Version classiqueVersion mobile

Il socialismo democratico italiano fra la Liberazione e la legge truffa

 | 
Daniele Pipitone

Introduzione

Texte intégral

  • 1 G. SABBATUCCI, Il riformismo impossibile. Storie del socialismo italiano, Laterza, Roma–Bari 1991, (...)

1In un breve saggio, raccolta di studi precedenti, pubblicato nel 1991, Giovanni Sabbatucci affrontava la storia del socialismo italiano e delle sue componenti riformiste, autonomiste, socialdemocratiche muovendo da alcuni interrogativi: «Per quali motivi oggettivi e per quali responsabilità personali il socialismo italiano – diversamente dagli altri socialismi europei – non è mai riuscito a darsi un’autentica e moderna cultura riformista? […] perché il riformismo […] non è mai stato egemone come ideologia né, ciò che è più grave, vincente come prassi?»1. La risposta che veniva data a questi interrogativi, attraverso un’analisi dei principali passaggi critici in cui si contrapposero le diverse anime del movimento dei lavoratori nel corso del Novecento, era incentrata su due elementi chiave: da un lato, la forza d’attrazione che la mitologia rivoluzionaria esercitò su larghe frange del socialismo italiano fino alla sua affermazione come cultura politica maggioritaria nel secondo dopoguerra, cosa che sfociò in una svalutazione e in un sostanziale rifiuto della teoria e della prassi riformiste; dall’altro, la progressiva perdita di contatto del movimento socialista con le organizzazioni di massa che costituivano la vera forza del riformismo (perdita di contatto favorita dalla ventennale dittatura fascista e, dopo la Liberazione, dalla preponderanza comunista). In una simile ottica, la scissione che nel gennaio del 1947 segnò la fine del Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria (la “scissione di Palazzo Barberini”) veniva interpretata come la definitiva estromissione della tradizione riformista, sradicata dal corpo principale del socialismo italiano «come un ramo secco di cui liberarsi il più presto possibile», nonché come una perdita dalla quale il PSI non si sarebbe più ripreso.

  • 2 Tale storiografia è molto ampia e presenta contributi di grande rilievo, oltre che spunti innovati (...)
  • 3 Fra queste, si ricordano P. Emiliani (Valdo Magnani), Dieci anni perduti. Cronache del Partito Soc (...)
  • 4 Fra questi, ricordiamo la raccolta di scritti e discorsi di G. Saragat, Quarant’anni di lotte per (...)
  • 5 Si pensi all’ormai classico libro di P Scoppola, La repubblica dei partiti. Profilo storico della (...)

2La storiografia sul socialismo italiano è concorde nel considerare tale scissione come una svolta epocale e, in qualche modo, definitiva, che fissò drasticamente la successiva strada che avrebbe seguito il Partito Socialista Italiano, anche dopo la rottura con i comunisti e l’avvicinamento al centro–sinistra2. Per lunghi anni dopo Palazzo Barberini, e fin molto dopo l’epoca in cui scrisse Sabbatucci, tale storiografia si è concentrata però pressoché esclusivamente sul troncone maggiore che uscì dalla scissione, il PSI, prestando ben poca attenzione alle vicende della compagine scissionista, il Partito Socialista dei Lavoratori Italiani, ed ai gruppi che con esso interagirono nel periodo successivo al 1947. Su di essi è invece fiorita una letteratura piuttosto vasta e variegata dal taglio prevalentemente apologetico3 e, in misura minore, antologico4. La cosa non stupisce: la sconfitta storica dei socialisti democratici (non ci soffermiamo qui sulle ragioni della scelta di tale definizione, che emergeranno nel corso dell’analisi) di fronte a PCI e PSI e la loro scarsa rilevanza nella storia politica di tutto il primo cinquantennio repubblicano – oltre ad una sorta di damnatio memoriae di cui sono stati vittime in larghe aree dell’opinione pubblica di sinistra – trovano una perfetta rispondenza nell’indifferenza della storiografia. Non è quindi un caso che il rinnovato interesse di quest’ultima per il tema abbia coinciso, oltre che con il libro di Sabbatucci, con il crollo della cosiddetta “Prima Repubblica” e dei partiti che l’avevano egemonizzata, crollo che da un lato ha portato a interrogarsi sulle origini del sistema5, con le forse inevitabili polemiche attorno ai suoi fondatori e i vari casi di uso pubblico della storia, dall’altro ha creato una cesura netta, “allontanando” bruscamente tutta la seconda metà del Novecento dalla contemporaneità e mettendo implicitamente in discussione alcuni luoghi comuni sul recente passato – fra i quali, appunto, l’immagine dei socialisti democratici come non–oggetto storiografico.

  • 6 Mi riferisco ai due studi di P. Caridi, La scissione di Palazzo Barberini, Edizioni Scientifiche I (...)
  • 7 Le prime opere biografiche dedicate a esponenti del socialismo democratico sono quelle di F. Forna (...)
  • 8 A partire dalla fine degli anni Ottanta e soprattutto dal decennio successivo, si è assistito ad u (...)
  • 9 Già negli anni Novanta, tuttavia, alcune ricerche avevano affrontato uno dei passaggi più delicati (...)
  • 10 Cfr. G. Gabrielli, Gli amici americani. I socialisti italiani dalla guerra fredda alle amministrat (...)

3Nel riscoprire questi ultimi, l’attenzione degli storici si è rivolta in principio in due direzioni: da un lato, verso la ricostruzione e l’interpretazione delle vicende della scissione del 1947, di cui si è confermata l’importanza6; dall’altro, verso le biografie dei protagonisti7, nel contesto di una generale crescente attenzione scientifica per questo genere storiografico8. In un periodo successivo, dopo il tornante del millennio9, l’attenzione degli studiosi si è infine rivolta alle vicende complessive del socialismo democratico dopo Palazzo Barberini, prestando particolare attenzione dal punto di vista cronologico al periodo della prima legislatura repubblicana e dal punto di vista tematico alla dimensione internazionale10.

  • 11 Per una simile interpretazione, cfr. soprattutto R. Faenza, M. Fini, Gli americani in Italia, Felt (...)
  • 12 Per l’allargamento della categoria di dopoguerra in Europa a tutto il periodo compreso fra il 1945 (...)
  • 13 Per una sintesi dei risultati delle ricerche sui finanziamenti sovietici al PCI e, fino agli anni (...)
  • 14 A tale rischio, va detto, sfuggono le due opere di Caridi e Gabrielli, nelle quali ad un sapiente (...)

4La disponibilità di un’ampia gamma di fonti archivistiche statunitensi relative alla politica interna italiana (dalla corrispondenza del personale diplomatico ai rapporti del Dipartimento di Stato, dalle analisi dell’intelligence fino alle carte private delle numerose figure che in quegli anni fecero da tramite fra le due sponde dell’Atlantico) ha in effetti costituito una potente spinta iniziale per le ricerche sul socialismo democratico del secondo dopoguerra. Ha anche comportato però il rischio di un eccessivo schiacciamento delle vicende italiane sul contesto complessivo della guerra fredda, e ciò da un duplice punto di vista. Innanzitutto, la disponibilità precoce, fin dagli anni Settanta, di materiali che attestavano i collegamenti e le relazioni economiche – ovvero i finanziamenti – fra i socialisti democratici e organismi pubblici e privati statunitensi (in particolare, le organizzazioni sindacali italo–americani) è stata interpretata come una conferma di una delle accuse ricorrenti rivolte al PSLI–PSDI dai suoi avversari a sinistra, quella di essere asservito agli interessi della superpotenza11. Questo, naturalmente, prima che l’apertura degli archivi sovietici mostrasse come nel lungo dopoguerra finito nel 198912 il sistema politico italiano nel suo complesso avesse sperimentato notevoli ingerenze da parte di entrambi i blocchi contrapposti13, e ponesse quindi – o quanto meno invitasse a porre – la questione in termini più articolati delle reciproche accuse di tradimento14. In secondo luogo, la presenza di un ricco e organico corpus documentario di produzione americana conduce al rischio, soprattutto a fronte dell’estrema frammentarietà della documentazione italiana disponibile, di guardare alle vicende italiane con la lente degli osservatori d’oltreoceano. Questi erano il più delle volte tutt’altro che ingenui o incapaci di comprendere la realtà locale, ma comunque attenti soprattutto agli interessi della propria politica estera, concentrati su alcuni aspetti piuttosto che su altri e, più in generale, inevitabilmente portatori di categorie concettuali peculiari, non sempre in tutto aderenti alla realtà osservata. Inoltre, le loro stesse fonti di informazioni erano i protagonisti (o i comprimari) delle vicende italiane, che ovviamente tendevano a fornire una propria, interessata, descrizione della realtà.

  • 15 Il fondo PSDI, conservato presso la Fondazione di Studi Storici Filippo Turati, contiene solo mate (...)

5Il rischio della deformazione prospettica non è però presente solo nell’utilizzo delle fonti statunitensi. La stessa documentazione italiana presenta sotto questo aspetto notevoli problemi, probabilmente più che per altri soggetti politici. Alla mancanza di un archivio di partito15 ed all’inevitabile frammentarietà degli archivi privati che costituiscono buona parte della documentazione disponibile vanno infatti aggiunti la notevole eterogeneità delle componenti e l’elevato livello di scontro interno che caratterizzarono l’area socialista democratica fino al 1953, cose che rendono molte fonti – in particolare quelle prodotte da singoli attori ma anche, in certi casi, quelle di partito – inevitabilmente “di parte” e tendenti a dare un’immagine distorta delle vicende di cui si tratta. Tuttavia, proprio la compresenza di soggetti dalle origini politiche, ideologiche e culturali profondamente differenti e la dialettica, sovente conflittuale, che si instaurò fra essi costituiscono una delle ragioni che rendono lo studio del primo periodo di vita dell’area socialista democratica particolarmente interessante.

6Un altro motivo che ha portato la storiografia citata – e questo stesso libro – a concentrare lo sguardo sugli anni del centrismo è legato ai caratteri della situazione politica dell’epoca: questa è caratterizzata da un radicale mutamento del contesto interno ed internazionale e, di conseguenza, dalla necessità di un riassetto complessivo del sistema, necessità che pone gli attori in gioco di fronte a scelte che hanno carattere dirimente e fondante, ovvero che sono destinate a segnare a lungo la propria collocazione nel panorama politico nazionale. I due elementi – cambiamento del contesto e scelte degli attori – non sono in realtà separabili: è il radicale mutamento del contesto d’azione che spinge i soggetti – dirigenti, base, elettori – a scelte strategiche inedite e che, in questo modo, crea la stessa area socialista democratica. Questa infatti, se pure ha grandi legami con la tradizione riformista prefascista, non può essere considerata come una semplice prosecuzione di essa, se non altro perché la questione comunista non assunse mai per Turati e i suoi la dimensione dirompente che ebbe nel secondo dopoguerra.

7Il presente studio vuole quindi cogliere l’area socialista democratica in un momento particolarmente significativo della sua storia, quello della fondazione e della definizione dei suoi caratteri distintivi, e questo per diversi ordini di ragioni.

  • 16 Anche in questo caso, l’idea che in Italia (e in Francia) il partito comunista abbia ricoperto fun (...)

8In primo luogo, è in questo periodo che affondano le radici la storia successiva del socialismo democratico (o, come dal 1952 si può chiamare, della socialdemocrazia) e i peculiari caratteri politici, ideologici e culturali che esso assunse nel contesto italiano. Allo stesso tempo, è nelle vicende e nei dibattiti di questi anni che va collocata la definizione (o ridefinizione) del concetto stesso di socialdemocrazia nel nostro paese, una definizione per molti versi profondamente diversa da quella che nello stesso periodo si è affermata nella gran parte dell’Europa occidentale. Naturalmente, non si fa in questo caso riferimento alla socialdemocrazia come modello politologico o categoria storiografica, bensì all’accezione del termine che è invalsa nell’immaginario collettivo e nel discorso pubblico nazionale. In altri termini, non si sta parlando della cosa – la socialdemocrazia come modello di partito di massa, che tra l’altro alcuni hanno rilevato essersi incarnata in Italia, in modo solo apparentemente paradossale, nel partito comunista16 – bensì del nome, ovvero di ciò che si è prevalentemente inteso con “socialdemocrazia” e “socialdemocratico” nel lungo dopoguerra. Infine, analizzando il periodo di formazione del socialismo democratico italiano si può tentare di rispondere, almeno in parte, agli interrogativi posti da Sabbatucci; da questo punto di vista, si tratta di dare un contributo alla più generale storia del socialismo italiano.

9Un altro insieme di motivi che conferiscono all’oggetto qui studiato una certa significatività storiografica può essere riassunto nell’affermazione che le vicende del socialismo democratico italiano del secondo dopoguerra si presentano come un interessante case study relativamente ad almeno due ambiti di ricerca. In primo luogo, esso consente di soffermarsi sull’impatto che la guerra fredda ebbe sulla vita politica italiana. L’area socialista democratica era infatti situata quasi perfettamente a cavallo della linea di fronte del conflitto interno, cosa che la rende un osservatorio privilegiato per la descrizione e l’analisi di come le nuove determinanti internazionali vennero recepite e interpretate dai diversi attori ai diversi livelli di partecipazione politica (dirigenti, base, elettorato); di come gli attori stessi costruirono e modificarono le proprie strategie in risposta all’affermarsi del nuovo e cogente contesto politico complessivo; di come, infine, si modificarono in risposta allo stimolo esterno del confronto bipolare globale le categorie interpretative attraverso le quali i soggetti in campo leggevano il contesto in cui si muovevano ed il loro stesso agire.

  • 17 Uno dei primi esempi di questo rinnovato – e rinnovatore – interesse per la storia politica in Fra (...)
  • 18 Sul quale cfr. gli atti dei due colloqui internazionali AA. VV., Les familles politiques en Europe (...)
  • 19 S. BERSTEIN, Introduction–Nature et function des cultures politiques, in ID. (sous la direction de (...)

10Connessa a quest’ultimo aspetto è la seconda ragione di interesse presente in un’analisi del socialismo democratico come case study: lo studio di una cultura politica nel suo evolversi e nel suo confrontarsi con i cambiamenti globali della società in cui è inserita. Quello di cultura politica è un concetto storiografico ormai consolidato, elaborato nelle sue forme attuali dalla storiografia francese nella prima metà degli anni Novanta nell’ambito di un più ampio movimento di riscoperta della storia politica dopo la svalutazione di cui essa era stata oggetto da parte della dominante storia sociale; una riscoperta che, lungi dall’essere una mera riproposizione, si caratterizzò per la volontà di porre il problema del politico all’interno delle più durature acquisizioni della storiografia precedente, ovvero di trattarlo come fatto sociale complesso e articolato, costituito da molteplici stratificazioni assolutamente non riducibili alla storia diplomatica o evenemenziale17. E’all’interno di un simile programma che il concetto di cultura politica trova la sua collocazione, in stretta connessione con un altro concetto, più antico e proveniente dalla politologia ma anch’esso utilizzato nella “riscoperta” di cui sopra, quello di famiglia politica18. Nelle parole di uno dei più autorevoli propugnatori di entrambe le definizioni, Serge Berstein, la cultura politica sarebbe da intendersi come «l’ensemble des représentations, porteuses des normes et de valeurs, qui constituent l’identité des grande familles politiques» e che formano in un dato momento storico «un ensemble homogène dont les composantes sont étroitement solidaires entre elles et doivent être considérées comme un tout cohérent»19. Come si vede, si tratta di un concetto estremamente ampio, che chiama in causa molteplici categorie storiografiche e delle scienze sociali. Senza voler tentare un saggio di storia della storiografia, si possono mettere in luce alcuni elementi centrali particolarmente significativi per l’argomento di questo libro.

  • 20 Significativo è che Berstein nel saggio citato dichiari che, se molte culture politiche sono nate (...)

11Innanzitutto, la cultura politica è composta da diversi elementi (referenti sociali, patrimonio ideale, simbologie, feste e tradizioni celebrative, storia, linguaggio condiviso, vere e proprie categorie con cui si interpreta il mondo) che concorrono a costituire una realtà che, pur variando ed evolvendosi (o involvendosi) perdura nel tempo20. In secondo luogo, la cultura politica non è un programma politico, se pure ne veicola necessariamente uno, bensì qualcosa di più ampio, che attiene alla sfera delle identità individuali e collettive, della “mentalità” e della “lunga durata” e, in tal senso, dotata di notevole solidità e permanenza. In terzo luogo, essa non è un modello astratto, un paradigma interpretativo finalizzato ad analizzare l’inserimento di singoli o gruppi nella sfera politica; è un termine che identifica delle realtà precise esistenti, ovvero delle culture politiche (al plurale) storicamente definite. In ultimo, infine, a livello individuale la cultura politica viene fatta propria dal singolo attraverso un lungo e laborioso processo di “apprendimento” e, proprio per questo, tendenzialmente non viene più messa in discussione.

12Le potenzialità euristiche di un simile approccio sono molte ed evidenti: dal superamento della storia politica come storia evenemenziale al nuovo rapporto che si postula fra la dimensione politica e gli altri ambiti della vita associata; dall’assunzione di molti insegnamenti provenienti dalla storia sociale (l’attenzione alle mentalità, ai movimenti profondi, alle identità collettive) all’implicito rifiuto della rappresentazione idealistica della sfera del politico come luogo della razionalità e del confronto di interessi integralmente esplicitati. Inevitabilmente, esso presenta però anche alcuni pericoli, due dei quali vanno qui richiamati perché direttamente connessi all’argomento del presente studio. In primo luogo si corre il rischio, adottando rigidamente il modello delle culture politiche, di uno sbilanciamento in senso tassonomico, ovvero di un’eccessiva concentrazione su ciò che differenzia e separa ciascuna cultura politica da ciò che avvicina e, soprattutto, mette in comunicazione. In altri termini, si rischia di irrigidire la ricerca nel tentativo di individuare le diverse culture politiche presenti in un dato tempo e in un dato luogo e nella presentazione di ognuna di esse come un universo tendenzialmente chiuso e non comunicante – e quindi inevitabilmente statico – laddove uno degli elementi a mio parere più interessanti risiede proprio nella ricerca delle reciproche influenze e delle modalità del mutamento. Per quanto riguarda il socialismo democratico nel secondo dopoguerra in particolare, la dimensione del cambiamento e dell’adattamento ad un contesto radicalmente mutato costituiscono degli elementi imprescindibili – o addirittura il nucleo più profondo – dell’analisi.

13In secondo luogo, il ricorso massiccio a concetti derivati dalle scienze sociali quali la mentalità, le identità di gruppo, le rappresentazioni collettive – ai quali per altro è dovuta gran parte dell’innovazione conosciuta dalla storia politica – può comportare il relegamento sullo sfondo di quell’ambito che maggiormente appare refrattario all’applicazione di tali categorie, ovvero la storia delle idee politiche. Di queste ultime si rischia di accreditare una concezione tradizionale, ma invertendone il segno di valore da positivo a negativo, che la identifica con i programmi dei partiti, le filosofie di riferimento, le scale di valori esplicitamente dichiarate. In tal modo, mentre si studiano approfonditamente le immagini, i simboli, le celebrazioni come nuclei di significati complessi, in grado di essere attivati a fini diversi a seconda delle circostanze, tale operazione non viene sostanzialmente compiuta per quello che riguarda le “idee”, che vengono tendenzialmente assunte in senso letterale, ovvero prese tali e quali gli attori le esprimono – e diventano così, nell’ottica dello studio di una cultura politica, una sorta di carattere minore, quando non un vero e proprio non – oggetto storiografico. In qualche modo, insomma, si rischia di ricadere in una concezione delle “idee”, al livello più elevato, come elementi di razionalità pura, che certo possono essere utilizzati e strumentalizzati a fini diversi, ma sono sostanzialmente privi di nuclei di complessità, ovvero di ambiguità semantiche, logiche o cognitive. Uno dei caratteri più fecondi del concetto di cultura politica risiede invece nell’aprire la strada ad una analisi delle idee politiche come grumi di significati plurimi, composti da diverse stratificazioni di senso in grado di modificarsi nel tempo, di adattarsi ai cambiamenti e di essere diversamente utilizzati a seconda della circostanze; significati che possono essere colti da un’analisi che non sia solo filologica o storico – critica, ma guardi al contesto sociale, culturale, mentale in cui tali idee sono inserite.

  • 21 Per fare un esempio particolarmente celebre, cfr. il libro di T. Judt Past Imperfect. French Intel (...)

14Bisogna, insomma, evitare una distinzione troppo netta fra rappresentazioni, miti, tradizioni da un lato e idee (ideologie? filosofie?) dall’altro, nella quale i primi vengano analizzati nella complessità della loro funzione sociale e culturale e nella molteplicità dei significati che veicolano, mentre le seconde appaiano ancora dotate di una carica di razionalità – o, il che è lo stesso, di una dimensione di univocità semantica e di chiarezza concettuale – che le renderebbero un non–oggetto per lo storico che non voglia fare una storia della filosofia o una storia delle idee nel senso tradizionale del termine. Tale dicotomia a mio parere non avrebbe senso. Certo, esistono differenze fra diversi livelli di astrazione, di complessità e di chiarezza concettuale, ma si tratta per lo più di differenze quantitative e non qualitative. In particolare nel dibattito pubblico – politico, ma non solo – tali differenze però sono molto più sfumate che nei discorsi specialistici di filosofi, studiosi, “savants”. Più che un modello dicotomico, che implicitamente, a mio parere, rischia di attribuire alle élites una razionalità che quasi mai hanno avuto nei fatti, andrebbe quindi proposto – ed il concetto di cultura politica lo consente – un modello che utilizzi gli stessi strumenti di analisi “culturali” per ogni forma di concrezione concettuale collettiva, adattandoli ai diversi livelli del dibattito pubblico e alle diverse formazioni culturali degli attori. E si scoprirebbe, tra l’altro, che sovente non sono le élites – politiche e intellettuali – ad essere più lucide e “razionali”21.

15Da quanto si è detto apparirà chiaro che non si vuole sostenere che l’utilizzo del paradigma della cultura politica conduca inevitabilmente a incorrere nei pericoli ora individuati. Piuttosto, si vuole sottolineare che in storiografia e nelle scienze sociali un’applicazione meccanica del modello (di ogni modello, e quindi anche di quello in questione) tende sempre a sfociare in irrigidimenti eccessivi e per ciò stesso limitanti. Una simile applicazione non sarà quindi tentata per la storia del socialismo democratico. Piuttosto, ci si ispirerà alla categoria di cultura politica per la relazione di interdipendenza che essa postula fra i diversi livelli dell’agire collettivo, relazione a mio parere indispensabile per una comprensione profonda del fenomeno politico; e per le notevoli potenzialità euristiche che essa offre in rapporto alla storia delle idee, degli orizzonti concettuali, delle rappresentazioni collettive.

16Alla luce di queste considerazioni circa le culture politiche, è dunque possibile riformulare le domande poste da Sabbatucci in termini parzialmente differenti: è esistita una cultura politica socialista democratica nell’Italia del dopoguerra? E’possibile trattare di essa come di un complesso coerente, o è meglio invece parlare dell’incontro di diverse culture politiche? In entrambi i casi, chi furono i suoi rappresentanti e quali i suoi caratteri distintivi? Come si collocò nel contesto complessivo dell’epoca, e come mutò in relazione ad esso? E perché, infine, essa (o esse) non riuscì (o riuscirono) a affermare la propria egemonia nell’ambito della sinistra italiana, come accadde in tempi e modi diversi nel resto d’Europa? Sono queste le domande che, a mio parere, andrebbero poste nell’affrontare lo studio dell’area che, nel primo periodo repubblicano, si collocò alla destra del PSI; un’area che sembra appropriato chiamare socialista democratica, in quanto le sue coordinate fondamentali, come si vedrà, sono costituite dalla volontà di immettersi o di rimanere nell’alveo del socialismo e della rivendicazione della democrazia politica come valore irrinunciabile. La risposta alle suddette domande è l’argomento di questo libro.

17Questo presenta una struttura ad andamento alternato. Dei sette capitoli in cui è suddiviso, tre (il primo, il secondo ed il sesto) sono dedicati alla ricostruzione delle vicende politiche dell’area ed all’individuazione dei caratteri distintivi di essa dal punto di vista dell’organizzazione e delle strutture di partito, della definizione di un’identità collettiva (e degli scontri attorno ad essa), della collocazione nel sistema politico italiano. L’attenzione che si dedica alle vicende politiche dell’area è dovuta da un lato alla mancanza di interpretazioni storiografiche consolidate di esse ed alla conseguente presenza di elementi che, a mio parere, meritano maggiore o diversa considerazione; dall’altro, all’importanza che tali vicende rivestono nel processo di definizione della cultura politica dell’area, sia a livello di base sia a livello di gruppi dirigenti. Gli altri quattro capitoli sono dedicati all’elaborazione programmatica, ideologica e dottrinaria che si sviluppò in parallelo, ed in connessione a volte più stretta a volte meno, con le vicende politiche. Va da sé che la maniera in cui è fatta questa “storia delle idee” è in linea con quanto affermato in precedenza circa la natura ed il ruolo di esse. Così come va da sé che la distinzione ha carattere prevalentemente funzionale e non vuole in alcun modo sottintendere una separazione netta fra i due aspetti. Ma su questo si tornerà nel corso della trattazione.

18E’invece il caso di fornire alcune precisazioni circa i limiti cronologici della ricerca e le fonti utilizzate. Per quanto riguarda i primi, il termine ad quem è stato individuato nelle elezioni politiche del secondo parlamento repubblicano, svoltesi il 7 giugno 1953: in seguito allo scontro sulla “legge truffa” che caratterizzò i mesi precedenti tali elezioni, infatti, i contrasti strategici che caratterizzavano l’area socialista democratica pervennero ad una definitiva risoluzione e questo segnò anche un assestamento dei caratteri della cultura politica dell’area. Il termino a quo è invece più vago e cambia a seconda che si considerino le vicende delle diverse formazioni che compongono l’area o l’emergere di alcuni caratteri tipici della cultura politica socialista democratica: nel primo caso, esso va individuato nella scissione di Palazzo Barberini, pur con le necessarie premesse atte a spiegare le ragioni di questa; dal punto di vista delle culture politiche, invece, esso si può retrodatare fino all’immediato dopoguerra, in quanto le correnti dottrinarie e che andarono a costituire l’area socialista democratica (o almeno alcune di esse) cominciarono una autonoma e distinta elaborazione dottrinaria e programmatica fin da quando era ancora in vita il PSIUP.

  • 22 Altri fondi consultati sono stati il fondo Ugo Guido Mondolfo, conservato presso la Società Umanit (...)

19Per quanto riguarda la tipologia di fonti, esse sono sostanzialmente di due generi. Da un lato, vi sono le fonti archivistiche, utilizzate principalmente nei capitoli I, II e VI. Come già si è detto, non esiste un archivio dei partiti socialisti democratici (PSLI, PSU, PSDI) relativo al periodo considerato, eccezion fatta per il fondo PSU conservato presso l’Istituto per la storia della Resistenza in Toscana. Per questa ragione è stato necessario rivolgersi da un lato alle fonti di polizia conservate nell’archivio centrale dello Stato, dall’altro agli archivi privati dei protagonisti dell’area. Fra questi, di particolare utilità si sono rivelati il fondo Garosci, depositato presso l’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea, il fondo Rollier, conservato presso l’Istituto nazionale per la storia del movimento di Liberazione in Italia di Milano, l’archivio Roberto Tremelloni, consultabile presso il CIRIEC di Sesto San Giovanni, il fondo Romita depositato presso l’Istituto di studi storici Gaetano Salvemini di Torino22; ad altri fondi, quali quelli di Giuseppe Saragat e di Giuseppe Faravelli, non è stato possibile accedere. Data la natura frammentaria, per quanto in certi casi molto ricca, della documentazione presente in tali fondi, è stato necessario un continuo lavoro di confronto e di integrazione fra essi, lavoro i cui risultati nel complesso, se pure inevitabilmente lacunosi, sono stati sufficienti ad una ricostruzione dettagliata delle vicende delle diverse formazioni politiche del socialismo democratico nel periodo 1947–1953. Inoltre, nell’elaborare tale ricostruzione si è fatto riferimento anche ad alcuni dei principali quotidiani dell’area: “L’Umanità”, “L’Italia Socialista”, “La Lotta Socialista”; oltre a tali quotidiani, si è consultata anche “La Stampa” di Torino, fra le testate indipendenti quella che era più vicina alle posizioni del socialismo democratico (e di Saragat in particolare) e che di conseguenza seguì con più attenzione le vicende interne di questo.

20L’utilizzo di testate giornalistiche è massiccio nei capitoli III, IV, V e VII: periodici quali «Critica Sociale», «Europa Socialista», «Iniziativa Socialista», «Il Ponte» sono stati infatti fondamentali nella ricostruzione degli orizzonti ideologici e culturali del socialismo democratico, trattandosi delle fonti più ricche e più organiche disponibili per tale scopo; ad esse si sono affiancati i documenti d’archivio, dalle lettere alle minute di discorsi ai verbali dei congressi di partito, nonché gli atti editi dei congressi del PSLI–PSDI. Infine, per il periodo della Costituente si è fatto sovente ricorso agli atti del dibattito in seduta plenaria.

21Naturalmente, il presente lavoro non esaurisce la storia politica e culturale dell’area socialista democratica, nemmeno all’interno dei limiti cronologici individuati. Alcuni aspetti sono stati lasciati sullo sfondo e potrebbero essere oggetto di una più dettagliata trattazione. Fra questi, vi sono sia il ruolo ricoperto dal PSLI–PSDI nei governi centristi, sia le vicende sindacali della fine degli anni Quaranta che posero fine all’e-sperienza della CGIL unitaria, fattori che indubbiamente potrebbero apportare nuovi elementi per arricchire l’analisi qui condotta. Tuttavia, essi appaiono in realtà abbastanza eccentrici rispetto all’argomento di questo studio. Da un lato, va considerato che la partecipazione ai ministeri De Gasperi fu saltuaria e motivata spesso da questioni interne di partito più che dall’adesione alla linea di tali governi, senza contare che il socialismo democratico si trovò all’opposizione – sempre per ragioni attinenti ai propri scontri interni – proprio nella fase finale della legislatura, quel “terzo tempo” in cui vennero elaborate o attuate le più importanti riforme che caratterizzarono quella fase. Dall’altro lato, le storie dei partiti del socialismo democratico e delle formazioni sindacali che ad esso facevano riferimento (ma mai in modo esclusivo, ché sia nella FIL sia nella UIL si trovarono anche i repubblicani) ebbero tempistiche differenti e sfasate, e nel complesso le vicende sindacali ebbero in realtà un’influenza limitata sull’evoluzione interna del socialismo democratico; esse ne furono piuttosto influenzate, ma un’analisi di tale influenza aprirebbe campi di ricerca troppo ampi e articolati e finirebbe per allontanare il discorso dal suo centro. Su entrambi gli aspetti si ritornerà comunque nel corso della trattazione.

Notes

1 G. SABBATUCCI, Il riformismo impossibile. Storie del socialismo italiano, Laterza, Roma–Bari 1991, p. VII.

2 Tale storiografia è molto ampia e presenta contributi di grande rilievo, oltre che spunti innovativi di grande interesse emersi di recente (penso ad esempio al bel libro di P. Mattera, Il Partito inquieto. Organizzazione, passioni e politica dei socialisti italiani dalla Resistenza al miracolo economico, Carocci, Roma 2004). Una rassegna esaustiva sarebbe impossibile, oltre che ridondante, per cui ci si limita a segnalare alcune fra le più significative opere di sintesi: AA. VV. Storia del Partito Socialista a cura della Fondazione Brodolini, Marsilio, Venezia, 1981; Storia del socialismo italiano, diretta da Giovanni Sabbatucci, Il Poligono, Roma 1980–1981; Z. Ciuffolotti, M. Degl’innocenti, G. Sabbatucci, Storia del PSI, vol. 3, Laterza, Roma–Bari 1993; G. Galli, Storia del socialismo italiano, Laterza, Roma–Bari 1980.

3 Fra queste, si ricordano P. Emiliani (Valdo Magnani), Dieci anni perduti. Cronache del Partito Socialista Italiano dal 1943 ad oggi, Nistri–Lischi, Pisa 1958; L. Faenza, La crisi del socialismo in Italia (1946–1966), ALFA, Bologna 1967; P. Moretti, I due socialismi. La scissione di Palazzo Barberini e la nascita della socialdemocrazia, Mursia, Milano 1975; M. Punzo, Dalla liberazione a Palazzo Barberini. Storia del partito socialista italiano dalla ricostruzione alla scissione del 1947, CELUC, Milano 1973; A. Roveri, Il socialismo tradito. La sinistra italiana negli anni della guerra fredda, La Nuova Italia, Firenze 1995; A. Tempestini, Il terzaforzista recidivo. Le linee e i risultati elettorali dei socialdemocratici e dei socialisti, da Palazzo Barberini alle elezioni del 1968, Stampatori, Torino 1975; L. Valiani, La sinistra democratica in Italia, Roma, Edizioni della Voce 1976.

4 Fra questi, ricordiamo la raccolta di scritti e discorsi di G. Saragat, Quarant’anni di lotte per la democrazia, Mursia, Milano 1966 e gli atti dei congressi socialdemocratici editi in G. Averardi, I socialisti democratici. Da Palazzo Barberini alla scissione del 4 luglio 1969, Corrispondenza Socialista, Milano 1977.

5 Si pensi all’ormai classico libro di P Scoppola, La repubblica dei partiti. Profilo storico della democrazia in Italia, Il Mulino, Bologna 1991.

6 Mi riferisco ai due studi di P. Caridi, La scissione di Palazzo Barberini, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 1990 e F. Taddei, Il socialismo italiano del dopoguerra: correnti ideologiche e scelte politiche (1943–1947), Franco Angeli, Milano 1984. Quest’ultimo è il solo caso di ricerca scientifica sui socialisti democratici precedente alla crisi della repubblica dei partiti. Essa va probabilmente inserita nel contesto della ricerca da parte del PSI di Craxi di radici alternative al marxismo–leninismo e, soprattutto, antagoniste rispetto al PCI.

7 Le prime opere biografiche dedicate a esponenti del socialismo democratico sono quelle di F. Fornaro, Giuseppe Romita, L’autonomia socialista e la battaglia per la Repubblica, Franco Angeli, Milano 1996; Id., Giuseppe Saragat, Marsilio, Venezia 2003.

8 A partire dalla fine degli anni Ottanta e soprattutto dal decennio successivo, si è assistito ad una sempre più massiccia produzione biografica sui protagonisti della storia politica e culturale del Novecento, produzione che, a differenza di numerosi esempi precedenti, si è caratterizzata per il notevole livello scientifico. Ricordiamo, ad esempio, G. Tamburrano, Pietro Nenni, Laterza, Roma 1986; A. Agosti, Palmiro Togliatti, UTET, Torino 1996; P. Craveri, Alcide De Gasperi, Il Mulino, Bologna 2006. Storia a sé fa, ovviamente, la monumentale opera defeliciana.

9 Già negli anni Novanta, tuttavia, alcune ricerche avevano affrontato uno dei passaggi più delicati della storia dell’area socialista democratica, l’adesione dell’Italia al Patto Atlantico. Mi riferisco soprattutto ai tre articoli di A. De Felice, La socialdemocrazia e la scelta occidentale dell’Italia (1946–1947), in «Storia contemporanea», a. XXVI, no 1, febbraio 1995, Il PSLI e la scelta occidentale (1948–1949), in «Storia Contemporanea», a. XXVII, no 1, febbraio 1996 e Il PSLI e l’adesione al Patto atlantico (1949), in «Storia Contemporanea», a. XXVII, no 2, aprile 1996, ora riuniti in Id., La socialdemocrazia e la scelta occidentale dell’Italia, 1947–1949: Saragat, il PSLI e la politica internazionale da Palazzo Barberini al Patto atlantico, Boemi, Catania 1998.

10 Cfr. G. Gabrielli, Gli amici americani. I socialisti italiani dalla guerra fredda alle amministrative del 1952, Lacaita, Manduria–Bari–Roma 2004; M. Donno, Socialisti democratici. Giuseppe Saragat e il PSLI (1945–1952), Rubbettino, Soveria Mannelli 2009.

11 Per una simile interpretazione, cfr. soprattutto R. Faenza, M. Fini, Gli americani in Italia, Feltrinelli, Milano 1976.

12 Per l’allargamento della categoria di dopoguerra in Europa a tutto il periodo compreso fra il 1945 ed il 1989, mi rifaccio naturalmente al grande affresco di T. Judt, Postwar. A History of Europe since 1945, Penguin Press, New York 2005.

13 Per una sintesi dei risultati delle ricerche sui finanziamenti sovietici al PCI e, fino agli anni Cinquanta, anche al PSI, cfr. V. Zaslavsky, Lo stalinismo e la sinistra italiana. Dal mito dell’URSS alla fine del comunismo 1945–1991, Mondadori, Milano 2004.

14 A tale rischio, va detto, sfuggono le due opere di Caridi e Gabrielli, nelle quali ad un sapiente uso delle fonti americane (limitato ad alcuni aspetti in Caridi, preponderante, ma proprio per questo di grande interesse, in Gabrielli) si accompagna la consapevolezza del più ampio contesto della guerra fredda, e anche la constatazione che l’influenza statunitense non spiega se non in piccola parte le vicende del socialismo democratico italiano.

15 Il fondo PSDI, conservato presso la Fondazione di Studi Storici Filippo Turati, contiene solo materiali successivi al 1955. Esso è parzialmente edito in L. Brestolini, D. Rava, L. Rossi (a cura di), La dimensione internazionale del socialismo italiano, Lacaita, Manduria 1995.

16 Anche in questo caso, l’idea che in Italia (e in Francia) il partito comunista abbia ricoperto funzionalmente lo spazio proprio dei partiti socialdemocratici più delle relativamente deboli compagini socialiste si è affermata dopo il crollo dell’URSS, nell’ambito di un complessivo ripensamento del periodo della guerra fredda. Cfr. su questo B. Bongiovanni, La caduta dei comunismi, Garzanti, Milano 1995.

17 Uno dei primi esempi di questo rinnovato – e rinnovatore – interesse per la storia politica in Francia è l’opera collettiva a cura di R. Rémond, Pour une histoire politique, Seuil, Paris 1988. Sulla nascita e gli sviluppi della nuova storia politica fino agli inizi degli anni Novanta, cfr. G. Quagliariello, Il ritorno della storia politica. Note sui recenti sviluppi della ricerca, in Id. (a cura di), Il partito politico nella Belle Epoque. Il dibattito sulla forma–partito in Italia tra ‘800 e ‘900, Giuffrè, Milano 1990 e M. Ridolfi, Storia sociale e “rifondazione” della storia politica, in «Italia contemporanea», no 192, settembre 1993.

18 Sul quale cfr. gli atti dei due colloqui internazionali AA. VV., Les familles politiques en Europe occidentale au XIX siècle, École française de Rome, Roma 1997 e AA. VV., Les familles politiques en Éurope occidentale au XX siècle, École française de Rome, Roma 2000.

19 S. BERSTEIN, Introduction–Nature et function des cultures politiques, in ID. (sous la direction de), Les cultures politiques en France, Seuil, Paris 1999, pp. 9–11, passim. Cfr. anche ID. La culture politique, in J. P. ROUX, J. F. SIRINELLI, Pour une histoire culturelle, Seuil, Paris 1997 e ID. L’historien et la culture politique, in «Vingtième siècle, Revue d’histoire», no 35, luglio–settembre 1992. Curiosamente, lo stesso autore sembra cadere in una sorta di circolarità quando definisce la famiglia politica come «l’ensemble des individus ou des groupes qui partagent une même culture politique» [S. BERSTEIN, Introduction a AA. VV., Les familles politiques en Éurope occidentale au XX siècle, cit. p. 1]. In generale sulle culture politiche, cfr anche J. F. SIRINELLI, Historie des droites en France, Gallimard, Paris 1992 (in particolare l’introduzione al II volume) e S. BERSTEIN, P. MILZA (sous la direction de), Axes et methodes de l’histoire politique, Presses universitaires de France, Paris 1998.

20 Significativo è che Berstein nel saggio citato dichiari che, se molte culture politiche sono nate in Francia dopo il 1789, nessuna si può dire morta.

21 Per fare un esempio particolarmente celebre, cfr. il libro di T. Judt Past Imperfect. French Intellectuals 1944–1956, University of California Press, Berkeley 1992, dove si portano efficacemente alla luce gli schemi concettuali impliciti in cui è intrappolata l’élite culturale francese del secondo dopoguerra.

22 Altri fondi consultati sono stati il fondo Ugo Guido Mondolfo, conservato presso la Società Umanitaria di Milano, il fondo Corrado Bonfantini, il fondo Ludovico D’Aragona, e le carte Ugo Guido Mondolfo inserite nel Fondo Enrico Bassi, tutti alla Fondazione Turati, il fondo Calefficonservato presso l’ISEC di Sesto San Giovanni, il fondo Unità Popolare conservato preso l’ISRT di Firenze, il fondo Giulio Polotti depositato alla fondazione Kuliscioff di Milano.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search