Version classiqueVersion mobile

La Tradizione del De Medicina Equorum di Giordano Ruffo

 | 
Antonio Montinaro

3. Censimento dei testimoni manoscritti e a stampa e delle edizioni moderne

Texte intégral

3.1. Norme del censimento

  • 1 Si sono condotti spogli sistematici su edizioni, studi e censimenti riguardanti mascalcie e trattat (...)
  • 2 Si sono esaminati direttamente 119 testimoni (107 manoscritti e 12 a stampa), conservati nelle segu (...)

1Il censimento mira a raccogliere e organizzare il maggior numero di informazioni riguardanti la diffusione e la circolazione del trattato di Giordano Ruffo e a fornire una solida e affidabile base di dati da cui partire per approfondimenti successivi. Condizione indispensabile affinché un testimone sia censito è che sia fisicamente individuabile (si fa eccezione quando di esso sia rimasta un’edizione o una riproduzione). Per portarlo a compimento, oltre a vagliare fonti di seconda mano, sempre citate in bibliografia,1 si è preso visione di tutti i testimoni, nella maggior parte dei casi ispezionandoli direttamente, nei restanti consultandoli integralmente o parzialmente tramite riproduzione.2 Come anticipato nella Premessa, le ispezioni dirette, compiute in biblioteche italiane ed europee, spesso si sono rivelate decisive per identificare nuovi testimoni e per correggere informazioni errate, tramandate non di rado supinamente dalla bibliografia (in numerosi casi si sono rettificati dati riguardanti segnature, localizzazioni del trattato, citazioni testuali e descrizioni, giungendo in non pochi casi a escludere l’attribuzione a Ruffo di trattati ritenuti erroneamente latori del De medicina equorum).

2L’elenco è suddiviso in tre sezioni: Elenco dei testimoni manoscritti (§ 3.2), Elenco degli antichi testimoni a stampa (§ 3.3) ed Elenco delle edizioni moderne (§ 3.4).

  • 3 In questa sezione si inseriscono sia i codici che tramandano la stessa redazione del trattato verga (...)
  • 4 Sebbene in qualche caso si sia riusciti a ricostruire l’esatta ubicazione dei testimoni, questo ele (...)
  • 5 Per i luoghi di conservazione dei testimoni (manoscritti e a stampa), si usa, con adattamenti, il s (...)
  • 6 Si usa la dicitura «Autore», fornendo ulteriori precisazioni all’interno della scheda (quando possi (...)
  • 7 Si riportano sistematicamente informazioni su composizione materiale, dimensioni e carte, seguite, (...)

3La prima sezione (§ 3.2) è ripartita in base alla (a) lingua del testo e (b) al luogo di conservazione: (a) utilizzando come punto di riferimento linguistico l’Europa, si segue l’ordine geografico da est a ovest e da nord a sud, fatta eccezione per il latino, che precede le altre lingue, le varietà non romanze e i codici bilingui,3 che sono posti in fondo all’elenco; (b) si segue in successione l’ordine alfabetico delle città che ospitano le biblioteche e il nome di queste ultime, mentre i manoscritti posseduti da privati sono posti in fondo all’elenco. La sezione è chiusa dai testimoni non identificabili univocamente, non computati nel censimento: testimoni non riconosciuti concordemente come latori del trattato di Ruffo oppure aventi ubicazione o segnatura dubbie o sconosciute.4 La citazione dei testimoni manoscritti è così articolata: si riportano dapprima per esteso i nomi della località e della biblioteca in cui sono conservati, seguiti, dopo il segno di uguale, da una abbreviazione che compendia questi dati e dal numero totale dei codici, indicato tra parentesi quadre; l’abbreviazione del luogo di conservazione costituisce la prima parte della citazione dei codici, completata dalla segnalazione del fondo in cui sono collocati e dalla loro segnatura (nel caso di opere in possesso di privati si forniscono le informazioni disponibili utili per una loro corretta identificazione, quando essa sia possibile).5 Per i manoscritti si riportano tendenzialmente il nome dell’autore del volgarizzamento o della copia,6 il titolo del trattato (ricavato generalmente dalla rubrica che introduce l’opera o dalla sottoscrizione, salvo sparuti casi segnalati nel campo Note), la datazione, la provenienza, l’indicazione della varietà linguistica (solo per i trattati in italoromanzo e se identificata con certezza dalle fonti consultate), la localizzazione del trattato all’interno del codice, l’incipit (del prologo e del testo: di entrambi si registrano tendenzialmente la rubrica iniziale, quando presente, e la prima linea di scrittura testuale, separando i due distinti segmenti con due barre verticali ||), l’explicit (si distingue fra testo e sottoscrizione [in riferimento a quella leggibile nel testo latino tramandato da Ve]) e una concisa descrizione.7

4La seconda sezione (§ 3.3), che annovera gli antichi testimoni a stampa (secc. XV-XVII), tutti in italoromanzo, è ripartita in base all’ordine cronologico di pubblicazione. Di questi testimoni si indicano il titolo (in forma abbreviata), l’editore e/o il tipografo, il luogo di edizione o di stampa e l’anno di edizione o di stampa. Si forniscono inoltre il titolo del trattato (se diverso da quello dell’edizione), la localizzazione del trattato all’interno del testimone, l’incipit (del prologo e del testo: si separano i due distinti segmenti con due barre verticali ||) e l’explicit (si distingue fra testo e sottoscrizione [in riferimento a quella leggibile nel testo latino tramandato da Ve]), una essenziale descrizione (formato, numero di carte e contenuto) e l’attuale luogo di conservazione (le informazioni sono desunte dall’esemplare ispezionato).

5La terza sezione (§ 3.4), che include tutte le edizioni moderne con intento – anche latamente – filologico, è suddivisa seguendo gli stessi criteri dell’Elenco degli antichi testimoni a stampa, sebbene si introduca la distinzione fra Edizioni a stampa e Tesi e dissertazioni (entrambe le tipologie, quando presenti, sono anche segnalate nel campo Bibliografia dell’Elenco dei testimoni manoscritti). Per le edizioni moderne a stampa si indicano il titolo, il curatore, il luogo di edizione, la casa editrice e l’anno di edizione; per le tesi di laurea si riportano il titolo, il curatore, la tipologia dell’edizione (tesi di laurea), il nome dell’università, l’anno accademico di discussione e il relatore; per le tesi di dottorato si segnalano il titolo, il curatore, la tipologia dell’edizione (tesi di dottorato), il nome dell’università, l’anno di discussione; per le dissertazioni le indicazioni sono più variabili, sebbene tendenzialmente siano sempre esplicitati il titolo, il curatore e il luogo della dissertazione. Alla citazione per esteso segue, dopo il segno di uguale [=], la relativa abbreviazione.

6Per ogni sezione (e relativa suddivisione) si fornisce tra parentesi quadre il totale dei testimoni, preceduti sempre, nell’elencazione, da numerazione progressiva in cifre arabe fra parentesi quadre.

7Si dichiara con le sigle i. d. (= ispezione diretta) e p. v. (= presa visione) se i testimoni siano stati ispezionati direttamente o se siano stati visionati tramite riproduzione (le trascrizioni non registrano eventuali interventi editoriali: scioglimenti di abbreviazioni, integrazioni di lettere mancanti, segnalazioni di cambi di rigo, ecc.).

8Nelle prime due sezioni (Elenco dei testimoni manoscritti ed Elenco degli antichi testimoni a stampa) vi è sistematicamente il campo Bibliografia, preceduto, quando sia necessario commentare le informazioni fornite o dare notizie aggiuntive, dal campo Note, che può essere presente anche nella terza sezione (Elenco delle edizioni moderne). Nella Bibliografia si citano le fonti da cui si traggono le informazioni e/o che si occupano dei testimoni del trattato: edizioni, studi, censimenti, cataloghi e banche dati. Esse sono disposte in ordine cronologico, fatta eccezione per le edizioni, collocate sempre all’inizio, e per i cataloghi in rete e le banche dati, che sono posti alla fine e citati in ordine alfabetico (fra parentesi quadre si indica la data di ultima consultazione); nel caso vi siano più edizioni, si cita dapprima l’edizione di riferimento (= ed. di riferimento), seguita dalle altre disposte in ordine cronologico (= altra ed.), precisando se si tratti di edizioni parziali (= ed. parziale; in questo caso, laddove possibile, si indicano le carte trascritte).

3.2. Elenco dei testimoni manoscritti [TOT. 173]

3.2.1. Latino [tot. 57]

9Berlin (Germania), Staatsbibliothek zu Berlin - Preußischer Kulturbesitz = Berlin S [tot. 3]

10[1] Berlin S Ham. 541
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 17r-54r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo opifice evidenter creata; (testo) De creatione equi et nativitate. || Primo igitur de creatione equi et nativitate ipsius perscribens (p. v.).
Explicit: (testo) nisi per se prius ceciderint (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 220 × 160, cc. 99. Il codice, composito, è costituito da 5 unità che sono sia membranacee sia cartacee e presentano misurazioni variabili: la datazione e la descrizione fornite si riferiscono alla sezione che tramanda il trattato di Ruffo. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. Il dorso è in pergamena. Il manoscritto, di origine italiana, è appartenuto al nobile veneziano Apostolo Zeno. Si registra l’aggiunta di capitoli non presenti nel testo latino trasmesso da Ve. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri testi.
Bibliografia: Boese 1966: 259-61; Fischer 1980: 155, n. 5; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 33; Montinaro 2009b: 497; Montinaro 2011a: 56; Manuscripta Mediaevalia [20.02.2013].

 

11[2] Berlin S Lat. quart. 400
Titolo: Liber mariscalchiae.
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-29v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia (Schipke 2007: 523); (testo) Primum igitur de generatione et nativitate (Schipke 2007: 523).
Explicit: (testo) et inflatum habuerit difficilime subvenietur (Schipke
2007: 523); (sottoscrizione) Explicit liber omnium infirmatum equorum compositus per Jordanum de Calabria militem et familiarem imperatoris Federici secundi (Schipke 2007: 523).
Descrizione: membranaceo, mm 205 × 145, cc. 41.
Il manoscritto, che presenta tracce di umidità e muffa, è appartenuto alla nobile famiglia romana dei Borghese. Il codice è miscellaneo, tramandando anche il lacerto di un’altra mascalcia e ricette varie.
Bibliografia: Fischer 1980: 155, n. 5; Schipke 2007: 522-24; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 33; Montinaro 2009b: 497; Montinaro 2011a: 56.

 

12[3] Berlin S Lat. quart. 465
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 60r-89v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice procreata; (testo) Primum igitur de generatione et nativitate equi prescribens (p. v.).
Explicit: (testo) et in brevi erit sanus (p. v.). Descrizione: cartaceo, mm 210 × 140, cc. 176.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta nell’angolo superiore destro del recto; si rilevano tracce di un’altra numerazione, sempre in cifre arabe vergate nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri testi.
Note: non esiste una descrizione moderna del manoscritto (comunicazione privata di Kurt Heydeck, bibliotecario alla Staatsbibliothek zu Berlin, che ha fornito anche la misurazione del codice [22.02.2013]).
Bibliografia: Fischer 1980: 155, n. 5; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 33; Montinaro 2009b: 497; Montinaro 2011a: 56; catalogo manoscritto ufficiale della Staatsbibliothek zu Berlin.

 

13Bologna, Biblioteca dell’Archiginnasio = Bo BA [tot. 3]
[4] Bo BA A 1545
Titolo: Liber manescalchie.
Datazione: sec. XVIII.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-95r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo Rege opifice evidenter creata usui humani generis; (testo) Primo de creatione et nativitate equi. || Primum de creatione et nativitate equi prescribens. Dico quod equs primo dicitur gigni a stallone studiose et diligentius assidue custodito.
Explicit: (testo) difficillime poterit liberari; (sottoscrizione) per magnum temporis spatium commoratus.
Descrizione: cartaceo, mm 318 × 218, cc. VI + 96. Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Il manoscritto, acquistato nel 1885, proviene dalla libreria di G. B. Ercolani. Vi sono due ex libris: uno formato dalle lettere PS sormontate da una corona ducale e un altro che recita «Antonii Seripandi et amicorum» (per il secondo cf. anche Na BN VIII D 66). Si rileva una antica segnatura, cassata con un tratto orizzontale di matita: «11. M. 1. 19». Lo stato di conservazione è buono. Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo.
Note: Russo 1962: 39 e Crupi 2002: 138 riportano come datazione il sec. XVII.
Bibliografia: IMBI, XXXVI: 83-4; Russo 1962: 39; Trolli 1990a: 171; Frassanito e Bernini 1995-96: 128; Crupi 2002: 138; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 33; Montinaro 2011a: 56; i. d. [02.03.2014].

 

14[5] Bo BA A 1583
Datazione: sec. XVI seconda metà.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-56v.
Titolo: Liber medicinarum equorum.
Incipit: (prologo) Cum inter caetera animalia a summo rerum opifice evidenter usui humani generis supposita vel subiecta; (testo) De generatione equorum capitulum i. || Equus debet gigni a stallone assidue, studiose et diligenter custodito.
Explicit: (testo) quod supernatat cum penna colligatur et usui reservetur.
Descrizione: cartaceo, mm 245 × 180, cc. I + 56 + I’.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Il manoscritto, acquistato nel 1885, proviene dalla libreria di G. B. Ercolani. Lo stato di conservazione è buono. Nella parte finale del trattato si rilevano capitoli non presenti nella versione trasmessa da Ve. Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo.
Note: la numerazione inizia da c. 3, dopo il rubricario, che occupa le prime due carte; c. 1 non è numerata, mentre c. 56 è segnata 54. La localizzazione fa riferimento al numero reale di carte. In IMBI, XXXVI: 96 si legge che il trattato tramandato da questo codice contiene «molte e notevoli varianti» rispetto a quello contenuto nel ms. Bo BA A 1585.
Bibliografia: IMBI, XXXVI: 96; Russo 1962: 39; Frassanito e Bernini 1995-96: 128; Crupi 2002: 138; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 33; Brunori Cianti 2011: 176; Montinaro 2011a: 56; i. d. [02.03.2014].

 

15[6] Bo BA A 1585
Datazione: sec. XIV.
Titolo: Liber medicinarum equorum.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-36r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia usui hominis deputata equus sit nobilius; (testo) Equus debet gigni a stallone assidue, studiose et dilligenter custodito.
Explicit: (testo) per signum sanctorum fratrum marcescat.
Descrizione: membranaceo, mm 250 × 173, cc. I + 41.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle con assi e fermagli. Vi sono due ex libris: il primo del sec. XV («Iste Liber est mey Antonii filii condam Jacobi de Fedricis de Sunico Vallis chamoniche, anno MCCCCXV, die X Martii»), il secondo del sec. XVI («Il vero comprator e patron di questo libro è Ulderico Travilio Quadrio»). Il manoscritto, acquistato nel 1885, proviene dalla libreria di G. B. Ercolani. Vi è l’antica segnatura «11. L. 2. 10». Lo stato di conservazione è discreto. Nella parte finale del trattato si rilevano capitoli non presenti nella versione tramandata da Ve; al trattato seguono altre ricette.
Note: in IMBI, XXXVI: 96 si legge che il trattato trasmesso da questo codice contiene «molte e notevoli varianti» rispetto a quello contenuto nel ms. Bo BA A 1583.
Bibliografia: IMBI, XXXVI: 96-7; Russo 1962: 39; Lupis–Panunzio 1992: 26, n. 23; Frassanito e Bernini 1995-96: 23, 128, n. 191, 129; Crupi 2002: 138; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 33-4; Brunori Cianti 2011: 176; Montinaro 2011a: 56; Pérez Barcala 2013: 57, n. 152; i. d. [02.03.2014].

 

16Bologna, Biblioteca Universitaria = Bo BU [tot. 1]
[7] Bo BU 2764
Titolo: Cyrugia equorum.
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 13r-50r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter creata; (testo) Tractatus de creatione equj. || Primo igitur de creatione equi.
Explicit: (testo) difficile subvenitur; (sottoscrizione) cuncta docet.
Descrizione: membranaceo, mm 200 × 140, cc. I + 54 + I’.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle con borchie. Lo stato di conservazione è discreto. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati di differente genere, fra cui un ricettario di falconeria.
Note: il codice è spesso citato utilizzando il n° 1462, che invece fa riferimento al numero progressivo del catalogo curato da Frati, del tutto privo di relazione con la collocazione del manoscritto (si deve la precisazione a una comunicazione privata di Rita De Tata, responsabile dell’ufficio manoscritti della Biblioteca Universitaria [22.10.2013]). Molto probabilmente si tratta del manoscritto citato senza collocazione da Delprato 1867, II: 222-23.
Gaulin 1994: 426, n. 10, riporta come titolo erroneamente Cyrurgia [con due r] equorum.
Bacchi–Miani 1998: 418 segnalano come datazione il sec. XIII.
Brunori Cianti 2011: 176 ritiene che il trattato termini a c. 50v.
Bibliografia: Delprato 1867, II: 222-23; Frati 1909: 103; Thorndike–Kibre 1963: col. 310; Poulle-Drieux 1966: 18; Prévot 1991: 12; Gaulin 1994: 426, n. 10, 434, con n. 47; Van den Abeele 1994: 18; Frassanito e Bernini 1995-96: 131; Bacchi–Miani 1998: 418; Gualdo 2005: 84a; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 34; Montinaro 2009b: 497; Benedetti 2011: 631; Brunori Cianti 2011: 176; Montinaro 2011a: 56; Smets 2011: 464; i. d. [06.02.2014].

 

17Cambridge (MA), Harvard College Library, Houghton Library = Cambridge HCLHL [tot. 1]
[8] Cambridge HCLHL Typ. 415
Titolo: Liber marescalcie equorum.
Datazione: sec. XIV prima metà.
Provenienza: Italia centrale.
Localizzazione del trattato: cc. 91r-157v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice; (testo) De creatione et nativitate equuorum. || Primo de creatione equi et nativitate prescribens (p. v.).
Explicit: (testo) difficilime liberabitur; (sottoscrizione) per magnum temporis spatium commoratus (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 135 × 95, cc. 181. Vi sono perdite dopo le cc. 119 e 175. Si registrano varie cartulazioni, di cui le principali due sono in cifre arabe: la prima, errata, è apposta nell’angolo superiore destro del recto di ogni carta (numera da c. 141 a c. 204), la seconda, moderna e corretta, è apposta nell’angolo inferiore sinistro del recto di ogni carta. La disposizione del testo è a piena pagina. Sono presenti decorazioni e illustrazioni, per le quali cf. Brunori Cianti– Cianti 1993: 245b-49b, che le riconducono «all’ambiente miniatorio trecentesco dell’Italia centrale ed in particolare di una zona influenzata da modi bolognesi che circoscriverebbero una datazione non successiva agli anni ’40» (251). La legatura è in pelle su assi in legno (risale al sec. XV-XVI). Lo stato di conservazione è discreto. Il manoscritto è appartenuto ad Alfred Barmore Maclay ed è stato acquistato dalla Houghton Library nel 1956. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati e ricette varie.
Note: Trolli 1990a: 171 e Frassanito e Bernini 1995-96: 131 non circoscrivono la datazione alla prima metà del secolo, ma segnalano genericamente il sec. XIV.
Digital Medieval Manuscripts localizza erroneamente il trattato alle cc. 90v-166v.
Si deve a Caroline Duroselle-Melish, Assistant Curator della Houghton Library, l’informazione riguardante le dimensioni del codice (comunicazione privata del 19.11.2013).
Bibliografia: Bond–Faye 1962: 276-77; Aa. Vv. 1986-1987, VII: 92a; Trolli 1990a: 171; Brunori Cianti–Cianti 1993: 81-2, 245-53; Van den Abeele 1994: 18; Olrog Hedvall 1995: 25, n. 21; Frassanito e Bernini 1995-96: 131; Brunori Cianti 1999: 67a; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 34; Montinaro 2009b: 497, n. 110; Montinaro 2011a: 56; Digital Medieval Manuscripts [28.10.2013].

 

18Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana = CV BAV [tot. 8]
[9] CV BAV Chig. F IV 58 (1348)
Titolo: Liber manischalcia.
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-72v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo; (testo) De creacione et nativitate. || Primo igitur de criacione et nativitate.
Explicit: (testo) coque et sanabitur.
Descrizione: membranaceo, mm 180 × 120, cc. 72.
La cartulazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; si rileva anche la numerazione delle colonne, probabilmente originaria poiché effettuata con lo stesso inchiostro con cui è vergato il testo. Si registra la perdita di due carte finali. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura è in pelle. Le linee di scrittura della prima carta, soprattutto quelle iniziali, sono sbiadite e difficilmente leggibili. Il manoscritto, in particolare per ciò che riguarda la legatura, non è in buone condizioni (quando è stato ispezionato era in procinto di essere restaurato). Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo.
Note: Russo 1962: 38 e Crupi 2002: 137 datano il codice al sec. XV (l’informazione rifluisce in Aprile 2009: 356).
Bibliografia: Inventario Baronci, II: 125; Russo 1962: 38; Crupi 2002: 137; Aprile 2009: 356; i. d. [01.10.2013].

 

19[10] CV BAV Ott. lat. 1158 parte B
Titolo: Marescalcia equorum.
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-15r.
Incipit: (prologo) Cum inter inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter creata; (testo) De generatione et nativitate equi. || Primum igitur de generatione et nativitate equi.
Explicit: (testo) coque et lava de eo frequenter et sanabitur; (sottoscrizione) per magnum temporis spatium commoratus.
Descrizione: membranaceo, mm 302 × 197, cc. I + 16 + I’.
Vi è una doppia numerazione: la prima, antica e presente solo su alcune carte, è in cifre arabe trascritte nell’angolo superiore destro del recto; la seconda, moderna, è in cifre arabe apposte con inchiostro nell’angolo inferiore destro del recto; a c. 15r, in alto sulla destra, interviene una mano che trascrive il n° 15 e cancella con tre linee orizzontali un precedente 103 (forse da ricondurre a una precedente fascicolazione del codice). La disposizione del testo è su due colonne. Degna di nota è la C del prologo, vergata a forma di cavallo con inchiostro rosso. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione non è buono, poiché il manoscritto presenta ampie macchie di umidità (che in alcune carte hanno intaccato l’inchiostro) e varie lacerazioni. Al trattato seguono formule di scongiuro.
Bibliografia: Inventario Ott.: 219; Russo 1962: 39; Crupi 2002: 137; Aprile 2009: 356; i. d. [02.10.2013].

 

20[11] CV BAV Ott. lat. 2271
Titolo: De equis medendis.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-55r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter creata; (testo) Primum igitur de generatione et nativitate equi prescribens.
Explicit: (testo) difficilime subvenitur; (sottoscrizione) fuit per magnum temporis spatium commoratus.
Descrizione: cartaceo, mm 213 × 143, cc. I + 56 + I’. La numerazione, in cifre romane, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. A cc. 55v si leggono ricette non facenti parte del trattato.
Note: Russo 1962: 39 e Crupi 2002: 137 datano il codice al sec. XIV (l’informazione rifluisce in Aprile 2009: 356).
Bibliografia: Inventario Galletti: 195; Russo 1962: 39; Crupi 2002: 137; Aprile 2009: 356; i. d. [02.10.2013].

 

21[12] CV BAV Pal. lat. 1327
Titolo: Liber marescalciae seu De curis equorum.
Autore: Johannem Frantz de Lypphein.
Datazione: 1477.
Localizzazione del trattato: cc. 84r-118v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo opifice evidenter creata; (testo) Tractata de creacione equi. || Primo igitur de creacione et nativitate prescribens.
Explicit: (testo) et de tali decoctione bis in die involvatur.
Descrizione: cartaceo, mm 210 × 150, cc. I + 197 + I’. Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il trattato, incompleto, termina con i rimedi del capitolo dedicato alla mutazione delle unghie (ungularum mutactionem), sebbene alle cc. 119r-v, dopo una sottoscrizione (cf. Note) e alcune ricette, si trascrivano le Regule quedam de equorum cognicione, almeno in parte accostabili alla sezione non citata nel prologo tramandata da Ve (Regulae cognitionum omnium equorum). Il manoscritto è miscellaneo, tramandando anche altri trattati, fra cui una mascalcia.
Note: Russo 1962: 38 ritiene che il codice sia del sec. XIV e che il trattato vada localizzato alle cc. 84-121.
Si registra la seguente sottoscrizione: «Explicit Calabrensis de curis equorum per me Johannem Frantz de Lypphein idus maij anno domini 1477».
Bibliografia: Russo 1962: 38; Jeudy–Schuba 1981: 90, 91; Schuba 1981: 434-36; Frassanito e Bernini 1995-96: 133, 156; Crupi 2002: 137; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 34; Montinaro 2011a: 56; Pérez Barcala 2013: 57, n. 152; i. d. [01.10.2013].

 

22[13] CV BAV Reg. lat. 1446
Titolo: Marescalcia equorum.
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 3v-30v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter creata; (testo) De generatione et nativitate equi. || Primum de generatione et nativitate equi prescribens.
Explicit: (testo) grossum vel inflatum, huic difficillime subvenitur. Descrizione: membranaceo, mm 260 × 153, cc. V + 77 + I’.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il manoscritto è miscellaneo, tramandando anche altri trattati.
Note: Prévot 1991: 13, Frassanito e Bernini 1995-96: 133 e Aprile 2009: 356 datano il codice al sec. XV.
Brunori Cianti 2011: 180 ritiene che il manoscritto sia cartaceo.
Non esiste una descrizione a stampa del manoscritto in cataloghi moderni della BAV (comunicazione privata di Paolo Vian, direttore del Dipartimento dei manoscritti della Biblioteca Apostolica Vaticana [02.05.2013]).
Bibliografia: Inventario Teoli: 187; Schneider 1926: 214, n. 1; Van den Abeele 1990: 277, 278, 282, 283; Prévot 1991: 13; Van den Abeele 1994: 19; Frassanito e Bernini 1995-96: 133; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 34-5; Brunori Cianti 2011: 180; Montinaro 2011a: 56; i. d. [30.09.2013].

 

23[14] CV BAV Reg. lat. 2082
Titolo: Liber de medicinis equorum.
Datazione: sec. XIV seconda metà.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-67r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter creata; (testo) De generatione et nativitate equi incipit capitulum j. || Primum de generatione et nativitate equi prescribens.
Explicit: (testo) difficilime subvenitur.
Descrizione: membranaceo, mm 255 × 190, cc. I + 70 + I’. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è su due colonne. Si registrano facciate bianche, che probabilmente avrebbero dovuto accogliere miniature, come dimostrano quelle di buona fattura realizzate a c. 55v. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il codice non tramanda altri trattati.
Note: non esiste una descrizione a stampa del manoscritto in cataloghi moderni della BAV (comunicazione privata di Paolo Vian, direttore del Dipartimento dei manoscritti della BAV
[02.05.2013]). Si deve ad Andreina Rita, bibliotecaria della BAV, e al già citato Paolo Vian una consulenza sulla datazione del codice (comunicazione privata del 21.11.2013).
Bibliografia: Inventario Teoli: 249; Fischer 1980: 155, n. 5; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 35; Montinaro 2009b: 497; Montinaro 2011a: 56; i. d. [30.09.2013].

 

24[15] CV BAV Vat. lat. 5331
Titolo: Liber de curis equorum.
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-80r.
Incipit: (prologo) Incipit prologus. || Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice; (testo) De generacione et nativitate equorum. || Equus debet gigni a stallione assidue studiose.
Explicit: (testo) in dicto oculo de pulvere in cura superiorj. || Finis adest operi, liber est de curis equorum.
Descrizione: membranaceo, mm 120 × 89, cc. III + 82 + III’. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il codice non tramanda altri trattati.
Note: Prévot 1991: 17 ritiene che il ms. Reims BM 991 tramandi un volgarizzamento tratto da questo codice.
Zahlten 1971: 23, n. 22 riporta un titolo lievemente diverso: De curis equorum liber.
Non esiste una descrizione a stampa del manoscritto in cataloghi moderni della BAV (comunicazione privata di Paolo Vian, direttore del Dipartimento dei manoscritti della Biblioteca Apostolica Vaticana [02.05.2013]).
Bibliografia: Inventario A. Ranaldi: 117; Russo 1962: 38; Zahlten 1971: 23, n. 22; Fischer 1980: 155, n. 5; Prévot 1991: 13; Gaulin 1994: 426, n. 10; Frassanito e Bernini 1995-96: 132; Crupi 2002: 137; Gualdo 2005: 84a; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 35; Montinaro 2011a: 56; Pérez Barcala 2013: 87; Catalogo Vaticana [10.09.2013]; i. d. [30.09.2013].

 

25[16] CV BAV Vat. lat. 5332
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-38v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice creata; (testo) Primo de creatione et nativitate.
Explicit: (testo) grossum vel inflatum habuerit, difficilime subvenitur.
Descrizione: membranaceo, mm 196 × 140, cc. I + 38 + I’.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo.
Note: l’ultima parte del prologo e la prima parte del testo sono difficilmente leggibili poiché coperte da una ampia macchia di inchiostro.
Bibliografia: Inventario A. Ranaldi: 117; Russo 1962: 38; Crupi 2002: 137; Aprile 2009: 356; i. d. [01.10.2013].

 

26Fermo, Biblioteca Civica «Romolo Spezioli» = Fermo BC [tot. 1]
[17] Fermo BC 87 (4 CA 2/87)
Titolo: Doctrina circa equum.
Datazione: sec. XIII/XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 33r-48r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter creata usui humani generis; (testo) De generatione equi. || Dico quod equus debet gigni a stallone assidue, studiose et diligenter custodito
(p. v.).
Explicit: (testo) Si autem aliquo modo infra ossum durum illa lesio redigatur supra superficiem corii lesio cocturis decentibus decoquatur (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 295 × 214, cc. I + 78 + I’. Vi sono carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura è in carta con dorso in pergamena. Lo stato di conservazione è buono. A c. 1 si legge una vecchia segnatura: «Q q 7/28». Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati e un ricettario.
Note: le immagini consultate si devono alla cortesia di Luisanna
Verdoni, bibliotecaria della Biblioteca Civica «Romolo Spezioli».
Bibliografia: Prete 1960: 123-25; Trolli 1990a: 171; Frassanito e
Bernini 1995-96: 134; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 35; Montinaro 2011a: 56.

 

27Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana = Fi BML [tot. 3]
[18] Fi BML Ashb. 233
Datazione: sec. XVI prima metà.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-39r.
Incipit: (prologo) Cum jnter coetera animalia a Summo Rege opifice; (testo) De creatione et natione equi. || Primum de natione nature equi.
Explicit: (testo) et faciem bonum pedem.
Descrizione: cartaceo, mm 195 × 138, cc. III + 46 + III’.
Si registrano carte bianche. Si rilevano due cartulazioni: la prima, in cifre arabe e a matita, è apposta nell’angolo superiore destro del recto; la seconda, moderna, è in cifre arabe vergate con inchiostro nell’angolo inferiore destro del recto e tiene conto dell’esatto numero di carte del trattato. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura, moderna, è in mezza pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo, che termina senza sottoscrizione.
Note: Brunori Cianti 2011: 177 data il manoscritto al sec. XIV. Come si è potuto appurare durante un’ispezione diretta (05.11.2013), i mss. Fi BML Ashb. 159 e Ashb. 160 non tramandano il trattato di Ruffo a differenza di quanto dichiarato da Russo 1962: 40, che forse intendeva riferirsi ai mss. Ashb. 233 e 234 (Russo 1962 è ripreso da Crupi 2002: 138 e Aprile 2009: 356).
Bibliografia: Catalogue Ashburnham: n° 233; Paoli 1896: 251-52; Trolli 1990a: 171; Frassanito e Bernini 1995-96: 134; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 35-6; Brunori Cianti 2011: 177; Montinaro 2011a: 56; i. d. [04.11.2013].

 

28[19] Fi BML Ashb. 234
Titolo: De mascalcia equorum.
Datazione: sec. XV fine.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-44r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia usui hominis deputata; (testo) De generatione, nativitate et nutritura pullorum. Rubrica. || Equs debet gigni a stalone assidue, studiose et diligenter.
Explicit: (testo) pone lamam intus corium et dimitte curabitur; (sottoscrizione) super arte marescalcie composita.
Descrizione: cartaceo, mm 210 × 130, cc. II + 48 + I’. Si registrano carte bianche. Si rilevano due cartulazioni: la prima, in cifre arabe e a matita, è apposta nell’angolo superiore destro del recto; la seconda, moderna, è in cifre arabe vergate con inchiostro nell’angolo inferiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura, moderna, è in mezza pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo, fatta eccezione per un rubricario, cassato con tre linee verticali, leggibile a c. 45r.
Bibliografia: Catalogue Ashburnham: n° 234; Paoli 1896: 250-51; Trolli 1990a: 171; Frassanito e Bernini 1995-96: 134; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 36; Brunori Cianti 2011: 177; Montinaro 2011a: 56; i. d. [04.11.2013].

 

29[20] Fi BML Med. Palat. 60
Datazione: sec. XIII.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-23r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia; (testo) Capitulum primo.
De generatione, nactivitate et nutritura equorum.
|| Equus debet gigni.
Explicit: (testo) in medio fixure sit.
Descrizione: membranaceo, mm 250 × 190, cc. 24. La numerazione, in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo inferiore destro del recto. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è discreto. Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo.
Bibliografia: Trolli 1990a: 171; Frassanito e Bernini 1995-96: 134; Frioli 1999: 78-9; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 36; Montinaro 2011a: 56; i. d. [04.11.2013].

 

30Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale = Fi BNC [tot. 2]
[21] Fi BNC Naz. II II 67
Titolo: Liber manescalchie.
Datazione: sec. XIV-XVI.
Localizzazione del trattato: cc. 167r-186r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice; (testo) Primum igitur generatione et nativitate equi.
Explicit: (testo) difficilime subvenitur; (sottoscrizione) per magnum temporis spacium commoratus.
Descrizione: cartaceo, mm 280 × 215, cc. V + 267 + III’. Il codice è composito. Si registrano varie numerazione, che non tengono conto dell’attuale ordine progressivo delle carte (il trattato di Ruffo è tramandato effettivamente dalle cc. 189r-208r). La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle con assi in legno. Lo stato di conservazione è discreto; si segnala un cedimento della coperta, probabilmente dovuto anche al peso del corposo manufatto. Il codice è miscellaneo, tramandando numerosi altri trattati.
Note: la misura della larghezza delle carte è piuttosto oscillante.
Russo 1962: 40, Crupi 2002: 138 e Aprile 2009: 356 propongono come datazione il sec. XIV-XV; gli stessi studiosi computano il codice due volte nei rispettivi censimenti, una volta con l’attuale segnatura, l’altra con quella antica Magliab. Cl. XXV n. 549.
Bibliografia: IMBI, VIII: 176-78; Russo 1962: 40; Poulle-Drieux 1966: 18; Prévot 1991: 12; Frassanito e Bernini 1995-96: 135; Crupi 2002: 138; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 36; Brunori Cianti 2011: 178; Montinaro 2011a: 56; i. d. [04.11.2013].

 

31[22] Fi BNC Naz. II III 302
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-32r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia; (testo) De generatione equorum. || Equus debet gigni a stallone.
Explicit: (testo) Descendunt ad caput.
Descrizione: cartaceo, mm 290 × 220, cc. I + 33 + II’.
La numerazione, che non computa correttamente le carte, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è piena pagina. La legatura è in cartone. Lo stato di conservazione è discreto. Il codice, appartenuto all’Accademia della Crusca (ad essa riconduce un ex libris risalente al 1783, un talloncino incollato sul contropiatto anteriore), era contraddistinto dall’antica segnatura Magliab. Cl. XV, n. 206. Il manoscritto tramanda un trattato notevolmente interpolato, che denota un significativo scompaginamento della materia e accoglie al suo interno numerosi capitoli estranei alla mascalcia di Ruffo, in particolare a partire da c. 27r, in cui termina l’opera così come è leggibile nella versione latina trasmessa da Ve, fino a c. 32r.
Bibliografia: IMBI, X: 34; Russo 1962: 40, 46; Crupi 2002: 138, 144; Aprile 2009: 356; i. d. [05.11.2013].

 

32Firenze, Biblioteca Riccardiana = Fi BR [tot. 1]
[23] Fi BR Ricc. 1208
Datazione: sec. XV inizio. Localizzazione del trattato: cc. 1r-52v.
Incipit: (testo) Equs debet gigni a stallone.
Explicit: (testo) bis in die renovando.
Descrizione: cartaceo, mm 215 × 145, cc. I + 70 + I’.
Si registra la caduta di carte. Vi è doppia numerazione: la prima, antica e presente solamente sulle prime dieci carte, è apposta a penna e in cifre arabe nell’angolo superiore destro del recto e inizia dal n° 3; la seconda, moderna e a inchiostro, è vergata in cifre arabe accanto alla precedente cartulazione e numera correttamente le carte esistenti. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il codice tramanda esclusivamente il trattato, che risulta acefalo, mancando il prologo (dalla numerazione antica si ricava che mancano le prime due carte), ed è arricchito con diversi capitoli estranei alla mascalcia di Ruffo. Convenzionalmente si può ritenere che il testo maggiormente fedele alla versione tramandata da Ve termini a c. 52v.
Bibliografia: Inventario e stima: 28; Morpurgo 1900: 278; Trolli 1990a: 171; Frassanito e Bernini 1995-96: 136; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 36; Montinaro 2011a: 56; i. d. [06.11.2013].

 

33København (Danimarca), Det Kongelige Bibliotek = København KB [tot. 2]
[24] København KB GKS 1708 4°
Titolo: Marescallia equorum.
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-22v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum pontifice evidenter creata humani generis; (testo) Capitulum de creatione et nativitate equi. || Primo de creatione equi et nativitate prescribens (p. v.).
Explicit: (testo) cum ignis sit remedium omnium medicinarum (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 224 × 160, cc. 32.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta a inchiostro nell’angolo superiore del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. Si registrano miniature. La sua accessione alla Kongelige Bibliotek risale al 1735. Il testo risulta interpolato. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altre ricette.
Note: stando a REX, la datazione al sec. XIV non è certa.
Bibliografia: Jørgensen 1926: 446; Kristeller 1963-1991, III: 176a; Trolli 1990a: 171; Prévot 1991: 12; Frassanito e Bernini 1995-96: 133-34; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 35; Montinaro 2011a: 56; REX [16.03.2013].

 

34[25] København KB GKS 1709 4°
Titolo: Liber mareschalciarum.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-40v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter creata usui humani generis; (testo) De nativitate et creatione equi. || Primo de nativitate equi prescribens. Dico quod equs (p. v.).
Explicit: (testo) difficile liberabitur (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 205 × 146, cc. 40.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta a inchiostro nell’angolo superiore del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La sua accessione alla Kongelige Bibliotek risale al 1732. Al trattato seguono altre ricette.
Note: la datazione è desunta da Jørgensen 1926: 446, mentre REX indica dubitativamente il sec. XIV.
Bibliografia: Jørgensen 1926: 446; Kristeller 1963-1991, III: 176a; Prévot 1991: 12; Frassanito e Bernini 1995-96: 134; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 35; Montinaro 2011a: 56; REX [16.03.2013].

 

35London (Gran Bretagna), British Library = London BL [tot. 1]
[26] London BL Harley 3772
Titolo I trattato: De curatione equorum.
Titolo II trattato: Liber marescalcie.
Localizzazione del I trattato: cc. 1r-14v.
Localizzazione del II trattato: cc. 59v-70v.
Datazione: sec. XIII fine/XIV.
Incipit I trattato: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rege; (testo) De creatione et nativitate equorum. || Primum de creatione et nativitate equj scribens (p. v.).
Explicit I trattato: (testo) difficillime liberatur; (sottoscrizione) per magnum spatium temporis commoratus (p. v.).
Incipit II trattato: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice; (testo) Capitulum primum de genere vel generatione equorum. || Equus debet gigni a stallone assidue et studiose et diligenter custodito (p. v.).
Explicit II trattato: (testo) calida (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 260 × 185, cc. I + 72 + I’.
Il codice tramanda due trattati, il secondo dei quali è incompleto. Si registrano due numerazioni, entrambe in cifre arabe e apposte nell’angolo superiore destro del recto, sebbene la prima sia vergata con inchiostro mentre la seconda a matita; si rilevano tracce di una terza numerazione. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il codice è miscellaneo, tramandando anche il volgarizzamento del De curatione equorum di Ierocle eseguito da Bartolomeo da Messina.
Bibliografia: Aa. Vv. 1808-1812, III: 60; Kristeller 1963-1991, IV: 176; Frassanito e Bernini 1995-96: 42, 113, 138; Hurler 2007: passim; McCabe 2007: 239; Hurler 2009: passim; Montinaro 2009a: 36; Montinaro 2011a: 56; Fichera in c. s.

 

  • 8 «Jean-Baptiste Huzard (1755-1838), veterinario, allievo dell’École d’Alfort, appena fondata, docent (...)

36London (Gran Bretagna), Wellcome Library = London WL [tot. 2]
[27] London WL 700
Titolo: Cyrurgia equorum.
Datazione: sec. XIV metà.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-50r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter creata; (testo) De creatione equi. || Primo de creatione equi.
Explicit: (testo) cum dicto unguento calido usque ad xv dies et liberabitur.
Descrizione: membranaceo, mm 185 × 125, cc. III + 50.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta nella parte superiore destra del recto; si rilevano tracce di altra numerazione. La disposizione del testo è su due colonne. Si registrano ornamentazioni. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è discreto. L’accessione alla Wellcome Library risale al 1922. La porzione di testo corrispondente all’explicit del trattato leggibile nella versione latina di Ve è a c. 49r e reca «difficilime liberabitur». Il codice tramanda esclusivamente il trattato.
Note: si tratta con buona probabilità del ms. n° 3494 citato da Leblanc 1842, III: 321 e successivamente da Moulé 1891-1923, II, II: 27 e Frassanito e Bernini 1995-96: 137. Fanno propendere per questa ipotesi la coincidenza della localizzazione del trattato e la constatazione che anche il codice citato da Leblanc 1842, III: 321 con il n° 3493, appartentuo a Jean-Baptiste Huzard,8 è entrato a far parte della Wellcome Library (cf. immediatamente sotto).
Poulle-Drieux 1966: 18, Prévot 1991: 12 e Frassanito e Bernini 1995-96: 139 indicano come data più genericamente il sec. XIV. Leblanc 1842, III: 321, riguardo alla datazione, scrive: «Manuscrit du siècle derniere»; dal contesto non si riesce a capire se il riferimento sia al secolo precedente rispetto alla data di pubblicazione del catalogo, perciò sec. XVIII, oppure il riferimento sia al secolo del manoscritto precedentemente citato (ms. 3493 [identificato con il ms. London WL 7756]), perciò al sec. XIV.
Bibliografia: Leblanc 1842, III: VI, 321; Heusinger 1853: 41; Moulé 1891-1923, II, II: 27; Moorat 1962: 517; Poulle-Drieux 1966: 18; Prévot 1991: 12; Frassanito e Bernini 1995-96: 137, 139; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 36; Montinaro 2011a: 56; Archives and Manuscripts catalogue [25.06.2013]; i. d. [02.04.2014].

 

37[28] London WL 7756
Titolo: Liber curarum infirmitarum ecorum.
Datazione: sec. XIII fine.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-22v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter creata usui humani generis; (testo) De generatione et nativitate equi. || Primum.
Explicit: (testo) ficus vulgariter nuncupatur.
Descrizione: membranaceo, mm 200 × 135, cc. II + 22 + I’.
Il codice è composito. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura, del sec. XIX, è in pelle. Lo stato di conservazione è discreto. L’accessione alla Wellcome Library risale al 1999. Da un timbro di proprietà («Huzard de l’Institut») si ricava che il codice è appartenuto a Jean-Baptiste Huzard: si tratta con buona probabilità del manoscritto citato da Leblanc 1842, III: 321 con il n° 3493 (coincide in particolare la localizzazione del testo). Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo.
Note: le dimensioni si riferiscono alla sezione che tramanda il trattato di Ruffo.
Leblanc 1842, III a p. VI indica come datazione il sec. XV, mentre a p. 321 indica il sec. XIV.
Frassanito e Bernini 1995-96: 137 ritengono che il codice sia cartaceo, probabilmente per una errata traduzione di velin ‘velino, raffinata qualità di pergamena’, che si legge in Moulé 1891-1923, II, II: 27, loro fonte; Moulé 1891-1923, II, II: 27 a sua volta deriva la descrizione del manoscritto da Leblanc 1842, III: 321.
Bibliografia: Leblanc 1842, III: VI, 321; Heusinger 1853: 41; Moulé 1891-1923, II, II: 27; Frassanito e Bernini 1995-96: 137; Montinaro 2009a: 36-7; Montinaro 2011a: 56; Archives and Manuscripts catalogue [25.06.2013]; i. d. [02.04.2014].

 

38Milano, Veneranda Biblioteca Ambrosiana = Mi VBA [tot. 2]
[29] Mi VBA D 32 inf.
Datazione: 1425/1475 circa.
Localizzazione del trattato: cc. 72r-76v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum pontifice evidenter creata; (testo) Primum igitur de creatione et nativitate prescribens.
Explicit: (testo) et forte os hactenus.
Descrizione: cartaceo, mm 285 × 205, cc. I + 76 + I’.
Il manoscritto è mutilo in fine. La numerazione, recente e in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto; si registrano tracce di antica numerazione a penna. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Il codice è appartenuto a Hieronymus de Gropello, «habitator civitatis Mediolani». Il manoscritto tramanda solamente la parte iniziale del trattato. Lo stato di conservazione è buono. Il codice è miscellaneo, tramandando altre opere di veterinaria e un trattato di falconeria.
Bibliografia: Kristeller 1963-1991, I: 282a; Agrimi 1976: 168; Van den Abeele 1994: 18; Montinaro 2009a: 37; Montinaro 2011a: 56; Catalogo Unico [06.04.2014]; Manus [06.04.2014]; i. d. [01.04.2014].

 

39[30] Mi VBA T 81 sup.
Titolo: Liber equorum.
Datazione: 1326/1375 circa.
Localizzazione del trattato: cc. 163r-220r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter creata; (testo) De creatione et nativitate equj. || Primum igitur de generacione et nativitate equj.
Explicit: (testo) et difficillime subvenitur.
Descrizione: membranaceo, mm 230 × 170, cc. VII + 111 + II’.
La numerazione, moderna, a matita e in cifre arabe, è apposta progressivamente nell’angolo superiore destro del recto e in quello sinistro del verso. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è discreto, sebbene si registri la perdita di parti del testo a causa della rifilatura di alcune carte. Si rileva un’antica segnatura; il manoscritto fu acquistato dalla Biblioteca Ambrosiana nel 1825. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati e ricette varie.
Note: Trolli 1990a: 172 e Frassanito e Bernini 1995-96: 141 recano una segnatura errata (rifluita in Aprile 2009: 357): 31 invece del corretto 81 (cf. Catalogo unico e Manus).
Brunori Cianti 2011: 179 data il manoscritto al sec. XV.
Bibliografia: Kristeller 1963-1991, I: 315a, II: 534a; Agrimi 1976: 137-39; Trolli 1990a: 172; Frassanito e Bernini 1995-96: 141; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 37; Brunori Cianti 2011: 179; Montinaro 2011a: 56; Catalogo Unico [06.04.2014]; Manus [06.04.2014]; i. d. [01.04.2014].

 

40Montpellier (Francia), Bibliothèque Interuniversitaire-Section Médecine = Montpellier BISM [tot. 1]
[31] Montpellier BISM H 236
Titolo: Liber de cura equorum.
Datazione: sec. XIV prima metà.
Localizzazione del trattato: cc. 4r-9v, 48r-48v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia (p. v.).
Explicit: (testo) succus abscinthii (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 195 × 135, cc. II + 124 + I’.
Si registrano la caduta di fogli e la presenza di carte bianche. Si rilevano due numerazioni: la prima, antica e in cifre romane, è apposta con inchiostro nella parte centrale superiore del recto; la seconda, in cifre arabe, è vergata con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto (a questa si fa riferimento per la localizzazione del trattato); vi sono tracce anche di altre cartulazioni. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura, originale, è in pelle con assi in legno e segni di fermagli. Lo stato di conservazione non è buono; particolarmente danneggiate risultano le carte che tramandano il trattato, in più di un punto scarsamente o per niente leggibili (come nel caso dell’incipit del testo). Si rilevano ex libris e varie prove di penna. Il codice è miscellaneo, tramandando anche un glossario latino-piccardo.
Note: Heusinger 1853: 41 data il codice al secolo XV. Prévot 1991: 12, ripresa da Frassanito e Bernini 1995-96: 142, localizza il trattato alle cc. 3-9v.
Bibliografia: Heusinger 1853: 41; Moulé 1891-1923, II, II: 27; Poulle-Drieux 1966: 18; Prévot 1991: 3, 12; Frassanito e Bernini 1995-96: 142; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 37; Montinaro 2011a: 57; Calames [25.02.2014].

 

41München (Germania), Bayerische Staatsbibliothek = München BS [tot.
1]
[32] München BS Clm 23646
Datazione: sec. XIII.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-72r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia; (testo) De creatione et nativitate equi. || Primum de creatione et nativitate equi prescribens (p. v.).
Explicit: (testo) et fient boni; (sottoscrizione) per magnum spatium temporis commoratus (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 115 × 85, cc. 80.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. Lo stato di conservazione non è buono, poiché in varie carte l’inchiostro è sbiadito a tal punto che non si leggono porzioni di testo. Nella parte finale del trattato si registra l’inserzione di una ricetta dopo l’explicit del testo corrispondente alla versione latina di Ve, che in questo manoscritto recita «difficillime liberabitur».
Note: si deve a Rahel Bacher, bibliotecaria della Bayerische Staatsbibliothek, l’informazione sulle dimensioni del codice.
Bibliografia: Halm–Laubmann–Meyer 1881: 83; Russo 1962: 40; Thorndike–Kibre 1963: col. 310; Poulle-Drieux 1966: 18; Prévot 1991: 12; Frassanito e Bernini 1995-96: 141-42; Crupi 2002: 139; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 37; Benedetti 2011: 631; Montinaro 2011a: 57.

 

42Münster (Germania), Universitäts- und Landesbibliothek = Münster UL [tot. 1]
[33] Münster UL Hs 973
Datazione: sec. XIII fine/XIV inizio.
Provenienza: Francia?
Localizzazione del trattato: cc. 1r-29v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter usui humani generis; (testo) De generatione equorum. || Equs debet gigni a stallone assidue, studiose et diligenter custodito, parum aut nichil equitato (p. v.).
Explicit: (testo) et attingatur decenter ad vivum deinde curetur ut de aliis inclavaturis predixi (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 160 × 125, cc. 29. La numerazione, in cifre arabe, è apposta nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione della scrittura è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Si registrano antiche segnature ed ex libris, fra cui quello della biblioteca Fürstenberg-Stammheim. Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo.
Bibliografia: Kristeller 1963-1991, III: 652b; Trolli 1990a: 172; Frassanito e Bernini 1995-96: 142; Overgaauw 1996: 148; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 37; Montinaro 2011a: 57.

 

43Napoli, Biblioteca Nazionale «Vittorio Emanuele III» = Na BN [tot. 2]
[34] Na BN VIII D 66
Titolo: Liber manescalchie.
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-34v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rege opifice evidenter creata; (testo) De creacione et nativitate equi. || Primum de creacione et nativitate equi prescribens.
Explicit: (testo) difficillime poterit liberari; (sottoscrizione) per magnum temporis spacium commoratus.
Descrizione: membranaceo, mm 190 × 130, cc. II + 34 + I’. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Si rileva un ex libris che recita «Antonij Seripandi et amicorum» (cf. Bo BA A 1545). Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo.
Bibliografia: Schneider 1926: 214, n. 1; i. d. [04.04.2014].

 

44[35] Na BN VIII D 67
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 3r-40v.
Incipit: (prologo) Cum jnter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter creata; (testo) De creacione et nativitate equi. || Primum de creacione et nativitate equi prescribens.
Explicit: (testo) difficillime subvenitur.
Descrizione: cartaceo, mm 215 × 145, cc. III +79 + III’. Si registra una carta bianca. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è discreto; si rileva il distaccamento del foglio relativo alle carte numerate 47 e 48. Il codice è miscellaneo, tramandando anche un altro trattato e ricette varie.
Note: Aprile 2009: 366, n. 115 e Pérez Barcala 2013: 57, n. 153 ritengono che il codice non tramandi il trattato di Ruffo, probabilmente indotti in errore dalla presenza dell’altro testo di mascalcia contenuto nel manoscritto, attribuito a Lorenzo Rusio.
I mss. Na BN VIII D 69, Na BN XI AA 47 e Na BN XII E 21 non tramandano il trattato di Ruffo, come invece erroneamente affermano Russo 1962: 42, Crupi 2002: 140-41 (le informazioni errate rifluiscono in Aprile 2009: 359) e Brunori Cianti 2011: 180; Miola 1878: 195, ripreso da Mazzatinti 1897: 166, aveva correttamente segnalato che il ms. Na BN VIII D 69 non era ascrivibile a Ruffo.
Bibliografia: Russo 1962: 39, 42; Crupi 2002: 137, 140; i. d. [04.04.2014].

 

45New Haven (CT), Yale University, Beinecke Rare Book and Manuscript Library = New Haven YUBL [tot. 3]
[36] New Haven YUBL 136
Titolo: Marescalcia equorum. Datazione: sec. XV.
Provenienza: Italia.
Localizzazione del trattato: cc. 3r-35r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia summo rerum opifice evidenter creata usui humani generis; (testo) De generatione et nativitate equorum. || Primum igitur de generatione et nativitate equi prescribens (p. v.).
Explicit: (testo) grossum vel inflatum habuerit, difficile subvenitur; (sottoscrizione) per magnum temporis spatium commoratus (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 217 × 152, cc. 36.
Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina (cc. 3r-9r) e su due colonne (cc. 9r-35r). La legatura, coeva, è in pelle. Da un ex libris si ricava che il manoscritto è appartenuto a David Wagstaff; l’accessione a Yale risale al 1943. Il codice è miscellaneo, tramandando anche ricette varie.
Note: Frassanito e Bernini 1995-96: 143 collocano erroneamente il manoscritto nella Yale Medical Library.
Bibliografia: Kristeller 1963-1991, V: 276b; Trolli 1990a: 172; Frassanito e Bernini 1995-96: 143; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 38; Montinaro 2011a: 57; Medieval & Renaissance Manuscripts [12.03.2014].

 

46[37] New Haven YUBL 161
Autore: Ieronimo Sandei.
Titolo: De generatione equorum.
Datazione: 1454.
Provenienza: Pirano.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-36r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia vivi hominis deputata equus sit nobilius; (testo) De generatione, nativitate et nutritura pullorum rubrica. Capitulo primo. || Equus debet gigni in stalone assidue studiose ac diligenter custodito (p. v.).
Explicit: (testo) Curantur equi restivj si ipsorum testiculj abscindantur (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 200 × 140, cc. I + 86 + I’.
Carta 2v è bianca. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. Si registrano decorazioni. La legatura, risalente al sec. XVII-XVIII, è in pelle. Da un ex libris si ricava che il manoscritto è appartenuto a David Wagstaff; l’accessione a Yale risale al 1944. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri scritti.
Note: le guardie sono cartacee.
Bibliografia: Medieval & Renaissance Manuscripts [12.03.2014].

 

47[38] New Haven YUBL 163
Titolo: Marescalcia equorum.
Datazione: sec. XV metà.
Provenienza: Inghilterra.
Localizzazione del trattato: cc. 32v-49v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia usui hominis deputata equs sit nobilius; (testo) De generatione et nativitate. || Equs debet gingni a stallone assidue, studiose et diligenter custodito (p. v.).
Explicit: (testo) ita foramen catonis in medio scissure fit (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 291 × 200, cc. 193.
Il codice, composito, si compone di due parti (la datazione e le dimensioni fanno riferimento alla prima, 1r-186r, quella che tramanda il trattato di Ruffo). La numerazione, in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo inferiore destro del recto; si registrano tracce di altra cartulazione. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura, risalente al sec. XVI-XVII, è in pelle. Il manoscritto, probabilmente appartenuto a Henry Percy, nono conte di Northumberland (1564-1632), fu posseduto da David Wagstaff, come si ricava da un ex libris; l’accessione a Yale risale al 1943. Il codice è miscellaneo, tramandando numerosi altri trattati, ricette e scongiuri vari, in latino e in inglese.
Bibliografia: Beinecke Digital Collections [19.03.2014]; Medieval & Renaissance Manuscripts [13.03.2014].

 

48New Haven (CT), Yale University, Medical Historical Library = New Haven YUMHL [tot. 1]
[39] New Haven YUMHL 28
Datazione: 1300 circa.
Localizzazione del trattato: cc. 1330-1377.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum; (testo) Primum igitur de creatione et nativitate equi perscribens (p. v.).
Explicit: (testo) difficillime subvenitur (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 370 × 250, cc. II + 685 + II’.
Il codice è composito, essendo costituito da 46 manoscritti di argomento medicale che tramandano numerosi e vari trattati. Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo inferiore sinistro del verso; il computo tiene conto anche delle carte non numerate. La disposizione del testo è su due colonne. Si registrano ornamentazioni e miniature. La legatura, moderna, è in pelle con assi in legno. Posseduto a lungo dalla famiglia di Fritz Paneth (da cui il nome con cui è spesso indicato, «Paneth Codex»), fu acquistato dalla Yale University Library nel 1955.
Note: si deve l’informazione riguardante le dimensioni del codice a Melissa Grafe, bibliotecaria della Medical Historical Library.
Bibliografia: Thorndike–Kibre 1963: col. 310; Trolli 1990a: 172; Van den Abeele 1994: 18; Frassanito e Bernini 1995-96: 143; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 37; Montinaro 2011a: 57; Orbis [12.03.2014].

 

49Oxford (Gran Bretagna), Bodleian Library = Oxford BL [tot. 2]
[40] Oxford BL Ashmole 1427
Titolo: Practica equorum.
Datazione: sec. XIII/XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-26v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia usui hominis deputata equus sit; (testo) Equs debet gingni a stallone assidue, studiose et diligenter custodito (p. v.).
Explicit: (testo) unde ex oppressione ungule circumcirca lesionem (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 90 × 65, cc. 130.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è su due colonne. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati e ricette.
Note: le dimensioni del codice si devono a Eva Oledzka, bibliotecaria della Bodleian Library (comunicazione privata dell’08.04.2014).
Bibliografia: Ashmole 1845: 1163.

 

50[41] Oxford BL Lincoln College Lat. 131
Titolo: Cyrurgia equorum.
Datazione: sec. XV inizio.
Localizzazione del trattato: cc. 45r-69v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia usui hominis deputata; (testo) De generacione et nativitate et nutritione pullorum. || Equs debet gigni
(p. v.).
Explicit: (testo) ad spissitudinem (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 215 × 145, cc. 75.
Il foglio 75 è bianco. La numerazione, in cifre arabe, è apposta nell’angolo superiore destro del recto; si registrano tracce di altra numerazione. La legatura è in pelle. Il codice non è in buone condizioni: diversi fogli sono danneggiati, soprattutto nei margini superiori che risultano mutili. Il manoscritto è appartenuto a John Smith, che ha apposto alcune note riguardanti principalmente cavalli. Il trattato registra alcuni capitoli aggiuntivi rispetto al testo latino trasmesso da Ve. Il codice è miscellaneo, tramandando anche un erbario e ricette varie.
Bibliografia: Ker–Piper 1983: 637-38.

 

51Oxford (Gran Bretagna), Merton College = Oxford MC [tot. 1]
[42] Oxford MC 230
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-11r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera alia usui hominis deputata equus sit nobilius; (testo) Equs debet gigni a stallone assidue, studiose et diligenter custodito (p. v.).
Explicit: (testo) nisi per se prius ceciderint (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 225 × 145, cc. II + 109 + I’.
La numerazione, antica e in cifre arabe, è apposta nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è su due colonne. L’accessione del manoscritto al College è antecedente al sec. XVII. Il trattato nella parte finale presenta ricette non riscontrabili nella versione latina trasmessa da Ve. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri testi.
Note: l’altezza delle carte è piuttosto variabile: mm 225-235. Le carte di guardia sono cartacee.
Si devono varie informazioni sul codice a Petra Hofmann e Julia Walworth, bibliotecarie del Merton College (comunicazione privata del 22.02.2014). Sempre a Julia Walworth si deve la segnalazione che il ms. MC 1234 non tramanda il trattato di Ruffo, come invece asserisce Poulle-Drieux 1966: 18 (inducendo in errore anche Prévot 1991: 12, Frassanito e Bernini 1995-96: 143, Aprile 2009: 357, Montinaro 2009a: 38 e Montinaro 2011a: 57).
Bibliografia: Poulle-Drieux 1966: 18; Prévot 1991: 12; Frassanito e Bernini 1995-96: 143; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 38; Thomson 2009: 165b-66b; Montinaro 2011a: 57.

 

52Paris (Francia), Bibliothèque nationale de France = Paris BnF [tot. 5]
[43] Paris BnF Lat. 1203
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 24r-39v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice; (testo) Capitulum primum. De generatione equorum. || Equus debet gingni a stallione assidue et diligenter custodito.
Explicit: (testo) ut de aliis inclavaturis praedixi.
Descrizione: cartaceo, mm 195 × 140, cc. II + 62 + II’.
Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; si rilevano saltuariamente altre cartulazioni, a inchiostro e a matita, vergate in parti differenti delle carte. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Lo stato di conservazione è discreto: si registrano in particolare il distaccamento del corpo del codice e la rifilatura della parte inferiore della carta 20. Il manoscritto è appartenuto alla biblioteca di Jean d’Orléans, conte d’Angoulême (morto nel 1467), che ne fu in buona parte l’estensore. Antiche segnature: Rigault 2143, Dupuy 1520, Regius 6241. Il codice è miscellaneo, tramandando anche preghiere, orazioni, sermoni e una ricetta per cavalli.
Bibliografia: Catalogue général, I: 444; Prévot 1991: 12; Frassanito e Bernini 1995-96: 144; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 38; Montinaro 2011a: 57; Pérez Barcala 2013: 87; BnF archives et manuscrits [17.10.2013]; i. d. [22.11.2013].

 

53[44] Paris BnF Lat. 2477
Titolo: Mariscalcia equorum.
Datazione: sec. XIII fine.
Localizzazione del trattato: cc. 104r-125v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter creata; (testo) De generatione et nativitate equorum capitulum primum. || Primum igitur de generatione et nativitate equi prescribens. Dico quod equus debet gigni.
Explicit: (testo) frequenter et sanabitur; (sottoscrizione) Frederici imperatoris secundi.
Descrizione: membranaceo, mm 250 × 175, cc. VI + 126 + V’.
Si registrano carte bianche. Si rilevano due numerazione: la prima, antica, è apposta in cifre arabe con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto delle carte, computate correttamente; la seconda, in cifre arabe vergate con inchiostro rosso nell’angolo superiore destro del recto, non è sempre presente e per errore non conteggia c. 50, innescando una riduzione di una unità nella numerazione dei fogli restanti. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura è in pelle (marocchino rosso). Lo stato di conservazione è buono. A c. 1v si rileva un ex libris, in parte raschiato, mentre a c. 125v si registra una prova di penna. Antiche segnature: Colbert 4127, Regius 4092.3.5.a. Il codice è miscellaneo, tramandando vari altri testi.
Note: Prévot 1991: 12 e Frassanito e Bernini 1995-96: 144 datano il codice più genericamente al sec. XIII, mentre Moulé 1891-1923, II, II: 27 riporta come datazione il sec. XIV.
Bibliografia: Moulé 1891-1923, II, II: 27; Catalogue général, II: 478; Prévot 1991: 3, 12; Gaulin 1994: 426, n. 10; Frassanito e Bernini 1995-96: 144; Gualdo 2005: 84a; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 38; Benedetti 2011: 631; Montinaro 2011a: 57; Pérez Barcala 2013: 58, n. 155, 87, 679; BnF archives et manuscrits [17.10.2013]; i. d. [22.11.2013].

 

54[45] Paris BnF Lat. 5503
Titolo: Liber de medicaminibus equorum.
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 53r-76v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter creata; (testo) De creatione equi. || Dico quod equus primo debet gigni.
Explicit: (testo) malva, paritaria, furfur.
Descrizione: membranaceo, mm 205 × 145, cc. II + 76 + II’.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Lo stato di conservazione è discreto, registrandosi numerosi fori e il distacco del dorso. Il trattato è mutilo in fine. Il codice è miscellaneo, tramandando anche un altro trattato.
Note: Sylwan 2000: 352 data il codice al sec. XII.
Bibliografia: Prévot 1989 (ed. di riferimento); Catalogus codicum: 125a; Moulé 1891-1923, II, II: 27; Poulle-Drieux 1966: 18; Prévot 1991: 3, 12; Frassanito e Bernini 1995-96: 145; Sylwan 2000: 352; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 38; Benedetti 2011: 631; Hunt 2011: 35, n. 1; Montinaro 2011a: 57; Pérez Barcala 2013: 58, n. 155, 679; BnF archives et manuscrits [17.10.2013]; i. d. [21.11.2013].

 

55[46] Paris BnF Lat. 6584 (2)
Titolo: De doctrina, custodia et medicina equorum.
Datazione: sec. XIII.
Localizzazione del trattato: cc. 48r-66v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia et summo rerum opifice evidenter; (testo) Equus debet gigni a stallone assidue studiose et diligenter custodito.
Explicit: (testo) ut de aliis inclavaturis praedixi; (sottoscrizione) scrivat medicinas equorum.
Descrizione: membranaceo, mm 195 × 150, cc. II + 22 + I’.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto delle carte, numerate da 48 a 69 (per la localizzazione del trattato si fa riferimento a questa numerazione). La disposizione del testo è su due colonne. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Si registrano un’antica segnatura e un timbro di proprietà. Il codice, dopo il trattato, tramanda altre ricette per cavalli.
Note: la segnatura Lat. 6584 identifica tre documenti distinti (1), (2), (3), dei quali solo il documento (2) tramanda il trattato di Ruffo.
Paravicini Bagliani 1987: 139 data il codice al sec. XIV e lo ritiene di provenienza avignonese o italiana.
Si devono alcune informazioni sul codice ad Amandine Postec, bibliotecario del Département des Manuscrits della, bliothèque nationale (comunicazione privata del 04.11.2013).
Bibliografia: Catalogus codicum: 259; Moulé 1891-1923, II, II: 27; Thorndike–Kibre 1963: col. 310; Poulle-Drieux 1966: 18, 40; Paravicini Bagliani 1987: 139; Prévot 1991: 12; Frassanito e Bernini 1995-96: 145, 161; Williams 2004: 426; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 39; Montinaro 2011a: 57; Pérez Barcala 2013: 87; BnF archives et manuscrits [18.10.2013]; Gallica [18.10.2013]; i. d. [21.11.2013].

 

56[47] Paris BnF Lat. 7058
Titolo: Liber de cura equorum.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 97r-156v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter creata; (testo) De creatione et nativitate equj. || Primum de creatione equi et nativitate prescribens.
Explicit: (testo) difficilime liberabitur; (sottoscrizione) per magnum temporis spatium commoratus.
Descrizione: cartaceo, mm 210 × 148, cc. II + 174 + II’.
Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pergamena. Lo stato di conservazione è buono. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati e ricette varie.
Note: è verosimile che sia il codice citato da Tiraboschi 1805-1813,
IV: 213.
Bibliografia: Catalogus codicum: 309; Tiraboschi 1805-1813, IV: 213; Moulé 1891-1923, II, II: 27; Poulle-Drieux 1966: 18, 21, n. 4; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 145; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 39; Montinaro 2011a: 57; Pérez Barcala 2013: 679; BnF archives et manuscrits [18.10.2013]; i. d. [21.11.2013].

 

57Parma, Biblioteca Palatina = Pr BP [tot. 1]
[48] Pr BP Parm. 3594
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 54r-89v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia; (testo) De generacione et nativitate equi. || Primo igitur de generacione equi prescribens.
Explicit: (testo) poterit liberari.
Descrizione: cartaceo, mm 137 × 105, cc. IV + 97 + IV’.
Si registrano due numerazioni: la prima, in cifre arabe, è apposta a penna nell’angolo superiore destro del recto; la seconda, moderna, è in cifre arabe vergate a matita nell’angolo inferiore sinistro del recto. La disposizione della scrittura è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il codice è miscellaneo, tramandando anche il volgarizzamento del De curatione equorum di Ierocle ad opera di Bartolomeo da Messina.
Note: non esistono descrizioni moderne a stampa del codice (comunicazione privata del 23.12.2013 di Sabina Magrini, direttore della Biblioteca Palatina).
Bibliografia: Trolli 1990a: 38-9, 172; Frassanito e Bernini 1995-96: 63-4, 147; McCabe 2007: 239; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 39; Montinaro 2011a: 57; Fichera in c. s.; i. d. [05.02.2014].

 

58Pisa, Biblioteca Cathariniana del Seminario = Pi BCS [tot. 1]
[49] Pi BCS 146
Autore: Bonomo.
Titolo: Liber mascalciae.
Datazione: sec. XIV seconda metà.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-23v.
Incipit: (testo) in tergo patientis ponatur donec carnes vulneris cum corio (p. v.).
Explicit: (testo) et assungiam porcinam liquefactam (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 217 × 165, cc. II + 180 + I’.
Il trattato è acefalo e mutilo per la caduta di alcuni fascicoli. La cartulazione giunge solo a 179 perché si registra un salto fra le carte 83 e 84. La disposizione del testo è su due colonne. Si registrano disegni a penna. La legatura, moderna, è in pelle. Lo stato di conservazione, soprattutto della legatura, non è buono. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati, fra cui il volgarizzamento del De curatione equorum di Ierocle realizzato da Bartolomeo da Messina.
Note: la segnatura qui adottata è quella attuale (comunicazione privata di Maria de Vizia Guerriero, per conto della Biblioteca Cathariniana [07.10.2013]); talvolta il codice viene identificato con la segnatura 146 XIV.2, da ritenersi perciò non più corretta. Poulle Drieux 1966: 18, 25, Prévot 1991: 13 e Frassanito e Bernini 1995-96: 64, 147 riportano la seguente collocazione: 123 (già 146). Brunori Cianti 2011: 180 colloca erroneamente il manoscritto nella Biblioteca Universitaria.
Poulle Drieux 1966: 18, 25, Prévot 1991: 13 e Frassanito e Bernini 1995-96: 64, 147 come datazione indicano più genericamente il sec. XIV.
In IMBI, XXIV: 85, ripreso da Frassanito e Bernini 1995-96: 64, 147, si legge che il codice misura mm 218 × 169 e consta di cc. 179.
Bibliografia: IMBI, XXIV: 85; Russo 1962: 39-40; Poulle Drieux 1966: 18, 25; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 64, 147; Crupi 2002: 138; McCabe 2007: 239; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 39; Brunori Cianti 2011: 180; Montinaro 2011a: 57; Fichera in c. s.; Codex [07.10.2013]; Manus [07.10.2013].

 

59Saint Gallen (Svizzera), Kantonsbibliothek Vadiana = Saint Gallen KV [tot. 1]
[50] Saint Gallen KV 323
Titolo: Liber de equis.
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-135r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifici evidenter creata usui humani generis; (testo) De generatione equi et eius nativitate. || Primum igitur de generatione et nativitate equi prescribens (p. v.).
Explicit: (testo) eius infirmitatis que dicitur morus (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 140 × 100, cc. 72.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. Nella parte finale del trattato sono aggiunte alcune ricette dopo l’explicit del testo corrispondente alla versione latina di Ve, che in questo manoscritto recita «difficilime liberabitur». Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri testi.
Note: la cartulazione del codice è cambiata rispetto a quando Scherer 1864 compilava il suo catalogo, nel quale il trattato è localizzato alle cc. 1-68. Si deve questa informazione, assieme a quelle riguardanti le dimensioni del codice, a Rudolf Gamper, già bibliotecario della Kantonsbibliothek Vadiana.
Bibliografia: Scherer 1864: 89-90; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 149; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 39; Montinaro 2011a: 57.

 

  • 9 Per questa edizione cf. § 2.2.2.

60Venezia, Biblioteca Nazionale Marciana = Ve BNM [tot. 5]
[51] Ve BNM Lat. Cl. VII 24 (= 3677) [= Ve]
Titolo: De medicina equorum o Hippiatria.
Datazione: sec. XIII.
Localizzazione del trattato: cc. 55r-69v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice; (testo) De generatione et nativitate equi. || Primum igitur de generatione et nativitate equi.
Explicit: (testo) huic difficillime subvenitur; (sottoscrizione) cum quo fuit per magnum temporis spatium commoratus.
Descrizione: membranaceo, mm 205 × 140, cc. III + 83 + I’.
Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura è in mezza pelle. Lo stato di conservazione è discreto. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati e ricette varie.
Note: Gaulin 1994: 424, n. 1 segnala come inizio del trattato la c. 55; Brunori Cianti 2011: 181 lo localizza alle cc. 54-71.
Bibliografia. Molin 1818 (ed. di riferimento);9 Morelli 1776: 70-3; Heusinger 1853: 41; Valentinelli 1868-1873, V: 137-38; Moulé 1891-1923, II, II: 27; Thorndike–Kibre 1963: col. 310; Poulle-Drieux 1966: 18; Prévot 1991: 13; Olrog Hedvall 1995: 24-5; Frassanito e Bernini 1995-96: 151; Ortoleva 1996: 13; La Rosa 1999-2000: XLIV-LXI; Pérez Barcala 2005: 100; Aprile 2009: 357; Bertelli 2009: passim; Montinaro 2009a: passim; Montinaro 2009b: passim; Benedetti 2011: 631; Brunori Cianti 2011: 181; Montinaro 2011a: passim; Montinaro 2011b: passim; Montinaro 2012, passim; Montinaro 2013, passim; Pérez Barcala 2013: 57, n. 152, 58, 87, 88 e 679; Montinaro in c. s.: passim; i. d. [31.03.2014].

 

61[52] Ve BNM Lat. Cl. VII 31 (= 3220)
Titolo: De cultu et curatione equorum.
Datazione: sec. XVI.
Localizzazione del trattato: cc. 75v-97v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evideter creata; (testo) De generatione et nattivitate equi. || Primo de creatione et nattivitate prescribens.
Explicit: (testo) et a cimoria liberum habe caput.
Descrizione: cartaceo, mm 310 × 210, cc. I + 104 + I’.
Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; la cartulazione delle carte che tramandano il rubricario dei trattati contenuti nel manoscritto è invece a matita e in cifre romane. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Nella parte finale del trattato si registra l’inserzione di una brevissima aggiunta dopo l’explicit del testo corrispondente alla versione latina di Ve, che in questo manoscritto recita «difficillime liberabitur». Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati.
Note: Trolli 1990a: 172 e Brunori Cianti 2011: 181 forniscono una collocazione fuorviante, poiché seguono, senza avvertimenti, la suddivisione in classi di Valentinelli 1868-1873 (cf. al riguardo l’avvertenza leggibile nei Riferimenti bibliografici).
Per errore Frassanito e Bernini 1995-96: 152 censiscono questo manoscritto due volte: la prima seguendo la collocazione presente in Moulé 1891-1923, II, II: 27 e Prévot 1991: 13 (le collocazioni di Moulé e Prévot sono sostanzialmente uguali, sebbene presentino minime variazioni) e fornendo anche quella usuale, la seconda attenendosi alla collocazione segnalata da Trolli 1990a: 172.
Russo 1962: 40 e Crupi 2002: 139 riportano un titolo leggermente diverso del trattato, che peraltro localizzano alle cc. 75-79: De cultu et cura equorum.
Bibliografia: Valentinelli 1868-1873, V: 144-45; Moulé 1891-1923, II, II: 27, 37, 39; Trolli 1990a: 172; Russo 1962: 40; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 152, 164, 173; Crupi 2002: 139; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 40; Brunori Cianti 2011: 181; Montinaro 2011a: 57; Pérez Barcala 2013: 57, n. 152; i. d. [31.03.2014].

 

62[53] Ve BNM Lat. Cl. VII 35 (= 2865)
Titolo: De cultu et curatione equorum.
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-32r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice usui humani generis; (testo) De generatione equorum et genere. j. || Equus debet gigni a stallone assidue, studiose et diligenter custodito.
Explicit: (testo) per tres dies et liberabitur.
Descrizione: membranaceo, mm 230 × 170, cc. II + 44 + II’.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle con assi in legno. Lo stato di conservazione è buono. Il manoscritto proviene dalla biblioteca di Apostolo Zeno. Il trattato è notevolmente interpolato. Il codice è miscellaneo, tramandando alle cc. 32-43 anche ricette in italoromanzo.
Note: Prévot 1991: 13 e Frassanito e Bernini 1995-96: 151 localizzano il trattato alle cc. 1-33.
Alcuni studiosi attribuiscono a Ruffo le ricette in italoromanzo tramandate alle cc. 32-43, sebbene sembrino risentirne solo l’influenza. Russo 1962: 46, riprendendo Valentinelli 1868-1873, V: 143, afferma che la sezione italoromanza «è il volgarizzamento dell’edizione di Bologna del 1561». Fischer 1980: 155, n. 5 segnala solamente le ricette e non il trattato di Ruffo che le precede.
Trolli 1990a: 172 e Brunori Cianti 2011: 181 forniscono una collocazione fuorviante, poiché seguono, senza avvertimenti, la suddivisione in classi di Valentinelli 1868-1873 (cf. al riguardo l’avvertenza leggibile nei Riferimenti bibliografici), mentre Frassanito e Bernini 1995-96: 151, 152 censiscono per errore questo manoscritto due volte: la prima seguendo la collocazione presente in Moulé 1891-1923, II, II: 27 e Prévot 1991: 13 (le collocazioni di Moulé e Prévot sono sostanzialmente uguali, sebbene presentino minime variazioni), la seconda attenendosi alla collocazione segnalata da Trolli 1990a: 172.
Bibliografia: Valentinelli 1868-1873, V: 143; Moulé 1891-1923, II, II: 27; Russo 1962: 40, 45-6; Fischer 1980: 155, n. 5; Trolli 1990a: 172; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 151, 152; Crupi 2002: 139, 143; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 67-8; Brunori Cianti 2011: 181; Montinaro 2011a: 58; i. d. [31.03.2014].

 

63[54] Ve BNM Lat. Cl. VII 39 (= 3142)
Titolo: De cultu et curatione equorum.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 23r-35v.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter; (testo) De generatione et nativitate equorum. || Equus debet gingni a stallone assidue, studiose, diligenter custodito.
Explicit: (testo) inclovaturis predixi.
Descrizione: cartaceo, mm 205 × 147, cc. I + 36 + [32] + I’.
Il codice è composito: si registra l’aggiunta dell’antico testimone a stampa Bruno 1493 (cf. § 3.3). Si rilevano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è su due colonne. Si registrano ornamentazioni. La legatura è in pelle. Il trattato è incompleto. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altre ricette e un incantesimo contro il verme.
Note: riprendendo probabilmente un errore già presente in Moulé 1891-1923, II, II: 27, Prévot 1991: 13 e Frassanito e Bernini 1995-96: 56, 151 assegnano erroneamente a questo codice la collocazione Latini, Classe VII, 29 (stessa segnatura in Aprile 2009: 357), mentre Trolli 1990a: 172 e Brunori Cianti 2011: 181 forniscono una collocazione fuorviante, poiché seguono, senza avvertimenti, la suddivisione in classi di Valentinelli 1868-1873 (cf. al riguardo l’avvertenza leggibile nei Riferimenti bibliografici).
Frassanito e Bernini 1995-96: 151, 152 per errore censiscono questo manoscritto due volte: la prima seguendo l’erronea collocazione già presente in Moulé 1891-1923, II, II: 27 e Prévot 1991: 13 (le collocazioni di Moulé e Prévot sono sostanzialmente uguali, sebbene presentino minime variazioni), la seconda attenendosi alla collocazione segnalata da Trolli 1990a: 172.
Non si computano le carte che tramandano l’antico testimone a stampa.
Bibliografia: Valentinelli 1868-1873, V: 142; Moulé 1891-1923, II, II: 27, 49; Russo 1962: 40; Trolli 1990a: 172; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 56, 151, 152; Crupi 2002: 139; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 40; Brunori Cianti 2011: 181; Montinaro 2011a: 57; i. d. [31.03.2014].

 

64[55] Ve BNM Lat. Cl. VII 57 (= 3492)
Titolo: Liber marescalcie.
Datazione: sec. XIV/XV. Localizzazione del trattato: cc. 74r-85r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter creata; (testo) De creatione et nativitate equorum. || Equus debet gigni a stallone studiose et diligenter custodito.
Explicit: (testo) difficile liberabitur.
Descrizione: membranaceo, mm 280 × 210, cc. 91.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura è in mezza pelle con assi in legno. Lo stato di conservazione è discreto, sebbene le prime carte siano particolarmente rovinate. Il manoscritto compare per la prima volta in un registro della biblioteca del 1890. Il codice è miscellaneo, tramandando anche trattati vari e formule di scongiuro.
Bibliografia: Zorzanello 1980-1985, I: 292-94; Kristeller 1963-1991, VI: 254b; Frassanito e Bernini 1995-96: 150; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 40-1; Montinaro 2011a: 57; i. d. [31.03.2014].

 

65Wien (Austria), Österreichische Nationalbibliothek = Wien ÖN [tot. 2]
[56] Wien ÖN 5219
Titolo: Libellus de regimine equorum et de eorum infirmitatibus et curis.
Datazione: sec. XV inizio.
Localizzazione del trattato: cc. 10r-36r.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia; (testo) Equus debet gingni a stallone assidue, studiose et diligenter custodito (p. v.).
Explicit: (testo) in medio fissure sit (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 205 × 147, cc. 81.
Si rilevano carte bianche. Si registrano due numerazioni: la prima, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; la seconda, in cifre arabe e moderna, è vergata a matita nell’angolo inferiore sinistro del verso. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Il manoscritto proviene dalla Domkapitelbibliothek di Salisburgo. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati e ricette varie.
Note: si deve a Ingeborg Formann, responsabile del servizio clienti presso la Österreichische Nationalbibliothek, l’informazione riguardante le dimensioni del manoscritto.
Bibliografia: Academia Caesarea 1870: 62; Moulé 1891-1923, II, II: 49; Poulle-Drieux 1966: 18; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 153; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 41; Montinaro 2011a: 57; HANNA-Katalog [19.03.2014]; Manuscripta Mediaevalia [07.04.2013].

 

66[57] Wien ÖN 5407
Titolo: Liber de arte marescalcie equorum.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 130r-178v.
Incipit: (prologo) Quoniam inter cetera animalia (p. v.).
Explicit: (testo) bis in die et crescent pili (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 291 × 214, cc. 201.
Si registrano due numerazioni: la prima, in cifre arabe, è apposta nell’angolo superiore destro del recto; la seconda, sempre in cifre arabe, è vergata nell’angolo inferiore sinistro del verso. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura è in cartone. Il manoscritto non è in buono stato di conservazione. Il trattato è notevolmente interpolato, trasmettendo solo in parte il testo riconducibile a Ruffo. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati.
Note: Poulle-Drieux 1966: 40, che non segnala l’incompletezza del trattato, come Prévot 1991: 13, è l’unica a precisare la facciata, verso.
Poulle-Drieux 1966: 18, 40, senza spiegarne la motivazione, attribuisce il trattato sia a Giordano Ruffo, sia a Lorenzo Rusio; anche Frassanito e Bernini 1995-96: 59, 153, probabilmente rifacendosi a Poulle-Drieux 1966, assegnano dubitativamente il trattato a entrambi, mentre Moulé 1891-1923, II, II: 27 e Prévot 1991: 13 lo attribuiscono solo a Giordano Ruffo.
Russo 1962: 40, ripreso da Crupi 2002: 139, data il manoscritto al sec. XIV.
Bibliografia: Academia Caesarea 1870: 117; Moulé 1891-1923, II, II: 27, 42; Russo 1962: 40-1; Thorndike–Kibre 1963: col. 310; Poulle-Drieux 1966: 18, 40; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 59, 153; Crupi 2002: 139; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 41; Montinaro 2011a: 57; Pérez Barcala 2013: 57, n. 152; HANNA-Katalog [19.03.2014]; Manuscripta Mediaevalia [07.04.2013].

3.2.2. Italoromanzo [tot. 94]

67Berlin (Germania), Kupferstichkabinett = Berlin K [tot. 1]
[1] Berlin K 78 C 15 [= B]
Titolo: Lo libro de le mariscalcie dei cavalli.
Datazione: sec. XIII fine.
Varietà linguistica: pisano.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-48v.
Incipit: (prologo) Lo libro de le marescalcie dei cavalli. || Con ciò sia cosa che intra tucti li animali creati da l’altissimo maestro creatore; (testo) De creatimento et nativitade del cavallo. || Inprimamente digo dello chavallo, che lo chavallo si de’ ingennerare da lo stallone (Olrog Hedvall 1995: 12, 62).
Explicit: (testo) questi gravissimamenti potrà guarire; (sottoscrizione) lo quale fece lo nobile cavalieri Messere Giordano Rosso di Calavra, famigliale di Messere Federigo segondo per la gratia di Dio nobilissimo imperadore dei romani (Olrog Hedvall 1995: 150-51; con lievi varianti si legge anche alle pp. 12 e 14).
Descrizione: membranaceo, mm 215 × 160, cc. III + 65 + II’.
Nella parte terminale vi è un foglio allegato. La cartulazione, moderna (probabilmente di fine Ottocento) e in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è su due colonne. Il codice è elegantemente illustrato. La legatura, ottocentesca, è in cartoni coperti di pelle marrone chiara. Lo stato di conservazione è buono, sebbene vi siano macchie di umidità e la scrittura in alcune parti sia sbiadita. Si ha notizia di un suo possessore, Torquato Castellani, che acquistò il codice a Roma, nel 1884; sulla prima carta, in alto, si legge un antica segnatura: «CLX Z». Olrog Hedvall 1995: 14 ritiene che «il codice può, con probabilità, essere stato eseguito in una bottega appartenente alla corte angioina», aggiungendo che «il color rosso tendente all’arancione indica un[’]origine meridionale» (cf. al riguardo anche Fischer 1980: 155, 157 e Brunori Cianti 1996-1997: 251b), sebbene più recentemente Cigni 2000 abbia avanzato la convincente ipotesi, ripresa da Fabbri 2012, che il manoscritto possa essere ascritto a un atelier di copisti e illustratori pisani attivi a Genova. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati.
Note: il titolo del volgarizzamento «si evince dall’explicit a c. 48v» (Benedetti 1990b: 41); Frassanito e Bernini 1995-96: 127, Cigni 2000: 82 e Benedetti–Cigni 2003: 457 riportano un titolo lievemente più breve: Libro de le mariscalcie dei cavalli, mentre Olrog Hedvall 1995: 62 trascrive questo titolo: Lo libro dele marescalcie dei cavalli.
Si fornisce la datazione proposta da Fischer 1980: 155, Brunori Cianti–Cianti 1993: 237, Dunlop–Williams 1996: 226, fig. 194, Cigni 2000: 87, n. 86, Benedetti–Cigni 2003: 457 e Benedetti 2006: 298, poiché più circoscritta rispetto a quella avanzata da Olrog Hedvall 1995: 11, la quale fa risalire il codice al sec. XIII-XV, mentre data il trattato al sec. XIII (p. 12). Brunori Cianti–Cianti 1993: 241 (ripresi da Olrog Hedvall 1995: 14-5) affermano che il codice «può essere considerato come uno dei manoscritti più vicini all’archetipo del trattato scritto dopo [il] 1250 dal maniscalco di Federico II».
Questo volgarizzamento indica «una via di contatto tra meridione e Italia centrale» (Coco–Gualdo 2008: 129).
Bibliografia: Olrog Hedvall 1995 (ed. di riferimento); Hiepe 1990 (altra ed.); Russo 1962: 48; Fischer 1980; Benedetti 1990b: 33, 40 (nn. 47, 50, 51, 52, 54, 55, 61), 41, con nn. 62, 63, 64, 65, 66, 67, 69; Brunori Cianti–Cianti 1993: 237-44; Cigni 1993: 420, 421, n. 3, 437; Frassanito e Bernini 1995-96: 127; Dunlop–Williams 1996: 226, figg. 194-96; Brunori Cianti 19961997: 250, fig. 1, 251, fig. 2, 251b-52a, 255a, n. 10; Brunori Cianti 1999: 66, fig. 7, 67; Casapullo 1999: 154; La Rosa 1999-2000: XL-XLIII, XLVIII-XLIX, LVI-LIX; Cigni 2000: 82, con n. 67, 83, n. 70, 85, n. 76, 87, con n. 86; Aprile 2001b: 56; Crupi 2002: 146; Benedetti–Cigni 2003, 457; Bertolucci Pizzorusso 2003: 7; Gualdo 2005: 84b; Pérez Barcala 2005: 100-01; Benedetti 2006: 298; Coco–Gualdo 2008: 128, 129; Bertelli 2009: passim; Montinaro 2009a: passim; Montinaro 2009b: passim; Benedetti 2011: 630; Montinaro 2011a: passim; Fabbri 2012: 9b, 10b, 11c, 12a, 12, fig. 21, 13a, 16b, 20c, 22b, 23b, 25, nn. 21 e 34, 28, n. 79; Montinaro 2012: passim; Montinaro 2013: passim; Pérez Barcala 2013: 59; Montinaro in c. s.

 

68Bologna, Biblioteca dell’Archiginnasio = Bo BA [tot. 11]
[2] Bo BA A 1528
Datazione: sec. XVII.
Localizzazione del I trattato: cc. 1r-25v.
Localizzazione del II trattato: cc. 26r-26v.
Localizzazione del III trattato: cc. 27r-85r.
Incipit I trattato: (testo) Della creatione del cavallo. || In prima a ciò che il cavallo sia bello, bono et formoso.
Explicit I trattato: (testo) galbano.
Incipit II trattato: (testo) sovente accade quando il cavallo.
Explicit II trattato: (testo) infusione.
Incipit III trattato: (testo) Della freddura della testa. || Si fa ancora un’altra infirmitade.
Explicit III trattato: (testo) et guarisce presto.
Descrizione: cartaceo, mm 200 × 132 [I unità], mm 300 × 205 [II unità], mm 355 × 245 [III unità], cc. I + 25 [I unità] + 60 [II unità] + 33 [III unità] + I’.
Il codice è composito, articolandosi in tre unità. Solo le prime due tramandano l’opera di Ruffo; in particolare la seconda sembra contenerne due versioni: la prima è solo un lacerto vergato su una carta, mentre la seconda risulta notevolmente interpolata. La prima unità presenta due numerazioni: la prima, antica e in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; la seconda, moderna, è apposta a matita ogni 10 carte. La seconda unità presenta più cartulazioni, fra cui quella moderna è apposta a matita ogni 10 carte e continua progressivamente quella della I unità. Anche la terza unità presenta più numerazioni e quella moderna, apposta a matita ogni 10 carte, continua progressivamente quella della seconda. La disposizione di tutti e tre i trattati è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Sul dorso si legge «Codici antichi di mascalcia». Si rileva una segnatura antica («11 M I 5»). Il manoscritto, proveniente dalla libreria di Giovan Battista Ercolani, fu aquistato dalla biblioteca nel 1885. Lo stato di conservazione è discreto, rilevandosi numerose macchie di umidità.
Note: per la localizzazione del testo delle due unità che tramandano Ruffo si fa riferimento al numero reale delle carte, evidenziato anche da richiami numerici moderni.
I tre frammenti sono dubitativamente attribuiti a Ruffo da IMBI, XXXVI: 77 sulla scorta di Pietro Delprato.
Bibliografia: IMBI, XXXVI: 77; Russo 1962: 43; Frassanito e Bernini 1995-96: 86, 128; Crupi 2002: 141; Aprile 2009: 358; Montinaro 2009a: 47; Montinaro 2011a: 57; i. d. [02.03.2014].

 

69[3] Bo BA A 1563
Titolo: Mascalcia.
Datazione: 1492.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-63v.
Incipit: (prologo) Chon ciò sia chosa che in tutti gli animalj creati dall’altissimo maestro idio; (testo) È da vedere del creamento e della natura del chavallo.
Explicit: (testo) leggieramente non potia schampare.
Descrizione: cartaceo, mm 273 × 205, cc. II + 79 + I’.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nella parte centrale superiore del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Sul dorso si legge «Mascalcia M. S.». Si rileva un’antica segnatura, cassata con un tratto orizzontale di matita: «11 L 2-12». Il codice, appartenuto al prof. Carlo Minati e proveniente dalla libreria di Giovan Battista Ercolani, fu aquistato dalla biblioteca nel 1885. Lo stato di conservazione è buono. Si tratta di un testo interpolato, che registra l’aggiunta di numerosi capitoli. Dopo il trattato si tramandano senza interruzione ricette non ascrivibili a Ruffo, mentre sul verso dell’ultima carta, si leggono indicazioni mediche di carattere astrologico.
Note: la datazione indicata prima del prologo, mcccclxxxxiij, non corrisponde a quella leggibile nella sottoscrizione, 1492.
La numerazione inizia da c. 6, dopo il rubricario (che occupa le prime due carte) e una carta bianca, mentre c. 63 è segnata 58. La localizzazione fa riferimento al numero reale di carte. Si registra la seguente sottoscrizione: «Questo libro di maschalcia è scripto e finito per me, prete Danese di Vanni di Papi da Massa di Valdinievole [...]. Nel 1492 di março».
Bibliografia: IMBI, XXXVI: 89-90; Russo 1962: 43; Lupis–Panunzio 1992: 26, n. 25; Frassanito e Bernini 1995-96: 128; Crupi 2002: 141-42; Aprile 2009: 358; Montinaro 2009a: 47-8; Brunori Cianti 2011: 176; Montinaro 2011a: 57; i. d. [02.03.2014].

 

70[4] Bo BA A 1572
Titolo: Mascalcia.
Datazione: sec. XVII.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-35v.
Incipit: (testo) Del verme. || Un’infirmità accidentale, la quale vulgarmente se chiama verme.
Explicit: (testo) ponelo sovra un cencio bianco, et guarisce.
Descrizione: cartaceo, mm 265 × 185, cc. I + 113 + I’. Il trattato è acefalo e ad esso sono aggiunte ricette. La sezione che tramanda il testo di Ruffo è priva di numerazione, presente invece a partire da c. 39. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Sul dorso si legge «Veterinaria». Si rileva una segnatura antica («11 L 2 14»). Il codice, proveniente dalla libreria di Giovan Battista Ercolani, fu aquistato dalla biblioteca nel 1885. Lo stato di conservazione è discreto. Il codice è miscellaneo, tramandando anche un altro trattato e ricette varie.
Note: le misure del manoscritto fanno riferimento alla sezione che tramanda il trattato.
Bibliografia: IMBI, XXXVI: 93; Russo 1962: 43; Frassanito e Bernini 1995-96: 114, 128; Crupi 2002: 142; Aprile 2009: 358; Montinaro 2009a: 48; Brunori Cianti 2011: 176; Montinaro 2011a: 57; i .d. [03.02.2014].

 

71[5] Bo BA A 1591
Titolo: Liber maschalcie equorum. Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-63v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia che intra tutti li animalj creati dallo altissimo maestro; (testo) De creatione et nativitate equorum. || Inprimamente dico che l’ chavallo.
Explicit: (testo) in questa ferita vulgarmente è ditta fistula.
Descrizione: cartaceo, mm 230 × 165, cc. I + 103 + I’.
Carta 66 è bianca. La numerazione, moderna, è apposta a penna ogni 10 carte. La disposizione del testo è su due colonne. Si registrano 76 figure di morsi con l’indicazione del loro diverso uso. La legatura, con dorso in pelle e fermagli caduti, è antica e deteriorata. Il codice, proveniente dalla libreria di Giovan Battista Ercolani, fu aquistato dalla biblioteca nel 1885. Il manoscritto non è in buono stato di conservazione. Il codice è miscellaneo, tramandando dopo il trattato anche un’altra mascalcia.
Note: Lupis–Panunzio 1992: 26, n. 25 e Brunori Cianti 2011: 176 localizzano il trattato alle cc. 1r-66v.
Aprile 2009: 362, n. 105 e Pérez Barcala 2013: 57, n. 153 ritengono che il codice non tramandi il trattato di Ruffo, probabilmente indotti in errore dalla presenza dell’altro testo di mascalcia contenuto nel manoscritto, attribuito a Mosè da Palermo.
Bibliografia: IMBI, XXXVI: 99-100; Russo 1962: 44; Trolli 1990a: 173; Lupis–Panunzio 1992: 25, n. 21, 26, n. 25, 53, n. 82; Frassanito e Bernini 1995-96: 95, 120, 129; Crupi 2002: 142; Aprile 2009: 358; Montinaro 2009a: 48; Brunori Cianti 2011: 176; Montinaro 2011a: 57; i. d. [02.03.2014].

 

72[6] Bo BA A 1601
Datazione: sec. XIX.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-57v.
Incipit: (prologo) Con çò sia cosa che intra tuti li animali creati evidentemente da lo soprano maestro; (testo) De la natura de lo cavallo. || Scrivando in prima de la creatione de lo nasimento del cavalo, dico che lo cavalo de’ essere inçenerato da lo stalone guardato studievelemente e diligentemente.
Explicit: (testo) in logo venoso o nervoso.
Descrizione: cartaceo, mm 210 × 150, cc. II + 73 + II’.
La numerazione, in cifre romane, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Sul dorso si legge «Ruffo e M. Guglie. Cod. del 13 secolo». Si rileva una segnatura antica, cassata con un tratto orizzontale di matita: «11 K 2 7». Il codice, proveniente dalla libreria di Giovan Battista Ercolani, fu aquistato dalla biblioteca nel 1885. Lo stato di conservazione è buono. Il manoscritto tramanda un trattato che presenta nella parte finale numerosi capitoli estranei alla mascalcia di Ruffo, a partire da c. 49v, in cui termina il testo corrispondente alla versione latina di Ve, e fino a c. 57v. Il codice è miscellaneo, tramandando dopo il trattato un testo di falconeria e ricette basate su credenze astrologiche.
Note: per IMBI, XXXVI: 103 il manoscritto è «copia di un codice del sec. XV della Parmense fatta da Giovanni Mantelli», da Lupis–Panunzio 1992: 27, n. 25 identificato con il ms. Pr BP Parm. 57 (informazione ripresa in Frassanito e Bernini 1995-96: 129 e Aprile 2009: 361, n. 100).
Bibliografia: IMBI, XXXVI: 103; Russo 1962: 34, 44; Lupis–Panunzio 1992: 27, n. 25; Frassanito e Bernini 1995-96: 129; Crupi 2002: 142; Aprile 2009: 361, n. 100; Montinaro 2009a: 48; Montinaro 2011a: 57; i. d. [04.02.2014].

 

73[7] Bo BA A 1621
Autore: Giacomo Rosini.
Titolo: Trattato delle maliscaltie del cavallo.
Datazione: 1615.
Localizzazione del trattato: cc. 1-158.
Incipit: (prologo) Fra tutte le cose che s’apartengono all’uso de l’huomo, se diligentemente consideriamo; (testo) In che guisa si deve generar il cavallo et di che fatta deve esser la cavalla. Capitolo primo. || Innanti ch’el cavallo si congionga con la cavalla.
Explicit: (testo) fa saldar la carne et rinovar l’onghia.
Descrizione: cartaceo, mm 200 × 145, cc. I + 134 + II’.
Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro negli angoli superiori esterni del recto e del verso. La disposizione del testo è a piena pagina. Si rileva una segnatura antica, cassata con un tratto orizzontale di matita: «11 K 2 10». Il manoscritto, proveniente dalla libreria di Giovan Battista Ercolani, fu aquistato dalla biblioteca nel 1885. Lo stato di conservazione è discreto. Il manoscritto tramanda un trattato interpolato che denota un notevole scompaginamento della materia e accoglie al suo interno numerosi capitoli estranei alla mascalcia di Ruffo. Il codice è miscellaneo, tramandando anche una raccolta di segreti, un altro trattato di mascalcia e una singola ricetta.
Bibliografia: IMBI, XXXVI: 109; Russo 1962: 44; Lupis–Panunzio 1992: 25, n. 20; Frassanito e Bernini 1995-96: 19-20, 129-30; Crupi 2002: 142; Aprile 2009: 358; Montinaro 2009a: 48-9; Brunori Cianti 2011: 175; Montinaro 2011a: 57; i. d.
[04.02.2014].

 

74[8] Bo BA A 1630
Datazione: sec. XVII.
Localizzazione del I trattato: 1v-66r [1-130].
Localizzazione del II trattato: 79r-130v.
Incipit I trattato: (prologo) Perché fra tucti gl’animali creati dal soprano maestro; (testo) Della creatione del cavallo. Capitulo primo. || Scrivendo prima della creatione e nascimento del cavallo, dico che il cavallo deve esser generato.
Explicit I trattato: (testo) Delle dissolature dell’unghie.
Incipit II trattato: (prologo) Con ciò sia che fra tutti gli altri animali creati dal soprano maestro; (testo) Della natura del cavallo. Capitulo 2. || Scrivendo prima della creatione et nascimento del cavallo, dico che il cavallo.
Explicit II trattato: (testo) in lochi venosi nervusi.
Descrizione: cartaceo, mm 197 × 145 [I trattato], mm 200 × 140 [II trattato], cc. I + 139 + I’.
Il codice tramanda due trattati di Ruffo. Si rilevano carte bianche. Si registrano due numerazioni differenti per i due trattati: la prima, in cifre arabe, è apposta con inchiostro negli angoli superiori esterni del recto e del verso; la seconda, moderna, è apposta a matita ogni 10 carte. Per le localizzazioni dei trattati si è preferito, per uniformità, riferirsi al numero reale delle carte, cui rimanda la numerazione del secondo trattato, fornendo la cartulazione del primo fra parentesi quadre. La disposizione dei testi di entrambi i trattati è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Sul dorso si legge «Cardano Zuffo [sic] Calabrese». Si rileva una segnatura antica («11 K 2 12»). Il codice, proveniente dalla libreria di Giovan Battista Ercolani, fu aquistato dalla biblioteca nel 1885. Lo stato di conservazione è buono. Il codice è miscellaneo, tramandando oltre ai due trattati di Ruffo anche un terzo trattato di mascalcia.
Note: Brunori Cianti 2011: 175 localizza i due trattati rispettivamente alle cc. 1-78v e 79 ss.
Bibliografia: IMBI, XXXVI: 112; Russo 1962: 44; Frassanito e Bernini 1995-96: 130; Crupi 2002: 142; Aprile 2009: 358; Montinaro 2009a: 49; Brunori Cianti 2011: 175; Montinaro 2011a: 57; i. d. [04.02.2014].

 

75[9] Bo BA A 1639
Titolo: Libro della mascalcia.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 2r-36v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che fra tucti li animali creati da lo altissimo maestro creatore di tucte le cose; (testo) Dico adonque che l’ cavallo si deve ingenerare dal stallone.
Explicit: (testo) et lassalo stare per un die; (sottoscrizione) dimorando con lui in sua corte.
Descrizione: cartaceo, mm 208 × 155, cc. II + 51 + II’.
Si registrano carte bianche. La cartulazione, moderna, è apposta a matita ogni 10 carte. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in cartoni. Si rilevano note di possesso. Il manoscritto, appartenuto a Giuliano Fanani «marescalco» di Arquà (1703), proviene dalla libreria di Giovan Battista Ercolani e fu aquistato dalla biblioteca nel 1885. Lo stato di conservazione è buono. Nella parte finale del trattato si registra un’aggiunta di capitoli assenti nella versione latina leggibile in Ve. Il codice è miscellaneo, tramandando dopo il trattato una raccolta di medicamenti.
Note: Brunori Cianti 2011: 175 localizza il trattato alle cc. 1-37.
Bibliografia: IMBI, XXXVI: 115-16; Russo 1962: 44; Lupis–Panunzio 1992: 26, n. 25; Frassanito e Bernini 1995-96: 130; Crupi 2002: 142; Aprile 2009: 358; Montinaro 2009a: 49; Brunori Cianti 2011: 175; Montinaro 2011a: 57; i. d. [04.02.2014].

 

76[10] Bo BA A 1641
Titolo: Libro della mascalcia.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: 1r-74v.
Incipit: (testo) che se li de’ mettere la fune in collo lievemente e suavemente. Explicit: (testo) si può mettere per morto; (sottoscrizione) stando e dimorando in sua corte.
Descrizione: cartaceo, mm 214 × 140, cc. I + 75 + I’.
Il trattato è acefalo. La cartulazione, moderna, è apposta a matita ogni 10 carte. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Si registra una nota di possesso e una antica segnatura, cassata con un tratto orizzontale di matita: «11 K 2 1». Il manoscritto, proveniente dalla libreria di Giovan Battista Ercolani, fu aquistato dalla biblioteca nel 1885. La stato di conservazione è discreto, rilevandosi macchie di umidità. Il codice è miscellaneo, tramandando dopo il trattato vari medicamenti.
Bibliografia: IMBI, XXXVI: 116-17; Russo 1962: 44; Lupis–Panunzio 1992: 26, n. 25; Frassanito e Bernini 1995-96: 130; Crupi 2002: 142; Aprile 2009: 358; Montinaro 2009a: 49; Brunori Cianti 2011: 175; Montinaro 2011a: 57; i. d. [04.02.2014].

 

77[11] Bo BA A 1643
Titolo: Libro della mastalia de li cavali.
Datazione: sec. XV seconda metà.
Varietà linguistica: settentrionale.
Localizzazione del trattato: 2v-43v.
Incipit: (prologo) Cun ciò sia cosa che intra tuti li animali creatj dal sumo creatore de tute le cose; (testo) De la creacione et natività de lo cavallo. || Jnprimamente dico che lo cavalo.
Explicit: (testo) cun lo pano e le fune lo sob[...].
Descrizione: cartaceo, mm 208 × 150, cc. III + 42 + VI’.
Il codice è mutilo in fine. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle con fregi in oro. Il manoscritto, appartenuto a Lazzaro Giovanni Romani di Casalmaggiore (1780), proviene dalla libreria di Giovan Battista Ercolani e fu aquistato dalla biblioteca nel 1885. Lo stato di conservazione è discreto. Il codice tramanda esclusivamente il trattato.
Bibliografia: IMBI, XXXVI: 117-18; Russo 1962: 44; Lupis–Panunzio 1992: 26-7, n. 25; Frassanito e Bernini 1995-96: 130; Crupi 2002: 142; Aprile 2009: 358; Montinaro 2009a: 49; Brunori Cianti 2011: 175; Montinaro 2011a: 57; i. d. [04.02.2014].

 

78[12] Bo BA B 78
Titolo: Libro della mascalcia.
Datazione: 1482.
Localizzazione del trattato: 1r-1v; 5r-32v; 33r.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che fra tutti gli altri animali creati dall’altissimo dio creatore de tutte le chose; (testo) Jn primo dico che lo cavallo.
Explicit: (testo) a gran pena mai guariscie; (sottoscrizione) per longho tempo nella corte dello imperatore dimorando con luj.
Descrizione: cartaceo, mm 306 × 223, cc. II + 145.
Si registrano più numerazioni, apposte a matita e a penna in vari punti del recto; per la localizzazione del trattato si fa riferimento alla reale successione delle carte, rappresentata da una numerazione apposta a matita nella parte superiore centrale del recto su quasi tutte le carte. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura è in pergamena; sul dorso si legge «Ruffo». Il codice proviene dalla libreria di Giovan Battista Ercolani. Lo stato di conservazione è discreto. Nella parte finale del trattato, alle cc. 32v-33r, si registra l’aggiunta di due capitoli estranei al testo di Ruffo, che non si computano nel campo riservato alla localizzazione del trattato. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati, due dei quali erroneamente attribuiti a Ruffo.
Note: Russo 1962: 43 e Crupi 2002: 141 ritengono che il manoscritto sia membranaceo.
Bibliografia: IMBI, LIII: 113; Russo 1962: 43; Frassanito e Bernini 1995-96: 130; Crupi 2002: 141; Aprile 2009: 358; Montinaro 2009a: 50; Brunori Cianti 2011: 175; Montinaro 2011a: 57; i. d. [04.02.2014].

 

79Bologna, Biblioteca Universitaria = Bo BU [tot. 1]
[13] Bo BU 3654
Titolo: Cirugia de chavagli.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: 1r-63v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che intra tuttj gli anjmalj; (testo) Della gente overo generatione de chavaglj chapitolo primo. || El chavallo de’ nascere di stallone.
Explicit: (testo) sarà dificile ghuarischa.
Descrizione: cartaceo, mm 210 × 145, cc. 70.
Si registrano due numerazioni: la prima, antica e in cifre arabe, è apposta a penna nell’angolo superiore destro del recto; la seconda, moderna e in cifre arabe, è vergata a matita nell’angolo inferiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle con assi in legno. Lo stato di conservazione non è buono, in particolare risulta particolarmente danneggiata la legatura. Il testo derivato da Ruffo, apparentemente mutilo in fine, termina a c. 63v, sebbene il trattato continui fino a c. 68 con capitoli estranei alla versione latina leggibile in Ve. Il codice tramanda esclusivamente la mascalcia, fatta eccezione per brevi lacerti ad essa estranei.
Note: il manoscritto è spesso citato utilizzando il n° 1552, che invece fa riferimento al numero progressivo del catalogo curato da Frati, del tutto privo di relazione con la collocazione del codice (si deve la precisazione a una comunicazione privata del 22.10.2013 di Rita De Tata, responsabile dell’ufficio manoscritti della Biblioteca Universitaria).
Bibliografia: IMBI, XXIII: 156; Russo 1962: 44; Frassanito e Bernini 1995-96: 131; Crupi 2002: 142; Aprile 2009: 358; Montinaro 2009a: 50; Brunori Cianti 2011: 176; Montinaro 2011a: 57; i. d. [06.02.2014].

 

80Brescia, Biblioteca Civica Queriniana = Bs BC [tot. 1]
[14] Bs BC B VI 25
Titolo: Del cavallo.
Datazione: sec. XV fine.
Varietà linguistica: veneto.
Localizzazione del trattato: cc. 99r-144v.
Incipit: (prologo) Con çiò sia causa che intra tuti li animali creadi da l’autissimo maistro; (testo) De creasione et nativitade del cavallo. || Imprimamente digo de lo cavallo, che lo cavallo se dè ingenerare da lo stalon studiosamente (p. v.).
Explicit: (testo) vale molto la polvere (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 225 × 155, cc. 170.
Si registrano carte bianche. La numerazione, moderna e in cifre arabe, è apposta nell’angolo inferiore destro del recto; si rilevano tracce di antica numerazione. La disposizione del trattato è su due colonne. Il codice è miscellaneo, tramandando anche ricette relative a cavalli e trattati di argomento matematico.
Note: Agrimi 1976: 48 afferma erroneamente che le carte non sono numerate (potrebbe anche supporsi che la cartulazione sia stata apposta successivamente alla pubblicazione del volume). Brunori Cianti 2011: 177 localizza il trattato alle cc. 100-145v. L’informazione riguardante le dimensioni del codice si deve a Maddalena Piotti, funzionario della Biblioteca Civica Queriniana (comunicazione privata del 13.11.2013).
Bibliografia: Morpurgo 1929: 248; Agrimi 1976: 48-9; Lupis–Panunzio 1992: 27, n. 25; Frassanito e Bernini 1995-96: 131; Aprile 2009: 358; Montinaro 2009a: 50; Brunori Cianti 2011: 177; Montinaro 2011a: 57.

 

81Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana = CV BAV [tot. 6]
[15] CV BAV Ott. Lat. 1500
Titolo: Medicina de’ cavalli.
Datazione: sec. XV prima metà. Localizzazione del trattato: cc. 54r-96v.
Incipit: (testo) dure e più forti per l’uso.
Explicit: (testo) tutta la gola enfiata, malagevolissimamente guerrà; (sottoscrizione) per grande spatio di tempo.
Descrizione: membranaceo, mm 205 × 155, cc. II + 97 + I’.
Il codice è composito. Il trattato è acefalo, mancando il prologo e la parte iniziale della prima sezione. Vi è una doppia numerazione: la prima, antica e in cifre arabe, è apposta solo su alcune carte nell’angolo superiore destro del recto; la seconda, moderna e in cifre arabe, è vergata con inchiostro nell’angolo inferiore del recto e tiene conto dell’esatto numero di carte, sebbene computi anche la seconda carta di guardia anteriore (per la localizzazione del trattato si fa riferimento a questa seconda cartulazione). La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione non è buono, presentando fra l’altro chiazze di umidità e lacerazioni di fogli, soprattutto nelle carte centrali e finali. Il codice è miscellaneo.
Note: la misurazione delle carte fa riferimento alla sezione del codice che tramanda il trattato. Si deve ad Andreina Rita e Paolo Vian una consulenza sulla datazione del manoscritto (comunicazione privata del 21.11.2013).
Bibliografia: Inventario Ott.: 290; Russo 1962: 53; i. d. [02.10.2013].

 

82[16] CV BAV Ott. Lat. 3020
Titolo: Libro di mariscalcia di cavalli.
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-29v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che intra tutti li animali creati da l’altissimo maestro creatore; (testo) Della creaçone et della natività del cavallo. || Imprimamente dico del cavallo.
Explicit: (testo) a gran pena guarrà; (sottoscrizione) per grande tempo dimorando con lui in sua corte.
Descrizione: membranaceo, mm 185 × 140, cc. 35 + I’. La numerazione, in cifre arabe, è vergata con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; per errore si appone due volte il n° 26 (una volta al posto del 27), senza però che salti la corretta successione, poiché dopo la ripetizione si riprende dal n° 28; talvolta in basso si registrano numeri in cifre arabe, vergati con inchiostro, non concordanti con la prima cartulazione. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione non è buono, registrandosi lacerazioni e significative macchie di umidità. Il codice è miscellaneo, seguendo alla mascalcia ricette varie e un trattato di falconeria.
Bibliografia: Inventario Galletti: 439; Russo 1962: 41; Crupi 2002: 140; Aprile 2009: 356; i. d. [02.10.2013].

 

83[17] CV BAV Ross. 802
Titolo: Mareschalcia delli cavalli.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 52r-80r.
Incipit: (prologo) memoria messer lo imperatore Frederico; (testo) Della creatione et natività del cavallo. || Scrivendo prima della creatione et nativitate del cavallo.
Explicit: (testo) che senza cagione delle accidente non se può curare; (sottoscrizione) del predicto signore per lungo tempo. Amen.
Descrizione: cartaceo, mm 283 × 214, cc. VIII + 90 + VIII’.
Si registra la caduta di c. 51, che comporta l’acefalia del prologo. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. Il codice presenta miniature. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il manoscritto ha avuto anche la segnatura «X, 181». A c. 89r si registra una singolare nota: «A dì 24 de otobre 1548 || naque Nicola, figliolo de Gironimo. || Ora una meza de note, a dì 24 de otobre 1548». Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati.
Note: nel manoscritto tutti e sei i trattati sono attribuiti a Ruffo, ma ad esso è riferibile solo il quinto.
Bibliografia: Inventario Ross.: 804; Russo 1962: 41; Crupi 2002: 137; Aprile 2009: 358; i. d. [02.10.2013].

 

84[18] CV BAV Urb. lat. 1413
Titolo: Libro della mascalczia delli cavalli. Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-41v.
Incipit: (prologo) Incomença lo libro della mascalzia delli cavalli. || Con ciò sia cosa che entra tucti li animali creati dal summo magistro creatore de tucte le cose; (testo) Della creatione et natività del cavallo. || Jmprimamente dico che lu cavallo se de’ generare.
Explicit: (testo) ad grande pena guarirà; (sottoscrizione) per grande tempo demorando con lui in sua corte.
Descrizione: cartaceo, mm 220 × 145, cc. I + 74 + I’.
La c. 51r è bianca. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; dopo c. 70 si salta per errore la numerazione di una carta, perciò quella numerata 71 corrisponde alla c. 72. La disposizione del testo è a piena pagina. Si registrano 46 disegni a matita di morsi (cc. 51v-72v [carta numerata 73]). La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Sul dorso vi è la tessera gentilizia di Pio VII. Il codice è miscellaneo, tramandando immediatamente dopo il trattato altri rimedi.
Note: per Poulle-Drieux 1966: 19 e Prévot 1991: 13 il trattato di Giordano Ruffo si legge alle cc. 1-41v, mentre Zahlten 1971: 23, n. 22, segnalando il manoscritto, indica genericamente le cc. 1-73, senza precisare dove si legga il trattato.
Bibliografia: Stornajolo 1902-1921, III: 315; Russo 1962: 41; Poulle-Drieux 1966: 19; Zahlten 1971: 23, n. 22; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 133; Crupi 2002: 137; Aprile 2009: 358; Montinaro 2009a: 50; Brunori Cianti 2011: 180; Montinaro 2011a: 57; i. d. [01.10.2013].

 

85[19] CV BAV Vat. lat. 10001 [= V]
Autore: Cola de Jennaro.
Titolo: Della natura del cavallo e sua nascita.
Datazione: 1479.
Provenienza: Tunisi.
Varietà linguistica: meridionale.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-72v.
Incipit: (prologo) Quarto, de conoscere sua bellicza di lo corpo et di li menbri et di loro facczunj; (testo) De la criacione et nativitate de lo cavallo. || Primo, di la criacione et nativitate di lo cavallo. Como yo aio scripto supra, dico che jn primo lo cavallo dive esseri generato da lo stallone.
Explicit: (testo) et, sencza fare altro, serrà guarito et potese cavallcare.
Descrizione: cartaceo, mm 274 × 198, cc. II + 72 + I’.
Il manoscritto è acefalo, iniziando con la parte finale del prologo. Si registrano due numerazioni attribuibili a due diverse mani, posteriori rispetto a quella dell’estensore del manoscritto: la prima, in cifre arabe seguite da punto, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto; la seconda, in cifre arabe non seguite da punto, si rileva sulla c. I’ dove è vergato a matita il n° 73. La disposizione del testo è a piena pagina. Si rilevano varie ornamentazioni, fra cui decorazioni con motivi floreali, un volto umano stilizzato e semplici disegni con motivi zoomorfi. La legatura è in pelle, con assi in legno. Lo stato di conservazione è buono. Il codice probabilmente fece parte della biblioteca aragonese di Napoli, per poi divenire proprietà della famiglia nobiliare Carafa di Maddaloni, centro situato a sud di Caserta. Si registra l’inserzione di due ricette nella parte finale del trattato, dopo l’explicit del testo corrispondente alla versione latina di Ve, che in questo manoscritto recita «a grande pena poteria guarire». Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo.
Note: si rileva la seguente sottoscrizione: «Jn l’anno domino nostro mcccclxxviiij, a die xvijj de ferbaro, quisto libro fo scriptu et acapato per mano de Cola de Jennaro, dexipulo de mastro Benedicto et de mastro Amelio, menjscalque jn Napullj, onde per mja ventura fuy pigliato de mano de Serraynj et so’ jn potere de lo Re de Tunjsi, jà si fa annj xviij, cum multa tribulacione et agustia de corpo et de spirito, perché alcuno non se maraviglie se ad quisto libro se atrovasse alcuno fallimento, però que lo locu onde yo staxo è multo vile et semcza reposu alcuno».
Bibliografia: Montinaro 2009a (ed. di riferimento); Urso 1990-91 (altra ed.); Vattasso–Carusi 1914: 282-83; De Marinis 1947-1952, II: 17; Bénédictins 1965-1982, IV: 283, n° 14343; Petrucci 1988a: 826; Petrucci 1988b: 1258; LIE, Gli autori. Dizionario bio-bibliografico e Indici: s. v. Cola de Iennaro; Coluccia 1994: 397-98; Franzese 1994: 128, n. 5; Coluccia–Cucurachi–Urso 1995: 180, passim; Gualdo 1998a: 145-47, 149-51, 154; Barbato 2000: 391, passim; Aprile 2001a: 81; Aprile 2001b: 60, n. 42; Perrone 2001: 354; Dardano 2002: 328; Dardano 2003: 78; Barbato 2003: 4, 8; Coco–Gualdo 2008: 133; Aprile 2009: 361-62; Bertelli 2009: 390, n. 3; Coluccia 2009: 190, con n. 14; Montinaro 2009b; Baglioni 2010: 18, n. 2; Frezzato–Seccaroni 2010: 15-6; Montinaro 2011a: passim; Montinaro 2011b: passim; Montinaro 2012: passim; Pérez Barcala 2013: 16, n. 11, 88; Montinaro 2013: passim; Montinaro in c. s.: passim; i. d. [2006, 2007].

 

86[20] CV BAV Vat. lat. 11756
Datazione: sec. XVII.
Localizzazione del trattato: cc. 4r-71r.
Incipit: (prologo) Essendo tra tutti animali da l’onnipotente Iddio creati; (testo) Capitolo primo. Della generatione et natività del cavallo. || Della generatione et della natività del cavallo volendo prima scrivere.
Explicit: (testo) et tanto più li giova el mangnar; (sottoscrizione) l’havea provate nelli cavalli del predetto imperatori nella sua presentia.
Descrizione: cartaceo, mm 268 × 200, cc. 74.
Si registrano fogli bianchi. Vi è una doppia numerazione: la prima, in cifre arabe e apposta nell’angolo superiore destro del recto, è antica, poiché trascritta con lo stesso inchiostro usato per vergare il trattato, in corrispondenza del quale inizia; la seconda, in cifre arabe vergate con inchiostro nell’angolo inferiore destro del recto, è moderna e tiene conto dell’esatto numero di carte (per la localizzazione del trattato si fa riferimento a questa seconda cartulazione). La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione non è buono, presentando fra l’altro ampie chiazze di umidità che hanno fatto sbiadire l’inchiostro, soprattutto nella parte superiore delle carte. Dopo il trattato si trascrive il prologo che Gabriele Bruno avrebbe apposto alla sua traduzione del De medicina equorum (cf. § 3.3). Il codice non tramanda altri trattati.
Bibliografia: Inventario Carusi: 51-2; Russo 1962: 41; Crupi 2002: 137; Aprile 2009: 358; i. d. [01.10.2013].

 

87East Lansing (MI), Michigan State University Libraries = East Lansing MSUL [tot. 1]
[21] East Lansing MSUL Veterinary Medicine Historical Collection 29
Titolo: Libro marischalcie equorum.
Datazione: 1400 circa.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-73r.
Incipit: (prologo) Cum ciò sia cosa che intra tucti gli animali dal sommo operatore; (testo) Dell’amaestramento et delle creationi (p. v.).
Explicit: (testo) finito è lo tractatto delli remedij (Catalog).
Descrizione: cartaceo, mm 220 × 145, cc. 80.
La disposizione del testo è a piena pagina. Si registrano illustrazioni occasionali non relazionate al testo. La legatura è in pergamena. Il libro è appartenuto a Jaco Calleri Damonte Graja (Piemonte), di cui si rinviene un ex libris. Il codice è miscellaneo, seguendo al trattato altri rimedi non elencati nel rubricario.
Note: alcune notizie riguardanti il codice sono state fornite da Peter
I. Berg, Head of Special Collections delle Michigan State University Libraries, il quale precisa che non esistono descrizioni a stampa a lui note del codice (comunicazione privata del 31.10.2013).
Bibliografia: Montinaro 2009a: 50-1; Montinaro 2009b: 497; Montinaro 2011a: 57; Catalog [31.10.2013]; CRVB [31.10.2013].

 

88Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana = Fi BML [tot. 8]
[22] Fi BML Ashb. 652
Titolo: Della mascalcia de’ cavalli.
Datazione: sec. XV prima metà.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-37r.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che infra tutte l’altre bestie che sono ordinate a l’usança de l’uomo; (testo) Diciendo della sua gieneratione et della sua natività e del suo nutrichamento. || Dicio ch’el chavallo.
Explicit: (testo) e rinnova due volte el dj.
Descrizione: cartaceo, mm 283 × 200, cc. II + 44 + II’.
La numerazione, antica e in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; a partire da c. 30 si registrano svariati errori di computazione delle carte, che producono una errata cartaluzione. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura è in mezza pelle. Il manoscritto è in discreto stato di conservazione, sebbene la parte inferiore delle prime carte sia notevolmente rovinata da macchie di umidità. Il codice tramanda una versione fortemente interpolata del trattato, priva del rubricario e caratterizzata dallo spostamento di sezioni del testo e dall’aggiunta di capitoli estranei alla mascalcia di Ruffo, soprattutto a partire da c. 35r, con la quale si può far terminare la parte del trattato derivata dal De medicina equorum.
Note: la carta numerata 37 corrisponde alla c. 35. Trolli 1990a: 171, ripresa da Frassanito e Bernini 1995-96: 134, data il codice al sec. XIV.
Bibliografia: Catalogue Ashburnham: n° 652; Trolli 1990a: 171; Frassanito e Bernini 1995-96: 134; Aprile 2009: 358; Bertelli 2009: 395, n. 16; Montinaro 2009a: 51; Montinaro 2011a: 57; i. d. [04.11.2013].

 

89[23] Fi BML Ashb. 1464
Titolo: Opera di mascalcia.
Datazione: sec. XV seconda metà.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-57v.
Incipit: (testo) Materia de freni. || Truovasi una maniera di freni.
Explicit: (testo) volte suole campare; (sottoscrizione) e così insegna tutte cose.
Descrizione: cartaceo, mm 200 × 140, cc. I + 68 + I’.
La numerazione, antica e in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto, fatta eccezione per le cc. 2-3 e 68, che è a matita e di altra mano (quella relativa alle c. 4 e 68 sembra essere sovrascritta su precedente cartulazione), e per la c. 1, priva di numerazione; vi sono tracce di altra cartulazione, in cifre arabe vergate a matita nell’angolo inferiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il codice è miscellaneo, tramandando dopo il trattato, poco fedele al testo latino trasmesso da Ve, rimedi relativi al cavallo.
Bibliografia: Catalogue Ashburnham: n° 1464; Bertelli 2009: 395, n. 16; Montinaro 2009a: 51; Montinaro 2009b: 497; Montinaro 2011a: 57; i. d. [04.11.2013].

 

90[24] Fi BML Bisc. 27
Datazione: sec. XV fine-XVI inizio.
Localizzazione del trattato: cc. 104v-176r.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che tra tucti l’animali che creati da Dio; (testo) Primamente dunque, scrivendo della generatione et della natura del cavallo dico.
Explicit: (testo) malagevolmente [†] guarisce; (sottoscrizione) gloria de l’onipotente Dio.
Descrizione: cartaceo, mm 195 × 135, cc. I + 176 + I’.
Si registrano la caduta di carte e la presenza di carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo inferiore destro del recto; vi sono tracce di altra numerazione, in cifre arabe vergate con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è discreto: si segnalano in particolare un inizio di distacco della coperta dal corpo del codice e la lacerazione di alcune carte (cui si è rimediato parzialmente con restauro), a causa della quale si è perso irrimediabilmente parte del trattato di Ruffo, fra cui porzioni dell’explicit. Il codice è miscellaneo, tramandando altri trattati di mascalcia e ricette varie.
Note: Russo 1962: 47 data il codice al sec. XV.
Bibliografia: Russo 1962: 47; Ortoleva 1996: 145; Aprile 2009: 358; Bertelli 2009: 395, n. 16; i. d. [04.11.2013].

 

91[25] Fi BML Gadd. rel. 202
Titolo: Liber merescalsie.
Datazione: sec. XIV primo quarto.
Varietà linguistica: centro-meridionale.
Localizzazione del trattato: cc. 2r-70v.
Incipit: (prologo) Con ce ssia cosa ké inter tucte le altre bestie create da Deu; (testo) Scribendo della creatione e della nativitate de lo cavallo. Dico ke primamente.
Explicit: (testo) Deiase fare uno unguento in tale modo: de cera unça ij, de sevo de montone unçe iiij.
Descrizione: membranaceo, mm 170 × 121, cc. III + 70 + V’.
Il codice è mutilo. La numerazione, in cifre arabe, è apposta nell’angolo inferiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. Le lettere iniziali sono ornate. A c. 2v, fuori dallo specchio rigato, sulla sinistra, è raffigurato un volto di donna. La legatura, moderna, è in pelle. Il codice, non in buono stato di conservazione, sembra essere stato concepito esclusivamente per una funzione pratico-operativa, denotando un livello qualitativo medio-basso. Si registrano note di possesso e antiche segnature. Il manoscritto entrò a far parte del patrimonio della Biblioteca Laurenziana in séguito alla morte del Targioni (1783). Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo.
Note: Russo 1962: 47 e Aprile 2009: 359 indicano come datazione il sec. XIII.
La «patina linguistica [...] mostra dei fenomeni chiaramente riconducibili ad area centro-meridionale» accanto a «forme tipicamente toscane» (Bertelli 2009: 408).
Bibliografia: Russo 1962: 47; Crupi 2002: 145; Aprile 2009: 358; Bertelli 2009: passim; Montinaro 2009a: 51; Montinaro 2009b: 497; Montinaro 2011a: 57; i. d. [05.11.2013].

 

92[26] Fi BML Med. Palat. 58
Titolo: Medicina dei cavalli.
Datazione: sec. XIV seconda metà.
Localizzazione del trattato: cc. 3r-38v.
Incipit: (testo) [...]vuto il trattato della gienerazione et della nattivitade del cavallo.
Explicit: (testo) sono in luoghi carnosi et venosi.
Descrizione: cartaceo, mm 300 × 200, cc. II + 46 + I’.
Si registrano la caduta di alcune carte e la presenza di carte bianche. Si rilevano due numerazioni, fra di esse non concordanti: la prima, antica e in cifre romane, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto, non su tutte le carte; la seconda, cui è opportuno fare riferimento per la localizzazione del trattato, è vergata a matita e in cifre arabe nell’angolo inferiore destro del recto. Una delle carte di guardia anteriori è membranacea. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in cartone. Lo stato di conservazione è buono, sebbene si registri il distaccamento di un foglio. Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo.
Note: Russo 1962: 47 (ripreso da Crupi 2002: 144 e Aprile 2009: 358) con la segnatura Leopold. LVIII si riferisce probabilmente a questo codice, che ritiene adespoto, intitolato Trattato della generazione e della nativitate del cavallo, prodotto nel sec. XV e composto di cc. 40.
Bibliografia: Russo 1962: 47; Crupi 2002: 144; Aprile 2009: 358; Bertelli 2009: 395, n. 16; Montinaro 2009a: 51; Montinaro 2009b: 497; Montinaro 2011a: 57; i. d. [04.11.2013].

 

93[27] Fi BML Redi 120
Titolo: Libro della maschalcia delli chavalli.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 142r-211r.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che intra l’altre bestie e animali sappi che l’omperadore e lo maestro; (testo) Della creatione et natura del cavallo. Capitulo ij. || Jnperciò è da avere primieramente della creatione et del nascimento del cavallo.
Explicit: (testo) E questo si faccia in domenicha; (sottoscrizione) lo quale stette per grande spatio di tempo dimorando co ·llui.
Descrizione: cartaceo, mm 233 × 162, cc. IV + 232 + IV’.
La numerazione, recente e in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto; si registra la ripetizione dei nni55 e 120, mentre le guardie, eccetto le cc. IV e I’, non sono numerate. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura, risalente al 1971 circa, è in pelle. Il manoscritto è presumibilmente appartenuto a Francesco Redi e la sua accessione alla Biblioteca Medicea Laurenziana risale al 1820, grazie al lascito testamentario dell’ultimo erede della famiglia, Francesco Saverio Redi. Il codice recava come antica segnatura il n° 31. Il rubricario include anche capitoli non rientranti nel trattato di Ruffo, come dimostra peraltro la sottoscrizione che li precede (in Manus questi capitoli sono inclusi erroneamente nel trattato). Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri testi.
Note: le carte segnate 142r-211r corrispondono alle carte 144r-213r.
Ortoleva 1996: 164 afferma erroneamente che il manoscritto è membranaceo e consta di cc. 230; Ortoleva 1993: 198, n. 7 e Ortoleva 1996, 164 riportano una misurazione non esatta: mm 250 × 175.
Il manoscritto, che alle cc. 1r-104v tramanda un volgarizzamento dalla Mulomedicina di Vegezio (cf. Ortoleva 1996: 164 e Manus, che fa iniziare il trattato a c. 3r, non tenendo conto del rubricario), è una delle fonti della V edizione della Crusca (cf. vol. I: LVIII, s. v. Libr. Mascalc., dove si cita il codice sia con la vecchia segnatura, sia con la nuova: «ora è nella Laurenziana segnato coi n. 31, 120»; questa indicazione potrebbe essere dovuta alla annotazione a matita a c. Ir [ma IVr], di mano di Francesco Del Furia: «Cod. Rediano 31.120 Fascio V» [Manus]).
Bibliografia: Crusca, V ed., I: LVIII; Ortoleva 1993: 198, n. 7; Ortoleva 1996: 164; Aprile 2001b: 53, n. 13; Montinaro 2009a: 51-2; Montinaro 2011a: 57; Manus [01.05.2013]; i. d.
[05.11.2013].

 

94[28] Fi BML Strozz. 183
Titolo: Liber marischie equorum.
Datazione: sec. XIII fine.
Varietà linguistica: pisano.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-40r.
Incipit: (prologo) Cum ciò sia cosa che intra tutti li animali dal sommo operatore creati; (testo) De le creatione e de le nativitate delli cavalli. || Imprimeramente scrivendo dico de la creatione e de la nativitate che imprima lo cavallo de’ essere ingenerato.
Explicit: (testo) grosso appena guarisce.
Descrizione: membranaceo, mm 250 × 162, cc. VI + 40 + V’.
Si registrano due numerazioni, entrambe apposte con inchiostro in cifre arabe: la prima, antica, è nell’angolo superiore destro del recto, la seconda, cui si fa riferimento per la localizzazione del trattato, è nell’angolo inferiore destro del recto. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura, moderna, è in pergamena. Si registrano antiche segnature e note di possesso che consentono di ricostruire la storia del manoscritto: nel 1485 era già a Firenze, in possesso di Giovanni d’Amerigo Benci (cf. la nota di possesso sulla controguardia anteriore); nel sec. XVII entrò a far parte della collezione del senatore Carlo di Tommaso Strozzi. L’accessione del manoscritto alla Biblioteca Laurenziana risale al 1785 (è entrato a farne parte assieme allo Strozz. 184). Il codice sembra essere stato concepito esclusivamente per una funzione pratico-operativa, denotando un livello qualitativo medio-basso. Al trattato seguono alcune ricette riguardanti cavalli.
Note: Trolli 1990a: 171 e Frassanito e Bernini 1995-96: 134 si limitano a segnalare la datazione, sec. XIII, e a informare che il trattato è trascritto in volgare, senza fornire ulteriori notizie. Russo 1962: 47 e Crupi 2002: 145 riportano una collocazione sbagliata, peraltro inesistente: CLXXXVIII.
Bibliografia: Russo 1962: 47; Trolli 1990a: 171; Frassanito e Bernini 1995-96: 134; Crupi 2002: 145; Bertelli 2009: passim; Aprile 2009: 358; Montinaro 2009a: 52; Montinaro 2011a: 57; i. d. [05.11.2013].

 

95[29] Fi BML Strozz. 184
Titolo: Libro de la maliskalcharia.
Datazione: sec. XIV primo quarto.
Varietà linguistica: fiorentino.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-36v.
Incipit: (prologo) Con ciò se cosa che intra l’altre bestie e animali; (testo) Del nascimento del cavallo anco è da vedere. || Inprima de la creatione del cavallo e de la sua nativitade scrivo.
Explicit: (testo) Et questo si faccia jn domenicha; (prologo) Sapendo ke tucte l’aveva experimentate per marischalcaria nel dimoro co ·llui.
Descrizione: membranaceo, mm 222 × 161, cc. III + 72 + III’.
Si registrano due numerazioni, entrambe apposte con inchiostro in cifre arabe: la prima, antica, è nell’angolo superiore destro del recto, la seconda, cui si fa riferimento per la localizzazione del trattato, è nell’angolo inferiore destro del recto. La disposizione del testo è su due colonne. Si registrano ornamentazioni (non terminate). La legatura, in cartone ricoperto di marocchino bruno con decorazioni dorate, cornici e fregi arabescati, è opera del legatore vaticano Niccolò Franzese (attivo fin verso il 1570 circa). Il codice è in discreto stato di conservazione. Il manoscritto è appartenuto al trecentesco Bartolomeo maniscalco (cf. la nota di possesso a c. 72v), alla nobildonna e poetessa massese Eleonora Cybo da Massa Carrara (1523-1594) e all’aristocratica famiglia fiorentina degli Strozzi (sec. XVII). Si registrano antiche segnature. L’accessione del manoscritto alla Biblioteca Laurenziana risale al 1785 (è entrato a farne parte assieme allo Strozz. 183). Il codice, seppur finalizzato ad un uso sostanzialmente pratico, reca caratteristiche formali assimilabili a quelle dei coevi manoscritti letterari che permettono di ascrivere il prodotto ad una tipologia medio-alta. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati di mascalcia e di falconeria.
Note: Trolli 1990a: 171, Frassanito e Bernini 1995-96: 135 e Aprile 2009: 358 indicano come datazione il sec. XIII.
Nel prologo «è da notare l’attribuzione dell’opera all’imperatore Federico II [...], anche se poi, all’interno dello stesso prologo, si ha un’immediata rettifica e la restituzione della paternità a Giordano Ruffo» (Bertelli 2009: 405).
Bibliografia: Trolli 1990a: 171; Frassanito e Bernini 1995-96: 135; Crupi 2002: 145; Aprile 2009: 358; Bertelli 2009: passim; Montinaro 2009a: 52; Montinaro 2011a: 57; Fichera in c. s.; i. d. [05.11.2013].

 

96Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale = Fi BNC [tot. 12]
[30] Fi BNC Landau Finaly 127
Titolo: Libro dell’amaestramento de cavagli e delle loro infirmità.
Datazione: sec. XV metà.
Localizzazione del trattato: cc. 59r-86v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia chosa che infra tutti gli altri animalia dal sommo factore delle chose create; (testo) Delle generatione di chavaglj. || Inprima dico della generatione et natività del chavallo.
Explicit: (testo) fussino in luoghi nerbosi, overo che fussino in lughi pienj di vene.
Descrizione: cartaceo, mm 290 × 220, cc. II + 169 + III’.
Si registrano carte bianche. Vi sono due numerazioni principali, sebbene si rilevino anche tracce di un’antica numerazione in rosso con lettere alfabetiche (a-g): la prima, cui si fa riferimento per localizzazione del trattato, è recente, apposta a matita nell’angolo inferiore sinistro del recto a partire dalla seconda carta di guardia e registra salti e ripetizioni (156bis); la seconda, antica, è vergata a penna nell’angolo superiore destro del recto delle cc. 6-87 (si numera da 1 a 82). Le carte che effettivamente tramandano il trattato sono 56r-83v, segnate 59 (numerazione moderna) e 54 (numerazione antica)-86 (numerazione moderna) e 81 (numerazione antica). La disposizione del testo è su due colonne. Alle cc. 85r-168r (segnate modernamente 88-162) si registrano disegni di morsi a penna acquerellati in azzurro. La legatura, risalente al sec. XVII-XVIII, è in pelle marrone su assi. Lo stato di conservazione è buono, nonostante intense macchie ai margini delle carte iniziali. Vi è l’ex libris Landau. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati di mascalcia.
Note: Brunori Cianti 2011: 177 localizza il trattato alle cc. 58v-86v.
Bibliografia: Trolli 1990a: 171; Lazzi–Rolih Scarlino 1994, I: 235-36; Frassanito e Bernini 1995-96: 135, 170-71, 171-72; Coco– Gualdo 2008: 135, 141 con n. 48, 144-45; Aprile 2009: 358; Bertelli 2009: 395, n. 16; Montinaro 2009a: 53; Brunori Cianti 2011: 177; Montinaro 2011a: 57; i. d. [06.11.2013].

 

97[31] Fi BNC Landau Finaly 270
Titolo: Libro d’ongni infermità di chavalgli e delle loro chure.
Datazione: sec. XIV seconda metà.
Provenienza: Italia centrale.
Localizzazione del trattato: cc. 27r-55v.
Incipit: (prologo) Chon ciò sia chosa che intra tutti gli alimali dal sommo creatore; (testo) Primieramente della creatione e della natività de chavalgli dico.
Explicit: (testo) Et imperciò si chiama churba.
Descrizione: cartaceo, mm 195 × 145, cc. I + 59 + I’.
Si registrano carte bianche. La numerazione, antica e a penna, è apposta nell’angolo superiore destro del recto (vi sono omissioni nel computo); sul verso di alcune carte, nell’angolo inferiore sinistro, si rilevano tracce di probabile numerazione antica a penna. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura, risalente al sec. XIX-XX, è in carta grigia su tela. Lo stato di conservazione è discreto, poiché molte carte sono macchiate, specialmente nel margine superiore. Si rilevano l’ex libris Landau e altre note di possesso. Il trattato è incompleto. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati di mascalcia.
Note: la carta in cui effettivamente termina il trattato è 59v, segnata 55.
Brunori Cianti 2011: 177 data il codice al sec. XV.
Questo manoscritto, nonostante l’attribuzione ad Aristotele presente nel prologo, tramanda un volgarizzamento da Giordano Ruffo; cf. anche Kraków BJ Ital. Quart. 63 e New Haven YUBL 459.
Bibliografia: Trolli 1990a: 171; Lazzi–Rolih Scarlino 1994, II: 465-66; Frassanito e Bernini 1995-96: 135; Aprile 2009: 358; Bertelli 2009: 395, n. 16; Montinaro 2009a: 53; Brunori Cianti 2011: 177; Montinaro 2011a: 57; i. d. [06.11.2013].

 

98[32] Fi BNC Magl. Cl. XV 12
Titolo: Mascalcia.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 108r-124r.
Incipit: (prologo) Con co sia cosa che fra tutti li altri animali creati dall’altissimo; (testo) Capitulo generale: inprima de creamento.
Explicit: (testo) maj guariscie.
Descrizione: cartaceo, mm 140 × 100, cc. I + 309 + I’.
Si registrano carte bianche e la caduta di carte. Vi sono più numerazioni. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Lo stato di conservazione è buono. Al testo di Ruffo sono aggiunti vari capitoli non leggibili nella redazione latina trasmessa da Ve. Il codice è miscellaneo, tramandando numerosi altri trattati.
Bibliografia: Catalogo Magliabechiani, V: 77-8; Trolli 1990a: 171; Frassanito e Bernini 1995-96: 122, 135, 172; Coco–Gualdo 2008: 135, 139, 140-41, 148; Aprile 2009: 358; Bertelli 2009: 395, n. 16; Montinaro 2009a: 53; Montinaro 2011a: 57; i. d. [05.11.2013].

 

99[33] Fi BNC Magl. Cl. XV 31
Titolo: Liber mascalcie equorum.
Datazione: sec. XIV fine.
Varietà linguistica: meridionale.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-30v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che entra tucti gli altri animali creati da l’altissimo maestro creatore de tucte le cose; (testo) Capitulo della creatione del cavallo. || Imprimamente dico che lu cavallo.
Explicit: (testo) poteria mai guarire; (sottoscrizione) et così insegna tutte cose.
Descrizione: cartaceo, mm 220 × 145, cc. I + 30 + I’.
Si registra la caduta di carte. La numerazione è apposta a penna nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Si registrano timbri di proprietà. Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo.
Note: Trolli 1990a: 171, ripresa da Frassanito e Bernini 1995-96: 135, data il codice al sec. XV.
Bibliografia: Catalogo Magliabechiani, V: 96; Trolli 1990a: 171; Frassanito e Bernini 1995-96: 135; Aprile 2009: 358; Bertelli 2009: 395, n. 16; Montinaro 2009a: 53; Brunori Cianti 2011: 178; Montinaro 2011a: 57; i. d. [05.11.2013].

 

100[34] Fi BNC Magl. Cl. XV 180
Autore: Cracasonis Diucij quondam Carcasonis de Feranaldis de Arecio.
Titolo: Libro de la marischalcharia de cavalli.
Datazione: 1319.
Varietà linguistica: aretino.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-30v.
Incipit: (prologo) Cum ciò sia cosa che intra l’altre bestie e animalia terrene sapiate che lo maestro; (testo) De creacione equi. || Inprima de la creatione del cavallo e della sua nativitade.
Explicit: (testo) a gran pena si può guerire.
Descrizione: membranaceo, mm 247 × 167, cc. II + 32 + I’.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta a penna nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è su due colonne. Si registrano ornamentazioni. La legatura, moderna, è opera di restauro ed è in cartone colorato con dorso ricoperto da pergamena. Si rilevano note di possesso e antiche segnature. Il manoscritto sembra essere stato concepito esclusivamente per una funzione pratico-operativa, denotando un livello qualitativo medio-basso. Il codice è miscellaneo, tramandando anche un trattato sugli sparvieri.
Note: Trolli 1990a: 171, ripresa da Frassanito e Bernini 1995-96: 135, indica come datazione genericamente il sec. XIV. L’autore si ricava dalla sottoscrizione al trattato: «Iste liber est Cracasonis Diucij quondam Carcasonis de Feranaldis de Arecio, fidei et veritatis anime (?)».
Bibliografia: Trolli 1990a: 171; Frassanito e Bernini 1995-96: 135; Aprile 2009: 358; Bertelli 2009: passim; Montinaro 2009a: 53; Montinaro 2011a: 57; i. d. [06.11.2013].

 

101[35] Fi BNC N. A. 424
Autore: magister Iohanninus filius domini Cabrini de Abundia de Bononia.
Titolo: Mascalcia.
Datazione: 1337.
Provenienza: Orvieto.
Varietà linguistica: orvietano.
Localizzazione del trattato: cc. 1v-49v.
Incipit: (testo) Del verme. I. || Una infermità accidentale sì è la quale volgarmente si chiama verme.
Explicit: (testo) malagevolemente guarirà; (prologo) stette per grande tempo.
Descrizione: membranaceo, mm 220 × 160, cc. II + 50 +II’.
Si registrano carte bianche. La disposizione del testo è a piena pagina. Si rilevano iniziali ornate. La legatura, del sec. XIX, è in pelle verde con impressioni in oro e taglio dorato. Lo stato di conservazione è buono. Si rilevano una nota di possesso, quasi totalmente erasa («Questo libro [...] Antonio»), uno stemma in oro (non identificato) e il cartellino dell’attuale collocazione. Il codice fu acquistato nel 1915 dalla libreria antiquaria Vittorio Forti di Firenze. Il manoscritto tramanda solo la parte ippiatrica del trattato e, seppur finalizzato ad un uso sostanzialmente pratico, reca caratteristiche formali assimilabili a quelle dei coevi codici letterari che permettono di ascrivere il prodotto ad una tipologia medio-alta. Il manoscritto, oltre al trattato, tramanda esclusivamente brevi testi: a c. 3r, in basso, sotto la mascalcia, si legge uno scongiuro contro il verme, mentre dopo il trattato si leggono un Salve Regina e altre ricette riguardanti cavalli.
Note: «MDI», 21: 86 riporta dimensioni del codice lievemente differenti: mm 221 × 159. Varie informazioni si ricavano dalla sottoscrizione: «Et Ego magister Iohanninus filius domini Cabrini de Abunda de Bononia, publicus imperiali auctoritate notarius, scripsi mea propria manu in civitate Urbisveteris sub annis Domini millessimo CCC° trigesimo septimo, indictione quinta, tempore sanctissimi patris nostri pape Benedicti duodecimi, diebus septembris».
Bibliografia: Bertelli 2009: passim; Montinaro 2009a: 53; Montinaro 2009b: 497; Montinaro 2011a: 57; «MDI», 21: 86; Pérez Barcala 2013: 87, n. 220; i. d. [06.11.2013].

 

102[36] Fi BNC Naz. II III 303
Datazione: sec. XVI.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-43v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che tra l’altre cose date; (testo) Della generatione et natjvità del cavallo. || Prima scrivendo della creatione et della natjvità del cavallo.
Explicit: (testo) acciò che possino meglio durare la [...].
Descrizione: cartaceo, mm 290 × 215, cc. II + 45 + II’.
Si registrano carte bianche. Si rilevano due numerazioni: la prima, antica e in cifre romane, è apposta con inchiostro nella parte superiore centrale del recto e inizia da c. 2r per terminare a c. 42 (segnata xxxxj); la seconda, in cifre arabe, è vergata con inchiostro nella parte superiore centrale del recto e inizia da c. 43 (segnata 42). La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle con assi in legno. Lo stato di conservazione è buono. Si registrano note di possesso e antiche segnature; in particolare il codice era contraddistinto dall’antica segnatura Magliab. Cl. XV, n. 102. Al trattato, cui sono aggiunti capitoli non rintracciabili nel testo latino tramandato da Ve, segue una ricetta riguardante i cavalli.
Note: per la localizzazione del trattato si fa riferimento alla cartulazione presente nel codice.
Russo 1962: 46, per probabile refuso, cita erroneamente questo codice con la segnatura II III 302, che invece fa riferimento a un trattato in latino (cf. sopra, § 3.2.1).
Bibliografia: IMBI, X: 34-5; Russo 1962: 46; Poulle Drieux 1966: 19; Trolli 1990a: 171; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 135; Aprile 2009: 358; Bertelli 2009: 395, n. 16; Montinaro 2009a: 52-3; Brunori Cianti 2011: 178; Montinaro 2011a: 57; i. d. [04.11.2013].

 

103[37] Fi BNC Pal. 450
Titolo: Del cavallo.
Datazione: sec. XV prima metà.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-22r.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che fra tutti li animali creati dall’altissimo creatore di tutte le cose; (testo) Della creatione et della natura del cavallo. || Inprima dico che ·llo cavallo.
Explicit: (testo) allo gozzo enfiato, rade volte potà guarire; (sottoscrizione) come insegnia tutte cose.
Descrizione: membranaceo, mm 350 × 230, cc. I + 22 + I’.
Si registra la caduta di carte. La numerazione è apposta a penna nella parte superiore centrale del recto. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura è in mezza pelle. Lo stato di conservazione è discreto. Nel manoscritto compare la forma del cognome Rosso. Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo.
Note: Aprile 2009: 358, n. 84, riprendendo Russo 1962: 46, lo definisce «volgarizzamento toscano».
A differenza di quanto segnalato da Russo 1962: 46, ripreso da Crupi 2002: 144 e Aprile 2009: 359, il ms. Fi BNC Pal. 663 non tramanda il trattato di Ruffo (i. d. [06.11.2013]).
Bibliografia: Gentile 1890-1891: 4; Russo 1962: 46; Olrog Hedvall 1995: 15; Frassanito e Bernini 1995-96: 135; Crupi 2002: 144; Aprile 2009: 358; Bertelli 2009: 395, n. 16; Montinaro 2009a: 54; Brunori Cianti 2011: 179; Montinaro 2011a: 57; i. d.
[05.11.2013].

 

104[38] Fi BNC Pal. 569
Titolo: Liber mascalcie equorum.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 101r-121r.
Incipit: (testo) Grassa esendo la cavalla costringerebbe.
Explicit: (testo) e torna nel suo stato di prima; (sottoscrizione) per grande tempo dimorando co ·lluj in sua corte negl’annj della incarnatione del nostro singnore.
Descrizione: cartaceo, mm 287 × 205, cc. II + 218 + I’.
Si registrano carte bianche e la caduta di carte. Il trattato è acefalo, mancando il prologo e la prima sezione. Si rilevano due numerazioni: la prima è apposta a penna nell’angolo superiore destro del recto e non sempre computa correttamente le carte, anche per la caduta di alcune di esse (si segnala, poiché utile per la localizzazione della mascalcia di Ruffo, che la carta 105 è numerata 104, ingenerando un errore nella computazione progressiva delle carte successive fino a c. 107); la seconda è apposta a matita, a partire da c. 123, per correggere la prima cartulazione, sotto la quale è vergata. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in tela. Lo stato di conservazione è buono. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati di varia natura, di mani ed epoche diverse.
Note: si registra la datazione fornita da Bertelli 2009: 395, n. 16; Russo 1962: 46 (ripreso da Crupi 2002: 144 e Aprile 2009: 358) e Brunori Cianti 2011: 178 datano il codice al sec. XIV.
Bibliografia: Gentile 1890-1891: 136; Russo 1962: 46; Lupis–Panunzio 1992: 25, n. 22; Ortoleva 1993: passim; Frassanito e Bernini 1995-96: 136, 177; Ortoleva 1996: 145; Crupi 2002: 144; Montinaro 2007; Aprile 2009: 358; Bertelli 2009: 395, n. 16; Montinaro 2009a: 54; Brunori Cianti 2011: 178; Montinaro 2011a: 57; i. d. [05.11.2013].

 

105[39] Fi BNC Pal. 660
Datazione: sec. XV seconda metà.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-53v.
Incipit: (prologo) Conciossiacosaché intra tutti li animali da l’altissimo Dio magistro et creatore de tutte le cose; (testo) Del creamento et natività del cavallo. || Inprimamente dico che el cavallo se deve jngenerare.
Explicit: (testo) a grande pena pò guarire o campare; (sottoscrizione) stando con lui un gran tempo nella sua corte.
Descrizione: cartaceo, mm 215 × 143, cc. I + 60 + I’.
La numerazione, moderna, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Lo stato di conservazione è discreto. Il codice è miscellaneo, tramandando altri testi oltre al trattato, cui seguono immediatamente, senza alcuna interruzione, ricette riguardanti il cavallo.
Bibliografia: Gentile 1890-1891: 223; Russo 1962: 46; Crupi 2002: 144; Aprile 2009: 358; Bertelli 2009: 395, n. 16; Brunori Cianti 2011: 178; i. d. [05.11.2013].

 

106[40] Fi BNC Pal. 673
Titolo: Arte de marescaltia.
Datazione: 13 novembre 1455.
Provenienza: Recanati.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-49v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che intra tuctj li animalj creati dall’altissimo maestro creatore de tucte le cose; (testo) Della creatione et nascimento di cavallj. || Inprimamente dico che lo cavallo.
Explicit: (testo) lochi nerbosi et venosi, che non poi con lo tagliare overo incendere.
Descrizione: cartaceo, mm 218 × 145, cc. I + 52 + I’.
Al codice è stato asportato il primo bifoglio del primo fascicolo (cc. 1 e 16). La numerazione è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura, opera di restauro, è in mezza pelle con in assi in legno. Il trattato è incompleto. Il codice è miscellaneo, tramandando anche ricette varie.
Note: «MDI», 9: 48 rileva che Crupi 2002: 144 cita il codice riportando una segnatura sbagliata, 663 (la stessa segnatura si legge in Russo 1962: 46, ripreso per l’appunto da Crupi e Aprile 2009: 359).
Bibliografia: Gentile 1890-1891: 231-32; Russo 1962: 46; Crupi 2002: 144; «MDI», 9: 48, tav. 39; Aprile 2009: 359; Bertelli 2009: 395, n. 16; Montinaro 2011a: 57; Brunori Cianti 2011: 178; i. d. [05.11.2013].

 

107[41] Fi BNC Pal. 744
Titolo: Liber mariscalcie equorum.
Datazione: sec. XIV secondo quarto.
Provenienza: Pisa.
Varietà linguistica: pisano.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-67r.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che intra tutti li animali creati da l’altissimo maestro creatore di tucte le cose; (testo) De creatione et nactivitate equorum. || Inprimamente dico che lo cavallo.
Explicit: (testo) et ave infiato lo gosso, a grande pena guarirà; (sottoscrizione) in sua corte.
Descrizione: membranaceo, mm 184 × 132, cc. II + 66 + II’.
Si registra la caduta di carte. La numerazione, antica e in cifre arabe, è apposta a penna nell’angolo superiore destro del recto; a partire da c. 8 si rilevano vari errori nella cartulazione che ingenerano un’errata computazione delle carte (la carta in cui termina il trattato è la 66). La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura, moderna, è in mezza pelle, con piatti in cartone marmorizzati. Il manoscritto è appartenuto a Gaetano Poggioli (1753-1814) e venne acquistato «da Ferdinando II per la Palatina di Firenze (oggi Nazionale)» (Olrog Hedvall 1995: 15). Si rilevano una nota di possesso («Di Bastiano di Antonio Palmieri. 1630») e una cedolina cartacea con l’indicazione di una segnatura precedente (26). Il manoscritto sembra essere stato concepito esclusivamente per una funzione pratico-operativa, denotando un livello qualitativo medio-basso. Al trattato seguono, senza alcuna interruzione, ricette riguardanti il cavallo.
Note: Russo 1962: 46, Olrog Hedvall 1995: 15, Frassanito e Bernini 1995-96: 136 e Aprile 2009: 359 datano il codice più genericamente al sec. XIV.
Russo 1962: 46, ripreso da Crupi 2002: 144, ritiene che le carte siano 66.
Bibliografia: Gentile 1890-1891: 278-79; Russo 1962: 46; Olrog Hedvall 1995: 15-6; Frassanito e Bernini 1995-96: 136; Crupi 2002: 144; Aprile 2009: 359; Bertelli 2009: passim; Montinaro 2009a: 54; Montinaro 2011a: 57; i. d. [05.11.2013].

 

108Firenze, Biblioteca Riccardiana = Fi BR [tot. 6]
[42] Fi BR Ricc. 2216
Titolo: Libro delle maschalcie.
Datazione: sec. XV fine.
Localizzazione del trattato: cc. 47v-67r.
Incipit: (prologo) Chon ciò sia cosa che intra tuttj gli animalj creatj da l’altissimo creatore di tutte le chose; (testo) Della creatione e natura del chavalo. || Jnprima dicho che ·llo chavallo.
Explicit: (testo) ghozzo enfiato e grosso gravemente potrà guarire; (sottoscrizione) che giovano e nuociono al chavallo.
Descrizione: cartaceo, mm 278 × 205, cc. II + 84 + I’.
La numerazione, moderna e a inchiostro, è apposta in cifre arabe nell’angolo inferiore destro del recto; vi sono tracce di numerazione a penna, antica, nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Lo stato di conservazione è discreto. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri testi e medicine per cavalli.
Bibliografia: Inventario e stima: 46; Zambrini 1884: 610b; Fischer 1980: 155, n. 5; Trolli 1990a: 46, n. 12, 171, 175, 176; Frassanito e Bernini 1995-96: 136, 171, 172; Coco–Gualdo 2008: 135, 141, n. 48, 144; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 54; Brunori Cianti 2011: 179; Montinaro 2011a: 57; i. d. [06.11.2013].

 

109[43] Fi BR Ricc. 2217
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-35r.
Incipit: (testo) [...]degnare, che per lo indegnamento.
Explicit: (testo) El come t’insegna a tucte cose; (sottoscrizione) Finito el tractato di messere Giordano cavaliere calavrese.
Descrizione: cartaceo, mm 295 × 220, cc. III + 39 + III’.
Si registrano carte bianche. La numerazione, moderna e a inchiostro, è apposta in cifre arabe nell’angolo inferiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Lo stato di conservazione è discreto, registrandosi varie macchie di umidità. Il trattato è acefalo: inizia con la parte terminale della II sezione. Il codice tramanda anche altre ricette relative a cavalli.
Note: in Inventario e stima: 46 si afferma che il ms. Ricc. 2223 tramanda anche il trattato di Ruffo, ma l’ispezione diretta ha permesso di appurare che si tratta di una segnalazione errata.
Bibliografia: Inventario e stima: 46; Trolli 1990a: 172; Frassanito e Bernini 1995-96: 136; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 54; Montinaro 2011a: 57; i. d. [06.11.2013].

 

110[44] Fi BR Ricc. 2225
Autore: Cipriano di Puccino Puccini Fazzini pilliparius de Prato. Datazione: 1478.
Provenienza: Firenze.
Varietà linguistica: toscano.
Localizzazione del trattato: cc. 91r-113r.
Incipit: (testo) Oltra a ·ccò, quando el chavallo.
Explicit: (testo) con ghrande malagevolezza può campare; (sottoscrizione) a ora quinta decima.
Descrizione: cartaceo, mm 285 × 215, cc. IV + 113 + IV’.
Si registrano carte bianche. La prima carta del codice è membranacea. Si rilevano più numerazioni: quelle antiche, non sempre presenti su tutte le carte, sono apposte in cifre arabe nell’angolo superiore destro del recto; quella moderna, a inchiostro, è vergata in cifre arabe nell’angolo inferiore destro del recto e numera correttamente le carte. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Lo stato di conservazione è discreto. Il trattato di Ruffo è acefalo, iniziando con la sezione III, quasi con il capitolo sulla ferratura. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri testi.
Note: vari dati riguardanti il volgarizzamento si ricavano dal poscritto, leggibile a c. 113r. (qualche dubbio di lettura destano le ultime tre cifre della data).
Lami 1756: 211, Russo 1962: 47 e Crupi 2002: 144 utilizzano l’antica segnatura della collezione Riccardi: R.IV.XXV (si deve l’indicazione della corrispondenza con quella moderna a una comunicazione privata di Silvia Castelli, bibliotecaria della Biblioteca Riccardiana [17.10.2013]).
Russo 1962: 47 e Crupi 2002: 144 ritengono erroneamente che il codice sia membranaceo.
Bibliografia: Lami 1756: 211; Inventario e stima: 46; Russo 1962: 47; Trolli 1990a: 172; Lupis Panuzio 1992: 27, n. 25; Frassanito e Bernini 1995-96: 136; Crupi 2002: 144; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 54; Brunori Cianti 2011: 179; Montinaro 2011a: 57; i. d. [06.11.2013].

 

111[45] Fi BR Ricc. 2359
Titolo: Liber marsscalcie de cavalli.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 59r-66v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che intra tucti li animali creati da l’autissimo maiestro creatore; (testo) De creatione et nativitate del cavallo. || Inmprimamente dico che lo cavallo.
Explicit: (testo) cocte [...].
Descrizione: membranaceo, mm 230 × 160, cc. IV + 66 + VII’.
Si registrano carte bianche. Si rilevano due numerazioni: la prima, non sempre presente su tutte le carte, è apposta a penna in cifre arabe nell’angolo superiore destro del recto; quella moderna, sempre in cifre arabe, è vergata con inchiostro nell’angolo inferiore destro del recto e numera correttamente le carte esistenti. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura è in mezza pelle con assi in legno. Lo stato di conservazione è discreto. Il trattato è incompleto, essendo mutilo in fine. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri testi.
Note: Lami 1756: 211 utilizza l’antica segnatura della collezione Riccardi: N.IV.I (si deve l’indicazione della corrispondenza con quella moderna a una comunicazione privata di Silvia Castelli, bibliotecaria della Biblioteca Riccardiana [17.10.2013]).
Bibliografia: Lami 1756: 211; Trolli 1990a: 172; Frassanito e Bernini 1995-96: 136; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 55; Montinaro 2011a: 57; i. d. [06.11.2013].

 

112[46] Fi BR Ricc. 2784 (1)
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-24r.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che infra tuttj gli animalj creati; (testo) Dello ’ngeneramento del chavalo. || Adunche inprima dello ’ngeneramento e del nascimento del chavallo.
Explicit: (testo) Il cavallo che è arrabiato o [...].
Descrizione: cartaceo, mm 285 × 213, cc. III + 24 + III’.
Si registrano più numerazioni: quelle antiche, non sempre presenti su tutte le carte, sono apposte in cifre arabe nell’angolo superiore destro del recto; quella moderna, a inchiostro, è vergata in cifre arabe nell’angolo inferiore destro del recto e numera correttamente le carte. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura è in mezza pelle. Lo stato di conservazione è discreto. Al trattato seguono immediatamente ricette relative a cavalli.
Bibliografia: Trolli 1990a: 172; Frassanito e Bernini 1995-96: 136; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 55; Montinaro 2011a: 57; i. d. [05.11.2013].

 

  • 10 Catalano Tirrito 1910: 158-61 sostiene che il manoscritto, citato erroneamente con la segnatura 193 (...)

113[47] Fi BR Ricc. 2934
Autore: Johannes di Arena.
Datazione: sec. XV.
Varietà linguistica: siciliano.
Localizzazione del I trattato: cc. 3r-7v, 26r-35r.
Localizzazione del II trattato: cc. 36v-58r.
Incipit I trattato: (prologo) Cum so cia cosa ki deu criassi tucti li besti; (testo) Jngindrau di lu cavallu divi esseri cussì ordinatu. Jnprimu lu stallunu sia studiatamenti guardatu et cavalcatu.
Explicit I trattato: (testo) ma si avj miscatura oy balzatura ppara, estj pluj signu bonu.
Incipit II trattato: (prologo) Cum so ccia cosa jntra li altri tucti li bestij da Deu summu mastru; (testo) Di la criacciunj di lu cavallu. || Lu cavallu si divi jngindrà da lu stallunj studiusamenti guardatu pocu oy nenti cavalcatu.
Explicit II trattato: (testo) A lu quali mali jn tali modu si poti subviniri si tucta la bucca fussi unflata.
Descrizione: cartaceo, mm 215 × 146, cc. II + 58 + III’.
La numerazione, moderna e in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura, moderna, è in pergamena. Il codice è miscellaneo, tramandando due trattati distinti, leggibili rispettivamente alle cc. 3r-7v, 26r-35r e 36v58r, oltre a materiali e ricette non attribuibili al trattato di Ruffo (cf. Note).
Note: il manoscritto tramanda due differenti trattati, di cui porzioni variabili possono essere attribuite a Ruffo, sebbene siano interpolate con altri materiali vergati senza interruzione dopo i brani riferibili al De medicina equorum: del primo trattato, che si interrompe a c. 35r, sono ascrivibili a Ruffo le cc. 3r-7v, che tramandano le prime quattro sezioni, e lacerti delle cc. 26r-35r; il secondo trattato, incompleto, tramanda anche alcuni capitoli relativi alla sezione V-VI, sebbene inframmezzati da altri non attribuibili a Ruffo che contengono formule apotropaiche, anche in latino (cf. §§ 2.1.3 e 2.2.4), e riferimenti a giorni proibiti. Per una dettagliata disamina della partizione interna dei due trattati cf. Fichera in c. s.
Sul contenuto del codice sono state fornite indicazioni differenti, così riassumibili.
La Rosa 1999-2000: passim, Pagano 2012: 122-24, Fichera in c. s. e Pagano in c. s. informano correttamente che il secondo trattato di Ruffo, incompleto e interpolato con materiali derivati da Rusio, inizia a c. 36v (La Rosa 1999-2000 e Pagano 2012 per un refuso indicano 35r) e termina a c. 58r, rilevando che il primo trattato, localizzato alle carte 3r-35r, è invece un volgarizzamento che risente di diversi modelli, nonostante il prologo sia simile a quello del De medicina equorum: Giordano Ruffo, Bartolomeo da Messina traduttore di Ierocle, Apsirto, Teomnesto, Tiberio e altri ippiatri greci (cf. Pagano 2012: 123 e Fichera in c. s.; Pagano in c. s. precisa che «la traduction de Rufus est précédée, f. 35r-35v, d’une série de recettes dont certaines concernent non seulement les chevaux mais aussi les hommes»).
Ad eccezione di Fichera in c. s., La Rosa 1999-2000 e Pagano 2012, gli unici a distinguere in precedenza fra i due trattati sono stati Ercolani 1851-1854: 356-58, 348-55 (sul quale cf. Fichera in c. s.), che identifica come fonte principale del primo trattato la traduzione latina di Bartolomeo da Messina del trattato di Ierocle, e Resta 1973: 392, n. 3, il quale ritiene erroneamente che il codice «contiene nei ff. 3r-35r un trattato di mascalcia anepigrafo, cui segue (ff. 35r-58r), sempre in volgare siciliano, un altro trattato» di mascalcia, «che, a differenza del primo, è meno organico e soprattutto meno legato all’opera del Ruffo» (ma cf. sopra).
Moulé 1891-1923, II, II: 28-9, Catalano Tirrito 1910, Björck 1944: 46, Aa. Vv. 1957: 203, Trolli 1990a: 172, Lupis–Panuzio 1992: 28, Casapullo 1995: 22 e Bruni 1999: 282, 316, n. 19 non distinguono invece fra i due trattati.
Più dettagliatamente, Moulé 1891-1923, II, II: 28-9, Catalano Tirrito 1910,10 Aa. Vv. 1957: 203, Bruni 1999: 282, 316, n. 19 e Lupis–Panuzio 1992: 28 ritengono che il manoscritto tramandi il testo di Ruffo, mentre Trolli 1990a: 172 e Casapullo 1995: 22 sostengono che il codice sia latore del volgarizzamento da Ierocle. Infine per Björck 1944: 46, «anche sulla scorta delle poche carte edite da Ercolani, la fonte sarebbe da individuare nell’Epitome degli Ippiatri greci» (cf. Fichera in c. s.). L’autore si ricava dalla sottoscrizione: «Scripssit Johannes di Arena, filius condam noctarj Petri, civitas Arestanensis».
Russo 1962: 49, probabilmente indotto in errore da Catalano Tirrito 1910, cita il codice con la segnatura «Riccard. 1934», che fa riferimento ad un manoscritto che non tramanda Ruffo, come si è appurato durante un ispezione diretta compiuta il 06.11.2013 (l’informazione di Russo rifluisce in Crupi 2002: 147 e Aprile 2009: 359).
La datazione è desunta da Aa. Vv. 1957: 203, Fichera in c. s. e Corpus ARTESIA. Frassanito e Bernini 1995-96: 63, 136 segnalano come datazione il sec. XIV-XV, mentre Trolli 1990a: 172, Bruni 1999: 282, 316, n. 19 e Gualdo 2005: 84b il sec. XIV.
L’edizione del codice è oggetto della tesi di dottorato in Filologia Moderna di Aldo Fichera, allestita presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania.
Bibliografia: La Rosa 1999-2000 (ed. di riferimento); Ercolani 1851-1854: 348-58; Moulé 1891-1923, II, II: 28-9; Catalano Tirrito 1910; Aa. Vv. 1957: 203; Björck 1944: 46; Resta 1973: 392, con n. 3; Bruni 1999: 282, 316, n. 19; Trolli 1990a: 172; Lupis–Panuzio 1992: 28; Casapullo 1995: 22, 24; Frassanito e Bernini 1995-96: 63, 136-37; Rapisarda 2000: 478; Gualdo 2005: 84b; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 55-6; Montinaro 2011a: 57; Pagano 2012: 121, 122-24; Pérez Barcala 2013: 57, n. 152; Fichera in c. s.; Pagano in c. s.; Corpus ARTESIA [16.06.2014]; i. d. [07.11.2013].

 

114Kraków (Polonia), Biblioteka Jagiellońska = Kraków BJ [tot. 1]
[48] Kraków BJ Ital. Quart. 63
Titolo: El livero d’Aristete.
Datazione: sec. XIV prima metà.
Provenienza: Umbria.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-53r.
Incipit: (prologo) Cumciòssiacosaké enfra gl’altre animagle criate dal summo maiestro; (testo) Adonqua emprimamente de la criatione. || Adonqua emprimamente de la criatione e de la natività del cavallo. Emprimamente deie essere engenerato (p. v.).
Explicit: (testo) ci è messa entro ell’ockio de cavallo e de medicin molto fina (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 220 × 160, cc. I + 55 + I’.
Carta 54r è bianca. La numerazione, moderna e in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto; per errore le cc. 12 e 13 sono entrambe numerate 12, sebbene di recente si sia corretto in 12a e 12b. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura, non originale, è in pelle. Lo stato di conservazione è buono, sebbene vi siano macchie. Il codice è appartenuto al conte Giacomo Manzoni e alla Königliche Bibliothek di Berlino; si registrano timbri di proprietà, prove di penna e antiche segnature. Il manoscritto proviene probabilmente dall’Umbria. Il trattato termina con una ricetta riguardante il male dell’occhio, trascritta immediatamente dopo la descrizione dell’infermità dello stranguglione, con la quale si chiude il testo latino tramandato da Ve; alla mascalcia segue un incantesimo.
Note: questo manoscritto, nonostante l’attribuzione ad Aristotele presente nel prologo, tramanda un volgarizzamento da Giordano Ruffo; cf. anche Fi BNC Landau Finaly 270 e New Haven YUBL 459.
La carta numerata 53 corrisponde a c. 54.
Bibliografia: Morf 1918; Coco–Gualdo 2008: 141, n. 48; Coco 2009: 430; Montinaro 2009a: 30, 56; Montinaro 2009b: 497-98; Montinaro 2011a: 57; Sosnowski 2012: 14, 121-24, 211, 232, 238; Fibula [23.09.2013].

 

115London (Gran Bretagna), British Library = London BL [tot. 2]
[49] London BL Add. 16387
Titolo: Libro de mescaltia.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-41v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia de cosa che intra tucti l’animali creati dall’altissimo maiestro creatore de tucte le cose; (testo) Capitulo primo. Del creamento del cavallo. || El creamento del cavallo et nativitate. Jnprimamente dico che lo cavallo (p. v.).
Explicit: (testo) torna in suo stato como de prima; (sottoscrizione) dimorando co ·lluj in sua corte (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 150 × 107, cc. 43.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione della scrittura è a piena pagina. Al trattato, che accoglie alcuni capitoli estranei al testo latino tramandato da Ve, seguono ricette varie.
Note: Prévot 1991: 13 e Frassanito e Bernini 1995-96: 139 citano il codice senza indicarne il fondo.
Bibliografia: Aa. Vv. 1864: 186; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 139; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 56; Montinaro 2011a: 57; Catalogue Archives and Manuscripts [20.01.2014].

 

116[50] London BL Harley 3535
Titolo: Lu libru di la maniscalchia.
Datazione: sec. XV.
Provenienza: Sicilia.
Varietà linguistica: siciliano.
Localizzazione del trattato: cc. 41v-91v.
Incipit: (prologo) Con sò czia cosa chi intra tucti li animalj creatj di lu altissimu nostru creaturj di tucti li cosi; (testo) Di lu criamentj di la nativitatj di li cavallj. || Inprimamentj dicu chi lu cavallu si divj (p.
v.).
Explicit: (testo) a pena guarirà (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 205 × 145, cc. VIII + 156.
Dopo c. 46 il margine del recto dei fogli è stato rifilato. Si registrano carte bianche. Si segnalano tre numerazioni: la prima, antica e parziale, è apposta a penna in cifre romane nell’angolo superiore destro del recto; la seconda, antica, è apposta a penna in cifre arabe nell’angolo superiore destro del recto (si rilevano errori di foliazione); la terza, moderna, è apposta a matita in cifre arabe nell’angolo superiore destro del recto, vicino alla seconda numerazione. La disposizione del testo è a piena pagina. Nella porzione di manoscritto in cui si tramanda il trattato si registrano semplici decorazioni. La legatura, moderna, è in mezza pelle. Si rileva una nota di possesso. Il codice è miscellaneo, tramandando uno zodiaco, ricette varie e altre due mascalcie (cf. Note).
Note: Pagano 2012: 126-27 identifica i trattati tramandati dal manoscritto, sebbene sia opportuno rilevare che quello di Ruffo termina a c. 91v, seguito quasi immediatamente, dopo alcuni segni paragrafematici, da altre ricette (lo studioso sembra fare riferimento alla seconda cartulazione, che però, come segnalato sopra, presenta errori di foliazione): «le cc. 2r-37r [2r-36r secondo la corretta cartulazione] contengono una traduzione del trattato di Ierocle» («l’edizione di qualche lacerto, pur con numerosi errori di trascrizione» fornisce Bruce-Whyte 1841, II: 153-60); «alle cc. 43v-97r [41v-95r secondo la corretta cartulazione], di un’altra mano risalente al XV secolo, segue un volgarizzamento del De medicina equorum»; «il terzo trattato, cc. 97v-158v [95v-156v secondo la corretta cartulazione], è una traduzione di Lorenzo Rusio».
Queste le informazioni oscillanti delle altre fonti bibliografiche: Moulé 1891-1923, II, II: 28 scrive che «la dernière partie écrite par une main différente [...] est l’oeuvre de Ruffus»; Poulle-Drieux 1966: 18 e Prévot 1991: 14 ritengono che il trattato di Ruffo si legga alle cc. 1-37, localizzazione leggermente differente da quella proposta in Catalogue Archives and Manuscripts e Digitised Manuscripts: 2r-36r; Lupis–Panunzio 1992: 27, n. 25 e Frassanito e Bernini 1995-96: 138 lo individuerebbero alle cc. 41v-95r.
Poulle-Drieux 1966: 18 e Digitised Manuscripts identificano il testo di Ruffo tramandato da questo codice con quello edito da De Gregorio 1905 (R), informazione sconfessata correttamente da Pagano in c. s.; ancora Poulle-Drieux 1966: 18 ritiene in modo errato che il solo rubricario sia leggibile anche nel ms. Paris BnF Lat. 7018 (la notizia rifluisce in Pérez Barcala 2013: 58, n. 158).
La datazione, desunta da Pagano 2012: 126, fa riferimento al trattato di Ruffo (Pagano in c. s., sulla base di alcuni tratti linguistici, ipotizza come datazione la fine del sec. XV), mentre l’intero codice può essere datato al sec. XIV-XV (cf. anche Catalogue Archives and Manuscripts e Digitised Manuscripts); Poulle-Drieux 1966: 18 lo data al sec. XIV, come Prévot 1991: 14. Lupis–Panunzio 1992: 27, n. 25 definiscono grossolanamente la varietà linguistica del codice «volg. calabrosiculo».
È verosimile che sia questo il «Codice Siciliano di Ruffo che si conserva nel Museo Britannico», cui fanno riferimento Delprato 1865: XXX, da cui si cita (la stessa informazione, con la trascrizione dell’incipit, si legge in Delprato 1867, II: 222-23, n. 1), Di Giovanni 1871-1879, I: 98 (che data il codice al sec. XIII) e Moulé 1891-1923, II, II: 28 (cf. anche sotto).
Bibliografia: Aa. Vv. 1808-1812, III: 38-9; Bruce-Whyte 1841, II: 152-53; Heusinger 1853: 37-8, 40; Zambrini 1884: 888b; Moulé 1891-1923, II, II: 28; Delprato 1865: XXX; Delprato 1867, II: 222-23, n. 1; Di Giovanni 1871-1879, I: 98-9; Poulle-Drieux 1966: 18; Prévot 1991: 14; Lupis–Panunzio 1992: 27, n. 25; Frassanito e Bernini 1995-96: 138; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 56; Montinaro 2011a: 57; Pagano 2012: 126-27; Pérez Barcala 2013: 58, n. 158; Pagano in c. s.; Fichera in c. s.; Catalogue Archives and Manuscripts [20.01.2014]; Digitised Manuscripts [20.01.2014].

 

117London (Gran Bretagna), Wellcome Library = London WL [tot. 7]
[51] London WL 531/1
Autore: Angnolo Giovangnie.
Titolo: Libro della natione del cavallo.
Datazione: 1439.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-58r.
Incipit: (testo) Se lo cavallo nello principio del suo nasciemento serà nutricato continuamente.
Explicit: (testo) con gran dificultà puotarà scanpare; (sottoscrizione) usate et trovate et tenute perfettissime et buone.
Descrizione: cartaceo, mm 215 × 145, cc. 59.
Il codice, segnato 531, è composito. La numerazione, non sempre presente, è apposta in cifre arabe e con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; è moderna l’apposizione a matita e in cifre arabe (sempre nell’angolo superiore destro del recto) del numero 59, che segnala l’ultima carta della sezione che tramanda il trattato. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Lo stato di conservazione è discreto. Il manoscritto 531 è miscellaneo, tramandando altre opere, mentre la sezione 531/1 contiene esclusivamene il trattato di Ruffo.
Note: Poulle-Drieux 1966: 19, Prévot 1991: 13 e Frassanito e Bernini 1995-96: 139 indicano come datazione genericamente il sec. XV e ritengono che il trattato si legga alle cc. 1-58.
Si legge la seguente sottoscrizione: «Quisto libro è de Fioravante de Tantino, el quale exchrisse Angnolo Giovangnie suo fratello a dy xxv d’aprile 1439».
La descrizione del codice fa riferimento alla sezione 531/1, che tramanda il trattato di Ruffo.
Bibliografia: Poulle-Drieux 1966: 19; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 139; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 56-7; Montinaro 2011a: 57; Archives and Manuscripts catalogue [28.05.2013]; i. d. [02.04.2014].

 

118[52] London WL 701
Titolo: Cirugia over la medisine de li cavalli.
Datazione: sec. XV inizio.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-49v.
Incipit: (prologo) Con ço sia cossa che tra tutti li animali dal creator de tutte le cose; (testo) Tractato de la creacione del cavallo. Capitulo 1. || Primamente de la creacion e de la natività del cavallo.
Explicit: (testo) el dicto cavallo com gran fatigha se guarisse e com gran pena; (sottoscrizione) col dicto Imperadore per uno grandissime tempo ni lo quale demorò en le suo corte.
Descrizione: membranaceo, mm 225 × 150, cc. 50.
Si registrano carte bianche. Si rileva traccia di numerazione in cifre arabe, apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. Il codice presenta iniziali miniate e decorazioni. La legatura è in assi in legno. Lo stato di conservazione non è buono. Fu acquistato da Sotheby’s nel 1905. Il manoscritto tramanda esclusivamente il trattato.
Note: Poulle-Drieux 1966: 19, Prévot 1991: 13 e Frassanito e Bernini 1995-96: 139 indicano come datazione genericamente il sec. XV.
L’ispezione del codice è stata compiuta con l’ausilio di Stefania Signorello, restauratrice della Wellcome Library.
Bibliografia: Moorat 1962: 517-18; Poulle-Drieux 1966: 19; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 139; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 57; Montinaro 2011a: 57; Archives and Manuscripts catalogue [29.05.2013]; i. d. [02.04.2014].

 

119[53] London WL 702
Titolo: Le medicine de’ cavalli.
Datazione: 1475 circa.
Localizzazione del trattato: cc. 3r-49v.
Incipit: (testo) Et primo de verme. || Quando appare che lo petto del cavallo.
Explicit: (testo) fa como è detto nel capitulo de muru.
Descrizione: membranaceo, mm 170 × 120, cc. I + 59 + I’.
Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo inferiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. Si segnalano capitali decorate. La legatura è in pelle. L’accessione alla Wellcome Library risale al 1910. Lo stato di conservazione è buono. Il trattato contiene solamente la sezione ippiatrica (infermità e rimedi). Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati e ricette varie.
Note: Poulle-Drieux 1966: 19, Prévot 1991: 13 e Frassanito e Bernini 1995-96: 139 indicano come datazione genericamente il sec. XV, mentre Olrog Hedvall 1995: 18 la circoscrive «alla fine del Quattrocento».
Tramite un ispezione diretta condotta il 02.04.2014 si è appurato che il manoscritto che reca la segnatura immediatamente successiva, 703, non tramanda il trattato di Ruffo, come invece si è comunemente creduto a partire almeno da Moorat 1962: 518 (cf. Poulle-Drieux 1966: 19, Frassanito e Bernini 1995-96: 139, Aprile 2009: 359, Montinaro 2009a: 57, Montinaro 2011a: 57 e Archives and Manuscripts catalogue).
Bibliografia: Moorat 1962: 518; Poulle-Drieux 1966: 19; Prévot 1991: 13; Olrog Hedvall 1995: 18; Frassanito e Bernini 1995-96: 139; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 57; Montinaro 2011a: 57; Archives and Manuscripts catalogue [24.06.2013]; i. d. [02.04.2014].

 

120[54] London WL 704
Titolo: Le medicine de’ cavalli.
Datazione: sec. XVI inizio.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-62v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che intra tuctj li animalj creatj dall’altissimo iddio creatore di tutte le cose; (testo) Del creamento et nascimento del cavallo. || Imprimamente dico che la cavalla.
Explicit: (testo) ad gran pena può guarire; (sottoscrizione) dimorando con luj jn sua chorte.
Descrizione: cartaceo, mm 220 × 145, cc. VI + 71 + I’.
Si registrano la caduta delle cc. 30 e 63 e la presenza di carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nella parte superiore del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. Il codice è privo di legatura. Lo stato di conservazione non è buono. L’accessione alla Wellcome Library risale al 1931. Dopo il trattato si tramanda uno scongiuro contro il verme.
Note: Poulle-Drieux 1966: 19, Prévot 1991: 13 e Frassanito e Bernini 1995-96: 140 indicano come datazione genericamente il sec. XVI. Carta 62 corrisponde a c. 61.
Bibliografia: Moorat 1962: 519; Poulle-Drieux 1966: 19; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 140; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 57; Montinaro 2011a: 57; Archives and Manuscripts catalogue [24.06.2013]; i. d. [02.04.2014].

 

121[55] London WL 705
Titolo: Libro dell’infirmità dei cavalli.
Datazione: sec. XVI metà.
Localizzazione del trattato: cc. 1v-2v.
Incipit: (testo) Delle supervenentj infirmità. || Delle supervenentj infirmità dico primamente.
Explicit: (testo) è mezo morto.
Descrizione: cartaceo, mm 235 × 170, cc. IV + 77.
Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. L’accessione alla Wellcome Library risale al 1922. A Ruffo si può far risalire solo una minima porzione del primo trattato, poiché la restante parte è estremamente interpolata e ascrivibile a fonti diverse. Il codice è miscellaneo, tramandando anche ricette per la cura dei buoi e degli uomini, attribuite erroneamente a Ruffo (cf. anche Ra IBC 273), e formule magiche.
Note: Poulle-Drieux 1966: 19, Prévot 1991: 13 e Frassanito e Bernini 1995-96: 140 indicano come datazione genericamente il sec. XVI.
Bibliografia: Moorat 1962: 519-20; Poulle-Drieux 1966: 19; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 140; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 58; Montinaro 2011a: 57; Archives and Manuscripts catalogue [24.06.2013]; i. d. [02.04.2014].

 

122[56] London WL 706
Titolo: Libro dell’infirmità dei cavalli.
Datazione: 1500 circa.
Localizzazione del trattato: cc. 32r-70v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che fra tuti li animali creati dal summo creatore nesuno è più nobille del cavalo; (testo) Dico primo che lo cavallo se deve jngenerare de lo stalono stodiosamente.
Explicit: (testo) ungi lo male e guarirà.
Descrizione: cartaceo, mm 300 × 195, cc. I + 130 + I’.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta a matita ogni dieci carte nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. Vi sono figure di morsi con didascalie. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Si registrano note di possesso e timbri di proprietà; l’accessione alla Wellcome Library risale al 1935. La parte finale del trattato è interpolata. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altre ricette.
Note: Poulle-Drieux 1966: 19, Prévot 1991: 13 e Frassanito e Bernini 1995-96: 140 indicano come datazione genericamente il sec. XVI.
Bibliografia: Moorat 1962: 520-21; Poulle-Drieux 1966: 19; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 140; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 58; Montinaro 2011a: 57; Archives and Manuscripts catalogue [24.06.2013]; i. d. [02.04.2014].

 

123[57] London WL 788/2
Titolo: Libro dell’infirmatà de’ cavalli.
Datazione: 1460.
Localizzazione del trattato: cc. 130r-170v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che tra tutti gli animalj dal sommo creatore; (testo) De la creatione e nativitade del cavallo. || Djco che l’ cavallo si dia generare dello stallone istudiosamente e diligentemente guidato.
Explicit: (testo) malagevolamente si sana sença pericholo.
Descrizione: cartaceo, mm 290 × 200, cc. 175.
La numerazione, moderna e in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; si rilevano tracce di altra numerazione. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione non è buono. Il codice è miscellaneo, tramandando anche alcuni scongiuri (aggiunti senza interruzione) e ricette varie.
Note: Poulle-Drieux 1966: 19, Prévot 1991: 13 e Frassanito e Bernini 1995-96: 140 indicano come datazione genericamente il sec. XV.
L’ispezione del codice è stata compiuta con l’ausilio di Stefania Signorello, restauratrice della Wellcome Library.
Bibliografia: Poulle-Drieux 1966: 19; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 140; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 58; Montinaro 2011a: 57; Pérez Barcala 2013: 57, n. 152; Archives and Manuscripts catalogue [24.06.2013]; i. d. [02.04.2014].

 

124Madrid (Spagna), Biblioteca Nacional = Madrid BN [tot. 1]
[58] Madrid BN 10120
Titolo: Liber mascalcie equorum.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 33r-51r.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che intra tucti li animali creati dall’altissimo maestro creatore di tucte le cose; (testo) Delle creationi e natività del cavallo. || Inprimamente dico che ·llo cavallo si de’ ingenerare dallo stallone (p. v.).
Explicit: (testo) questo gravemente potrà guarire (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 340 × 250, cc. I + 54.
Si registrano carte bianche. La numerazione, moderna e in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto; vi sono tracce di altre numerazioni. La disposizione del testo è su due colonne. La legatura è in pelle. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri testi, fra cui uno scongiuro contro il verme e ricette varie.
Note: Poulle-Drieux 1966: 19, Prévot 1991: 13 e Frassanito e Bernini 1995-96: 140 ritengono che il trattato si legga alle cc. 32-50.
Bibliografia: Poulle-Drieux 1966: 19; Kristeller 1963-1991, IV: 538a; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 140; Inventario General de Manuscritos, XIV: 346-47; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 58; Montinaro 2011a: 57; Catálogo BNE
[03.09.2013].

 

125Milano, Biblioteca Trivulziana = Mi BT [tot. 1]
[59] Mi BT Triv. 91
Titolo: Libro delle mascalcie delli cavalli.
Datazione: sec. XV/XVI.
Localizzazione del trattato: cc. 3r-82r.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che intra tucti li animali creati dallo altissimo creatore de tucte le cose; (testo) Della creatione et della natività del cavallo. || In prima dico che lo chavallo si dia ingenerare dallo guaraino.
Explicit: (testo) rade volte suole campar.
Descrizione: cartaceo, mm 220 × 160, cc. II + 100 + II’.
Si registrano carte bianche. Si rilevano due numerazioni, entrambe in cifre arabe: la prima è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; la seconda, moderna e a matita, è vergata nell’angolo inferiore sinistro del recto (si fa riferimento a questa cartulazione per la localizzazione del trattato). La disposizione del testo è a piena pagina. Lo stato di conservazione è buono. La legatura è in pelle. Il codice tramanda altre ricette dopo il trattato.
Bibliografia: Porro 1884: 395-96; Trolli 1990a: 172; Frassanito e Bernini 1995-96: 141; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 59; Montinaro 2011a: 57; i. d. [01.04.2014].

 

126Milano, Veneranda Biblioteca Ambrosiana = Mi VBA [tot. 3]
[60] Mi VBA A 43 inf.
Autore: Guilelmus de Flandria?
Titolo: Libro della Mascalcia.
Datazione: 1347.
Localizzazione del trattato: cc. IIIr-IVv, 1r-52r.
Incipit: (prologo) Conçò sia cosa che intra tutti li animali; (testo) De la creatione et nativitade del cavallo. || Inprimamente dico che lo cavallo.
Explicit: (testo) unguento detto de sopra; (sottoscrizione) in sua corte.
Descrizione: cartaceo, mm 290 × 220, cc. I + 112 + I’.
L’ultimo foglio è tagliato. La numerazione, antica, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; le carte che tramandano il rubricario del trattato e delle altre ricette contenute nel manoscritto sono numerate a matita, in cifre romane. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono (il codice è stato restaurato nel 2001). Il manoscritto è appartenuto a Gian Vincenzo Pinelli (1535-1601). Nella parte finale del trattato sono aggiunte alcune ricette dopo l’explicit del testo corrispondente alla versione latina leggibile in Ve, che in questo manoscritto recita: «a grande pena guarrà». Il codice è miscellaneo, tramandando anche un’altra mascalcia, un trattato di falconeria e rimedi vari.
Note: Lupis–Panunzio 1992: 26, n. 25, 158 forniscono un titolo differente: Marescalchia.
Trolli 1990a: 172 indica come datazione più genericamente il sec. XIV.
Brunori Cianti 2011: 179 localizza il trattato alle cc. 1-52v.
Bibliografia: Kristeller 1963-1991, I: 278b, II: 529a, VI: 31b; Agrimi 1976: 147-48; Trolli 1990a: 172; Lupis–Panunzio 1992: 26, n. 25, 158; Frassanito e Bernini 1995-96: 91-2, 140; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 58-9; Brunori Cianti 2011: 179; Montinaro 2011a: 57; Manus [03.09.2013]; i. d. [01.04.2014].

 

127[61] Mi VBA B 41 suss.
Titolo: Trattato de’ cavalli.
Datazione: sec. XV.
Varietà linguistica: veneziano.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-30v.
Incipit: (prologo) Cum çò sia che intro tuti li animali creati evidentemente da lo sovran maistro; (testo) De la natura del cavallo. || Scrivando imprima de la creacion e del nasimento del cavallo, digo.
Explicit: (testo) luoghi de vene e nervosi.
Descrizione: membranaceo, mm 190 × 150, cc. III + 42 + [6] + III’.
Il codice è composito; alle sezioni manoscritte è stata aggiunta una stampa antica che non tramanda Ruffo. La numerazione, in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è discreto. Il manoscritto è appartenuto a Giovanni Battista Carcano (Manus, Indici). Al trattato sono aggiunte, senza interruzione, ricette estranee alla versione latina trasmessa da Ve. Il codice è miscellaneo, tramandando anche un trattato di falconeria e ricette varie.
Bibliografia: Kristeller 1963-1991, VI: 68b; Frassanito e Bernini 1995-96: 141; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 59; Montinaro 2011a: 57; Manus, Indici [03.09.2013]; i. d. [01.04.2014].

 

128[62] Mi VBA D 172 inf.
Titolo: Trattato delle infermità dei cavalli e loro medicine.
Datazione: sec. XVI.
Localizzazione del trattato: cc. 34r-35r.
Incipit: (prologo) Con zò sia cosa che intra tutti li animali non rasonevoli creati dall’altissimo Maestro.
Descrizione: cartaceo, mm 295 × 210, cc. I + 106 + I’.
Il codice è composito. La numerazione, in cifre romane, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è discreto. Il manoscritto, alle cc. 34r-35r, trasmette solamente parte del prologo del trattato. Il codice è miscellaneo, tramandando altri testi.
Note: le dimensioni fanno riferimento esclusivamente alla carte che trasmettono il trattato di Ruffo.
Bibliografia: Kristeller 1963-1991, I: 283b, II: 529b; Montinaro 2009a: 59; Montinaro 2011a: 57; Manus [03.09.2013]; i. d. [01.04.2014].

 

129Modena, Biblioteca Estense = Mo BE [tot. 3]
[63] Mo BE It. 112 (= alfa P 6 20)
Titolo: Libro della mareschaltia de cavalli.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-24r.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che fra tuti; (testo) Della creatione della nativitade del cavallo. || In prima dico che lo cavallo.
Explicit: (testo) rare volte potrà guarire.
Descrizione: membranaceo, mm 235 × 163, cc. I + 95 + I’.
Si registrano due numerazioni: la prima, antica e in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto (nella cartulazione antica si salta da 89 a 100); la seconda, coeva e in cifre romane, è apposta al centro del margine superiore fino a c. 16. La disposizione del testo è a piena pagina. Si registrano decorazioni. La legatura è in pelle con assi in cartone. Il codice è in condizioni discrete; le prime carte risultano rovinate. Si registra un’antica segnatura: Ms.VII.B.25. Il codice è miscellaneo, tramandando anche due altri trattati di mascalcia.
Note: probabilmente si può identificare con questo manoscritto il testimone ricordato da Russo 1962: 45 n. 45 e Crupi 2002: 143, n. 2: «Nell’Estense di Modena esisteva anche un altro MS. della Mascalcia del Ruffo, che nel catalogo del 1467 è ricordato nel seguente modo: Liber super medicamine equorum in membranis. Cum diversis figuris hominum et animalium diversorum colore coopertus».
Bibliografia: Russo 1962: 45; Trolli 1990a: 90, n. 10, 91, 92, 172, 175, 176; Frassanito e Bernini 1995-96: 141, 171, 172-73; Crupi 2002: 143; Coco–Gualdo 2008: 135, 141, n. 48, 144; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 59-60; Montinaro 2011a: 57; Manus [03.12.2013]; i. d. [05.02.2014].

 

130[64] Mo BE It. 947 (= alfa X 2 15)
Titolo: Lo libro de medesine.
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-51r.
Incipit: (prologo) Cum çò sia cossa che tra li altri animali deputadi a l’uso de li homini; (testo) De la generatione, çoè de lo zenerar de li cavalli. Rubrica. || Lo cavallo die esser jnçenerado.
Explicit: (testo) e così sia.
Descrizione: cartaceo, mm 225 × 150, cc. II + 77 + II.’
La numerazione, moderna e in cifre arabe, è apposta nell’angolo inferiore destro del recto; si rilevano tracce di antica numerazione. La legatura è in pelle. La disposizione del testo è a piena pagina. Lo stato di conservazione è buono. Il trattato, soprattutto nella parte finale, è notevolmente interpolato e registra l’aggiunta di capitoli estranei alla mascalcia di Ruffo, che contemplano anche rimedi apotropaici. Il codice è miscellaneo, tramandando anche un’altra mascalcia e ricette varie.
Bibliografia: Trolli 1990a: 172, 173; Frassanito e Bernini 1995-96: 123, 141; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 60; Montinaro 2011a: 57; i. d. [05.02.2014].

 

131[65] Mo BE Camp. 11 (= gamma H 6 29)
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-54r.
Incipit: (testo) Delle spavani.
Explicit: (testo) fendegli le nare quanto a te pare.
Descrizione: cartaceo, mm 200 × 140, cc. III + 55 + III’.
Il trattato è acefalo e mutilo in fine. Si registrano due numerazioni: la prima, antica e in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; la seconda, cui si fa riferimento per la localizzazione del trattato, è vergata a matita e in cifre arabe nell’angolo inferiore sinistro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura, frutto di un restauro eseguito nel 1995, è in pelle. Si rilevano antiche segnature. Lo stato di conservazione è buono, sebbene l’inchiostro rosso usato per le rubriche sia in alcuni punti talmente sbiadito da risultare di difficile lettura. Il codice tramanda esclusivamente il trattato, cui sono aggiunti in fine alcuni capitoli estranei alla mascalcia di Ruffo.
Note: si tratta del manoscritto citato da Lodi 1875: 11.
Bibliografia: Trolli 1990a: 172; Frassanito e Bernini 1995-96: 141; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 60; Brunori Cianti 2011: 179; Montinaro 2011a: 57; i. d. [05.02.2014].

 

132New Haven (CT), Yale University, Beinecke Rare Book and Manuscript Library = New Haven YUBL [tot. 5]
[66] New Haven YUBL 459
Titolo: Dell’arte di curare le malattie de’ cavalli.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-76v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cossa che intra tuti gli animali del somo creatoro a l’uxo de l’umana generatione; (testo) De la criatione del cavallo. || Primamente de la criatione del cavallo (p. v.).
Explicit: (testo) una peza e poy la cira nova nel vecta (Medieval & Renaissance Manuscripts).
Descrizione: cartaceo, mm 200 × 150, cc. II + 76 + I’.
Si registra la caduta di carte. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La dispozione del testo è a piena pagina. La legatura, risalente al sec. XIX-XX, è cartacea. Il codice è di provenienza aragonese. L’accessione a Yale risale al 1948. Si tratta di una versione interpolata cui sono state aggiunte numerose ricette.
Note: Kristeller 1963-1991, V: 280a e Frassanito e Bernini 1995-96: 143 segnalano come datazione il sec. XIV.
Questo manoscritto, nonostante l’attribuzione ad Aristotele presente nel prologo, tramanda un volgarizzamento da Giordano Ruffo; cf. anche Fi BNC Landau Finaly 270 e Kraków BJ Ital. Quart. 63.
Bibliografia: Kristeller 1963-1991, V: 280a; Lupis–Panunzio 1992: 27, n. 25; Frassanito e Bernini 1995-96: 143; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 60; Montinaro 2011a: 57; Medieval & Renaissance Manuscripts [13.03.2014].

 

133[67] New Haven YUBL 488
Datazione: 1456.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-28v.
Incipit: (prologo) Como lo cavallo fo creato da l’ato creatore del cilo et de la tera; (testo) In prima dico che lo chavalo dì esere generato da stalone govene (p. v.).
Explicit: (testo) a pena se li pò sovenire (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 219 × 148, cc. II + 38 + III’.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura, risalente al sec. XIX, è in pelle. Da un ex libris si ricava che il manoscritto è appartenuto a David Wagstaff; l’accessione a Yale risale al 1944. Il codice è miscellaneo, tramandando anche uno scongiuro contro il verme e ricette varie.
Bibliografia: Kristeller 1963-1991, V: 280a; Lupis–Panunzio 1992: 27, n. 25; Frassanito e Bernini 1995-96: 143; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 61; Montinaro 2011a: 57; Medieval & Renaissance Manuscripts [13.03.2014].

 

134[68] New Haven YUBL 679
Titolo: Liber mariscalcie equorum.
Datazione: 1350 circa.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-38v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che intra tucti li animali creati da l’altissimo maestro creatore di tucte le cose; (testo) De creatione et nativitate equorum. || Inprimamente dico che lo cavallo (p. v.).
Explicit: (testo) a grande pena guarrà; (sottoscrizione) dimorando co ·llui in sua corte (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 191 × 140, cc. I + 40.
La numerazione, moderna, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è su due colonne. Si registrano figure di morsi. La legatura è in pelle. L’accessione a Yale del codice, appartenuto a Leo S. Olschki e Laurence Witten, risale al 1988. Tra il passo con cui dovrebbe terminare il trattato e la sottoscrizione si leggono ricette estranee alla versione latina tramandata da Ve, significativamente assenti dal rubricario.
Bibliografia: Kristeller 1963-1991, V: 281a; Frassanito e Bernini 1995-96: 143; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 61; Montinaro 2011a: 57; Beinecke Digital Collections [13.03.2014]; Medieval & Renaissance Manuscripts [13.03.2014].

 

135[69] New Haven YUBL 944
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-31r.
Incipit: (prologo) Cum ço sia cosa intro tutti li animali da lu suprano maestro; (testo) Della generatione dello nascimento dello cavallo. || Adunca inprimeramente de generatione dello cavallo (p. v.).
Explicit: (testo) de queste cose (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 295 × 215, cc. I + 31.
Le carte non sono numerate. La disposizione del testo è a piena pagina. Si registrano una iniziale miniata, quasi del tutto erasa, e varie ornamentazioni. La legatura, risalente al sec. XVI, è in pelle. Lo stato di conservazione è discreto. Nella parte finale del trattato sono aggiunte alcune ricette dopo l’explicit del testo corrispondente alla versione latina trasmessa da Ve, che in questo manoscritto recita: «grevemente si ge suvene». Il codice tramanda esclusivamente il trattato.
Note: in Beinecke Digital Collections si ritiene che la lingua del trattato sia il siciliano.
Bibliografia: Beinecke Digital Collections [13.03.2014]; Medieval & Renaissance Manuscripts [13.03.2014].

 

136[70] New Haven YUBL 945
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-40v.
Incipit: (testo) [...]ne per tempo (p. v.).
Explicit: (testo) malagevolemente guarrà; (sottoscrizione) per magnum spatium temporis commemoratus (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 225 × 167, cc. I + 40 + I’.
Il trattato è acefalo. La numerazione, in cifre arabe, è apposta nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è su due colonne. Lo stato di conservazione è discreto. Il codice tramanda esclusivamente il trattato.
Bibliografia: Beinecke Digital Collections [13.03.2014]; Medieval & Renaissance Manuscripts [13.03.2014].

 

137Padova, Biblioteca del Seminario = Pd BS [tot. 1]
[71] Pd BS 392
Autore: Johannez Hieronimus de Ceronibj.
Datazione: 1450.
Varietà linguistica: settentrionale.
Localizzazione del trattato: cc. 2r-3r, 5r-48r.
Incipit: (prologo) Con cò sia cosa che intra tutti li animali creati da l’altissimo creatore; (testo) De lo creamento e nascimento del cavalo. Rubrica j. || Inprimamente dico che lo cavallo (p. v.).
Explicit: (testo) e tornerà nello stato de prima (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 221 × 160, cc. II + 48 + VII’.
La carta 4 è bianca. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura, moderna, è in legno. Lo stato di conservazione è abbastanza buono, sebbene siano parzialmente staccati i ff. 47-48. Il nome dell’autore del volgarizzamento, professore di grammatica, è attestato anche nel ms. A IV 12 della Biblioteca Civica Queriniana di Brescia, che tramanda il libro II del De sacramentis di Ugo di san Vittore. Il manoscritto bresciano è vergato dal padre di Giovanni Girolamo, Zanetto de Cerroni (Zanetus de Ceronibus), professor gramatice come il figlio; Giovanni rimaneggia la nota di possesso del codice, sovrascrivendola e adattandola alla propria persona (in essa dichiara che è civis Brixiensis, oriundis tamen de Roma), e aggiunge una postilla riguardante il contenuto del codice, sottoscrivendola (Iohannis de Ceronibus Romanus). Il manoscritto proviene dalla biblioteca del vescovo Nicolò Antonio Giustiniani. Nella parte finale del trattato, a partire da c. 47v, in cui termina il testo corrispondente alla versione latina trasmessa da Ve, si registra l’aggiunta di capitoli. Il codice tramanda anche altre ricette per curare i cavalli e fare l’aceto.
Note: la data che si legge a c. 48r sembra riferirsi all’anno di redazione del volgarizzamento; il manoscritto invece è databile al sec. XV terzo quarto. Moulé 1891-1923, II, II: 28, Klein 1969: 227 e Prévot 1991: 13 segnalano come datazione più genericamente il sec. XV, mentre Kristeller 1963-1991, VI: 125, Olrog Hedvall 1995: 16, Frassanito e Bernini 1995-96: 144 e Aprile 2009: 360 indicano l’anno 1440.
Si rileva la seguente sottoscrizione: «Expliat liber Marschalcie equorum translatus de latino in vulgare per Johanem Hieronymum de Ceronibus civem Brixie gramatice professorem de anno 1450» (Donello et alii 1998: 76a).
Bibliografia: Moulé 1891-1923, II, II: 28; Klein 1969: 227; Kristeller 1963-1991, VI: 125; Prévot 1991: 13; Olrog Hedvall 1995: 16-7; Frassanito e Bernini 1995-96: 144; Donello et alii 1998: 76a, tav. CLXXIX; «MDI», 7: 56; Benedetti 2006: 306; «MDI», 18: 13; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 61; Montinaro 2011a: 57.

 

138Palermo, Biblioteca Centrale della Regione Siciliana (già Biblioteca Nazionale) = Pa BCRS [tot. 1]
[72] Pa BCRS I E 3
Autore: Carolus de Gallutziis Alamanus.
Titolo: Libro de la Marescalcaria.
Datazione: 1480.
Provenienza: Sant’Agata Bolognese.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-39v.
Incipit: (prologo) Con zò sia cosa che tra li altri animali creati evidentemente dal sommo factore; (testo) De la creatione del cavallo. || Prima adomqua descrivando de la creatione e nassimento del cavallo (p. v.).
Explicit: (testo) El quale dolore vene per tropo retenere l’urina superflua como è in lo capitulo de sopra (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 233 × 167, cc. I + 39 + III’.
Si registrano carte bianche. La numerazione antica va da c. 1 a c. 29, ma le prime dieci carte non sono numerate (per la localizzazione del trattato si fa riferimento al numero reale di carte). La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura, moderna, è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Si registrano un’antica segnatura e un timbro di proprietà. Il manoscritto, precedentemente appartenuto alla biblioteca dell’abbazia benedettina di San Martino delle Scale, è stato acquisito dalla Biblioteca Nazionale di Palermo dopo la legge di soppressione delle corporazioni religiose. Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo.
Note: per Di Giovanni 1871-1879, I: 107 «il cod. non manca di voci siciliane, quantunque si voleva scrivere, e così si scrisse, in volgare illustre». Di Giovanni 1871-1879, I: 102-07 riporta la trascrizione, eseguita in maniera non sempre impeccabile, del prologo, del’incipit del trattato, del rubricario, dell’explicit e della sottoscrizione, che recita: «Explicit liber Merscalchancie equorum sub anno Domini millesimo quadragentesimo octuagesimo, die vero quintodecimo mensis iunii, completum per me Carolum de Gallutziis in castro Sancte Aghate Bononiensis dyocesis 1480» («MDI», 8: 98a).
Bibliografia: Di Giovanni 1871-1879, I: 102-07; Barreca 1985: 8, 43; «MDI», 8: 98 e tav. 46; Montinaro 2011a: 57; Manus [19.03.2014].

 

139Paris (Francia), Bibliothèque de l’Arsenal = Paris BA [tot. 1]
[73] Paris BA 8524
Titolo: Delle infermità de’ cavalli.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 7r-70v.
Incipit: (testo) spelda le qualj sono proprie vivande de’ chavallj.
Explicit: (testo) lo ghozzo infiato e grosso, questo gravemente potrà guarire; (sottoscrizione) Et provando aparerà quello che giova et nuoce a chavallj.
Descrizione: membranaceo, mm 250 × 165, cc. I + 71 + I’.
Alcune carte sono state rilegate non rispettando la corretta successione testuale. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro su ogni facciata nei primi tre fogli, mentre nei restanti si rintraccia solo sul recto, non rispecchiando perciò il reale numero di carte: le carte effettive che tramandano il trattato sono 4r-67v. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Il manoscritto è in discreto stato di conservazione. Antica segnatura: 17 Ital. Il trattato è acefalo. Il codice tramanda anche altre ricette.
Note: la datazione fa riferimento al trattato di Ruffo, mentre complessivamente il manoscritto può essere datato al sec. XIV (cf. Mazzatinti 1886-1888, III: 132 e BnF archives et manuscrits).
Si tratta del manoscritto appartenuto al marchese di Paulmy e citato da Moulé 1891-1923, II, II: 28 (cf. sotto, § 3.2.10).
Prévot 1991: 13, Frassanito e Bernini 1995-96: 144 e Aprile 2009: 360, probabilmente sulla scorta di Moulé 1891-1923, II, II: 28, citano due volte il codice, identificandolo una volta con la vecchia segnatura (17, usata anche da Mazzatinti 1886-1888, III: 132), un’altra volta con l’attuale collocazione (8524); avrà potuto contribuire all’errore anche la descrizione del manoscritto leggibile in Marsand 1835-1838, II: 258-59, il quale ritiene che il codice consti di pagine 150, dando l’impressione che il ms. 17 sia altra cosa dal ms. 8524 (forse Moulé 1891-1923, II, II: 28 fa corrispondere 2 pagine a 1 foglio, oppure semplicemente era male informato, come accade in altre circostanze); Poulle-Drieux 1966: 19 cita il manoscritto solo con la nuova segnatura.
Bibliografia: Marsand 1835-1838, II: 258-59; Mazzatinti 1886-1888, III: 132; Moulé 1891-1923, II, II: 28; Poulle-Drieux 1966: 19; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 144; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 61; Montinaro 2011a: 57; BnF archives et manuscrits [18.10.2013]; i. d. [23.11.13].

 

140Paris (Francia), Bibliothèque nationale de France = Paris BnF [tot. 2]
[74] Paris BnF It. 454
Titolo: Libro di manescalchia.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-37v.
Incipit: (prologo) Concessa cosa che tucti li altri animali che mai foro creati da lo summo factore; (testo) De la creatione et nativitate de lo cavallo. || Primo de la creatione et nativitate de lo cavallo.
Explicit: (testo) et senza farese altro serà guarito et potese cavalchare; (sottoscrizione) ne la menescalchia de lo ditto segnore, perhò che nce stetti uno grande tempo.
Descrizione: cartaceo, mm 230 × 338, cc. IV + 72 + IV’.
Le cc. 38r-40v e 50r-50v sono bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; su alcune carte, successive a quelle su cui è vergato il trattato, si rilevano altre numerazioni cancellate tramite barre oblique. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura, moderna, è in pelle. Il manoscritto proviene dalla biblioteca napoletana di Ferrante I d’Aragona: confiscato da Carlo VIII nel 1495, fu portato nel castello d’Amboise, per poi essere trasferito nella biblioteca reale di Blois e successivamente a Fointainebleu e a Parigi (cf. anche Paris BnF esp. 212); è appartenuto successivamente a Luigi XVIII. Si rintracciano antiche segnature e un timbro di proprietà riconducibile alla biblioteca regia (1735 ante). Il codice è miscellaneo, tramandando, oltre al trattato, varie ricette riguardanti anche i falconi.
Note: è probabile che il conteggio di cc. 68, leggibile anche in De Marinis 1947-1952, II: 145, in Europeana regia [21.10.2013] e in Gallica [21.10.2013], sia dovuto al mancato computo delle quattro carte bianche (38r-40v e 50r-50v).
Russo 1962: 48, Crupi 2002: 145 e Aprile 2009: 360 forniscono l’antica segnatura regia in modo errato: 7242 invece della corretta 7247 (l’antica segnatura 7242 corrisponde all’attuale Paris BnF It. 84, che identifica l’Epithoma del sito del mondo et delle mirabile cose, volgarizzamento da Solino a cura di Giovan Marco Cinico).
Bibliografia: Marsand 1835-1838, I: 20-1; Heusinger 1853: 42; Mazzatinti 1886-1888, I: 95; Mazzatinti 1897: 104; Moulé 1891-1923, II, II: 28; De Marinis 1947-1952, II: 145-46; Russo 1962: 48; Prévot 1991: 13; Lupis–Panunzio 1992: 26, n. 25, 91; Frassanito e Bernini 1995-96: 117, 146; Crupi 2002: 145-46; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 61; Montinaro 2011a: 57; BnF archives et manuscrits [21.10.2013]; Europeana regia [21.10.2013]; Gallica [21.10.2013]; i. d. [22.11.2013].

 

141[75] Paris BnF It. 2232
Titolo: De voler cognoscere li cavali.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 6r-8r.
Incipit: (prologo) Inprimamente è de vedere el creamento de la natura del cavalo; (testo) Inprimamente dico del cavalo se deve ingenerare del stallone studiosamente.
Explicit: (testo) et li soi membri meglio se cognosseno.
Descrizione: cartaceo, mm 300 × 215, cc. II + 49 + II’.
Si registrano carte bianche. Le carte, spesso rifilate, sono attaccate a talloncini. Si rilevano due numerazioni principali, oltre a tracce di ulteriori cartulazioni: la prima, in cifre romane, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; la seconda, in cifre arabe, è vergata con inchiostro nella parte centrale inferiore del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Lo stato di conservazione è discreto. Il manoscritto tramanda solo le prime quattro sezioni del trattato, inserito all’interno di una compilazione anonima che utilizza anche materiali ricavati da Agostino Columbre. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati di mascalcia e ricette riguardanti cavalli.
Bibliografia: BnF archives et manuscrits [21.10.2013]; i. d. [22.11.2013].

 

142Parma, Biblioteca Palatina = Pr BP [tot. 1]
[76] Pr BP Parm. 57
Datazione: sec. XV fine/XVI inizio.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-54v.
Incipit: (prologo) Con çò sia cossa che intra tuti li animali creati evidentemente da lo soprano maistro; (testo) De la natura de lo cavalo. || Scrivando in prima de la creatione de lo nasimento del cavalo, dico che lo cavalo.
Explicit: (testo) in logo venoso o nervoso.
Descrizione: cartaceo, mm 195 × 140, cc. III + 81 + II’.
Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre romane, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; da c. 72 è continuata a matita da altra mano. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il trattato registra l’aggiunta di numerosi capitoli a partire da c. 49v, in cui termina l’opera così come è leggibile nella versione latina trasmessa da Ve, fino a c. 54v. Il codice è miscellaneo, tramandando anche ricette varie, un trattato di falconeria e un elenco di giorni dell’anno fausti e infausti.
Note: Delprato 1865: XXII ritiene che il manoscritto sia del sec. XVI.
Si tratta verosimilmente del codice registrato con la segnatura HH X 56 nel Catalogo Mantelli, s. v. Ruffo (cf. Catalogo Mantelli, s. v. Ruffo e Trolli 1983: 251: «Opera de marescalcia e della maniera di governare falconi» [Catalogo Mantelli]; «Manoscritto [...] contenente un volgarizzamento della Mascalcia di Giordano Ruffo e un trattato di falconeria» [Trolli 1983: 251]). Il codice presenta somiglianze con il ms. Bo BA A 1601.
Non esistono descrizioni moderne a stampa del codice (comunicazione privata del 23.12.2013 di Sabina Magrini, direttore della Biblioteca Palatina).
Bibliografia: Delprato 1865: XXI-XXII; Delprato 1867, II: 36; Moulé 1891-1923, II, II: 27; Trolli 1983: 251; Lupis–Panunzio 1992: 27, n. 25; Frassanito e Bernini 1995-96: 147; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 62; Brunori Cianti 2011: 180; Montinaro 2011a: 57; i. d. [05.02.2014].

 

143Perugia, Biblioteca Comunale Augusta = Pg BC [tot. 1]
[77] Pg BC 1179 (N. 130)
Datazione: sec. XV.
Varietà linguistica: meridionale.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-82v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa jnfra tucti li animalj; (testo) Della generatione et nascimento del cavallo. || Primamente addonqua della generatione et natività del cavallo (p. v.).
Explicit: (testo) male ascevelmente guarirà (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 215 × 143, cc. 117.
Si registrano carte bianche. Si rilevano due numerazioni: la prima, moderna e in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto (per la localizzazione del trattato si fa riferimento a questa cartulazione); la seconda, non corretta, è vergata con inchiostro e in modo discontinuo nell’angolo superiore destro del recto (IMBI, V: 256 utilizza questa cartulazione per la descrizione del manoscritto). La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Il codice è miscellaneo, tramandando anche un altro trattato.
Note: Angela Iannotti, bibliotecaria della Biblioteca Comunale Augusta, ha contributo alla corretta localizzazione del trattato tramite l’invio gratuito di varie immagini; a lei si deve anche l’individuazione del duplice sistema di cartulazione rilevabile nel manoscritto.
Bibliografia: IMBI, V: 256; Lupis–Panunzio 1992: 27, n. 25; Frassanito e Bernini 1995-96: 147; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 62; Montinaro 2011a: 57.

 

144Ravenna, Istituzione Biblioteca Classense = Ra IBC [tot. 1]
[78] Ra IBC 273
Autore: Ser Luca d’Antonio da Fiexoli.
Titolo: Libro de’ cavalli.
Datazione: 1509.
Provenienza: Toscana.
Localizzazione del trattato: cc. 5v-7r, 91r-135v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che fra tucti li animali creati dall’altissimo idio Creatore di tucte le cose le quali sieno sottoposte alla humana generatione, nissuno animale sia più nobile del cavallo; (testo) Capitulo generale. Capitulo primo. || [...] Emprimamente decio che ·llo cavallo si dia ingenerare dello istallone istudiosamente.
Explicit: (testo) Et questo è chiamato spina o vero ischinella.
Descrizione: cartaceo, mm 210 × 140, cc. III + 136 + III’.
Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in mezza pelle. Lo stato di conservazione è buono, nonostante varie macchie di umidità. Il manoscritto fu acquistato dalla biblioteca Classense nel 1712. Il codice è miscellaneo, tramandando alle cc. 1r-5r e 11r-89r anche un trattato sulla sanità de’ buoi et de’ bufali, falsamente attribuito a Ruffo (si legge Giordano Buffo, ovviamente lezione corrotta, peraltro ripresa a c. 5v 3 in riferimento al volgarizzamento del De medicina equorum; per l’attribuzione a Ruffo di un altro trattato sulla cura dei buoi cf. London WL 705).
Note: la parte iniziale del primo capitolo a rigore fa parte del prologo, per questo nel campo Incipit si sono inseriti i puntini di ellissi dopo la rubrica.
Autore, datazione e provenienza si ricavano dal poscritto: «Et altro non truovo scripto da copiare, io Luca d’Antonio prete et cappellano a sancto Christophano et Antonio da Fighine di Val d’Elsa. Et però faccio fine oggi, questo dì 28 d’agosto 1509» (cc. 135v 7-12).
Zahlten 1971: 23, n. 22 cita come titolo della mascalcia Sanità de cavalli, ricavato dal rubricario. Porsia 1978: 98, n. 11 e Lupis– Panunzio 1992: 23, 158 citano un titolo scorretto, Della sanità dei buoi, buffali e cavalli, che unisce in modo inappropriato parti delle rubriche dei due differenti trattati (cf. cc. 1r 2-3 e 5v 1-2). IMBI, IV: 205, Schneider 1926: 214, n. 1 e Giuliani 1982: 108 citano solo il titolo del primo trattato, Rubriche appartenenti alla sanità de’ buoi et de’ bufali.
In IMBI, IV: 205 si trascrive in modo impreciso parte della rubrica iniziale del primo trattato: «Composto per Giordano Ruffo di Calavria» è da correggere in «composto per Giordano Buffo di Calavria» (c. 1r 3-4). Risultano parzialmente errate le trascrizioni leggibili in Russo 1962: 47-8 e Crupi 2002: 145. Lupis–Panunzio 1992: 23, 158 indicano come data di composizione genericamente il sec. XVI. Per questo manoscritto cf. anche sopra, cap. 1.
Bibliografia: IMBI, IV: 205; Schneider 1926: 214, n. 1; Russo 1962: 47-8; Zahlten 1971: 23, n. 22; Porsia 1978: 98, n. 11; Fischer 1980: 155, n. 5; Giuliani 1982: 108; Lupis–Panunzio 1992: 23, 158; Caridi 1995: 3, 237; Crupi 2002: 145; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 23, 62-3; Montinaro 2009b: 494-95; Montinaro 2011a: 57; i. d. [06.02.2014].

 

145Roma, Biblioteca Angelica = Rm BA [tot. 2]
[79] Rm BA 1544
Titolo: L’arte di curare il cavallo.
Datazione: sec. XVI.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-42v.
Incipit: (prologo) Esendo tra tutti animali; (testo) Capitulo primo. De la generatione et natura del cavallo. || De la generatione et de la natività del cavallo.
Explicit: (testo) e tanto più li zocca el manzar; (sottoscrizione) del preditto imperatore ne la sua presentia.
Descrizione: cartaceo, mm 200 × 150, cc. II + 49 + II’.
La prima carta è priva di testo; si registra l’assenza di alcune carte. Su quasi tutte quelle presenti vi è doppia numerazione in cifre arabe, vergate a matita nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il codice è miscellaneo.
Note: Russo 1962: 41 segnala come titolo De medicina equorum.
Bibliografia: IMBI, XXII: 6; Russo 1962: 41; Frassanito e Bernini 1995-96: 148; Crupi 2002: 137; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 63; Brunori Cianti 2011: 180; Montinaro 2011a: 57; Manus [26.09.2013]; i. d. [01.10.2013].

 

146[80] Rm BA 2214
Datazione: 1418.
Varietà linguistica: meridionale.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-77v.
Incipit: (prologo) Capitulo primo. De la generatione et de la natività; (testo) Lu primu capitulo de la generatione et della natività de lo cavallo. || Imprimamenti scrivo et narro de la creatione et natività de lo cavallo.
Explicit: (testo) grossa e infiata, signo è de morte.
Descrizione: cartaceo, mm 185 × 137, cc. II + 111 + II’.
Tra le cc. 110 e 111 si registra la perdita di una carta. Si rileva doppia numerazione: la prima, apposta in cifre arabe nell’angolo superiore destro del recto, è antica, poiché trascritta con lo stesso inchiostro usato per vergare il trattato; la seconda, sempre in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo inferiore del recto; talvolta, nella parte superiore di alcune carte, si registra anche un terza numerazione. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il manoscritto fu acquistato nel 1894. Il codice è miscellaneo: in particolare, immediatamente dopo il trattato, seguono numerose ricette.
Note: Gualdo 1998a: 148 fornisce informazioni sulla datazione e sulla varietà linguistica: «Rilievi paleografici e linguistici lasciano pensare che questo manoscritto sia stato vergato alla fine del Quattrocento o addirittura nei primi del Cinquecento da un copista d’area mediana o centrosettentrionale che aveva davanti un antigrafo (probabilmente del 1418: è la data che appare nell’explicit del codice) forse siciliano, certamente meridionale».
Da IMBI, LXXVI: 26 la legatura è definita erroneamente in cartoncino.
Frassanito e Bernini 1995-96: 54 inseriscono questo manoscritto fra i trattati anonimi, sebbene ipotizzino che possa trattarsi di un volgarizzamento da Giordano Ruffo.
Bibliografia: IMBI, LXXVI: 25-6; Russo 1962: 49; Lupis–Panuzio 1992: 28; Frassanito e Bernini 1995-96: 54; Gualdo 1998a: passim; Crupi 2002: 146; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 63; Montinaro 2011a: 57; Manus [26.09.2013]; i. d. [01.10.2013].

 

147Roma, Biblioteca dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana = Rm BANLC [tot. 1]
[81] Rm BANLC Rossi 157 (43 A 4)
Titolo: Liber mascalcie equorum.
Datazione: sec. XV prima metà.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-42r.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che intra tutti l’animali creati; (testo)
De creatione et nativitate i. || Inprimamente dico che lo cavallo (p. v.). Explicit: (testo) ad grande pena guerrà (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 135 × 130, cc. 52.
La numerazione, moderna e a matita, è apposta nella parte superiore centrale del recto; sempre sul recto, ma nell’angolo superiore destro, si registrano tracce di cartulazioni antiche a penna. La disposizione del testo è a piena pagina. Il codice è miscellaneo, tramandando varie ricette immediatamente dopo il trattato.
Note: Trolli 1990a: 172 e Frassanito e Bernini 1995-96: 148 datano il manoscritto più genericamente al sec. XV.
Petrucci 1977: 68-9 ritiene che il trattato termini a c. 45r, ma le ricette che si registrano dopo c. 42r 11 non sono attribuibili a Ruffo.
Bibliografia: Petrucci 1977: 68-9; Trolli 1990a: 172; Frassanito e Bernini 1995-96: 148-49; Benedetti 2006: 306; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 63-4; Montinaro 2011a: 57.

 

148Sevilla (Spagna), Biblioteca Capitular y Colombina = Sevilla BCC [tot. 1]
[82] Sevilla BCC 5 2 19
Titolo: Cirogia delli cavalli.
Datazione: 1353.
Localizzazione del trattato: cc. 3r-66v.
Incipit: (prologo) Con çò sia chosa che intro tutti li animalli palesemente creadi da Dio; (testo) Primeramente io scrivando della creaçione e della nativitade dello chavallo (p. v.).
Explicit: (testo) viene tegnudo ardido (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 208 × 143, cc. 66.
Il trattato è mutilo in fine. La numerazione, moderna e in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto; si rilevano tracce di antica cartulazione a penna. La disposizione del testo è a piena pagina. Si registrano ornamentazioni. Vi sono macchie di umidità. Si rilevano una nota di possesso e antiche segnature. Il codice tramanda esclusivamente il trattato.
Bibliografia: Poulle-Drieux 1966: 19; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 149; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 64; Montinaro 2011a: 57; Catálogo general [18.03.2014].

 

149Siena, Biblioteca Comunale degli Intronati = Si BC [tot. 1]
[83] Si BC L VI 15
Titolo: Medicina del cavallo.
Datazione: sec. XIV.
Varietà linguistica: veneto. Localizzazione del trattato: cc. 1r-58r.
Incipit: (testo) El verme j (p. v.).
Explicit: (testo) malagevolmente guarrà; (sottoscrizione) ne la quale stette per gran tenpo (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 220 × 147, cc. II + 72 (62) + II’.
La numerazione, ottocentesca, è apposta a penna e in cifre arabe nell’angolo superiore destro del recto; non si rileva sulle ultime 10 carte, bianche. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è moderna, in carta marmorizzata su cartone, con dorso e punte esterne in pelle. Si registrano prove di penna di mano seicentesca e un’antica segnatura. Il trattato inizia con il rubricario. Il manoscritto è miscellaneo, seguendo al trattato ricette varie per la cura del cavallo che contengono anche formule apotropaiche (cf. §§ 2.1.3 e 2.2.4).
Note: Russo 1962: 48 e Lupis-Panunzio 1992: 27, n. 25, seguiti da Frassanito e Bernini 1995-96: 149, datano il codice al sec. XV. Di Giovanni 1871-1879, I: 99, n. 2 ritiene che il manoscritto non tramandi il trattato di Ruffo, ma sia «un compendio de’ Trattati di Mascalcia conosciuti, fatto [...] in dettato toscano», e, citando una comunicazione privata del «ch. cav. Luciano Bianchi», data il manoscritto ai «primi anni del [sec.] XV»; Moulé 1891-1923, II, II: 28 data il codice al 1240, seguendo forse la datazione proposta dal De Angelis, ma ritenuta riferibile ad altro manoscritto anche da Di Giovanni 1871-1879, I: 99, n. 2.
Lupis–Panunzio 1992: 27, n. 25 affermano che il trattato è scritto «apparentemente in volgare veneto».
Bibliografia: Ercolani 1851-1854, I: 344-45; Di Giovanni 1871-1879, I: 99-100, n. 2; Zambrini 1884: 611a, 888b; Moulé 1891-1923, II, II: 28; Russo 1962: 48; Resta 1973: 396, n. 10; Lupis– Panunzio 1992: 27, n. 25; Frassanito e Bernini 1995-96: 149; Crupi 2002: 14; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 64; Montinaro 2011a: 57; Codex [07.10.2013].

 

  • 11 «Gunnar Tilander (1894-1973), professore di lingue romanze presso l’Università di Stoccolma, fu un (...)

150Stockholm (Svezia), Kungliga biblioteket = Stockholm KB [tot. 1]
[84] Stockholm KB Tilander It. 6
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 2r-59r.
Incipit: (testo) Del verme capitulo j. || Acidentale infermitade (p. v.). Explicit: (testo) a pena porrà campare (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 215 × 148, cc. 59.
Oltre ad essere acefalo e anepigrafo, il codice è privo delle tre carte iniziali e della c. 46. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in legno. Le carte presentano macchie di umidità. Si rintracciano elementi utili alla storia del manoscritto: un ex libris (la scrizione Thome Bracioli 1585, vergata da una mano diversa da quella che ha prodotto il testo) e la firma di Gunnar Tilander, che comprò il codice a Parigi.11 Il codice tramanda solo la sezione V-VI e in esso si registrano formule apotropaiche (cf. anche §§ 2.1.3 e 2.2.4).
Note: Anna Wolodarski, bibliotecaria della Kungliga biblioteket, ha contributo alla corretta localizzazione del trattato tramite l’invio gratuito di varie immagini.
Bibliografia: Olrog Hedvall 1995: 17-9; Frassanito e Bernini 1995-
96: 149; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 64; Montinaro 2011a: 57.

 

151Torino, Biblioteca Nazionale Universitaria = To BNU [tot. 1]
[85] To BNU N IV 122
Datazione: sec. XVII.
Localizzazione del trattato: cc. 147r-187r.
Incipit: (prologo) Concesse la cosa che [†]; (testo) [†]ma dico che lo cavallo se deve ingenerare (p. v.).
Explicit: (testo) e mittetello; (sottoscrizione) Fediricho sichondo [?] [†]
(p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 225 × 200, cc. 189.
Il manoscritto è stato gravemente danneggiato nell’incendio della biblioteca del 1904 e oggi, dopo il restauro, si presenta a fogli sciolti con lacune dovute alla perdita di fogli e parti di testo. Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta a matita nella parte centrale delle carte, sul margine destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. Nella parte finale del trattato sono aggiunte alcune ricette dopo l’explicit del testo corrispondente alla versione latina trasmessa da Ve, che in questo manoscritto recita: «forse guarisce». Il codice è miscellaneo: il trattato è preceduto da numerose altre ricette, probabilmente ascrivibili a un unico testo (l’esatta ricostruzione è resa difficile dalle pessime condizioni del manoscritto).
Note: a causa dei margini notevolmente danneggiati, le dimensioni segnalate sono indicative e si riferiscono ai punti di massima estensione delle porzioni delle carte superstiti.
Le informazioni sullo stato di conservazione, sulla materia e sulle dimensioni del manoscritto sono state fornite da Maria Francesca Andria, bibliotecaria della Biblioteca Nazionale Universitaria (comunicazione privata del 25.03.2014). Le immagini consultate si devono alla cortesia di Luca Bellone.
Bibliografia: Russo 1962: 42-3; Trolli 1990a: 172; Frassanito e Bernini 1995-96: 150; Crupi 2002: 141; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 64; Brunori Cianti 2011: 181; Montinaro 2011a: 58.

 

152Udine, Biblioteca Civica «Vincenzo Joppi» = Ud BC [tot. 2]
[86] Ud BC Joppi 98
Titolo: Libro de le medicine de li cavalli.
Datazione: sec. XVI.
Varietà linguistica: veneto.
Localizzazione del trattato: cc. 2r-3v, 4v-51r.
Incipit: (prologo) Cun zò sia coxa che intra tutti; (testo) De l’ingenerare del cavallo capitulo 1°. || Inpromeramente digo chel cavallo se dè inzenerare del stallone (p. v.).
Explicit: (testo) a grande pena guarirà; (sottoscrizione) uno grando tempo demorando con lo inperadore in sua corte (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 216 × 153, cc. 65 + 39.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione della scrittura è a piena pagina. Si rilevano ornamentazioni. Il codice è miscellaneo, tramandando anche un altro trattato di mascalcia e uno di falconeria.
Note: si devono a Francesca Tamburlini, responsabile della Sezione Manoscritti e rari della Biblioteca Civica «Vincenzo Joppi», le informazioni riguardanti la localizzazione del trattato e la materia, le dimensioni e il numero di carte del manoscritto (comunicazione privata del 25.03.2014).
Bibliografia: Bragato 1906: 22; Kristeller 1963-1991, VI: 241a; Lupis–Panunzio 1992: 27, n. 25; Fery-Hue 1994: 544; Van den Abeele 1994: 18; Frassanito e Bernini 1995-96: 150; Benedetti 2006: 300; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 64; Brunori Cianti 2011: 181; Montinaro 2011a: 58.

 

153[87] Ud BC Joppi 99
Titolo: Amaestramento delli cavalli.
Datazione: sec. XVI.
Varietà linguistica: veneto.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-56r.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che entro li altri animali creati da Dio; (testo) Della creatione del cavallo. || Primamente della creatione del cavallo, e della natività, e generatione sua, scrivando (p. v.).
Explicit: (testo) et mette sul loco (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 287 × 210, cc. VI + 189 + VII’.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Il manoscritto accorpa in unico trattato, che termina a c. 94v con l’explicit «finché le gambe ha sustegno», varie mascalcie, fra cui quella di Ruffo, che risulta interpolata. Il codice è miscellaneo, tramandando altri trattati di mascalcia e ricette varie.
Note: Bragato 1906: 22 e Brunori Cianti 2011: 181 datano il codice al sec. XVII; Brunori Cianti 2011: 181 afferma che è membranaceo.
Si devono a Francesca Tamburlini, responsabile della Sezione Manoscritti e rari della Biblioteca Civica «Vincenzo Joppi», le informazioni riguardanti la materia, le dimensioni e il numero di carte del codice (comunicazione privata del 25.03.2014).
Bibliografia: Bragato 1906: 22; Benedetti 2006: 300; Aprile 2009: 360; Montinaro 2009a: 64; Montinaro 2009b: 498; Brunori Cianti 2011: 181; Montinaro 2011a: 58.

 

154Urbino, Biblioteca Centrale Umanistica dell’Università di Urbino “Carlo Bo” = Urbino BCU [tot. 1]
[88] Urbino BCU Univ. 1
Titolo: Liber mascalcia equorum.
Datazione: sec. XVI.
Localizzazione del trattato: cc. 150r-174v.
Incipit: (prologo) Cun ciò sia cosa che intra tutte li animali creatj da lo altissimo creatore; (testo) Della creatione e natura del cavallo. Rubrica. || Imprimamente dico che l’ cavallo se dè ingenerare dallo stallone studiosamente et con guardia (p. v.).
Explicit: (testo) bulire e cuocere in (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 220 × 165, cc. 160.
Si registra la caduta di carte. Si rilevano due numerazioni: la prima, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto e inizia con la cifra 16, vergata a c. 1 (si fa riferimento a questa numerazione per la localizzazione del trattato); la seconda, sempre in cifre arabe e apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto, inizia con la cifra 1 vergata a c. 17, numerata 32 dalla prima cartulazione, e si interrompe a c. 116. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è discreto, sebbene si registrino alcuni guasti, fra cui il distacco del dorso. Il trattato è mutilo in fine. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altre mascalcie.
Note: Russo 1962: 43 cita il manoscritto con l’errata segnatura «Cod. I», che rifluisce in Crupi 2002: 141 e Aprile 2009: 360. L’esatta collocazione e altre informazioni sul codice si devono a Federico Marcucci, bibliotecario della Biblioteca Centrale Umanistica dell’Università di Urbino (comunicazione privata del 03.06.2014).
Bibliografia: Russo 1962: 43; Crupi 2002: 141; Aprile 2009: 360.

 

155Venezia, Biblioteca d’arte del Civico Museo Correr = Ve BCMC [tot. 1]
[89] Ve BCMC Correr 1151/1733-1735 (= Misc. Correr XXII 1733-1735)
Titolo: Libro de la mareschalcia de cavali.
Datazione: sec. XV prima metà.
Localizzazione del trattato: cc. 300r-325v.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cossa che fra tuti li animalj creati de l’altissimo magistro creatore de tute le cosse; (testo) De la creatione e de la nativitade del cavalo. || Jnprima dico che lo cavalo si dee ingenerare da lo guaragno studiossamente (p. v.).
Explicit: (testo) rare volte poterà guarire (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 308 × 210, cc. II + 84 + I’.
Il manoscritto è composito e comprende tre unità codicologiche che tramandano più testi (il testo di Ruffo è numerato 1735). Si registrano carte bianche. La numerazione, che va da 244 a 327 ed è in cifre arabe, è vergata con inchiostro nella parte inferiore centrale del recto; si rilevano altre cartulazioni apposte precedentemente. La disposizione del testo è a piena pagina. Si registrano ornamentazioni. La legatura, della prima metà del sec. XVIII, è in pelle. Il manoscritto, proveniente dalla biblioteca di Iacopo Soranzo, fu successivamente acquistato da Teodoro Correr; si rileva l’ex libris della Biblioteca del Museo Correr. Il codice è miscellaneo, tramandando altri trattati di mascalcia.
Bibliografia: Lupis–Panunzio 1992: 26, n. 25; Frassanito e Bernini 1995-96: 152; Aprile 2009: 361; Montinaro 2009a: 65; Montinaro 2011a: 58; Vanin 2013: 45-8.

 

156Venezia, Biblioteca Nazionale Marciana = Ve BNM [tot. 3]
[90] Ve BNM It. Cl. III 7 (= 5001)
Titolo: Libro dell’arte della marescalcia.
Datazione: sec. XV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-60r.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che intra tutti gl’animalj creatj in terra chiaramente dal sommo artefice delle cose; (testo) Della creatione et natività del cavallo. || Scrivendo prima della creatione et nativitate del cavallo dico che l’ cavallo primamente deve essere generato.
Explicit: (testo) a pene et cum difficultate si libera di quella infirmitate; (sottoscrizione) nella marescalcia dellj cavallj del predicto Signore per lungo tempo.
Descrizione: cartaceo, mm 225 × 165, cc. I + 60 + I’.
La numerazione, a matita e in cifre arabe, è apposta discontinuamente nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura, antica, è in pelle. Lo stato di conservazione è discreto. Sul verso dell’ultima carta si registra una nota di possesso del sec. XV, mentre sul contropiatto anteriore una antica segnatura; il manoscritto, appartenuto a Tommaso Giuseppe Farsetti, è pervenuto alla biblioteca Marciana nel 1792. Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo.
Bibliografia: Frati–Segarizzi 1909-1911, I: 309-10; Russo 1962: 45; Olrog Hedvall 1995: 19-21; Frassanito e Bernini 1995-96: 150; Crupi 2002: 143; Aprile 2009: 361; Montinaro 2009a: 65; Brunori Cianti 2011: 181; Montinaro 2011a: 58; i. d. [31.03.2014].

 

157[91] Ve BNM It. Cl. III 25 (= 5224)
Datazione: 1438.
Varietà linguistica: veneto.
Localizzazione del trattato: cc. 5r-42r.
Incipit: (prologo) Con ciò sia cosa che fra tuti gli animali creadi dal nostro creatore; (testo) Tratado de la creatione del cavalo. Rubrica. || Primamente de la creatione del cavalo e de la sua natività è da dire.
Explicit: (testo) in luoghi nervosi e carnosi o pieni de vene.
Descrizione: cartaceo, mm 200 × 150, cc. I + 41 + I’.
Si registrano due numerazioni, entrambe discontinue e non indicanti il numero reale di carte: la prima, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo inferiore destro del recto; la seconda, in cifre arabe, è vergata con altro inchiostro nell’angolo superiore destro del recto (per la localizzazione del trattato si fa riferimento a questa seconda cartulazione). La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in cartone. Lo stato di conservazione è discreto. Il codice tramanda anche altre ricette.
Note: Brunori Cianti 2011: 181 riporta la collocazione «H. III 25». Immediatamente dopo il trattato segue, senza interruzione, una breve ricetta che presenta il seguente explicit: «Ancora è bona herba chiamata querciola a manzarne».
Bibliografia: Frati–Segarizzi 1909-1911, I: 328; Russo 1962: 45; Crupi 2002: 143; Brunori Cianti 2011: 181; i. d. [31.03.2014].

 

158[92] Ve BNM It. Cl. III 27 (= 5008)
Titolo: Liber menescalchie.
Datazione: sec. XV.
Varietà linguistica: siciliano.
Localizzazione del trattato: cc. 2r-63r.
Incipit: (prologo) Jn primu voglu diri di la creacionj et nativitati di lu cavallu; (testo) Lu cavallu divj essirj ingeniratu di cavallu istallunj.
Explicit: (testo) a pena guarixi.
Descrizione: cartaceo, mm 217 × 145, cc. I + 74 + I’.
Si registrano carte bianche. La numerazione, moderna, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Il codice, dopo la mascalcia, tramanda ricette per la cura dei cavalli, uno zodiaco lunare e formule apotropaiche.
Note: Pagano 2012 afferma che si tratta di «un volgarizzamento, con delle amplificazioni, del De medicina equorum» (p. 124) e che la fonte principale delle sezioni amplificate è, «con molta probabilità», Rusio (p. 125); si veda al riguardo anche Pagano in c.s.
Frassanito e Bernini 1995-96: 151 riportano un titolo leggermente diverso: Liber marescalchiae.
La datazione è ricavata da Pagano in c. s. e concorda con quella leggibile in Lupis–Panunzio 1992: 27, n. 25, Casapullo 1995: 22 e Frassanito e Bernini 1995-96: 151. Resta 1973: 392, n. 3, ripreso da La Rosa 1999-2000: XXXIX, e Pagano 2012: 124 datano il manoscritto al sec. XIV fine.
Per Resta 1973: 392, n. 3, seguito da La Rosa 1999-2000: XXXIX, Casapullo 1995: 22, Pagano 2012: 124 e Pagano in c.s. il trattato si legge alle cc. 2r-60v, per Russo 1962: 49 e Crupi 2002: 147 alle cc. 1-60, mentre per Frassanito e Bernini 1995-96: 151 alle cc. 2r-64v.
Per Casapullo 1995: 22 le carte non sono numerate, mentre per Resta 1973: 392, n. 3 e Frassanito e Bernini 1995-96: 151 la numerazione è moderna e vergata a matita (la prima informazione è solamente in Resta 1973).
È verosimile che si tratti del codice appartenuto al veneto Angelo Damiani citato da Molin 1818: XIV-XV, Heusinger 1853: 40-1, Delprato 1865: XXX, Delprato 1867: II, 32, Di Giovanni 1871-1879, I: 99, Moulé 1891-1923, II, II: 28, Frassanito e Bernini 1995-96: 150 (cf. § 3.2.10 e Pagano in c. s.).
Bibliografia: Di Costa 2000-01, Stivala 2013-14 (edd. di riferimento); Frati–Segarizzi 1909-1911, I: 329-30; Russo 1962: 49; Resta 1973: 392, con n. 3; Bruni 1999: 282, 316, n. 19; Lupis– Panunzio 1992: 27, n. 25; Casapullo 1995: 22, 28; Frassanito e Bernini 1995-96: 151; La Rosa 1999-2000: XII, XXXIX; Crupi 2002: 147; Aprile 2009: 361; Montinaro 2009a: 65; Brunori Cianti 2011: 181; Montinaro 2011a: 58; Pagano 2012: 121, 124-26; Fichera in c. s.; Pagano in c. s.; i. d. [31.03.2014].

 

159Verona, Biblioteca Civica = Ve BC [tot. 1]
[93] Ve BC 2885
Titolo: Medicine de li cavali.
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-34v.
Incipit: (prologo) Con zà sia cossa che tra tuti li animali dal creator de tute le cose evidentemente creadi; (testo) Tractado de la creatione del cavallo. || Primamente de la creatione e de la natività del cavallo (p. v.).
Explicit: (testo) cun gran pena; (sottoscrizione) in la sua corte (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 300 × 180, cc. 34 + I’.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. A c. 34v si registra un disegno raffigurante due cavalli. Si rilevano un ex libris («Joannis Antonii Campostrini») e un’antica segnatura. Il codice tramanda esclusivamente il trattato di Ruffo, sebbene vi siano aggiunte ai margini.
Note: si devono le informazioni riguardanti la materia e le dimensioni del manoscritto a Stefania Mastella, bibliotecaria della Biblioteca Civica.
Potrebbe trattarsi del manoscritto che Russo 1962: 45, ripreso da Crupi 2002: 143, ritiene conservato a Verona, nella Biblioteca Zeniana (cf. sotto, § 3.2.10).
Bibliografia: Lupis–Panunzio 1992: 27, n. 25; Frassanito e Bernini 1995-96: 153; Aprile 2009: 361, n. 100; Montinaro 2009a: 65; Montinaro 2011a: 58.

 

  • 12 Definizione già leggibile in Palma 1924: 216, n. 1, ripresa da Bruni 1999: 271 e Casapullo 1995: 28
  • 13 Nel passo citato si legge Francoforte. Si deve la segnalazione dell’errore a una comunicazione priv (...)

160Roma, Collezione privata [tot. 1]
[94] Collezione privata, codice Trabia12 = Rm Trabia [= R]
Autore: Bartolo Spatafora.
Titolo: Lu libru di la maniscalchia.
Datazione: 1368.
Varietà linguistica: siciliano.
Localizzazione del trattato: cc. 8r-41v.
Incipit: (prologo) Cum zò sia cosa ki, intra tuti li animali creati da lu altissimu maistru; (testo) Di lu creamentu e di la natura di li cavalli. || In primamenti dicu ki lu cavallu si divi generari da lu stalluni suavimenti da unu cavalcaturi cavalcandu.
Explicit: (testo) da la [...] inchovatura.
Descrizione: membranaceo, mm 216 × 150, cc. 41.
Si registrano perdite di carte. L’ultima carta risulta di difficile lettura a causa di guasti materiali. Prima dell’inizio del trattato, il manoscritto presenta una sezione di sette carte in cui a brevi didascalie si accompagnano «80 figure colorate di varie forme di morsi» (De Gregorio 1905: 566), le quali molto probabilmente sono una interpolazione estranea all’originale testo in latino, sebbene De Gregorio 1905: 566 ritenga che dovessero «esistere nel primo manoscritto di Ruffo». Il codice è appartenuto alla Biblioteca di S. Niccolò l’Arena di Catania e a Pietro Lanza, Principe di Trabia e Butera, che ne entrò in possesso a Roma nei primi anni del sec. XX (termine ante quem è l’articolo di De Gregorio 1904, nel quale a p. 368 si legge: «Il codice [...] è attualmente posseduto dall’onorevole Pietro Lanza, [...] che lo ha acquistato, alcuni mesi innanzi»). Bruni 1999: 271 e Casapullo 1995: 28 segnalano il manoscritto a Roma, in una collezione privata, senza ulteriori precisazioni (forse il riferimento è a Pietro Lanza); ad oggi risulta irreperibile. Il codice è miscellaneo.
Note: De Gregorio 1905: 566, ripreso da Poulle-Drieux 1966: 18, ipotizza che Bartolo Spatafora abbia trascritto la traduzione di Giordano Ruffo fatta da Giovanni De Cruyllis, mentre per Chiodi 1957: 174, Bruni 1999: 271, Casapullo 1995: 23, Casapullo 1999: 154 e Coco–Gualdo 2008: 128 Spatafora fu il traduttore (questa ipotesi sembra già potersi ricavare da Molin 1818: XV e da Delprato 1865: LXVIII-LXIX); Di Giovanni 1871-1879, I dapprima sembra non prendere posizione al riguardo, affermando che il trattato fu scritto «vuoi da Giovanni de Cruyllis, vuoi da Bartolo Spadafora» (p. 100), mentre dopo propende per l’ipotesi che identifica il traduttore in Bartolo Spatafora, fornendo la seguente motivazione: «La casa poi Spadafora è la baronale famiglia de’ signori della Roccella siccome i Cruyllis erano i feudatari di Calatabiano, di Francofo[n]te e di altre terre. Se non che il Bartolo Spadafora sarebbe proprio del sec. XIV, quando il de Cruyllis ci condurrebbe al XV» (pp. 286-87).13
Frassanito e Bernini 1995-96: 132 segnalano esclusivamente il vecchio luogo di conservazione: la Biblioteca di S. Niccolò l’Arena a Catania (cf. Di Giovanni 1871-1879, I: 286).
Poulle-Drieux 1966: 18 identifica erroneamente questo manoscritto con il ms. London BL Harley 3535 (cf. Pagano in c. s.) e ritiene poco convincentemente che il solo rubricario sia tramandato anche dal ms. Paris BnF Lat. 7018.
Bruni 1999: 271 mette in relazione il recupero “siciliano” del De medicina equorum di Giordano Ruffo con l’affermazione «di una cultura aristocratica di tipo laico e cortese» e attribuisce l’opera «all’ambiente feudale».
Bibliografia: De Gregorio 1905 (ed. di riferimento); Schiavo 1756: I, III, 3-6; Molin 1818: XV-XVI; Heusinger 1853: 47; Delprato 1865: LXVIII-LXIX; Delprato 1867, II: 220-21; Di Giovanni 1871-1879, I: 93, 95, 100, 286-87; Moulé 1891-1923, II, II: 41; De Gregorio 1904; Catalano Tirrito 1910: 158-61; Palma 1924; Chiodi 1957: 174; Russo 1962: 49; Poulle-Drieux 1966: 18; Resta 1973: 393, n. 5, 396; Vàrvaro 1974: 88, n. 7, 89, n. 11, 93, 103, n. 83, 104, n. 90; Bruni 1999: 270-71; Trolli 1990a: 17, n. 2; Casapullo 1995: 15, 23, 28; Frassanito e Bernini 1995-96: 132; Casapullo 1999: 154; La Rosa 1999-2000: XXXVII-XXXVIII, XLVIII-XLIX, LVI-LVIII; Rapisarda 2000: 478; Crupi 2002: 146-47; Gualdo 2005: 84b; Coco–Gualdo 2008: 128-29, 146; Montinaro 2009a: passim; Montinaro 2009b: passim; Montinaro 2011a: passim; Montinaro 2011b: passim; Montinaro 2012: passim; Montinaro 2013: passim; Pagano 2012: 121-22; Pérez Barcala 2013: 58; Montinaro in c. s.: passim; Pagano in c. s.

3.2.3. Francese [tot. 8]14

  • 14 Russo 1962: 50 e Crupi 2002: 148 danno notizia di un codice del sec. XIV, conservato presso la Bibl (...)

161Bethesda (MD), U.S. National Library of Medicine = Bethesda NLM [tot. 1]
[1] Bethesda NLM E 66
Titolo: Marescauchie de chauvaus.
Datazione: sec. XVI.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-46r.
Incipit: (prologo) Comme che soit cose; (testo) En cheste premiere partie nous disons de la creation et de le nature des poullains (p. v.).
Explicit: (testo) ongles .ij. fois le jour (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 205 × 140, cc. 56. La numerazione, in cifre arabe, è apposta nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura risale probabilmente alla fine del sec. XIX. Il manoscritto è noto anche con l’antica segnatura WZ 220.6 R 922. Il codice è miscellaneo, tramandando anche un altro trattato.
Note: si deve la conferma delle informazioni riguardanti la materia, le dimensioni, il numero di carte e la legatura del manoscritto a Stephen Greenberg, bibliotecario della U.S. National Library of Medicine (comunicazione privata del 19.03.2014).
Questo manoscritto non è citato da Prévot 1991.
Bibliografia: LocatorPlus [20.03.2014].

 

162Catania, Biblioteca Regionale Universitaria = Ct BRU [tot. 1]
[2] Ct BRU Vent. 27
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 60r-85r.
Incipit: (testo) Le premier chapistle est de la creasion dou cheval (p. v.).
Explicit: (testo) et soit curée si com est avant devizé as autres encloures (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 227 × 170, cc. 85 + I’.
Si registrano carte bianche. Si rileva doppia numerazione: la prima, in cifre arabe, è apposta nell’angolo inferiore destro del recto; la seconda, sempre in cifre arabe, è vergata nel margine inferiore centrale del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle con assi in cartone. Lo stato di conservazione è discreto. Si registrano un ex libris di Salvatore Ventimiglia, vescovo di Catania morto nel 1797, e antiche segnature: 43 e Vent. 42 (quest’ultima è quella citata in Brayer 1947). Brayer 1947: 159 precisa che il testo del manoscritto «ne suit pas fidèlement l’original [il riferimento è al trattato latino edito da Molin 1818]: les chapitres sont intervertis et beaucoup sont abrégés. Il s’agit plutôt d’un remaniement que d’une traduction proprement dite». Sempre Brayer 1947: 160 ipotizza che il codice possa essere stato allestito nell’Oriente latino. Il codice è miscellaneo, tramandando anche testi di natura religiosa e didattica.
Note: solamente la c. 64 misura mm 225 × 150. Brayer 1947: 156 computa 88 carte.
Questo manoscritto non è citato da Prévot 1991.
La corretta individuazione del codice è stata agevolata da Salvina Bosco, funzionario direttivo paleografo della Biblioteca Regionale Universitaria.
Bibliografia: Brayer 1947: 155-66; Fery-Hue 1994: 545; Montinaro 2009a: 43; Montinaro 2009b: 497; Benedetti 2011: 632; Montinaro 2011a: 58; Manus [30.10.2013].

 

  • 15 Per un refuso si legge 117, invece di 1177.

163Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana = CV BAV [tot. 2]
[3] CV BAV Reg. lat. 1177
Titolo: Mareschaucie de chevaux.
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-48v.
Incipit: (prologo) Come ce soit chose qui entre toutes les bestes qui soient crées de Dieu; (testo) Ici comence la premiere partie de la creacion et de la nativité du poulain. || En ceste premiere partie nous dirons de la creacion.
Explicit: (testo) Et li emplastres soit mis tous chaus aus ongles ii fois le jour.
Descrizione: membranaceo, mm 196 × 138, cc. I + 69 + I’.
Si rileva la caduta di cinque carte (quattro fra le cc. 50 e 51, una fra le cc. 51 e 52). La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; si registra la ripetizione del numero 5 (5 e 5 bis), che altera di una unità la cartulazione dei fogli successivi (c. 49 è numerata 48). La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione non è buono: la prima carta, che tramanda il prologo e l’incipit del testo, è difficilmente leggibile poiché molto danneggiata, come le carte seguenti fino a quella numerata 15 (ne risentono soprattutto le prime linee di scrittura). Il codice è miscellaneo.
Note: la prima parte del titolo impresso sul dorso non è integralmente decifrabile a causa dello sbiadimento dell’inchiosto (Masaules [?] de chevauls).
Prévot 1991: 17 afferma che il trattato è probabilmente una copia esemplata su un testo francese e non su un testo latino. Poulle-Drieux 1966: 18 cataloga il testimone fra i manoscritti in latino e non fra quelli in francese.
Frassanito e Bernini 1995-96: 133 ritengono che il trattato di Ruffo termini a c. 50.
Brunori Cianti 2011: 180 sostiene che il codice sia cartaceo. Non esiste una descrizione a stampa del manoscritto in cataloghi moderni della BAV (comunicazione privata di Andreina Rita del 27.09.2013).
Bibliografia: Klein 1969 (ed. di riferimento); Inventario Teoli: 162; Poulle-Drieux 1966: 18; Prévot 1991: 12, 16-7; Frassanito e Bernini 1995-96: 133; Gualdo 2005: 84b; Pérez Barcala 2005: 101, n. 12;15 Montinaro 2009a: 43; Benedetti 2011: 631; Brunori Cianti 2011: 180; Hunt 2011: 36; Montinaro 2011a: 58; Pérez Barcala 2013: 59, 80, n. 213, 679; i. d. [30.09.2013].

 

164[4] CV BAV Reg. lat. 1212
Datazione: sec. XIV.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-80v.
Incipit: (prologo) Entre toutes les bestes; (testo) De la criacion et de la nativité du cheval. || Je di imprimerement en escrivant de la criacion et de la nativité du cheval.
Explicit: (testo) sans [...] difficulté.
Descrizione: membranaceo, mm 158 × 120, cc. I + 81 + I’.
Fra le cc. 36 e 37 si rileva la caduta di una carta, antica poiché precedente la cartulazione. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è discreto. Al trattato seguono altre ricette.
Note: Brunori Cianti 2011: 180 data il codice al sec. XV e lo ritiene cartaceo. Non esiste una descrizione a stampa del manoscritto in cataloghi moderni della BAV (comunicazione privata di Paolo Vian, direttore del Dipartimento dei manoscritti della Biblioteca Apostolica Vaticana [02.05.2013]).
Il testimone non è citato da Prévot 1991.
Bibliografia: Inventario Teoli: 165; Brayer 1947: 159, n. 159; Poulle-Drieux 1966: 18; Fery-Hue 1994: 545a; Prévot 1991: 13; Frassanito e Bernini 1995-96: 133; Aprile 2009: 356; Montinaro 2009a: 34; Benedetti 2011: 631; Brunori Cianti 2011: 180; Montinaro 2011a: 56; i. d. [30.09.2013].

 

165London (Gran Bretagna), Wellcome Library = London WL [tot. 1]
[5] London WL 546/5
Titolo: La marechaucie des chevaus.
Datazione: 1340 circa.
Localizzazione del trattato: cc. 78v-88r.
Incipit: (testo) Des bons chevaus. || Li bon cheval doit avoir le cors grant et lonc (Hunt 2011: 245).
Explicit: (testo) en fort vin agre e en metez desus deus foiz le jor (Hunt 2011: 268).
Descrizione: membranaceo, mm 210 × 145, cc. 91.
Si registra la mancanza di una carta dopo 23r. La disposizione del testo è su due colonne. Si registrano note di penna. Il codice rappresenta l’accessione nr. 23675. Il testo è acefalo, incompleto e notevolmente interpolato. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati e ricette varie.
Note: Poulle-Drieux 1966: 20, Klein 1969: 230, Prévot 1991: 12 e Frassanito e Bernini 1995-96: 139 indicano come datazione più genericamente il sec. XIV.
Il testo attribuibile a Ruffo è tramandato alle cc. 78v-88r, fino al cap. 59; i restanti capitoli (60-66), leggibili alle cc. 88r-89r, sono opportunamente segnalati da Hunt 2011 come spuri.
Bibliografia: Hunt 2011: 35-8, 245-79 (ed. di riferimento); Poulle-Drieux 1966: 20; Klein 1969: 230; Prévot 1991: 12, 19-20; Frassanito e Bernini 1995-96: 139; Montinaro 2009a: 43; Benedetti 2011: 632; Montinaro 2011a: 58; Archives and Manuscripts catalogue [11.04.2014].

 

  • 16 Nel passo, per un refuso, si legge «diffèrent».

166Paris (Francia), Bibliothèque nationale de France = Paris BnF [tot. 1]
[6] Paris BnF Fr. 25341 [= Pa]
Titolo: La marechaucie des chevax.
Datazione: 1300 circa.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-30v.
Incipit: (prologo) Come ce soit chose que entre toutes les bestes qui soient crées de Dieu; (testo) Ci commence la premiere partie: de la creacion et de la nativité dou poulain. || En ceste partie premiere nous disons de la creacion et de la la nativité dou poulain (p. v.).
Explicit: (testo) Et l’enplastre soit mis tout chaust aus ongles .II. foiz le jour (p. v.).
Descrizione: membranaceo e cartaceo, mm 205 × 125, cc. 46.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta nell’angolo superiore destro del recto. La legatura è in pelle rossa. La rilegatura presenta errori nella disposizione di alcune carte (cf. al riguardo Prévot 1991: «L’ordre des folios doit être remanié pour que le texte ait un sens. Nous avons transcrit le texte en classant les folios ainsi: 1, 2, 3, 4, 5, 7, 8, 24, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 17, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 25, 26...FIN»). Si registrano una nota di possesso (Jehan Le Blond) e un’antica segnatura (Gaignières 82). Dopo il trattato si tramandano ricette veterinarie databili al sec. XVI.
Note: Meyer 1894: 355 ritiene che il ms. Paris BnF Fr. 1287, attribuito a Guillaume de Villiers ou Boscage e vergato nel 1456, sia una copia di Pa «qui a subi bien de modifications»: la verifica condotta su una riproduzione digitale del codice ha rivelato che il trattato ha subito tali modifiche da non poter essere ritenuto un testimone del De medicina equorum, nonostante qualche similitudine e la citazione esplicita di Ruffo a c. 2v (per questo manoscritto, oltre a Meyer 1894: 355, cf. Catalogue des manuscrits, I: 210a, Frassanito e Bernini 1995-96: 144, Benedetti 2011: 631, BnF archives et manuscrits e Gallica).
Benedetti 2011: 631 afferma che i mss. Paris BnF Fr. 25341 e CV BAV Reg. lat. 1177 tramandano «deux traductions diffèrent[es], mais elles pourraient provenir d’un même original latin, elles suivent en effet un plan semblable».16
Moulé 1891-1923, II, II: 29, 42 indica come datazione il sec. XIV, mentre Frassanito e Bernini 1995-96: 50, 146 segnalano il sec. XIII (forse rifacendosi a Prévot 1991: 12, che però a p. 15 precisa la datazione facendo risalire il codice al 1300 circa). Moulé 1891-1923, II, II: 29 ritiene erroneamente che il codice si componga di cc. 81. Russo 1962: 50 e Crupi 2002: 148 indicano una collocazione errata: 22341.
Bibliografia: Prévot 1991 (ed. di riferimento); Meyer 1894: 355-56; Moulé 1891-1923, II, II: 29, 42; Catalogue général, II: 568; Russo 1962: 50; Poulle-Drieux 1966: 19-20; Frassanito e Bernini 1995-96: 50-1 e 146; Crupi 2002: 148; Gualdo 2005: 84b; Pérez Barcala 2005: 101; Montinaro 2009a: passim; Montinaro 2009b, passim; Montinaro 2011a: passim; Montinaro 2011b: passim; Hunt 2011: 36; Montinaro 2012: passim; Montinaro 2013: passim; Montinaro in c. s., passim; Pérez Barcala 2013: 60, 679; BnF archives et manuscrits [22.10.2013]; Gallica [22.10.2013].

 

167Reims (Francia), Bibliothèque Municipale = Reims [tot. 1]
[7] Reims BM 991
Autore: François du Tronchoy.
Titolo: Livre de la cure et garde des chevaux.
Datazione: 1390.
Localizzazione del trattato: cc. 54r-70v.
Incipit: (prologo) Pour ce que entre les autres animaux et bestes qui sont créez du Roy de paradis; (testo) Premierement de la créacion et nativité du cheval. || De la créacion du cheval je di que le cheval doit estre engendre (p. v.).
Explicit: (testo) Soit oinct bien le lieu depillé de jus de persil (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 329 × 243, cc. 70.
La numerazione, in cifre romane, è apposta nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Il manoscritto è una copia della traduzione dal latino realizzata, non prima del 1386, da François du Tronchoy su richiesta di Jean de Luxembourg ed è appartenuto alla biblioteca di Guy de Roye, arcivescovo prima di Sens poi di Reims, per conto del quale è stato copiato ad Avignone probabilmente da Guillaume de Breuil. Si rileva uno scompaginamento dei capitoli rispetto alla struttura del testo latino. Nella parte finale del trattato si registra l’inserzione di due capitoli dopo l’explicit del testo corrispondente alla versione latina trasmessa da Ve, che in questo manoscritto termina con la parola «guerir». Il codice è miscellaneo, tramandando anche un trattato in latino.
Note: Prévot 1991: 17 ritiene che questo codice sia la traduzione del ms. CV BAV Vat. lat. 5331.
Relativamente all’autore del volgarizzamento, Fery-Hue 1994: 545 scrive Tronchay e non Tronchoy.
Poulle-Drieux 1966: 20 e Prévot 1991: 12 riportano come datazione genericamente il sec. XIV (ma Prévot 1991 esplicita la data a p. 17).
Si registra la seguente sottoscrizione: «Cy fine le livre des medecines des chevaulx escript en Avignon du commandement de trés reverent per en Dieu, messire Guy de Roye, Arcevesque de Senz. Le IIIe jour de mars, l’an 1390» (Prévot 1991:
17).
Bibliografia: Poulle-Drieux 1966: 20; Fery-Hue 1994: 545; Prévot 1991: 12, 17-9; Frassanito e Bernini 1995-96: 20-1, 148; Montinaro 2009a: 44; Hunt 2011: 36; Montinaro 2011a: 58; Pérez Barcala 2013: 60, n. 164, 87, 679.

 

  • 17 Benedetti 2006: 302 afferma che «il frammento di Udine conserva l’inizio della sesta parte in cui è (...)

168Udine, Archivio di Stato = Ud AS [tot. 1]
[8] Ud AS 159
Datazione: sec. XIV inizio.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-4v.
Incipit: (testo) De ce qui vient seur la couroune dou pié. lj (p. v.).
Explicit: (testo) et dounez (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 320 × 225, cc. 4.
Si tratta di un frammento costituito da due bifogli centrali appartenuti a un medesimo fascicolo di un manoscritto miscellaneo in antico francese di materia tecnica, smembrato nel sec. XVI. La numerazione, recente e in cifre arabe, è apposta a matita nell’angolo superiore destro del recto; essa è errata, poiché le carte devono essere lette secondo il seguente ordine: 4, 1-3. La disposizione del testo è su due colonne. I due bifogli sono stati usati come copertine di protocolli notarili a Varmo negli anni 1550-1555, probabilmente dal notaio Leonardo di Gaspare Vatri. Il frammento conserva l’inizio della sezione V-VI relativa alle malattie dei cavalli e ai loro rimedi,17 tramandando la parte finale del rubricario (dal capitolo 51, che in questo caso corrisponde alla rubrica De ce qui vient seur la couroune dou pié, al capitolo 58, Des muances des ongles) e il testo dei primi 14 capitoli.
Note: si riporta la datazione indicata da Benedetti 2006: 300, mentre Scalon 1987: 218 data il manoscritto al sec. XIII/XIV. Benedetti 2006: 302 e Benedetti 2011: 631 ritiene che per il frammento Ud AS 159 e il ms. Paris BnF NAL 1553 si potrebbe ipotizzare una fonte comune, poiché il numero di capitoli esposti nel rubricario è uguale e la loro successione è identica.
Questo frammento non è citato da Prévot 1991.
Bibliografia: Scalon 1987: 218-19; Benedetti 1990a: 191, n. 22; Benedetti 2006; Aprile 2009: 361, n. 101; Montinaro 2009a: 44-5; Montinaro 2009b: 497; Benedetti 2011: 631; Montinaro 2011a: 58.

3.2.4. Occitanico [tot. 1]

169Fréjus (Francia), Bibliothèque Municipale = Fréjus BM [tot. 1]
[1] Fréjus BM 9
Titolo: Lo libre de la marescalcia des cavals.
Datazione: sec. XV seconda metà.
Localizzazione del trattato: cc. [I]-[III], 1r-71r.
Incipit: (prologo) Entre totas las bestias que Dieus a creadas et que son sousmesas a l’uman linhage; (testo) De la nativitat e de la creation del caval. || Lo caval deu esser engenrat de stellon (p. v.).
Explicit: (testo) pren camphora e oly, mescla ben, e d’aysso honh la secca tro a .xv. jors, e sera garit (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 200 × 140, cc. I + 155 + III’.
Mancano le cc. 57-64. Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre romane, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizioe del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il manoscritto è appartenuto a Castellane Saint-Jeurs. Nella parte finale del trattato si rilevano aggiunte rispetto alla versione latina trasmessa da Ve. Il rubricario, relativo all’intero trattato e non solo alla sezione V-VI, si legge prima del prologo su carte non numerate. Il codice è miscellaneo, tramandando anche un altro trattato e ricette varie.
Note: Moulé 1891-1923, II, II: 29, Poulle-Drieux 1966: 20, Prévot 1991: 14, Fery-Hue 1994: 545 e Frassanito e Bernini 1995-96: 137 datano il codice al sec. XV, senza fornire ulteriori precisazioni.
Moulé 1891-1923, II, II: 29 e Frassanito e Bernini 1995-96: 137 ritengono erroneamente che il codice di Ruffo sia vergato alle cc. I-IV e 1-84; minimo è lo scarto fra il dato che si ricava da Meyer (cc. 1-71) e quello proposto da Poulle-Drieux 1966: 20 e Prévot 1991: 14 (cc. 1-72).
Riguardo all’incipit del prologo, Moulé 1891-1923, II, II: 29 riporta mouseu invece di monsen, mentre Russo 1962: 51 (che legge Deus), Poulle-Drieux 1966: 20, Prévot 1991: 14 e Crupi 2002: 149 (che riprende da Russo 1962 la forma Deus) trascrivono solamente da Entre a creadas.
Per Meyer 1894: 355 la versione tramandata dal codice non deriva da un antigrafo francese, sebbene la presenza di alcuni gallicismi potrebbero indurre a credere il contrario. Sempre Meyer 1894: 350 afferma che «l’écriture, assez grosse et très lisible, est plutôt celle du nord que celle du midi de la France. Il se pourrait donc que le copiste n’ait pas été provençal, d’autant plus qu’on rencontre çà et là, dans le manuscrit, des formes françaises». Benedetti 2011: 633 afferma invece che «la version dérive d’un témoin latin» e che è scritta in «provençal oriental».
Non è stato possibile verificare Arquint 2007.
Bibliografia: Arquint 2007 (ed. di riferimento); Meyer 1894; Moulé 1891-1923, II, II: 29; Russo 1962: 51; Poulle-Drieux 1966: 20; Prévot 1991: 14; Fery-Hue 1994: 545; Frassanito e Bernini 1995-96: 137; Crupi 2002: 149; Benedetti 2006: 297; Montinaro 2009a: 43; Benedetti 2011: 633; Montinaro 2011a: 58; Pérez Barcala 2013: 60.

3.2.5. Catalano [tot. 2]

170Montserrat (Spagna), Biblioteca de Montserrat = Montserrat BdM [tot.
1]
[1] Montserrat BdM 789
Titolo: Manascalia.
Datazione: 1389.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-40r.
Incipit: (prologo) Com entre los altres besties (p. v.).
Explicit: (testo) ajudar (p. v.).
Descrizione: cartaceo, mm 270 × 200, cc. 113.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta nell’angolo superiore destro del recto (si registrano una carta non numerata [dopo c. 52], una carta numerata 55bis e salti nella numerazione da 76 a 78 [senza l’apposizione del numero 77] e da 90 a 93 [senza l’apposizione dei numeri 91 e 92]). La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. A c. 113v si leggono note di possesso databili alla prima metà del sec. XVII. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati.
Note: Poulle-Drieux 1966: 20-1 (ripresa verosimilmente da Prévot 1991: 14 e da Frassanito e Bernini 1995-96) e Olivar 1977 affermano che il manoscritto tramanda due distinti trattati di Ruffo, senza però individuarli univocamente: per Olivar 1977: 186 si leggono alle cc. 1-81r, mentre Poulle-Drieux 1966: 20-1, Prévot 1991: 14 e Frassanito e Bernini 1995-96: 142 ritengono che il secondo trattato sia leggibile alle cc. 50-73 e 82-99v (del primo non si specificano le carte). Sebbene solo l’edizione del codice permetterebbe di fugare ogni dubbio, la visione di una riproduzione digitale in bianco e nero del manoscritto ha permesso di formulare un’ipotesi sul suo contenuto: le cc. 1r-40r tramandano inequivocabilmente il trattato di Giordano Ruffo; le carte successive, in particolare quelle citate da Olivar 1977: 186 e da Poulle-Drieux 1966: 20-1, Prévot 1991: 14 e Frassanito e Bernini 1995-96: 142, sembrano trasmettere dei brani del trattato di Ruffo, variamente rielaborati e vergati da mani differenti. L’impossibilità di riconoscere sistematicamente in questi passi la caratteristica struttura del De medicina equorum non permette di individuare senza ambiguità un secondo trattato all’interno del codice.
Poulle-Drieux 1966: 20 data il manoscritto al sec. XIV/XV, mentre Prévot 1991: 14 e Frassanito e Bernini 1995-96: 142 segnalano datazioni differenti per le due versioni: sec. XIV e sec. XV.
Olivar 1977: 186, probabilmente prestando fede alla cartulazione, ritiene che il codice consti di cc. 114, invece che di 113, senza tenere conto delle peculiarità della numerazione segnalate sopra nel campo Descrizione.
Bibliografia: Kristeller 1963-1991, IV: 594b; Poulle-Drieux 1966: 20-1; Olivar 1977: 186; Prévot 1991: 14; Frassanito e Bernini 1995-96: 142; Montinaro 2009a: 42; Montinaro 2009b: 509; Montinaro 2011a: 49, 58; Pérez Barcala 2013: 60.

 

171Paris (Francia), Bibliothèque nationale de France = Paris BnF [tot. 1]
[2] Paris BnF Esp. 212 [tot. 1]
Titolo: Cirurgia dels cavals.
Datazione: sec. XIV seconda metà.
Localizzazione del trattato: cc. 93v-109v.
Incipit: (prologo) Con lo caval sia prous e noble entre totes besties; (testo) Dell’engendrament he de la nativitat he dell nudriment dels cavals. || Lo caval deu esser engendrat (p. v.).
Explicit: (testo) E en cascuna sia posada .j. brocha de fust e romanguen axi per .ix. dies i sino cayen primerament per si matexes (p. v.).
Descrizione: membranaceo, mm 345 × 245, cc. IV + 125 + IV’.
Si registra la presenza di carte bianche e la caduta di fogli precedente alla cartulazione. La numerazione, antica e in cifre romane, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto da una sola mano (fatta eccezione per c. 125r, la cui cifra è vergata da altra mano); essa è corretta fino a c. 77r, poiché successivamente a c. 78r, numerata per errore 79, si computano le carte con l’incremento di una unità fino a c. 84r, numerata 84bis, dove si ristabilisce la corretta progressione. Il primo quaderno presenta anche numerazione in cifre romane, vergate con inchiostro rosso nell’angolo inferiore destro del recto. La legatura è in pelle (marocchino rosso). La disposizione del testo è su due colonne. Il manoscritto proviene dalla biblioteca napoletana di Ferrante I d’Aragona: confiscato da Carlo VIII nel 1495, fu portato nel castello d’Amboise, per poi essere trasferito nella biblioteca reale di Blois e successivamente a Fointainebleau e a Parigi (cf. anche il ms. Paris BnF It. 454). Si registrano il timbro di proprietà della biblioteca reale (1735 ante) e antiche segnature. Il codice è miscellaneo, tramandando anche testi medicali, un trattato sugli uccelli e ricette varie.
Note: vi sono opinioni discordanti sull’identificazione degli altri trattati contenuti nel codice: Coco–Gualdo 2008: 132, sulla scorta di Segre 1968-1970, I: 129, n. 48, che non cita esplicitamente il manoscritto e attribuisce l’iniziativa della traduzione ad Alfonso el Sabio, ritengono che il codice tramandi un volgarizzamento dal De Practica equorum di Teodorico Borgognoni da Cervia (informazione simile si legge in Bertelli 2009: 392, n. 8), pur segnalando l’ipotesi che possa trattarsi di un volgarizzamento da Ruffo; Poulle-Drieux 1966: 20, 23, afferma che il testo precedente il trattato di Ruffo è «la traduction en catalan de la Chirurgia de Borgognoni» [p. 23]; Moulé 1891-1923, II, II: 32, 50 segnala la presenza di differenti trattati, senza però rilevare che il secondo è un volgarizzamento da Ruffo. Fermo restando che alle cc. 93v-109v il codice tramanda il volgarizzamento da Ruffo, in BnF archives et manuscrits, Europeana Regia e Gallica si fornisce l’elenco degli altri testi contenuti nel manoscritto, fra cui figura anche la Cyrurgia di Teodorico Borgognoni da Cervia (cc. 1r-83v).
Riguardo al titolo, Poulle-Drieux 1966: 20 e Prévot 1991: 14 trascrivono Cirurgia, con due r, sebbene a c. 109va 25, da dove verosimilmente è stato tratto, sia rilevabile una sola r. Moulé 1891-1923, II, II: 50, a differenza di quanto affermato a p. 32, segnala come datazione del codice il sec. XV. Riguardo all’explicit, Poulle-Drieux 1966: 20 legge e sino cayen, invece di i sino cayen.
Bibliografia: Moulé 1891-1923, II, II: 32, 50; Poulle-Drieux 1966: 20, 23; Kristeller 1963-1991, III: 299b; Prévot 1991: 14; Frassanito e Bernini 1995-96: 146, 168; Coco–Gualdo 2008: 132; Bertelli 2009: 392, n. 8; Montinaro 2009a: 42-3; Montinaro 2009b: 509; Montinaro 2011a: 45, n. 1, 49, 58; Pérez Barcala 2013: 60, 76; BnF archives et manuscrits [23.10.2013]; Europeana Regia [23.10.2013]; Gallica [23.10.2013].

3.2.6. Gallego [tot. 1]

  • 18 In questo volume, che non è un’edizione critica, si fornisce una versione semidiplomatica del testo (...)

172Madrid (Spagna), Biblioteca Nacional = Madrid BN [tot. 1]
[1] Madrid BN 23076 [=G]
Autore: Álvaro Eanes da Seira di Baiona.
Titolo: Tratado de Alveitaria.
Datazione: 1420.
Localizzazione del trattato: cc. 2r [1r]-27v [26v].
Incipit: (prologo) Como ontre todas as cousas animallas que Deus fezo a uso e serviço do home; (testo) E da geraçon e da nasença do cavalo. || Primeiramente por én, escrivindo a geraçon e a nasença do cavalo, digo que o cavalo deve seer geerado (Pérez Barcala 2013: 143).
Explicit: (testo) adur poderá goarir; (sottoscrizione) en casa do dito emperador con que viveu por gran tempo (Pérez Barcala 2013: 204).
Descrizione: cartaceo, mm 295 × 220, cc. 48.
Si registrano due numerazioni, discordanti: la prima è in caratteri alfabetici; la seconda, a matita, è apposta nell’angolo superiore destro del recto (per la localizzazione del trattato si fa riferimento a Pérez Barcala 2013, che privilegia la foliazione reale del manoscritto e racchiude la seconda cartulazione fra parentesi quadre; per la motivazione di tale segnalazione cf. in particolare Pérez Barcala 2013: 64-5). La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Si rilevano macchie di umidità, talvolta di ampia estensione. Il codice fu posseduto, fra gli altri, da José Vicente Fontela y Avalle e da D. Manuel Valcarce Reboreda e sembra che sia stato conservato anche nella cattedrale di Tui; dopo che per un periodo se ne erano perse le tracce, è stato ritrovato di recente da G. Pérez Barcala presso la Biblioteca Nacional di Madrid, dove il manoscritto è giunto nel 2002. Il codice è miscellaneo, tramandando nelle carte precedenti e successive al trattato documenti notarili.
Note: il notaio Álvaro Eanes da Seira di Baiona (Pontevedra) è probabilmente solo il vergatore di questo codice e non l’autore della traduzione, il cui artefice rimane anonimo; c’è anche la possibilità che sia stato trascritto da qualche amanuense al servizio del notaio.
Si cita il titolo invalso nella tradizione degli studi ed accolta da Pérez Barcala 2013, edizione di riferimento del trattato. DLMGP colloca la datazione di G fra il 1409 e il 1420, Pérez Barcala 2005: 99 la pone, in modo più cauto, provavelmente agli inizi del sec. XV, mentre Catálogo BNE la circoscrive al 1425 circa.
L’assenza di alcuni capitoli del trattato è da imputare alla perdita di alcuni fogli del manoscritto.
Bibliografia: Pérez Barcala 2013 (ed. di riferimento); Domínguez Fontela 1938-1940 (altra ed.); Pensado Tomé–Pérez Barcala 2004 (altra ed.);18 DLMGP, s. v. Tratado de alveitaria; Dias 2005; Pérez Barcala 2005; Benedetti 2006: 297; Montinaro 2009a: passim; Montinaro 2009b: passim; Montinaro 2011a: passim; Montinaro 2011b: passim; Montinaro 2012: passim; Montinaro 2013: passim; Montinaro in c. s.: passim; Catálogo BNE [12.05.2014].

3.2.7. Ebraico [tot. 1]

173Oxford (Gran Bretagna), Bodleian Library = Oxford BL [tot. 1]
[1] Oxford BL Laud Or. 93
Datazione: sec. XV prima metà.
Localizzazione del trattato: cc. 34v-80r.
Provenienza: Italia meridionale.
Incipit: (prologo) <img/>.
Explicit: (testo) <img/>.
Descrizione: cartaceo, mm 215 × 145, cc. 160.
Si registrano carte bianche e alcuni fogli membranacei. Si rilevano nomi di antichi possessori: Abraham e R’fael Galiqo e Jacobus Bruschinzanus [?]. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati in ebraico, di cui uno parzialmente in latino.
Note: il manoscritto, privo di indicazione dell’autore, è catalogato da Steinschneider 1893: 807 con l’antica segnatura Uri 440. Questa segnalazione è ripresa, senza indicazione del testimone che tramanda il trattato, da Amari 1930-1939, III, III: 716, Pontieri 1958: 14, n. 13 e Gaulin 1994: 433, n. 43; anche Chiodi 1957: 170, senza fornire alcuna ulteriore indicazione al riguardo, afferma che «l’opera di Ruffo venne tradotta in [...] ebraico».
Si devono a César Merchán-Hamann e a Eva Oledzka, bibliotecari della Bodleian Library, varie informazioni sul codice (comunicazioni private del 20-21.02.2014); il primo ha gentilmente fornito anche la trascrizione dell’incipit e dell’explicit e la loro traduzione in inglese (‘Whereas of all the animals created wondrously by the Creator’; ‘Until it becomes cold and thus the hooves will become very strong’ [28.02.2014 e 03.03.2014]).
Bibliografia: Neubauer 1886, I: 689-90; Steinschneider 1893: 807; Amari 1930-1939, III, III: 716; Chiodi 1957: 170; Pontieri 1958: 14, n. 13; Russo 1962: 51; Gaulin 1994: 433, n. 43; BeitArié-May 1994: 366; Crupi 2002: 149; Montinaro 2009a: 67; Montinaro 2009b: 498; Montinaro 2011a: 58; Ryzhik in c. s.

3.2.8. Tedesco [tot. 6]

174Heidelberg (Germania), Universitätsbibliothek = Heidelberg U [tot. 6]
[1] Heidelberg U Pal. germ. 169
Datazione: sec. XV terzo quarto.
Localizzazione del trattato: cc. 180r-215v.
Incipit: (prologo) Under allen tieren die der oberst gott geschaffen hat vnd darnach wolt das sie dem mentschen vndertenig werent Es ist kein tiere edeler dan das Rosse (Bibliotheca Palatina – digital).
Explicit: (testo) Wan eim rosse we sy an der lungen... vnd alle morgen so lasse das rosse etwan grasen so vil tauwes lit vnd gib dem rosse ab Du macht alle fart graß zu essen (Bibliotheca Palatina – digital).
Descrizione: cartaceo, mm 300 × 218, cc. 246.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Si registrano note di possesso. Il manoscritto proviene dalla Germania sud occidentale. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati e ricette.
Bibliografia: Montinaro 2009a: 45; Montinaro 2011a: 58; Bibliotheca Palatina – digital [16.01.2014].

 

175[2] Heidelberg U Pal. germ. 255
Datazione: 1510/1544 circa.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-6r.
Incipit: (prologo) Syddemmal das vnder allen vrschaffen tyeren von dem obersten schopffer zu Nutzberkeyt dem menschen keyn tyer bequemlicher vnnd nutzlicher ist, dan das pferdt; (testo) Von des pferds gebůrt vnnd entpfahung zu Schreyben (Bibliotheca Palatina – digital).
Explicit: (testo) zum dritten von der artzenej eyner iglichen krankheitt (Bibliotheca Palatina – digital).
Descrizione: cartaceo, mm 287 × 215, cc. 574.
Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in cartoncino con dorso in tessuto. Il manoscritto proviene da Heidelberg. Il trattato è incompleto. Il codice è miscellaneo, tramandando numerose altre ricette.
Bibliografia: Montinaro 2009a: 45; Montinaro 2011a: 58; Bibliotheca Palatina – digital [16.01.2014].

 

176[3] Heidelberg U Pal. germ. 297
Datazione: 1470 circa. Localizzazione del trattato: cc. 1r-95r.
Incipit: (prologo) Synddenmall das vnter allen erschaffen tyern von dem oberster schöpffer zu nutzberkeit dem menschen kein tyer bequemlicher vnd nutzlicher ist denn das pferde (Bibliotheca Palatina – digital).
Explicit: (testo) In dem allen wisse dich nach dem pesten zuhalten (Bibliotheca Palatina – digital).
Descrizione: cartaceo, mm 143 × 106, cc. 165.
Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Si registrano note di possesso. Il manoscritto proviene dalla Germania meridionale. Il codice è miscellaneo.
Bibliografia: Montinaro 2009a: 45; Montinaro 2011a: 58; Bibliotheca Palatina – digital [16.01.2014].

 

177[4] Heidelberg U Pal. germ. 406
Datazione: 1475 circa.
Localizzazione del trattato: cc. 120v-183r.
Incipit: (prologo) Synddenmaln das vnter allen erschaffen tyern, von dem öbersten Schöpffer zu núczperkeytt dem menschen, kein tyer bequemlicher vnd núczlicher ist, denn das pferde (Bibliotheca Palatina – digital).
Explicit: (testo) dem allen, wisse dich, nach dem pesten zu hallten. Darnach volgen andere tail von erczney, als von yedem geschriben steet, die wisse zu súchen (Bibliotheca Palatina – digital).
Descrizione: cartaceo, mm 210 × 155, cc. 187.
Si registrano più numerazioni: nella sezione che tramanda il trattato di Ruffo se ne rilevano due, entrambe apposte nell’angolo superiore destro del recto (una in cifre arabe, l’altra in cifre romane). La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Si registrano note di possesso. Il manoscritto proviene dalla Baviera settentrionale. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati.
Note: Prévot 1991: 14 e Frassanito e Bernini 1995-96: 137 non indicano alcuna data.
Bibliografia: Prévot 1991: 14; Frassanito e Bernini 1995-96: 137; Montinaro 2009a: 45; Montinaro 2011a: 58; Bibliotheca Palatina – digital [23.09.2013].

 

178[5] Heidelberg U Pal. germ. 408
Datazione: sec. XV fine/XVI inizio.
Localizzazione del trattato: cc. 83r-141v.
Incipit: (testo) Von des pferds gepürt vnd von seiner empfachung. || Von des pferds gepürde vnd emphaung zü Schreiben (Bibliotheca Palatina – digital).
Explicit: (testo) In dem allen wyß dich zü dem pesten zú haltenn (Bibliotheca Palatina – digital).
Descrizione: cartaceo, mm 198 × 155, cc. 170.
Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Si rilevano note di possesso. Il manoscritto proviene dalla Germania meridionale. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri trattati.
Note: Prévot 1991: 14 e Frassanito e Bernini 1995-96: 137 indicano come datazione il sec. XVI.
Bibliografia: Prévot 1991: 14; Frassanito e Bernini 1995-96: 137; Montinaro 2009a: 46; Montinaro 2011a: 58; Bibliotheca Palatina – digital [23.09.2013].

 

179[6] Heidelberg U Pal. germ. 540
Datazione: 1400 circa.
Localizzazione del trattato: cc. 1r-7v.
Incipit: (prologo) Under allen den thyern die got hat geschaffen dem menschen zu nocz ist daz pfert das edelst; (testo) Den scheln von dem dú wilt haben ein gut fuelle den solt du nit viel laßen arbeiten (Bibliotheca Palatina – digital).
Explicit: (testo) vnder den die es hat von geborte vnd den man gehelffen mag ist einer ob es krumbe beyne hat (Bibliotheca Palatina – digital).
Descrizione: pergamenaceo e cartaceo, mm 183 × 137, cc. 65.
Si registrano carte bianche. La numerazione, in cifre romane, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è a piena pagina. La legatura è in pelle. Si rilevano note di possesso. Si ritiene dubitativamente che il manoscritto provenga da Heidelberg. Il trattato è incompleto. Il codice è miscellaneo, tramandando anche altri testi.
Bibliografia: Montinaro 2009a: 46; Montinaro 2011a: 58; Bibliotheca Palatina – digital [23.09.2013].

3.2.9. Bilingui [tot. 3]

Latino-francese [tot. 1]

180Paris (Francia), Bibliothèque nationale de France = Paris BnF [tot. 1]
[1] Paris BnF NAL 1553
Titolo: Liber mareschalchie equorum.
Datazione: 1320 circa.
Localizzazione dei trattati: cc. 1r-31v.
Incipit I trattato (lat.): (prologo) Cum inter cetera animalia a summo pontifice evidenter creata; (testo) De creatione equi. || Primo igitur de creatione et nativitate prescribens.
Explicit I trattato (lat.): (testo) qui dolor ex retentione urine superflua capitulo hic dicto superius.
Incipit II trattato (fr.): (prologo) Come entre ces autres bestes criées dou souverain; (testo) De la creation dou cheval. || Premierement adonc de la creation et de la nativité.
Explicit II trattato (fr.): (testo) laquele doleur est dite superflue retenue d’orine en cest chapitre dict desus.
Descrizione: membranaceo, mm 260 × 190, cc. III + 32 + III’.
L’ultima carta è bianca. Si registrano due cartulazioni, in cifre arabe, apposte rispettivamente a inchiostro e a matita nell’angolo superiore destro del recto. Prévot 1991: 19 descrive la struttura del codice: «il ne reste que le premier cahier [fol. 1-8], un cahier [fol. 9-16] qui contient la fin de la quatrième partie, la cinquième partie, la table e les cinq premiers chapitres de la sixième partie, les deux derniers cahiers [15 fol.]». Il manoscritto tramanda il trattato di Ruffo, incompleto, in latino e in francese, con disposizione dei due testi «a finestra»: il trattato in latino, vergato su due colonne, è “incorniciato” dal trattato francese, vergato anche esso su due colonne. La legatura è in pelle. Lo stato di conservazione è mediocre: si segnala in particolare il distaccamento del piatto anteriore. Il codice non tramanda altri trattati oltre a quelli di Ruffo.
Note: per Meyer 1894: 356 il manoscritto è stato prodotto tra il 1300 e il 1350 e dichiara che «les deux textes sont de la même main, et cette main était italienne. On reconnaît à première vue la grosse écriture ronde usitée dans les livres du nord et du centre de l’Italie au XIIIe siècle et au XIVe»; Prévot 1991: 19 sembra accogliere la datazione di Meyer 1894: 356, sebbene a p. 13 riporti come datazione più genericamente il sec. XIV; Frassanito e Bernini 1995-96: 145 e Aprile 2009: 357 indicano il 1390; Fery-Hue 1994: 544 segnala la «fin du XIIIe siècle»; per Marie-Thérèse Gousset, citata da Benedetti 2006: 301, invece «la tipologia decorativa del codice si avvicina piuttosto a quella di alcuni libri prodotti da italiani attorno al 1320 alla corte papale di Avignone; inoltre le lettere filigranate rimanderebbero a modelli dell’Italia centrale, piuttosto che settentrionale»; Poulle-Drieux 1966: 18, 20 indica più genericamente il sec. XIV.
Bibliografia: Meyer 1894: 356-57; Moulé 1891-1923, II, II: 27, 29; Russo 1962: 51; Poulle-Drieux 1966: 18, 20; Prévot 1991: 13, 19; Fery-Hue 1994: 544-45; Gaulin 1994: 433-34; Frassanito e Bernini 1995-96: 145-46; Crupi 2002: 48; Benedetti 2006: 301, 302, 303; Coco–Gualdo 2008: 133; Aprile 2009: 357; Montinaro 2009a: 67; Benedetti 2011: 631, 632; Hunt 2011: 36; Montinaro 2011a: 58; Pérez Barcala 2013: 60, n. 164, 679; BnF archives et manuscrits [23.10.2013]; i. d. [21.11.2013].

Latino-italoromanzo [tot. 2]

181Napoli, Biblioteca Nazionale «Vittorio Emanuele III» = Na BN [tot. 1]
[1] Na BN VIII D 67 bis
Titolo I trattato (lat.): Medicina equorum.
Titolo II trattato (it.): Rimedi de’ cavalli.
Datazione I trattato (lat.): sec. XV.
Datazione II trattato (it.): 1522.
Localizzazione del I trattato (lat.): cc. 1r-24r.
Localizzazione del II trattato (it.): cc. 25r-54v.
Incipit I trattato (lat.): (prologo) Cum inter cetera animalia a summo rerum opifice evidenter creata usui humani generis; (testo) Primum de creatione et nativitate equi prescribens.
Explicit I trattato (lat.): (testo) difficile liberatur; (sottoscrizione) per magnum spatium temporis commoratus.
Incipit II trattato (it.): (testo) Al verme. || Infirmità.
Explicit II trattato (it.): (testo) serà guarito et è aprovato.
Descrizione: membranaceo, mm 300 × 210, cc. II + 65 + II’.
La numerazione, in cifre arabe, è apposta con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto; si rilevano tracce di altra numerazione. La disposizione del testo latino è su due colonne, quella del testo italoromanzo è a piena pagina. La legatura, del sec. XVIII, è in pelle. Lo stato di conservazione è buono. Il codice tramanda due trattati di Ruffo: il primo è in latino; il secondo, non in relazione con quello precedente, è in italoromanzo e risulta incompleto, riportando solamente la sezione ippiatrica. Si registrano anche altre ricette, vergate sia immediatamente dopo il primo trattato, sia dopo il secondo.
Note: Russo 1962: 39 e Crupi 2002: 137 riportano come datazione del testo latino il sec. XIV.
Il copista del secondo trattato dichiara di aver estratto i capitoli da un altro libro e di aver effettuato la copia in Francavilla, senza fornire ulteriori precisazioni geografiche.
Per Russo 1962: 39, n. 54 e Crupi 2002: 137, n. 1 sarebbe questo il codice «posseduto dal cosentino A. G. Parrasio, passato poi a S. Giovanni a Carbonara e infine alla Nazionale di Napoli», sebbene ingeneri dubbi la differente datazione (cf. §
3.2.10).
Bibliografia: Schneider 1926: 214, n. 1; Russo 1962: 39, 42; Lupis– Panunzio 1992: 27, n. 25; Frassanito e Bernini 1995-96: 142; Crupi 2002: 137, 140; Montinaro 2009a: 60; Montinaro 2011a: 57; i. d. [04.04.2014].

 

182Paris (Francia), Bibliothèque nationale de France = Paris BnF [tot. 1]
[2] Paris BnF Lat. 7018
Datazione: sec. XIV-XV.
Varietà linguistica: latino e siciliano.
Localizzazione del trattato: c. 1r.
Incipit: (testo) La tavola di lu libro de Giordano Russo.
Explicit: (testo) De mutacionibus ungularum.
Descrizione: cartaceo, mm 292 × 215, cc. 72.
Si rilevano carte bianche. Si registrano due cartulazioni, divergenti l’una dall’altra, apposte in cifre arabe con inchiostro nell’angolo superiore destro del recto. La disposizione del testo è su due colonne. Si rilevano disegni di morsi di cavalli. La legatura è in pergamena. Lo stato di conservazione è discreto. Nel codice, a c. 1, si legge solamente il rubricario del trattato di Ruffo, di cui le prime tre linee sono in siciliano, mentre le restanti in latino. Il manoscritto proviene dalla biblioteca napoletana dei re d’Aragona. Il codice è miscellaneo, tramandando anche ricette varie, una redazione latina del trattato di Rusio (corredata da glosse e da aggiunte in siciliano ai margini e a piè di pagina) e un trattato sui freni (con didascalie e ricette in siciliano).
Note: per la datazione si fa riferimento a Pagano 2012: 127; Trolli 1990b: 186 data il manoscritto al secolo XIV.
L’identificazione dei trattati tramandati dal codice si deve a Pagano 2012: 127-28 e Pagano in c. s.
Poulle-Drieux 1966: 18 ritiene che il rubricario sia uguale a quello tramandato dal ms. London BL Harley 3535, identificato a sua volta con R (queste informazioni, rifluite in Pérez Barcala 2013: 58, n. 158, non sono confermate da Pagano 2012: 126-27).
La collocazione Latins si spiega con la presenza nel codice del trattato di Rusio in latino.
Bibliografia: Catalogus codicum: 304a; Poulle-Drieux 1966: 18, 40; De Marinis 1969, I: 83, II: tavv. 82-3; Trolli 1990b: 186; Prévot 1991: 14; Frassanito e Bernini 1995-96: 145, 161, 179; Montinaro 2009a: 61-2; Montinaro 2009b: 501, n. 134; Montinaro 2011a: 57; Pagano 2012: 127-29; Pérez Barcala 2013: 58, n. 158; Pagano in c. s.; BnF archives et manuscrits [22.10.2013]; i. d. [21.11.2013].

 

3.2.10. Mss. non identificabili univocamente (non computati nel censimento) [tot. 36]

Latino [tot. 11]

183[1] Città del Vaticano, Archivio Segreto Vaticano, X, 20.
Descrizione: codice membranaceo.
Note: la segnatura non riconduce «ad alcuna di quelle in uso presso questo Archivio Segreto Vaticano né è stato possibile concordarla in alcun modo alle segnature attuali» (comunicazione privata di Marco Grilli, Segretario della Prefettura dell’Archivio Segreto Vaticano [28.09.2013]).
Bibliografia: Russo 1962: 38; Crupi 2002: 137; Aprile 2009: 356.

 

184[2] Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana
Note: dalle diciture «bibl. reg. Suec. in Vaticana» (Heusinger 1853: 41) e «Bibl. reginae Sueciae in Vaticana» (Moulé 1891-1923, II, II: 28) è plausibile ipotizzare che si tratti di un codice Reginense latino.
Bibliografia: Heusinger 1853: 41; Moulé 1891-1923, II, II: 28; Frassanito e Bernini 1995-96: 132.

 

185[3] Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, LVIII
Note: la segnatura è del tutto errata (comunicazione privata di Giovanna Rao, Responsabile del Settore Manoscritti, Rari e Tutela della Biblioteca Medicea Laurenziana [10.10.2013]).
Bibliografia: Frassanito e Bernini 1995-96: 36.

 

186[4] Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, Leop. LX
Datazione: sec. XIII.
Incipit: (prologo) Cum inter cetera animalia (Russo 1962: 40).
Descrizione: membranaceo.
Il testo è vergato su due colonne.
Note: la «segnatura Leop. LX non corrisponde ad alcun codice nostro» (comunicazione privata di Giovanna Rao, Responsabile del Settore Manoscritti, Rari e Tutela della Biblioteca Medicea Laurenziana [10.10.2013]).
Bibliografia: Russo 1962: 40; Crupi 2002: 138; Aprile 2009: 356.

 

187[5] Montpellier, Biblioteca?
Datazione: sec. XV.
Note: potrebbe trattarsi del ms. Montpellier BISM H 236.
Bibliografia: Moulé 1891-1923, II, II: 27; Frassanito e Bernini 1995-96: 142; Montinaro 2009a: 69.

 

188[6] Napoli, Libreria del Chiostro di S. Giovanni a Carbonara
Datazione: sec. XIII.
Incipit: (prologo) Incipit liber Marescalchiae maristallae Domini Friderici Imperatoris (Delprato 1867, II: 33, n. 1).
Explicit: (sottoscrizione) Hoc opus composuit Iordanus Ruffus de Calabria Miles et Familiaris Domini Friderici II Romanorum Imperatoris memoriae recolendae, qui instructus fuerat plene per eundum Dominum de omnibus supradictis (Delprato 1867, II: 33, n. 1).
Descrizione: membranaceo.
Note: il manoscritto è appartenuto al cardinale Serripando, fondatore della libreria. Per Napoli-Signorelli 1784-1786, II: 258, citato da Delprato 1867, II: 33, n. 1 e Moulé 1891-1923, II, II: 27, si tratta del più antico codice che tramadi il trattato di Ruffo.
Per Russo 1962: 39, n. 54 e Crupi 2002: 137 questo codice corrisponderebbe al ms. Na BN VIII D 67 bis, sebbene ingeneri dubbi la differente datazione.
Bibliografia: Tafuri 1744-1770, II, I: 400; Napoli-Signorelli 1784-1786, II: 258; Delprato 1867, II: 33, n. 1; Moulé 1891-1923, II, II: 27; Frassanito e Bernini 1995-96: 143; Montinaro 2009a: 69.

 

189[7] Roma, Biblioteca Alessandrina
Titolo: Liber marescalchiae.
Explicit: (testo) per magnum temporis spatium commoratus (Delprato 1867, II: 33).
Descrizione: membranaceo.
Note: Delprato 1867, II: 34 ritiene che il codice usato da Molin 1818 per la sua edizione (Ve) sia copia di questo codice.
Bibliografia: Delprato 1867, II: 32-4; Di Giovanni 1871-1879, I: 98; Moulé 1891-1923, II, II: 27-8; Frassanito e Bernini 1995-96: 148.

 

190[8] Thou, Bibliotheca Thuana
Bibliografia: Du Cange, X: LXXXVIII; Tafuri 1744-1770, II, I: 400-01.

 

191[9] Torino, Biblioteca Nazionale Universitaria, R VI 7
Datazione: sec. XV.
Note: nella biblioteca non compare nessun manoscritto con questa segnatura (comunicazione privata del 27.03.2014 di Maria Francesca Andria, bibliotecaria della Biblioteca Nazionale Universitaria).
Bibliografia: Russo 1962: 40; Crupi 2002: 138.

 

192[10] Torino, Biblioteca?
Note: per Delprato 1865: LXV si tratta del codice usato come fonte per la traduzione leggibile nell’edizione a stampa a cura di Bruno 1492 (cf. § 3.3.1).
Bibliografia: Delprato 1865: LXV; Frassanito e Bernini 1995-96: 150; Montinaro 2009a: 69.

 

193[11] Già collezione privata di Apostolo Zeno
Note: potrebbe trattarsi del ms. Berlin S Hamilton 541 o del ms. Ve BNM Lat. Cl. VII 35 (= 2865), appartenuti con certezza al nobile veneziano Apostolo Zeno.
Bibliografia: Morelli 1771: 152; Delprato 1867, II: 32; Frassanito e Bernini 1995-96: 152.

Italoromanzo [tot. 23]

194[1] Cava, Biblioteca dell’Abbazia?
Titolo: Trattato delle maliscaltie.
Datazione: sec. XVII.
Descrizione: cartaceo, cc. 115.
Il manoscritto è appartenuto alla biblioteca Costabiliana (per alcune informazioni su questa biblioteca cf. Catalogo Costabili).
Note: la proposta di identificazione dell’Abbadia citata da Delprato 1865: CXXIX e Delprato 1867, II: 223 (con a minuscola) si deve a Frassanito e Bernini 1995-96: 132, che per errore computano questo codice due volte (cf. p. 134). Riguardo al titolo, Delprato 1865: CXXIX riporta maliscatie invece di maliscaltie.
Bibliografia: Delprato 1865: CXXIX; Delprato 1867, II: 223; Frassanito e Bernini 1995-96: 132; Montinaro 2009a: 70.

 

195[2] Città del Vaticano, Archivio Segreto Vaticano, Z, 110
Titolo: Libro sopra la maniera de curare le malattie de’ cavalli.
Varietà linguistica: siciliano.
Note: la segnatura non riconduce «ad alcuna di quelle in uso presso questo Archivio Segreto Vaticano né è stato possibile concordarla in alcun modo alle segnature attuali» (comunicazione privata di Marco Grilli, Segretario della Prefettura [28.09.2013]).
Bibliografia: Russo 1962: 41; Crupi 2002: 140; Aprile 2009: 358.

 

196[3] Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, 31, 120
Note: la segnatura è del tutto errata (comunicazione privata di Giovanna Rao, Responsabile del Settore Manoscritti, Rari e Tutela della Biblioteca Medicea Laurenziana [10.10.2013]).
Bibliografia: Frassanito e Bernini 1995-96: 35.

 

197[4] Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, Leop. LVIII
Datazione: sec. XV.
Titolo: Trattato della generazione e della nattivitate del cavallo.
Descrizione: cartaceo, cc. 40.
Il trattato è adespoto.
Note: la «segnatura Leop. LVIII non corrisponde ad alcun codice nostro» (comunicazione privata di Giovanna Rao, Responsabile del Settore Manoscritti, Rari e Tutela della Biblioteca Medicea Laurenziana [10.10.2013]).
Bibliografia: Russo 1962: 47; Crupi 2002: 144; Aprile 2009: 358.

 

198[5] Firenze?, Biblioteca Palatina, 296
Varietà linguistica: siciliano.
Descrizione: il testo è vergato a penna.
Note: questo manoscritto è usato come fonte nella V edizione del Vocabolario degli Accademici della Crusca, dove si legge «Testo a penna della biblioteca Palatina, segnato di n. 296» (vol. I: XCI, s. v. Ross. G. Masc.), senza chiarire città e fondo della biblioteca; questa fonte è ripresa, tramite il Vocabolario, dal GDLI, che non chiarisce le incognite ma si limita a citare le informazioni fornite dagli accademici (cf. Indice degli autori citati: 243), mentre Gualdo 1998a: 146 aggiunge che il testo è un «volgarizzamento siciliano». Si tratta probabilmente di un codice appartenuto alla dissolta Biblioteca Palatina di Firenze; è meno verosimile che il riferimento sia alla Biblioteca Palatina di Parma, dove peraltro di esso non vi è traccia (comunicazione privata del 23.12.2013 di Sabina Magrini, direttore della biblioteca).
Bibliografia: Crusca, V ed., I: XCI; GDLI, Indice degli autori citati: 243;
Gualdo 1998a: 146.

 

199[6] London (Gran Bretagna), British Library, Add.
Datazione: sec. XIII.
Note: Frassanito e Bernini 1995-96: 138 dichiarano di ricavare questa segnalazione da Delprato 1865: XXX e Delprato 1867, II: 223, il quale, sebbene non riporti alcuna indicazione del fondo in cui questo codice sarebbe conservato, sembra riferirsi verosimilmente al ms. London BL Harley 3535.
Bibliografia: Delprato 1865: XXX; Delprato 1867, II: 223; Frassanito e Bernini 1995-96: 138.

 

200[7] London (Gran Bretagna), British Museum
Titolo: Mascalcia de li cavalli.
Note: probabilmente si tratta del ms. London BL Add. 16387 o del ms. London BL Harley 3535.
Bibliografia: Russo 1962: 48; Crupi 2002: 146.

 

201[8] Milano, Biblioteca Trivulziana, Triv. 276
Datazione: sec. XVII.
Descrizione: cartaceo.
Note: il codice ad oggi risulta disperso.
Bibliografia: Porro 1884: 396; Trolli 1990a: 172; Frassanito e Bernini 1995-96: 141; Aprile 2009: 359; Montinaro 2009a: 59; Montinaro 2011a: 57.

 

202[9] Paris (Francia), Bibliothèque de l’Arsenal, 913
Titolo: Delle infermità de cavalli.
Datazione: sec. XV.
Explicit: (prologo) pò qualchuno che vuole iprendere studi (Russo 1962:
48).
Descrizione: cartaceo.
Note: questo codice non è identificabile né attraverso le segnature attuali del fondo in lingua italiana della Bibliothèque de l’Arsenal, che vanno da n° 8501 a n° 8599, né attraverso le antiche segnature, che non contemplano la collocazione 913 (cf. Mazzatinti 1886-1888 e BnF archives et manuscrits [19.10.2013]).
Bibliografia: Russo 1962: 48; Crupi 2002: 146; Aprile 2009: 360.

 

203[10] Paris (Francia), Bibliothèque nationale de France, 7048 Datazione: sec. XV.
Note: questo codice non è identificabile né attraverso le segnature attuali del fondo italien della Bibliothèque nationale, che arrivano al n° 2365, né attraverso le antiche segnature regie, che non contemplano fra i codici in lingua italiana la collocazione 7048 (cf. Mazzatinti 1886-1888 e BnF archives et manuscrits [19.10.2013]).
Bibliografia: Russo 1962: 48; Crupi 2002: 146.

 

204[11] Pavia, Biblioteca Universitaria, Ital. 66
Autore: Daniele Cremonese.
Titolo: Libro della mascalcia.
Note: il volgarizzamento sarebbe stato commisionato da re Enzo, figlio di Federico II. Al riguardo Aprile 2009: 360, n. 91 opportunamente dichiara: «la notizia va ovviamente verificata ed è sospetta per motivi cronologici».
Carla Mazzoleni, bibliotecaria della Biblioteca Universitaria, informa che il manoscritto non è rintracciabile nei fondi della biblioteca, dove peraltro non è mai stata usata la collocazione
«Ital.» con cui Russo 1962: 43 cita il codice (comunicazioni private del 09-10.06.2014).
Bibliografia: Russo 1962: 43; Crupi 2002: 141; Aprile 2009: 360, n. 91.

 

205[12] Torino, Biblioteca Reale
Note: potrebbe trattarsi del ms. To BNU N IV 122, ma non ci sono elementi utili per verificarlo.
Bibliografia: Heusinger 1853: 42; Moulé 1891-1923, II, II: 28; Frassanito e Bernini 1995-96: 149-50.

 

206[13] Già collezione privata di Angelo Damiani
Datazione: sec. XV.
Varietà linguistica: siciliano.
Descrizione: cartaceo.
Note: Delprato 1865: XXX riporta un titolo lievemente diverso: liber maniscalcie.
È plausibile che questo manoscritto vada identificato con il ms. Ve BNM It. Cl. III 27; c’è infatti più di un elemento che induce a questa conclusione: i due codici hanno lo stesso titolo (Liber manescalchiae [è estratto dall’incipit]), una datazione congetturale simile, se non uguale (per Ve BNM It. Cl. III 27 si varia tra il sec. XIV fine e il sec. XV), sono ritenuti vergati in siciliano e sono cartacei; non è trascurabile infine la circostanza che Angelo Damiani fosse veneto (cf. Molin 1818: XIV) e che il ms. Ve BNM It. Cl. III 27 adesso sia conservato proprio in una biblioteca veneta.
Bibliografia: Molin 1818: XIV-XV; Heusinger 1853: 40-1; Delprato 1865: XXX; Delprato 1867, II: 32; Di Giovanni 1871-1879, I: 99; Moulé 1891-1923, II, II: 28; Frassanito e Bernini 1995-96: 150.

 

207[14] Già collezione privata del prof. De Filippi di Torino
Datazione: sec. XIII.
Note: Moulé 1891-1923, II, II: 28 per errore modifica il cognome del proprietario in «Filippo».
Bibliografia: Moulé 1891-1923, II, II: 28; Russo 1962: 50; Frassanito e Bernini 1995-96: 127; Crupi 2002: 148; Montinaro 2009a: 71.

 

208[15] Già collezione privata di Pietro Delprato?
Datazione: sec. XV.
Descrizione: cartaceo.
Bibliografia: Delprato 1865: CXXVIII-CXXIX.

 

209[16] Già collezione privata di Tommaso Giuseppe Farsetti, ms. XVIII
Titolo: Libro della marescalcia.
Datazione: sec. XV.
Incipit: (prologo) Conciosiacosaché intra tutti gli animali creati (Morelli 1771: 152; Delprato 1867, II: 31).
Descrizione: cartaceo.
Note: i manoscritti appartenuti a Tommaso Giuseppe Farsetti sarebbero da identificare tra quelli attualmente posseduti dalla Biblioteca Nazionale Marciana, poiché in essa nel 1792 confluì il suo patrimonio librario.
Bibliografia: Morelli 1771: 152-54; Delprato 1867, II: 31-2; Russo 1962: 50; Frassanito e Bernini 1995-96: 127; Crupi 2002: 147; Montinaro 2009a: 71.

 

210[17] Già collezione privata di Tommaso Giuseppe Farsetti, ms. CXVII
Titolo: Trattato di mascalcia.
Datazione: sec. XVII fine.
Varietà linguistica: toscano.
Incipit: (prologo) Conciosiacosaché intra tutti gli animali creati (Morelli 1771: 302).
Descrizione: cartaceo.
Il codice è miscellaneo.
Note: il volgarizzamento viene datato al sec. XIV da Morelli 1771: 302.
Frassanito e Bernini 1995-96: 126, 127 computano erroneamente due volte il codice: la prima volta (126) lo localizzano nella biblioteca privata di Pietro Delprato, la seconda volta (127) nella biblioteca privata di Giuseppe Farsetti. I manoscritti appartenuti a Tommaso Giuseppe Farsetti sarebbero da identificare tra quelli attualmente posseduti dalla Biblioteca Nazionale Marciana, poiché in essa nel 1792 confluì il suo patrimonio librario.
Bibliografia: Morelli 1771: 152-53, 301-03; Delprato 1867, II: 32; Frassanito e Bernini 1995-96: 126, 127; Montinaro 2009a: 71.

 

211[18] Già collezione privata di Ambroise Firmin-Didot, ms. 31 Autore: pre’ Pascarello de Carducio.
Titolo: Libro de la Menescalcia.
Datazione: 1396 post.
Descrizione: membranaceo, cc. 80. La legatura è del sec. XV e presenta damaschinature. Come si ricava dal poscritto, il trattato fu vergato a Trani su commissione del cavaliere mess. Jacobo de la Croce, dal quale il codice passò, verosimilmente nel 1434, al genero Morello scolaro. Il copista del codice, pre’ Pascarello de Carducio, riproduce probabilmente il volgarizzamento approntato nel marzo 1396 da Jannaci de Nolaro Nicola, de Jannaci de Jovenaczo (i lacerti del codice citati dal Catalogue Firmin-Didot, V: 47-8 purtroppo non permettono di chiarire univocamente la relazione tra i due personaggi). Il manoscritto è appartenuto a Jean-Baptiste Huzard ed è segnalato con il numero 3502 in Leblanc 1842 (cf. n. 107).
Note: Leblanc 1842: III, VI; Moulé 1891-1923, II, II: 28; Frassanito e Bernini 1995-96: 138 datano il codice al sec. XV.
Si registra la seguente sottoscrizione: «Quisto libro sie scripto illa cità de Trani a nome de uno gentil cavalieri lo quale à nome mess. Jacobo de la croce, scripto per mane de uno piczulo previti de la dicta tierra, lu quale à nome pre [padre] Pascarello de Carducio. Finitu è quistu libru, sit laus et gloria cristo» (Catalogue Firmin-Didot, V: 48).
Dai dati in nostro possesso non è possibile identificare il manoscritto; ci si può limitare a rilevare che il ms. East Lansing MSUL Veterinary Medicine Historical Collection 29 è l’unico codice in italoromanzo censito che consta di cc. 80.
Bibliografia: Leblanc 1842: III, VI, 322; Heusinger 1853: 42; Catalogue Firmin-Didot, V: 47-9; Meyer 1894: 350, n. 3; Moulé 1891-1923, II, II: 28; Russo 1962: 50; Frassanito e Bernini 1995-96: 137; Crupi 2002: 148; Montinaro 2009a: 71.

 

212[19] Già collezione privata dei conti Melzi
Datazione: sec. XIII metà.
Varietà linguistica: toscano.
Note: Frassanito e Bernini 1995-96: 126 riportano come datazione il sec. XIII e ritengono dubitativamente che il manoscritto sia vergato in latino.
Bibliografia: Delprato 1865: LXV; Di Giovanni 1871-1879, I: 99; Frassanito e Bernini 1995-96: 126; Montinaro 2009a: 71.

 

213[20] Già collezione privata di Jacopo Nani
Note: Tiraboschi 1805-1813, IV: 213, n., ripreso da Delprato 1867, II: 36, n. 1, afferma che «dell’opera di Ruffo trovansi copie in altre librerie, e tra esse nella Nani in Venezia». In questa catalogazione dei manoscritti non identificabili univocamente si indica simbolicamente un solo codice a testimonianza di varie segnalazioni. I codici appartenuti alla Biblioteca Naniana sarebbero da identificare tra quelli attualmente posseduti dalla Biblioteca Nazionale Marciana, poiché in essa nel 1797 confluì il patrimonio librario di Jacopo Nani.
Bibliografia: Tiraboschi 1805-1813, IV: 213, n.; Delprato 1867, II: 36, n. 1; Frassanito e Bernini 1995-96: 152.

 

214[21] Già collezione privata del marchese di Paulmy
Datazione: sec. XIV.
Descrizione: membranaceo. Il trattato è incompleto.
Note: Frassanito e Bernini 1995-96: 147 per errore computano due volte il codice, scambiando un riferimento bibliografico leggibile in Moulé 1891-1923, II, II: 28 (1521-1530) per una segnatura.
Bibliografia: Moulé 1891-1923, II, II: 28; Frassanito e Bernini 1995-96: 147; Montinaro 2009a: 72.

 

215[22] Già collezione privata del re di Francia
Bibliografia: Tafuri 1744-1770, II, I: 400.

 

216[23] Già collezione privata di Apostolo Zeno, Ital. 118
Titolo: Della mascalcia dei cavalli.
Bibliografia: Russo 1962: 45; Crupi 2002: 143.

Francese [tot. 2]

217[1] Già S. Germain-des-Prés, Biblioteca Coislin, 1126
Titolo: Mareschallerie.
Note: Moulé 1891-1923, II, II: 29 si chiede se questo codice possa essere identificato con una versione francese segnalata da Delprato 1867, II: 36, n. 1, il quale cita un passo di Tiraboschi 1805-1813, IV: 213, n.: «il sig d. Jacopo Morelli afferma di aver veduta nella pubblica libreria di Padova una traduzione francese di questo libro [mascalcia di Ruffo], e di un’altra opera di somigliante argomento fatta da un certo Daniello Cremonese ad istanza di Enzo figlio dell’imp. Federico II» (il secondo codice corrisponde a quello registrato, sempre in questa sezione, con i seguenti dati: Pavia, Biblioteca Universitaria, Ital. 66).
Bibliografia: Heusinger 1853: 42; Moulé 1891-1923, II, II: 29; Frassanito e Bernini 1995-96: 127; Montinaro 2009a: 69-70.

 

218[2] Collezione privata di Renato Moreo
Bibliografia: Tafuri 1744-1770, II, I: 400.

 

3.3. Elenco degli antichi testimoni a stampa [TOT. 16]

 

3.3.1. Italoromanzo19 [tot. 16]

Sec. XV [tot. 1]

  • 20 Per informazioni su Gabriele Bruno cf. DBI, s. v., sebbene i riferimenti alla sua traduzione del De (...)

219[1] Arte de cognoscere la natura de cavael, traduzione di Gabriele Bruno, Venezia, Piero Bergamascho, 1493 = Bruno 149320
Localizzazione del trattato: cc. 2r-29v.
Incipit: (prologo) Essendo tra tuti animali da l’onnipotente Dio creati; (testo) Capitulo primo de la generatione et natività del cavallo. || De la generatione et de la natività del cavallo volendo prima scrivere.
Explicit: (testo) et tanto più li çova el mançare; (sottoscrizione) provato ne li cavali del predicto imperatore ne la sua presentia.
Descrizione: 4°, cc. I + 32 + I’.
Luogo di conservazione: Bo BA; Gotha FL; London BL; Oxford
BL; Paris BnF; Ve BNM; Ve BFGC; Washington DC LC.
Note: carta 2 è segnata a matita 1.
Su questa edizione, verosimilmente la princeps, si registrano informazioni discordanti in riferimento al titolo, alla datazione e allo stampatore. In particolare tradizionalmente viene datata al 1492, sebbene la copia ispezionata risalga al 1493 e ISTC confermi questa datazione anche per gli altri esemplari censiti. Per Delprato 1865: LXV-LXVI la fonte usata per la traduzione è un codice latino conservato a Torino (non si precisa la biblioteca).
Bibliografia: Tiraboschi 1805-1813, IV: 213, n.; Molin 1818: XVII; Heusinger 1853: 42; Brunet 1860-1865, IV: 1454b-455a; Delprato 1865: LXV-LXVI; Delprato 1867, II: 35; Catalogue Firmin-Didot, V: 48; Meyer 1894: 350; Moulé 1891-1923, II, II: 29; De Marinis 1947-1952, II: 146; Russo 1962: 51-2; Agrimi 1976: 49, 138; Prévot 1991: 7; Gaulin 1994: 433; Olrog Hedvall 1995: 22-3; Causati Vanni 2000: LVIII; Causati Vanni 2005: 132-33; Gualdo 2005: 84b; Pérez Barcala 2005: 101, n. 13; Aprile 2009: 361; Bertelli 2009: 390-91, n. 5; Brunori Cianti 2011: 182a, n. 3; Pérez Barcala 2013: 59; Catalogo Frati Sorbelli: s. v. Ruffo, Giordano; Internet culturale [27.11.2013]; ISTC [24.06.2014]; i. d. [Bo BA 02.03.2014].

 

Sec. XVI [tot. 14]

 

220[1] Opereta molto utile a cognoscere la natura del cavalo, Milano, Iohanne Anzelo Scinzenzeler, 1501 = Scinzenzeler 1501
Descrizione: 4°, cc. 24.
Note: non è stato individuato alcun esemplare di questo testimone.
Bibliografia: EDIT16 [06.01.2014]; Internet culturale [06.01.2014].

 

221[2] Libro de la natura di cavalli, Venezia, Iohane Baptista Sessa, 1502 = Iohane Sessa 1502
Titolo del trattato: Libro del muodo de governar cavalli [†].
Localizzazione del trattato: cc. 2r-28r; 42v-43v.
Incipit: (prologo) Esando el cavallo; (testo) De le zeneration, natura et natività et nutrimento del cavallo. Cap. II. || El cavallo die fir zenerado dal stallone ben et diligentemente guardado.
Explicit: (testo) meglio se cognosse nel cavallo magro che ne lo grasso.
Descrizione: 4°, cc. 44.
Il testimone è miscellaneo, tramandando anche un trattato di falconeria e figure di morsi.
Luogo di conservazione: Rm BNC.
Note: la versione del trattato è interpolata. Il testimone ispezionato si legge alle carte segnate 231 (corrispondente a c. 232)-274 (corrispondente a c. 275) di un libro composito. Il testo impresso sui margini superiori laterali non è più leggibile, a causa di danneggiamento delle carte.
Un’ispezione condotta nella Biblioteca Apostolica Vaticana (23.01.2014) ha consentito di escludere che il libro si trovi anche in questa sede, a differenza di quanto affermato da EDIT16 e Internet culturale.
Bibliografia: Zambrini 1884: 610b; EDIT16 [15.12.2013]; Internet culturale [15.12.2013]; i. d. [Rm BNC 17.12.2013].

 

222[3] Libro de la natura di cavalli, Venezia, Melchiorem Sessa, 1508 = Melchiorem Sessa 1508
Titolo del trattato: Libro del modo de governar cavalli et medegarli.
Localizzazione del trattato: cc. 2r-28r; 42v-43v.
Incipit: (prologo) Siando el cavallo el mullo animali de gran priesio et utilissimi a la generatione humana; (testo) De le zeneration, natura et natività et nutrimento del cavallo. Capitolo II. || El cavallo die sir zenerado dal stallone ben et diligentemente guardado.
Explicit: (testo) meglio se cognosse nel cavallo magro che ne lo grasso.
Descrizione: 4°, cc. II + 44 + II’.
Il testimone è miscellaneo, tramandando anche un trattato di falconeria al quale seguono figure di morsi e il rubricario di entrambi i trattati.
Luogo di conservazione: CV BAV; Fi BML; Mn BC; Pa BCRS; Sevilla BCC.
Note: dei due testimoni ispezionati nella BAV, quello segnato R.G.Medic.IV.2302 è privo delle carte 26 e 27 e presenta una sola carta di guardia, mentre quello segnato R.G.Medic.IV.2303 manca della legatura e ha le carte iniziali molto danneggiate.
Bibliografia: Zambrini 1884: 610b; Bertelli 2009: 391, n. 5; CRVB [15.12.2013]; EDIT16 [15.12.2013]; Internet cultural [15.12.2013]; i. d. [CV BAV 07.02.2014].

 

223[4] Libro de la natura di cavalli, Milano, Angelo Scinzenzeler, 1517 = Scinzenzeler 1517
Titolo del trattato: Libro del modo de governar cavall et medegarli.
Localizzazione del trattato: cc. 1v-29v, 34v-35v.
Incipit: (prologo) Siando el cavalo el mullo animali de gran pretio et utilissimi a la generatione humana; (testo) De la generation, natura et natività et nutrimento del cavalo. Capitolo II. || El caval dè sir generado dal stallone ben et diligentemente guardato (p. v. [Lucca BS]).
Explicit: (testo) nel cavalo magro che ne lo grasso (p. v. [Lucca BS]).
Descrizione: 4°, cc. 36.
Il testimone è miscellaneo, tramandando anche un trattato di falconeria.
Luogo di conservazione: Lu BS; To BR.
Bibliografia: Zambrini 1884: 610b; Leclainche 1936: 105; Russo 1962: 52; Leclainche 1995b: 186; EDIT16 [15.12.2013]; Internet culturale [15.12.2013].

 

224[5] Libro dela natura di cavalli, Venezia, Malchior Sessa et Pietro de Ravani compagni, 1517 = Sessa–Ravani 1517
Titolo del trattato: Libro del modo de governare cavalli et medegarli.
Localizzazione del trattato: cc. 190r-215v; 229v-230v.
Incipit: (prologo) Siando el cavallo el mullo animali de gran priesio et utilissimi a la generatione humana; (testo) De le generation, natura et natività et nutrimento del cavallo. Capitolo II. || El cavallo die sir zenerado dal stallone ben et diligentemente guardado.
Explicit: (testo) meglio se cognosse nel cavallo magro che ne lo grasso.
Descrizione: 4°, cc. 44.
Il testimone è miscellaneo, tramandando anche un trattato di falconeria al quale seguono figure di morsi e il rubricario di entrambi i trattati.
Luogo di conservazione: Bo BU; Ve BFGC.
Note: il testimone ispezionato si legge alle cc. 189-231 di un libro composito, che tramanda anche de’ Rossi 1561.
Bibliografia: CRVB [15.12.2013]; EDIT16 [15.12.2013]; Internet culturale [15.12.2013]; i. d. [Bo BU 04.02.2014].

 

225[6] Libro dela natura di cavalli, Venezia, Iovanne Tacuino, 1519 = Tacuino 1519
Localizzazione del trattato: cc. 3r-48v; 65v-67v.
Titolo del trattato: Libro del modo de governar cavalli et medegarli.
Incipit: (prologo) Siando el cavallo el mullo animali de gran priesio et utilissimi a la generatione humana; (testo) Da le generacion, natura et natività et nutrimento del cavallo. Capitulo ij. || El cavallo dì essir zenerado dal stallone ben et diligentemente guardado.
Explicit: (testo) meglio se cognosce nel chavallo magro che ne lo grasso.
Descrizione: 8°, cc. II + 68 + II’.
Il trattato è interpolato. Il testimone è miscellaneo, tramandando anche un trattato di falconeria, al quale seguono figure di morsi e il rubricario di entrambi i trattati.
Luogo di conservazione: Av BP; Bethesda NLM; Ve BNM.
Bibliografia: Zambrini 1884: 610b; Dunlop–Williams 1996: 225, fig. 193; EDIT16 [15.12.2013]; Internet culturale [15.12.2013]; i. d. [Ve BNM 31.03.2014].

 

226[7] Libro de la natura de li cavalli, Venezia, Giovanne Tacuino da Trino, 1524 = Tacuino 1524
Titolo del trattato: Libro del modo de governare cavalli et medegarli.
Localizzazione del trattato: cc. 2r-48v; 65v-67v.
Incipit: (prologo) Siando el cavallo et el mulo animali de gran precio et utilissimi alla generatione humana; (testo) De le generatione, natura et natività et nutrimento del cavallo. Capitulo ij. || El cavallo dì essere generato dal stallone ben et diligentemente guardato.
Explicit: (testo) meglio se cognosce nel cavallo magro che ne lo grasso.
Descrizione: 8°, cc. 68.
Il trattato è interpolato. Il testimone è miscellaneo, tramandando anche un trattato di falconeria, al quale seguono figure di morsi e il rubricario di entrambi i trattati.
Luogo di conservazione: An BC; Bo BU; Ra IBC; Sevilla BCC; Tv BC.
Note: il testimone ispezionato è stato restaurato nel 2007.
Bibliografia: Foschini 2012; EDIT16 [15.12.2013]; Internet cultural [15.12.2013]; i. d. [Bo BU 04.02.2014].

 

227[8] Libro della natura delli cavalli, Venezia, Francesco Bindoni & Mapheo Pasini compagni, 1537 = Bindoni–Pasini 1537
Titolo del trattato: Libro del modo de governare cavalli et medegarli.
Localizzazione del trattato: cc. 2r-38r.
Incipit: (prologo) Siando el cavallo et el mulo animali de gran precio et utilissimi alla generatione humana; (testo) Delle generatione, natura et natività et nutrimento del cavallo. Capitolo I. || El cavallo dì essere generato dal stallone ben et diligentemente guardato.
Explicit: (testo) meglio se conosce nel cavallo magro che ne lo grasso.
Descrizione: 8°, cc. 43 + [12] + I’.
Il testimone è miscellaneo, tramandando anche un trattato di falconeria, al quale seguono figure di morsi e il rubricario di entrambi i trattati. Il testo di Ruffo, interpolato (soprattutto nella parte finale), si legge alle cc. 112r-150r del libro, il quale nella parte iniziale trasmette anche un altro trattato di mascalcia.
Luogo di conservazione: Fi BNC; Li BC; Reims BM; Rm BC; Tv BC.
Note: è probabilmente una nuova stampa dell’ed. Tacuino 1524. Zambrini 1884: 610a ritiene che il formato sia in 4°.
Bibliografia: Zambrini 1884: 610a; EDIT16 [05.12.2013]; Internet culturale [05.12.2013]; i. d. [Rm BC 23.01.2014].

 

228[9] Libro della natura dei cavalli, Venezia, F. Bindoni & M. Pasini, 1544 = Bindoni–Pasini 1544
Descrizione: 8°.
Note: non è stato individuato alcun esemplare di questo testimone.
Bibliografia: EDIT16 [05.01.2014]; Internet culturale [05.01.2014].

 

229[10] Della domatione del poledro, Venezia, il Biondo, 1549 = il Biondo 1549
Localizzazione del trattato: cc. 1v; 3r-21r.
Incipit: (prologo) Doppo che fra gli altri animali, nessun animal guadrupede si trova più nobile del cavallo, creato come si vede dal summo fattore delle cose; (testo) Della generatione del cavallo. Cap. 1. || Adunque nanzi che io dica altro, cominciando scrivere della generatione del cavallo, et della sua natività, dico che’l cavallo debbe essere generato dal stalone studiosamente.
Explicit: (testo) et quasi da molti si dice essere incurabile.
Descrizione: 8°, cc. [1] + 23 + II’.
Luogo di conservazione: Bo BA; CV BAV; Fi BNC; Pc BC; Pg BU; Rm BM; Rm BUA; Ve BCMC; Ve BNM.
Bibliografia: EDIT16 [15.12.2013]; Internet culturale [15.12.2013]; i.d. [CV BAV 17.12.2013].

 

230[11] Libro dell’arte de marascalchi, Venezia, heredi di Giovanne Padoano, 1554 = Padovano 1554
Localizzazione del trattato: cc. 1r-44v.
Incipit: (prologo) Essendo tra tutti animali da l’omnipotente dio creati a l’uso et utile de l’homo el cavallo per el più nobile et el più gentil; (testo) Capitulo primo de la generatione et natura del cavallo. || De la generatione et de la natività del cavallo volendo prima scrivere, dico chel cavallo se debbe generare da stallone con studio et diligentia.
Explicit: (testo) tanto più gli zova el manzare; (sottoscrizione) havea provato nelli cavalli del predetto imperatore nella sua presentia.
Descrizione: 8°, cc. 43.
Il testimone ispezionato si legge alle cc. 112 (segnata 1, ma corrispondente a c. 2)-154 (segnata 44, ma corrispondente a c. 41) di un libro composito.
Luogo di conservazione: Bo BU; Mi BUFMV; Na BN; Pc BC; Rm BA; Rm BANLC.
Note: Russo 1962: 52 e Frassanito e Bernini 1995-96: 126, n. 181 segnalano che si tratta di una edizione realizzata sulla base del volgarizzamento prodotto da Gabriele Bruno, maestro di teologia, per la stampa del 1492 [ma 1493: cf. sopra].
Delprato 1865: CXXVI reca marescalchi invece di marascalchi (Delprato 1867, II: 35 riporta la variante con la maiuscola iniziale: Marescalchi).
Bibliografia: Heusinger 1853: 42; Brunet 1860-1865, IV: 1455a; Delprato 1865: CXXVI; Delprato 1867, II: 35; Catalogue Firmin-Didot, V: 48; Zambrini 1884: 610b; Meyer 1894: 350; Moulé 1891-1923, II, II: 30; Russo 1962: 52; Agrimi 1976: 49, 138; Prévot 1991: 7; Gaulin 1994: 433; Frassanito e Bernini 1995-96: 126, n. 181; Causati Vanni 2000: LVIII; Causati Vanni 2005: 132-33; Pérez Barcala 2005: 101, n. 13; Brunori Cianti 2011: 182a, n. 3; Pérez Barcala 2013: 59, n. 163; Catalogo Frati Sorbelli: s. v. Ruffo, G.; EDIT16 [15.12.2013]; Internet culturale [15.12.2013]; i. d. [Rm BA 17.12.2013].

 

231[12] Delle mascaltie del cavallo, Venezia, Rutilio Borgominiero, 1561 = Borgominiero 1561
Localizzazione del trattato: cc. 2r-7v; 9r-73r.
Incipit: (prologo) Fra tutte le cose che s’appartengono all’uso dell’huomo; (testo) In che guisa si deve generar il cavallo, e di che fatta debb’essere la cavalla. || Innanzi che ’l cavallo si congiunga con la cavalla, si debbe con molta cura, et diligenza avvertire che lo stallone sia soavemente cavalcato.
Explicit: (testo) le quali cose fanno saldar la carne, et rinovar l’unghia.
Descrizione: 8°; cc. II + 96 + I’.
Il testimone è miscellaneo, tramandando anche altre ricette di mascalcia.
Note: le carte che tramandano il trattato di Ruffo sono segnate 1-65 (il prologo e il rubricario non sono numerati).
«La stampa [...] presenta una redazione rimaneggiata dell’opera di Ruffo, con intercalate ricette per altri animali e rari riferimenti astrologici [...] e apotropaici» (Benedetti 2006: 306, n. 26).
Luogo di conservazione: Bethesda NLM; Bo BA; Bo BU; Cs BC; Mt BP; Tr BC.
Bibliografia: testo riprodotto in Crupi 2002; Brunet 1860-1865, IV: 1455a; Catalogue Firmin-Didot, V: 48; Meyer 1894: 350; Moulé 1891-1923, II, II: 30; IMBI, XXXVI: 109; Russo 1962: 52; Agrimi 1976: 49, 138; Prévot 1991: 7; Olrog Hedvall 1995: 23-4; Frassanito e Bernini 1995-96: 126, n. 181; Causati Vanni 2000: LVIII; Causati Vanni 2005: 133; Benedetti 2006: 306, n. 26; Bertelli 2009: 409, 418; Brunori Cianti 2011: 182a, n. 3; Pérez Barcala 2013: 59; EDIT16 [05.01.2014]; Internet cultural [05.01.2014]; i. d. [Bo BU 04.02.2014].

 

  • 21 In entrambi i testi di Causati Vanni si registrano errori nella trascrizione del frontespizio.

232[13] Il dottissimo libro non più stampato delle malscalzie del Cavallo, Bologna, Giovanni de’ Rossi, 1561 = de’ Rossi 1561
Localizzazione del trattato: cc. 4r-5r; 6r-65v.
Incipit: (prologo) Fra tutte le cose che s’appartengono all’uso dell’huomo, se diligentemente consideriamo, senza dubbio alcuno trovaremo il Cavallo esserli sommamente necessario; (testo) In che guisa si deve generar il cavallo, et di che fatta debb’essere la cavalla. || Innanti che’l cavallo si congionga con la cavalla.
Explicit: (testo) le quali cose fa saldar la carne, et rinovar l’unghia.
Descrizione: 4°, cc. 62.
Il testimone è miscellaneo, tramandando anche ricette varie e un altro trattato di mascalcia.
Luogo di conservazione: Bethesda NLM; Bo BA; Bo BU; Fi BNC; Mi BUFMV; Oxford BL; Ozzano dell’Emilia (Bo) BUFMV; Rm BL; Rm BM; Rm BUA; Soriano Calabro (Vv) BC; Ve BNM.
Note: il testimone ispezionato si legge alle cc. 107-168 di un libro composito, che tramanda anche Sessa–Ravani 1517. Le carte che trasmettono il trattato di Ruffo sono segnate 1-80 (il prologo e il rubricario non sono numerati).
Russo 1962: 52 ritiene che questa stampa tramandi un testo «alquanto differente» da quello dell’edizione del 1492 [ma 1493: cf. sopra], «che è più aderente al testo latino». Frassanito e Bernini 1995-96: 20, 130-31 confondono questa stampa con un manoscritto.
Bibliografia: Morelli 1776: 71; Molin 1818: XVIII-XX; Heusinger 1853: 42; Brunet 1860-1865, IV: 1455a; Delprato 1867, II: 35; Catalogue Firmin-Didot, V: 48; Zambrini 1884: 610b; Meyer 1894: 350; Moulé 1891-1923, II, II: 30; Agrimi 1976: 49, 138; Prévot 1991: 7; Lazzi–Rolih Scarlino 1994, I: 236, II: 466; Olrog Hedvall 1995: 24; Frassanito e Bernini 1995-96: 20, 126, n. 181, 130-31; Causati Vanni 2000: LVIII; Causati Vanni 2005: 133;21 Pérez Barcala 2005: 101, n. 13; Brunori Cianti 2011: 182a, n. 3; Pérez Barcala 2013: 59, n. 163; Alm@DL [31.10.2013]; Catalog [31.10.2013]; CRVB [31.10.2013]; EDIT16 [31.10.2013]; i. d. [Bo BU 02.04.2014].

 

233[14] Libro dell’arte de marascalchi, Venezia, Francesco de Leno, 1563 = de Leno 1563
Localizzazione del trattato: cc. 2r-41v.
Incipit: (prologo) Essendo tra tutti animali da l’omnipotente Dio creati a l’uso et utile de l’homo el cavallo per el più nobile et più gentil; (testo) Capitulo primo de la generatione et natura del cavallo. || De la generatione et de la natività del cavallo volendo prima scrivere, dico chel cavallo se debbe generare da stalone con studio et diligentia.
Explicit: (testo) segno de ingrassarse et tanto più gli zova el manzare; (sottoscrizione) havea provato nelli cavalli del predetto Imperatore nella sua presentia.
Descrizione: 8°, cc. 43.
Luogo di conservazione: Av BP; Fi BNC; Rm BUA; Scido (Rc) BC.
Note: Russo 1962: 52 afferma che questa stampa si basa sul testimone del 1492 [ma 1493: cf. sopra].
Questa edizione ha avuto due ristampe, Brescia 1611 e 1640 (Frassanito e Bernini 1995-96: 126, n. 181; Causati Vanni 2000: LVIII; Causati Vanni 2005: 133). Cinelli Calvoli 1734-1747, III: 188 indica un titolo lievemente diverso: mariscalchi invece di marascalchi.
Bibliografia: Cinelli Calvoli 1734-1747, III: 188; Morelli 1771: 152-53; Morelli 1776: 71; Molin 1818: XVIII-XX; Heusinger 1853: 42; Brunet 1860-1865, IV: 1455a; Catalogue Firmin-Didot, V: 48; Meyer 1894: 350; Moulé 1891-1923, II, II: 30; Russo 1962: 52; Agrimi 1976: 49, 138; Prévot 1991: 7; Frassanito e Bernini 1995-96: 126, n. 181; Causati Vanni 2000: LVIII; Causati Vanni 2005: 133; Brunori Cianti 2011: 182a, n. 3; Pérez Barcala 2013: 59, n. 163; EDIT16 [15.12.2013]; Internet cultural [15.12.2013]; i. d. [Rm BUA 24.01.2014].

Sec. XVII [tot. 1]

234[1] Arte de cognoscere la natura de cavalli, Brescia, Tomaso Ferante, 1611 = Ferante 1611
Localizzazione del trattato: cc. 1r-33v.
Incipit: (prologo) Essendo tra tutti animali da l’omnipotente Dio creati ad uso et utile de l’homo; (testo) Capitulo primo de la generatione et natività del cavallo. || De le generatione et de la natività del cavallo volendo prima scrivere (p. v. [London BL]).
Explicit: (testo) tanto più li zova el manzare; (sottoscrizione) ne li cavalli del predicto Imperatore ne la sua presentia (p. v. [London BL]).
Descrizione: 4°, cc. 33.
Luogo di conservazione: London BL.
Note: ISTC ritiene che il volume sia in 8°.
Bibliografia: Russo 1962: 52; Explore British Library [02.12.2013]; ISTC [02.12.2013].

3.4. Elenco delle edizioni moderne [TOT. 20]

3.4.1. Edizioni a stampa [tot. 9]

Latino [tot. 2]

235Sec. XIX [tot. 1]
[1] Jordani Ruffi Calabriensis Hippiatria, a c. di Geronimo Molin, Padova, Typis Seminarii Patavini, 1818 = Molin 1818
Note: si fornisce l’edizione del ms. Ve (cf. § 2.2.2).

 

236Sec. XXI [tot. 1]
[1] Giordano Ruffo, Nelle scuderie di Federico II Imperatore ovvero l’arte di curare il cavallo (1999), a c. di Maria Anna Causati Vanni, Velletri, Vela, 20002 («Arte - Costume - Storia») = Causati Vanni 2000.
Note: questa edizione riproduce, con alcune modifiche non dichiarate e non motivate, il testo di Molin 1818, fornisce la traduzione a fronte in italiano e appronta un glossario selettivo privo della indicazione delle fonti e della bibliografia usate.

Italoromanzo [tot. 2]

237Sec. XX [tot. 2]
[1] Il Codice De Cruyllis-Spatafora in antico siciliano, del sec. XIV, contenente La Mascalcia di Giordano Ruffo, a c. di Giacomo De Gregorio, «Zeitschrift für romanische Philologie» 29 (1905): 566-606 = De Gregorio 1905
Note: si fornisce l’edizione del ms. R.

 

238[2] Giordano Ruffo, Lo libro dele marescalcie dei cavalli. Cod. 78 C 15 Kupferstichkabinett, Berlin. Trattato veterinario del Duecento, a c. di Yvonne Olrog Hedvall, Stockholm, Stockholms universitet, 1995 = Olrog Hedvall 1995
Note: si fornisce l’edizione del ms. B. Questa edizione, nonostante la sua indubbia utilità, presenta carenze e imperfezioni, come segnalato da Sandqvist 1996, Gualdo 1998b e Aprile 1999.

Francese [tot. 2]

239Sec. XX [tot. 1]
[1] La science du cheval au Moyen Age. Le Traité d’hippiatrie de Jordanus Rufus, éd. par Brigitte Prévot, Paris, Klincksieck, 1991 («Sapience», 2) = Prévot 1991
Note: l’edizione si basa sul ms. Pa. Prévot 1991 non cita i mss.
Bethesda NLM E 66, Ct BRU Vent. 27, CV BAV Reg. lat. 1212, né il frammento Ud AS 159.

 

240Sec. XXI [tot. 1]
[1] Old French Medical Texts, ed. by Tony Hunt, Paris, Classiques Garnier, 2011 («Textes littéraires du Moyen Âge», 18) = Hunt 2011
Note: alle pp. 245-79 si fornisce l’edizione del ms. London WL 546/5.

 

Gallego [tot. 3]

 

241Sec. XX [tot. 1]
[1] «Tratado de Albeitaria» por Jordan Rubio, de Calabria, ed. por Juan Domínguez Fontela, «Boletín de la Comision de Monumentós de Orense» 11-12 (1938-1940) [11: n° 238: 302-09, n° 239: 345-52, n° 240: 395-402, n° 241: 451-58, n° 242: 495-502, n° 243: 543-50; 12: n° 244: 13-20, n° 245: 93-100, n° 246: 109-15] = Domínguez Fontela 1938-1940
Note: si fornisce l’edizione del ms. G.

 

242Sec. XXI [tot. 2]
[1] Tratado de Albeitaria, Introdución, transcrición e glosario de José Luis Pensado Tomé, Revisión para a imprenta e edición en apéndice de Gerardo Pérez Barcala, Santiago de Compostela, Centro Ramón Piñeiro para a Investigación en Humanidades · Xunta de Galicia, 2004 = Pensado Tomé–Pérez Barcala 2004
Note: si fornisce l’edizione del ms. G.

 

243[2] A tradución galega do «Liber de medicina equorum» de Giordano Ruffo, ed. por Gerardo Pérez Barcala, A Coruña, Fundación Barrié de la Maza, 2013 = Pérez Barcala 2013
Note: si fornisce l’edizione del ms. G.

3.4.2. Tesi e dissertazioni [tot. 11]

Latino [1]

244Sec. XXI
[1] La «Marechaucie des chevaux», ou la traduction française du «De medicina equorum» de Jordanus Rufus. Edition critique, éd. par Brigitte Prévot, Lille, ANRT Université de Lille III, 1989 [thèse de doctorat nouveau régime, Université de Reims Champagne-Ardennes] = Prévot 1989.
Note: si fornisce l’edizione del ms. Paris BnF Lat. 5503.

Italoromanzo [tot. 6]

245Sec. XX [tot. 3]
[1] Das «Buch über die Stallmeisterei des Pferde» von Jordanus Ruffus aus dem
13. Jahrhundert (Abschrift, Übersetzung und veterinärmedizin-historische Bewertung)
, hrsg. von Thomas Hiepe, Inaugural-Dissertation zur Erlangung der tiermedizinischen Doktorwürde der Tierärztlichen Fakultät der Ludwig-Maximilians-Universität, München, 1990 = Hiepe 1990
Note: si appronta l’edizione del ms. B. Lo studio «fornisce un’edizione diplomatica, non esente da imperfezioni e priva di commento linguistico ma corredata, carta per carta, della traduzione tedesca» (Gualdo 1998b: 138a).

 

246[2] Il «Libro di mascalcia» di Cola de Jennaro (1479). Edizione, commento linguistico e glossario, a c. di Rita Antonella Urso, tesi di laurea discussa presso l’Università degli Studi di Lecce, a. a. 1990-91 (relatore: prof. Rosario Coluccia) = 1990-91
Note: si fornisce l’edizione del ms. V.

 

247[3] Edizione di un inedito volgarizzamento in siciliano medievale della mascalcia di Giordano Ruffo (Cod. Riccardiano 2934, cc. 35-58), a c. di Michela La Rosa, tesi di laurea discussa presso l’Università degli Studi di Catania, a. a. 1999-2000 (relatore: prof. Mario Pagano) = La Rosa 1999-2000
Note: si fornisce l’edizione parziale del ms. Fi BR 2934.

 

248Sec. XXI [tot. 3]
[1] Edizione di un inedito volgarizzamento in siciliano medievale della «Mascalcia» di Giordano Ruffo [Cod. Marciano It. III 27 (5008), cc. 2r-23r], a c. di Giuseppina Di Costa, tesi di laurea discussa presso l’Università degli Studi di Catania, a. a. 2000-01 (relatore: prof. Mario Pagano) = Di Costa 2000-01
Note: si fornisce l’edizione parziale del ms. Ve BNM It. Cl. III 27.

 

249[2] Cola de Jennaro, «Della natura del cavallo e sua nascita» (Tunisi, 1479). Edizione di un volgarizzamento inedito da Giordano Ruffo, a c. di Antonio Montinaro, tesi di dottorato, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, 2009 = Montinaro 2009a
Note: si fornisce l’edizione del ms. V.

 

250[3] Un inedito trattato di mascalcia in volgare siciliano: ms. Marciano it. III,
27 (5008) – cc. 23r-63v
, a c. di Laura Stivala, tesi di laurea discussa presso l’Università degli Studi di Catania, a. a. 2013-14 (relatore: prof. Mario Pagano) = Stivala 2013-14
Note: si fornisce l’edizione diplomatica, parziale, del ms. Ve BNM It. Cl. III 27.

Francese [tot. 1]

251Sec. XX [tot. 1]
[1] Studien zur «medicina equorum» des Jordanus Ruffus (1250), hrsg. von Lieselotte Klein, Inaugural - Dissertation zur Erlangung des Grades eines Doctor Medicinae Veterinariae durch die Tierärzliche Hochschule Hannover, Hannover, Tierärztliche Hochschule, 1969 = Klein 1969
Note: si fornisce l’edizione del ms. CV BAV Reg. Lat. 1177. Al testo francese segue la traduzione in tedesco.

Occitanico [tot. 1]

252Sec. XXI [tot. 1]
[1] Il volgarizzamento occitanico del «Liber de medicina equorum» di Giordano Ruffo: edizione critica, a c. di Patrizia Arquint, tesi di dottorato, Università degli Studi di Siena, 2007 = Arquint 2007
Note: si fornisce l’edizione del ms. Fréjus BM 9.

Gallego [tot. 1]

253Sec. XXI [tot. 1]
[1] A tradución galega do «Liber de Medicina Equorum» de Jordanus Ruffus. Edición crítica, ed. por Gerardo Pérez Barcala, Universidade de Santiago de Compostela, 2010 = Pérez Barcala 2010
Note: si fornisce l’edizione del ms. G.

Tedesco [tot. 1]

254Sec. XX
[1] Die Pferdeheilkunde des Jordanus Ruffus, hrsg. von Robert Roth, Inaugural-Dissertation zur Erlangung der Würde eines Doctor medicinae veterinariae der Preuß. Tierärztlichen Hochschule zu Berlin, Berlin, Preuß. Tierärztlichen Hochschule, 1928 = Roth 1928
Note: si tratta di una traduzione in tedesco priva del testo latino, «filologicamente inattendibile e inoltre incompleta, perché mancante dei primi sette capitoli» (Trolli 1990a: 17, n. 1); non si dichiara peraltro il manoscritto latino usato per la traduzione (cf. Pérez Barcala 2013: 58).

Notes

1 Si sono condotti spogli sistematici su edizioni, studi e censimenti riguardanti mascalcie e trattati di veterinaria, cataloghi di manoscritti (a stampa, manoscritti o pubblicati esclusivamente in rete [non sono rari i casi in cui un catalogo a stampa o manoscritto sia consultabile anche in rete]), cataloghi di antichi libri a stampa (anche in questo caso da distinguere in cataloghi a stampa, manoscritti o pubblicati esclusivamente in rete), cataloghi di biblioteche storiche (repertori che registrano testimoni appartenuti a biblioteche oramai scomparse) e banche dati.

2 Si sono esaminati direttamente 119 testimoni (107 manoscritti e 12 a stampa), conservati nelle seguenti 20 biblioteche: Bologna, Biblioteca dell’Archiginnasio [tot. 15]; Bologna, Biblioteca Universitaria [tot. 6]; Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana [tot. 18]; Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana [tot. 11]; Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale [tot. 14]; Firenze, Biblioteca Riccardiana [tot. 7]; London (Gran Bretagna), Wellcome Library [tot. 9]; Milano, Biblioteca Trivulziana [tot. 1]; Milano, Veneranda Biblioteca Ambrosiana [tot. 5]; Modena, Biblioteca Estense [tot. 3]; Napoli, Biblioteca Nazionale «Vittorio Emanuele III» [tot. 3]; Paris (Francia), Bibliothèque de l’Arsenal [tot. 1]; Paris (Francia), Bibliothèque nationale de France [tot. 8]; Parma, Biblioteca Palatina [tot. 2]; Ravenna, Istituzione Biblioteca Classense [tot. 1]; Roma, Biblioteca Angelica [tot. 3]; Roma, Biblioteca Casanatense [tot. 1]; Roma, Biblioteca Nazionale Centrale «Vittorio Emanuele II» [tot. 1]; Roma, Biblioteca Universitaria Alessandrina [tot. 1]; Venezia, Biblioteca Nazionale Marciana [tot. 9]. I restanti 70 testimoni sono stati visionati tramite riproduzioni.

3 In questa sezione si inseriscono sia i codici che tramandano la stessa redazione del trattato vergata in due differenti lingue, sia i codici che tramandano due diverse redazioni del trattato vergate in due differenti lingue.

4 Sebbene in qualche caso si sia riusciti a ricostruire l’esatta ubicazione dei testimoni, questo elenco ha fondamentalmente valore documentario. I manoscritti sono citati riproducendo fedelmente le segnature riportate nelle fonti, seppur spesso palesemente generiche, incomplete o errate.

5 Per i luoghi di conservazione dei testimoni (manoscritti e a stampa), si usa, con adattamenti, il sistema di citazione adoperato in Ciociola 2001 (la chiave delle abbreviazioni è leggibile alle pp. LXIII-LXXI) e ripreso già da TLIon, CASVI, SALVIt e ADAMaP (cf. Riferimenti bibliografici); fanno eccezione i già citati Ve, B, R, V, P e G (cf. § 2.2.4). Per lo scioglimento delle sigle cf. anche l’Indice delle biblioteche citate.

6 Si usa la dicitura «Autore», fornendo ulteriori precisazioni all’interno della scheda (quando possibile), sebbene raramente si sia in grado di distinguere con certezza le due figure (autore del volgarizzamento o della copia), nei casi in cui non coincidano, a causa della complessità della tradizione e della mancanza di studi approfonditi sui singoli testimoni.

7 Si riportano sistematicamente informazioni su composizione materiale, dimensioni e carte, seguite, quando attingibili, da indicazioni essenziali su numerazione, disposizione del testo, ornamentazione e miniatura, legatura, stato di conservazione, storia del manoscritto e contenuto (si segnala sempre se il manoscritto sia miscellaneo, mentre solo in limitati casi si citano i singoli testi tramandati assieme al trattato di Ruffo; si è optato per questa soluzione “sintetica” a causa del numero estremamente alto dei testimoni analizzati e della carenza di studi condotti su di essi, nonostante si sia consapevoli dell’importanza che tali testi potrebbero ricoprire in futuro nella ricostruzione della tradizione del De medicina equorum [per informazioni sulla filologia dei manoscritti miscellanei e sui dati che tramite essa si possono ricavare cf. Divizia 2009, in particolare pp. 35-41, Divizia in c. s.-a e Divizia in c. s.-b]). Nei pochi casi in cui le fonti forniscono trascrizioni degli incipit e degli explicit con segmentazione delle parole palesemente errata si è intervenuti con minimi ritocchi per migliorarne la lezione.

8 «Jean-Baptiste Huzard (1755-1838), veterinario, allievo dell’École d’Alfort, appena fondata, docente in diverse Università della Francia, divenne famoso per le sue consulenze per il tribunale circa i vizi redibitori dei cavalli. Bibliofilo appassionato ed erudito, Huzard con la moglie, figlia di Vallat-la-Chapelle, fondò una libreria-casa editrice che darà poi vita alla celebre libreria Bouchard-Huzard, specializzata in pubblicazioni di argomento veterinario, naturalistico ed agricolo. Huzard possedeva una ricchissima biblioteca che comprendeva oltre quarantamila volumi, tutti dedicati alle scienze naturali, all’agricoltura ed all’equitazione. Quest’ultima sezione era la più ampia e la più fornita. Il catalogo dei volu[m]i di questa biblioteca, dall’incalcolabile valore, venne pubblicato nel 1842 dall’editore-libraio Leblanc in tre volumi [Leblanc 1842]. Si tratta, ancora oggi, di una preziosa fonte di informazioni bibliografiche perch[é], tolte rarissime e trascurabili eccezioni, Huzard possedeva “tutto” quanto è stato edito fino al 1837. Nessuna biblioteca pubblica ha saputo comprendere il valore di questo patrimonio culturale ed ha impedito che tale gioiello venisse disperso» (Arquint–Gennero 2001: XLVIII-XLIX, n. 55). Informazioni simili si leggono in Leclainche 1936: 5, n. 2.

9 Per questa edizione cf. § 2.2.2.

10 Catalano Tirrito 1910: 158-61 sostiene che il manoscritto, citato erroneamente con la segnatura 1934, costituisce un volgarizzamento dal De cura equorum di Giordano Ruffo accostabile al codice De Cruyllis-Spatafora [R], da cui però non dipende.

11 «Gunnar Tilander (1894-1973), professore di lingue romanze presso l’Università di Stoccolma, fu un appassionato collezionista di opere riguardanti l’arte della caccia. La sua ricca collezione di manoscritti fu donata nel 1984 alla Kungl. biblioteket» (Olrog Hedvall 1995: 17, n. 17).

12 Definizione già leggibile in Palma 1924: 216, n. 1, ripresa da Bruni 1999: 271 e Casapullo 1995: 28.

13 Nel passo citato si legge Francoforte. Si deve la segnalazione dell’errore a una comunicazione privata di Mario Pagano (12.07.2014).

14 Russo 1962: 50 e Crupi 2002: 148 danno notizia di un codice del sec. XIV, conservato presso la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino con la segnatura L IV 25, che avrebbe tramandato alle cc. 65v-68v un lacerto in francese del trattato di Ruffo; la notizia non è verificabile poiché il manoscritto è andato distrutto nell’incendio della biblioteca del 1904 (comunicazione privata del 23.04.2014 di Maria Francesca Andria).

15 Per un refuso si legge 117, invece di 1177.

16 Nel passo, per un refuso, si legge «diffèrent».

17 Benedetti 2006: 302 afferma che «il frammento di Udine conserva l’inizio della sesta parte in cui è suddiviso il trattato di Giordano Ruffo, relativa alle malattie dei cavalli e ai loro rimedi»; alla luce di quanto chiarito sopra (cap. 2) sulla struttura del trattato di Ruffo, si è ritenuto opportuno precisare che le malattie dei cavalli e i loro rimedi sono trattati nella sezione V-VI e non in quella che Benedetti 2006 definisce la sesta parte.

18 In questo volume, che non è un’edizione critica, si fornisce una versione semidiplomatica del testo (pp. 56-159), seguita da un glossario (pp. 161-355), a cura di Pensado Tomé, e una proposta di edizione interpretativa, seppur provvisoria e priva di apparato (pp. 371-414), a cura di Pérez Barcala. Per questa edizione cf. anche Dias 2005 e Pérez Barcala 2005.

19 Causati Vanni 2000: LVII-LVIII e Causati Vanni 2005: 132-33 citano 5 stampe, di cui una ripubblicata due altre volte.

20 Per informazioni su Gabriele Bruno cf. DBI, s. v., sebbene i riferimenti alla sua traduzione del De medicina equorum non siano inappuntabili.

21 In entrambi i testi di Causati Vanni si registrano errori nella trascrizione del frontespizio.

© Ledizioni, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search