Version classiqueVersion mobile

Capire il copyright

 | 
Simone Aliprandi

Capitolo Primo. Premesse concettuali

Texte intégral

0. - LE FONTI DEL DIRITTO

1Innanzitutto è necessaria una premessa di tipo terminologico. Nel linguaggio giuridico, quando si parla genericamente di “diritto” ci si riferisce a quella particolare scienza sociale che si occupa di disciplinare e regolamentare i rapporti fra gli individui attraverso norme e principi giuridici. Il concetto è così ampio che i giuristi preferiscono differenziarlo in ambiti più definiti a seconda della provenienza e della forma con cui norme e principi si manifestano. Si parla dunque di “legge” in riferimento ai testi normativi emanati da apposite istituzioni politiche (Stato, Regioni, organismi sovranazionali); si parla di “giurisprudenza” in riferimento alle pronunce dei giudici su questioni concrete (che possono comunque servire come indicazione per il trattamento di altri casi simili); si parla invece di “dottrina” in riferimento alle opinioni autorevoli (più o meno condivise) degli studiosi del diritto in merito alle varie problematiche giuridiche; infine si considerano come fonte di diritto anche gli usi e le consuetudini generalmente riconosciute in una determinata realtà sociale.

2Dunque, qualsiasi problema di rilevanza giuridica può essere risolto attingendo a tutti e quattro questi ambiti, rispettandone l'ordine gerarchico con cui sono stati presentati. S'intende cioè che gli usi potranno essere valido riferimento solo qualora legge, giurisprudenza e dottrina non forniscano elementi sufficienti; la dottrina potrà essere indicata a sostegno delle proprie ragioni solo qualora legge e giurisprudenza non abbiano già trattato in modo esauriente l'argomento. Perciò, tendenzialmente i due principali ambiti di riferimento sono rappresentati dalla legge (intesa in senso ampio anche come decreti, regolamenti, ordinanze...) che ha il compito di indicare i principi con cui l'autorità legislativa intende disciplinare un determinato fenomeno; e dalla giurisprudenza che indica in modo più flessibile e preciso come vanno trattate di volta in volta le concrete situazioni. Legge e giurisprudenza svolgono un compito complementare e, a seconda dei diversi ordinamenti giuridici, hanno un diverso equilibrio e un diverso rapporto di prevalenza fra loro.

1. -DIRITTO PRIVATO E DIRITTO PUBBLICO

3Un'essenziale dicotomia concettuale che è importante apprendere prima di affrontare lo studio di qualsiasi materia giuridica è quella fra diritto pubblico e diritto privato.

4Non si tratta di due “tipi di diritto” diversi ma più che altro di due modalità diverse con cui il diritto regola la realtà sociale. Nel caso del diritto pubblico, il privato cittadino deve in qualche modo relazionarsi con un'istituzione pubblica nel rispetto di norme prestabilite. Nel caso invece del diritto privato, i cittadini regolano fra loro i rapporti giuridici sulla base di una certa libertà di gestione delle proprie prerogative.

5Così esposta tale classificazione risulta sicuramente troppo semplicistica e potrebbe (a ragione) far inorridire i puristi della teoria generale del diritto. Facciamo perciò alcuni esempi per comprendere meglio il concetto e per distinguere quando ci troviamo nella sfera d'influenza del diritto pubblico piuttosto che in quella del diritto privato.

6Tipico esempio di un ambito che fa capo alla sfera del diritto pubblico è quello del funzionamento degli apparati pubblici (statali, regionali, locali): norme di diritto pubblico per eccellenza sono infatti le norme costituzionali con le quali si definiscono le competenze dei soggetti di un apparato statale. Altro esempio paradigmatico è quello del diritto amministrativo con il quale si regolano i rapporti concreti fra i vari enti pubblici e fra questi e i privati cittadini: si pensi alla regolamentazione di servizi pubblici come trasporti, sanità, istruzione, telecomunicazioni. Ulteriore esempio può essere quello del diritto processuale (in senso stretto) nel quale si dettano le norme procedurali con cui devono svolgersi i processi di fronte alle autorità giudiziarie. Infine, l'esempio del diritto penale, il quale, pur agendo sempre nei confronti di un soggetto privato, ha la principale funzione di tutelare l'ordinamento da comportamenti che possono danneggiarne l'equilibrio sociale (ovvero, i reati): tale tutela ¬come si vedrà meglio -necessita sempre l'intervento di una istituzione pubblica nel ruolo di autorità inquirente e avviene sempre rigorosamente attraverso la statuizione per legge di quali siano questi comportamenti pericolosi e di quali siano le modalità di punizione e repressione più opportune.

7Esempi classici attinenti alla sfera del diritto privato sono i rapporti di famiglia (matrimonio, divorzio, successioni; adozione, riconoscimento e mantenimento di figli), i rapporti di tipo “reale” (possesso, proprietà, usufrutto, superficie), le garanzie (pegno, ipoteca, fideiussione). Ad ogni modo, la più antica e più comune forma di applicazione del diritto privato è quella dell'attività contrattuale: quando compriamo il giornale, quando beviamo un caffè al bar, quando saliamo su un taxi, stiamo svolgendo (anche se spesso inconsapevolmente) azioni che hanno una rilevanza dal punto di vista giuridico; tuttavia (e per fortuna!) non c'è bisogno che ogni nostra azione di quel tipo sia autorizzata o regolamentata da un'istituzione pubblica. Infatti esistono delle norme comunemente acquisite e riconosciute nelle società moderne (il cosiddetto “diritto comune”) che ci permettono di attribuire efficacia giuridica a tali nostre azioni.

8Se entriamo in edicola e chiediamo un giornale, è naturale ed implicito che l'edicolante si aspetti la monetina in cambio, indipendentemente dal fatto che noi ci siamo preventivamente messi a contrattare con lui sulle modalità di questo scambio di beni. Ciò non toglie che abbiamo comunque messo in atto un contratto. E il contratto -è questo uno dei principi cardine del diritto in generale -“ha forza di legge fra le parti” (art. 1372 Cod. Civ.): nel senso che le parti che hanno concluso un contratto sono tenute a rispettarne le condizioni, come tutti i cittadini di uno Stato sono tenuti a rispettarne le leggi.

9Le parti, tra l'altro, godono di una certa autonomia in merito a come regolare i loro rapporti giuridici; infatti un altro principio fondamentale è quello per cui “le parti possono liberamente determinare il contenuto del contratto” (art. 1322 Cod. Civ.), purché rispettino i limiti imposti dalla legge. Ecco che così, con questa ultima precisazione, ci si sposta di nuovo nella sfera del diritto pubblico, il quale attraverso la legge e il controllo dell'autorità giudiziaria è chiamato idealmente a tracciare i limiti entro cui può esprimersi l'autonomia contrattuale, ovvero entro cui i privati cittadini possono regolare autonomamente i loro rapporti.

2. - DIRITTO CIVILE E DIRITTO PENALE

10L'altra grande distinzione concettuale che è importante affrontare onde evitare pericolose confusioni è quella fra diritto civile e diritto penale.

  • 1 Non è raro sentire nelle discussioni “da bar” frasi come “quel tizio mi deve dei soldi: prima o po (...)

11Nell'immaginario di coloro che non hanno nozioni giuridiche di base è forse difficile tenere ben distinte le due sfere; soprattutto si fa fatica a percepire appieno la differenza concettuale fra illecito di tipo civile e illecito di tipo penale1. Si tende infatti a considerare in modo univoco e monolitico il concetto di “illecito” inteso grossolanamente come “qualcosa che non si può fare”; e di riflesso si tende ad identificare nelle forze dell'ordine il soggetto genericamente preposto a controllare il rispetto delle regole. Ma basta far propria la dicotomia sopraesposta fra diritto pubblico e diritto privato per capire che non si può trattare il fenomeno in questo modo senza incorrere in evidenti goffaggini. Infatti se diamo per acquisito che esiste un'ampia sfera di rapporti giuridici di cui sono i privati cittadini a decidere autonomamente la regolamentazione (diritto privato), è facile intuire come non può essere una denuncia ai Carabinieri a tutelarci dalla violazione di un contratto che abbiamo stipulato e che abbiamo redatto di nostra iniziativa.

12Cerchiamo di cogliere meglio questa basilare distinzione attraverso alcuni esempi pratici.

13Il diritto civile si struttura in una serie di strumenti legali con cui i privati cittadini possono tutelare i propri interessi. Quando il soggetto di un rapporto giuridico vede violato (o messo in pericolo) un suo diritto da parte di altri soggetti, può attivarsi attraverso questi strumenti legali per far cessare il comportamento dannoso/pericoloso e per essere risarcito del danno subito. L'iniziativa per questo tipo di tutela (tutela civile) è dunque normalmente della parte interessata.

14Il diritto penale invece si basa (come premesso poco fa) sull'individuazione da parte del legislatore di quali comportamenti costituiscano un reato (vocabolo che equivale a “illecito penale”, perciò dire - come spesso si sente nel linguaggio giornalistico -“reato penale” è solo una tautologia e un appesantimento lessicale). Il controllo e la repressione di questi comportamenti spetta esclusivamente all'autorità giudiziaria, la quale, servendosi del tramite delle forze dell'ordine, svolge le indagini necessarie, individua il responsabile, ne verifica la colpevolezza attraverso un regolare processo e applica al caso la pena prevista dalla legge. In questo meccanismo il privato cittadino che voglia attivarsi per la realizzazione di una tutela di tipo penale non può fare altro che segnalare il fatto all'autorità inquirente e mettersi a disposizione di questa come testimone dei fatti.

15E' importante, infine, tenere presente che il confine fra tutela civile e tutela penale non è netto: spesso infatti le due tutele possono sovrapporsi. Ad esempio, buona parte dei reati fa sorgere in capo al loro autore anche una responsabilità di tipo civile nei confronti della parte che ha subito il reato; e la lesione di alcuni diritti di tipo privato, quando il comportamento lesivo è portato all'eccesso, possono integrare anche un reato.

16Approfondiremo meglio questi aspetti proprio in materia di diritto d'autore, dove appunto non è difficile verificare una convivenza fra norme e tutele di tipo civile e norme e tutele di tipo penale.

3. - LO STUDIO DELLA MATERIA

3.1. - Classificazioni

17Nell'organizzazione universitaria italiana, fino a pochi anni fa, il diritto d'autore tendenzialmente non esisteva come materia a sé; solo dopo la riforma che ha introdotto un sistema basato su esami esami più brevi/numerosi e crediti formativi, in alcuni corsi universitari è comparso come materia vera e propria.

18Fino a quel momento esso veniva studiato nell'ambito del Diritto industriale: materia in cui si trattano tradizionalmente anche i brevetti, i marchi, la concorrenza fra imprese, il diritto della pubblicità e negli ultimi anni anche il diritto legato alle nuove tecnologie informatiche (contratti telematici, privacy, gestione delle reti). Alcuni preferiscono raggruppare le tre aree tematiche del diritto d'autore, del diritto dei brevetti e quello dei marchi sotto la voce “Diritto della proprietà intellettuale”, ma altri contestano questa scelta per ragioni di tipo dogmatico-dottrinale avanzando la critica che l'idea di “proprietà intellettuale” sia una forzatura concettuale. Si parla dunque più agevolmente di “proprietà industriale”, anche se questo concetto non riesce a comprendere tutte le attività cui le tre aree tematiche si rivolgono. D'altro canto è possibile anche sentir parlare di Diritto della concorrenza, concetto ancor più ampio di quello di Diritto industriale, proprio perché richiama alla mente non solo rapporti giuridici che hanno uno stretto legame con l'attività industriale ma anche tutto il settore dei cosiddetti beni immateriali e il mercato dei servizi.

3.2. - L'assetto normativo italiano

19Questa struttura sistematica e divisione degli ambiti tematici si riflette nella normativa di riferimento. Fino a pochi anni or sono, ci si trovava di fronte alla seguente situazione: il Regio Decreto n. 1127 del 1939 (Testo delle disposizioni legislative in materia di brevetti per invenzioni industriali) era il testo legislativo principale in materia di brevetti; la Legge n. 633 del 1941 (Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio) era il testo legislativo principale in materia di diritto d'autore; il Regio Decreto n. 929 del 1942 (Testo sulle disposizioni legislative in materia di marchi registrati) era il testo legislativo principale in materia di marchi.

20Nel 2005 è però sopravvenuta una riforma che ha accorpato le discipline relative ai brevetti e ai marchi in un unico testo chiamato comunemente “Codice della proprietà industriale” e più precisamente Decreto Legislativo n. 30 del 2005.

3.3. - La normativa specifica sul diritto d'autore

21In fatto di diritto d'autore, il testo legislativo di riferimento resta tutt'oggi la già citata Legge 633/1941, che d'ora in avanti indicheremo con l'acronimo LDA (Legge Diritto Autore). Essa ovviamente non è rimasta immutata dal 1941 ma ha subito nel corso degli anni cospicui interventi di riforma e di integrazione, soprattutto dietro la spinta della normativa europea; è il caso di ricordare principalmente: Decreto Lgs. n. 518/1992 (Attuazione della direttiva 91/250/CEE relativa alla tutela giuridica per i programmi per elaboratore), Decreto Lgs. n. 154/1997 (Attuazione della Direttiva 93/98/CEE concernente l'armonizzazione della durata di protezione del diritto d'autore e di alcuni diritti connessi), Decreto Lgs. n. 169/1999 (Attuazione della Direttiva 96/9/CEE relativa alla tutela giuridica delle banche dati), Legge 248/2000 (Nuove norme di tutela del diritto d'autore), Decreto Lgs. n. 95/2001 (Attuazione della direttiva 98/71/CE relativa alla protezione giuridica dei disegni e dei modelli), Decreto Lgs. n. 68/2003 (Attuazione della direttiva 2001/29/CE sull'armonizzazione di taluni aspetti del diritto d'autore e dei diritti connessi nella società dell'informazione), Decreto Lgs. n. 140/2006 (Attuazione della direttiva 2004/48/CE sul rispetto dei diritti di proprietà intellettuale).

3.4. - Diritto d'autore e brevetto

22Come è già facile intuire da questa introduzione allo studio della materia, è un grave errore (seppur molto ricorrente) confondere diritto d'autore e brevetto. Si tratta di due strumenti di tutela ben distinti, con differenti caratteristiche e con diversi campi di applicazione: il diritto d'autore attiene alla sfera delle opere dell'ingegno (concetto su cui ci soffermeremo più avanti), mentre il brevetto attiene alle invenzioni industriali. Sono solo casi eccezionali gli ambiti in cui è possibile (anche se non sempre opportuna) una sovrapposizione fra tutela di diritto d'autore e tutela brevettuale (esempio tipico, su cui è ancora aperto il dibattito giuridico: il software).

23Per meglio cogliere le differenze essenziali fra il concetto di brevetto e quello di diritto d'autore, è possibile ricorrere al seguente schema.

4. - IL DIRITTO D'AUTORE NEL SISTEMA INTERNAZIONALE

4.1. - Sistemi giuridici differenti

24E' evidente quanto una materia come il diritto d'autore (e in generale il diritto industriale) non possa essere trattata in un'ottica puramente nazionale; sarebbe solo sintomo di miopia intellettuale. Soprattutto negli ultimi decenni in cui le tecnologie informatiche e telematiche hanno abbreviato (o addirittura azzerato) tempi e distanze geografiche. Questo aspetto crea non pochi problemi dal punto di vista giuridico, dato che non sempre i sistemi giuridici dei vari paesi coinvolti nel mercato globale delle opere dell'ingegno hanno le stesse caratteristiche di base o la stessa sensibilità nei confronti delle varie problematiche emergenti.

4.2. - Diritto d'autore e copyright

25La delicatezza del problema si avverte già riflettendo sulla terminologia comune, dove si tende ad usare indifferentemente “diritto d'autore” o “copyright”, come se l'uno fosse la traduzione letteraria dell'altro. Invece non è affatto così: esiste una differenza sostanziale fra i due concetti.

26Possiamo laconicamente dire che il concetto di diritto d’autore è più ampio rispetto a quello di copyright. Il copyright tipico degli ordinamenti giuridici di matrice anglo-americana (i cosiddetti sistemi di “common law”) è nato con l’insito scopo di promuovere l’industria culturale. Basta analizzare l’etimologia del termine per capire che esso si rivolge principalmente al “diritto di copiare”, quindi al diritto di riprodurre e distribuire sul mercato copie di un’opera. Da questo deriva che il copyright ha una particolare vocazione a tutelare ante omnia l’interesse del soggetto imprenditoriale che si preoccupa di investire sulla commercializzazione dell’opera (l’editore, il produttore, etc.).

27Il diritto d’autore italiano (e -pur con alcune differenze ¬quello dei paesi dell’Europa continentale, cioè i cosiddetti sistemi di “civil law”) fa un passo in più. Anche in questo caso l’analisi semantica ci aiuta a capire che l’attenzione della normativa si sposta verso la sfera dell’autore, il quale, anche dopo un’eventuale cessione dei diritti patrimoniali sull’opera, può conservare un certo controllo sulla stessa. Questo perché (come avremo modo di approfondire) il diritto d’autore prevede in capo all’autore un fascio di diritti più ampio, ovvero diritti relativi alla sfera più personale dell’autore, al quale si riconosce che l’opera da lui creata porta con sé anche un valore aggiunto rispetto al mero valore commerciale: un valore di tipo “morale”, come vedremo più avanti.

4.3 - L'armonizzazione internazionale

  • 2 Non è un caso infatti che -come abbiamo visto -gran parte delle riforme in materia di diritto d'au (...)

28Di fronte a questo scenario piuttosto complesso ci si chiede come debba comportarsi l'autore o il fruitore di un'opera dell'ingegno; cioè ci si chiede principalmente a quale sistema giuridico si dovrà fare riferimento per conoscere la disciplina applicabile. In questo come in moltissimi altri campi del diritto le autorità politiche dei vari stati interessati si attivano per cercare il più possibile di far interagire i loro assetti normativi e di avvicinare sempre di più quantomeno i principi fondamentali che ispirano le varie leggi di settore: ciò avviene attraverso la stipula di trattati e convenzioni internazionali che gli stati si impegnano a rispettare2.

  • 3 Ad esempio, ormai anche gli editori italiani che non molti decenni fa apponevano sulle loro opere (...)

29Dunque anche in ambito di diritto industriale attraverso questi strumenti di diritto internazionale si procede costantemente ad un'opera di avvicinamento reciproco fra le due concezioni di diritto d'autore e di copyright. Il resto lo ha fatto il processo di globalizzazione dei mercati (compreso il mercato dei contenuti coperti da copyright) che nella maggior parte dei casi ha esportato il modello americano anche nei paesi di civil law3.

Notes

1 Non è raro sentire nelle discussioni “da bar” frasi come “quel tizio mi deve dei soldi: prima o poi vado dalla Polizia”, oppure “quel tale mi ha tamponato in auto: adesso lo denuncio”. Perciò non è da escludere che gli agenti di polizia giudiziaria si trovino regolarmente a dover spiegare ai cittadini che certe questioni non vanno poste alla loro attenzione quanto piuttosto a quella di un avvocato, o di un giudice, o di un ufficio reclami di qualche ente (o di un difensore civico eventualmente).

2 Non è un caso infatti che -come abbiamo visto -gran parte delle riforme in materia di diritto d'autore siano state incentivate da direttive europee mirate esplicitamente all'armonizzazione dei sistemi.

3 Ad esempio, ormai anche gli editori italiani che non molti decenni fa apponevano sulle loro opere la dicitura “proprietà letteraria riservata” ora scrivono “Copyright © 2007 – all rights reserved”.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search