Version classiqueVersion mobile

La Tradizione del De Medicina Equorum di Giordano Ruffo

 | 
Antonio Montinaro

Premessa

Texte intégral

1Fra il 1250 e il 1256 Giordano Ruffo, nobile calabrese al servizio dell’imperatore Federico II, portava a compimento in latino il De medicina equorum, l’opera che segna la rinascita della trattatistica veterinaria medievale. Essa godette di una diffusione talmente ampia da potersi ritenere un vero e proprio best seller, la cui fortuna si evince dal numero di testimoni superstiti censiti, ben 189 (173 manoscritti e 16 a stampa) in 8 varietà linguistiche differenti: latino, italoromanzo, francese, occitanico, catalano, gallego, ebraico e tedesco. Ed è probabile che altri giacciono, in attesa di essere individuati, in fondi bibliotecari non ancora studiati o poco conosciuti.

2A fronte di una tradizione così ricca e articolata, il trattato risulta poco studiato. Manca l’edizione critica del testo latino e sono pochissime, solo cinque, le traduzioni edite: tale situazione editoriale rende assai difficoltosa l’identificazione dei percorsi che hanno caratterizzato la diffusione romanza e non romanza della mascalcia e problematica l’individuazione delle famiglie dei testimoni.

3Il lavoro che qui si presenta, nato per fornire risposte ai quesiti che via via poneva l’allestimento dell’edizione interpretativa del ms. Vat. lat. 10001, oramai in fase avanzata di preparazione a cura di chi scrive, intende fare il punto della situazione sulla frastagliata tradizione testuale del De medicina equorum.

4Dopo aver fornito informazioni su Giordano Ruffo e il suo trattato, si presentano i dati ricavati dalla collazione di un campione di codici: il procedimento ha consentito di isolare significative varianti strutturali e testuali, segnando l’avvio di una prima organica riflessione sulla fisionomia del trattato e sulla sua tradizione (i risultati sono formalizzati in articolate tabelle, la cui densità rispecchia inevitabilmente l’elaborata strutturazione del testo). Segue l’elenco dei testimoni manoscritti e a stampa che tramandano l’opera e delle edizioni moderne ad essa relative.

5Il censimento si basa sull’ispezione diretta di 119 testimoni conservati in 20 biblioteche europee e sulla consultazione tramite riproduzione dei restanti 70, custoditi anche fuori d’Europa. I numerosi controlli, dispendiosi e non privi di difficoltà, si sono rivelati decisivi per identificare nuovi testimoni e per correggere informazioni errate, tramandate non di rado supinamente dalla bibliografia; in svariati casi si sono rettificati dati riguardanti segnature, localizzazioni del trattato, citazioni testuali e descrizioni, arrivando più di qualche volta a escludere l’attribuzione a Ruffo di testi ritenuti erroneamente latori del De medicina equorum.

 

6Nel congedare il lavoro mi è gradito ringraziare le persone che a vario titolo hanno contribuito alla sua realizzazione. Innanzitutto Anna Cornagliotti e Alfonso D’Agostino, che hanno accolto il volume nella «Biblioteca di Carte Romanze». Matteo Milani, Luca Bellone e Dario Mantovani ne hanno agevolato la pubblicazione, fornendomi amichevole e qualificato supporto. Un sentito ringraziamento devo a Luca Serianni e Ugo Vignuzzi, tutori della mia tesi di dottorato, da cui questo volume ha preso avvio, e a Marcello Aprile, Mario Pagano, Aldo Fichera, Gerardo Pérez Barcala e Anna Luisa Rubano, che hanno letto lo studio prima della sua pubblicazione. Numerosi sono i docenti, i colleghi e gli amici che hanno facilitato in vario modo la ricerca: Sandro Bertelli, Klaus-Dietrich Fischer, Vincenzo Ortoleva, Martina Giese, Enrico Leone, Rosanna Nestola, Niceta Antonio Pedone e Cecilia Quarta. Il personale che si è succeduto nella Biblioteca Dipartimentale Aggregata di Studi Umanistici (Sezione di Filologia, Linguistica e Letteratura), Gabriele Luciani, Filomena Mastore e Maria Consiglia Piccinni, mi ha semplificato il reperimento di materiale bibliografico. La realizzazione del volume ha comportato un quotidiano contatto de visu ed epistolare con bibliotecari di istituzioni sparse in Europa e anche al di fuori di essa, riscontrando quasi sempre professionalità e cortesia: anche a tutti loro, pur non potendoli nominare singolarmente, va la mia riconoscenza (i contributi puntuali sono registrati nelle schede descrittive dei testimoni). Un affettuoso pensiero va ai miei genitori, mamma Rita e papà Luigi, che oramai da anni condividono con me gioie e ansie del lavoro di ricerca. Un ringraziamento particolare rivolgo al mio maestro, Rosario Coluccia, che ha seguito con pazienza e generosità ogni fase del lavoro, fornendomi suggerimenti, segnalazioni e amichevoli incoraggiamenti. Ogni eventuale errore, va da sé, è responsabilità di chi scrive.

© Ledizioni, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search