Version classiqueVersion mobile

Diacronia di un romanzo: "Uomini e no" di Elio Vittorini 1944-1966

 | 
Virna Brigatti

Prefazione

A chi, prima di me, con il suo lavoro
ha permesso che compissi questo percorso

A Giorgio
e alla mia famiglia

Texte intégral

Negli anni in cui questo lavoro di ricerca è stato svolto, sono molte le persone che ho di volta in volta ringraziato personalmente; ora, in questa sede, devo di necessità limitarmi a citare esplicitamente solo pochi nomi, ma tengo a premettere che i non citati restano parte viva, nella mia memoria, del percorso che ha condotto a questo mio volume.
Il mio primo ringraziamento va, e non per dovere, ad Alberto Cadioli, guida ferma e severa, ma vicina, aperta e disponibile ad accogliere dubbi e incertezze per farli maturare in serio e articolato confronto intellettuale. Accanto a lui, altre figure autorevoli hanno affiancato la mia ricerca, non solo attraverso il loro lavoro scientifico, ma anche attraverso il tempo di dialogo che mi hanno concesso; in particolare richiamo i nomi di Gian Carlo Ferretti, Edoardo Esposito e Carla Riccardi.
Seguono poi i ringraziamenti a figure indispensabili e insostituibili: gli archivisti, i bibliotecari e i responsabili del Centro Apice dell’Università degli Studi di Milano, della Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori e della Fondazione Rizzoli Corriere della Sera. Grazie dunque a Claudia Piergigli, Raffaella Gobbo, Gaia Riitano, Valentina Zanchin, Luisa Finocchi, Annalisa Cavazzuti, Tiziano Chiesa, Marco Magagnin, Francesca Tramma.
Grazie ancora ai tanti colleghi e amici che tra le chiacchiere hanno condiviso con me riflessioni e pensieri, aiutandomi a raggiungere chiarezza e determinazione; tra tutti, Silvia Cavalli, Marco Fumagalli, Elisa Marazzi, Isotta Piazza.
Ringrazio inoltre un gruppetto particolare di persone, che sono state testimoni dell’ultima fase di questo lavoro e dei suoi retroscena, con le quali l’amicizia è tutt’uno con un fertile scambio intellettuale: Rosa Argenziano, Mattia Bertocco, Chiara Cauzzi, Michela Cervini, Mara Pometti, Giulia Ravera.
A Giorgio, infine, mio marito, a lui non solo una dedica ma anche un ringraziamento, per la pazienza e il costante sostegno.

  • 1 Prefazione a Elio Vittorini, Le opere narrative, Milano, Mondadori, 1974, a cura di Maria Corti, vo (...)

«rilievo speciale assume nel caso di Vittorini la prospettiva diacronica perché egli vive in continua, inquieta fase di problematicità e di potenziale evoluzione, spostando e ripudiando idee, immagini, rimettendo sempre tutto in forse»1
(Maria Corti)

1La storia di Uomini e no di Elio Vittorini, considerata a partire dalla genesi del testo e poi lungo le diverse edizioni approvate dallo scrittore, impone di parlare di diverse e successive volontà autoriali che hanno determinato nel tempo i cambiamenti apportati alla narrazione romanzesca. Di questo romanzo si dispone del testo corrispondente all’ultima volontà dell’autore e considerabile, dunque, ne varietur – quello uscito dalla revisione del 1965 per Mondadori –, ma è utile affrontare l’intera storia della scrittura e della sua lavorazione editoriale, per meglio individuare i nodi critici che in essa sono racchiusi e per meglio conoscere alcuni tasselli del percorso intellettuale e narrativo dell’autore.

2Il primo perno su cui poggiare l’avvio del discorso è l’indagine sulla genesi della princeps del 1945, edita a Milano presso la casa editrice di Valentino Bompiani; il secondo è la ricostruzione della sua contemporanea ricezione e dell’evoluzione dell’idea di letteratura dell’autore in quegli anni, ricostruzione che conduce verso le scelte operate per la seconda edizione Bompiani del 1949. In proposito si può affermare che le due pubblicazioni degli anni Quaranta siano i due estremi delle scelte condotte dallo scrittore all’interno delle quali prenderanno forma le edizioni degli anni Sessanta, che rappresentano il terzo e ultimo snodo dei risultati della ricerca qui proposti. La princeps è infatti il deposito di tutti i materiali testuali che sono riconducibili al titolo Uomini e no, mentre l’edizione del 1949 rappresenta il momento di maggiore riduzione quantitativa di quegli stessi materiali. L’edizione del 1960, ancora presso Bompiani, e quella del 1965, la prima con Mondadori e l’ultima a precedere la morte dell’autore, vedono progressivamente recuperare le parti di testo estromesse nel 1949, giungendo a un testo che si può considerare prossimo (nella macro-struttura diegetica) a quello del 1945. Poiché, dunque, il testo della princeps ha un’impostazione che di massima è recuperata nella pubblicazione del 1965 e poiché la critica successiva a quest’ultima si è per lo più sempre confrontata con il testo da questa trasmesso, è possibile porre in dialogo la rilettura del romanzo così come è stato pubblicato nel 1945, con l’interpretazione che nel tempo ne è stata data e che si è per lo più fondata sul testo dell’ultima edizione; ciò almeno per quelle considerazioni che sono ammissibili per entrambe le redazioni.

3A questo proposito si può anticipare che tendenzialmente la critica ha letto il romanzo secondo due principali assi interpretativi: privilegiando la storia d’amore e in conseguenza considerando la morte del protagonista come un suicidio causato dalla delusione sentimentale, o privilegiando il valore di testimonianza del periodo resistenziale, portando l’opera sotto l’etichetta di neorealismo e considerando dunque la morte del partigiano protagonista come un sacrificio per la lotta al nazi-fascismo. Queste due tendenze interpretative, che si manifestano fin dalle prime e immediate recensioni dell’opera, contemporanee al momento della sua prima pubblicazione nel giugno del 1945, si mantengono costanti nel tempo, arrivando a consolidarsi anche all’interno della critica accademica così come nelle pagine più autorevoli della critica militante. Tali tendenze si intrecciano negli scritti critici e spesso coesistono in modi non necessariamente contraddittori, soprattutto quando lo scopo del critico è quello di ricomporre, dal punto di vista dei significati, la costitutiva disarmonia compositiva e stilistica di un testo che pone la tensione tra le dimensioni private e intime dell’esistenza e quelle pubbliche e politiche al centro della propria ispirazione e della propria architettura letteraria: la celebre struttura bipartita tra capitoli composti in caratteri tondi e corsivi che rappresenta tipograficamente i due poli di questa tensione è infatti il centro problematico delle successive revisioni.

4Partendo da questa considerazione si è quindi voluto ripercorrere la storia del testo, riconducendola, alla sua autenticità filologica, in modo da potere misurare lo scarto tra la genesi del progetto narrativo, che ricade sotto la diretta responsabilità autoriale, e la sua ricezione, che invece apre lo spazio della libera interpretazione di ogni lettore.

5È stato possibile condurre questo tipo di indagine innanzitutto grazie alla disponibilità di materiali autografi e editoriali conservati presso gli archivi, i quali custodiscono la storia di questo romanzo e permettono di accedere al suo laboratorio di scrittura e revisione per un periodo di oltre vent’anni, da una fase molto vicina alla prima ideazione della struttura diegetica, fino alle ultime modifiche compiute negli ultimi anni di vita dell’autore.

6Nel caso infatti di Uomini e no, come già è stato accennato e come sarà poi descritto in modo più dettagliato nella premessa del primo capitolo, ci si può misurare con quattro edizioni vivente l’autore che trasmettono quattro redazioni testuali distinte, testimoni di quattro diverse volontà autoriali. Per quanto riguarda la princeps del 1945, inoltre, si posseggono le carte autografe di elaborazione del testo e le prime bozze in colonna postillate dall’autore, materiali finora trascurati dalla critica che consentono di indagare la genesi del testo, mentre la sua successiva revisione si osserva attraverso la collazione tra le diverse edizioni e, per quanto riguarda l’ultima del 1965, anche con l’antigrafo a partire dal quale è stata composta. Anche in questo caso non era finora stata affrontata un’indagine specifica che tenesse conto di tutti i documenti che consentono un’analisi in termini comparativi fra le diverse fasi di redazione e revisione del testo, nonostante si fosse da sempre a conoscenza delle riscritture e se ne tenesse, almeno in parte, conto.

  • 2 Questi archivi personali entrano in diretto dialogo con gli archivi editoriali conservati, sempre a (...)
  • 3 Corti, Prefazione, cit., p. xlix.

7L’esistenza di questi documenti, la loro accessibilità di consultazione – favorita dall’acquisizione da parte del Centro Apice dell’Università degli Studi di Milano del fondo personale Elio Vittorini e di quello personale di Valentino Bompiani –2 e il riconoscimento di questa cronologia di interventi d’autore sul proprio romanzo, mostra, da un lato, una particolare attenzione data da Vittorini a Uomini e no: infatti, pur di fronte a un autore che abitualmente e come specificità costitutiva del suo operare letterario pone la riscrittura a fondamento del proprio percorso intellettuale e creativo, occorre riconoscere che il caso di Uomini e no appare un vero e proprio nodo irrisolto della sua biografia letteraria. Dall’altro lato, queste premesse impongono di applicare i metodi di indagine della filologia d’autore, della critica delle varianti (o delle correzioni) e della filologia dei testi a stampa, per potere individuare gli snodi critici su cui si è concentrata di volta in volta la revisione e dunque l’attenzione di Vittorini. Maria Corti già nel 1974 nella prefazione ai volumi dei Meridiani Mondadori dedicati allo scrittore, metteva in evidenza «il problema delle varianti redazionali»: infatti, osserva la studiosa, «Vittorini non travasa mai un’opera intatta da una rivista a un volume, raramente da una stampa in volume a una ristampa. Di tale fluido processo correttorio, che mette a fuoco la squisita e paziente attenzione dello scrittore al dato formale, poco si è occupata finora la critica».3

8Per dare conto dei risultati di questa indagine si è scelto di mostrare i dati testuali, che emergono dalle collazioni tra i diversi materiali, direttamente in dialogo con il discorso critico e con un percorso di rilettura del romanzo che muove proprio dai punti in cui la revisione d’autore si addensa maggiormente; ciò significa che i dati emersi dalle collazioni sono stati selezionati in funzione del loro specifico peso critico e interpretativo, escludendo perciò la trascrizione integrale dei documenti e delle correzioni presenti su di essi.

9Lo scopo è quindi rileggere il romanzo attraverso il confronto con i materiali d’archivio, riproporne un ravvicinato commento, smontando il testo mentre si mostra come è andato componendosi. E l’obiettivo ultimo è infine individuare l’interpretazione dell’opera riconducibile alla volontà dell’autore, quella storicamente accertabile, e misurarla con le altrui letture che nel tempo si sono sovrapposte.

Notes

1 Prefazione a Elio Vittorini, Le opere narrative, Milano, Mondadori, 1974, a cura di Maria Corti, vol. I, pp. xi-lx; la citazione a p. xiii.

2 Questi archivi personali entrano in diretto dialogo con gli archivi editoriali conservati, sempre a Milano, presso la Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, per quanto riguarda il fondo archivistico dell’omonima casa editrice, e presso la Fondazione Rizzoli Corriere della Sera, per il fondo archivistico della casa editrice Bompiani.

3 Corti, Prefazione, cit., p. xlix.

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search