Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La Tradizione del De Medicina Equorum di Giordano Ruffo

 | 
Antonio Montinaro

Presentazione

Rosario Coluccia

A Carol e Leonard, che mi ricordano quotidianamente di essere un uomo felice

Texte intégral

1È opinione diffusa, anche all’esterno delle cerchie degli addetti ai lavori, che a Galileo Galilei vada attribuita la qualifica di instauratore della nostra prosa scientifica moderna. A questa opinione, senza alcun dubbio condivisibile, si accompagna la constatazione che forme e manifestazioni molteplici di testi a carattere scientifico circolano ampiamente già nei secoli precedenti. Nel Medioevo nessuna lingua può vantare il monopolio della comunicazione scientifica: alle lingue per così dire prevedibili (latino, lingue romanze, lingue germaniche) si affiancano il greco(-bizantino), l’arabo, l’ebraico, in una condizione storica di straordinario plurilinguismo intercomunicante fino a quel momento sconosciuta e, si potrebbe azzardare, mai più ripetuta. In particolare la trattatistica medica e veterinaria conosce in Italia una grande diffusione: le opere in latino coesistono con un numero crescente di testi in volgare, il nuovo potente strumento comunicativo che poco alla volta erode il terreno precedentemente riservato alla lingua più illustre. Analogo successo il genere della produzione medico-veterinaria riscuote nell’intera Europa, romanza e non romanza.

2Un vero best seller della veterinaria medievale è il De medicina equorum del calabrese Giordano Ruffo, composto presso la corte sveva fra il 1250 e il 1256. Il testo, originariamente redatto in latino, conosce traduzioni e rimaneggiamenti in varie altre lingue; inoltre costituisce una sorta di capostipite, spesso dichiarato o a volte implicito, per altre opere del medesimo argomento e di diverso autore che si susseguono fino alla diffusione della stampa e anche oltre, fino al Cinquecento. A questa straordinaria fortuna della tradizione testuale fa da involontario contrappasso una obiettiva insufficienza dei materiali editi, a partire dall’originale latino, di cui manca ancora l’edizione critica.

3Il lavoro di Montinaro persegue vari scopi. In primo luogo censisce e mette in ordine, con ispezioni puntuali quasi sempre di prima mano e analisi diretta dei manoscritti, la variegata e molto intricata diramazione testuale dell’opera; inoltre mette in luce i rapporti macrostrutturali e macrocontenutistici tra i testimoni, primo indispensabile passo per ogni studio successivo su singole redazioni pluritestimoniali o su singoli testi; infine di fatto individua, attraverso la presentazione obiettiva dei dati testuali, gli esemplari più ragguardevoli, quasi suggerendone studio ed edizione agli interessati.

4La ricognizione di una così vasta e complicata tradizione testuale richiede sistematicità, tenacia e acume. Le primitive indirette indicazioni di cataloghi e studi precedenti si sono rivelate spesso incomplete o errate, fino al punto di suggerire possibili piste che poi si sono dimostrate del tutto fallaci; altrettanto spesso venivano riunificate sotto un’etichetta unica (talora fuorviante) opere diverse, che invece andavano riconosciute e catalogate una per una. Si è ottenuto così un censimento ricchissimo e tendenzialmente integrale, indispensabile base di partenza per chiunque intenda cimentarsi con quest’opera di rilevanza fondamentale per la cultura prerinascimentale.

5Il lavoro è nato quasi ai margini di un’altra indagine, l’edizione di un inedito volgarizzamento quattrocentesco dovuto a un intraprendente maniscalco napoletano, Cola de Jennaro, autore di un trattato Della natura del cavallo e sua nascita (1479), redatto nel corso di una sua sofferta e lunga prigionia presso il sovrano di Tunisi. A questo studio Montinaro attende da anni, presto ne vedremo i risultati.

6Altrettanto ricco di implicazioni positive è il presente volume, dimostrazione quasi esemplare di come la paleografia e la codicologia, intelligentemente esercitate, siano viatico indispensabile per le ricerche di storia linguistica e di filologia.

© Ledizioni, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540