Version classiqueVersion mobile

La Virago Evirata

 | 
Serena Lunardi

La Dame escoillee

La virago evirata

Texte intégral

Signori che avete moglie

Seignor, qui les femes avez

e che la innalzate troppo al di sopra di voi,

Et qui sor vos trop les levez,

che la lasciate dominare su di voi,

Ques faites sor vos seignorir,

non fate altro che disonorarvi!

4

Vos ne faites que vos honir!

4

Ascoltate un breve racconto,

Oez une essanple petite,

qui scritto per voi.

Qui por vos est issi escrite.

Ben vi potete prendere esempio

Bien i poez pranre essanplaire

che non dovete assolutamente sottomettervi

8

Que vos ne devez mie faire

8

alla volontà delle vostre mogli,

Du tot le bon a voz molliers

cosí che non vi disprezzino:

Que mains ne vos en tignent chiers:

dovete educare le dissennate,

Les foles devez chastoier,

e insegnate loro

12

Et si les faites ensaignier,

12

che non devono diventare arrogant

Que n’en doivent enorguillir

nei confronti del proprio signore, né sopraffarlo,

Vers lor seignor, ne seignorir,

bensí tenerlo caro e amarlo molto,

Mais chier tenir et bien amer,

e ubbidirgli, e onorarlo;

16

Et obeïr et onorer;

16

se non lo fanno, la vergogna ricade su di loro!

S’eles ne font, ce est lor honte!

Passerò ormai al racconto

Huimais descendrai en mon conte

della storia che devo narrare;

De l’essanple que doi conter,

la devono ascoltare attentamente

20

Que cil doivent bien escouter

20

coloro che della moglie fanno il proprio signore,

Qui de lor femes font seignor,

e che perciò si disonorano.

Dont il lor avient deshenor.

Che ne dirò? Questo potete sapere:

Qu’an dirai? Ce poez savoir:

non c’è scherzo piú crudele del vero!

24

N’est si mal gas comme le voir!

24

C’era una volta un nobile uomo,

Un riches hom jadis estoit,

che possedeva grandi ricchezze.

A qui grant richece apendoit.

Era un cavaliere, possedeva un grande feudo,

Chevaliers ert, tint grant hennor,

ma aveva tanto amato sua moglie

28

Mais tant avoit amé s’ossor

28

che l’aveva innalzata al di sopra di se stesso

Que desor lui l’avoit levee,

e le aveva ceduto il dominio

Et seignorie abandonee

sulla sua terra, sulla sua casa

De sa terre, de sa maison,

e le aveva fatto dono di tutto;

32

Et de tot otroié le don,

32

Dont la dame le tint si vill

perciò la dama lo considerava tanto inetto

Et tint si bas que quanque cil

e lo disprezzava a tal punto che qualsiasi cosa

Disoit, et ele desdisoit,

dicesse, lei la contraddiceva,

Et desfaisoit quanqu’il faisoit.

36

e disfaceva qualunque cosa egli facesse.

36

Une fille avoient mout bele;

Avevano una figlia molto bella;

Tant en ala loing la novele

Si sparse tanto la notizia

De sa beauté et ça et la,

della sua bellezza, di qua e di là,

Renomee tant en palla

40

la Fama tanto ne parlò,

40

Que uns quens en oï parler:

che un conte ne udí parlare:

Sempres la prist mout a amer.

subito se ne innamorò.

Ainz ne la vit et nequedent

Non l’aveva mai vista, e nondimeno

Si l’amoit il; ç’avient sovent,

44

l’amava; avviene spesso

44

Que por le loer aime l’on

che le lodi inducano ad amare,

Sanz veoir ce que sanble bon.

pur senza averlo visto, ciò che sembra buono.

N’avoit point de feme li quens;

Il conte non era sposato;

Joenes ert, mout ot de ses boins,

48

era giovane, aveva tutto ciò che desiderava

48

Et si ert plains de grant savoir,

ed era colmo di saggezza,

Qui mielz li valt que nul avoir.

che gli vale piú di qualsiasi avere.

La pucele dont l’en li dist,

La fanciulla di cui aveva sentito parlare,

Mout volentiers il la veïst,

52

ben volentieri la conoscerebbe,

52

Se l’en dit voir ou se l’en ment.

per sapere se se ne dice il vero o se si mente.

Puis la vit il: oez coment.

Poi la vide: udite come.

Li quens ala un jor chacier,

Un giorno il conte andò a caccia,

Ovesques li meint chevalier;

56

con lui molti cavalieri.

56

Les chiens mainent li veneor.

I cani guidano i cacciatori.

En la forest ont tote jor

Hanno cacciato nella foresta

Chacié desi que après none.

tutto il giorno, fin dopo nona.

Orages monte, li cieus tone,

60

Scoppia un temporale, il cielo tuona,

60

Esclairiet a mout et pleu.

è squarciato dai lampi e ha piovuto molto.

Dessevrez sont et deperdu

È dispersa e smarrita

La gent le conte fors li quart,

la compagnia del conte, salvo lui ed altri tre,

Qui se tornent a une part.

64

che si allontanano per un’altra strada.

64

A escons traioit li solaus.

Il sole calava sull’orizzonte.

Dit li quens: «Quels ert li consaus?

Dice il conte: «Che decisione prendere?

Ge ne sai que nos puission faire:

Non so cosa possiamo fare:

Nos ne poons en huimais traire

68

non possiamo ormai tornare

68

A nes une de nos maisons;

a nessuna delle nostre dimore;

Li solaus s’en vait a escons,

il sole scende sull’orizzonte,

Ne ge ne sai ou noz genz sont,

e non so dove sono i nostri uomini,

Fors tant que ge cuit qu’il s’en vont.

72

ma credo che se ne siano andati.

72

Nos estuet traire a un ostel,

Bisogna che cerchiamo un rifugio,

Mais ge ne sai mie a quel!».

ma non so affatto dove!».

Que que li quens si se demente,

Mentre il conte si lamenta in questo modo,

Avalez sont par une sente

76

sono discesi per un sentiero,

76

En un jardin, lez un vivier,

in un giardino, presso un vivaio,

A la maison au chevalier,

a casa di quel cavaliere

Celui qui la bele fille a:

che aveva una figlia tanto bella.

Estes les vos chevalchant la.

80

Eccoli là che cavalcano!

80

Cel jor ot pleü, lors fist bel;

Quel giorno era piovuto, poi venne il sereno.

A la porte, soz un ormel,

Alla porta, sotto un giovane olmo,

Sor un perron sist li frans hom,

sopra una grossa pietra, sedeva il nobiluomo

Qui devoit estre la maison.

84

a cui doveva appartenere la dimora.

84

Ez vos le conte gentement

Ed ecco che il conte gentilmente

Le salue, et cil bel li rent

lo saluta, e quello cortesemente gli restituisce

Son salu, et puis se leva;

il saluto e poi si alza.

Li quens son ostel li rouva.

88

Il conte gli chiede ospitalità.

88

«Sire – ce dit li chevaliers –,

«Sire – dice il cavaliere –,

Herbergasse vos volentiers,

Vi ospiterei volentieri,

Que mestier avez de repos,

dato che avete bisogno di riposo,

Mais herbegier pas ne vos os».

92

ma non oso farlo».

92

«N’osez? Por quoi?». «Por ma moillier,

«Non osate? Perché?». «Per via di mia moglie,

Qu’a nul fuer ne velt otroier

che non vuole concedere a nessun costo

Chose que face ne que die;

cosa che io faccia o dica;

Desor moi a la seignorie,

96

domina su di me,

96

De ma maison a la justice,

in casa mia detta legge,

De trestot a la conmandise,

detiene il potere su tutto,

Si ne li chalt se moi enuie:

perciò non le importa se mi arreca dispiacere:

Ge ne li sui fors chape a pluie!

100

non sono per lei che un mantello da pioggia!

100

A son bon fait, noient au mien,

Fa ciò che vuole, certo non ciò che voglio io,

De mon conmant ne feroit rien».

la mia decisione non varrebbe a niente».

Li quens s’en rist et si li dist:

Il conte rise e gli disse cosí:

«Se fussiez preuz pas nel feïst!».

104

«Se foste risoluto non lo farebbe».

104

«Sire – dit il – si l’a apris,

«Sire – disse – ha preso questa abitudine

Sel vorra maintenir toz dis,

e la vorrà mantenere per sempre,

Se Dieus de moi n’en a merci.

se Dio non ha pietà di me.

Mais or soffrez un pou ici:

108

Ma ora pazientate un poco qui:

108

G’irai lassus, venez après;

andrò lassú, venitemi dietro;

L’ostel me querrez a engrès,

mi chiederete ospitalità con insitenza,

Et ge vos en escondirai;

e io ve la negherò;

Et s’ele l’ot, tres bien le sai

112

e se lei ci sente, lo so per certo

112

Que vos seroiz bien ostelez,

che sarete senz’altro accolti,

Por ce que vos aurai veez».

perché io vi avrò respinto».

Il remainent, il va amont;

Quelli rimangono, lui sale;

Quant il fu enz, après lui vont.

116

quando fu entrato in casa, lo seguirono.

116

Dit li quens: «Dieus salt le seignor,

Dice il conte: «Dio protegga il signore,

A vos et a nos doint henor!».

a voi e a noi conceda onore!».

«Sire quens, Dieus vos beneïe,

«Signor conte, Dio benedica

Et vos et vostre compaignie!».

120

voi e il vostro seguito!».

120

«Herbergiez nos!». «Ge non ferai!».

«Dateci ospitalità!». «Non lo farò!».

«Porquoi, sire?». «Ge ne voldrai».

«Perché, messere?». «Non voglio».

«Si feroiz, par vostre franchise!».

«Lo farete, per la vostra generosità!».

«Non ferai voir en nule guise».

124

«Non lo farò davvero, in nessun modo».

124

«Par gueredon et par amor,

«Per favore e per carità,

Herbergiez nos desi au ior!».

ospitateci fino allo spuntar del giorno!».

«Non ferai en nule maniere,

«Non lo farò assolutamente,

Ne par amor, ne par proiere!».

128

né per carità, né per supplica!».

128

La dame l’ot, si salt avent,

La dama lo sente e si fa avanti,

Qui fera ja le sien comant.

che farà ormai il suo volere:

«Sire quens, bien soiez venuz,

«Signor conte, siate il benvenuto,

Lieement seroiz receüz!

132

sarete accolti con grande piacere!

132

Descendez tost!». Il descendirent,

Smontate, presto!». Quelli scesero

Et li sergant bien les servirent,

e i valletti li servirono con sollecitudine,

Que la dame l’ot conmandé.

poiché la dama l’aveva ordinato.

Dit li sires que «Par mon gré

136

Dice il signore: «Per mio volere

136

Ne mengeront de mes poissons,

non mangeranno i miei pesci,

Ne de mes bones venoisons,

né la mia buona selvaggina,

De mes viez vins, de mes ferrez,

né i miei vini invecchiati, né quelli ferrati,

Ne mes oiseaus, ne mes pastez!».

140

né la mia uccellagione, né i miei pasticci!».

140

Dit la dame: «Or vos aesiez,

Dice la dama: «Rincuoratevi,

De ses diz ne vos esmaiez,

non spaventatevi delle sue parole,

Que por ses diz ne plus ne mains

che soltanto a parole

Par senblant est li sires grains,

144

il signore sembra irritato,

144

Mout beau li est de cel servise!».

mentre questo servizio gli è molto gradito!».

Mout s’en est la dame entremise,

La dama vi si dedica con grande sollecitudine,

De servir les forment se paine;

si prodiga con impegno per servirli.

Li cheval ont fain et aveine,

148

I cavalli ricevono fieno e biada

148

A plenté por ce que li sires

in abbondanza, poiché il signore

L’avoit osé nes contredire.

aveva osato perfino dire di no.

La dame haste le mengier,

La dama predispone rapidamente la cena,

Mout en a fait apareillier

152

ha fatto preparare un pasto abbondante,

152

De venoison, de voleïlle.

a base di selvaggina e di uccellagione.

En la chanbre cela sa fille;

Nascose sua figlia in camera;

Ne volt que li quens la veïst,

non voleva che il conte la vedesse,

Mais li sires bien le vosist:

156

ma il signore lo desiderava molto:

156

«Dame – dit il –, laissez laiens

«Signora – dice – lasciate che

Mangier ma fille avuec voz genz

mia figlia mangi là dentro con la servitú,

En la chambre, non ça defors.

in camera, non qui fuori.

Tant a beauté, tant a gent cors:

160

È tanto bella, ha un corpo tanto grazioso:

160

Li quens est joenes, s’il la voit,

il conte è giovane, se la vede,

Tel flor mout tost la conoistroit!».

ben presto coglierebbe un tal fiore!».

Ce dit la dame: «Or i venra,

Dice la dama: «Ora verrà

Mengier o nos, si la verra!».

164

A mangiare con noi, e la vedrà!».

164

La dame mout bien l’aparelle,

La dama la agghinda con grande cura,

Mout fu gente, clere et vermeille.

era molto graziosa, chiara e rosata.

Lors la maine, li quens l’a prise

Allora la conduce con sé e il conte la prende

Par la mein, l’a lez lui assise.

168

per mano e la fa sedere accanto a sé.

168

Mout li fu sa beautez loee,

La sua bellezza gli era stata decantata spesso,

Mais il li a graignor trovee,

ma l’ha scoperta ancor maggiore,

Ce li ert vis, que mout est bele.

questo gli pare, poiché è davvero bellissima.

Amor le fiert soz la mamele,

172

Amore lo ferisce al petto

172

Qui tant la li fist aamer

e lo fa innamorare di lei a tal punto

Qu’il la vorra avoir a per.

che la vorrà avere in sposa.

Or ont lavé et sont assis:

Ora hanno lavato le mani e si sono seduti.

Li quens, cui amor a espris,

176

Il conte, che brucia d’amore,

176

Menguë o la bele meschine.

mangia insieme alla bella fanciulla;

Mout par fu riche la quisine,

il pasto fu molto abbondante,

Mout ot beüz vins et morez,

bevve molti vini e succhi di more,

Et mout fu li quens honorez.

180

e fu molto riverito.

180

Après mengier si ont deduit

Dopo cena si dilettano

De paroles, puis si ont fruit.

conversando, poi mangiano la frutta.

Dit li quens: «Sire, ge vos quier

Dice il conte: «Signore, vi chiedo

Vostre bele fille a moillier:

184

in moglie la vostra bella figlia:

184

Plus bele ne virent mi hueil,

mai i miei occhi ne videro di piú bella,

Donez la moi, quar ge la vuell!».

concedetemela, poiché la desidero!».

Dist li peres: «Nel ferai pas,

Rispose il padre: «Non lo farò,

Quar ge la vueil doner plus bas:

188

perché la voglio maritare piú modestamente:

188

Ge la donrai bien endroit lui!».

la darò in moglie conformemente al suo rango!».

La dame l’ot, avant sailli:

La dama l’udí e si fece avanti:

«Sire – dit ele –, vos l’aroiz,

«Signore – disse –, l’avrete,

Ne ja nul gré ne l’en savroiz,

e non dovrete dimostrargli gratitudine,

192

Que li donners n’est pas a lui.

perché non compete a lui il donarvela:

Ge la vos doins et avec lui

io ve la concedo, e con lei

Ai assez et or et argent,

ho molto oro ed argento

Si ai maint riche garnement.

198

e ho anche molti preziosi gioielli.

198

Donrai la vos, si la prenez!».

Ve la concederò, prendetela in moglie!».

Li quens respont: «Merciz et grez!

Il conte risponde: «Molte grazie!

Ge l’aim tant que la vueil avoir

L’amo tanto che la voglio avere

Por sa beauté, non por avoir;

200

per la sua bellezza, non per la dote;

200

Qui l’avra n’avra pas petit!».

chi l’avrà, non avrà poco!».

Adonc si furent fait li lit:

Quindi furono preparati i letti:

Couchier se vont dormant li troi.

i tre si coricano per dormire.

Amors met le conte en effroi;

204

Amore mette il conte in agitazione;

204

Auques dormi et plus veilla:

dormí un poco, ma per lo piú rimase sveglio:

Amors son bon li conseilla.

Amore gli faceva venire in mente l’amata.

Au matin, quant levé se sont,

Al mattino, quando si furono alzati

Monterent; au mostier en vont.

208

salirono a cavallo; si diressero in chiesa.

208

La pucele ont o aus menee,

Hanno portato con sé la fanciulla,

Li quens l’a d’argent honoree.

il conte l’ha onorata con una somma di denaro.

La dame grant avoir li offre,

La dama gli offre grandi ricchezze,

Dras et deniers, vaisseaus en coffre.

212

stoffe e denari, stoviglie contenute in un baule.

212

Li quens dit qu’a assez avoir,

Il conte dice che possiede ricchezze sufficienti,

Le lor aient! Si dist: «Por voir,

si tengano la loro! Disse anche: «Davvero,

Mout a qui bone feme prant,

guadagna molto chi sceglie una buona moglie,

Qui male prant, ne prant nient!».

216

chi ne sceglie una cattiva, non guadagna nulla!».

216

Dist li peres: «Fille, entendez!

Disse il padre: «Figlia, ascoltate!

Se vos honeur avoir volez,

Se volete avere onore,

Cremez vostre seignor le conte.

rispettate il conte, vostro signore.

Se nel faites, c’ert vostre honte!».

220

Se non lo fate, la vergogna ricadrà su di voi!».

220

Dist la mere: «Parlez a moi,

Disse la madre: «Parlate con me,

Bele fille, ça en requoi!».

figlia mia, qui in disparte!».

«Volentiers, mere!», dit la fille.

«Volentieri, madre!», dice la figlia.

Ele li comande en l’orille:

224

Quella le sussurra all’orecchio:

224

«Bele fille, levez la chiere,

«Cara figlia, alzate la testa,

Vers vostre seignor soiez fiere!

siate risoluta nei confronti del vostro signore!

Pranez essample a vostre mere,

Prendete esempio da vostra madre,

Qui toz jors desdit vostre pere:

228

che contraddice sempre vostro padre:

228

Ainz ne dist riens ne desdeïst,

non ha detto mai nulla che non contraddicessi,

Ne ne conmanda c’on feïst.

né ordinò cosa che venisse eseguita.

Se vos volez avoir henor,

Se volete avere onore,

Si desdites vostre seignor.

232

allora contraddite il vostro signore.

232

Metez l’arriere et vos avant,

Mettetelo in secondo piano, e voi davanti,

Petit faites de son coumant:

non curatevi dei suoi ordini:

S’ainsi faites ma fille estrés,

se fate cosí, vi dimostrerete mia figlia,

Se nel faites, vos conparrez!».

236

se non lo fate, ne subirete le conseguenze!».

236

«Gel ferai – fait ele –, se puis,

«Lo farò – disse lei –, se posso,

Se ge vers mon seignor le truis».

se mio marito me ne darà modo».

«Sire quens – dist li riches hom –,

«Signor conte – disse il nobiluomo –,

De ma fille vos ai fet don:

240

vi ho fatto dono di mia figlia:

240

Pranez par amors, sire quens,

accettate, per cortesia, signor conte,

Cest palefroi, qui mout est boens,

questo palafreno, che è di grande qualità,

Et ces deus levriers, qui sont bel,

e questi due levrieri, che sono belli,

Prendant et hardi et isnel».

244

adatti alla caccia, coraggiosi e agili».

244

Li quens les prant, si l’en mercie;

Il conte li prende e lo ringrazia;

Le congié prant, sa feme en guie.

si congeda e porta con sé sua moglie.

Mout se vait li quens porpenssant

Il conte va meditando lungamente

Par quel art et par quel senblant

248

con quale astuzia o stratagemma

248

Face sa feme vers lui vraie,

rendere sua moglie leale,

Que a sa mere ne retraie,

affinché non si comporti come sua madre,

Qui si estoit fiere et grifaigne.

che era cosí arrogante e scontrosa.

Lors entrent en une champaigne.

252

Allora si addentrano in una zona coltivata.

252

Uns lievres saut devant aus près;

Una lepre salta fuori vicino a loro;

Dit li quens: «Or, levrier, après!

il conte dice: «Ora, levrieri, inseguitela!

Quant vos si preu et isnel estes,

Dal momento che siete cosí coraggiosi e agili,

Ge vos conmant desur les testes

256

vi ordino, pena la decapitazione,

256

[Que ainz le tierz champ l’aiez pris!».

che la catturiate entro il terzo campo coltivato!».

La dame l’ot, si en a ris.

La dama l’udí e ne rise.

Li lievres fuit, qui crient la mort,

La lepre fugge, poiché teme la morte,

Mout fuit, mais pas ne lor estort:

260

Fugge a lungo, ma non riesce a scamparla:

260

El cinquin champ l’ont retenu.

entro il quinto campo l’hanno catturata.

Ez vos le conte la venu;

Ecco che il conte giunge là;

Il descendi, si traist l’espee:

scese da cavallo, sguainò la spada:

La teste a a chascun coupee.

264

ha tagliato la testa a entrambi.

264

Des deus levriers mout s’en mervelle

Dei due levrieri si meraviglia molto,

La dame a la face vermeille.

La dama arrossisce in volto.

Porpense soi: «Cist quens est fiers,

Riflette fra sé e sé: «Questo conte è crudele,

Qu’ainsi a ocis ces levriers

268

che ha ucciso in tal modo questi levrieri,

268

Por son conmant qu’il trespasserent!».

perché trasgredirono il suo ordine!».

Le lievre pristrent, sel trousserent.

Presero la lepre, se la caricarono sulle spalle.

Li palefroiz au conte ceste:

Il palafreno del conte inciampa:

«Je te commant desor ta teste –]

272

«Ti ordino, pena la decapitazione –

272

Dit li quens –, ne ceste autre foiz!».

dice il conte –, non inciampare un’altra volta!».

Ne l’entendi li palefroiz:

Non lo intese il palafreno:

A chief de pose recesta.

dopo un attimo inciampò di nuovo.

Li quens descent, si li coupa

276

Il conte scende e gli taglia

276

La teste; sor un autre monte.

la testa; monta su un altro.

«Sire – ce dit la dame au conte –,

«Mio signore – dice la dama al conte –,

Cel palefroi et cez levriers

questo palafreno e questi levrieri

Deussiez vos avoir mout chiers,

280

dovrebbero esservi molto cari,

280

Por mon pere, non pas por moi:

per mio padre, non certo per me:

Morz les avez, ne sai por quoi».

li avete uccisi, non so perché».

Ce dit li quens: «Por seul itant

Dice il conte: «Per il semplice fatto

Que trespasserent mon conmant!».

284

che hanno trasgredito i miei ordini!».

284

Va s’en li quens, sa feme en maine

Il conte si incammina, porta con sé sua moglie

(De l’enseignier forment se paine),

(si impegna molto per educarla),

Et vient a sa maistre cité.

e giunge alla città principale dei suoi dominî.

Iluec estoient assanblé

288

Lí si erano riuniti

288

Li baron et li vavassor,

vassalli e valvassori,

Que mout pesoit de lor seignor,

poiché erano in gran pena per il loro signore,

Qu’il cuidoient avoir perdu.

che temevano di aver perduto.

Ez les vos au pont descendu:

292

Eccoli scendere da cavallo presso il ponte:

292

Encontre vont, joie li font.

gli vanno incontro e gli fanno gran festa.

Li auquant demandé li ont

Parecchi gli hanno chiesto

Qui cele bele dame estoit.

chi è quella bella dama.

«Seignor, c’est vostre dame a droit!».

296

«Messeri, è di diritto la vostra signora!».

296

«Nostre dame?». «Voire, par foi,

«La nostra signora?». «Davvero, in fede mia,

Que mis li ai l’enel el doi!».

le ho messo l’anello al dito!».

«Dame! Bien soit ele venue!».

«Signora! Sia ella la benvenuta!».

A grant joie l’ont receüe.

300

L’hanno accolta con grande gioia.

300

Li quens ses noces apareille.

Il conte prepara la festa nuziale.

Le queu apele et li consaille

Chiama il cuoco e gli richiede

Et li conmande qu’il li face

e ordina che gli prepare

Savors teles dont gré li sache,

304

pietanze tali che gli siano gradite,

304

«Et sauxes mout assavorees,

«e salse molto saporite,

Que nos genz soient honorees

che le nostre genti siano soddisfatte

Por l’onor la novele dame,

in onore della nuova signora,

Que de lui portent bonne fame».

308

affinché dicano bene di lei».

308

Dit li queus: «Ge m’en apareil!».

Dice il cuoco: «Vado a prepararmi!».

La dame li dit a conseil:

La dama lo chiama in segreto:

«Que t’a dit li quens?». «Que savors

«Cosa ti ha detto il conte?».

Li face bones et plusors».

312

«Che gli prepari piatti saporiti e varî».

312

«Vielz avoir mon gré?». «Dame, aol!».

«Vuoi guadagnarti il mio favore?». «Sí, signora!».

«Garde que il n’i ait un sol

«Fa’ che non ve ne sia nessuno

Ou il ait savors fors ailliee,

con un condimento che non sia all’aglio,

Mais que bien soit apareilliee!».

316

ma che sia ben preparato!».

316

«Ge n’oseroie!». «Si feras!

«Non oserei!». «Sí che lo farai!

Ja de lui mal gré n’en avras,

Non riceverai alcun rimprovero da lui,

S’il set que l’aie conmandé,

quando saprà che l’ho ordinato io,

Et tu doiz bien faire mon gré:

320

e tu devi fare quello che ti dico:

320

Ge te puis aidier et nuisir!».

posso aiutarti o nuocerti!».

«Dame – dit il –, vostre plaisir

«Signora – dice –, farò il vostro

Ferai, mais que honte n’en aie:

volere, ma che non ne riceva castigo:

Du tot sui en vostre menaie!».

324

sono completamente nelle vostre mani!».

324

Li queus s’en va en la quisine,

Il cuoco se ne va in cucina,

De ses mes atorner ne fine.

non finisce mai di perfezionare le sue pietanze.

S’aillie a li queus atornee,

Il cuoco ha preparato la sua salsa all’aglio,

A tant a l’on l’eve cornee.

328

allora è stata annunciata l’acqua.

328

Levent, si s’assieent as dois.

Si lavano le mani e si siedono a tavola.

Li mes vienent mout a esplois

I piatti vengono serviti con grande sollecitudine

As barons et a la mesniee.

ai signori e al seguito.

A chascun mes si a ailliee,

332

Ciascuna portata è servita con la salsa all’aglio,

332

Mais de bon vin i ot assez:

ma vi sono molti vini pregiati:

Toz en fu li quens trespenssez.

il conte ne fu molto impensierito.

Ne sot que faire, tant soffri

Non sapeva che fare e pazientò fino a che

Que les genz furent departi.

336

gli ospiti presero congedo.

336

En la chanbre mande son queu.

Ordina al cuoco di raggiungerlo in camera.

Il i vint non mie a son preu;

Quello ci andò, non certo a suo vantaggio;

Il ot poor, si vint tranblant.

aveva paura, cosí giunse tremante.

«Vassal – fist il –, par quel conmant

340

«Vassallo – fece egli –, per ordine di chi

340

Avés vos fait tantes ailliees

avete fatto tante salse all’aglio

Et les savors avez laissiees

ed avete tralasciato le pietanze

Que a faire vos commandai?».

che vi ordinai di preparare?».

«Par ma dame, sire, fait l’ai!».

344

«Signor conte, l’ho fatto per la mia signora!».

344

«Por vostre dame?». «Voire, sire,

«Per la vostra signora?». «Davvero, mio signore,

Que ge ne l’osai contredire!».

che non osai contraddirla!».

«Par les sainz que on por Dieu quiert,

«Per i santi che intercedono presso Dio,

Que ja garant ne vos en ert

348

lei non costituiva certo per voi un garante

348

De trespasser ma conmandise!».

tale da permettervi di trasgredire i miei ordini!».

Du queu fist li quens la justise:

Del cuoco il conte fece giustizia:

L’ueil li crieve et tolt li l’orille

gli cava un occhio e gli amputa un orecchio

Et une main, et puis l’essille

352

e una mano, e poi l’esilia

352

De sa terre, que n’i remaigne.

dalla sua terra, che non vi rimanga.

Puis a parlé a sa conpaigne:

Poi ha parlato a sua moglie:

«Dame, – dit il –, par quel conseil

«Signora, – dice –, per iniziativa di chi

Nos avez fait cest apareil?».

356

ci avete giocato questo tiro?».

356

«Par le mien, sire, si mespris».

«Per la mia, sire, mi sono comportata cosí male».

«Non feïstes, par seint Denis,

«Non è vero, per san Dionigi,

Par le vostre ne fu ce mie!

non fu affatto per vostra iniziativa!

Mais or me dites, douce amie,

360

Ma ora ditemi, dolce amica,

360

Itel conseil qui vos dona».

chi vi diede un tale consiglio».

«Sire, ma mere le loa

«Sire, mia madre raccomandò

Que ge de li ne forlignasse,

che non deviassi da lei

Ne voz conmanz pas n’otroiasse,

364

e che non ubbidissi ai vostri ordini,

364

Mais avant alassent li mien,

ma che venissero prima i miei,

Si m’en venroit honeur et bien.

cosí ne avrei ricavato onore e bene.

Aceste foiz l’ai fait ainsi,

Questa volta ho fatto cosí,

Or m’en repent: por Dieu, merci!».

368

ora me ne pento: per Dio, pietà!».

368

«Bele, – ce dit li quens –, par Dé,

«Bella, – dice il conte –, per Dio,

Ja ne vos sera pardoné

non vi sarà perdonato affatto

Sanz le vostre chastiement!».

senza castigo!».

Il saut, par les cheveus la prant,

372

Balza in piedi, la prende per i capelli,

372

A la terre la met encline;

la getta per terra supina.

Tant la bat d’un baston d’espine

Tanto la batte con una verga di spine

Qu’il l’a laissiee presque morte.

che l’ha lasciata quasi morta.

Tote pasmee el lit la porte.

376

La porta a letto completamente svenuta.

376

Iluec jut ele bien trois mois

Lí ella giacque ben tre mesi,

Qu’ele ne pot seoir as dois.

poiché non riusciva a sedersi a tavola.

Iluec la fist li quens garir,

Lí il conte la fece guarire,

Tant li a faite bien servir.

380

tanto bene la fece curare.

380

De nostre essanple oez la somme.

Ascoltate la fine del nostro racconto.

A la fiere feme au preudome

All’arrogante moglie del nobiluomo

Est pris volentez de veoir

è venuta voglia di visitare

Sa fille. El demain velt movoir:

384

sua figlia. L’indomani vuole partire:

384

Dis chevaliers apareilla,

fa preparare dieci cavalieri,

Mout noblement a cort ala.

con grande sfarzo va a corte.

Son seignor dit, com ele sielt,

Dice al marito, com’è solita,

Qu’après lui viegne, se il velt.

388

che la segua, se vuole.

388

Au conte mande qu’ele vient.

Manda ad annunciare al conte il suo arrivo.

Li quens a grant orgueil le tient

Il conte considera un atto di grande arroganza

Qu’ele mande et non li sire

che lei mandi l’annuncio e non il marito,

Qui vient lui autre, ce ot dire.

392

che viaggia separatamente, cosí sentí dire;

392

Nequedent bel ator fait faire

ad ogni modo, fece fare sontuosi preparative

De mengier et de luminaire.

per il cibo e l’illuminazione.

Ez vos la dame descendue,

Ecco che la dama è scesa da cavallo,

Ne fu pas trop bel receüe;

396

non fu accolta molto gentilmente;

396

Li quens li fist baseste chiere.

il conte la ricevette con freddezza.

A tant ez vos venuz le pere.

Allora ecco giungere il padre.

A l’encontre li quens li saut:

Il conte gli va subito incontro:

«Welcomme!», crie tot en halt.

400

«Benvenuto!», dice a gran voce.

400

Queurt a l’estrier, et cil s’en ire;

Corre a reggergli la staffa, e quello s’adombra;

Et dit li quens: «Or soffrez, sire,

e dice il conte: «Ora permettete, sire,

Que l’en vos serve en ma maison!».

che vi si serva in casa mia!».

«Volentiers, quant il vos est bon!».

404

«Volentieri, se vi fa piacere!».

404

[Jouste le feu fu fait un liz

404.1

Vicino al fuoco fu preparato un letto

404.1

De coute pointe et de tapiz.]

404.2

con trapunte e tappeti.

404.2

†Prist par la mein, lez lui l’assist†,

405

?Prese per mano, lo fece sedere accanto a s??,

405

Deshueser et servir le fist.

lo fece scalzare e servire.

La contesse issi de la chambre,

La contessa, che era molto affezionata

Qui vers sa mere ot le cuer tendre;

408

a sua madre, usc? dalla stanza;

408

Et nequedent le conte crient,

tuttavia teme il conte,

Por le baston dont li sovient.

poich? si ricorda del bastone.

Primes son pere salua,

Prima salut? suo padre,

Et il li rent, puis la baisa.

412

ed egli le rese il saluto e poi la baci?.

412

Puis a sa mere saluee;

Poi ha salutato sua madre;

Mout volentiers i fust alee,

molto volentieri sarebbe andata da lei,

Mais li quens l’assist lez son pere;

ma il conte la fece sedere vicino a suo padre;

La mere en fist pesante chiere.

413

la madre ne fu molto contrariata.

416

Le mengier hasterent li queu,

I cuochi servirono rapidamente la cena,

Devant les dois ont fait bon feu.

davanti ai tavoli hanno preparato un bel fuoco.

Levent, s’assieent au mengier.

Lavano le mani, si siedono a mangiare.

Li quens tint son seignor mout chier:

420

Il conte tenne molto caro il proprio signore:

420

Delez lui l’assist hautement.

lo fece sedere con deferenza accanto a s?.

Mout furent servi richement,

Furono serviti molto abbondantemente,

Mout ont bons mes et bons viez vins,

ricevono pietanze squisite e vini invecchiati,

Et bons morez et clarez fins.

424

deliziosi succhi di more e raffinati vini speziati.

424

La fiere dame et li sien dis

L’arrogante dama e i suoi dieci uomini

Sont en un banc en loig assis;

sono seduti su una panca in disparte;

Ne furent pas si bien servi:

non furono serviti altrettanto bene:

Ce fist li quens tot por celi

428

questo fece il conte proprio per via di lei,

428

Qui a son seignor ert contraire.

che era ribelle al suo signore.

Mengié ont, les napes font traire;

Hanno mangiato, fanno togliere le tovaglie;

Deduit se sont et envoisié,

si sono divertiti e svagati,

Le fruit ont, puis se sont coschié.

432

ricevono la frutta, poi vanno a coricarsi.

432

La nuit s’en va, li jors apert.

La notte finisce, spunta il giorno.

Li quens lieve, qui dolenz ert

Il conte si alza, è dispiaciuto

De son seignor, qui feme a male.

per il suo signore, che ha una moglie malvagia.

Il l’en apele enmi la sale:

436

Lo chiama in mezzo al salone:

436

«Sire, alez chacier en mon parc

«Signore, andate a caccia nel mio parco

O chiens, o reseus et o arc!

con i cani, con le reti e con l’arco!

Alez chacier a venoison

Andate a caccia di selvaggina,

Que a grant plenté en aion!

440

cosí ne avremo in abbondanza!

440

N’i ait serjant ne chevalier

Non vi sia valletto né cavaliere

Qu’avec vos ne voisent chacier!

che non vi accompagni a caccia!

Avuec cez dames demorrai:

Rimarrò con queste dame:

Li chiés me dielt, grant mal i ai».

444

mi duole la testa, ne ho gran male».

444

Or sont montez, n’atendent plus:

Sono saliti a cavallo, non indugiano oltre:

Tuit vont chacier, n’i remaint nus

tutti vanno a caccia, non rimane nessuno

Fors le conte et quatre serjant,

fuorché il conte e quattro servitori,

Fort et menbruz et fier et grant.

448

forti, robusti, coraggiosi e aitanti.

448

Il le conseille a un sien mor:

Egli ordina a un suo moro:

«Va querre les coilles d’un tor,

«Vai a cercare i testicoli di un toro,

Les coillons atot le foucel,

i coglioni con tutto lo scroto,

Si les m’aporte, et un tonel

452

portameli, e anche un catino

452

Et un rasoir bien afilé,

e un rasoio ben affilato,

Si le m’aporte en recelé!».

portamelo di nascosto!».

Et il si fist sanz demorance.

E quello cosí fece senza indugio.

Il prist sa dame par la manche,

456

Egli prese sua suocera per la manica,

456

Lez lui l’assist, si li a dit:

la fece sedere accanto a sé e le disse:

«Hé, dame, se Dieus vos aïst,

«Oh signora, che Dio vi aiuti,

Dites moi ce que vos querrai!».

ditemi ciò che vi chiederò!».

«Volentiers, sire, se gel sai».

460

«Volentieri, sire, se lo so».

460

«Dont avez vos icest orgueil?

«Da dove vi viene questa arroganza?

Mout volentiers savoir le vuel,

Ci tengo molto a saperlo,

Que vos avez en tel despit

dato che considerate con tale disprezzo

Vostre seignor et quanque dit:

464

il vostro signore e qualsiasi cosa dica:

464

Vos dites ce que li desplait,

dite ciò che gli dispiace,

Et conmandez, si sera fait.

e lo ordinate, cosí verrà realizzato.

Feme ne fait vilté graignor

La donna non commette atto piú vile

Que de vill tenir son seignor!».

468

che disprezzare il proprio signore!».

468

«Sire, plus sai que il ne set

«Sire, io so piú di quanto egli non sappia

Et si ne fait riens qui m’agret!».

e cosí lui non fa nulla che mi aggradi!».

«Dame, bien sai dont ce vos vient:

«Signora, so bene qual è la causa:

Ceste fiertez es rains vos tient!

472

quest’insolenza vi risiede nelle reni!

472

Ge l’ai bien veü a vostre hueil

L’ho ben visto dal vostro sguardo

Que vos avez de nostre orgueil;

che avete qualcosa della nostra virilità;

Vos avez coilles comme nos,

voi avete i testicoli come noi,

S’en est vostre cuers orgueillous.

476

cosí il vostro cuore diventa arrogante.

476

Ge vos i vueil faire taster:

Vi voglio far tastare:

S’il i sont, ses ferai oster».

se ci sono, li farò estirpare».

Dit la dame: «Taisiez, beau sire!

Dice la dama: «Tacete, signore!

Gas ne me devriez vos dire!».

480

Non dovreste prendervi gioco di me!».

480

«Estendez la, serjans, a terre

«Valletti, stendetela a terra

As denz: es rains li ferai querre!».

supina: li farò cercare nelle reni!».

Cil estendent la dame encline,

Quelli stendono la dama supina,

Et ele se claime frarine.

484

lei lamenta la propria disgrazia.

484

Uns des serjanz le rasoir prant,

Uno dei servitori afferra il rasoio,

Demi pié la nache li fent;

le fa un taglio di mezzo piede nella natica;

Son poig i met enz, et tot clos

vi infila dentro il suo pugno e, ben stretto,

Un des coillons au tor mout gros:

488

uno dei grossi coglioni del toro:

488

Ça et la tire, et ele brait.

tira di qua e di là, e lei sbraita.

Senblant fait que du cors li trait,

Fa finta di strapparlo dal suo corpo,

[Devant li le met el bacin

davanti a lei lo mette nel catino

Et ele cuide bien enfin

492

e lei crede bene infine

492

Que ce soit voir; et cil revint,

che ciò sia vero; e ritornò quello

Qui en sa mein le rasoir tint:

che teneva in mano il rasoio

Et cil li porfent l’autre nache;

e le taglia l’altra natica;

Senblant fait que du cors li sace,]

496

fa finta di estirparlo,

496

Tot sanglent el bacin le rue.

tutto sanguinante lo getta nel catino.

Cele se pasme, qui fu mue;

Quella sviene, cosí si zittisce.

Quant ele vint de pasmoison,

Quando si riprese dallo svenimento,

«Dame – dit li quens –, or avon

500

«Signora – dice il conte –, ora abbiamo

500

L’orgueil dont estiez si ose:

la virilità che vi rendeva cosí aggressiva:

Or seroiz mais mout simple chose!

Ora sarete molto piú docile!

Mais ge dout qu’aucunne racine

Ma temo che qualche radice

N’i remaigne se nel quisinne:

504

rimanga se non la cauterizzo:

504

Or tost, un costre m’eschaufez,

valletti, scaldatemi una lama di vomere,

Les racines me quisinez!».

cauterizzatemi le radici!».

Dit la dame: «Sire, merci!

Dice la dama: «Sire, pietà!

Certes lealment vos affi,

508

Sicuramente, lealmente vi prometto,

508

Et sor sainz le vos jurerai,

e ve lo giuro sui santi,

Que mon seignor ne desdirai,

che non contraddirò il mio signore,

Servirai le sicom ge doi:

lo servirò come è mio dovere:

Tenez, gel vos affi par foi!».

512

Credetemi, ve lo prometto in fede!».

512

«Or atendez donc sa venue:

«Ora attendete dunque il suo ritorno:

Jurrez li, s’en seroiz creüe».

giurateglielo, se sarete creduta».

La contesse a forment ploré.

La contessa ha pianto moltissimo.

«Ça, – dit li quens –, savez m’en gré

516

«Su, – dice il conte –, dovete essermi grata

516

De ce que vostre mere ai fait,

di ciò che ho fatto a vostra madre,

Que son orgueill fors li ai trait!

che le ho estirpato la sua virilità!

Ge crieng que a lui ne traiez

Temo che assomigliate a lei

Et cest orgueil es rains n’aiez:

520

e che abbiate nelle reni quello stesso orgoglio:

520

Mais or soffrez, ge tasterai

ora abbiate pazienza, controller

Et se ges truis ges osterai!».

e se la trovo, la estirperò!».

«Merci, sire, por Dieu le voir!

«Pietà, sire, in nome di Dio!

Sire, bien le devez savoir,

524

Sire, dovete ben saperlo,

524

Tant i avez sovent tasté,

tanto spesso avete tastato,

Se il i sont! Nenil, par Dé,

se c’è! Nient’affatto, per Dio,

Ge ne sui pas de la nature

non sono della stessa natura

Ma mere, qui est fiere et dure:

528

di mia madre, che è arrogante e dura:

528

Ge retrai plus, sire, a mon pere

assomiglio di piú, sire, a mio padre

Que ge ne faz, voir, a ma mere!

di quanto non faccia, davvero, a mia madre!

Ainc vostre conmant ne desdis

Non ho mai contraddetto i vostri ordini

Que une foiz, si m’en fu pis.

532

se non una volta, e l’ho pagata cara.

532

Preïstes en vostre venjance!

Ve ne siete ben vendicato!

Ge vos en fais asseürance

Ve lo assicuro,

Que ge ferai quanque volrez

farò qualsiasi cosa vorrete

Et amerai quanqu’amerez.

536

e amerò qualsiasi cosa amerete.

536

Se nel faz, le chief me tranchiez!».

Se non lo faccio, tagliatemi la testa!».

Ce dist li quens: «Bele, or sachiez

Disse il conte: «Bella, sappiate

Qu’or soffrerai, mais se ge voi

che ora avrò pazienza, ma se mi avvedo

Que voilliez reveler vers moi,

540

che volete ribellarvi a me,

540

Ostez vos seront li doi frere,

vi saranno strappati i due fratelli,

Sicom il sont a vostre mere;

come è successo a vostra madre;

Que, ce sachiez, par cez grenotes

poiché, sappiatelo, a causa di questi bulbi

Sont les femes fieres et sotes!».

544

le donne diventano arroganti e sciocche!».

544

De chacier vint li riches hom,

Il nobiluomo ritornò dalla caccia,

Assez a prise venoison.

ha preso molta selvaggina.

La dame l’a oï, si pleure;

La dama l’ha sentito, perciò piange;

Et il i ala en es l’eure,

548

ed egli accorre da lei immediatamente

548

Si li demande qu’ele a.

e le chiede cos’ha.

Li quens l’encontre, si parla:

Il conte si avvicina; cosí parlò:

«Sire, que ge li ai ostez

«Sire, le ho estirpato

Ce dont el menoit tel fiertez:

552

la causa per cui mostrava tanta arroganza:

552

Ces deus coillons qu’es rains avoit,

quei due coglioni che aveva nelle reni

Dont ainsi orgueillouse estoit.

e che la rendevano tanto bisbetica.

Vez les coillons en cel bacin,

Guardate i coglioni in quel catino,

N’i meïssiez autrement fin!

556

non vi avreste messo fine altrimenti!

556

Les racines vueil quisiner,

Voglio cauterizzare le radici,

Mais el voudroit sor sainz jurer

ma lei vorrebbe giurare sui santi

Que jamais ne vos desdira,

che non vi contraddirà mai piú

Et volentiers vos servira».

560

e che vi servirà volentieri».

560

Cil quide que trestot voir soit,

Quello crede che sia tutto vero,

Por les coillons que iluec voit;

per i testicoli che vede là;

Por la dame qu’il voit navree

Per la moglie che vede ferita

Cuide qu’ele soit amendee.

564

crede che sia cambiata.

564

Le soirement et la fiance

Il giuramento solenne

Fist la dame sanz demorance.

fece la dama senza indugio.

Ses plaies li font reloier

Le fanno ricucire le piaghe

Et la letiere apareillier,

568

e preparare la lettiga,

568

Si l’en portent sor deus chevaus.

quindi la trasportano su due cavalli.

Ses plaies ne sont pas mortaus;

Le sue ferite non sono mortali;

Bon mire ot, qui bien la gari.

ebbe un buon medico, che la fece guarire.

Son seignor ama et servi,

572

Amò e serví il suo signore,

572

Onques puis nel desdist de rien.

non lo contraddisse mai piú in nessun modo.

Mout par esploita li quens bien!

Il conte agí davvero molto bene!

Benoit soit il, et cil si soient,

Sia benedetto, e lo siano anche coloro

Qui lor males femes chastoient.

576

che puniscono le proprie cattive mogli.

576

[Honi soient, et il si ierent,

Siano disprezzati, e cosí saranno,

Cil qui lor femes trop dangierent.]

coloro che rispettano troppo le proprie mogli.

Les bones devez mout amer,

Dovete amare molto quelle buone,

Et chier tenir et hennorer.

580

e tenerle care ed onorarle.

580

Et il otroit mal et contraire

Ed Egli dispensi male e avversità

A ramposneuse de put aire.

alle insolenti di malvagia natura.

Teus est de cest flabel la some:

Tale è la conclusione di questo racconto:

Dahet feme qui despit home!

584

maledetta la donna che disprezza l’uomo!

584

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search