Version classiqueVersion mobile

La Virago Evirata

 | 
Serena Lunardi

3. Osservazioni sulla lingua

Texte intégral

3.1 Premessa

1Il presente capitolo è dedicato allo studio linguistico del fabliau La Dame escoillee e della sua tradizione manoscritta. L’indagine va necessariamente incontro ad alcune difficoltà, concernenti da un lato le caratteristiche specifiche di questa tradizione, dall’altro, piú in generale, le problematiche, spesso dibattute dalla critica, circa i complessi rapporti fra dialetto e scripta.

2Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto, Gossen ha osservato:

  • 1 Gossen 1968: 1-2. La bibliografia relativa alla problematica della scripta nello studio dei testi a (...)

La grande difficulté d’établir les équivalences entre les graphèmes et les phonèmes […] est due au fait qu’il s’agit de deux choses qui, quoique l’une soit censée être l’expression de l’autre, sont situées sur deux plans différents. […] Dans beaucoup de cas, le graphème ne sera qu’une approximation. La formation de traditions graphiques régionales ou provinciales dans tous les domaines de la langue d’oïl au cours du moyen âge, qui pouvaient s’influencer réciproquement, ne font qu’accroître les difficultés que nous avons d’interpréter les graphèmes d’une façon correcte […]. À ce caractère fondamentalement problematique de la question s’ajoutent les facteurs suivants: 1) datation incertaine; 2) localisation incertaine du document médiéval; 3) absence de l’original […], donc des facteurs intervenant dans la plupart des oeuvres littéraires […].1

  • 2 Naturalmente, la situazione differisce a seconda delle caratteristiche del recueil preso in esame; (...)

Nel caso specifico del fabliau, intervengono problemi di diverso ordine: per quanto concerne la tradizione manoscritta, è noto che la fisionomia composita dei recueils è ben lungi dall’essere inquadrata con sicurezza. L’asserzione di Rychner circa la necessità di considerare ciascuna pièce individualmente dal punto di vista della ricostruzione filologica implica anche l’impossibilità, almeno allo stato attuale delle ricerche, di individuare costanti certe nello studio linguistico e impedisce quindi in molti casi di trovare appoggio nelle analisi condotte su testi contigui contenuti nello stesso codice, anche quando il responsabile della trascrizione sia certamente il medesimo.2

3Per quanto concerne poi la ricostruzione della lingua della versione originale, l’instabilità delle relazioni fra i testes e l’alto numero di lectiones singulares e di rimaneggiamenti veri e propri (cf. § 2.3), riduce notevolmente il campo di ricerca, rendendo talvolta complicato selezionare i dati utili all’esame linguistico.

  • 3 Utilizzo il maiuscoletto per i termini e le forme proprie del latino, il corsivo per i corrispettiv (...)

4Il presente capitolo è suddiviso in due sezioni: la prima concerne l’analisi delle caratteristiche linguistiche attribuibili alla versione originale del fabliau (§ 3.2), la seconda invece consiste in una classificazione dei dati che permettono di collocare e caratterizzare i sei relatori giunti a noi (§ 3.3). In entrambi i casi, si è scelto di concentrare l’attenzione principalmente sugli elementi utili alla datazione e alla localizzazione. Tuttavia, nella sezione dedicata alla lingua dei copisti (§ 3.3), è stata selezionata una serie di fenomeni grafici con possibile valore fonetico, quale ad esempio l’uso grafico nella resa del nesso C + A ad inizio di parola (in sillaba libera o entravée). Inoltre, per le schede relative alla lingua dei copisti, si è cercato di utilizzare un modello flessibile e iterabile, in grado di agevolare il confronto tra i sei testes. Perciò in alcuni casi saranno registrate anche forme perfettamente regolari e non indicative di fenomeni dialettali (ad esempio, per quanto concerne la morfologia, è indicata in ogni scheda la resa dell’articolo determinativo e del pronome personale femminile, anche nei casi in cui il copista utilizzi le forme regolari franciane). Ulteriori notazioni saranno rinviate al Glossario e alle Note.3

3.2. La lingua della versione originale

3.2.a Attribuzione

5Il fabliau è anonimo in tutti i testimoni che lo tramandano e, salvo errori, nessuna ipotesi di attribuzione è stata formulata da parte della critica. D’altronde, il testo non presenta elementi che permettano di avanzare ipotesi sull’identità dell’autore.

6Per la datazione e la localizzazione della versione originale è dunque necessario affidarsi principalmente all’analisi degli elementi linguistici presenti nel testo e sicuramente autentici, perché garantiti dall’unanimità dei testimoni o da altre ragioni relative alla valutazione della varia lectio.

3.2.b Datazione

7Il fabliau si colloca sicuramente entro i confini del XIII secolo e i manoscritti che lo tramandano datano al piú tardi agli inizi del XIV (cf. § 3.3). Mancano tuttavia elementi esterni utili a precisare questa generica collocazione ed è quindi necessario affidarsi a criteri interni.

8Fra i precedenti editori, soltanto Noomen e van den Boogaard hanno cercato di circoscrivere maggiormente la datazione della Dame escoillee, ricorrendo in particolare all’analisi del grado di mantenimento della declinazione bicasuale nei luoghi di rima. Riporto le loro osservazioni:

  • 4 NRCF: VIII, 5. Come nel § 2.3 (cf. supra), anche nel corso del presente capitolo per le citazioni t (...)

Une série de rimes communes à tous les témoins montre que le système de la déclinaison bicasuelle est encore intact (cf. [57-58] veneor : jor, [89-90] chevaliers : volentiers, [185-186] hueil : vuell, [201-202] petit : lit, [273-274] foiz : palefroiz, [287-288] cité : assanblé, [289-290] vavassor : seignor, [365-366] li mien : bien, [445-446] plus : nus); nous inclinons donc à dater la composition du fabliau de la première moitié du 13e siècle.4

  • 5 La declinazione bicasuale non viene mantenuta nei seguenti casi: D 21 seignor, DeE 149 sires, E 391 (...)

Ho potuto constatare che l’analisi dei luoghi di rima mette effettivamente in luce il sostanziale rispetto del sistema bicasuale, a eccezione di rare deroghe da parte di singoli copisti o, tutt’al piú, di singole famiglie.5 Le osservazioni di Noomen e van den Boogaard sono dunque condivisibili.

9Tuttavia, è necessario mantenersi prudenti. Alcuni testimoni manoscritti del fabliau e con ogni probabilità anche la versione originale sono da collocarsi nel Nord della Francia, in particolare fra Normandia e Piccardia, come chiarirò meglio nel corso del prossimo paragrafo. Diversi studiosi hanno evidenziato la conservatività della scripta di quell’area geografica e segnatamente di quella piccarda; riporto ad esempio le osservazioni di Gaston Zink:

  • 6 Zink 1989: 36-37.

L’effacement phonétique des consonnes finales, qui se généralise au XIIIe siècle, devant une initiale consonantique fait disparaître la marque –s au moins une fois sur trois dans la chaîne parlée et vient aggraver encore son mauvais rendement. Au XIVe siècle, les copistes, mis à part ceux qui écrivent dans les scriptoria picards […], renoncent à maintenir un système flexionnel qu’ils ne maîtrisent plus. […] L’attachement des auteurs et des copistes du Nord à la déclinaison laissait attendre de leur part une solide résistance au processus de dégradation. Et, de fait, ils réussiront à la maintenir à peu près, jusque vers 1400, comme en témoigne l’oeuvre de Froissart […]. L’étude morphologique d’un texte picard du XIVe siècle doit tenir compte de ce décalage entre les scriptae du Centre et du Nord.6

Claude Buridant rileva inoltre che

  • 7 Buridant 2000: 80-81, § 50; lo studioso distingue fra l’ «attitude modernisante», propria dei copis (...)

l’éffacement de la déclinaison a aussi une dimension diaphasique: il témoigne d’attitudes différentes des copistes dans leur scripta, certains ayant gardé plus longtemps le souvenir des formes casuelles grâce à la tradition scripturale, tandis que la déclinaison serait perdue depuis longtemps dans la forme orale, dialectale, de la langue.7

  • 8 Cf. § 3.3.e e Lunardi 2013: 186-187 e 194.

Date queste considerazioni e vista l’assenza di ulteriori elementi che permettano di corroborare o di smentire l’ipotesi di Noomen e van den Boogaard, ritengo che la datazione della Dame escoillee entro la metà del XIII secolo si possa mantenere, seppur con un certo margine di dubbio. Ritornerò su queste considerazioni piú avanti nel corso del capitolo: qualche dato ulteriore è infatti ricavabile dalla datazione dei sei testimoni del fabliau; in particolare, per il ms. G è stata recentemente proposta una collocazione nella prima metà del XIII secolo e ciò potrebbe ulteriormente comprovare l’ipotesi formulata dagli editori olandesi sulla base dei criteri interni citati supra.8

3.2.c Localizzazione

  • 9 Gröber 1902: 622 «Der von Huon Piaucele […] geschilderte Kampf mit der widersetzlichen Frau wird in (...)
  • 10 Roques 1978: 453-454.

10Il primo studioso ad avere proposto una localizzazione della Dame escoillee fu Gustav Gröber, che collocò dubitativamente il fabliau nell’area occidentale della Normandia, senza tuttavia presentare i dati che lo avevano portato a formulare questa ipotesi.9 Una settantina d’anni piú tardi, la sua proposta venne ripresa e maggiormente circostanziata da Gilles Roques in un saggio comparso nei Mélanges offerti a Jean Rychner, pubblicati nel 1978.10

11Secondo Roques, l’ipotesi di Gröber trova conferma nella presenza in rima di due termini senz’altro propri dei dialetti della Francia occidentale e segnatamente della Normandia. Il primo è il verbo cester (cf. Glossario), che compare nel fabliau piú volte in sede di rima: la prima al

12v. 271, nel ms. G e, in forma corrotta, nel ms. F (che reca teste in luogo di ceste); la seconda (nella forma recester) al v. 275, sebbene i mss. ne presentino tutti una variante corrotta (DF retesta, e se cessa); infine, il verbo compare all’interno del v. 273; in questo caso, è corretta soltanto la lezione dei mss. G ed e (ceste), mentre DF presentano la lezione corrotta teste. Il ms. E presenta in tutte e tre le occorrenze una lectio singularis, poiché utilizza il vb. assouper, sinonimo di cester (E 271 assoupe, E 273 assoupes, E 275 rassoupa, cf. Glossario); lo stesso vale per il ms. C, che presenta sempre il verbo choper, anch’esso sinonimo di cester (C 271 chope, C 273 chopes, C 275 rechoupa, cf. Glossario). Come si nota, la dispersione di varianti è notevole (cf. a questo proposito § 2.3.a, (2) e Note, 271-272); tuttavia, cester parrebbe essere in tutti e tre i casi la lectio difficilior, probabilmente autentica. La diffrazione potrebbe essere stata causata proprio dalla ridotta diffusione del termine, che risulta documentato essenzialmente nell’area occidentale del dominio oitanico. Riporto le osservazioni di Roques:

  • 11 Il termine cester è registrato anche in AND2, I, con il seguente significato: «to trip, stumble».
  • 12 Roques 1978: 453-454.

Examinons tout d’abord cester. […] Le français l’a connu jusqu’à la fin du XIII s. On ne le trouve cependant que dans des textes de l’Ouest (normand, anglonormand, Touraine): 1) Anglo-normand 1121–fin XIIIe s. (St Brendan 224; Hue de Rotelande, Protheselaus 8006-10326 et Ipomedon 6555; Angier dans T.-L.; Gloss. de Neckam et Vie de St Edouard dans Gdf; Gautier de Bibbesworth et N. Bozon dans T.-L.);11 2) Normand ca. 1170–ca. 1195 (Tristan de Béroul, Guerre Sainte d’Ambroise dans T.-L.); 3) Touraine XIII s. (Vie de St Martin dans T.-L.). Le Livre des Manières dans T.-L. (ca. 1180), plus difficilement localisable, est assurément de l’Ouest. Restent deux textes: le Lai du Desiré et notre fabliau. La patrie du Desiré nous est inconnue, mais le mot n’est que dans un des deux mss. ([…]; l’autre ayant tresbucha) et precisément dans un ms. anglo-normand. Ainsi l’emploi de cester dans ce fabliau nous incline à le localiser dans l’Ouest.12

  • 13 Thomas 1900: 161-208.
  • 14 Ivi, 177-178: «Godefroy a vu dans giernote un diminutif de graine et l’a enregistré sous la forme g (...)

L’altro termine è grenotes (cf. Glossario), che compare in sede di rima al v. 543, con testimonianza unanime dei sei relatori. Il termine era stato studiato una prima volta da Antoine Thomas.13 Lo studioso proponeva di rivedere il significato proposto dal dizionario di Godefroy (in cui era registrato come diminutivo di graine); Thomas aveva infatti ritrovato nel patois normanno la forma gernote, jarnote, guênote per indicare il bunium bulbocastanum e altre varietà vegetali assimilabili e citava, a conferma di questi dati, il glossario di Littré, che classificava gernote e jarnotte come sinonimi di terre-noix. Thomas riconduceva il termine a un’origine scandinava e ne identificava una forma analoga nello svedese jördnot, ma questa ipotesi rimane dubbia. La stessa ricorrenza di grenotes nel nostro fabliau, in cui il termine è utilizzato metaforicamente per indicare i testicoli, conferma, secondo lo studioso, la bontà della sua ipotesi e la necessità di rivedere la traduzione del termine proposta da Montaiglon e Raynaud nel glossario della loro edizione critica.14

13Roques riprende le osservazioni di Thomas e commenta:

  • 15 Cf. anche AND1: III, gernotes con il significato di «earth-nuts».
  • 16 Roques 1978: 454. Lo studioso si riferisce a: FEW: XV II, 89b, n. 3: «In einem pik. text will Thoma (...)

Examinons maintenant grenotes «testicules» […]. A. Thomas s’est occupé de ce mot […] et a proposé de le rattacher à g(i)ernote «terre-noix», mot attesté en Normandie depuis Guillaume le Clerc, Besant (cf. aussi le normand H. de Mondeville et l’anglonormand Neckham dans T.-L.).15 Le mot […] vit encore en Normandie et dans les régions immédiatement limitrophes, à l’exception cependant de deux attestations dans le Pas-de-Calais qui sont probablement venues plus tard, introduites vraisemblablement par la voie maritime. Reste que le FEW […] n’a pas accepté de rattacher grenotes à g(i)ernote, assurément à tort; il le place sous granum, IV, 234 a et 241, n. 34-35) en localisant, encore une fois à tort, l’oeuvre en Picardie.16

  • 17 Paris 1894: 161-176.
  • 18 Andison 1923: 65-72.
  • 19 Ivi: 65 «Oel is to be understood as derived from the Latin HOC ILLUM (ILLUM for ILLUD). In its vari (...)

La localizzazione normanna del fabliau viene ripresa (anche se in qualche modo sfumata) da Noomen e van den Boogaard; infatti, essi concordano con Gilles Roques nel ricondurre i termini cester e grenotes alla Normandia e aggiungono anche un altro dato a corroborare l’ipotesi: la presenza della particella affermativa ao(u)l (cf. Glossario), che compare al v. 313 soltanto nelle versioni di De ma deve trattarsi senz’altro della lectio difficilior, cf. § 2.3.d, (20). Aol deriva, secondo le ricerche di Gaston Paris,17 poi ampliate da John Gordon Andison,18 dal lat. HOC ĬLLUM (per HOC ILLŬD); la sua composizione sarebbe dunque parallela a quella della piú diffusa particella affermativa oïl, derivante dal latino volgare HOC ĬLLĪ; in aol avviene tuttavia la sostituzione del pronome neutro di terza persona al pronome maschile corrispondente.19

  • 20 Paris 1894: 166-168: «Le nom. neutre el […] a donc appartenu anciennement à tout l’ouest de la Fran (...)
  • 21 Andison 1923: 66-67.

14L’esistenza di un pronome neutro di terza persona in antico francese è stata indagata principalmente da Gaston Paris nell’articolo citato; egli lo identificava con la forma el, documentata da diversi testi letterari dell’area occidentale della Francia. Secondo lo studioso, l’uso del pronome el doveva avere un’estensione ancor maggiore (comprendente anche Piccardia, Lorena e Champagne), finché non venne soppiantato da quello del maschile il. Anche la particella affermativa aol doveva essere diffusa in tutta la Francia del Nord e, secondo Paris, doveva avere occupato per un certo tempo il posto di oïl, poiché compariva nelle risposte affermative generiche, anche dove l’interrogativa non presentava una costruzione impersonale. Soltanto l’estensione del pronome il in sostituzione di el avrebbe in seguito indotto all’abbandono di aol in favore di oïl.20 Secondo John Gordon Andison, tuttavia, Gaston Paris esagera la diffusione di aol, che doveva essere invece rimasto limitato alle sole regioni occidentali, poiché altrove l’uso di il a coprire le funzioni del neutro el si era diffuso abbastanza rapidamente e aveva fatto sí che oïl si affermasse ben presto per la risposta affermativa generica. Aol era dunque una forma poco diffusa, soltanto dialettale, come dimostrano anche le sue ricorrenze: essa compare soltanto in testi provenienti dall’Ovest del dominio oitanico, fra i quali lo studioso cita anche La Dame escoillee.21

  • 22 A questi dati potrebbe forse aggiungersi la rima 439 venoison : 440 aion, condivisa da tutti i test (...)
  • 23 Roques 1978: 454.
  • 24 NRCF: VIII, 5.
  • 25 A proposito di orille, cf. Gos: 89, § 34, n. 40: «Cf. l’évolution du suffixe –ICULA > pic. –ille, p (...)
  • 26 Ibidem. Per la forma manche, cf. Gos: 98, § 41: «Traitement de c dans le groupe consonne + i syncop (...)

15I dati sin qui presentati inducono Noomen e van den Boogaard ad appoggiare l’ipotesi di una provenienza normanna del fabliau.22 Tuttavia, se Gröber inclinava a considerarlo originario dell’area occidentale della Normandia e Roques escludeva l’ipotesi di un’origine piccarda del testo «en raison de la distinction soigneuse de –s et –z et du mélange de en et an»,23 Noomen e van den Boogaard propongono invece di localizzare la versione originaria «dans la partie nord de la Normandie»,24 in una zona dunque sensibilmente piú prossima alla Piccardia. La ragione di questo spostamento verso nord-est della localizzazione risiede nella presenza di una serie di piccardismi, «comme l’enclise du pronom le féminin dans nel […] [504] et les rimes fille : orille […] [223-224], orille : essille25 […] [351-352] et demoranche : manche [455-456]».26

  • 27 Le ragioni che portano Roques ad escludere una localizzazione piccarda del fabliau sono invece in p (...)

16L’ipotesi degli studiosi olandesi è senz’altro la piú motivata ed è del tutto condivisibile.27 La presenza di tratti piccardi in sede di rima è infatti senz’altro ravvisabile; ai casi elencati dagli olandesi, si potrebbero aggiungere anche i seguenti:

    • 28 Cf. Fouché 1966-1973: 161 «Le cas de HOMO < v. fr. huem, hom et de COMES <v. fr. cuens, cons se ret (...)
    • 29 NRCF: VIII, 348. Cf. Lote 1949-1955: III, 213: «En Picardie, la forme boin est la notation de buen (...)
    • 30 Cf. Zink 1986: 222. A proposito di boin, cf. Lote 1949-1955: III, 215-216 «La diphtongue uen provie (...)

    ai vv. 47-48, la rima quens : bo(i)ns in EFC, che dovrebbe appartenere all’originale, come già si è detto nel § 2.3.a, (4) (G è danneggiato, mentre De rimaneggiano, sostituendo sens a bons); come notano Noomen e van den Boogaard, «on sait que bon a commencé de bonne heure à se substituer à buen (cf. par ex. Fouché 1966-1973: II, 161, 355),28 cette dernière forme se maintenant le plus longtemps dans les régions picardisantes, éventuellement notée boin (cf. Lote 1949-1955: III, 213)»;29 la medesima rima ricompare in E ai vv. 182.3-4 (bons : quens) e ai vv. 241-242 in tutti i testimoni (quens : boens);30

    • 31 La forma solaus è registrata in Gos: 63 come esempio degli esiti del suffisso - CULU in piccardo; l (...)

    ai vv. 65-66 si trovano le forme consaus e solaus in rima (i testes sono unanimi, ad eccezione di G che è danneggiato); cf. Gos: 63, § 12: «ĕ, ĭ + l ou ļ entravés > pic. eau, iau, au»; cf. anche § 3.3.a, 5);31

    • 32 A questo proposito, cf. anche Gos: 53, § 7: «-ATICU […]».
    • 33 A proposito della rima con sace, cf. Lote 1949-1955: III, 225.

    interessante è anche la forma na(i)che (EFC) e nage (G) che compare in rima al v. 495 con esrache (FC), errache (E) e sace (G); il verso manca nella versione di De a causa di una lacuna del loro antigrafo, cf. § 2.3.a, (6). Cf. le osservazioni di Gossen (Gos: 103, § 45): «–ATICU […]. L’Artois, la Flandre et le Hainaut ne connaissent que le résultat –a(i)ge,32 tandis que dans l’Ouest et le Sud de l’aire picarde on rencontre un type –ache, à côté de –age. Nous pensons que c’est là le premier témoignage de la tendance du picard à transformer les finales sonores en sourdes. Ce passage a lieu dans la finale –ge, de quelque provenance qu’elle soit»;33

    • 34 Cf. anche Gos: 107, § 49. Mi pare invece decisamente dubbio il caso dei vv. 163-164, dove DeG recan (...)

    infine, è piccarda la rima fra (just)ice e (command)ise, come segnalano anche Noomen e van den Boogaard; essa compare ai vv. 97-98 (soltanto nelle versioni di DeG, ma si tratta molto probabilmente di lezione autentica, cf. § 2.3.c, (16); ai vv. 145-146, la medesima rima (servic(h)e : entremise) è lezione soltanto di eF, cosí come ai vv. 349-350 (commandise : justic(h)e); in questi ultimi due casi, non deve trattarsi di lezione autentica. Su questo tratto linguistico, cf. Lote 1949-1955: III, 242: «Ce phénomène se constate surtout en Wallonie, en Picardie et en Beauvaisis. Il s’explique par le fait que toute s avait tendance à devenir sourde, en particulier en syllabe féminine atone où il est vraisemblable que des prononciations négligées ne faisaient pas sentir l’e».34

Ai tratti sin qui elencati ne vanno aggiunti alcuni, che sono propri di entrambe le scripte. Naturalmente infatti, la vicinanza geografica di Normandia e Piccardia provoca una serie di interferenze fra i rispettivi usi linguistici; ciò rende ancor piú difficile pronunciarsi con sicurezza sulla localizzazione del fabliau; mi riferisco in particolare ai casi seguenti:

    • 35 Ivi: 154; cf. anche Buridant 2000: 236, § 191; Zink 1986: 194-195 e Zink 1989: 219, 236.
    • 36 Cf. anche Lote 1949-1955: III, 163: «I. Cette voyelle française résulte: […] De la finale –iée, qu’ (...)

    la presenza in sede di rima al v. 315 del termine aillie (cf. Glossario) nelle versioni di tutti i manoscritti tranne D (che reca la forma regolare ailliee); il termine si trova in rima con il participio passato apare(i)llie (concordato appunto con aillie); ancora una volta, D presenta la forma regolare apareilliee; cf. a questo proposito Gos: 55, § 8: «YOD + ATA > pic. –ie (franc. –iée). […] La graphie –ie est normale dans les scriptae du Sud-Est, de la Lorraine, de la Wallonie, de la Picardie et, à un moindre degré, de la Normandie. Dans les textes picards, ce trait est peut-être celui qui connaît la plus grande régularité».35 Lo stesso fenomeno si ritrova in sede di rima altre due volte: la prima ai vv. 331 maisnie : 332 aillie (salvo ancora una volta D, che presenta le forme regolari franciane ailliee e mesniee, e salvo C, in cui è saltato l’intero passaggio a causa di un lungo salto du même au même); e presenta la forma aillie come gli altri testes, in rima però con escuierie; il fenomeno ritorna ai vv. 341 aillies : 342 laissies (part. passato di laissier concordato con il sogg. femm. plur. savors); fa eccezione ancora D, che presenta le corrispondenti forme regolari ailliees e laissiees, e manca ancora la testimonianza di C a causa della lacuna di cui si è detto; in questo caso, anche G risulta illeggibile per danno meccanico;36

  1. ai vv. 153-154, i mss. DGC presentano il sostantivo voleïlle in rima con fille (E presenta la variante regolare volaïlle, mentre eF la variante volille). I testimoni non concordano, ma la lezione originaria deve essere quella di DGC (eF modificano infatti il v. ciascuno per proprio conto, cf. Note, 153); a questo proposito, si veda Gos: 47-48, § 1: «a[ accentué > pic. e, ei. […] On trouve abbondamment la graphie ei représentant le résultat de A[ accentué, toujours et partout concurrencée par la graphie e, d’une part, dans les chartes de la Normandie centrale et occidentale (Calvados, Manche), ainsi que dans la zone avoisinante de la Bretagne, de l’autre, dans celles de l’Est dans une zone très vaste allant des limites du francoprovençal à la Picardie orientale. Elle est particulièrement fréquente dans les scriptae wallonne et lorraine et peut passer pour un trait caractéristique de ces régions. L’aire picarde orientale, surtout la Flandre et le Hainaut, semble en avoir été l’avant-poste».

Tutto sommato, dunque, mi pare che l’ipotesi di Noomen e van den Boogaard sia accettabile. Nel complesso, l’attestazione in sede di rima di termini di provenienza normanna e nord-occidentale, quali cester, grenotes e aol, fa propendere per localizzare la versione originaria del fabliau in quell’area geografica. D’altra parte, i piccardismi precedentemente analizzati e la presenza di forme dialettali comuni alle scripte piccarda e normanna, convalidano l’ipotesi di una localizzazione del fabliau nell’area della Normandia piú prossima al confine con la Piccardia. Resta tuttavia possibile che i piccardismi ora analizzati siano filtrati nella tradizione giunta a noi a partire dall’archetipo o dagli antigrafi perduti. Se dunque l’ipotesi della provenienza normanna dell’originale è comprovata sulla base dei dati evidenziati da Roques e Noomen e van den Boogaard, l’elemento piccardo rimane piú aleatorio e perciò anche la proposta di una collocazione di confine rimane in sostanza un’ipotesi di lavoro.

3.3. La lingua dei copisti

  • 37 Raccogliendo questo auspicio, si è dedicato all’analisi dei codici relatori della Dame escoillee il (...)

17Come si è detto nel § 3.1, l’analisi della facies linguistica delle versioni superstiti del fabliau è complicata dallo status eterogeneo dei recueils che le tramandano. Si ricordi inoltre quanto diceva Rychner a proposito della necessità di considerare ciascuna pièce come risultato di una trafila di trasmissione a sé stante. Tuttavia, lo stesso studioso aveva messo in evidenza l’opportunità di intraprendere uno studio complessivo dei recueils, al fine di trarne strumenti utili all’indagine filologica e testuale.37 Anche dal punto di vista dello studio linguistico, Rychner evidenzia il difetto insito nelle ricerche condotte sui dati forniti dalle singole pièces:

  • 38 Rychner 1960: I, 141. Anche Keith Busby lamenta la mancanza di studi sistematici in materia: «While (...)

L’étude de la langue […] perd certainement beaucoup à être détaillée dans une série de monographies. Elles se répètent inutilement, et, négligeant de comparer des pièces appartenant auparavant à des niveaux et à des aires dialectales différents, elles se privent peut-être de l’un des moyens les plus propres à déterminer avec plus d’exactitude la part prise par le copiste à la langue et au style des textes.38

  • 39 In principal luogo, non tutte le pièces sono edite, e di alcune si possiedono soltanto edizioni orm (...)
  • 40 Utilizzo il maiuscoletto per i termini e le forme proprie del latino, il corsivo per il corrispetti (...)

18Anche l’analisi di cui si darà conto nei prossimi paragrafi presenta giocoforza questa lacuna. In effetti, sarebbe stato utile confrontare i dati emersi dall’analisi con quelli risultanti dallo studio delle pièces contigue. Tuttavia, questo lavoro si è rivelato impraticabile, vista la mancanza degli strumenti necessari ad affrontarlo:39 anche da questo punto di vista, l’analisi complessiva dei recueils invocata da Rychner potrebbe aprire interessanti prospettive e permettere di acquisire strumenti di grande importanza per l’evoluzione degli studi in materia.40

3.3.a Il manoscritto C

  • 41 Per la descrizione del codice, cf. Lunardi 2013: 168-171 e Stutzmann–Tylus 2006: 144-151.

19Il ms. Hamilton 257 è stato esemplato da un unico copista; in base all’esame codicologico e paleografico, esso risulta databile alla fine del XIII secolo o al piú tardi agli inizi del XIV. A proposito della localizzazione, l’esame della lingua offre indizi di una provenienza nord-occidentale del copista, sebbene i testi, analizzati da diversi studiosi, dimostrino anche una cospicua presenza di tratti piccardi. Piotr Stutzmann e Dominique Tylus inclinano a considerare i tratti piccardi propri degli antigrafi o degli originali delle pièces, e quindi non attribuibili direttamente al copista di questo ms., e propongono l’ipotesi di una sua provenienza normanna.41 La versione della Dame escoillee è caratterizzata dai seguenti fatti linguistici:

    • 42 Cf. Gos: 95-100, § 41 e FS: 226-233.

    Per la resa del fonema velare, il grafema k non è mai utilizzato dal copista; ad esempio, a inizio di parola il nesso C + A, in sillaba libera o entravée, ha sempre come esito ch: chacier (55 e passim), chacié (59), chambre (154, 159), champ (257), chastoiement (371), chastoient (576). Il mantenimento del suono velare costituisce, secondo Gossen, un tratto caratteristico di piccardo e normanno (Gos: 154); tuttavia, lo studioso sottolinea la frequenza di fenomeni di alternanza grafica.42

  1. Per quanto concerne la forma richoise (214), in unica occorrenza, cf. Gos: 67, § 16: «Le traitement de la terminaison –ITIA dénote une certaine hésitation: ricoise […] et riquec(h)e, type probablement plus jeune et beaucoup plus fréquent […]. Cette hésitation n’est pourtant pas particulière au picard».

    • 43 Zink 1989: 157 e Gos: 94, § 40.
    • 44 Ibidem: «Il est évident que l’influence de la graphie franc. dut se faire sentir dans la scripta pi (...)

    L’affricata /ts/ è resa normalmente con z; il medesimo grafema è utilizzato anche per rendere la semplice sibilante: eusiez (90), avez (91 e passim), osez (109), preuz (104), soufrez (108), venez (109), venuz (131), serez (132), descendez (132), pastez (139), bevrez (140), laissiez (141), tanz (171, 530), asez (195), verrez (198), cremez (219, 220), preuz (255), touz (446), membruz (448), hardiz (448), sanz (455, 504), commandez (466), gabez (480), devez (480), iriez (515.2), grez (516), foiz (532), amerez (535), voudrez (536), ecc.; sono presenti alcune eccezioni: querés (110), les (223) < LATUS (REW 4934), sans (203, 566), deusiés (280), avés (282), es (398), serés (514). La grafia s è propria delle scripte settentrionali: «Au Nord, où les scribes enregistrent dès le XII siècle la réduction précoce de l’affriquée /ts/ > /s/, les désinences –ez, –iez apparaîssent sous les graphies –és, –iés».43 L’esito –s distingue il piccardo dal franciano, che presenta la terminazione –z (č). Tuttavia, l’influsso della grafia franciana cominciò a farsi sentire a partire dalla metà del XIII secolo, soprattutto nei territori meridionali della Piccardia.44

    • 45 Per il trattamento di [o] in sillaba aperta (> pic. ou > eu = franc.), cf. in particolare Gos: 80, (...)

    L’esito ou si alterna ad o ed eu: seignours (1), seigneur (187), honor (27), oissor (28), veneor (57), amour (125, 172), doner (188, 189), donré (197), vavasor (289), asavorées (305), savours (311), pardoné (370), lour (422.1), rasour (485, 494), plore (549), plorant (547), ecc.; cf. a questo proposito Gos: 80-85, §§ 26, 28.45

  2. la forma solaus è attestata in rima al v. 65 (: 66 consaus), ma si tratta senz’altro di una forma risalente all’originale (cf. § 3.2.c); al v. 70 si ritrova invece la forma regolare soleil come lectio singularis di C. Cf. Gos: 61-63, § 12. Cf. anche l’alternanza bel (81, 243) / beau (402), oiseaus (438) / oisiaus (140). A questo proposito, cf. ivi: 61 «Ce phénomène est loin d’être exclusivement picard: on le rencontre dans les scriptae de l’Ouest, du Sud-Est, de la Champagne, et à Paris même». Cf. anche § 3.3.b, 4).

  3. La grafia ein è preponderante su ain: plein (49), einz (43 e passim), meint (56, 196), meinent (57), meintenir (106), meins (143, in rima con 144 grains), peine (147, 286), fein (148), aveine (148), meine (285, 388.4, 388.7), demein (384), reins (472, 482), mein (494), seinz (558). Vi è tuttavia qualche rara eccezione, ad es. grains (144), maine (246), rains (520, 553).

    • 46 Questo fenomeno e il precedente sono segnalati anche da Martha Walters-Gehrig nell’analisi del fabl (...)

    La grafia ai prevale su e, salvo rare eccezioni: fetes (3), mes (passim), meson (31), desfesoit (36), fesoit (36), fere (passim), trere (68, 73), tret (70, 263, 388.3, 490), fet (passim), remest (115), vodré (188), donré (197), fetes (231), vet (247), mestre (287), oseré (317), feré (482), lesse (375), luminere (394), besa (412), remeindré (443), remest (446), plest (465), bret (489), james (540, 559, 560.2), serement (560.1, 565), afere (582), ecc.; queste le eccezioni: laissiez (141), ferai (187, 478, 534), troverai (477), desdirai (510), servirai (511), trait (518), tasterai (521), osterai (522), voudrai (536). A tal proposito, cf. Gos: 52-53, § 6 e Pope 19665: 285, § 717-719; cf. in particolare § ** 718: «In the western region in which ei was early levelled to ę (§ 230), the digraphs ei and ai were interchangeable with each other and with e».46

  4. L’esito di BŎNU, BŎNA è sempre bon, bone: 99, 140, 158, 210, 242, 312; a questo proposito, cf. §§ 2.3.a, (4) e 3.2.c.

  5. Si registrano le forme poissons (137), venoison (138, 153, 439, 546), pamoisons (499); a questo proposito, cf. Gos: 88, § 33.

  6. L’esito di e protonica ed iniziale + l ed n palatali e di l, n + yod in posizione finale è sempre ei: seignor (136, 429), apareillier (152, 567), voleille (153), esmerveille (265), vermeille (266), enseignier (286), apareille (301), appareilla (385), orgeil (390, 461, 474, 481), veigniez (400), orgeillos (476); a questo proposito, cf. § 3.3.e, 15).

  7. Il nesso [ɔ] + cons. non raggiunge mai il grado massimo di apertura (aw), come si nota dalle seguenti forme del verbo voloir: veut (94), veil (6.1 e passim), voil (557), volt (558). Cf. a questo proposito Gos: 73-74, § 23 e § 3.3.d, 14).

  8. L’esito di Ĕ] è e, non ie: inellement (85), envers (238, 560.2), inel (244), vers (249, 540), anel (258); cf. a questo proposito § 3.3.d, 16) e Gos: 59, § 11.

    • 47 Martha Walters-Gehrig segnala il medesimo fenomeno, ma lo attribuisce esclusivamente al piccardo (c (...)

    o iniziale seguito da nasale passa talvolta ad a: janes (48, 161), anour (218, 579, 580), anorer (147); cf. Gos: 90, § 36: «o initial devant nasale > pic. a, dans certains mots. […] Ces formes se trouvent aussi dans la scripta normande et dans celles de l’Ouest».47

    • 48 Cf. Fouché 1967: 391-392, § 200 e Pope 19665: 366, § 970.

    Sono presenti alcuni casi di metatesi di r: pernez (197), souferrai (539); jurrai (509) è invece probabilmente l’esito di una sincope della vocale intertonica; cf. a questo proposito Gos: 114, § 57: «La métathèse est l’un des traits les plus caractéristiques du picard moderne […]. Elle se trouve déjà très souvent dans la scripta; elle est attestée cependant aussi dans la scripta normande. Le type –er > –re est le plus fréquent […]. Le cas inverse est plus rare. […]. Nous laissons de côté les futurs et conditionnels du type enterra, liverra, offerra, souffera […], très fréquents dans nos textes, parce qu’ils se rencontrent dans tous les dialectes du moyen âge, ceux du Sud-Est exceptés (cf. Fouché 1967: 383).48 Le même auteur […] dit que “la métathèse de r a pu se produire aussi dans les futurs du type jurera”. Mais le phénomène est assez rare et peut être considéré comme exclusivement picard». Gossen annovera la tendenza pronunciata alla metatesi fra i tratti distintivi del piccardo (cf. ivi: 153).

  9. Non vi sono casi di mantenimento di t finale; cf. ad esempio i participi passati esperdu (62), descendu (84.2), revenu (270), mengié (430), honi (577), ecc.; a questo proposito, cf. Gos: 104, § 46 e § 3.3.d, 13).

  10. I nessi lr, nr presentano sempre la d epentetica: voudra (106), vendra (163), tendre (408), remeindré (443); lo stesso vale naturalmente per il nesso mr: chambre (154, 159); cf. Gos: 116-117, § 61: «Dans les groupes secondaires l’r, n’r, m’l, le français intercale une consonne de liaison d ou b. Cette consonne manque en picard, wallon, lorrain, bourguignon et franc-comtois. […] Elle intervient, par contre, toujours dans le groupe m’r […]. La scripta picarde se distingue nettement de la normande»; a questo proposito, cf. § 3.2.c, n. 34.

    • 49 La posizione di Claude Buridant è sostenuta anche da Mildred Pope: «The O.F. future forms avrai, sa (...)

    Per il futuro e il condizionale di avoir e savoir, si registrano le forme sarois (192), ara (201, 560.1), arez (220), aras (318), sulle quali cf. Zink 1989: 184 «Le picard connaît, a côté de av(e)rai, sav(e)rai des formes arai / –oie, sarai / –oie»; Claude Buridant classifica invece queste forme come genericamente settentrionali o nord-orientali: «Les formes réduites sont surtout fréquentes dans le Nord et le Nord-Est […]. Elles sont plus rares ailleurs» (Buridant 2000: 266-267, § 215); cf. anche Gos: 131, § 74 n. 7.49

    • 50 Cf. anche Gos: 83-85, § 28. La forma funt è registrata anche da Martha Walters-Gehrig nella trascri (...)

    La terza pers. plur. dell’ind. pres. di estre presenta sempre la forma sunt (62, 71, 76, ecc.). Pierre Fouché fa notare che «SUNT a abouti régulièrement à sont. Sunt, fréquent en ancien français, n’est qu’une graphie savante pour sont» (Fouché 1967: 420); tuttavia, è presente anche un’alternanza funt (430) / font (567, 568). A questo proposito, cf. Pope 19665: 90, § 184: «In the course of the eleventh and twelfth centuries, [o], already a high close sound in Gallo-Roman […], when not previously diphtongised […], moved upwards in all positions to u, i.e. to the place left vacant by the palatalisation of u to ü. The graphy, when it was not etymological, was at first u in Norman and Anglo-Norman MSS., o elsewhere: the di-graph ou appears first in the late twelfth-century».50

  11. Per la forma estencele (172) cf. Gos: 91, § 37 e Pope 19665: 174-175, § 453.

  12. Si registra un caso di dissimilazione di r: flarine (484); a questo proposito, cf. Gos: 114, § 56.

  13. Accanto alla forma regolare palefroi (271, 274), si registra la variante parlefroi (242, 279); potrebbe forse trattarsi di ipercorrettismo? cf. Fouché 1966-1973: III, 604; Gos: 113, § 55; Zink 1986: 170.

    • 51 Lo stesso fenomeno è registrato anche da Martha Walters-Gehrig (ivi: 81, § 19).

    Le forme inellement (85), doint (118), inel (244), ineaus (255), preites (533) presentano la caduta di s preconsonantica; cf. Gos: 108, § 50: «En général, s devant consonne s’est amuï en picard comme en francien […]. Les rimes point : doinst ne laissent pas de doute». Si veda inoltre Pope 19665: 151, § 377: «Prae-consonantal s was voiced to z before voiced consonants and f and first z then s gradually became mute in this position […]. Rhymes of Old French poets also indicate that z was mute in the early twelfth century but that s was sounded into the thirteenth century (except in the western region)» e ivi: 152, § 378**: «Effacement of prae-consonantal s appears to have begun in the south-western region and worked slowly northward».51

    • 52 Ivi: 81 e 83, § 15.

    In un caso si registra la riduzione di ui a i: imes (68). La medesima forma è attestata anche da Martha Walters-Gehrig, che la considera un tratto della scripta occidentale.52

  14. L’articolo determinativo femm. è sempre la: 33, 38, 58, ecc.; a questo proposito, cf. § 3.3.d, 18; lo stesso vale per il pronome: 42, 43, 54, ecc.

  15. Il pronome personale di prima persona EGO ha come unico esito nella lingua del testo je (121, 122, 183, 195, 237, 238, 256); cf. a questo proposito Gos: 123, § 64 e Pope 19665: 320-322, § 828-831; cf. anche §§ 3.3.d, 19) e 3.3.e, 33).

  16. Per quanto concerne il pronome personale di terza persona femminile, la forma preponderante è ele (35, 112, 191, 250, 377, 389, 391, 499, 552, 558); tuttavia, in tre casi la forma maschile el viene utilizzata anche per il femminile: 163, 387, 564. A questo proposito, cf. Buridant 2000: 418, § 334: «Pour le sujet, la réduction de l’opposition de genre au profit du masculin se manifeste par l’emploi de la forme el pour ele au CS singulier»; lo studioso classifica questa particolarità fra i tratti propri dei dialetti occidentali (cf. ibidem).

  17. Le forme del possessivo sono regolari: mon (100), son (87 e passim), ma (passim), sa (200 e passim), nostre (474), nos (158), vostre (120), vos (256), lor (260); per quanto concerne la forma soen (130, 425), cf. Buridant 2000: 149, § 117: «La série évolue en mien, tuen, suen dans la plupart des parlers d’oïl, par évolution de uo à ue, parfois à u […], à côté de l’évolution à oe parfois réduit à o». Invece per la forma sien, cf. ivi: 152, § 120.

    • 53 Cf. anche Pope 19665: 364 § 963**. La forma soer è registrata anche da Martha Walters-Gehrig nella (...)

    A proposito delle forme voer (46, 51, 383), soer (378), cf. Pope 19665: 195, § 520: «The spelling oe, oue was employed most frequently in the terminations –oir, –oire, in which the lowering early become general under the influence of the r».53

    • 54 Il giudizio di Zink è avallato anche da Pope: «First Person Plural. […].The absence of –s which cha (...)

    A proposito delle forme aion (74, 440, attribuibile all’originale), laison (157), cf. Zink 1989: 211 «La suppression de l’–s jugé di sconvenant se retrouve dans les scriptae de l’Ouest»; a questo proposito, cf. anche § 3.2.c, n. 22.54

    • 55 Il mancato passaggio di ei (< [é][ ) a oi è segnalato anche da Martha Walters-Gehrig (ivi: 80, § 7) (...)
    • 56 A questo proposito, cf. § 2.3.d, (18). Anne-Marie Renkin considera la forma desvolot come un banale (...)

    La desinenza preponderante per la terza pers. sing. dell’imperfetto indicativo è quella regolare –oit. Tuttavia, in un caso si registra la desinenza –ot: desvolot (36.1); in corrispondenza, è attestata anche la desinenza –eit (voleit 36.1, voleit 36.2). Per la forma in –eit, cf. Buridant 2000: 271-273, §§ 219-221.55 La forma in –ot è invece residuo della classe di imperfetti con tema in –ou / –o, mantenutasi piú a lungo nell’area occidentale del dominio oitanico: cf. Pope 19665: 345, § **914 e Buridant 2000: 271, § 219-221: «Parallèlement à ce qui a eu lieu pour –eiet > – eit, –ouet se réduit de bonne heure à –out […]. À son tour, –out a pu passer à –ot, sans doute sous l’action analogique de ot < out, passé simple 3 de avoir, dans lequel la diphtongue s’est réduite à cause de l’emploi proclitique. Les formes en –ot sont ainsi largement repandues, même dans les textes anglonormands […]. Cependant, les imparfaits à thème en –ou / –ot finissent par disparaître au profit des imparfaits à thème en –ei / –oi, qui gagnent les verbes en –er […]. Les anciennes formes se maintiennent encore quelque temps, dans les textes de l’Ouest, non sans être exploitées à la rime».56

  • 57 Martha Walters-Gehrig considera come tratti caratteristici della scripta occidentale i punti: - 7 ( (...)

L’ipotesi di una provenienza nord-occidentale del copista responsabile della trascrizione mi pare tutto sommato accettabile. I fenomeni elencati ai punti 6, 7, 22, 26, 29 sono considerati dagli studiosi tratti tipici della scripta di quell’area, benché si ritrovino anche altrove. Ad essi si può forse aggiungere la desinenza –ot per la terza pers. sing. dell’imperfetto indicativo (cf. punto 30).57 Per contro, non vi sono tratti distintivi esclusivamente piccardi, poiché i fenomeni elencati ai punti 4, 5, 13, 14, 18, 19 non sono esclusivi di quell’area e si ritrovano anche nella scripta di provenienza occidentale. Inoltre, non sono presenti alcuni dei tratti tipici della scripta piccarda, come si è visto ai punti 8, 9, 15, 16, 24, 25, 27. Riguardo alla possibilità, prospettata da Stutzmann e Tylus, di precisare la localizzazione della copia in area normanna, vi sono alcuni elementi discordanti che necessiterebbero di ulteriore approfondimento.

  • 58 Cf. Lunardi 2013: 169.

20Per quanto concerne la datazione, Hilka e Walters-Gehrig propendono per l’inizio del XIV secolo, mentre Stutzmann e Tylus rimangono dubbiosi in proposito, perché non considerano particolarmente significativi i casi di mancato rispetto del sistema della declinazione bicasuale addotti dai predecessori.58 Anche nel caso del fabliau La Dame escoillee, il copista in qualche caso deroga dalla regola generale (cf. 515.2, 516 e 545, su cui cf. § 3.2.b, n. 5). Non mi sembra tuttavia che si tratti di casi significativi, né sul piano quantitativo, né su quello qualitativo.

3.3.b Il manoscritto D

  • 59 Cf. Gautier de Coinci: 376. Cf. in proposito anche Lunardi 2013: 171.

21Il ms. Paris, BnF, f.fr. 19152 è opera di un unico copista, attivo alla fine del XIII secolo o agli inizi del XIV. L’équipe che ha realizzato l’edizione delle opere di Gautier de Coinci situa il codice in Borgogna e lo data con precisione agli anni 1260-1270.59

22La versione de La Dame escoillee, conservata all’interno del sesto fascicolo del codice, presenta i seguenti tratti:

  1. Per la resa del fonema velare, il grafema k non è mai utilizzato dal copista; ad esempio, ad inizio di parola il nesso C + A, in sillaba libera o entravée, ha sempre come esito ch: chier (12, 22, 414), chastoier (13), chacier (67), chiens (68, 69, 370), chacié (71), chanbre (192, 525, 622), chies (405, 670), chastoient (849), ecc. A questo proposito, cf. § 3.3.a, 1).

    • 60 ostelez : veez è una rima per l’occhio, cf. Apparato, 113-114.

    L’affricata ts è resa normalmente con z: avez (1 e passim), levez (2, 225), oez (5, 381), poez (7, 23), devez (8 e passim), sanz (46), dessevrez (62), genz (77, 306, 334), avalez (76), lez (77), ez (85 e passim), fussiez (104), preuz (104), toz (106, 228, 334), venez (109), seroiz (113, 514), ostelez (113, in rima con 114 veez),60 feroiz (123), seroiz venuz (131), seroiz receuz (132), descendez (133), viez (139, 423), ferrez (139), pastez (140), diz (142), assez (148, 213, 333), soz (172), beuz (179), morez (179), honorez (180), piez (190), aroiz (191), savroiz (192), prenez (197), merciz et grez (198), entendez (217), volez (218, 231), cremez (219), parlez (221), soiez (226), cez (243), perdrez (258), morz (282), hielz (313), doiz (320), trespenssez (334), commanz (364), foiz (367), volentez (383), venuz (398), delez (421), morez (424), clarez (424), dolenz (434), alez (441), montez (445), menbruz (448), sanz (455, 566), fiertez (472, 551), estendez (481), serianz (485), eschaufez (503), tenez (512), atendez (513), jurrez (514), savez (516), aiez (520), soffrez (521), foiz (532), amerez (536), faz (537), tranchiez (537), ostez (541, 551), ecc. A questo proposito, cf. §3.3.a, 3).

  2. L’esito o prevale su ou ed eu, comunque attestati: seignor (1 e passim), onorer (16), lor (21, 69), ossor (28), novele (38, 307), veneor (57), amor (125, 128, 176), flor (162), graignor (170), trovee (170), honorez (180), donez (186), doner (188), donners (193), honoree (210), honeur (218), coumant (233), seul (283), vavassor (289), savor (288, 311, 315), assavorees (305), honorees (306), onor (307), honeur (366), pardoné (370), preudome (382), queurt (401), pleure (547, in rima con 548 eure), ramposneuse (582). A questo proposito, cf. § 3.3.a, 4). Si registrano anche alcuni casi di dissimilazione, con passaggio di o ad e: deshenor (22), hen(n)or (27, 118, 231), hennorer (580); a questo proposito, cf. Pope 19665: 185, § 490.

    • 61 Rychner 1984: 193, § 2; Vedova consolata (D’Agostino–Lunardi): 98-101 e 138-140.

    La forma solaus è attestata al v. 65 (in rima con 66 consaus) e all’interno del v. 70. A questo proposito, cf. § 3.3.a, 5); la forma solaus è attestata anche nel ms. B (Bern, Burgerbibliothek, 354): la scripta dei copisti del codice di Berna è collocabile nell’area orientale della Francia, probabilmente in Borgogna (anche se sono presenti alcuni tratti champenois) ed è databile all’inizio del XIV secolo.61 Cf. anche le forme beauté (39, 160, 169), bel (81, 243), beau (145, 479), oiseaus (140).

  3. La grafia ain è preponderante su ein: mains (10, 143), plains (49), mainent (56), maintenir (106), remainent (115), grains (144), paine (147, 286), maine (167, 285), maintenant (208), ainz (229), ainsi (234, 367), sainz (347, 509, 558), main (352), demain (384), remaint (446), rains (472, 520, 553) ecc. Vi è tuttavia qualche rara eccezione: aveine (148), mein (168, 405). A questo proposito, cf. §3.3.a, 6).

  4. Si registra la prevalenza di ai su e anche in assenza di nasale: faites (3, 4, 12), descendrai (18), dirai (23, 343), maison (31 e passim), desfaisoit (36), faisoit (36), traient (64), esclaire (61), faire (67 e passim), traire (68, 73, 430), vait (70, 247), mais (92, 156, 360), fait (101, 152, 202), irai (109), escondirai (111), laissez (157), donrai (189, 197), ecc. A questo proposito, cf. § 3.3.a, 7) e Rychner 1984: 195, § 16). Per la forma soirement (565), cf. Pope 19665: 285, § 718**: «In the western region in which ei was early levelled to ę […], the digraphs ei and ai were interchangeable with each other and with e […]. The scribes of this region, copying MSS. from other parts of France, found there the spelling oi (< ei) where they themselves were pronouncing ę, and consequently they sometimes attributed the value ę to the digraph oi».

  5. L’esito di BŎNU, BŎNA è sempre bon, bone: bon (46, 101, 206, 404, 423, 424), bone (138, 215, 312, 571, 479). Fa eccezione soltanto la forma boens al v. 242, in rima con 241 quens; cf. §§ 3.2.c e 3.3.a, 8). Il tratto è riconosciuto anche da Rychner nel ms. B (Rychner 1984: 195, § 21).

  6. Si registrano le forme poissons (137), venoison (138, 152, 439, 546), pasmoison (499). A questo proposito, cf. § 3.3.a, 9).

    • 62 Cf. anche § 3.2.c.
    • 63 Deve trattarsi di forma risalente all’originale, cf. § 3.2.c.

    L’esito di e protonica ed iniziale + l ed n palatali e di l, n + yod in posizione finale è prevalentemente ei: seignor (1 e passim), seignorir (3, 14), seignorie (30, 96), apareillier (152, 568), voleille (153),62 veilla (205), conseilla (206), orille (224),63 apareille (301, in rima tuttavia con 302 consaille), apareil (309, 556), conseil (310, 355, 361), apareilla (385), orgueil (390, 461, 474), conseille (449), ecc. Si registrano tuttavia alcune eccezioni; oltre alla forma consaille al v. 302, cf. anche ensaignier (12), graignor (170, 467). Inoltre, è attestata la forma enorguillir (13), su cui cf. § 3.3.d, 12) e si registra la forma aparelle al v. 165, in rima con 166 vermeille. In quest’ultimo caso, potrebbe trattarsi di un lapsus calami, ma cf. anche § 3.3.e, 15).

  7. Il nesso [ɔ] + cons. non raggiunge mai il grado massimo di apertura; cf. le forme del verbo voloir: volt (155), vuell (186), vueil (188, 199, 477), vielz (313), velt (388), vuel (462), ecc. A questo proposito, cf. § 3.3.d, 14).

    • 64 A proposito della forma enel, cf. anche Pope 19665: 285, § 719.

    L’esito di Ĕ] è e, non ie: vers (226, 249, 408), isnel (255), enel (298), ecc.; cf. § 3.3.d, 16).64

  8. Si riscontra un caso di metatesi di r: demorrai (443); a proposito di jurrez (514), cf. § 3.3.a, 14).

  9. Non vi sono casi di mantenimento di t finale; cf., a titolo di esempio: pleu (61), dessevrez (62), deperdu (62), salu (87), recuillue (396), ecc.; a questo proposito, cf. § 3.3.d, 13).

  10. I nessi lr, nr non presentano di norma la d epentetica: vorra (106, 174), venra (163), venroit (366), volrez (535), ecc. In un caso, la d viene a cadere anche se etimologica: pranre (7). Vi sono tuttavia delle eccezioni; cf. ad es. voldrai (122), tendre (408). L’assenza frequente di –d– intercalare è riconosciuta anche da Rychner nella scripta del ms. B (Rychner 1984: 194, § 8). Per quanto riguarda i nessi mr, ml, la b epentetica è sempre presente: senblant (144), chanbre (153, 337), chambre (159, 407), tranblant (339), ecc. A questo proposito, cf. § 3.3.a, 16).

  11. Si registra la forma aroiz (191) per il futuro di avoir; cf. § 3.3.a, 17).

  12. La caduta di s preconsonantica si registra soltanto per la forma doint (118), peraltro comune alla maggioranza dei testimoni; il tratto è registrato da Rychner 1984: 194, § 9; cf. anche §§ 3.3.a, 22) e 3.3.c, 15).

  13. Per AQUA si registrano due diversi esiti: aive (60), eve (328); cf. §§3.3.d 17) e 3.3.e, 19).

  14. L’esito di FŎCUM è feu (418); cf. § 3.3.e, 26).

    • 65 La rima ai vv. 263-263.1 deve risalire all’antigrafo di De, α, cf. § 2.3.a, (2).

    Si notano alcuni casi di confusione fra an ed en; cf. i seguenti: 129 avent : 130 comant; 215 prant : 216 nient; 263 tranchant : 263.1 baucent;65 485 prant : 486 fent. Si vedano inoltre le forme seguenti: mengeront (137), mengier (151, 164, 181), mengue (177), dorment forma in –ant (203), pranez (227, 241, 244), prant (245, 246), losangier (286), assanblé (288), mengié (430), dolenz (434), sanglent (497), ecc. A questo proposito, cf. Gos: 65-66, § 15: «E ouvert et fermé + nasale + consonne, toniques et initiaux, donnent le même résultat […]. Ce trait distingue le picard et le wallon du francien, qui, dès le milieu du XI siècle, par confusion avec an (ã) < a + nasale + consonne, fait aboutir ces groupes à ã. Le champenois, le lorrain et, en dernier lieu, le normand connurent la même confusion». Cf. anche Rychner 1984: 195, § 17.

  15. La forma palla (40) presenta l’assimilazione di rl > ll; a questo proposito, cf. Gos: 113, § 55.

  16. La forma herbegier (92) mostra invece la dissimilazione di r; cf. ivi: 113, § 56.

  17. L’esito di PAUCU è pou al v. 108, poi al v. 205; cf. Gos: 50, § 2.

  18. A proposito delle grafie loig (426), poig (487), cf. Pope 19665: 277, § 695.

  19. A proposito della confusione fra s e z nelle rime seguenti: 157 laiens : 158 genz, 234 estrés : 235 comparrez, cf. § 3.2.c, n. 27.

  20. Si è già detto nel § 3.2.c che D è l’unico ms. a presentare l’esito franciano –iée < YOD + ATA ai vv. 315 ailliee : 316 apareilliee; 331 mesniee : 332 ailliee; 341 ailliees : 342 laissiees. All’interno del v. 327 è tuttavia presente la forma aillie.

  21. L’articolo determinativo femminile è sempre la: 33, 51, 58, ecc. Lo stesso vale per il pronome corrispondente: 42, 43, 52, ecc. A questo proposito, cf. § 3.3.d, 18).

  22. L’esito di EGO è sempre ge: 67, 71, 72, ecc.; cf. § 3.3.a, 25).

  23. La forma prevalente per il pronome di terza persona sing. femminile è ele. In un solo caso (v. 552) si registra l’uso della forma maschile el per il femminile; cf. § 3.3.a, 26).

    • 66 Per il sintagma un sien mor (449), cf. Buridant 2000: 153, § 121.

    Le forme del possessivo sono regolari: mon (18 e passim), son (87 e passim), ma (93 e passim), sa (31 e passim), nostre (297), noz (71), vostre (120 e passim), voz (9), lor (22), mes (137); per la forma mien (101, 357, 365), sien (425, 449),66 cf. § 3.3.c, 24). La forma vo è attestata una volta (403); a questo proposito cf. § 3.3.d, 21).

    • 67 La forma aion al v. 440 è probabilmente da attribuire all’originale, come si è detto nel § 3.2.c, n (...)

    Le forme puission (67), aion (440),67 avon (500, 542) presentano la caduta di s desinenziale. A questo proposito, cf. § 3.3.a, 29).

  • 68 Cf. Rychner 1984: 196-198; Azzam–Collet 2002: 81 n. 26. Cf. anche Vedova consolata (D’Agostino–Luna (...)

Nel complesso, l’analisi della lingua di D mette in evidenza l’assenza di forme dialettali marcate. I tratti 7, 8, 13, 19, 25, 26, 27, 29 permettono di escludere con ragionevole certezza una provenienza piccarda della trascrizione. I tratti 4, 6, 7, 14, 16, 30 sono registrate anche da Jean Rychner nella sua analisi del secondo copista del ms. B, che sarebbe localizzabile in Francia nord-orientale, forse piú precisamente in Borgogna (cf. supra).68

23Per quanto riguarda la datazione, gli indizi forniti dalla trascrizione del fabliau sono piuttosto scarsi; sono presenti due soli casi di deroga al sistema bicasuale ai vv. 21 e 172 (cf. § 3.2.b, n. 5).

3.3.c Il manoscritto E

24Il ms. Paris, BnF, f.fr. 1593 presenta non pochi problemi di datazione e localizzazione. Si tratta di un ms. inorganico in cui si distinguono circa dieci unità materiali e altrettanti copisti; l’alterazione dei fascicoli nella fisionomia attuale del codice è frutto di una riorganizzazione dei contenuti avvenuta già in epoca antica (tra la fine del XIV e l’inizio del XV secolo), come dimostrano le tracce costanti di interventi di un medesimo revisore tardo-trecentesco sulla strutturazione del recueil. La Dame escoillee è stato trascritto all’inizio della nona unità materiale, che contiene la maggior parte dei fabliaux contenuti nel codice.

  • 69 Lunardi 2013: 177 «Riguardo all’unità 9, gli editori olandesi escludono una provenienza piccarda de (...)

25Gli studi dei precedenti editori sulle pièces copiate da questo scriba non offrono elementi utili alla datazione e localizzazione della trascrizione; in particolare, l’esame linguistico evidenzia in molti casi indizi generici o discordanti.69

26Nel caso della versione della Dame escoillee, si registrano i seguenti fenomeni:

  1. Per la resa del fonema velare, il grafema k non è mai utilizzato dal copista; ad esempio, ad inizio di parola il nesso C + A, in sillaba libera o entravée, ha sempre come esito ch: chier(s) (10 e passim), chastoier (12), chastiement (12.2, 371), chiens (57), chacier (55 e passim), chacié (59), chambre (159 e passim), champ (257, 261), chastoia (574.1), chastoient (576), ecc.. A questo proposito, cf. § 3.3.a, 1).

  2. L’affricata ts è resa quasi sempre con z: oiez (5 e passim), devez (7 e passim), voz (9), poez (23), assez (27, 333), noz (71), genz (71, 294.6, 158), chevauchiez (80), souz (95), preuz (120.1), serez (113 e passim), herbergiez (113 e passim), venez (114), soiez venuz (131), receuz (132), descendez (133), pastez (140), esmaiez (141), lez (168), biautez (169), clarez (179), honorez (180 e passim), parlez (221), prenez (217), diz (425, in rima con 426 assis), ecc. Vi è tuttavia qualche rara eccezione: es (85, 398), retraiés (519), aiés (520), avés (525). Per quanto riguarda la confusione fra s e z in sede di rima ai vv. 253 : 254 e 425 : 426, cf. §§ 3.2.c, n. 27 e 3.3.b, 24).

  3. L’esito ou si alterna ad o, eu: seignor (1 e passim), seignorie (12.4 e passim), honorer (15 e passim), honor (16 e passim), leur (21, 214, 260), novele (38), bonement (44), veneor (57), amor (125 e passim), doner (188 e passim), honour (231, in rima con 232 seignor), vavassor (289), savor (308.7), saveurs (312.7, in rima con 312.8 plusors), saveur (315, 342), donee (328), dona (361), pardoné (370), seul (388.4), ploré (515), plora (522.1), pleure (547), ecc.; cf. § 3.3.a, 4).

  4. La forma solaus è attestata in rima al v. 65 (: 66 consaus), ma cf. §3.3.a, 5). Cf. anche le forme bel (145, 149) / biau (294.9, 479, 551), biauté (39, 194), biautez (169), oiseaus (140), oyseaus (438). Cf. §§ 3.3.a, 5) e 3.3.b, 4).

  5. La grafia ain è preponderante su ein: mains (10, 143, 168), plains (49), maintenant (85, 294.3, 308.10), ainz (96, 238.2, 257), grains (144), paine (147), fain (148), avaine (148), laianz (157), maine (167, 285, 388.4), maint (196), aincois (238.13), einsi (268, 314), paine (286), demaine (287), demain (384), rains (472, 482, 520), sainz (558), ecc. Cf. §§ 3.3.a, 6) e 3.3.b, 5).

  6. Le grafie ai ed e sono utilizzate pressapoco nella stessa misura: fetes (3, 233, 238.10), faire (8, 320), essamplaire (7), mes (15, 28, 156), huimes (18), descendrai (18), dirai (23), meson (31, 403), maison (77, 78, 84), fet (105, 202, 206.1), escondirai (111), ferai (127, 187, 237), fait (152, 173, 416), faites (234, 235), fere (238.12, 343, 393), trait (263, 296, 518), plesir (322), vet (325, 433), mesnie (331), lessies (342), lessa (375), luminaire (394), traire (430), remaindrai (443), brait (489, in rima con 490 tret), serement (560.1, 560.4, 565). Cf. §3.3.a, 7).

  7. L’esito di BŎNU, BŎNA nella maggioranza dei casi è bon, bone: bon (46, 48, 99, 152.1, 179, 182.3, in rima con 182.4 quens, 333, 404), bone (215, 308.7, 579). Si registra una sola eccezione: boens (242, in rima con 241 quens). A questo proposito, cf. §§ 3.2.c e 3.3.b, 7).

  8. A proposito delle forme poissons (162), venoison (163, 192, 665), paumoisons (751), cf. § 3.3.a, 9).

  9. L’esito di e protonica ed iniziale + l ed n palatali è sempre ei; lo stesso vale per l, n + yod in posizione finale: seignor (1 e passim), seignorir (3 e passim), seignorie (12.4 e passim), enseignier (11), repreingnent (12.2), preigne (12.3), apareillier (152), apareille (20), vermeille (166, 266), oreille (224, 351), esmerveille (265), apareil (309), conseil (310), apareilliez (312.3), apareillie (316), apareilla (385), greignor (467); cf. § 3.3.e, 15).

  10. Per le forme grifaine (251, in rima con 252 champaigne) e esparniez (308.6), cf. Gos: 116: § 60.

    • 70 Gossen cita anche Fouché 1966-1973: III, 232, r. iv. Cf. inoltre Lanly 20022: 174, n. 1.

    Il nesso [ɔ] + cons. non raggiunge mai il grado massimo di apertura (aw); cf. ad esempio le forme del verbo voloir: veut (94, 558), voil (114, 186, 189, ecc.), vost (155, 238.1), vot (238.12, 238.13, veus (313), veut (308.5, 384, 392). Si registrano inoltre le forme seaut (387), in rima con viaut (388, presente anche al v. 444.2), diaut (444). A questo proposito, cf. FS: 353 «Diese Entwicklung ist auf den Süden und Westen der Champagne beschränkt und ist in keiner Urkunde aus den östlichen und nördlichen Teilen zu belegen». Cf. inoltre Gos: 76, § 23, n. 30: «Cf. dans la scripta champenoise: VOLET > viaut, SOLET > siaut, MELIUS > mials, etc.».70 Il tratto è registrato anche da Rychner (1984: 193, § 1) nella scripta del ms. B.

  11. L’esito di Ĕ] è e, non ie: envers (238), isnel (244, 255), vers (249, 408, 540), anel (298). A questo proposito, cf. § 3.3.d, 16).

  12. Non vi sono casi di mantenimento di t finale; cf. ad esempio i participi passati esgaré (62), esperdu (62), venu (78, 262), descendu (292), servi (422), mangié (430), honi (577), ecc.; a questo proposito, cf. § 3.3.d, 13).

  13. I nessi lr, nr presentano spesso la d epentetica: vendra (163), vendroit (366), voudra (174), remaindrai (443); vi sono tuttavia delle eccezioni: vorra (106, 206.2), vorrai (122, 188, 535), tenre (408), vorrez (535). I nessi ml, mr presentano sempre la b epentetica: chambre (154, 159, 337), tremblant (339). Cf. § 3.3.a, 16).

  14. Le forme doint (118), defeisse (229), blamee (238.11), chacun (264) presentano la caduta di s preconsonantica; cf. § 3.3.a, 22).

  15. L’esito di AQUA è eve (182.2, 328); cf. §§ 3.3.d, 17) e 3.3.e, 19).

  16. L’esito di FŎCUM è feu (404.1, 418); cf. § 3.3.e, 26).

  17. L’esito di *NATĬCA è naige al v. 486 e naiche al v. 495 (in rima con 496 errache). A questo proposito, cf. § 3.2.c.

  18. L’esito di STABULA è estable (455.2); cf. Gos: 109-111, § 52.

  19. Si notano alcuni casi di confusione fra an ed en, come dimostrano le rime seguenti, proprie del solo ms. E: 85 maintenant : 86 rent; 157 laianz : 158 genz, 215 prent : 216 noiant. Cf. anche le forme estancele (205), planté (440). A questo proposito, cf. § 3.3.b, 19).

  20. L’articolo determinativo femminile è sempre la: 12.4, 33, 38, ecc.; lo stesso vale per il pronome: 42, 43, 54, ecc. A questo proposito, cf. § 3.3.d, 19).

  21. Il pronome personale EGO passa a je: 71, 72, 74, ecc. Si registra inoltre per due volte la forma jen (194.2, 308.10). Cf. Pope 19665: § 830** e Buridant 2000: § 334 «Au singulier 1, pour le sujet, on relève à l’Ouest jen (ien), forme normande nasalisée apparaissant au XIII siècle et qui peut être tirée de je + en ou de je + ne». Cf. anche § 3.3.a, 25).

  22. Per il pronome di terza persona femminile, prevale la forma regolare ele: 35, 152.2, 377, ecc. Tuttavia, compare in alcuni casi la forma maschile el per il femminile: 387, 440, 499, 552, 558, 560.2, 564. A questo proposito, cf. § 3.3.a, 26).

  23. Per il pron. di terza persona plurale, l’esito è sempre lor, ad eccezione del v. 397, dove è attestata la forma les, tipica dei dialetti settentrionali ed orientali (cf. Pope 19665: 490 (§ 1320, xxiv) e 493 (§ 1321, xv).

  24. Le forme del possessivo sono regolari: mon (18 e passim), son (99 e passim), ma (passim), sa (passim), nostre (passim), vostre (passim), noz (71), voz (9, 364), leur (14 e passim). Si registrano inoltre la forma sien (130, 425), su cui cf. Buridant 2000: 152, § 119 e la forma soe (96, 574.2), per cui cf. § 3.3.a, 27).

  25. Si registra la caduta di –s nella desinenza della III pers. plur. cong. impf. al v. 440 (aion). Tuttavia, come si è detto supra (cf. § 3.2.c, n. 22), potrebbe trattarsi di una forma risalente all’originale.

Come si nota, neppure la lingua di E presenta un gran numero di forme dialettali marcate. È probabilmente da escludere una sua provenienza piccarda (cf. in particolare i punti 7, 8, 13, 19, 20, 21, 23). I tratti 22, 23 sono caratteristici della scripta delle regioni occidentali, mentre il 24 è proprio delle aree settentrionali ed orientali del dominio oitanico. Nel complesso, ritengo possibile che la trascrizione del fabliau sia da collocare in quell’area, ma analisi piú approfondite sono in corso: i tratti 4, 7, 14, 15, 20 e 26 sono stati registrati anche nella scripta del copista del ms. B, di provenienza nord-orientale, forse borgognona (cf. § 3.3.b). Ad essi si aggiunge il tratto 11, proprio della scripta borgognona o champenoise.

  • 71 Lunardi 2013: 177, n. 72.

27Per quanto riguarda la datazione, mi pare accettabile l’ipotesi di collocare la trascrizione entro i confini del XIII secolo. Non vi sono tuttavia elementi utili per precisare questa indicazione, se non che il sistema bicasuale è generalmente ben conservato; fanno eccezione soltanto due casi: peres al v. 238.3, sires al v. 391; a questo proposito, cf. § 3.2.b, n. 5. Si noti inoltre che la grafia del copista è “below top line”, quindi verosimilmente posteriore al 1250 e che i testi conservati in questa unità materiale si collocano per lo piú nella seconda metà del XIII secolo.71

3.3.d Il manoscritto F

  • 72 Cf. ivi: 180 «Alison Stones afferma che la decorazione del recueil è opera di un atelier arrageois (...)
  • 73 Lunardi 2013: 181 «è senz’altro evidente almeno il cambio di mano che avviene alla c. 203 (all’iniz (...)

28Il ms. Paris, BnF, f.fr. 12603 è databile tra la fine del XIII secolo e l’inizio del XIV;72 la scripta presenta tratti nord-orientali, talvolta chiaramente piccardi, ma vi sono incertezze sul numero dei copisti che si avvicendano nella trascrizione dei testi.73

29Per quanto riguarda la versione de La Dame escoillee, la trascrizione presenta una serie di elementi propri delle scripte nord-orientali, alcuni dei quali esclusivamente del piccardo; inoltre, F non presenta deroghe al mantenimento del sistema bicasuale, ma si è ricordato nel § 3.2.b, che la scripta piccarda si dimostra molto conservativa:

    • 74 L’esito caut < CÁLET è segnalato da Lanly come tipico di piccardo e normanno (cf. Lanly 20022: 179)

    presenza del grafema k all’ inizio e all’interno di parola: ke (29 e passim), ki (64 e passim), keu (325 e passim), kieute (404.2); quanke (34 e passim); frankise (123), onkes (378), aukune (503), ecc.; – presenza del grafema ch nella resa del nesso C + A ad inizio di parola, in sillaba libera o entravée: chachier (55, 437 e passim), chastiement (371), chaus (560.3), chastoient (576), ecc.; – presenza del grafema c nelle medesime circostanze: caut (101),74 cape (102), cambre (154 e passim), ecc. Il mantenimento del suono velare costituisce, secondo Gossen, un tratto caratteristico di piccardo e normanno (Gos: 154; cf. § 3.3.a, 1).

    • 75 Gos: 94, § 39; FS: 229.

    È attestata la forma terch (257); l’esito –c(h) del piccardo si differenzia, secondo lo studioso, da quello corrispondente del franciano –z [ts].75

  1. Per la resa di C + E, I / YOD / T + YOD è utilizzato il digramma ch: chachier (55, 437 e passim), merchi (107 e passim), serviche (145), richeche (214), justiche (350), bachin (491), rachine (503), ecc.; anche questo tratto è caratteristico di piccardo e normanno (cf. Gos: 154).

  2. L’affricata ts è resa normalmente con s: oiés (54), veigniés (114), esmaiés (142), aurés (191), verés (198), comparrés (235), aiés (257), lis (404.1), tapis (404.2), aportés (505), avés (509), serés (514), traiés (519), ecc.; a questo proposito, cf. § 3.3.a, 3).

    • 76 Gos: 107, § 49.

    desfessise (230) commandisse (349); si tratta di semplici fenomeni di confusione di –s– con –ss–.76

    • 77 Ivi: 83-85, § 28.
    • 78 Ivi: 80-83, § 26.

    hounour (27 e passim), dounés (185), douner (188), moustier (208), moustré (216), pardouné (370), ecc., sono forme particolarmente diffuse nella scripta piccarda;77 cf. anche nouvele (38), nou (121 e passim).78

    • 79 Ivi: 61-63, § 12 e § 3.3.a, 5).

    oisiaus (140 e passim), biaus (402 e passim), ecc. sono forme diffuse in Piccardia, ma non esclusive della scripta di quel territorio.79 Riguardo a solaus (70), cf. § 3.2.c.

    • 80 Ivi: 70, § 20.

    Si registra la forma cius (386) per il pronome dimostrativo (< cil + s).80

  3. La grafia boins (48 e passim), boines (312 e passim) è corrente in piccardo (cf. anche § 3.2.c).

    • 81 Ivi: 89, § 34; cf. tuttavia Zink 1986: 184.

    Si registra la forma grignour (467); la chiusura di e iniziale atona distingue il piccardo dal franciano e costituisce, secondo Gossen, uno dei tratti distintivi di questo dialetto rispetto agli altri del dominio oitanico (cf. Gos: 154).81

    • 82 Gos: 88, § 33; Zink 1986: 185.

    La forma veni(s)son (138, 153 e passim), è tipica, ma non esclusiva, del piccardo.82

    • 83 Gos: 89, § 34; Zink 1986: 194-195.

    apparillier (839), esito di *APPARICULARE, è considerato da Gossen un tratto comune a piccardo e franciano: «e protonique atone se ferme en i devant ļ, ņ en picard comme en francien […]. Pour les verbes, l’influence du substantif a pu fausser le jeu de l’évolution phonétique, ainsi: conseil conse(i)llier à côté de consillier, appareilappare(i)llier à côté de apparillier».83

    • 84 Cf. anche Zink 1986: 211 e Zink 1989: 220.

    Sono attestate le forme chouchiet (282), revenut (389-396), palefroit (413), gret (318) piet (732), honnit (850); a proposito della conservazione di –t finale nelle terminazioni dei participi passati, degli aggettivi e dei sostantivi, cf. Gos: 104, § 46 «La conservation graphique du –t final dans ces terminaisons est un trait caractéristique des scriptae lorraine, wallonne, ardennaise et picarde […]. Le fait que, dans la plupart des textes du moyen âge provenants des régions citées, ces participes et substantifs sont écrits alternativement avec ou sans –t prouve que ce –t n’était guère plus qu’une graphie. On peut donc admettre que la conservation du –t est une tradition purement graphique, toutefois caractéristique des scriptae mentionnées».84

    • 85 Cf. Thomas 1894: 245-248.

    Si registrano le forme vaurra (106), vaurai (122), vausist (156), vaurrés (535), faucel (451);85 a proposito del trattamento di [ɔ] nei nessi [ɔ] + l + cons., cf. Gos, 73-74, § 23: «La vocalisation de l produisit d’abord la diphtongue òw qui dut s’ouvrir dans l’aire picarde au point d’aboutir à aw (graphie au), susceptible de rimer, du moins pour l’oeil, avec au < a + l + cons. […] Il semble […] que la graphie soit plus commune dans l’Artois et les parties occidentales et méridionales de l’aire picarde (à l’exception de Beauvais) que dans la Flandre et le Hainaut». Lo studioso annovera questo elemento fra i tratti distintivi del dialetto piccardo (cf. ivi: 154).

    • 86 Cf. anche Lanly 20022: 326.

    gut (377) potrebbe costituire un caso di mantenimento del suono velare (cf. Gos: 101-102, § 42).86

    • 87 Gos: 59, § 11.

    Sono attestate le forme viers (408), enviers (238, 560.2), isniel (244), damoisiele (295), aniel (298); la grafia ie è esito di Ĕ]; il piccardo presenta un’alternanza di ie ed e (ie risulta preponderante nelle regioni piccarde delle Fiandre e dello Hainaut).87

  4. Si registra la forma ieuwe (328); a proposito del trattamento di AQUA in piccardo, cf. Gos: 102-103, § 43: «Dans notre domaine, ce mot donne deux résultats: dans l’Est (Flandre et Hainaut) le type plus ancien ewe, en Artois et dans le reste de l’aire picarde: eaue, iaue».

    • 88 Cf. ivi: 121 (§ 63) e 154; Buridant 2000: 418, § 334.

    È attestato l’uso dell’articolo determinativo le (225 e passim), concordato con i sostantivi femminili. Quest’uso è tipico di piccardo e vallone.88

    • 89 Ivi: 124 (§ 92) e 417-418, § 333.

    Si registrano le forme jou (240) < ĔGO, chou (36.1, 36.2, 114 e passim) < ECCE-HOC; per quanto concerne il pronome personale, cf. Gos: 123, § 64; per quanto riguarda invece il pronome dimostrativo, cf. ivi: 123-124; sono considerati entrambi elementi distintivi del piccardo.89

    • 90 90 Cf. anche Gos: 61-62 (§ 12) e 124 (§ 65).

    iaus (209 e passim) è impiegato per la terza pers. plur. maschile; si tratta di una forma diffusa nella Francia nord-orientale, ma anche in Champagne e Lorena; cf. Buridant 2000: 417, § 333.90

    • 91 91 Cf. anche ivi: 125 (§ 65) e 126 (§ 67).

    La forma del possessivo se (494), concordato con il sost. femm. sing. main, è diffusa in Piccardia e Vallonia (cf. Gos: 154).91 Si registra inoltre la forma no (158) per il possessivo di prima pers. plurale; è un tratto piccardo e vallone (cf. ibidem e ivi: 127, § 68).

  5. Per la forma ent < INDE (285), cf. § 3.3.e, 32).

    • 92 Cf. anche ivi: 103, § 44; Zink 1986: 161 e Zink 1989: 184; Lanly 20022: 213 n. 5; Buridant 2000: 26 (...)

    Le forme buverés (140), saverés (192), etc. presentano l’inserzione della cosiddetta e svarabhaktique; cf. a questo proposito Gos: 131-132, § 74: «Au futur et au conditionnel des verbes dont le radical est terminé par une labiale ou une dentale appuyée, un e svarabhaktique s’est developpée devant l’r de la terminaison, en agnorm., en pic., en wall., et en lorr.».92

    • 93 Cf. anche Zink 1989: 200, Lanly 20022: 260.

    prisent (134 e passim), presistes (533) sono perfetti caratterizzati dalla conservazione della forma sigmatica; cf. Gos: 134-136, §§ 76 e 77;93 secondo lo studioso, questo tratto accomuna piccardo, vallone e lorenese.

    • 94 Cf. inoltre Gos: 94, § 39.

    cuich (162), retraic (529), fach (537), forme della I persona del presente indicativo, sono considerate da Gossen un tratto distintivo del piccardo: «Le –c(h) épithétique s’est généralisé et apparaît dans la 1. p. du présent ind. de toutes les conjugaisons et du parfait des II, III, IV conjugaisons, à côté des formes étymologiques […]. Le type fac(h), faic(h) se trouve donc surtout dans la scripta de l’Artois, de la Flandre, du Hainaut, de Saint-Quentin et de Noyon» (Gos: 132-133, § 75).94

  6. I nessi lr, nr talvolta non presentano la d epentetica: vaurra (106), vaurai (122), tenre (408), vaura (535), forma erronea per vaurai, vaurrés (535), ecc.; vi sono tuttavia anche casi di mantenimento: vendra (163), voudra (174), remandrai (443). Per quanto riguarda il nesso mr, la b epentetica è sempre presente: cambre (154, 159); a questo proposito, cf. § 3.3.a, 16).

  7. A proposito del cong. imperfetto di terza pers. sing. otriaisse (364), cf. Zink 1989: 210 «L’alignement du vocalisme tonique de amasse sur celui de amai […] a créé une formation parallèle en – aisse, –aisses, –aist–aissent […], fréquente dans tout l’Est, mais qui a connu une large diffusion».

3.3.e Il manoscritto G

30La fisionomia attuale del ms. WLC/LM/6 presenta alcune alterazioni significative: in particolare, i fascicoli 31 e 32, che costituiscono la sezione fabliolistica del codice, sono mutili e sono stati smembrati probabilmente dopo la caduta del piatto anteriore della rilegatura (avvenuta forse intorno al 1428). Segnatamente, il fascicolo 32 è stato spostato in prima posizione all’interno del codice ed è perciò rimasto a lungo a contatto con la rilegatura. Per questa ragione, la versione della Dame escoillee, che occupa le prime carte del fascicolo, è gravemente danneggiata.

  • 95 Busby 2002: I, 481; Hanna–Turville-Petre 2010: 95. Rimando in proposito anche a Lunardi 2013: 184-1 (...)

31Inoltre, è dubbia l’appartenenza dei fascicoli 31 e 32 al recueil originario: dal punto di vista materiale essi presentano delle differenze rispetto ai rimanenti trenta (la pergamena è di qualità inferiore, il corredo iconografico è assente); tuttavia, recenti studi hanno ravvisato la mano del copista dei fabliaux anche in altre sezioni del codice: in particolare, secondo Keith Busby, questo scriba avrebbe trascritto anche la seconda porzione della quarta unità codicologica (contenente la seconda parte della Chanson d’Aspremont e la Vengeance Raguidel), mentre secondo Ralph Hanna e Thorlac Turville-Petre il copista dei fabliaux avrebbe trascritto pure la parte finale del Roman de Troie e tutte le opere successive (dal fasc. 11 al fasc. 32).95

  • 96 Cf. ibidem e Gaggero–Lunardi 2013.

La nuova indagine condotta sul manoscritto conferma solo in parte questa ricostruzione e mette in luce alcune circostanze interessanti riguardo all’allestimento del volume: si può in effetti osservare l’esistenza di una stretta collaborazione fra i copisti impegnati nella realizzazione dei libelli che compongono il codice […]. I libelli potrebbero essere stati prodotti anche in periodi diversi da un medesimo gruppo di artigiani che collaboravano per uno stesso “editore” ed essere stati assemblati in seguito per soddisfare le esigenze di un cliente.96

L’ipotesi è interessante anche sul piano della datazione della silloge: rimane infatti ancora aperta la questione se possa essere estesa alla sezione contenente i fabliaux la datazione alla prima metà del XIII secolo proposta da Terry Nixon e Alison Stones su base iconografica per i fascicoli 1-30. Se ciò fosse possibile, bisognerebbe – fra l’altro – retrodatare l’opera di Gautier le Leu, sinora collocata, sulla base delle ricerche di Charles Harold Livingston, nella seconda metà del XIII secolo. Inoltre, l’ipotesi di retrodatazione del ms. G potrebbe avvalorare la datazione della Dame escoillee alla prima metà del XIII secolo, proposta da Noomen e van den Boogaard esclusivamente sulla base di criteri interni (cf. § 3.2.b).

  • 97 Stones 2010: 41.
  • 98 Lunardi 2013: 186-187 e Hanna–Turville-Petre 2010: 97.

32Quanto alla localizzazione, Alison Stones riconduce la fattura delle miniature a un gruppo di Salteri prodotti alla fine del XII secolo per alcuni monasteri situati in Francia settentrionale, precisamente sul confine settentrionale fra Artois e Fiandre.97 In effetti, la scripta dei copisti (inclusa quella della sezione fabliolistica) presenta tratti nordorientali: «Hanna e Turville-Petre riprendono la teoria di Keith Busby secondo cui il volume sarebbe una raccolta incentrata su testi prodotti da autori provenienti dalla medesima regione», ma le ricerche sono tuttora in corso e necessitano di approfondimenti ulteriori.98

  • 99 A proposito della scripta di questo copista, cf. anche Gautier le Leu: 25.

33In questa sede, mi limiterò a prendere in considerazione la versione della Dame escoillee.99 I fenomeni riscontrabili nella trascrizione sono i seguenti:

  1. il grafema k è attestato soltanto per il termine keu (302, 309, 337, 417), che presenta tuttavia anche la variante queus (325); il grafema c è utilizzato ad esempio ad inizio di parola per il nesso C + A, in sillaba libera o entravée: castoier (12), castiement (12.2), cachier (55 e passim), cachié (59), caut (101), cape (102), camp (257), castel (270.5), cambre (337), castoient (576), ecc.; per il grafema ch, cf. infra, 4). Cf. Gautier le Leu: 18, § 29.

  2. Anche il grafema q è ben rappresentato, talvolta in forme simili alle seguenti: qant (166.1), reqoi (222), auqant (294), qanque (464); a questo proposito, ivi: 15, (a).

  3. È presente il grafema c anche in posizione finale: tierç (257, 392), rommanç (583); cf. § 3.3.d, 2) e Gautier le Leu: 19, § 32.

  4. il grafema ch è frequente quando è seguito da e, i e yod, sia all’inizio sia all’interno di parola: merchi (186), chité (427); tuttavia, ad esso fa concorrenza la grafia c: face (111), merci (760), bacin (821), ecc. Livingston evidenzia invece una netta preponderanza di c su ch nelle versioni dei fabliaux di Gautier le Leu tràdite da G (cf. ivi: 18, § 31).

  5. È preponderante la riduzione dell’affricata ts a s: avés (1), oiés (5), devés (8), poés (23), asés (27), tos (106), sofrés (108), venés (109), venus (131), retenus (132), servis (146.2), ains (146.11), atornés (164.6), garans (348), ecc.; cf. ivi: 20, § 40. Livingston considera questo un fenomeno nettamente piccardo, mentre Gaston Zink lo ritiene genericamente settentrionale.

    • 100 Per il passaggio di o + nasale ad a, cf. infra, tratto 18).

    L’esito ou non è attestato: segnorie (12.4 e passim), segnorir (13 e passim), desanors (22), anor (27),100 oissor (28), veneor (57), donés (185), vavasor (289), savor (311, 315), ecc.; cf. a questo proposito § 3.3.d, 6).

  6. È presente l’esito eu davanti ad r (cf. Gos: 81, § 26): seur (29), minoritario rispetto a sor (2, 28, 77, 277, 396.2, 509), deseur, utilizzato due volte (164.10, 256) contro l’unica attestazione di desor (272); cf. anche seul (283, 388.4), saveur (304, 342), pleure (547), eure (548). Cf. anche Gautier le Leu: 17, § 22.

  7. È attestata la forma solaus (70); cf. Gos: 61-63, § 12, e §§ 3.2.c e 3.3.b, 4).

  8. l tende a vocalizzarsi, ma può essere registrata dalla grafia: maus (24), caut (101), saut (118), loiaument (508), al (99, 208, 271), mal (141), ceval (148), altre (273, 277), cevals (445), altrement (556), ecc.; cf. Gos: 51-52, §§ 4 e 5; cf. anche Gautier le Leu: 19, § 36. A proposito della forma cevials (372), e della alternanza beaus (125, 402.1) / bels (479), cf. ivi: 17, § 13.

  9. L’esito di MĔLIUS è mels (50); cf. Gos: 64, § 14 e Gautier le Leu: 19, § 14.

  10. La grafia ain è preponderante su ein: sains (56), plains (59), plainne (71), fain (185), avainne (185), painne (184), ecc.; cf. ivi: 16, § 9.

  11. La forma bon è preponderante su buen: bons (9), bon (99), bones (138), bon (139), bons (179, 333), bon (206), bone (215, 304), buens (242), buenes (312), bons (333), buen (468, 571); cf. § 3.3.d, 9).

  12. La forma del comparativo di grant è gregnor (170, 467); cf. § 3.3.d, 10).

  13. È ben attestata la forma venisson: 138, 153, 439, 546 (con variante venissom); cf. § 3.3.d, 11) e Gautier le Leu: 18, § 28.

  14. L’esito di e protonica ed iniziale + l ed n palatali è e; cosí anche per l, n + yod in posizione finale: ensegnier (11), segnorie (12.4), orgellir (14), segnorir (13 e passim), aparellier (152), aparella (165), aparellie (166, 385), vermelle (166, 266), segnor (178.2 e passim), vella (205), conselle (206), orguel (474), orgellos (476), orgellose (554), ecc.; a questo proposito, cf. Gos: 89-90, § 34: «Les chartes permettent une délimitation géographique. L’Artois, la Flandre et le Hainaut + Saint Quentin et Laon semblent préférer le type ‘signeur’, tandis que la Basse-Picardie et le reste de la Haute-Picardie dénotent en principe la même évolution que le francien».

  15. Il nesso [ɔ] + cons. non raggiunge mai l’apertura massima (aw); cf. ad esempio le forme del verbo voloir: velt (94, 384), veut (388), volt (402), vuel (477), vol (557); a questo proposito, cf. § 3.3.d, 14) e Gos: 75-76, § 23.

  16. L’esito di Ĕ] è e e non ie: vers (14, 238, 540), beste (146.10), damoisele (164.4), devers (182.10), anel (298), isnel (244, 255); come si è detto nel § 3.3.d, 16), l’esito ie è preponderante nelle regioni piccarde di Fiandre e Hainaut. Anche Livingston nota l’assenza di questo fenomeno (cf. Gautier le Leu: 25 e 17, § 12).

  17. iniziale seguito da nasale passa talvolta ad a: desanors (22), anor (27), ma onorés (280), onorée (296.2), onor (366); cf. § 3.3.a, 13) e Gos: 90, § 36.

  18. AQUA è reso con aigue (328); a questo proposito, cf. Gos: 102-103, § 43: «La forme aigue, ague, aig(h)e, egue se trouve dans les chartes de Tournai […], Douai, Pontieu, Eu […]. Dans la langue des chartes, il ne peut guère s’agir d’un emprunt fait par la langue littéraire au provençal, mais plutôt d’une conséquence de l’hésitation entre w et gu, g dans les mots empruntés au germanique (cf. § 51), hésitation qui a pu s’étendre à ewe (> egue)»; cf. anche § 3.3.d, 17). Lo stesso esito è registrato da Livingston come minoritario rispetto ad eve (cf. Gautier le Leu: 16, § 5).

  19. Si registrano due casi di metatesi di r: juerrai (509), soferrai (539); cf. Gos: 114, § 57 e Gautier le Leu: 19, § 37; cf. § 3.3.a, 14).

  20. Vi sono due casi di mantenimento di t finale: perçut (473), foit (526); cf. a questo proposito § 3.3.d, 13) e Gautier le Leu: 19, § 38.

  21. camble (159) costituisce un caso di lambdacismo (cf. Gos: 113, § 55).

  22. Si registra un solo caso di mantenimento di w iniziale: Welcomme (400); a questo proposito, cf. § 2.3.f, (11); Gos: 108-109, § 51 e Gautier le Leu: 19-20, § 39: nei fabliaux di Gautier tràditi da G il fenomeno è piú frequente.

  23. Riguardo alla rima nage : sace (495 : 496), cf. § 3.2.c; Gos: 142, § 80 e Gautier le Leu: 19, § 33.

  24. Si riscontra la mancanza della d epentetica nei nessi lr, nr: volrai (106, 121), venra (163), remanrai (443). La b compare nei nessi ml, mr, ma talvolta viene a cadere: resanlés (144), cambre (164.2), sambloit (182.6), samblant (182.7, 248, 490), asamblé (288), tremblant (339), sanlant (496); a questo proposito, cf. § 3.3.a, 16), Gos: 116-119, § 61 e Gautier le Leu: 19, § 34.

  25. Per l’esito di FŎCUM si alternano la forma regolare feu (418) e la forma piccarda fu (404.1); a questo proposito, cf. Gautier le Leu: 17, § 19 e Gos: 77-78, § 25; Gossen annovera questo fra i tratti distintivi del piccardo (cf. ivi: 153).

  26. L’esito piccardo di S ed SS + YOD latino intervocalico è ž, š; secondo Gossen (Gos: 106-107, § 48) esso è normalmente contrassegnato dalla grafia –s–, –ss–; nella lingua del testo, si riscontrano anche casi di grafia –sci–: desci (59, 126), fusciés (104), lasciés (157), obeisciés (218.2), deusciés (280), mesisciés (556).

  27. Si trovano casi di confusione fra –s– ed –ss–: grisse (164.7), \ce/misse (164.8), asissent (329), commandisse (349), justisse (350), prisse (167, 546); cf. § 3.3.d, 5).

  28. L’esito poi da PAUCU (108, 146.8, 337) è registrato anche da Livingston (Gautier le Leu: 16, § 6).

  29. le è utilizzato come art. determinativo concordato con i sostantivi femminili: 142, 167, 381, 382, 486, ecc.; tuttavia, al caso retto si riscontra anche l’uso di li, come in li dame ai vv. 164.1 e 479; a questo proposito, cf. § 3.3.d, 19); cf. anche Gautier le Leu: 21, § 55 e Gos: 122, § 63: «Quant au sujet analogique li, les chartes du Hainaut, de la Flandre et de l’Artois le donnent plus souvent que celles provenant des régions occidentales et méridionales de l’aire picarde».

  30. le compare inoltre come pronome personale femminile al caso obliquo: 54, 155, 173, ecc.; l’uso della corrispondente forma la si riscontra una sola volta al v. 373; cf. Gautier le Leu: 20, § 47.

  31. A proposito della forma ent < INDE, cf. Buridant 2000: 410, § 328: «En (< latin INDE), également sous la forme ancienne int […] et sous la forme ent, conservée tardivement en picard […], et sous la graphie an, les formes assimilées em /am devant labiales n’étant pas rares»; nella lingua del testo si trovano due occorrenze di ent (286, 516).

  32. Il pronome personale di prima persona (< EGO) è reso con una pluralità di forme: jo (74, 195), je (183, 551), ge (539); la medesima alternanza è rilevata da Livingston (Gautier le Leu: 20, § 41); a questo proposito, cf. Gos: 123, § 64: «En picard, EGO a donné normalement deux résultats: jou et je. Les plus anciens documents (début du XIII siècle) offrent jo, comme l’anorm. […] Il y a donc une zone septentrionale où EGO aboutit à jo, jou – ju, je. […] Dans l’Ouest, le Centre et l’Est de la France, le type jo, jou n’a probablement jamais existé; EGO y aboutit à gié, ».

  33. Per quanto concerne invece l’esito di ECCE-HOC, si registra la forma ço (296, 459) in alternanza con ce (535, 543, 552); a questo proposito, cf. ivi: 123, § 64: «ECCE-HOC subit le même traitement que EGO et aboutit, dans les chartes les plus anciennes, à co. À partir du milieu du XIII siècle, on ne trouve plus que c(h)ou […]. Cette forme […] dès le debut […] est concurrencée par c(h)e, qui, accentué à l’origine, deviendra atone». A questo proposito, cf. anche Gautier le Leu: 20, § 53.

  34. Per la I e II pers. plur. dell’agg. possessivo si registrano le forme no (310), vo (364, 465); a questo proposito, cf. § 3.3.d, 22). Per la terza pers. sing. è attestata invece la forma sen (249), tipica di piccardo e vallone (cf. § 3.3.f, 28).

  35. Si registra in due casi la presenza di c finale alla I persona dell’ind. pres.: commanc (256), fac (530); a questo proposito, cf. § 3.3.d, 26) e Gautier le Leu: 21, § 57.

  36. La forma prendoit (182.4) mostra il mantenimento di d etimologica; a questo proposito, cf. ivi: 21, § 59.

  37. Livingston registra alcuni casi di caduta della cons. finale alla II persona plurale dell’imperativo quando c’è enclisi del pron. pers. (ivi: 21, § 61); nella lingua del nostro fabliau invece essa viene mantenuta: dites le me (462), estendés le (483), vees les (555). Al v. 462 è inoltre presente un tratto che Gossen considera eclusivamente piccardo, ovvero la presenza del pronome personale atono me in enclisi con l’imperativo; cf. Gos: 144 (§ 81) e 154.

  38. A proposito delle forme mescrees (296.1), sees (416.1), devees (480), cf. Gautier le Leu: 21-24, § 62.

  39. Inoltre, lo studioso registra la prevalenza delle forme arai, aroie, per il futuro e il condizionale di avoir (ivi: 24, § 63). Invece, per il nostro fabliau, si riscontrano soltanto le forme aurai (114), aura (201), auras (318); a questo proposito, cf. anche Gos: 131, n. 7, § 74 e § 3.3.a, 17).

  40. La forma fesist (104) è un caso di perfetto sigmatico; cf. § 3.3.d, 25) e Gautier le Leu: 24, § 66.

  41. Lo studioso registra inoltre l’infinito veïr in luogo di veoir (cf. ibidem, § 68); un caso analogo è presente nel nostro testo con il verbo seïr (invece dell’infinito regolare seoir) al v. 378.

  • 101 Faccio riferimento a Gos: 153-155; per quanto riguarda, il fenomeno 38, è piccarda la costruzione d (...)

Tutto sommato, i risultati dell’analisi linguistica relativa alla versione della Dame escoillee tràdita da G non differiscono particolarmente da quelli prospettati da Livingston per i fabliaux di Gautier le Leu contenuti nello stesso codice; ma non tutti i tratti che lo studioso classifica come nettamente piccardi sono considerati tali da altri studiosi; in particolare, il fenomeno elencato supra al punto 5 è piuttosto ritenuto genericamente settentrionale; il caso al punto 21 accomuna piccardo, vallone e lorenese, il 31 piccardo e vallone, il 33 piccardo e anglonormanno. Perciò, fra i tratti annoverati da Livingston e comuni anche alla versione della Dame escoillee sono da considerare esclusivamente piccardi soltanto i seguenti: 26, 34, 36.101 Ad ogni modo, la versione del nostro fabliau presenta altri tratti propri della scripta nordorientale (talvolta piú precisamente piccarda), non citati da Livingston, ovvero quelli elencati ai punti 18, 27, 32, 35.

34Credo inoltre che sia condivisibile la prudenza di Livingston riguardo alla possibilità di precisare la localizzazione della scripta (Gautier le Leu: 25); infatti, se da un lato il fenomeno al punto 15 esclude Fiandre, Artois e Hainaut, dall’altro il fenomeno al punto 27 è considerato da Gossen «caractéristique des parlers picards de l’Est et de l’artésien, qu’ils ont en commun avec l’ouest-wallon et le namurois» (Gos: 106, § 48). Ciò dimostra la difficoltà insita nei tentativi di localizzazione dei manoscritti sulla base soltanto di criteri interni (specialmente di carattere linguistico).

35Per la datazione della trascrizione, la versione del fabliau tràdita da G non presenta deroghe significative al mantenimento del sistema bicasuale. Tuttavia, è necessario che le indagini siano estese ad altri testi e che si chiarisca meglio la posizione dei fascicoli contenenti i fabliaux per poter trarre elementi davvero utili a valutare la proposta di retrodatazione del codice proposta da Alison Stones.

3.3.f Il manoscritto e

  • 102 Lunardi 2013: 194.
  • 103 Giannini 2013: 12, n. 4.

36Il ms. Paris, Arsenal 3114 è un codice di ridotte dimensioni, composto di sole 17 carte, eseguito da un unico copista, operante alla fine del XIII secolo (1278–1290). Forse il codice è di provenienza nordorientale, sebbene la committenza sia da localizzare «nell’area occidentale della contea di Champagne, precisamente a Château-Thierry».102 Secondo le ricerche condotte recentemente da Gabriele Giannini, inoltre, il ms. e è un frammento scorporato da un recueil piú ampio.103 La versione della Dame escoillee è caratterizzata dai seguenti tratti:

  1. Il grafema k è utilizzato unicamente per il termine keu (302, 309, 325, 337, 417) e una sola volta per la congiunzione que (503 k’aucunne). Altrimenti, si alternano i grafemi c, ch: chacier (55 e passim), chiens (56, 57), chacié (59), chambre (154, 159), chier (280, 420, 580), chastiement (371), chastoient (576), ecc.

  2. Si nota una certa confusione fra s e c nei casi seguenti: cel (106) per sel, cil (161) per s’il, ce (181) per se, ce (207) per se, ce (237) per se, cen (261) per s’en, cil (319) per s’il, fusse (359) per fu ce, ce (431) per se, ce (432) per se, sa (452) per ca, cil (478) per s’il, ces (478) per ses, censerez (514) per s’en serez, ci (577) per si.

    • 104 A questo proposito, cf. § 3.2.c, n. 27.
    • 105 Cf. n. precedente.

    Per la resa dell’affricata ts, s e z si alternano: jadiz (25), loinz (38), sans (46, 371), plainz (49), oez (54), ez (85, 292, 398), avez (91, 240, 282), fussiez preus (103), lassuz (109), venez (109), querrés (110), serez (113), enz (116), ferez (123), soiez venuz (131), serois receuz (132), descendez (133), vinz vies (139), vinz viez (423), ferrés (139), pastés (140), aisies (141, in rima con 142 esmaiez),104 alez (143), viz (171), vinz (179), mourés (179, 424), honourés (180), arois (191), sarois (192), prenés (197, in rima con 198 assez),105 levez (207), entendez (217), ecc.

  3. In alcuni casi, le rime evidenziano la mancata pronuncia di s. Cf. in particolare dit : aist ai vv. 457-458 e pamoison : avons ai vv. 499-500. A proposito del primo caso, cf. Lote 1949-1955: III, 220; a proposito del secondo, cf. ivi: 241.

  4. Le grafie o, ou, eu si alternano: honor (27 e passim), oisor (28), seignourie (30), veneor (57), amour (125, 128, 176), flour (162), donner (188), donners (193), amors (204), honour (218, 231), seignour (232, 290), vavassour (289), saveur (305, 315), assavourees (305), honourees (306), savours (311), plussours (312), donna (361), pardonné (370), preudomme (382), plouré (515), pleure (547), eure (548), seignour (572), honourer (580), ecc. Cf. § 3.3.a, 4).

    • 106 Al v. 65 solaus è lezione autentica (cf. § 3.2.c).

    La forma solaus è attestata sia al v. 65 (in rima con 66 consaus), sia all’interno del v. 70.106 Cf. anche le forme biauté (39, 169, 200), bel (149) / biau(s) (86, 479), oysiaus (140), vaissiaus (212); cf. § 3.3.a, 5).

  5. La grafia ain è utilizzata senza eccezioni: mainnent (56), maintenir (106), remainent (115), mains (143), grains (144), paine (147, 286), avaine (148), maine (167, 285), maint (196), ains (229, 531, 573), ainsi (235), sainz (347, 509, 558), main (352, 405), saint (358), demain (384), rains (472, 482, 520), ainsint (554), ecc.; cf. § 3.3.a, 6).

  6. La grafia ai è preponderante su e: maison (31 e passim), defaisoit (36), faisoit (36), mais (68 e passim), traire (68, 73), faire (passim), vait (70), fait (101, 343.2, 517), laissiez (157), eslais (259), maistre (287), plaisir (322), dirai (343.2), laisse (375), luminaire (394), baisa (412), ecc.

  7. Si registra inoltre la forma roiseus al v. 438; a questo proposito, cf. § 3.3.b, 6).

  8. L’esito di BŎNU, BŎNA è sempre bon, bonne: bon (46, 179, 206, ecc.); bonne (138, 215, 308, ecc.). Fa eccezione soltanto la forma boens al v. 242, in rima con 241 quens, ma a questo proposito, cf. §§ 3.2.c e 3.3.a, 8).

  9. Si registrano le forme poissons (137), venoison (138, 154, 439), pamoison (499). Cf. § 3.3.a, 9).

  10. L’esito di e pretonica iniziale + l ed n palatali e di l, n + yod in posizione finale è quasi sempre ei: seignorie (96), appareillier (152), apareille (165, in rima con 166 vermeille, 301, in rima con 302 conseille), greignor (170, 467), seignor (219, 226, 238), ap(p)areil (309, 356), conseil (310, 355, 361), appareilla (385), orgueil (390, 461, 474). Fanno eccezione la forma volille al v. 153, in rima con 154 fille (ma a questo proposito, cf. § 3.2.c) e la forma villa (205), peraltro in rima con 206 conseilla.

  11. L’esito di Ĕ] è e, non ie: vers (238, 249, 408), isnel (244), anel (298); cf. § 3.3.d, 16).

  12. Si registrano alcuni casi di metatesi di s: voussit (156), soufferrai (539); cf. § 3.3.a, 14).

  13. In diversi casi, è attestato il mantenimento di t finale: esclairiet (61), desevret (62), plut (81), salut (87), oset (150), lavet (175), trenchiet (262, in rima con 261 repairies), commandet (303), parlet (354). A questo proposito, cf. § 3.3.d, 13).

  14. I nessi lr, nr non presentano di norma la d epentetica: vorra (106, 174), vorrai (122, 189), venra (163), donrai (189, 197), venroit (366), remenrai (443), vorrés (535), ecc. Fa eccezione la forma tendre (408). Per quanto riguarda invece i nessi mr, ml, la b epentetica è sempre mantenuta: chambre (154, 159, 337), tramblant (339); cf. § 3.3.a, 16).

  15. Per il futuro di avoir, sono attestate sia la forma regolare auras (114), sia quella ridotta aras (328); cf. § 3.3.a, 17).

    • 107 La forma doint è comune alla maggioranza dei testimoni; cf. §§ 3.3.a, 22) e 3.3.c, 15).

    Si registra in alcuni casi la caduta di s preconsonantica: defaisoit (36), doint (118),107 pamoison (499), dedira (559), dedit (573).

  16. L’esito di AQUA è eve (328). Cf., §§ 3.3.d, 17) e 3.3.e, 19).

  17. L’esito di FŎCUM è feu al v. 418 (cf. § 3.3.e, 26).

  18. Si notano alcuni casi di confusione fra an ed en; cf. ad es. mengeront (137), mengier (151, 158, 164), mengue (177), losengier (286) e la rima trenchant : baucent ai vv. 263-263.1. Tuttavia, come si è già detto, essa deve risalire ad α. Cf. § 3.3.b, 19).

  19. In alcune forme del verbo voloir, si registra l’uso del grafema w per v: weil (186, 199, 462), weilliez (540); cf. § 3.3.e, 23).

  20. Si nota l’uso frequente delle geminate, anche dove non giustificate dall’etimologia o dallo sviluppo fonomorfologico; qualche esempio: couppa (276), osseroie (317), viennent (330), nappes (430), rouverrai (459), eschauffez (505). In alcuni casi, si tratta invece di metatesi: asisse (168, in rima con 167 prise), arierre (233, 261). A questo proposito, cf. anche supra, 12).

    • 108 La dissimilazione ff > sf si registra anche nel caso del verbo affi (per cui è attestata al v. 512 (...)

    In alcuni casi, si registrano forme di raddoppiamento fonosintattico, talvolta con successiva dissimilazione: noufferai al v. 121 e al v. 124 per nou˙fferai, asfait al v. 152 per a˙ffait, al v. 250 assamere per a˙ssa mere, al v. 343 asfaire per a˙ffaire; forse è da aggiungere anche fusse al v. 350;108 cf. Pope 19665: 147, § 366: «Lengthened consonants were occasionally formed in Later Old French when a monosyllabic word was closely linked to another beginning with a consonant, e.g. a ffin, a ffaire: these were also reduced to a single consonant».

  21. La forma naige è attestata all’interno del v. 486; a questo proposito, cf. §§ 3.2.c e 3.3.e, 24).

  22. L’articolo determinativo femminile è sempre la: 33, 51, 58, ecc.; lo stesso vale per il pronome corrispondente: 42, 43, 52, ecc.; cf. § 3.3.d, 18).

  23. L’esito di EGO è sempre je: 71, 74, 121, ecc.; cf. § 3.3.a, 25).

    • 109 Per il sintagma .i. sien mor, cf. § 3.3.b, 29).

    Le forme del possessivo sono regolari: mon (238, 284, 313), son (411, 415), ma (97, 235, 344), sa (154, 169, 325), nostre (297 e passim), nos (69, 158), vostre (184 e passim), lor (214, 262, 290), mes (137, 138, 139). Sono inoltre attestate le forme mien (357, 365), sien (425, 449).109 Per la forma suen (130), cf. invece § 3.3.a, 27). Tuttavia, si registrano anche sen al v. 572 (cf. Buridant 2000: 150, § 117), no ai vv. 71, 158, e vo al v. 364; queste tre forme sono caratteristiche di piccardo e vallone, come fa notare Gossen (Gos: 154) Cf. anche § 3.3.d, 21).

  24. Al v. 285 è attestata la forma ent < INDE; ai vv. 40, 416 e 569, l’esito di INDE è invece em. In tutti gli altri casi si registra la forma regolare en. A questo proposito, cf. § 3.3.e, 32).

L’analisi linguistica della versione di e mette in evidenza una serie di tratti non marcati in senso dialettale (cf. ad esempio i punti 10, 11, 20, 26, 27); sono presenti però alcuni fatti linguistici propri della scripta nord-orientale, quali ad esempio il mantenimento di t finale (15), la mancanza di d epentetica (16), l’uso, pur sporadico, della grafia w– (22) e dei possessivi sen, no, vo (28), l’uso della grafia ent per l’esito di INDE (29). Servirebbero ulteriori indagini per chiarire se queste coloriture siano dovute alla provenienza del copista, oppure soltanto al fatto che questi abbia utilizzato un antigrafo di provenienza piccarda. Infine, per quanto riguarda la datazione, gli elementi offerti dall’analisi della lingua sono piuttosto scarsi (cf. § 3.2.b, n. 5), sostanzialmente non contrari alla collocazione tardo-duecentesca del volume avanzata dagli specialisti sulla base dei dati paleografici e codicologici.

Notes

1 Gossen 1968: 1-2. La bibliografia relativa alla problematica della scripta nello studio dei testi antico-francesi annovera numerosi interventi: com’è noto, il termine scripta venne introdotto a metà del secolo scorso da Remacle 1948. La terminologia coniata dallo studioso è in seguito entrata nell’uso, ma il concetto ad essa sotteso è stato a lungo discusso. Lo stesso Gossen è tornato a riflettervi una decina d’anni dopo l’articolo già citato (Gossen 1979), sottolineando la necessità di un approccio filologico alla questione. La critica forse piú radicale al concetto elaborato da Remacle è stata però formulata, in anni piú recenti, da Dees, che ha messo in evidenza le carenze di metodo degli studi scriptologici condotti da Remacle e la complessità sfuggente dell’oggetto (Dees 1985). Lo studioso arriva provocatoriamente a negare l’esistenza stessa di koiné regionali nel dominio oitanico per il periodo anteriore al 1300 (ivi: 113). Il concetto di scripta sarà quindi da assumere come un utile strumento per distinguere, sui tre piani della diacronia, della sincronia e della diafasia, la lingua scritta da quella parlata, evitando di equiparare la diffusione della scripta a una sorta di irradiamento del dialetto centrale, parigino, sulle altre parlate del dominio oitanico.

2 Naturalmente, la situazione differisce a seconda delle caratteristiche del recueil preso in esame; ma le considerazioni ora esposte rimangono valide, seppur in diversa misura, per tutti i testimoni del nostro fabliau. Cf. in proposito Rychner 1960: I, 136 e Lunardi 2013: 166-196.

3 Utilizzo il maiuscoletto per i termini e le forme proprie del latino, il corsivo per i corrispettivi romanzi. Per quanto concerne le citazioni bibliografiche, utilizzo l’abbreviazione FS per indicare Gossen 1967 e Gos per Gossen 1970.

4 NRCF: VIII, 5. Come nel § 2.3 (cf. supra), anche nel corso del presente capitolo per le citazioni tratte dal NRCF si indica entro parentesi quadre la numerazione dei vv. nel testo critico pubblicato infra sostituendola alla numerazione utilizzata dagli editori olandesi.

5 La declinazione bicasuale non viene mantenuta nei seguenti casi: D 21 seignor, DeE 149 sires, E 391 sires; sire / seignor appartiene alla classe degli imparisillabi della III declinazione non rimodellati (come ber – baron), cf. Zink 1989: 17 e 47; la forma sires per il caso retto singolare ai vv. 149 (DeE) e 391 (E) non è dunque regolare; anche la lezione di D al v. 21 (segnor) è erronea, perché dovrebbe presentare la –s del caso obliquo plurale (la lezione corrispondente di G non è chiara a causa di un danno meccanico e la lezione di E è rimaneggiata e presenta correttamente segnors come parte nominale concordata col soggetto). Le irregolarità nella declinazione dei sostantivi appartenenti a questa classe sono frequenti nei testi dell’epoca (cf. ivi: 35-36). Lo stesso discorso vale dunque per la lezione homs di e al v. 239 e per la lezione hons di C al v. 545 (il sostantivo hom / huem appartiene infatti alla medesima classe di sire), nonché per la lezione peres di E al v. 238.3; questo sostantivo appartiene infatti alla seconda classe maschile e dovrebbe presentare la forma pere al caso retto singolare; tuttavia, cf. le osservazioni di Zink (ivi: 15). Irregolare al v. 447 è la forma serjant di DeGE, in rima con grant (v. 448), anch’esso irregolare; fa eccezione E, che presenta sergant (irregolare) in rima con avenant, variante corretta dal punto di vista della flessione, perché è parte nominale concordata con il soggetto; FC presentano invece entrambe le forme correttamente (serjans : grans). Grans (o granz) appartiene alla II classe degli aggettivi qualificativi, e dovrebbe presentare al caso obliquo la –s flessionale; tuttavia, un certo grado di confusione si era manifestato già nei primi testi anticofrancesi a causa del rimodellamento del nominativo plurale maschile, avvenuto già in latino volgare (GRANDES > *GRANDI); lo stesso vale per sergant, che è un participio presente sostantivato; anche la lezione di De al v. 552 è irregolare perché presenta il sostantivo fiertez (appartenente alla II classe dei sostantivi femminili) con la marca flessionale propria del caso retto singolare e del plurale (cf. ivi: 18-19); anche la lezione iriez di C al v. 515.2 è irregolare (il participio passato dovrebbe avere qui la forma del caso obliquo singolare, poiché è concordato con cuer, complemento oggetto); inoltre, è erronea in C anche la lezione in rima con iriez (: 516 grez invece di gré); si tratta comunque di un passaggio sicuramente corrotto in α, cf. § 2.3.b, (7); la forma celui di De al v. 428 è erronea perché reca il caso obliquo maschile invece del femminile; tuttavia, in TL (II, 88) è segnalato l’uso di celui anche al caso obliquo femminile; cf. inoltre Buridant 2000: 128, § 97. È infine irregolare la lezione pasmissons di GEFC al v. 499; questo sostantivo, come tutti i femminili terminanti in -ons/-ont, appartiene alla II classe e non dovrebbe perciò presentare la –s flessionale al caso obliquo singolare. Soltanto ai vv. 447-448 la maggioranza dei mss. presenta irregolarità dal punto di vista della flessione dei sostantivi; in questo passaggio è tuttavia forse ravvisabile un errore d’archetipo: cf. § 2.3.e, (2).

6 Zink 1989: 36-37.

7 Buridant 2000: 80-81, § 50; lo studioso distingue fra l’ «attitude modernisante», propria dei copisti dell’Ovest della Francia, quella «archaïsante», propria dei copisti dell’Est e del Nord, e infine l’«attitude de fidélité, essentiellement celle des scribes du Centre, reproduisant exactement les textes copiés, conservant toutes les formes, même incompréhensibles, ce qui contribue à une variation extrême des graphies». Si vedano anche le osservazioni di Régnier 1961: 269, riportate anche in Gos: 122-123: «Dans le Nord de la France, où les copistes étaient nombreux et cultivés, le respect de la déclinaison s’est imposé longtemps; lorsqu’une oeuvre est transmise par plusieurs mss., le plus correct est souvent le ms. picard. […] L’efforce de purisme qui caractérise certains ateliers de la première moitié du XIVe siècle […] est particulièrement marqué en picard». Cf. anche Lote 1949-1955: III, 285 e Pope 19665: 314, § 803.

8 Cf. § 3.3.e e Lunardi 2013: 186-187 e 194.

9 Gröber 1902: 622 «Der von Huon Piaucele […] geschilderte Kampf mit der widersetzlichen Frau wird in einem vielleicht westnormannischen, energischen und gut gemeinten Schwanke von der Male dame (618 V.; 2 V. 13. Jh.?) in der Weise mit Erfolg zu Ende geführt, dass die Frau durch die Brutalität des Mannes und die Schwiegermutter durch vorgebliche Entfernung von coilles, dem Sitz der Herrschsucht, vom widerspenstischen Sinn befreit werden».

10 Roques 1978: 453-454.

11 Il termine cester è registrato anche in AND2, I, con il seguente significato: «to trip, stumble».

12 Roques 1978: 453-454.

13 Thomas 1900: 161-208.

14 Ivi, 177-178: «Godefroy a vu dans giernote un diminutif de graine et l’a enregistré sous la forme grenote: c’est une grosse erreur. Guillaume Le Clerc était normand, comme on sait, et le patois normand connaît encore aujourd’hui le mot dont s’est servi cet auteur […]. Ce mot s’applique aux tubercules de différentes plantes dont les cochons sont très friands: le bunium bulbocastanum (ou conpodium denudatum), l’oenanthe pimpinelloides ou le campanula rapunculus […]. Je reviens à l’article grenote de Godefroy. On y trouve à la suite de l’exemple du Dit du Besant un autre exemple emprunté au fableau de la Dame escoillee. Les éditeurs [Recueil général et complet des fabliaux (Montaiglon–Raynaud): VI, 94 e ss.] lisent, au vers 573: Que ce sachiez, par ces grenotes / Sont les femes fieres et sotes. Au glossaire ils commentent: «grenote, graine; par extension testicule» […]: la comparaison de ce dont il s’agit avec un tubercule de terre-noix est fort naturelle, tandis que de penser à une petite graine, cela ne se comprendrait guère qu’a Lilliput».

15 Cf. anche AND1: III, gernotes con il significato di «earth-nuts».

16 Roques 1978: 454. Lo studioso si riferisce a: FEW: XV II, 89b, n. 3: «In einem pik. text will Thomas […] statt grenotes (das zu GRANUM gehören würde), giernotes lesen und dieses auch hierher stellen. Es läge dann eine übertragung von “erdnuss” auf “hoden” vor, was an sich möglich wäre. Doch ist diese änderung der lesart nicht notwendig, weil auch von “grain” her die bed. “hode” sich ergeben könnte». Le osservazioni non sono ad ogni modo stringenti: infatti, il passaggio dalla forma attestata in normanno, gernote, a grenote non presenta problemi dal punto di vista fonomorfologico e il significato è decisamente piú attinente al contesto. Il dizionario di Tobler e Lommatzsch (in accordo con le osservazioni di Thomas) registra l’occorrenza del termine nella Dame escoillee sotto la voce giernote con i seguenti significati: «Erdnuβ, Wurzelknollen der Zyclamen; […] übertr. Hode»; cf. infine REW: 2888, erdnote.

17 Paris 1894: 161-176.

18 Andison 1923: 65-72.

19 Ivi: 65 «Oel is to be understood as derived from the Latin HOC ILLUM (ILLUM for ILLUD). In its variant form oal, the opening of the vowel sound e to that of a is a phenomenon that is not uncommon. This latter form, through metathesis, becomes in some cases aol».

20 Paris 1894: 166-168: «Le nom. neutre el […] a donc appartenu anciennement à tout l’ouest de la France du nord; il ne paraît plus exister aujourd’hui que dans le Poitou et les pays limitrophes. Mais on peut croire que primitivement il avait une extension plus grande que celle que nous permettent de constater les textes cités. Il est vrai que de très bonne heure, en France propre, en Normandie, en Picardie, en Champagne et en Lorraine, l’ancien el, comme sujet des verbes impersonnels, avait été remplacé par le masc. il, mais il s’en conserva assez longtemps un vestige. […] C’est cette forme qu’il faut reconnaître dans l’affirmation aol, aoul, qui se trouve dans un certain nombre de textes […]. Les exemples de aol et de oal prouvent qu’oel ne se restraignait pas à la réponse à une question dont le verbe était un verbe impersonnel, mais que peu à peu […] il était devenu une réponse affirmative générale […]. On voit que ce rôle avait été tenu d’abord par oel ou ses variantes et aurait bien pu l’être définitivement, en sorte que la langue française, au lieu de s’appeler la “langue d’oïl”, faillit sans doute de bien près de s’appeler la “langue d’aoul”».

21 Andison 1923: 66-67.

22 A questi dati potrebbe forse aggiungersi la rima 439 venoison : 440 aion, condivisa da tutti i testimoni tranne F, che non reca questo distico. La caduta di –s finale nel cong. pres. di I persona plur. aion è considerata da alcuni studiosi caratteristica dei dialetti occidentali, ma è talvolta attestata anche in franciano; cf. Pope 19665: 339, § 895*. Cf. anche § 3.3.a, 29).

23 Roques 1978: 454.

24 NRCF: VIII, 5.

25 A proposito di orille, cf. Gos: 89, § 34, n. 40: «Cf. l’évolution du suffixe –ICULA > pic. –ille, p. ex. corbille, keurbille, orille».

26 Ibidem. Per la forma manche, cf. Gos: 98, § 41: «Traitement de c dans le groupe consonne + i syncopé + CA(RE)».

27 Le ragioni che portano Roques ad escludere una localizzazione piccarda del fabliau sono invece in parte discutibili. Infatti, a proposito della distinzione fra s e z, cf. Gos: 94, § 40: «En francien, -z devient le signe du sujet sg. et du régime pl., même dans des mots où il n’était pas étymologique. En plus, derrière un n qui tombe, ou derrière n ou l mouillés, le francien avait changé –s en –z […]. Il est évident que l’influence de la graphie franc. dut se faire sentir dans la scripta picarde. Au XIIIe siècle, cependant, les chartes ne présentent que fort peu d’exemples de –z. A partir du milieu du XIII et surtout au XIV s., -z devient de plus en plus fréquent, moins dans le Nord que dans le Sud (dans les chartes de Beauvais, Senlis, Compiègne, Soissons et Eu) du territoire picard»; come si nota, i territori dove la confusione fra –s e –z (dovuta all’influsso della grafia franciana) si fanno sentire prima, sono quelli del confine meridionale e sudoccidentale della Piccardia, ovvero nell’area della regione piú prossima alla Normandia. A proposito delle rime fra s e z, cf. anche Lote 1949-1955: III, 245 «Dans nos plus anciens textes, z et s ne riment pas ensemble […]. La confusion apparaît déjà en anglo-normand au XIIe siècle […]. En Picardie, et même en Beauvaisis, elle se manifeste à la fin du XII siècle […]. On constate le mélange dans une foule de textes qui appartiennent aux régions les plus diverses […]. Tantôt s et z sont associés, ce qui prouve bien qu’il n’existe plus entre eux aucune différence de prononciation». Per quanto concerne invece la confusione fra en e an, che non si realizza in piccardo (cf. Gos: 65-66, § 15), gli esempi non mi sembrano molto numerosi nel testo del fabliau; in sede di rima si tratta di lezioni di singoli mss. (vv. 43-44 solo FC, 129-130 solo D, 263-263.1 solo De, 371-372 DG con abbreviazione, 485-486 DG con abbreviazione); nella stragrande maggioranza dei casi, la distinzione mi pare sia rispettata. Fra l’altro, la differenziazione accurata fra an ed en è classificata da Lote come tratto caratteristico non soltanto di piccardo e vallone, ma anche del dialetto normanno; cf. Lote 1949-1955: III, 194: «An et en, encore disjoints dans Saint Alexis, se mélangent à partir de la Chanson de Roland, sauf en normand, en picard et en wallon» (cf. ivi: 199-200).

28 Cf. Fouché 1966-1973: 161 «Le cas de HOMO < v. fr. huem, hom et de COMES <v. fr. cuens, cons se retrouve pour les adjectifs BONUS et MALUS»; cf. ivi: 355 «Il est probable qu’on a tout d’abord une alternance buon ~ buen : bon dans les doublets syntactiques li pedre est buens: li bons pedre. Mais bon a été généralisé de bonne heure comme le prouve le premier vers du Saint Alexis: Bons fu li siecles al tens ancienur».

29 NRCF: VIII, 348. Cf. Lote 1949-1955: III, 213: «En Picardie, la forme boin est la notation de buen (BONUM), mais seulement depuis la fin du XII siècle». Cf. anche Gos: 83, § 28a, n. 37 e Zink 1986: 222.

30 Cf. Zink 1986: 222. A proposito di boin, cf. Lote 1949-1955: III, 215-216 «La diphtongue uen provient de l’ò du latin vulgaire (class. O) devant consonne nasale. Ex. […]BONUM > buen, COMES > quens. L’accentuation, primitivement descendante, est devenue ensuite ascendante, ce qui a parfois amené la disparition de la semi-voyelle premier élément du groupe […]. Cette diphtongue, encore vivante au XIIIe siècle, a disparu de la langue. Les mots où on la rencontrait formaient en effet une série peu nombreuse, et partout la forme du cas régime s’est substituée à celle du cas sujet; uem a été remplacé par homme, cuens par comte etc., ou bien, comme pour bons au lieu de buens, ce sont les formes proclitiques qui l’ont emporté, à moins que la nasale n’ait fermé l’O. La diphtongaison (cf. p. 192) paraît spéciale à la région du Nord, où l’O avait conservé son timbre. Elle est inconnue à l’ouest».

31 La forma solaus è registrata in Gos: 63 come esempio degli esiti del suffisso - CULU in piccardo; la forma consaus come esempio degli esiti piccardi del suffisso «- LIU + s ou autre entrave» (ibidem); cf. anche Zink 1986: 241: «Effet ouvrant de –u diphtongal. Il ne s’exerce pas seulement sur e ouvert (du suffixe –ELLUS); [e] dans eu, o ouvert dans ou l’ont également subi et très fortement, jusqu’à a: eu dans une zone étendue qui comprend la Picardie, la Champagne, l’Orléanais: […] consaus, solaus».

32 A questo proposito, cf. anche Gos: 53, § 7: «-ATICU […]».

33 A proposito della rima con sace, cf. Lote 1949-1955: III, 225.

34 Cf. anche Gos: 107, § 49. Mi pare invece decisamente dubbio il caso dei vv. 163-164, dove DeG recano la rima venra : verra. In corrispondenza, al v. 163 EFC recano invece la forma regolare vendra con epentesi di –d-. Lo stesso avviene al v. 443, dove eG recano il verbo remanoir con la forma priva di epentesi (e remenrai, G remanrai; D in questo caso rimaneggia), mentre EFC recano la forma epentetica.

35 Ivi: 154; cf. anche Buridant 2000: 236, § 191; Zink 1986: 194-195 e Zink 1989: 219, 236.

36 Cf. anche Lote 1949-1955: III, 163: «I. Cette voyelle française résulte: […] De la finale –iée, qu’elle ait pour origine –ETA […] ou yod + ATA […]. Ce fait s’explique par l’accentuation primitive de la diphtongue ie dont le premier élément était tonique; devant l’e féminin, cette diphtongue s’est réduite à i […]. Ici encore, il ne s’agit pas de phonétique exclusivement picarde».

37 Raccogliendo questo auspicio, si è dedicato all’analisi dei codici relatori della Dame escoillee il contributo pubblicato su «Carte romanze» (Lunardi 2013). I dati sulle caratteristiche dei sei relatori utilizzati per la stesura del § 3.3 provengono da quello studio.

38 Rychner 1960: I, 141. Anche Keith Busby lamenta la mancanza di studi sistematici in materia: «While histories of medieval French literature generally pay some attention to regional considerations, this is almost exclusively in connection with the composition of texts rather than with the production and reception of manuscripts containing them» (Busby 2002: II, 485). Lo studioso dedica perciò un lungo capitolo di Codex and Context alla localizzazione dei principali centri di produzione manoscritta (cf. ivi: II, 485-635). Le sue osservazioni forniscono spunti interessanti, ma soffrono in alcuni casi della mancanza di studi linguistici e codicologici approfonditi del materiale preso in esame.

39 In principal luogo, non tutte le pièces sono edite, e di alcune si possiedono soltanto edizioni ormai invecchiate o inaffidabili. Inoltre, ciascuna edizione si fonda su presupposti e adotta parametri diversi: non è dunque possibile partire dagli studi parziali esistenti per un’indagine a tutto campo.

40 Utilizzo il maiuscoletto per i termini e le forme proprie del latino, il corsivo per il corrispettivo antico-francese. Le abbreviazioni sono state sciolte e si sono separate e unite le parole com’è di prassi.

41 Per la descrizione del codice, cf. Lunardi 2013: 168-171 e Stutzmann–Tylus 2006: 144-151.

42 Cf. Gos: 95-100, § 41 e FS: 226-233.

43 Zink 1989: 157 e Gos: 94, § 40.

44 Ibidem: «Il est évident que l’influence de la graphie franc. dut se faire sentir dans la scripta picarde. Au XIII s., cependant, les chartes ne présentent que fort peu d’exemples de –z. A partir du milieu du XIII et surtout au XIV s., -z devient de plus en plus fréquent, moins dans le Nord que dans le Sud […] du territoire picard». A questo proposito, cf. § 3.2.c, n. 27.

45 Per il trattamento di [o] in sillaba aperta (> pic. ou > eu = franc.), cf. in particolare Gos: 80, § 26: «Le centre d’irradiation de cette évolution, qui gagna le Centre au XII siècle, se trouve dans l’aire picarde et wallonne» e ivi: 82: «Comme dans l’aire picarde l’évolution de [o][ accentué à öw > ö est un fait indubitable, mais comme les mêmes poètes usent indifféremment des formes en eu et des formes en ou dans la rime, il est permis de se demander s’il ne s’agit pas simplement de facilités de versification. La pratique poétique aurait admis des emprunts à des dialectes différents, c’est-à-dire à ceux de l’Ouest et de l’Est dans lesquels l’évolution de [o][ accentué s’arrête à la phase ow (monophtongué en u), de la même façon qu’elle joue sur des états de langue chronologiquement différents». Nella lingua di C non si registrano invece casi di grafema ou nei nessi [o] / [ɔ] + nasale; a questo proposito, cf. § 3.3.d, 6).

46 Questo fenomeno e il precedente sono segnalati anche da Martha Walters-Gehrig nell’analisi del fabliau De Haimet et de Barat et Travers tràdito da C. Cf. Trois fabliaux (Walters-Gehrig): 80, §§ 1, 3.

47 Martha Walters-Gehrig segnala il medesimo fenomeno, ma lo attribuisce esclusivamente al piccardo (cf. ivi: 81 e 82, § 14).

48 Cf. Fouché 1967: 391-392, § 200 e Pope 19665: 366, § 970.

49 La posizione di Claude Buridant è sostenuta anche da Mildred Pope: «The O.F. future forms avrai, savrai and the northern arai, sarai, which were also current in Paris […], persisted into the later sixteenth century» (ivi: 368, § 976).

50 Cf. anche Gos: 83-85, § 28. La forma funt è registrata anche da Martha Walters-Gehrig nella trascrizione del fabliau De Haimet et de Barat et Travers di C: Trois fabliaux (Walters-Gehrig): 81, § 11; la studiosa attribuisce questo fenomeno al piccardo (ivi: 82).

51 Lo stesso fenomeno è registrato anche da Martha Walters-Gehrig (ivi: 81, § 19).

52 Ivi: 81 e 83, § 15.

53 Cf. anche Pope 19665: 364 § 963**. La forma soer è registrata anche da Martha Walters-Gehrig nella trascrizione del fabliau De Haimet et de Barat et Travers; riporto le sue osservazioni: «La graphie soer est interessante. Non seulement elle montre la réduction de l’hiatus entre voyelles, mais aussi le passage de la diphtongue oi provenant de e fermé accentué libre à oe» Trois fabliaux (Walters-Gehrig): 80, § 8.

54 Il giudizio di Zink è avallato anche da Pope: «First Person Plural. […].The absence of –s which characterizes this termination in the western region […], characterizes also the endings employed in this person in Provençal […] and is possibly due to a desire to restrict s to the second person. The ending -on was sometimes used in francien […], but its use there died out in the fifteenth century» (Pope 19665: 339, § 895*). La presenza della terminazione –on per la prima persona plurale è segnalata anche da Martha Walters-Gehrig: Trois fabliaux (Walters-Gehrig): 82, § 36; la studiosa annovera questo tratto fra quelli propri della scripta occidentale.

55 Il mancato passaggio di ei (< [é][ ) a oi è segnalato anche da Martha Walters-Gehrig (ivi: 80, § 7), che attribuisce questo tratto alla scripta occidentale (cf. ivi: 83).

56 A questo proposito, cf. § 2.3.d, (18). Anne-Marie Renkin considera la forma desvolot come un banale errore di trascrizione del copista. Vista la rima imperfetta con 36.2 desvoloit, non si può escludere che si tratti di un lapsus calami.

57 Martha Walters-Gehrig considera come tratti caratteristici della scripta occidentale i punti: - 7 (che corrisponde al caso analizzato supra al punto 30, ovvero la desinenza –eit per –oit alla III persona singolare dell’imperfetto indicativo); - 15 (che corrisponde al caso 23 analizzato supra); - 36 (che corrisponde al caso 29). Ad essi aggiunge con qualche riserva anche il punto 3a, che corrisponde al caso 6 analizzato supra. Al di là di qualche divergenza, già segnalata nelle pagine precedenti, direi che le conclusioni della studiosa concordano in linea generale con quelle risultanti dalla presente indagine.

58 Cf. Lunardi 2013: 169.

59 Cf. Gautier de Coinci: 376. Cf. in proposito anche Lunardi 2013: 171.

60 ostelez : veez è una rima per l’occhio, cf. Apparato, 113-114.

61 Rychner 1984: 193, § 2; Vedova consolata (D’Agostino–Lunardi): 98-101 e 138-140.

62 Cf. anche § 3.2.c.

63 Deve trattarsi di forma risalente all’originale, cf. § 3.2.c.

64 A proposito della forma enel, cf. anche Pope 19665: 285, § 719.

65 La rima ai vv. 263-263.1 deve risalire all’antigrafo di De, α, cf. § 2.3.a, (2).

66 Per il sintagma un sien mor (449), cf. Buridant 2000: 153, § 121.

67 La forma aion al v. 440 è probabilmente da attribuire all’originale, come si è detto nel § 3.2.c, n. 22. Tutti gli altri casi sono propri del solo ms. D.

68 Cf. Rychner 1984: 196-198; Azzam–Collet 2002: 81 n. 26. Cf. anche Vedova consolata (D’Agostino–Lunardi): 98-101 e 138-140.

69 Lunardi 2013: 177 «Riguardo all’unità 9, gli editori olandesi escludono una provenienza piccarda dello scriba» (cf. anche ibidem, n. 72).

70 Gossen cita anche Fouché 1966-1973: III, 232, r. iv. Cf. inoltre Lanly 20022: 174, n. 1.

71 Lunardi 2013: 177, n. 72.

72 Cf. ivi: 180 «Alison Stones afferma che la decorazione del recueil è opera di un atelier arrageois dell’inizio del XIV secolo. Le sue osservazioni offrono elementi utili alla datazione del codice, che tuttavia, secondo Terry Nixon, sarebbe piuttosto ascrivibile alla seconda metà del XIII secolo in base alle caratteristiche della scrittura e della mise en page»; cf. anche Stones 1993: 253-256 e Nixon 1993: 70.

73 Lunardi 2013: 181 «è senz’altro evidente almeno il cambio di mano che avviene alla c. 203 (all’inizio del fasc. 31), dove comincia il Fierabras; inoltre, all’inizio della sezione dedicata alla narrativa breve (c. 239, fasc. 37), il copista cambia nuovamente ed è difficile dire se si tratti di una terza mano oppure nuovamente dello scriba responsabile della prima porzione del codice (cc. 1-202). Secondo Nico van den Boogaard, infine, la sezione dei testi brevi sarebbe opera di due mani differenti (cc. 239r-254r e cc. 254v-301v)».

74 L’esito caut < CÁLET è segnalato da Lanly come tipico di piccardo e normanno (cf. Lanly 20022: 179).

75 Gos: 94, § 39; FS: 229.

76 Gos: 107, § 49.

77 Ivi: 83-85, § 28.

78 Ivi: 80-83, § 26.

79 Ivi: 61-63, § 12 e § 3.3.a, 5).

80 Ivi: 70, § 20.

81 Ivi: 89, § 34; cf. tuttavia Zink 1986: 184.

82 Gos: 88, § 33; Zink 1986: 185.

83 Gos: 89, § 34; Zink 1986: 194-195.

84 Cf. anche Zink 1986: 211 e Zink 1989: 220.

85 Cf. Thomas 1894: 245-248.

86 Cf. anche Lanly 20022: 326.

87 Gos: 59, § 11.

88 Cf. ivi: 121 (§ 63) e 154; Buridant 2000: 418, § 334.

89 Ivi: 124 (§ 92) e 417-418, § 333.

90 90 Cf. anche Gos: 61-62 (§ 12) e 124 (§ 65).

91 91 Cf. anche ivi: 125 (§ 65) e 126 (§ 67).

92 Cf. anche ivi: 103, § 44; Zink 1986: 161 e Zink 1989: 184; Lanly 20022: 213 n. 5; Buridant 2000: 269, § 216.

93 Cf. anche Zink 1989: 200, Lanly 20022: 260.

94 Cf. inoltre Gos: 94, § 39.

95 Busby 2002: I, 481; Hanna–Turville-Petre 2010: 95. Rimando in proposito anche a Lunardi 2013: 184-189.

96 Cf. ibidem e Gaggero–Lunardi 2013.

97 Stones 2010: 41.

98 Lunardi 2013: 186-187 e Hanna–Turville-Petre 2010: 97.

99 A proposito della scripta di questo copista, cf. anche Gautier le Leu: 25.

100 Per il passaggio di o + nasale ad a, cf. infra, tratto 18).

101 Faccio riferimento a Gos: 153-155; per quanto riguarda, il fenomeno 38, è piccarda la costruzione dell’imperativo seguito da me, presente nella versione della Dame escoillee, ma non annoverata da Livingston, come si è detto supra.

102 Lunardi 2013: 194.

103 Giannini 2013: 12, n. 4.

104 A questo proposito, cf. § 3.2.c, n. 27.

105 Cf. n. precedente.

106 Al v. 65 solaus è lezione autentica (cf. § 3.2.c).

107 La forma doint è comune alla maggioranza dei testimoni; cf. §§ 3.3.a, 22) e 3.3.c, 15).

108 La dissimilazione ff > sf si registra anche nel caso del verbo affi (per cui è attestata al v. 512 la forma asfi).

109 Per il sintagma .i. sien mor, cf. § 3.3.b, 29).

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search