Version classiqueVersion mobile

La Virago Evirata

 | 
Serena Lunardi

Avvertenza

Texte intégral

  • 1 Il Nouveau Recueil sarà d’ora in poi citato con la sigla NRCF. Per l’impostazione generale e la met (...)
  • 2 Recueil général et complet des fabliaux (Montaiglon–Raynaud).

1Il monumentale Nouveau Recueil Complet des Fabliaux (NRCF), pubblicato in dieci volumi fra il 1983 e il 1998, costituisce attualmente uno strumento fondamentale e imprescindibile per lo studio dei fabliaux: per ciascun testo, l’opera offre in sinossi le edizioni interpretative di tutti i manoscritti, un corredo di osservazioni puntuali sulla loro datazione e localizzazione, notizie sugli autori, nonché un’edizione critica accompagnata da un apparato di note esegetiche e da una bibliografia specifica.1 L’impresa guidata da Willem Noomen e Nico van den Boogaard ha permesso di fare il punto sulle ricerche condotte nell’arco di un secolo e di aggiornare notevolmente la conoscenza di questo importante settore della narrativa breve antico-francese, definitivamente superando la precedente edizione completa del corpus, pubblicata fra il 1872 e il 1890 da Anatole de Montaiglon e Gaston Raynaud.2

2Si può dire tuttavia che il NRCF costituisce non tanto il punto di arrivo, quanto un fondamentale punto di partenza per le piú recenti ricerche sui fabliaux: infatti la critica ha accolto con generale favore la meritoria impresa, ma ha fin da subito messo in evidenza l’esistenza di punti ancora oscuri, rimasti pressoché inesplorati anche nell’ambito della ricerca a tutto campo condotta dall’équipe olandese. Tali mancanze possono imputarsi all’impianto stesso del recueil, caro alla tradizione ottocentesca, che ha senz’altro la grande utilità di riunire e mettere a disposizione un’imponente messe di materiali, ma che tende per sua natura a livellare ed eliminare le specificità dei singoli racconti e delle singole tradizioni testuali.

  • 3 Rinvio in proposito a Lunardi 2013.

3Le riserve degli studiosi a questo proposito riguardano in particolare la mancanza di un esame complessivo delle fonti manoscritte che tramandano i fabliaux: ciò impedisce di fatto la raccolta di dati importanti sulla ricezione dei testi e sul loro inquadramento nell’ambito del sistema letterario medievale;3 inoltre, gli editori olandesi tralasciano di affrontare lo studio approfondito delle fonti, del nucleo narrativo e della fortuna di ciascun fabliau, elementi fondamentali per inquadrare il testo in prospettiva diacronica e per metterne in luce le qualità letterarie e i risvolti ideologici.

  • 4 Noomen e van den Boogaard spiegano così i criteri seguiti per l’impostazione dell’edizione: «S’il n (...)
  • 5 Si vedano ad esempio le ricerche condotte da Jean Rychner nella sua fondamentale Contribution à l’é (...)

4Qualche perplessità suscita anche la scelta degli editori di basare la ricostruzione del testo critico sul criterio del bon manuscrit. L’équipe olandese si pone in verità nel solco di una lunga tradizione di studi, che ha finito per escludere a priori la possibilità di applicare i metodi tradizionali della critica del testo ai fabliaux, in ragione della loro costitutiva mouvance e delle loro insondabili implicazioni con l’oralità. Tuttavia, nel caso di tradizioni pluritestimoniali la scelta del manoscritto base può rivelarsi pericolosamente arbitraria, soprattutto quando non si fonda sulla classificazione delle varianti e sulla selezione delle versioni in base a criteri solidi e univoci.4 Inoltre, lo studioso rinuncia in questo modo a uno degli strumenti piú efficaci per la comprensione del testo e della sua trasmissione: proprio la classificazione delle versioni in base al metodo degli errori comuni ha infatti permesso in molti casi di sondare le dinamiche profonde della trasmissione testuale, di ricavare elementi imprescindibili per la comprensione del singolo fabliau e del corpus nel suo complesso.5

  • 6 Quattro fabliaux (Tavani): 10.
  • 7 Ibid. Cf. anche Rossi 1979: 11.

5La critica infine ha messo in dubbio piú volte l’esistenza stessa di un “genere” fabliau, data l’eterogeneità e la «fluidità terminologica e definitoria»6 che si manifesta nei racconti inclusi nell’inventario stilato da Noomen e van den Boogaard e ha sottolineato la necessità di indirizzare le ricerche sullo studio dei singoli racconti, nell’intento di chiarire meglio le dinamiche proprie di ciascuna tradizione e di superare «l’equivoco di fondo di volere a tutti i costi raccogliere in un corpus indifferenziato una congerie di testi che al contrario si presentano – ad una analisi meno superficiale – articolati in una pluralità estremamente variegata di gruppi, sottogruppi, gruppetti e gruppuscoli».7

  • 8 Bédier 1925: 30.

6Raccogliendo questo auspicio, ho scelto di concentrare l’attenzione sul fabliau della Dame escoillee (NRCF 83), che è particolarmente meritevole di approfondimento sia per le peculiarità che lo contraddistinguono nell’ambito del corpus (è forse uno dei fabliaux piú refrattari a essere definiti con la celebre etichetta bedieriana di «conte à rire en vers»,8 ancora oggi abusata dagli studi in materia, nonostante i molti distinguo avanzati dagli specialisti), sia per la tradizione manoscritta particolarmente nutrita che lo tramanda (sei testimoni, contro la media di uno o due che caratterizza la stragrande maggioranza dei fabliaux).

  • 9 Per una rassegna bibliografica aggiornata sul fabliau, cf. Cobby 2009.

7La “Virago evirata” è un racconto anonimo composto nel nord della Francia intorno alla metà del Duecento: l’autore offre una versione per molti aspetti originale della celeberrima “Bisbetica domata”, un nucleo narrativo assai prolifico nella letteratura e nel folclore, dal quale trae spunto anche la nota commedia di William Shakespeare, The Taming of the Shrew. Il capitolo 1 dello Studio introduttivo ripercorre le peregrinazioni di questo fortunato motivo nella letteratura europea, con particolare riferimento all’area dell’Europa occidentale e al periodo medievale: l’analisi delle peculiarità che il fabliau esibisce rispetto alle restanti realizzazioni permette di fare luce da un lato sulle strategie narrative messe in atto dal suo autore, dall’altro sugli intenti ideologici sottesi al racconto. Sebbene non siano da esagerare le qualità letterarie della Dame escoillee, è comunque utile prenderne in esame struttura e dinamiche interne per evitare la riduttiva lettura che spesso se ne è fatta e che ha appiattito il racconto sulla dimensione brutale e oscena che pure indubbiamente lo caratterizza. Si cercherà invece di far emergere la sostanziale armonia che traspare dall’architettura della narrazione, spesso costellata di spunti parodici e di richiami – anche polemici – alla tradizione letteraria coeva, in particolare di matrice romanzesca e cortese.9

8Il secondo capitolo è dedicato all’esame del testo, delle varianti che di esso tramandano i sei testimoni giunti a noi, alla classificazione della varia lectio, sulla quale poggia la scelta dei criteri editoriali. Poiché il NRCF offre la sinossi dei sei testimoni, si è optato per una disposizione piú tradizionale del Testo critico, seguito da un Apparato misto, dal Regesto delle varianti grafico-fonetiche, dalle Note di commento e da un Glossario selettivo. A fronte del testo critico si è predisposta la traduzione in italiano: essa si propone esclusivamente come strumento al servizio dell’interpretazione e della valutazione delle scelte fatte in sede di edizione e cerca perciò, nei limiti del possibile, di mantenersi fedele al testo antico-francese.

 

9Il presente lavoro è il frutto delle ricerche condotte durante l’elaborazione della mia tesi di dottorato: Serena Lunardi, Il fabliau della Dame escoillee. Studio introduttivo, testo critico e note, Scuola di Dottorato europea in Filologia romanza, XXI ciclo. I capitoli 1 e 2 dello Studio introduttivo inoltre riprendono e in parte rielaborano le osservazioni già pubblicate in Lunardi 2010 e 2013, ma non sostituiscono i saggi citati: il primo contributo è dedicato all’analisi del motivo della “bisbetica domata” e in particolare dei rapporti che legano il fabliau a uno Scwankmäre coevo; il secondo invece è incentrato su un’analisi complessiva dei sei manoscritti che tramandano il racconto antico-francese, con attenzione al contesto in cui esso si trova inserito in ogni testimone, alle circostanze di fabbricazione, agli elementi di datazione e localizzazione. In questa sede, verranno ripresi solo sinteticamente i risultati dei due studi, ma si rimanda alla loro lettura per ogni eventuale approfondimento.

10Mi sia consentito ringraziare i Proff. Alfonso D’Agostino e Philippe Ménard per i preziosi suggerimenti e la supervisione attenta e disponibile in tutte le fasi di elaborazione dell’indagine. Un ringraziamento speciale va alla memoria di due maestri purtroppo scomparsi: il Prof. Giovanni Orlandi, a cui sono debitrice di molte indicazioni, in particolare in merito allo studio dei rapporti tra il fabliau e la Lidia di Arnolfo d’Orléans; il Prof. Michelangelo Picone, che ha seguito con interesse la preparazione della tesi e mi ha fornito importanti consigli e spunti di riflessione. Qualsiasi imprecisione, inesattezza o errore è ovviamente da attribuire esclusivamente alla responsabilità dell’autore.

Notes

1 Il Nouveau Recueil sarà d’ora in poi citato con la sigla NRCF. Per l’impostazione generale e la metodologia seguita dagli editori, si vedano van den Boogaard 1977 e 1978, Noomen 1981, NRCF: I, ix-xiv.

2 Recueil général et complet des fabliaux (Montaiglon–Raynaud).

3 Rinvio in proposito a Lunardi 2013.

4 Noomen e van den Boogaard spiegano così i criteri seguiti per l’impostazione dell’edizione: «S’il ne s’agit pas d’un témoin unique […], nous avons choisi celui des textes qui nous paraissait donner la meilleure idée des qualités spécifiques du fabliau en question […]. En effet, nous avons voulu éviter que l’édition n’aboutisse à un ensemble de lectiones superiores […]. Si le manuscrit de base offrait une leçon acceptable, nous nous sommes en général abstenus de la remplacer par celle d’un concurrent, même si nous jugions cette dernière plus attrayante. […] Dans le commentaire critique, chacun des lieux variants a été traité comme un cas individuel: dans la mésure du possible, nous avons évité que les différents jugements n’interfèrent» (NRCF: VIII, 10); di conseguenza, gli editori affermano di essersi astenuti dalla ricostruzione dei rapporti genealogici tra le versioni, operazione di cui sottolineano il carattere aleatorio.

5 Si vedano ad esempio le ricerche condotte da Jean Rychner nella sua fondamentale Contribution à l’étude des fabliaux (Rychner 1960); cf. inoltre i piú recenti contributi di Alfonso D’Agostino: 1995, 2002, Vedova consolata (D’Agostino). Alberto Varvaro sottolinea che – sebbene gli originali restino in larga parte inaccessibili – lo studioso è comunque tenuto a provare tutti i mezzi possibili per ricostruire il rapporto storico (filologico e letterario) che lega i diversi testimoni giunti a noi: «En premier lieu, l’étude de la personnalité littéraire de chaque copie […] n’exclut en rien l’étude de la concatenation historique de l’ensemble des copies, elle en constitue même la base indispensable. En second lieu, elle permet réellement de construire une histoire de la tradition textuelle […], sans laquelle il démeurera toujours impossible de savoir si l’on peut licitement dire quelque chose de ses origines» (Varvaro 2001: 63-65).

6 Quattro fabliaux (Tavani): 10.

7 Ibid. Cf. anche Rossi 1979: 11.

8 Bédier 1925: 30.

9 Per una rassegna bibliografica aggiornata sul fabliau, cf. Cobby 2009.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search