Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La casa per tutti nell'Italia giolittiana

 | 
Maria D'Amuri

Parte II – La municipalizzazione delle case popolari

4. Dopo il 1903: l’applicazione degli strumenti legislativi

Texte intégral

4.1 Problematiche abitative e istanze municipaliste: un coordinamento difficile

  • 1 Art. 18, Legge sulle case popolari, 31 maggio 1903, n. 254.
  • 2 APC, tornata del 28 novembre 1902.
  • 3 G. Montemartini, Municipalizzazione dei pubblici servigi, in «Giornale degli economisti», gennaio 1 (...)
  • 4 Ivi, ottobre 1902, cit., p. 379.

1L’approvazione dei provvedimenti legislativi in materia di municipalizzazione e di case popolari aveva delimitato i confini in cui poteva svolgersi l’intervento dei comuni a favore della causa abitativa. Il combinato disposto delle due normative imponeva tuttavia clausole vincolanti, restringendo non poco il raggio di azione in confronto agli obiettivi di progresso sociale a cui inneggiavano innanzitutto i programmi propugnati dal partito socialista. L’esito dei lavori parlamentari contribuiva a osteggiare la municipalizzazione delle case popolari, percepita largamente quale oltraggio al principio del libero scambio. Come stabiliva l’ordinamento promosso da Luzzatti, l’azione dei comuni era ammessa solo laddove mancassero le istituzioni deputate alla realizzazione di alloggi o ne fosse insufficiente l’opera, fermo restando l’obbligo di dimostrare l’effettiva necessità delle costruzioni, nonché di uniformare la successiva procedura alle prescrizioni impartite dalla legge per l’assunzione diretta dei pubblici servizi1. Come ricordato nel capitolo precedente, l’elenco annesso all’art. 1 includeva per lo più categorie aventi carattere di monopolio, nell’intento di contrastare quella che Majorana aveva definito la municipalizzazione “libera” o “impura”, in sostanza la tendenza a coinvolgere ambiti solitamente regolati dal regime di concorrenza2. La materia finiva così per scivolare in una zona d’ombra, secondo una sorte condivisa da tutti quei settori che esulavano da tali parametri. Secondo Montemartini, il proposito di sottoporre la municipalizzazione a un apposito disciplinamento legislativo aveva fatto insorgere «un bisogno di legittima difesa» fra i sostenitori di tale strategia, mentre a decretare tale convenienza doveva essere semplicemente l’esigenza di tutelare i consumatori dallo sfruttamento monopolistico3. Come puntualizzavano le sue riflessioni, il compito di giudicare spettava solamente alla collettività, pertanto poteva accadere che venissero municipalizzate anche industrie “relativamente monopolistiche”4. Il concetto precisato ben si attagliava alla situazione che vigeva nel caso delle abitazioni operaie, in cui l’inerzia delle imprese private garantiva ai proprietari un notevole potere contrattuale.

  • 5 M. Portalupi, L’industria municipale e le proposte del governo, in «Germinal», 1902, n. 7, pp. 50-5 (...)
  • 6 E. Leone, Il progetto della municipalizzazione, in «Critica sociale», 1902, pp. 61-62.
  • 7 G. V., Lo schema di legge sulla municipalizzazione, ivi, 1902, pp. 87-89.

2In piena rispondenza ai motivi che avevano solcato il dibattito parlamentare, la presentazione del disegno di legge non mancò di sollevare parecchie perplessità negli ambienti socialisti, delusi dagli estremi di un provvedimento finalizzato chiaramente a circoscrivere, se non addirittura frustrare, gli sviluppi della municipalizzazione. Sin dalla primavera 1902, Portalupi ritenne persino auspicabile il naufragio dell’intero progetto, altrimenti i comuni avrebbero dovuto subire una «vera degradazione», come lasciava preconizzare un insieme di norme che sferrava un «attentato ai diritti più elementari dell’ente politico amministrativo locale»5. Una minore intransigenza pervase invece le pagine di «Critica sociale», all’insegna di un certo entusiasmo per quella che sembrava «una prima tappa vittoriosa del socialismo». Tuttavia lo slancio dimostrato non ottenebrava un’attenta analisi della proposta, senza tralasciare i risvolti insiti nei suoi contenuti, innanzitutto a fronte della scelta di accentuare la dimensione finanziaria del fenomeno, a scapito del suo portato sociale6. Nella medesima sede non mancò comunque una maggiore ostilità, o meglio un atteggiamento diffidente verso una regolamentazione di cui non si avvertiva l’esigenza. L’obiettivo di varare norme specifiche risultava oltremodo insidioso, tanto più che un simile bisogno non era stato sentito neppure nei paesi in cui l’intervento comunale aveva conosciuto larga diffusione, primo fra tutti il caso inglese. A destare inquietudine era in particolare l’enumerazione di servizi che apriva la legge, in quanto non vi figuravano alcuni settori, come quello delle case popolari, in cui l’opera dei municipi diventava un approdo reso quasi obbligato dalla latitanza della libera iniziativa7.

  • 8 Sul personaggio G. Giarrizzo, Catania, Laterza, Roma-Bari 1986, pp. 122-169.
  • 9 Cicero fu segretario dell’ufficio per la municipalizzazione dal 1908 al 1913. Sul rilievo di tali f (...)
  • 10 P. Cicero, Il panificio municipale di Catania, in «Giornale degli economisti», aprile 1905, p. 385.
  • 11 R. Michels, Storia critica del movimento socialista italiano, cit., p. 387.
  • 12 P. Cicero, Il panificio municipale di Catania, cit., dicembre 1904, p. 532-533.
  • 13 APC, tornata del 5 dicembre 1902. Cenni sull’attività parlamentare in F. M. Biscione, ad vocem, in (...)
  • 14 P. Cicero, Il panificio municipale di Catania, cit., pp. 386-389.
  • 15 Recensione di Cicero all’opera di F. G. Tenerelli, La municipalizzazione del pane, in «Giornale deg (...)
  • 16 F. G. Tenerelli, Ancora sulla municipalizzazione del pane a Catania, in «Giornale degli economisti» (...)
  • 17 F. Rugge, Sulle tracce di un corporativismo municipale, cit., pp. 335-336.

3In realtà le remore espresse si rivelarono del tutto infondate, dato che, negli anni seguenti, non solo si verificarono municipalizzazioni di servizi non menzionati, ma al contempo vi furono esempi fra quelli compresi nell’art. 1 che suscitarono la disapprovazione delle autorità competenti. Se da una parte ciò invalidava le critiche appuntate sul famigerato elenco, dall’altra riceveva invece una piena conferma il sospetto che l’attuazione della legge garantisse nuove e più estese forme di ingerenza al potere centrale. Il principio del monopolio continuò infatti a restituire uno dei più importanti fattori di legittimazione, inducendo a respingere il municipalismo negli ambiti in cui avrebbe potuto produrre una temibile concorrenza alle attività private. In tal senso una vicenda emblematica rimase quella del panificio comunale avviato a Catania in concomitanza con i lavori parlamentari, chiuso alcuni anni dopo su disposizione governativa, alla luce di un’inchiesta che aveva rilevato vistose lacune finanziarie. Le vivaci polemiche suscitate erano in gran parte legate alla figura del suo promotore, il sindaco socialista Giuseppe De Felice Giuffrida8. Secondo Paolo Cicero, personaggio che avrebbe operato negli uffici di cui fu dotato il Ministero dell’Interno per provvedere agli affari relativi alla municipalizzazione9, i motivi che ne avevano decretato il fallimento andavano ricercati nelle finalità eminentemente politiche dell’operazione, sorta per tutelare la categoria dei lavoranti fornai, tra i sostenitori dell’amministrazione civica10. Sebbene il panificio fosse stato promosso dal sindaco nell’intento di dirimere un’aspra controversia salariale che aveva coinvolto padroni e manodopera nell’autunno 1902, lo svolgimento di un referendum cittadino aveva sanzionato il progetto a larga maggioranza, una sorta di plebiscito popolare11. Un’idea definita da Cicero «del tutto balorda»12, ma forse ispirata alle procedure illustrate nel disegno di legge presentato alla Camera, di certo non ignote a De Felice, deputato dal 1892, il quale aveva anche preso parte alla discussione generale13. L’intenzione di vendere il pane più comune al di sotto del prezzo di costo aveva indotto ad aumentare le tariffe per le qualità migliori acquistate dalla cittadinanza agiata, mentre la maggior parte dei fornai era stata estromessa da questa inavvicinabile concorrenza, assicurando al comune i vantaggi del monopolio. La municipalizzazione del pane a Catania aveva prefigurato così un favoritismo di classe, senza dubbio «un mezzo efficace di propaganda collettivista»14. I risultati finanziari dell’impresa erano stati inoltre disastrosi, dato che un deficit crescente era stato determinato dalla scelta di mantenere alti livelli salariali ed evitare licenziamenti15. A detta di Francesco Giuseppe Tenerelli, autore di un accurato studio sull’argomento, non era comunque possibile ricorre al termine di trionfo in nessuna declinazione: il provvedimento aveva permesso al potere civico di violare la libertà dei cittadini e imporre un monopolio forzato, costringendo i fornai a chiudere gli esercizi16. D’altronde poco importava che la Catania socialista guidata da De Felice fosse in grado di suscitare l’ammirazione di Max Weber17.

  • 18 Contro tali intenti si era costituita l’Associazione reggiana per il bene economico, denominata iro (...)
  • 19 G. Montemartini, Municipalizzazione dei pubblici servigi, cit., pp. 111-149. Sulla vicenda M. G. Me (...)
  • 20 G. Montemartini, Municipalizzazione dei pubblici servigi, cit., p. 110.

4In effetti la municipalizzazione finiva per essere caricata di connotazioni fortemente negative nei casi in cui insidiava direttamente il piccolo commercio, come attestavano in maniera alquanto sintomatica le resistenze opposte alla produzione pubblica di pane. Nel 1904 il progetto di aprire un panificio municipale a Reggio Emilia innescò infatti un’ampia mobilitazione della cittadinanza, fra le cause della crisi che travolse l’amministrazione socialista in carica, artefice di un’importante programma di municipalizzazione18. Una sorte non tanto diversa toccò all’iniziativa dei socialisti che sedevano nel consiglio comunale di Cremona, a cui Montemartini dedicò un certo spazio nel suo volume, perorando di fatto la causa della panificazione municipale19. A suo avviso, l’intervento del comune era opportuno in «tutti i casi di concorrenza non efficiente», tramutandosi in un formidabile strumento per calmierare i prezzi, non diversamente da quanto avrebbe sostenuto negli anni seguenti dinanzi al rincaro delle pigioni20.

  • 21 F. Rugge, “La città che sale”, cit., pp. 65-66.
  • 22 G. Pischel, La municipalizzazione in Italia, cit., p. 160.
  • 23 Art. 1, comma 9, Legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 29 marzo 1 (...)
  • 24 APC, Documenti. Disegni di legge e relazioni, 2 ° sessione 1902, doc. 1, cit.
  • 25 Ivi, allegato A, cit.
  • 26 Ivi, tornata del 29 novembre 1902.
  • 27 Ivi, Documenti. Disegni di legge e relazioni, 2 ° sessione 1902, doc. 1-A, cit.; cfr. anche Appunti (...)
  • 28 R. Bachi, Un’inchiesta sulla municipalizzazione dei pubblici servizi in Italia, in «La Riforma Soci (...)

5Sullo sfondo delle norme legislative, l’accettazione del concetto di monopolio quale criterio di discernimento si rivelava dunque suscettibile di significative restrizioni. Tuttavia, come indicava l’e-pilogo dell’iniziativa catanese, era assai improbabile che le municipalizzazioni potessero liberare elementi di puro collettivismo, già solo per il fatto di compiersi entro i cardini di un sistema politico, economico e giuridico in grado di reprimerne il senso qualora avessero prodotto orientamenti antagonistici all’assetto sociale complessivo21. Nonostante le catastrofiche previsioni di dissoluzione dell’ordine costituito, successivamente al varo della legge, come d’altronde anche in precedenza, la diffusione del fenomeno non assunse affatto risvolti tali da preludere all’avvento del socialismo tout court22. Eppure la panificazione comunale era indicata fra i servizi citati nell’art. 1, benché ciò fosse avvenuto semplicemente in virtù dei precedenti individuati nell’ambito dell’indagine presentata insieme al disegno di legge23. La scelta era infatti caduta su servizi già assunti dai comuni, nell’intento di evitare indicazioni prive di corrispondenza con le esperienze avvenute sino a quel momento24. L’argomento era stato però oggetto di lunghe discussioni in seno alla stessa commissione legislativa, tanto più che risultavano in gestione municipale solo i forni di Rimini e S. Venanzio, in provincia di Perugia25. La prospettiva di contenere i prezzi di un alimento così importante per la popolazione aveva agevolato un punto di accordo, confermato anche nell’aula parlamentare, dove per altro si volle aggiungere l’esercizio dei mulini segnalato dal gruppo socialista26. Al contrario, le ricerche effettuate non avevano riscontrato attività relative alla costruzione di case per i meno abbienti, una mancanza che non dipendeva assolutamente dalle imprecisioni commesse, di cui non faceva mistero neppure Majorana nella sua relazione27. «La ristrettezza del tempo» aveva infatti assecondato «errori di fatto, anche di conteggio», a cui tentò di apportare una rettifica l’inchiesta curata da Riccardo Bachi per «La Riforma Sociale»28. Sebbene entrambe le ricognizioni non componessero un prospetto esauriente delle municipalizzazioni italiane, non si poteva annoverare nessun comune impegnato nella costruzione di case.

  • 29 L’Inghilterra offriva numerosi esempi, L. G. Vacchelli, Il problema delle abitazioni in Inghilterra (...)
  • 30 P. Guichonnet, Carouge. Ville Royale, 1786, Dumaret et Golay, Carouge 1985; Batir une ville au siec (...)
  • 31 L. Pes, La Commissione case sane alle origini dell’Istituto autonomo case popolari di Venezia (1893 (...)
  • 32 G. Prato, Il problema delle abitazioni popolari a Venezia, in «La Riforma Sociale», 1906, p. 861.
  • 33 L’attività della Commissione era stata infatti elogiata sul «Bulletin des Sociétes d’abitations ouv (...)
  • 34 R. Dalla Volta, Le case popolari a Venezia, cit., p. 899.
  • 35 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 36 Ivi, lettera del prefetto di Venezia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici ser (...)
  • 37 Ivi, lettera del Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, Direzione generale del credito e (...)
  • 38 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al Mini (...)

6Probabilmente Luzzatti era stato indotto a non escludere del tutto l’o-pera municipale sull’esempio degli insegnamenti britannici29. D’altronde, a differenza di altri settori, nello scenario italiano non esistevano precedenti, in quanto risultava pressoché dubbio individuare i prodromi di tale movimento persino nelle iniziative sostenute dalle amministrazioni di Genova e La Spezia menzionate nel primo capitolo. Come è stato precisato, nel primo caso avevano agito le conseguenze correlate alle peculiari condizioni socio-sanitarie del contesto, mentre nel secondo gli organi del potere civico era stati delegati ad adempiere funzioni rese necessarie dal piano governativo per l’apertura del nuovo arsenale. Se il comune genovese aveva dunque espresso una chiara volontà di intervento, le autorità spezzine erano state invece coinvolte in un progetto promosso in ossequio alla ragion di stato, incline non tanto a configurare un modello di azione municipale, bensì un esempio che, entro i confini degli stati sabaudi, sembrava riecheggiare la nascita della cittadina manifatturiera realizzata nel tardo Settecento a Carouge, oggi sobborgo alla periferia di Ginevra30. Le case popolari di La Spezia designavano così un programma prossimo a quello sviluppato nei villaggi operai, non diversamente dal retroterra che ne era alla radice. Accanto all’esperienza delle due città liguri, poteva essere però ricordata quella altrettanto peculiare del municipio di Venezia, impegnato sin dal 1891 nel promuovere l’edificazione di abitazioni per i meno abbienti. Non solo il consiglio comunale aveva istituito in quell’anno premi di incoraggiamento alle imprese private, ma nel 1893 era stata stipulata una convenzione con la locale Cassa di Risparmio allo scopo di concretizzare un articolato piano di costruzione, mediante l’opera di un apposito organismo, la Commissione per le case sane, economiche e popolari31. Concepita quale propaggine dell’amministrazione civica, quest’ultima era incaricata di provvedere a tutte le incombenze relative, compresa la gestione degli stabili. Come osservava Giuseppe Prato su «La Riforma Sociale», il carattere di vero monopolio acquisito dai detentori della rendita edilizia veneziana giustificava pienamente «questo prudente intervento», in grado di essere accolto anche da coloro che diffidavano della «mania municipalizzatrice»32. Nella sua parvenza la Commissione sembrava ricalcare la struttura in forma semplificata di un’azienda speciale, benché al contempo non mancassero pure analogie con gli enti introdotti da Luzzatti. In particolare, il rapporto di privilegio instaurato con la Cassa di Risparmio richiamava quel raccordo fra poteri pubblici e istituzioni creditizie auspicato dalla normativa sull’e-sempio della realtà belga. Non a caso, parole di plauso derivarono dal direttore della Cassa di Risparmio di Bruxelles, oltre ai riconoscimenti ottenuti entro i confini nazionali, grazie anche alla divulgazione dei risultati conseguiti attraverso alcune pubblicazioni, corredate di ampi apparati iconografici33. Nonostante i punti di contatto rilevati, la Commissione costituiva un unicum, privo di una perfetta coincidenza con i due modelli di riferimento34. Una discrasia che l’ufficio per la municipalizzazione presso il Ministero dell’Interno tentò di normalizzare in conformità alle disposizioni vigenti, senza accettare il parere espresso dal Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, a cui competevano gli affari relativi alla costruzione di case popolari, che definì la Commissione «un bene amministrato dal comune»35. Alla luce delle informazioni reperite tramite il prefetto di Venezia, il Ministero dell’Interno richiese di adottare i provvedimenti opportuni, affinché l’organismo venisse «modellato giuridicamente» a norma della legge sulle case popolari36. Tuttavia il Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, interpellato a questo proposito, non ritenne di dover procedere, in quanto si trattava di «una istituzione esistente già prima della legge e che [aveva] dato finora ottimi risultati encomiati anche all’estero»37. Nella mancata identità di vedute fra i diversi organi ministeriali si inseriva l’intenzione dell’esecutivo di esercitare uno stretto controllo38.

  • 39 C. Camera, A. Magnani, Commento alla legge 29 marzo 1903, n. 103, sulla assunzione diretta dei pubb (...)
  • 40 C. Mezzanotte, Municipalizzazione dei servizi pubblici, cit., p. 19.
  • 41 APS, tornata del 7 febbraio 1903. Cfr. F. Rugge, Un nuovo pubblico, cit., pp. 23-24.
  • 42 C. Mezzanotte, Municipalizzazione dei servizi pubblici, cit., pp. 70-71.
  • 43 Ivi, pp. 68-69.
  • 44 Ivi, pp. 23, 65.

7Nel solco delle direttive in cui era stato incanalato lo sviluppo del fenomeno, anche l’analisi critica del testo sulla municipalizzazione tendeva a confermare la chiave interpretativa prevalente, avvalorando quella prospettiva di incompatibilità postulata dal riconoscimento attribuito alla discriminante del monopolio. Eppure, nonostante gli estremi riduttivi tracciati, le disposizioni in materia di case popolari non eludevano l’intervento diretto dei comuni, respinto invece tra le norme che ne avrebbero dovuto regolare l’assunzione. A determinare tale esito era stata anche la scelta compiuta dal legislatore di non fornire una definizione univoca del concetto di servizio pubblico, optando per l’enumerazione esposta nell’art. 1. Del resto, «quando manca[va] la chiara parola della legge, l’interpretazione [doveva] naturalmente atteggiarsi alle varie tendenze della vita e del pensiero»39. Sebbene fosse stato ribadito a più riprese il carattere dimostrativo dell’elenco, una voce autorevole come quella di Camillo Mezzanotte, già relatore sul disegno di legge per il Senato, ne puntualizzava per contro l’accezione tassativa40. In tali termini egli si pronunciava nel suo commento alla legge, benché nella medesima sede stemperasse poi il senso perentorio di tale osservazione, senza escludere che potessero essere municipalizzati anche servizi non menzionati nel famigerato articolo. Come precisato in precedenza, la selezione era stata effettuata in base alle indagini eseguite, riportando semplicemente servizi che risultavano già svolti dalle amministrazioni civiche italiane. Ciò aveva generato una pluralità di ambiti, o meglio una certa confusione, rilevata ad esempio durante i lavori parlamentari dal senatore Gabba, il quale asserì con sarcasmo di non cogliere «nessuna analogia fra un tramway ed una panetteria»41. Secondo il parere di Mezzanotte, un ramo di attività non poteva assurgere al rango di servizio pubblico in assenza di un esplicito riconoscimento legislativo42. Così era avvenuto per il settore delle abitazioni popolari, di cui l’apposita normativa prevedeva in determinate forme l’intervento municipale, come non poteva che riportare lo stesso Mezzanotte43. Tuttavia, oltre tali annotazioni, egli insisteva sul “carattere di generalità” intrinseco al concetto di servizio pubblico, deputato a soddisfare unicamente un’utilità collettiva. Pertanto, nel caso di esigenze avvertite solo da una parte della cittadinanza si suggeriva la creazione di consorzi, anziché l’intervento municipale, in quanto non si reputava corretto riversarne gli oneri su tutti i cittadini44. In effetti tali intendimenti si attestavano in piena coerenza con gli scopi attribuiti agli enti per l’edilizia popolare introdotti da Luzzatti, da cui derivava il tenore inflessibile delle condizioni imposte ai comuni.

  • 45 G. Faraggiana, La municipalizzazione dei pubblici servizi, cit., p. 70.
  • 46 id., Le case popolari, cit., p. 24.
  • 47 Ivi, pp. 20-22.
  • 48 id., La municipalizzazione dei pubblici servizi, cit., p. 24.
  • 49 Ivi, pp. 317-318.
  • 50 APC, tornata del 26 novembre 1902.
  • 51 G. Faraggiana, La municipalizzazione dei pubblici servizi, cit., pp. 28-29.
  • 52 U. Forti, La municipalizzazione dei pubblici servizi (lettura fatta all’Associazione napoletana il (...)
  • 53 G. Faraggiana, La municipalizzazione dei pubblici servizi, cit., p. 172.

8La prospettiva delineata non era del tutto condivisa da Giuseppe Faraggiana, pretore a Genova, comune che aveva fornito una precoce prova nel corso dell’Ottocento, benché in seguito fosse rimasto «dolorosamente assorto in un tradizionale letargo»45. In uno studio sul tema delle case popolari pubblicato nel 1905, Faraggiana preferì infatti annoverarsi fra i «fautori d’una municipalizzazione limitata»46. A suo avviso, gli scarsi fervori dell’iniziativa privata giustificavano l’opera dei poteri pubblici, tanto più che la necessità di abitazioni per i meno abbienti costituiva un bisogno sociale, a cui le istituzioni erano tenute a provvedere, senza prevenzione di sorta47. Sull’ipoteca ideologica che tendeva a inficiare la valutazione di tale strategia, Faraggiana si soffermò più diffusamente in un apposito compendio sulla municipalizzazione, dato alle stampe nell’anno seguente. A trarre in inganno era la definizione di “collettivismo municipale” utilizzata anche da Ricca Salerno48. La sua analisi non si arrestava però a considerazioni generiche, esortando addirittura ad abbandonare i pregiudizi opposti al socialismo, di cui apprezzava le finalità perseguite dalla vulgata riformista, sino quasi a inneggiare alle istanze di progresso sociale che permeavano tali programmi49. Tali conclusioni trovavano coincidenza con alcuni commenti avanzati da Fusinato alla Camera, nell’intento di presentare la legislazione sociale come «una specie di sieroterapia, iniettando nell’organismo della nazione quei germi che preserva[vano] dallo sviluppo acuto della malattia»50. Seppur fosse esplicita la volontà di travalicare le consuete resistenze di stampo ideologico, anche Faraggiana legava l’opportunità della municipalizzazione al principio del monopolio51. Un concetto che Ugo Forti, prossimo alla docenza di diritto amministrativo, definì ironicamente «un prezioso ausilio retorico per qualunque dimostrazione, perché trascina[va] con sé la visione paurosa di un’idra capitalista insaziabile, e di un povero consumatore avvinto mani e piedi e dissanguato senza pietà»52. In campo di problematiche abitative, Faraggiana ribadiva comunque le cautele già precisate, non esitando ad asserire che nella «solennità delle forme richieste dalla legge predetta, l’opera del comune non [poteva] ritenersi pericolosa, ma anzi salutare»53.

  • 54 Sulla sua attività, poi proseguita presso le università di Siena, città di cui era originaria la su (...)
  • 55 U. Borsi, Municipalizzazione e socialismo municipale nel diritto italiano, estratto da «Studi senes (...)
  • 56 Ivi, pp. 11, 18-21.
  • 57 Ivi, p. 45.
  • 58 Ivi, p. 44.
  • 59 Ivi, p. 48.

9Il rilievo riservato da Faraggiana all’obiettivo di confutare il nesso fra municipalizzazione e socialismo ne lascia senza dubbio trasparire una certa persistenza, gravida inevitabilmente della capacità di condizionare gli sviluppi del fenomeno. In effetti le preoccupazioni avvertite intorno a tale binomio non avevano affatto imboccato la via del tramonto, tanto che, alcuni anni dopo, l’argomento fu affrontato da un esimio cultore delle discipline giuridiche quale Umberto Borsi, allora docente di diritto amministrativo all’università di Macerata54. Ancora nel 1910, chi dimostrava di accogliere la municipalizzazione era considerato un prudente adepto del cosiddetto “socialismo conservatore”, se non propriamente un «socialista sic et simpliciter»55. A suo parere, tale strategia andava considerata secondo una distinzione tra «i vari elementi politici, tributari, economici ed amministrativi». Sulla scorta di tale presupposti venivano focalizzate corrispondenti categorie di servizi pubblici, riconducendo al comparto economico la tutela delle classi operaie, a cui era correlata la costruzione di case56. Nonostante le aperture che pure un personaggio come Borsi dimostrava verso la municipalizzazione, il settore delle case popolari non mancava di suscitare particolari osservazioni, in quanto compreso tra «i servizi nei quali le influenze del socialismo municipale meglio risalta[vano]»57. Le qualità di quella che egli definiva «impronta di socialismo» risiedevano «nella essenza e nello scopo del servizio stesso e non già nella sua municipalizzazione». L’edificazione di abitazioni per i meno abbienti rimaneva infatti un’impresa che, per quanto «generale [fosse] l’indiretta utilità derivante da un miglioramento igienico ed estetico dell’edilizia cittadina, appar[iva] rivolto a vantaggio di una sola parte della popolazione»58. In simili frangenti, assurgeva così a un’importanza prioritaria l’obiettivo di evitare che «la municipalizzazione assume[sse] atteggiamento socialista per sé stessa e non per gli scopi che ne [erano] oggetto»59. Tuttavia le annotazioni di Borsi non indulgevano a esaltare stereotipi ormai consunti, bensì tendevano a essere diluite in un’analisi ragionata dell’organizzazione del servizio. D’altronde, pur stretta in una rete di vincoli, la municipalizzazione delle case popolari era stata ammessa dalla legge vigente, oltre al fatto che, all’epoca in cui scriveva Borsi, era pure divenuta una realtà in diversi comuni italiani, rendendo ormai sterile qualsiasi tentativo di rifiutarne a priori l’attuazione.

4.2 L’amministrazione centrale e le disposizioni per l’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni

  • 60 Rispettivamente artt. 2 e 16, Legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comun (...)
  • 61 Il regolamento doveva essere ratificato dalla giunta provinciale amministrativa e diventare esecuti (...)
  • 62 O. Jona, La legge sulle municipalizzazioni a tavole sinottiche, in «La rivista dei pubblici servizi (...)

10Accanto alle criticità poste dal concetto di servizio pubblico, le maggiori osservazioni mosse alla normativa sulla municipalizzazione si appuntarono sulla procedura escogitata. La legge prevedeva infatti l’assunzione dei servizi tramite un’apposita azienda, oppure, solo qualora non sussistesse un carattere industriale o particolarmente rilevante, la gestione in economia, condotta direttamente sui capitoli del bilancio municipale, come era avvenuto sino ad allora60. Nel primo caso, deputato a costituire la norma demandando all’altro l’eccezione, il consiglio comunale era tenuto ad approvare l’assunzione del servizio alla presenza di almeno due terzi dei membri che vi erano assegnati, per altro in doppia lettura, secondo le prescrizioni dell’art. 162 della legge comunale e provinciale. Il relativo verbale andava accompagnato dal progetto tecnico e finanziario, con l’indicazione precisa dei mezzi che avrebbero consentito di fronteggiare la spesa. A quel punto, la deliberazione doveva essere sottoposta d’urgenza alla giunta provinciale amministrativa, obbligata entro trenta giorni ad esaminarne i contenuti e a comunicare il proprio responso al prefetto, il quale avrebbe trasmesso i documenti, insieme alle sue osservazioni, alla Commissione reale presso il Ministero dell’Interno. Il parere favorevole di quest’ultima permetteva di convocare alle urne la cittadinanza per il referendum, il cui esito positivo avrebbe sancito l’assunzione del servizio, autorizzando le autorità civiche a redigere il regolamento di gestione61. Un estremo rigore era richiesto nella compilazione dei computi finanziari, scoglio ulteriore per parecchie amministrazioni che si sarebbero cimentate nell’adempimento di tali incombenze. Senza dubbio le complicanze che scaturivano dai dettami legislativi tratteggiavano scenari non inconsueti, oltreché piuttosto diffusi, se ancora nel 1915, dopo oltre dieci dall’entrata in vigore della legge, «La rivista dei pubblici servizi» avvertì l’esigenza di illustrare l’intricata procedura, scorporandone le fasi nella chiarezza di tavole sinottiche62.

  • 63 C. Camera, A. Magnani, Commento alla legge 29 marzo 1903, n. 103, cit., pp. VII-IX.
  • 64 Cfr. Appunti bibliografici, in «La Riforma Sociale», 1903, n. 15, p. 795. Si trattava del fascicolo(...)
  • 65 F. Rugge, Un nuovo pubblico, cit., p. 33. Accanto alla «Rassegna comunale italiana», promossa da Ca (...)
  • 66 C. Camera, A. Magnani, Commento alla legge 29 marzo 1903, n. 103, cit., pp. VI-VII.
  • 67 Ivi, pp. VIII-IX, 27-28.
  • 68 M. Portalupi, L’industria municipale e le proposte del governo, in «Germinal», 1902, n. 7, pp. 50-5 (...)

11La macchinosità dell’iter introdotto lasciava intravedere una «legge di diffidenza», fondata sull’idea dei comuni «deficienti di capacità giuridica e morale per bene amministrare»63. All’insegna di tali osservazioni si apriva il commento alla normativa redatto da Cesare Camera, segretario generale del comune di Firenze, insieme al suo collaboratore Alfonso Magnani, già autori di uno studio critico del disegno di legge rivolto dal sindaco agli artefici dei lavori parlamentari64. Il personale della burocrazia manifestò in effetti particolare interesse verso tale opportunità, con un atteggiamento «benevolo se non entusiasta» da parte della categoria dei segretari comunali, di cui alcuni esponenti pubblicarono specifiche monografie65. Pur senza considerarne superflua l’approvazione, Camera e Magnani attaccavano i contenuti del provvedimento, «una vera restrizione all’uso di quella facoltà, piuttosto che una guarentigia»66. Le regole introdotte erano infatti percepite alla stregua di un’offesa all’autonomia comunale, inducendo a concludere che sarebbe stato sufficiente rimettere l’assunzione dei servizi alle disposizioni in vigore, riservando l’elaborazione di nuovi dettami essenzialmente all’ambito dei riscatti67. In tal senso, le constatazioni esposte avvicinavano gli appunti venati di amaro disinganno mossi da Portalupi, convinto che la legge si imponesse «quale attentato ai diritti più elementari dell’ente politico amministrativo locale»68.

  • 69 G. Faraggiana, La municipalizzazione dei pubblici servizi, cit., p. 243.
  • 70 Art. 11, Legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 29 marzo 1903, n. (...)
  • 71 C. Camera, A. Magnani, Commento alla legge 29 marzo 1903, n. 103, cit., pp. 116-117.
  • 72 M. Portalupi, L’industria municipale e le proposte del governo, cit., p. 50.
  • 73 U. Borsi, Le funzioni del comune italiano, Società Editrice Libraria, Milano 1909, p. 368; si tratt (...)

12Se al segretario generale del comune di Firenze la procedura prevista pareva eccessiva, Faraggiana dichiarava invece di voler «ancor maggiori cautele, per garanzia superiore dell’esito della gestione municipale»69. A suo avviso, anche l’ingerenza della Commissione reale era opportuna, tanto da condividere il parere di Mezzanotte, secondo il quale era senza dubbio conveniente fare affidamento su un organismo che aveva già maturato una certa esperienza rispetto alle condizioni finanziarie dei comuni. Di fatto la Commissione reale era stata creata per vigilare sulle operazioni finanziarie compiute dai comuni in relazione ai mutui concessi dalla Cassa depositi e prestiti, pertanto non bastava aggiungere altri membri per ampliarne le funzioni in vista degli affari riguardanti la municipalizzazione70. La possibilità di valutare correttamente tali propositi implicava infatti una conoscenza tutt’altro che sommaria del contesto di riferimento, certamente di difficile acquisizione per un organismo insediato nella capitale, insomma «una nuova e più molesta tutela dei comuni»71. Anche la scelta di anteporne il parere allo svolgimento del referendum restava non poco sintomatica del rilievo riservato agli organi centrali, con il risultato di sminuire il senso della stessa consultazione elettorale, ridotta a «pura lustra»72. Persino Borsi, pur dichiarando di non voler essere annoverato fra i fautori del referendum, non esitò a definirne «snaturato» il suo riconoscimento, semplicemente carico di orpelli demagogici73.

  • 74 G. Rizzo, I referendum comunali: origini, fondamento normativo, giudizio di ammissibilità, svolgime (...)
  • 75 Il rimando andava anche ad alcune consuetudini diffuse nel Granducato di Toscana, L. Cerilli, La le (...)
  • 76 S. Basile, Il referendum nell’Italia liberale. Dibattiti ed esperienze, Olschki, Firenze 1993, pp. (...)
  • 77 P. Bertolini, Sul referendum, in «Nuova Antologia», 16 dicembre 1903, pp. 613-615.
  • 78 S. Basile, Il referendum nell’Italia liberale, cit., pp. 45-48.
  • 79 P. Bertolini, Sul referendum, cit., p. 627.
  • 80 A. Labriola, Contro il referendum, in «Critica sociale», 1897, pp. 23-25, 39-41, 56-59.
  • 81 Cfr. ad esempio P. P., Il “referendum” svizzero per il riscatto delle ferrovie, in «Rivista interna (...)

13Nonostante i limiti rilevati, la legge sulla municipalizzazione sanciva il «timido ingresso ufficiale del referendum nel diritto pubblico italiano», dopo i tentativi naufragati negli anni precedenti74. Nel 1880, la sua introduzione era stata caldeggiata dalla commissione nominata alla Camera per la revisione della legge comunale e provinciale promossa da Depretis. Nell’ambito di tale proposta era stata però utilizzata non la voce referendum, in uso nei cantoni svizzeri in cui l’istituto poteva vantare una solida tradizione, bensì la definizione di “convocato degli elettori”, con un rimando diretto a un retroterra di matrice medievale sopravvissuto attraverso gli usi rimasti in vigore nel Lombardo-Veneto sino alla legge per l’unificazione amministrativa del regno promulgata nel 185975. Oltretutto si sarebbe trattato di una votazione a suffragio ristretto su base censitaria, decisione che recava un pieno riflesso dei timori suscitati dalle prospettive di ampliamento della partecipazione alla vita politica76. In effetti, entro i confini nazionali, l’interesse verso il referendum fu sollevato inizialmente da esponenti di orientamento liberal-conservatore, senza escludere l’inserimento della riflessione su tale istituto fra le pieghe della polemica antiparlamentare, con l’opportunità di definire una chiave di lettura scevra di connotati apertamente innovatori, come quella offerta da Bertolini in un saggio pubblicato nel 1903. Osservatore e protagonista delle discussioni parlamentari sulla municipalizzazione, egli intervenne sull’argomento a ridosso del varo della normativa, delineando un percorso interpretativo diametralmente opposto alla vulgata di marca democratica propagandata da radicali, repubblicani e socialisti. A suo avviso, il referendum politico risultava «razionalmente inconciliabile col sistema rappresentativo», fondato su forme di delega del potere che rendevano incongruente il ricorso alla consultazione diretta77. Tali postulati avevano finito per circondare anche i progetti per l’adozione del referendum finanziario promossi da Rudinì negli anni 1891 e 1897, lasciati cadere in sospeso. Una significativa eccezione era derivata invece dallo schieramento radicale sin dal 1888, quando durante l’esame della riforma della legge comunale e provinciale voluta da Crispi, il gruppo capeggiato da Cavallotti si era dichiarato favorevole al referendum amministrativo in luogo della tutela tutoria. Sebbene la questione venisse rinviata, l’argomento era stato poi ripreso da Sacchi in apertura del nuovo secolo, anche con un’apposita proposta presentata in parallelo al disegno di legge per l’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni78. Tuttavia in seguito all’approvazione di quest’ultima iniziò a scemare l’interesse verso l’istituto che, secondo Bertolini, non era neppure reclamato «molto vivamente»79. A mantenere un certo livello di attenzione rimasero per lo più radicali e socialisti, questi ultimi strenui sostenitori specialmente del referendum amministrativo, nonostante la posizione contraria enunciata in chiusura di Ottocento dalla voce autorevole di Labriola80. A ciò si aggiunsero le annotazioni degli ambienti cattolici, benché venate da propensioni di paternalismo conservatore plasmate sul modello restituito dalla confederazione svizzera81.

  • 82 S. Basile, Il referendum nell’Italia liberale, cit., pp. 53-55.
  • 83 L. Neppi Modona, Controlli sull’amministrazione comunale e provinciale e referendum, Seeber, Firenz (...)
  • 84 P. Bertolini, Sul referendum, cit., p. 615.
  • 85 C. Mezzanotte, Municipalizzazione dei servizi pubblici, cit., p. 175.
  • 86 Art. 104, Regolamento per l’esecuzione della legge 29 marzo 1903, n. 103, sull’assunzione diretta d (...)
  • 87 G. Faraggiana, La municipalizzazione dei pubblici servizi, cit., pp. 249-250; C. Mezzanotte, Munici (...)

14Agli albori del Novecento, sulla scorta di alcune iniziative francesi, non mancò oltretutto lo svolgimento di referendum amministrativi extralegali, a cui pose termine un parere emesso dal Consiglio di Stato, precisando che, pure nel caso della gestione di servizi, la consultazione dei cittadini non poteva precedere l’iter indicato dalla legge82. Solo in conformità a tali direttive, nella vita comunale italiana era ammesso questo «nuovo espediente», come volle definirlo il giurista Leone Neppi Modona, favorevole innanzitutto al referendum amministrativo quale mezzo per consentire ai contribuenti di regolare l’introduzione di nuove spese83. Un entusiasmo ben lontano dalle remore espresse da Bertolini, secondo il quale si finiva così per rimettere «un appello dal giudizio di uomini prescelti per la loro competenza al giudizio di una folla incompetente»84. Come rassicurava invece Mezzanotte, non poteva sussistere dubbio alcuno, in quanto si trattava di un’applicazione «assai prudente, qual si conveniva ad un primo esperimento fra noi»85. D’altronde la garanzia migliore restava il ruolo di chiusura assegnato, ben lungi dal riconoscere il diritto di iniziativa e tanto meno l’attribuzione di facoltà legislative. A destare incertezza furono anche le modalità stabilite dal regolamento di attuazione della legge, con la scelta di ritenere approvata la proposta dinanzi a un numero di voti favorevoli pari alla metà dei votanti più uno86. Tale criterio non era infatti largamente condiviso, in quanto una quota della cittadinanza avrebbe potuto così imporre il proprio volere per un’operazione di interesse collettivo87.

  • 88 Art. 16, Legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 29 marzo 1903, n. (...)
  • 89 I. Santangelo Spoto, Municipalizzazione, cit., p. 1069.
  • 90 APC, Documenti. Disegni di legge e relazioni, 2 ° sessione 1902, doc. 1-A, cit.
  • 91 Art. 16, Legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 29 marzo 1903, n. (...)

15Accanto al “solenne procedimento” restava la gestione in economia, ammessa unicamente per i servizi di «tenue importanza o [...] non aventi un prevalente carattere industriale»88. Se da una parte, le peculiarità economiche e commerciali erano tendenzialmente scandite dall’essenza precipua dell’attività stessa, dall’altra il concetto di “tenue importanza” implicava invece confini pressoché labili, o quanto meno difficili da circoscrivere. Si profilava così un’eccezione su cui gravava chiaramente «l’equivocità dei termini»89. In effetti, «anche come disposizione transitoria, si impone[va] la necessità di ammettere in molti casi il servizio in economia»90. A regolare tale opzione sarebbero state le disposizioni contenute nell’art. 162 della legge comunale e provinciale: l’assunzione del servizio doveva essere approvata in doppia deliberazione dalla maggioranza dei consiglieri comunali, rimettendo gli atti all’autorizzazione della giunta provinciale amministrativa, a cui spettava anche di ratificare il regolamento di gestione91.

16La convinzione che la formula in economia allentasse il controllo dell’amministrazione centrale si sarebbe rivelata in parte fuorviante, in quanto le clausole escogitate lasciavano schiudere numerosi varchi all’ingerenza degli organi ministeriali. Il fulcro, su cui si imperniava tale progetto, coincideva con la molteplicità di legami che poteva intercorrere a questo riguardo fra il potere prefettizio e la Commissione reale, depositaria della corretta applicazione della legge e pertanto deputata anche allo svolgimento di un ruolo consultivo, in ausilio agli eventuali dubbi avvertiti dall’autorità tutoria.

4.3 Le case popolari e le procedure per la municipalizzazione: il lavoro degli organi ministeriali

  • 92 R.D. che nomina la Commissione istituita presso il Ministero dell’Interno dall’articolo 5 della leg (...)
  • 93 Art. 11, Legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 29 marzo 1903, n. (...)
  • 94 Ivi, art. 12.

17Le disposizioni legislative sancite comportavano dunque nuove incombenze per gli uffici del Ministero dell’Interno, affidando innanzitutto un ruolo cruciale alla Commissione reale per il credito comunale e provinciale, così investita anche dell’incarico di occuparsi della municipalizzazione dei pubblici servizi. Come stabilito dall’art. 5 della legge 17 maggio 1900, n. 173, che ne aveva decretato l’istituzione, tale organismo era costituito da due membri del Consiglio di Stato, uno della Corte dei conti, un funzionario del Ministero del Tesoro in rappresentanza della Direzione generale della Cassa depositi e prestiti, due funzionari del Ministero dell’Interno, uno del Ministero delle Finanze e un membro facente funzioni di segretario92. Rinnovata ogni tre anni, la Commissione veniva ora ampliata dall’aggiunta di quattro membri, due per il Consiglio superiore dei lavori pubblici, uno del Consiglio superiore di sanità e un funzionario superiore del Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio93. Secondo il legislatore, il coinvolgimento di tali figure avrebbe garantito un’adeguata trattazione delle pratiche relative all’impianto di servizi municipali, benché a tale organismo competesse di valutare la proposta «specialmente nei riguardi finanziari ed economici e da[re] il suo parere sull’ammissibilità della medesima»94.

  • 95 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 96 Ivi, lettera della Commissione reale alla Direzione generale dell’amministrazione civile, 12 agosto (...)
  • 97 Ivi, lettera della Direzione generale della pubblica sicurezza alla Direzione generale dell’amminis (...)

18Tuttavia, nell’autunno 1903, la Commissione reale non era ancora in grado di espletare le funzioni assegnate, in quanto proprio il Ministero dell’Interno non aveva designato il rappresentante del Consiglio superiore di sanità. La Direzione generale dell’amministrazione civile si trovò così a dover sollecitare il sottosegretario di stato, anche alla luce delle reiterate istanze inoltrate dal comune di Milano, al fine di intraprendere la municipalizzazione di abitazioni per i meno abbienti. Nel marzo di quell’anno il consiglio comunale aveva deliberato di promuovere la realizzazione di alcuni stabili, come spiegava il prefetto nella lettera rivolta alla Commissione reale, in seguito all’assenso espresso dalla giunta provinciale amministrativa95. I componenti dell’autorevole consesso ritennero comunque di non poter esaminare la proposta, non solo in attesa delle ulteriori nomine, ma anche dell’entrata in vigore del regolamento di attuazione della legge96. Tale scelta sollevò un certo malcontento ai vertici della municipalità milanese: la penuria di abitazioni per i meno abbienti costituiva in città una vera e propria emergenza, divenuta da alcuni mesi causa di manifestazioni e proteste coordinate dalla camera del lavoro. Probabilmente, in assenza delle indicazioni introdotte dal regolamento, la Commissione reale preferiva non inaugurare lo svolgimento degli affari inerenti la municipalizzazione, tanto più con un servizio che poneva interpretazioni controverse, a cui nel caso specifico si riconnettevano pure episodi di inquietudine sociale. Nella pratica era stata infatti inserita la copia di alcuni rapporti inviati dal prefetto di Milano alla Direzione generale della pubblica sicurezza allo scopo di riferire sull’agitazione votata a perorare l’intervento municipale97. A lato delle criticità poste dall’argomento, una certa prudenza era consigliata certamente dalla novità dell’intera materia, oltreché dall’importanza di organizzare l’opportuno coordinamento fra gli uffici chiamati ad adempiere l’applicazione di un insieme di norme piuttosto complesso.

  • 98 Ivi, busta 2, fasc. 4, Verbali della Commissione, 1904-1905; si veda anche il prospetto riassuntivo (...)
  • 99 Artt. 84, 86, Regolamento per l’esecuzione della legge 29 marzo 1903, n. 103, sull’assunzione diret (...)
  • 100 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 101 Ivi, busta 2, fasc. 4, cit., seduta del 5 dicembre 1904.

19Il comune di Milano fu costretto a lasciare in sospeso il progetto, il cui esame fu procrastinato di quasi un anno e mezzo rispetto alla presentazione della prima istanza. Nonostante il regolamento venisse varato nel marzo 1904, la Commissione reale cominciò a occuparsi delle proposte di municipalizzazione solo nel mese di luglio, aprendo i lavori con le domande di riscatto rivolte dal comune di Venezia per il servizio dei traghetti e da quello di Porto Maurizio per l’acquedotto. I propositi del consiglio comunale milanese non furono neppure considerati nella seduta successiva che si svolse a ottobre, sebbene il prefetto si fosse premurato di riproporre gli atti già nel corso della primavera98. A determinare questo ritardo contribuì comunque la richiesta di ulteriori ragguagli da parte del Ministero dell’Interno, dato che, a norma del regolamento, mancavano il progetto tecnico completo approvato dal locale ufficio del genio civile e il bilancio preventivo dell’azienda, nonché l’esposizione di notizie dettagliate sullo stato patrimoniale del comune99. Ricevuti i documenti, la Commissione reale analizzò la questione esprimendo unanime parere favorevole100. Il relatore Domenico Miceli, ispettore del genio civile, aveva trovato la proposta «per ogni parte accettabile anche perché, data la nota competenza e solidità del municipio proponente, niuna preoccupazione di indole finanziaria [poteva] lasciare dubbi sulla bontà del progetto medesimo». Il suo punto di vista non si era limitato a tali osservazioni, bensì si era spinto a esternare una valutazione pienamente positiva dell’iniziativa, «considerato non potersi mettere in dubbio che la costruzione di case popolari [fosse] da comprendersi nei pubblici servizi dei quali i comuni po[tevano] assumere direttamente la gestione»101.

  • 102 Art. 198, Regolamento per l’esecuzione della legge 29 marzo 1903, n. 103, sull’assunzione diretta d (...)
  • 103 Assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni (circolare 20 aprile 1904-n. 15800-13-1 (...)
  • 104 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 105 Alla vigilia delle adunanze in cui cominciarono a essere esaminati i progetti di municipalizzazione (...)
  • 106 S. Sepe, Amministrazione e storia. Problemi della evoluzione degli apparati statali dall’unità ai n (...)
  • 107 M. Giannetto, Dalle ispezioni alle questure e prefetture al controllo della società civile. Il serv (...)
  • 108 Ministro delle Poste e telegrafinel periodo 1906-1909, Schanzer, nominato senatore nel 1919, si avv (...)
  • 109 G. Tosatti (a cura di), Il Ministero dell’Interno, vol. II, in G. Melis (a cura di), L’amministrazi (...)
  • 110 I loro mandati furono separati solo dal breve intermezzo di Arnaldo Raimoldi, durato pochi mesi, S.(...)

20Secondo le istruzioni impartite dal regolamento, i progetti pervenuti in materia di municipalizzazione dovevano essere «promossi a mezzo del Ministero dell’Interno, il quale esaminati gli atti e accertatane la completa istruttoria, li rimette[va] con apposita relazione al presidente della commissione»102. Inoltre, come precisava la postilla inserita in calce a una circolare rivolta ai prefetti, la corrispondenza relativa all’assunzione di servizi da parte dei comuni doveva essere inviata al Ministero dell’Interno, precisamente alla Direzione generale dell’amministrazione civile103. Ai funzionari di tale comparto spettava così l’incarico di illustrare i contenuti delle proposte pervenute al ministro, componendo un documento che, una volta ottenuta la ratifica, sarebbe stato utilizzato dalla Commissione reale per formulare le proprie deliberazioni104. In sostanza, l’attività dell’autorevole consesso finiva per essere orientata dalle indicazioni elaborate dagli uffici di competenza sotto l’egida del ministro. Congeniale al soddisfacimento di smaccate esigenze egemoniche, questa razionale divisione del lavoro agevolava al contempo l’espletamento dell’iter definito, in quanto i numerosi affari da esaminare nell’ambito di un calendario di incontri a cadenza mensile non facilitavano affatto il compito della Commissione reale, nonostante l’aggiunta dei membri per la municipalizzazione105. Le mansioni affidate alla Direzione generale dell’amministrazione civile, «uno dei posti di maggiore responsabilità e potere di tutto l’apparato statale»106, si prospettavano in coerenza con le funzioni di vigilanza attribuite al Ministero, investito di importanti facoltà ispettive107. Alla riorganizzazione degli uffici, anche ai fini di un organico utilizzo delle risorse, aveva contribuito non poco il direttore di quel periodo, Carlo Schanzer, consigliere di stato e amico di Giolitti, che sarebbe stato fra i cosiddetti “luogotenenti giolittiani”, tratti dalla carriera amministrativa per essere integrati nel personale di governo108. In concomitanza con le adunanze in cui la Commissione reale cominciò a occuparsi delle domande inoltrate dai comuni, Schanzer istituì un apposito ufficio per adempiere con efficienza i compiti indicati dalla legge, il servizio municipalizzazioni, da cui sarebbe sorto nel 1907 l’ufficio per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi109. A quella data la Direzione generale dell’amministrazione civile era ormai guidata da Alberto Pironti, il quale ne avrebbe retto le redini sino al 1924, assicurando la stabilità necessaria per far fronte al cumulo di competenze assegnato, oltreché proseguire nella costruzione di quello “stato amministrativo” a cui l’opera di Schanzer aveva apportato un concorso significativo110.

  • 111 Sull’attività di Salvarezza D. Longo, ad vocem, ivi, pp. 837-840.
  • 112 R.D. che nomina la Commissione reale pel credito comunale per il triennio 1904-1906, cit.; R.D. che (...)
  • 113 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 114 Ivi, busta 6, fasc. 26, Affari vari, 1903-1923, fogli di appunti ms. allegati al documento recante (...)

21Come emerge dalle indicazioni esposte, gli uffici istituiti non rappresentavano certo una propaggine della Commissione reale, quanto piuttosto la fucina in cui venivano abbozzate le direttive che ne avrebbero informato il lavoro. Tuttavia i contatti tra tali organismi si risolsero per lo più in un rapporto di proficua collaborazione, anziché rimanere imbrigliati entro limiti di mera subordinazione gerarchica. A risultare prevalente fu infatti lo sforzo condiviso di definire modalità e parametri per provvedere a una materia di recente regolamentazione legislativa, non senza la difficoltà di creare ex novo gli estremi di tale percorso. Oltretutto i personaggi coinvolti erano uniti da una comunanza di intenti fondata su esperienze formative e professionali pressoché similari, segnate talora da evidenti corrispondenze che tendevano a far scemare la probabilità di antagonismi o contrasti. Non solo, ad esempio, Cesare Salvarezza, presidente della Commissione reale dal 1906 al 1908, era stato a capo della Direzione generale dell’amministrazione civile sul finire dell’Ottocento111, ma nel 1907 furono nominati membri per gli affari relativi alla municipalizzazione il direttore in carica Alberto Pironti e il suo stretto collaboratore Gerardo Girardi112. Questa intersezione attestava senza dubbio la ricerca di un confronto positivo, come suggerisce anche la presenza di Antonio Zanon, primo responsabile dell’ufficio ministeriale per l’assunzione diretta dei pubblici servizi, alle adunanze che la Commissione reale tenne nel biennio 1905-1906113. Nel momento di avvio dei lavori sulla municipalizzazione, si era trattato infatti di una forma di consulenza necessaria, a cui aveva provveduto lo stesso Giolitti, affinché venissero forniti dati e chiarimenti opportuni114.

  • 115 Ivi, busta 113, fasc. 1440, Milano, cit., verbali del consiglio comunale di Milano, Approvazione de (...)
  • 116 Verbali del consiglio comunale di Milano, Proposta della giunta in ordine alla costruzione di case (...)
  • 117 Ibid.
  • 118 Cfr. M. Antonioli, J. Torre Santos, Riformisti e rivoluzionari. La camera del lavoro di Milano dall (...)
  • 119 M. Portalupi, Milano per le case municipali, in «Germinal», 1902, n. 20, pp. 153-154; Camera del la (...)
  • 120 M. Punzo, Socialisti e radicali a Milano. Cinque anni di amministrazione democratica (1899-1904), S (...)
  • 121 Verbali del consiglio comunale di Milano, Proposte della giunta in ordine alla costruzione di case (...)
  • 122 Ibid.
  • 123 Ivi, verbali del consiglio comunale di Milano, Proposte della giunta in ordine alla costruzione di (...)
  • 124 Ivi, seduta del 23 marzo 1903. Per una sintesi della vicenda L. Pizzetti, La questione delle abitaz (...)

22L’esordio della municipalizzazione delle case popolari sembrava avvenire all’insegna di una certa benevolenza, se non addirittura di ottimi auspici. Le annotazioni di Miceli sulla domanda del comune di Milano lasciavano presagire concrete possibilità di sviluppo, specialmente alla luce del riconoscimento tributato al settore quale attività degna di essere contemplata nel novero dei pubblici servizi. Tale constatazione fugava in parte quell’intreccio di remore e incertezze che, sulla falsariga delle posizioni espresse dalla cultura coeva, aveva solcato il dibattito parlamentare, condizionandone largamente gli esiti. L’apertura così delineata appariva ancor più significativa trattandosi di un progetto rilevante da realizzare in una delle più importanti realtà urbane del regno. Oltretutto non era mancata una certa tolleranza, dato che l’amministrazione civica milanese aveva promosso i lavori senza attendere il parere della Commissione reale115. La costruzione di un primo gruppo di case fra le vie Ripamonti e Balbo coincideva con l’avvio di un ambizioso programma da completare negli anni seguenti, sino a impegnare la somma complessiva di lire quattro milioni, di cui metà si doveva alla «generosa condiscendenza della Commissione centrale di beneficenza, amministratrice della Cassa di Risparmio di Lombardia», che aveva concesso l’a-pertura di un conto corrente, con garanzia ipotecaria sui fabbricati116. Gli insediamenti non avrebbero contenuto più di cinquecento vani, suddivisi in alloggi da una a tre stanze, dotati in genere di latrina propria, come stabilito in base al progetto approvato definitivamente nel maggio 1903117. Tuttavia la prospettiva della municipalizzazione delle case popolari aveva sollevato pareri discordi anche in seno al consiglio comunale milanese, retto dal 1899 da una coalizione composta da socialisti, repubblicani e democratici, capeggiata dal sindaco Giuseppe Mussi, radicale ed esponente della massoneria. A promuovere l’iniziativa erano stati essenzialmente i socialisti, in adempimento ai propositi precisati in occasione della campagna elettorale, a cui faceva eco l’agitazione sostenuta dalla camera del lavoro, approdata già nel corso del 1901 alla nomina di un’apposita commissione di studio118. Quest’ultima aveva prodotto due relazioni che, seppur distinte da alcune varianti, invocavano entrambe l’intervento diretto del municipio119. In coerenza con tali fervori, all’origine dei comizi organizzati dal comitato contro il rincaro degli affitti costituitosi in quel periodo, il consiglio comunale aveva approvato il progetto definito sul finire del 1902 dall’assessore Francesco Pugno, anche su sollecitazione delle interpellanze presentate da alcuni esponenti socialisti, fra cui Luigi Arienti, capo-mastro e membro della commissione legata alla camera del lavoro. I socialisti non avevano infatti cessato di animare iniziative di protesta, intensificando l’agitazione sul finire dell’anno, nell’intento di sollecitare la discussione del progetto, sino ad allora rinviata. Le traversie conosciute dalla questione riflettevano le spaccature interne al partito radicale che egemonizzava la giunta, alimentando il sospetto che il ritardo celasse l’intenzione di tralasciare gli accordi stipulati con il gruppo socialista, rimasto di fatto assertore quasi isolato dell’intervento diretto120. Come fu spiegato ai consiglieri comunali nel marzo 1903, la giunta aveva però stabilito da tempo «di avviare a pronta soluzione l’urgente problema delle case popolari per mezzo della fabbricazione e manutenzione municipale»121. Il gruppo socialista intendeva persino ampliare il progetto, fermo restando il riconoscimento del principio della municipalizzazione122. Contrari a tali finalità si erano dichiarati soprattutto i repubblicani, convinti che fosse invece opportuno affidare il piano edilizio a una società appoggiata dal comune123. Nonostante le divergenze emerse, il programma per la municipalizzazione delle case popolari era stato comunque ratificato a larga maggioranza, permettendo ai socialisti milanesi di concretizzare i propositi espressi dalla propaganda di partito124.

  • 125 Verbali del consiglio comunale di Milano, Proposte della giunta in ordine alla costruzione di case (...)
  • 126 G. Montemartini, La questione delle case operaie in Milano, cit., pp. 13-27.
  • 127 Inchiesta sulle abitazioni popolari in Milano, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», agosto 1905 (...)
  • 128 L’addensamento della popolazione operaia e l’altezza delle pigioni in Milano, in «Bollettino dell’U (...)
  • 129 A. Schiavi, Il censimento delle abitazioni popolari in Milano, in «La Riforma Sociale», 1904, pp. 2 (...)

23Probabilmente sulla decisione di diversi consiglieri dovevano aver inciso i dati sconfortanti raccolti nell’ambito delle operazioni censuarie svolte nel 1901, richiamati anche da Pugno in alcuni passaggi della sua relazione, auspicando che la Società umanitaria effettuasse i debiti approfondimenti, a cui il comune era stato costretto a rinunciare per esigenze di bilancio125. Di fatto nel corso del 1903 l’Ufficio del lavoro di tale istituzione diede alle stampe gli esiti di un accurato studio eseguito dal direttore Giovanni Montemartini, restituendo i tratti di uno scenario preoccupante, ribadito dall’inchiesta che il municipio riuscì a compiere poco dopo126. Gli elementi focalizzati dagli organi comunali documentarono ufficialmente le pessime condizioni diffuse nelle abitazioni popolari cittadine, in cui affollamento eccessivo e promiscuità igieniche e morali si associavano alla piena inosservanza delle norme sanitarie127. Infrastrutture quali l’impianto fognario, la dotazione di acqua potabile, gas e sistemi di riscaldamento risultavano spesso assenti, così come gravi carenze riguardavano i servizi igienici, solitamente in condivisione fra diversi nuclei familiari, sino al caso estremo e deplorevole di un edificio abitato stabilmente da cinquecento persone che offriva una sola latrina senza neppure getto d’acqua. Nelle più rigide ristrettezze versavano soprattutto i monolocali, permettendo alla precarietà igienica che vi albergava di condannare i gruppi indigenti agli indici di mortalità e morbilità più elevati dell’intera cittadinanza, innanzitutto a scapito della minore età128. Come sottolineò Alessandro Schiavi, il degrado che si consumava fra le mura domestiche era tale da aver indotto alcuni maestri a ritenere addirittura la vita in strada un “giovamento” per la salute dei ragazzi129.

  • 130 Fra il 1906 e il 1909 sorsero le palazzine di via Solari e alle Rottole, oggi viale Lombardia, su p (...)
  • 131 Cfr. Le case popolari della Società Umanitaria alle Rottole (P. Venezia), estratto dal «Politecnico (...)

24La stessa Società Umanitaria non tardò a promuovere un piano di costruzione, intenzionata ad apportare concretamente un utile contributo. Analogamente alle vicende edilizie maturate sotto l’egida della filantropia, la Società si proponeva di fornire un esempio qualitativamente significativo che sollecitasse fenomeni di emulazione130. Intorno agli stabili a tre o quattro piani fuori terra, suddivisi in alloggi da uno a tre vani, fu infatti approntata la presenza di servizi e strutture congeniali alle esigenze degli utenti, come impianti per bagni, docce e lavatoi, locali per cucine economiche, asili per l’infanzia, biblioteche, campi da gioco e palestre131. Persino nei riguardi progettuali e tipologici, tali edifici suggellarono un piano d’intermediazione fra l’esemplarità quanto mai costosa e di difficile adattamento urbano del villino circondato da agresti radure e quel modello a “caserma” solitamente deprecato per le inquietudini igieniche e sociali suscitate dalla concentrazione di lavoratori.

  • 132 Fra il 1903 e il 1911 furono condotte inchieste sulle abitazioni nei comuni di Milano, Verona, Faen (...)
  • 133 Città di Torino, Quarto censimento della popolazione (9 febbraio 1901). Considerazioni generali. Re (...)
  • 134 Cfr. P. Somma, Le inchieste municipali sulle abitazioni nel primo decennio del Novecento, cit., p. (...)

25Nel contesto nazionale, gli studi effettuati dall’amministrazione civica milanese rimasero fra le prime testimonianze di uno specifico filone di indagine, incrementato negli anni seguenti dall’impegno di altri municipi, in genere allo scopo di legittimare il varo di appositi piani di intervento. D’altronde i vincoli imposti dalla legge sulle case popolari alla municipalizzazione esortarono diversi comuni a documentare la gravità della situazione in atto, dimostrando il bisogno di provvedere all’inserimento di costruzioni salubri nel tessuto edilizio cittadino132. Nell’ambito di tali verifiche, il lavoro compiuto a Milano costituì per taluni versi un modello, in quanto alcuni dei criteri in esso definiti furono presto codificati in parametri largamente condivisi. Tuttavia il primato di aver applicato precocemente lo strumento dell’inchiesta sul campo alla questione abitativa spettava al municipio di Torino, con la pubblicazione di un’accurata statistica svolta in parallelo al censimento del 1901133. Questo fu per altro l’unico caso in cui si procedette a esaminare capillarmente il territorio urbano, mentre altrove prevalse l’interesse a circoscrivere specifici campioni, senza addivenire a una comparazione completa per la globalità urbana134.

  • 135 Verbali del consiglio comunale di Milano, Proposta della giunta in ordine alla costruzione di case (...)
  • 136 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 137 Ivi, Proposte della giunta in ordine alla costruzione di case popolari (continuazione), seduta del (...)
  • 138 Il gruppo di via Ripamonti fu abitato nell’estate 1907, Cronaca della politica delle abitazioni, in (...)
  • 139 Il problema delle case popolari a Milano, in «La Riforma Sociale», 1905, p. 959; U. Gobbi, L’azione (...)

26Sebbene la genesi del programma per le case popolari fosse avvenuta nel corso del 1902, le autorità civiche milanesi avevano stabilito sin dagli inizi di affidarne l’attuazione a un organismo distinto dal complesso dell’amministrazione, proponendo in nuce la struttura di un’azienda speciale. Pertanto alla luce delle disposizioni sulla municipalizzazione, i propositi definiti erano stati ulteriormente circostanziati, in quanto «la nuova legge, nel mentre rimuove[va] qualche grave difficoltà finanziaria, che si sarebbe presentata altrimenti nell’attivazione del progetto, complica[va] d’altra parte la procedura da seguirsi»135. In seguito all’assenso della Commissione reale sul finire del 1904, il comune organizzò il referendum nell’autunno dell’anno successivo, riscuotendo l’approvazione della cittadinanza, benché l’afflusso alle urne fosse stato piuttosto contenuto136. In quel periodo, non risultava però ancora concluso il complesso in via Ripamonti, nonostante fosse stato deliberato di completarne i lavori entro il 1905137, traguardo che aveva rappresentato uno dei motivi maggiormente sfruttati dalla campagna elettorale socialista138. Di fatto l’attuazione del piano varato a Milano avrebbe conosciuto un epilogo non conforme ai presupposti che ne erano stati alla radice. Proprio nel corso del 1905, il sopravvento delle forze liberali guidate dal sindaco Ettore Ponti cominciò a decretare il naufragio della municipalizzazione edilizia. Interprete di tale mutamento fu specialmente il consigliere liberale Ulisse Gobbi, già fra gli avversari del municipalismo nel 1903139. In effetti la spedita affermazione del progetto era destinata quasi a designare un unicum, anche rispetto alle benevole attenzioni riservate dagli organi ministeriali.

4.4 Le prime proposte di municipalizzazione delle case popolari

  • 140 V. Magaldi, Concorso dei poteri pubblici a favore delle case popolari in Italia, cit., pp. 962-963.
  • 141 C. Caponi, La lotta politica e sociale: l’amministrazione comunale, i partiti politici, i conflitti (...)
  • 142 Verbali del consiglio comunale di Prato, Case operaie. Costruzione, seduta del 7 dicembre 1903; ivi (...)
  • 143 Tanini rinunciò alla carica nel 1905, anno in cui lasciò il partito repubblicano per unirsi allo sc (...)
  • 144 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 145 Ivi, Relazione al ministro, 7 aprile 1905.
  • 146 Ibid.
  • 147 Ivi, busta 2, fasc. 4, cit., seduta del 29 maggio 1905. Cfr. art. 28, Legge sull’assunzione diretta (...)

27Successivamente alla domanda presentata dal comune di Milano, il settore delle case popolari impegnò nuovamente la Commissione reale nella primavera 1905, quando fu esaminato il progetto per la costruzione di quattro complessi a Prato mediante l’impianto di un’azienda municipale140. L’iniziativa era stata promossa quasi due anni prima dal sindaco Banco Tanini, repubblicano e anticlericale, espressione del blocco popolare che si era affermato in occasione delle elezioni amministrative del 1901141. Lasciata temporaneamente in sospeso per attendere le disposizioni del regolamento per l’esecuzione della legge sulle case popolari, la pratica era stata approvata in seconda lettura nel maggio 1904, sebbene non mancassero manifestazioni di disapprovazione142, controbattute in nanzitutto dall’ingegnere radicale Felice Biglia, assessore ai lavori pubblici, prossimo a diventarne uno dei più convinti assertori quale successore di Tanini nella carica di primo cittadino143. I funzionari preposti al servizio municipalizzazioni presso il Ministero dell’Interno ritennero che la Commissione reale potesse esprimere parere favorevole, concordando in tal senso con il prefetto di Firenze144. La carenza di alloggi adeguati per i meno abbienti era aggravata infatti nella città di Prato non solo dall’incremento di richieste determinato dallo sviluppo industriale, ma anche dall’esistenza di numerosi spazi indegni di essere considerati abitabili, come attestava una relazione preparata dal sindaco Tanini145. Analogamente all’atteggiamento mantenuto dinanzi alla proposta formulata dall’amministrazione civica milanese, non si profilarono questioni di merito, confermando quell’apertura votata a una certa indulgenza che sembrava immunizzare gli ambienti ministeriali dalla penetrazione dei motivi più intransigenti scaturiti in seno al dibattito sull’argomento. Persino le perplessità suscitate dal piano finanziario tendevano a essere stemperate in uno slancio di ottimismo, tanto che, sebbene la spesa prevista di lire trecentomila non fosse reputata del tutto sufficiente, non si escludeva una soluzione positiva. L’unica raccomandazione avanzata riguardava la priorità di non chiudere in passivo l’esercizio dell’azienda, rammentando alle autorità municipali di «considerare la molto lodevole iniziativa della costruzione delle case popolari come funzione di assistenza sociale e non di beneficenza»146. In linea con tali constatazioni, il relatore per la Commissione reale Gherardo Callegari, ispettore generale presso il Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, si soffermò soprattutto sugli aspetti di ordine finanziario, affinché l’importo delle pigioni fosse effettivamente commisurato al prezzo di costo. Ai rilievi esposti fecero eco le asserzioni di altri commissari, rivolte per lo più alle condizioni poche vantaggiose del mutuo che il comune avrebbe contratto con la locale cassa di risparmio. Come puntualizzò Zanon, responsabile del servizio municipalizzazioni, la legge aveva conferito però alla Commissione reale la competenza di pronunciarsi sulle operazioni concordate con la Cassa depositi e prestiti, diversamente «non [aveva] ragione d’intervenire per autorizzare un mutuo già approvato dalla giunta provinciale amministrativa»147.

  • 148 Il referendum si svolse il 23 luglio 1905; su 4.622 elettori iscritti, se ne recarono alle urne 2.8 (...)
  • 149 C. Caponi, La lotta politica e sociale, cit., pp. 1350-1351.
  • 150 C. Cresti, Immagine e struttura della città nel tempo dell’industria, in G. Mori (a cura di), Prato (...)
  • 151 Art. 96, Regolamento per l’esecuzione della legge 29 marzo 1903, n. 103, sull’assunzione diretta de (...)
  • 152 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 153 Art. 92, Regolamento per l’esecuzione della legge 29 marzo 1903, n. 103, sull’assunzione diretta de (...)

28Nonostante l’approvazione degli organi ministeriali, il progetto promosso dal comune di Prato risultò respinto nell’ambito della consultazione referendaria, benché ciò avvenisse solamente per uno scarto irrisorio di voti148. In effetti la votazione era avvenuta in un clima sfavorevole, ormai segnato dalle difficoltà economiche scaturite dall’ampio programma di intervento sociale sostenuto, tanto che, oltre a imporre nuove tassazioni, il comune era stato costretto per la prima volta a superare il limite legale della sovraimposta. L’esito negativo del referendum provocò le dimissioni dei consiglieri di maggioranza, decretando lo scioglimento del consiglio comunale e una fase di commissariamento straordinario, al cui termine si impose un’amministrazione di orientamento liberal-moderato che non tornò sulla questione. Non diversamente da quanto accaduto a Milano, il progetto per le case popolari si trovò ad adempiere l’infausto compito di catalizzare i contrasti interni al blocco, fondato su una comune matrice democratica avversa a conservatori e clericali, ma al contempo pervaso da forti differenze149. Non a caso anche a Prato la fase di elaborazione era stata caratterizza da proposte diverse, protese a discostarsi dal principio stesso della municipalizzazione, nonché a individuare varianti tipologiche. Il piano presentato da Tanini era stato comunque meticolosamente studiato, non solo in riferimento alle esperienze estere e alle indicazioni dei più avveduti esperti della materia, bensì pure alla luce dell’indagine sulle condizioni abitative della cittadinanza disagiata150. Tuttavia accanto alle ricadute di carattere politico, un certo disorientamento era forse derivato anche dal contenuto del quesito posto agli elettori che, ai sensi del regolamento di attuazione della legge, doveva essere improntato a un’estrema asciuttezza151. Nel caso dell’iniziativa pratese così suonava infatti la formula adottata, secondo quanto puntualizzato dall’ufficio ministeriale, apportando le debite correzioni a quella un po’più articolata stabilita inizialmente dal comune: «L’elettore intende che il comune assuma la costruzione e l’esercizio diretto di case popolari nei modi e termini stabiliti dalla deliberazione adottata dal consiglio comunale in seduta 7 dicembre 1903 e con le condizioni di cui nella deliberazione 29 maggio 1905 della Reale commissione per il credito comunale e provinciale?»152. L’obbligo di rimandare semplicemente agli atti ufficiali impediva l’inserimento di specifiche e chiarificazioni, rendendo indubbiamente criptico il motivo della votazione al corpo elettorale, soprattutto a quella parte di esso che ne poteva essere maggiormente interessata. A essere chiamati alle urne risultavano quanti godevano del diritto di voto per le elezioni amministrative comunali, senza escludere dunque anche segmenti delle categorie modeste153. L’epilogo di tale vicenda era comunque destinato a rimanere una circostanza isolata: in materia di municipalizzazione delle case popolari non venne mai meno la ratifica dei cittadini, neppure nei rari casi in cui si manifestò a livello locale una corrente di opinione contraria.

  • 154 Inizialmente la carica di sindaco era stata ricoperta dal repubblicano Alessandro Biggi, dimissiona (...)
  • 155 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 156 Ivi, verbali del consiglio comunale di Carrara, Decisione della giunta provinciale amministrativa s (...)
  • 157 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 158 Sarteschi era infatti figura invisa al prefetto Pio Vittorio Ferrari, L. Gestri, ad vocem, in F. An (...)
  • 159 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 160 Cfr. L. Gestri, Capitalismo e classe operaia in provincia di Massa-Carrara, cit., pp. 251-271, 304- (...)

29Nel corso del 1905 si tenne anche il referendum per l’assunzione del servizio delle case popolari nel comune di Carrara, esito di un iter per taluni versi tortuoso rispetto a quello che aveva contraddistinto le esperienze sinora ricordate. Nell’agosto dell’anno precedente l’amministrazione civica, capeggiata dal sindaco socialista Carlo Alberto Sarteschi, aveva stabilito di intraprendere l’edificazione di alloggi per gli operai, in fede al programma sostenuto dal blocco popolare che aveva conquistato il comune nel 1902154. Il progetto prevedeva «la costruzione di quattordici case popolari [...] facendo fronte alla spesa mediante la contrattazione di un mutuo di lire trecentomila»155. Su richiesta della giunta provinciale amministrativa, il municipio aveva poi precisato la forma di gestione, optando per l’insediamento di un’apposita azienda, come riferì il prefetto della provincia di Massa e Carrara all’ufficio ministeriale156. A detta di quest’ultimo, tali deliberazioni non risultavano però conformi alle prescrizioni di legge, in quanto non erano state promosse con l’assenso di almeno due terzi dei consiglieri assegnati al comune, mentre dal canto suo il sindaco replicava di non averne ritenuto necessaria la presenza non trattandosi di discutere per la prima volta il progetto, ma solo di puntualizzare alcuni aspetti157. Nel riportare tali osservazioni, il commento del prefetto non rifuggiva da un’acre intonazione rispetto all’operato degli amministratori socialisti, benché dichiarasse di condividere pienamente le finalità del piano definito158. La costruzione di case popolari era infatti accolta nella parvenza di una valida strategia votata al mantenimento dell’ordine costituito159, tanto più che si trattava di un contesto solcato da profonde tensioni, ancora scosso dal violento contraccolpo sferzato dall’ondata di scioperi di cui erano stati protagonisti gli addetti alle cave nel 1904160. La posizione espressa restava pressoché sintomatica dell’atteggiamento dimostrato dai prefetti, inclini a non intralciare la realizzazione dei programmi edilizi. In particolare nelle realtà a rischio di agitazione, i rappresentati dell’autorità tutoria caldeggiarono in genere tali intenti, nella convinzione di poter sedare il malcontento, oltreché agevolare miglioramenti delle condizioni di vita in grado di incidere sul livello di educazione morale. Nel ruolo di anello di congiunzione fra centro e periferia assegnato dallo stato accentratore, i prefetti si distinsero per lo più quali neutri assertori della municipalizzazione delle case popolari, anziché concorrere all’ostracismo elaborato da segmenti non irrilevanti della cultura coeva.

  • 161 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 162 Ivi, busta 102, fasc. 1256, Carrara, cit., Relazione al ministro, 29 luglio 1905.
  • 163 Ivi, Relazione al ministro, 3 giugno 1906; ivi, busta 2, fasc. 5, cit., seduta del 27 giugno 1906.
  • 164 Ivi, busta 18, fasc. 154, Case popolari, questionari, 1911, lettera del prefetto di Massa e Carrara (...)
  • 165 Cfr. Commissione centrale per le case popolari o economiche. VI sessione 1913. Adunanza antimeridia (...)
  • 166 L. Gestri, Capitalismo e classe operaia in provincia di Massa-Carrara, cit., p. 339.

30La proposta del comune di Carrara ottenne l’assenso della Commissione reale, il cui parere ricalcò le annotazioni esposte nella relazione preparata dai funzionari del servizio municipalizzazioni. «L’ufficio ministeriale [...] ci ha troppo male abituati con le sue diligenti e pratiche relazioni», aveva commentato il relatore Francesco Palumbo Cardella, lasciando intendere come l’accurato studio eseguito sulle domande sbrigasse in gran parte il lavoro che sarebbe spettato ai membri dell’apposito consesso161. In effetti questi ultimi si limitarono spesso a ratificare e tradurre in ordinanze le indicazioni ricevute, avallando una consuetudine destinata a tramutarsi nell’arco di pochi anni in ordinaria prassi, di cui recò un riflesso evidente la crescente prolissità dei documenti redatti dall’ufficio ministeriale, mentre per contralto i verbali della Commissione reale diventavano sempre meno articolati, a scapito innanzitutto del confronto intorno alle proposte esaminate. Pertanto, in linea con le richieste avanzate nella relazione, il comune di Carrara fu esortato a introdurre alcune modifiche nel piano finanziario, oltreché valutare le migliori condizioni creditizie offerte dalla Cassa depositi e prestiti162. Nonostante l’opportunità di dilazionare l’estinzione del mutuo ottenuto da quest’ultima, il progetto non fu comunque realizzato163. «Se l’azienda speciale venne costituita, le case popolari non [erano] state mai costruite», come dovette precisare tempo dopo il prefetto, giustificando l’impossibilità di compilare i questionari diramati a fini statistici dall’ufficio ministeriale164. Sebbene il mutuo della Cassa depositi e prestiti fosse stato autorizzato nel marzo 1907 e due anni dopo il comune avesse cominciato a versarne gli interessi, il denaro in realtà non era stato erogato, impedendo di avviare le operazioni previste, in seguito abbandonate. Sul principio del secondo decennio del Novecento, a Carrara sorse un ente autonomo, alla cui attività fu devoluta la somma a suo tempo pattuita, non ancora disponibile sul finire del 1913165. Al contempo, questa diversificazione di intenti restava piuttosto rappresentativa della simbiosi che solitamente univa le sorti dei progetti a quella delle coalizioni proponenti. Nel 1906, la caduta della giunta Sarteschi aveva aperto la crisi del bloccardismo, consegnando l’amministrazione alle forze politiche tradizionali che ne avrebbero retto le redini sino alle soglie della grande guerra166.

  • 167 Assai rari cenni biografici sulla figura di Melotti, consigliere comunale dal 1900, sindaco nel per (...)
  • 168 S. Ramazza, Le realizzazioni dello IACP di Bologna dal 1906 al 1940, in «Storia urbana», 1982, n. 2 (...)
  • 169 Verbali del consiglio comunale di Castelfranco dell’Emilia, Comunicazione circa l’oggetto all’ordin (...)

31Nel periodo immediatamente successivo all’entrata in vigore dei provvedimenti legislativi di riferimento, l’evasione delle pratiche per la municipalizzazione delle case popolari giunte alla Commissione reale non comportò particolari problematiche. Le inquietanti previsioni agitate non trovavano corrispondenza nei fatti, o quanto meno le esperienze in corso apparivano immuni dalla capacità di preludere alle catastrofiche conclusioni preconizzate, senza nemmeno dare adito a casi di indisciplina. Auspice la preziosa collaborazione dei prefetti, l’operato delle amministrazioni civiche procedeva in conformità con le direttive impartite dagli organi di competenza, concorrendo quasi a decostruire la connotazione ideologica di cui era stata caricata la materia. Tuttavia l’inaspettato idillio che pareva comporsi fra gli artefici del municipalismo e i detentori del potere centrale cominciò a incrinarsi nel corso del 1906, messo alla prova dall’ardita pertinacia del comune di Castelfranco dell’Emilia. Nell’autunno 1905, l’amministrazione popolare coordinata dal sindaco Alessandro Melotti aveva deliberato la costruzione di case popolari, prevedendo insediamenti in diverse località167. Il progetto era stato affidato all’ingegnere Augusto Barigazzi, di lì a poco principale artefice della prima produzione dell’Istituto per le case popolari di Bologna168. In attesa dei prospetti definitivi, l’assessore Oreste Maccaferri ne aveva illustrato le caratteristiche. Esclusa «subito qualunque benché minima idea di ornamentazione e di grandiosità, inutile ed assolutamente impossibile», l’assessore aveva spiegato che le case sarebbero state «sane, comode, bene orientate, provviste di acqua potabile, di fognatura», comprensive «a piano terreno di una cucina con relativo acquaio e di una legnaia ad uso anche di cantina col ripostiglio per il cesso, e al primo piano di una o due o tre camere da letto». Nonostante le accortezze contemplate, qualcuno aveva espresso disappunto per la «mancanza di porcili annessi alle case operaie», a cui il comune precisava di voler rimediare, dato che, in considerazione delle abitudini locali, tale lacuna avrebbe senza dubbio pregiudicato l’utilizzo stesso degli stabili169. Se all’origine della costruzione di case adeguate per i meno abbienti soggiacevano omogenee criticità di ordine igienico-sociale, lo sviluppo dei progetti presupponeva varianti dettate dalle peculiarità dei contesti. Così, l’accesso a lavatoi pubblici, reso necessario nei grandi centri dalla difficoltà di raggiungere ruscelli e corsi d’acqua, perdeva ad esempio valore entro gli orizzonti delle comunità rurali, dove assumeva invece importanza la disponibilità di spazi per lo svolgimento di mansioni finalizzate non solo a reperire alimenti, ma anche a incrementare il bilancio familiare tramite baratti o transazioni di commercio minuto.

  • 170 Ivi, verbali del consiglio comunale di Castelfranco dell’Emilia, Approvazione di prestito di lire 1 (...)
  • 171 Ivi, verbali della giunta provinciale amministrativa di Bologna, Castelfranco. Costruzione di case (...)

32Sul finire dell’anno avvenne l’approvazione del progetto e del mutuo di lire centomila da estinguere in trentacinque anni con la Cassa di Risparmio di Verona. Oltre a discutere le dinamiche finanziarie, i consiglieri avevano sottoscritto le osservazioni di Maccaferri, secondo il quale «non avendo le case operaie, né dovendo avere alcun carattere industriale, [andavano] considerate come uno di quei servizi che a norma dell’art. 16 della legge 29 marzo 1903 n. 103, po[tevano] esercitarsi in economia»170. Sebbene gli amministratori di Castelfranco ne fossero del tutto ignari, la scelta compiuta avrebbe complicato oltremodo l’iter che attendeva il programma varato, sino a offrire alla Commissione reale il materiale per tramutare il caso in un paradigma di interpretazione giuridica. La giunta provinciale amministrativa di Bologna respinse infatti le deliberazioni prese a questo riguardo, ritenendo che non ricorressero le condizioni per autorizzare la gestione in economia, in coerenza con le prescrizioni della normativa vigente171.

  • 172 Ivi, Relazione al ministro, agosto 1906.
  • 173 Ivi, busta 2, fasc. 5, cit., seduta del 21 agosto 1906.
  • 174 Ivi, busta 40, fasc. 484, Castelfranco dell’Emilia, cit., R.D. 8 ottobre 1906; ivi, verbali del Con (...)

33Intenzionato a persistere nei propositi definiti, il comune di Castelfranco presentò ricorso al Consiglio di Stato contro la decisione della giunta provinciale amministrativa. La questione fu così rimessa ai funzionari del servizio municipalizzazioni che, come di consueto, richiesero il parere della Commissione reale, convinti di non poter accogliere l’istanza172. Come puntualizzò il consesso, sarebbe stato possibile annullare la decisione della giunta provinciale amministrativa solo per ragioni di illegittimità, da cui il caso in esame risultava esente. Il relatore Arnaldo Raimoldi, allora direttore generale dell’amministrazione civile, accolse le motivazioni addotte, insistendo sul carattere eccezionale dell’intervento dei comuni nel settore delle abitazioni, sino a ricordare alcuni passaggi delle discussioni parlamentari. D’altronde, in rispondenza agli assunti esposti nella relazione ministeriale, non vi era alcun dubbio che l’attività di cui si trattava rivestisse un carattere industriale, rendendo necessaria l’i-stituzione dell’apposita azienda. Oltretutto non reggeva nemmeno il riconoscimento della “tenue importanza”, dato che la realizzazione del programma avrebbe comportato la spesa di lire centomila. Come annotavano gli organi ministeriali non senza una venatura polemica, la condotta del comune di Castelfranco lasciava insinuare il sospetto di voler eludere le procedure di legge e il sistema di controlli che vi era correlato173. Sulla scorta di tali constatazioni, il Consiglio di Stato respinse il ricorso, aggiungendo per altro che il giudizio della giunta provinciale amministrativa, edotto su aspetti quali «la potenzialità contributiva, le risorse del bilancio del comune [...], fondato sopra apprezzamenti, [era] incensurabile»174.

  • 175 Ivi, verbali del consiglio comunale di Castelfranco dell’Emilia, Provvedimenti finanziari in ordine (...)
  • 176 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 177 Ivi, lettera del prefetto di Bologna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici ser (...)

34Alla luce delle ingiunzioni formulate, le autorità civiche di Castelfranco decisero di procedere all’istituzione dell’azienda, avviando le pratiche sul principio del 1907, benché non fosse scemata del tutto un’intonazione polemica175. Approvata comunque all’unanimità, la proposta fu rassegnata agli uffici ministeriali solo nel mese di maggio, a causa di alcune osservazioni mosse dalla giunta provinciale amministrativa, inizialmente insoddisfatta della documentazione ricevuta176. A destare un certo dissenso era la decisione di portare il numero dei fabbricati da dieci a quattordici, nonché l’inserimento di un concorso annuo nel bilancio dell’azienda nell’intento di contenere l’importo delle pigioni. Il comune aveva infatti deliberato di contrarre un mutuo di lire centocinquantamila da estinguere in trentacinque annualità con la Cassa depositi e prestiti, ma la giunta provinciale amministrativa si era detta disposta ad approvare unicamente l’ammontare complessivo di lire centomila precedentemente preventivato. A tali constatazioni si associava anche il prefetto, contrario invece alla richiesta di abrogare il contributo stabilito provvedendo alle spese di esercizio mediante un congruo aumento dei canoni177. Dietro le preoccupazioni di ordine finanziario sembrava trasparire una tentazione schiettamente conservatrice, verso cui spingeva l’ansia fomentata dalla prospettiva che, in un centro modesto egemonizzato da gruppi extra-costituzionali, lo sviluppo di un ampio programma di edilizia municipalizzata preludesse all’affermazione della proprietà collettiva. A suscitare diffidenza forse era solamente la novità dell’iniziativa, dato che, come si vedrà più avanti, il prefetto di quegli anni, Ernesto Dallari, non si dimostrò in genere ostile alle proposte dei comuni.

  • 178 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 179 Ivi, Comune di Castelfranco Emilia, Deliberazioni consigliari che approvano il prestito di lire cen (...)
  • 180 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Direzione generale dell’amministrazione civile, (...)
  • 181 Verdinois fu nominato membro effettivo per gli affari relativi alla municipalizzazione nel 1906, R. (...)
  • 182 Ivi, busta 40, fasc. 484, Castelfranco dell’Emilia, cit., Relazione al ministro, 12 luglio 1907.
  • 183 Art. 7, Legge sulle case popolari, 31 maggio 1903, n. 254.

35Alla luce della comunicazione del prefetto, gli uffici ministeriali richiesero ulteriori ragguagli, probabilmente nell’intento di individuare elementi che motivassero un’oculata revisione dell’istanza178. Le autorità civiche di Castelfranco ricorsero però all’intercessione del deputato di zona, il socialista Giacomo Ferri, il quale aveva già patrocinato l’iniziativa, occupandosi di recapitare al Ministero dell’Interno copia degli atti municipali relativi alla prima redazione del progetto179. Anche la municipalizzazione delle case popolari seguiva dunque il percorso delle mediazioni notabilari, spesso l’unica strategia che permettesse di agevolare il dialogo fra le istituzioni centrali e le realtà periferiche. Se tali pressioni indussero la Commissione reale a considerare la pratica già nel luglio 1907, non valsero invece il conseguimento del parere favorevole, in quanto fu ritenuta necessaria l’introduzione di varie modifiche180. A riferire in merito fu Enrico Verdinois, ispettore del genio civile, nonché membro del Consiglio superiore dei lavori pubblici, le cui competenze individuarono pure carenze di natura tecnica181. A suo avviso risultavano inadeguati anche i prezzi per l’esecuzione dei lavori, rendendo dunque insufficiente il preventivo di lire centocinquantamila che comunque andava riformulato in considerazione dei cambiamenti da apportare al progetto. In tal senso le conclusioni della Commissione reale differivano da quanto segnalato dai funzionari del servizio municipalizzazioni, i quali avevano invece ritenuto ammissibile la proposta182. L’incongruenza emersa fra i diversi uffici tendeva comunque a ricomporsi nella richiesta unanime di riorganizzare il bilancio dell’azienda, evitando l’adozione di due piani distinti, escamotage che avrebbe permesso al comune di fissare pigioni meno elevate nel primo quinquennio per effetto dell’esonero dall’imposta sui fabbricati contemplato dalla legge Luzzatti183.

  • 184 Verbali del consiglio comunale di Castelfranco dell’Emilia, Case popolari, seduta del 5 settembre 1 (...)
  • 185 Art. 1, Legge che modifica quella del 31 maggio 1903, n. 254, sulle case popolari, 14 luglio 1907, (...)
  • 186 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 187 Ivi, allegato al verbale della seduta della Commissione reale del 18 dicembre 1907; ivi, busta 3, f (...)
  • 188 Ivi, busta 40, fasc. 484, Castelfranco dell’Emilia, cit., lettera del prefetto di Bologna al Minist (...)

36Il consiglio comunale di Castelfranco respinse però le annotazioni avanzate, stabilendo all’unanimità di insistere per «l’approvazione integrale del progetto, così come venne precedentemente approvato». Non si esitava neppure a declinare talune responsabilità, ad esempio in riferimento ai costi in parte obsoleti che componevano ormai il preventivo, «giacché ritardi non vi furono per colpa dell’amministrazione, ma per la fatale scala burocratica»184. Inoltre le modificazioni apportate alle legge sulle case popolari nel 1907 avevano esteso l’esenzione dalle imposte da cinque a dieci anni, lasciando cadere le critiche rivolte alla scelta di differenziare nel tempo l’importo dei canoni185. Come era accaduto in altre circostanze, l’ufficio ministeriale preferì rimettere la questione alle competenze del consesso, tanto più che pure l’Ufficio del genio civile di Bologna, sollecitato dalle annotazioni di Verdinois, aveva espresso un giudizio positivo. Nel rassegnare la pratica, i funzionari del servizio municipalizzazioni dichiaravano di essere comunque favorevoli alla proposta186, a cui si associò pure Verdinois, assicurando all’iniziativa il parere favorevole della Commissione reale187. L’8 marzo 1908 si svolse il referendum, contraddistinto non solo da un’elevata partecipazione dell’elettorato, ma anche dalla schiacciante vittoria del progetto188.

  • 189 Gestioni in economia (circolare n. 4-25 febbraio 1905, n. 15800-13), in «Bollettino ufficiale del M (...)

37L’ostinazione dimostrata dalle autorità civiche era dunque riuscita a sfrondare l’intransigenza degli ambienti ministeriali. Tuttavia il caso di Castelfranco dell’Emilia era destinato a definire un modello soprattutto per altri aspetti, benché, come si avrà modo di approfondire nel prossimo capitolo, il suo esempio incoraggiasse parecchie amministrazioni popolari dell’area padana. Se da una parte si imponeva senza dubbio la priorità di non incrinare gli equilibri che, in maniera sin troppo spesso precaria, reggevano i bilanci municipali, dall’altra l’esperienza maturata aveva insegnato quanto le ragioni di natura economica, non sempre facilmente opinabili, fornissero un formidabile strumento per contrastare l’operato di uomini e istituzioni stretti nella morsa del sospetto. Al contempo l’occasione aveva dimostrato l’importanza di un’accorta interpretazione legislativa, anche al fine di apportare un correttivo alla «soverchia facilità» con cui gli esponenti dell’autorità tutoria sembravano acconsentire alle gestioni in economia che pure avrebbero dovuto costituire un’eccezione189. Certo il lavoro degli organi ministeriali non lasciava alcun dubbio: lo spirito di prudenza che pervadeva la legge era stato perfettamente recepito.

4.5 La costituzione delle aziende speciali

  • 190 Cfr. R.D. che nomina la Commissione reale per il credito comunale e provinciale durante il triennio (...)
  • 191 Magaldi divenne nel 1912 vicepresidente dell’Istituto nazionale delle assicurazioni. I suoi numeros (...)
  • 192 Cfr. Relazione sullo schema di regolamento per l’esecuzione della legge 31 maggio 1903, n. 254, sul (...)
  • 193 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 194 Ivi, verbali del consiglio comunale di Cesena, Costruzione di case popolari. Approvazione del proge (...)
  • 195 Ibid.; ivi, Costruzione di case popolari. Approvazione del relativo progetto e del mutuo di lire 10 (...)
  • 196 Ivi, Costituzione in azienda speciale della gestione relativa alla costruzione delle case popolari (...)
  • 197 Sulle iniziative municipaliste dell’amministrazione repubblicana A. Giacomini, C. Riva, Municipaliz (...)
  • 198 Verbali del consiglio comunale di Cesena, Controdeduzioni all’ordinanza 6 aprile 1907 della giunta (...)
  • 199 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 200 Ivi, lettera del prefetto di Forlì al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servi (...)
  • 201 Il comune di Cesena avrebbe intrapreso con successo la municipalizzazione edilizia nel primo dopogu (...)
  • 202 R. Balzani, La democrazia cesenate fra radicalismo e repubblicanesimo, in Storia di Cesena, vol. IV (...)

38La mancata identità di vedute fra i funzionari del servizio municipalizzazioni e i membri della Commissione reale che si era registrata per il caso di Castelfranco non sembrava prefigurare una sporadica casualità, bensì l’indice di una discrasia su cui forse aveva inciso il rinnovamento delle cariche avvenuto in seno all’autorevole consesso190. A difettare non erano comunque le competenze, visto che fra le nomine recenti compariva quella di Vincenzo Magaldi, ispettore generale presso la divisione per il credito e la previdenza del Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, il comparto a cui la legge Luzzatti aveva affidato il compito di organizzare la nascente edilizia popolare italiana191. In virtù del ruolo rivestito, Magaldi fu fra le figure maggiormente impegnate in tal senso, il cui lavoro apportò un notevole contributo sin dalla stesura del regolamento di attuazione della legge192. Nel periodo in cui era in esame la proposta appena analizzata, un’ulteriore circostanza di disaccordo si compose intorno al progetto presentato dal comune di Cesena per la costruzione di quindici caseggiati popolari. L’ufficio ministeriale ritenne infatti possibile approvarne i presupposti, mentre la Commissione reale concluse che non poteva essere ammessa l’assunzione del servizio. A determinare tale giudizio era stata essenzialmente la modesta passività con cui si chiudeva il bilancio definito, aspetto tollerato invece dall’ufficio ministeriale, nella convinzione che il comune avrebbe potuto affrontare un sacrificio a vantaggio della salute pubblica193. D’altronde non si trattava di sopperire unicamente alla carenza di case, quanto piuttosto di agevolare la soluzione di preoccupanti problemi di ordine igienico-sanitario. L’impostazione del piano tecnico-finanziario risaliva alla fine del 1905, quando la giunta repubblicana che da qualche anno reggeva l’amministrazione aveva stabilito di rendere disponibili abitazioni sane per la cittadinanza meno abbiente, altrimenti non sarebbe stato possibile promuovere il risanamento dell’agglomerato urbano, composto ancora da diversi quartieri «a disdoro di una città civile», malgrado le demolizioni decretate ai tempi del “dittatore” Farini. In consiglio comunale, l’iniziativa era stata osteggiata però dai socialisti che, in maniera pressoché inconsueta rispetto a quanto andava verificandosi nello scenario nazionale, si erano dichiarati favorevoli a formule finalizzate a tramutare gli operai in proprietari della propria abitazione. A loro avviso, questo era il desiderio di diversi operai, tanto da aver proposto la nomina di un’apposita commissione di studio, a cui non avrebbero dovuto prendere parte i consiglieri comunali, «essendo profani della quistione, eccettuato il sindaco, [...] valoroso ingegnere», Vincenzo Angeli194. Alle direttive di partito si univa nei contesti locali l’eco degli effettivi rapporti di forza, giustificando dunque azioni di ostruzionismo, dettate dal senso di rivalsa provocato da un ruolo di marginalizzata minoranza. A difesa del progetto si era levata soprattutto la voce del consigliere repubblicano Ubaldo Comandini, il quale, in veste di deputato, aveva pure preso parte alle discussioni per la legge sulla municipalizzazione195. Tuttavia, oltre un anno dopo, il sindaco era dovuto tornare sull’argomento, dato che la giunta provinciale amministrativa aveva indicato la costituzione dell’azienda speciale, in luogo della gestione in economia precedentemente deliberata196. Nonostante i provvedimenti varati a questo riguardo, l’intenzione di avviare l’espletamento della pratica insieme a quella per la municipalizzazione della macelleria sarebbe comunque rimasta delusa197. La giunta provinciale amministrativa richiese infatti la modifica del piano finanziario, a cui il comune procedette nella primavera 1907198. Lo sforzo compiuto non valse comunque l’esito positivo della vicenda, invalidato dal parere della Commissione reale. «A Cesena più che di case per le classi meno abbienti, si tratta di provvedere ad un risanamento igienico dell’abitato», aveva precisato il Ministero dell’Interno, invitando il prefetto a esortare il comune ad avvalersi delle disposizioni in materia di igiene pubblica199. La corretta applicazione degli strumenti legislativi si svolgeva dunque all’insegna di un estremo rigore, senza nulla concedere ai rappresentanti dell’autorità tutoria, di fatto assurti, nella mirabolante parabola burocratica fissata dalla legge, alla duplice funzione di severi vigilanti e patrocinatori delle istanze locali200. Come temuto nell’ambito degli studi sull’argomento, il lavoro della Commissione reale era guidato essenzialmente dalle ragioni della finanza, in cui non vi era posto per nessun tipo di deroga201. Un intenso lavoro di ristrutturazioni e sventramenti urbani impegnò in effetti la giunta Angeli nell’arco del suo lungo mandato esauritosi alle soglie della grande guerra, seppur senza realizzare le case popolari. Soprattutto sotto l’egida di Comandini, l’intervento del comune fu essenzialmente inteso nella funzione di calmiere deputato a ristabilire la legge della domanda e dell’offerta, discostandosi dall’obiettivo socialista di ridefinire gli equilibri fra le diverse categorie di cittadini202.

  • 203 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 204 Cfr. ivi, Relazione al ministro, 8 febbraio 1907.
  • 205 Ivi, lettera del prefetto di Pisa al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici serviz (...)
  • 206 La consultazione si svolse in data 7 luglio 1907: su 934 iscritti votarono 504 persone, facendo reg (...)
  • 207 Ivi, Relazione al ministro, 8 febbraio 1907, cit.
  • 208 C. Cresti, G. Orefice, La residenza operaia e popolare a Piombino, in «Ricerche storiche», 1978, n. (...)
  • 209 P. Favilli, Capitalismo e classe operaia a Piombino. 1861-1918, Editori riuniti, Roma 1974, pp. 244 (...)
  • 210 Il problema dell’abitazione in un Comune a rapido sviluppo. Piombino, in «Il Comune Moderno», 1911, (...)
  • 211 Ivi, p. 107. Le aste andarono più volte deserte, C. Cresti, G. Orefice, La residenza operaia e popo (...)
  • 212 I. Barbadoro, Il sindacato in Italia. 1908-1914, Teti, Milano 1998, pp. 212 e ssg.
  • 213 U. Chiaramonte, Piombino 1912: lo scioglimento di un comune socialista nel periodo giolittiano, in (...)
  • 214 Tredici anni di amministrazione socialista nel comune di Piombino, in «Il Comune Moderno», 1916, n. (...)

39Le scrupolose verifiche compiute sui piani tecnici-finanziari tendevano a diluire nel tempo l’espletamento dell’iter previsto, con l’effetto di lasciar giungere all’attenzione degli organi ministeriali progetti ormai desueti, oppure impegnare per anni le amministrazioni civiche nell’elaborazione di pratiche destinate ad arenarsi. Se da una parte la normativa vigente era costellata di prescrizioni complesse, dall’altra i comuni non disponevano spesso di persone adeguatamente preparate ad affrontare simili incombenze. Anche sotto questo punto di vista, la legge sulla municipalizzazione concorreva ad acuire lo iato comunicativo fra centro e periferia, sebbene, accanto alle imprecisioni procedurali dovute alla difficoltà di intenderne i dettami, agisse la tentazione di preferire la gestione in economia, nell’intento di eludere le lungaggini connesse all’impianto dell’azienda. In parallelo alle problematiche in cui si imbattevano le proposte sopra ricordate, l’amministrazione civica di Piombino riuscì ad assumere il servizio delle case popolari in meno di un anno. Probabilmente su questo risultato, destinato a contendersi con pochi altri il primato di una soluzione celere, incise la scelta delle autorità municipali di reperire chiarimenti e informazioni, prima di intraprendere un percorso che altrimenti si sarebbe potuto rivelare alquanto tortuoso203. Pertanto il comune deliberò sin dal principio la costituzione dell’azienda speciale, al fine di realizzare due fabbricati, ciascuno in grado di alloggiare sessanta famiglie, preventivando una spesa complessiva di lire trecentomila, a cui si sarebbe provveduto tramite un mutuo da estinguere in cinquanta annualità204. Trasmessi dal prefetto sul finire del 1906, gli atti ottennero il parere favorevole della Commissione reale già nel marzo successivo205. A luglio si tenne il referendum, assicurando all’iniziativa il suggello dell’elettorato206. All’ufficio ministeriale la proposta era parsa «sufficientemente studiata e ponderata», anche alla luce del bisogno di nuove abitazioni reso urgente dal notevole incremento demografico determinato dallo sviluppo industriale della città207. L’impetuosa espansione del settore metallurgico aveva infatti richiamato gruppi consistenti di lavoratori, tanto che, in attesa delle costruzioni progettate, l’amministrazione municipale aveva acquistato dalla prefettura di Pisa alcuni fabbricati, fra cui le vecchie carceri, allo scopo di approntare alloggi per gli operai208. L’andamento della vicenda dimostrava quanto gli organi competenti attribuissero un’importanza assoluta all’applicazione precisa delle norme di legge e al conseguente complesso di obblighi finanziari, al di là del colore politico dei soggetti proponenti. A governare il comune di Piombino era infatti una maggioranza socialista, il cui operato non mancava di destare sospetti, soprattutto per l’organico programma di socialismo municipale attuato209. I propositi definiti erano stati portati avanti all’insegna di un ordine encomiabile, dinanzi al quale cadeva, o quanto meno si stemperava, la carica ideologica delle riserve che gravavano sulla materia. D’altronde, nell’eco delle posizioni espresse dal legislatore, la preferenza accordata all’istituzione dell’azienda speciale costituiva pur sempre una valida garanzia, contribuendo a fugare un insieme di radicati timori. Oltretutto il comune aveva optato per la municipalizzazione dopo che la giunta provinciale amministrativa aveva annullato le deliberazioni consiliari per l’istituzione di premi ai costruttori, come spiegava lo stesso sindaco Oreste Granelli in una relazione che recava l’emblematico sottotitolo Iniziativa municipale e ostacoli legali210. Pubblicato nel 1911 sul periodico «Il Comune Moderno», tripudio al municipalismo diretto da Giulio Casalini, il testo documentava l’impegno sostenuto, senza tralasciare i motivi che, a distanza di cinque anni dai primi atti emanati in merito, non avevano permesso di realizzare gli stabili. All’indomani del referendum, le autorità civiche avevano stabilito di domandare il mutuo alla Cassa depositi e prestiti, allettate dalle agevolazioni introdotte dal testo unico sulle case popolari varato nel febbraio 1908, su cui si riferirà nel prossimo capitolo. La scarsa disponibilità della cassa aveva decretato un’inevitabile impasse, di fatto diluita anche dalle difficoltà incontrate nell’appaltare i lavori211. Un altro evento si era aggiunto inoltre a procrastinare ulteriormente l’apertura dei cantieri: lo scioglimento dell’amministrazione socialista, scaturito fra le pieghe delle preoccupazioni suscitate dall’appoggio che il potere civico aveva fornito agli operai durante l’imponente sciopero dell’estate 1911212. Motivato da irregolarità finanziarie, il periodo di commissariamento disgregò una parte preponderante del lavoro compiuto nell’arco di un decennio, toccando soprattutto le municipalizzazioni, cardine delle velleità autonomistiche perseguite, nonché causa delle ingenti spese affrontate213. La riconferma dei socialisti alle successive elezioni amministrative del 1912 consentì finalmente di realizzare le case popolari, sebbene la concomitanza di fattori ricordata avesse vanificato del tutto lo sforzo compiuto per il celere compimento dell’iter imposto dalla legge214.

  • 215 La fiorente impresa di famiglia era legata alla lavorazione della canapa, ma la sua carriera pubbli (...)
  • 216 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 217 U. Soragni, Architettura e città dall’Ottocento al nuovo secolo: “Palladianisti” e ingegneri (1848- (...)
  • 218 R. Camurri, Riccardo Dalle Mole, cit., pp. 88-89.
  • 219 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 220 Ivi, verbali della giunta provinciale amministrativa di Vicenza, 11 gennaio 1908. La votazione in s (...)
  • 221 Ivi, relazione dell’ufficiale sanitario di Vicenza, 12 febbraio 1908.

40Al di là delle circostanze congiunturali che avevano penalizzato la pronta esecuzione del progetto, il contegno mantenuto dagli organi ministeriali nel caso dell’istanza del comune socialista di Piombino lasciava dunque trasparire l’esigenza di frenare innanzitutto la proliferazione di abusi, sino ad accantonare motivi di mera prevenzione ideologica. Tuttavia l’operato della Commissione reale non risultava completamente scevro di simili condizionamenti, come restituì l’apertura inconsueta, e quasi eccezionale, riservata al comune di Vicenza. A guidare quest’ultimo era il sindaco Giuseppe Roi, imprenditore che poteva fregiarsi del titolo marchionale, membro di una delle famiglie più in vista dell’establishment cittadino, espressione del blocco clericomoderato che egemonizzava la cultura politica locale215. Nella primavera 1907, la giunta municipale promosse la costruzione di case popolari, affinché «si provvedesse anche gradualmente con opportuni sventramenti alla demolizione dei tanti indecenti abituri»216. Lo squallore degli edifici malsani, «case degne dei bassi fondi napoletani», preoccupava da tempo le autorità civiche, committenti già nel 1874 di una schedatura delle condizioni igieniche che albergavano all’interno delle abitazioni217. Al coro di plauso che si levò intorno al progetto non si unì il radicale Riccardo Dalle Mole, contrariato dalle annotazioni del sindaco sull’inerzia dell’iniziativa privata. Tali commenti toccavano direttamente l’impegno sostenuto in veste di presidente della locale società di mutuo soccorso allo scopo di strutturare una sezione speciale per le case popolari, mai divenuta operativa a causa della mancanza di capitali, oltreché per il disinteresse di parecchi aderenti218. Come spiegava il sindaco nell’atto di presentare il piano tecnico-finanziario, non era stata perseguita «alcuna idea di speculazione», tanto che, a fronte di un capitale di impianto di lire trecentomila, il bilancio di esercizio si chiudeva con un disavanzo annuo di circa lire quindicimila, ben poca cosa in confronto ai vantaggi che ne sarebbero derivati219. La giunta provinciale amministrativa approvò le deliberazioni intraprese220, la cui necessità fu avvalorata ulteriormente da una relazione stilata dall’ufficiale sanitario del comune, al fine di attenuare l’impressione negativa che sarebbe derivata dalla constatazione del deficit221.

  • 222 Ivi, lettera del sindaco di Vicenza alla Commissione reale, 13 febbraio 1908, con allegato il docum (...)
  • 223 Ivi, Relazione al ministro, 29 febbraio 1908.
  • 224 Ivi, busta 3, fasc. 7, Verbali della Commissione, 1908, sedute del 21 e 28 marzo 1908.
  • 225 Ivi, busta 233, fasc. 2723, Vicenza, cit., Relazione al ministro, 17 aprile 1908.
  • 226 Ivi, verbali del Consiglio di Stato, Sezione I, Vicenza. Comune. Spesa per costruzione di case popo (...)
  • 227 «L’eccedenza oltre il limite legale della sovraimposta non è di ostacolo all’assunzione di pubblici (...)
  • 228 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 229 Ivi, busta 3, fasc. 7, cit., seduta del 23 maggio 1908.
  • 230 Ibid; ivi, busta 233, fasc. 2723, Vicenza, cit. Ernesto Melis, capo di divisione presso la Direzion (...)

41Il documento fu inoltrato alla Commissione reale, a cui giunse insieme a una memoria relativa al programma promosso222. La questione, illustrata da Magaldi, creava un certo imbarazzo, in quanto «per poter ritenere un servizio necessariamente oneroso pel comune [era] indispensabile che il servizio stesso [avesse] carattere di obbligatorietà», come aveva puntualizzato pure l’ufficio ministeriale223. Concordi dapprima per una sospensiva, i membri dell’autorevole consesso decisero di interpellare il Consiglio di Stato, come suggerì Pironti, ormai assurto alla guida della Direzione generale dell’amministrazione civile. A suo avviso, non solo la proposta era contraria allo spirito della legge e pertanto inammissibile, ma la situazione esorbitava pure dalle competenze della commissione stessa, tanto più che il caso non poteva essere considerato “isolatamente”, presupponendo una concomitanza di circostanze condivisa da tanti altri centri224. D’altronde, alla luce di quattro anni di esperienza, l’ufficio ministeriale affermava che una costante di tali domande poteva essere riconosciuta proprio nella «controversia circa l’ammissibilità di un concorso finanziario da parte del comune all’esercizio delle case popolari». Forse, come non si mancava di riconoscere, sarebbe stata opportuna un’interpretazione meno rigorosa dell’art. 18 della legge sulle case popolari, magari applicando criteri avveduti e moderni che permettessero di affrontare il problema nella sua complessità225. Il responso del Consiglio di Stato non risultò comunque ostile ai propositi sostenuti dall’amministrazione civica vicentina: «La sezione ritiene che non si possa contestare la pubblica utilità del servizio a cui la spesa in questione deve provvedere, e che la spesa pertanto [...] può essere validamente deliberata dal consiglio, qualora il comune non ecceda i limiti legali della sovrimposta»226. Sebbene questo non fosse il caso del comune di Vicenza, la Commissione reale stabilì infine di autorizzare l’iniziativa, appellandosi all’art. 29 della legge sulla municipalizzazione in grado di sciogliere l’incongruenza che si era creata a questo riguardo227. A indicare tale opportunità erano stati i funzionari dell’ufficio ministeriale, lasciando facoltà di scelta all’organo di competenza228. In realtà la definizione del parere era stata preceduta da un animato confronto, incline a rasentare il senso di una disquisizione capziosa. Se da una parte, come aveva rilevato Magaldi, il ricorso a tale articolo risolveva il «lato giuridico della quistione, il quale però nella fattispecie [aveva] minor valore del lato igienico-morale», dall’altra Pironti persisteva nell’analisi doviziosa delle disposizioni vigenti, pronto a votare contro la proposta229. A chiudere la discussione erano intervenute le perentorie asserzioni di Melis, rammentando che il comune avrebbe potuto eludere il controllo del Ministero tramite la gestione in economia, senza fornire così l’occasione di «sofisticare sulla migliore interpretazione della legge per soffocare all’ombra della medesima una iniziativa di cui tutti apprezz[avano] l’opportunità anzi la necessità»230.

  • 231 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 232 Comune di Vicenza, Bilanci di previsione per l’esercizio finanziario 1910 del Comune e delle Aziend (...)
  • 233 Ivi, fasc. 2723, Vicenza, cit., verbali del consiglio comunale di Vicenza, Conferma in seconda lett (...)
  • 234 Ivi, Relazione al ministro, s. g. febbraio 1911.
  • 235 U. Soragni, Architettura e città dall’Ottocento al nuovo secolo, cit., pp. 46-51.
  • 236 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 237 Il primo referendum si era svolto il 19 luglio 1908, con il conseguimento di 3.760 voti favorevoli (...)
  • 238 Sul clima della lotta politica nel Veneto bloccardo E. Franzina, La transizione dolce. Storie del V (...)
  • 239 AMCPS, Profilo storico della azienda municipalizzata case popolari e servizi di Vicenza, Centro ric (...)

42In seno alla Commissione reale si registrava dunque la coesistenza di elementi protesi all’innovazione sociale e posizioni tradizionaliste. A patrocinare la domanda del comune di Vicenza era stato soprattutto Magaldi, il quale, anche in virtù del ruolo istituzionale rivestito, tendeva a distinguersi quale paladino di più ampie vedute, forse nell’intento di allentare l’insostenibile pletora di lavoro nutrita dall’incessante osservanza di pretestuosi cavilli. Tuttavia l’apertura dimostrata era destinata a rimanere una concessione eccezionale, anziché prefigurare un precedente suscettibile di ulteriori applicazioni. Probabilmente su questa congiuntura propizia non avevano inciso tanto i reiterati appelli delle autorità civiche vicentine, quanto le rassicurazioni ideologiche che derivavano da una realtà non adombrata dal sospetto della sovversione231. La disciplinata prova sostenuta conferì comunque un’impostazione in grado di trascendere l’orientamento politico degli amministratori, come dimostrò qualche anno dopo la condotta della giunta bloccarda retta da Riccardo Dalle Mole in occasione delle procedure per l’ampliamento dell’azienda232. Nell’estate 1910, il comune promosse la costruzione di altre case, impegnando i terreni già acquistati in precedenza, dato che i cinquanta alloggi disponibili risultavano ormai insufficienti233. Il nuovo progetto comprendeva circa settecento locali, distribuiti in «un quartiere centrale e ventisei case isolate», sebbene la giunta provinciale amministrativa, auspice il favore del prefetto, avesse esternato diverse critiche, riconoscendo la «maggiore opportunità della costruzione di abitazioni isolate, anziché di un quartiere accentrato che porta[va] di conseguenza un agglomeramento di persone poco conveniente-dice[va] l’autorità tutoria-sotto ogni riguardo»234. In realtà, il completamento del quartiere di S. Bortolo, lungo la circonvallazione esterna alle mura, era destinato a rimanere uno dei più qualificati interventi urbanistici del primo Novecento vicentino, importante vettore della crescita cittadina235. In seguito alle osservazioni mosse dagli organi ministeriali per la revisione del bilancio, il comune apportò le rettifiche richieste, ottenendo l’autorizzazione nell’aprile 1911236. Nel mese di agosto si svolse nuovamente il referendum, come stabiliva la legge nei casi in cui si verificava un incremento al capitale di impianto in grado di modificare le basi finanziarie dell’azienda237. Se da una parte l’avvento dell’amministrazione di Dalle Mole aveva aperto una breccia nella roccaforte del moderatismo veneto, dall’altra lo slancio municipalista dimostrato dai diversi rappresentanti del potere civico tendeva a produrre risultati convergenti, pur nella differenza dei rispettivi postulati238. Forse la vaga identificazione politica acquisita alle origini contribuì alla sopravvivenza dell’istituzione, l’unica ancora attiva ai nostri giorni fra quelle promosse in età giolittiana239.

4.6 La gestione del servizio in economia

43Negli anni immediatamente successivi al 1903, l’applicazione degli strumenti legislativi non appariva aliena da incertezze e problematiche, pur nello sforzo di definire le regole di un nuovo ambito di confronto fra centro e periferia. Le esperienze ricordate nelle pagine precedenti attestavano le difficoltà generate dall’adempimento dell’iter per l’organizzazione dell’azienda speciale, obbligo verso cui tendeva a spingere il lavoro degli organi ministeriali. Sebbene tale procedura dovesse costituire la regola, non andava dimenticato che il dettato normativo aveva comunque previsto un’eccezione, con il riconoscimento della gestione in economia. Pertanto, in parallelo alle vicende analizzate, non mancò l’esempio di amministrazioni civiche intenzionate a condurre in economia il servizio delle case popolari, a dispetto dell’interpretazione conferita al combinato disposto risultante dall’impianto legislativo di riferimento. D’altronde, non sempre l’autorità tutoria respingeva le deliberazioni intraprese a questo riguardo, restituendo una pluralità di intenti considerata tendenzialmente fuorviante da coloro che erano impegnati a garantire l’osservanza della legge. Non si trattava solo di mera carenza di zelo o scarsa capacità di comprendere le direttive ministeriali, ma agiva talora l’obiettivo di valutare sinceramente l’incidenza dei due requisiti su cui era fondata la facoltà dell’esercizio in economia: il carattere non prevalentemente industriale e la tenue importanza del servizio. Se da una parte la Commissione reale escludeva la possibilità di annoverare l’attività edilizia fra i settori in coincidenza con il primo punto, dall’altra la rilevanza dell’iniziativa presupponeva invece un dato variabile, all’interno di un complesso in cui il caso di Castelfranco dell’Emilia non rappresentava certo una vicenda sui generis. Di fatto la volontà di tramutarne l’esempio in un assunto normativo fu perseguita tenacemente dagli organi ministeriali, come dimostrarono le indicazioni impartite al comune di Fermignano già all’indomani del parere con cui il Consiglio di Stato aveva posto termine alla controversia sull’opportunità della gestione in economia.

  • 240 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 241 Ivi, verbali del consiglio comunale di Fermignano, Costruzione di case popolari. Provvedimenti e la (...)
  • 242 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 243 Ivi, verbali del consiglio comunale di Fermignano, Progetto di sistemazione della piazza Garibaldi (...)
  • 244 Ivi, lettera della Direzione generale della Cassa depositi e prestiti al Ministero dell’Interno, As (...)
  • 245 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, alla Di (...)
  • 246 Ivi, lettere della Direzione generale della Cassa depositi e prestiti al Ministero dell’Interno, As (...)

44Sin dall’autunno 1904, l’amministrazione civica di questo centro della provincia pesarese aveva scritto ai ministeri dei Lavori pubblici e dell’Interno al fine di ricevere informazioni sui servizi che potevano essere svolti in economia e sulle modalità per procedere alla compilazione dei relativi regolamenti240. Sul principio del secolo era stata infatti stabilita l’esecuzione di alcuni lavori per il miglioramento della piazza Garibaldi, fra cui la realizzazione di case popolari241. Dopo aver incaricato il prefetto di Pesaro e Urbino di riferire al comune che il regolamento doveva essere deliberato dal consiglio comunale, l’ufficio ministeriale volle ragguagli sul modo in cui il comune di Fermignano intendeva organizzare il servizio delle case popolari. Nonostante la richiesta venisse inoltrata nel marzo 1905, il prefetto rispose a distanza di oltre un anno e mezzo, per altro in seguito a diversi solleciti, spiegando, quasi non curante del ritardo, che il progetto verteva innanzitutto su opere di carattere igienico e pertanto la corrispondenza era stata intrattenuta con la Direzione generale della sanità242. Quest’ultima era stata anche interessata al fine di ottenere un mutuo, ma la disponibilità dichiarata avrebbe coperto solo l’importo relativo alle spese igieniche, cosicché le autorità civiche avevano domandato alla Cassa depositi e prestiti la somma occorrente per la «costruenda casa» da gestire in economia243. In effetti, qualche settimana dopo, la Direzione generale della cassa rese noto agli organi ministeriali che era stato concesso al comune di Fermignano un mutuo di lire venticinquemila «per la sistemazione della piazza Garibaldi, con l’acquisto di una casa da demolirsi, nonché per la costruzione di case popolari». Come si affermava nella missiva, non era parso necessario il parere della Commissione reale, dato che il consiglio comunale aveva deliberato la gestione del servizio in economia244. A quel punto, non solo fu precisato che in simili frangenti doveva essere interpellato tale consesso, ma alla lettera fu persino allegata una copia dell’atto emesso dal Consiglio di Stato in occasione del ricorso presentato dal comune di Castelfranco dell’Emilia, allo scopo di dimostrare che, «come principio di massima», la costruzione di case popolari andava affidata all’apposita azienda245. La Direzione generale della cassa non esitò a controbattere che i riferimenti indicati non potevano certo assurgere alla funzione di norma assoluta per tutti i comuni, riguardando semplicemente le peculiarità di un caso specifico. Tuttavia, alla luce della normativa vigente, la Cassa depositi e prestiti comunicò che, «pur non convenendo perfettamente nell’avviso di codesto onorevole Ministero, si [sarebbe uniformata] all’interpretazione da esso data alla legge»246.

  • 247 Ivi, lettera del prefetto di Pesaro e Urbino al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubb (...)
  • 248 Ivi, la missiva era datata 16 maggio 1907.
  • 249 Ivi, Relazione al ministro, 22 giugno 1907.
  • 250 Ivi, allegato al verbale della seduta della Commissione reale dell’8 luglio 1907.
  • 251 Ivi, busta 3, fasc. 6, cit., seduta dell’8 luglio 1907.
  • 252 Ivi, busta 175, fasc. 2027, Fermignano, cit.
  • 253 Ivi, lettera di Angelo Battelli a Luigi Facta, 24 giugno 1907.

45Nel maggio 1907 pervenne una relazione del comune finalizzata a evitare l’impianto dell’azienda, le cui conclusioni erano condivise anche dal prefetto, trattandosi di un programma dalla limitata importanza247. Come attestava la copia di una lettera del sindaco, il comune insisteva sul fatto di aver agito sulla scorta di atti regolarmente approvati, cosicché attenersi ora alla procedura per l’azienda speciale sembrava invalidare quanto avallato dall’autorità tutoria. Inoltre la realizzazione del progetto per la sistemazione della piazza aveva comportato la demolizione di una casa a ridosso dell’edificio scolastico, provvedimento che aveva indotto a erigerne un’altra, essendo il bisogno di abitazioni largamente avvertito. Questa nuova costruzione era stata chiamata operaia per lo più in omaggio a coloro che sicuramente ne avrebbero occupato gli spazi, in quanto la popolazione locale era composta essenzialmente da soggetti appartenenti a tale condizione. Adiacente al sontuoso edificio scolastico, lo stabile era stato integrato dall’aggiunta di portici, scevro dunque di una connotazione schiettamente popolare. Pertanto, secondo il sindaco, l’intervento promosso si configurava quale opera di abbellimento, anziché di servizio pubblico delle case popolari, senza rendere opportuna la creazione di un apposito ente248. I funzionari del servizio municipalizzazioni proposero alla Commissione reale di fare un’eccezione «per la specialità delle circostanze esposte», tanto più che a risultare urgente era l’erogazione del mutuo da parte della Cassa depositi e prestiti, di cui il comune necessitava per estinguere gli obblighi contratti con l’assuntore dei lavori249. Diversamente, il Ministero avrebbe dovuto promuovere l’annullamento degli atti, eventualità aborrita dal relatore Raimoldi, ormai prossimo a concludere il suo mandato di direttore generale dell’amministrazione civile, il quale accolse pienamente le considerazioni esposte dall’ufficio ministeriale250. La proposta ottenne il consenso dei presenti, pur non senza qualche perplessità, nel timore che la scelta di non ostacolare l’operato del comune di Fermignano finisse per «pregiudicare il principio di massima già affermato sulla obbligatorietà della procedura normale da seguirsi in tema di case popolari»251. La commissione aveva optato così per quella «sanatoria dell’irregolare procedimento seguito» auspicata da Raimoldi in un appunto per il sottosegretario252. Quest’ultimo, al tempo Luigi Facta, aveva comunque ricevuto, negli stessi giorni, sollecitazioni in tal senso da Angelo Battelli, deputato del collegio di Urbino253.

  • 254 Ivi, busta 119, fasc. 1551, San Felice sul Panaro, case popolari, 1907-1922, lettera del sindaco di (...)
  • 255 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 256 Ivi, lettera del prefetto di Modena al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici serv (...)
  • 257 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 258 Sulla sua figura M. Degl’Innocenti, La lotta politica e sociale nella Bassa modenese tra ’800 e’900 (...)
  • 259 Verbali del consiglio comunale di San Felice sul Panaro, Progetto e piano finanziario per le case p (...)

46Nel solco dei canoni di interpretazione legislativa elaborati dagli ambienti ministeriali, la gestione in economia non andava dunque contemplata per il servizio delle case popolari, senza neppure prevedere quell’eccezione che pure era ammessa dalla normativa. Pertanto la possibilità di impedire la proliferazione di irregolari applicazioni dipendeva strettamente dai prefetti, ai quali era stato delegato il compito di vigilare sull’organizzazione dei programmi. Tuttavia, non di rado, il Ministero dell’Interno apprese le intenzioni maturate dai comuni attraverso altre modalità, benché talora a fornire notizie fossero gli stessi interessati. Nel novembre 1907, analogamente alla scelta compiuta dal comune di Fermignano, anche le autorità civiche di San Felice sul Panaro, piccolo centro in provincia di Modena, si rivolsero direttamente agli uffici ministeriali nell’intento di ottenere informazioni, ignare del ginepraio burocratico in cui sarebbe scivolata l’iniziativa254. Come accadde sempre in tali circostanze, il Ministero scrisse al prefetto, anziché rispondere apertamente all’istanza dell’amministrazione civica, rispettando la griglia gerarchica su cui era imperniato il centralismo statale. In assenza di riscontri sull’assunzione del servizio, si precisò semplicemente che la municipalizzazione doveva avvenire in conformità alle prescrizioni legislative, ritenendo prematura la preparazione del regolamento, di cui il comune aveva chiesto di ottenere uno schema255. Come spiegò il prefetto, la necessità di assumere il servizio tramite azienda speciale era stata già puntualizzata qualche mese prima, nell’ambito di uno scambio di missive intrattenuto con le autorità civiche256. Sebbene sembrasse ancora possibile introdurre le opportune rettifiche, la situazione risultava complicata dal fatto che nel frattempo la giunta provinciale amministrativa aveva approvato le deliberazioni consiliari per la gestione in economia, convinta che ciò fosse possibile ai sensi dell’art. 16 della legge sulla municipalizzazione. Il comune aveva pertanto intrapreso i lavori, oltreché contratto un mutuo di lire cinquantaduemila con la Cassa di Risparmio di Modena257. In effetti la costruzione delle case era stata stabilita dal consiglio comunale nell’estate 1906, nel corso di alcune sedute in cui il progetto era stato strenuamente difeso dal prosindaco, il socialista Giacomo Ferri, personaggio incontrato nelle righe precedenti quale patrocinatore dei propositi sostenuti dal comune di Castelfranco dell’Emilia258. I consiglieri estranei alla maggioranza socialista avevano criticato specialmente i contenuti di ordine finanziario, sferrando un attacco preciso all’intenzione di assicurare un contributo annuo mediante l’uso di proventi dell’erario comunale. Al contempo non erano mancate voci pronte a contestare il principio stesso della municipalizzazione259, soprattutto da parte di Emilio Tosatti, esponente clericale, fondatore della banca popolare cittadina, che era stato pure fra i promotori delle case costruite dalla locale società operaia.

  • 260 Ivi, Gestione ed azienda speciale per le case popolari, seduta del 1 ° marzo 1908; ivi, minuta di l (...)
  • 261 Ivi, lettera del prefetto di Modena al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici serv (...)
  • 262 Cfr. ivi, verbali del consiglio comunale di San Felice sul Panaro, Provvedimenti per le case popola (...)
  • 263 Ivi, lettera del prefetto di Modena al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici serv (...)
  • 264 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 265 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 266 Ivi, verbali del consiglio comunale di San Felice sul Panaro, Provvedimenti per le case popolari, s (...)
  • 267 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)

47In rispondenza alle prescrizioni ministeriali, il consiglio comunale deliberò nel marzo 1908 la costituzione dell’azienda speciale, ma il provvedimento fu respinto, non essendo stata garantita la presenza di almeno due terzi dei consiglieri come prescriveva la legge260. Il prefetto inviò allora gli atti emanati quasi due anni prima e, alla luce degli elementi in essi contenuti, il Ministero comunicò che la scarsa rilevanza riscontrata permetteva la gestione del servizio in economia, pur senza ammettere oneri a carico del bilancio comunale261. Nonostante l’esortazione a rivedere il piano di esercizio, il consiglio comunale decise di non apportare variazioni, siccome il concorso finanziario era stato previsto «per ragioni di necessità pubblica, di igiene e di beneficenza»262. In effetti anche il prefetto suggerì di valutare se fosse davvero il caso di impedire al comune una simile elargizione, dimostrando una certa lungimiranza, ben oltre la miope aderenza al testo legislativo in cui tendevano a trincerarsi gli organi ministeriali263. I commenti del prefetto indussero il Ministero ad accantonare le conclusioni perentorie preannunciate, con la decisione di assumere informazioni sullo stato patrimoniale del comune al fine di chiarire l’opportunità del concorso annuo previsto264. Sebbene tali ragguagli venissero richiesti nel settembre 1908, i documenti furono inoltrati solo nel febbraio successivo, lasciando adito al dubbio che l’amministrazione civica avesse tentato volutamente di tergiversare, malgrado alcune istanze di sollecito265. Nel frattempo i lavori erano stati infatti portati avanti, realizzando in estate le prime due case, nell’avallo dell’autorizzazione concessa a suo tempo dalla giunta provinciale amministrativa. Come traspariva da alcune asserzioni pronunciate da Ferri in consiglio comunale, si mirava a porre il Ministero dinanzi al fatto compiuto, secondo l’obiettivo di mantenere la gestione in economia, insieme al contributo indicato nel piano finanziario, altrimenti le pigioni avrebbero raggiunto un importo «eccedente la potenzialità economica dei nostri operai, artigiani e braccianti»266. La linea perseguita non aveva dunque subito variazioni, ignorando i provvedimenti definiti proprio in quel periodo dagli organi ministeriali in materia di assunzione dei pubblici servizi267. Come precisato dalla circolare 10 marzo 1909, i comuni che eccedevano il limite legale della sovraimposta non potevano condurre in economia servizi correlati a spese di carattere facoltativo:

  • 268 Municipalizzazione dei pubblici servizi (circolare 10 marzo 1909-n. 15800-13 57653), in «Bollettino (...)

«Avviene spesso che, secondati dalle prefetture, i comuni impiantino servizi pubblici di grande importanza ed aventi carattere prevalentemente industriale che intendono gestire direttamente, in base alla semplice autorizzazione loro concessa dalla giunta provinciale amministrativa [...]. I danni di un tale procedimento si intuiscono facilmente quando si pensi che, impiantato il servizio ed erogate le spese relative, non resta più alla Commissione reale e agli elettori del comune la possibilità di giudicare liberamente della convenienza economica e finanziaria dell’assunzione diretta del servizio [...]. Uopo è adunque che le prefetture invigilino d’ora innanzi più attentamente di quel che hanno fatto in passato»268.

  • 269 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)

48Sebbene il quadro descritto riflettesse circostanze analoghe a quelle di cui era costellata la vicenda di San Felice sul Panaro, comune che superava il limite legale della sovraimposta, il provvedimento era stato sollecitato dal progetto del comune di Vicenza relativo all’impianto di uno stabilimento per bagno e nuoto pubblico269. D’altronde le imprecisioni rimproverate dal Ministero ai rappresentanti dell’autorità tutoria non configuravano certo un’eccezione.

  • 270 Ivi, busta 119, fasc. 1551, San Felice sul Panaro, cit., Relazione al ministro, 2 settembre 1909.
  • 271 Ivi, busta 3, fasc. 8, Verbali della Commissione, 1909, seduta del 23 ottobre 1909. Nel primo dopog (...)

49L’ostinazione delle autorità civiche di San Felice sul Panaro provocò il parere della Commissione reale, in quanto le condizioni per nulla floride del bilancio non consentivano di ammettere lo svolgimento del servizio in conformità all’art. 16 della normativa sulla municipalizzazione. Secondo l’ufficio ministeriale, risultava «ormai inconfutabile che l’espressione tenue importanza dalla legge usata in quell’articolo [dovesse] intendersi con criteri di relatività, ponendo cioè a raffronto l’entità del servizio da municipalizzare con l’estensione ed importanza del comune, con la quantità della popolazione e con la potenzialità del bilancio». In considerazione di tali elementi, l’iniziativa promossa non appariva di tenue importanza, oltre al fatto che la gestione in economia non poteva essere giustificata neppure dal carattere non prevalentemente industriale: la Commissione reale riteneva la predominanza di tratti industriali precipua alla natura stessa del servizio delle case popolari270. Nella consueta tolleranza dimostrata, il relatore Magaldi specificò che non solo si trattava di un «fatto semi-compiuto», ma la legge non conteneva alcuna sanzione che permettesse di sbaragliare la linea di insistenza su cui si era attestata l’amministrazione civica. La scelta di non formulare un netto rifiuto indusse alcuni commissari ad accogliere le motivazioni sostenute dal comune, stemperando le rigide asserzioni di cui era intrisa la relazione del Ministero, tanto che, «in via affatto eccezionale», si stabilì di permettere al comune di San Felice sul Panaro la gestione in economia delle case popolari271.

50Sebbene la pratica si chiudesse con quell’epilogo di obbligata rassegnazione deprecato dal Ministero, la circolare diramata nel marzo 1909 condensava comunque gli estremi di un formidabile escamotage al fine di contenere il dilagare delle gestioni in economia. Le condizioni di indebitamento in cui versavano tendenzialmente le finanze municipali non erano affatto un mistero, tanto meno per la Direzione generale dell’amministrazione civile che ne deteneva la tutela. Oltretutto non si deve dimenticare che il provvedimento, pur sembrando calibrato ad hoc per il settore delle case popolari, imponeva severi limiti anche ad altri ambiti di attività in cui la prospettiva della municipalizzazione era ancora in grado di sollevare non poche riserve. La linea codificata decretava così la fine di concessioni affini a quella riservata neanche un anno prima al piano per l’edilizia popolare varato dall’amministrazione civica di Vicenza.

  • 272 Ivi, busta 85, fasc. 1054, Mele, case popolari, 1907-1913, lettera della Direzione generale della C (...)
  • 273 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 274 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 275 Ivi, verbali del consiglio comunale di Mele, Progetto di una casa popolare comunale in via Capitan (...)
  • 276 Ivi, Municipio di Mele, Progetto di massima tecnico e finanziario per la costruzione di case popola (...)
  • 277 Cfr. ivi, lettera del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici (...)
  • 278 Ivi, Relazione al ministro, s. g. luglio 1908; ivi, allegato n. 1 al verbale della seduta della Com (...)
  • 279 Ivi, allegato n. 2 al verbale della seduta della Commissione reale del 31 ottobre 1908.
  • 280 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al prefe (...)
  • 281 Ivi, verbali del consiglio comunale di Mele, Osservazioni della Commissione reale pel credito comun (...)

51La scelta di mantenere un atteggiamento poco remissivo non fu sempre coronata dal successo per le amministrazioni civiche, persino ancor prima che la circolare 10 marzo 1909 intervenisse a precludere la possibilità di forzare l’esito dell’istanza presentata. Nel caso di Mele, borgo manifatturiero dell’Appennino ligure, non si trattò tuttavia di un’intenzionale pertinacia, ma la vicenda finì per essere complicata da una concomitanza di fattori diversi, fra cui innanzitutto la scarsa capacità di intendere le disposizioni legislative. Nel novembre 1907, l’ufficio per la municipalizzazione apprese che il comune di Mele aveva chiesto un mutuo di lire trentamila per la costruzione di una casa popolare272. Memore del richiamo subito alcuni mesi prima per aver accolto la domanda del comune di Fermignano senza accertarne la regolarità, la Direzione generale della Cassa depositi e prestiti aveva infatti informato gli organi competenti. A loro volta, questi ultimi contattarono il prefetto di Genova, indicando la necessità dell’azienda speciale273. Convinto che la gestione in economia non potesse essere ammessa per il fatto di voler ottenere il mutuo dalla Cassa depositi e prestiti, il consiglio comunale decise di rivolgersi all’Istituto delle Opere pie di San Paolo di Torino, ma dopo i chiarimenti forniti dal prefetto fu stabilita la costituzione dell’azienda, approvata in prima lettura nel marzo dell’anno successivo274. In quella circostanza il sindaco Giuseppe Manitto spiegò che persistere nelle decisioni precedenti avrebbe solo sortito l’effetto di procrastinare i tempi di esecuzione del progetto, esortando l’assemblea ad approvare unanime i provvedimenti conformi alle direttive ministeriali275. La penuria di case permaneva quale causa delle malattie a cui si doveva l’affollamento degli ospedali, oltreché motivo di esodo, in quanto nel territorio del comune esistevano più di quaranta opifici, ma buona parte degli operai era costretta ad abitare nei centri limitrofi276. L’urgenza segnalata sollecitò il parere della Commissione reale, formulato nell’ottobre 1908, benché l’ufficio si fosse già pronunciato in estate277. Il relatore Magaldi si associò alle conclusioni esposte nella relazione, condividendo i dubbi riguardanti il piano di esercizio, destinato a chiudersi in perdita, pur non essendo stati previsti stanziamenti per far fronte alle imposte inizialmente esentate278. La Commissione reale stabilì pertanto di richiedere un completamento dell’istruttoria affinché il comune modificasse il bilancio secondo le spiegazioni fornite nella relazione dell’ufficio ministeriale, di cui infatti fu trasmesso un estratto279. Tuttavia il consiglio comunale deliberò in merito alle osservazioni mosse dalla Commissione reale senza accoglierne i contenuti, oggetto anche di vivaci polemiche: «Dal 1905 si mena e rimena la pratica delle case popolari in modo da stufare anche la pazienza di Giobbe. Se non si vogliono le case popolari in Mele lo si dica chiaramente»280. Come reputava la maggioranza, se ancora una volta non fosse stato possibile concretizzare tale programma, sarebbe stato meglio il suo abbandono. Un profondo scetticismo circondava ormai il progetto delle case popolari che, a detta di qualcuno, «dopo aver dormito alcuni mesi a Palazzo Spinola, [sarebbe andato] a riposare altri otto mesi a Roma al Ministero dell’Interno»281.

  • 282 Ivi, Relazione al ministro, 17 novembre 1909; ivi, allegati al verbale della seduta della Commissio (...)
  • 283 Ivi, lettera del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici serv (...)
  • 284 Ivi, appunto ms. risalente al febbraio 1912.
  • 285 Cfr. ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al (...)

52Nel novembre 1909 la pratica fu respinta, come propose Magaldi in linea con l’opinione dell’ufficio ministeriale, secondo cui il progetto presentato era «inammissibile, [...] una ingenuità». Il bilancio risultava alquanto lacunoso, senza includere somme per provvedere all’onere futuro delle imposte e alle spese di manutenzione, né tanto meno al deperimento dei caseggiati, dato che il consiglio comunale era convinto che «le case in Liguria dura [ssero] centinaia di anni [...], affermazione quanto esagerata altrettanto gratuita»282. In effetti non sembrava prevalere l’obiettivo di eludere gli obblighi di legge, bensì una scarsa comprensione dell’articolato complesso di regole che scaturiva dalla normativa vigente. Nell’incompetenza riscontrata risiedeva indubbiamente la debolezza della vicenda, al punto che due anni dopo l’amministrazione civica finì per compiere l’avventata leggerezza di ripresentare il medesimo progetto, con la sola variante della gestione in economia283. L’imprudenza non sfuggì certo agli organi ministeriali284, ma il comune non ravvisò in seguito l’opportunità di attuare il programma, forse prostrato definitivamente dalla vana fatica di combattere contro l’inespugnabile barriera della burocrazia285. La tormentata prova sostenuta dal municipio di Mele rifletteva emblematicamente lo iato che separava le modeste comunità di provincia dagli ambienti aulici dell’amministrazione italiana, o meglio i bisogni locali dalle elucubrazioni giuridiche degli organi di competenza. Ben lungi dal tradire una disinteressata superficialità, la sconcertante sprovvedutezza emersa attestava le problematiche in cui si imbattevano talora i centri dalle minori risorse. Accanto alle indicazioni impartite tramite i prefetti, ricorreva infatti l’invio di documenti oltremodo criptici agli occhi di amministratori già disorientati dalla macchinosa ridondanza della normativa, come pareri della Commissione reale corredati di lapidari riferimenti legislativi, oppure stralci delle relazioni preparate dall’ufficio ministeriale che sfoggiavano una sapiente padronanza delle scienze finanziarie. L’incomunicabilità fra centro e periferia da cui non era aliena l’esperienza della municipalizzazione cristallizzava dunque ricadute intrinseche alla dicotomia fra paese reale e paese legale.

  • 286 Organizzatore della sezione socialista locale, Canepa fu ancora sindaco nel primo dopoguerra. Compì (...)
  • 287 Il prefetto che seguì le pratiche dei comuni di Mele e Sestri Ponente fu Camillo Eugenio Garroni Ca (...)
  • 288 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 289 Ivi, Regolamento per la gestione delle case popolari, seduta dell’11 maggio 1909.
  • 290 Ivi, copia di lettera del sindaco di Sestri Ponente al prefetto di Genova, 22 luglio 1909.
  • 291 Ivi, verbali della giunta provinciale amministrativa di Genova, seduta del 19 settembre 1907.

53A ricalcare l’incipit della vicenda appena ricordata fu un altro comune del circondario genovese, Sestri Ponente. Nel luglio 1909, quasi alla vigilia del parere con cui la Commissione reale respinse l’iniziativa promossa a Mele, il prefetto rese noto al Ministero dell’Interno il piano edilizio elaborato in quella località. Sin dalla primavera 1907, l’amministrazione civica di Sestri Ponente, guidata dal sindaco Carlo Canepa, ingegnere di fede socialista, aveva deliberato di costruire undici caseggiati popolari per una somma complessiva di lire settecentomila da reperire tramite un mutuo286. Le aste per l’appalto erano andate deserte e il municipio aveva stabilito di affidare alla Società anonima cooperativa fra lavoranti muratori e affini di Sampierdarena l’edificazione di soli quattro edifici per un totale di ottanta alloggi. Il prefetto aveva fatto notare che non solo mancava la stipula del mutuo per sostenere la spesa, ma l’iniziativa non risultava conforme alle disposizioni vigenti287. Il sindaco si era appellato alla possibilità di assumere il servizio in economia288, cosicché nel maggio 1909 il consiglio comunale aveva approvato il regolamento di gestione delle case popolari senza ulteriori specifiche, provocando i richiami del prefetto affinché «la pratica fosse regolarizzata»289. D’altronde nessuna clausola vietava ai comuni di possedere fabbricati, «né il semplice fatto che le case si chiam[assero] più particolarmente “case popolari” [poteva] mutare la sostanza delle cose»290. A detta del sindaco, sarebbe stato pertanto sufficiente attenersi all’art. 16 della legge sulla municipalizzazione, la cui procedura era stata già espletata, compreso il parere favorevole della giunta provinciale amministrativa291.

  • 292 Ivi, minuta di telegramma del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al pr (...)
  • 293 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al prefe (...)
  • 294 Ivi, copia di lettera del sindaco di Sestri Ponente al prefetto di Genova, 14 settembre 1909, inolt (...)
  • 295 C. Pavese, Gli assetti proprietari e istituzionali, in V. Castronovo (a cura di), Storia dell’Ansal (...)
  • 296 G. Favretto, Una città mancata. Crescita urbana e trasformazioni del territorio, in Immagini e spaz (...)
  • 297 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)

54Ormai esperto conoscitore della materia in seguito all’esperienza maturata con il tortuoso precedente di Mele, il prefetto si era affrettato a interpellare l’ufficio ministeriale, preoccupato innanzitutto di verificare se il comune di Sestri Ponente eccedesse il limite legale della sovraimposta292. Gli organi di competenza richiesero ovviamente l’azienda speciale293, mentre il sindaco nel settembre 1909 replicò di non essersi mai sottratto agli obblighi di legge, richiedendo di evitare i «formalismi procedurali», dato che le case erano già costruite e affittate. Il sindaco attaccava inoltre i funzionari ministeriali per aver ritenuto che si trattasse di un centro di scarso rilievo per altro dalle magre risorse, quasi un’onta per l’orgoglio cittadino294. Contiguo alla realtà di Sampierdarena, tale contesto era perfettamente integrato nella conurbazione industriale che preludeva all’avvento della “Grande Genova”, ormai caratterizzato dalla compiuta fisionomia di centro operoso, sede di importanti stabilimenti fra cui primeggiavano i cantieri aperti nel 1886 dall’Ansaldo295. Nell’arco di un ventennio la popolazione si era triplicata rispetto agli indici registrati all’indomani dell’unificazione nazionale, innescando trasformazioni a cui intendeva rispondere l’iniziativa promossa296. Ancora una volta, la posizione del potere centrale lasciava trasparire riflessioni avulse dall’effettiva conoscenza delle condizioni locali e del relativo sostrato di problematiche. L’incremento demografico sollecitato dalla presenza delle fabbriche aveva inevitabilmente prodotto un’accentuata richiesta di abitazioni economiche, tanto che, come spiegava il sindaco, «gli alloggi andarono a ruba». Qualora fosse stata respinta la richiesta per mantenere la gestione in economia, il comune avrebbe preferito avvalersi di un istituto autonomo, piuttosto che procedere alla costituzione dell’azienda speciale297. A incidere su tale atteggiamento non era tanto una pretestuosa reticenza, quanto l’urgente necessità di provvedere al bisogno di case, scandita da tempi che difficilmente coincidevano con quelli richiesti dall’espletamento della procedura introdotta dalla legge.

  • 298 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al prefe (...)
  • 299 Ivi, Relazione al ministro, 3 marzo 1910; ivi, Comune di Sestri Ponente, Case popolari municipali a (...)
  • 300 Ivi, allegato D al verbale della seduta della Commissione reale del 18 aprile 1910.
  • 301 Crespo era stato eletto con il rinnovo delle cariche, R.D. che nomina la Commissione reale pel cred (...)
  • 302 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 303 Ivi, busta 86, fasc. 1090, Sestri Ponente, cit., verbali del consiglio comunale di Sestri Ponente, (...)

55Nonostante le reiterate istanze del Ministero per ricevere ragguagli sulla situazione finanziaria, il comune si rivolse al prefetto per essere autorizzato a eseguire un secondo lotto di quattro caseggiati, anziché evadere le richieste ministeriali298. La riluttanza dimostrata indusse a sottoporre la pratica alla Commissione reale, nel tentativo di porre termine alle rimostranze del sindaco299. Come già accennato, secondo gli organi di competenza il carattere industriale era intrinseco alla natura stessa delle case popolari, demandando dunque alla rilevanza del servizio la discriminante per stabilirne la forma di gestione, altrimenti non si sarebbero mai avute assunzioni tramite azienda speciale300. Durante la discussione, Felice Crespo, funzionario del Ministero del Tesoro, richiese però un confronto fra le spese comportate dalla gestione in economia attuata dal comune e quelle che si sarebbero verificate con i cambiamenti richiesti301. In effetti il relatore Magaldi si trovò ad ammettere che l’amministrazione civica non sosteneva al momento esborso alcuno, mentre senza dubbio l’impianto dell’azienda non sarebbe stato gratuito. Pur convinto che fosse opportuno valutare anche tali conseguenze, Crespo preferì comunque non insistere in tal senso, unendosi agli altri membri nel respingere la conduzione del servizio in economia302. Così, nel settembre 1910, il comune di Sestri Ponente fu costretto a deliberare la creazione dell’azienda, siccome non era stato neppure possibile fondare l’ente autonomo precedentemente vagheggiato303.

  • 304 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al prefe (...)
  • 305 Cfr. ivi, copie delle lettere dell’Ufficio del genio civile di Genova al prefetto di Genova, 18 mar (...)
  • 306 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al prefe (...)
  • 307 Ivi, lettere del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici serv (...)
  • 308 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al prefe (...)
  • 309 Ivi, lettera del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici serv (...)
  • 310 Ivi, allegati C e D al verbale della seduta della Commissione reale del 7 aprile 1913; ivi, busta 3 (...)
  • 311 Ivi, busta 86, fasc. 1090, Sestri Ponente, cit., lettera del prefetto di Genova al Ministero dell’I (...)
  • 312 Fotografie storiche dei caseggiati in Immagini e spazi urbani, cit., p. 80.
  • 313 Le sue competenze furono all’origine del piano regolatore predisposto nel 1920, non attuato per il (...)

56In seguito al diniego della Commissione reale, gli organi ministeriali cercarono di svolgere tramite il prefetto una costante vigilanza, nel timore che le autorità civiche non provvedessero ad adempiere le prescrizioni impartite304. In realtà, i tempi dell’istruttoria furono diluiti dalle modifiche richieste dall’Ufficio del genio civile, senza permettere al comune di inoltrare subito i documenti305. Come accadde solitamente in analoghe circostanze, i funzionari del servizio municipalizzazioni inviarono ricorrenti missive, la cui cadenza, per altro incline a intensificarsi in seguito a un mancato riscontro, tendeva a tradire non tanto l’ansia fomentata dalla prospettiva di illeciti sviluppi, quanto piuttosto la volontà di esercitare una certa pressione, quasi un monito votato a segnalare che il livello di guardia non era affatto scemato306. L’intera annata 1911 fu occupata dal completamento delle carte, benché tale operazione sembrasse protrarsi più del necessario. Tuttavia, quando nel marzo dell’anno successivo il prefetto poté finalmente comunicare che gli atti erano compiuti, il Ministero iniziò a esigere spiegazioni rispetto ad alcuni stanziamenti fissati nel bilancio di esercizio307. Non pago delle informazioni ricevute, l’ufficio ministeriale richiese nel mese di dicembre alcune verifiche sull’importo delle pigioni pagate solitamente nel comune dalle famiglie meno agiate, non reputando attendibili le cifre riferite dal sindaco308. Quest’ultimo aveva indicato canoni mensili di lire sei per vano, attenendosi ai medesimi prezzi per le case popolari municipali, onde evitare un’ingiusta sperequazione che avrebbe potuto ripercuotersi negativamente sull’andamento delle locazioni. Sebbene l’entità apparisse contenuta, la notizia fu confermata «dalle riservate indagini esperite per mezzo della delegazione di pubblica sicurezza»309. Forse la diffidenza manifestata non si doveva unicamente alla militanza politica di Canepa, in quanto a sobillare la morsa del sospetto interveniva senza dubbio l’eco della condotta poco condiscendente a lungo mantenuta. Se da una parte non si trattava di mero pregiudizio ideologico, dall’altra era innegabile come l’intransigenza osservata avesse contribuito a determinare quasi un biennio di stasi. Il piano tecnico-finanziario per la costituzione dell’azienda speciale giunse infatti all’esame dell’apposito consesso nella primavera 1913, oltre due anni e mezzo dopo dalle deliberazioni varate dal comune a questo riguardo. La lunga attesa non era stata comunque vana: il programma definito ottenne il consenso unanime della Commissione reale310. In occasione della ratifica referendaria, l’iniziativa conseguì un’eclatante vittoria, registrando millenove voti favorevoli, contro solo centosessanta contrari311. La cittadinanza di Sestri Ponente doveva solamente alla tenacia e all’intraprendenza delle autorità civiche la realizzazione del progetto, oltreché i primi edifici, resi disponibili nonostante la contrarietà degli organi ministeriali312. Artefice di tale esito era essenzialmente un personaggio quale Canepa, la cui abile regia aveva impedito che i propositi espressi naufragassero nell’onda dell’inflessibile burocrazia centrale313.

  • 314 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 315 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 316 Ivi, lettera del prefetto di Firenze al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici ser (...)
  • 317 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 318 M. Caciagli, La lotta politica in Valdelsa dal 1892 al 1915, Società storica della Valdelsa, Castel (...)
  • 319 F. Nucci, D. Pellegrinotti, La miglior genia. Storia del Novecento in una cittadina toscana: Campi (...)
  • 320 Verbali del consiglio comunale di Campi Bisenzio, Case popolari. Relazione finanziaria, seduta del (...)
  • 321 F. Nucci, D. Pellegrinotti, La miglior genia, cit., p. 120.
  • 322 La cooperativa costruì alcuni caseggiati nel 1911, ivi, pp. 127-129.

57La vicenda di Sestri Ponente attestava in maniera alquanto emblematica le lungaggini che potevano scaturire dalle complicanze di cui era suscettibile l’osservanza del solenne procedimento, insieme all’esiguo margine in cui era stata relegata la diffusione delle gestioni in economia. A intralciare l’espletamento delle pratiche si aggiungeva talora la condotta stessa del potere civico, stretta in un amalgama di suggestioni in cui convergevano motivi derivati dall’incapacità di comprendere appieno le richieste ministeriali, nonchè dall’intento di schivare il controllo dell’autorità tutoria. Qualsiasi ne fossero le cause, l’opzione del temporeggiamento si rivelò in genere una strategia controproducente, in quanto vi furono pure amministratori che non riuscirono a concretizzare il programma entro la scadenza del loro mandato, lasciandone in eredità il compito a successori spesso poco interessati, se non apertamente ostili. Così si verificò ad esempio a Castelfiorentino, comune della Valdelsa dove il consiglio comunale egemonizzato dai socialisti aveva deliberato nel 1907 la costruzione di un gruppo di case da gestire in economia314. Respinti gli atti per il mancato intervento dei due terzi dei consiglieri, il Ministero aveva comunque richiesto la costituzione dell’azienda, essendo stata riscontrata l’intenzione di aggiungere in seguito altri edifici315. Il rinnovo delle cariche aveva decretato però un’i-nevitabile stasi, «tanto più che-come aveva riferito il prefetto-la stessa amministrazione precedente di altro partito mostrò negli ultimi tempi di sua vita di disinteressarsene»316. Tuttavia, «non potendosi consentire che questo affare riman [esse] ulteriormente in sospeso», il comune era stato sollecitato a esaminare la questione, ma fra i nuovi eletti l’opportunità di inglobare la costruzione diretta di case popolari nel programma di ampliamento dell’abitato suscitò pareri discordi, per altro prevalentemente contrari317. Ormai i rapporti di forza erano del tutto mutati: in occasione delle elezioni amministrative del 1909 alcuni esponenti socialisti aveva preparato una lista di minoranza, mentre altri si erano uniti con i repubblicani in un blocco popolare, agevolando la vittoria del gruppo costituzionale del sindaco Lionello Banti. L’exprimo cittadino, il socialista Luigi Zanini, non risultò neppure confermato consigliere, dopo aver retto il comune per sette anni318. Una situazione analoga si verificò anche nel non lontano centro di Campi Bisenzio, alle porte della roccaforte socialista di Sesto Fiorentino, in cui la costruzione di case popolari da parte del comune era stata proposta nell’aula consiliare sin dal 1903 da Banco Tanini, coinvolto in quell’assise nel ruolo di consigliere comunale e in parallelo promotore di case popolari municipali in qualità di sindaco a Prato319. A promuovere un progetto concreto fu due anni dopo la giunta liberale del sindaco Ugo Ballerini, ma la preferenza per il servizio in economia non fu messa in discussione, esitando ad avviare l’iter per l’azienda, come indicato immancabilmente dal Ministero dell’Interno320. Sebbene alla caduta dell’amministrazione proponente il progetto non avesse compiuto avanzamento alcuno, la pratica fu portata avanti dal nuovo consiglio comunale, ancora a maggioranza liberale, capeggiato dal sindaco Pier Francesco Settimanni Ciacchi, esponente dell’aristocrazia terriera fiorentina321. Scoraggiata probabilmente dai vincoli legislativi, l’amministrazione stabilì poi di sostenere un comitato locale che intendeva fondare una società costruttrice322.

  • 323 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 324 Divenuto sindaco nel 1897, Ongania morì nel 1911. Sulla sua figura, nota anche come alpinista, A. S (...)
  • 325 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 326 Ivi, lettera del prefetto di Como al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici serviz (...)
  • 327 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 328 Cronaca della politica delle abitazioni, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», giugno 1907, p. 1 (...)
  • 329 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 330 Cronaca della politica delle abitazioni, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», agosto 1907, p. 5 (...)
  • 331 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)

58Come indicavano tali vicende, il mutato orientamento dei comuni si rifletteva immediatamente sull’esito dei programmi in materia di edilizia popolare, attestando il perdurante dilagare di remore oltremodo convenzionali. La decisione di favorire una società cooperativa prevalse anche a Lecco323, dove il naufragio di provvedimenti propedeutici alla municipalizzazione fu decretato nel 1911 dall’uscita di scena del sindaco Giuseppe Ongania, ingegnere di fede repubblicana che resse il comune quasi ininterrottamente per oltre un decennio324. Negli anni precedenti erano stati infatti acquistati i terreni, ottenendo dal Ministero l’autorizzazione a provvedere all’azienda in prossimità dell’apertura dei lavori325. A determinare l’abbandono dell’intervento diretto erano state anche le condizioni finanziarie poco propizie, tanto che, qualche tempo prima, la giunta provinciale amministrativa aveva persino inviato un delegato per accertare se il bilancio municipale venisse compilato correttamente326. Tuttavia l’impegno risultava ormai sottoscritto, cosicché gli organi di competenza ne richiesero una revoca altrettanto ufficiale: la municipalizzazione imponeva clausole precise, di cui pertanto si esigeva il rispetto anche in negativo327. La conoscenza dell’iniziativa era derivata all’ufficio ministeriale dalle notizie riportate sul «Bollettino dell’Ufficio del lavoro»328, sebbene destasse sconcerto il silenzio del prefetto dinanzi a un programma ambizioso che avrebbe comportato una spesa complessiva di lire ottocentomila329. La medesima fonte aveva reso informazioni anche sui propositi maturati a Novi Ligure, permettendo così di sollecitare il prefetto a trasmettere gli opportuni ragguagli330. Al di là del disappunto espresso dal Ministero, il progetto per la costruzione di una casa popolare da gestire in economia non fu comunque attuato, in quanto la giunta provinciale amministrativa respinse le delibere relative alla contrattazione del mutuo331.

  • 332 Ivi, busta 195, fasc. 2309, Mentana, case popolari, 1909-1910, verbali del consiglio comunale di Me (...)
  • 333 Ivi, allegato B al verbale della seduta della Commissione reale del 23 maggio 1910.
  • 334 Ivi, busta 3, fasc. 9, cit., seduta del 23 maggio 1910.
  • 335 Ivi, 195, fasc. 2309, Mentana, cit., Relazione al ministro, 14 maggio 1910; ivi, allegato A al verb (...)
  • 336 Ivi, busta 3, fasc. 9, cit., seduta del 23 maggio 1910, cit. Bonaventura Graziani, di lì a poco vic (...)
  • 337 R.D. che nomina la Commissione reale pel credito comunale e provinciale pel triennio 1913-1915, cit (...)
  • 338 Coletta fu nominato a seguito del decesso di Miceli, R.D. che nomina il comm. Nicola Coletta a memb (...)
  • 339 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 340 Ivi, busta 195, fasc. 2309, Mentana, cit., lettera del prefetto di Roma al Ministero dell’Interno, (...)
  • 341 Nel 1911 divenne sindaco Ermanno Santucci, il quale mantenne la carica sino al 1918 quando rassegnò (...)
  • 342 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)

59Seppur non avessero avuto modo di adempiere gli intendimenti definiti, i comuni appena menzionati non si erano dovuti imbattere negli inderogabili obblighi del solenne procedimento, inclini talvolta a tramutarsi in un vero e proprio tormento inferto dalla zelante applicazione delle norme legislative. Al confronto, una sorte beffarda spettò invece al progetto promosso nel 1907 dal comune di Mentana, inizialmente respinto dalla giunta provinciale amministrativa, i cui membri non approvarono la gestione in economia ai sensi della circolare del 10 marzo 1909, e poi accantonato dalla successiva maggioranza consiliare pur essendo giunto al cospetto della Commissione reale332. In realtà l’autorevole consesso aveva deciso di rinviare gli atti, al termine di un’animata discussione che contrappose il relatore Magaldi al rappresentante della Cassa depositi e prestiti Melis333. Motivo di contrasto era la spesa complessiva di lire duecentomila, giudicata eccessiva per un solo edificio da erigere in un comune non di primaria importanza, con la conseguenza di dover fissare pigioni piuttosto elevate334. Alle medesime conclusioni era pervenuto l’ufficio ministeriale335, tanto che in difesa del suo operato si era levata la voce del capo sezione Graziani, presente all’adunanza, benché non incluso nell’elenco dei partecipanti registrato nel verbale336. Tale incursione attesta che i funzionari del servizio municipalizzazioni continuavano ad assistere alle sedute della Commissione reale, al fine di fornire indicazioni ed essere informati tempestivamente sui provvedimenti intrapresi, anche se privi di una funzione attiva. Le disposizioni impartite inizialmente da Giolitti si erano dunque tramutate in una consuetudine ormai consolidata, qualche anno dopo riconosciuta ufficialmente con la nomina di Graziani a segretario della commissione, ruolo assegnato d’ufficio durante la guerra al capo della sezione per le municipalizzazioni337. Come precisava Graziani in riferimento alla pratica presentata dal comune di Mentana, l’ufficio ministeriale aveva esaminato il progetto alla luce del parere emesso dall’Ufficio del genio civile e della relazione redatta dall’ufficiale sanitario del comune. Dal canto suo, Melis replicava che, al di là delle considerazioni dell’Ufficio del genio civile, la commissione poteva avanzare i commenti ritenuti opportuni, sebbene Magaldi dubitasse della facoltà di entrare nel merito del progetto tecnico, in quanto «a suo giudizio essa [avrebbe dovuto] limitare l’esame delle proposte al solo lato economico-finanziario». Nell’intento di dirimere la controversia, Pironti aveva sollecitato il giudizio dei “membri tecnici”, Piacentini del Consiglio superiore di sanità e Coletta del Consiglio superiore dei lavori pubblici338, i quali «esaminati i tipi, la stima ed il computo metrico, osserva[rono] che, invero, il progetto non [era] informato a quei criteri di parsimoniosa economia che [avrebbero dovuto] presiedere sempre alle costruzioni della natura di quella in esame»339. Il consiglio comunale promosse comunque alcune varianti, riuscendo a ridurre la spesa a lire centottantamila, ma l’obbligo di dover ripetere la procedura per l’impianto dell’azienda dovette scoraggiare non poco, forse ben più di quanto la prospettiva dell’intervento diretto fosse invisa all’amministrazione eletta nel 1911340. La nuova giunta comprendeva infatti esponenti della lega socialista locale, isolati invece dal precedente sindaco Evaristo Morlacchetti che pure agli inizi del secolo era stato insieme a loro fra i capi della rivolta contro la gestione fraudolenta delle finanze comunali attuata dalle autorità allora in carica341. Oltretutto non solo sussistevano problemi urgenti relativi al miglioramento igienico dell’a-bitato, quali la realizzazione della fognatura e il trasporto dell’acqua potabile, ma la trattazione del tema delle case popolari era stata rimandata quattro volte per la mancanza del numero legale, tanto che il consiglio comunale preferì infine incentivare l’iniziativa privata con la cessione di aree fabbricabili a condizioni vantaggiose342.

  • 343 Ivi, busta 90, fasc. 119, Grosseto, case popolari, 1907-1924, lettera del regio commissario del com (...)
  • 344 Ivi, Comune di Grosseto, Regolamento per concessione di premi e facilitazioni ai costruttori di cas (...)
  • 345 Comitato elettorale indipendente. Elettori amministrative del comune di Grosseto!, in “L’Ombrone”, (...)
  • 346 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 347 Ibid.
  • 348 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 349 Ivi, lettera del prefetto di Grosseto al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici se (...)
  • 350 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Direzione generale dell’amministrazione civile, (...)
  • 351 Elezioni amministrative, in “L’Ombrone”, 22 dicembre 1907.

60Come dimostravano le polemiche suscitate dalla proposta del comune di Mentana, gli spiragli di ragionevolezza che si aprivano in seno alla Commissione reale tendevano a essere soffocati dall’inoppugnabile esattezza del calcolo economico, senza permettere di ricomporre il dissidio fra i risvolti di natura sociale e la mera valutazione delle logiche finanziarie. L’osservanza della solenne procedura si rivelava alquanto complessa, sino a generare circostanze a cui l’inventiva delle autorità civiche opponeva soluzioni che agli occhi dei funzionari ministeriali si stagliavano quale riprovevole prova di indisciplina. Talvolta i tempi lunghi imposti dall’espletamento delle pratiche indussero i comuni a ingegnarsi onde evitare i danni che sarebbero derivati dall’impossibilità di ottemperare impegni già sottoscritti, come accadde nella città di Grosseto. Nel novembre 1907, il regio commissario che reggeva temporaneamente l’amministrazione si rivolse al Consiglio dei ministri per essere autorizzato a favorire la costruzione di case, opera che avrebbe consentito di completare degnamente i lavori promossi per risanare «la mortifera Maremma». Il regio commissario mirava a stabilire premi per incentivare l’iniziativa privata, in luogo dell’intervento diretto propugnato qualche anno prima con l’obiettivo di innalzare un fabbricato per abitazioni civili e due di tipo popolare, per i quali era stato stipulato un mutuo di lire centosettantacinquemila343. Il comune aveva cercato infatti di sollecitare la realizzazione di abitazioni, forse orientato alla municipalizzazione dall’iniziativa antesignana del comune di Prato che, pur non andata a buon fine, restava fra le prime avviate nello scenario nazionale all’indomani del varo dell’apposita legge sulla municipalizzazione344. Probabilmente, tale esempio svolse un ruolo precursore in area toscana, come sembrerebbero suggerire i fervori che si manifestarono fra il capoluogo e il territorio dell’allora provincia di Firenze, in particolare a Campi Bisenzio tramite la figura di Tanini. I propositi espressi dal regio commissario non conobbero proseguo alcuno: poche settimane dopo si insediò il consiglio comunale, espressione di un’eterogenea alleanza liberal-costituzionale, composta da liberi professionisti, imprenditori, commercianti e un operaio345. Alla carica di primo cittadino assurse l’ingegnere Egidio Bruchi, già impegnato qualche anno prima in tale ruolo, nonché promotore della «tentata costruzione di case popolari»346. Gli esiti di tale esperienza furono illustrati dal prefetto in una lunga lettera, spiegando al Ministero che il progetto era rimasto in sospeso per quanto riguardava le abitazioni degli operai, mentre aveva avuto modo di procedere relativamente agli edifici per gli impiegati, sebbene non fosse stato possibile iniziare i lavori, a causa delle aste andate deserte e dei due susseguenti scioglimenti del consiglio a cui aveva fatto seguito il commissariamento. Prima della battuta di arresto provocata da tali eventi, il comune e la giunta provinciale amministrativa avevano comunque concordato di rimettersi all’art. 16 della legge sulla municipalizzazione347. Nel febbraio 1908 gli organi ministeriali precisarono che la conduzione del servizio in economia non poteva essere consentita348, ma la risposta del prefetto non fece mistero dell’intricata situazione che le autorità civiche, noncuranti delle disposizioni vigenti, avevano finito inconsapevolmente per determinare. Nella prima metà dell’anno precedente, la Cassa di Risparmio di Firenze aveva erogato il mutuo contratto e, non essendo stato possibile appaltare i lavori, la somma era stata depositata presso il Monte dei Paschi di Siena. Le difficoltà incontrate nell’affidare le opere arrecavano però una continua perdita finanziaria, senza permettere quegli ulteriori indugi verso cui sembravano spingere le richieste del Ministero349. Il prefetto implorava di riservare una «benevole accondiscendenza», appellandosi alla priorità di prevenire disordini sociali. A rendere grave la situazione era l’avvenuta erogazione del mutuo, cosicché, nell’intento di non creare imbarazzi, il Ministero stabilì di non procedere contro l’amministrazione, pur rimproverando al prefetto di aver erroneamente ritenuto legittime le deliberazioni del consiglio comunale350. Il sindaco Bruchi non era comunque responsabile di tali circostanze, in quanto la stipula del mutuo e la relativa gestione dei fondi rientravano fra le disposizioni intraprese dalla coalizione repubblicano-socialista che aveva guidato il comune nell’intermezzo fra il suo primo mandato e il commissariamento351.

  • 352 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 353 Nel gennaio 1908 divenne prefetto di Grosseto Carlo Re che sul finire dell’anno lasciò l’incarico a (...)
  • 354 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione (...)
  • 355 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Direzione generale dell’amministrazione civile, (...)
  • 356 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)

61Quasi due anni dopo, l’ufficio per la municipalizzazione richiese informazioni al prefetto, essendo pervenuta la notizia che il comune di Grosseto necessitava di fondi per compiere il progetto elaborato a suo tempo352. Come emergeva dalla risposta, la somma già incassata era stata devoluta all’ampliamento di un caseggiato civile di proprietà municipale, con l’intenzione di eseguire uno stabile analogo in un’altra zona della città. Inoltre il comune aveva cercato di sopperire alle esigenze dei meno abbienti non solo con l’assegnazione gratuita di alcuni terreni a una società di muratori di Siena, bensì avviando pure un vastissimo fabbricato popolare fuori le mura. La carenza di denaro per completare l’o-pera aveva indotto a domandare un mutuo alla Cassa depositi e prestiti, ma successivamente l’istanza era stata rivolta al Monte dei Paschi di Siena. Sebbene nell’arco di poco tempo si fossero alternate figure diverse alla guida dell’ufficio353, la prefettura esprimeva una linea omogenea, approvando l’operato dell’amministrazione civica354. Il quadro delineato sollevò gli strali polemici del direttore dell’amministrazione civile, propenso ad attribuire al prefetto la responsabilità dell’accaduto, non avendo esercitato l’opportuna vigilanza355. La costituzione dell’azienda speciale fu ritenuta ovviamente obbligatoria, tanto più che doveva apparire non poco inquietante la prospettiva di lasciare privo di controllo lo svolgimento di un programma sino ad allora condotto nell’iterazione di sconcertanti inesattezze356.

  • 357 Ivi, lettera del prefetto di Grosseto al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici se (...)
  • 358 Ivi, verbali del consiglio comunale di Grosseto, Case popolari. Richiesta del Ministero per la cost (...)
  • 359 Ivi, Case popolari. Municipalizzazione con azienda speciale, seduta del 22 giugno 1911; ivi, letter (...)
  • 360 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 361 Ivi, foglio ms. s. d. recante l’intestazione Grosseto case popolari.
  • 362 Ivi, busta 3, fasc. 13, Verbali della Commissione, 1914, seduta del 14 ottobre 1914.
  • 363 Ivi, busta 90, fasc. 119, Grosseto, cit., Relazione al ministro, 28 giugno 1914.
  • 364 Ivi, allegati A e B al verbale della seduta della Commissione reale del 14 ottobre 1914.

62Dietro sollecitazione del prefetto, il consiglio comunale deliberò comunque di sospendere qualsiasi provvedimento in merito, «incaricando il sindaco di recarsi a Roma per esporre le proprie ragioni personalmente a codesto Ministero»357. In piena coerenza con l’atteggiamento sino ad allora dimostrato, tale decisione sembrava quasi tradire un certo scetticismo rispetto alle indicazioni che provenivano dallo scambio di missive fra il prefetto e l’amministrazione centrale. Tuttavia Bruchi non sarebbe stato l’unico sindaco incredulo, pronto ad accertare personalmente le modalità a cui dover attenersi. Nel novembre 1910, egli comunicò al consiglio comunale l’esito del colloquio al Ministero, spiegando che non vi era possibilità di sottrarsi all’impianto dell’azienda speciale358. Nel giugno successivo, il comune avviò pertanto la costituzione di tale organismo, mirando a essere dispensato dal passaggio del referendum359. La deliberazione fu però contestata dal Ministero, in quanto non era stato raggiunto il numero legale per una sola assenza, ma il prefetto si affrettò a precisare che nella copia non era stato riportato un nome «per mera inavvertenza dell’ufficio comunale»360. Anche le distrazioni si aggiungevano dunque a intricare l’evasione di una pratica effettivamente sui generis, destinata non caso a rimanere una delle più corpose dell’intero fondo archivistico di appartenenza. Nel corso del 1912, persino i funzionari del servizio municipalizzazioni, che pure avevano dimestichezza con la trattazione di affari complessi, avvertirono l’esigenza di fare il punto della situazione, stilando una sintesi dei provvedimenti sino ad allora intrapresi361. Molto probabilmente il comune tentava di tergiversare, tanto che, sebbene gli atti risultassero prossimi a essere ultimati nell’autunno 1912, la Commissione reale poté esprimersi solo due anni dopo362. Secondo l’ufficio ministeriale, l’iniziativa era comunque meritevole di approvazione. Oltretutto la municipalizzazione era in pieno svolgimento e non era nemmeno più possibile impedire l’onere a carico del bilancio municipale, dato che le case erano già costruite363. Pertanto su proposta del relatore Verdinois, il comune fu esonerato dal referendum364.

  • 365 Ivi, lettera del prefetto di Grosseto al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici se (...)
  • 366 Ivi, lettera del prefetto di Grosseto al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici se (...)
  • 367 Ivi, lettera del prefetto di Grosseto al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici se (...)
  • 368 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 369 Ivi, lettera del prefetto di Grosseto al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici se (...)
  • 370 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al pref (...)
  • 371 Ivi, Municipio di Grosseto, Costruzione ed esercizio di case popolari od economiche. Regolamento pe (...)

63Il parere della Commissione reale non sortì l’effetto di disciplinare l’operato del comune ai sensi della normativa vigente. Diversi mesi dopo, gli impegni non era stati ottemperati e, forse nel tentativo di mascherare le proprie manchevolezze, il sindaco rinfocolava la polemica nei confronti del Ministero, mai completamente sopita365. Le autorità civiche sembravano procrastinare volutamente la stesura del regolamento di gestione, non ancora disponibile sul finire del 1915366. Quasi un anno dopo il prefetto riferì che in effetti non era stato compiuto avanzamento alcuno367. Su indicazione del Ministero, il prefetto continuò a sollecitare la compilazione del regolamento368, ma ormai era evidente l’intenzione del comune di deviare rispetto alle disposizioni impartite, come denotavano le rinnovate insistenze per la gestione in economia369. Nel peculiare frangente dell’anno di guerra 1917, il prefetto sconsigliò «un’eventuale coercizione», cosicché il Ministero preferì affidare alle sue facoltà ogni provvedimento in merito370. Il regolamento per l’azienda fu approvato nel 1921, quando l’amministrazione in carica nuovamente capeggiata da Bruchi decise di costruire alcuni gruppi di case popolari, riprendendo la pratica di fatto rimasta incompiuta371.

64La corrispondenza intercorsa a questo riguardo chiuse così l’inconsueta parabola tracciata da una vicenda che, avvantaggiata inizialmente dall’involontaria connivenza del prefetto, era sfuggita al controllo degli uffici di competenza, senza riuscire a rettificarne un andamento quasi spregiudicato. Come dimostrava tale esempio, il complesso di norme sancito non includeva adeguati strumenti di sanzione, ma rimandava alla facoltà dell’istituzione tutoria di annullare le deliberazioni consiliari, lasciando gli organi preposti al controllo della municipalizzazione privi della possibilità di intervenire qualora non fosse possibile procedere di concerto con il prefetto.

  • 372 Cfr. I nostri urgenti bisogni. Relazione del sindaco Egidio Bruchi all’on. Commissione ministeriale (...)
  • 373 Legge (testo unico) sulle case popolari o economiche, 27 febbraio 1908, n. 89.

65Il caso del comune di Grosseto restava altresì sintomatico degli impedimenti in cui si imbattevano le amministrazioni civiche intenzionate a esercitare in economia il servizio delle case popolari. Inoltre la prospettiva di operare nel riconoscimento del testo legislativo si era contratta ulteriormente sull’onda delle prescrizioni emanate al fine di provvedere compiutamente all’applicazione della legge. All’ostracismo definito rispondevano gli espedienti dei comuni, dettati non tanto da mera presunzione, quanto piuttosto dall’incapacità di comprendere gli obblighi imposti. Bruchi, leader dello schieramento monarchico-liberale, non poteva essere annoverato fra gli amministratori facinorosi che attraverso la municipalizzazione perseguivano le velleità di una bandiera politica, ma i suoi propositi dimostravano di voler innanzitutto contribuire al compimento del programma di progresso civile avviato con la bonifica della Maremma372. L’intervento comunale si affermava così quale strategia per sopperire all’inerzia dell’iniziativa privata in settori che rivestivano un rilievo cruciale ai fini del miglioramento delle classi disagiate, ben lungi dall’influenza di pretestuose mire ideologiche. Dinanzi alle difficoltà sollevate dall’applicazione della legge, una certa opportunità di riuscita sembrava pertanto derivare dalla scelta di perseguire deliberatamente quella sorta di tattica dello sfinimento in grado di disarmare i vertici delle istituzioni centrali, di cui il sindaco Bruchi aveva fornito una singolare prova. Un’alternativa comunque non facilmente praticabile, soprattutto laddove non stentava l’attenta vigilanza dell’autorità tutoria. Seppur con i limiti rilevati, il combinato disposto delle normative di riferimento era riuscito almeno in parte a sbaragliare i pregiudizi che avevano frenato l’esperienza della municipalizzazione in ambito di case popolari. Profondamente radicati nella cultura coeva, tali assunti suggerivano però una certa prudenza, tanto che, come era pure emerso durante le discussioni in Parlamento, l’intervento diretto non suscitava perplessità solo se svolto nel conforto delle garanzie procedurali introdotte per la municipalizzazione. In sostanza il varo di apposite disposizioni aveva determinato il graduale spostamento delle più diffuse riserve dall’intero settore ai suoi aspetti precipui, innanzitutto quelli relativi alla forma di gestione. L’assunzione del servizio in economia tendeva così a catalizzare i sospetti che in precedenza avevano circondato la materia, inducendo a introdurre un argine soprattutto in quei campi a cui non sembrava attagliarsi pienamente il principio della municipalizzazione. Come precisato nelle pagine precedenti, la circolare 10 marzo 1909 aveva fornito in tal senso un valido supporto, ancor più necessario dinanzi alle aperture verso il municipalismo che si schiusero in seno alla riforma della legge sulle case popolari. La recrudescenza del disagio abitativo che si verificò a ridosso della crisi economica del 1907, in unione al preoccupante dilagare del rincaro delle pigioni, sollecitò infatti un’ampiezza di vedute quasi impensabile anche solo pochi anni prima. Nel patrocinio dello stesso Luzzatti, il testo unico entrato in vigore nel febbraio 1908 sostenne l’azione dei comuni, pur rafforzando al contempo la struttura di quegli istituti per le case popolari che sembravano costituirne i diretti antagonisti373. Argomento largamente osteggiato agli inizi del secolo, la municipalizzazione dell’e-dilizia popolare era divenuta una realtà che, accanto all’opera di enti autonomi e cooperative, apportava un contributo alla soluzione delle problematiche in atto: il legislatore non poteva dunque tralasciare di curarne la tutela.

Notes

1 Art. 18, Legge sulle case popolari, 31 maggio 1903, n. 254.

2 APC, tornata del 28 novembre 1902.

3 G. Montemartini, Municipalizzazione dei pubblici servigi, in «Giornale degli economisti», gennaio 1902, cit., p. 72.

4 Ivi, ottobre 1902, cit., p. 379.

5 M. Portalupi, L’industria municipale e le proposte del governo, in «Germinal», 1902, n. 7, pp. 50-51.

6 E. Leone, Il progetto della municipalizzazione, in «Critica sociale», 1902, pp. 61-62.

7 G. V., Lo schema di legge sulla municipalizzazione, ivi, 1902, pp. 87-89.

8 Sul personaggio G. Giarrizzo, Catania, Laterza, Roma-Bari 1986, pp. 122-169.

9 Cicero fu segretario dell’ufficio per la municipalizzazione dal 1908 al 1913. Sul rilievo di tali funzionari F. Rugge, Un nuovo pubblico. Profili giuridico-amministrativi dell’imprenditorialità municipale in età giolittiana, in A. Berselli, F. Della Peruta, A. Varni (a cura di), La municipalizzazione nell’area padana, cit., pp. 33-34.

10 P. Cicero, Il panificio municipale di Catania, in «Giornale degli economisti», aprile 1905, p. 385.

11 R. Michels, Storia critica del movimento socialista italiano, cit., p. 387.

12 P. Cicero, Il panificio municipale di Catania, cit., dicembre 1904, p. 532-533.

13 APC, tornata del 5 dicembre 1902. Cenni sull’attività parlamentare in F. M. Biscione, ad vocem, in DBI, vol. 33, pp. 689-694.

14 P. Cicero, Il panificio municipale di Catania, cit., pp. 386-389.

15 Recensione di Cicero all’opera di F. G. Tenerelli, La municipalizzazione del pane, in «Giornale degli economisti», novembre 1905, p. 496. Cicero riunì le sue esternazioni nella pubblicazione Il panificio municipale di Catania, Tip. dell’Unione cooperativa editrice, Roma 1905. Anche De Felice non rinunciò comunque a raccontare la sua esperienza, G. De Felice Giuffrida, La municipalizzazione del pane a Catania, Stab. tip. Catania, Catania 1903; id., La municipalizzazione del pane a Catania. Confessioni e battaglie, Società editrice libraria, Milano 1913.

16 F. G. Tenerelli, Ancora sulla municipalizzazione del pane a Catania, in «Giornale degli economisti», dicembre 1905, pp. 589-590. Nello stesso periodo aveva pubblicato La municipalizzazione del pane a Catania, in «La Riforma Sociale», 1905, n. 7, pp. 524-543; ivi, n. 8, 599-628.

17 F. Rugge, Sulle tracce di un corporativismo municipale, cit., pp. 335-336.

18 Contro tali intenti si era costituita l’Associazione reggiana per il bene economico, denominata ironicamente la “grande armata”, composta da proprietari, imprenditori ed esercenti, A. Gianolio, La municipalizzazione a Reggio Emilia fra progresso e reazione. Considerazioni storiche con particolare riferimento ai servizi dell’acqua e del gas, in A. Berselli, F. Della Peruta, A. Varni (a cura di), La municipalizzazione nell’area padana, cit., pp. 375-376; S. Magagnoli, Élites e municipi, cit., pp. 214-217.

19 G. Montemartini, Municipalizzazione dei pubblici servigi, cit., pp. 111-149. Sulla vicenda M. G. Meriggi, Il progetto di municipalizzazione del pane. Giuseppe Garibotti e l’utopia del “pane municipale”, in A. Berselli, F. Della Peruta, A. Varni (a cura di), La municipalizzazione nell’area padana, cit., pp. 427-458.

20 G. Montemartini, Municipalizzazione dei pubblici servigi, cit., p. 110.

21 F. Rugge, “La città che sale”, cit., pp. 65-66.

22 G. Pischel, La municipalizzazione in Italia, cit., p. 160.

23 Art. 1, comma 9, Legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 29 marzo 1903, n. 103.

24 APC, Documenti. Disegni di legge e relazioni, 2 ° sessione 1902, doc. 1, cit.

25 Ivi, allegato A, cit.

26 Ivi, tornata del 29 novembre 1902.

27 Ivi, Documenti. Disegni di legge e relazioni, 2 ° sessione 1902, doc. 1-A, cit.; cfr. anche Appunti preparatori e documenti relativi all’elaborazione dei dati in ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 1, fasc. 2.1, Leggi, II parte, 1902.

28 R. Bachi, Un’inchiesta sulla municipalizzazione dei pubblici servizi in Italia, in «La Riforma Sociale», 1903, n. 1, p. 5.

29 L’Inghilterra offriva numerosi esempi, L. G. Vacchelli, Il problema delle abitazioni in Inghilterra, in «Nuova Antologia», 1 ° aprile 1903, p. 412.

30 P. Guichonnet, Carouge. Ville Royale, 1786, Dumaret et Golay, Carouge 1985; Batir une ville au siecle des lumieres. Carouge: modeles et realites, catalogo della mostra, Carouge, 29 maggio-30 settembre 1986, Archivio di Stato di Torino, Torino 1986.

31 L. Pes, La Commissione case sane alle origini dell’Istituto autonomo case popolari di Venezia (1893-1913), in «Ateneo Veneto», 1993, pp. 129-165; P. Somma (a cura di), Venezia nuova. La politica della casa, 1893-1941, catalogo della mostra, Venezia 1983, Marsilio, Venezia 1983.

32 G. Prato, Il problema delle abitazioni popolari a Venezia, in «La Riforma Sociale», 1906, p. 861.

33 L’attività della Commissione era stata infatti elogiata sul «Bulletin des Sociétes d’abitations ouvriéres», Le case popolari di Venezia giudicate all’estero, in «L’autonomia comunale. Organo dell’Associazione dei comuni italiani», 1910, n. 4, pp. 5-6. Si trattava dei volumi dal titolo Case sane, economiche e popolari, editi dall’Istituto di Arti grafiche di Bergamo.

34 R. Dalla Volta, Le case popolari a Venezia, cit., p. 899.

35 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 225, fasc. 2636, Venezia, case popolari mutuo di lire 2.456.000, 1909-1920, lettera del Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, Direzione generale del credito e della previdenza, al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 29 luglio 1909.

36 Ivi, lettera del prefetto di Venezia al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 23 novembre 1909 e lettera di quest’ultimo al Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, 23 dicembre 1909.

37 Ivi, lettera del Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, Direzione generale del credito e della previdenza, al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 21 gennaio 1910.

38 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, Direzione generale del credito e della previdenza, 23 dicembre 1909.

39 C. Camera, A. Magnani, Commento alla legge 29 marzo 1903, n. 103, sulla assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, Licinio Cappelli, Rocca S. Casciano 1903, pp. X, 29.

40 C. Mezzanotte, Municipalizzazione dei servizi pubblici, cit., p. 19.

41 APS, tornata del 7 febbraio 1903. Cfr. F. Rugge, Un nuovo pubblico, cit., pp. 23-24.

42 C. Mezzanotte, Municipalizzazione dei servizi pubblici, cit., pp. 70-71.

43 Ivi, pp. 68-69.

44 Ivi, pp. 23, 65.

45 G. Faraggiana, La municipalizzazione dei pubblici servizi, cit., p. 70.

46 id., Le case popolari, cit., p. 24.

47 Ivi, pp. 20-22.

48 id., La municipalizzazione dei pubblici servizi, cit., p. 24.

49 Ivi, pp. 317-318.

50 APC, tornata del 26 novembre 1902.

51 G. Faraggiana, La municipalizzazione dei pubblici servizi, cit., pp. 28-29.

52 U. Forti, La municipalizzazione dei pubblici servizi (lettura fatta all’Associazione napoletana il 23 dicembre 1901), Tip. Muca, Napoli 1902, p. 8. Assunto l’insegnamento presso l’Università di Camerino, Forti si spostò poi negli atenei di Cagliari e Messina e dal 1917 fu titolare della cattedra nella nativa Napoli, G. Caravale, ad vocem, in DBI, vol. 49, pp. 181-184.

53 G. Faraggiana, La municipalizzazione dei pubblici servizi, cit., p. 172.

54 Sulla sua attività, poi proseguita presso le università di Siena, città di cui era originaria la sua famiglia, Pisa, Padova e Bologna, Scritti della Facoltà giuridica di Bologna in onore di Umberto Borsi, Cedam, Padova 1955, pp. V-VIII, XV-XX.

55 U. Borsi, Municipalizzazione e socialismo municipale nel diritto italiano, estratto da «Studi senesi», Bocca, Torino 1910, p. 5.

56 Ivi, pp. 11, 18-21.

57 Ivi, p. 45.

58 Ivi, p. 44.

59 Ivi, p. 48.

60 Rispettivamente artt. 2 e 16, Legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 29 marzo 1903, n. 103.

61 Il regolamento doveva essere ratificato dalla giunta provinciale amministrativa e diventare esecutivo per ordinanza del prefetto, ivi, artt. 10-15.

62 O. Jona, La legge sulle municipalizzazioni a tavole sinottiche, in «La rivista dei pubblici servizi», 1915, n. 1, pp. 9-10; ivi, n. 2, p. 42; ivi, n. 4, p. 88; ivi, n. 5, p. 114.

63 C. Camera, A. Magnani, Commento alla legge 29 marzo 1903, n. 103, cit., pp. VII-IX.

64 Cfr. Appunti bibliografici, in «La Riforma Sociale», 1903, n. 15, p. 795. Si trattava del fascicolo Comune di Firenze, Osservazioni al disegno di legge sulla assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, Tip. Civelli, Firenze 1902; cenni all’iniziativa in N. Capitani Maccabruni, La municipalizzazione dei servizi a Firenze tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento, in «Storia urbana», 1982, n. 20, pp. 96, 101-104.

65 F. Rugge, Un nuovo pubblico, cit., p. 33. Accanto alla «Rassegna comunale italiana», promossa da Camillo Testera, segretario del comune di Torino, si possono citare P. Barozzi, La municipalizzazione dei pubblici servizi, Tip. G. Cantone, Novara 1911; L. Cerilli, La legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni. Note ed osservazioni tratte dagli atti parlamentari, Tip. Capelli, Rimini 1903; F. Tonelli, La legge sulla municipalizzazione dei pubblici servizi 29 marzo 1903 ed il regolamento relativo 10 marzo 1904, n. 108, Pirola, Milano 1912. Non a caso, in favore di un’«applicazione prudente della legge sulla municipalizzazione» si era espresso il Congresso nazionale di segretari e impiegati comunali dell’Alta Italia convocato nel 1903 a Milano, R. Romanelli, Sulle carte interminate. Un ceto di impiegati tra privato e pubblico. I segretari comunali in Italia, 1860-1915, Il Mulino, Bologna 1989, pp. 282-284.

66 C. Camera, A. Magnani, Commento alla legge 29 marzo 1903, n. 103, cit., pp. VI-VII.

67 Ivi, pp. VIII-IX, 27-28.

68 M. Portalupi, L’industria municipale e le proposte del governo, in «Germinal», 1902, n. 7, pp. 50-51.

69 G. Faraggiana, La municipalizzazione dei pubblici servizi, cit., p. 243.

70 Art. 11, Legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 29 marzo 1903, n. 103.

71 C. Camera, A. Magnani, Commento alla legge 29 marzo 1903, n. 103, cit., pp. 116-117.

72 M. Portalupi, L’industria municipale e le proposte del governo, cit., p. 50.

73 U. Borsi, Le funzioni del comune italiano, Società Editrice Libraria, Milano 1909, p. 368; si trattava del saggio pubblicato nel Primo trattato completo di diritto amministrativo italiano curato da Vittorio Emanuele Orlando, edito nell’anno precedente.

74 G. Rizzo, I referendum comunali: origini, fondamento normativo, giudizio di ammissibilità, svolgimento ed effetti, Cel, Gorla 2001, p. 13.

75 Il rimando andava anche ad alcune consuetudini diffuse nel Granducato di Toscana, L. Cerilli, La legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, cit., p. 63.

76 S. Basile, Il referendum nell’Italia liberale. Dibattiti ed esperienze, Olschki, Firenze 1993, pp. 43-44.

77 P. Bertolini, Sul referendum, in «Nuova Antologia», 16 dicembre 1903, pp. 613-615.

78 S. Basile, Il referendum nell’Italia liberale, cit., pp. 45-48.

79 P. Bertolini, Sul referendum, cit., p. 627.

80 A. Labriola, Contro il referendum, in «Critica sociale», 1897, pp. 23-25, 39-41, 56-59.

81 Cfr. ad esempio P. P., Il “referendum” svizzero per il riscatto delle ferrovie, in «Rivista internazionale di scienze sociali e discipline ausiliarie», 1898, n. LXIV, pp. 558-564; F. Invrea, Il comune e la sua funzione sociale, cit., n. LXXXIV, pp. 381 e ssg.

82 S. Basile, Il referendum nell’Italia liberale, cit., pp. 53-55.

83 L. Neppi Modona, Controlli sull’amministrazione comunale e provinciale e referendum, Seeber, Firenze 1902, pp. 132-136.

84 P. Bertolini, Sul referendum, cit., p. 615.

85 C. Mezzanotte, Municipalizzazione dei servizi pubblici, cit., p. 175.

86 Art. 104, Regolamento per l’esecuzione della legge 29 marzo 1903, n. 103, sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 10 marzo 1904, n. 108.

87 G. Faraggiana, La municipalizzazione dei pubblici servizi, cit., pp. 249-250; C. Mezzanotte, Municipalizzazione dei servizi pubblici, cit., pp. 178-179.

88 Art. 16, Legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 29 marzo 1903, n. 103.

89 I. Santangelo Spoto, Municipalizzazione, cit., p. 1069.

90 APC, Documenti. Disegni di legge e relazioni, 2 ° sessione 1902, doc. 1-A, cit.

91 Art. 16, Legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 29 marzo 1903, n. 103.

92 R.D. che nomina la Commissione istituita presso il Ministero dell’Interno dall’articolo 5 della legge 17 maggio 1900, n. 173, sul credito comunale e provinciale, in «Bollettino ufficiale del Ministero dell’Interno», 1901, n. 4, pp. 85-86.

93 Art. 11, Legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 29 marzo 1903, n. 103.

94 Ivi, art. 12.

95 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 113, fasc. 1440, Milano, case popolari, 1903-1907, lettera del prefetto di Milano al segretario della Commissione reale, 1° agosto 1903.

96 Ivi, lettera della Commissione reale alla Direzione generale dell’amministrazione civile, 12 agosto 1903. Il regolamento entrò in vigore l’anno seguente, R.D. 10 marzo 1904, n. 108.

97 Ivi, lettera della Direzione generale della pubblica sicurezza alla Direzione generale dell’amministrazione civile, 29 gennaio 1903.

98 Ivi, busta 2, fasc. 4, Verbali della Commissione, 1904-1905; si veda anche il prospetto riassuntivo in R. Franco, Una fonte per la storia della municipalizzazione: le relazioni e i verbali della Commissione reale, in A. Berselli, F. Della Peruta, A. Varni (a cura di), La municipalizzazione nell’area padana, cit., p. 148.

99 Artt. 84, 86, Regolamento per l’esecuzione della legge 29 marzo 1903, n. 103, sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 10 marzo 1904, n. 108.

100 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 113, fasc. 1440, Milano, cit., lettera del prefetto al Milano alla Direzione generale dell’amministrazione civile, 23 maggio 1904, e relativa risposta, 15 giugno 1904.

101 Ivi, busta 2, fasc. 4, cit., seduta del 5 dicembre 1904.

102 Art. 198, Regolamento per l’esecuzione della legge 29 marzo 1903, n. 103, sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 10 marzo 1904, n. 108.

103 Assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni (circolare 20 aprile 1904-n. 15800-13-1), in «Bollettino ufficiale del Ministero dell’Interno», 1904, n. 13, p. 490.

104 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 6, fasc. 26, Affari vari, 1903-1923, fogli di appunti ms. allegati al documento recante l’intestazione Decisioni adottate dalla Commissione reale istituita colla legge 29 marzo 1903 n. 103 in materia di assunzione diretta dei pubblici servizi dal 1° maggio 1904, s.d.

105 Alla vigilia delle adunanze in cui cominciarono a essere esaminati i progetti di municipalizzazione, la Commissione reale fu completata dalla nomina di Emilio Galloni e Domenico Miceli, ispettori del genio civile e membri del Consiglio superiore dei lavori pubblici, Camillo Golgi, rappresentante del Consiglio superiore di sanità, Gherardo Callegari, ispettore generale presso il Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, insieme ai relativi membri supplenti Giacomo Poletta, Ildebrando Nazzani e Francesco Palumbo Cardella, cfr. R.D. che nomina la Commissione reale pel credito comunale per il triennio 1904-1906, in «Bollettino ufficiale del Ministero dell’Interno», 1904, n. 18, pp. 666-668; cfr. anche le copie dei decreti conservate in ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 1, fasc. 1, Nomine di membri della Commissione reale pel credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi. Decreti originali, 1901-1922.

106 S. Sepe, Amministrazione e storia. Problemi della evoluzione degli apparati statali dall’unità ai nostri giorni, Maggioli, Rimini 1985, p. 201.

107 M. Giannetto, Dalle ispezioni alle questure e prefetture al controllo della società civile. Il servizio ispettivo del Ministero dell’Interno, in G. Melis (a cura di), Etica pubblica e amministrazione. Per una storia della corruzione nell’Italia contemporanea, Cuen, Napoli 1999, pp. 137-177.

108 Ministro delle Poste e telegrafinel periodo 1906-1909, Schanzer, nominato senatore nel 1919, si avvicendò ai gabinetti del Tesoro e delle Finanze nel primo dopoguerra, G. Melis, ad vocem, in id. (a cura di), Il Consiglio di Stato nella storia d’Italia. Le biografie dei magistrati (1861-1948), Giuffrè, Milano 2006, tomo I, pp. 698-723; id., Storia dell’amministrazione italiana, Il Mulino, Bologna 1996, pp. 188-189.

109 G. Tosatti (a cura di), Il Ministero dell’Interno, vol. II, in G. Melis (a cura di), L’amministrazione centrale dall’unità alla repubblica. La struttura e i dirigenti, Il Mulino, Bologna 1992, pp. 143, 293 nota 1105; id., Storia del Ministero dell’Interno. Dall’unità alla regionalizzazione, Il Mulino, Bologna 2009, p. 124.

110 I loro mandati furono separati solo dal breve intermezzo di Arnaldo Raimoldi, durato pochi mesi, S. Sepe, Amministrazione e storia, cit., p. 201; G. Melis, Storia dell’amministrazione italiana, cit., pp. 188-189. Per un profilo biografico M. Giannetto, ad vocem, in G. Melis (a cura di), Il Consiglio di Stato nella storia d’Italia, cit., tomo II, pp. 1364-1377.

111 Sull’attività di Salvarezza D. Longo, ad vocem, ivi, pp. 837-840.

112 R.D. che nomina la Commissione reale pel credito comunale per il triennio 1904-1906, cit.; R.D. che nomina la Commissione reale per il credito comunale e provinciale durante il triennio 1907-1909, in «Bollettino ufficiale del Ministero dell’Interno», 1907, n. 2, pp. 14-16; R.D. che nomina il comm. dott. Alberto Pironti e del comm. dott. Gerardo Girardi a membri della reale Commissione pel credito comunale e provinciale, ivi, n. 33, pp. 2143-2144; ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 1, fasc. 1, Nomine di membri della Commissione reale, cit. Girardi fu vicedirettore dell’Amministrazione civile dal 1907 al 1912, quando assunse la guida della Direzione generale delle carceri, M. Saija, I prefetti italiani nella crisi dello stato liberale, vol. I, Giuffrè, Milano 2001, pp. 58, 60, 61, 63.

113 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 2, fasc. 4, cit.; ivi, fasc. 5, 1906.

114 Ivi, busta 6, fasc. 26, Affari vari, 1903-1923, fogli di appunti ms. allegati al documento recante l’intestazione Decisioni adottate dalla Commissione reale, cit.

115 Ivi, busta 113, fasc. 1440, Milano, cit., verbali del consiglio comunale di Milano, Approvazione del progetto di costruzione di un gruppo di case popolari in via Ripamonti e del relativo capitolato delle opere, seduta del 1° luglio 1904. Cfr. anche C., Le case operaie a Milano, in «L’Ingegneria Sanitaria», 1903, n. 3, p. 56; Costruzione di un gruppo di case popolari municipali in via Ripamonti in Milano, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», luglio 1904, pp. 922-923.

116 Verbali del consiglio comunale di Milano, Proposta della giunta in ordine alla costruzione di case popolari ed approvazione del relativo piano tecnico e finanziario, seduta del 25 maggio 1903, consultato in ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 113, fasc. 1440, Milano, cit.

117 Ibid.

118 Cfr. M. Antonioli, J. Torre Santos, Riformisti e rivoluzionari. La camera del lavoro di Milano dalle origini alla grande guerra, Franco Angeli, Milano 2006, p. 94.

119 M. Portalupi, Milano per le case municipali, in «Germinal», 1902, n. 20, pp. 153-154; Camera del lavoro di Milano. Seconda relazione della commissione per le case operaie, ivi, 1903, n. 1, pp. 5-7.

120 M. Punzo, Socialisti e radicali a Milano. Cinque anni di amministrazione democratica (1899-1904), Sansoni, Firenze 1979, pp. 183-186, 252-257.

121 Verbali del consiglio comunale di Milano, Proposte della giunta in ordine alla costruzione di case popolari, seduta del 20 marzo 1903, di cui resta copia in ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 113, fasc. 1440, Milano, cit.

122 Ibid.

123 Ivi, verbali del consiglio comunale di Milano, Proposte della giunta in ordine alla costruzione di case popolari (continuazione), seduta del 21 marzo 1903.

124 Ivi, seduta del 23 marzo 1903. Per una sintesi della vicenda L. Pizzetti, La questione delle abitazioni popolari a Milano, 1859-1908, in «Storia urbana», 1980, n. 11, pp. 21-23.

125 Verbali del consiglio comunale di Milano, Proposte della giunta in ordine alla costruzione di case popolari, seduta del 20 marzo 1903, cit.

126 G. Montemartini, La questione delle case operaie in Milano, cit., pp. 13-27.

127 Inchiesta sulle abitazioni popolari in Milano, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», agosto 1905, pp. 316-325; Le abitazioni popolari a Milano, ivi, ottobre 1905, pp. 610-618; Le abitazioni popolari a Milano, in «La Riforma Sociale», 1905, pp. 570-577.

128 L’addensamento della popolazione operaia e l’altezza delle pigioni in Milano, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», aprile-maggio 1904, pp. 246-251.

129 A. Schiavi, Il censimento delle abitazioni popolari in Milano, in «La Riforma Sociale», 1904, pp. 231-233.

130 Fra il 1906 e il 1909 sorsero le palazzine di via Solari e alle Rottole, oggi viale Lombardia, su progetto dell’architetto Giovanni Broglio, O. Selvafolta, La Società Umanitaria e le case popolari a Milano. 1900-1910, in «Storia urbana», 1980, n. 11, pp. 47-52; E. Decleva, Etica del lavoro, socialismo, cultura popolare. Augusto Osimo e la Società Umanitaria, Franco Angeli, Milano 1985; id., 100.00 locali di abitazione: profilo biografico di Giovanni Broglio architetto delle case popolari, in R. Pugliese (a cura di), La casa popolare in Lombardia 1903-2003, Unicopli, Milano 2005, pp. 41-45.

131 Cfr. Le case popolari della Società Umanitaria alle Rottole (P. Venezia), estratto dal «Politecnico», Società Editrice Libraria, Milano 1910; Costruzione di case per opera della Società Umanitaria, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», febbraio 1905, pp. 356-357; ivi, dicembre 1905, pp. 979-980.

132 Fra il 1903 e il 1911 furono condotte inchieste sulle abitazioni nei comuni di Milano, Verona, Faenza, Firenze, Ravenna, Vicenza, Venezia, Udine, Treviso, cfr. P. Somma, Le inchieste municipali sulle abitazioni nel primo decennio del Novecento, in «Storia Urbana», 1982, n. 21, pp. 177-207.

133 Città di Torino, Quarto censimento della popolazione (9 febbraio 1901). Considerazioni generali. Relazione dei lavori e cenni sui risultati, Tipografia Eredi Botta, Torino 1902.

134 Cfr. P. Somma, Le inchieste municipali sulle abitazioni nel primo decennio del Novecento, cit., p. 189.

135 Verbali del consiglio comunale di Milano, Proposta della giunta in ordine alla costruzione di case popolari ed approvazione del relativo piano tecnico e finanziario, seduta del 25 maggio 1903, cit.

136 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 113, fasc. 1440, Milano, cit., lettera della Direzione generale dell’amministrazione civile al prefetto di Milano, 16 novembre 1905, e relativa risposta, 23 novembre 1905. Su un complesso di 64.230 elettori iscritti, furono registrati 15.834 voti favorevoli e 1.994 contrari.

137 Ivi, Proposte della giunta in ordine alla costruzione di case popolari (continuazione), seduta del 23 marzo 1903, cit.

138 Il gruppo di via Ripamonti fu abitato nell’estate 1907, Cronaca della politica delle abitazioni, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», luglio 1907, pp. 233-234.

139 Il problema delle case popolari a Milano, in «La Riforma Sociale», 1905, p. 959; U. Gobbi, L’azione del Comune per le case popolari, in «Giornale degli economisti», luglio 1905, pp. 14-32; ivi, agosto 1905, pp. 157-168.

140 V. Magaldi, Concorso dei poteri pubblici a favore delle case popolari in Italia, cit., pp. 962-963.

141 C. Caponi, La lotta politica e sociale: l’amministrazione comunale, i partiti politici, i conflitti sociali e di gruppo (1887-1943), in G. Mori (a cura di), Prato, storia di una città, vol. 3**, Il tempo dell’industria (1815-1943), Le Monnier, Firenze 1988, pp. 1349-1350.

142 Verbali del consiglio comunale di Prato, Case operaie. Costruzione, seduta del 7 dicembre 1903; ivi, Case operaie. Approvazione del progetto tecnico e finanziario, seduta del 25 maggio 1904, in ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 74, fasc. 948, Prato, case popolari, 1904-1905.

143 Tanini rinunciò alla carica nel 1905, anno in cui lasciò il partito repubblicano per unirsi allo schieramento liberal-monarchico.

144 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 74, fasc. 948, Prato, cit., lettera del prefetto di Firenze al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 25 marzo 1905.

145 Ivi, Relazione al ministro, 7 aprile 1905.

146 Ibid.

147 Ivi, busta 2, fasc. 4, cit., seduta del 29 maggio 1905. Cfr. art. 28, Legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 29 marzo 1903, n. 103.

148 Il referendum si svolse il 23 luglio 1905; su 4.622 elettori iscritti, se ne recarono alle urne 2.802, di cui 1.366 espressero voto favorevole e 1.381 contrario, ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 74, fasc. 948, Prato, cit., lettera del prefetto di Firenze al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 3 agosto 1905.

149 C. Caponi, La lotta politica e sociale, cit., pp. 1350-1351.

150 C. Cresti, Immagine e struttura della città nel tempo dell’industria, in G. Mori (a cura di), Prato, storia di una città, vol. 3*, cit.

151 Art. 96, Regolamento per l’esecuzione della legge 29 marzo 1903, n. 103, sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 10 marzo 1904, n. 108.

152 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 2, fasc. 4, cit., seduta del 29 maggio 1905, cit.; ivi, busta 74, fasc. 948, Prato, cit., Relazione al ministro, 7 aprile 1905. Cfr. ivi, verbali del consiglio comunale di Prato, Referendum per le case popolari. Formula. Ratifica di deliberazione d’urgenza della giunta municipale, seduta del 9 marzo 1905.

153 Art. 92, Regolamento per l’esecuzione della legge 29 marzo 1903, n. 103, sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 10 marzo 1904, n. 108. L’abbassamento del censo e la capacità del semplice alfabetismo introdotti dalla riforma crispina del 1888 avevano infatti comportato un significativo aumento degli iscritti alle liste elettorali amministrative, R. Romanelli, Il comando impossibile. Stato e società nell’Italia liberale, Il Mulino, Bologna 19952, pp. 327-340; P. L. Ballini, Riforma dell’elettorato e lotta amministrativa nella crisi di fine secolo, in M. Degl’Innocenti (a cura di), Verso l’I-talia dei partiti. Gli anni di formazione del PSI, Franco Angeli, Milano 1993, pp. 62-115.

154 Inizialmente la carica di sindaco era stata ricoperta dal repubblicano Alessandro Biggi, dimissionario nella primavera 1903 a causa di forti contrasti sorti fra repubblicani e socialisti. Fra i motivi di scontro figurava la richiesta socialista di rinunciare ad alcuni lavori di abbellimento per costruire le case popolari, L. Gestri, Capitalismo e classe operaia in provincia di Massa-Carrara. Dall’unità d’Italia all’età giolittiana, Olschki, Firenze 1976, pp. 273-275, 297-299.

155 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 102, fasc. 1256, Carrara, case popolari, 1904-1906, lettera del prefetto della provincia di Massa e Carrara al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 10 dicembre 1904; cfr. ivi, verbali del consiglio comunale di Carrara, Approvazione in seconda lettura della deliberazione 18 agosto 1904 sul viale e le case popolari, seduta del 31 agosto 1904; ivi, Decisione della giunta provinciale amministrativa in ordine alla costruzione del viale e case popolari, seduta del 18 agosto 1904.

156 Ivi, verbali del consiglio comunale di Carrara, Decisione della giunta provinciale amministrativa sulla costruzione delle case popolari, seduta del 20 ottobre 1904.

157 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto della provincia di Massa e Carrara, 27 maggio 1905.

158 Sarteschi era infatti figura invisa al prefetto Pio Vittorio Ferrari, L. Gestri, ad vocem, in F. Andreucci, T. Detti (a cura di), Il movimento operaio italiano, cit., vol. IV, p. 524.

159 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 102, fasc. 1256, Carrara, cit., lettera del prefetto della provincia di Massa e Carrara al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, lettera 14 giugno 1905 il prefetto.

160 Cfr. L. Gestri, Capitalismo e classe operaia in provincia di Massa-Carrara, cit., pp. 251-271, 304-328; F. Della Peruta, S. Misiani, P. Adolfo (a cura di), Il sindacalismo federale nella storia d’Italia, Franco Angeli, Milano 2000, p. 94.

161 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 2, fasc. 4, cit., seduta del 13 settembre 1905.

162 Ivi, busta 102, fasc. 1256, Carrara, cit., Relazione al ministro, 29 luglio 1905.

163 Ivi, Relazione al ministro, 3 giugno 1906; ivi, busta 2, fasc. 5, cit., seduta del 27 giugno 1906.

164 Ivi, busta 18, fasc. 154, Case popolari, questionari, 1911, lettera del prefetto di Massa e Carrara al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 30 aprile 1911; ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, ai prefetti di Massa, Pisa, Bologna, Vicenza, 17 marzo 1911.

165 Cfr. Commissione centrale per le case popolari o economiche. VI sessione 1913. Adunanza antimeridiana del 10 ottobre 1913, in «Bollettino di notizie sul credito e sulla previdenza», 1913, n. 5, pp. 781-783; Commissione centrale per le case popolari o economiche. VII sessione 1913. Adunanza del 14 dicembre 1913, ivi, 1914, n. 3-4, pp. 324-327.

166 L. Gestri, Capitalismo e classe operaia in provincia di Massa-Carrara, cit., p. 339.

167 Assai rari cenni biografici sulla figura di Melotti, consigliere comunale dal 1900, sindaco nel periodo 1901-1903 e nuovamente dal 1904 al 1907, ASCCa, Carteggio amministrativo, 1900-1907; ivi, Registro delle delibere del consiglio comunale e della giunta municipale, 1900-1907.

168 S. Ramazza, Le realizzazioni dello IACP di Bologna dal 1906 al 1940, in «Storia urbana», 1982, n. 20, pp. 111-119. Pochi anni prima era comparso l’opuscolo A. Barigazzi, Delle case per gli operai in Bologna. Considerazioni, proposte e progetti, Tip. Neri, Bologna 1903.

169 Verbali del consiglio comunale di Castelfranco dell’Emilia, Comunicazione circa l’oggetto all’ordine del giorno “approvazione di prestito di lire 100.000 per costruzione di case operaie”, seduta del 19 novembre 1905, in ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 40, fasc. 484, Castelfranco dell’Emilia, case popolari, 1906-1922.

170 Ivi, verbali del consiglio comunale di Castelfranco dell’Emilia, Approvazione di prestito di lire 100.000 per costruzione di case operaie, seduta del 10 dicembre 1905; ivi, Approvazione di prestito di lire 100.000 per costruzione di case operaie, seduta del 17 dicembre 1905; ivi, Nuove deliberazioni in ordine al progetto di costruzione di case operaie ed all’occorrente prestito di lire 100.000, seduta del 21 gennaio 1906; ivi, Nuove deliberazioni in ordine al progetto di costruzione di case operaie ed all’occorrente prestito di lire 100.000, seduta del 28 gennaio 1906.

171 Ivi, verbali della giunta provinciale amministrativa di Bologna, Castelfranco. Costruzione di case popolari, seduta del 6 giugno 1906.

172 Ivi, Relazione al ministro, agosto 1906.

173 Ivi, busta 2, fasc. 5, cit., seduta del 21 agosto 1906.

174 Ivi, busta 40, fasc. 484, Castelfranco dell’Emilia, cit., R.D. 8 ottobre 1906; ivi, verbali del Consiglio di Stato, Sezione I, Castelfranco dell’Emilia. Comune. Costruzione di case popolari, adunanza dell’11 settembre 1906.

175 Ivi, verbali del consiglio comunale di Castelfranco dell’Emilia, Provvedimenti finanziari in ordine alla costruzione di case popolari ed approvazione del regolamento per l’esercizio delle medesime, seduta del 15 gennaio 1907.

176 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto al prefetto di Bologna, 4 febbraio e 16 marzo 1907; relative risposte 14 febbraio e 22 marzo 1907. La trasmissione di maggiori ragguagli fu ancora sollecitata dagli uffici ministeriali con nota del 20 aprile 1907.

177 Ivi, lettera del prefetto di Bologna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 26 aprile 1907.

178 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Bologna, 31 maggio 1907.

179 Ivi, Comune di Castelfranco Emilia, Deliberazioni consigliari che approvano il prestito di lire centomila per la costruzione di case operaie.

180 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Direzione generale dell’amministrazione civile, a Giacomo Ferri, 10 luglio 1907.

181 Verdinois fu nominato membro effettivo per gli affari relativi alla municipalizzazione nel 1906, R.D. che nomina la Commissione reale per il credito comunale e provinciale durante il triennio 1907-1909, cit., pp. 14-16. ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 3, fasc. 6, cit., seduta del 22 luglio 1907.

182 Ivi, busta 40, fasc. 484, Castelfranco dell’Emilia, cit., Relazione al ministro, 12 luglio 1907.

183 Art. 7, Legge sulle case popolari, 31 maggio 1903, n. 254.

184 Verbali del consiglio comunale di Castelfranco dell’Emilia, Case popolari, seduta del 5 settembre 1907, in ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 40, fasc. 484, Castelfranco dell’Emilia, cit.

185 Art. 1, Legge che modifica quella del 31 maggio 1903, n. 254, sulle case popolari, 14 luglio 1907, n. 555.

186 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 40, fasc. 484, Castelfranco dell’Emilia, cit., Relazione al ministro, 15 novembre 1907.

187 Ivi, allegato al verbale della seduta della Commissione reale del 18 dicembre 1907; ivi, busta 3, fasc. 6, cit., seduta del 18 dicembre 1907.

188 Ivi, busta 40, fasc. 484, Castelfranco dell’Emilia, cit., lettera del prefetto di Bologna al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 11 marzo 1908: su 894 votanti, si erano registrati 810 voti favorevoli, 81 contrari e 3 schede nulle.

189 Gestioni in economia (circolare n. 4-25 febbraio 1905, n. 15800-13), in «Bollettino ufficiale del Ministero dell’Interno», 1905, n. 7, pp. 239-240.

190 Cfr. R.D. che nomina la Commissione reale per il credito comunale e provinciale durante il triennio 1907-1909, cit., pp. 14-16.

191 Magaldi divenne nel 1912 vicepresidente dell’Istituto nazionale delle assicurazioni. I suoi numerosi scritti attestano una particolare attenzione per il benessere delle classi popolari, F. Rugge, Un nuovo pubblico, cit., p. 35.

192 Cfr. Relazione sullo schema di regolamento per l’esecuzione della legge 31 maggio 1903, n. 254, sulle case popolari (relatore V. Magaldi), in «Atti del Consiglio superiore del lavoro», II sessione ordinaria, Relazioni, marzo 1904, pp. 47-61; Schema di regolamento per l’esecuzione della legge 31 maggio 1903, n. 254, sulle case popolari, approvato dal Consiglio superiore del lavoro e coordinato dal relatore, ivi, pp. 62-76; Seduta pomeridiana del 4 marzo 1904, ivi, Verbali delle sedute, pp. 59-74.

193 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 3, fasc. 6, cit., seduta del 27 novembre 1907; ivi, busta 78, fasc. 985, Cesena, case popolari, 1906-1908, Relazione al ministro, 7 novembre 1907; ivi, allegato al verbale della seduta della Commissione reale 27 novembre 1907.

194 Ivi, verbali del consiglio comunale di Cesena, Costruzione di case popolari. Approvazione del progetto e del mutuo (I lettura), seduta del 3 dicembre 1905.

195 Ibid.; ivi, Costruzione di case popolari. Approvazione del relativo progetto e del mutuo di lire 104.000 all’uopo occorrente, seduta del 13 dicembre 1905.

196 Ivi, Costituzione in azienda speciale della gestione relativa alla costruzione delle case popolari a senso della legge 29 marzo 1903 n. 103, seduta del 5 febbraio 1907; ivi, Costituzione in azienda speciale per le case popolari, seduta del 9 marzo 1907.

197 Sulle iniziative municipaliste dell’amministrazione repubblicana A. Giacomini, C. Riva, Municipalizzazioni e dibattito politico a Cesena in età giolittiana, in A. Berselli, F. Del la Peruta, A. Varni (a cura di), La municipalizzazione nell’area padana, cit., pp. 357-369.

198 Verbali del consiglio comunale di Cesena, Controdeduzioni all’ordinanza 6 aprile 1907 della giunta provinciale amministrativa sulla costituzione dell’azienda per le case popolari, seduta del 30 aprile 1907, in ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 78, fasc. 985, Cesena, cit.

199 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Forlì, 7 dicembre 1907.

200 Ivi, lettera del prefetto di Forlì al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 24 maggio 1907.

201 Il comune di Cesena avrebbe intrapreso con successo la municipalizzazione edilizia nel primo dopoguerra, ivi, busta 78, fasc. 986, Cesena, case popolari, mutuo di lire 1.896.000, 1921; ivi, fasc. 987, Cesena, case popolari, in Borello e Macerone, mutuo di lire 755.500, 1921.

202 R. Balzani, La democrazia cesenate fra radicalismo e repubblicanesimo, in Storia di Cesena, vol. IV, A. Varni, D. Dradi Maraldi (a cura di), Ottocento e Novecento, II (1860-1922), Cassa di Risparmio di Cesena, Rimini 1991, pp. 452-453, 460-462, 487-488.

203 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 178, fasc. 2078, Piombino, case popolari, 1907-1912, lettera del prefetto di Pisa al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 15 giugno 1906, e relativa risposta 30 giugno 1906.

204 Cfr. ivi, Relazione al ministro, 8 febbraio 1907.

205 Ivi, lettera del prefetto di Pisa al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 11 dicembre 1906; ivi, allegato al verbale della seduta della Commissione reale del 9 marzo 1907; ivi, busta 3, fasc. 6, cit., seduta del 9 marzo 1907.

206 La consultazione si svolse in data 7 luglio 1907: su 934 iscritti votarono 504 persone, facendo registrare 481 voti favorevoli, 18 contrari e 5 schede nulle, cfr. ivi, busta 178, fasc. 2078, Piombino, cit., minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Pisa, 18 maggio 1907 e relativa risposta 22 maggio 1907; minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Pisa, 22 luglio 1907 e relativa risposta 4 agosto 1907; minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Pisa, 4 giugno 1912 e relativa risposta tramite telegramma del 2 luglio 1912.

207 Ivi, Relazione al ministro, 8 febbraio 1907, cit.

208 C. Cresti, G. Orefice, La residenza operaia e popolare a Piombino, in «Ricerche storiche», 1978, n. 1, p. 205.

209 P. Favilli, Capitalismo e classe operaia a Piombino. 1861-1918, Editori riuniti, Roma 1974, pp. 244-256.

210 Il problema dell’abitazione in un Comune a rapido sviluppo. Piombino, in «Il Comune Moderno», 1911, p. 102.

211 Ivi, p. 107. Le aste andarono più volte deserte, C. Cresti, G. Orefice, La residenza operaia e popolare a Piombino, cit., p. 206.

212 I. Barbadoro, Il sindacato in Italia. 1908-1914, Teti, Milano 1998, pp. 212 e ssg.

213 U. Chiaramonte, Piombino 1912: lo scioglimento di un comune socialista nel periodo giolittiano, in «Città e regione», 1983, n. 6, pp. 166-173.

214 Tredici anni di amministrazione socialista nel comune di Piombino, in «Il Comune Moderno», 1916, n. 7-8, p. 242. Cfr. ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 18, fasc. 155, Aziende case popolari, questionari: Molinella, Castelleone, Medicina, Lugo, Vicenza, Piombino, Sant’Ilario d’Enza, Verona, Finale nell’Emilia, 1921-1923, lettera del comune di Piombino al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 3 maggio 1922.

215 La fiorente impresa di famiglia era legata alla lavorazione della canapa, ma la sua carriera pubblica era stata favorita dalle nozze con la figlia di Antonio Fogazzaro, A. Castagnoli, E. Scarpellini, Storia degli imprenditori italiani, Einaudi, Torino 2003; R. Camurri, Riccardo Dalle Mole e l’esperienza delle giunte bloccarde nel Veneto giolittiano (1900-1914), Marsilio, Venezia 2000, pp. 69-70.

216 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 233, fasc. 2723, Vicenza, case popolari, 1906-1922, verbali del consiglio comunale di Vicenza, Proposta di acquisto di terreni fra le vie S. M. Maddalena, Forti e S. Bortolo per costruzione di case operaie e civili, seduta del 21 maggio 1907.

217 U. Soragni, Architettura e città dall’Ottocento al nuovo secolo: “Palladianisti” e ingegneri (1848-1915), in F. Barbieri, G. De Rosa (a cura di), Storia di Vicenza, vol. IV/2, L’età contemporanea, Neri Pozza, Vicenza 1993, p. 46.

218 R. Camurri, Riccardo Dalle Mole, cit., pp. 88-89.

219 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 233, fasc. 2723, Vicenza, cit., verbali del consiglio comunale di Vicenza, Proposta di acquisto di terreni fra le vie S. M. Maddalena, Forti e S. Bortolo per costruzione di case operaie e civili, seduta del 21 maggio 1907, cit.; ivi, Relazione della giunta municipale sull’assunzione diretta del servizio delle case popolari a termini degli articoli 18 e seguenti della legge 31 maggio 1903 e 10 e seguenti della legge 29 marzo 1903: approvazione del relativo progetto tecnico e finanziario; del mutuo di lire 300.000 per le spese d’impianto e del bilancio di gestione, 19 dicembre 1907; ivi, Assunzione diretta del servizio delle case popolari a termine dell’art. 10 della legge 29 marzo 1903: approvazione del relativo progetto tecnico e finanziario; del mutuo di lire 300.000 per le spese d’impianto e del bilancio di gestione, seduta del 26 dicembre 1907.

220 Ivi, verbali della giunta provinciale amministrativa di Vicenza, 11 gennaio 1908. La votazione in seconda lettura avvenne in data 31 dicembre 1907.

221 Ivi, relazione dell’ufficiale sanitario di Vicenza, 12 febbraio 1908.

222 Ivi, lettera del sindaco di Vicenza alla Commissione reale, 13 febbraio 1908, con allegato il documento Memoria del Comune di Vicenza sul progetto di municipalizzazione delle case popolari, 5 febbraio 1908; ivi, lettera del prefetto di Vicenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 5 febbraio 1908.

223 Ivi, Relazione al ministro, 29 febbraio 1908.

224 Ivi, busta 3, fasc. 7, Verbali della Commissione, 1908, sedute del 21 e 28 marzo 1908.

225 Ivi, busta 233, fasc. 2723, Vicenza, cit., Relazione al ministro, 17 aprile 1908.

226 Ivi, verbali del Consiglio di Stato, Sezione I, Vicenza. Comune. Spesa per costruzione di case popolari. Questione relativa, adunanza del 1 ° maggio 1908.

227 «L’eccedenza oltre il limite legale della sovraimposta non è di ostacolo all’assunzione di pubblici servizi nelle forme e nelle garanzie stabilite dalla presente legge ed alla erogazione delle relative spese, quand’anche abbiamo carattere facoltativo», art. 29, Legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni, 29 marzo 1903, n. 103.

228 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 233, fasc. 2723, Vicenza, cit., Relazione al ministro, 16 maggio 1908.

229 Ivi, busta 3, fasc. 7, cit., seduta del 23 maggio 1908.

230 Ibid; ivi, busta 233, fasc. 2723, Vicenza, cit. Ernesto Melis, capo di divisione presso la Direzione generale della Cassa depositi e prestiti, era stato nominato con l’ultimo rinnovo delle cariche, R.D. che nomina la Commissione reale per il credito comunale e provinciale durante il triennio 1907-1909, cit., p. 14.

231 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 233, fasc. 2723, Vicenza, cit., lettera del sindaco di Vicenza al prefetto di Vicenza, 14 maggio 1908; ivi, lettera del sindaco di Vicenza alla Commissione reale, 21 maggio 1908; ivi, lettera del prefetto di Vicenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 15 maggio 1908.

232 Comune di Vicenza, Bilanci di previsione per l’esercizio finanziario 1910 del Comune e delle Aziende speciali Acquedotto, Gas, Elettricità, Tram elettrico urbano, Case popolari e Macelleria, Arti Grafiche Vicentine, Vicenza 1910, p. III, ivi, fasc. 2723,1, Vicenza, case popolari, 1906-1910.

233 Ivi, fasc. 2723, Vicenza, cit., verbali del consiglio comunale di Vicenza, Conferma in seconda lettura della deliberazione 8 agosto corr. con cui fu approvata la costruzione di nuove case popolari per un milione di lire; e si approvarono ad un tempo i provvedimenti relativi all’ampliamento dell’azienda, 15 agosto 1910; ivi, lettera del prefetto di Vicenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 28 giugno 1910.

234 Ivi, Relazione al ministro, s. g. febbraio 1911.

235 U. Soragni, Architettura e città dall’Ottocento al nuovo secolo, cit., pp. 46-51.

236 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 233, fasc. 2723, Vicenza, cit., relazione della giunta municipale di Vicenza, 3 aprile 1911; ivi, allegati al verbale delle sedute della Commissione reale del 9 marzo e 24 aprile 1911; ivi, busta 3, fasc. 10, Verbali della Commissione, 1911, sedute del 9 marzo e 24 aprile 1911.

237 Il primo referendum si era svolto il 19 luglio 1908, con il conseguimento di 3.760 voti favorevoli contro 285 contrari, ivi, busta 233, fasc. 2723, Vicenza, cit.; ivi, lettera del prefetto di Vicenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 18 agosto 1908. La seconda consultazione avvenne invece il 18 giugno 1911 e anche questa volta risultò contraria al progetto una netta minoranza, con la vittoria di 5.258 voti favorevoli e 718 contrari, ivi, lettere del prefetto di Vicenza al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 5 giugno e 26 giugno 1911. Nel primo dopoguerra, l’azienda avrebbe promosso la costruzione di altre case: ivi, verbali del consiglio comunale di Vicenza, Progetto per la costruzione di nuove case popolari, seduta del 20 agosto 1920; ivi, Conferma in seconda lettura della deliberazione consiliare 20 agosto 1920 relativa al progetto per la costruzione di nuove case popolari, seduta del 25 agosto 1920.

238 Sul clima della lotta politica nel Veneto bloccardo E. Franzina, La transizione dolce. Storie del Veneto tra’800 e’900, Cierre, Verona 1990, pp. 337-359.

239 AMCPS, Profilo storico della azienda municipalizzata case popolari e servizi di Vicenza, Centro ricerche e consulenze, Vicenza 1982. Si veda anche il sito internet http://www.aimamcps.it/it/azienda/ChiSiamo_valore_citta_AMCPS

240 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 175, fasc. 2027, Fermignano, case popolari, 1904-1911.

241 Ivi, verbali del consiglio comunale di Fermignano, Costruzione di case popolari. Provvedimenti e lavori d’igiene, seduta del 28 novembre 1903; ivi, Seconda lettura dell’atto consigliare 28 novembre relativo alla costruzione di case popolari e ai lavori d’igiene, seduta del 30 dicembre 1903.

242 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Pesaro e Urbino, 5 marzo 1905, a cui seguirono note di sollecito datate 31 ottobre e 11 dicembre 1905, 21 gennaio, 5 aprile e 6 novembre 1906, mentre la risposta del prefetto recava la data del 17 novembre 1906.

243 Ivi, verbali del consiglio comunale di Fermignano, Progetto di sistemazione della piazza Garibaldi e costruzione di case operaje, seduta del 16 novembre 1905; ivi, Conferma della deliberazione consigliare 16 novembre 1905. Progetto di sistemazione della piazza Garibaldi e costruzione di case operaje, 8 dicembre 1905; ivi, Contrattazione di un prestito di lire 25.000 con la Cassa depositi e prestiti per la costruzione delle case operaie e sistemazione della piazza Garibaldi, seduta del 5 maggio 1906; ivi, Conferma della deliberazione consigliare 4 maggio 1906 circa la contrattazione di un prestito di lire 25.000 per la costruzione delle case operaie e sistemazione della piazza Garibaldi, seduta del 2 luglio 1906.

244 Ivi, lettera della Direzione generale della Cassa depositi e prestiti al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 14 dicembre 1906.

245 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, alla Direzione generale della Cassa depositi e prestiti, 1 ° febbraio 1907.

246 Ivi, lettere della Direzione generale della Cassa depositi e prestiti al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 25 febbraio e 21 marzo 1907.

247 Ivi, lettera del prefetto di Pesaro e Urbino al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 27 maggio 1907.

248 Ivi, la missiva era datata 16 maggio 1907.

249 Ivi, Relazione al ministro, 22 giugno 1907.

250 Ivi, allegato al verbale della seduta della Commissione reale dell’8 luglio 1907.

251 Ivi, busta 3, fasc. 6, cit., seduta dell’8 luglio 1907.

252 Ivi, busta 175, fasc. 2027, Fermignano, cit.

253 Ivi, lettera di Angelo Battelli a Luigi Facta, 24 giugno 1907.

254 Ivi, busta 119, fasc. 1551, San Felice sul Panaro, case popolari, 1907-1922, lettera del sindaco di San Felice sul Panaro al Ministero dell’Interno, 20 novembre 1907.

255 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Modena, 5 dicembre 1907.

256 Ivi, lettera del prefetto di Modena al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 13 dicembre 1907.

257 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Modena, 11 febbraio 1908 e relativa risposta, 18 febbraio 1908.

258 Sulla sua figura M. Degl’Innocenti, La lotta politica e sociale nella Bassa modenese tra ’800 e’900: i socialisti, in M. Pecoraro (a cura di), Gregorio Agnini e la società modenese, Marsilio, Venezia 1985, pp. 180-183.

259 Verbali del consiglio comunale di San Felice sul Panaro, Progetto e piano finanziario per le case popolari (I lettura), seduta del 24 luglio 1905, in ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 119, fasc. 1551, San Felice sul Panaro, cit.

260 Ivi, Gestione ed azienda speciale per le case popolari, seduta del 1 ° marzo 1908; ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Modena, 22 maggio 1908.

261 Ivi, lettera del prefetto di Modena al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 5 giugno 1908, a cui rispondeva una missiva datata al 20 dello stesso mese.

262 Cfr. ivi, verbali del consiglio comunale di San Felice sul Panaro, Provvedimenti per le case popolari, seduta del 17 agosto 1908.

263 Ivi, lettera del prefetto di Modena al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 5 settembre 1908.

264 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Modena, 21 settembre 1908 e relativa risposta del 9 novembre 1908.

265 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Modena, 23 dicembre 1908 e 7 gennaio 1909.

266 Ivi, verbali del consiglio comunale di San Felice sul Panaro, Provvedimenti per le case popolari, seduta del 17 luglio 1909.

267 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Modena, 7 aprile 1909.

268 Municipalizzazione dei pubblici servizi (circolare 10 marzo 1909-n. 15800-13 57653), in «Bollettino del Ministero dell’Interno», 1909, n. 9, pp. 506-510.

269 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 3, fasc. 7, cit., seduta del 12 dicembre 1908.

270 Ivi, busta 119, fasc. 1551, San Felice sul Panaro, cit., Relazione al ministro, 2 settembre 1909.

271 Ivi, busta 3, fasc. 8, Verbali della Commissione, 1909, seduta del 23 ottobre 1909. Nel primo dopoguerra furono realizzati altri caseggiati, come attesta la corrispondenza intrattenuta tra il Ministero dell’Interno e il Ministero per l’Industria e il Commercio, ivi, busta 119, fasc. 1551, San Felice sul Panaro, cit.

272 Ivi, busta 85, fasc. 1054, Mele, case popolari, 1907-1913, lettera della Direzione generale della Cassa depositi e prestiti al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 19 novembre 1907.

273 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Genova, 30 novembre 1907.

274 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Genova, 9 febbraio 1908 e relativa risposta datata al 15 del mese.

275 Ivi, verbali del consiglio comunale di Mele, Progetto di una casa popolare comunale in via Capitan Barbarossa, seduta del 30 maggio 1905; ivi, Approvazione in seconda lettura del progetto di edificazione della prima casa popolare, seduta del 1 ° agosto 1905; ivi, Approvazione definitiva del progetto modificato della prima casa popolare in via Capitan Barbarossa e determinazione della relativa spesa e dei mezzi per farvi fronte, seduta del 29 maggio 1906; ivi, Approvazione in seconda lettura del progetto modificato della prima casa popolare, dei mezzi per far fronte alla spesa e dell’esercizio in economia del relativo esercizio, seduta del 17 luglio 1906; ivi, Nuove deliberazioni circa la costruzione d’una casa popolare, seduta del 18 marzo 1908; ivi, Nuove deliberazioni circa la costruzione d’una casa popolare (2° lettura), seduta dell’8 aprile 1908.

276 Ivi, Municipio di Mele, Progetto di massima tecnico e finanziario per la costruzione di case popolari, relazione della giunta municipale, 6 marzo 1908.

277 Cfr. ivi, lettera del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 2 giugno 1908; ivi, lettera del sindaco di Mele al presidente della Commissione reale, 11 agosto 1908; a cui rispose la lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al prefetto di Genova, 19 agosto 1908; lettera del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 21 ottobre 1908.

278 Ivi, Relazione al ministro, s. g. luglio 1908; ivi, allegato n. 1 al verbale della seduta della Commissione reale del 31 ottobre 1908.

279 Ivi, allegato n. 2 al verbale della seduta della Commissione reale del 31 ottobre 1908.

280 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al prefetto di Genova, 23 gennaio 1909, e relativo sollecito 19 febbraio 1909, a cui il prefetto rispose con nota datata 22 febbraio 1909.

281 Ivi, verbali del consiglio comunale di Mele, Osservazioni della Commissione reale pel credito comunale e provinciale all’istituto case popolari, seduta del 3 febbraio 1909.

282 Ivi, Relazione al ministro, 17 novembre 1909; ivi, allegati al verbale della seduta della Commissione reale del 27 novembre 1909.

283 Ivi, lettera del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 9 dicembre 1911.

284 Ivi, appunto ms. risalente al febbraio 1912.

285 Cfr. ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al prefetto di Genova, 13 marzo e 4 maggio 1912, 23 gennaio e 11 marzo 1913; ivi, lettere del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 7 giugno 1912 e 3 marzo 1913.

286 Organizzatore della sezione socialista locale, Canepa fu ancora sindaco nel primo dopoguerra. Compì uno studio sulla sistemazione del porto di Genova, di cui fu presidente del consorzio autonomo negli anni della liberazione, C. Canepa, Dal Polcevera al Varenna. La nuova città industriale, SIAG, Sestri Ponente 1920; O. Bevegni, ad vocem, in F. Andreucci, T. Detti (a cura di), Il movimento operaio italiano, cit., vol. I, pp. 483-484.

287 Il prefetto che seguì le pratiche dei comuni di Mele e Sestri Ponente fu Camillo Eugenio Garroni Carbonara, in carica dal 1897 al 1911, anno in cui lasciò l’ufficio per diventare ambasciatore a Costantinopoli, M. Pignotti, Notabili candidati elezioni. Lotta municipale e politica nella Liguria giolittiana, Franco Angeli, Milano 2001, pp. 59-60.

288 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 86, fasc. 1090, Sestri Ponente, case popolari, 1907-1913, lettera del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 30 luglio 1909; ivi, verbali del consiglio comunale di Sestri Ponente, Costruzione di case popolari, seduta del 18 marzo 1907; ivi, seduta dell’8 aprile 1907 per la deliberazione in seconda lettura.

289 Ivi, Regolamento per la gestione delle case popolari, seduta dell’11 maggio 1909.

290 Ivi, copia di lettera del sindaco di Sestri Ponente al prefetto di Genova, 22 luglio 1909.

291 Ivi, verbali della giunta provinciale amministrativa di Genova, seduta del 19 settembre 1907.

292 Ivi, minuta di telegramma del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al prefetto di Genova, 11 agosto 1909.

293 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al prefetto di Genova, 18 agosto 1909.

294 Ivi, copia di lettera del sindaco di Sestri Ponente al prefetto di Genova, 14 settembre 1909, inoltrata dal prefetto tramite nota del successivo 18 settembre.

295 C. Pavese, Gli assetti proprietari e istituzionali, in V. Castronovo (a cura di), Storia dell’Ansaldo. 9. Un secolo e mezzo, Laterza, Roma-Bari 2003, pp. 38-40.

296 G. Favretto, Una città mancata. Crescita urbana e trasformazioni del territorio, in Immagini e spazi urbani. Sestri Ponente 1880-1960, catalogo della mostra, Genova, marzo 1986, Electa, Milano 1986, pp. 15-18. Sulle condizioni delle case Le abitazioni operaie e la salute pubblica, in «Rivista municipale», 1904, n. 10-11, pp. 230-232.

297 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 86, fasc. 1090, Sestri Ponente, cit., copia di lettera del sindaco di Sestri Ponente al prefetto di Genova, 14 settembre 1909, cit.

298 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al prefetto di Genova, 29 settembre 1909 e successivi solleciti 16 novembre e 19 dicembre 1909.

299 Ivi, Relazione al ministro, 3 marzo 1910; ivi, Comune di Sestri Ponente, Case popolari municipali assunzione diretta del servizio e contabilità relativa.

300 Ivi, allegato D al verbale della seduta della Commissione reale del 18 aprile 1910.

301 Crespo era stato eletto con il rinnovo delle cariche, R.D. che nomina la Commissione reale pel credito comunale e provinciale, in «Bollettino del Ministero dell’Interno», 1910, n. 5, p. 236.

302 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 3, fasc. 9, Verbali della Commissione, 1910, seduta del 18 aprile 1910.

303 Ivi, busta 86, fasc. 1090, Sestri Ponente, cit., verbali del consiglio comunale di Sestri Ponente, Istituzione di azienda speciale per le case popolari municipali, seduta del 15 settembre 1910; ivi, seduta del 6 ottobre 1910 per la votazione in seconda lettura. Alle deliberazioni era stato allegato il fascicolo con la relazione della giunta Comune di Sestri Ponente, Istituzione di azienda speciale per le case popolari municipali, Bruzzone, Sestri Ponente 1910.

304 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al prefetto di Genova, 19 settembre, 4 novembre e 10 dicembre 1910, 7 maggio 1911; a cui il prefetto rispose tramite note 26 settembre, 15 ottobre e 13 dicembre 1910.

305 Cfr. ivi, copie delle lettere dell’Ufficio del genio civile di Genova al prefetto di Genova, 18 marzo e 27 ottobre 1911.

306 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al prefetto di Genova, 7 maggio, 13 agosto, 10 ottobre e 21 novembre 1911; 19 gennaio e 20 febbraio 1912; a cui il prefetto rispose tramite note del 13 maggio 1911 e 27 marzo 1912.

307 Ivi, lettere del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 27 marzo e 10 aprile 1912. La giunta provinciale amministrativa approvò il progetto nella seduta del 28 marzo 1912.

308 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi al prefetto di Genova, 4 maggio 1912; l’invio dei dati fu sollecitato tramite note datate 19 giugno, 9 agosto e 2 ottobre 1912, mentre la risposta fu trasmessa dal prefetto con lettera 15 novembre 1912.

309 Ivi, lettera del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 19 dicembre 1912.

310 Ivi, allegati C e D al verbale della seduta della Commissione reale del 7 aprile 1913; ivi, busta 3, fasc. 12, Verbali della Commissione, 1913, seduta del 7 aprile 1913.

311 Ivi, busta 86, fasc. 1090, Sestri Ponente, cit., lettera del prefetto di Genova al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 7 giugno 1913.

312 Fotografie storiche dei caseggiati in Immagini e spazi urbani, cit., p. 80.

313 Le sue competenze furono all’origine del piano regolatore predisposto nel 1920, non attuato per il sopraggiungere del fascismo, G. Favretto, Una città mancata, cit., pp. 19-20; E. Poleggi, P. Cevini, Genova, Laterza, Roma-Bari 1991, pp. 227-231.

314 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 72, fasc. 905, Castelfiorentino, case popolari, 1908-1911, lettera del prefetto di Firenze al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 9 luglio 1908.

315 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Firenze, 2 agosto 1908.

316 Ivi, lettera del prefetto di Firenze al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 3 gennaio 1910.

317 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Firenze, 14 gennaio 1910; cfr. anche ivi, verbali del consiglio comunale di Castelfiorentino, Appresellamento dell’attuale piazzale delle fiere e trasporto di queste sul giuoco del pallone, seduta del 12 aprile 1910; ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Firenze, 23 agosto e 8 novembre 1911; relative risposte 16 settembre e 28 novembre 1911.

318 M. Caciagli, La lotta politica in Valdelsa dal 1892 al 1915, Società storica della Valdelsa, Castelfiorentino 1990, pp. 169-170, 204-205.

319 F. Nucci, D. Pellegrinotti, La miglior genia. Storia del Novecento in una cittadina toscana: Campi Bisenzio, vol. I, Dallo sciopero delle trecciaiole alla seconda guerra mondiale. 1869-1939, Comune di Campi Bisenzio, Campi Bisenzio 2002, p. 104.

320 Verbali del consiglio comunale di Campi Bisenzio, Case popolari. Relazione finanziaria, seduta del 10 maggio 1906, in ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 71, fasc. 900, Campi Bisenzio, case popolari, 1908-1910; ivi, lettera del prefetto di Firenze al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 8 luglio 1908 e relativa risposta datata 23 agosto 1908.

321 F. Nucci, D. Pellegrinotti, La miglior genia, cit., p. 120.

322 La cooperativa costruì alcuni caseggiati nel 1911, ivi, pp. 127-129.

323 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 56, fasc. 726, Lecco, case popolari, 1907-1911, verbali del consiglio comunale di Lecco, Domanda della Società cooperativa per la costruzione di case popolari diretta ad ottenere la gratuita concessione di 8.000 metri quadrati di terreno fabbricabile, seduta dell’8 febbraio 1910.

324 Divenuto sindaco nel 1897, Ongania morì nel 1911. Sulla sua figura, nota anche come alpinista, A. Silvestri, Contributi del Regio Istituto Tecnico Superiore di Milano in Trentino tra i due secoli (con un’appendice di lettere inedite di Giuseppe Colombo ad Alessandro Panzarasa), in «Annali di storia delle Università italiane», 2008, n. 12, pp. 225-248.

325 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 56, fasc. 726, Lecco, cit., minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Como, 23 settembre 1908; ivi, verbali del consiglio comunale di Lecco, Proposta di massima della giunta municipale per la costruzione di un gruppo di case popolari e di un fabbricato per sede dei pubblici servizi e relativo piano finanziario, seduta del 31 maggio 1907; ivi, Comunicazioni intorno ad alcune proposte di acquisto di terreno per costruzione di case operaie ed altri edifici ad uso dei servizi pubblici e provvedimenti relativi, seduta del 31 gennaio 1908.

326 Ivi, lettera del prefetto di Como al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 25 febbraio 1909.

327 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Como, 23 maggio e 11 agosto 1911; ivi, verbali del consiglio comunale di Lecco, Revoca della deliberazione 31 maggio 1907 riguardante la costruzione diretta di case popolari, 4 luglio 1911.

328 Cronaca della politica delle abitazioni, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», giugno 1907, p. 1276; ivi, p. 529; ivi, p. 1450; ivi, 1908, p. 146.

329 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 56, fasc. 726, Lecco, cit., minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Como, 28 settembre 1907; ivi, verbali del consiglio comunale di Lecco, Proposta di massima della giunta municipale per la costruzione di un gruppo di case popolari e di un fabbricato per sede dei pubblici servizi e relativo piano finanziario, seduta del 31 maggio 1907, cit.

330 Cronaca della politica delle abitazioni, in «Bollettino dell’Ufficio del lavoro», agosto 1907, p. 529.

331 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 22, fasc. 213, Novi Ligure, case popolari, 1907-1908, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Alessandria, 28 settembre e 5 novembre 1907, 17 marzo 1908; relative risposte del 19 ottobre e 15 novembre 1907, 17 maggio 1908. Cfr. anche ivi, verbali del consiglio comunale di Novi Ligure, Case popolari, seduta del 30 luglio 1907.

332 Ivi, busta 195, fasc. 2309, Mentana, case popolari, 1909-1910, verbali del consiglio comunale di Mentana, Approvazione progetto case popolari, seduta del 18 marzo 1906; ivi, Mutuo della Cassa depositi e prestiti per la costruzione delle case popolari, seduta del 26 settembre 1907; ivi, In seconda lettura mutuo della Cassa depositi e prestiti per la costruzione delle case popolari, seduta del 27 ottobre 1907; ivi, Costruzione case popolari, seduta del 14 giugno 1908; ivi, Costruzione case popolari, seduta del 16 agosto 1908; ivi, Case popolari, seduta dell’8 novembre 1908; ivi, Mutuo per le case popolari, seduta del 19 settembre 1909; ivi, Seconda lettura mutuo per le case popolari, seduta del 17 ottobre 1909, Case popolari, seduta del 18 aprile 1909; ivi, Costruzione delle case popolari, seduta del 6 giugno 1909; ivi, Conferma della deliberazione case popolari in seconda lettura, seduta del 20 giugno 1909; ivi, Case popolari, seduta del 25 agosto 1912.

333 Ivi, allegato B al verbale della seduta della Commissione reale del 23 maggio 1910.

334 Ivi, busta 3, fasc. 9, cit., seduta del 23 maggio 1910.

335 Ivi, 195, fasc. 2309, Mentana, cit., Relazione al ministro, 14 maggio 1910; ivi, allegato A al verbale della seduta della Commissione reale del 23 maggio 1910.

336 Ivi, busta 3, fasc. 9, cit., seduta del 23 maggio 1910, cit. Bonaventura Graziani, di lì a poco vice direttore dell’Amministrazione civile, fu nominato prefetto di Macerata da Nitti nel 1919, quattro anni dopo assunse l’ufficio a Caserta e nel 1926 passò a Messina, M. Missori, Governi, alte cariche dello stato, alti magistrati e prefetti del regno d’Italia, Ministero per i beni culturali e ambientali, Ufficio centrale per i beni archivistici, Roma 1989, pp. 445, 509, 520; L. Ponziani, Il fascismo dei prefetti: amministrazione e politica nell’Italia meridionale, Meridiana libri, Catanzaro 1995, pp. 74-75; M. Saija, I prefetti italiani nella crisi dello stato liberale, vol. I, cit., pp. 421, 442-443.337 R.D. che nomina la Commissione reale pel credito comunale e provinciale pel triennio 1913-1915, cit., p. 234; Decreto luogotenenziale che costituisce la Commissione reale pel credito comunale e provinciale pel triennio 1916-1918, in «Bollettino del Ministero dell’Interno», 1916, n. 9, pp. 342-343. Qualche mese prima era stato ridotto il numero dei membri, Decreto luogotenenziale n. 1867 concernente la nuova composizione della Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei servizi pubblici, ivi, n. 3, pp. 86-88.

337 R.D. che nomina la Commissione reale pel credito comunale e provinciale pel triennio 1913-1915, cit., p. 234; Decreto luogotenenziale che costituisce la Commissione reale pel credito comunale e provinciale pel triennio 1916-1918, in «Bollettino del Ministero dell’Interno», 1916, n. 9, pp. 342-343. Qualche mese prima era stato ridotto il nume­ro dei membri, Decreto luogotenenziale n. 1867 concernente la nuova composizione della Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei servizi pubblici, ivi, n. 3, pp. 86-88.

338 Coletta fu nominato a seguito del decesso di Miceli, R.D. che nomina il comm. Nicola Coletta a membro della Commissione reale pel credito comunale, ivi, 1908, n. 20, pp. 1386-1387; R.D. che nomina la Commissione reale pel credito comunale e provinciale, cit., p. 236.

339 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 3, fasc. 9, cit., seduta del 23 maggio 1910, cit.

340 Ivi, busta 195, fasc. 2309, Mentana, cit., lettera del prefetto di Roma al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 18 luglio 1911 e relativa risposta datata 5 agosto 1911.

341 Nel 1911 divenne sindaco Ermanno Santucci, il quale mantenne la carica sino al 1918 quando rassegnò le dimissioni; unitosi poi al fascismo fu vice podestà negli anni Trenta, L. Cantagalli, Storie del regno d’Italia nella vita della Sabina romana, Aracne, Roma 2003, pp. 92-95, 265.

342 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 195, fasc. 2309, Mentana, cit., minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Roma, 25 maggio, 20 giugno e 9 agosto 1912; relative risposte 19 giugno e 12 settembre 1912; ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Roma, 20 febbraio 1914 e relativa risposta del successivo 17 aprile.

343 Ivi, busta 90, fasc. 119, Grosseto, case popolari, 1907-1924, lettera del regio commissario del comune di Grosseto al presidente del Consiglio dei ministri, 26 novembre 1907; ivi, deliberazioni del regio commissario del comune di Grosseto, Provvedimenti per la mancanza di abitazioni in Grosseto. Costruzioni di case. Sospensione della esecuzione di deliberati consigliari e determinazioni diverse, 2 novembre 1907; ivi, Imposta e sovrimposta sui fabbricati di nuova costruzione. Domanda al governo ed alla provincia per esonero o sgravio temporaneo, 2 novembre 1907.

344 Ivi, Comune di Grosseto, Regolamento per concessione di premi e facilitazioni ai costruttori di case e quartieri per abitazioni civili, Tipografia dell’Etruria, Grosseto 1905.

345 Comitato elettorale indipendente. Elettori amministrative del comune di Grosseto!, in “L’Ombrone”, 22 dicembre 1907.

346 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 90, fasc. 119, Grosseto, cit., lettera del prefetto di Grosseto al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 17 gennaio 1908.

347 Ibid.

348 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Grosseto, 26 febbraio 1908.

349 Ivi, lettera del prefetto di Grosseto al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 8 marzo 1908.

350 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Direzione generale dell’amministrazione civile, divisione II, al prefetto di Grosseto, 30 marzo 1908.

351 Elezioni amministrative, in “L’Ombrone”, 22 dicembre 1907.

352 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 90, fasc. 119, Grosseto, cit., minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Grosseto, 13 gennaio 1910.

353 Nel gennaio 1908 divenne prefetto di Grosseto Carlo Re che sul finire dell’anno lasciò l’incarico a Ettore Bertagnoni, già sostituito nell’ottobre dell’anno seguente da Almerindo Rinaldi, rimasto sino al 1913, M. Missori, Governi, alte cariche dello stato, alti magistrati e prefetti del regno d’Italia, cit., pp. 488-489.

354 ACS, MI, DGAC, Commissione reale per il credito comunale e provinciale e per la municipalizzazione dei pubblici servizi, busta 90, fasc. 119, Grosseto, cit., minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Grosseto, 7 febbraio 1910.

355 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Direzione generale dell’amministrazione civile, divisione II, al prefetto di Grosseto, 26 febbraio 1910.

356 Ivi, minute di lettere del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Grosseto, 24 marzo, 6 maggio e 5 giugno 1910.

357 Ivi, lettera del prefetto di Grosseto al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 30 settembre 1910.

358 Ivi, verbali del consiglio comunale di Grosseto, Case popolari. Richiesta del Ministero per la costituzione di un’azienda speciale. Determinazioni, seduta del 30 novembre 1910.

359 Ivi, Case popolari. Municipalizzazione con azienda speciale, seduta del 22 giugno 1911; ivi, lettera del prefetto di Grosseto al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 2 febbraio 1911; ivi, Comune di Grosseto, Municipalizzazione delle case popolari, 5 maggio 1912.

360 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Grosseto, 9 marzo 1912 e relativa risposta del successivo 29 marzo.

361 Ivi, foglio ms. s. d. recante l’intestazione Grosseto case popolari.

362 Ivi, busta 3, fasc. 13, Verbali della Commissione, 1914, seduta del 14 ottobre 1914.

363 Ivi, busta 90, fasc. 119, Grosseto, cit., Relazione al ministro, 28 giugno 1914.

364 Ivi, allegati A e B al verbale della seduta della Commissione reale del 14 ottobre 1914.

365 Ivi, lettera del prefetto di Grosseto al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 20 settembre 1915. Cfr. anche la missiva inoltrata dal prefetto in data 29 luglio 1915.

366 Ivi, lettera del prefetto di Grosseto al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 11 dicembre 1915.

367 Ivi, lettera del prefetto di Grosseto al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 21 novembre 1916.

368 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Grosseto, 13 dicembre 1916.

369 Ivi, lettera del prefetto di Grosseto al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 5 marzo 1917.

370 Ivi, minuta di lettera del Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, al prefetto di Grosseto, 20 marzo 1917.

371 Ivi, Municipio di Grosseto, Costruzione ed esercizio di case popolari od economiche. Regolamento per l’azienda speciale a seconda della legge e regolamento sulla municipalizzazione dei pubblici servizi, approvato dalla giunta provinciale amministrativa il 23 aprile 1921; ivi, lettera del prefetto di Grosseto al Ministero dell’Interno, Assunzione diretta dei pubblici servizi, 31 maggio 1921. Il problema delle case. Osservazioni e proposte del comm. ing. ag. Egidio Bruchi, Società editoriale fiorentino, Firenze 1921.

372 Cfr. I nostri urgenti bisogni. Relazione del sindaco Egidio Bruchi all’on. Commissione ministeriale per la Maremma toscana, Stab. Tip. Toscano, Pisa 1910.

373 Legge (testo unico) sulle case popolari o economiche, 27 febbraio 1908, n. 89.