Version classiqueVersion mobile

Capire il copyright

 | 
Simone Aliprandi

Capitolo Terzo. Il funzionamento del diritto d'autore

Texte intégral

1. L'ORIGINE DEI DIRITTI

1.1. La nascita “automatica” dei diritti

1Generalmente, la prima domanda che si pone chi vuole tutelare un prodotto della sua creatività è: “come faccio ad ottenere i diritti sulla mia opera?”. Purtroppo questo è uno degli aspetti su cui si crea facilmente confusione, dato che nell’immaginario comune l’acquisizione dei diritti d’autore si perfeziona attraverso una non ben specificata formalità, come può essere il deposito dell’opera alla SIAE.

  • 10 -A dire il vero, in origine l'editto della regina Anna d’Inghilterra, per l'acquisizione dei dirit (...)

2Il diritto d’autore, a differenza del brevetto (che appunto richiede una registrazione presso appositi uffici), è per così dire “automatico”: l’autore acquisisce il complesso dei diritti sull’opera con la semplice creazione della stessa10 . Ciò è cristallizzato nell’art. 2576 cod.civ. che si riporta (e che riprende pedissequamente l'art. 6 della L. 633/41):

LA NORMA
Art. 2576 cod. civ. (art. 6 LDA)
Il titolo originario dell’acquisto del diritto di autore è costituito dalla creazione dell’opera, quale particolare espressione del lavoro intellettuale.

3A nulla rileva dunque l’intervento della SIAE o di altri fantomatici organi certificatori. Un'opera dell'ingegno che mostra alcuni requisiti minimi per essere considerata tale, è soggetta fin da subito alla tutela prevista dal diritto d'autore per la sua tipologia di opera; e il suo creatore acquisisce su di essa tutti i diritti-poteri previsti dalla legge.

4A dire il vero, la legge sul diritto d’autore prescrive all’art. 105 l’onere di depositare una copia dell’opera in un apposito ufficio istituito presso la presidenza del Consiglio; ma subito dopo (all’art 106) precisa che l’omissione di tale formalità non pregiudica l’acquisto e l’esercizio del diritto d’autore.

1.2. La paternità dell'opera e la questione della prova

5Dunque il problema sussiste più che altro dal punto di vista della prova della paternità dell’opera e del momento della sua creazione. In pratica, ciò che può richiedere un procedimento formale è la certificazione che il signor Mario Rossi ha creato nella tale data l’opera XYZ, in modo che nessun altro possa vantare la paternità sull’opera da quel momento in poi. Ma non è che i diritti in capo all’autore sussistono solo dal momento di questa certificazione, perché - come già detto - essi esistevano già dal momento della creazione.

6E’ una questione solo di natura probatoria, allo scopo di difendersi da eventuali pretese altrui o abusi relativi alla paternità di quell’opera. In sostanza, quello di cui deve preoccuparsi l'autore di un'opera per poter esercitare i suoi diritti è riuscire eventualmente a dimostrare di possedere legittimamente un esemplare dell'opera in una data certa (anteriore a quella di qualunque altro pretendente).

7I metodi per provare l’esistenza di un’opera in una data certa sono vari: pubblicarla all’interno di una edizione periodica (un giornale, una rivista), depositarla presso enti pubblici tenuti a protocollare e registrare alcuni tipi di documenti (si veda l’esempio di una tesi di laurea che viene conservata per un certo numero di anni negli archivi dell’università), depositarla presso un apposito ufficio della SIAE o presso altri enti specializzati, depositarla presso un notaio, fare in modo che vi venga apposto un timbro postale.

8C’è da dire poi che l’avanzamento delle tecnologia digitali sta portando forti cambiamenti anche in quest’ambito, soprattutto grazie ai sistemi di firma digitale certificata, come disciplinata dal D.P.R. 445 del 2000, da cui derivano i sistemi di timestamping (marca temporale) e di e-mail certificata (che a tutti gli effetti sostituisce la raccomandata, garantendo anche l’integrità dei file allegati).

9Si tratta di aspettare ancora pochi anni, quando i meccanismi digitali di riconoscimento e sottoscrizione saranno a pieno regime (cioè sufficientemente diffusi) e gran parte di questi problemi verrà risolta.

10Una precisazione: tutti questi meccanismi di certificazione (siano essi quelli tradizionali o quelli digitali) non dichiarano che il signor Mario Rossi ha effettivamente creato l’opera “XYZ”, ma solamente che il signor Mario Rossi ha dimostrato di essere in possesso di un esemplare dell’opera XYZ in una tale data. In effetti -a pensarci bene -se ci presentiamo da un notaio con uno spartito musicale sostenendo di esserne gli autori, egli non può far altro che certificare che ci siamo presentati nel suo studio il tal giorno alla tal ora e abbiamo depositato alcuni spartiti musicali. Il notaio non può certificare altre informazioni, poiché non ha modo di verificare se quello spartito è davvero frutto della nostra creatività o se abbiamo semplicemente trascritto un brano di Mozart, o -ancora peggio -abbiamo plagiato l’opera di un nostro compagno di orchestra.

11Qui però siamo nella sfera dell’illecito penale di chi falsamente si professa autore di un’opera altrui: situazione che esamineremo a suo tempo e che comporta particolari sanzioni.

12Dal punto di vista del puro diritto d’autore, la legge italiana aggira ogni problema compiendo quella che nel gergo giuridico è chiamata presunzione e confermando che la questione si sposta più che altro sul versante probatorio:

LA NORMA
Art. 8 LDA (comma I)
E' reputato autore dell'opera, salvo prova contraria, chi è in essa indicato come tale, nelle forme d'uso, ovvero è annunciato come tale nella recitazione, esecuzione, rappresentazione o radiodiffusione, dell'opera stessa.

2. - REQUISITI PER LA TUTELA

2.1. - Il carattere creativo

13Abbiamo dunque chiarito che il diritto d'autore sorge automaticamente e abbiamo intanto fatto cenno ad alcuni requisiti minimi che le opere dell'ingegno devono possedere affinché possano essere oggetto della tutela giuridica.

14Iniziamo il ragionamento con una riflessione sul testo del primo articolo della legge:

LA NORMA
Art. 1 LDA (comma I)
Sono protette ai sensi di questa legge le opere dell'ingegno di carattere creativo che appartengono alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all'architettura, al teatro ed alla cinematografia, qualunque ne sia il modo o la forma di espressione.

15Concentriamo la nostra attenzione sul concetto di “carattere creativo”, che appunto è stato analizzato dalla scienza giuridica come requisito base per l'applicazione della tutela di diritto d'autore.

  • 11 -Nell'ordinamento inglese, oltre al requisito dell'originalità, si richiede «che l'opera testimoni (...)

16Tradizionalmente si articola il carattere creativo in due componenti concettuali: l'originalità e la novità11 .

  • 12 -Si veda in tal senso come si è espressa la Corte di Cassazione nella Sent. n. 175 del 23/01/69: « (...)

17Alla base del requisito dell'originalità sta l'idea che l'opera dev'essere frutto di un particolare lavoro intellettuale e deve riflettere l'impronta della personalità dell'autore. Si tratta di un concetto abbastanza etereo e difficilmente definibile a priori. Un dato di fatto è che la giurisprudenza tende sempre di più a riconoscere la tutela anche ad opere in cui il contributo intellettuale è piuttosto modesto12: si pensi ad esempio ad alcune forme di musica elettronica che consistono unicamente in una base musicale ripetuta in sequenza; o anche alla veste grafica di alcuni siti web riprodotta automaticamente da appositi programmi.

  • 13 -Per approfondire il concetto, consultare la voce “plagio” all'interno della Guida alla materia de (...)

18Riguardo alla novità, invece, la dottrina giuridica più accreditata (e riscontrata anche in giurisprudenza) differenzia il concetto in novità soggettiva e novità oggettiva. La prima è strettamente connessa (o addirittura sovrapposta) all'originalità: in sostanza si richiede che l'opera rispecchi l'individualità culturale e creativa di un soggetto specifico (l'autore). Più determinante dal punto di vista giuridico è la novità oggettiva, intesa come “novità di elementi essenziali e caratterizzanti” che oggettivamente distinguano un'opera da altre dello stesso genere. Questo requisito diventa particolarmente importante in sede giudiziale per la decisione di controversie in fatto di plagio (cioè l'imitazione servile o addirittura l'usurpazione della paternità di un'opera altrui)13 e di incontro fortuito (cioè la somiglianza inconsapevole di un'opera dell'ingegno con quella creata in precedenza da un altro autore).

2.2. - L'attenzione per la forma espressiva

19Per comprendere appieno la riflessione sui requisiti di originalità e novità è necessario richiamare brevemente un altro principio classico del diritto d'autore: cioè quello per cui è giuridicamente rilevante (e quindi tutelabile con il diritto d'autore) solo la forma espressiva dell'opera; quindi non l'idea creativa in sé, ma come tale idea è stata estrinsecata dall'autore.

20Al fine di far maggiore luce su questo principio è il caso di citare una differenziazione concettuale acquisita dalla scienza giuridica in merito alle opere dell'ingegno, secondo cui si distinguono forma esterna, forma interna e contenuto.

21Tale impostazione dottrinale è stata proposta originariamente dal giurista tedesco Kohler e ripresa poi dagli studiosi di molti paesi (fra cui per l'Italia Paolo Auteri). La riportiamo nella formulazione semplice e chiara che si trova sul sito www.dirittodautore.it:

«La forma esterna è la forma con cui l'opera appare nella sua versione originaria (insieme di parole e frasi nelle opere letterarie, nella melodia, ritmo e armonia nell'opera musica, ecc.), la forma interna è la struttura espositiva dell'opera (l'organizzazione del discorso, la scelta e la sequenza degli argomenti nell'opera letteraria, i passaggi essenziali del discorso musicale e nelle note determinanti la linea melodica nell'opera musicale, ecc.). Il contenuto è l'argomento trattato, le informazioni, i fatti, le idee, le opinioni, le teorie in quanto tali, è cioè a prescindere dal modo in cui essi sono scelti, coordinati e presentati.
Secondo tale teoria, la tutela ha per oggetto sia la forma esterna che interna, ma non il contenuto. Quindi il diritto d'autore protegge la forma espressiva dell'opera, e non si estende al contenuto.»14

  • 15 -Si badi bene, quindi, a non cadere nella strumentale e semplicistica affermazione per cui il copy (...)

22Questo principio è codificato anche nell'art. 9, n. 2 dei TRIPs, dove si legge “la protezione del diritto d'autore copre le espressioni e non le idee, i procedimenti, i metodi di funzionamento o i concetti matematici in quanto tali”, e segna il confine fra diritto d'autore e tutela brevettuale: il brevetto infatti mira a tutelare una soluzione innovativa passibile di applicazione industriale, al contrario del diritto d'autore che -come si è appena visto - tutela la forma espressiva dell'opera.15

3. - CLASSIFICAZIONE DELLE OPERE PROTETTE

23Tutte le argomentazioni fatte in questi paragrafi derivano in gran parte da interpretazioni dottrinali e da riflessioni teoriche svolte sull'articolo 1 della legge sul diritto d'autore. Negli articoli subito successivi invece la legge espone una classificazione delle opere oggetto della tutela; come si è fatto notare da varie parti, tale classificazione non ha carattere tassativo ma solo esemplificativo: dunque è possibile applicare i principi di diritto d'autore anche a nuove forme di creatività non espressamente previste dalla legge, ma che possano rivelare alcune caratteristiche tipiche delle opere dell'ingegno. Presentiamo a grandi linee questa classificazione, che tornerà utile più avanti nell'approfondimento di alcuni aspetti della materia.

3.1. - L'elencazione dell'art. 2 LDA

24All'art. 2 della legge sul diritto d'autore si riporta la seguente elencazione delle opere oggetto di tutela giuridica:

  1. le opere letterarie, drammatiche, scientifiche, didattiche, religiose, tanto se in forma scritta quanto se orale;
  2. le opere e le composizioni musicali, con o senza parole, le opere drammatico-musicali e le variazioni musicali costituenti di per sé opera originale16;
  3. le opere coreografiche e pantomimiche;
  4. le opere della scultura, della pittura, dell'arte del disegno, della incisione e delle arti figurative similari, compresa la scenografia;
  5. i disegni e le opere dell'architettura;
  6. le opere dell'arte cinematografica, muta o sonora17;
  7. le opere fotografiche e quelle espresse con procedimento analogo a quello della fotografia18;
  8. i programmi per elaboratore, in qualsiasi forma espressi purché originali quale risultato di creazione intellettuale dell'autore19;
  9. le banche di dati intese come raccolte di opere, dati o altri elementi indipendenti sistematicamente o metodicamente disposti ed individualmente accessibili mediante mezzi elettronici o in altro modo20;
  10. le opere del disegno industriale che presentino di per sé carattere creativo e valore artistico.

25Esistono poi categorie di opere non facilmente definibili poiché presentano contemporaneamente gli aspetti peculiari di altre tipologie di opere: si pensi a tutte quelle forme di creatività rese possibili dalle nuove tecnologie informatiche e telematiche, per le quali si usa spesso la dicitura ampia di “opere multimediali”.

3.2. Altre classificazioni contenute nella legge

  1. opere collettive. All'art. 3 la legge sul diritto d'autore parla delle opere collettive, cioè quelle «costituite dalla riunione di opere o di parti di opere, che hanno carattere di creazione autonoma, come risultato della scelta e del coordinamento ad un determinato fine letterario, scientifico [...] o artistico».
  2. elaborazioni creative. Il successivo art. 4 è riferito a quelle attività di rielaborazione di opere già esistenti che tuttavia denotano un apporto creativo rilevante e indipendente. Esse sono principalmente «le traduzioni in altra lingua, le trasformazioni da una in altra forma letteraria od artistica, le modificazioni ed aggiunte che costituiscono un rifacimento sostanziale dell'opera originaria, gli adattamenti, le riduzioni, i compendi, le variazioni non costituenti opera originale»21 .
  3. opere in comunione. All'art. 10 si parla invece di quelle opere create «con il contributo indistinguibile ed inscindibile di più persone» e per le quali, salvo prova contraria, il diritto d'autore appartiene a tutti i coautori, secondo le regole della comunione22 .

4. - CLASSIFICAZIONE E STRUTTURA DEI DIRITTI D'AUTORE

26Il diritto d'autore italiano (come in linea di massima tutti gli ordinamenti europei-continentali) presenta una fondamentale dicotomia in merito ai diritti spettanti all'autore di un'opera dell'ingegno tutelata, cioè quella fra diritti di tipo patrimoniale e diritti di tipo personale (i cosiddetti diritti morali).

4.1. - I diritti patrimoniali d'autore

  • 23 - Sul concetto di “diritto esclusivo” v. supra cap. II, par. 2.2.

27Abbiamo già mostrato come il funzionamento del diritto d'autore sia basato sull'attribuzione di un valore economico e commerciale allo sfruttamento di un'opera dell'ingegno. Questo sfruttamento è strutturato su una fitta gamma di diritti di tipo patrimoniale che la legge attribuisce all'autore (o -come vedremo -ad altri soggetti). Questi diritti nell'ordinamento italiano sono generalmente chiamati “diritti di utilizzazione economica” e si comportano come diritti esclusivi23 .

28Essi sono regolamentati dalla legge 633/1941 fra gli articoli 12 e 19; precisamente sono i seguenti:

  1. il diritto esclusivo di riprodurre (art. 13 LDA) inteso come la moltiplicazione in copie diretta o indiretta, temporanea o permanente, in tutto o in parte dell'opera, in qualunque modo o forma, come la copiatura a mano, la stampa, la litografia, l'incisione, la fotografia, la fonografia, la cinematografia ed ogni altro procedimento di riproduzione24;
  2. il diritto esclusivo di trascrivere (art. 14 LDA) inteso come l'uso dei mezzi atti a trasformare l'opera orale in opera scritta o riprodotta con uno dei mezzi indicati nel punto precedente;
  3. il diritto esclusivo di eseguire, rappresentare o recitare in pubblico (art. 15 LDA) inteso come l'esecuzione, la rappresentazione o la recitazione effettuate (sia gratuitamente che a pagamento) dell'opera musicale, dell'opera drammatica, dell'opera cinematografica, di qualsiasi altra opera di pubblico spettacolo;25
  4. il diritto esclusivo di comunicazione al pubblico dell'opera (art. 16 LDA) inteso come l'impiego di uno dei mezzi di diffusione a distanza, quali il telegrafo, il telefono, la radio, la televisione ed altri mezzi analoghi (come specificamente la comunicazione al pubblico via satellite, la ritrasmissione via cavo e le comunicazioni al pubblico codificate con condizioni particolari di accesso);
  5. il diritto esclusivo di distribuzione (art. 17 LDA) inteso come la messa in commercio o in circolazione, o comunque a disposizione del pubblico, con qualsiasi mezzo ed a qualsiasi titolo, dell'originale dell'opera o degli esemplari di essa;26
  6. il diritto esclusivo di tradurre (art. 18, comma 1, LDA) ovvero la possibilità di effettuare traduzioni dell'opera in altra lingua;
  7. il diritto esclusivo di elaborare (art. 18, comma 2, LDA) che comprende tutte le forme di modificazione, di elaborazione e di trasformazione dell'opera previste nell'art. 4 della legge;
  8. il diritto esclusivo di pubblicare le sue opere in raccolta (art. 18, comma 3, LDA);
  9. il diritto esclusivo di introdurre nell'opera qualsiasi modificazione (art. 18, comma 4, LDA);27
  10. il diritto esclusivo di noleggiare, dare in prestito e autorizzare il noleggio della propria opera (art. 18 bis LDA).

4.2. - ...e la loro durata

29La durata dei diritti di utilizzazione economica appena elencati è indicata dall'art. 25 della legge, che si riporta.

LA NORMA
Art. 25 LDA

I diritti di utilizzazione economica dell'opera durano tutta la vita dell'autore e sino al termine del settantesimo anno solare dopo la sua morte.

30Questa è la regola generale (riconosciuta anche a livello internazionale) come modificata dalla riforma del 1996; nel testo originario della legge, infatti, il termine era di cinquant'anni dalla morte dell'autore.

31Negli articoli successivi, la legge riporta alcune precisazioni e particolarità sull'applicazione di questo termine, come ad esempio:

  • l'art. 26, comma 1, in cui si stabilisce che, per le opere in cui ci siano più soggetti-autori (le opere in comunione e le opere drammatico-musicali, coreografiche e pantomimiche), la durata dei diritti di utilizzazione economica spettanti a ciascuno dei coautori si determina sulla vita del coautore che muore per ultimo;
  • diversa invece la disciplina nel caso di opere in cui invece i contributi dei vari autori siano distinguibili e scindibili (opere collettive): in tal caso l'art. 26, comma 2, stabilisce infatti che la durata dei diritti di utilizzazione economica spettante ad ogni collaboratore si determina sulla vita di ciascuno28;
  • infine, l'art. 27 detta la disciplina per il caso delle opere anonime e pseudonime, in cui non è direttamente identificabile il soggetto-autore detentore originario dei diritti29 .

4.3. - I diritti morali d'autore

32Oltre ai diritti di tipo patrimoniale abbiamo anticipato che esistono anche i cosiddetti diritti morali, ovvero alcuni diritti attinenti alla sfera più personale dell’autore, al quale si riconosce dunque che l’opera da lui creata porta con sé anche un valore aggiunto rispetto al mero sfruttamento economico della stessa: un valore di tipo morale appunto, legato al rispetto dell’onore e della reputazione dell’autore, anche al di là della sua morte e al di là della durata dei diritti patrimoniali.

33La loro peculiarità (non irrilevante sia dal punto di vista giuridico che pratico) è che si tratta di diritti perpetui (infatti dopo la morte dell’autore vengono gestiti dagli eredi), incedibili e indisponibili; per cui essi sorgono in capo all’autore automaticamente con la creazione dell’opera come avviene per i diritti patrimoniali, con la differenza che l’autore non può in alcun modo “liberarsene”. Negli ordinamenti giuridici in cui esistono tali diritti, l’autore può mantenere comunque un certo controllo sull’opera, anche nel caso in cui abbia ceduto i diritti di sfruttamento economico.

34All'interno della legge italiana i diritti morali d’autore sono previsti dagli artt. da 20 a 24 LDA e precisamente sono:

  1. il diritto a rivendicare la paternità dell’opera, anche in caso di autore anonimo e pseudonimo;
  2. il diritto di opporsi a deformazioni o mutilazioni dell’opera che siano di pregiudizio all’onore e alla reputazione dell’autore.

LA NORMA
Art. 20 LDA (comma I)
Indipendentemente dai diritti esclusivi di utilizzazione economica della opera [...], ed anche dopo la cessione dei diritti stessi, l'autore conserva il diritto di rivendicare la paternità dell'opera e di opporsi a qualsiasi deformazione, mutilazione od altra modificazione, ed a ogni atto a danno dell'opera stessa, che possano essere di pregiudizio al suo onore o alla sua reputazione.

35A questi si aggiunge poi il diritto di ritirare l’opera dal commercio per gravi ragioni morali disciplinato dagli artt. 142 e 143 LDA, che la legge definisce espressamente come diritto personale e incedibile.

LA NORMA
Art. 142 LDA (comma I)
L'autore, qualora concorrano gravi ragioni morali, ha diritto di ritirare l'opera dal commercio, salvo l'obbligo di indennizzare coloro che hanno acquistati i diritti di riprodurre, diffondere, eseguire, rappresentare o spacciare l'opera medesima. Questo diritto é personale e non é trasmissibile.

5. - LE ECCEZIONI E LIMITAZIONI (LE COSIDDETTE LIBERE UTILIZZAZIONI)

36Se si parte dall'assunto che il diritto d'autore deve svolgere una fondamentale funzione di tutela e incentivo della cultura, si pone il delicato problema del bilanciamento degli interessi in gioco: cioè, gli interessi dei produttori di cultura da un lato, e gli interessi dei fruitori di prodotti culturali dall'altro. Ci sono infatti alcuni specifici casi in cui un'applicazione totale e standardizzata delle tutele del diritto d'autore risulta poco opportuna in quest'ottica di incentivo culturale; e dunque è necessario privilegiare l'interesse diffuso di accesso ai contenuti creativi e all'informazione.

37La scienza giuridica ha sviluppato quindi l'istituto delle libere utilizzazioni, cioè di una sorta di “zona franca” in cui è esclusa la tutela di diritto d'autore e di conseguenza l'opera può essere liberamente utilizzata. Si tratta di un istituto di carattere eccezionale che -come ha fatto notare giustamente Auteri -è sempre stato sottoposto ad una interpretazione di tipo restrittivo da parte della giurisprudenza. Non a caso il Capo V del Titolo I della legge 633/41 (artt. da 65 a 71 decies), un tempo intitolato “Utilizzazioni libere”, è stato riformato interamente nel 2003 con il nuovo titolo “Eccezioni e limitazioni”.

5.1. - Opere cartacee

38La prima sezione del capo V si rivolge principalmente alle opere testuali e in generale a quelle riproducibili con procedimenti reprografici. Vediamo a grandi linee le principali:

  1. secondo l'art. 65 LDA è possibile riprodurre o comunicare liberamente (attraverso altri giornali cartacei, radiofonici, televisivi o telematici) gli articoli di attualità, sempre che tale utilizzazione non sia stata espressamente preclusa dal detentore dei diritti o purché si indichi con precisione la fonte;
  2. lo stesso principio vale (a norma dell'art. 66 LDA) per i discorsi e gli estratti di conferenze su argomenti di interesse politico o amministrativo tenuti in pubblico;
  3. a norma dell'art. 68, comma 1, «è libera la riproduzione di singole opere o brani di opere per uso personale dei lettori, fatta a mano o con mezzi di riproduzione non idonei a spaccio o diffusione dell'opera nel pubblico»;
  4. a norma dell'art. 68, comma 2, «è libera la fotocopia di opere esistenti nelle biblioteche accessibili al pubblico o in quelle scolastiche, nei musei pubblici o negli archivi pubblici, effettuata dal predetti organismi per i propri servizi, senza alcun vantaggio economico o commerciale diretto o indiretto»;
  5. a norma dell'art. 68, comma 3, «fermo restando il divieto di riproduzione di spartiti e partiture musicali, è consentita, nei limiti del quindici per cento di ciascun volume o fascicolo di periodico, escluse le pagine di pubblicità, la riproduzione per uso personale di opere dell'ingegno effettuata mediante fotocopia, xerocopia o sistema analogo»30;
  6. a norma dell'art. 70, il riassunto, la citazione o la riproduzione di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini (e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera); inoltre, se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica, questi utilizzi devono avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali; ulteriore condizione è la precisa menzione di titolo dell'opera, autore, editore ed eventuali traduttori;
  7. l'art. 71 stabilisce che «le bande musicali e le fanfare dei corpi armati dello Stato possono eseguire in pubblico brani musicali o parti di opere in musica, senza pagamento di alcun compenso per diritti di autore, purché l'esecuzione sia effettuata senza scopo di lucro»;
  8. l'art. 71 bis pone un generale principio di libera utilizzazione da parte di soggetti portatori di particolari handicap, purché la riproduzione o la comunicazione delle opere siano direttamente collegate all'handicap e non abbiano carattere commerciale31;
  9. l'art. 71 ter si riferisce invece alla libera utilizzazione a scopo di ricerca o di attività privata di studio.32

5.2. - Supporti audio e video

39La seconda sezione del Capo V invece è dedicata al fenomeno delle riproduzioni private ad uso personale di opere protette, ovvero a tutte le attività di duplicazione di supporti audio, video, multimediali, siano essi digitali o analogici, destinate ad un uso prettamente domestico e privato. E' questa una disciplina piuttosto complicata e per certi versi farraginosa, poiché, dopo aver fissato il principio generale di libera riproduzione per uso personale senza scopo di lucro senza fini commerciali (art. 71 sexies, comma 1), la legge pone una serie di paletti per l'esercizio di questa facoltà, fra cui principalmente:

  • il divieto di effettuare le copie aggirando eventuali misure tecnologiche di protezione, ovvero quei sistemi anti-copia (previsti dall'art. 102 quater LDA) che alcuni produttori inseriscono nei supporti audio e video;
  • l'obbligo di versare un equo compenso a favore di autori, produttori e interpreti delle opere audio e video che sono riprodotte privatamente: compenso che viene automaticamente prelevato ab origine come una specie di sovrapprezzo su tutte le apparecchiature (masterizzatori, videoregistratori, lettori digitali etc.) e su tutti i supporti (cd, dvd, hard-disk, schede sd etc.); questo compenso è dovuto da chi fabbrica o importa nel territorio dello Stato tali apparecchi e supporti, con la diretta conseguenza di un aumento dei prezzi a danno dei consumatori finali; infine, il compenso è corrisposto alla S.I.A.E., la quale con un macchinoso sistema dovrebbe ripartire gli introiti così raccolti ai soggetti interessati (produttori, autori, interpreti etc.)33 .

6. - I DIRITTI CONNESSI

6.1. - Il senso dei diritti connessi

40I diritti connessi sono una serie di diritti che nascono in capo a soggetti diversi dall’autore dell'opera, ma la cui esistenza è direttamente “connessa” appunto all’esercizio dei diritti d’autore, poiché si riferiscono ad attività intellettuali e commerciali determinanti per il sistema dell'industria culturale.

41Tradizionalmente sono i diritti disciplinati dal Titolo II della legge 633/1941 (artt. 72 e seguenti) relativi all’incisione e produzione di fonogrammi, quelli relativi alla produzione di opere audiovisive e cinematografiche, quelli relativi all’emissione radiofonica e televisiva e quelli degli artisti non creatori ma solamente interpreti ed esecutori. Anche tali diritti si comportano alla stregua di diritti esclusivi; il loro esercizio si sovrappone necessariamente a quello dei diritti d’autore e in molti casi è possibile dire che siano proprio i diritti connessi ad avere un ruolo centrale (ancor più dei diritti d'autore in senso stretto) nell'attuale mercato dell'intrattenimento.

42Per capire meglio di cosa si tratta, facciamo un esempio concreto legato al mondo della musica, dove questi diritti trovano spesso la loro naturale dimora: dal punto di vista del diritto d’autore, un brano musicale è composto da una linea melodica, da una struttura e in certi casi da un testo letterario abbinato. Però tutto ciò che riguarda l’arrangiamento e l’interpretazione, nonché le modalità di incisione fonografica del brano, attiene alla sfera dei diritti connessi. Il famoso brano “Knockin’ on heaven’s door” dal punto di vista dei diritti connessi è un'opera diversa a seconda che si tratti della versione di Bob Dylan o di quella dei Guns n’ Roses; ma dal punto di vista del diritto d’autore è sempre lo stesso brano. L’autore infatti è sempre Dylan, la linea melodica non cambia, il testo nemmeno; tuttavia cambiano i modi, i tempi e le persone con cui il brano è stato registrato, prodotto e commercializzato.

6.2. I principali diritti connessi

43La lettura della legge sul diritto d'autore ci consente di tracciare un elenco sommario dei principali diritti connessi:

  1. diritti del produttore di fonogrammi34 (art. 72 LDA): egli può autorizzare la riproduzione, la distribuzione, il noleggio e la messa a disposizione del pubblico dei fonogrammi di cui ha curato l'incisione e la realizzazione; la durata di questi diritti è di cinquant'anni dall'avvenuta fissazione (cioè dall'incisione fonografica su supporto materiale o digitale);
  2. diritti del produttore di opere cinematografiche o audiovisive (art. 78 ter LDA): egli può autorizzare la riproduzione, la distribuzione, il noleggio e la messa a disposizione del pubblico dell'originale o delle copie delle proprie realizzazioni; la durata di questi diritti è di cinquant'anni dall'avvenuta fissazione;
  3. diritti relativi all'emissione radiofonica e televisiva (art. 79 LDA): coloro che esercitano l'attività di emissione radiofonica o televisiva hanno il diritto esclusivo di autorizzare la fissazione, la riproduzione, la ritrasmissione e la messa a disposizione del pubblico delle proprie emissioni e trasmissioni; la durata di questi diritti è di cinquant'anni dalla prima diffusione della trasmissione;
  4. diritti degli artisti interpreti ed esecutori (art. 80 LDA), ovvero gli attori, i cantanti, i musicisti, i ballerini e le altre persone che rappresentano, cantano, recitano o eseguono in qualunque modo opere dell'ingegno, siano esse tutelate o di dominio pubblico: costoro hanno il diritto esclusivo di autorizzare la fissazione, la riproduzione, la messa a disposizione del pubblico, il noleggio, la distribuzione delle loro prestazioni artistiche; la durata di questi diritti è di cinquant'anni dalla prima diffusione della trasmissione; questi diritti durano cinquanta anni a partire dall'avvenuta esecuzione, rappresentazione o recitazione;
  5. diritti relativi alle fotografie (artt. 87 ss. LDA), intese come le immagini di persone o di aspetti, elementi o fatti della vita naturale e sociale, ottenute col processo fotografico o con processo analogo, comprese le riproduzioni di opere dell'arte figurativa e i fotogrammi delle pellicole cinematografiche: spetta al fotografo il diritto esclusivo di riproduzione, diffusione e spaccio della fotografia; tale diritto dura vent'anni dalla produzione della fotografia;35
  6. diritti relativi al ritratto: secondo l'art. 96 LDA, il ritratto (pittorico, scultoreo o fotografico) di una persona non può essere esposto, riprodotto o messo in commercio senza il consenso di questa; tuttavia, tale consenso non è necessario quando la riproduzione dell'immagine é giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto, da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione é collegata a fatti o avvenimenti di interesse pubblico (sempre nel rispetto dell'onore e della reputazione della persona ritratta).

7. - TRASMISSIONE E CIRCOLAZIONE DEI DIRITTI

44La legge 633/41, dopo aver fornito le definizioni dei concetti (requisiti, tipi di opere, soggetti in gioco) e dopo aver dettagliato tutti i diritti che essa intende disciplinare, dedica una serie di articoli alle modalità con cui questi diritti vengono trasferiti fra i vari soggetti. Si tratta di una parte fondamentale per capire il funzionamento concreto della macchina del diritto d'autore ed è la parte che assume maggiore rilevanza per gli avvocati e i consulenti che si occupano di tutta la fase contrattuale relativa ai diritti d'autore e connessi. Da ciò deriva necessariamente che i concetti normativi si fanno piuttosto tecnici e di non immediata comprensione per un lettore privo di formazione giuridica. Ripercorriamo dunque solo a grandi linee questi argomenti (contenuti nel Titolo III, Capo II).

  • 36 -Si noti bene, però, che siamo solo sul piano della prova. Da questo principio dunque non deriva c (...)

45Uno dei principi che è sicuramente il caso di segnalare è quello stabilito dall'art. 110 LDA, in cui si legge che «la trasmissione dei diritti di utilizzazione deve essere provata per iscritto». Non è difficile intuire quale sia l'incidenza di tale disposizione sulla prassi contrattuale: per suo effetto, infatti, in qualsiasi controversia inerente alla trasmissione dei diritti, il detentore originario dei diritti avrà una posizione privilegiata, poiché sarà sempre la controparte a dover provare (tra l'altro, per iscritto) di averli legittimamente acquisiti36.

  • 37 - L'art. 118 LDA definisce il contratto di edizione come il contratto con il quale l'autore conced (...)

46Gli artt. da 118 a 135 disciplinano specificamente una tipologia di contratto particolarmente diffusa e che per questo merita maggiore attenzione: il contratto di edizione37; e dallo studio di questa disciplina è possibile trarre altri principi applicabili più in generale al trasferimento dei diritti, anche fuori dall'ambito prettamente editoriale.

47E' il caso ad esempio del principio di indipendenza (fra loro) dei diritti esclusivi, il quale, pur essendo previsto segnatamente dall'art. 19 LDA, traspare in gran parte delle norme di questa parte: in sostanza si chiarisce che il detentore dei diritti non è tenuto a trasferirli in blocco ad un unico soggetto, ma può scegliere di differenziare il trasferimento fra più soggetti. Poi ovviamente la prassi (sulla base di quanto abbiamo già detto in proposito al potere contrattuale) si è sviluppata in senso opposto, verso una tendenziale standardizzazione dei modelli contrattuali: cioè, è più facile che il soggetto imprenditoriale (generalmente colui dotato di maggior potere contrattuale) richieda all'autore in modo abbastanza tassativo l'acquisizione di tutti i diritti normalmente trasferibili e per il più ampio lasso di tempo concesso dalla legge. All'autore non particolarmente conosciuto e potente spesso non resta che adeguarsi.

48Infine gli articoli da 136 a 141 regolamentano altri due tipi contrattuali specifici: i contratti di rappresentazione e di esecuzione, con i quali l'autore concede la facoltà di rappresentare in pubblico un'opera drammatica, drammatico­musicale, coreografica, pantomimica o qualunque altra opera destinata alla rappresentazione; salvo patto contrario, la concessione di questa facoltà non é esclusiva e non é trasferibile ad altri.

8. - LA VIOLAZIONE DEI DIRITTI E LE RELATIVE SANZIONI

49Il Capo III del Titolo III della legge sul diritto d'autore è dedicato alle Difese e sanzioni giudiziarie esperibili in caso di violazione (o di temuta violazione) di uno dei diritti previsti dalla legge. Come si è detto nel capitolo primo, gli stessi diritti possono essere tutelati in via civilistica e in via penalistica e spesso le due diverse tutele si trovano in sovrapposizione; ed è proprio questo il caso del diritto d'autore.

8.1. - Difese e sanzioni civili

50L'art. 156 prevede una tutela che tecnicamente è detta “inibitoria”: essa viene esperita in via preventiva dal soggetto che vede verosimilmente messo in pericolo un suo diritto e ha lo scopo di impedire fin da subito le attività che possono ledere questo suo diritto.

LA NORMA
Art. 156 LDA (comma I) Chi ha ragione di temere la violazione di un diritto di utilizzazione economica a lui spettante in virtù di questa legge oppure intende impedire la continuazione o la ripetizione di una violazione già avvenuta sia da parte dell'autore della violazione che di un intermediario i cui servizi sono utilizzati per tale violazione può agire in giudizio per ottenere che il suo diritto sia accertato e sia vietato il proseguimento della violazione. [...]

51L'art. 158 prevede invece una tutela risarcitoria: essa viene esperita dal soggetto che ha verificato la violazione di un suo diritto e ne ha subito di conseguenza un danno.

LA NORMA
Art. 158 LDA (comma I) Chi venga leso nell'esercizio di un diritto di utilizzazione economica a lui spettante può agire in giudizio per ottenere, oltre al risarcimento del danno che, a spese dell'autore della violazione, sia distrutto o rimosso lo stato di fatto da cui risulta la violazione.

52Inoltre, l'art. 158 indica i criteri per la determinazione del danno da risarcire, compiendo precisi rimandi ai principi cardine del diritto civile sulla risarcibilità dei danni patrimoniali e non patrimoniali.

8.2. - Tutele e sanzioni penali

53Come abbiamo anticipato, a differenza delle difese di tipo civile che devono essere esperite da una delle parti interessate, le sanzioni di tipo penale sono di esclusiva competenza dell'autorità giudiziaria ed il privato cittadino non può far altro che denunciare i comportamenti delittuosi.

54Abbiamo anche detto che il diritto d'autore nasce precipuamente come branca del diritto civile commerciale, dunque è il caso di interrogarsi su quale spazio debbano avere norme di tipo penalistico. In generale si è pensato che esistano attività abusive e contrarie ai principi del diritto d'autore in cui la sola tutela civile può risultare insufficiente. Poi si pensi anche al fatto che la tutela civile, essendo prerogativa di una parte privata, è spesso penalizzata nella sua efficacia dalle poche possibilità economiche del soggetto che ha subito la violazione: ad esempio, l'autore emergente vittima di una violazione da parte di un grosso gruppo editoriale sarebbe scoraggiato dalla sproporzionata disponibilità di mezzi (avvocati, associazioni di categoria, conoscenze nel settore) che renderebbe l'eventuale causa civile troppo onerosa e aleatoria per lui, ma semplice operazione di routine per la controparte più potente.

55Inoltre, la diffusione capillare di tecnologie che rendono sempre più agevole la violazione di diritti d'autore e connessi ha fatto sì che le norme di tipo penalistico all'interno della legge 633/41 vedessero un cospicuo (e secondo alcuni eccessivo) aumento. Attualmente infatti il Titolo III, Capo III prevede una fittissima gamma di sanzioni penali, rispetto al testo originale, che mirano a colpire comportamenti fra i più disparati.

56In sintesi, infatti, è punito a titolo di reato:

  1. chiunque, senza averne diritto, a qualsiasi scopo e in qualsiasi forma riproduce, trascrive, recita in pubblico, diffonde, vende o mette in vendita o pone altrimenti in commercio un'opera altrui o ne rivela il contenuto prima che sia reso pubblico, o introduce nello Stato esemplari prodotti all'estero contrariamente alla legge italiana (art. 171, lett. a, LDA);
  2. chiunque mette a disposizione del pubblico, immettendola in un sistema di reti telematiche, mediante connessioni di qualsiasi genere, un'opera dell'ingegno protetta, o parte di essa (art. 171, lett. a bis, LDA);38
  3. chiunque abusivamente duplica, per trarne profitto, programmi per elaboratore o ai medesimi fini importa, distribuisce, vende, detiene a scopo commerciale programmi contenuti in supporti non contrassegnati dalla S.I.A.E. (art. 171 bis, comma 1, LDA);
  4. chiunque, al fine di trarne profitto, su supporti non contrassegnati SIAE riproduce, trasferisce su altro supporto, distribuisce, comunica, presenta o dimostra in pubblico il contenuto di una banca di dati senza averne diritto (art. 171 bis, comma 2, LDA);
  5. chiunque, a fini di lucro, senza averne titolo e sempre che il fatto sia commesso per uso non personale, duplica, riproduce, trasmette o diffonde in pubblico con qualsiasi procedimento, in tutto o in parte, un'opera dell'ingegno sonora, audiovisiva o multimediale destinata al circuito televisivo, cinematografico, della vendita o del noleggio (art. 171 ter, comma 1, lett. a, LDA);
  6. chiunque, a fini di lucro, senza averne titolo e sempre che il fatto sia commesso per uso non personale, riproduce, trasmette o diffonde in pubblico, con qualsiasi procedimento, opere o parti di opere letterarie, drammatiche, scientifiche o didattiche, musicali o drammatico-musicali, ovvero multimediali (art. 171 ter, comma 1, lett. b, LDA);
  7. chiunque fabbrica, importa, distribuisce, vende, noleggia o detiene per scopi commerciali attrezzature o prodotti che abbiano la prevalente finalità di eludere le misure tecnologiche di protezione applicate ai supporti (art. 171 ter, comma 1, lett. f bis, LDA);
  8. chiunque a fini fraudolenti produce, pone in vendita, importa, installa, modifica, utilizza apparati atti alla decodificazione abusiva di trasmissioni audiovisive ad accesso condizionato (art. 171 octies LDA).

57L'elencazione non ha la pretesa di essere completa ed esauriente, ma riesce tuttavia a fornire una panoramica sufficiente dei comportamenti sanzionati.

58Come tutte le discipline penali speciali, oltre alle norme di individuazione dei reati puniti, questa sezione della legge prevede tutta una serie di cause di giustificazione nonché di circostanze attenuanti ed aggravanti, che però non è il caso di approfondire in questa sede.

8.3. - Sanzioni amministrative

59Oltre al già complesso apparato di tutele penali (in senso stretto), la legge 633/41 prevede l'applicazione di sanzioni amministrative ad alcune fattispecie. Le sanzioni amministrative in generale hanno maggiore incisività poiché, pur essendo meno pesanti, vengono comminate e applicate con procedimenti più veloci (quali sono quelli di tipo amministrativo) e non implicano l'instaurazione di un processo penale né di una incriminazione in senso stretto per l'autore della violazione.

60Nel caso del diritto d'autore italiano, si applicano nei casi in cui nella violazione del diritto manca quello che i penalisti chiamano il “dolo specifico”, atteggiamento psicologico intenzionale riconducibile allo scopo di lucro/profitto.

61Questo particolare tipo di sanzione è previsto dall'art. 174 bis.

LA NORMA
Art. 174 bis LDA (comma I) Ferme le sanzioni penali applicabili, la violazione delle disposizioni previste nella presente sezione è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria pari al doppio del prezzo di mercato dell'opera o del supporto oggetto della violazione, in misura comunque non inferiore a € 103. [...] La sanzione amministrativa si applica nella misura stabilita per ogni violazione e per ogni esemplare abusivamente duplicato o riprodotto.

9. - GESTIONE COLLETTIVA E S.I.A.E.

9.1. - Il senso della gestione collettiva dei diritti

62Al di là delle tutele appena illustrate, esiste un altro fondamentale sistema di controllo sulla circolazione dei diritti d'autore e connessi: la gestione collettiva dei diritti esclusivi.

63Cerchiamo di capire su quali esigenze si fonda questo ulteriore strumento di tutela.

64Pensiamo prima di tutto al fatto -già più volte sottolineato – che, esclusi i casi di illeciti penali perseguiti d'ufficio dall'autorità giudiziaria, la tutela dei diritti esclusivi è cosa squisitamente attinente al diritto privato: sono infatti le parti interessate a dover preoccuparsi della gestione dei diritti. Basta pensare alla complessità sempre crescente dell'attuale mondo delle comunicazioni e dell'attuale industria dell'intrattenimento per comprendere quanto per un soggetto privato sia oneroso (se non impossibile) controllare meticolosamente tutti gli utilizzi che vengono fatti di un'opera sui cui vanta dei diritti.

65Proviamo ad immaginare una situazione-tipo: il musicista che crea la melodia che dovrà poi essere utilizzata come sottofondo alla scena di un film. Egli crea solo la linea melodica, ma poi si accorda con una band per l'arrangiamento e l'esecuzione del brano; la band si accorda con un produttore discografico per realizzare l'incisione definitiva; il produttore discografico acquisisce i diritti d'autore sul brano musicale e i diritti connessi sull'esecuzione del brano, ne cura l'incisione e si appresta a contattare il regista del film per l'inserimento del brano nel montaggio finale; il regista apprezza il brano e lo inserisce; subentra il produttore del film che per avere massima libertà d'azione chiede al produttore la cessione in esclusiva di tutti i diritti sull'incisione; il produttore concede solo i diritti strettamente necessari alla produzione del film perché è interessato a promuovere il brano in altri canali; infatti egli contatta una casa discografica che pubblica compilation di colonne sonore per il cinema; la casa discografica apprezza il brano e acquisisce i diritti esclusivi per la distribuzione discografica e quelli per la diffusione radiofonica.

66Il panorama potrebbe allargarsi ulteriormente considerando altri diritti come quelli relativi alla diffusione via web o via satellite; inoltre, quanto si è fin qui prospettato era riferito solo all'ambito nazionale, ma qualora sia il film che la compilation musicale dovessero essere distribuiti all'estero, il tutto si complicherebbe per l'entrata in gioco di altri soggetti (distributori, traduttori, doppiatori, promotori) e quindi di altri utilizzi.

67Ad ogni modo, ciò è sufficiente a capire che l'autore originario della melodia, gli arrangiatori e gli esecutori dei brani hanno davvero poche possibilità di mantenere un controllo sui vari passaggi contrattuali di cui il loro apporto creativo è stato oggetto. Da qui l'esigenza per tutti i soggetti in gioco di organizzarsi in entità associative attraverso le quali rendere più facile la gestione di questi rapporti: a tal proposito si parla generalmente di “società di gestione collettiva dei diritti”.

68Questi enti sono presenti in tutti gli Stati interessati alla macchina della proprietà intellettuale e sono nati su base volontaria, cioè proprio grazie all'iniziativa dei soggetti coinvolti. Solo successivamente in alcune Nazioni (come in Italia, ad esempio) questi enti hanno ricevuto un riconoscimento dallo Stato e addirittura una disciplina per legge. Grazie agli accordi internazionali in materia di diritto d'autore, le varie entità nazionali sono ora organizzate in una rete globale che permette la tutela e il controllo dei diritti in ogni parte del mondo.

  • 39 -cfr. Auteri, Diritto d'autore, parte VI di Diritto industriale -Proprietà intellettuale e concorr (...)

69Questi enti ricoprono un importantissimo ruolo di intermediazione, facendosi portavoce degli interessi dei soggetti che affidano loro la tutela delle proprie opere o esecuzioni. Come fa notare argutamente Auteri «la gestione collettiva non risponde soltanto all'interesse degli aventi diritto, ma anche a quello degli utilizzatori, che solo così riescono a procurarsi le licenze di cui hanno bisogno per svolgere le loro attività.»39 Questo sistema dunque consente di abbattere i costi di transazione, mettendo in contatto attraverso un unico grande canale i vari soggetti interessati.

9.2. - Il caso italiano: la S.I.A.E.

  • 40 -Per informazioni di carattere generale si veda la sezione FAQ del sito della S.I.A.E.: www.siae.i (...)

70In Italia questo ruolo è ricoperto dalla Società Italiana Autori ed Editori (S.I.A.E)40, ente di diritto pubblico cui la legge 633/41 attribuisce in via esclusiva l'attività d'intermediazione in fatto di diritti d'autore e diritti connessi. Ciò significa che per legge nessun altro ente pubblico o privato può svolgere le stesse funzioni.

LA NORMA
Art. 180 LDA (commi 1 e 2)
L'attività di intermediario, comunque attuata, sotto ogni forma diretta o indiretta di intervento, mediazione, mandato, rappresentanza ed anche di cessione per l'esercizio dei diritti di rappresentazione, di esecuzione, di recitazione, di radiodiffusione ivi compresa la comunicazione al pubblico via satellite e di riproduzione meccanica e cinematografica di opere tutelate, é riservata in via esclusiva alla Società italiana degli autori ed editori (S.I.A.E.).
Tale attività é esercitata per effettuare:
1) la concessione, per conto e nell'interesse degli aventi diritto, di licenze e autorizzazioni per l'utilizzazione economica di opere tutelate;
2) la percezione dei proventi derivanti da dette licenze ed autorizzazioni;
3) la ripartizione dei proventi medesimi tra gli aventi diritto.

  • 41 -Dagli appunti di lavoro del progetto iCommons Italy emerge che «la S.I.A.E. esercita un’attività (...)

71Da ciò deriva in sostanza che l'autore italiano che voglia vedere tutelati i suoi interessi ad un certo livello e con certe garanzie non può far altro che affidarsi alla S.I.A.E. Si crea così una situazione -come alcuni criticamente fanno rilevare -di monopolio, che, se da un lato garantisce unità e coordinamento nella gestione, dall'altro spesso tende ad appiattire ed uniformare eccessivamente le situazioni41 .

72A dire il vero, la legge lascia uno spiraglio in questa impostazione monopolistica, stabilendo al comma 4 dell'art. 180 che tale esclusività di poteri «non pregiudica la facoltà spettante all'autore, ai suoi successori o agli aventi causa, di esercitare direttamente i diritti loro riconosciuti da questa legge». Tuttavia, a livello pratico, ciò significa che l'autore, pur potendo scegliere di non usufruire dei servizi della S.I.A.E., rischierebbe di lasciare scoperta un'ampia fascia di prerogative esercitabili efficacemente -come si è detto -solo attraverso entità con una certa organizzazione e certi poteri. Attualmente il dibattito sull'opportunità di liberalizzare in Italia la gestione collettiva dei diritti (quindi di togliere l'esclusiva alla S.I.A.E.) è ancora aperto.

73I soggetti interessati possono demandare la tutela alla S.I.A.E in due forme: l'iscrizione e il mandato. La situazione derivante dalle due posizioni è diversa a livello sia giuridico che pratico: l’associato, infatti, sottoscrivendo lo statuto dell’ente ed entrandone a far parte, si assume una serie di oneri in più, che rendono ancora più pregnante la situazione di univocità sopra illustrata.

  • 42 - Disponibile sul sito www.siae.it/siae.asp.

74Ad esempio, secondo l’art. 2 dello Statuto della SIAE42 , “il rapporto associativo ha durata di 4 anni […] ed è tacitamente rinnovabile di quadriennio in quadriennio”. Come in tutti gli enti associativi, l’associato gode dei diritti derivanti dalla sua posizione, ma è anche tenuto al rispetto degli obblighi previsti dalle norme dello statuto e del regolamento, pena l’inflizione di alcune sanzioni (fino ad arrivare alla radiazione del socio).

75Ulteriori problemi derivano dall’interpretazione estensiva che nella prassi giuridica spesso si verifica in merito all’esclusiva concessa dall’art. 180. Nell’art. 3 del Regolamento Generale SIAE: “L'iscrizione comporta il conferimento alla Società del mandato per l'esercizio di tutti i diritti su tutte le opere di competenza delle sezioni per le quali l'iscrizione dispiega i suoi effetti […].” La norma appare subito piuttosto tassativa e univoca: l’iscritto alla SIAE perde necessariamente ogni possibilità di gestire autonomamente i diritti sulle sue opere. E non solo sulle opere già create, ma in pratica anche su quelle future! L’articolo 3 infatti prosegue dicendo che “l'iscritto ha l'obbligo di dichiarare tempestivamente tutte le opere destinate alla pubblica utilizzazione sulle quali abbia od acquisti diritti.”

9.3. - Altri compiti della S.I.A.E.

76Nel tempo, oltre alle funzioni originarie (cioè quelle previste nell'art. 180) l'ordinamento italiano ha via via attribuito alla

77S.I.A.E. sempre maggiori compiti relativi in generale al controllo di varie attività attinenti alla sfera del diritto d'autore. Ciò in virtù dell'art. 181 LDA in cui si legge: «oltre alle funzioni indicate nell'articolo precedente ed a quelle demandategli da questa legge o altre disposizioni, la S.I.A.E. può esercitare altri compiti connessi con la protezione delle opere dell'ingegno, in base al suo statuto.»

  • 43 -Il più vistoso esempio delle nuove competenze attribuite alla S.I.A.E. nel 2000 è il rilascio dei (...)

78In particolare tale ampliamento di attribuzioni43 è stato dettato dalla Legge 248 del 2000 che, fra le varie modifiche, ha introdotto nella legge 633/41 l'art. 182 bis con l'elenco delle nuove competenze.

LA NORMA
Art. 182 bis LDA (comma 1) All'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ed alla Società italiana degli autori ed editori (SIAE) è attribuita, nell'ambito delle rispettive competenze previste dalla legge, al fine di prevenire ed accertare le violazioni della presente legge, la vigilanza:
a) sull'attività di riproduzione e duplicazione con qualsiasi procedimento, su supporto audiovisivo, fonografico e qualsiasi altro supporto nonché su impianti di utilizzazione in pubblico, via etere e via cavo, nonché sull'attività di diffusione radiotelevisiva con qualsiasi mezzo effettuata;
b) sulla proiezione in sale cinematografiche di opere e registrazioni tutelate dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi al suo esercizio;
[continua]
c) sulla distribuzione, la vendita, il noleggio, l'emissione e l'utilizzazione in qualsiasi forma dei supporti di cui alla lettera a);
d) sui centri di riproduzione pubblici o privati, i quali utilizzano nel proprio ambito o mettono a disposizione di terzi, anche gratuitamente, apparecchi per fotocopia, xerocopia o analogo sistema di riproduzione;
d-bis) sull'attività di fabbricazione, importazione e distribuzione degli apparecchi e dei supporti di cui all'art. 71-septies;
d-ter) sulle case d'asta, le gallerie e in genere qualsiasi soggetto che eserciti professionalmente il commercio di opere d'arte o di manoscritti.

79E' evidente quanto il ruolo della S.I.A.E., dopo l'introduzione di queste nuove norme, si sia fatto ancor più incisivo e pregnante, irrigidendo ulteriormente la situazione di monopolio e di standardizzazione.

9.4. - Il ruolo delle associazioni di categoria

80Nel sistema della raccolta e ridistribuzione dei proventi che la percepisce attraverso i canali previsti dal sistema italiano, un ruolo fondamentale è ricoperto dalle associazioni di rappresentanza delle categorie professionali interessate. Infatti, la si occupa direttamente degli autori, ma ci sono altri soggetti che partecipano a diverso titolo alla macchina della produzione culturale e che, organizzati in associazioni di categoria, hanno stabilito accordi con la S.I.A.E. per tutelare i propri interessi e incassare quanto spetta loro.

81A differenza della S.I.A.E. queste entità associative normalmente non ricevono un riconoscimento dallo Stato e la legge non attribuisce loro alcuna posizione di esclusiva: dunque la loro regolamentazione si basa unicamente sul diritto privato, cioè sugli accordi fra i loro iscritti e sugli accordi fra l'associazione e gli altri enti. Gran parte delle “regole del gioco” in Italia (comprese le linee guida per alcune riforme legislative) vengono stabilite da questi soggetti.

82Vediamo le principali associazioni:

  • I.M.A.I.E. (Istituto Mutualistico Artisti Interpreti ed Esecutori): è l'ente morale (quindi riconosciuto dallo Stato) preposto alla tutela dei diritti degli artisti interpreti ed esecutori di opere musicali, cinematografiche, audiovisive e assimilate in genere (principalmente attori, cantanti, strumentisti);44
  • A.I.E. (Associazione Italiana Editori): «è l’associazione di categoria degli editori italiani e stranieri operanti in Italia o che pubblicano in lingua italiana libri, riviste e prodotti di editoria elettronica multimediale e on line»;45
  • Univideo (Unione Italiana Editoria Audiovisiva): «è l'Associazione che rappresenta il settore dell'Home Entertainment in Italia e raggruppa al suo interno le principali aziende attive nell’Industria dell'audiovisivo»;46
  • F.I.M.I. (Federazione Industria Musicale Italiana): «compito primario di FIMI è la rappresentanza dell’industria musicale, nel suo complesso, nel dialogo con le istituzioni pubbliche (Comunità Europea, Governo, Pubblica Amministrazione) e private (Associazioni di categoria imprenditoriali e professionali), con SIAE e IMAIE».47
  • B.S.A. (Business Software Alliance): organizzazione mondiale delle principali imprese produttrici di software, la cui mission prevede “il miglioramento della fiducia e della sicurezza nel cyberspazio, la riduzione della pirateria software, la promozione di politiche per la protezione della proprietà intellettuale e il libero mercato, oltre all’educazione del pubblico per l’adozione di criteri efficaci di gestione del software.”48

Notes

10 -A dire il vero, in origine l'editto della regina Anna d’Inghilterra, per l'acquisizione dei diritti, attribuiva all'autore l'onere di provvedere alla registrazione dell’opera presso un apposito ufficio pubblico. Da quel momento il diritto durava 14 anni, con la possibilità di una sola ulteriore proroga di altri 14 anni. Trascorso tale periodo di (al massimo) 28 anni, l’opera cadeva nel pubblico dominio. Col tempo però, in risposta alle nuove esigenze dell’impresa culturale, si pensò di rendere meno macchinosa l’acquisizione di tali diritti e di allungare la relativa durata fino agli attuali 70 anni dalla morte dell’autore.

11 -Nell'ordinamento inglese, oltre al requisito dell'originalità, si richiede «che l'opera testimoni “skill, judgment and labour”, che cioè l'opera abbia richiesto abilità, giudizio e lavoro.» (cfr. AUTERI, Diritto d'autore, parte VI di Diritto industriale -Proprietà intellettuale e concorrenza, Giappichelli, 2005, II ediz., p. 498).

12 -Si veda in tal senso come si è espressa la Corte di Cassazione nella Sent. n. 175 del 23/01/69: «Perché un'opera dell'ingegno possa ricevere protezione ai sensi della Legge sul diritto di autore, è sufficiente che il requisito della “creatività” sussista in misura modesta, non essendo richiesto un particolare grado del requisito stesso.»

13 -Per approfondire il concetto, consultare la voce “plagio” all'interno della Guida alla materia del sito dirittodautore.it, accessibile all'URL http://www.dirittodautore.it/page.asp?mode=Page.

14 - cfr. http://www.dirittodautore.it/page.asp?mode=Page&idpagina=63.

15 -Si badi bene, quindi, a non cadere nella strumentale e semplicistica affermazione per cui il copyright sarebbe un modo per ingabbiare le “idee”.

16 -Altrimenti si parla di semplici elaborazioni creative [v. paragrafo successivo].

17 -La norma specifica però: «sempre che non si tratti di semplice documentazione protetta ai sensi delle norme del Capo V del Titolo II». Per approfondire questa distinzione si rimanda alla lettura degli art. 87 ss. LDA.

18 -La norma specifica però: «sempre che non si tratti di semplice fotografia protetta ai sensi delle norme del Capo V del Titolo II». Per approfondire questa distinzione si rimanda alla lettura degli art. 87 ss. LDA.

19 - Si veda a tal proposito l'analisi monografica riportata al cap. IV.

20 -La norma successivamente aggiunge: «La tutela delle banche di dati non si estende al loro contenuto e lascia impregiudicati diritti esistenti su tale contenuto». Si veda altresì l'analisi monografica riportata al cap. IV.

21 -Negli ordinamenti di copyright si parla (pur con alcune differenze) di “opere derivate” (derivative works).

22 - Si vedano a tal proposito gli artt. 1100 e seguenti del Cod. Civ.

23 - Sul concetto di “diritto esclusivo” v. supra cap. II, par. 2.2.

24 -Il diritto esclusivo previsto dall'art. 13 è riconducibile al concetto di copyright in senso stretto, cioè nel senso di realizzazione e moltiplicazione di copie materiali dell'opera.
Si riporta a tal proposito l'interessante massima della Corte di Cassazione (Sent. n. 587 del 21/02/69), in cui si può cogliere il meccanismo che sta alla base del diritto d'autore classico: «Il diritto di usare il simbolo © (copyright), seguito dal nome, appartiene, alla stregua dell'ordinamento italiano, all'autore o al suo avente causa, quando la pubblicazione dell'opera venga attuata direttamente dai medesimi [...]; appartiene, invece, all'editore, quando la pubblicazione stessa venga attuata mediante la stipulazione del contratto di edizione, che trasferisce appunto all'editore il relativo diritto.»

25 -Il secondo comma dell'articolo specifica però: «Non é considerata pubblica la esecuzione, rappresentazione o recitazione dell'opera entro la cerchia ordinaria della famiglia, del convitto, della scuola o dell'istituto di ricovero, purché non effettuata a scopo di lucro.»

26 -Questo diritto è sottoposto al cosiddetto principio dell'esaurimento, secondo il quale un autore non può più controllare la distribuzione delle copie di una sua opera una volta che queste siano state messe legittimamente sul mercato. Tale di ritto, dunque, si “esaurisce” con l'immissione sul mercato delle copie.

27 -Tale diritto è direttamente connesso con il diritto morale all'integrità dell'opera di cui parleremo più avanti.

28 -Questo secondo comma prosegue però dicendo: «La durata dei diritti di utilizzazione economica dell'opera come un tutto é di settant'anni dalla prima pubblicazione [...].»

29 -Art. 27, comma 1: «Nelle opere anonime o pseudonime, fuori del caso previsto nel capoverso dell'art. 8 [cioè quando lo pseudonimo è notoriamente riconducibile ad un soggetto determinato], la durata dei diritti di utilizzazione economica é di settant'anni a partire dalla prima pubblicazione, qualunque sia la forma nella quale essa é stata effettuata.»

30 -I commi 4 e 5 dello stesso art. 68 prevedono inoltre un macchinoso sistema per la corresponsione di un compenso agli autori ed agli editori delle opere che vengono così riprodotte (pur nel limite del 15%).

31 -Esempio più comune è quello del soggetto non vedente che necessita la trasposizione di un'opera scritta in versione sonora o in caratteri Braille.

32 -In verità il testo dell'articolo suona piuttosto restrittivo: «È libera la comunicazione o la messa a disposizione destinata a singoli individui, a scopo di ricerca o di attività privata di studio, su terminali aventi tale unica funzione situati nei locali delle biblioteche accessibili al pubblico, degli istituti di istruzione, nei musei e negli archivi, limitatamente alle opere o ad altri materiali contenuti nelle loro collezioni e non soggetti a vincoli derivanti da atti di cessione o da licenza.»

33 -Per approfondire il funzionamento (o forse il “malfunzionamento”?) di questa disciplina, si leggano gli artt. 71 septies e 71 octies LDA.

34 -Per definizione dell'art. 78 LDA, «il produttore di fonogrammi è la persona fisica o giuridica che assume l'iniziativa e la responsabilità della prima fissazione dei suoni provenienti da una interpretazione o esecuzione o di altri suoni o di rappresentazioni di suoni». La titolarità di questi diritti è comunemente indicata con il simbolo (P).

35 -E' importante segnalare che il diritto d'autore italiano tiene distinte le categorie di “opera fotografica” e di semplice “fotografia”. In questo caso di parla di semplice fotografia, protetta solo da un diritto connesso; nel caso di opere fotografiche (cioè fotografie che denotano un rilevante apporto creativo/stilistico) il fotografo può vantare anche un vero e proprio diritto d'autore.

36 -Si noti bene, però, che siamo solo sul piano della prova. Da questo principio dunque non deriva che eventuali contratti non stipulati in forma scritta siano invalidi; ma solamente aggraveranno in fase processuale la posizione della parte che ha acquisito i diritti.

37 - L'art. 118 LDA definisce il contratto di edizione come il contratto con il quale l'autore concede ad un editore l'esercizio del diritto di pubblicare per le stampe, per conto e a spese dell'editore stesso, l'opera dell'ingegno.

38 -Questa lettera dell'art. 171 mira a colpire specificamente il fenomeno del file sharing, di cui parleremo più avanti.

39 -cfr. Auteri, Diritto d'autore, parte VI di Diritto industriale -Proprietà intellettuale e concorrenza, Giappichelli, 2005, II ediz., p. 567.

40 -Per informazioni di carattere generale si veda la sezione FAQ del sito della S.I.A.E.: www.siae.it/faq_siae.asp.

41 -Dagli appunti di lavoro del progetto iCommons Italy emerge che «la S.I.A.E. esercita un’attività in sostituzione dell’autore o avente causa, per finalità di coordinamento e di interesse generale, attraverso un meccanismo di standardizzazione dei rapporti e di forfetizzazione delle situazioni.»
Si veda a tal proposito il documento “L’esclusiva riservata dall’art. 180 l. a. alla S.I.A.E. nell’esercizio dell’attività di intermediazione di taluni diritti d’autore: Inquadramento giuridico e potenziali impatti sull’iniziativa Creative Commons”, par.2, pag.6, disponibile all'indirizzo web
http://creativecommons.ieiit.cnr.it/Esclusiva180_iCommonsItaly.pdf.

42 - Disponibile sul sito www.siae.it/siae.asp.

43 -Il più vistoso esempio delle nuove competenze attribuite alla S.I.A.E. nel 2000 è il rilascio dei bollini (più propriamente “contrassegni”) che tutti i produttori di supporti digitali o analogici contenenti opere protette (audio, video, software e multimediali) sono tenuti ad applicare sui loro prodotti. Lo scopo di tale soluzione è quello di contrastare la diffusione di copie “pirata” di tali supporti.

44 - v. www.imaie.it/imaie.html.

45 - cfr. www.aie.it/aie/chisiamo.asp.

46 - cfr. www.univideo.org/cms/index.php?dir_pk=7.

47 - cfr. www.fimi.it/profilo.asp.

48 cfr. www.bsa.org/italia/about/Membership-Details.cfm.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search