Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La casa per tutti nell'Italia giolittiana

 | 
Maria D'Amuri

Parte II – La municipalizzazione delle case popolari

5. L’esperienza della municipalizzazione delle case popolari

Texte intégral

5.1 La persistenza della crisi delle abitazioni e la riforma legislativa

1Successivamente al 1903, le opportunità offerte dalle disposizioni avallate avevano dunque permesso di concretizzare la municipalizzazione delle case popolari, travalicando i confini delle disquisizioni meramente teoriche in cui si erano arrovellati i protagonisti del dibattito sull’argomento. Al conseguimento di tale esito aveva contribuito l’audacia di diverse amministrazioni civiche, intenzionate a intraprendere l’attività edilizia senza lasciarsi sconfortare dalla pletora di cavilli contemplata dall’impianto legislativo. La rigida impostazione conferita all’applicazione delle procedure introdotte sortiva però l’effetto di procrastinare il soddisfacimento dei programmi promossi, come attesta inequivocabilmente l’articolato svolgimento delle pratiche esaminate nelle pagine precedenti. La priorità di rispondere prontamente a bisogni sociali largamente avvertiti tendeva a stagnare in anse di improduttiva stasi, a cui i comuni tentavano di porre rimedio attraverso il ricorso a percorsi alternativi, se non addirittura espliciti escamotage, cassati in genere dall’amministrazione centrale.

  • 1 MAIC, L’azione del Ministero nell’ultimo triennio. Relazione (luglio 1909), Tip. Civelli, Roma 1909 (...)
  • 2 Docente di statistica, Bachi si occupava della pubblicazione del «Bollettino dell’Ufficio del lavor (...)
  • 3 R. Bachi, Leghe di inquilini, in «Critica Sociale», 1909, p. 326.
  • 4 Ivi, p. 325.
  • 5 Ivi, pp. 327-329.
  • 6 Ivi, p. 326.
  • 7 P. Villari, La questione di Napoli e le case popolari, in «Nuova Antologia», 16 febbraio 1910, p. 5 (...)
  • 8 Cronaca della politica delle abitazioni, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», dicembre 1907, p. (...)
  • 9 Cronaca della politica delle abitazioni. Anno 1913, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», gennai (...)

2Nonostante il complesso di fervori animato dallo sforzo congiunto di enti per le case popolari e comuni, a lato della più esclusiva opera delle cooperative edilizie, il patrimonio realizzato si rivelava ancora insufficiente, come restituirono le ripercussioni scaturite dalle difficoltà economiche del 1907, vera e propria cartina al tornasole delle incongruenze di cui erano intrisi gli sviluppi dell’edilizia popolare italiana. Il frangente sfavorevole innescato dalla crisi industriale provocò infatti un ulteriore aumento delle pigioni, reso insostenibile dal generale carovita che già taglieggiava i bilanci delle famiglie meno abbienti. La perdurante carenza di abitazioni aveva portato alle sue estreme conseguenze una piaga che da tempo affliggeva parecchi contesti, esacerbando inquietudini e tensioni sociali che sfociarono nella nascita di comitati di agitazione e leghe di resistenza fra inquilini. Secondo quanto preconizzato dal partito socialista in chiusura di Ottocento, il diritto alla casa si imponeva quale motivo di rivendicazione, non diversamente dall’accesso ad altri beni che influivano sulla qualità della vita, come rifletteva in maniera sintomatica il fatto che le proteste coniugassero spesso le rimostranze contro l’aumento dei canoni alle richieste per contenere il prezzo del pane. Una vivace polemica investì il territorio nazionale, tanto che l’entità raggiunta dal fenomeno indusse il Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio a inserire nel «Bollettino dell’Ufficio del lavoro» una rubrica dedicata a «una minuta cronaca della politica delle abitazioni»1. Questa preziosa fonte consente di ripercorrere la propagazione di tale movimento, incline a infrangere confini geografici e differenze gerarchiche, coinvolgendo comuni di ogni rilevanza ubicati in aree diverse. Tuttavia, secondo il severo giudizio espresso dall’economista Riccardo Bachi2, le organizzazioni di resistenza, «salvo qualche eccezione, ebbero una breve vita effettiva, determinata da una transitoria azione, senza il carattere di organo duraturo per la permanente difesa della classe organizzata»3. A suo avviso, le rivolte contro l’inasprimento dei canoni risultavano «troppo spesso molto analoghe alle antiche ribellioni pel rincaro del grano e del pane» attaccando «gli ultimi spacciatori del bene rincarato» nella più bieca ignoranza delle molteplici cause all’origine del fenomeno e senza risparmiare tumultuose reazioni vandaliche4. Non di rado, prevalevano infatti gli «assurdi intenti» di imporre il rifiuto collettivo del pagamento degli affitti, incitando a vendicare lo sfratto coatto con danni agli immobili lasciati. Le associazioni avrebbero dovuto invece coordinare stabilmente la tutela legale ed economica degli inquilini rispetto alle autorità e ai padroni di casa5. Al contempo tali organismi si sarebbero dovuti emancipare dalla sfera di influenza delle camere del lavoro, nel cui alveo era avvenuta la genesi delle iniziative germinate sino ad allora6. Pertanto non dovevano sorprendere gli scarsi riscontri ottenuti, a eccezione del caso partenopeo in cui le dimostrazioni degli inquilini avevano rasentato livelli particolarmente preoccupanti. Nelle peculiari condizioni di tale contesto, le difficoltà prodotte dagli aumenti in atto si univano all’acredine fomentata dalle ricadute del piano di sventramento, nel cui ambito il tema della residenza operaia non era stato affrontato secondo le attenzioni promesse7. Nel 1907 la Società del risanamento fu perseguita per via giudiziaria dai suoi affittuari, intenzionati a reclamare una congrua rifusione dei danni a fronte dell’incuria in cui versavano le costruzioni. La chiusura della vertenza, con la riduzione dei canoni, non valse a sciogliere lo stato di agitazione che imperversava in città, tanto da sollecitare l’intervento del sindaco e del prefetto affinché venisse potenziata la dotazione finanziaria dell’Istituto per le case popolari fondato nell’estate dello stesso anno8. Sino alla vigilia della grande guerra continuarono a susseguirsi manifestazioni e comizi, per quanto il municipio avesse pure provveduto a istituire un ufficio delle abitazioni quale punto di raccordo fra la domanda e l’offerta9.

  • 10 Cfr. A. Calò, G. Ernesti, Casa e città nell’Italia giolittiana: questione urbana e case popolari, i (...)
  • 11 Inchiesta sulle abitazioni degli impiegati d’ordine e di servizio addetti alle pubbliche amministra (...)
  • 12 MAIC, Ufficio del lavoro, Inchiesta sulle abitazioni degli impiegati d’ordine e subalterni in Roma (...)
  • 13 Cronaca della politica delle abitazioni, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», maggio 1908, pp. (...)
  • 14 Legge sui provvedimenti per la costruzione di case economiche pei ferrovieri, 14 luglio 1907, n. 55 (...)

3Fra le cause che avevano determinato le problematiche in atto, Bachi non aveva esitato ad annoverare «l’azione diretta municipale e cooperativa-in genere tanto lenta e rumorosa», ma di fatto «minacciosa concorrente per il privato costruttore». Le logiche del pensiero liberista inducevano dunque a confidare ciecamente nel principio del laissez faire, malgrado l’innegabile tendenza delle imprese a rifuggire dall’edificazione per i meno abbienti, optando per affari maggiormente remunerativi. Anche tali riserve concorrevano così all’insufficienza di spazi abitativi, senza arrestare la parabola ascendente da cui erano stati fagocitati i prezzi10. Il nesso intercorrente fra il rincaro degli affitti e la carenza di case popolari si poneva alla radice dell’intera questione, rivelando, accanto alle implicazioni di ordine sanitario denunciate da tempo dalla cultura igienista, i risvolti che intaccavano i meccanismi della rendita fondiaria e del mercato immobiliare. L’aumento indiscriminato delle pigioni aveva alterato ovunque l’intero sistema dei canoni, con ripercussioni nefaste anche a scapito degli strati inferiori del lavoro impiegatizio e di gruppi consistenti delle categorie borghesi. L’ampia risonanza ottenuta dal movimento di protesta si doveva infatti alla capacità della vertenza di aggregare non solo frange di estrazione operaia, dato che, sull’onda del malcontento provocato dal carovita, il problema delle abitazioni iniziava a stemperare la connotazione proletaria denunciata sino a quel momento, insidiando pericolosamente altre categorie. Un livello assai preoccupante era rasentato a Roma, dove la concentrazione degli apparati amministrativi e burocratici del regno aveva tramutato la residenza degli impiegati in una componente preponderante della riflessione sulle dinamiche abitative. La questione delle case per gli impiegati si riconnetteva strettamente a quella delle case operaie, non più unicamente nella convergenza operata dal concetto di popolo introdotto da Luzzatti. Nella primavera 1907, alla luce dello stato di agitazione provocato dall’inasprimento del carovita, le abitazioni del ceto impiegatizio furono oggetto di un’apposita inchiesta, con particolare riferimento proprio alla situazione della capitale11. L’indagine documentò la diffusione di un certo addensamento che, seppur non ancora grave come per altri gruppi sociali, risultava comunque piuttosto notevole, registrando altresì un rapporto di proporzionalità inversa fra l’importo delle pigioni e l’entità dello stipendio12. Fedele all’infaticabile solerzia con cui era solito patrocinare innumerevoli iniziative per la causa dell’abitazione, già in concomitanza con lo svolgimento dell’inchiesta, Luzzatti non solo coordinò la fondazione a Roma di un Istituto per le case degli impiegati13, ma rese possibile in meno di un mese e mezzo l’approvazione del disegno di legge per le case dei ferrovieri, promosso dalla Camera su indicazione del ministro dei Lavori pubblici Emanuele Gianturco14.

  • 15 APC, Atti stampati, Sessione 1904-1909, doc. 846, Modificazioni alla legge 31 maggio 1903, n. 254, (...)
  • 16 Ivi, doc. 846-A.
  • 17 Ivi, tornate del 2 e 3 luglio 1907.
  • 18 APC, Atti stampati, Sessione 1904-1909, doc. 860, Disegno di legge che modifica la legge sulle case (...)
  • 19 Ivi, tornata del 21 dicembre 1907.
  • 20 Ivi, Atti stampati, Sessione 1904-1909, doc. 860-A, Relazione della Commissione; APS, Atti stampati (...)

4Nel medesimo giorno in cui avvenne la ratifica di tali provvedimenti entrarono in vigore alcune modificazioni alla legge sulle case popolari, favorite dallo stesso Luzzatti, conscio degli ostacoli in cui si imbatteva l’edilizia popolare italiana. Le forze impegnate in tali esperienze invocavano da tempo un’opportuna revisione dei postulati legislativi, ponendo l’accento sull’organizzazione delle risorse finanziarie, al di là delle disquisizioni metodologiche che avevano accompagnato il dibattito agli albori del secolo. Se da una parte le istituzioni deputate alla costruzione di case popolari erano riuscite a raggiungere i capitali che giacevano nei «serbatoi del risparmio nazionale», dall’altra ciò era avvenuto in adempimento ai vincoli e alle ristrettezze imposti dal sistema creditizio. Così, nella tornata parlamentare del 28 giugno 1907, Francesco Cocco-Ortu, ministro di Agricoltura, Industria e Commercio, aveva presentato un progetto per introdurre alcune modifiche alla legge sulle case popolari15. A riferire intorno alla proposta era stata una commissione parlamentare presieduta da Luzzatti, ormai vaticinatore indiscusso della legislazione in materia, il quale aveva allegato alla relazione una ricca disamina sugli ordinamenti giuridici vigenti all’estero. Oltre agli esempi ormai classici definiti da Gran Bretagna, Belgio, Francia, Germania e Austria, erano state incluse informazioni anche su Danimarca, Norvegia, Svezia, Paesi Bassi, Lussemburgo, Svizzera e persino un sguardo oltreoceano agli Stati Uniti16. In quell’occasione non solo su indicazione di Paolo Carcano, ministro del Tesoro, era stato aggiunto un articolo per dilatare l’esenzione dall’imposta sui fabbricati da cinque a dieci anni, ma per iniziativa di Luzzatti era stato accolto un ordine del giorno con cui la Camera si impegnava a preparare una più ampia revisione della legge17. Il successivo 28 novembre fu pertanto rassegnato all’attenzione dei deputati un organico disegno di modifiche18. Quest’ultimo fu votato in data 21 dicembre, al termine di una discussione piuttosto breve, dato che molti aderirono all’esortazione di Cocco-Ortu di «non indugiare l’approvazione della provvida riforma, sacrificando all’eloquenza della parola, l’eloquenza dei fatti»19. Accompagnato da una relazione a cura della medesima commissione che aveva seguito le altre modifiche, il disegno di legge fu ratificato dal Senato pochi giorni dopo20. Tali disposizioni furono convalidate in legge 2 gennaio 1908, n. 5, e insieme agli articoli rimasti invariati dal 1903 confluirono nel testo unico sulle case popolari o economiche, 27 febbraio 1908, n. 89.

  • 21 V. Rossetti, Edilizia popolare e cooperazione, in A. Riosa (a cura di), Il socialismo riformista a (...)
  • 22 APC, tornata del 21 dicembre 1907.
  • 23 Art. 1, Legge (testo unico) sulle case popolari o economiche, 27 febbraio 1908, n. 89.
  • 24 APC, Atti stampati, Sessione 1904-1909, doc. 860, cit.
  • 25 Art. 15, Legge (testo unico) sulle case popolari o economiche, 27 febbraio 1908, n. 89; artt. 8, 13 (...)
  • 26 Cfr. APS, Atti stampati, 1 ° Sessione 1904-1909, doc. 740-A, cit.

5Tuttavia, ancora una volta, non prevalse la volontà di creare uno strumento indirizzato ai bisogni delle masse, quanto il disegno politico di conciliare le diverse istanze legate agli interessi dell’industria edilizia21. Sulla falsariga della normativa precedente, il testo unico perpetuava la tradizione delle “agevolezze fiscali”, estendendo l’esenzione dall’imposta di ricchezza mobile all’arco di un ventennio, anziché dieci anni come suggerito inizialmente dal governo22. Inoltre, fu ampliata la gamma degli istituti che potevano «fare operazioni di prestito», nel rispetto di un tasso di interesse non superiore al 4,5%, «per una misura non eccedente i due terzi del valore accertato delle case»23. Una novità sostanziale riguardava il carattere della casa popolare, non più definito dalle «qualità soggettive» di chi occupava l’abitazione, quanto essenzialmente dalle «qualità oggettive» dell’immobile24. Pertanto le case non erano più esclusivamente “popolari”, ma subentrava anche la dicitura “economiche”. L’art. 4 approvato nel 1903 era di fatto espunto, eliminando le fasce di reddito che regolavano l’accesso in locazione agli alloggi, con limitazioni solo per i fabbricati costruiti dai comuni25. Gli assunti del nuovo dettato legislativo stemperavano dunque l’interesse verso l’estrazione sociale degli utenti. Preponderante era di nuovo l’attenzione per la proprietà, allo scopo di incrementare le schiere dei «fidi conservatori dell’ordine sociale» già esaltate da Luzzatti26.

  • 27 Art. 18, Legge (testo unico) sulle case popolari o economiche, 27 febbraio 1908, n. 89.
  • 28 Artt. 64, 65, Regolamento per l’esecuzione della legge (testo unico) 27 febbraio 1908, n. 89, sulle (...)
  • 29 Ivi, art. 78; art. 30, Legge (testo unico) sulle case popolari o economiche, 27 febbraio 1908, n. 8 (...)
  • 30 Regio decreto 9 aprile 1908, n. 182, che dà le norme per la costituzione e il funzionamento della C (...)
  • 31 Regio decreto 28 maggio 1908, che nomina i componenti la Commissione centrale per le case popolari (...)
  • 32 Ivi, p. 572.

6Se da una parte le modifiche varate conferivano una più netta sistemazione ai presupposti su cui era stato impostato il primo intervento, dall’altra sembrava invece profilarsi un’apertura verso la municipalizzazione edilizia di certo inconcepibile sino a pochi anni prima. Sebbene sussistessero i vincoli stabiliti in precedenza, i comuni intenzionati a intraprendere la costruzione di case, alberghi popolari o dormitori pubblici avrebbero potuto stipulare mutui con la Cassa depositi e prestiti, avvalendosi del concorso dello stato per il pagamento delle quote di interesse sino a un sesto della spesa relativa27, purché venisse dimostrata l’incapacità di sostenere l’intero importo28. L’incarico di valutare le richieste fu attribuito alla Commissione centrale per le case popolari o economiche, istituita dalla riforma legislativa presso il Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio quale organo preposto a vigilare sulle iniziative nel settore29. A controllare lo sviluppo dell’edilizia popolare sarebbero stati così due rappresentati del Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, uno per il Ministero dell’Interno, un altro per quello delle Finanze, un membro della Cassa depositi e prestiti, un delegato del Consiglio superiore del lavoro e uno del Consiglio della previdenza e delle assicurazioni sociali, insieme a due membri designati dagli enti riconosciuti, scelti «fra i consiglieri di amministrazione e i direttori degli istituti autonomi e delle società cooperative edilizie e fra i componenti i comitati locali»30. Nominato per il Consiglio superiore del lavoro, Luzzatti parve, quasi per diritto, la figura più indicata ad assurgere alla carica di presidente31. Il ruolo di questa nuova Commissione sembrava quasi comporre però una sorta di contraltare alla Commissione reale. Probabilmente non mancava la volontà di promuovere un rapporto di proficua collaborazione, tanto da coinvolgere personalità che nell’altro consesso si occupavano degli affari relativi alla municipalizzazione: Vincenzo Magaldi, Ernesto Melis e Gerardo Girardi32.

5.2 Il testo unico sulle case popolari o economiche, 27 febbraio 1908, n. 89: la gestione in economia

  • 33 APC, tornata del 27 marzo 1903.
  • 34 Ad esempio i comuni di Castelfranco dell’Emilia, Vicenza e Piombino, Commissione centrale per le ca (...)

7I contenuti codificati apparivano dunque avulsi dalle resistenze ideologiche insite fra le origini della legislazione in materia, emancipando il nuovo dettato da un sostrato di pregiudizi che ancora allignava nella cultura coeva. In tal senso Luzzatti dimostrava di mantenere fede alle promesse formulate durante le discussioni parlamentari avvenute nel 1903, quando si era appellato all’«antico motto italiano dell’Accademia del Cimento “provare e riprovare”», come ricordato in un passaggio del terzo capitolo33. La riforma avallata rifletteva infatti una chiara eco degli insegnamenti derivati dall’esperienza, nel cui solco si erano disgregati diversi timori suscitati dalla prospettiva della municipalizzazione edilizia. In conformità con i propositi espressi, i fatti attestavano l’opera primaria degli istituti per le case popolari, restituendo semmai le difficoltà incontrate dai comuni nel tentativo di svolgere quella funzione complementare assegnata dal legislatore. L’entità acquisita dalla crisi non permetteva più di ammettere vincoli in grado di frenare l’attività edilizia, oltre al fatto che nei centri minori non sussistevano spesso alternative all’intervento diretto dell’amministrazione comunale. L’opportunità del concorso dello stato non poté che incentivare la definizione di numerosi programmi per la municipalizzazione delle case popolari. Inoltre tale concessione allettò anche comuni che, pur avendo avviato l’apposita procedura negli anni immediatamente successivi al 1903, attendevano di conoscerne l’esito34.

  • 35 Art. 18, Legge (testo unico) sulle case popolari o economiche, 27 febbraio 1908, n. 89.
  • 36 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 37 Ivi, Relazione al ministro, s. g. ottobre 1908.
  • 38 Ivi, copia di telegramma del sindaco di Frascati al prefetto di Roma, 5 maggio 1908.
  • 39 Ivi, lettere del prefetto di Roma al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici serviz (...)
  • 40 Sul clima di intimidazione che accompagnò le votazioni G. Salvemini, Il ministro della malavita e a (...)
  • 41 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 42 U. Mancini, Lotte contadine e avvento del fascismo nei Castelli Romani, Armando Editore, Roma 2002, (...)
  • 43 A. D’Angelo, All’ombra di Roma. La diocesi tuscolana dal 1870 alla fine della seconda guerra mondia (...)

8L’introduzione di provvedimenti atti a favorire lo sviluppo di tali esperienze poneva quindi Luzzatti in contrasto con gli intendimenti perseguiti dagli organi del Ministero dell’Interno, non senza una certa ostilità nei riguardi delle restrizioni interpretative a cui si atteneva la Commissione reale, intralciando l’opera dei comuni, anziché agevolarne il compimento. Se il concorso dello stato costituiva indubbiamente un significativo indice di mutamento, un’importante specifica risultava pure fra le norme dell’art. 18, numero a cui spettava ancora di disciplinare l’intervento delle amministrazioni civiche, non diversamente dalla precedente redazione legislativa. A dissipare ogni dubbio sulle modalità di gestione compariva infatti nell’ultimo capoverso un esplicito richiamo all’attività municipale «sia nella forma di servizio pubblico [...], sia in economia a’sensi dell’art. 16 della legge 29 marzo 1903, n. 103»35. L’esigenza di includere una simile precisazione lasciava trasparire l’obiettivo di porre termine alle estenuanti diatribe che rallentavano il lavoro degli uffici ministeriali, con la conseguenza di paralizzare l’esecuzione dei progetti, se non provocarne il naufragio. La conclusione che il combinato disposto delle normative di riferimento ammettesse unicamente l’azienda speciale non poteva più essere suffragata, come i funzionari del servizio municipalizzazioni spiegarono al prefetto di Roma, dinanzi alla richiesta del comune di Frascati di sottoporre all’esame della Commissione reale il progetto per la costruzione di un albergo popolare36. Le autorità civiche intendevano provvedere gratuitamente al ricovero dei numerosi lavoratori che, in previsione della vendemmia, si riversavano a Frascati, uno dei più noti centri della zona dei Castelli romani37. Certo, nella corrispondenza si ometteva che a caldeggiare l’iniziativa era il sindaco, l’avvocato Domenico Valenzani, senza dubbio fortemente interessato in qualità di facoltoso proprietario di vigneti38. Avviato nel maggio 1908, il progetto risultava non a caso abbandonato nell’anno seguente39, quando Valenzani rinunciò alla carica di primo cittadino per impegnarsi nella competizione politica che gli consentì l’ingresso in Parlamento fra le fila dello schieramento liberale40. Insieme a tali propositi si arenarono anche quelli promossi in parallelo per la costruzione di case popolari, chiusi dall’epilogo di cedere a una cooperativa locale il terreno precedentemente acquistato a tale scopo41. Lo stretto legame intercorso fra tali iniziative e la figura di Valenzani suggerisce finalità non avulse dalla ricerca del consenso in una zona di intensa conflittualità sociale42. L’uscita di Valenzani dalla vita amministrativa di Frascati, il cui territorio ne diventò presto il “feudo incontrastato” a livello elettorale, lasciò cadere nel dimenticatoio le problematiche edilizie, ancora irrisolte nel primo dopoguerra43.

  • 44 Cfr. T. Detti, ad vocem, in F. Andreucci, T. Detti (a cura di), Il movimento operaio italiano, cit. (...)
  • 45 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 46 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 23 maggio 1910. I sessione del (...)
  • 47 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 16 novembre 1910. II sessione (...)

9Successivamente all’entrata in vigore del testo unico sulle case popolari, gli organi ministeriali autorizzarono in effetti alcune gestioni in economia, seppur solo dopo aver valutato attentamente l’entità del servizio rispetto alla capacità finanziaria dell’ente municipale. Nel periodo in cui si attendeva l’esito dell’istanza di Frascati, il riconoscimento di tale soluzione fu ammesso per il comune di Santhià, presieduto dal medico Giuseppe Bianchi, poi deputato socialista del collegio di Novara, talora confuso nella figura di un omonimo compagno di militanza politica, originario di Milano ed esponente del movimento sindacale44. Nell’arco di qualche mese, l’amministrazione poté così deliberare il regolamento per l’assunzione del servizio, avviando al contempo l’i-struttoria per ottenere dalla Cassa depositi e prestiti la somma necessaria per l’edificazione di tre gruppi di case costituiti da quaranta alloggi di due camere45. Le trattative non procedettero però speditamente, in quanto la priorità di rispondere a un’emergenza sociale aveva indotto a contenere il livello delle pigioni, senza escludere quei coefficienti di deficit che sollevavano gli strali del Ministero dell’Interno46. Alla luce di maggiori ragguagli, il mutuo fu concesso nel novembre 1911 insieme al concorso dello stato per il pagamento degli interessi, mentre due anni dopo ne fu pure approvata un’integrazione47.

  • 48 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 49 Ivi, verbali del consiglio comunale di Schio, Progetto tecnico e finanziario per la costruzione di (...)
  • 50 Consigliere comunale a Schio quasi ininterrottamente dal 1868 al 1911 e in parallelo anche a Vicenz (...)
  • 51 F. Barbieri, G. De Rosa (a cura di), Storia di Vicenza, cit., vol. IV/1, L’età contemporanea, Neri (...)
  • 52 E. Franzina, Il Veneto ribelle. Proteste sociali, localismo popolare e sindacalizzazione tra l’unit (...)
  • 53 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)

10Se il comune di Santhià non aspettò a lungo l’assenso degli organi ministeriali, quello di Schio ottenne il medesimo risultato in poche settimane, forse giovato dall’intercessione richiesta al deputato del collegio, l’onorevole liberal-moderato Gaetano Rossi, figlio dell’industriale Alessandro48. Il progetto per l’edificazione di trentasette case popolari era stato al centro di osservazioni controverse in consiglio comunale, benché si trattasse di una realtà avvezza a questo tipo di iniziative per la presenza del celebre insediamento operaio annesso agli opifici Rossi. Tali critiche non si discostavano comunque dal retroterra di filantropico paternalismo che ne era stato alla radice, in quanto non si attaccava l’avvento di tali costruzioni, bensì l’idea del «comune affittacamere»49, come puntualizzò un personaggio della vecchia guarda quale Almerico Da Schio50. A suscitare sospetto era dunque il principio della municipalizzazione applicato al settore edilizio, soprattutto se propugnato da una giunta radical-socialista come quella capeggiata allora dal sindaco Domenico Anzi51. Probabilmente nel contesto in cui si disperdeva la genesi dell’edilizia popolare italiana la strategia municipalista acquisiva un valore di rottura non immune da cadenze sovversive, ben più di quanto accadesse altrove. Il modello della “nuova Schio” aveva codificato una sovrapposizione fra esigenze produttive e disciplinamento della manodopera, stringendo l’operaio in una morsa in grado di allontanare lo spettro della conflittualità sociale. Le case popolari municipali sembravano invece insidiare i presupposti di tale esperienza, aprendo una fronda nell’iperbole della “schiavitù controllata”, per altro in un clima di forte politicizzazione delle maestranze che aveva visto nel 1907 la fondazione di una camera del lavoro indipendente da quella del capoluogo52. A nutrire le maggiori remore era stata comunque l’ala tradizionalista del consiglio comunale, mentre lo stesso Gaetano Rossi non aveva esitato a patrocinare l’iniziativa, probabilmente intesa quale propaggine al programma per il benessere degli operai collaterale agli opifici, anziché percepita in termini antagonistici. L’amministrazione di Schio non poté però beneficiare del concorso dello stato, avendo stipulato il mutuo con la Cassa di Risparmio di Ravenna53.

  • 54 Gestioni in economia (circolare n. 4-25 febbraio 1905, n. 15800-13), cit.
  • 55 Cfr. ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzaz (...)
  • 56 Ivi, busta 117, fasc. 1528, Medolla, case popolari, 1909-1910, lettera del prefetto di Modena al Mi (...)
  • 57 Segretario particolare di Zanardelli, Ciuffelli alla sua morte non aderì pienamente al programma di (...)
  • 58 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)

11In conformità alle disposizioni della legge sulla municipalizzazione, le clausole per lo svolgimento dei servizi in economia non prevedevano il parere degli uffici ministeriali, ma, come è stato già specificato, rimettevano la decisione alla giunta provinciale amministrativa. Nonostante l’assenza di obblighi precisi, i prefetti scelsero spesso di consultare gli organi di competenza, senza dubbio alla luce delle richieste di informazioni formulate dagli organi ministeriali allo scopo di evitare abusi, nonché dei richiami espressi in assenza di tempestive segnalazioni. Ad assicurare le comunicazioni fra centro e periferia concorse pure l’emissione di apposite circolari, non solo quella a cui si è fatto cenno nel capitolo precedente diramata all’indomani dell’entrata in vigore dell’apposita normativa54, ma soprattutto un’altra datata 30 maggio 1907, di cui purtroppo non è reperibile il testo, essendo sfuggito inspiegabilmente sia fra le pagine del «Bollettino ufficiale del Ministero dell’Interno», sia nella raccolta sistematica operata dal servizio municipalizzazioni55. Tuttavia, come si evince dai riferimenti che ricorrono nella cospicua messe di corrispondenza consultata, tali istruzioni esortavano i prefetti a rendere note le iniziative per l’assunzione di servizi in economia prima che le relative deliberazioni fossero sottoposte all’esame della giunta provinciale amministrativa. Diversamente, l’avvenuta approvazione di tali documenti avrebbe creato non poco imbarazzo, secondo quanto avvenuto nell’ambito delle prime vicende affrontate. In effetti quasi tutte le conduzioni di case popolari in economia autorizzate in quegli anni dovevano l’intervento dell’ufficio ministeriale allo scrupoloso operato dell’autorità prefettizia. Così accadde ad esempio per i comuni di Medolla, borgo rurale della Bassa modenese, e di Iseo, nella cornice dell’omonimo lago. Se nel primo caso l’assenso era motivato dall’intenzione di costruire pochi alloggi per la modesta somma di lire diecimila56, nel secondo l’esito ottenuto dipendeva in gran parte dai favori richiesti ad Augusto Ciuffelli57, il quale, ministro dei Lavori pubblici nel governo Salandra, si adoprò per agevolare l’epilogo di una pratica avviata sul finire del 191158.

  • 59 Ivi, busta 194, fasc. 2289, Colonna, case popolari, 1910, lettere del prefetto di Roma al Ministero (...)
  • 60 Ivi, verbali del consiglio comunale di Colonna, Costruzione di case popolari, seduta del 21 ottobre (...)
  • 61 Ivi, verbali del consiglio comunale di Colonna, Costruzione case popolari. Mutuo di lire 65.000 con (...)
  • 62 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 63 Ivi, foglio di appunti ms. redatto dall’ufficio per la municipalizzazione, 10 maggio 1913.
  • 64 Ivi, verbali del consiglio comunale di Gallicano nel Lazio, Approvazione progetto case popolari, se (...)
  • 65 Ivi, lettera del sindaco di Gallicano nel Lazio al ministro dell’Interno, 24 giugno 1913.
  • 66 Ivi, foglio di appunti ms. redatto dall’ufficio per la municipalizzazione, s.d.
  • 67 Ivi, verbali del consiglio comunale di Gallicano nel Lazio, Conferma deliberazioni relative alla co (...)

12All’appoggio del deputato del collegio ricorsero anche i comuni della provincia romana di Colonna e Gallicano nel Lazio, il cui patrocinatore fu Domenico Valenzani, già interessato alla municipalizzazione delle case popolari nel periodo in cui aveva coperto la carica di primo cittadino a Frascati. Nel primo caso, si trattò solamente di sollecitare il parere favorevole della giunta provinciale amministrativa, dato che, sebbene il Ministero non avesse dimostrato indugio alcuno, gli atti non erano stati ancora ratificati nell’estate 1910 pur essendo pronti sin dall’anno precedente59. Nell’arco di vent’anni, questo piccolo centro era passato infatti da poco più di cinquecento abitanti a oltre mille unità, assistendo a un incremento repentino della domanda di case che aveva determinato un aspro rincaro delle pigioni60. Il progetto prevedeva la costruzione di sette casette a due piani, per una spesa complessiva di lire sessantacinquemila che sarebbe stata sostenuta tramite un mutuo della Cassa depositi e prestiti, di fatto ottenuto nel 1911, per altro con la concessione del supporto statale61. Nel secondo caso, la mediazione risultò invece più complessa, affinché gli uffici ministeriali stabilissero di desistere dall’imposizione dell’azienda speciale, a cui aveva indotto l’esame del piano tecnico-finanziario62. In un foglio di appunti sulla proposta, al termine di annotazioni come «le spese sembrano però calcolate in misura inadeguata» e «bilancio municipale in condizioni poco buone», figura la chiosa finale: «Raccomanda l’on. Valenzani»63. Tuttavia sulla decisione di ammettere il servizio in economia dovettero incidere soprattutto le ragioni esposte in una missiva rivolta direttamente al Ministero dal sindaco Francesco Fiorini. Il comune intendeva realizzare un fabbricato contenente dodici alloggi composti di quattro camere, ognuno dei quali avrebbe avuto a disposizione un orto. Il caseggiato avrebbe permesso non solo di rispondere parzialmente alla richiesta di abitazioni, ma anche di sopperire alla scomparsa di alcuni alloggi modesti prospicienti la piazza principale del paese di cui era stata decretata la demolizione per motivi di salubrità64. La somma necessaria di circa lire cinquantamila sarebbe stata chiesta alla Cassa depositi e prestiti, nell’intento di non mancare le agevolazioni che vi erano correlate. D’altronde, come il sindaco non esitava a rilevare, il servizio progettato presentava non poche analogie con quello che il vicino comune di Colonna aveva assunto in economia nell’avallo ministeriale65. Operati i debiti raffronti, l’ufficio per la municipalizzazione dovette constatare che in effetti non emergevano particolari differenze66. Nell’agosto 1913 il Ministero rinunciò pertanto a insistere per la costituzione dell’azienda, mentre nell’anno seguente il comune riuscì a stipulare un mutuo di lire cinquantunomilasettecento con la Cassa depositi e prestiti, nel beneficio del supporto governativo67.

  • 68 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 69 Ivi, busta 100, fasc. 1224, Dosolo, case popolari, 1912, lettera del prefetto di Mantova al Ministe (...)
  • 70 Ivi, busta 156, fasc. 1843, Piove di Sacco, cit., verbali del consiglio comunale di Piove di Sacco,(...)
  • 71 Cfr. la corrispondenza intercorsa nel biennio 1919-1920 fra il Ministero dell’Interno e il Minister (...)
  • 72 Ivi, verbali del consiglio comunale di Piove di Sacco, Approvazione in seconda lettura della delibe (...)
  • 73 Sull’esperienza dell’edilizia popolare nel comune M. Fasolato, Storia, politiche, realizzazioni nel (...)
  • 74 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)

13Nello stesso periodo, i comuni di Piove di Sacco in provincia di Padova68, e Dosolo nel Mantovano69, ricevettero l’assenso dell’ufficio ministeriale in poco più di un mese. A complicare la realizzazione delle casette nel quartiere operaio piovese Umberto I sopravvenne però una controversia fra il comune e la società appaltatrice delle costruzioni, la locale cooperativa fra muratori70. Negli anni seguenti, quest’ultima rivendicò infatti la rifusione dei danni, a causa dell’esecuzione parziale del progetto e degli ingenti rincari provocati dalla congiuntura economica negativa scaturita dalla guerra, trovando soddisfazione nel rimborso stabilito dal Ministero dei Lavori pubblici alla fine del frangente bellico71. Allo scopo di concretizzare il progetto era stato anche ottenuto un mutuo di lire settantaquattromiladuecento dalla Cassa depositi e prestiti, con l’opportunità del concorso statale72. Nel comune di Piove di Sacco era stata attiva sino ad allora una società per la costruzione di case popolari che si era occupata solo di abitazioni da vendere tramite la formula dell’ammortamento assicurativo, molto probabilmente sull’onda dei riscontri conseguiti nella non lontana Murano73. Secondo quanto precisato dalla giunta municipale, era giunto invece il momento di far cessare «la visione di intere famiglie di operai rintanate in tuguri luridi»74.

  • 75 Ivi, busta 117, fasc. 1528, Medolla, cit., lettera del prefetto di Modena al Ministero dell’Interno (...)
  • 76 Ivi, busta 194, fasc. 2301, Gallicano nel Lazio, cit., minuta di lettera del Ministero dell’Interno (...)
  • 77 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Sessione del 1914. Adunanza antimeridiana d (...)

14Come attestano le vicende sopra ricordate, le disposizioni del testo unico sulle case popolari permettevano di infrangere quella barriera di intransigenza che aveva penalizzato la gestione in economia del servizio delle case popolari. Al di là delle peculiarità precipue che guarnivano i singoli contesti, l’esperienza delle iniziative da condurre in economia poste al vaglio dell’ufficio ministeriale procedeva quasi all’insegna di un consolidato cliché, secondo uno schema aperto dalla segnalazione del prefetto, ai sensi della circolare 30 maggio 1907, e chiuso dal parere favorevole degli organi di competenza, formulato in media nell’arco di un semestre. L’analisi degli aspetti di ordine finanziario continuava comunque a risultare preponderante e in effetti non era mancata talora una certa titubanza per il fatto che quasi tutti i comuni a cui era stata riconosciuta la facoltà della gestione in economia sopravanzavano il limite legale della sovraimposta. Ciò risultava persino «considerevolmente» nel caso di Medolla, mentre a Colonna sarebbe stato necessario applicare un rilevante aumento per far fronte all’edificazione, ragione per cui la giunta provinciale amministrativa aveva respinto inizialmente il progetto75. La situazione non era comunque tanto diversa a Gallicano, Iseo e Piove di Sacco76. Tuttavia i membri della Commissione centrale per le case popolari o economiche cui spettava di esaminare le domande di mutuo ritennero in genere tale eccedenza un valido motivo per concedere il concorso dello stato, nell’intento di alleviare il peso del debito contratto77. In tal senso si delineava una discrasia fra gli orientamenti manifestati dal Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio e quelli definiti dal Ministero dell’Interno, i cui funzionari preferivano negare in simili circostanze l’assunzione del servizio, onde evitare di attribuire altri oneri ai bilanci municipali. Le divergenze che separavano talora i due comparti erano senza dubbio riconducibili alla diversa identità di vedute espressa da Luzzatti e Giolitti, figure che costituivano un imprescindibile punto di riferimento per la trattazione della materia.

  • 78 Il sindaco di Medolla Gustavo Magnanini era militante socialista, mentre era repubblicano quello di (...)

15Di fatto la valutazione dei contenuti economici tendeva ad assorbire l’attenzione dell’ufficio ministeriale, senza elementi che lasciassero trasparire un certo interesse per il colore politico delle amministrazioni. Tale componente non parve inficiare l’esame delle proposte ricordate in questo paragrafo, un insieme da cui risulta per altro una miscellanea che oscillava fra i fronti popolari del bloccardismo come accadeva a Schio, la supremazia dei socialisti e quella dei repubblicani rispettivamente a Medolla e Iseo, e la compagine di fede liberal-progressista facente capo ai sindaci della provincia romana78. Sebbene un certo rigore fosse stato stemperato pure dall’intercessione di alcuni deputati, le barriere ideologiche che avevano frenato la municipalizzazione delle case popolari erano in parte cadute, auspice senza dubbio il dettato scaturito dalla riforma legislativa.

5.3 Il testo unico sulle case popolari o economiche, 27 febbraio 1908, n. 89: l’azienda speciale

  • 79 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 80 Come il Comune di Gonzaga intende risolvere il problema dell’abitazione popolare, in «Il Comune Mod (...)
  • 81 Ivi, p. 322.
  • 82 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 83 Ivi, lettere del prefetto di Mantova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici ser (...)

16Il mutato atteggiamento verso la gestione in economia delle case popolari appariva essenzialmente circoscritto a contesti minori, fautori di programmi che implicavano un impegno economico non particolarmente rilevante. In rispondenza ai dettami legislativi, il concetto della tenue importanza restava dunque una discriminante fondamentale, tanto che, nel periodo in cui avveniva la ratifica di diversi dei progetti sopra segnalati, non toccò altrettanta fortuna al comune di Gonzaga, in provincia di Mantova. L’iniziativa promossa prevedeva infatti la spesa di lire centomila, certo non irrisoria per un centro di modeste dimensioni, in cui oltretutto si superavano già notevolmente i limiti legali della sovraimposta. Come spiegò l’ufficio ministeriale, il servizio delle case popolari non implicava obbligatorietà alcuna, pertanto, in simili condizioni, la municipalizzazione poteva avvenire solo attraverso l’a-zienda speciale79. L’«urgenza del provvedere» aveva indotto a optare per la gestione in economia, secondo quanto riportava il diligente studio eseguito dalla giunta municipale che Giulio Casalini volle pubblicare su «Il Comune Moderno», quale esempio da cui altri comuni avrebbero potuto trarre insegnamenti utili80. L’amministrazione a maggioranza socialista aveva dedicato non poche forze alla preparazione del progetto, esaminando la questione in rapporto all’affollamento rilevato durante il censimento del 1911, oltreché nei riguardi di carattere finanziario, con particolare attenzione per le trattative inerenti la stipula del mutuo. Dopo aver declinato l’offerta della Cassa di Risparmio delle Province Lombarde, le autorità civiche avevano avviato le pratiche con la Cassa nazionale di previdenza, presso cui la domanda era stata appoggiata da Pietro Bertolini che, come rilevato in precedenza, si era dimostrato invece ostile alla municipalizzazione edilizia a ridosso del dibattito parlamentare. Il periodo di ammortamento non superiore a trent’anni aveva però spinto a preferire le agevolazioni concesse dalla Cassa depositi e prestiti, dato che l’obiettivo era quello di fissare canoni di affitto il più possibile contenuti, onde evitare un «calmiere al rovescio», foriero di ulteriori aumenti81. Ratificato sul finire del 1912, il progetto rimase in sospeso a causa del successivo scioglimento del consiglio comunale, benché i commissari in carica ne completassero gli aspetti tecnici e legali, non curanti persino del ricorso alla giunta provinciale amministrativa intentato da un gruppo di proprietari82. La costituzione dell’azienda fu lasciata alla nuova amministrazione, ma le difficoltà sopravvenute per via della guerra non consentirono una soluzione positiva sino al termine di tale frangente, quando il servizio fu assunto in economia sotto l’egida del sindaco Primo Baccarini, promotore della pratica avviata in precedenza83. Come si preciserà più oltre, nella mutata temperie di esasperazione della crisi abitativa scaturita dal conflitto furono infatti accantonate le riserve sino ad allora opposte a tale forma di conduzione.

  • 84 Ivi, busta 194, fasc. 2301, Gallicano nel Lazio, cit., minuta di lettera del Ministero dell’Interno (...)

17A contenere il portato delle norme incluse nel testo unico sulle case popolari concorse indubbiamente la circolare 10 marzo 1909, le cui disposizioni non ammettevano la conduzione in economia nei comuni che già superavano il limite legale della sovraimposta, situazione condivisa da numerosi centri. D’altronde, secondo le spiegazioni espresse dinanzi alla pratica del comune di Gallicano nel Lazio, il fatto che la rinnovata normativa citasse anche la gestione in economia non ne tramutava i metodi nell’unica forma possibile, altrimenti non sarebbe comparso riferimento alcuno all’azienda speciale84. Il richiamo a tale opzione implicava per altro il carattere industriale del servizio, condizione precipua che non era soggetta a mutamenti, al contrario della variabile costituita dalla tenue importanza. Pertanto solamente lo scarso rilievo del servizio poteva permettere la conduzione in economia, sempre qualora non subentrasse il problema di calibrare l’entità della sovraimposta. Attraverso le disposizioni emanate, il Ministero dell’Interno aveva dunque conferito una più compiuta sistemazione alle direttive che scaturivano dal combinato disposto delle normative in vigore. Oltre le agevolazioni introdotte, il testo unico sulle case popolari offriva nuovi motivi per esercitare una certa pressione sui comuni riottosi all’organizzazione dell’apposita azienda, in quanto l’ufficio ministeriale non tardò a subordinare l’accoglimento delle domande di mutuo rivolte alla Cassa depositi e prestiti alla regolarizzazione degli atti.

  • 85 Ivi, busta 229, fasc. 2683, Bassano Veneto, case popolari, 1910-1914, minuta di lettera del Ministe (...)
  • 86 G. Berti, Otto e Nocecento, in Storia di Bassano, Comitato per la storia di Bassano, Bassano del Gr (...)
  • 87 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 88 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 16 novembre 1910, cit., pp. 11 (...)
  • 89 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 90 Ivi, lettere del prefetto di Vicenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici ser (...)
  • 91 Ivi, lettera della Direzione generale della Cassa depositi e prestiti al Ministero dell’Interno, As (...)
  • 92 Ivi, verbali del consiglio comunale di Bassano, Assunzione diretta del servizio per le case popolar (...)
  • 93 Ivi, lettera del prefetto di Vicenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici ser (...)
  • 94 Ivi, busta 229, fasc. 2683, Bassano, cit., verbali del consiglio comunale di Bassano, Proposta di m (...)
  • 95 Ivi, Relazione al ministro, 28 giugno 1913; ivi, allegato alla seduta della Commissione reale del 1 (...)
  • 96 Ivi, busta 229, fasc. 2683, Bassano, cit., verbali del consiglio comunale di Bassano, Nuova deliber (...)
  • 97 Ivi, Relazione al ministro, 18 dicembre 1913; ivi, allegato alla seduta della Commissione reale del (...)
  • 98 Ivi, busta 229, fasc. 2683, Bassano, cit., lettera del prefetto di Vicenza al Ministero dell’Intern (...)

18Fra i primi comuni a scontrarsi con l’inflessibilità di tali meccanismi figurò Castelleone, in provincia di Cremona, forse costretto a pagare lo scotto dell’esempio di indisciplina fornito da Bassano Veneto, il cui toponimo fu commutato durante il fascismo in Bassano del Grappa in omaggio all’omonimo ossario della prima guerra mondiale. Nel caso di Bassano, la domanda di mutuo rivolta nel 1910 alla Cassa depositi e prestiti rese noto al Ministero dell’Interno che il comune conduceva in economia un gruppo di case popolari sin dal 190685. La somma richiesta sarebbe stata devoluta all’incremento del servizio, come aveva stabilito il sindaco, l’avvocato Eugenio Antonibon, al fine di completare un programma confortato da risultati soddisfacenti. Ad avviare quest’ultimo era stata l’amministrazione clerico-moderata diretta nel biennio 1905-1906 da Nicolò Compostella, poi travolta da una grave crisi che aveva portato al potere una coalizione di analogo orientamento capeggiata però da un personaggio quale Eugenio Antonibon, sino ad allora esponente del radicalismo pronto a professarsi integerrimo liberale86. Secondo l’ufficio ministeriale, i nuovi lavori avrebbero permesso all’impresa di raggiungere «proporzioni molto vaste», rendendo necessaria la costituzione dell’azienda speciale87. Inoltre, non sarebbe stato possibile ammettere deroga alcuna, dato che il comune di Bassano eccedeva in misura quasi tripla il limite legale della sovraimposta. Ciò indusse la Commissione centrale per le case popolari o economiche ad approvare la concessione di un mutuo di lire duecentosettantacinquemila da estinguere in cinquant’anni con il concorso dello stato88. D’altronde il sindaco aveva reso noto che solo la concessione di tale somma avrebbe permesso di innalzare le nuove costruzioni, per le quali sarebbe avvenuto l’impianto dell’azienda89. Nonostante tali rassicurazioni, il consiglio comunale ribadì in seguito di voler mantenere la gestione in economia: «il cavillo è evidente», commentò il prefetto, deciso a rifiutare l’autorizzazione per l’appalto dei lavori, finché non fosse stata espletata la procedura90. Tuttavia, quando nel maggio 1912 la Direzione generale della Cassa depositi e prestiti comunicò di aver erogato la prima rata e domandò se potesse procedere al secondo versamento, l’ufficio ministeriale dapprima preparò una lettera in cui chiedeva di attendere il completamento dell’istruttoria, poi annullò tale nota, acconsentendo ad assegnare la somma «per non mettere quell’amministrazione in imbarazzo»91. In effetti, nel mese di aprile, il consiglio comunale aveva deliberato la costituzione dell’azienda, ma ciò non valse a chiudere celermente la questione, in quanto la Commissione reale rinviò gli atti per due volte, a causa delle imprecisioni di cui era farcito il piano finanziario92. Come aveva rilevato l’ufficio ministeriale, la riformulazione di alcuni calcoli produceva un deficit di lire seicentomila a carico del bilancio comunale, rendendo opportuno un innalzamento delle pigioni, oltre al fatto che il comune non aveva indicato stanziamento alcuno per far fronte agli oneri delle imposte al termine del periodo di immunità fiscale, preferendo lasciare facoltà di scelta a coloro che avrebbero retto l’amministrazione93. Intenzionato a non uniformarsi alle direttive della Commissione reale, il consiglio comunale aveva approvato un nuovo piano di esercizio, in cui, espunto il contributo annuo del comune non ammesso dal Ministero dell’Interno, il pareggio veniva raggiunto attraverso la riduzione del fondo per le spese impreviste, nonché conteggiando la quota del concorso dello stato in una cifra maggiore a quella sino ad allora considerata, secondo le specifiche ricevute dal Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio94. Alla luce di un ulteriore rifiuto95, il comune stabilì di introdurre le variazioni indicate che per altro ritoccavano solo lievemente l’importo dei canoni96. Ottenuto così il parere favorevole della Commissione reale97, nel giugno 1914 si svolse il referendum che vide comunque una scarsissima affluenza alle urne: l’assunzione del servizio delle case popolari tramite azienda speciale avvenne quasi fra l’indifferenza della cittadinanza98.

  • 99 Ivi, busta 59, fasc. 783, Castelleone, case popolari, 1911-1922, minuta di lettera del Ministero de (...)
  • 100 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 101 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 102 R. Bachi, Storia della Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde. 1823-1822, s. n., Milano 1924, (...)
  • 103 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 104 C. Bello, Le avanguardie contadine cristiane nella Valle del Po da documenti inediti, Ora Sesta, Ro (...)
  • 105 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 106 Ivi, verbali del consiglio comunale di Castelleone, Sulla lettera della R. Prefettura riguardante l (...)
  • 107 Ivi, lettere di Angelo Pavia ad Alfredo Falcioni, 13 novembre 1911 e 11 febbraio 1912, con le relat (...)
  • 108 Ivi, Relazione al ministro, 30 gennaio 1915; ivi, allegati A e B alla seduta della Commissione real (...)
  • 109 Ivi, busta 59, fasc. 783, Castelleone, cit., foglio di appunti ms. redatto dall’ufficio per la muni (...)

19La condotta del comune di Bassano sollevò senza dubbio l’esigenza di porre vincoli al conseguimento dei mutui con la Cassa depositi e prestiti, affinché le amministrazioni richiedenti rispettassero innanzitutto gli adempimenti di legge. Come accaduto per Bassano, gli organi ministeriali furono informati dell’iniziativa promossa a Castelleone dalle trattative avviate per ottenere i fondi necessari99. Richiamato il prefetto per inadempimento della circolare 30 maggio 1907, il Ministero dell’Interno richiese la costituzione dell’azienda speciale, dato che il comune eccedeva il limite legale della sovraimposta100. Oltretutto, la spesa preventivata risultava di lire novantamila, somma ingente per «un bilancio in condizioni non eccessivamente floride», di cui lire sessantamila sarebbero derivate dal mutuo autorizzato dalla Cassa depositi e prestiti con il concorso dello stato, lire tredicimilasettecento da un sussidio a fondo perduto concesso dalla Cassa di Risparmio delle Province Lombarde e il denaro rimanente da un mutuo suppletivo della Banca Popolare di Cremona non ancora però supportato da accordi101. La Commissione centrale di Beneficenza di Milano che amministrava la Cassa di Risparmio delle Province Lombarde aveva stanziato infatti un fondo di lire seimilioni «pro case popolari od economiche», con la facoltà per i comuni e gli istituti autonomi di richiedere mutui oppure somme contenute a fondo perduto102. Nel corso del 1911, l’insistenza dell’ufficio ministeriale per la creazione dell’azienda non sortì effetto alcuno, anzi il sindaco di Castelleone comunicò che le case erano ormai costruite e abitate da un anno103. A guidare il comune era il sindaco bianco Serafino Gasparini, il quale dimostrava dunque di accogliere quelle istanze municipaliste espresse in seno al movimento cattolico che avevano trovato un ordine preciso nella lezione di Angelo Mauri104. La reticenza manifestata indusse allora l’ufficio ministeriale «a subordinare la somministrazione del danaro alla regolarizzazione del sistema di gestione», sebbene secondo la direzione della Cassa depositi e prestiti la sospensiva, anziché sollecitare la costituzione dell’azienda, avrebbe causato un danno alle finanze del comune105. Disarmato dai provvedimenti del Ministero dell’Interno, il comune non poté che deliberare la costituzione dell’azienda106. D’altronde a nulla erano valsi i contatti che, su richiesta del sindaco Gasparini, il deputato di zona Angelo Pavia, allora sottosegretario al Ministero del Tesoro, aveva stabilito con Alfredo Falcioni, suo corrispettivo presso il Ministero dell’Interno107. Nel febbraio 1914, la Commissione reale espresse parere favorevole, nonostante fosse stato appurato che «le spese di costruzione, accertate mediante gli atti di collaudo e i suggerimenti del genio civile, sorpassarono, more solito, le previsioni»108. Tuttavia il comune non organizzò il referendum, appellandosi allo stato di guerra, così il servizio continuò a essere condotto in economia, forma di gestione poi riconosciuta alla fine del frangente bellico109.

  • 110 Il consolidamento della giunta Visca era stato favorito dall’ondata anticlericale che aveva percors (...)
  • 111 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 112 Ivi, allegati B e C alla seduta della Commissione reale del 30 gennaio 1910; ivi, busta 3, fasc. 9, (...)
  • 113 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 18 aprile 1911, cit., pp. 556- (...)
  • 114 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)

20Se le pratiche per lo svolgimento del servizio in economia procedevano in genere speditamente, l’obbligo dell’azienda speciale continuava invece a risultare oltremodo problematico, benché le relative complicanze dipendessero in gran parte dalle posizioni su cui si attestavano i comuni. Alla luce degli sterili risultati a cui approdava solitamente l’iterazione dei propositi che non incontravano il favore del Ministero dell’Interno, le autorità civiche tentavano di sperimentare qualche espediente, secondo quella varietà di alternative a cui contribuirono non poco le vicende enucleate nel capitolo precedente. Nel caso del comune di Varazze non furono necessarie particolari sollecitazioni, in quanto, ricevuta l’indicazione di costituire l’apposita azienda, la giunta bloccarda capeggiata dal sindaco Natale Visca avviò le opportune pratiche110, in luogo dell’assunzione in economia precedentemente deliberata111. Così, dopo meno di un anno dalle prime comunicazioni intercorse fra la locale prefettura e l’ufficio per la municipalizzazione, la Commissione reale espresse parere favorevole, senza che si registrassero osservazioni di sorta112. Il comune di Varazze fu autorizzato a realizzare tre caseggiati, compresivi di ventiduenne alloggi ciascuno, per una spesa complessiva di lire duecentomila che sarebbe stata sostenuta grazie al mutuo concesso dalla Cassa depositi e prestiti con il concorso dello stato113. Se da una parte la rapida soluzione della proposta indicava come il procedimento per l’azienda speciale potesse essere espletato senza diluirne i tempi in futili questioni, dall’altra ciò restituiva lo scarso interesse degli organi ministeriali per la fede ideologica dei proponenti. Come attestava l’andamento della vicenda, la presenza nell’amministrazione di esponenti di quelle forze politiche invise all’ordine costituito non aveva infatti giocato ruolo alcuno. Al contempo l’epilogo positivo della pratica non appariva neppure agevolato dall’intercessione del deputato Giuseppe Astengo, il quale si era solo limitato a rammentare l’istanza affinché non tardasse a pronunciarsi la Commissione reale114.

  • 115 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 116 Ivi, lettere del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici serv (...)
  • 117 M. Pignotti, Notabili candidati elezioni, cit., p. 178.
  • 118 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 119 Ivi, allegato B alla seduta della Commissione reale del 18 settembre 1911; ivi, bu­sta 3, fasc. 10, (...)
  • 120 Commissione centrale per le case popolari o economiche. VI sessione 1913. Adunanza antimeridiana de (...)
  • 121 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 122 La politica delle abitazioni in Italia. Le case municipali di Savona, in «Il Comune Moderno», 1912, (...)

21L’esempio del comune di Varazze era comunque destinato a rimanere un caso quasi isolato, soprattutto per la prontezza con cui le autorità civiche non avevano esitato ad attenersi alle direttive impartite dal Ministero dell’Interno. Nello stesso periodo in cui era in esame la pratica di Varazze, una prova di indisciplina fu invece sostenuta dal non lontano comune di Savona, intenzionato a intraprendere la costruzione di alcuni caseggiati, riservandosi in seguito di stabilire la forma di gestione115. In seguito alle obiezioni dell’ufficio ministeriale, le autorità civiche, piuttosto che espletare l’iter per l’impianto dell’apposita azienda, dapprima tentarono di fondare un ente autonomo e poi fallite tali trattative stabilirono di attuare l’intervento tramite una società cooperativa116. Solamente la provvida collaborazione del prefetto Garroni, erudito in materia dall’esperienza maturata con gli altri progetti promossi sul territorio, consentì di scongiurare la «municipalizzazione larvata» che sembrava così profilarsi, temuta dagli organi di competenza quale escamotage per sfuggire al procedimento previsto dalla legge. Probabilmente, un programma di municipalizzazione edilizia tout court non rientrava neppure nelle mire del sindaco Ottavio Pertusio, esponente del fronte monarchico-costituzionale117. La pratica, con i suoi incerti risvolti, fu pertanto ereditata dall’amministrazione che si insediò nell’estate 1910, ma la giunta bloccarda presieduta dal sindaco radicale Enrico Pessano stabilì di deliberare la costituzione dell’azienda118. Nel corso del 1911, il comune sistemò il piano tecnico-finanziario, ratificato dalla Commissione reale nel mese di settembre, autorizzando il comune a realizzare un complesso di tipo intensivo che avrebbe raggruppato centoventicinque alloggi in due fabbricati a cinque piani fuori terra119. L’importo necessario di lire quattrocentodiecimila sarebbe derivato da un mutuo della Cassa depositi e prestiti, con il supporto del concorso statale per evitare che gli affitti rasentassero livelli inopportuni120. A novembre si tenne il referendum che registrò una schiacciante maggioranza di voti favorevoli, dimostrando il vivo interesse dei cittadini121. Le case erano di fatto attese: l’inaugurazione per la posa della prima pietra avvenne nel giugno 1912 «con larga affluenza di popolo festante»122.

  • 123 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 124 Ivi, verbali del consiglio comunale di Chiari, Costruzione di case operaie e provvedimenti relativi (...)
  • 125 Ivi, verbali del consiglio comunale di Chiari, Assunzione diretta del servizio delle case popolari (...)
  • 126 Ivi, lettera di Gian Giacomo Morando ad Alfredo Falcioni, 18 maggio 1911.
  • 127 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, a Gian (...)
  • 128 Ivi, busta 44, fasc. 541, Chiari, cit., lettera della Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde a (...)

22Nonostante le agevolazioni contemplate fra le norme scaturite dalla riforma legislativa, le amministrazioni civiche continuavano ad adeguarsi malvolentieri alla creazione dell’azienda. Nel corso del 1909, il comune di Chiari, in provincia di Brescia, preferì addirittura riformulare il progetto per decurtare la somma occorrente di circa lire sessantamila, anziché affrontare le procedure burocratiche previste123. Ovviamente ciò non valse a ottenere l’agognato esonero, in quanto il Ministero dell’Interno ribadì l’obbligo del solenne procedimento, inducendo il comune a recedere dalle precedenti deliberazioni per la gestione in economia124. Nell’autunno 1910, il consiglio comunale promosse infatti la costituzione dell’azienda125, ma ancora nel maggio successivo non era pervenuto riscontro alcuno, cosicché il deputato Gian Giacomo Morando, esponente della destra liberale residente a Chiari, avendo saputo dal Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio che la Commissione reale si era espressa favorevolmente, scrisse a Falcioni senza risparmiare termini aspramente perentori: «Fammi il piacere visto che è tutto in regola di dare una valida spinta alla pratica e rimandarla subito a Brescia approvata, è fino dal marzo che i muratori attendono di cominciare il lavoro»126. In realtà una copia del parere emesso era stata già inviata al prefetto, sin dai giorni immediatamente successivi alla seduta in cui la Commissione reale aveva trattato l’affare127. Il comune avrebbe potuto così avviare la costruzione di due stabili a tre piani fuori terra, circondati da orti e giardinetti, per una spesa complessiva di lire novantamila, di cui sessanta reperite tramite un mutuo della Cassa depositi e prestiti e il resto fornito a titolo gratuito dalla Cassa di Risparmio delle Province Lombarde128.

  • 129 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 130 Cronache municipali. Le nuove case popolari del comune di Brescia, in «L’autonomia comunale. Organo (...)
  • 131 Cfr. Storia di Brescia, Morcelliana, Brescia 1961, pp. 472-475, 482-485.
  • 132 Le case popolari municipali di Brescia, in «Il Comune Moderno», 1913, p. 575. Cfr. anche Brescia. C (...)
  • 133 V. Magaldi, Case popolari. Relazione per l’anno 1905, cit., p. 646; C. Deretti, Sulle case operaie (...)
  • 134 Cronache municipali. Le nuove case popolari del comune di Brescia, cit., p. 4.

23Probabilmente, obbligate a intraprendere l’iter per la costituzione dell’azienda, le autorità civiche di Chiari guardarono non senza invidia all’attività svolta dal comune di Brescia al di fuori dei condizionamenti imposti dalle disposizioni legislative, tanto da non aver neppure varato un regolamento per la gestione in economia, come fu spiegato al Ministero dell’Interno ancora nel primo dopoguerra129. Nel 1909 «L’autonomia comunale» aveva espresso parole di plauso all’amministrazione bresciana per la decisione di edificare quattro caseggiati130. La costruzione di nuove abitazioni non poteva certo mancare nel programma di intervento promosso dalla giunta popolare del sindaco Girolamo Orefici, massone e anticlericale, attento studioso delle problematiche connesse alla municipalizzazione coinvolto nel direttivo dell’Associazione dei comuni italiani131. In effetti sul principio del secondo decennio del secolo, il comune possedeva un patrimonio composto da dieci gruppi di case realizzati in momenti diversi, la cui genesi poteva essere ricondotta addirittura al gruppo di via Re Galantuomo risalente al 1885132. Questa iniziativa si doveva al fondo di lire centomila stanziato dal comune nel 1878, di cui riportava notizia una statistica curata da Magaldi per il Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio133. In assenza delle segnalazioni che potevano pervenire dai prefetti, il Ministero dell’Interno non disponeva di canali sistematici di informazione. Qualche notizia poteva pervenire dalla Cassa depositi e prestiti, ma nel caso di Brescia il denaro per le costruzioni erette in età giolittiana era derivato da un mutuo contratto con la Cassa di Risparmio delle Province Lombarde134.

  • 135 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)

24Secondo gli elementi restituiti dalle vicende sin qui analizzate, a inquietare gli organi ministeriali non era tanto la fede politica delle autorità pronte ad assumere la municipalizzazione delle case popolari, quanto la prospettiva che ciò avvenisse nel mancato rispetto delle norme vigenti e dei canoni interpretativi codificati. D’altronde, come l’ufficio ministeriale precisò dinanzi alla caparbietà del sindaco di Castelleone, non era possibile ammettere la gestione in economia, «sia per la notevole importanza del servizio stesso in rapporto alla poca entità del comune, sia per l’ossequio dovuto alla risoluzione di massima adottata in altri casi conosciuti dalla Commissione reale»135. Sebbene tale esternazione venisse avanzata alla vigilia dell’entrata dell’Italia nella prima guerra mondiale, il precedente di fondo andava ricercato, malgrado gli anni trascorsi, nella soluzione adottata per il comune di Castelfranco dell’Emilia, di fatto un modello di riferimento per tanti centri dell’area padana.

5.4 La diffusione delle case popolari municipali

  • 136 R. Balzani, Le tradizioni amministrative locali, in Storia d’Italia. Le regioni dall’unità a oggi, (...)

25Negli anni immediatamente successivi all’esito del ricorso intentato dall’amministrazione civica di Castelfranco dell’Emilia, diversi comuni dislocati fra le attuali province di Modena e Bologna decisero di intraprendere la costruzione diretta di case popolari. All’origine di questa straordinaria proliferazione di esperienze soggiaceva ovviamente una matrice comune, fondata su radicate tradizioni amministrative locali e, soprattutto, sulla presenza ai vertici del potere civico di personalità che condividevano pienamente il principio della municipalizzazione136. Il verbo socialista costituì infatti la koinè del municipalismo emiliano, apportando un concorso decisivo allo sviluppo dell’intero movimento che finì per avvalorare le valenze ideologiche del cosiddetto socialismo municipale. Se da una parte le ricadute di tale equazione continuarono a fomentare l’ansia vissuta dagli spettatori coevi, dall’altra, in chiave retrospettiva, hanno contribuito a plasmare una piattaforma storiografica votata innanzitutto a un’interpretazione politica del fenomeno che, secondo quanto già accennato, non esaurisce invece la valutazione di un settore sui generis come fu considerato quello delle case popolari nell’ambito della riflessione giuridica sull’argomento. Neppure l’esame dell’esempio fornito in questo campo dall’Emilia rossa lascia infatti trasparire gli estremi di un disegno organico orientato alla repressione di simili iniziative.

  • 137 M. Degl’Innocenti, Il comune nel socialismo italiano. 1892-1922, in id. (a cura di), Le sinistre e (...)
  • 138 id., La lotta politica e sociale nella Bassa modenese tra ’800 e’900, cit., pp. 154-156.
  • 139 ACS, Casellario Politico Centrale, busta 3526, fasc. Arcangelo Nerozzi; ivi, busta 3921, fasc. Gius (...)

26Protagonisti di tale vicenda furono innanzitutto piccoli centri a vocazione rurale della provincia di Bologna, giurisdizione amministrativa in cui all’epoca rientrava anche Castelfranco. Si trattava di contesti in cui la popolazione meno abbiente era costituita per lo più da contadini costretti a vivere in caseggiati fatiscenti privi dei più elementari principi igienici, spesso annessi alle sostanze dei propri datori di lavoro, con la conseguenza di azzerare qualsiasi capacità rivendicativa e contrattuale. Al contempo il ricorso alla municipalizzazione risultava congeniale all’intento di creare opportunità di occupazione, tanto che i lavori furono solitamente appaltati a cooperative locali137. La cooperazione rappresentò infatti il tessuto essenziale per il radicamento del movimento socialista, soprattutto ai fini della strategia dei lavori pubblici, a cui da tempo facevano ricorso le classi dominanti in funzione antisovversiva, impegnando i braccianti nella stagione invernale, come fu caratteristico nelle zone della bonifica padana138. Dinanzi alla carenza di sistemazioni adeguate e alla necessità di sgombrare spazi sudici e angusti, diverse amministrazioni stabilirono così la costruzione diretta di case popolari, soprattutto in concomitanza con l’intensificarsi della conflittualità sociale dopo la metà del primo decennio del secolo. Oltretutto i sindaci che ne furono promotori condividevano non solo la militanza socialista con i suoi strascichi di sorveglianza poliziesca, ma talora anche l’appartenenza a famiglie di estrazione modesta, portatori dunque di un retroterra che permetteva loro di conoscere le più sentite problematiche. Ad esempio la professione di macellaio era dichiarata da Arcangelo Nerozzi sindaco di Medicina, quella di pizzicagnolo da Giuseppe Pezzoli primo cittadino a Baricella, mentre il contadino Giovanni Goldoni e il fornaciaio Roberto Carati ricoprivano la medesima carica rispettivamente ad Anzola dell’Emilia e Castel Maggiore139.

  • 140 M. Missori, Governi, alte cariche dello stato, alti magistrati e prefetti del regno d’Italia, cit., (...)
  • 141 In quel periodo era sindaco Luigi Tonini. Il comune fu amministrato dai socialisti dal 1905 al 1920 (...)
  • 142 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 143 Ivi, fasc. 6, cit., seduta del 18 dicembre 1907; ivi, busta 41, fasc. 501, Crevalcore, case popolar (...)
  • 144 Ivi, verbali del consiglio comunale di Crevalcore, Risposta alle osservazioni del Ministero e del C (...)
  • 145 Ivi, busta 42, fasc. 515, Medicina, cit., verbali del consiglio comunale di Medicina, Costruzioni d (...)
  • 146 Ivi, Relazione al ministro, 2 aprile 1908; ivi, busta 41, fasc. 501, Crevalcore, cit., Relazione al (...)
  • 147 Atti della Commissione centrale per le case popolari o economiche. II sessione del 1908. Adunanza d (...)
  • 148 Commissione centrale per le case popolari o economiche. IV sessione 1913. Adunanza 26 giugno 1913, (...)
  • 149 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 150 A Medicina si registrarono 821 voti favorevoli e 58 contrari, ivi, busta 42, fasc. 515, Medicina, c (...)

27Alla luce dell’iter compiuto dal comune di Castelfranco, la prefettura di Bologna fu in grado di incanalare i propositi espressi nel solco delle direttive impartite dagli organi ministeriali, in genere senza contrastare l’opera dei consigli comunali. Molto probabilmente tale posizione era dettata da una sincera e profonda preoccupazione dovuta alla consapevolezza dello stato di degrado che dilagava nelle campagne, anziché scaturire solamente dall’intento di appagare bisogni forieri di esacerbare malcontento. Ad assicurare una convergenza di intenti fu anche la continuità dell’ufficio, in coerenza con «l’immobilismo del quadro dei prefetti» che contraddistinse l’età giolittiana, non intaccato neppure dagli intermezzi di Alberto Fortis, Sidney Sonnino e Luigi Luzzatti. Nell’autunno 1906, all’indomani del parere con cui il Consiglio di Stato respinse l’istanza di Castelfranco, la prefettura di Bologna era stata affidata a Ernesto Dallari che mantenne l’incarico sino all’agosto 1914140. L’azione di un’univoca regia nei contatti fra le amministrazioni civiche e gli organismi centrali rese la trattazione di tali affari pressoché similare, una versione semplificata della pratica che si compose per Castelfranco successivamente al fallimento del ricorso. In seguito a tale evento, il prefetto dimostrò non poca solerzia nell’inoltrare l’opportuna documentazione agli organi di competenza, diventandone a questo riguardo un prezioso alleato, in grado di incarnare quella figura di zelante collaboratore su cui contava il Ministero dell’Interno ai fini della corretta applicazione della legge. Talvolta non mancò persino di informare preventivamente i comuni sull’impossibilità di condurre il servizio in economia, chiedendo la rettifica degli atti qualora fosse stata già disposta la gestione, come avvenne per il comune di Crevalcore, i cui amministratori non esitarono comunque a uniformarsi a tali indicazioni141. La pratica per la costituzione dell’azienda fu avviata così nel maggio 1907, in parallelo a quella di Medicina approvata dalla Commissione reale circa un anno dopo142. Ancor meno impiegò Crevalcore143, nonostante la difficoltà incontrata nel confermare una deliberazione a causa dell’astensionismo a cui ricorreva la minoranza liberale144. In effetti tali amministrazioni non erano immuni da lacerazioni interne, come riflettevano le polemiche sollevate a Medicina dalla costruzione delle case popolari145. Anche gli organi ministeriali dimostrarono una certa apertura, con la decisione di non respingere i progetti e suggerire ai comuni di domandare il mutuo alla Cassa depositi e prestiti in modo da utilizzare il concorso dello stato per rimpinguare il piano finanziario146. Diversamente le aziende avrebbero dovuto applicare canoni di affitto per nulla convenienti, motivo che spinse anche la Commissione centrale per le case popolari o economiche ad accogliere le istanze presentate147. Il comune di Medicina ottenne così la somma di lire centocinquemila, impiegata nell’edificazione di quattro fabbricati contenenti ciascuno dodici alloggi a cui era annesso un locale nel sottotetto per uso legnaia, mentre quello di Crevalcore con lire centomila realizzò trenta abitazioni che, «secondo l’uso del paese», comprendevano pure locali per porcili e pollai148. In questo caso, la progettazione di tali ambienti aveva avuto addirittura la precedenza sulle latrine, previste in un fabbricato esterno, ma imposte invece in ogni alloggio dall’ufficio del genio civile149. Entro gli orizzonti di tali contesti, l’economia di sussistenza a cui erano avvezze le famiglie disagiate induceva ad attribuire valore agli spazi per l’allevamento, anziché ai servizi igienici, di cui parecchi difficilmente avevano avuto modo di disporre sino ad allora nelle modalità indicate dai precetti sanitari. In effetti i referendum confermarono l’assunzione del servizio con una netta prevalenza di opinioni favorevoli, contro un numero pressoché esiguo di voti contrari150.

  • 151 R. Zangheri (a cura di), Lotte agrarie in Italia. La Federazione nazionale dei lavoratori della ter (...)
  • 152 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 153 Ivi, allegati 1 e 2 alla seduta della Commissione reale del 23 giugno 1909; ivi, busta 3, fasc. 8, (...)
  • 154 Ivi, busta 38, fasc. 454, Anzola dell’Emilia, cit., verbali del consiglio comunale di Anzola dell’E (...)
  • 155 Si ebbero 353 voti favorevoli, 13 contrari e 2 dispersi, ma come era accaduto pure a Crevalcore si (...)
  • 156 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 23 maggio 1910, cit., pp. 679- (...)
  • 157 Ivi, busta 38, fasc. 454, Anzola dell’Emilia, cit., verbali del consiglio comunale di Anzola dell’E (...)
  • 158 Comune di Anzola dell’Emilia, Giovanni Goldoni, 1905-2005. Il contadino che divenne primo sindaco s (...)
  • 159 M. Degl’Innocenti, Il comune nel socialismo italiano, cit., p. 13.
  • 160 id., Cittadini e rurali nell’Emilia Romagna rossa tra’800 e’900, Franco Angeli, Milano 1990, pp. 75 (...)
  • 161 ACS, Casellario Politico Centrale, busta 1898, fasc. Attilio Evangelisti. G. Gresleri, P.G. Massare (...)

28Se l’emergenza sanitaria giocava senza dubbio un ruolo preponderante, certamente non risultò secondaria la subitanea eco delle lotte imperversate nelle campagne emiliane nel biennio 1907-1908, periodo in cui giunse al culmine lo stato di agitazione per il controllo del collocamento attraverso le cooperative bracciantili e il sistema delle affittanze collettive151. Nella primavera 1909, in riferimento alla domanda di Anzola dell’Emilia, l’ufficio ministeriale giustificò infatti la necessità delle costruzioni osservando che «non mancavano anche gravi perturbamenti nell’ordine pubblico causati dal malcontento delle classi lavoratrici per la mancanza di abitazioni»152. Tuttavia non fu possibile approvare il piano presentato, dato che l’importo delle pigioni non teneva conto di tutte le spese che sarebbe state affrontate, come imponeva la legge153. Le modifiche richieste suscitarono un certo dissenso, ma, dopo le spiegazioni fornite dal sindaco Giovanni Goldoni, si stabilì di portare le pigioni dalla somma di circa lire novanta annue a lire centotrentacinque, con la prospettiva di ulteriori rialzi al termine dell’esenzione dalle imposte154. Tali variazioni valsero la concretizzazione del progetto, approvato dalla Commissione reale sul finire del 1909 e sottoposto alla convalida referendaria nel febbraio successivo155. Nel mese di maggio, il comune fu autorizzato a contrarre un mutuo di lire settantamila da estinguere in cinquant’anni con la Cassa depositi e prestiti, nel conforto del sostegno statale, avviando così la costruzione di due fabbricati per un complesso di ventiquattro alloggi dotati di servizi igienici, a cui sarebbero stati affiancati lavatoi, porcili e pollai156. Caposaldo del programma dell’amministrazione comunale, l’azienda era divenuta realtà dopo neanche due anni dalle prime deliberazioni157, sebbene il progetto delle case popolari municipali fosse stato tenacemente sostenuto sin dal 1906, quando alcune famiglie legate alle associazioni socialiste erano state sfrattate per mero puntiglio ideologico, evento in seguito al quale il sindaco aveva organizzato un comizio con Giacomo Ferri, impegnato in quel periodo sulla medesima questione nella sua San Felice sul Panaro158. All’origine della municipalizzazione nell’Emilia rossa soggiaceva infatti una circolarità di contenuti, fondata su confronti e contatti frequenti negli ambienti del cooperativismo e dell’organizzazione sindacale, spesso segnati da significative intersezioni che contribuirono a forgiare la “coscienza amministrativa” del socialismo italiano159. Una fucina di idee gravitava senza dubbio intorno alla Federterra, l’organizzazione nazionale dei lavoratori agricoli costituita nel 1901 a Bologna, solcata a lungo da una preponderante connotazione padana e bracciantile, i cui ambienti includevano un’importante area di discussione rispetto alle problematiche che attanagliavano la condizione delle masse rurali160. Non a caso progettista degli stabili fu l’ingegnere Attilio Evangelisti, affermato professionista che collaborò alla sistemazione del centro storico di Bologna, nonché esponente del socialismo e della cooperazione bracciantile bolognese, il quale ricoprì la carica di consigliere comunale a Medicina nel periodo in cui furono promosse le case popolari e qualche anno dopo divenne ingegnere del comune di Anzola161.

  • 162 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 163 Ivi, allegato B alla seduta della Commissione del 28 dicembre 1912; ivi, Appunto del comm. Magaldi (...)
  • 164 Ivi, busta 38, fasc. 458, Baricella, cit., Relazione al ministro, 14 dicembre 1912.

29Alla competenza di Evangelisti si rivolse anche il comune di Baricella, non fortunato però quanto gli altri centri della zona. Il progetto fu respinto dalla Commissione reale, dato che la rettifica delle irregolarità commesse nella compilazione del piano finanziario comportava canoni di affitto elevati in confronto a quelli richiesti mediamente nel comune per abitazioni modeste162. Neppure una successiva revisione del prospetto incontrò sorte migliore: il comune si era limitato a sopprimere alcune voci e aumentarne altre, lasciando scaturire tariffe che rasentavano il doppio di quelle in vigore a livello locale163. La valutazione degli aspetti economici risultava ancora una volta determinante, in assenza per altro di elementi che tradissero sospetti di natura ideologica, anzi le conclusioni tratte dall’ufficio ministeriale echeggiavano la priorità di tutelare i consumatori su cui tanto insisteva l’opera di Montemartini164.

  • 165 Ivi, busta 40, fasc. 489, Castel Maggiore, case popolari, 1910-1911, allegati A e B alla seduta del (...)
  • 166 Ivi, busta 40, fasc. 489, Castel Maggiore, cit., allegati A e B alla seduta della Commissione del 1 (...)
  • 167 Ivi, verbali del comune di Castel Guelfo, Case popolari, seduta del 18 novembre 1910; ivi, busta 40 (...)
  • 168 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 22 febbraio 1912. I sessione 1 (...)
  • 169 G. Gresleri, P. G. Massaretti (a cura di), Norma e arbitrio, cit., p. 180.
  • 170 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 171 E. Bertarelli, Come difendere dagli inquilini le case popolari?, in «Critica Sociale», 1907, pp. 10 (...)
  • 172 Fatte le case bisogna fare gli inquilini, in «Il Comune Moderno», 1912, pp. 551-555.

30L’iniziativa di Baricella fu comunque l’unica a non essere realizzata fra quelle avviate in quegli anni nel Bolognese. Anche le istanze presentate nello stesso periodo dai comuni di Castel Maggiore e Castel Guelfo conseguirono l’avallo della Commissione reale165, seppur dopo aver riformulato il piano di esercizio per porre rimedio alle deficienze riscontrate e contenere di conseguenza le spese alla luce degli opportuni adeguamenti166. Giunte a promuovere il progetto nel 1910, le autorità civiche di tali comuni ebbero dunque modo di guardare ai precedenti di zona, attraverso cui si perpetuava l’esempio di Castelfranco167. Pertanto tali esperienze condivisero vari tratti, ravvisabili non solo nell’appoggio fornito dal prefetto e nella possibilità di attingere alle risorse della Cassa depositi e prestiti168, ma anche nelle caratteristiche conferite alle attività intraprese. A garantire una certa continuità di ordine tecnico fu, oltre a Evangelisti, pure Arturo Natali, ingegnere comunale a Castelfranco, progettista delle case popolari di Castel Maggiore, legato anch’egli al capoluogo, tanto da essere poi responsabile dell’acquedotto di Bologna quale membro dell’ufficio tecnico cittadino169. Pertanto non mancarono analogie anche nelle scelte compiute per la definizione del piano finanziario, con l’adozione di un doppio bilancio per differenziare il periodo di esenzione dalle imposte da quello successivo allo scopo di richiedere inizialmente affitti più bassi, come aveva preferito il comune di Castelfranco. Le maggiori sovrapposizioni si profilarono però nei testi dei regolamenti di gestione, plasmati per lo più sull’esempio di quello redatto a Castelfranco. Se alcuni aspetti come la durata dei contratti di locazione e i termini per il versamento degli affitti derivavano senza dubbio da consuetudini locali, altri erano invece correlati agli obiettivi che le amministrazioni civiche intendevano perseguire, svolgendo fra i propri inquilini anche opera di educazione ai valori della società civile. Il comune di Crevalcore, seguito poi da quello di Castel Maggiore, stabilì ad esempio che le domande per l’assegnazione degli alloggi dovessero essere corredate non solo dallo stato di famiglia, ma anche dal certificato di subita vaccinazione di tutti i membri e dalla prova di aver ottemperato gli obblighi per l’istruzione dei fanciulli. Al contempo era pure previsto di investire il deposito cauzionale in un libretto di risparmio intestato al capofamiglia, autorizzato a ritirarne l’importo alla rescissione del contratto170. Accanto a disposizioni che intendevano favorire forme di emancipazione, se ne affiancavano altre finalizzate semplicemente a diffondere un comportamento corretto sia rispetto alla pulizia e alla conservazione degli alloggi, sia nei rapporti con il vicinato. A partire dalle norme approvate a Castelfranco, tutti i regolamenti contenevano infatti diversi articoli preposti a specificare attività e attitudini assolutamente vietate. Si trattava comunque di problematiche largamente avvertite, al di là dei contesti rurali in cui spesso la vita era scandita dai residui di vincoli arcaici. Le case popolari andavano difese dai loro inquilini, i quali, talora per scarsa educazione, talaltra per ignoranza, necessitavano di essere istruiti all’utilizzo di quel demanio edilizio assicurato da dispendiosi oneri, come evidenziò pure nell’ambito della pubblicistica di orientamento socialista un articolo del medico Ernesto Bertarelli171. «Fatte le case bisogna fare gl’inquilini», secondo il monito avanzato da Giulio Casalini, parafrasando la celebre frase attribuita a Massimo D’Azeglio172.

  • 173 Per una sintesi biografica L. Arbizzani, ad vocem, in F. Andreucci, T. Detti (a cura di), Il movime (...)
  • 174 P.P. D’Attore, La politica, in R. Zangheri (a cura di), Bologna, Laterza, Roma-Bari 1986, pp. 104-1 (...)
  • 175 A. Bertolini, Lo sciopero di Molinella, in «Giornale degli economisti», ottobre 1900, pp. 395-396; (...)
  • 176 P.P. D’Attore, La politica, cit., p. 105; M. Degl’Innocenti, Il movimento socialista, in A. Bersell (...)
  • 177 Cfr. G. Mazzoni, Molinella e Giuseppe Massarenti nell’età giolittiana, in «Movimento operaio e soci (...)
  • 178 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 179 Ivi, verbali della giunta provinciale amministrativa di Bologna, seduta del 23 dicembre 1908.
  • 180 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 181 Ivi, lettera del prefetto di Bologna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici ser (...)
  • 182 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, alla Di (...)
  • 183 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 29 maggio 1909, cit., pp. 451- (...)
  • 184 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)

31Come insegnava sin dall’Ottocento il filantropismo degli industriali e delle iniziative improntate alla morale cristiana, in ambito di case popolari i proprietari avevano obblighi precisi, senza potersi limitare a funzioni di mera esazione economica. Nella vulgata socialista, la costruzione di abitazioni sane si caricava ovviamente di istanze protese a inneggiare al progresso degli umili, rappresentando al contempo una strategia per fornire lavoro in momenti di crisi dovuti ai conflitti con il padronato. Tali propositi furono in parte all’origine del programma edilizio definito nel 1908 dal comune di Molinella, scaturito comunque dal bisogno di sistemare alcune famiglie sgombrate da locali pericolanti. La vicenda che ne seguì si discostò alquanto da quella animata dagli altri centri del Bolognese, in quanto un deciso scarto fu segnato dal temperamento del suo ideatore, il sindaco socialista Giuseppe Massarenti, in grado di spezzare la monotona iterazione degli obblighi burocratici173. Protagonista del cosiddetto socialismo rurale, Massarenti era noto da tempo per l’attività politica svolta, causa di ricorrenti condanne che lo avevano già costretto a riparare più volte all’estero174. Attraverso le sue doti di coordinatore delle rivendicazioni contadine, il territorio di Molinella divenne un epicentro di conflittualità sociale, su cui si concentrava l’attenzione di uomini politici e studiosi di economia175. Massarenti non solo organizzò la resistenza dei braccianti, ma riuscì a coinvolgere pure i mezzadri, affermandosi quale leader della vertenza contro gli agrari, anche nella carica di sindaco a cui assurse nel 1906. Le istituzioni comunali furono infatti tramutate in uno strumento di supporto alla lotta dei lavoratori, secondo quel “trinomio lega-cooperativa-municipio” che portava alle sue estreme conseguenze l’intento diffuso nel municipalismo socialista emiliano di assicurare sostegno alla cooperazione agricola176. Promotore di iniziative per rispondere alle emergenze sociali risentite da una popolazione prevalentemente disagiata, Massarenti inserì la questione abitativa nel programma presentato per le elezioni parziali amministrative del 1908177. Nel mese di novembre, in consiglio comunale fu esposto il progetto per la costruzione di baracche in mattoni da realizzare nella frazione Marmorta, in linea con l’impellente esigenza di mettere a disposizione della cittadinanza diversi alloggi. La necessità di procedere celermente indusse a optare per la gestione in economia178. La giunta provinciale amministrativa espresse parere favorevole, in virtù della provvisorietà del provvedimento, nonché confortata dal fatto che il comune avrebbe costituito l’azienda speciale in caso di incremento del servizio179. Anche il Ministero dell’Interno condivise tale scelta, pur chiedendo al prefetto di “vegliare”, affinché non avvenisse l’esecuzione di altre opere a dispetto degli accordi stabiliti180. Tale decisione confermava dunque la priorità di garantire una scrupolosa applicazione del testo legislativo, senza l’influenza di particolari riserve neppure davanti a un personaggio come Massarenti, ben noto alle autorità di pubblica sicurezza. Nonostante l’urgenza esternata, un anno dopo le case non erano state realizzate e lo stesso prefetto dichiarava di aver insistito invano «allo scopo di togliere di mezzo una causa di continue agitazioni»181. L’evocazione del disordine sociale, di fatto latente a Molinella, dovette spingere l’ufficio ministeriale a sollecitare la Cassa depositi e prestiti per l’erogazione del mutuo che avrebbe consentito all’amministrazione civica di attuare i lavori182. Nel maggio 1909 la Commissione centrale per le case popolari o economiche aveva infatti accordato la somma di lire sessantamila da estinguere in trentacinque anni con il concorso dello stato, ritenendo opportuno riservare tali agevolazioni a un comune che applicava una sovraimposta fondiaria otto volte superiore al limite legale e pure altre tasse in misura notevole, indice alquanto sintomatico dell’espansione conosciuta dalle spese per effetto della politica sociale sostenuta183. Così il comune poté avviare i lavori: nell’estate 1910 le abitazioni risultavano ultimate e la relativa pratica poteva dirsi ormai conclusa184.

  • 185 Ivi, verbali del consiglio comunale di Molinella, Costruzione e gestione delle case operaie del cap (...)
  • 186 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 187 Ivi, copia di lettera del sindaco di Molinella al prefetto di Bologna, 15 novembre 1913.
  • 188 Ivi, lettera del prefetto di Bologna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici ser (...)
  • 189 Ivi, copia di lettera di Emanuele Modigliani a Giovanni Giolitti, 15 dicembre 1913; ivi, minuta di (...)
  • 190 G. Mazzoni, Molinella e Giuseppe Massarenti nell’età giolittiana, cit., p. 339.
  • 191 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 192 Ivi, lettera del sindaco di Molinella al prefetto di Bologna, 6 marzo 1914.
  • 193 Ivi, Comune di Molinella, Municipalizzazione delle case popolari ed operaie in Molinella (costruzio (...)
  • 194 Ivi, busta 3, fasc. 13, cit., seduta del 16 settembre 1914.
  • 195 Ivi, busta 42, fasc. 517, Molinella, cit., allegati A e B alla seduta del 16 settembre 1914.
  • 196 F. S. Solari, Lotte agrarie a Molinella: 1905-1915, in «Storia contemporanea», 1978, n. 5-6; C. Pel (...)
  • 197 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)

32Tuttavia nella primavera 1913, il consiglio comunale di Molinella deliberò la costruzione di altri caseggiati, con il proposito di espletare entro due anni l’iter per l’azienda speciale. Lo stesso Massarenti non esitava ad appellarsi alle ripercussioni che il rifiuto del progetto avrebbe senz’altro provocato, richiamando le agitazioni che nel 1909 avevano accompagnato gli sfratti eseguiti manu militari contro alcuni braccianti185. Il Ministero dell’Interno si dichiarò contrario a procrastinare la regolarizzazione del servizio, mentre il prefetto segnalava pure «osservazioni di indole igienica», dato che erano previste latrine collettive esterne alle abitazioni186. A tali critiche replicò Massarenti in una lettera indirizzata al prefetto di cui fu inoltrata copia. Le sue parole attaccavano innanzitutto le «formalità volute dalla legge sulle municipalizzazioni, formalità che sembra[vano] studiate apposta per far perdere del tempo; stancare la pazienza e fiaccare l’energia di chi [voleva] fare qualche cosa di utile e di serio». Altrettanto perentorio era il giudizio sulle modifiche tecniche richieste, supplicando a questo proposito la benevolenza del prefetto187. Forse preoccupato dalla prospettiva di ulteriori agitazioni, quest’ultimo non si dichiarò contrario alla proposta188. L’ufficio ministeriale non ritenne invece che sussistessero motivi per consentire deroghe, respingendo anche le sollecitazioni ricevute in tal senso dall’onorevole Giuseppe Emanuele Modigliani, deputato socialista del collegio189. Pertanto non sortì effetto alcuno nemmeno la missiva che, nel marzo 1914, Massarenti rivolse direttamente al Ministero dell’Interno, come era solito fare al fine di patrocinare gli interessi di Molinella190. Egli presentava così un nuovo progetto, insistendo nuovamente per la gestione in economia191. Ancora una volta le sue asserzioni tentavano di far leva sullo spauracchio dell’inquietudine sociale, secondo quanto posto in evidenza pure in una comunicazione inviata contestualmente al prefetto192. Tuttavia, dinanzi all’irremovibilità degli organi di competenza, il consiglio comunale avviò nel mese seguente le pratiche per l’impianto dell’azienda193. L’ufficio ministeriale compose una lunga relazione che recava nell’incipit riflessioni e dati desunti dai risultati dell’ultimo censimento, senza dubbio nell’intento di giustificare la proposta di un piano di esercizio in evidente deficit. In effetti tale aspettò suscitò qualche perplessità in seno alla Commissione reale, benché a favore del progetto intervenissero il relatore Piacentini, Graziani dell’ufficio ministeriale e lo stesso Pironti, inclini a sostenerne l’approvazione per ragioni di ordine sanitario, altrimenti non sarebbe stato possibile dichiarare inabitabili molte case malsane esistenti nel paese194. Tali osservazioni convinsero gli altri membri, ma il referendum previsto per il 20 dicembre 1914 non ebbe luogo per decisione del commissario straordinario che nel frattempo aveva assunto le redini dell’amministrazione195. Sul principio di ottobre, l’arrivo di squadre di crumiri dal Veneto per contrastare la protesta dei mezzadri aveva dato luogo a scontri finiti nel sangue in frazione Guarda, provocando lo scioglimento del consiglio comunale e la fuga di Massarenti nella repubblica di San Marino196. In seguito alle rimostranze di Modigliani per la soppressione del referendum, il sottosegretario di stato del Ministero dell’Interno interpellò il prefetto, il quale dimostrò una percezione assolutamente politica e per nulla sociale dell’iniziativa, per altro con l’intenzione di snaturarne il senso197.

  • 198 C. Pelino, L’ordine pubblico nell’età giolittiana, cit., p. 403-406.
  • 199 M. Saija, I prefetti italiani nella crisi dello stato liberale, vol. I, cit., p. 121, nota 15.
  • 200 G. Ferro, Massarenti il riformista, Opere Nuove, Roma 1990, pp. 90-99.
  • 201 Come recitava il titolo di un pamphlet di Mario Missiroli, P.P. D’Attore, La politica, cit., p. 107
  • 202 Una “Città del sole” in Romagna. L’opera dei socialisti a Molinella, in «La Riforma Sociale», 1916, (...)
  • 203 E. Bassi, N.S. Onofri, Francesco Zanardi il sindaco del pane, La Squilla, Bologna 1976.
  • 204 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 205 Cfr. F. Cazzamalli, L’avventura di Giuseppe Massarenti (per la libertà e la dignità del cittadino),(...)

33L’avvento di Salandra aveva infatti determinato la destituzione di Dallari, ormai inviso alla classe dirigente bolognese e soprattutto agli agrari198, sostituito da Vincenzo Quaranta che, come si vedrà più avanti, era stato egli stesso in altra sede promotore di case popolari municipali. Negli anni precedenti, Quaranta si era segnalato presso l’ufficio di Potenza, collaborando proficuamente all’applicazione della legge speciale per la Basilicata varata nel 1904, lavoro che gli consentì di legare un saldo rapporto con Nitti dal quale sarebbe stato nominato direttore generale della Pubblica sicurezza nel 1919199. A Bologna avversò l’organizzazione socialista, incarnando quell’ideale di “funzionario energico” da tempo atteso dal padronato, con l’obiettivo di smantellare il tessuto associazionistico creato da Massarenti, il punto di forza della resistenza molinellese che sarebbe stato disgregato compiutamente solo dalla repressione fascista200. L’operato di Quaranta si attestò in piena coerenza con la campagna animata dalla stampa contro Massarenti dopo i fatti di Guarda, stigmatizzando Molinella nei termini di una pericolosa “baronia rossa” definita sarcasticamente la «repubblica degli accattoni»201. A riecheggiare tali assunti fu anche la redazione de «La Riforma Sociale», apertamente ostile al programma attuato dai socialisti di Molinella202. Tuttavia nel corso del 1914, l’anno in cui Massarenti fu costretto a riparare in territorio sanmarinese, il tramonto dell’opera socialista a Molinella risultò controbilanciato dal rinnovo delle cariche nel capoluogo, con l’insediamento dell’amministrazione guidata da Francesco Zanardi, il sindaco del pane203. Inoltre, scagionato dalle accuse, Massarenti rientrò a Molinella nel 1919, diventandone nuovamente sindaco: il programma per le case popolari municipali fu così portato a compimento, per altro con la possibilità della gestione in economia204. L’esperienza proseguì per qualche anno, finché il potere fascista allontanò Massarenti dalla sua terra, sino a interdirne la persona in manicomio con la diagnosi infondata di pazzia, provvedimento che annullò l’esercizio dei diritti civili, di cui richiese invano il recupero alla Repubblica205.

  • 206 L. Grossi, Carlo Grossi. Una vita lunga un secolo, Baraldini, Finale Emilia 2009.
  • 207 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 208 Come fu stabilito dalla Commissione reale in adunanza riservata del 19 giugno 1910, ivi, allegato E (...)
  • 209 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 16 novembre 1910, cit., pp. 11 (...)
  • 210 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 13 giugno 1912. III sessione 1 (...)
  • 211 Ivi, lettera del prefetto di Modena al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici serv (...)
  • 212 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 213 Ivi, lettera della Lega nazionale delle cooperative italiane al Ministero dell’Interno, 29 luglio 1 (...)
  • 214 Ivi, Relazione al ministro, 6 dicembre 1915; ivi, allegati A e B alla seduta della Commissione real (...)
  • 215 Ivi, busta 117, fasc. 1527, Finale nell’Emilia, cit., lettere del prefetto di Modena al Ministero d (...)
  • 216 Ivi, Relazione al ministro, 2 marzo 1920; allegato A alla seduta della Commissione reale del 10 apr (...)

34Persino nel caso di Molinella, la posizione degli organi ministeriali non si era stagliata sullo sfondo di sospetti politici, anzi l’inquietudine del contesto aveva semmai contribuito ad accoglierne l’istanza. Quella di Molinella era comunque destinata a rimanere una vicenda singolare nell’intero panorama della municipalizzazione edilizia coeva. Per effetto di altre circostanze, una pratica piuttosto articolata fu quella promossa negli stessi anni da Finale nell’Emilia, comune della Bassa modenese, in cui il problema delle abitazioni, pur discusso da tempo, divenne oggetto di intervento nel 1906. In quell’anno si insediò infatti la maggioranza presieduta da Carlo Grossi, primo sindaco socialista di Finale, fondatore e preside del locale liceo pubblico, nonché appassionato di letteratura dalle velleità poetiche206. In consiglio comunale sedeva anche il deputato socialista Gregorio Agnini, il quale si occupò di caldeggiare l’iniziativa presso il Ministero dell’Interno. Nonostante le similitudini con i progetti attuati a Castelfranco e Crevalcore, l’ufficio ministeriale annotò che in confronto il piano predisposto a Finale mancava «alquanto di slancio, spingendo la preoccupazione finanziaria oltre ogni ragionevole motivo»207. Su invito del relatore Magaldi, nella seduta del 2 maggio 1910, la Commissione reale approvò comunque il progetto, vincolandone il proseguo all’adozione di alcune modifiche che il consiglio comunale non tardò a deliberare, tanto da poter ottenere la ratifica referendaria nel luglio successivo208. Due anni dopo le costruzioni non erano state però ultimate, dato che, pur avendo ottenuto un mutuo di lire cinquantasettemilaseicento dalla Cassa depositi e prestiti con il concorso dello stato, gli aumenti intervenuti non avevano permesso di appaltare i lavori209. Il comune richiese così altri fondi, in relazione a un nuovo progetto che però modificava in maniera radicale il precedente piano finanziario, inducendo la Commissione centrale per le case popolari o economiche a rimettere la questione al Ministero dell’Interno210. A quel punto il comune fu costretto a ripetere la procedura, in quanto l’opportunità di un secondo prestito venne subordinata alla regolarizzazione degli atti211. Durante l’istruttoria, l’ufficio ministeriale dovette compiere alcuni accertamenti, essendo pervenuta una segnalazione della locale tenenza dei carabinieri da cui risultavano nelle case già realizzate inquilini insolventi212. Frutto in realtà di un equivoco, tali indicazioni concorsero a diluire ulteriormente i tempi, tanto che intervenne addirittura la Lega nazionale delle cooperative per sollecitare l’evasione della pratica e permettere al comune di liquidare la cooperativa fra muratori assuntrice dei lavori213. La Commissione reale si espresse sul finire del 1915, chiedendo un adeguamento dei canoni214, benché il sindaco e il prefetto reputassero sconveniente apportare aumenti nella difficile congiuntura del conflitto215. Ancora nel primo dopoguerra la situazione appariva insoluta: il Ministero continuava a ribadire la necessità di ottemperare le indicazioni impartite, a cui di fatto era stato vincolato l’accesso al mutuo216.

  • 217 Ivi, busta 185, fasc. 2168, Ravenna, case popolari, 1908-1922. La costruzione delle case era stata (...)
  • 218 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 219 Ivi, lettere del prefetto di Ravenna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici ser (...)
  • 220 Ivi, busta 183, fasc. 2139, Brisighella, case popolari, 1909-1910, lettera del prefetto di Ravenna (...)
  • 221 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 222 Comune di Faenza, Comitato per le case popolari, Inchiesta sulle abitazioni degli operai, Premiata (...)

35Le valenze di natura sociale connaturate alla costruzione di case popolari finivano dunque per essere annullate dalla cieca burocrazia ministeriale, nella priorità di garantire la piena osservanza delle disposizioni di legge. Lo scoglio del procedimento solenne condizionò non poco l’esito delle iniziative promosse intorno al 1910 nel Ravennate. In concomitanza con la rinuncia a promuovere un apposito progetto da parte dell’amministrazione del capoluogo217, un’analoga decisione scaturì in provincia dal consiglio comunale di Cotignola, dopo che, su indicazione del Ministero dell’Interno, la giunta provinciale amministrativa aveva respinto le deliberazioni per la gestione del servizio in economia218. Anche le ristrettezze del bilancio avevano indotto a desistere da tali propositi, poi realizzati nel primo dopoguerra219. Inizialmente pure il prefetto aveva ritenuto che l’istanza potesse essere accolta, sull’esempio di quanto avvenuto nel vicino comune di Brisighella, autorizzato all’assunzione del servizio in economia allo scopo di attuare la demolizione di un quartiere pericolante e malsano220. Le difficoltà incontrate sconfortarono anche l’amministrazione clerico-moderata di Faenza, propensa così a costituire un ente autonomo, ma poi convinta che i fervori edilizi animati dai privati e le opere di miglioramento apportate all’abitato avessero in gran parte placato la richiesta di case221. Eppure, qualche anno prima, i problemi connessi alla carenza di abitazioni per i meno abbienti erano stati oggetto di un’accurata indagine, una delle più complete fra quelle eseguite all’epoca222.

  • 223 L. Lotti, I deputati di Lugo tra la fine del secolo XIX e la prima guerra mondiale, in «Studi romag (...)
  • 224 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 225 Ivi, Relazione al ministro, 10 ottobre 1909; ivi, allegati A e B alle sedute della Commissione real (...)
  • 226 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 10 novembre 1911. III sessione (...)
  • 227 Il referendum si era svolto il 10 luglio 1910 e su 3.796 elettori, risultarono 1.020 votanti, di cu (...)
  • 228 Ivi, Relazioni al ministro, 16 marzo 1911, 3 giugno 1911; ivi, allegati C e D alla seduta della Com (...)
  • 229 Ivi, seduta del 25 luglio 1911; ivi, busta 185, fasc. 2158, Lugo, cit., Relazione al ministro, 19 l (...)
  • 230 Ivi, busta 182, fasc. 2133, Alfonsine, case popolari, 1911-1921, copia di lettera della prefettura (...)
  • 231 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 232 Ivi, lettere del prefetto di Ravenna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici ser (...)
  • 233 Ivi, Relazione al ministro, 4 maggio 1912; ivi, allegati A e B alla seduta della Commissione reale (...)
  • 234 D. Bolognesi, P. Morigi, La Camera di Commercio di Ravenna (1866-2002). Un’istituzione al servizio (...)
  • 235 Il referendum si svolse il 23 febbraio 1913: su 1.202 elettori si registrarono 525 voti favorevoli, (...)
  • 236 Commissione centrale per le case popolari o economiche. III sessione 1913. Adunanza 29 maggio 1913,(...)
  • 237 Commissione centrale per le case popolari o economiche. V sessione 1913. Adunanza 11 luglio 1913, i (...)
  • 238 Cfr. la corrispondenza intrattenuta nel 1921, ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comun (...)

36Probabilmente a turbare le amministrazioni della zona era l’esempio di Lugo, costretto a presentare il piano tecnico-finanziario al cospetto della Commissione reale per ben cinque volte, nonostante il patrocinio del deputato del collegio Umberto Brunelli223. Quello di Lugo rimase comunque un primato indiscusso nel settore della municipalizzazione delle case popolari, benché il comune si fosse «sempre mostrato remissivo ai suggerimenti ministeriali»224. A causa delle modifiche richieste225, il progetto giunse a essere realizzato quando i costi previsti erano ormai inadeguati, imponendo una revisione dei suoi presupposti, a partire da un congruo aumento all’importo del mutuo226. Nel frattempo il referendum era stato espletato227, ponendo agli organi di competenza il dilemma dell’iterazione della procedura228. Su indicazione dell’ufficio ministeriale, il comune ne fu però dispensato229. Indisciplinata fu invece la condotta del comune di Alfonsine, in cui l’edificazione di nuove case fu appoggiata prontamente dalla prefettura affinché fosse decretata la scomparsa dell’indecente rione Sabbioni230. Nel 1911 il sindaco Giuseppe De Maria aveva promosso un apposito progetto, senza ottenere l’autorizzazione al servizio in economia, come era stato richiesto sull’esempio di Molinella231. Tuttavia, nel corso dell’anno successivo, il commissario prefettizio al quale era stata affidata l’amministrazione riferì che risultavano già affittati alcuni alloggi costruiti all’insaputa dell’autorità tutoria. Oltretutto i lavori erano stati affidati a una delle locali cooperative fra muratori, a cui il comune aveva assegnato cambiali per la somma di lire ventimila, nonché la gestione dello stabile, in attesa del mutuo della Cassa depositi e prestiti. Interpellato a questo riguardo, l’ex-sindaco confermò le inconsuete modalità seguite, richiamando le sollecitazioni ricevute dalla prefettura per il risanamento dell’abitato232. Rassegnata alla Commissione reale, la proposta fu oggetto di alcune osservazioni, a cui volle attenersi la nuova amministrazione233 capeggiata dal sindaco socialista Camillo Garavini, legato agli ambienti della cooperazione animati da Nullo Baldini, poi presidente della Camera di Commercio di Ravenna e figura dell’antifascismo romagnolo, nonostante l’atteggiamento ambivalente mantenuto durante il ventennio234. Nel dicembre 1912 il comune fu pertanto autorizzato all’impianto dell’azienda235, ma l’anno seguente la Commissione centrale per le case popolari o economiche attaccò il programma definito per il fatto che l’entità dei canoni di affitto lasciava dubitare del carattere effettivamente popolare delle abitazioni236. In realtà le pigioni erano state elevate su richiesta della Commissione reale, cosicché, dopo i debiti chiarimenti, fu possibile ottenere il mutuo237. L’amministrazione fece in tempo a regolarizzare l’attività prima che i disordini della settimana rossa provocassero lo scioglimento del consiglio comunale. Ancora sindaco nel primo dopoguerra, Garavini ampliò il servizio con la realizzazione di nuove costruzioni238.

  • 239 A. Gianolio, Sant’Ilario d’Enza dall’unità d’Italia alla liberazione. Storia e cronaca, Sant’Ilario (...)
  • 240 M. Degl’Innocenti, Il comune nel socialismo italiano, cit., p. 14.
  • 241 A. Gianolio, Sant’Ilario d’Enza dall’unità d’Italia alla liberazione, cit., pp. 150-152.
  • 242 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 243 Ivi, lettera del prefetto di Reggio Emilia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubbli (...)
  • 244 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 22 febbraio 1912, cit., pp. 17 (...)

37Come attesta la vicenda del comune di Alfonsine, le due commissioni deputate a disciplinare gli sviluppi del settore muovevano da presupposti non pienamente compatibili. La scrupolosità impiegata nella valutazione degli aspetti finanziari da parte del Ministero dell’Interno finiva però per ritardare l’attuazione dei piani, penalizzando talora l’impegno degli stessi promotori, secondo la lezione imparata dal comune di Lugo. Al contempo le norme contenute nella circolare 10 marzo 1909 avvaloravano l’interpretazione fornita a vantaggio dell’azienda speciale, cosicchè diverse amministrazioni dell’area padana non tentarono neppure di richiedere la gestione in economia, deliberando sin dal principio il servizio tramite azienda speciale. Così avvenne a Sant’Ilario d’Enza, borgo della provincia di Reggio Emilia, alla cui guida figurava dal 1909 Valdo Spaggiari, primo sindaco socialista239. Sotto la sua egida, l’amministrazione definì un programma ambizioso, finalizzato a trasformare il paese in un moderno centro urbano scevro di anacronistiche reminescenze, in cui non è difficile ravvisare un’eco di quel “laboratorio sperimentale” organizzato nel capoluogo che costituiva un punto di riferimento per il socialismo italiano240. Fra gli obiettivi prioritari comparivano l’impianto dell’acquedotto, il servizio dell’energia elettrica e la realizzazione di edifici per le scuole pubbliche, oltrechè il miglioramento igienico dell’abitato, in cui rientrava il problema delle abitazioni popolari. In un primo tempo, all’edificazione dei caseggiati fu destinata simbolicamente una somma pari a quella prevista dalla precedente amministrazione per il nuovo campanile, provvedimento piuttosto discusso che aveva provocato la crisi del blocco clerico-moderato241. L’intervento del comune era reso necessario dalle pessime condizioni che segnavano l’area urbana, tanto che l’«unico rimedio sarebbe [stato] di seguire l’esempio di Nerone incendiando questi agglomerati di case, contenenti microbi e micrococchi da infestare il mondo intero»242. Il programma elaborato a Sant’Ilario d’Enza non tardò a essere approvato: giunto all’ufficio ministeriale sul principio del 1911, ottenne il parere favorevole della Commissione reale nel mese di settembre, dopo esserne stata richiesta la modifica243. Pochi mesi dopo il comune fu autorizzato a contrarre un mutuo di lire centodiecimila con la Cassa depositi e prestiti, sostenuto dal «patrio governo» come auspicato dal sindaco244.

  • 245 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 246 Ivi, Relazione al ministro, 7 giugno 1913; ivi, allegato D alla seduta della Commissione reale del (...)
  • 247 Ivi, busta 189, fasc. 2247, Montecchio, cit., Relazione al ministro, 24 aprile 1914.
  • 248 Ivi, busta 3, fasc. 10, cit., seduta del 7 giugno 1911.
  • 249 Ivi, busta 189, fasc. 2247, Montecchio, cit., Relazione al ministro, 7 giugno 1913.
  • 250 Ivi, verbali del consiglio comunale di Montecchio, Case popolari. Provvedimenti tecnici ed economic (...)
  • 251 Saporetti fu in carica sino al 1920; inviso ai fascisti fu più volte aggredito, G. Cavalli, Il cont (...)
  • 252 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)

38Nell’aprile 1914 il prefetto di Reggio Emilia riferì però che nel comune di Sant’Ilario d’Enza diversi alloggi municipali erano rimasti sfitti, nell’intento di favorire l’esito positivo della pratica avviata a Montecchio Emiliano245. La Commissione reale aveva infatti respinto il progetto, reputando elevato il costo delle costruzioni, al punto che sarebbe stato possibile raggiungere il pareggio del bilancio solo attraverso canoni di affitto parecchio superiori alle tariffe locali246. Secondo l’ufficio ministeriale, le case di Sant’Ilario erano poco ricercate anche per l’aspetto “a casermone”247. In sede di Commissione reale, la scelta di tale tipologia era stata contestata da Magaldi, convinto che le casette isolate fossero più confacenti alle peculiarità del contesto. I maggiori costi che ne sarebbero derivati avevano provocato invece l’opposizione di Piacentini ed era dovuto intervenire il presidente Scamuzzi per porre fine al concitato confronto248. I motivi che avevano indotto a respingere il progetto di Montecchio erano lontani dalle valutazioni espresse sulle case di Sant’Ilario: gli stabili presentavano all’esterno un «carattere piuttosto borghese che operaio»249. Nel giugno 1914 la Commissione reale approvò comunque il programma definito, rimasto quasi invariato rispetto alla prima redazione250. Nel mese seguente l’avvento dell’amministrazione guidata dal sindaco cattolico Lorenzo Saporetti251 decretò l’abbandono del progetto, la cui paternità si doveva alla giunta popolare del precedente sindaco Giovanni Pedrini che dai banchi della minoranza tentò invano di opporsi252.

  • 253 Ivi, busta 187, fasc. 2240, Cavriago, case popolari, 1909-1922; ivi, busta 3, fasc. 9, cit., seduta (...)
  • 254 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 10 novembre 1911, cit., pp. 13 (...)
  • 255 Il comune preferì agevolare l’iniziativa privata, ivi, busta 188, fasc. 2242, Guastalla, case popol (...)
  • 256 Roversi era divenuto sindaco nel 1902 al posto di Gaetano Chierici, altro esponente del socialismo (...)
  • 257 Verbali del consiglio comunale di Reggio Emilia, Costruzione di case popolari, seduta del 29 aprile (...)
  • 258 Ivi, Relazione della Giunta comunale di Reggio Emilia sul progetto di costruzione di case popolari (...)
  • 259 S. Magagnoli, Élites e municipi, cit., p. 127.
  • 260 A. Gianolio, La municipalizzazione a Reggio Emilia fra progresso e reazione, cit., pp. 370-376; E. (...)
  • 261 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 262 Ivi, verbali della giunta provinciale amministrativa di Reggio Emilia, seduta del 13 luglio 1908.
  • 263 Ivi, telegramma di Giuseppe Micheli a Luigi Facta, 21 luglio 1908 e relativa risposta del giorno su (...)
  • 264 Ivi, verbali della giunta provinciale amministrativa di Reggio Emilia, seduta del 13 luglio 1908, c (...)

39In provincia di Reggio Emilia, la complessità del procedimento solenne fu anche affrontata dal comune di Cavriago, l’unico caso in cui gli atti prodotti non sono conservati nella relativa pratica, nonostante il progetto fosse stato esaminato dalla Commissione reale253. In realtà l’impianto dell’azienda era stato necessario al fine di regolarizzare il servizio, avviato nel 1907 con la costruzione di undici casette gestite in economia e poi ampliato con un edificio a tre piani254. Le lungaggini burocratiche disincentivarono invece l’iniziativa del comune di Guastalla, dopo il diniego del Ministero dell’Interno alla gestione in economia255. Circostanze alquanto peculiari si delinearono nel capoluogo, dove la costruzione di case popolari fu promossa nel 1908 dai socialisti del sindaco Luigi Roversi, assurti nuovamente alla guida del comune dopo l’intermezzo della maggioranza clerico-moderata che nel periodo 1905-1907 ne aveva spezzato l’egemonia instaurata in apertura di secolo256. Il progetto prevedeva la costruzione di quarantotto appartamenti, prima sezione di un ampio complesso da erigere sull’a-rea occupata dall’ex-convento di Sant’Ilario, di cui era stata disposta la demolizione insieme all’annessa chiesa257. La prospettiva delle case per il popolo sulle macerie di tali luoghi, benché ormai adibiti ad altri usi, sollevò la reazione di una parte della cittadinanza, dietro cui si celava con ogni probabilità l’azione della “grande armata”, l’alleanza fra cattolici e moderati insorta contro la politica municipalista dei socialisti. In effetti si trattava di una scelta dalla forte pregnanza simbolica, nell’intento di portare, laddove gravava «da secoli la tristezza ed il silenzio claustrale, un soffio di vita rinnovatrice»258. All’indomani della riconquista del comune, tali provvedimenti riprendevano gli studi compiuti in precedenza, quando era stata avviata un’inchiesta sulle abitazioni, da cui erano emersi dati preoccupanti che rendevano “assiomatico” l’intervento municipale a favore dei disagiati. Nonostante le osservazioni avanzate in prima istanza, la giunta provinciale amministrativa approvò la delibera con cui era stata stabilita la costruzione delle case popolari, senza cedere questa volta alle pressioni degli interessi privati, come era accaduto invece agli inizi del secolo per l’assunzione del servizio farmaceutico259. L’iniziativa edilizia si collocava infatti entro gli orizzonti di un organico programma di municipalizzazione che, oltre all’appena citata farmacia, includeva le officine del gas e dell’elettricità, il mulino per la panificazione, lo stabilimento del ghiaccio e delle celle frigorifere per migliorare il macello pubblico, accanto ad attività tradizionalmente svolte dai comuni come la pulizia stradale e il trasporto funebre260. Falliti gli esposti inoltrati all’autorità tutoria, gli oppositori allertarono il Ministero dell’Interno, dato che un’«ibrida maggioranza tra elementi governativi e socialisti» formatasi in seno alla giunta provinciale amministrativa aveva approvato la municipalizzazione delle case popolari261. L’autorità tutoria aveva anche respinto la mozione presentata da Alberto Morandi, esponente dei moderati reggiani, al fine di esortare il comune alla vendita del complesso di Sant’Ilario, utilizzando il denaro ricavato per acquistare un’altra area fabbricabile262. A inquietare non erano dunque le case popolari, bensì l’ubicazione prevista, insomma la sostituzione di un emblema del potere religioso con un manifesto che sembrava inneggiare all’avvento del collettivismo. Concentrato a garantire la corretta applicazione della legge, l’operato del Ministero non si lasciò scalfire dalla sovrapposizione di metafore agitata, senza accogliere neppure l’istanza inviata al sottosegretario Facta dal deputato cattolico Micheli263. Come osservò la giunta provinciale amministrativa, il progetto non presupponeva «una importanza troppo rilevante» e pertanto poteva essere autorizzata la gestione in economia264.

  • 265 Ivi, verbali del consiglio comunale di Reggio Emilia, Costruzione di case popolari, seduta del 23 a (...)
  • 266 Ivi, Costruzione di case popolari, seduta del 25 gennaio 1910; ivi, lettera del prefetto di Reggio (...)
  • 267 Ivi, allegati C e D alla seduta della Commissione reale dell’8 ottobre 1910; ivi, busta 3, fasc. 9, (...)
  • 268 Ivi, busta 191, fasc. 2263, Reggio Emilia, cit., Relazione al ministro, 28 luglio 1910.
  • 269 Ivi, lettera del prefetto di Reggio Emilia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubbli (...)
  • 270 Ivi, lettera del prefetto di Reggio Emilia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubbli (...)

40Nell’anno seguente, il consiglio comunale approvò la realizzazione nel suburbio di otto stabili di «fabbricato rurale operaio» contenenti ciascuno venti alloggi, dotati di latrine, soffitte e di un locale esterno con lavanderia, forno e porcili265. L’incremento dell’attività determinò la richiesta dell’azienda speciale, a cui il comune non tardò a uniformarsi266. Nell’autunno 1910, la Commissione reale richiese però un completamento dell’istruttoria, in quanto non risultava adeguatamente documentata la necessità delle costruzioni, oltre al fatto che le carenze individuate nel piano finanziario avrebbero determinato un consistente deficit267. Al fine di valutare l’iniziativa, gli organi ministeriali avevano pure reputato utile l’esame dell’andamento economico del servizio già svolto, a cui si era opposto il comune, lasciando supporre esiti non soddisfacenti, come indicava in parte una nota prefettizia268. Tuttavia, nei mesi seguenti, non pervennero ulteriori notizie, tanto che lo stesso prefetto invitò l’ufficio ministeriale a «desistere da altre sollecitazioni»269. D’altronde il piano tecnico-finanziario risaliva a qualche anno prima e la sua attuazione ne avrebbe dunque comportato una radicale modifica270.

  • 271 Ivi, busta 102, fasc. 1247, Sermide, case popolari, 1911-1922, lettera del prefetto di Mantova al M (...)
  • 272 Cfr. Le case popolari di Sermide, Taddei-Soat, Ferrara 1911.
  • 273 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 274 Ivi, lettere del presidente della Società anonima cooperativa per la costruzione di case popolari i (...)
  • 275 Ivi, lettera del presidente della Società anonima cooperativa per la costruzione di case popolari i (...)
  • 276 Ivi, lettere del sindaco di Sermide al prefetto di Mantova, 14 e 30 giugno 1911.
  • 277 Ivi, lettera del prefetto di Mantova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici ser (...)
  • 278 Ibid.
  • 279 Ivi, Le case popolari di Sermide. La verità innanzi tutto, in “Gazzetta di Mantova”, 2 luglio 1911;(...)
  • 280 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 281 Ivi, busta 163, fasc. 1889, Borgo San Donnino, case popolari, 1911.
  • 282 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 10 novembre 1911, cit., pp. 13 (...)
  • 283 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)

41La peculiarità della vicenda di Reggio Emilia richiamava per taluni versi l’esperienza di un centro minore come Sermide in provincia di Mantova, protagonista di un caso piuttosto singolare. Nell’estate 1911, il prefetto inoltrò gli atti del comune al Ministero dell’Interno, corredati di documenti relativi al ricorso intentato dalla locale cooperativa per la costruzione di case popolari legata agli ambienti cattolici271. Fondata nel 1903, la cooperativa non aveva conosciuto inizialmente particolare sviluppo, finché non era stato abolito il divieto di accogliere soci non professanti fede cattolica, fissando solamente la norma di non ammettere quanti fossero contrari ai principi dello statuto e delle istituzioni del regno272. Divenuto socio, il comune aveva acquistato da tale organismo non solo un gruppo di case di cui aveva assunto la gestione in economia, ma anche un terreno su cui intendeva di realizzare nuove costruzioni273. Tale decisione aveva innescato le proteste della cooperativa, intenzionata a rientrare in possesso dell’area per provvedere all’edificazione, sentendosi esautorata delle sue funzioni274. A fronte del riscontro negativo ottenuto, i dirigenti della cooperativa e i membri della Società agraria avevano rivolto una petizione alla giunta provinciale amministrativa, al fine di scongiurare la ratifica delle delibere relative alla costruzione delle case popolari275. A detta dei sostenitori dell’istanza, i propositi del comune risultavano illegittimi per via dell’a-zione svolta dalla cooperativa, ma, come aveva precisato il sindaco, quest’ultima aveva realizzato pochi appartamenti, mentre il comune doveva provvedere a tutti i cittadini, cosicché sarebbe stato «veramente assurdo che dovesse cedere il proprio terreno a prezzo di costo (cioè di favore), per poi dover espropriare a caro prezzo per sopperire ai bisogni suddetti!»276. A tale conclusione si associavano anche i funzionari dell’ufficio ministeriale, tanto da apporvi a lato l’annotazione «giusto». La controversia aveva però assunto una connotazione essenzialmente politica, in quanto l’amministrazione civica era retta dai socialisti e la società per le case popolari era invece legata agli ambienti conservatori277. La giunta provinciale amministrativa aveva comunque approvato gli atti del comune, «basandosi su queste considerazioni principalmente: che era indiscussa e comprovata la necessità di nuovi alloggi per le classi meno abbienti, che la società non poteva soddisfare al bisogno mancandole l’area fabbricabile, che in niun modo il comune poteva essere costretto a cedere l’area stessa»278. La diatriba si era anche estesa alle colonne della “Gazzetta di Mantova”, su cui il consiglio di amministrazione della cooperativa aveva protestato contro l’operato del comune e della giunta provinciale amministrativa279. Al tempo delle transazioni tra il comune e la cooperativa era già in carica l’amministrazione socialista del sindaco Ascanio Fioravanzi, destinato a scomparire nell’autunno 1911, lasciando la questione in eredità al successore Oreste Gulinati. Non diversamente da quanto accaduto in analoghe circostanze, l’ufficio ministeriale non parve affatto turbato dalla protesta che si era consumata a livello locale, limitandosi a richiedere l’avvio della procedura per l’azienda speciale, in cui sarebbero dovute confluire anche le case esistenti280. Il servizio delle case popolari non rientrava fra quelli che potevano essere riscattati a norma di legge, pertanto l’acquisto di stabili da adibire a tale scopo prefigurava una vera e propria assunzione tenuta a svolgersi secondo la procedura prescritta, come fu spiegato in quel periodo anche al deputato socialista Agostino Berenini che si era interessato per conto del comune di Borgo San Donnino, attuale Fidenza281. Nonostante le sollecitazioni del Ministero, la difficoltà di riunire i due terzi dei consiglieri comunali di Sermide procrastinò la regolarizzazione degli atti, tanto che la Commissione reale poté esprimersi solo nel 1916, quando le case erano ormai abitate. Nel frattempo, in considerazione dell’urgenza proclamata, l’ufficio ministeriale aveva infatti autorizzato il comune a ottenere un mutuo di lire quarantamila dalla Cassa depositi e prestiti con il concorso dello stato282. Tuttavia l’amministrazione non si uniformò alle prescrizioni ricevute, proseguendo nella gestione in economia, poi riconosciuta nel primo dopoguerra283.

42Come si approfondirà più avanti, gli eventi che si erano verificati a Reggio Emilia e Sermide rimasero fra i pochi esempi in cui la municipalizzazione edilizia fu causa di contestazione da parte della cittadinanza. Le polemiche di cui era oggetto la materia sembravano per lo più circoscritte entro i confini di un piano meramente teorico, nutrito per lo più dal confronto forbito fra uomini politici, giuristi ed esperti di finanza, all’insegna di disquisizioni che prevedevano l’apporto della cultura tecnica. Anche sotto questo punto di vista l’organizzazione dell’edilizia popolare rifletteva lo scollamento fra paese reale e paese legale, in quanto i primi a essere esclusi dal dibattito sull’argomento erano coloro che ne avrebbero dovuto sostenere i relativi oneri. Assumeva così un valore non prettamente demagogico la consultazione referendaria, suggello del procedimento solenne votato a coinvolgere, o quanto meno sensibilizzare, la coscienza civile dei cittadini. All’enfasi retorica che pervadeva spesso la riflessione delle classi dominanti si contrapponeva però l’urgenza di abitazioni adeguate per i meno abbienti, oltreché la necessità di provvedere al rinnovamento dei centri abitati.

  • 284 Sulla persistenza di tali stereotipi nei tratti talora anacronistici dell’iconografia dell’Italia a (...)
  • 285 Inaugurato a Parigi nel 1841 da Eugène Sue, il romanzo dei “misteri” accolse l’intento di denunciar (...)
  • 286 Sulla figura di Franti quale prototipo dell’individuo portato a delinquere A. Asor Rosa, La cultura(...)

43Nel composito corollario di indagini e documenti finalizzati a dimostrare l’esigenza delle case si stagliava dunque l’altra faccia della medaglia, quella della desolante miseria che dilagava nel patrimonio edilizio nazionale quale pubblico ludibrio nel paese delle belle arti, di cui non a caso continuavano a essere celebrate le glorie del grand tour284. Nell’immaginario della creazione letteraria, la fatiscenza urbana non si prestava a sublimazioni estetizzanti, né tanto meno a ospitare percorsi di redenzione, come quelli di cui erano protagonisti nella realtà d’oltremanica i personaggi della Coketown di Tempi difficili o il piccolo Oliver Twist. I grumi di sfacelo rimasti intatti in alcune città definivano lo scenario dei torbidi intrecci del cosiddetto genere dei “misteri”285, in un infelice connubio di degrado edilizio e pauperismo estraneo all’orizzonte della legalità che immetteva nel cosmo sociale malfattori di ogni specie, figure affini a quella cristallizzata da De Amicis nel personaggio di Franti, il “delinquente nato” di lombrosiana memoria286.

  • 287 C. Sorba, L’eredità delle mura, cit., pp. 139-198.
  • 288 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 289 Ivi, Comune di Parma, Sulla costruzione di case popolari. Relazione del sindaco (24 ottobre 1904), (...)
  • 290 Cfr. A. Frassi, Il bisogno di case popolari in Parma, Parma, Tip. Zerbini, 1903. Cenni alle caratte (...)
  • 291 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)

44Sul finire dell’Ottocento, l’esperienza dei risanamenti urbani non aveva incluso i prodromi di una politica per le abitazioni popolari, lasciando insoluta la questione, se non addirittura amplificandone la risonanza come attestavano gli strascichi che provocavano il malcontento della cittadinanza partenopea. Il nesso fra la necessità sanitaria delle demolizioni e l’importanza di allestire alternative fu all’origine dell’iniziativa definitiva dalla giunta parmense del sindaco radicale Giovanni Mariotti, la cui regia coordinò un programma esemplare di “municipalismo democratico” che si mosse fra l’assunzione dei più importanti servizi cittadini e una vasta opera di ammodernamento del tessuto urbanistico287. La costruzione di case popolari fu approvata nel 1904, alla luce di un’accurata relazione del sindaco che presentava l’intervento quale presupposto imprescindibile all’esecuzione dei lavori autorizzati nell’ambito dell’estensione della legge speciale per Napoli, il cui termine sarebbe scaduto nel 1906288. L’azione municipale era pienamente giustificata dall’assenza pressoché assoluta di iniziative, senza nemmeno la costituzione di una società cooperativa, al contrario di quanto accaduto in altre città italiane già a ridosso dell’unificazione. Le riflessioni esposte erano infatti accompagnate da numerose notizie sui fervori che si erano registrati nel corso dell’Ottocento, la cui conoscenza era stata approfondita da Mariotti in qualità di relatore per il Senato sul disegno di legge per le case popolari, come ricordato nel terzo capitolo. Le lacune rilevate non erano però sinonimo di ritardo, in quanto la città di Parma si era distinta verso la metà dell’Ottocento con l’intervento precursore della via della Salute289. Sostenuto dalla corona ducale, insieme ad alcuni ministri e facoltosi cittadini, tale progetto era culminato in un epilogo non particolarmente positivo che, come puntualizzava Mariotti, non si discostava comunque dagli esiti in cui si erano imbattute in quegli anni diverse società edificatrici. Il piano definito si prospettava in continuità con tale impegno, dato che alcuni caseggiati avrebbero permesso di completare la via della Salute, mentre altri sarebbero sorti in varie zone della città, in modo da poter procedere contestualmente all’eliminazione di agglomerati insalubri, ricettacolo del contagio epidemico290. La somma occorrente di lire cinquecentomila sarebbe stata mutuata dalla locale Cassa di Risparmio, disposta pure ad elargire un contributo di lire ventimila, mentre il servizio sarebbe stato gestito in economia291.

  • 292 Ivi, Comune di Parma, Regolamento per le case popolari (testo approvato dal consiglio comunale in s (...)
  • 293 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 294 Ivi, Relazione al ministro, 21 ottobre 1911.
  • 295 Ivi, allegato A alla seduta della Commissione reale del 30 ottobre 1911.
  • 296 Ivi, allegato B alla seduta della Commissione reale del 30 ottobre 1911.
  • 297 Ivi, busta 3, fasc. 10, cit., seduta del 30 ottobre 1911.
  • 298 Ivi, busta 165, fasc. 1904, Parma, cit., minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione d (...)
  • 299 Ivi, allegati C e D alla seduta della Commissione reale del 17 marzo 1913; ivi, allegati A e B alla (...)
  • 300 Ivi, busta 165, fasc. 1904, Parma, cit., Relazione al ministro, 9 marzo 1913; ivi, lettera del pref (...)

45La ratifica dell’autorità tutoria sancì l’assunzione del servizio, di fatto all’insaputa degli organi ministeriali, i cui funzionari individuarono l’iniziativa attraverso l’analisi del bilancio preventivo preparato dal comune per il 1909292. La consistenza del capitale di impianto e le passività riscontrate determinarono la richiesta dell’azienda speciale, motivata per altro dal fatto che il comune eccedeva il limite legale della sovraimposta293. La questione rimase in sospeso, dapprima nell’intento di mantenere la gestione in economia, poi a causa del periodo di commissariamento prefettizio dovuto alla crisi dell’amministrazione liberal-moderata che per qualche tempo aveva sostituito la giunta di orientamento democratico. Tuttavia il rientro di Mariotti non prefigurò un’inversione di tendenza rispetto alla riluttanza dimostrata dai suoi predecessori, tanto che, «dopo reiterate ed energiche sollecitazioni», l’ufficio ministeriale richiese il parere dell’apposito consesso294. Nell’autunno 1911, la Commissione reale predispose l’annullamento degli atti emessi dal comune, nonché dei provvedimenti che ne avevano decretato il riconoscimento da parte dell’autorità tutoria295. D’altronde le condizioni in cui versava l’attività se potevano, «prima facie, favorevolmente impressionare, si addimostra[vano] invece preoccupanti al seguito di un esame, anche superficiale del bilancio, nella cui parte passiva si nota[vano] deficienze e lacune rilevantissime»296. La decisione aveva sollevato la perplessità di Melis, secondo il quale sarebbe stato opportuno «transigere sulla questione della forma di gestione», trattandosi di case ormai costruite e abitate da anni. Una proposta, quest’ultima, «inspirata a ragioni di riguardo verso l’amministrazione comunale di Parma e più specialmente al suo illustre capo». La notorietà di Mariotti, personaggio sulle scene della politica nazionale da quasi trent’anni oltreché amministratore capace, sembrava quindi incutere un certo rispetto, ma, come di consueto, gli organi ministeriali non furono disposti a deroga alcuna. Questo fu infatti il commento di Crespo: «Anche prescindendo dal merito della questione, è opportuno che la Commissione dia prova di esemplare fermezza che volga a infrenare la tendenza dei comuni a violare le disposizioni vigenti in materia di municipalizzazioni, costringendo la Commissione a pronunziarsi a cose fatte»297. In effetti, come restituiscono le vicende sin qui analizzate, lo sviluppo della municipalizzazione delle case popolari procedeva talora all’insegna di confusione e indisciplina, alla cui radice soggiaceva un amalgama in cui confluivano imprecisioni accidentali, noncuranza della procedura e soprattutto l’incapacità di comprendere correttamente le norme del dettato legislativo. Invitato a regolarizzare gli atti, il comune di Parma avviò l’iter per la costituzione dell’azienda298. Nell’autunno 1913, la Commissione reale espresse parere favorevole299 e, nonostante l’inflessibilità dimostrata precedentemente, l’ufficio ministeriale accordò l’e-sonero dal referendum300.

46Nel complesso, gli organi ministeriali apparivano inclini a riservare una certa tolleranza più che altro ai piccoli centri, senza invece scarti di sorta nel caso dei contesti maggiori in cui l’iniziativa edilizia avrebbe potuto comportare una produzione su ampia scala. Probabilmente, a rendere inquietante una simile eventualità non era tanto lo spettro del collettivismo, quanto il rischio concreto di favorire la moltiplicazione del debito. Eppure, malgrado le difficoltà connaturate al carattere farraginoso della solenne procedura, numerosi comuni avevano intrapreso la costruzione di case popolari attraverso la strategia municipalista, intenzionati a scansare gli indugi in cui si arenavano spesso gli aiuti offerti alle cooperative oppure disarmati dal concerto di forze implicito nella struttura degli enti autonomi. Come aveva previsto il legislatore, la municipalizzazione rappresentava dunque una via percorribile soprattutto laddove non riuscivano a profilarsi alternative.

5.5 Rinnovamento urbano e questione abitativa: l’e-marginazione delle province meridionali

47Sul finire del primo decennio del Novecento, la municipalizzazione delle case popolari aveva conosciuto un certo sviluppo, incentivato senza dubbio dall’effetto congiunto del malcontento provocato dai rincari e delle agevolazioni introdotte dalla riforma legislativa. Nonostante le discrepanze di fondo, la combinazione di tali elementi aveva infatti innescato un impatto sinergico, enfatizzato al contempo dalla sedimentazione delle problematiche abitative in seno ai programmi delle sezioni socialiste locali. L’ondata di agitazioni sollecitata dalla crisi economica del 1907 era stata anche espressione di rivendicazioni salariali che preludevano al soddisfacimento di bisogni spesso inappagati, nel giogo ineluttabile di risorse ai limiti della sussistenza da cui scaturiva per la maggioranza dei lavoratori la condanna all’alloggio angusto e malsano, con i suoi risvolti di degenerazione fisica e morale.

  • 301 F. Rugge, I regimi delle città, cit., p. 24.
  • 302 Commissione reale pel credito comunale e provinciale, Relazione sui lavori del quinquennio 1908-191 (...)
  • 303 O. Gaspari, L’Italia dei municipi, cit., pp. 172-175.
  • 304 Servizi gestiti ad economia (art. 16 della legge), in «Annuario statistico delle città italiane», 1 (...)
  • 305 Cfr. Servizi gestiti ad economia (art. 16 della legge) al 1° gennaio 1910, ivi, 1909-1910, pp. 255- (...)
  • 306 Mal tollerato era il frequente ricorso allo scioglimento dei consigli comunali, G. Schininà, Le cit (...)

48L’impegno di parecchi comuni aveva apportato un contributo significativo all’obiettivo di approntare un patrimonio edilizio conformato a parametri sanitari aggiornati, secondo la lezione impartita sin dalla seconda metà dell’Ottocento dalle discipline igieniste. Sul territorio nazionale, la diffusione delle case popolari municipali disegnava però una mappa pressoché limitata ai bacini socialmente più avanzati, in cui la crescente politicizzazione di strati consistenti della piccola borghesia e della manodopera industriale contrastava l’egemonia dei gruppi di potere tradizionali, a vantaggio di forze innovatrici predisposte ad assecondare e dirigere il processo di modernizzazione301. L’andamento del settore delle abitazioni si prospettava comunque in piena coerenza con il trend restituito dall’intero fenomeno della municipalizzazione, di fatto localizzato essenzialmente nelle regioni centro-settentrionali, come riscontrò anche la Commissione reale dopo quasi dieci anni di applicazione della legge. Il maggior numero di aziende speciali si concentrava nell’Emilia-Romagna, a cui facevano seguito gli impianti costituiti in Lombardia, Veneto, Toscana e Piemonte. La realtà meridionale appariva invece quasi del tutto estranea a tale movimento, senza eccezione alcuna per il municipalismo edilizio302. Sebbene tali rilievi riguardassero unicamente le aziende speciali, le relative conclusioni trovavano conferma negli apparati esposti sull’«Annuario statistico delle città italiane» curato da Ugo Giusti, responsabile della divisione di statistica del comune di Firenze303. La valutazione delle gestioni in economia operata sulle pagine di tale periodico non alterava infatti il quadro delineato, pur presentando elementi interessanti su quel ramo di assunzioni non sottoposto al vaglio degli organi ministeriali di cui pertanto risultava difficile quantificare l’espansione304. In ambito di case popolari, le notizie pubblicate non aggiungevano nulla a quanto emergeva dal lavoro dei funzionari del servizio municipalizzazioni, molto probabilmente per effetto delle reiterate esortazioni rivolte ai prefetti affinché fosse informato tempestivamente il Ministero dell’Interno. In linea con l’interpretazione conferita ai dettami legislativi, il servizio delle case popolari sfuggiva di rado all’iter per l’azienda speciale, tanto da comparire solo saltuariamente nei prospetti sulle gestioni in economia presentati sull’«Annuario»305. Nella società meridionale non sembrava dunque attecchire la “coscienza amministrativa” di cui fornivano un’eccellente prova le cittadine rurali padane, insieme a diversi centri di piccole e medie dimensioni disseminati nelle aree dello sviluppo economico veneto, ligure e toscano. Ad eccezione di alcune circoscritte isole, la cultura amministrativa del sud rimaneva ai margini del movimento per il municipalismo e l’autonomia comunale, una condizione su cui forse incideva non solo l’arretratezza socio-economica, bensì pure la diffidenza verso il sistema facente capo al “ministro della malavita”306.

  • 307 Disegno di legge portante provvedimenti per le case popolari o economiche, cit., pp. 91-93.

49L’organizzazione dell’edilizia popolare stentava a radicarsi proprio laddove ne sarebbe stato più necessario l’incremento. La mobilitazione aggregata dall’opera di Luzzatti tendeva ad agire prevalentemente nella dimensione urbana investita dai meccanismi dello sviluppo socio-economico, disertando, oltre alle plaghe rurali, il Mezzogiorno e le drammatiche sistemazioni abitative che vi si annidavano. Su tali aspetti si soffermò lungamente Giulio Casalini, il quale, eletto deputato nel 1909, collaborò nell’anno seguente con Luzzatti, divenuto presidente del consiglio, in veste di segretario e relatore di una commissione incaricata di eseguire un’organica revisione della legge sulle case popolari. La stesura del testo fu preceduta da un’introduzione di carattere storico, insieme agli esiti di un’accurata indagine da cui emergeva la vastità di un fenomeno non limitato solamente alle sedi dell’industrializzazione. L’acuta sensibilità di Casalini insistette infatti sullo stato delle campagne, con un’attenzione particolare per le regioni meridionali, dove non di rado la più abominevole negazione dell’igiene e un’abietta promiscuità fra individui e animali prosperavano nelle peggiori situazioni di degrado che potessero consumarsi all’interno delle mura domestiche307.

  • 308 Ivi, p. 93.
  • 309 APC, tornata del 27 marzo 1903.
  • 310 Legge portante provvedimenti speciali a favore della Basilicata, 31 marzo 1904, n. 140.
  • 311 D. Sacco, Socialismo riformista e Mezzogiorno. Questione agraria, istruzione e sviluppo urbano in B (...)
  • 312 Verbali del consiglio comunale di Matera, sedute del 15 novembre 1910; 3 gennaio, 3 marzo, 24 marzo (...)
  • 313 Ivi, lettera del prefetto di Potenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici ser (...)
  • 314 T. Russo, Istruzioni e sociabilità in Basilicata. 1900-1921, Franco Angeli, Milano 2004, pp. 22-23.
  • 315 N. Calice, La nascita dei partiti e “l’acre piacere delle lotte economiche”, in G. De Rosa, A. Cest (...)
  • 316 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 30 aprile 1912, cit., pp. 289- (...)
  • 317 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 318 Ivi, lettere del prefetto di Potenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici ser (...)
  • 319 Ivi, lettere del prefetto di Potenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici ser (...)
  • 320 La legge speciale per lo sfollamento dei “sassi” fu varata negli anni Cinquanta, A. Pontrandolfi, L (...)

50A destare sconcerto era soprattutto lo scenario di miseria e sporcizia offerto da quei «veri covi trogloditici» in cui abitavano i contadini di Matera, i “sassi”, oggi patrimonio mondiale dell’Unesco, all’epoca in grado di contendere quel triste primato di aberrazione abitativa che rendeva tristemente noti i “bassi” partenopei308. Le peculiari condizioni della zona erano state segnalate dal deputato lucano Materi durante l’iter parlamentare della legge sulle case popolari, richiamando pure la grave arretratezza locale che catalizzava l’attenzione delle autorità governative309. A quel tempo si erano appena concluse le indagini promosse da Zanardelli, da cui scaturì la legislazione speciale del 1904310. Accanto alle allarmanti peculiarità della città di Matera, la commistione di affollamento eccessivo e assenza di servizi sanitari solcava anche i borghi in cui si concentravano i contadini, oltre i “sottani” diffusi nell’agglomerato potentino311. Parole di plauso furono così riservate al progetto per la realizzazione di case popolari preparato nel 1911 dalle autorità civiche di Matera312. A esortare in tal senso gli organi municipali era stato il prefetto di Potenza, Vincenzo Quaranta, colui che, in ossequio all’integrità dell’ordine costituito, avrebbe disgregato qualche anno dopo il programma varato a Molinella313. In servizio presso gli uffici della prefettura potentina dal 1905 al 1914, egli fu uno dei principali artefici dell’applicazione della legge speciale314. Rimasto impressionato da una visita svolta nel 1909 a Matera, Quaranta incaricò l’ufficio del genio civile di predisporre un piano edilizio da affidare all’esecuzione del comune, sollecitando al contempo l’interesse degli amministratori. Le gravi carenze dell’agglomerato cittadino costituivano un’inderogabile emergenza, non solo per gli impliciti risvolti di natura sanitaria, ma anche per le ripercussioni che si intravedevano a livello sociale. Il quadro di stenti in cui versava l’esistenza dei contadini aveva dischiuso un varco alla penetrazione del socialismo, come attestava il congresso regionale dei militanti che si era svolto nell’autunno 1902, all’indomani degli imponenti scioperi bracciantili guidati da Luigi Loperfido, il “monaco bianco”, culminati in una sanguinosa repressione315. Tuttavia le autorità civiche di Matera giudicarono inadeguato il progetto dell’ufficio del genio civile, preferendovi quello definito dall’ingegnere municipale, finalizzato alla sistemazione di una borgata operaia da erigere in località Fornaci. Il consiglio comunale stabilì di procedere gradualmente, con la costruzione di una prima casa «a titolo di esperimento», forse inquietato dall’avvento di un’incontrollabile concentrazione di lavoratori, o, più semplicemente, atterrito dall’impegno finanziario implicito nella realizzazione dell’intero programma. Lo stabile non tardò a essere innalzato, grazie al mutuo di lire ventiseimila concesso dalla Cassa depositi e prestiti con il concorso dello stato, autorizzato senza esitazione dalla Commissione centrale per le case popolari o economiche316. Informato dalla direzione della Cassa, l’ufficio per la municipalizzazione acconsentì alla gestione in economia, precisando però che la costruzione degli altri sette edifici previsti sarebbe potuta avvenire solo in seguito all’impianto dell’azienda speciale317. Negli anni seguenti non si manifestò iniziativa alcuna, tanto più che durante la guerra la casa ormai completata era stata requisita dall’autorità militare, disincentivando probabilmente il comune a proseguire sulla via della municipalizzazione318. Al termine della congiuntura bellica, dopo aver vagheggiato l’aggiunta di altri due fabbricati, il regio commissario decretò il tramonto del municipalismo edilizio, promuovendo l’organizzazione di un istituto per le case popolari319. La cittadinanza povera di Matera avrebbe comunque dovuto attendere altri trent’anni per poter abbandonare i “sassi”, il cui squallore fu descritto nel frattempo anche in alcune pagine di Cristo si è fermato a Eboli320.

  • 321 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 322 D. Sacco, Le lotte politiche e sociali: dal riformismo giolittiano ai primi movimenti di massa, in (...)
  • 323 D. Sacco, Socialismo riformista e Mezzogiorno, cit., pp. 104-106, 109, 193-194.
  • 324 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 325 Ivi, lettere del prefetto di Potenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici ser (...)
  • 326 A. Buccaro, Potenza. Le città nella storia d’Italia, Laterza, Roma-Bari 1997, pp. 107-108.
  • 327 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)

51Un epilogo affine chiuse anche l’iniziativa promossa nel 1912 a Potenza, dietro cui, molto probabilmente, si celava ancora l’interessamento del prefetto Quaranta. A stabilire la costruzione di case popolari fu il regio commissario, deluso dagli sterili tentennamenti in cui si erano imbattuti i suoi predecessori321. I propositi espressi furono confermati dalla giunta radical-socialista che conquistò in quell’anno il comune, esito di un’alleanza coagulatasi intorno a esigenze di ammodernamento del tessuto socio-economico. A favorire tale coalizione era anche l’orientamento urbano e riformista assunto dal socialismo locale sotto l’influenza di Ettore Ciccotti, sebbene il blocco fosse segnato dall’egemonia dei radicali nittiani, di cui era espressione il sindaco, l’ingegnere Giovanni Janora. Sotto l’egida del suo leader, lo schieramento radicale lucano si proponeva quale partito liberal-democratico che isolava le forze inclini a ritardare lo sviluppo produttivo, delineando una “terza via” tra la reazione capitalistica e i tratti sovversivi del socialismo. Rimasta in carica due anni, l’amministrazione popolare non riuscì a circostanziare il programma per la municipalizzazione edilizia, in gran parte destinato ad alleviare il disagio degli strati impiegatizi, segmenti essenziali del suo elettorato, protagonisti negli anni precedenti di proteste contro il rincaro delle pigioni322. Nel corso del primo decennio del Novecento, Potenza era stata l’unica città lucana a conoscere una crescita economica avulsa dal settore agricolo, incentivata dall’espansione delle funzioni terziarie indotta dall’entrata in vigore della legge speciale323. Il ritorno in auge del gruppo liberale decretò il declino dell’intervento diretto, già accantonato dall’amministrazione Janora che nel 1914 aveva tentato di organizzare un istituto per le case popolari324. L’interesse delle autorità civiche si concentrò su un vasto piano di bonifica e ampliamento dell’abitato definito dall’ingegnere Stanislao De Mata, al cui interno erano inclusi nuclei cospicui di alloggi operai325. Il mutamento di indirizzo non era comunque condizionato da mera avversione verso il municipalismo, anzi il piano De Mata fu osteggiato dall’ufficio del genio civile anche per il ragguardevole impianto di abitazioni previsto, ritenuto eccessivo in confronto alle esigenze della popolazione326. L’avvicendarsi di uomini e situazioni intralciò quindi l’attuazione dell’intervento diretto, su cui gli organi di competenza non cessarono di chiedere informazioni, finché nel 1919 il prefetto, a quella data Giuseppe Visconti, telefonò al Ministero dell’Interno «pregando l’ufficio di mettere agli atti questa pratica, perché egli si sta[va] adoperando per far costituire un ente autonomo», di fatto fondato nel corso dell’anno successivo327.

  • 328 A. L. Messina, L’Italia dell’Ottocento di fronte al colera, in Storia d’Italia. Annali, vol. VII, c (...)
  • 329 L. Masella, B. Salvemini, La Puglia. Storia d’Italia. Le regioni dall’unità a oggi, Einaudi, Torino (...)
  • 330 E. Di Ciommo, Bari 1906-1940. Evoluzione del territorio e sviluppo urbanistico, Franco Angeli, Mila (...)
  • 331 Regio decreto del 7 giugno 1906, n. CCLI (parte supplementare) che riconosce come ente morale l’Ist (...)
  • 332 Prima del conflitto fu realizzato un solo edificio, M. Scionti, Sviluppo urbanistico tra Ottocento (...)
  • 333 O. Bianchi, L’impresa agro-industriale. Una economia urbana e rurale tra XIX e XX secolo, Dedalo, B (...)

52Nonostante l’urgenza di approntare abitazioni adeguate per i meno abbienti, gli amministratori lucani non furono in grado di affrontare l’emergenza in atto, procrastinandone la soluzione, o quanto meno il suo avvio, sino al primo dopoguerra. Nel drammatico scenario restituito dalle condizioni abitative del Mezzogiorno, ben pochi furono i comuni che tentarono di cimentarsi nella costruzione diretta, riducendosi nel complesso a quattro iniziative. Accanto alle vicende appena menzionate, si può infatti segnalare unicamente l’esempio di due città della Puglia, contesto solcato da gravi carenze igienico-edilizie che non a caso rese un notevole numero di vittime all’inaspettata recrudescenza colerica del biennio 1910-1911328. A complicare la situazione si aggiungeva l’annoso problema dell’approvvigionamento idrico, indagato nelle sue molteplici connessioni dagli esperti riuniti intorno alla «Rassegna tecnica pugliese», il periodico mensile del collegio di ingegneri e architetti della regione, a cui collaborò Mauro Amoruso al rientro nella nativa Bari dopo gli anni degli studi compiuti a Torino329. In qualità di assessore ai lavori pubblici e vicesindaco, Amoruso svolse un ruolo determinante all’interno del gruppo di ingegneri, architetti e medici che promosse la sistemazione degli assetti urbanistici cittadini330. Al contempo le competenze maturate nel campo delle dinamiche abitative gli consentirono di contribuire alla fondazione nel 1906 dell’Istituto per le case popolari, di cui detenne la presidenza sino al 1924, quando fu allontanato per il suo tiepido entusiasmo verso il fascismo331. Tuttavia, l’ente, pur essendo fra i primi sorti nello stato italiano, divenne pienamente operativo nel primo dopoguerra, senza quindi rispondere all’elevata domanda di abitazioni provocata dal processo che, negli antecedenti al conflitto, emancipò la struttura economica della città da quella delle agrotowns diffuse nel territorio della provincia332. Non a caso la città di Bari fu teatro nel 1910 di un imponente sciopero provocato dal caroviveri e dall’aumento delle pigioni, a cui le autorità risposero con una sanguinosa repressione333.

  • 334 E. Bertarelli, Il problema della casa nei comuni delle Puglie, in «Il Comune Moderno», 1911, pp. 38 (...)
  • 335 L. Masella, B. Salvemini, La Puglia, cit., p. 450.
  • 336 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 337 M. Pistillo, Giuseppe Di Vittorio. 1907-1924, Editori Riuniti, Roma 1973, p. 11.
  • 338 G. De Rosa, Il movimento cattolico in Italia. Dalla restaurazione all’età giolittiana, Laterza, Rom (...)
  • 339 N. Antonacci, Ceti dirigenti e lotte di classe dall’età liberale all’avvento del fascismo, in A. Ma (...)
  • 340 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 20 luglio 1911. II sessione 19 (...)
  • 341 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 342 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 343 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 344 Ivi, lettera del prefetto di Foggia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici serv (...)
  • 345 Ivi, lettera del prefetto di Foggia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici serv (...)

53Oltre alle opportune opere di risanamento, nella realtà del Mezzogiorno si imponeva dunque l’urgenza di ampliare i confini di tessuti urbanistici ormai obsoleti con l’inserimento di nuove costruzioni, analogamente a quanto accadeva altrove, persino nei contesti rurali. A distanza di circa venticinque anni dal varo della legge speciale per Napoli, il dramma del contagio colerico aveva sortito l’effetto di catalizzare l’attenzione sullo stato delle abitazioni pugliesi. Inoltre la diffusione di stabili bassi aveva comportato la proliferazione di abitazioni poste al di sotto del piano stradale, di cui si contavano ben ottocento esempi nella sola città di Foggia334. In tale contesto il problema della casa era infatti considerato da tempo negli ambienti del potere municipale, guidati sin dalla fine dell’Ottocento dal sindaco Emilio Perrone, deputato liberale, senatore dal 1913, imprenditore e padre del più noto Alberto, podestà durante il ventennio335. Nel 1906 il consiglio comunale aveva istituito un fondo speciale per incentivare la costruzione di case popolari, nonché fabbricati rurali per i contadini, prevedendo pure assegnazioni per il sopraelevamento degli edifici esistenti. Nonostante l’impegno manifestato, tali propositi non erano stati in grado di conseguire un esito positivo, dato che i cittadini premiati non avevano nemmeno realizzato le opere concordate336. Il comune aveva optato così per la costruzione diretta, per altro ancor prima che il colera prostrasse la città. Probabilmente la politica delle abitazioni rispondeva innanzitutto all’intenzione di placare il malcontento diffuso fra gli strati meno abbienti, sullo sfondo di uno scenario scosso da un’esasperata conflittualità sociale che, a partire dai fatti di Candela del 1902, aveva visto l’area della Capitanata versare un sanguinoso tributo al tragico primato acquisito in quegli anni dalla Puglia quale «regione degli eccidi cronici»337. Non poche tensioni serpeggiavano pure nel capoluogo, dove per altro proprio il sindaco Perrone era stato il bersaglio maggiormente colpito in occasione dei moti del 1898 culminati nell’incendio del palazzo civico338. D’altronde la polemica contro il sistema giolittiano sollecitò l’adesione compatta dei socialisti pugliesi alla corrente rivoluzionaria, sull’onda dell’opera svolta dalla figura di Giuseppe Di Vittorio e dalle prime amministrazioni a conduzione socialista che concorsero ad alimentare il mito della Puglia rossa339. Nel corso del 1908 l’amministrazione civica avviò pertanto un gruppo di case, utilizzando fondi stralciati dalla somma di circa lire un milione ottenuta per altri motivi dalla Cassa depositi e prestiti, mentre qualche anno dopo fu richiesto un mutuo con il concorso dello stato al fine di edificare altre costruzioni340. Il prefetto non si era però premurato di avvertire gli organi ministeriali, messi a conoscenza dell’iniziativa dal direttivo della cassa in occasione del secondo intervento341. Il Ministero dell’Interno pretese ovviamente la creazione dell’azienda speciale, a cui infatti fu vincolata la possibilità di contrarre il mutuo, dato che il comune eccedeva il limite legale della sovraimposta342. In attesa di ragguagli, la Commissione centrale per le case popolari o economiche lasciò in sospeso la domanda, neppure sufficientemente documentata. In effetti le carenze riscontrate non consentirono di rimettere gli atti neppure al parere della Commissione reale, nonostante le deliberazioni intraprese dal consiglio comunale nel 1912 per la regolarizzazione del servizio343. Il complesso procedurale implicito nel completamento dell’istruttoria scoraggiò forse il sindaco, pronto ad affermare nell’anno seguente che la richiesta di case si era ormai allentata344. A dispetto delle reiterate sollecitazioni dell’ufficio ministeriale, la pratica non conobbe avanzamento alcuno, finché il programma venne ufficialmente abbandonato: i notevoli rincari sopravvenuti ne rendevano ormai improbabile l’attuazione345. Il progetto delle case popolari tramontò così insieme al suo promotore, il sindaco Perrone, deceduto nel 1917.

  • 346 A. A. Mola, Storia della Massoneria italiana dall’unità alla repubblica, Bompiani, Milano 1976, p. (...)
  • 347 “L’Unione”, 18 febbraio 1912.
  • 348 M. Degl’Innocenti, Il comune nel socialismo italiano, cit., p. 17.
  • 349 G. Barone, Mezzogiorno ed egemonie urbane, cit., pp. 32-35. Come spesso accadeva al sud, i contadin (...)
  • 350 ASBR, ASCBr, verbali del consiglio comunale, Esame ed approvazione del progetto d’arte per le case (...)
  • 351 Ivi, Progetto d’arte per le case popolari (2° lettura), seduta dell’11 dicembre 1911.
  • 352 Prampolini fu nominato nella direzione del partito al congresso di Ancona del 1914, F. Grassi, Il t (...)
  • 353 id., ad vocem, in F. Andreucci, T. Detti (a cura di), Il movimento operaio italiano, cit., vol. IV, (...)
  • 354 ASBR, ASCBr, verbali del consiglio comunale, Progetto d’arte per le case popolar (2° lettura), sedu (...)
  • 355 Ivi, Mutuo di lire quattrocentocinquantamila per la costruzione delle case popolari, sedute del 19 (...)
  • 356 Case operaie. Una proposta, in “La città di Brindisi”, 27 agosto 1911.

54Se il comune di Foggia non lasciò che le richieste ministeriali dilazionassero il compimento di parte dei lavori, altrettanto non avvenne a Brindisi, nonostante la caparbia determinazione del sindaco Giuseppe Barnaba. Massone e radicale346, Barnaba si era insediato nel 1910, portando «un alito di vita nuova [...] vivificante la vecchia città, spezzata la ferrea cerchia dei clerico-moderati» che sino ad allora aveva dominato il governo municipale347. La giunta popolare non trascurò i problemi dovuti alla carenza di infrastrutture, dimostrando un dinamismo analogo a quello che aveva contraddistinto negli anni precedenti l’esperienza dell’amministrazione barese di Paolo Lembo, esponente anch’egli del partito radicale. Nel Mezzogiorno la rottura con la staticità del passato era dunque trainata dagli ambienti del radicalismo, a differenza delle zone in pieno sviluppo dell’Italia centrosettentrionale in cui i principali interpreti del rinnovamento erano i socialisti, talora nell’ambito delle alleanze bloccarde. Le dinamiche all’origine della municipalizzazione delle case popolari sembravano così confermare la distinzione individuata dalla letteratura meridionalistica fra un socialismo intransigente diffuso nelle campagne e un socialismo urbano, portatore di una vocazione amministrativa che induceva a condividere gli intenti delle forze democratiche. Al contempo l’intervento diretto configurava uno strumento per sopperire alle carenze delle strutture private, spesso deboli o addirittura assenti348. Sul finire del primo decennio del Novecento, un fenomeno di notevole crescita aveva investito gli assetti urbanistici brindisini, sede di una concentrazione di forze dovuta al ruolo cruciale attribuitovi dalle sfere governative in vista della penetrazione nei Balcani. Al centro di tale processo si collocavano infatti le funzioni legate alla presenza del porto, fulcro di uno sviluppo emancipato dalla subordinazione alle attività agricole del contado, da cui dipendeva invece il tessuto urbano costituito da centri di medie e piccole dimensioni che caratterizzava il paesaggio salentino349. La questione della casa si era così tramutata in una vera emergenza, con ricadute che coinvolgevano tutte le categorie richiamate dall’espansione delle attività portuali. Nell’autunno 1911 il consiglio comunale deliberò dapprima la formazione di un demanio municipale di aree fabbricabili e poi l’intervento diretto, con l’intenzione di gestire le case in economia. Le uniche riserve derivarono dal socialista Giuseppe Prampolini, secondo il quale sarebbe stato meglio realizzare tanti isolati, in luogo dell’unico grande caseggiato previsto che avrebbe accolto soggetti di differenti ambiti sociali, non esclusivamente legati al lavoro manuale350. Nonostante la ratifica unanime della proposta, tali temi furono sollevati nuovamente da Prampolini in occasione del voto in secondo lettura, insistendo sull’importanza di non ammettere la compresenza di una «popolazione mista [...] diversa per educazione per abitudini di vivere»351. Sebbene la segregazione territoriale fra le diverse componenti sociali cominciasse a imporsi nella maglia dell’urbanizzazione contemporanea, il punto di vista espresso non si discostava da quel coro di prevenzione verso gli indigenti che, nelle aree centro-settentrionali, si insinuava fra le riflessioni sulle problematiche abitative a opera del pensiero liberale e soprattutto conservatore. A diventarne interprete nell’aula consiliare brindisina era invece un personaggio legato alla corrente del sindacalismo rivoluzionario, destinato ad assurgere di lì a poco al direttivo del partito sull’onda della marginalizzazione dell’ala riformista352. Prampolini poteva essere considerato uno dei pionieri del socialismo pugliese, principale organizzatore delle agitazioni che in età giolittiana percorsero il Salento, dove si era stabilito nel 1904 dopo alcuni anni trascorsi in Australia per sfuggire alla repressione di fine secolo353. Questa diversificazione di intenti postulava senza dubbio un’aderenza alle peculiarità del contesto, lasciando trasparire nel caso specifico la volontà di soddisfare i gruppi di media estrazione che, come accadeva anche nei territori lucani, restituivano una parte non secondaria dell’elettorato. Entro gli orizzonti della società meridionale, la discriminante dell’alfabetizzazione precludeva l’accesso alle urne a segmenti consistenti delle classi lavoratrici, imprimendo dunque una connotazione borghese al fronte dei sostenitori del socialismo. Dinanzi alle richieste di Prampolini, il sindaco si appellò al «sentimento di concordia e di buon vicinato» che a suo dire aveva generalmente conferito a questo tipo di stabili «una impronta generale di ordine e di pulizia»354. Tuttavia, anche questa volta, il consiglio comunale si pronunciò a parere unanime, come avvenne pure per la contrattazione del mutuo di lire quattrocentocinquantamila da chiedere alla Cassa nazionale di previdenza per la invalidità e la vecchiaia degli operai355. In poco più di un mese era stata così completata l’approvazione del progetto, a detta di qualcuno giunto da Milano e modificato dall’ingegnere municipale, quasi a dover giustificare mediante una provenienza “nordica” l’originalità di una proposta che sembrava esulare da consuetudini autoctone356.

  • 357 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 358 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 359 Ivi, lettera del prefetto di Lecce al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servi (...)
  • 360 Ivi, lettera del sindaco di Brindisi al ministro dell’Interno, 7 settembre 1912, la missiva fu tras (...)
  • 361 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 362 Ivi, lettera del sindaco di Brindisi al ministro dell’Interno, 1 ° novembre 1912, inoltrata con not (...)
  • 363 A Pavia la costruzione delle case era stata deliberata nel 1909 dalla giunta clericomoderata del si (...)
  • 364 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 365 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)

55I buoni auspici sotto cui sembrava avviata l’iniziativa erano però destinati a infrangersi nello scompiglio provocato dall’interessamento del Ministero dell’Interno. A fornire l’occasione fu nel marzo 1912 un telegramma del prefetto di Lecce, preoccupato dalle intonazioni non propriamente riverenti nei riguardi dell’ordine costituito che campeggiavano sullo sfondo dei comizi per le case popolari357. Al di là dell’insolenza verbale scaturita, l’attenzione dell’ufficio ministeriale si concentrò ovviamente sull’analisi delle modalità definite, senza tardare a chiedere la regolarizzazione del servizio con l’impianto dell’azienda speciale358. In effetti l’autorità tutoria non era stata neppure in grado di impartire le corrette informazioni, tanto che la giunta provinciale amministrativa aveva approvato gli atti consiliari, «con riserva di pronunziarsi sulla gestione in economia delle case [...] dopo la loro costruzione»359. Intenzionato a non variare la forma di gestione, Barnaba si rivolse direttamente a Giolitti nel settembre successivo, soffermandosi sulle conseguenze insite nella carenza di case che non solo impedivano lo sfollamento dei numerosi tuguri esistenti, ma erano in grado di incidere negativamente sullo sviluppo del porto, in quanto funzionari e ufficiali erano costretti a trasferirsi altrove per l’impossibilità di trovare alloggio in loco. Le sue osservazioni invocavano l’esonero dal solenne procedimento, intravedendo un ostacolo insormontabile nel referendum. L’ampliamento del suffragio operato qualche mese prima dalla riforma elettorale avrebbe infatti trovato applicazione nelle consultazioni previste per l’anno successivo, lasciando facilmente preconizzare l’esito a cui sarebbe andato incontro un programma che aveva sollevato «con speciosi pretesti ed argomenti una tempesta da parte dei proprietari»360. Come di consueto, l’ufficio ministeriale non prestò attenzione alle esigenze locali, nel ruolo di integerrimo esecutore della norma legislativa361. Il responso non dissuase però Barnaba, pronto a replicare senza cedere alla rassegnazione a cui spesso induceva l’insistenza ministeriale362. Oltretutto Barnaba non esitava ad avvalorare la sua richiesta con l’esempio di amministrazioni civiche che gestivano in economia gruppi di case popolari, esperienze di cui era venuto a conoscenza tramite un sondaggio effettuato personalmente, diramando telegrammi in tutto il regno. Come attestavano le risposte ricevute allegate alla missiva, si trattava di Reggio Emilia, Venezia, Savona, Brescia e Pavia. Tranne Savona che in quel periodo aveva appena completato l’iter per la costituzione dell’azienda, gli altri comuni conducevano effettivamente il servizio al di fuori delle procedure richieste dalla legge: Reggio Emilia contravvenendo persino alle disposizioni ministeriali; Venezia per la peculiarità delle lontane origini dell’iniziativa; mentre Brescia e Pavia erano sfuggite all’attenzione del potere centrale, nel primo caso dato l’avvio dei lavori antecedente al varo della legge, nel secondo forse per mera inavvertenza della locale prefettura363. Non a caso le due città non furono considerate in un promemoria composto sulla base delle indicazioni reperibili nei documenti a disposizione, unito a un sunto della proposta di Brindisi, come era solito fare l’ufficio ministeriale per le vicende più complesse364. Tale materiale servì per la stesura di una lettera in cui si fornivano esaurienti spiegazioni alle autorità civiche brindisine, illustrando innanzitutto l’interpretazione della legge definita dalla Commissione reale. D’altronde era inutile citare altre amministrazioni, «giacché la importanza del servizio [era] tutta relativa e varia[va] da caso a caso». Quanto alle osservazioni rispetto al referendum, il parere dell’ufficio ministeriale suonava pressoché perentorio: «Ond’è evidente che se dovesse mantenersi in economia un servizio, soltanto per evitare il giudizio del corpo elettorale, si legittimerebbe un espediente che ha precisamente lo scopo di eludere il precetto di legge»365.

  • 366 ASBR, ASCBr, verbali del consiglio comunale, Relazione su le case popolari. Provvedimenti, seduta d (...)
  • 367 Ivi, Costituzione di un ente autonomo per case popolari. Approvazione dello statuto, seduta del 7 f (...)
  • 368 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 369 ASBR, ASCBr, verbali del consiglio comunale, Costituzione di un ente autonomo per case popolari. Ap (...)
  • 370 Portavoce dei socialisti fu Felice Assennato, divenuto deputato nel primo dopo­guerra, ad vocem, in (...)
  • 371 ASBR, ASCBr, verbali del consiglio comunale, Costituzione di un ente autonomo per case popolari. Ap (...)
  • 372 ASBR, ASCBr, verbali del consiglio comunale, Relazione su le case popolari. Provvedimenti, seduta d (...)
  • 373 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)

56Dinanzi a questo «ultimo secco veto», nel gennaio 1913 la giunta propose la costituzione di un istituto per le case popolari, comunicando al consiglio come le richieste avanzate dal Ministero dell’Interno avessero vanificato le «affannose cure» dedicate alla stipula del mutuo, oltre a illustrare la «defatigante trafila di formalità burocratiche» imposta dalla costituzione dell’azienda speciale. Se la proposta soddisfaceva i socialisti, di altro avviso era invece Onofrio Grimaldi, studioso di metrica classica, secondo il quale il comune avrebbe dovuto insistere per la municipalizzazione. A suo dire, i cavilli della legge avevano invalidato gli scopi prefissati, cosicché la pletora di modifiche indicata era solo congeniale a giustificare l’esistenza di «un’altra ruota della burocrazia»366. Nonostante l’aspro commento riservato all’operato del servizio municipalizzazioni, Grimaldi aveva focalizzato perfettamente l’eccesso di zelo che accompagnava l’applicazione della legge, senza nulla concedere all’esame dei bisogni locali. Come attestano gli avvenimenti in cui si erano imbattuti i comuni sin qui ricordati, tale esito scaturiva dai rigidi canoni interpretativi adottati, con qualche spiraglio solo per effetto della mediazione dei deputati di zona. Al contempo le sue parole cristallizzavano gli umori di dissenso che cominciavano a serpeggiare fra i consiglieri comunali a causa dell’inversione di tendenza compiuta, come dimostrarono i contrasti emersi durante l’esposizione dello statuto per l’ente autonomo367. Le divergenze intorno al tema delle case popolari non rimasero neppure ignote agli organi ministeriali, assisi nella loro funzione di vigilanza, malgrado il declino della strategia municipalista368. L’avvento dell’istituto proposto era contestato dal gruppo liberal-democratico che perorava il ritorno alla municipalizzazione, ritenuto invece dal sindaco uno sterile ripiego369. Secondo lo schieramento socialista, la sospensiva proposta da qualcuno per via delle lacune individuate nello statuto costituiva un modo per accantonare l’attuazione di tale programma, una manovra essenzialmente politica370. In effetti la questione delle case popolari finì per catalizzare le spaccature interne al blocco. In occasione della ratifica definitiva del progetto, lo svolgimento del dibattito sfociò in «un assordante tumulto» che costrinse a sciogliere la seduta371. Molto probabilmente l’argomento non fu più sollevato nell’intento di preservare la stabilità dell’amministrazione, benché nel 1913 Barnaba addossasse il naufragio della pratica alle pretese ministeriali372. Di lì a poco il consiglio comunale da lui capeggiato fu comunque sostituito da quello del sindaco socialista Alfredo Lazzarini, ma la nuova giunta risultava già sciolta nell’aprile 1914, quando il regio commissario revocò le precedenti deliberazioni per la costruzione diretta delle case popolari373.

  • 374 Ivi, busta 51, fasc. 613, Catania, case popolari, 1910-1914, copia di lettera del sindaco di Catani (...)
  • 375 G. Giarrizzo, Catania, cit., p. 169.
  • 376 Funzionario presso il Ministero delle Poste e telegrafi, Campanozzi fu rimosso dall’incarico nel 19 (...)
  • 377 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 378 Ivi, lettere del prefetto di Catania al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici ser (...)
  • 379 Cinquantenario di fondazione dell’Istituto autonomo per le case popolari della provincia di Catania (...)

57La prospettiva delle lungaggini imposte dal solenne procedimento aveva dunque frenato l’unica iniziativa sorta nel Mezzogiorno intenzionata ad avvalersi concretamente dei metodi municipalisti, travolgendo persino gli equilibri su cui poggiava l’amministrazione proponente. L’e-pilogo di tale esperienza aveva esasperato le dinamiche che la trattazione di simili affari innescava talora nelle maggioranze composite dei blocchi popolari, come era accaduto anni prima pure a Milano. La compattezza dimostrata a questo riguardo dal fronte socialista aveva impresso invece intenti univoci ai provvedimenti promossi laddove il potere non veniva spartito con altre fazioni politiche, agevolando il conseguimento di risultati positivi nel rispetto degli obblighi di legge. Nelle province meridionali, la municipalizzazione edilizia rappresentava tuttavia una novità in grado di destare qualche sospetto anche fra gli esponenti di quelle forze che inneggiavano al progresso civile, orientati preferibilmente al modello dell’ente autonomo, accolto senza esitazione dai socialisti brindisini. Ad esempio la costituzione di un istituto per le case popolari fu sollecitata dalla camera del lavoro nella Catania del blocco popolare capeggiato dal sindaco Santi Consoli, al quale era spettato il difficile compito di consolidare l’eredità di Giuseppe De Felice Giuffrida374. Il comitato appositamente eletto in seno al consiglio comunale diede alle stampe una relazione che nulla concedeva all’enfasi municipalista, nonostante il coinvolgimento di un personaggio come l’assessore ai lavori pubblici, il socialista Luigi Macchi, fra i principali artefici del piano regolatore cittadino375. Oltretutto agli incontri presso la locale camera del lavoro aveva preso parte anche il deputato socialista Antonino Campanozzi, originario della provincia di Messina, ma da tempo attivo a Roma, dove era divenuto noto esponente del sindacalismo degli impiegati, nonché consigliere comunale nell’amministrazione popolare del sindaco Ernesto Nathan376. Le abitazioni vagheggiate erano le casette contornate di orti e giardini, rievocando quelle immagini pervase da prodighi lavoratori che si affollavano nella propaganda di Luzzatti. La municipalizzazione avrebbe prodotto invece «vasti casamenti [...], cioè grandi alveari umani che si convert[ivano] in rifugi di miserie e di dolori, e in terreno di coltura di tutte le infezioni fisiche e morali». In effetti il comitato non nascondeva le riserve suscitate da tale soluzione, rifiutando l’avvento di edifici che sarebbero stati adibiti «ad asilo dell’accattonaggio elettorale»377. Il ricambio degli amministratori dovette impedire la pronta esecuzione del progetto, penalizzata anche dalle difficoltà incontrate per l’appalto dei primi lavori378. L’Istituto per le case popolari di Catania sorse così nel 1919 sotto la presidenza di De Felice che ne avrebbe retto le redini sino alla morte sopravvenuta nell’anno successivo379. Certo, la condivisione di assunti propri delle critiche di parte liberale e conservatrice provocava una forte dissonanza nella città in cui i servizi pubblici erano prosperati persino a dispetto dell’inchiesta finalizzata a travolgere l’esperimento antesignano della panificazione.

  • 380 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 13 giugno 1912, cit., p. 506.
  • 381 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 382 O. Cancila, Palermo, Laterza, Roma-Bari 19992, pp. 249-253.
  • 383 Ivi, pp. 235-237, 247-249. Le origini del problema della panificazione municipale a Palermo si disp (...)

58A innalzare la domanda di alloggi economici nel territorio comunale catanese era stata anche l’elevata immigrazione dalla Messina devastata dal terremoto, contesto in cui la carenza di case rasentava ovviamente livelli parossistici. Nel 1912 le autorità civiche messinesi chiesero così un mutuo di lire duecentonovantamila con il concorso dello stato, allo scopo di realizzare abitazioni per la cittadinanza meno abbiente. Nell’atto di esaminare l’istanza, la Commissione centrale per le case popolari o economiche fu percorsa da profonde perplessità: non solo i gravi limiti economici che attanagliavano il comune rendevano improbabile la capacità di sostenere tale onere, ma senz’altro sarebbe stato più consono il ricorso alle leggi speciali per la ricostruzione380. Al di là della peculiare situazione generata dal fenomeno tellurico, le esigenze delle comunità meridionali stentavano comunque a integrarsi nel tessuto di opportunità offerto dalla legislazione votata a sostenere il progresso. L’andamento della municipalizzazione recava dunque un pieno riflesso del dualismo che accompagnava la crescita dello stato italiano: gli strumenti della modernità sembravano innanzitutto corrispondere i desiderata della società settentrionale, mentre la rinascita morale ed economica del sud ricadeva nella competenza di leggi considerate “speciali” quanto le realtà su cui erano deputate a intervenire. Pertanto resta pressoché sintomatico il voto espresso dal consiglio comunale di Palermo nella seduta del 25 marzo 1914, affinché, nel corso di eventuali revisioni della legislazione in materia di case popolari, si ovviasse alle difficoltà sollevate dagli istituti finanziari nella concessione dei mutui, ritenute fra le cause primarie dello scarso sviluppo conosciuto dal settore nelle province meridionali381. A conoscere una diffusione contenuta non erano unicamente i metodi della municipalizzazione, ma in questa parte del regno si registrava un certo ritardo anche nell’affermazione delle altre opzioni previste dalla normativa, come cooperative ed enti autonomi. L’appello dell’amministrazione civica palermitana esprimeva infatti un disagio che toccava le stesse autorità locali, impotenti dinanzi alla necessità di provvedere a uno dei più avvertiti problemi sociali. Eppure, non si trattava di forze su cui poteva ricadere la taccia del collettivismo, in quanto la maggioranza al potere comprendeva esponenti liberal-moderati e clericali, sotto l’egida del sindaco Girolamo Di Martino382. Già primo cittadino per un breve periodo alla metà del decennio precedente, quest’ultimo si era distinto per un significativo programma di municipalizzazioni nel cui ambito era stato avviato il progetto del panificio comunale, presto al centro di un’aspra diatriba tanto da essere revocato qualche anno dopo dall’amministrazione del sindaco Romualdo Trigona che pure comprendeva militanti socialisti383.

  • 384 Si trattava delle province di Aquila, Caltanissetta, Campobasso, Catanzaro, Cosenza, Girgenti, Mess (...)
  • 385 V. Magaldi, L’azione dei comuni d’Italia nei riguardi delle abitazioni a buon mercato, in «Il Comun (...)

59Alla fine del 1910, quattordici province erano sprovviste di istituzioni per la costruzione di case popolari, di esse dieci erano dislocate al sud384. «In generale i benefici della legge sulle case popolari non hanno avuto nel Mezzogiorno quell’esemplificazione che si nota nelle altre regioni del regno», commentò Magaldi alle soglie della grande guerra385. I limiti scaturiti dalle linee intransigenti di un quadro normativo poco malleabile al ventaglio multiforme delle problematiche locali restituivano pertanto una piena conferma ad alcune osservazioni esposte nel consiglio comunale di Brindisi:

  • 386 Parole di Onofrio Grimaldi, ASBR, ASCBr, verbali del consiglio comunale, Relazione su le case popol (...)

«Il Ministero dell’Interno [...] invece di agevolare le amministrazioni dei comuni nello affannoso studio di porre un argine al crescente rincaro degli affitti, loro oppone formalità e formalità burocratiche, ricacciandole in un dedalo dal quale nemmeno il leggendario filo d’Arianna potrebbe loro far trovare la via d’uscita»386.

Notes

1 MAIC, L’azione del Ministero nell’ultimo triennio. Relazione (luglio 1909), Tip. Civelli, Roma 1909, pp. 304-305.

2 Docente di statistica, Bachi si occupava della pubblicazione del «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», F. Bonelli, ad vocem, in DBI, vol. 5, p. 48; P. Sylos Labini, La biblioteca del Ministero di Agricoltura, in V. Gallotta (a cura di), Cultura e lavoro nell’età giolittiana, cit., p. 44.

3 R. Bachi, Leghe di inquilini, in «Critica Sociale», 1909, p. 326.

4 Ivi, p. 325.

5 Ivi, pp. 327-329.

6 Ivi, p. 326.

7 P. Villari, La questione di Napoli e le case popolari, in «Nuova Antologia», 16 febbraio 1910, p. 590.

8 Cronaca della politica delle abitazioni, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», dicembre 1907, p. 1452; ivi, maggio 1908, p. 1057; ivi, settembre 1909, pp. 485-495; ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 123, fasc. 1584, Napoli, case popolari, 1909-1919, lettera del prefetto di Napoli al presidente del consiglio, 31 gennaio 1910.

9 Cronaca della politica delle abitazioni. Anno 1913, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», gennaio 1914, p. 67.

10 Cfr. A. Calò, G. Ernesti, Casa e città nell’Italia giolittiana: questione urbana e case popolari, in «Storia urbana», 1998, n. 82-83, pp. 226-234.

11 Inchiesta sulle abitazioni degli impiegati d’ordine e di servizio addetti alle pubbliche amministrazioni in Roma, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», maggio 1907, pp. 988-991.

12 MAIC, Ufficio del lavoro, Inchiesta sulle abitazioni degli impiegati d’ordine e subalterni in Roma e del personale ferroviario in Roma e in altre città d’Italia, Officina Poligrafica Italiana, Roma 1908, in particolare pp. 24, 55, 151-172, 175-237.

13 Cronaca della politica delle abitazioni, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», maggio 1908, pp. 1054-1056.

14 Legge sui provvedimenti per la costruzione di case economiche pei ferrovieri, 14 luglio 1907, n. 553.

15 APC, Atti stampati, Sessione 1904-1909, doc. 846, Modificazioni alla legge 31 maggio 1903, n. 254, sulle case popolari.

16 Ivi, doc. 846-A.

17 Ivi, tornate del 2 e 3 luglio 1907.

18 APC, Atti stampati, Sessione 1904-1909, doc. 860, Disegno di legge che modifica la legge sulle case popolari. Relazione del Governo.

19 Ivi, tornata del 21 dicembre 1907.

20 Ivi, Atti stampati, Sessione 1904-1909, doc. 860-A, Relazione della Commissione; APS, Atti stampati, 1° Sessione 1904-1909, doc. 740-A, Relazione dell’Ufficio centrale.

21 V. Rossetti, Edilizia popolare e cooperazione, in A. Riosa (a cura di), Il socialismo riformista a Milano agli inizi del secolo, Franco Angeli, Milano 1981, pp. 328 e ssg.

22 APC, tornata del 21 dicembre 1907.

23 Art. 1, Legge (testo unico) sulle case popolari o economiche, 27 febbraio 1908, n. 89.

24 APC, Atti stampati, Sessione 1904-1909, doc. 860, cit.

25 Art. 15, Legge (testo unico) sulle case popolari o economiche, 27 febbraio 1908, n. 89; artt. 8, 13, Regolamento per l’esecuzione della legge (testo unico) 27 febbraio 1908, n. 89, sulle case popolari o economiche, 12 agosto 1908, n. 528.

26 Cfr. APS, Atti stampati, 1 ° Sessione 1904-1909, doc. 740-A, cit.

27 Art. 18, Legge (testo unico) sulle case popolari o economiche, 27 febbraio 1908, n. 89.

28 Artt. 64, 65, Regolamento per l’esecuzione della legge (testo unico) 27 febbraio 1908, n. 89, sulle case popolari o economiche, 12 agosto 1908, n. 528.

29 Ivi, art. 78; art. 30, Legge (testo unico) sulle case popolari o economiche, 27 febbraio 1908, n. 89.

30 Regio decreto 9 aprile 1908, n. 182, che dà le norme per la costituzione e il funzionamento della Commissione centrale per le case popolari o economiche, in «Bollettino di notizie sul credito e sulla previdenza», 1908, n. 5-6, pp. 568-569.

31 Regio decreto 28 maggio 1908, che nomina i componenti la Commissione centrale per le case popolari o economiche, ivi, pp. 571-572.

32 Ivi, p. 572.

33 APC, tornata del 27 marzo 1903.

34 Ad esempio i comuni di Castelfranco dell’Emilia, Vicenza e Piombino, Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 29 maggio 1909. I sessione del 1909, in «Bollettino di notizie sul credito e sulla previdenza», 1909, n. 5-6, pp. 450-451; Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 18 aprile 1911. I sessione 1911, ivi, 1911, n. 4, pp. 554-556.

35 Art. 18, Legge (testo unico) sulle case popolari o economiche, 27 febbraio 1908, n. 89.

36 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 194, fasc. 2298, Frascati, albergo popolare, 1908-1909, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Roma, 26 gennaio 1909.

37 Ivi, Relazione al ministro, s. g. ottobre 1908.

38 Ivi, copia di telegramma del sindaco di Frascati al prefetto di Roma, 5 maggio 1908.

39 Ivi, lettere del prefetto di Roma al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 18 maggio 1908 e 25 marzo 1909.

40 Sul clima di intimidazione che accompagnò le votazioni G. Salvemini, Il ministro della malavita e altri scritti sull’Italia giolittiana, a cura di Elio Apih, Feltrinelli, Milano 1962, pp. 166, 182-212. Legato all’ala giolittiana, Valenzani fu deputato del collegio di Albano Laziale fino al 1919 e l’anno seguente assurse al laticlavio.

41 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 194, fasc. 2299, Frascati, case popolari, 1908-1909, lettera del prefetto di Roma al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 5 luglio 1908.

42 U. Mancini, Lotte contadine e avvento del fascismo nei Castelli Romani, Armando Editore, Roma 2002, pp. 21-40.

43 A. D’Angelo, All’ombra di Roma. La diocesi tuscolana dal 1870 alla fine della seconda guerra mondiale, Studium, Roma 1985, pp. 7, 28.

44 Cfr. T. Detti, ad vocem, in F. Andreucci, T. Detti (a cura di), Il movimento operaio italiano, cit., vol. I, p. 286. Il nostro Bianchi, medico chirurgo all’ospedale di Novara, fu eletto deputato nel primo dopoguerra, A. Malatesta, Ministri, deputati, senatori dal 1848 al 1922, vol. I, Istituto Editoriale Italiano Bernardo Carlo Tosi, Milano 1940, p. 114.

45 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 152, fasc. 1810, Santhià, case popolari, 1909-1912, Comune di Santhià, Regolamento per la gestione ad economia per le case popolari.

46 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 23 maggio 1910. I sessione del 1910, in «Bollettino di notizie sul credito e sulla previdenza», 1910, n. 7, pp. 677-678.

47 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 16 novembre 1910. II sessione 1910, ivi, 1910, n. 11, p. 1112; Commissione centrale per le case popolari o economiche. VII sessione 1913. Adunanza del 14 dicembre 1913, ivi, 1914, n. 3-4, pp. 326-327.

48 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 230, fasc. 2705, Schio, case popolari, 1909, lettera del prefetto di Vicenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 27 aprile 1909; ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Vicenza, 21 giugno 1909; ivi, lettera di Gaetano Rossi ad Alberto Pironti, 17 giugno 1909 e relativa risposta del successivo 21 giugno 1909.

49 Ivi, verbali del consiglio comunale di Schio, Progetto tecnico e finanziario per la costruzione di case popolari, seduta del 20 febbraio 1909; ivi, Approvazione in seconda lettura del progetto di assunzione del servizio delle case popolari e approvazione del regolamento che disciplina il servizio stesso, seduta del 27 febbraio 1909.

50 Consigliere comunale a Schio quasi ininterrottamente dal 1868 al 1911 e in parallelo anche a Vicenza, Da Schio (1835-1930), legato agli ambienti clerico-moderati, rimane celebre per l’attività scientifica svolta nel campo della meteorologia e dell’a-eronautica, U. D’Aquino, ad vocem, in DBI, vol. 33, pp. 6-8.

51 F. Barbieri, G. De Rosa (a cura di), Storia di Vicenza, cit., vol. IV/1, L’età contemporanea, Neri Pozza, Vicenza 1991, p. 59.

52 E. Franzina, Il Veneto ribelle. Proteste sociali, localismo popolare e sindacalizzazione tra l’unità e il fascismo, Udine 2001, pp. 65-69.

53 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 230, fasc. 2705, Schio, cit., verbali del consiglio comunale di Schio, Comune di Schio, Relazione della Giunta municipale al Consiglio comunale sulla assunzione del servizio delle case popolari, 12 febbraio 1909.

54 Gestioni in economia (circolare n. 4-25 febbraio 1905, n. 15800-13), cit.

55 Cfr. ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 4, fasc. 24,1, Circolari e bollettini (con regolamenti, norme, ecc..), 1904-1920.

56 Ivi, busta 117, fasc. 1528, Medolla, case popolari, 1909-1910, lettera del prefetto di Modena al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 11 settembre 1909; ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Modena, 1 ° febbraio 1910; ivi, verbali del consiglio comunale di Medolla, Acquisto dello stabile Bianchini in Medolla e costruzione di casa popolare, seduta del 7 luglio 1909; ivi, Decisione in merito alle osservazioni del Ministero dell’Interno sulla deliberazione consigliare 7 luglio scorso per la costruzione di case popolari, seduta del 17 novembre 1909.

57 Segretario particolare di Zanardelli, Ciuffelli alla sua morte non aderì pienamente al programma di Giolitti, R. Chiarini, Politica e società nella Brescia zanardelliana. Le elezioni politiche a suffragio ristretto. 1876-1880, Giuffrè, Milano 1973; L. Agnello, ad vocem, in DBI, vol. 26, pp. 80-83; G. D’Agostini, ad vocem, in G. Melis (a cura di), Il Consiglio di Stato nella storia d’Italia, cit., tomo I, pp. 845-853.

58 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 44, fasc. 550, Iseo, case popolari (acquisto di terreno), 1911-1914, lettere del prefetto di Brescia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 5 dicembre 1911 e 7 maggio 1913; ivi, Municipio di Iseo, Memoriale per S. E. l’on. Ciuffelli, ministro dei Lavori pubblici, 28 luglio 1914; ivi, lettera del prefetto di Brescia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 1° ottobre 1914.

59 Ivi, busta 194, fasc. 2289, Colonna, case popolari, 1910, lettere del prefetto di Roma al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 5 dicembre 1909, 16 luglio e 21 luglio 1910; ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Roma, 27 luglio e 27 agosto 1910; ivi, lettera di Domenico Valenzani ad Alberto Pironti, 28 ottobre 1910, e relativa risposta del successivo 4 novembre.

60 Ivi, verbali del consiglio comunale di Colonna, Costruzione di case popolari, seduta del 21 ottobre 1909; ivi, Gestione delle case popolari in economia ed approvazione del relativo regolamento, seduta dell’11 giugno 1910; ivi, lettera del prefetto di Roma al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 19 agosto 1910.

61 Ivi, verbali del consiglio comunale di Colonna, Costruzione case popolari. Mutuo di lire 65.000 con la Cassa depositi e prestiti, seduta del 25 settembre 1910; Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 18 aprile 1911, cit., p. 552.

62 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 194, fasc. 2301, Gallicano nel Lazio, case popolari, 1913-1914, lettera del prefetto di Roma al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 5 gennaio 1913 e relativa risposta del successivo 23 gennaio; ivi, lettera di Domenico Valenzani ad Alberto Pironti, 13 febbraio 1913.

63 Ivi, foglio di appunti ms. redatto dall’ufficio per la municipalizzazione, 10 maggio 1913.

64 Ivi, verbali del consiglio comunale di Gallicano nel Lazio, Approvazione progetto case popolari, seduta del 4 marzo 1912; cfr. anche ivi, Assunzione del servizio delle costruende case popolari in economia, seduta del 5 maggio 1912; ivi, Assunzione del servizio delle costruende case popolari in economia (2° deliberazione), seduta del 29 giugno 1912; Comune di Gallicano nel Lazio, Prospetto per le rendite e spese per la gestione in economia di numero 12 appartamenti di case popolari da costruirsi al Borgo San Rocco, 11 marzo 1913.

65 Ivi, lettera del sindaco di Gallicano nel Lazio al ministro dell’Interno, 24 giugno 1913.

66 Ivi, foglio di appunti ms. redatto dall’ufficio per la municipalizzazione, s.d.

67 Ivi, verbali del consiglio comunale di Gallicano nel Lazio, Conferma deliberazioni relative alla costruzione di case popolari, seduta del 12 ottobre 1912. Commissione centrale per le case popolari o economiche. Sessione del 1914. Adunanza antimeridiana del 28 novembre 1914, in «Bollettino di notizie sul credito e sulla previdenza», 1914, n. 5-6, pp. 557-559.

68 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 156, fasc. 1843, Piove di Sacco, case popolari, 1912-1921, lettera del prefetto di Padova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 3 aprile 1913, e successiva risposta del 18 maggio 1913; ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Padova, 11 aprile 1913.

69 Ivi, busta 100, fasc. 1224, Dosolo, case popolari, 1912, lettera del prefetto di Mantova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 18 giugno 1912, e relativa risposta del successivo 5 luglio 1912.

70 Ivi, busta 156, fasc. 1843, Piove di Sacco, cit., verbali del consiglio comunale di Piove di Sacco, Deliberazione di massima per l’assunzione in economia del servizio di costruzione e locazione di case popolari da parte del comune; seduta del 23 ottobre 1911.

71 Cfr. la corrispondenza intercorsa nel biennio 1919-1920 fra il Ministero dell’Interno e il Ministero ai Lavori pubblici, ivi.

72 Ivi, verbali del consiglio comunale di Piove di Sacco, Approvazione in seconda lettura della delibera riguardante l’assunzione di un mutuo di lire 74.200 per la costruzione di case popolari da gestirsi in via economica dal comune, seduta del 14 maggio 1912; Commissione centrale per le case popolari o economiche. Sessione del 1914. Adunanza antimeridiana del 28 novembre 1914, cit., pp. 555-557.

73 Sull’esperienza dell’edilizia popolare nel comune M. Fasolato, Storia, politiche, realizzazioni nelle vicende della formazione del quartiere operaio Umberto I di Piove di Sacco. 1900-1926, Comune di Piove di Sacco, Piove di Sacco 2001.

74 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 156, fasc. 1843, Piove di Sacco, cit., Esame dei provvedimenti amministrativi del progetto tecnico e del piano finanziario per la costruzione di case popolari da cedersi a semplice pigione alle famiglie meno agiate del comune, in allegato ai verbali del consiglio comunale di Piove di Sacco, seduta del 9 aprile 1912.

75 Ivi, busta 117, fasc. 1528, Medolla, cit., lettera del prefetto di Modena al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 23 settembre 1909; ivi, verbali del consiglio comunale di Medolla, Decisione in merito alle osservazioni del Ministero dell’Interno sulla deliberazione consigliare 7 luglio scorso per la costruzione di case popolari, seduta del 17 novembre 1909; ivi, busta 194, fasc. 2289, Colonna, cit., verbali della giunta provinciale amministrativa di Roma, seduta del 9 settembre 1910.

76 Ivi, busta 194, fasc. 2301, Gallicano nel Lazio, cit., minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Roma, 16 maggio 1913; ivi, busta 44, fasc. 550, Iseo, cit., Municipio di Iseo, Memoriale per S. E. l’on. Ciuffelli, ministro dei Lavori pubblici, 28 luglio 1914, cit.; ivi, busta 156, fasc. 1843, Piove di Sacco, cit., foglio di appunti ms. redatto dall’ufficio per la municipalizzazione, s. d.

77 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Sessione del 1914. Adunanza antimeridiana del 28 novembre 1914, cit., pp. 556-557.

78 Il sindaco di Medolla Gustavo Magnanini era militante socialista, mentre era repubblicano quello di Iseo Luigi Nulli, A. Fappani, Vicende politiche iseane fra’800 e’900, in «Quaderni della Biblioteca comunale di Iseo», maggio 1973, p. 20.

79 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 100, fasc. 1225, Gonzaga, case popolari, 1913-1922, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Mantova, 17 luglio 1913.

80 Come il Comune di Gonzaga intende risolvere il problema dell’abitazione popolare, in «Il Comune Moderno», 1913, p. 318.

81 Ivi, p. 322.

82 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 100, fasc. 1225, Gonzaga, cit., lettera del prefetto di Mantova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 26 settembre 1914; ivi, verbali del consiglio comunale di Gonzaga, Relazione della giunta municipale per il progetto di costruzione delle case popolari, in allegato a Nuovo progetto per la costruzione di case popolari. Provvedimenti finanziari conseguenti ed assunzione del servizio in economia, seduta del 4 maggio 1920.

83 Ivi, lettere del prefetto di Mantova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 27 marzo 1916 e 16 gennaio 1918; ivi, verbali del consiglio comunale di Gonzaga, Case popolari: osservazioni del Ministero, seduta del 3 dicembre 1920.

84 Ivi, busta 194, fasc. 2301, Gallicano nel Lazio, cit., minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Roma, 16 maggio 1913, cit.

85 Ivi, busta 229, fasc. 2683, Bassano Veneto, case popolari, 1910-1914, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Vicenza, 29 novembre 1910.

86 G. Berti, Otto e Nocecento, in Storia di Bassano, Comitato per la storia di Bassano, Bassano del Grappa 1980, pp. 165-168; S. Lanaro, Società e ideologie nel Veneto rurale. 1866-1898, Edizioni di storia e letteratura, Roma 1976, p. 61.

87 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 229, fasc. 2683, Bassano, cit., minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Vicenza, 31 gennaio 1911.

88 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 16 novembre 1910, cit., pp. 1108-1109.

89 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 229, fasc. 2683, Bassano, cit., lettera del prefetto di Vicenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 5 maggio 1911.

90 Ivi, lettere del prefetto di Vicenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 4 ottobre 1911 e 9 marzo 1912.

91 Ivi, lettera della Direzione generale della Cassa depositi e prestiti al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 23 maggio 1912 e relativa risposta del successivo 5 giugno.

92 Ivi, verbali del consiglio comunale di Bassano, Assunzione diretta del servizio per le case popolari a termini dell’art. 10 della legge 1903 n. 103 importante una spesa di impianto di lire 275.000; approvazione del relativo progetto tecnico finanziario e del bilancio di gestione, seduta del 2 aprile 1912.

93 Ivi, lettera del prefetto di Vicenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 5 luglio 1912; ivi, Relazione al ministro, 28 novembre 1912; ivi, allegato al verbale della seduta della Commissione reale del 10 dicembre 1912; ivi, busta 3, fasc. 11, Verbali della Commissione, 1912, seduta del 10 dicembre 1912.

94 Ivi, busta 229, fasc. 2683, Bassano, cit., verbali del consiglio comunale di Bassano, Proposta di modificazione al piano d’esercizio dell’azienda in via di municipalizzazione delle case popolari in seguito all’ordinanza 10 dicembre 1912 della Commissione reale, seduta del 28 aprile 1913.

95 Ivi, Relazione al ministro, 28 giugno 1913; ivi, allegato alla seduta della Commissione reale del 12 luglio 1913; ivi, busta 3, fasc. 12, cit., seduta del 12 luglio 1913.

96 Ivi, busta 229, fasc. 2683, Bassano, cit., verbali del consiglio comunale di Bassano, Nuova deliberazione circa il piano finanziario della costituenda azienda speciale per le case popolari, seduta del 29 settembre 1913.

97 Ivi, Relazione al ministro, 18 dicembre 1913; ivi, allegato alla seduta della Commissione reale del 5 gennaio 1914; ivi, busta 3, fasc. 13, cit., seduta del 5 gennaio 1914.

98 Ivi, busta 229, fasc. 2683, Bassano, cit., lettera del prefetto di Vicenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 25 giugno 1914: su 4.774 elettori iscritti, i votanti erano stati 1.418, di cui 1.275 favorevoli, 142 contrari e una scheda nulla. Sul finire del 1920 fu deliberata la costruzione di altri otto gruppi di case popolari, cfr. ivi, fasc. 2684, Bassano Vicentino, case popolari, 1921-1925.

99 Ivi, busta 59, fasc. 783, Castelleone, case popolari, 1911-1922, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Cremona, 23 novembre 1910.

100 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Cremona, 18 dicembre 1910.

101 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Cremona, 17 luglio 1911.

102 R. Bachi, Storia della Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde. 1823-1822, s. n., Milano 1924, pp. 44, 270-273.

103 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 59, fasc. 783, Castelleone, cit., lettera del prefetto di Cremona al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 12 novembre 1911.

104 C. Bello, Le avanguardie contadine cristiane nella Valle del Po da documenti inediti, Ora Sesta, Roma 1968, p. 82.

105 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 59, fasc. 783, Castelleone, cit., lettere della Direzione generale della Cassa depositi e prestiti al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 23 novembre e 22 dicembre 1911.

106 Ivi, verbali del consiglio comunale di Castelleone, Sulla lettera della R. Prefettura riguardante la municipalizzazione della gestione “case popolari”, seduta del 21 gennaio 1912; ivi, Sulla municipalizzazione delle case popolari, seduta del 3 marzo 1912.

107 Ivi, lettere di Angelo Pavia ad Alfredo Falcioni, 13 novembre 1911 e 11 febbraio 1912, con le relative risposte 26 novembre 1911 e 15 febbraio 1912.

108 Ivi, Relazione al ministro, 30 gennaio 1915; ivi, allegati A e B alla seduta della Commissione reale del 10 febbraio 1915; ivi, busta 3, fasc. 14, Verbali della Commissione, 1915, seduta del 10 febbraio 1915.

109 Ivi, busta 59, fasc. 783, Castelleone, cit., foglio di appunti ms. redatto dall’ufficio per la municipalizzazione, 19 novembre 1917; si veda anche la corrispondenza intrattenuta nel biennio 1920-1921.

110 Il consolidamento della giunta Visca era stato favorito dall’ondata anticlericale che aveva percorso Varazze nel 1907, quando il locale collegio salesiano era stato al centro di uno scandalo per abusi sessuali, E. Oliari, L’omo delinquente. Scandali e delitti gay dall’unità a Giolitti, Prospettiva editrice, Civitavecchia 2006.

111 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 88, fasc. 1103, Varazze, case operaie, 1908-1922, dispaccio telegrafico del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Genova, 12 marzo 1909; ivi, verbali del consiglio comunale di Varazze, Costruzione di case operaie, 21 luglio 1908; ivi, Costruzione di case operaie, 13 febbraio 1909; ivi, Costruzione di case operaie, 21 febbraio 1909. Nelle sedute 27 aprile e 16 maggio 1909 avvenne la deliberazione dell’azienda speciale e del progetto tecnico-finanziario debitamente rivisto, ivi, lettera del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 2 giugno 1909.

112 Ivi, allegati B e C alla seduta della Commissione reale del 30 gennaio 1910; ivi, busta 3, fasc. 9, cit., seduta del 30 gennaio 1910. Il referendum si svolse il successivo 20 marzo, benché con una scarsa affluenza alle urne: su 1.791 elettori, si ebbero 563 voti favorevoli e 120 contrari, ivi, busta 88, fasc. 1103, Varazze, cit., lettera del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 26 ottobre 1910.

113 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 18 aprile 1911, cit., pp. 556-558.

114 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 88, fasc. 1103, Varazze, cit., lettere di Giuseppe Astengo al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 4 dicembre 1909 e 14 gennaio 1910. Visca fu un grande sostenitore di Astengo sino al 1913, quando furono entrambi in lizza per il collegio di Savona, M. Pignotti, Notabili candidati elezioni, cit., pp. 174, 350-362.

115 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 86, fasc. 1081, Savona, cit., lettera del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 7 settembre 1909.

116 Ivi, lettere del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 1° marzo e 14 giugno 1910.

117 M. Pignotti, Notabili candidati elezioni, cit., p. 178.

118 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 86, fasc. 1081, Savona, cit., lettera del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 28 dicembre 1910; ivi, verbali del consiglio comunale di Savona, Nuove determinazioni relative alla costruzione di case operaie, seduta del 28 ottobre 1910.119 Ivi, allegato B alla seduta della Commissione reale del 18 settembre 1911; ivi, busta 3, fasc. 10, cit., seduta del 18 settembre 1911.

119 Ivi, allegato B alla seduta della Commissione reale del 18 settembre 1911; ivi, bu­sta 3, fasc. 10, cit., seduta del 18 settembre 1911.

120 Commissione centrale per le case popolari o economiche. VI sessione 1913. Adunanza antimeridiana del 10 ottobre 1913, in «Bollettino di notizie sul credito e sulla previdenza», 1913, n. 5, pp. 778-780.

121 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 86, fasc. 1081, Savona, cit., lettera del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 2 dicembre 1911: si ebbero 2.090 voti favorevoli, 202 contrari e 13 dispersi.

122 La politica delle abitazioni in Italia. Le case municipali di Savona, in «Il Comune Moderno», 1912, p. 322.

123 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 44, fasc. 541, Chiari, costruzione di case popolari, 1908-1917, lettera del prefetto di Brescia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 15 febbraio 1910; ivi, verbali del consiglio comunale di Chiari, Modificazioni al progetto relativo alla costruzione delle case operaie e provvedimenti finanziari relativi, seduta del 10 novembre 1909.

124 Ivi, verbali del consiglio comunale di Chiari, Costruzione di case operaie e provvedimenti relativi, seduta del 12 novembre 1908; ivi, Costruzione di case operaie (seconda votazione), seduta del 26 dicembre 1908; ivi, Municipio di Chiari, Relazione in merito alla costruzione delle case operaie, presentata al Consiglio comunale in seduta 12 novembre 1908, Rivetti, Chiari s. d.

125 Ivi, verbali del consiglio comunale di Chiari, Assunzione diretta del servizio delle case popolari (I votazione), seduta dell’8 ottobre 1910.

126 Ivi, lettera di Gian Giacomo Morando ad Alfredo Falcioni, 18 maggio 1911.

127 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, a Gian Giacomo Morando, 23 maggio 1911; ivi, Relazione al ministro, 12 aprile 1911; ivi, allegati al verbale della seduta della Commissione reale del 9 maggio 1911; ivi, busta 3, fasc. 10, cit., seduta del 9 maggio 1911.

128 Ivi, busta 44, fasc. 541, Chiari, cit., lettera della Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde alla giunta municipale di Chiari, 11 giugno 1910. Commissione centrale per le case popolari o economiche. I sessione 1913. Adunanza 7 marzo 1913, in «Bollettino di notizie sul credito e sulla previdenza», 1913, n. 3, pp. 317-319.

129 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 44, fasc. 541, Brescia, case popolari, 1921-1923, lettera del Ministero per il Lavoro e la Previdenza sociale al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 22 aprile 1921.

130 Cronache municipali. Le nuove case popolari del comune di Brescia, in «L’autonomia comunale. Organo dell’Associazione dei comuni italiani», 1909, n. 1, p. 4.

131 Cfr. Storia di Brescia, Morcelliana, Brescia 1961, pp. 472-475, 482-485.

132 Le case popolari municipali di Brescia, in «Il Comune Moderno», 1913, p. 575. Cfr. anche Brescia. Case operaie, in «L’Ingegneria Sanitaria», 1897, n. 1, p. 18.

133 V. Magaldi, Case popolari. Relazione per l’anno 1905, cit., p. 646; C. Deretti, Sulle case operaie nella città di Brescia, Tip. Apollonio, Brescia 1878.

134 Cronache municipali. Le nuove case popolari del comune di Brescia, cit., p. 4.

135 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 59, fasc. 783, Castelleone, cit., Relazione al ministro, 30 gennaio 1915, cit.

136 R. Balzani, Le tradizioni amministrative locali, in Storia d’Italia. Le regioni dall’unità a oggi, R. Finzi (a cura di), L’Emilia-Romagna, Einaudi, Torino 1997, pp. 599-616.

137 M. Degl’Innocenti, Il comune nel socialismo italiano. 1892-1922, in id. (a cura di), Le sinistre e il governo locale in Europa, cit., p. 13.

138 id., La lotta politica e sociale nella Bassa modenese tra ’800 e’900, cit., pp. 154-156.

139 ACS, Casellario Politico Centrale, busta 3526, fasc. Arcangelo Nerozzi; ivi, busta 3921, fasc. Giuseppe Pezzoli; ivi, busta 2477, fasc. Giovanni Goldoni; ivi, busta 1063, fasc. Roberto Carati. Per cenni biografici sulle figure di Nerozzi, Pezzoli e Carati, ad vocem, in A. Albertazzi, L. Arbizzani, N. S. Onofri (a cura di), Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919-1945). Dizionario biografico, Istituto per la storia di Bologna, Bologna 1995.

140 M. Missori, Governi, alte cariche dello stato, alti magistrati e prefetti del regno d’Italia, cit., p. 426; G. Melis, Storia dell’amministrazione italiana, cit., p. 201.

141 In quel periodo era sindaco Luigi Tonini. Il comune fu amministrato dai socialisti dal 1905 al 1920, L. Arbizzani, Note e documenti per una storia del movimento sociale e politico di Crevalcore dall’unità d’Italia al secondo dopoguerra, in «Strada maestra. Quaderni della Biblioteca comunale “G. C. Croce” di San Giovanni in Persiceto», 1985, n. 1, pp. 69-76.

142 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 42, fasc. 515, Medicina, case popolari, 1907-1912, lettera del prefetto di Bologna al Ministero dell’Interno, 31 maggio 1907; ivi, allegato 2 al verbale della seduta della Commissione reale del 13 aprile 1908; ivi, busta 3, fasc. 7, cit., seduta del 13 aprile 1908.

143 Ivi, fasc. 6, cit., seduta del 18 dicembre 1907; ivi, busta 41, fasc. 501, Crevalcore, case popolari, 1907-1922, allegato 2 al verbale della seduta della Commissione reale del 18 dicembre 1907.

144 Ivi, verbali del consiglio comunale di Crevalcore, Risposta alle osservazioni del Ministero e del Consiglio provinciale sanitario circa la costruzione delle case popolari, seduta del 18 giugno 1907; ivi, Conferma con l’intervento di 20 consiglieri della deliberazione 18 giugno u. s. relativa alle case popolari, 16 ottobre 1907.

145 Ivi, busta 42, fasc. 515, Medicina, cit., verbali del consiglio comunale di Medicina, Costruzioni di case popolari, seduta del 19 agosto 1906; ivi, Seconda deliberazione per la costruzione di case popolari, seduta del 2 settembre 1906.

146 Ivi, Relazione al ministro, 2 aprile 1908; ivi, busta 41, fasc. 501, Crevalcore, cit., Relazione al ministro, 25 novembre 1907.

147 Atti della Commissione centrale per le case popolari o economiche. II sessione del 1908. Adunanza del 30 dicembre 1908, cit., p. 1510-1512.

148 Commissione centrale per le case popolari o economiche. IV sessione 1913. Adunanza 26 giugno 1913, in «Bollettino di notizie sul credito e sulla previdenza», 1913, n. 4, pp. 573-574; Commissione centrale per le case popolari o economiche. VII sessione 1913. Adunanza del 14 dicembre 1913, cit., p. 327.

149 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 41, fasc. 501, Crevalcore, cit., Relazione al ministro, 25 novembre 1907, cit.

150 A Medicina si registrarono 821 voti favorevoli e 58 contrari, ivi, busta 42, fasc. 515, Medicina, cit., lettera del prefetto di Bologna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 14 giugno 1912. A Crevalcore i voti favorevoli furono invece 833 contro 90 contrari, ivi, busta 41, fasc. 501, Crevalcore, cit., lettera del prefetto di Bologna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 11 marzo 1908.

151 R. Zangheri (a cura di), Lotte agrarie in Italia. La Federazione nazionale dei lavoratori della terra, Feltrinelli, Milano 1960, p. LIV.

152 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 38, fasc. 454, Anzola dell’Emilia, case popolari, 1908-1912, Relazione al ministro, 21 maggio 1909.

153 Ivi, allegati 1 e 2 alla seduta della Commissione reale del 23 giugno 1909; ivi, busta 3, fasc. 8, cit., seduta del 23 giugno 1909.

154 Ivi, busta 38, fasc. 454, Anzola dell’Emilia, cit., verbali del consiglio comunale di Anzola dell’Emilia, Modificazioni al piano finanziario per la gestione delle case popolari, seduta del 4 agosto 1909; ivi, Relazione al ministro, 16 dicembre 1909.

155 Si ebbero 353 voti favorevoli, 13 contrari e 2 dispersi, ma come era accaduto pure a Crevalcore si recò alle urne circa metà degli aventi diritto, ivi, telegramma del prefetto di Bologna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 3 marzo 1910. Ivi, allegato alla seduta della Commissione reale del 28 dicembre 1909; ivi, busta 3, fasc. 8, cit., seduta del 28 dicembre 1909.

156 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 23 maggio 1910, cit., pp. 679-680.

157 Ivi, busta 38, fasc. 454, Anzola dell’Emilia, cit., verbali del consiglio comunale di Anzola dell’Emilia, Relazione di giunta sulla necessità di ampliare l’abitato, 11 aprile 1908; ivi, Sull’assunzione da parte del comune della costruzione di case popolari, 11 aprile 1908; ivi, Approvazione del progetto per costruzione di case popolari e provvedimenti finanziari relativi, seduta del 23 aprile 1908; Approvazione in seconda lettura del progetto per costruzione di case popolari e provvedimenti finanziari relativi, seduta del 3 maggio 1908.

158 Comune di Anzola dell’Emilia, Giovanni Goldoni, 1905-2005. Il contadino che divenne primo sindaco socialista di Anzola, s. e.

159 M. Degl’Innocenti, Il comune nel socialismo italiano, cit., p. 13.

160 id., Cittadini e rurali nell’Emilia Romagna rossa tra’800 e’900, Franco Angeli, Milano 1990, pp. 75-76.

161 ACS, Casellario Politico Centrale, busta 1898, fasc. Attilio Evangelisti. G. Gresleri, P.G. Massaretti (a cura di), Norma e arbitrio. Architetti e ingegneri a Bologna 1850-1950, Marsilio, Venezia 2001.

162 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 3, fasc. 10, cit., seduta del 27 novembre 1911; ivi, busta 38, fasc. 458, Baricella, case popolari, 1910-1913, allegato D alla seduta della Commissione del 27 novembre 1911; ivi, Relazione al ministro, 19 novembre 1911.

163 Ivi, allegato B alla seduta della Commissione del 28 dicembre 1912; ivi, Appunto del comm. Magaldi sulla prima proposta di costruzione di case popolari in Baricella, ds., s. d.; ivi, busta 3, fasc. 10, cit., seduta del 28 dicembre 1912.

164 Ivi, busta 38, fasc. 458, Baricella, cit., Relazione al ministro, 14 dicembre 1912.

165 Ivi, busta 40, fasc. 489, Castel Maggiore, case popolari, 1910-1911, allegati A e B alla seduta della Commissione dell’11 luglio 1911; ivi, busta 3, fasc. 10, cit., seduta dell’11 luglio 1911. Ivi, fasc. 11, cit., seduta dell’11 giugno 1912; ivi, busta 40, fasc. 485, Castel Guelfo, case popolari, 1910-1914, allegati alla seduta della Commissione dell’11 giugno 1912; ivi, Relazione al ministro, 1 ° giugno 1912.

166 Ivi, busta 40, fasc. 489, Castel Maggiore, cit., allegati A e B alla seduta della Commissione del 16 febbraio 1911; ivi, busta 3, fasc. 10, cit., seduta del 16 febbraio 1911. Ivi, fasc. 11, cit., seduta del 27 febbraio 1912; ivi, busta 40, fasc. 485, Castel Guelfo, cit., Relazione al ministro, s. g. febbraio 1912; ivi, allegato alla seduta della Commissione reale del 27 febbraio 1912.

167 Ivi, verbali del comune di Castel Guelfo, Case popolari, seduta del 18 novembre 1910; ivi, busta 40, fasc. 489, Castel Maggiore, cit., verbali del comune di Castel Maggiore, Progetto tecnico e finanziario per la costruzione e l’esercizio di case popolari, seduta del 15 maggio 1910.

168 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 22 febbraio 1912. I sessione 1912, in «Bollettino di notizie sul credito e sulla previdenza», 1912, n. 2, pp. 176-178; Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 30 aprile 1912. II sessione 1912, ivi, n. 3, cit., p. 300; Commissione centrale per le case popolari o economiche. III sessione 1913. Adunanza 29 maggio 1913, ivi, 1913, n. 4, pp. 565-567.

169 G. Gresleri, P. G. Massaretti (a cura di), Norma e arbitrio, cit., p. 180.

170 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 41, fasc. 501, Crevalcore, cit., Municipio di Crevalcore, Regolamento per la costruzione e l’esercizio diretto di case sane, economiche e popolari nel comune di Crevalcore, artt. 19, 26; ivi, busta 40, fasc. 489, Castel Maggiore, cit., Regolamento per la costruzione e l’esercizio di case popolari, artt. 17, 23.

171 E. Bertarelli, Come difendere dagli inquilini le case popolari?, in «Critica Sociale», 1907, pp. 103-104.

172 Fatte le case bisogna fare gli inquilini, in «Il Comune Moderno», 1912, pp. 551-555.

173 Per una sintesi biografica L. Arbizzani, ad vocem, in F. Andreucci, T. Detti (a cura di), Il movimento operaio italiano, cit., vol. III, pp. 350-360; G. Sircana, ad vocem, in DBI, vol. 71, pp. 709-712; ACS, Casellario Politico Centrale, busta 3137, fasc. Giuseppe Massarenti.

174 P.P. D’Attore, La politica, in R. Zangheri (a cura di), Bologna, Laterza, Roma-Bari 1986, pp. 104-105.

175 A. Bertolini, Lo sciopero di Molinella, in «Giornale degli economisti», ottobre 1900, pp. 395-396; G. E. Sturani, Ancora del decimo sciopero di Molinella, ivi, dicembre 1900, pp. 593-614.

176 P.P. D’Attore, La politica, cit., p. 105; M. Degl’Innocenti, Il movimento socialista, in A. Berselli (a cura di), Storia della Emilia Romagna, University Press Bologna, Imola 1980, p. 425.

177 Cfr. G. Mazzoni, Molinella e Giuseppe Massarenti nell’età giolittiana, in «Movimento operaio e socialista», 1974, n. 4, pp. 317-330; id., Un uomo, un paese. Giuseppe Massarenti e Molinella, Istituto Gramsci Emilia-Romagna, Bologna 1990.

178 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 42, fasc. 517, Molinella, case popolari, 1908-1915, verbali del consiglio comunale di Molinella, Costruzione e municipalizzazione delle baracche in mattoni da costruirsi in Marmorta, seduta del 24 novembre 1908.179 Ivi, verbali della giunta provinciale amministrativa di Bologna, seduta del 23 dicembre 1908.

179 Ivi, verbali della giunta provinciale amministrativa di Bologna, seduta del 23 dicembre 1908.

180 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Bologna, 21 gennaio 1909.

181 Ivi, lettera del prefetto di Bologna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 23 gennaio 1910.

182 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, alla Direzione generale della Cassa depositi e prestiti, 27 gennaio 1910.

183 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 29 maggio 1909, cit., pp. 451-452.

184 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 42, fasc. 517, Molinella, cit., lettera del prefetto di Bologna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 6 agosto 1910.

185 Ivi, verbali del consiglio comunale di Molinella, Costruzione e gestione delle case operaie del capoluogo e mutuo per sostenere la spesa, seduta dell’11 febbraio 1913.

186 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Bologna, 21 aprile 1913; ivi, lettera del prefetto di Bologna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 8 agosto 1913.

187 Ivi, copia di lettera del sindaco di Molinella al prefetto di Bologna, 15 novembre 1913.

188 Ivi, lettera del prefetto di Bologna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 21 novembre 1913.

189 Ivi, copia di lettera di Emanuele Modigliani a Giovanni Giolitti, 15 dicembre 1913; ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, a Emanuele Modigliani, 1 ° febbraio 1914.

190 G. Mazzoni, Molinella e Giuseppe Massarenti nell’età giolittiana, cit., p. 339.

191 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 42, fasc. 517, Molinella, cit., lettera del sindaco di Molinella al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 6 marzo 1914.

192 Ivi, lettera del sindaco di Molinella al prefetto di Bologna, 6 marzo 1914.

193 Ivi, Comune di Molinella, Municipalizzazione delle case popolari ed operaie in Molinella (costruzione ed esercizio e prestito).

194 Ivi, busta 3, fasc. 13, cit., seduta del 16 settembre 1914.

195 Ivi, busta 42, fasc. 517, Molinella, cit., allegati A e B alla seduta del 16 settembre 1914.

196 F. S. Solari, Lotte agrarie a Molinella: 1905-1915, in «Storia contemporanea», 1978, n. 5-6; C. Pelino, L’ordine pubblico nell’età giolittiana: il caso di Bologna (1912-1914), in «Rassegna storica del Risorgimento», 2001.

197 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 42, fasc. 517, Molinella, cit., telegramma del prefetto di Bologna al sottosegretario del Ministero dell’Interno, 14 dicembre 1914.

198 C. Pelino, L’ordine pubblico nell’età giolittiana, cit., p. 403-406.

199 M. Saija, I prefetti italiani nella crisi dello stato liberale, vol. I, cit., p. 121, nota 15.

200 G. Ferro, Massarenti il riformista, Opere Nuove, Roma 1990, pp. 90-99.

201 Come recitava il titolo di un pamphlet di Mario Missiroli, P.P. D’Attore, La politica, cit., p. 107.

202 Una “Città del sole” in Romagna. L’opera dei socialisti a Molinella, in «La Riforma Sociale», 1916, n. 1, p. 56.

203 E. Bassi, N.S. Onofri, Francesco Zanardi il sindaco del pane, La Squilla, Bologna 1976.

204 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 42, fasc. 518, Molinella, case popolari, 1922, lettera del Ministero per l’Industria e il Commercio al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 18 ottobre 1921 e relativa risposta del successivo 2 giugno.

205 Cfr. F. Cazzamalli, L’avventura di Giuseppe Massarenti (per la libertà e la dignità del cittadino), Steb, Bologna 1946.

206 L. Grossi, Carlo Grossi. Una vita lunga un secolo, Baraldini, Finale Emilia 2009.

207 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 117, fasc. 1527, Finale nell’Emilia, case popolari, 1910-1920, Relazione al ministro, 18 aprile 1910.

208 Come fu stabilito dalla Commissione reale in adunanza riservata del 19 giugno 1910, ivi, allegato E; cfr. anche ivi, allegati C e D alla seduta della Commissione reale del 2 maggio 1910; ivi, verbali del consiglio comunale di Finale nell’Emilia, Nuova deliberazione intorno al piano finanziario per l’esercizio delle case popolari, seduta del 25 maggio 1910; ivi, busta 3, fasc. 9, cit., seduta del 2 maggio 1910. Il referendum si tenne in data 24 luglio e su 2.301 elettori iscritti risultarono 1.461 votanti, con 1.101 schede favorevoli, 337 contrarie e 23 nulle, ivi, busta 117, fasc. 1527, Finale nell’Emilia, cit., lettera del prefetto di Modena al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 29 luglio 1910.

209 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 16 novembre 1910, cit., pp. 1106-1107.

210 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 13 giugno 1912. III sessione 1912, in «Bollettino di notizie sul credito e sulla previdenza», 1912, n. 5, pp. 505-506. ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 117, fasc. 1527, Finale nell’Emilia, cit., lettera del Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 2 agosto 1912.

211 Ivi, lettera del prefetto di Modena al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 25 novembre 1912; minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Modena, 30 marzo 1913.

212 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Modena, 18 giugno 1915 e relativa risposta del successivo 1° luglio.

213 Ivi, lettera della Lega nazionale delle cooperative italiane al Ministero dell’Interno, 29 luglio 1915.

214 Ivi, Relazione al ministro, 6 dicembre 1915; ivi, allegati A e B alla seduta della Commissione reale del 15 dicembre 1915; ivi, busta 3, fasc. 14, cit., seduta del 15 dicembre 1915.

215 Ivi, busta 117, fasc. 1527, Finale nell’Emilia, cit., lettere del prefetto di Modena al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 25 febbraio e 12 aprile 1916.

216 Ivi, Relazione al ministro, 2 marzo 1920; allegato A alla seduta della Commissione reale del 10 aprile 1920; ivi, busta 3, fasc. 19, Verbali della Commissione, 1912, seduta del 10 aprile 1920.

217 Ivi, busta 185, fasc. 2168, Ravenna, case popolari, 1908-1922. La costruzione delle case era stata promossa dal sindaco repubblicano Chiarissimo Calderoni, ma il successore Fortunato Buzzi, di medesima fede, preferì rinunciarvi, R. Balzani, Confini, istituzioni, infrastrutture. Rappresentazioni e “vocazioni” del territorio ravennate (1815-1961), in L. Lotti (a cura di), Storia di Ravenna, vol. V, L’età risorgimentale e contemporanea, Marsilio, Venezia 1996, pp. 211-215.

218 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 183, fasc. 2146, Cotignola, case popolari, 1909-1922, lettera del prefetto di Ravenna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 12 agosto 1909; minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Ravenna, 20 agosto 1909 e 22 novembre 1910.

219 Ivi, lettere del prefetto di Ravenna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 7 agosto 1911 e 18 giugno 1921; ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Ravenna, 29 dicembre 1921.

220 Ivi, busta 183, fasc. 2139, Brisighella, case popolari, 1909-1910, lettera del prefetto di Ravenna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 18 giugno 1909 e relativa risposta del successivo 16 agosto; ivi, verbali del consiglio comunale di Brisighella, Costruzione d’urgenza e conduzione in economia del primo gruppo di case popolari e relative deliberazioni, seduta del 7 luglio 1909. L’approvazione in seconda lettura avvenne sotto l’egida del sindaco Francesco Bracchini, esponente del movimento cattolico, poi schedato come antifascista, ivi, Casellario Politico Centrale, busta 808, fasc. Francesco Bracchini. Cfr. A. Albertazzi, G. Campanini (a cura di), Il Partito popolare in Emilia-Romagna. 1919-1926, Cinque Lune, Roma 1983.

221 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 184, fasc. 2153, Faenza, case popolari, 1910-1924, lettere del prefetto di Ravenna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 25 agosto 1911, 9 luglio 1912 e 6 aprile 1913.

222 Comune di Faenza, Comitato per le case popolari, Inchiesta sulle abitazioni degli operai, Premiata Tipografia Sociale, Faenza 1907. P. Somma, Le inchieste municipali sulle abitazioni nel primo decennio del Novecento, cit., pp. 201-207.

223 L. Lotti, I deputati di Lugo tra la fine del secolo XIX e la prima guerra mondiale, in «Studi romagnoli», 1970, pp. 239-250.

224 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 185, fasc. 2158, Lugo, case popolari, 1909-1911, Relazione al ministro, 31 marzo 1910; ivi, verbali del consiglio comunale di Lugo, Osservazioni sul progetto di costruzione e conduzione diretta di case popolari e provvedimenti relativi, seduta del 22 dicembre 1909.

225 Ivi, Relazione al ministro, 10 ottobre 1909; ivi, allegati A e B alle sedute della Commissione reale del 30 ottobre 1909 e 18 aprile 1910; ivi, busta 3, fasc. 8, cit., seduta del 30 ottobre 1909; ivi, fasc. 9, seduta del 18 aprile 1910.

226 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 10 novembre 1911. III sessione 1911, in «Bollettino di notizie sul credito e sulla previdenza», 1911, n. 11-12, appendice, pp. 1395-1398.

227 Il referendum si era svolto il 10 luglio 1910 e su 3.796 elettori, risultarono 1.020 votanti, di cui 983 voti favorevoli, 35 contrari e 2 nulli, ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 185, fasc. 2158, Lugo, cit., lettere del prefetto di Ravenna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 17 giugno e 5 agosto 1910.

228 Ivi, Relazioni al ministro, 16 marzo 1911, 3 giugno 1911; ivi, allegati C e D alla seduta della Commissione reale del 30 marzo 1911; ivi, allegati E e F alla seduta della Commissione reale del 7 giugno 1911; ivi, busta 3, fasc. 10, cit., sedute del 30 marzo e 7 giugno 1911.

229 Ivi, seduta del 25 luglio 1911; ivi, busta 185, fasc. 2158, Lugo, cit., Relazione al ministro, 19 luglio 1911; ivi, Osservazioni del comune di Lugo in merito alla decisione della Commissione reale 7 giugno 1911 in ordine alla costruzione e conduzione diretta di case popolari, 5 luglio 1911.

230 Ivi, busta 182, fasc. 2133, Alfonsine, case popolari, 1911-1921, copia di lettera della prefettura di Ravenna, Divisione sanità, al sindaco di Alfonsine, 20 maggio 1911.

231 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Ravenna, 19 febbraio 1911; ivi, verbali del consiglio comunale di Alfonsine, Costruzione di case operaie, seduta del 20 marzo 1911.

232 Ivi, lettere del prefetto di Ravenna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 24 febbraio e 13 aprile 1912.

233 Ivi, Relazione al ministro, 4 maggio 1912; ivi, allegati A e B alla seduta della Commissione reale del 15 maggio 1912; ivi, verbali del consiglio comunale di Alfonsine, Ulteriori provvedimenti per la costruzione di case popolari, seduta del 28 luglio 1912; ivi, busta 3, fasc. 11, cit., seduta del 15 maggio 1912.

234 D. Bolognesi, P. Morigi, La Camera di Commercio di Ravenna (1866-2002). Un’istituzione al servizio del territorio ravennate, Longo, Ravenna 2003, p. 140; E. Strada, Mino Gessi: l’idea e la forza. Sovversivi, fascisti e spie durante il Ventennio in Romagna e in Francia, “Il Ponte Vecchio”, Cesena 2000, pp. 17, 22, 24-25, 60-61, 282.

235 Il referendum si svolse il 23 febbraio 1913: su 1.202 elettori si registrarono 525 voti favorevoli, 20 contrari e una scheda nulla, ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 182, fasc. 2133, Alfonsine, cit., lettera del prefetto di Ravenna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 20 gennaio 1913; ivi, Relazione al ministro, 11 dicembre 1912; ivi, allegati C e D alla seduta della Commissione reale del 28 dicembre 1912; ivi, busta 3, fasc. 11, cit., seduta del 28 dicembre.

236 Commissione centrale per le case popolari o economiche. III sessione 1913. Adunanza 29 maggio 1913, cit., pp. 567-572.

237 Commissione centrale per le case popolari o economiche. V sessione 1913. Adunanza 11 luglio 1913, in «Bollettino di notizie sul credito e sulla previdenza», 1913, n. 4, pp. 580-581.

238 Cfr. la corrispondenza intrattenuta nel 1921, ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 182, fasc. 2133, Alfonsine, cit.

239 A. Gianolio, Sant’Ilario d’Enza dall’unità d’Italia alla liberazione. Storia e cronaca, Sant’Ilario d’Enza Comune, 1998, pp. 147-149.

240 M. Degl’Innocenti, Il comune nel socialismo italiano, cit., p. 14.

241 A. Gianolio, Sant’Ilario d’Enza dall’unità d’Italia alla liberazione, cit., pp. 150-152.

242 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 192, fasc. 2267, Sant’Ilario d’Enza, case popolari, 1911-1922, Relazione della commissione sanitaria al sindaco, 2 settembre 1910.

243 Ivi, lettera del prefetto di Reggio Emilia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 24 gennaio 1911; ivi, allegati A e B alla seduta della Commissione reale del 7 giugno 1911; ivi, Relazione al ministro, 5 settembre 1911; ivi, allegati C e D alla seduta della Commissione reale del 18 settembre 1911; ivi, busta 3, fasc. 10, cit., sedute del 7 giugno e 18 settembre 1911.

244 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 22 febbraio 1912, cit., pp. 178-180.

245 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 189, fasc. 2247, Montecchio, case popolari, 1912-1914, lettera del prefetto di Reggio Emilia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 6 aprile 1914.

246 Ivi, Relazione al ministro, 7 giugno 1913; ivi, allegato D alla seduta della Commissione reale del 18 giugno 1913; ivi, busta 3, fasc. 12, cit., seduta del 18 giugno 1913.

247 Ivi, busta 189, fasc. 2247, Montecchio, cit., Relazione al ministro, 24 aprile 1914.

248 Ivi, busta 3, fasc. 10, cit., seduta del 7 giugno 1911.

249 Ivi, busta 189, fasc. 2247, Montecchio, cit., Relazione al ministro, 7 giugno 1913.

250 Ivi, verbali del consiglio comunale di Montecchio, Case popolari. Provvedimenti tecnici ed economici al seguito di osservazioni del Ministero, seduta del 6 marzo 1913, ivi, Case popolari. Comunicazioni, seduta del 2 marzo 1914; ivi, Progetto di case popolari. Provvedimenti, seduta del 9 marzo 1914; ivi, Case popolari e piano finanziario, seduta del 6 novembre 1911; ivi, allegati A e B alla seduta della Commissione reale del 13 maggio 1914; ivi, busta 3, fasc. 13, cit., seduta del 13 maggio 1914.

251 Saporetti fu in carica sino al 1920; inviso ai fascisti fu più volte aggredito, G. Cavalli, Il contributo dei cattolici alla lotta di liberazione in Emilia Romagna, Casbot, Busto Arsizio 1966, p. 364; M. Bianchini, Imprese e imprenditori a Reggio Emilia. 1861-1940, Laterza, Roma 1995, p. 209.

252 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 189, fasc. 2247, Montecchio, cit., lettera del prefetto di Reggio Emilia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 19 settembre 1914; ivi, verbali del consiglio comunale di Montecchio, Referendum per le case popolari. Provvedimenti, seduta dell’8 agosto 1914.

253 Ivi, busta 187, fasc. 2240, Cavriago, case popolari, 1909-1922; ivi, busta 3, fasc. 9, cit., seduta del 24 luglio 1910; ivi, busta 3, fasc. 10, cit., seduta del 10 gennaio 1911.

254 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 10 novembre 1911, cit., pp. 1394-1395.

255 Il comune preferì agevolare l’iniziativa privata, ivi, busta 188, fasc. 2242, Guastalla, case popolari, 1907-1912, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Reggio Emilia, 22 agosto 1909; lettera del prefetto di Reggio Emilia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 16 gennaio 1912.

256 Roversi era divenuto sindaco nel 1902 al posto di Gaetano Chierici, altro esponente del socialismo locale, il quale aveva sostituito Alberto Borciani, dimissionario nel 1900 in seguito all’elezione a deputato. Roversi mantenne la carica sino alla morte, avvenuta nel 1917, S. Magagnoli, Élites e municipi, cit., pp. 125-126, 318.

257 Verbali del consiglio comunale di Reggio Emilia, Costruzione di case popolari, seduta del 29 aprile 1908, in ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 191, fasc. 2263, Reggio Emilia, case popolari, 1908-1912.

258 Ivi, Relazione della Giunta comunale di Reggio Emilia sul progetto di costruzione di case popolari nel quartiere di Porta Castello. Deduzioni e risposte alle osservazioni della giunta provinciale amministrativa, 27 giugno 1908, Cooperativa lavoranti tipografied affini, Reggio Emilia 1908.

259 S. Magagnoli, Élites e municipi, cit., p. 127.

260 A. Gianolio, La municipalizzazione a Reggio Emilia fra progresso e reazione, cit., pp. 370-376; E. Ferrari, Governo e organizzazione amministrativa di una città padana: Reggio nell’Emilia nel primo Novecento, in C. Mozzarelli (a cura di), Il governo delle città nell’I-talia giolittiana, cit., p. 233.

261 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 191, fasc. 2263, Reggio Emilia, cit., telegramma di cittadini di Reggio Emilia al Ministero dell’Interno, 13 luglio 1908.

262 Ivi, verbali della giunta provinciale amministrativa di Reggio Emilia, seduta del 13 luglio 1908.

263 Ivi, telegramma di Giuseppe Micheli a Luigi Facta, 21 luglio 1908 e relativa risposta del giorno successivo.

264 Ivi, verbali della giunta provinciale amministrativa di Reggio Emilia, seduta del 13 luglio 1908, cit.

265 Ivi, verbali del consiglio comunale di Reggio Emilia, Costruzione di case popolari, seduta del 23 aprile 1909.

266 Ivi, Costruzione di case popolari, seduta del 25 gennaio 1910; ivi, lettera del prefetto di Reggio Emilia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 22 luglio 1909.

267 Ivi, allegati C e D alla seduta della Commissione reale dell’8 ottobre 1910; ivi, busta 3, fasc. 9, cit., seduta dell’8 ottobre 1910.

268 Ivi, busta 191, fasc. 2263, Reggio Emilia, cit., Relazione al ministro, 28 luglio 1910.

269 Ivi, lettera del prefetto di Reggio Emilia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 13 aprile 1911.

270 Ivi, lettera del prefetto di Reggio Emilia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 7 novembre 1912.

271 Ivi, busta 102, fasc. 1247, Sermide, case popolari, 1911-1922, lettera del prefetto di Mantova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 30 agosto 1911.

272 Cfr. Le case popolari di Sermide, Taddei-Soat, Ferrara 1911.

273 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 102, fasc. 1247, Sermide, cit., verbali del consiglio comunale di Sermide, Progetto per la costruzione di un gruppo di case popolari; assunzione relativo mutuo e conseguenti deliberazioni, seduta del 10 aprile 1911; ivi, Conferma progetto-costruzione gruppo case popolari e assunzione del relativo mutuo, seduta del 24 maggio 1911.

274 Ivi, lettere del presidente della Società anonima cooperativa per la costruzione di case popolari in Sermide alla giunta municipale di Sermide, 2 e 17 aprile 1911; ivi, lettera del sindaco di Sermide al presidente della Società anonima cooperativa per la costruzione di case popolari in Sermide, 12 aprile 1911.

275 Ivi, lettera del presidente della Società anonima cooperativa per la costruzione di case popolari in Sermide al prefetto di Mantova, 8 giugno 1911; ivi, Avanti l’onorevole giunta provinciale amministrativa di Mantova in sede tutoria. Ricorso dei sottoscritti contribuenti del comune di Sermide contro le delibere 8 aprile-24 maggio 1911 di quel consiglio comunale, s. d.

276 Ivi, lettere del sindaco di Sermide al prefetto di Mantova, 14 e 30 giugno 1911.

277 Ivi, lettera del prefetto di Mantova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 30 agosto 1911.

278 Ibid.

279 Ivi, Le case popolari di Sermide. La verità innanzi tutto, in “Gazzetta di Mantova”, 2 luglio 1911; Lettera aperta all’Illustrissimo signor prefetto, presidente della giunta provinciale amministrativa di Mantova, ivi, 13 agosto 1911.

280 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Mantova, 26 settembre e 25 novembre 1911.

281 Ivi, busta 163, fasc. 1889, Borgo San Donnino, case popolari, 1911.

282 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 10 novembre 1911, cit., pp. 1398-1400.

283 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 102, fasc. 1247, Sermide, cit., Relazione al ministro, 9 novembre 1916; ivi, allegato alla seduta della Commissione reale del 22 novembre 1916; ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Mantova, 11 gennaio 1922; ivi, busta 3, fasc. 15, Verbali della Commissione, seduta del 22 novembre 1916.

284 Sulla persistenza di tali stereotipi nei tratti talora anacronistici dell’iconografia dell’Italia ancora negli anni del take-off G. Bollati, L’Italiano. Il carattere nazionale come storia e invenzione, Einaudi, Torino 1983.

285 Inaugurato a Parigi nel 1841 da Eugène Sue, il romanzo dei “misteri” accolse l’intento di denunciare le contraddizioni della società industriale. L’autore doveva infatti addentrarsi nel “ventre” della città, cercando di svelarne i “misteri”, secondo i fortunati esempi di È. Zola, Le ventre de Paris, Charpentier, Parigi 1877; M. Serao, Il ventre di Napoli, Treves, Milano 1884.

286 Sulla figura di Franti quale prototipo dell’individuo portato a delinquere A. Asor Rosa, La cultura, in Storia d’Italia. Dall’unità a oggi, vol. IV, Einaudi, Torino 1975, p. 929.

287 C. Sorba, L’eredità delle mura, cit., pp. 139-198.

288 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 165, fasc. 1904, Parma, case popolari, 1909-1914, verbali del consiglio comunale di Parma, Costruzione di case popolari e relativi provvedimenti, seduta del 27 dicembre 1904; ivi, Costruzione di case popolari e relativi provvedimenti, seduta dell’8 aprile 1905.

289 Ivi, Comune di Parma, Sulla costruzione di case popolari. Relazione del sindaco (24 ottobre 1904), cit.

290 Cfr. A. Frassi, Il bisogno di case popolari in Parma, Parma, Tip. Zerbini, 1903. Cenni alle caratteristiche progettuali in C. Sorba, L’eredità delle mura, cit., p. 170.

291 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 165, fasc. 1904, Parma, cit., Comune di Parma, Sulla costruzione di case popolari, cit.

292 Ivi, Comune di Parma, Regolamento per le case popolari (testo approvato dal consiglio comunale in seduta 2 gennaio 1907 e dalla giunta provinciale amministrativa il 6 marzo 1907).

293 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Parma, 29 luglio 1909.

294 Ivi, Relazione al ministro, 21 ottobre 1911.

295 Ivi, allegato A alla seduta della Commissione reale del 30 ottobre 1911.

296 Ivi, allegato B alla seduta della Commissione reale del 30 ottobre 1911.

297 Ivi, busta 3, fasc. 10, cit., seduta del 30 ottobre 1911.

298 Ivi, busta 165, fasc. 1904, Parma, cit., minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Parma, 12 novembre 1911 e relativa risposta del successivo 28 dicembre; ivi, verbali del consiglio comunale di Parma, Servizio delle case popolari: costituzione in azienda speciale, seduta del 30 maggio 1912.

299 Ivi, allegati C e D alla seduta della Commissione reale del 17 marzo 1913; ivi, allegati A e B alla seduta della Commissione reale del 26 novembre 1913; ivi, busta 3, fasc. 12, cit., sedute del 17 marzo e 26 novembre 1913.

300 Ivi, busta 165, fasc. 1904, Parma, cit., Relazione al ministro, 9 marzo 1913; ivi, lettera del prefetto di Parma al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 17 agosto 1912 e relativa risposta del successivo 17 settembre; ivi, Relazione al ministro, 1 ° settembre 1913. Si veda anche ivi, busta 166, fasc. 1905, Parma, case popolari (allegati e bilanci), 1909-1912.

301 F. Rugge, I regimi delle città, cit., p. 24.

302 Commissione reale pel credito comunale e provinciale, Relazione sui lavori del quinquennio 1908-1912, Tipografia delle Mantellate, Roma 1913, p. 162.

303 O. Gaspari, L’Italia dei municipi, cit., pp. 172-175.

304 Servizi gestiti ad economia (art. 16 della legge), in «Annuario statistico delle città italiane», 1907-1908, pp. 285-288.

305 Cfr. Servizi gestiti ad economia (art. 16 della legge) al 1° gennaio 1910, ivi, 1909-1910, pp. 255-258.

306 Mal tollerato era il frequente ricorso allo scioglimento dei consigli comunali, G. Schininà, Le città meridionali in età giolittiana. Istituzioni statali e governo locale, Bonanno, Acireale-Roma 2002, pp. 58-69.

307 Disegno di legge portante provvedimenti per le case popolari o economiche, cit., pp. 91-93.

308 Ivi, p. 93.

309 APC, tornata del 27 marzo 1903.

310 Legge portante provvedimenti speciali a favore della Basilicata, 31 marzo 1904, n. 140.

311 D. Sacco, Socialismo riformista e Mezzogiorno. Questione agraria, istruzione e sviluppo urbano in Basilicata in età giolittiana, Laicata, Manduria-Bari-Roma 1987, pp. 48-51.

312 Verbali del consiglio comunale di Matera, sedute del 15 novembre 1910; 3 gennaio, 3 marzo, 24 marzo, 1° maggio, 18 luglio e 9 agosto 1911; 12 e 26 gennaio 1912, in ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 181, fasc. 2113, Matera, case popolari, 1915-1922.

313 Ivi, lettera del prefetto di Potenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 25 maggio 1912.

314 T. Russo, Istruzioni e sociabilità in Basilicata. 1900-1921, Franco Angeli, Milano 2004, pp. 22-23.

315 N. Calice, La nascita dei partiti e “l’acre piacere delle lotte economiche”, in G. De Rosa, A. Cestaro (a cura di), Storia della Basilicata, vol. IV, G. De Rosa (a cura di), L’età contemporanea, Laterza, Roma-Bari 2002, pp. 155-157. Emigrato negli Stati Uniti analfabeta e cattolico, Loperfido fece ritorno a Matera alfabetizzato e di fede battista, portatore di istanze votate a un socialismo umanitario. Sulla sua figura, schernita per la sua parvenza messianica, G. Calice, Lotte politiche e sociali in Basilicata. 1898-1922, Editori Riuniti, Roma 1974, pp. 60-64. Cenni al rapporto che in Basilicata unì pensiero protestante e socialismo in T. Russo, Istruzioni e sociabilità in Basilicata, cit., pp. 25-27.

316 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 30 aprile 1912, cit., pp. 289-291.

317 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 181, fasc. 2113, Matera, cit., lettera della Direzione generale della Cassa depositi e prestiti al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 15 aprile 1912; minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Potenza, 22 giugno 1912.

318 Ivi, lettere del prefetto di Potenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 31 gennaio 1914 e 25 gennaio 1917.

319 Ivi, lettere del prefetto di Potenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 20 maggio e 30 agosto 1920.

320 La legge speciale per lo sfollamento dei “sassi” fu varata negli anni Cinquanta, A. Pontrandolfi, La vergogna cancellata. Matera negli anni dello sfollamento dei Sassi, Altrimedia, Matera 2002; C. D. Fonseca, R. Demetrio, G. Guadagno, Matera. Le città nella storia d’Italia, Laterza, Roma-Bari 1998, pp. 94-104.

321 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 182, fasc. 2124, Potenza, case popolari, 1912-1919, deliberazione del regio commissario del comune di Potenza, 24 maggio 1912.

322 D. Sacco, Le lotte politiche e sociali: dal riformismo giolittiano ai primi movimenti di massa, in G. De Rosa, A. Cestaro (a cura di), Storia della Basilicata, vol. IV, cit., pp. 116-117, 122-127.

323 D. Sacco, Socialismo riformista e Mezzogiorno, cit., pp. 104-106, 109, 193-194.

324 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 182, fasc. 2124, Potenza, cit., lettera del prefetto di Potenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 31 marzo 1915.

325 Ivi, lettere del prefetto di Potenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 8 settembre 1915 e 3 maggio 1918.

326 A. Buccaro, Potenza. Le città nella storia d’Italia, Laterza, Roma-Bari 1997, pp. 107-108.

327 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 182, fasc. 2124, Potenza, cit., appunto ms. dell’ufficio per la municipalizzazione risalente all’estate 1919.

328 A. L. Messina, L’Italia dell’Ottocento di fronte al colera, in Storia d’Italia. Annali, vol. VII, cit., pp. 469-470. Sulla persistenza di tale patologia nelle città pugliesi N. Simonetti, M. Sangiorgi, Il colera in Puglia dal 1831 ai nostri giorni, Schena, Fasano 2003.

329 L. Masella, B. Salvemini, La Puglia. Storia d’Italia. Le regioni dall’unità a oggi, Einaudi, Torino 1989, pp. 450 e ssg.

330 E. Di Ciommo, Bari 1906-1940. Evoluzione del territorio e sviluppo urbanistico, Franco Angeli, Milano 1984, pp. 257-355.

331 Regio decreto del 7 giugno 1906, n. CCLI (parte supplementare) che riconosce come ente morale l’Istituto per le case popolari in Bari, ed approva il suo statuto, in «Bollettino di notizie sul credito e sulla previdenza», 1906, n. 7, pp. 1157-1163.

332 Prima del conflitto fu realizzato un solo edificio, M. Scionti, Sviluppo urbanistico tra Ottocento e Novecento, in Bari moderna 1790-1990, numero monografico di «Storia delle città. Rivista internazionale di storia urbana e territoriale», 1989, n. 51, pp. 49-84.

333 O. Bianchi, L’impresa agro-industriale. Una economia urbana e rurale tra XIX e XX secolo, Dedalo, Bari 2000, pp. 85-93.

334 E. Bertarelli, Il problema della casa nei comuni delle Puglie, in «Il Comune Moderno», 1911, pp. 385-386.

335 L. Masella, B. Salvemini, La Puglia, cit., p. 450.

336 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 76, fasc. 972, Foggia, case popolari, 1911-1918, lettera del prefetto di Foggia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 31 luglio 1911.

337 M. Pistillo, Giuseppe Di Vittorio. 1907-1924, Editori Riuniti, Roma 1973, p. 11.

338 G. De Rosa, Il movimento cattolico in Italia. Dalla restaurazione all’età giolittiana, Laterza, Roma-Bari 19702, p. 174.

339 N. Antonacci, Ceti dirigenti e lotte di classe dall’età liberale all’avvento del fascismo, in A. Massafra, B. Salvemini (a cura di), Storia della Puglia, vol. II, Dal seicento a oggi, Laterza, Roma-Bari 20052, pp. 132-134. Un interessante excursus su tale mito in P. Mita, Rosso Novecento. La Puglia dai cafoni ai no-global, Manni, San Cesario di Lecce 2008.

340 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 20 luglio 1911. II sessione 1911, in «Bollettino di notizie sul credito e sulla previdenza», 1911, n. 7-8, pp. 962-964.

341 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 76, fasc. 972, Foggia, cit., lettera della Direzione generale della Cassa depositi e prestiti al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 10 luglio 1911.

342 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Foggia, 15 luglio e 31 agosto 1911; ivi, minuta di lettera Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, alla Direzione generale della Cassa depositi e prestiti, 31 agosto 1911.

343 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Foggia, 29 settembre 1912; ivi, verbali del consiglio comunale di Foggia, Municipalizzazione del servizio delle case popolari, seduta del 22 febbraio 1912.

344 Ivi, lettera del prefetto di Foggia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 1° febbraio 1913.

345 Ivi, lettera del prefetto di Foggia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 16 gennaio 1918.

346 A. A. Mola, Storia della Massoneria italiana dall’unità alla repubblica, Bompiani, Milano 1976, p. 222.

347 “L’Unione”, 18 febbraio 1912.

348 M. Degl’Innocenti, Il comune nel socialismo italiano, cit., p. 17.

349 G. Barone, Mezzogiorno ed egemonie urbane, cit., pp. 32-35. Come spesso accadeva al sud, i contadini pugliesi si concentravano in grossi borghi rurali, costretti dalla malaria a disertare le campagne, F. Grassi, Il tramonto dell’età giolittiana nel Salento, Laterza, Roma-Bari 1973, p. 102.

350 ASBR, ASCBr, verbali del consiglio comunale, Esame ed approvazione del progetto d’arte per le case popolari, seduta del 13 novembre 1911.

351 Ivi, Progetto d’arte per le case popolari (2° lettura), seduta dell’11 dicembre 1911.

352 Prampolini fu nominato nella direzione del partito al congresso di Ancona del 1914, F. Grassi, Il tramonto dell’età giolittiana nel Salento, cit., pp. 238.

353 id., ad vocem, in F. Andreucci, T. Detti (a cura di), Il movimento operaio italiano, cit., vol. IV, pp. 231-233; F. Grassi, Un socialista fra l’Italia e l’Australia, in «Affari sociali internazionali», 1973, n. 1, pp. 101-109.

354 ASBR, ASCBr, verbali del consiglio comunale, Progetto d’arte per le case popolar (2° lettura), seduta dell’11 dicembre 1911, cit.

355 Ivi, Mutuo di lire quattrocentocinquantamila per la costruzione delle case popolari, sedute del 19 e 27 dicembre 1911.

356 Case operaie. Una proposta, in “La città di Brindisi”, 27 agosto 1911.

357 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 71, fasc. 900, Brindisi, case popolari, 1912-1914, telegramma del prefetto di Lecce al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 26 marzo 1912.

358 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Lecce, 23 aprile, 25 maggio e 21 giugno 1912.

359 Ivi, lettera del prefetto di Lecce al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 14 giugno 1912.

360 Ivi, lettera del sindaco di Brindisi al ministro dell’Interno, 7 settembre 1912, la missiva fu trasmessa con nota del prefetto del successivo 21 settembre.

361 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Lecce, 18 settembre 1912.

362 Ivi, lettera del sindaco di Brindisi al ministro dell’Interno, 1 ° novembre 1912, inoltrata con nota accompagnatoria datata al 14 dello stesso mese.

363 A Pavia la costruzione delle case era stata deliberata nel 1909 dalla giunta clericomoderata del sindaco Angelo Galbarini, ma in realtà la realizzazione dei caseggiati avvenne sotto l’amministrazione successiva, retta dalla coalizione di radicali, socialisti e repubblicani capeggiata da Emilio Franchi-Maggi, ASCPv, verbali del consiglio comunale, Atto di sottomissione per immettere le acque pluviali delle case operaie di San Giuseppe nel Naviglio, seduta dell’11 giugno 1909; Cronaca della politica delle abitazioni, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», luglio 1907, p. 235; ivi, settembre 1909, p. 482; A. Liva, Amministrazione e società a Pavia nell’età giolittiana: dalla giunta popolare di Pietro Pavesi a quella del buon governo di Emilio Franchi Maggi, in C. Mozzarelli (a cura di), Il governo delle città nell’Italia giolittiana, cit., p. 168.

364 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 71, fasc. 900, Brindisi, cit., appunti ms. redatti dall’ufficio per la municipalizzazione, s. d., allegati al documento ds. Ministero dell’Interno, Municipalizzazione dei pubblici servizi, Brindisi-case popolari, 13 novembre 1912.

365 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Lecce, 30 novembre 1912.

366 ASBR, ASCBr, verbali del consiglio comunale, Relazione su le case popolari. Provvedimenti, seduta del 9 gennaio 1913.

367 Ivi, Costituzione di un ente autonomo per case popolari. Approvazione dello statuto, seduta del 7 febbraio 1913.

368 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 71, fasc. 900, Brindisi, cit., minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Lecce, 23 gennaio 1913 e relative risposte del 30 gennaio e 11 febbraio 1913.

369 ASBR, ASCBr, verbali del consiglio comunale, Costituzione di un ente autonomo per case popolari. Approvazione dello statuto (2 ° lettura), seduta del 7 aprile 1913.370 Portavoce dei socialisti fu Felice Assennato, divenuto deputato nel primo dopoguerra, ad vocem, in F. Andreucci, T. Detti (a cura di), Il movimento operaio italiano, cit., vol. I, pp. 97-98.

370 Portavoce dei socialisti fu Felice Assennato, divenuto deputato nel primo dopo­guerra, ad vocem, in F. Andreucci, T. Detti (a cura di), Il movimento operaio italiano, cit., vol. I, pp. 97-98.

371 ASBR, ASCBr, verbali del consiglio comunale, Costituzione di un ente autonomo per case popolari. Approvazione dello statuto (2 ° lettura), seduta dell’11 dicembre 1911, cit. L’eco dei disordini giunse pure all’ufficio ministeriale, ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 71, fasc. 900, Brindisi, cit., lettere del prefetto di Lecce al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 16 aprile, 30 giugno, 8 luglio1913.

372 ASBR, ASCBr, verbali del consiglio comunale, Relazione su le case popolari. Provvedimenti, seduta del 9 gennaio 1913, cit.

373 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 71, fasc. 900, Brindisi, cit., lettera del prefetto di Lecce al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 7 settembre 1914.

374 Ivi, busta 51, fasc. 613, Catania, case popolari, 1910-1914, copia di lettera del sindaco di Catania, 30 maggio 1910.

375 G. Giarrizzo, Catania, cit., p. 169.

376 Funzionario presso il Ministero delle Poste e telegrafi, Campanozzi fu rimosso dall’incarico nel 1908 per aver criticato il ministro Schanzer al congresso di categoria; nel medesimo anno fu eletto deputato, T. Detti, ad vocem, in F. Andreucci, T. Detti (a cura di), Il movimento operaio italiano, cit., vol. I, pp. 469-470. Sulla vicenda G. Melis, Burocrazia e socialismo nell’Italia liberale, Il Mulino, Bologna 1980, pp. 89-94.

377 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 51, fasc. 613, Catania, cit., Comune di Catania, Relazione della Commissione comunale per la costituzione dell’Istituto delle case economiche o popolari in Catania, Galatola, Catania 1909.

378 Ivi, lettere del prefetto di Catania al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 28 dicembre 1910, 28 marzo e 18 settembre 1912, 7 aprile e 11 giugno 1913.

379 Cinquantenario di fondazione dell’Istituto autonomo per le case popolari della provincia di Catania. 1920-1970, IACP, Catania 1970.

380 Commissione centrale per le case popolari o economiche. Adunanza del 13 giugno 1912, cit., p. 506.

381 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 162, fasc. 1876, Palermo, case popolari, 1914, lettera del sindaco di Palermo al presidente del consiglio dei ministri, 6 aprile 1914.

382 O. Cancila, Palermo, Laterza, Roma-Bari 19992, pp. 249-253.

383 Ivi, pp. 235-237, 247-249. Le origini del problema della panificazione municipale a Palermo si disperdevano nel tempo, G. Mosca, La municipalizzazione del pane a Palermo nei secoli XVII e XVIII, in id., Partiti e sindacati nella crisi del regime parlamentare, Laterza, Bari 1949, pp. 147 e ssg.

384 Si trattava delle province di Aquila, Caltanissetta, Campobasso, Catanzaro, Cosenza, Girgenti, Messina, Reggio Calabria, Siracusa e Trapani, insieme a quelle di Belluno, Cuneo, Porto Maurizio e Sondrio, mentre il maggior numero di tali organismi risultava concentrato nei comuni di Firenze, Bologna, Roma, Genova e Milano, cfr. Relazione della Commissione centrale per le case popolari o economiche per l’anno 1910 presentata a S. E. il ministro di Agricoltura, Industria e Commercio in esecuzione dell’art. 30 della legge (testo unico) 27 febbraio 1908, n. 89, in «Annali del credito e della previdenza», serie II, vol. 4, 1913, pp. 8, 102-117.

385 V. Magaldi, L’azione dei comuni d’Italia nei riguardi delle abitazioni a buon mercato, in «Il Comune Moderno», 1915, p. 12.

386 Parole di Onofrio Grimaldi, ASBR, ASCBr, verbali del consiglio comunale, Relazione su le case popolari. Provvedimenti, seduta del 9 gennaio 1913, cit.