 145 ISRT, Fondo PSU, B. 1, fasc. 2, Spini a Bruno Cristiani, 21 giugno 1948.

30Nello scrivere al segretario del PSLI di Portovecchio (Piombino), infine, il segretario del MAS–GL toscano Giorgio Spini constatava: «La sciagurata propaganda di calunnie fatta dai comunisti e dai filo comunisti contro il PSLI fa sì che non di rado anche gli autonomisti del PSI si mostrino riluttanti ad aderire al PSLI e preferiscono la formula ‘Unione dei Socialisti’ »145. In un simile contesto, gli animi dei militanti dovettero surriscaldarsi, le differenze ideologiche esacerbarsi e le distanze fra ex–compagni approfondirsi fino a diventare dei baratri: la reazione identitaria e il richiamo all’orgoglio di partito, fondato proprio sulle difficoltà affrontate e sull’ostracismo di cui si era stati fatti oggetto, non appaiono quindi fenomeni sorprendenti.

  • 146 INSMLI, FMAR, B. 2, fasc. 24. Luciano Bolis a Lombardo e Rollier, senza data.
  • 147 Ivi, Enrico Mariani a Rollier, 13 marzo 1948.
  • 148 Ivi, Enrico Mariani a Rollier, 14 marzo 1948.
  • 149 Ivi, Mariani a Rollier, 23 marzo 1948.
  • 150 Ivi, lettera aperta di Mario Perino a «Critica Sociale», 23 febbraio 1948.
  • 151 Ivi, lettera aperta di Mario Alparone (Ex–segretario PSIUP di Brunico) a «Critica Sociale», 15 marz (...)
  • 152 INSMLI, FMAR, B. 2, fasc. 25, Relazione politica sulla provincia di Mantova di Luigi Bellami.
  • 153 INSMLI, FMAR, B. 2, fasc. 24, Ennio Pacchioni (membro segreteria UdS del Nord Emilia) a Rollier, 18 (...)

31Tale forte pressione esterna si sommava ai sospetti ed alle diffidenze fra le varie componenti delle liste di Unità Socialista, sospetti e diffidenze che non sembrano esser stati solo fenomeni di vertice. Luciano Bolis, candidato in quota UdS nella circoscrizione di Como, descriveva un contesto locale in cui PSLI, autonomisti del PSI ed ex–azionisti si muovevano come corpi separati, sospettosi quando non ostili l’uno verso l’altro. A suo parere, a locale sezione PSLI, l’unica con «una seppur modesta organizzazione», utilizzava le proprie forze per sostenere esclusivamente i propri candidati e aveva «una condotta strafottente e provocatoria nei confronti degli alleati»; fra questi, gli ex–azionisti ostentavano “un atteggiamento distaccato e sospettoso”, mentre gli autonomisti usciti dal PSI all’inizio del 1948 facevano mostra di detestare gli ex–compagni che avevano preso la stessa strada un anno prima e rifiutavano di fornire aiuto alla campagna146. Enrico Mariani, uscito dal partito con Lombardo e candidato dell’UdS in Veneto, lamentava l’atteggiamento non collaborativo del PSLI nei suoi collegi. «Non riesco ad avere il sostegno completo del PSLI nei miei riguardi in quanto i candidati vedono in me un concorrente»147, scriveva a Rollier il 13 marzo, per rincarare la dose il giorno dopo: «Mi si riferisce che le relazioni con il PSLI sono apparentemente buone, ma che sotto sotto cercano di danneggiare l’Unione. Paese che vai, piselli che trovi»148. E’significativo in questa seconda lettera, oltre alla descrizione dell’atteggiamento del PSLI, l’utilizzo del nomignolo dispregiativo con il quale i membri di questo venivano apostrofati, a dimostrazione del sospetto e della sufficienza che mostravano i loro stessi alleati. Qualche giorno dopo, Mariani scriveva a Rollier: «A Verona […] la situazione non è facile perché, disponendo il PSLI di una buona organizzazione, mentre l’Unione è praticamente quasi inesistente, essi non intendono rinunciare ai diritti di primogenitura»149 – il che conferma quanto detto prima circa l’orgoglio identitario dei membri del PSLI. Non si trattava di casi isolati, o almeno non troppo infrequenti: la corrispondenza di Rollier, il quale, da vice–segretario dell’Unione dei Socialisti, seguì da vicino la campagna elettorale, mostra come situazioni simili venissero segnalate da varie zone del nord Italia: dalla Lombardia150, da Bolzano151, da Mantova152, da Reggio Emilia153. Ovviamente, si tratta come già detto di casi singoli, che solo con molte precauzioni si possono considerare significativi e che, inoltre, è probabile venissero segnalati proprio per la loro criticità, laddove altre situazioni di maggiore collaborazione fra le due anime delle liste di Unità Socialista non dovevano richiedere interventi dal centro. Tali testimonianze assumono però maggior valore se messe in relazione agli avvenimenti successivi, che videro crescenti tensioni fra PSLI e UdS, ed ai rapporti a livello di vertice.

  • 154 Cfr. “L’Umanità”, 17 aprile 1948; IS, 17 aprile 1948, Lombardo, Saragat e Greppi parlano stasera in (...)
  • 155 Cfr. INSMLI, FMAR, B. 2, fasc. 24.
  • 156 ISRT, fondo PSU, B. 2, fasc. 2, carteggio del gruppo fiorentino di Unità socialista con quelli dell (...)

32Se alla base le tensioni non mancavano di manifestarsi, fra i dirigenti esse venivano smorzate o occultate. Ciò non significa però che vi fosse necessariamente maggiore collaborazione. Le due componenti delle liste svolsero infatti una campagna elettorale tendenzialmente separata, come emerge dalla rispettive testate di riferimento: da un lato, “L’Umanità” dava quotidianamente notizia dei discorsi di membri del PSLI, riservando spazi molto più contenuti alle manifestazioni e ai comizi dei candidati in quota UdS; dall’altro lato, “L’Italia Socialista” compiva una operazione simile. Da rilevare che, stando almeno ai resoconti dei due quotidiani, piuttosto rari erano i comizi unitari, che vedessero insieme rappresentanti dell’UdS e del PSLI. Fece eccezione il comizio di chiusura della campagna, che vide Saragat, Greppi e Lombardo insieme a Milano, e che venne pubblicizzato e commentato da entrambi i giornali154. Al di là della stampa, comunque, la tendenza alla gestione separata della campagna elettorale sembra emergere anche delle testimonianze interne al MAS–GL. Dalle carte di Rollier, ad esempio, emerge come questi, candidato in Lombardia e in Piemonte, facesse appello per la propria campagna elettorale soprattutto alle reti di relazioni interne al vecchio partito d’azione, oltre che ai legami con la comunità valdese, della quale egli era esponente155. Ancora più significativa è la lista dei contatti di Giorgio Spini per l’organizzazione della campagna elettorale in Toscana: Codignola, Calamandrei, Olobardi, Traquandi, Rossi sono i nomi che più ricorrono nell’epistolario che il segretario MAS–GL toscano tenne nella primavera del 1948, per organizzare comizi, spostamenti, propaganda nelle varie province156.

  • 157 Cfr. su questo P. Mattera, Il partito…. cit., p. 140.

33Se la campagna elettorale veniva condotta sovente in maniera autonoma dal PSLI e dall’UdS, i temi affrontati non erano significativamente differenti. Fra le tematiche più condivise e unificanti spiccavano gli elementi di polemica verso il Fronte popolare, riconducibili a tre nuclei fondamentali: la critica al modello sovietico e alle democrazie popolari ad esso ispirate, che trasse linfa vitale soprattutto dal colpo di stato comunista in Cecoslovacchia; la difesa del Piano Marshall, i giudizi sul quale erano entusiasti e a volte addirittura eccessivamente speranzosi; infine, il richiamo ai partiti socialisti dell’Europa Occidentale, che proprio in questo torno di tempo – e proprio a causa degli avvenimenti cecoslovacchi – modificarono il loro precedente atteggiamento favorevole al PSI e ruppero con il partito di Nenni e Basso157.

  • 158 Cfr. ad esempio CS, 15 ottobre 1946, “Fatti e commenti della stampa estera”: Ancora sulla Bulgaria;(...)
  • 159 Cfr. CS, 16 luglio 1948, “Fatti e commenti della stampa italiana ed estera”: Fine del partito socia (...)
  • 160 Cfr. CS, 1 giugno 1947, “Fatti e commenti…”: Il piano biennale cecoslovacco; CS, 1 gennaio 1947, “F (...)
  • 161 “L’Umanità”, 14 marzo 1948, La tragedia del popolo cecoslovacco.
  • 162 Cfr. ad esempio, IS, 25 febbraio 1948, Paolo Vittorelli, Responsabilità dei socialisti; 12 marzo 19 (...)

34La campagna elettorale venne praticamente inaugurata, e in particolar modo per Unità Socialista, dal colpo di stato comunista a Praga all’i-nizio del 1948. L’attenzione verso le vicende dei paesi dell’Est risaliva agli anni precedenti, che avevano visto il progressivo instaurarsi di regimi a partito unico in Bulgaria, Romania, Ungheria e Polonia. A seguire questi sviluppi erano stati soprattutto i socialisti del PSLI, che avevano incentrato l’attenzione sulla messa fuori legge dei partiti socialisti158 e sul loro smembramento ed assorbimento ad opera dei comunisti159. Il caso di Praga, tuttavia, ebbe una risonanza molto maggiore, sia perché si era alle soglie della campagna elettorale e il tono della polemica andava alzandosi, sia perché proprio la Cecoslovacchia era stata, dagli stessi socialisti democratici, portata come esempio di collaborazione virtuosa delle varie anime della sinistra, nonché di ricostruzione economica all’insegna del socialismo160. La presa del potere dei comunisti, di conseguenza, venne vista come la prova definitiva della loro incrollabile vocazione totalitaria. Così, dopo il colpo di Praga alle entusiaste descrizioni delle realizzazione del governo di fronte popolare si sostituirono bruscamente l’indignazione, la delusione, la descrizione della “tragedia del popolo cecoslovacco”161 e, inevitabilmente, la chiamata alle armi contro il comunismo internazionale e interno, questa volta condivise e sentite anche dagli ex–azionisti che si esprimevano sulle colonne de “L’Italia Socialista”162.

  • 163 Cfr. la dichiarazione del Labour Party, pubblicata da “L’Umanità”, con evidente soddisfazione, che (...)
  • 164 Cfr. “L’Umanità”, 21 marzo 1948, I fusionisti italiani sconfessati dal Comitato Internazionale soci (...)
  • 165 Cfr. “L’Umanità”, 17 marzo 1948, La nostra presenza a Londra è una svolta decisiva per il socialism (...)
  • 166 Cfr. INSMLI, FMAR, B. 4, fasc. 36, lettera aperta di Morgan Phillips a Lombardo di sostegno alle li (...)
  • 167 Cfr. “L’Umanità”, 1 aprile 1948, I compagni francesi inglesi e olandesi fraternamente solidali con (...)

35La condanna degli avvenimenti cecoslovacchi fu del resto al centro della polemica fra il PSI ed i partiti fratelli del Comisco163, polemica che si andò accentuando man mano che la tensione della guerra fredda aumentava e che il PSI rifiutava di rompere con i comunisti e con l’URSS164. In parallelo, i socialisti democratici, esclusi in un primo momento dalla ricostituenda Internazionale (che sarebbe tornata tale solo nel 1951), si andarono avvicinando al Comisco165 e iniziarono ad ottenere dei ri conoscimenti dai partiti ad esso affiliati166, riconoscimenti dei quali si fregiarono e si fecero forti in chiave anti–frontista167.

  • 168 INSMLI, FMAR, B. 2, Fasc. 25.
  • 169 Ivi, Discorso di Lombardo a Biella del 11 aprile 1948.
  • 170 Cfr. CIRIEC, AT, 1.4.1.2.15. Discorso tenuto a Cosenza il 15 marzo 1948. La numerazione dei documen (...)
  • 171 Cfr. INSMLI, FMAR, B. 2, Fasc. 25, discorso di Rollier del 14 marzo 1948.

36Se sia la polemica antisovietica sia il richiamo ai partiti socialisti occidentali si possono considerare forme di propaganda “negativa”, l’altro grande elemento di distinzione dal Fronte Popolare agitato da Unità Socialista ebbe invece connotati assolutamente positivi. La difesa e l’esaltazione del Piano Marshall furono infatti fra i cardini della propaganda socialista democratica e vennero ribadite e invocate costantemente nei comizi, nei discorsi, nei materiali di propaganda, anche e soprattutto perché costituivano fra le poche armi che si supponeva i socialisti democratici avessero in più rispetto ai loro avversari a sinistra. Il discorso sul piano di aiuti americano era articolato e complesso e si sviluppava su più livelli. Vi erano le forme propagandistiche più elementari e immediate, che davano per scontata la conoscenza e la popolarità dell’ERP nel corpo elettorale: i volantini nei quali si presentavano le liste di Unità Socialista, recavano in evidenza e in caratteri maiuscoli la scritta: «L’unità socialista accetta il piano Marshall quale strumento di ricostruzione economica, di avvantaggiamento della classe lavoratrice, di unità dell’Europa»168. Vi erano le argomentazioni finalizzate a difenderne l’utilità, la necessità e la neutralità politica e a presentarne i benefici per la popolazione («non esiste altro progetto di ricostruzione europeo»; «non vi è nessuna clausola politica, nessuna interferenza di carattere economico» «il Piano […] consentirà di migliorare le condizioni di vita dei lavoratori»169). Vi erano, infine, i ragionamenti più articolati che analizzavano il Piano Marshall alla luce delle prospettive di una politica economica socialista (pianificazione, intervento statale in economia) o della spinta che esso poteva dare ai progetti di integrazione europea, non a caso affidati ad un economista come Tremelloni170 o ad un federalista come Rollier171 e indirizzati evidentemente ad un pubblico più colto e sensibile a certe problematiche.

  • 172 IS, 21 aprile 1948.

37Difesa della democrazia, critica del comunismo, esaltazione del Piano Marshall: questi erano dunque i temi propagandistici più ricorrenti con i quali Unità Socialista affrontò la dura campagna elettorale del 1948, con lo scopo evidente di sottrarre voti ai suoi concorrenti a sinistra, il PCI e soprattutto il PSI. Non stupisce quindi che i giornali di area accogliessero i risultati elettorali se non con gioia, sicuramente con un certo grado di soddisfazione per la sconfitta delle sinistre (e all’interno di questa il tracollo del PSI) e per la discreta affermazione delle liste socialiste democratiche. A risultati acquisiti, “L’Italia Socialista” titolava: «Tra il Fronte sconfitto e la DC che stravince si afferma la forza nascente del Socialismo»; e aggiungeva: «L’Unità Socialista impedisce un ulteriore slittamento e si delinea come centro di raccolta del socialismo democratico»172. Un preciso programma politico, che però non teneva conto delle debolezze e dell’eterogeneità delle liste del sole nascente.

1.6 Dopo il 18 aprile. L’impossibile unificazione

  • 173 ISRT, Fondo PSU, B. 1, Fasc. 2, l’Associazione AS–GL di Pitigliano a Spini, 28 marzo 1948.
  • 174 ISRT, Fondo PSU, B. 1, Fasc. 2, Angelo Gianni (ex–segretario sezione giovanile PdA) alla direzione (...)
  • 175 Cfr. ISRT, Fondo PSU, B. 1, Fasc. 2. e B. 2, fasc. 2, Corrispondenza Spini–Verreschi (azionista gro (...)
  • 176 ISRT, Fondo PSU, B. 2, fasc. 3, Spini ai compagni, 13 febbraio 1948.
  • 177 ISRT, Fondo PSU, B. 2, fasc. 3, circolare della direzione UdS.
  • 178 ACS, MI, Gab., PP, b. 112, 9 maggio 1948, relazione del questore di Roma sul convegno UdS.
  • 179 Ibidem.

38Le liste che il 18 aprile ottennero un milione e ottocentomila voti, il 7,1%, e 33 deputati erano dunque una formazione eterogenea e composita; le sue diverse anime, inoltre, si trovavano in condizioni organizzative difficili. Se la situazione del PSLI appariva per molti aspetti delicata, quella dell’Unione dei Socialisti era ancora più precaria. Anche in questo caso, le lacune documentarie rendono impossibile tracciare un quadro complessivo della situazione. I pochi sprazzi di luce provengono dal MAS–GL, in particolare dalla sezione toscana, regione in cui esso vantava gli esponenti più in vista e una maggiore solidità. I principali temi trattati nelle corrispondenze fra la federazione regionale, quella nazionale e quelle provinciali sono infatti il censimento degli iscritti, la rilevazione del numero di ex–azionisti che non sono passati al PSI, la richiesta di chiarimenti circa la situazione di PSLI e PSI locali. Per fare qualche esempio, sono del 27 e 28 marzo 1948 due lettere che informano Giorgio Spini dell’avvenuta costituzione delle sezioni locali dal movimento a Pitigliano173 e a Massa Marittima, in provincia di Grosseto174. A queste e a molte altre lettere di tenore simile provenienti dalla periferia, che annunciano la costituzione di nuclei MAS–GL nelle varie province, fanno eco le comunicazioni dal centro regionale, che chiedono informazioni e sollecitano la costituzione dei gruppi il più presto possibile175. Insomma, quando già era nata l’UdS e si stava organizzando la campagna elettorale, i dirigenti del MAS–GL dovevano ancora preoccuparsi di censire gli aderenti al movimento, stabilire i contatti con le rappresentanze locali, mettere in piedi un minimo di struttura organizzativa: nella stessa lettera con cui comunicava i risultati del convegno di Milano, Spini chiedeva di sapere quanti azionisti fossero passati al PSI176. Il problema del resto non riguardava solo il MAS–GL, ma l’UdS nel suo complesso: la Direzione nazionale di quest’ultima, infatti, ancora il 5 marzo diramava un questionario alle unioni provinciali per chiedere: «Dei vari raggruppamenti che hanno partecipato alla fondazione dell’Unione dei Socialisti Italiani (“Europa Socialista”, “GL”, Autonomisti usciti dal PSI, socialisti indipendenti, gruppi “Comunità”) quali sono presenti nella vostra unione provinciale?»177. Inoltre, erano presenti nel movimento forti sospetti verso le burocrazie di partito, che certo non aiutavano la creazione di una solida organizzazione territoriale: al secondo convegno nazionale Vittorelli, incaricato di relazionare sulla questione, sostenne che l’Unione non dovesse «basarsi su schemi fissi, così cari ai compagni del gruppo PSI, né creare una vera e propria burocrazia di partito», bensì «lasciare ampia libertà d’azione ai singoli e fondarsi sull’autogoverno e sull’autodisciplina»178. Era questa una spia di significative differenze di sentire fra il gruppo degli ex–azionisti che Vittorelli rappresentava e coloro che provenivano dalla ben diversa esperienza del PSIUP: non a caso, proprio alcuni esponenti del gruppo di Lombardo espressero forte dissenso sulla questione179.

  • 180 Cfr. su questo S. Colarizi, Storia politica della Repubblica, Laterza, Roma 2007.
  • 181 Per le diverse fasi della guerra fredda, mi rifaccio qui all’efficace sintesi di B. Bongiovanni, St (...)

39Era dunque in queste condizioni che le due anime delle liste di Unità Socialista si preparavano ad affrontare il periodo post–elettorale, in una situazione caratterizzata dal predominio della DC all’interno del paese e dalla sempre più brutale contrapposizione fra i blocchi a livello internazionale. Le elezioni del 18 aprile avevano infatti segnato la fine della transizione politica e istituzionale180 e avevano inaugurato una fase di contrapposizione frontale e di “congelamento” degli schieramenti interni, la quale corrispondeva a quella fase “acuta” della guerra fredda che avrebbe raggiunto il suo climax con la guerra di Corea e si sarebbe attenuata solamente a partire dal 1953181. In una simile situazione, lo spazio per posizioni intermedie, di “terza forza”, si andava sempre più assottigliando e veniva sostituito dalla linea di demarcazione fra i due schieramenti. Ancora una volta, come nel caso del PSIUP del 1946 – 1947, questa linea di demarcazione passava all’interno delle liste di Unità Socialista, che avevano sì impostato la lotta elettorale in chiave anticomunista ma erano ben lungi dall’essere compattamente favorevoli ad un allineamento alle posizioni democristiane. Le tendenze “terziste” attraversavano trasversalmente sia l’UdS sia il PSLI e si andavano coagulando intorno a due questioni centrali: la partecipazione al governo e il posizionamento internazionale. Allo stesso tempo, restava sullo sfondo del dibattito interno la questione dell’unificazione di tutte le forze socialiste, il cui mito, nonostante due anni di aspri scontri, rimaneva intatto. Per oltre un anno, dall’aprile 1948 al dicembre 1949, questi temi avrebbero dominato la vita dei partiti e movimenti che costituivano l’Unità Socialista, intrecciandosi fra loro e andando a esasperare quelle diffidenze personali, quelle diversità culturali e di sentire, quelle avversioni “antropologiche” che esistevano fra gli uomini delle varie componenti dell’area. Essi non sarebbero sfociati in una chiarificazione definitiva della linea politica e delle scelte strategiche, bensì in un’ulteriore scissione.

  • 182 Cfr. le schede sul sito http://www.camera.it.
  • 183 Rollier era risultato primo dei non eletti nella circoscrizione di Torino e, stando almeno alle let (...)
  • 184 INSMLI, FMAR, B. 2, Fasc. 25, Vittorelli a Simonini, 30 aprile 1948.
  • 185 INSMLI, FMAR, B. 2, Fasc. 25, Vittorelli a Simonini, 3 maggio 1948.

40Le prime tensioni a livello di vertice si ebbero immediatamente dopo i risultati elettorali, che avevano visto fra i 33 deputati eletti nelle liste di Unità Socialista una schiacciante prevalenza del PSLI (31 deputati; gli unici due eletti dell’UdS erano Lombardo e Calamandrei, passati nel collegio unico nazionale182). Dopo un breve scontro intorno all’e-sclusione di Rollier dal Parlamento, a causa del gioco delle opzioni di Saragat e Calosso183, la polemica fra le due direzioni si sviluppò subito attorno alla questione del governo. Già il 30 aprile Vittorelli scriveva a nome dell’UdS a Simonini, segretario del PSLI, per lamentare il mancato rispetto de «l’accordo concluso prima delle elezioni, e confermato in seguito, per la costituzione di un comitato di coordinamento fra PSLI e USI [altra sigla per UdS NdA] onde disciplinare l’attività del gruppo parlamentare di Unità Socialista e quindi determinare la linea da seguire nelle trattative per la formazione del nuovo governo». Le notizie di quei giorni circa contatti con la DC, non smentite dal PSLI, secondo Vittorelli avevano «creato nell’opinione pubblica la precisa sensazione che il PSLI, raggiunto un determinato risultato elettorale [tentasse] di monopolizzare l’Unità Socialista». Egli chiedeva quindi di dare immediata attuazione al suddetto comitato di coordinamento, senza l’approvazione del quale «nessun impegno precedente la costituzione del Comitato, particolarmente se riguardante il problema del governo, potrà essere considerato come valido»184. Non ricevendo risposta, e dopo che un comunicato dell’ufficio stampa del PSLI aveva annunciato di aver sottoposto alla DC una dichiarazione programmatica per la partecipazione al governo, Vittorelli rincarò quindi la dose tre giorni dopo, accusando apertamente il PSLI di aver «stabilito unilateralmente le condizioni di una eventuale collaborazione al governo, usurpando una funzione di competenza del comitato di coordinamento dell’Unità Socialista» e «rompendo sul terreno del governo l’Unità Socialista»185, e concludeva minacciando le dimissioni di Lombardo da deputato.

  • 186 ISTORETO, FAG, B. 72, Fasc. 1433, delibera dell’esecutivo del MAS–GL di Ivrea, 23 aprile 1948.
  • 187 INSMLI, FMAR, B. 4, fasc. 40, delibera del 23 giugno 1948.
  • 188 ISTORETO, FAG, B. 1, Fasc. 4, Agosti a Garosci, 7 maggio 1948.

41Lo scontro non si concluse comunque con una rottura, e anzi le trattative per la formazione del nuovo governo andarono avanti e si conclusero positivamente visto che il 23 maggio si insediava il quinto governo De Gasperi, con Saragat Vicepresidente del Consiglio e Ministro della Marina Mercantile, Lombardo Ministro dell’Industria e Tremelloni Ministro senza portafoglio, con la direzione del CIR (Comitato Interministeriale per la Ricostruzione, ente che avrebbe dovuto occuparsi della gestione del Piano Marshall). La tregua elettorale era però finita, e i malumori nell’UdS tornavano a farsi sentire; erano in particolare gli ex–azionisti che scalpitavano di fronte alla collaborazione con la DC, ed in generale di fronte all’alleanza con il PSLI: neanche una settimana dopo le elezioni, una delibera dell’esecutivo del gruppo MAS–GL di Ivrea cercava di porre paletti ben precisi al riguardo, affermando che «l’eventuale partecipazione al governo di Unità Socialista [doveva] limitarsi alla collaborazione tecnica per l’applicazione del Piano Marshall, lasciando impregiudicata l’opera di controllo e di critica da esercitare sull’azione governativa»186. Due mesi dopo, il comitato provinciale di Torino, a forte presenza ex–azionista, chiedeva che «i compagni che hanno responsabilità governativa non si [lasciassero] invischiare in nessun modo nelle posizioni rappresentate dalla reale politica condotta dal Partito dominante ma [seguissero] una intransigente linea socialista»187. Nello stesso torno di tempo, uno degli animatori del MAS–GL piemontese, Giorgio Agosti, si diceva convinto che «una eventuale andata al governo dell’U. S. non [sarebbe stata] affatto condizionata a precisi impegni politici da parte della D. C. ma solo dalla voglia di restare purchessia al potere»188.

  • 189 Cfr. anche ISTORETO, FAG, B. 7, Fasc. 155, Bolis a Garosci, 17 maggio 1948 e ivi, B. 1, Fasc. 4, Ag (...)
  • 190 ACS, MI, Gab., PP, b. 112, 7 maggio 1948, relazione del questore di Roma sul convegno nazionale UdS
  • 191 Ivi, 11 maggio 1948, relazione del questore di Roma sul convegno nazionale UdS.
  • 192 INSMLI, FMAR, B. 4. Fasc. 39.
  • 193 Cfr. ISTORETO, FAG, B. 16, Fasc. 405, Agnoletti a Garosci, 18 luglio 1948.
  • 194 Cfr. INSMLI, FMAR, B. 4, Fasc. 40, Rollier a Garosci, 28 giugno 1948.
  • 195 ISTORETO, FAG, B. 39, fasc. 1008, Silone ai compagni dell’UdS, 8 settembre 1948.
  • 196 ISTORETO, FAG, B. 72, fasc. 1437, Lombardo alla Direzione PSI, senza data ma estate 1948.
  • 197 ISTORETO, FAG, B. 72, fasc. 1437, Lombardo alla Direzione PSI, 13 agosto 1948.
  • 198 Su Jacometti, cfr. F. Andreucci, T. Detti, Il movimento operaio… cit., ad nomen; su Lombardi la bib (...)
  • 199 Cfr. su questo “L’Umanità”, 15 agosto 1948, I dirigenti del PSI invitati a pronunciarsi sull’unità.

42Sfiducia e poca considerazione verso il PSLI e la maggioranza dei suoi membri non erano novità negli ambienti ex–azionisti e socialisti indipendenti189, e sarebbero aumentati negli anni successivi. Fra la primavera e l’estate del 1948, tuttavia, le polemiche venivano ancora contenute, perché da parte di molti si guardava alle vicende interne del PSI nella speranza che la grave sconfitta subita spingesse base e dirigenti a rompere con il PCI e a rivolgersi verso l’area socialista autonomista. Tale speranza, che sembrò trovare conferma nella vittoria centrista al congresso PSI del giugno 1948, segnò sicuramente la linea politica dell’UdS, o almeno di gran parte dei suoi membri, che speravano di trovare nel Partito socialista quelle “grandi masse operaie” che mancavano loro e «senza l’appoggio delle quali [era] assurdo parlare di unificazione»190: a tal fine, essi invitavano ad usare “prudenza e tempestività” per non «allontanare dal socialismo delle grandi masse proletarie»191. Per questa ragione, nel maggio 1948 l’UdS demandava a una “costituente del socialismo” la decisione su «i modi e le condizioni per la costituzione di un partito unitario del socialismo democratico»192: formula piuttosto ambigua, che non indicando le componenti che avrebbero dovuto confluire in tale partito lasciava aperta la porta alle frange autonomiste del PSI e raccoglieva al contempo i dubbi nutriti da molti verso un’unificazione con il solo PSLI. La varietà di posizioni all’interno dell’UdS, per cui si andava da chi riteneva che finché il PSLI non chiariva i propri programmi si dovesse rimandare la fusione193 a chi premeva per quest’ultima194, fino a Silone che si rifiutava di partecipare a qualsiasi congresso «se ad esso [fosse mancata] l’adesione preventiva di una larga parte del PSI»195, non giovava certo ad un’azione politica decisa. Ciononostante, Lombardo fece comunque le sue mosse, inviando due lettere al nuovo gruppo dirigente del PSI, nelle quali indicava le basi su cui si poteva immaginare la «ricostruzione di un partito unificato di tutti i socialisti democratici»196; la condizione ovviamente più delicata era l’autonomia «ideologica e organica […] nei confronti delle due grandi forze ideologiche, politiche e sindacali esistenti oggi in Italia, la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista». Autonomia che, nei fatti, significava rottura dell’unità d’azione con il PCI; e proprio questa fu la richiesta che la direzione centrista non poté, o non volle, soddisfare. Alla seconda lettera di Lombardo, del 13 agosto197, il segretario del PSI Alberto Jacometti e il direttore dell’“Avanti!” Riccardo Lombardi198 risposero infatti con una levata di scudi, probabilmente anche per non prestare il fianco agli attacchi della sinistra del partito, e con l’indicazione di tre pregiudiziali necessarie ad aprire un dialogo: uscita dal governo, unità sindacale, neutralismo in politica internazionale199.

43Per tutta la seconda metà del 1948, l’UdS rimase sostanzialmente in attesa degli eventi, aspettando i risultati delle convulsioni del PSI e sperando che una riunificazione con esso, o con le sue componenti autonomiste, permettesse loro di bilanciare la deriva filogovernativa del PSLI e riallacciare i legami con le masse proletarie che quest’ultimo aveva perduto. Dal canto suo, nemmeno il partito di Saragat mostrava compattezza interna e chiarezza di intenti. Convivevano in esso, fin dalla sua fondazione, anime profondamente diverse fra loro, che andavano dalla sempre più sfilacciata area “iniziativista” (molto indebolita, come si è visto, dalla crisi della Federazione Giovanile, dove era maggioritaria, a inizio 1948) alla sempre più influente e decisa destra filoatlantica e governativa, passando per il centro–sinistra che aveva il suo nucleo più solido nei neo–riformisti di «Critica Sociale». Anche per il PSLI, in ogni caso, si trattava di sciogliere l’intreccio di temi chiave costituito dalla partecipazione al governo, dalle scelte di politica estera e dall’unificazione socialista. Anche per il PSLI, inoltre, bisogna tenere in conto la presenza di un sentire diffuso alla base, speculare e opposto a quello degli ex–azionisti, che si definiva tramite l’orgoglio di partito e il crescente anticomunismo e che costituiva il punto d’appoggio, psicologico ancor prima che politico, della destra del partito.

  • 200 “L’Umanità”, 9 aprile 1948, A. Simonini, Dall’“Unità socialista” al “Partito sociali

44Le posizioni di quest’ala vennero sintetizzate, ancora prima delle elezioni, dal segretario Simonini in un articolo pubblicato su “L’Umanità” il 9 aprile 1948, nel quale si ricordavano le difficoltà incontrate dagli scissionisti di Palazzo Barberini, non ultima quella di vedersi criticati (e non seguiti) da molti compagni autonomisti, e si metteva l’accento su «gli ultimi avvenimenti interni e internazionali» che avevano «finalmente aperto gli occhi ai molti che non vedevano o, peggio, fingevano di non vedere e ancora si attardavano a condire di “se”, di “però” e di “forse” ogni loro giudizio sulla dolorosa ma inevitabile “scissione”, lasciandoci soli a difendere quella che ormai appare a luce meridiana la “verità socialista”» [corsivo mio]. Simonini chiariva quindi come concepiva il partito socialista unitario: «Il quale già esiste con le sue forze, con i suoi quadri, con il suo entusiasmo e, se volete, con i suoi difetti, ma vivo e forte come lo ha rivelato il recente congresso di Napoli […] Il Partito socialista c’è ed è quello nato dalla scissione del gennaio 1947, è stato costituito da una forte minoranza di socialisti che hanno lavorato da soli, e duramente, e atteso che la verità finalmente si rivelasse tale per tutti.»200 Non si trattava insomma di riunire i vari tronconi del socialismo democratico in un nuovo partito, bensì di confluire tutti nel partito esistente, che aveva pagato più di tutti la difficile scelta di Palazzo Barberini e rifiutava ora di sciogliersi di fronte agli ultimi arrivati. Soprattutto, rifiutava di farsi dettare da questi la linea politica, in primo luogo sulla questione della partecipazione al governo. Era questo infatti il punto dolente del dialogo con l’UdS e, più a distanza, con gli autonomisti del PSI.

  • 201 Cfr, su questo, G. Averardi, I socialisti democratici… cit., p. 60.
  • 202 Cfr. ad esempio ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1959, b. 20, 6 novembre 1948, relazione del prefetto d (...)

45Le ragioni che la direzione del PSLI e lo stesso Saragat avevano da sempre addotto per giustificare la partecipazione al governo erano sostanzialmente due: impedire lo slittamento verso destra della Democrazia Cristiana, consolidando in tal modo la neonata democrazia italiana, e imprimere una direzione socialista alla gestione della politica economica e sociale201. Come si è visto, tale linea era stata oggetto di scontro fin dai primi mesi di vita del partito, anche se solo alcuni esponenti di Iniziativa Socialista ne avevano tratto l’estrema conclusione di uscire; dopo le elezioni, la questione si ripropose aggravata. Se le ragioni della “difesa democratica” e dell’indirizzo economico restavano in piedi, infatti, il fatto che la DC avesse la maggioranza assoluta dei seggi alla Camera rendeva meno necessaria, e meno influente, la presenza dei socialisti democratici al governo, costringendoli ad accettare scelte invise all’elettorato di sinistra e rischiando di fare apparire il PSLI come un semplice paravento di quello che PCI e PSI ormai definivano un governo reazionario, clericale, antioperaio e antisindacale. Per queste ragioni, il malcontento per la scelta governativa iniziava ad allargarsi fra le file del partito, soprattutto quando, con il passare del tempo, risultò chiaro quanto i bocconi da mandare giù fossero indigesti, e quanto l’a-zione socialista democratica fosse di scarsa efficacia202. A questo strato di dubbi, che erano principalmente presenti nel centro e nella sinistra del partito, si sovrapposero le prese di posizione contrarie alla partecipazione governativa degli alleati dell’UdS e dell’ala autonomista del PSI che, in lotta all’interno del suo partito contro la linea frontista e l’alleanza con il PCI, faceva della pregiudiziale antigovernativa uno dei propri caratteri distintivi per non essere accusata di tradimento e “degenerazione socialdemocratica”. Quando si cominciò a parlare di unificazione socialista, nella primavera e nell’estate del 1948, tale pregiudiziale divenne quindi uno dei punti chiave del dibattito, insieme a quella, speculare, che veniva avanzata dal PSLI e da gran parte dell’UdS relativa alla rottura dell’alleanza con i comunisti.

  • 203 Cfr. ad esempio “L’Umanità”, 7 settembre 1948, Gi. Effe. [Giuseppe Faravelli], Un minimo di autocri (...)
  • 204 Cfr. “L’Umanità”, 24 luglio 1948, Decisa l’unificazione tra il PSLI e l’Unione dei Socialisti e 27 (...)

46In tale contesto, il centro e la sinistra del PSLI, ovvero il gruppo di Critica Sociale e l’ala proveniente da Iniziativa Socialista, erano disponibili a accettare la condizione posta dagli autonomisti PSI e sostenuta dall’UdS e a uscire dal governo in nome dell’unità socialista – a patto naturalmente che gli interlocutori troncassero ogni collaborazione con i comunisti203. Ben diversa era la posizione della destra del PSLI, che presentò tale condizione come una richiesta di capitolazione inaccettabile e fece leva sul patriottismo di partito per opporvisi. Al contempo, però, essa si mostrava decisamente favorevole all’unificazione immediata con l’UdS, perché innanzitutto riteneva di poter assorbire il movimento di Lombardo senza eccessivi traumi (ed era la stessa ragione per cui questo rifiutava un’unificazione limitata alle componenti delle liste di Unità Socialista); in secondo luogo, perché, proprio nel momento in cui si optava per una linea di progressivo slittamento verso un’alleanza organica con la DC, si cercava di mettersi al riparo dall’accusa di avere ostacolato il processo di riunificazione socialista. Un esempio piuttosto chiaro di questo atteggiamento è la pubblicazione su “L’Umanità” di una dichiarazione della Direzione del PSLI, che si affermava essere stata accettata dall’interlocutore, dove si proponeva all’UdS l’immediata unificazione, costringendo così quest’ultima ad una smentita che la poneva automaticamente nel ruolo di ostacolo all’unificazione204.

  • 205 Cfr. ad esempio “L’Umanità”, 6 ottobre 1948, E. Vigorelli, Un’opinione: «Contro l’unità socialista, (...)
  • 206 ACS, MI, Gab., PP, b. 112, 6 maggio 1948, relazione del questore di Roma sul convegno UdS. Cfr. anc (...)
  • 207 “L’Umanità”, 15 giugno 1948, La linea politica dell’Internazionale è il punto d’incontro.
  • 208 “L’Umanità”, 20 agosto 1948, Idee chiare, dove si riportano le opinioni espresse da Saragat in un’i (...)

47Era il mito dell’unità che si attivava, forte della presa che aveva su gran parte dei militanti di tutti i raggruppamenti socialisti. Per quanto la destra cercasse di contrapporvi le parole d’ordine dell’orgoglio di partito e della difesa della primogenitura della scelta autonomista, esso era sufficientemente forte da indurre alla prudenza anche i dirigenti più decisamente ostili ad ogni cedimento a sinistra205. Ne risultava un atteggiamento altalenante, che alternava dichiarazioni di apertura a brusche frenate e che tendeva a scaricare sugli interlocutori, di volta in volta UdS, autonomisti PSI, direzione centrista di Jacometti, le responsabilità per un eventuale fallimento dell’operazione. Così, lo stesso Saragat, il quale probabilmente aveva chiare più di chiunque altro le ragioni e le necessità che avevano portato il PSLI al governo, intervenendo al convegno dell’UdS del maggio 1948 dichiarava enfaticamente che il PSLI era «pronto a scomparire come partito per lasciare il posto ad una più grande organizzazione socialista»206. Anche il segretario Simonini, fra i più gelosi custodi dell’identità e dell’integrità del partito, al Consiglio Nazionale del 13–14 giugno 1948 fece dichiarazioni di apertura, affermando che il partito era «pronto a mantenere la rinuncia al nome e al simbolo e a compiere qualsiasi sacrificio, rinunziando a qualsiasi privilegio di primogenitura e di prevalenza organizzativa»207, e rilevando come il «punto di discordanza» stesse nel «desiderio di una unificazione immediata» da parte del PSLI e nel «desiderio di una unificazione graduale da parte dell’UdS». Poco tempo dopo, però, era di nuovo Saragat a correggere il tiro e a dichiarare: «Se io avessi la sensazione che l’unità socialista sarebbe attuabile con l’uscita del Partito Socialista dei Lavoratori dal ministero, non esiterei un istante a lasciare per primo la collaborazione al Governo. Ma questo non è»208.

  • 209 “L’Umanità”, 29 luglio 1948, “Tribuna libera”: M. Matteotti, I. Pietra, G. Vassalli, Lettera ai com (...)
  • 210 “L’Umanità”, 12 settembre 1948, “Tribuna libera”: M. Punzo: Che cosa ci facciamo? L’accenno al sang (...)
  • 211 “L’Umanità”, 22 settembre 1948, “Tribuna libera”: L. Preti, Lettera al Gruppo di “Iniziativa”.
  • 212 “L’Umanità”, 6 ottobre 1948, “Tribuna libera”: U. Alfassio Grimaldi, Non tiriamo a pari o dispari. (...)
  • 213 Cfr. “L’Umanità”, 19 giugno 1948, “Tribuna libera”, E. Lui, Il problema dell’unità socialista: «Que (...)
  • 214 Cfr. in “L’Umanità”, 31 agosto 1948, la lettera di un “compagno di Rovigo” che affermava: «la base (...)
  • 215 CIRIEC, AT, Sez. 4, Part. 1, B. 2 Fasc. 10. OdG della Federazione torinese del PSLI del 4 settembre (...)

48La Direzione del PSLI si muoveva dunque su un crinale sottile e tortuoso, tra il gioco di pregiudiziali con la direzione del PSI, i difficili rapporti con l’UdS e le tensioni interne che si stavano inasprendo, sia al vertice sia fra i quadri intermedi, sempre intorno alla doppia questione partecipazione al governo – unificazione. Se i leader della sinistra Matteo Matteotti, Giuliano Vassalli e Italo Pietra esprimevano, in una Lettera ai compagni, la preoccupazione che la maggioranza della direzione rischiasse di «abbandonare quella linea di intransigente indipendenza dai blocchi interni e internazionali che [era stata] alla base della scissione»209, Massimo Punzo affondava il dito nella piaga chiamando direttamente in causa la questione del governo: «I nostri compagni […] al governo non fanno che i propagandisti involontari ed inconsci della d. c. […] Perché ci si vuole far correre, fra l’altro, il rischio di essere spruzzati dal sangue del proletariato che potrebbe scorrere domani e che ci ha già macchiati nelle tragiche giornate di luglio?»210. A rispondere a tali critiche intervennero Luigi Preti, che accusò i leader della corrente di Iniziativa di astrattismo e scarsa aderenza alla realtà211 e Ugoberto Alfassio Grimaldi, che affermava l’impossibilità di distinguere fra due opposizioni212. Anche a livello locale le posizioni erano divergenti, oltre ad essere forse più radicali. Così, mentre alcuni rivendicavano con orgoglio e decisione il ruolo del partito213 e altri mostravano tutte i loro dubbi sulla reale vocazione democratica dei militanti del PSI214, la federazione di Torino invitava ad «abbandonare una collaborazione che [era] divenuta colpevole appoggio all’impadronimento totalitario dello Stato da parte della fazione clerico–conservatrice.»215 Tensioni al centro e in periferia, dunque, che erano dovute alla compresenza nel partito e fra i suoi alleati di linee politiche differenti non soltanto della tattica, ma anche della strategia. In un simile contesto di crescente polemica interna, a modificare la situazione e i rapporti di forza intervenne l’uscita dal PSI della componente autonomista guidata da Romita.

1.7 Gli autonomisti del PSI fra il 18 aprile ed il XXVIII congresso del partito

  • 216 Cfr. su questo, e in generale sulle vicende della direzione centrista, M. Degl’Innocenti, Dal dopog (...)
  • 217 Cfr. F. Pedone, Novant’anni… cit.
  • 218 Cfr. su questo “L’Umanità”, 4 giugno 1948, Unità Socialista ammessa con pieni diritti all’internazi (...)

49La sconfitta elettorale del 18 aprile, una vera débâcle per il PSI, aveva inevitabilmente aperto la strada ad un aspro scontro interno, con duri attacchi alla direzione Basso e richiesta di congresso straordinario, che si tenne a Genova dal 27 giugno al 1 luglio 1948216. La sinistra del partito, che aveva guidato la compagine a partire dal gennaio 1947, venne messa in minoranza, anche se il passaggio all’ultimo momento nelle sue file di un dirigente molto amato come Pertini ridimensionò probabilmente la sconfitta. I risultati del Congresso videro così la mozione Nenni–Morandi fermarsi al 31,5%, la destra di Romita raccogliere il 26,5% e la mozione “Riscossa Socialista” ottenere con il 42% la maggioranza relativa217. I vincitori erano un fronte composito guidato da personaggi meno noti nel partito quali Alberto Jacometti o Riccardo Lombardi (il primo divenne segretario, il secondo direttore dell’“Avanti!”); ad esso avevano aderito alcuni importanti rappresentati sindacali (in primis il segretario socialista della CGIL Fernando Santi). La Direzione centrista che uscì dal congresso, tuttavia, sprecò le sue già limitate forze nel tentativo di mediare fra le altre componenti del partito, e fra i vari condizionamenti esterni (da un lato il PCI, dall’altro il Comisco, che aveva sospeso il PSI nel giugno 1948, in attesa dei risultati dello scontro interno218). Lo scioglimento del Fronte popolare nel luglio fu la prima, ma anche l’unica espressione di una ricerca di maggiore autonomia dal PCI; non si osò mai intaccare il patto di unità d’azione, come richiesto dalla componente autonomista guidata da Romita, dal Comisco e, a più riprese, dal PSLI e dall’UdS. I contatti con l’area socialista democratica si arenarono sul gioco delle pregiudiziali, con la direzione del PSI che non rinunciò mai a porre come condizione irrinunciabile all’apertura di trattative l’uscita della delegazione di Unità Socialista dal governo. Nel frattempo, passato il momento di sbandamento seguito alla doppia sconfitta elettorale e congressuale, la sinistra del partito si riorganizzava, pubblicando le riviste «Quarto Stato» (Basso) e «Mondo Operaio» (Nenni), e si preparava a riconquistare il partito facendo leva sulla debolezza della Direzione, che, priva di una linea politica definita e di un forte controllo sulla struttura del partito, si avviava alla sconfitta.

  • 219 Cfr. su questo “L’Umanità”, 15 ottobre 1948, L’Unità sarà fatta nonostante le scomuniche.
  • 220 L’Umanità”, 16 novembre 1948, Per l’Unità socialista in Italia. Si tratta del documento di ottobre, (...)

50Ad accentuare la debolezza della leadership Jacometti–Lombardi fu anche il mancato collegamento con la destra del partito che, guidata da Romita, spingeva per la rottura con il PCI e l’apertura di un percorso di riunificazione con le altre componenti socialiste e a tal fine moltiplicava gli incontri e le iniziative unitarie, suscitando le ire della sinistra. La tela intessuta da Romita fra PSI, PSLI e UdS sfociò in un documento – la cui idea sembra esser nata nel corso di un incontro avvenuto il 10 ottobre a Milano in occasione del rimpatrio delle salme di Filippo Turati e Claudio Treves219 – che invocava la ricostituzione di un partito socialista autonomo, basato sulla piena adesione alla democrazia, sulla differenziazione dal comunismo sovietico (nel quale «l’impulso democratico ed egualitario della rivoluzione operaia si [era] spento nel totalitarismo») e su un programma di “riforme di struttura” grazie alle quali mettere a buon frutto i fondi del Piano Marshall, al quale ci si dichiarava decisamente favorevoli. Pollice verso, invece, per la partecipazione al governo, seppur per motivi non pregiudiziali ma contingenti: «non si potrebbe giungere oggi alla riunificazione senza l’uscita del PSLI e dell’UdS dal governo che, negli attuali rapporti di forza, non consente una collaborazione utile alla classe lavoratrice»220.

  • 221 Per l’elenco completo, cfr. “L’Umanità”, 8 dicembre 1948, Chi sono i firmatari del documento per l’ (...)
  • 222 Cfr. su questo F. Fornaro, Giuseppe Romita… cit. Cfr. anche “L’Umanità”, 6 novembre 1948, Una nuova (...)
  • 223 Cfr. su questo la dichiarazione della Direzione del PSLI che afferma: «il documento formula infonda (...)
  • 224 Cfr. “L’Umanità”, 10 novembre 1948, L’Unione dei Socialisti pronta a discutere il documento di unif (...)

51Il documento, che recava le firme dei principali esponenti dell’UdS (con la significativa eccezione di Lombardo), della destra del PSI e della sinistra del PSLI221, ricevette accoglienze diverse presso le direzioni dei tre rami socialisti, cui venne inviato. Il PSI lo respinse richiedendo a Romita e agli altri membri del partito di ritirare la loro firma222, aprendo così la strada alla sospensione del socialista alessandrino; e piuttosto fredda apparve anche la reazione della direzione del PSLI. Il testo toccava infatti il punto dolente della partecipazione governativa223 e ometteva di dichiarare una precisa opzione occidentale in politica estera, in un momento in cui una parte del gruppo dirigente del PSLI vedeva il profilarsi di un maggiore coinvolgimento italiano nel sistema politico–militare occidentale. Ben diversa fu la reazione dell’UdS, del resto massicciamente rappresentata fra i firmatari del documento, il cui esecutivo espresse «il suo consenso di massima nei confronti dei vari punti del documento» e che si dichiarò «pronta a discutere le basi dell’unificazione socialista con le altre forze socialiste che [avessero concordato] sostanzialmente con la piattaforma indicata»224.

  • 225 Questa almeno è la versione fornita da “L’Umanità”, 27 novembre 1948, Le vendette di Jacometti. Cfr (...)
  • 226 Cfr. “L’Umanità”, 17 dicembre 1948, Romita sospeso per sei mesi dal PSI.
  • 227 Così sembra in F. Fornaro, Giuseppe Romita… cit.; cfr. inoltre la lettera di Romita a Faravelli, do (...)
  • 228 Vi si fa riferimento in ISSGS, FGR, B. 1, Fasc. 2, Faravelli a Romita, 10 dicembre 1948.
  • 229 Cfr. su questo P. Mattera, Il partito… cit.
  • 230 P. Mattera, Il partito… cit., p. 157.
  • 231 Cfr. su questo F. Fornaro, Giuseppe Romita… cit.

52Visto a posteriori, nelle tre diverse reazioni al documento per l’unificazione apparivano già inscritti quelli che sarebbero stati gli sviluppi futuri. In effetti, si può prendere la pubblicazione di questo documento come la prima attestazione della nuova suddivisione dell’area socialista e socialista democratica. Con esso, infatti, gli autonomisti del PSI guidati da Romita smisero di presentarsi come una delle componenti del partito e iniziarono il percorso verso la costituzione di un soggetto indipendente. Di lì a poco, il 25 novembre, in seguito ad una intervista rilasciata al giornale “La Libertà” nella quale negava che fossero state ritirate delle firme dal suddetto manifesto225, Romita venne deferito ai probiviri, che ne decretarono la sospensione per sei mesi dalle attività di partito226. Da questo momento, probabilmente, l’ex–ministro dell’Interno incominciò a muoversi nell’ottica di una uscita dal PSI e di un collegamento con gli altri soggetti socialisti che avevano partecipato alla stesura del documento di novembre227. Egli decise quindi di pubblicare una sua rivista, «Panorama Socialista», già nell’aria alla fine del 1948228, il cui primo numero uscì con la data 1 gennaio 1949. Romita si preparava in tal modo sia alla battaglia interna al PSI, il cui XXVIII Congresso era stato indetto per il maggio 1949, sia alla creazione di un movimento autonomo, in vista della sua uscita dal partito, uscita che divenne inevitabile dopo gli esiti del congresso. A Firenze, infatti, la sinistra giunse compatta e combattiva, decisa a dare battaglia e a risolvere le residue ambiguità strategiche e organizzative del partito. La lotta nei congressi locali, condotta duramente sia dalla sinistra sia dalla Direzione uscente, entrambe convinte che quella fosse l’occasione definitiva per imporre al partito la propria linea229, vide la crescita della sinistra e la riduzione della destra di Romita ad una “entità trascurabile”230. Il Congresso si celebrò a Firenze dall’11 al 15 maggio 1949, e fu vinto dalla mozione firmata, fra gli altri, da Nenni, Basso, Morandi e Pertini, che ottenne il 51% dei voti dei delegati e formò la Direzione da sola. Il centro di Jacometti e Lombardi, con il 39% dei voti, passò in minoranza, mentre alla corrente autonomista, che prese meno del 10% dei voti congressuali, non rimase che uscire dal partito. Il giorno dopo la chiusura del Congresso, il 16 maggio, il gruppo di Romita si riuniva con i rappresentanti dell’UdS e del PSLI e concordava la pubblicazione di un appello per una Costituente Socialista, uscito il 21 maggio 1949231. A seguito di tale azione, il PSI dichiarava i firmatari fuori dal partito.

Notes

1 Tale constatazione si basa non sul numero di voti raccolti (il PSI si presentava nelle liste del Fronte Popolare), bensì sul numero di deputati, che furono rispettivamente 42 per i socialisti e 33 per le liste di Unità Socialista. [cfr. M. Degl’innocenti, Dal dopoguerra… cit.]

2 Il gruppo parlamentare alla Camera di Unità Socialista dura dal 1 giugno 1948 al 31 gennaio 1950, quando si scinde nei due gruppi del PSLI e del PSU. Questi si ricompongono nel gruppo del PS (SIIS) il 18 maggio 1951, che diviene gruppo del PSDI il 29 gennaio 1952 [Dati tratti dal sito http://www.camera.it].

3 Cfr. O. Lizzadri, Il regno di Badoglio, Milano, Feltrinelli 1963. Cfr. anche F. Taddei, Il socialismo… cit.. Secondo P. Caridi (La scissione… cit.), a formare il nuovo partito concorsero tre gruppi già organizzati: il PSI, rinato da poco, che radunava gli emigrati e la vecchia guardia rimasta in patria; il Movimento di Unità Proletaria, nato come organizzazione clandestina, radicato soprattutto a Milano e fortemente connotato in direzione dell’unità del proletariato; il gruppo, anche questo sorto in clandestinità a Roma, di Unità Proletaria, composto da giovani che in seguito sarebbero andati a formare la corrente di Iniziativa Socialista. Sulla disomogeneità dei vertici del rinato PSIUP, cfr. anche G. Galli, Storia del socialismo italiano, Laterza, Roma–Bari 1980.

4 Cfr. su questo F. Taddei, Il socialismo… cit.

5 Ad esempio, la questione della pregiudiziale antigovernativa era ormai sorpassata dal sostegno socialista ai governi di CLN, mentre un nuovo tema, eredità del dibattito degli anni Trenta, diventava centrale: quello dei ceti medi. Su questo, cfr. S. Colarizi, Classe operaia e ceti medi, Marsilio, Venezia 1981.

6 In particolare, i già citati P. Caridi, La scissione… cit. e F. Taddei, Il socialismo… cit.

7 Sulla biografia politica di Saragat, importante per capire la sua scelta anticomunista, cfr. F. Fornaro, Giuseppe Saragat,… cit; M. Donno, Socialisti… cit.

8 Sull’azione di Basso in questo periodo, cfr. S. Merli, Il “partito nuovo” di Lelio Basso, Marsilio, Venezia 1981 e il recente R. Colozza, Lelio Basso. Una biografia politica 1948–1958, Ediesse, Roma 2010.

9 Cfr. su questo, M. Degl’Innocenti, Dal dopoguerra… cit.

10 La storia convulsa delle vicende immediatamente precedenti al congresso, e del congresso stesso, è accuratamente e dettagliatamente ricostruita da Paola Caridi, nel libro citato.

11 Ora in G. Saragat, Quarant’anni… cit.

12 Cfr. su questo D. Sassoon, Cento anni di socialismo. La sinistra in Europa occidentale del XX secolo, Editori Riuniti, Roma 1997. Sulle vicende del socialismo francese, il caso più simile a quello italiano per la presenza di un forte partito comunista alla sua sinistra, cfr. A. Bergounioux, G. Grunberg, L’ambition et le remords: les socialistes français et le pouvoir (1905–2005), Fayard, Paris 2005.

13 Afferma Giuseppe Tamburrano: «La ragione fondamentale per la quale Nenni è unitario è la sua esperienza. […] I fatti hanno dimostrato che quando i due partiti sono divisi ha vinto la reazione, e quando si sono uniti ha vinto la sinistra e, nella sinistra, i socialisti» [G. Tamburrano, Pietro Nenni, Laterza, Roma–Bari 1986]

14 Cfr. su questo, F. Taddei, Il socialismo… cit..

15 Alleanza con i comunisti che implicava, ovviamente, il riferimento al modello del socialismo reale come alternativa alla socialdemocrazia. Cfr. su questo M. Degl’innocenti, Dal dopoguerra… cit.

16 Sul PdA resta fondamentale l’opera di G. De Luna, Storia del Partito d’Azione 1942–1947, Editori Riuniti, Roma 1997; sulla cultura politica dell’azionismo, cfr. C. Novelli, Il Partito d’Azione e gli italiani: moralità, politica e cittadinanza nella storia repubblicana, La Nuova Italia, Firenze 2000; A. Ragusa, L’antitaliano: dell’azionismo o dell’élite di un’altra Italia, Lacaita, Manduria 2000. La critica al riformismo e la ricerca di un rinnovamento del socialismo erano state al centro in particolare del dibattito politico–dottrinario in Giustizia e Libertà. Su di essa, e sul suo leader Carlo Rosselli, la bibliografia è oramai molto vasta. Per un orientamento generale, cfr. M. Giovana Giustizia e Libertà in Italia. Storia di una cospirazione antifascista, 1919–1937, Bollati Boringhieri, Torino 2005; N. Tranfaglia, Carlo Rosselli e il sogno di una democrazia sociale moderna, Baldini& Castoldi Dalai, Milano 2010. Non a caso il rapporto critico di Rosselli con la tradizione socialista era uno dei temi centrali della prima biografia del leader di GL redatta da Aldo Garosci [A. Garosci, Vita di Carlo Rosselli, Edizioni U, Roma 1946].

17 L’editoriale del primo numero della rivista, nel settembre 1945, dichiarava: «Noi non intendiamo per altro di rimanere attaccati ostinatamente alle vecchie formule e norme d’azione, come a dogmi immutabili. […] sono aperte possibilità di radicali rivolgimenti negli ordinamenti politici ed economici e sarebbe perciò assurdo porre a fine della nostra azione la conquista di quelle riforme e leggi sociali, che potevano sembrare mèta adeguata all’azione di periodi normali. […] Oggi non si tratta di operare entro i limiti di un regime politico–sociale […] è necessario creare un nuovo regime, il quale è, insieme, un nuovo Stato e un nuovo assetto economico–sociale». CS, 15 settembre 1945, Al lavoro!]

18 ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1949, b. 20, 10 marzo 1947, relazione del prefetto di Savona.

19 Ivi, 20 gennaio 1947, relazione del prefetto di Novara.

20 ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1950, b. 27, 29 gennaio 1947, relazione del prefetto di Firenze.

21 ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1949, b. 20, 4 aprile 1947, relazione del prefetto di Caserta.

22 Cfr. Ivi, relazioni del prefetto di Palermo, 4 aprile–29 settembre 1947; relazioni del prefetto di Brindisi, 8 e 26 marzo 1947; ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1950, b. 27, 22 febbraio 1947, relazioni dei comandanti dei carabinieri di Trani e Monopoli del 22 febbraio e del 12 marzo 1947.

23 Cfr. ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1951, b. 31, 20 ottobre 1947, relazione del prefetto di Venezia; ACS, MI, PS, AGR, cat. ann, 1950, b. 27, 7 febbraio 1947, relazione del prefetto di Imperia.

24 Ovvero di circa un milione di iscritti. Il dato è riportato in G. Galli, Storia… cit. Esso non sembra però certo: in M. Degl’Innocenti, Dal dopoguerra… cit., si riporta una cifra decisamente minore, 700.000 iscritti. Tale cifra più si avvicina, anche se per difetto, al totale dei voti riportati dalle mozioni del XXIV Congresso, poco meno di 750.000.

25 Cfr. su questo P. Caridi, La scissione… cit.

26 In quell’anno, il partito risultava avere 111.262 iscritti [Cfr. FT, fondo PSDI, serie 4, b. 6, fasc. 6–7].

27 Cfr. per i dati il sito della Camera dei Deputati, all’indirizzo http://legislature.camera.it/.

28 P. Caridi, La scissione… cit.

29 Cfr. ad esempio ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1950, b. 27, 16 marzo 1947, appunto del prefetto de L’Aquila, dove si afferma che il PSLI «ha avuto in questa provincia favorevoli accoglienze specie tra le classi più elevate ed i ceti medi»; cfr, anche ACS, MI, PS, AGR, cat. ann, 1951, b. 31, 20 ottobre 1947, relazione del prefetto di Venezia in cui si afferma che «i più noti esponenti locali del vecchio socialismo hanno dato la propria adesione al PSI».

30 Cfr. P. Vittorelli, Precedenti e significati dell’unità socialista, in «Nuova Antologia», fasc. 1083, marzo 1951.

31 E’quanto traspare, ad esempio, da una discussione del comitato direttivo della federazione romana nell’estate 1947 in cui si spiegano gli «scarsi risultati conseguiti dalla federazione e conseguentemente dal Partito, con le considerevoli difficoltà di carattere tecnico, finanziario e politico incontrate durante il loro lavoro» [ACS, MI, Gab., PP, b. 110, 3 agosto 1947, relazione del Colonnello dei Carabinieri Mario Sacchi sul congresso PSLI di Roma].

32 Cfr. su questo P. Caridi, La scissione.. cit.

33 Che ottennero dallo IALC, dal FTUC (Free Trade Union Committee) e tramite quest’ultimo dalla stessa CIA. Cfr. G. Gabrielli, Gli amici… cit. Per i rapporti con lo IALC e i finanziamenti da questo erogati al PSLI, cfr. A. De Felice, La socialdemocrazia e la scelta occidentale… cit., con i documenti allegati.

34 Alberto Simonini, ad esempio, fra l’estate e l’autunno del 1947 organizzò d’accordo con Montana l’invio di pacchi dono a militanti e dirigenti del PSLI. Cfr. FK, FGP, serie 3.9, b. 17, fasc. 566, Simonini a Montana 21 agosto 1947 e 13 novembre 1947.

35 Cfr. ad esempio FK, FGP, serie 3.5, b. 17, fasc. 545, 3 giugno 1948, Saragat a Montana, in cui l’allora vicepresidente del consiglio constata la «scarsissima conoscenza che all’estero si ha del nostro movimento» e ringrazia Montana per «l’attività chiarificatrice che svolgi costì in favore del nostro partito».

36 Tutti costoro furono, in tempi diversi o coincidenti e a vario titolo, in contatto con Montana, che scriveva anche su “L’Umanità” ed era l’interlocutore più stretto dei dirigenti PSLI. Cfr. le corrispondenze dei quattro citati con Montana conservate in FK, FGP, serie 1.6, 3.5, 3.9.

37 L’espressione incriminata era ispirata ad una lettera di Faravelli a Saragat in cui il primo esortava il secondo, con il linguaggio brusco che lo caratterizzava, a decidersi ad accettare i finanziamenti dell’ILGWU e che cadde nelle mani dei comunisti. Cfr. per una ricostruzione dettagliata della vicenda P. Caridi, La scissione… cit. La lettera si trova in P. Masini e S. Merli (a cura di), Il socialismo al bivio. L’archivio di Giuseppe Faravelli, 1945–1950, in «Annali della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli», a. XXVI, 1988/1989.

38 Cfr. su questo M. Donno, Socialisti democratici… cit.

39 Cfr. su questo, P. Caridi, La scissione… cit.; G. Gabrielli, Gli amici… cit. Sulle vicende della ricostituzione di un’organizzazione internazionale socialista, che fu inizialmente denominata appunto Comisco e solo nel 1951 Internazionale, cfr. L. Pesetti, L’Internazionale Socialista dal 1951 al 1983, Marsilio, Venezia 1989; M. Petricioli, La sinistra europea nel secondo dopoguerra 1943–1949, Sansoni, Firenze 1981.

40 Cfr. su questo F. Romero, Gli Stati Uniti e il sindacalismo europeo, Lavoro, Roma 1989.

41 Ad esempio R. Faenza, M. Fini, Gli americani… cit.

42 Cfr. su tutto questo P. Caridi, La scissione… cit.

43 Cfr. su questo G. Gabrielli, Gli amici… cit. Sull’intervento della CIA in Italia nell’ambito della lotta anticomunista, cfr. M. Del Pero, CIA e covert operation nella politica estera americana del secondo dopoguerra, in «Italia contemporanea», no 205.

44 Cfr. su questo V. Zaslavsky, Lo stalinismo e la sinistra italiana. Dal mito dell’URSS alla fine del comunismo 1945–1991, Mondadori, Milano 2004.

45 Cfr. su questo P. Scoppola, La repubblica… cit.; S. Colarizi, Storia dei partiti nell’Italia repubblicana, Laterza, Bari 1998.

46 Sul viaggio di Saragat e Matteotti negli Stati Uniti, su invito dello IALC, cfr. P. Caridi, La scissione… cit., F. Fornaro, Saragat… cit., M. Donno, Socialisti… cit.

47 ACS, MI, Gab., PP, b. 110, 19 settembre 1947, relazione del capo della polizia sul primo convegno nazionale del PSLI.

48 Cfr. ACS, MI, Gab., PP, b. 110, 2 ottobre 1947, relazione del Colonnello dei Carabinieri Mario Sacchi, dove si riporta il nuovo organigramma direttivo del PSLI, uscito dal convegno nazionale: Saragat è segretario, Alberto Simonini (destra) e Mario Zagari (sinistra) vice.

49 Su entrambe le figure, importanti protagonisti delle vicende studiate, cfr. F. Andreucci, T. Detti, Il movimento operaio italiano. Dizionario biografico, 1853–1943, Editori Riuniti, Roma 1978, ad nomen.

50 Cfr. su questo ivi, b. 110, 21 e 24 novembre 1947, 3 dicembre 1947, relazioni del Capo della Polizia sul Congresso della Federazione Giovanile Socialista (democratica).

51 Cfr. ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1949, b..19, 9 febbraio 1948, relazione del questore di Roma sullo scioglimento della Federazione Giovanile Socialista.

52 Cfr. ACS, MI, Gab., PP, b. 110, 5 febbraio 1948, relazione del prefetto di Napoli sul Congresso PSLI.

53 Il primo congresso del PSLI si concluse infatti con una mozione unificata, proposta nuovamente da Saragat, il cui punto politico qualificante non era la partecipazione o l’opposizione al governo bensì la scelta di andare alle elezioni da soli, o al massimo collegati con movimenti affini. Cfr. su questo G. Averardi, I socialisti… cit.

54 Cfr. su questo G. De Luna, Storia… cit.

55 Cfr. G. De Luna, Storia… cit.

56 Su La Malfa e Parri, cfr. P. Soddu, Ugo La Malfa. Il riformista moderno, Carocci, Roma 2008 e L. Polese Remaggi, La nazione perduta: Ferruccio Parri nel Novecento italiano, Il Mulino, Bologna 2004.

57 Cfr., su questo, A. Gambino, Storia del dopoguerra. Dalla Liberazione al potere DC, Laterza, Bari 1988; anche M. Degl’innocenti, Dal dopoguerra… cit.

58 Cfr. su questo P. Caridi, La scissione… cit.

59 Proprio sulla difesa della democrazia, come valore assoluto e non relativizzabile, Saragat aveva incentrato il suo discorso inaugurale del nuovo partito, a Palazzo Barberini, ora in G. Saragat, Quarant’anni… cit.

60 Cfr. Istoreto, FAG, b. 42, fasc. 1087 Valiani a Garosci, 16 gennaio s. d, ma 1947: «i due tronconi sono entrambi scarsamente vitali, tuttavia avranno i voti entrambi, il primo, Saragat, per afflusso dei ceti medi che, malgrado le delusioni passate, mi pare probabile; il secondo, Nenni, perché i comunisti hanno deciso di lasciarlo vivere, e di non portargli via in massa i proletari». Cfr. anche G. De Luna, Storia… cit.

61 Su Valiani cfr. A. Ricciardi, Leo Valiani. Gli anni della formazione: tra socialismo, comunismo e rivoluzione democratica, Franco Angeli, Milano 2007.

62 Sul quale mancano studi biografici; cfr. comunque F. Fantoni (a cura di) L’impegno e la ragione: carteggio tra Aldo Garosci e Leo Valiani (1947–1983), Angeli, Milano 2009.

63 Istoreto, FAG, b. 42, fasc. 1087, Valiani a Garosci, 30 novembre s. a., [ma 1946]. Cfr. anche Ernesto Rossi a Egidio Reale del 27 febbraio 1947, dove, di fronte ai colloqui fra i vertici di PdA e PSLI per un’eventuale unificazione, Rossi dichiara di «non [avere] fiducia in una combinazione di questo genere», a causa soprattutto della presenza degli uomini di Iniziativa Socialista e di Carlo Andreoni, ma di riconoscere che «non c’è niente di meglio da fare». [E. Rossi, Epistolario 1943–1967, Laterza, 2007, Roma–Bari p. 83]

64 Su Codignola cfr. P. Bagnoli, Il socialismo di Tristano Codignola. Con interventi, documenti, lettere, Biblion, Milano 2009; T. Codignola, A. Capitini, Lettere 1940–1968, a cura di T. Borgogni, La Nuova Italia, Scandicci 1997; T. Codignola, Scritti Politici, a cura di N. Tranfaglia e T. Borgogni, La Nuova Italia, Firenze 1987.

65 Cfr. su questo G. De Luna, Storia… cit.; P. Caridi, La scissione… cit..; P. Vittorelli, Precedenti e significati… cit.

66 Cfr. su questo, G. De Luna, Storia… cit.

67 Cfr. P. Vittorelli, Precedenti…, cit.; P. Caridi, La scissione… cit.; A. Roveri, Il socialismo tradito... cit.

68 Cfr. Istoreto, FAG, b. 42, fasc. 1087 Valiani a Garosci, 16 gennaio s. a, ma 1947: «[il PSLI] è un partito poco brillante, ma possiamo influire su di esso, in caso di fusione (a condizioni paritetiche, ché esso non è abbastanza forte per chiederci un’adesione pura e semplice) potremmo imporgli le nostre condizioni». Più reciso è Vittorelli, per il quale Saragat «ci darebbe la possibilità di rifare un’altra anche se disperata esperienza pda» [Istoreto, FAG, b. 43, fasc. 1113, Vittorelli a Garosci, 16 gennaio 1947].

69 Cfr. Istoreto, FAG, b. 42, fasc. 1087, Valiani a Garosci, s. d. ma dopo il giugno 1947: «Ti confesso che oggi non me la sento di aderire ai saragattiani, dato che Riccardo ha già deciso di non aderirvi. Oggi non abbiamo più (senza Riccardo) il prestigio per far fare a Saragat quello che vogliamo». Cfr. anche G. De Luna, Storia… cit., p. 306: «molto aveva contribuito, nel capovolgere l’originaria posizione filo–PSLI, una più accurata conoscenza della realtà organizzativa del nuovo partito«.

70 Cfr. G. De Luna, Storia... cit.; P. Vittorelli, Precedenti…, cit; ID., La diaspora azionista, in AA. VV. L’azionismo nella storia d’Italia 1946–1953, Il Lavoro Editoriale, Ancona 1988.

71 Sugli ultimi tre sono disponibili opere biografiche complete, oltre che più o meno numerose antologie di testi; per Agosti e Vittorelli queste sono le sole fonti edite disponibili. Cfr. C. Rognoni Vercelli, Mario Alberto Rollier, un valdese federalista, Jaca Book, Milano 1991; A. Braga, Un federalista giacobino: Ernesto Rossi pioniere degli Stati Uniti d’Europa, Il Mulino, Bologna 2007; G. Fiori, Una storia italiana. Vita di Ernesto Rossi, Einaudi, Torino 1997; A. Galante Garrone, Calamandrei, Garzanti, Milano1987; AA. VV., Piero Calamandrei, Accademia dei Lincei, Roma 1993; G. Agosti, Dopo il tempo del furore. Diario 1946–1988, Einaudi, Torino 2005; P. Vittorelli, Giellismo, azioniamo, socialismo. Scritti tra storia e politica, 1944–1988, Fondazione Spadolini, Firenze, Nuova Antologia 2005; Id., L’età della tempesta, Rizzoli, Milano 1981; Id., L’età della speranza, testimonianze e ricordi del Partito d’Azione, Firenze, La Nuova Italia, 1998.

72 Cfr. su questo “L’Umanità”, 2 maggio 1947, A. Spinelli, Partito di pianificazione senza demagogia, articolo con cui Spinelli annuncia la sua adesione al PSLI. Anche su Spinelli la letteratura è ormai molto vasta; cfr. almeno P. Graglia, Altiero Spinelli, Il Mulino, Bologna 2008, e i due volumi dell’autobiografia: A. Spinelli, Come ho tentato di diventare saggio, voll. I e II, Il Mulino, Bologna 1984–87.

73 IS, 21 ottobre 1947, Appello dei membri del C. C. contrari alla fusione col PSI.

74 IS, 16 novembre 1947, Le federazioni toscane del Pd’A si pronunciano per l’autonomia. Il testo del manifesto è stato pubblicato in Tristano Codignola, Aldo Capitini, Lettere 1940–1968… cit.

75 Su Francovich cfr. il profilo biografico di G. Vaccarino, Carlo Francovich 1910–1990, in «Italia Contemporanea», no 182, marzo 1991.

76 L’elenco completo dei nomi si trova, oltre che in calce al succitato manifesto pubblicato nell’epistolario Codignola–Capitini, in ACS, MI, Gab., PP, B. 111, 1 dicembre 1947, relazione del comandante di Carabinieri di Firenze. Da segnalare, oltre ai nomi già citati, due giovani che avranno un ruolo non secondario sia nella successiva, breve vita del MAS–GL sia nella storia della cultura italiana: il futuro redattore del «Ponte» Alberto Bertolino, e il futuro storico Giorgio Spini.

77 Sui fratelli Carlo e Alessandro Galante Garrone cfr. P. Borgna, Un paese migliore. Vita di Alessandro Galante Garrone, Il Mulino, Bologna 2008; M. Giovana, Galante Garrone, Carlo in Dizionario della Resistenza. Luoghi, formazioni, protagonisti, Einaudi, Torino, 2001; E. Tortarolo (a cura di), I Galante Garrone: una famiglia vercellese del novecento. Atti del convegno di studi, Vercelli, 17 marzo 2004, Vercelli 2004; A. Agosti (a cura di), Storico per passione civile. Atti del Convegno di studi «Alessandro Galante Garrone 1909–2003», Edizioni Dell’Orso, Alessandria 2010; su Dante Livio bianco cfr. A. A. Mola, Pensiero e azione di Dante Livio Bianco, Centro Puecher, Milano 1967; G. Agosti, D. L. Bianco, Un’amicizia partigiana. Lettere 1943–1945, a cura di G. De Luna, Bollati Boringhieri, Torino 2007.

78 E’da notare che lo stesso asse Torino–Firenze fu uno dei pilastri che sostenne «Il Ponte» di Piero Calamandrei in alcuni dei momenti più difficili della sua lunga e gloriosa storia editoriale. Cfr. su questo L. Polese Remaggi, «Il Ponte» di Calamandrei. 1945–1956. Olschki, Firenze, 2001.

79 Da quanto si può desumere dalle notizie pubblicate da “L’Italia Socialista”, esse furono in tutto una ventina. Della maggior parte di esse non si trova traccia nella documentazione successiva, ragion per cui è lecito immaginare che si dispersero o che la stessa dichiarazione di autonomia fosse stata ispirata da alcuni dirigenti locali (come avvenne, ad esempio, per Pasquale Schiano a Napoli), non seguiti poi dalla (oramai sfilacciata) base.

80 Per una ricostruzione dettagliata delle vicende de “L’Italia Socialista”, da cui emerge l’impossibilità di una sua completa riduzione ad organo del MAS–GL, cfr. D. Pipitone, “L’Italia Socialista” fra lotta politica e giornalismo d’opinione, in «Annali della Fondazione Einaudi», no XLV, 2011.

81 Cfr. IS, 2 dicembre 1947, Le Federazioni autonome del Pd’A si organizzano sul piano nazionale come Azione Socialista “Giustizia e Libertà”.

82 IS, 2 dicembre 1947, La dichiarazione politica di Azione Socialista Giustizia e Libertà.

83 Istoreto, FAG, b. 40, fasc. 1024, Garosci a Spinelli, 5 novembre 1947. Garosci fa qui riferimento alle vicende de “L’Italia Socialista”, che fino allo scioglimento del partito era stata edita da Riccardo Lombardi (in rappresentanza del partito) e Dino Gentili e al momento della confluenza di questi ultimi nel PSI venne ceduta ad un nuovo editore, Alberto Carocci. Su queste vicende, cfr. D. PIPITONE, “L’Italia Socialista”… cit.

84 Istoreto, FAG, b. 40, fasc. 1024, Spinelli a Garosci, 9 novembre 1947.

85 Ivi, Spinelli a Garosci, 20 agosto 1947.

86 Cfr. ad esempio, la lettera aperta che Codignola invia a Luigi Russo il 27 aprile 1946, pubblicata sul “Non mollare!”, ora in T. Codignola, Scritti… cit., nella quale si afferma che il compito che gli azionisti avrebbero considerato proprio fosse «garantire che le mete socialistiche affermate dai partiti marxisti possano essere raggiunte non attraverso esperimenti di dittatura, di partito unico, di intemperanze classiste ecc… ma attraverso metodi democratici e meccanismi costituzionali capaci di garantire il mantenimento della libertà»; e si aggiunge che «una simile funzione non avremmo potuto compiere all’interno del P. C., che ci avrebbe irretito nella sua struttura disciplinare ed autoritaria».

87 Il quale pur ribadendo il suo attaccamento passionale al marxismo, riconosce che «in pratica l’economia socialista può essere chiamata a ragione capitalismo di stato totalitario» e che la trasformazione di tale economia «non è avvenuto principalmente per fanatismo o sete di potere di capi […] ma perché necessariamente avviene così» [Istoreto, FAG, b. 42, fasc. 1087, Valiani a Garosci, 12 giugno 1948]

88 Cfr. su questo G. Galli, Storia… cit., p. 192: «La scissione […] è un fatto traumatico per il quadro socialista intermedio–come per l’elettorato socialista–perché indebolisce entrambe le componenti del PSIUP del 1945–46.»

89 P. Caridi, in La scissione… cit., cita F. Cazzola, Il partito come organizzazione, Ed. Tritone, Roma 1970, dove si afferma che il PSI aveva, al suo XXVI Congresso (1948) 531.000 iscritti.

90 In INSMLI, FMAR, b. 2, fasc. 24, vi sono infatti alcune lettere provenienti da ex–sezioni del PSIUP non confluite nel PSI né nel PSLI (indirizzate soprattutto a «Critica Sociale», punto di riferimento ideale del socialismo democratico) che descrivono una situazione di grande disorganizzazione e di sostanziale disaffezione della base rispetto alla politica attiva.

91 Cfr. O. Gurgo, F. De Core, Silone, L’avventura di un uomo libero, Marsilio, Venezia 1998, p. 248; per una disamina più approfondita dell’esperienza della rivista, cfr. D. Napolitano, Il socialismo federalista di Ignazio Silone: Europa e socialismo nel pensiero siloniano dalle Tesi del Terzo fronte a Europa Socialista, Centro Studi Ignazio Silone, L’Aquila 1997.

92 Vecchietti rimane fino al maggio 1946, data in cui la pubblicazione della rivista viene sospesa; alla ripresa, nel novembre dello stesso anno, Vecchietti non compare più fra i redattori, e compare Russo come vice–direttore. Allo stesso modo, cambia la composizione del comitato di redazione; se fino al maggio 1946 esso è composto da Ruggero Amaduzzi, Achille Corona, Vittorio Libera, Franco Lombardi e lo stesso Russo, dal novembre e fino alla chiusura della rivista ne fanno parte Paolo Albertario, Walter Binni, Luigi Carmagnola, Sigfrido Ciccotti, Enzo Forcella, Vittorio Libera, Franco Lombardi, Michele Giua (dopo poco sostituito da Ivan Matteo Lombardo).

93 Cfr. su questo D. Napolitano, Il socialismo federalista… cit.

94 Cfr. ad esempio: ES, 1–16 marzo 1946, A. Williams, La nazionalizzazione delle miniere in Gran Bretagna; ES, 16–31 marzo 1946, T. Vecchietti, La nuova dichiarazione dei principi del partito socialista francese e T. Ode, La cooperazione nella vita economica della Svezia.

95 ES, gennaio 1947, I. Silone, Partito in formazione.

96 Cfr. ES, 23 febbraio 1947, I. Silone, Come riorganizzare il movimento socialista?.

97 Del quale non vi è praticamente alcun profilo biografico approfondito. Per qualche informazione di base, cfr. la breve voce a lui dedicata (e piuttosto tendenziosa) in Enciclopedia dell’antifascismo e della Resistenza, La Pietra, Milano 1968.

98 Su Vigorelli cfr. M. Paniga, Ezio Vigorelli, gli Eca e la battaglia per una riforma dell’assistenza nell’Italia repubblicana, in «Società e storia», 2011, fasc. 132.

99 Su Foa, cfr. la sezione speciale a lui dedicata nell’anno della morte in «Annali della Fondazione Ugo La Malfa», no XXIII, 2008.

100 Cfr. ad esempio, ES, 16 marzo 1947, Per l’unità socialista. Un manifesto dei socialisti dell’Alta Padovana; 20 aprile 1947, Per l’unità socialista. I compagni della Svizzera. I compagni della FIOT; 8 giugno 1947, Per l’unità socialista. Torino, Carrara, Alessandria, Ferrara, Fabriano.

101 ES, 2 marzo 1947, Gruppi d’”Europa socialista”. Cfr. anche ES, 30 marzo 1947, Gruppi d’Europa Socialista.

102 Cfr. ES, 1 giugno 1947, Comitati d’azione per l’unità socialista.

103 Cfr. su questo S. Merli, Il “partito nuovo”… cit; P. Mattera, Il Partito… cit.; A. Agosti, Rodolfo Morandi. Il pensiero e l’azione politica, Laterza, Bari 1971.

104 ES, 20 luglio 1947, Gruppo “Europa Socialista”, Mozione per l’unità socialista.

105 Cfr. INSMLI, FMAR, b. 3 fasc. 26, lettera del Comitato Centrale di Europa Socialista ai gruppi locali di Europa Socialista, e per conoscenza alle federazioni autonome del PdA, ai gruppi cristiano sociali, ai gruppi socialisti di azione cristiana, dove si annuncia la costituzione del Comitato stesso.

106 Su Lombardo mancano profili biografici accurati. Si rimanda quindi alla breve voce sulla Treccani online [http://www.treccani.it/enciclopedia/ivan-matteo-lombardo]

107 Sul congresso PSI del 19–22 gennaio 1949, nel quale la mozione di Lombardo prese poco più dello 0.5% dei voti, cfr. F. Pedone, Novant’anni di pensiero e azione socialista attraverso i congressi del PSI, vol. III, 1942–1955, Marsilio, Venezia 1983.

108 P. Caridi, La scissione… cit., p. 361.

109 In ES, 16 marzo 1947.

110 Fra questi, lo stesso Gaetano Russo che era caporedattore di Europa Socialista, a testimoniare gli stretti legami fra la rivista e il gruppo di Lombardo, e i costituenti Virgilio Luisetti e Luigi Carmagnola; questi, segretario della Camera del Lavoro di Torino, farà parte delle liste di Unità Socialista.

111 INSMLI, FMAR, b. 3, fasc. 28, Rollier a Rossi, 13 gennaio 1948.

112 Ivi. B. 3, fasc. 28.

113 Questo nonostante lo stesso Rollier si preoccupasse di inviare una lettera riservata a Adriano Olivetti per spiegargli natura e scopi del convegno e invitarlo a partecipare [INSMLI, FMAR, b. 3, fasc. 28, Rollier a Adriano Olivetti, 14 gennaio 1948]

114 A testimonianza della precarietà del movimento, la sua denominazione varia, sia nelle corrispondenza private sia in certi casi nei documenti ufficiali. Nei contatti di Rollier con i torinesi, in effetti, si parla di “Associazione Giustizia e Libertà–Movimento d’Azione Socialista”). Per brevità, sarà d’ora in poi adottata la dicitura “MAS–GL”.

115 Sui due Malan, cfr. P. Egidi Bouchard, Frida e i suoi fratelli: il romanzo della famiglia Malan nella Resistenza, Claudiana, Torino 2003; su Riccardo Levi, fratello del più famoso Carlo, cfr. la breve autobiografia R. Levi, Ricordi politici di un ingegnere, Vangelisti, Milano 1997.

116 Cfr. le numerose lettere di Rollier ad esponenti locali del PdA in INSMLI, FMAR, b. 3, fasc. 28.

117 ivi, Barberis e Malan a Rollier, 2 febbraio 1948.

118 ivi. Rollier ad Agosti, 14 gennaio 1948; Agosti a Rollier, 19 gennaio 1948; Rollier a Levi, 14 gennaio 1948.

119 Cfr. ad esempio Ivi, Rollier a Silone, 10 novembre 1947, lettera in cui Rollier dichiara che «la base del Partito d’Azione, specialmente in Piemonte, non ne vuole sapere di andare da Nenni incondizionatamente» e chiede all’abruzzese i punti programmatici di Europa Socialista, per convincere tale base a confluire in un movimento socialista autonomo

120 In particolare, con tali Savelli, Quarti e Gomarasca, come risulta dalla corrispondenza degli ex–azionisti: cfr. ivi, b. 3, fasc. 28, Vittorelli a Rollier, 4 febbraio 1948; Ivi. B. 3, fasc. 28. Rollier a Garosci, 2 febbraio 1948. Gli uomini del MAS–GL avevano un’opinione decisamente bassa di questi tre, che rimangono per altro sconosciuti; solo di Savelli si è riusciti a scoprire che era stato membro del Movimento di Resistenza Partigiana, formazione dissidente da sinistra dal PCI, di cui aveva fatto parteanche Carlo Andreoni: una conferma che nella nebulosa socialista democratica si muovevano le figure più diverse, e al contempo che il collante comune a tutti era costituito dall’anticomunismo [cfr. S. Corvisieri, Bandiera rossa nella Resistenza romana, Samona e Savelli, Roma 1968]

121 Ivi. B. 3 Fasc. 28. Silone a Savelli, Gomarasca, Quarti.

122 Cfr. ivi, fasc. 28, Rollier a Vassalli, 30 gennaio 1948: «Lo scopo politico, almeno nelle mia mente, sarebbe quello di presentare agli elettori […] accanto alle liste socialcomuniste del fronte […] una sola lista molto larga, chiaramente socialista e sicuramente autonoma, che potesse essere chiamata la lista del socialismo unitario o dell’Unità Socialista».

123 Cfr. ivi. Rollier a Garosci, 2 febbraio 1947: «nel caso del più completo insuccesso del convegno […] per conto mio non ci rimane altro che da chiedere l’ingresso nel PSLI alle stesse condizioni di anzianità di tessera, estese automaticamente a tutti gli ex membri del PdA che facciano la domanda di iscrizione».

124 Ivi, Vittorelli a Rollier, 4 febbraio 1947.

125 Ibidem.

126 Ivi, discorso di Ivan Matteo Lombardo, 8 febbraio 1948.

127 Ivi. Mozione finale del Convegno, s. d..

128 Ibidem.

129 Su Simonini, eletto segretario del PSLI nel febbraio 1948, cfr. M. Donno, Alberto Simonini socialista democratico: da operaio a ministro della Repubblica (1896–1960), Rubbettino, Soveria Mannelli 2010.

130 “L’Umanità”, 12 febbraio 1948, Esaminata la situazione elettorale dal PSLI e dalla Unione Socialista; IS, 13 febbraio 1948, I. M. Lombardo e Simonini depositano il simbolo dell’unità socialista.

131 ISRT, fondo PSU, B. 2, fasc. 1.

132 IS, 6 marzo 1948.

133 Cfr. ad esempio Istoreto, FAG, b. 20, fasc. 58, Giovana a Garosci, 2 marzo 1948, dove si parla della «dannata stupidità di troppi elementi di primo piano del PSLI»; IS, 1 febbraio 1948, A. G [arosci], A Napoli il PSLI si porrà il problema di “come essere”, dove si afferma, in riferimento al PSLI, che «questo aggruppamento ha ancora dinanzi a sé un cammino non piccolo da fare per determinarsi come “il partito” del socialismo democratico».

134 ACS, MI, Gab., PP, b. 111, 19 febbraio 1948, relazione del prefetto di Firenze su una riunione dell’UdS locale.

135 Istoreto, FAG, b. 72, fasc. 1432; 6 febbraio 1948, Simonini a Silone e Garosci.

136 Cfr. su questo P. Mattera, Il partito… cit.

137 “L’Umanità”, 10 febbraio 1948, s. a. Il convegno di Milano.

138 “L’Umanità”, 10 febbraio 1948, P. Caleffi, Gli indipendentisti si uniscono per favorire l’unità dei socialisti.

139 Cfr. su questo P. Mattera, Il partito… cit.

140 Cfr. comunque P. Mattera, Il partito… cit.

141 Cfr. su questo M. Donno, Socialisti… cit.

142 Cfr. ad esempio ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1950, b. 27, 15 ottobre 1947, relazione del comandante dei carabinieri di Bari sui tafferugli ad un discorso di Andreoni; ivi, 19 gennaio 1948, relazione del prefetto di Bologna sulle violente contestazioni che hanno accompagnato Preti nella serie di comizi da questi tenuti in provincia (al punto che il parlamentare PSLI ha dovuto essere «accompagnato a Ferrara con la scorta di venti militari dell’Arma»); ACS, MI, PS, AGR, cat. ann, 1951, b. 31, 8 febbraio 1948, appunto anonimo di P. S. su una contestazione «di elementi di partiti di sinistra» contro Simonini e Nicola Salerno a Castellammare di Stabia.

143 “L’Umanità”, 17 febbraio 1948, s. a. Una Costituente del Socialismo sarà tenuta dopo le elezioni? Colloquio con Ignazio Silone.

144 INSMLI, FMAR, B. 2, fasc. 24, lettera aperta di Mario Perino a «Critica Sociale», 23 febbraio 1948.

145 ISRT, Fondo PSU, B. 1, fasc. 2, Spini a Bruno Cristiani, 21 giugno 1948.

146 INSMLI, FMAR, B. 2, fasc. 24. Luciano Bolis a Lombardo e Rollier, senza data.

147 Ivi, Enrico Mariani a Rollier, 13 marzo 1948.

148 Ivi, Enrico Mariani a Rollier, 14 marzo 1948.

149 Ivi, Mariani a Rollier, 23 marzo 1948.

150 Ivi, lettera aperta di Mario Perino a «Critica Sociale», 23 febbraio 1948.

151 Ivi, lettera aperta di Mario Alparone (Ex–segretario PSIUP di Brunico) a «Critica Sociale», 15 marzo 1948.

152 INSMLI, FMAR, B. 2, fasc. 25, Relazione politica sulla provincia di Mantova di Luigi Bellami.

153 INSMLI, FMAR, B. 2, fasc. 24, Ennio Pacchioni (membro segreteria UdS del Nord Emilia) a Rollier, 18 marzo 1948.

154 Cfr. “L’Umanità”, 17 aprile 1948; IS, 17 aprile 1948, Lombardo, Saragat e Greppi parlano stasera in piazza del Duomo a Milano.

155 Cfr. INSMLI, FMAR, B. 2, fasc. 24.

156 ISRT, fondo PSU, B. 2, fasc. 2, carteggio del gruppo fiorentino di Unità socialista con quelli delle altre province toscane concernenti la campagna di Unità Socialista (1948); fasc. 3, carteggio del gruppo fiorentino di Unità Socialista con altri gruppi in Italia, sempre sulle elezioni del 1948.

157 Cfr. su questo P. Mattera, Il partito…. cit., p. 140.

158 Cfr. ad esempio CS, 15 ottobre 1946, “Fatti e commenti della stampa estera”: Ancora sulla Bulgaria; L’Umanità, 24 luglio 1947, I socialisti polacchi nella macina delle persecuzioni.

159 Cfr. CS, 16 luglio 1948, “Fatti e commenti della stampa italiana ed estera”: Fine del partito socialista polacco.

160 Cfr. CS, 1 giugno 1947, “Fatti e commenti…”: Il piano biennale cecoslovacco; CS, 1 gennaio 1947, “Fatti e commenti...”: Lettere da Praga; “L’Umanità”, 14 settembre 1947, A Praga la cultura nasce dalla ricchezza, tutti articoli dai toni entusiasti circa l’opera del fronte popolare cecoslovacco.

161 “L’Umanità”, 14 marzo 1948, La tragedia del popolo cecoslovacco.

162 Cfr. ad esempio, IS, 25 febbraio 1948, Paolo Vittorelli, Responsabilità dei socialisti; 12 marzo 1948, s. a., Sul feretro di Masaryk i finti fiori degli omaggi ufficiali.

163 Cfr. la dichiarazione del Labour Party, pubblicata da “L’Umanità”, con evidente soddisfazione, che recita: «La Cecoslovacchia costituisce un banco di prova, e di sincerità. Coloro i quali tentano di perdonare questo delitto mostrano che sono in contrasto con i principi del socialismo democratico per il quale il partito laburista si batte». “L’Umanità”, 10 marzo 1948, Chi giustifica questo delitto non può più dirsi socialista.

164 Cfr. “L’Umanità”, 21 marzo 1948, I fusionisti italiani sconfessati dal Comitato Internazionale socialista: «estrema diffida ai fusionisti italiani e polacchi: o con il Cominform o con il socialismo – La delegazione nenniana abbandona la riunione».

165 Cfr. “L’Umanità”, 17 marzo 1948, La nostra presenza a Londra è una svolta decisiva per il socialismo: «E’pervenuto al comitato di coordinamento della lista di Unità Socialista […] la lettera con la quale il segretario dell’Esecutivo del Labour Party, compagno Morgan Phillips, invita tre rappresentanti delle liste di Unità Socialista a prender parte alla Conferenza dei partiti socialisti dei Paesi aderenti al piano per la ricostruzione europea, che si inizierà a Londra il 21 corrente.»

166 Cfr. INSMLI, FMAR, B. 4, fasc. 36, lettera aperta di Morgan Phillips a Lombardo di sostegno alle liste di Unità Socialista, senza data ma durante la campagna elettorale del 1948.

167 Cfr. “L’Umanità”, 1 aprile 1948, I compagni francesi inglesi e olandesi fraternamente solidali con “Unità socialista”.

168 INSMLI, FMAR, B. 2, Fasc. 25.

169 Ivi, Discorso di Lombardo a Biella del 11 aprile 1948.

170 Cfr. CIRIEC, AT, 1.4.1.2.15. Discorso tenuto a Cosenza il 15 marzo 1948. La numerazione dei documenti dell’archivio Tremelloni segue il seguente ordine: Archivio; Sezione; Partizione; Busta; Fascicolo. Per brevità, nelle citazioni si riportano soltanto le indicazioni numeriche, tenendo presente che esse vanno riferite sempre alla suddivisione sopra indicata.

171 Cfr. INSMLI, FMAR, B. 2, Fasc. 25, discorso di Rollier del 14 marzo 1948.

172 IS, 21 aprile 1948.

173 ISRT, Fondo PSU, B. 1, Fasc. 2, l’Associazione AS–GL di Pitigliano a Spini, 28 marzo 1948.

174 ISRT, Fondo PSU, B. 1, Fasc. 2, Angelo Gianni (ex–segretario sezione giovanile PdA) alla direzione regionale AS – GL.

175 Cfr. ISRT, Fondo PSU, B. 1, Fasc. 2. e B. 2, fasc. 2, Corrispondenza Spini–Verreschi (azionista grossetano).

176 ISRT, Fondo PSU, B. 2, fasc. 3, Spini ai compagni, 13 febbraio 1948.

177 ISRT, Fondo PSU, B. 2, fasc. 3, circolare della direzione UdS.

178 ACS, MI, Gab., PP, b. 112, 9 maggio 1948, relazione del questore di Roma sul convegno UdS.

179 Ibidem.

180 Cfr. su questo S. Colarizi, Storia politica della Repubblica, Laterza, Roma 2007.

181 Per le diverse fasi della guerra fredda, mi rifaccio qui all’efficace sintesi di B. Bongiovanni, Storia della guerra fredda, Roma–Bari, Laterza, 2001. Sull’argomento, la letteratura è ormai pressoché sconfinata. Fra i testi più recenti, cui si rimanda per una bibliografia approfondita, si ricordano M. P. Leffler, O. A. Westad (edited by), The Cambridge History of the Cold War, Cambridge University Press, Cambridge 2010; E. Di Nolfo, La guerra fredda e l’Italia (1941–1989), Polistampa, Firenze 2010; C. Pinzani, Il bambino e l’acqua sporca: la guerra fredda rivisitata, Le Monnier, Firenze 2011; F. Romero, Storia della guerra fredda: l’ultimo conflitto per l’Europa, Einaudi, Torino 2009.

182 Cfr. le schede sul sito http://www.camera.it.

183 Rollier era risultato primo dei non eletti nella circoscrizione di Torino e, stando almeno alle lettere che egli scrive a Lombardo dopo le elezioni e agli appunti di suoi colloqui con Saragat, secondo gli accordi quest’ultimo e Calosso avrebbero dovuto optare per altri collegi in modo da farlo passare, cosa che non avvenne. Cfr. comunque INSMLI, FMAR, B. 4, Fasc. 40.

184 INSMLI, FMAR, B. 2, Fasc. 25, Vittorelli a Simonini, 30 aprile 1948.

185 INSMLI, FMAR, B. 2, Fasc. 25, Vittorelli a Simonini, 3 maggio 1948.

186 ISTORETO, FAG, B. 72, Fasc. 1433, delibera dell’esecutivo del MAS–GL di Ivrea, 23 aprile 1948.

187 INSMLI, FMAR, B. 4, fasc. 40, delibera del 23 giugno 1948.

188 ISTORETO, FAG, B. 1, Fasc. 4, Agosti a Garosci, 7 maggio 1948.

189 Cfr. anche ISTORETO, FAG, B. 7, Fasc. 155, Bolis a Garosci, 17 maggio 1948 e ivi, B. 1, Fasc. 4, Agosti a Garosci, 4 giugno 1948.

190 ACS, MI, Gab., PP, b. 112, 7 maggio 1948, relazione del questore di Roma sul convegno nazionale UdS.

191 Ivi, 11 maggio 1948, relazione del questore di Roma sul convegno nazionale UdS.

192 INSMLI, FMAR, B. 4. Fasc. 39.

193 Cfr. ISTORETO, FAG, B. 16, Fasc. 405, Agnoletti a Garosci, 18 luglio 1948.

194 Cfr. INSMLI, FMAR, B. 4, Fasc. 40, Rollier a Garosci, 28 giugno 1948.

195 ISTORETO, FAG, B. 39, fasc. 1008, Silone ai compagni dell’UdS, 8 settembre 1948.

196 ISTORETO, FAG, B. 72, fasc. 1437, Lombardo alla Direzione PSI, senza data ma estate 1948.

197 ISTORETO, FAG, B. 72, fasc. 1437, Lombardo alla Direzione PSI, 13 agosto 1948.

198 Su Jacometti, cfr. F. Andreucci, T. Detti, Il movimento operaio… cit., ad nomen; su Lombardi la bibliografia comincia ad essere consistente: cfr. M. Mafai, Lombardi, Feltrinelli, Milano 1976; A. Ricciardi, G. Scirocco (a cura di), Per una società diversamente ricca. Scritti in onore di Riccardo Lombardi, Edizioni di storia e letteratura, Roma 2004; L. Bufarale, Quale Europa? La sinistra e l’unificazione europea: il caso di Riccardo Lombardi (1943–1957), in «Diacronie. Studi di storia contemporanea», 2010.

199 Cfr. su questo “L’Umanità”, 15 agosto 1948, I dirigenti del PSI invitati a pronunciarsi sull’unità.

200 “L’Umanità”, 9 aprile 1948, A. Simonini, Dall’“Unità socialista” al “Partito sociali

201 Cfr, su questo, G. Averardi, I socialisti democratici… cit., p. 60.

202 Cfr. ad esempio ACS, MI, PS, AGR, cat. ann., 1959, b. 20, 6 novembre 1948, relazione del prefetto di Foggia su una riunione del partito locale con il segretario Simonini, dove si legge: «esponenti di Foggia e provincia hanno riferito che la totalità dei socialisti lavoratori italiani desiderano dal loro gruppo parlamentare che si faccia una politica socialista e non di vassallaggio nei confronti del partito al governo».

203 Cfr. ad esempio “L’Umanità”, 7 settembre 1948, Gi. Effe. [Giuseppe Faravelli], Un minimo di autocritica, dove si chiede agli autonomisti del PSI «la garanzia assoluta della rottura definitiva con quella politica [il frontismo, NdA], che è la causa principale del potenziamento clericale.»

204 Cfr. “L’Umanità”, 24 luglio 1948, Decisa l’unificazione tra il PSLI e l’Unione dei Socialisti e 27 luglio 1948, Si riunisce il 1 ° agosto il Comitato Centrale dell’USI.

205 Cfr. ad esempio “L’Umanità”, 6 ottobre 1948, E. Vigorelli, Un’opinione: «Contro l’unità socialista, parola magica e sentimento profondo, nessuno osa prendere aperta posizione».

206 ACS, MI, Gab., PP, b. 112, 6 maggio 1948, relazione del questore di Roma sul convegno UdS. Cfr. anche “L’Umanità”, 7 maggio 1948, Il PSLI è sempre stato fedele all’i-deale dell’Unità Socialista.

207 “L’Umanità”, 15 giugno 1948, La linea politica dell’Internazionale è il punto d’incontro.

208 “L’Umanità”, 20 agosto 1948, Idee chiare, dove si riportano le opinioni espresse da Saragat in un’intervista concessa a “Il popolo nuovo”.

209 “L’Umanità”, 29 luglio 1948, “Tribuna libera”: M. Matteotti, I. Pietra, G. Vassalli, Lettera ai compagni.

210 “L’Umanità”, 12 settembre 1948, “Tribuna libera”: M. Punzo: Che cosa ci facciamo? L’accenno al sangue del proletariato versato nel luglio è ovviamente un riferimento ai violenti scontri seguiti all’attentato a Togliatti del 14 del mese.

211 “L’Umanità”, 22 settembre 1948, “Tribuna libera”: L. Preti, Lettera al Gruppo di “Iniziativa”.

212 “L’Umanità”, 6 ottobre 1948, “Tribuna libera”: U. Alfassio Grimaldi, Non tiriamo a pari o dispari. Da notare lo scenario evocato da Grimaldi, indicativo del clima politico, della lettura della situazione fatta da una parte del partito e della diffusione della parola d’ordine della “difesa democratica”: «Se noi uscissimo dal governo e per avventura i comunisti attentassero alle libertà democratiche, potremmo convincere il paese che noi eravamo sì all’opposizione, ma in un senso diverso da quello comunista? E soprattutto potremmo noi impedire che ci addossino la responsabilità di aver indebolito, con la nostra uscita, la cittadella statale?».

213 Cfr. “L’Umanità”, 19 giugno 1948, “Tribuna libera”, E. Lui, Il problema dell’unità socialista: «Quelli che a Roma diedero vita al PSLI fra il consenso di milioni di lavoratori […]; coloro che con fede e passione ne han seguito poi la lineare condotta; le moltitudini che […] ci diedero i loro consensi votando la lista elettorale del Sole Nascente, tutti costoro, dico, sono evidentemente convinti che il Partito destinato a tradurre in realtà le aspirazioni di milioni di lavoratori esista già e sia il nostro Partito! Niente da costruire ex novo dunque, niente rifusioni in massa, ma porte aperte a coloro che credono nella concezione democratica del socialismo!».

214 Cfr. in “L’Umanità”, 31 agosto 1948, la lettera di un “compagno di Rovigo” che affermava: «la base [del PSI NdA] purtroppo non è come molti al centro credono. Oggi è ancora estremista: per paura o per interesse o per inerzia tende più a sinistra che verso una sana politica di realizzazione».

215 CIRIEC, AT, Sez. 4, Part. 1, B. 2 Fasc. 10. OdG della Federazione torinese del PSLI del 4 settembre 1948.

216 Cfr. su questo, e in generale sulle vicende della direzione centrista, M. Degl’Innocenti, Dal dopoguerra… cit., G. Galli, Storia… cit.; sulla questione della “rivolta della base”, in particolare, cfr. P. Mattera, Il partito… cit.

217 Cfr. F. Pedone, Novant’anni… cit.

218 Cfr. su questo “L’Umanità”, 4 giugno 1948, Unità Socialista ammessa con pieni diritti all’internazionale.

219 Cfr. su questo “L’Umanità”, 15 ottobre 1948, L’Unità sarà fatta nonostante le scomuniche.

220 L’Umanità”, 16 novembre 1948, Per l’Unità socialista in Italia. Si tratta del documento di ottobre, anche se pubblicato un mese dopo.

221 Per l’elenco completo, cfr. “L’Umanità”, 8 dicembre 1948, Chi sono i firmatari del documento per l’unità socialista.

222 Cfr. su questo F. Fornaro, Giuseppe Romita… cit. Cfr. anche “L’Umanità”, 6 novembre 1948, Una nuova fase dell’unificazione socialista.

223 Cfr. su questo la dichiarazione della Direzione del PSLI che afferma: «il documento formula infondati apprezzamenti sull’attuale situazione italiana e sulle conseguenti direttive di una politica socialista che suona condanna [sic] per l’azione sin qui seguita dal PSLI e che pertanto la direzione naturalmente respinge», in “L’Umanità”, 13 novembre 1948, Il “documento” costituisce una base di discussione.

224 Cfr. “L’Umanità”, 10 novembre 1948, L’Unione dei Socialisti pronta a discutere il documento di unificazione.

225 Questa almeno è la versione fornita da “L’Umanità”, 27 novembre 1948, Le vendette di Jacometti. Cfr. anche F. Fornaro, Giuseppe Romita… cit.

226 Cfr. “L’Umanità”, 17 dicembre 1948, Romita sospeso per sei mesi dal PSI.

227 Così sembra in F. Fornaro, Giuseppe Romita… cit.; cfr. inoltre la lettera di Romita a Faravelli, dove si legge: «Per il nostro paese, per la classe lavoratrice per la concordia nazionale, e la pace nazionale, occorre ricostruire l’unico grande forte partito socialista di tutti e dei soli socialisti, partito capace di rovesciare in senso democratico l’attuale situazione politica», in ISSGS, FGR, B. 1, Fasc. 2. Romita a Faravelli, 14 dicembre 1948.

228 Vi si fa riferimento in ISSGS, FGR, B. 1, Fasc. 2, Faravelli a Romita, 10 dicembre 1948.

229 Cfr. su questo P. Mattera, Il partito… cit.

230 P. Mattera, Il partito… cit., p. 157.

231 Cfr. su questo F. Fornaro, Giuseppe Romita… cit.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search