Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La Guerra di Troia in Ottava Rima

 | 
Dario Mantovani

Testo

Cantare IV

Texte intégral

  • 1 La serie delle rime in sede A è dantesca, da Pg XXVI, 95-9; cosí come nell’ottava II è riu-tilizzat (...)
  • 2 La ripetizione del verbo spirare, come nota Carbonaro 1991: 358, indica che la facoltà di proporre (...)
  • 3 avene è forma scempiata, e senza dittongamento, della III persona dell’indicativo di avveni-re; per (...)
  • 4 La consistenza del testo è variabile: M è mancante delle prime 12 ottave, fatta eccezione per due f (...)

Oh glorïosa e pura e santa Madre1 I
del tuo figliuolo beato, re di gloria,
per quella grazia che ti spirò il Padre2
nel petto mïo spira mia mimoria
di rime graziosisime e legiadre,
colle qual io adorni questa istoria,
col proferire a modo sí piatoso
come s’avene a afar sí doloroso.3
Mss.: M (base), L, F, P, R, S.4

I om. M. I.2 del tuo figliuolo beato, re di gloria (+1)] de lo teo figlio P (+1). I.4 nel petto mïo spira mia mimoria] nel pecto tuo spira mia mimoria L, in de lo pecto mia spira mia memoria P (+1), nel mio petto espiri la memoria R, nel mio pecto spiri com memoria S. I.5 di rime graziosisime e legiadre] de rime gratiose e legiadre F, de dire gratiose et cose lizatre P, di buone rime gratiose e leggiadre R, di rime gratiose e legiadre S. I.7 col proferire a modo sí piatoso] della piatosa morte di Ettorre barone R (+2), della p. m. del barone S. I.8 come s’avene afar sí doloroso] come save ne afar sidoloso L (-1), quanto rechiede laffar si doloroso F, quanto che chiede l’affar si doloroso P, che fu inarme sí buono chompagnione R, che innarme non ebe may chompagnione S.

  • 5 La serie di rime è di If IV, 35-39.
  • 6 Qui con valore avverbiale, “abbondantemente esperto”, cf. TLIO, s.v. copioso, 3.

Oh sire Ector, Ector, quanto dolore II
ricasti in Troia pur di te medesimo,
però ch’un corpo di tanto valore
non nacque mai inanzi al cristianesimo!
Signor, di questo non prendete erore,
ché se Ector avese avuto batesimo5
egli avanzava ogni cor valoroso,
tanto fu ’n arme sperto copïoso!6

II om. M. II.1 Oh sire Ector, Ector, quanto dolore] o sire ector ector con quanto dolore L (+1), o hector hector de quanto dolore F, Ector Ector de quanto dolore P (-1), Ettorre Ettorre de quanto dolore R, o forte hectorre con quanto dolore S. II.2 ricasti] arrecasti P; pur di te] solo de te F (+1), per te P. II.4 non nacque mai inanzi al cristianesimo] non fo al mondo innançi cristianesmo F, non fo al mondo innanzi a lo cristianesimo P, non fu al mondo inançi al cristianesimo R, non fu veduto per lo cristianesimo S. II.5 Signor, di questo] de quisto gente F, de questo gente P, o buona giente RS. II.6 ché se Ector avese avuto batesimo] che se avuto avesse hector batismo F, che se abuto avesse Ector lo baptismo P, che se Ettorre avesse auto el battesimo R, che Ettorre avesse auto el battesimo S. II.7 cor] huomo R. II.8 tanto fu ’n arme sperto copïoso] tanto in virtú fo sperto e gratioso F, tanto in arme fo sperto et potentoso P, tanto fu in arme pressto e poteroso R, tanto era innarme forte et poteroso S.

  • 7 TS IX.43: Virgilio parla ben de questa parte | de questo forte reprendendo Achille | dicendo: «Achi (...)
  • 8 Forma di imprecazione poco attestata e, come suggerisce il GDLI, piú tipica della lingua meridional (...)
  • 9 Minimo intervento: tue di L è scorretto, probabilmente per confusione paleografica; due (“dove”) è (...)

Dice Vergilio qui in alcuna parte7 III
di questa istoria, riprendendo Acchille:
«Acchille, Acchille! Malaggia8 quell’arte
che t’insegnò Chirone in quele ville,
due9 istudiasti ed adorasti Marte,
e la tua madre è sire delle Sibille!
E ’l malizioso colpo di gran pondo
uccise il fior de’ cavalier del mondo!»

III om. MS. III.1 Dice] diciendo L (+1). III.2 di] in R. III.3 Malaggia quell’arte] malannaggia quilarte F, malanagia quelle arte P, malanaggi larte R. III.4 Chirone] gironda L. III.5 due] tue L, dove FP, ove R. III.6 e lla tua madre è sire delle Sibille (+1)]; è] fo FP, fu R. III.7 E ’l malizioso] et lo malvaso P, che tinsegnio el R; di] del R. III.8 uccise il fior de’ cavalier del mondo] accise lo fiore de li caualieri delo mondo P (+4), che uccidesti elfiore dechavalieri delmondo R (+3); cavalieri F (+1).

  • 10 Ceffi: 229: Poiché fue morto Hettore, e recato il suo corpo nella cittade di Troia, grandissimo pia (...)
  • 11 Ho corretto l’erronea indicazione del ms. L, che reca 1/2 in luogo di terzo (che trovo correttament (...)
  • 12 In M la scrizione è leggibile su un’unica parte di carta superstite alla caduta, dove com-paiono (l (...)

E morto Ectore10 fu ricato in Troia, IV
secondo che nel terzo11 cantar disi;
e ’ citadini posaro con gran noia
tutta la note dolorosi e tristi;
e sopra lui stridendo – par che muoia –
è ’l valoroso cavalieri Parissi:
e’ diceva, gridando con romore,
«Chi mi t’à morto, fratel mio12 e signore?»

IV 1-7 om. M. IV.1 E] or F, ora e P, poi R; fu] et fo P (+1); Troia] trogya P. IV.2 secondo che nel terzo cantar disi] sechondo che nell 1/2 chantar disi L, si come elvero inprosa disse F, si como e lo vero in prosa dixy P, come nelterço chantare io vidissi R, sichondo che in questo cantare dissi S. IV.3 e ’ citadini posaro con gran noia (+1); posaro] pasar F, passar P, posarono R (+1), passaro S; con gran noia] conveni in nogia P (+1). IV.4 tutta la note dolorosi e tristi] la nocte condolore ei piante afissi F, la nocte con dolore con planti affisse P (+1), et quella notte elpianto grande fessi R, imquella nocte di gram pianti affissi S. IV.5 e sopra lui stridendo] masopra tucti piangie S; estridendo R, gridando FP. IV.6 è ’l valoroso cavalieri Parissi (+1)] el valoroso chavalieri paris L, piangendo stava lobaron paris FP, gridando estava lobarone parissi R (+1), forte gridando quel barone parissi S. IV.7 e’ diceva, gridando con romore] esidicea stridendo didolore F, et si dicea stridendo con grande dolore P (+2), et dicieva stridendo chondolore R, diciendo congran pianto e condolore S. IV.8 morto] tolto R; fratel mio e signore] fratello e s. L, fratello emi segnore F (+1), fratello e signiore L, frate et meo segniore P.

  • 13 Cf. TLIO, s.v. divellere: il verbo può valere tanto “dilaniare” (1.1), quanto “uccidere” (1.2.1).
  • 14 Possibile restauro della res metrica eliminando già, o mutando figliuoli in figli. O ancora, non im (...)
  • 15 Anche qui, l’ortometria non può essere eliminata per semplice sottrazione, ma richiede una sostituz (...)

Nel doloroso pianto dice quelli: V
«Ch’à’ fatto, Achille, al sangue troiano
che tu cusí crudelmente divelli,13
e tre figliuoli ha’ già morti a·re Priamo?»14
E stracciandos’i suoi biondi capelli
e’ percoteasi il viso colla mano,
e piange forte e del pianto infinito
cadde sopra ’l corpo d’Ector tramortito.15

  • 16 Anche qui, l’ottava di M si legge su un frammento di carta superstite alla caduta, cf. la nota a IV (...)

V om. L. V.1 Nel doloroso] […]16doloroso M; dice quelli] dicea quelli FP, dicie achille RS. V.2 Ch’à’ fatto, Achille, al sangue troiano] chafacto achille alsangue troi[…] M, che ta facto acchille lo sangio troiano P (+1), orche tafatto losangue dardano R, orche tafacto losanghue troyano S; del sangue F. V.3 che tu cusí crudelmente divelli] che tusi crudele mente le divelli F (+1), che tu crudele meti li divilly P, chetu si crudele mente glidiville R, che tanto crudelmente lo disville S. V.4 e tre figliuoli ha’ già morti a·re Priamo (+1)] om. già FPRS; a·re] a lo re P (+1); Priamo] p[…] M. V.5 stracciandos’i] stracciavasi F. V.6 e’ percoteasi il viso] epercotiese F, et percotendose lo viso P (+2), elviso perchotiesi R, etbactendosi S. V.7 e piange forte e del pianto] et plangendo forte de lo planto P (+2), conpianto sença numero RS; piange] pianghon F; infinito] infinit[…] M. V.8 cadde sopra ’l corpo d’Ector tramortito (+1); cadde sopra ’l corpo] cadde sul (insul R) c. FRS, cadendo sopra lo corpo P (+3).

  • 17 Eco dantesca, cf. Pg II, 55-57: Da tutte parti saettava il giorno | lo sol, ch’avea con le saette c (...)

Era già ’l sole ne l’oriente acceso VI
e d’ogni parte il giorno saettava,17
e ’l popolo era al pianto tanto acceso,
del pianto loro per l’aria risonava.
Paris stava sopra Hector disteso,
per morto quasi, e niuno i·levava;
e ’ sacerdoti e preti di lor templi
parien piangendo di dolore scempi.

VI.1 Era già] gia era RS. VI.2 saettava] sciarava P, sagiectava S. VI.3 e ’l popolo era al pianto tanto acceso] el popolo era allpianto siacceso L, et lo popolo era a lo planto tanto acceso P (+2), elpopolo era tutto alpianto atteso R, tanto era ilpopulo digran pianto affiso S; acceso] ateso F. VI.4 del pianto loro per l’aria risonava (+1)] legrida loro allaria lansonava L, del pianto loro perlaire resonava F (+1), et lo planto loro per layro resonava P (+2), chelpianto loro nellaria rintronava R, chelpianto loro perlaire rinsonava S. VI.5 Paris stava sopra Hector disteso] era paris insolchorpo disteso L, paris estava sopra ettorre disteso R (+1), paris sistava sopra hectorre disteso S (+1). VI.6 per morto quasi] quasi per morto LS; e niuno i·levava] ongiun illevava L, eniuno ellevava F, et niuno lo levava P (+1), enonsi rilevava RS. VI.7 e’ sacerdoti e preti di lor templi] esacerd[……]lor templi M, li sacerdoti epreite dei loro tempie F (+1), li sacerdoti loro et prite de li templi P (+1), epreti esacierdoti deloro tempi R, et preti e sacerdoti diloro templi S; templi] tempi L. VI.8 parien piangendo di dolore sciempi] par[……]olore[……] M, presero (pigliaro S) paris con dolorosi esempri RS; parien] pare P; sciempi] stempi F.

  • 18 La lezione di L rubesto (“energico, vigoroso”, GDLI) è da respingere perché non rispetta la res rim (...)
  • 19 L’azione di Priamo di stracciarsi le vesti e di piangere è compiuta, nella fonte, dai perso-naggi d (...)

In’era i·re Prïamo adolorato, VII
chiamando Ector, d’i Troiani specchio,
dicendo: «Figliuolo mio, due hai lasciato
la madre trista col tuo padre vecchio?»
E ’l viso suo era tuto grafiato,
piú si voltava che ’n mulino rubecchio18
e stracciavasi i ricchi vestimenti
e tutti li reali adornamenti.19

VII om. M. VII.1 In’era] quivi era FR, qua era P, qui era S. VII.2 chiamando Ector, d’i Troiani specchio] chiama ector de trogia pregio P; Ector] ettorre RS. VII.3 diciendo: «Figliuolo mio, due hai lasciato (+1); figliuolo] figliuol FS, filgio P; due hai] dove may P, come S. VII.4 trista col] trista colo P (+1), affritta con R, trista e S. VII.5 E ’l viso suo era tuto grafiato] volgea elviso tucto traficto F, bactease lo viso et tucto e sfegurato P (+1), aveva loviso suo tutto graffichato R (+2), volgieva elviso suo tucto graffiato S. VII.6 piú si voltava che ’n mulino rubecchio (+1)] spesso se volta ma pur alospecchio F, spesso se volta ma pure a lo spregio P, piu espesso chenon fa mulino rubecchio R (+1), piu spesso nonfa elmulino rubecchio S; rubecchio] rubesto L. VII.7 stracciavasi] staczandose P, stracciandosi RS. VII.8 e tutti] chontucti S.

  • 20 Per estensione, è la “cerchia delle mura”, cf. TLIO, s.v. chiostro, 5.1.
  • 21 “provare intima agitazione, resa manifesta da tremori”, cf. TLIO, s.v. fremire, 2.

E dice al popolo: «Dov’è Ector nostro? VIII
Dov’è la forza, du’è il grande ardire?
Or du’è il valoroso campion nostro
che tanti Greci ha già fatto morire?
Chi ci difenderà fuori dal chiostro?»20
In questo il popol cominciò a fremire,21
e cominciar sí doloroso pianto
che tuto il mondo ne pareva affranto.

VIII om. M. VIII.1 al popolo] ad lo populo P (+1); dov’è] oyme S; Ector] hectorre RS (+1); nostro] vostro R. VIII.3 Or] om. FPRS; du’è il valoroso campion] dove (add. e FS) el valoroso c. FRS. dove e el valoroso campione FS, dove lo valoroso campion P, dove elvaloroso champione R. VIII.4 che tanti Greci ha già fatto morire] che facto greci già tanti morire F, che ane facty grecy morire P (-1); ha già] avia S. VIII.5 fuori dal chiostro] dentro dallchiostro L, de fuore del chiostro F (+1), de fore et de lo ingiostro P (+2), di fuore dal chiostro R (+1), fuore del nostro chiostro S (+2). VIII.6 il popol] elpopolo FRS (+1), lo popolo P (+2); cominciò] comenza P; fremire] languire R, stradire S. VIII.7 e cominciar sí doloroso pianto] con uno tuono siforte de pianto FP, piangiendo forte con quello pianto intanto R (+1), choruno rimore disifacto pianto S (+1); cominciar] cominciarono L (+2). VIII.8 il mondo] lo mondo P (+1); ne] li FS, ge P; affranto] afianto F, infranto P.

  • 22 Il testo, in L corretto metricamente, presenta una stortura della sintassi per la presenza di a: co (...)
  • 23 Vale “scapigliate” (GDLI, s.v. scapellato).

Chi non sarebe di dolor confuse IX
vegendo genti di tante ragioni
pianger dolenti, come al mondo è uso,
giovane e vecchie, e pulzelle e garzoni,
stracciandosi lor panni insino giuso
indossi e’ re, conti e gran baroni.22
Finestre e porte in Troia eran serrate,
le donne e le pulzelle scapellate.23

IX om. M. IX.1 sarebe] serea P; dolor] dolore FPRS (+1). IX.2 vegiendo] vedendo FPRS; genti] pianti R. IX.3 pianger dolenti, come al mondo è uso] piangere dolente piu chalmoderno uso F (+1), plangere plu che lo moderno uso P, pianghono dolenti e piccholini disuso R (+2), pianghono dolenti piccholini diviso S (+2). IX.4 giovane e vecchie] grandi vecchi R; pulzelle] donzelle P. IX.5 stracciandosi lor panni insino giuso] graffiatesi eivisi estracciatesin giuso F (+1), traficati li visi et straczandose iuso P (+2), graffichano elviso estracciando allongiuso R (+1), graffiando elviso e stracciando fin giuso S. IX.6 indossi e’ re, conti e gran baroni] li drappi indosso ai re concti ebaroni F, li drappi indosso re et cuncti baroni P, edrappi indosso arre conti ebaroni R, idrappi indosso re comti e barone S; e’] a L. IX.7 in] di RS; eran] stan F, erano R. IX.8 le donne e le pulzelle] ele pulçelle e donne F, et le donne e le polzelle P (+1), ledonne elle donçelle R, pulçelle e donne tucte S.

  • 24 Dolore “crudele” (TLIO, s.v. alpestro, 1.2.3.1); la forma alpresto è metatetica, cf. supra, no-ta a (...)
  • 25 La lettura di L, mufaccio, è certamente erronea e rivela con ogni probabilità il guasto della lezio (...)

1Troiolo li era dal lato sinestro X
e sotto el collo gli teneva il braccio,
forte piangendo con dolore alpresto,24
ed era fredo come in tera ghiaccio.
E ’l viso percotevasi col destro
chiamando Ector, dicendo: «Come faccio?25
Ove sè tu, dolce fratello e sire?»
E baciavalo con pianto e con suspire.

X om. M X.1 Troiolo li era dal lato sinestro (+1); li era] si stava F (+1), stava PS, estava R; dal] da lo P (+1). X.3 forte piangendo con dolore alpresto] piangendo sentia dolor alpresto F, plangendo de dilore se sentea alopresto P (+2), bene che sentiva didolore alpesstro R (+1). X.4 ed era fredo come in tera ghiaccio] e cor freddo li sefacea piú che ghiaccio F (+1), et lo core avea plu fredo che glaczo P, che cosi sistruggieva chome fa elghiaccio R (+1), alchore ligionse freddo piu che ghiaccio S (+1). X.5 E ’l viso percotevasi col destro] et lo viso percotendose colo braczo destro P (+4); percotevasi col] percotease collo F, percotiesi colaman S (+1). X.6 chiamando Ector, dicendo: «Come faccio] chiamando ector diciendo mufaccio L, chiamava hector dicea come faccio F, chiamando ector dicea como faczo P, chiamando ettorre dicie or come faccio R, chiamando hectorre dicendo che faccio S. X.7 Ove sè tu, dolce fratello e sire?] diteme caro fratello signore e scire F (+2), oime caro fratello et sengior et sire P (+1), dite fratello mio signiore esire R, dicendo fratelmio signiore e sire S. X.8 E baciavalo con pianto e con suspire (+1)] baciandolo conpianti e chonsospire R, luy abracciando con doglia e sospire S; con suspire] con add. grandi P (+3).

  • 26 Verosimilmente, al plurale, come talvolta attestato nel corpus OVI.
  • 27 Verso credo irrimediabilmente ipometro, che cosí come si presenta può essere aggiusta-to solo attra (...)

E gli viniva infinita gente XI
asai re, duca26 e gran baroni,27
ciascun piangendo dolorosamente
co’ molti ispaventevoli sermoni;
sopra tutti diceva Enea sovente:
«Caro cognato, come m’abandoni?
Seguito da’ Troiani lume e onore,
dove mi lasi, caro mio signore?»

XI om. M. XI.1 E gli viniva] derieto livenia F, direto ge venia P, et dietro allui era R, dirieto allui era S. XI.2 asai re, duca e gran baroni (-1)] con assai re duci concti e barone F, con assay ry cuncty et baruni P, con assai re chonti egram baroni R, re duchi prencipi e baroni S (-1). XI.3 ciascun piangendo] ciasscuno piangea F, zasca uno plangea P, ciasschuno piangendo RS (+1). XI.4 ispaventevoli sermoni] spaventevolli dolore F, spaventi de dolore P, spaventaculi sermoni S. XI.5 sopra tutti diceva Enea] ma sopra tucti enea dicea FP, et sopra atutti enea dicieva R (+1), et sopra tucti dicea enea S. XI.6 cognato, come m’abandoni] congionto dove ciabandoni F, cunato dove ze abanduni P, chogniato dove mabandoni RS. XI.7 seguito da’ Troiani lume e onore] o securta de troya lume ehonore F, o securtate de trogia et lo meo honore P (+1), sichurta di troia lume eonore R, che sichurita eri e davi onore S. XI.8 mi lasi] celassi F, ze lassi P; caro mio] caro nostro P (+1), chogniato e R, dolce mio S.

  • 28 Letteralmente è “ciò che è donato” (cf. TLIO, s.v. donaggio); se consideriamo che uno dei significa (...)
  • 29 Cf. supra, nota a III.47.6.
  • 30 Forma dissimilata per “ritroso”, vale semplicemente “dietro”, seguivano cioè il feretro.

E portarollo treciento cavalieri: XII
cosí di quel donaggio28 era coverto
intorno a sé avie mille dopieri,29
ciascuno acceso, abiate per lo cierto!
E ’nanzi a sé trecento buon destrieri,
dell’arme del baron ognun coverto,
e trecento armadure e tanti scudi
gieno a litroso30 co’ sospir sí crudi.

XII om. M. XII.1 E portarollo trecento cavalieri (+1)] eportallo F, et portavalo P (+1), portarlo S. XII.2 cosí di quel donaggio era coverto] eposallo ben tucto deschoperto F, et pusselo ben tucto descoperto P, portarollo tutto quanto dischuperto R (+1), posarlo imterra tucto dischoperto S. XII.3 intorno a sé] dirieto alui FP, dinançi allui RS; avie] venia S. XII.4 ciascuno acceso] acesi e quisto FPRS. XII.5 E ’nanzi a sé trecento buon] erano trecento gran F (-1), et era trecento grandi P, et ancho vaveva treciento buoni R (+3), et veramente trecento S. XII.6 dell’arme del baron ognun coverto] de larme de li baruni zasca uno coperto P (+3); baron ongiun] baron ciascun F, barone ciasschuno RS (+2). XII.7 e trecento] om. e FP; e tanti] con tanty P, con belli S. XII.8 gieno] vanno S; co’ sospir sí crudi] co sospiri c. FPRS.

  • 31 Sorta di “stoffa” molto pregiata (stoffa di “fiandra”, che prende il nome dalla città di Douais, do (...)
  • 32 Qui può valere anche, per estensione, “pregiato, di ottima fattura” (GDLI, s.v. alessandrino).
  • 33 La fonte del lamento per la morte di Ettore è perlopiú Binduccio che, come notato in Mantovani 2013 (...)
  • 34 “sofferenza”: TLIO, s.v. disagio, 1.

Già dichinava tersa la mattina XIII
quando Hector fu messo in un doagio31
vestito di porpora alessandrina,32
e posto a’ piè dello real palagio:
dove piange l’angosciosa reina33
con mille donne piene di disagio,34
con atto di dolor, vestite a nero,
scapigliate con dolore intero.

[A] XIII.7: con atto di piatà, vestite a nero

XIII.1 la mattina] allamattina L. XIII.2 Hector] ettorre R, hectorre S. XIII.3 vestito di porpora alessandrina] vestito duna porpora alesandrina L (+1), vestito adrappi e porpora alençandrina FP (+1), chuperto tutto di porpora alessandrina R (+2), diporpore vestito alessandrina S. XIII.4 a’ piè dello real] apie del real L, ad pedi de lo riale P (+3), apiei dello reale R (+1), appie del suo reale S (+1). XIII.5 piange] piangea FS, plangia P, piangeva R; l’angosciosa] lango soa P, echuba R, ladolente S. XIII.6 mille] molte S; piene] pien L (-1).XIII.7 con atto di dolor] chonacto dipiata L, congniate delo re S; dolor] dolore FPR (+1). XIII.8 scapigliate con] eschapelgliate con LR, et tucte plangendo con P (+1), scapegliate tucte di S (+1).

  • 35 Da intendere come variante di acozzato o accozzato, “unito” (cf. TLIO, s.v. accozzato, 2), con il c (...)
  • 36 “sei volte tanto”; la lezione di M, certamente non molto chiara, si comprende dall’osservazione del (...)
  • 37 per l’aria di L sembra inautentico, laddove la varia lectio è concorde su are/aire, che con-serva l (...)

Or’è acossato35 l’uno e l’altro pianto XIV
delle donne, e le grida de’ signori.
Se ’l ciel foss’alto ancor ben se’36 cotanto
e ’ guai essuti la metà menori,
sí si doveano udir da ogni canto
le loro spaventevoli dolori:
però che ne temeano l’ucce’ per l’are37
e ’ pesci che notavan per lo mare.

[A] XIV.7: che ne tremavan gli uccelli per l’are

XIV.1 Or’è acossato] ore agunto L, ora aconciato FP, orraunato R, ora adunato S. XIV.2 delle donne, e le grida] delle donne e quello L, deledonne lestrida F, de le donne che stridea P, ledonne cholle estrida R, ledonne conistrita S; de’ signori] de li sengiuri P (+1). XIV.3 Se ’l ciel foss’alto ancor ben se’ cotanto] che sell cielo fuse alto duo chotanto L, sel cielo fosse alto ancor ben seitanto F, se lo celo fosse altre tanto alto P, selcielo fusse estato due cotanto R, etselcielo fusse alto due chotamto S. XIV.4 e ’ guai essuti la metà menori] sudieno il pianto se fuser minori L, eiguai usciti lametia menori F, tanto era lo grido et tanto e lo remore P (+1), eguai fussero la meta menori R, dighuay strida e lamenti minori S. XIV.5 sí si doveano udir da ogni canto] levocie loro sudieno daongni canto L (+1), sisse vedeno udir da ogni lato F, chesse pote audire da omne lato P, sisidoveva udire inalchuno canto R (+1), sedovarieno udire daongni canto S. XIV.6 le loro spaventevoli dolori] lo loro planto et lo loro grande dolore P (+2); dolori] sermoni L. XIV.7 però che ne temeano l’ucce’ per l’are (+1)] chennetremava gliucielli dellaria L, pero che netremaron lugelli perlare F (+2), pero che tremava licelli che gea per l’aire P (+3), pero che enetremavano gliucielli perlaiere R (+4), advegnia che tremasse gliuciel perlayre S (+1). XIV.8 e ’ pesci che notavan per lo mare] et li pisci che notavano per lo mare P (+2); notavan per lo mare] notavano per lo mare LS (+1), notavano per mare FR.

  • 38 Binduccio (Gozzi): 356: Bello mio figliuolo, parlate a me, ch’io non credo niente che voi siate mor (...)
  • 39 Dall’osservazione della varia lectio di L, si nota, a conferma della tendenza dei copisti di cantar (...)
  • 40 Ho accolto a testo la proposta di tutta la tradizione contro M, che presenta una lezione sintattica (...)

Quivi basciava Ecuba il viso e ’l ciglio XV
al suo caro figliuol che giace morto.
Di sangue si facea ’l viso vermiglio
dicendo: «Morte, tu m’hai fatto torto!»,
chiamandolo per nome, e dicea: «Figlio!38
Non mi rispondi tu,39 bel giglio40 d’orto?
Io sono la tua dolorosa madre,
cui lassi trista, col tuo vechio padre!»

[A] XV.5: e chiamaval per nome e dicea: «Figlio!
XV.6: Tu non mi parli piú, bel giglio d’orto?
XV.7: a me che son la tua misera madre

XV.1 Quivi basciava Ecuba il viso e ’l ciglio] qua basava ecuba e lo viso e lo celgio P (+1); quivi basciava Ecuba] echuba sibangniava L, hecuba libaciava S; il viso] elnaso S. XV.2 al suo caro figliuol] alsuo caro figliuolo LFS (+1), a lo seo caro filgio P (+1), delsuo charo figliuolo R; che giace morto] che giacea morto FP, che era morto R. XV.3 Di sangue si facea ’l viso vermiglio] tutto disanghe facie il viso vermiglio L (+1), de sangue se facea lo viso vermelgio P (+1), elviso faciesi disangue vermiglio R (+1). XV.4 dicendo: «Morte, tu m’hai fatto torto] et dicie morte tu mai fatto gram torto R (+1); tu] ben L. XV.5 chiamandolo per nome; e dicea: «Figlio] chiamando per nomo et dicealgie filgio P; chiamandolo] et chiamaval L, chiamavalo F, et chiamavalo R (+1); e dicea] dicendo S (+1). XV.6 Non mi rispondi tu] tu nomi parlli piu L, om. tu S; bel giglio] bel viso M, bello giglio PR (+1), ofrescho giglio S (+1). XV.7 Io sono la tua dolorosa] ame cheson latua misera LS; io sono] cheso R. XV.8 cui lassi trista, col tuo vechio padre] dove me lassy trista colo teo vegio patre P (+3); lassi trista] trista lassi R.

  • 41 Espressione leggermente anacolutica: il “dolore” dovrebbe avanzare ogni altro dolore, oppure “quell (...)
  • 42 Intervento minimo sul manoscritto di base: torrai è scorretto, poiché il soggetto del ver-bo è la t (...)
  • 43 Ricordo dantesco, è la bella persona di If V, 101.

Piú non mi parli -piú!- caro figliuolo, XVI
che mi solevi dar tanta baldansa:
della tua forsa tremava lo stuolo
d’i Greci, e la lor fiera possansa.
Ora se’ morto e io sento gran duolo,
che di dolore ogn’altra donna41 avansa.
Oh figliuol mio non torrà42 mai corona
del padre tuo la tua bella persona!43

[A] XVI.1: Non mi rispondi tu, caro figliuolo
XVI.6: ch’a petto a questa ogn’altra doglia avanza

XVI.1 Piú non mi parli] nonmi rispondi L; piú caro] tu charo L, mai charo F, om. piú P (-1),mio charo R, charo mio S. XVI.2 che mi solevi dar tanta baldansa] che mi solevi dare tanta baldanza LFRS (+1), che me soliui dar tanta de ballanza P (+1). XVI.3 della] per la LS. XVI.4 d’i Greci, e la lor fiera possansa] de ly greci et de la loro f. p. P (+2); e lla lor fiera] perlla tua fiera L, ella loro fiera R, perlatua grande S. XVI.5 Ora se’ morto e io sento gran duolo] ora se morto enoi lasci igranduolo L, ora sei morto unde io sento talduolo F, ora si morto unde yo sento tale dolo P (+1), poi chese morto inesento tale duolo R (+1), poy che se morto sostengnio talduolo S. XVI.6 che di dolore ogn’altra donna avansa] chapecto aquesta ongni altra doglia avanza L, che de tristitia ogni altra dolglia auança F, che de tristitia omne altra volgia avanza P, che didolore troppo menavança R, elquale dolore ogni allegreça avança S (+1). XVI.7 Oh figliuol mio non torrà mai corona] o filgiolo mio non portaro may corona P (+2); oh figliuol mio] oilasa me L, ofigliolo mio F (+1), ofigluolo R; non torrà mai] non torrai mai M, nonportera L, non terra mai F, non portaro P, non portarai RS. XVI.8 del padre tuo la tua bella] pell padre tuo latua real L, de lo patre teo et la toa P (+2).

  • 44 44 Troia è spesso monosillabo, secondo un artificio che risale alla poesia delle origini; cf., per (...)

La sposa sua fra l’altre dolorosa XVII
dice piangendo: «Mio signore Hettorre!
Come mi lasci sí ’n vita angosciosa?»
Con questo si volea la vita torre,
chiamando: «Morte ria e angosciosa!
Come potestú tal vita disporre?
Tu hai in un corpo tante vite morte,
quante ne chiude Troia44 dentr’a le porte!»

XVII.1 dolorosa] dolorose L, sventurosa F, sbenturose P. XVII.2 dice] dicie LR, dicea FP, dicia S; Mio signore Hettorre] signor mio ector FLP (-1), osigniore mio e. R. XVII.3 come] ove L, dovi F, dove PR; sí ’n vita angosciosa] chon vita a. L, in si vita pensosa F, in si vita penosa P, tanto tenebrosa R, amara e a. S. XVII.4 con questo] et in queste P, e chosi S; si volea] sivuole L; torre] tollere P (+1). XVII.5 chiamando: «Morte ria e angosciosa] diciendo morte mia tanta noiosa L; chiamando] dicendo S. XVII.6 potestú] postresti L, potesti FPRS; tal vita] tallforza L, tale força R (+1); disporre] despunere P (+1). XVII.7 in un corpo] uncholpo L, in uno corpo FR (+1), de uno colpo P (+1), in nuno punto S (+1). XVII.8 ne chiude Troia] ne chiude trogya P (+1), troia nechiude R.

  • 45 TS IX.52: Poi s’arechava in bracio i soi figlioli | e se gli ponea al petto del so padre | dicendo: (...)

Ella si fe’ recar ambo figliuoli45 XVIII
e puoseli sul petto allo lor padre,
e dice: «Padre, che abracciar li suoli
quando tratte t’avean l’arme legiadre!
Ora li lassi in angosciosi duoli
nel grembo afflitto, alla misera madre.
Ahi! Tapina me, ch’ïo te ’l predissi,
quella mattina, innansi che morissi!»

[A] XVIII.1: E poi si fe’ recare ambo figliuoli

XVIII.1 Ella si fe’ recar ambo] epoi sife ricare ambe i L, ella se fece arrecar li P, poi sife rechare esuoi R (-1), poy fece venire ambo S. XVIII.2 sul] in de lo P (+1), nel S; allo lor] del lor LF, de lo P, del loro RS (+1). XVIII.3 e dice] dicendo LRS, edicea FP; abracciar] abracciare PRS (+1). XVIII.4 t’avean] tavie L, tavine tu F (+1), te avivi P (+1), tavevano R (+2), tavia S; l’arme] arme F. XVIII.5 li] ge P; lassi] baci L; in angosciosi duoli] innanghoscioso duolo L, insi gravosi duoli R. XVIII.6 nel grembo afflitto, alla misera] nellgrennbo afriti alla misera L, nello rengno aflicto alamisera F (+1), in de lo rengio a la misera P, ingrembo affritti ella misera R, nelgrembo tristo delatrista S. XVIII.7 Ahi! Tapina me, ch’ïo te ’l predissi] ollasa me tapina cheprendesti L, taupina me chio elte predisse F, tapina me che yo te lo dixy P, ay tapinella adme quando teldissi S. XVIII.8 quella mattina, innansi che morissi] quella matina allo stormo nonn gisti L, che lamattina (inquello giorno S) allo estormo non gissi RS.

  • 46 TLIO, s.v. sibilla, 1.4.1: “indovina”.
  • 47 Piú lineare, indubbiamente, la lettura del laurenziano e, sulla sua scia, del Troiano e della Fiori (...)
  • 48 Possibile la correzione (come segnalo nell’apparato) tanti > tai, che è quella del resto del-la tra (...)
  • 49 Enjambement interstrofico. Si ha in questa ottava un accumulo di echi danteschi: la serie rimica vi (...)

Cassandra sí li stava ivi da lato, XIX
che a quel tempo fu savia sobilla:46
molto dinansi che li avea parlato47
la struzïon di Troia la gran villa.
Ella piange col viso adolorato
e lagrime con sangue giú distilla,
con tanti48 sospiri e dolorosi verbi
(ch’erano a chi l’udia pietosi e acerbi),49

[A] XIX.3: molto dinansi avie profitezato
XIX.5 e tuto quanto il viso avie grafiato
XIX.6 e lagrime dagli occhi giú distilla

XIX.1 C. si li stava ivi da lato] C. sua glistava dallato L, C. lestava da lato F (-2), silgie stava desolato P, era chasandra dalsinisstro lato R, chasandra era dalsinestro lato S. XIX.2 che a quel] che quello L, che in quello FR, in quello P, che in quel S; fu] era LS; sibilla] esibella L. XIX.3 molto dinansi] molti anni innançi S; che liavea parlato] avie profitezato LFPRS. XIX.4 la struzïon] deladesstruction F (+1), la destrussion P, lastrutione R, ladistrutione S (+1); Troia la] troi ella M, troia ella R; gran villa] grande villa P (+1). XIX.5 Ella piange col viso adolorato] etuto quanto ilviso avie ghrafiato L; piange] piangea FPRS. XIX.6 e lagrime con sangue giú] ellagrime dagliocchi giu L, le agreme degliocchi giu F, et le lacreme da logi ge P, collagrime disangue piu R, etcollagrime elsanghue suo S; distilla] descilgia P. XIX.7 con tanti sospiri e dolorosi verbi (+1); con tanti] con tal L, con tali FRSP (+1). XIX.8 ch’erano a chi l’udia pietosi e acerbi] chacchi gliueldiua parie molto acerbi L (+1), erano chi ludia piatose ecerbi F, che con pietate multy era acerby P, erano acchi gliudiva piatosi eacierbi R (+1), cherano acchi gliudieno assai acerby S.

  • 50 Il valore di perché è qui sfumato da un valore causale a un piú attenuato valore soggetti-vo; sull’ (...)
  • 51 Errore di perseveranza nell’estense, che copia (senza poi correggere) l’incipit del verso precedent (...)
  • 52 “essere necessario, e. volontà divina” (TLIO, s.v. convenire, 4.4.1), qui costruito con il semplice (...)
  • 53 Correggo M, poiché mantenendo a testo quando si crea un anacoluto logico (non ha sen-so dire “quand (...)

stracciandosi li onesti vestimenti XX
dicendo: «Fratel mio! Valsemi poco
perché50 d’Apollo li amaestramenti
da lui spirata51 dissi a questo loco.
Riparar non volesti alli accidenti,
onde convien52 ire Troia a fummo e foco.
Quanto53 piú forsa tua persona avea!
Quell’ora veggio ch’allor mi vedea».

[A] XX.5: Riparar non volesti alli argomenti

XX.1 stracciandosi] e stracciandosi L (+1), stracciavasi FR; li onesti] li ricchi RS. XX.2 dicendo fratel mio] dicie fratello ome L, dicendo fratello (fretello P) PR (+1); valsemi] mevalse F, ad me vale P, elmivale S. XX.3 perché d’Apollo] po che doppo F, perzo che da poy P, larte dappollo S. XX.4 da lui spirata dissi] perche dalui spirata dissi M (+2), dallui ispirato dissi L, da quy sperava P, dame espirati furono R (+1), che vuiare potevi S; a] in LFPRS. XX.5 riparar] prendare S; accidenti] argomenti LR. XX.6 onde convien ire Troia a fummo e foco (+1)] onde econviene chetroiani narda ifuocho L (+2), onde convene introya fiamma efuocho F, ora comera introgya flamma et focho P, unde troia neuiene infiamma efocho R, onde conviene che troya vada alfocho S. XX.7 Quanto piú forsa tua persona avea] distrutta sia esia mesa pertera L; quanto] quando MFP. XX.8 Quell’ora veggio ch’allor mi vedea] allultimo finire diquesta ghuera L (+1), quel chora veggio alora mevedea F, quello che ora vegio allora me vedea P (+1), quello che ora miveggio allora mevedia R (+2), qualche mivegio allora mi dea S.

  • 54 Ricordo dantesco esplicito, di Pg XI, 138: si condusse a tremar per ogni vena.
  • 55 Femminile singolare, è un “indumento fatto di tessuto o un filato tinti nella porpora”, cf. TLIO, s (...)

Piangeva la vessosa Pulisena, XXI
chiamandosi fra l’altre sventurata,
e sí dicea alla reina Elena:
«Dama, in mal punto per noi fusti nata!»
Per gran dolor li tremava ogni vena,54
la porpore55 dell’oro avea squarciata,
chiamando Hectorre, il quale in sempiterno
non li rispuose, ch’er’ito allo ’nferno.

XXI.1 Piangeva la vessosa] plangia allora la vitiosa P (+1). XXI.2 fra l’altre] finlaltre F. XXI.3 e sí dicea alla reina Elena] digran dolore litrema ogni vena S; e sí dicea] volltosi poi L; reina] regina P. XXI.4 Dama, in mal punto per noi fusti nata] donna per noi mallpunto f. n. L, donna per noi ello mal ponto (in male ponto P) f .n. FP (+1), donna imalponto pernoi f. n. R, lapurpure delloro avia stracciata S. XXI.5 Per gran dolor li tremava ogni vena] poy sivoltava alareyna elena S; per gran dolor] perllo gran duolo (e per R) LR (+1), per lo dolore FP (+1); li tremava] le batteva R. XXI.6 la porpore dell’oro avea squarciata] dicendo dama inmal ponto fusti nata S; squarciata] straciatto L, estracciata R. XXI.7 Hectorre, il quale] ector morto L, hector el (lo P) quale FP, ettorre dicie R, hectorre chera S; in sempiterno] insompitero L, om. in S. XXI.8 rispuose] risponde LFP; ch’er’ito allo ’nferno] chera gia ininferno LF, che gito alo inferno P, si chome io discierno R.

  • 56 Possibile l’espunzione di tu, in definitiva non necessario.

«Or chi contasterà a’ Greci omai?» XXII
– dice piangendo – «Franco cavalieri!
Ahi lassa me!, non t’armerò piú mai
e non ti vedrò ma’ piú fra le schiere
e non guarderò piú se tu tornerai56
la sera, colle trïunfal bandiere.
Omai serà l’oste greca sicura;
di te, signor, che n’avean tal paura!»

XXII.1 Or] om. R; a’ Greci] ligreci LFPS, cholli greci R. XXII.2 dice piangendo- «Franco cavalieri] dicieva piangiendo onobile chavaliere R (+2); dice] dicea (dicia S) FPS. XXII.3 Ahi lassa me] olasa me L, or lasseme F, o lassa me P, tapina ame R, orlasso ome S; non t’armerò] non tornerai F, non te vedero P. XXII.4 e non ti vedrò ma’ piú fra le schiere] lasera colli triumphale bandiere F, la sera cole trauacche et cole bannere P (+2); e non ti vedrò] nepiu nonmiraro R, et non ordinarai S; ma’ piú fra le schiere] piu frallaltre s. L, infralleschiere R, mai piu leschiere S. XXII.5 e non guarderò piú se tu tornerai (+1)] anchora non ghuardero se t. L, ornon tamirero si t. F, et non te vedero se plu t. P (+1), nepiu non miraro se t. R, otrista ame mai piu non t. S. XXII.6 la sera, colle trïunfal bandiere] enon tevedero piu fra (infra P) lesschiere (schieri P) FP; sera] add. a me R (+1); colle trïunfal] fralletriunfal L, colle triomfali (treunfali S) RS. XXII.7 omai serà] sira L, stara F, oramay stara P (+1), omai estara R, omai fia S; l’oste greca] loste degreci L (+1), lagrecha giente R (+1), loste degreci S. XXII.8 di te, signor, che n’avean tal paura] dite singniore chenavien sighran paura L (+2), dite fratel chenaven gran p. F, de te fratello che ne avea grande pagura p (+2), dite fratello che navevano tale p. R (+4), perte fratello che navieno gran p. S (+2).

  • 57 Ho corretto il manoscritto di base perché con ogni probabilità si tratta di un’anticipazione del co (...)
  • 58 Il gerundio ha qui forse un valore leggermente concessivo, piú che di semplice inciso: quasi che qu (...)

Elena si vedea, ch’era magiore XXIII
di tutte l’altre piú d’un mezo braccio,
e ’l suo bel viso che rendea sprendore
(bench’ella avesse di dolore57 impaccio);
e’ suoi capelli che d’oro avean colore,
cosí lucendo,58 diceva «Io li straccio!»,
chiamando Hectorre e dicea «Franca spada!
Chi sicura terà questa contrada?»

XXIII.1 si vedea, ch’era] sivide eser L, sivedeva che era R (+1), parla qualera S; magiore] magior L (-1). XXIII.2 piú d’un mezo] ben un mezo L, bene un meçço FR, ben meso P (-1). XXIII.3 e ’l suo bel viso che rendea sprendore] ellviso suo cherendeva LS, elsuo bello viso che rendeva esprendore R (+2); e ’l suo bel viso] col suo b. v. F, colo seo bello v. P (+2). XXIII.4 bench’ella avesse di dolore impaccio] benchellase diligranne i. L, piu cheonon fa elsole cheda dentro neghiaccio R (+2), piu che nonfa ilsole intro nelghiaccio S; dolore] colore M. XXIII.5 e’ suoi capelli che d’oro avean colore (+1)] ellsuo bell chapo chedoro avie cholore L (+1), glisuoi chapelli che doro avieno (avieno doro S) colore RS (+2); e’ suoi] et li soy P (+2). XXIII.6 cosí lucendo, diceva «Io li straccio] cosi piangiendo dicie mulli s. L, chiamando ettorre edicieva come faccio R (+1), chiamando hectorre dicia come faccio S; diceva «Io li straccio] dicea lemestraccio F, dicea yo meli straczo P (+1). XXIII.7 chiamando Hectorre e dicea «Franca spada] osecurta de troya lume ehonore FP; chiamando H. e dicea] c. ector diciendo L, nelsuo lamento dicieva o R (+1), chiamando ancora diciendo S (+1). XXIII.8 Chi sicura terà questa contrada] acui (ad chi P) melassi caro mio segnore FP; sicura terà] s. mai L, s. omai R, sichurera omai S.

  • 59 Notevole l’uso, da parte del canterino, del termine “tecnico” lamento.
  • 60 Cf. If VI, 21: volgonsi spesso i miseri profani (con profani che rima con mani al v. 19); il cante- (...)

«Po’ che sè morto» – dice suo lamento –59 XXIV
«iusta speransa di tutt’i Troiani,
tu sè in riposo e noi lasci in tormento:
come faremo, miseri profani?60
O baron che niuno avea ardimento
a corpo a corpo venirti alle mani,
se non Achille, e que’ con gran tradire
ti diede il colpo che ti fe’ morire!»

XXIV.1 dice suo lamento] dice insulla mente L, dicea ensuolamento F, dicea (dicie S) in lamento PS, dicie nel suo lamento R. XXIV.2 iusta] questa L, grande R. XXIV.3 tu sè in riposo] tutiriposi L, tuseinreposo (riposo RS) FRS, tu si riposo P; e noi] eme F. XXIV.4 faremo] faranno R; miseri] misero L, nuy miseri P (+1), emisari R, noi tristi S. XXIV.5 O baron che niuno avea] nichun baron nonnavera L, che nullo barone none aveva R (+2), barone nonera cavesse S (+1). XXIV.6 venirti] venite L, venir F, venixi P, avenirti R, venire S. XXIV.7 se non Achille, e que’ con gran tradire] se no acchille et quello con grande t. P (+1); se non Achille] sennone acchille LF, sinno acchille R, salvo che acchille S; e que’ con] con suo S; gran tradire] grande ardire L. XXIV.8 ti diede il colpo che ti fe’ morire] tide quello cholpo chetifecie morire R; ti diede il] tidie quell L, tede quel F, te de quello P (+1), tide un S.

  • 61 Cf. Ceffi: 229: non c’era alcuno cittadino, che innanzi non havesse conceduto il suo figliuolo alla (...)
  • 62 Errore isolato di M, che scioglie la dittologia aggettivale: accidente è qui privo di significato.
  • 63 Infinito preposizionale (con valore finale) che dipende dall’aggettivo tanto; sull’uso, cf. Ageno 1 (...)

E l’altre donne dintorno a la bara, XXV
h’eran piú di tremilia veramente,
tutte piangevan con tristessa amara:
chi messo arebbe il sio e chi ’l parente61
per ricomprare quella vita cara
d’Ector baron sovrano e eccellente;62
chi messo arebbe il padre e chi ’l figliuolo
tanto fu a sofferir63 quel crudo duolo!

XXV.1 E l’altre donne dintorno] eelle donne cherano dintorno L (+2), laltre dintorno estavano (stavano S) RS; a la bara] ad la vara P. XXV.2 ch’eran piú di tremilia] che erano bem cinqueciento RS (+1). XXV.3 piangevan con tristessa] piangevano con tristia L, piangendo con t. FP, piangieno con t. RS. XXV.4 chi messo arebbe il sio e chi ’l] ciaschun varebe meso onngni L, che messo avarebbero chil çio chil F (+2), chi messo averea zio et chi P, chi messo varia elfiglio e chi el R, chi messi ciavaria figliuoli e S (+1). XXV.5 per ricomprare quella] perichonperare (ricomparare F) quella LF (+1), per recuperar quella P, per ricomprare di ettorre la R (+2), perchonnpare di hectorre la S (+1); cara] rara F. XXV.6 d’Ector baron sovrano e eccellente] delbuono ector francho e icellente L, de hector barone (baron P) sovrano excellente FP, diquello barone chefu si possente R (+1), diquelbarone che fu cosi possente S (+1); eccellente] accidente M. XXV.7 chi messo arebbe il padre e chi ’l] e meso varebe illpadre efilgiuolo L, chi messo averebbe chi elpadre echil F (+2), chi messo averea patre et chi P, et chi misso ciaria se et chi el R, chi messo ciavaria se o chi S. XXV.8 tanto fu a sofferir quel crudo] einanzi chesentir siaspro L, tanto fo crudo asofferir quil F, tanto fo crudo ad sostener quello P (+1), tanto era amaro asostenere tal R (+1), tanto era amaro assostenere el S.

I cari donzelli piccioli e ’ fantini XXVI
e le pulselle sensa anello in dito,
mezane e vecchie, si chiaman meschini;
e chi anco a lamento non era ito
chiamavansi d’Ector tutti tapini,
dicendo: «Morto è lo lione ardito
per cui Troia dormia sicura e franca:
po’ ch’è mort’è la nostra vita manca!»

[A] XXVI.1: I garzoncelli piccioli e ’ fantini
XXVI.3: e vecchie e vecchi, si chiaman meschini

XXVI om. R. XXVI.1 I cari donzelli piccioli e ’ fantini (+1); I cari donzelli] ilgharzonciello L, li garçoncelli F, et li garzoncelli P (+1), igharçonecti S; piccioli e’ fantini] om. e’ LS, epicciole fantine F, et pizoli fantini P. XXVI.2 pulselle] cictelle S. XXVI.3 mezane e vecchie, si chiaman] et vecchie e vecchi sichiamavan L (+1), vechi evechie sechiamon F, juuini et vecgy se chiamava P (+1), vecchi e vechie sichiamavan S; meschini] tapini L. XXVI.4 e chi anco a lamento non era ito] efaciendo gran pianto e siuditi L, equale aquel lamento none gito F, et quale e quello alo lamento non e gito P (+2), chiaschuno chaquello lamento era gito S (+1). XXVI.5 chiamavansi d’Ector tutti tapini] chiamandosi per ector tapini L (-1); chiamavansi] add. et P (+1); d’Ector] per lui S; tapini] talpini P. XXVI.6 è] ene P; lo lione] lobarone S. XXVI.7 Per cui] poy che P, om. cui S; dormia] era L. XXVI.8 po’ ch’è mort’è la nostra vita manca] poche se morto lavita cimancha L, ma poi che morto nostra vita mancha S; mort’è] morto P.

  • 64 Distico dal significato non chiarissimo, e dalla ricostruzione impegnativa: per quanto ri-guarda il (...)

Cosí passò quel giorno con dolore, XXVII
tanto che la mia lingua dir non puollo;
e la sera, celato al dí ’l chiarore,
dodici re portaro Hector in collo
e le donne, stridendo con dolore,
girolli dietro nel tempio d’Apollo:
cosí in quel tempo a lor faceva umbra
muro con muro a Troi’, a porta Cimbra.64

[A] XXVII.7: allora quel nobile tempio s’apriva
XXVII.8: ch’era stato serrato insino di prima

XXVII.1 Cosí passò quel giorno con dolore] chosi passaro quello giorno condolore R (+2); passò] posaro S (+1); quel] quello P (+1). XXVII.2 mia lingua] mia vita FS, mia rima P, lingua mia R; dir non puollo] dir nonvole L, om. dir P (-1), dire non pollo S (+1). XXVII.3 e la sera, celato al dí ’l] epoi dellsole pasato il L, et la sera colato e lo dy alo P (+2), et poi lasera cholato el R, elasera cielato eldi e lo S; al dí] eldi F. XXVII.4 dodici] ondici P; portaro] portarono L (+1), portono F, porta P; Hector] Ettorre RS. XXVII.5 stridendo] pangievan L; con dolore] con molto dolore S (+2). XXVII.6 girolli dietro] acchor piangniarllo L, gielli direto F, jongiendo dentro P, dietro aquello R, dirieto acquello corpo S (+2); nel tempio d’Apollo] allgran tenpo dapollo L, nello templo de apollo P (+1). XXVII.7 cosí in quel tempo a lor faceva umbra] allora quell nobile tennpio sapriva L (+1), e cosi inquil tempo alora savembra F, cusi in quello templo ector si inflamma P, eposarlo neltempio (add. ebray S, +2) aghuisa ebraicha RS; faceva] fa M (-2). XXVII.8 muro con muro a Troi’, a porta Timbra] cherastato serrato innsino diprima L (+1), murato lo templo cola porta dambra P (+1), conduolo chomuno dentro inporta laicha R (+1), chondolore comuno imtroe inporta laycha S (+2); a Troi’] in troya F; Cimbra] ambra F.

  • 65 Ho reso evidente nella prima fascia la lettura del laurenziano, che pure restaura la corret-ta misu (...)
  • 66 Sono le “usanze” (TLIO, s.v. costuma, 2), metaplasmo nominare sulla base del fr. costume (Cella 200 (...)
  • 67 Francesismo: “camera”, la cui grafia riproduce «la forma francese passata dall’affricata alla frica (...)

Ivi65 fu tanta la chericia XXVIII
a celebrar con gran sollennitade,
al modo de la lor costuma66 ria,
ch’era dinanti alla cristianitade.
E ’l re e le donne e la lor compagnia
tornaron alla magion con gran pietade:
essendo ognuno in sua sambra67 rinchiuso
tornaro in piú sopra lor pianger uso.

[A] XXVIII.1 Or quivi fu tanta la chericia

XXVIII.1 Ivi fu tanta la chericia (-1)] orquivi fu tucta la chiricha L (-1), elifo tucta lachierciaria F (-1), et loco fo tucta la chiercaria P, eli (om. e S, -1) fu tutta lachericiaria RS. XXVIII.2 a celebrar con gran] ad celebrar con grande P (+1), acielebrare comgram R (+1), ad cielebrare con grande S (+2). XXVIII.3 al modo de la lor costuma ria] a lo mondo non fo may cotanta luminaria P (+4), alloro usança challoro chostumaria R (+2); lor] loro FS (+1); costuma ria] comunera L (-1). XXVIII.4 ch’era dinanti] chefu innanzi (dinançi S) LRS, per che fo innanzi P. XXVIII.5 E ’l re e le donne e la lor] e quelle donne allasua L, et lo re et le donne et la loro P (+2), et re edonne alla loro RS (+1). XXVIII.6 tornaron alla magion con gran pietade (+1)] piangievano ongiuna chonischuritate L (+1), tornaro ad loro mason con grande pietate P (+2); tornaron alla magion] tornaro alor magion F, tornaro allora ogniuno R (+1), tornaro alloro magioni S (+2). XXVIII.7 essendo ognuno in sua sambra rinchiuso] poi ritornanndo achasa ripensando L; in sua sambra rinchiuso] in sua camera r. P (+1), inchamera inserrato (serrato S) RS. XXVIII.8 tornaro in piú sopra lor pianger uso] esopra allpiannto diprima tornanndo L, torna sopra loro plangiere ad seo uso P (+1), tornaro alpianto loro diprima usato RS.

  • 68 L’espressione, cosí come la si legge nell’estense (dolente campestro), non sembra avere mol-to sign (...)
  • 69 Rima imperfetta; l’espressione pericol sinistro anticipa quanto sta per essere detto ai vv. success (...)
  • 70 Ho evidenziato nella prima fascia la lettura del laurenziano, analoga nella sostanza ma con un ritm (...)
  • 71 Vale “marcire”, con buona attestazione nel corpus OVI.

Essendo i·re nel dolente capestro68 XXIX
avolto dalla trista aflizïone,
sopra pensando al pericol sinistro69
d’un pensier nacque un’altra oppinïone:
che al quarto dí70 mandò per un maestro
e domandò s’elli vedea ragione
come potesse intero conservare
d’Ectorre il corpo, sensa infracidare.71

[A] XXIX.5: di subito mandò per un maestro
XXIX.6: e dimandollo se vedea ragione

XXIX.1 i·re nel dolente capestro] lo re in delo dolente campestro P (+2); nel dolente] nell dubioso L, nelnobile RS; capestro] campestro MRS. XXIX.2 avolto dalla trista] vollto inntristitia L (-1), in molto de la tristitia P, adietto (aducto S) nella trissta RS. XXIX.3 sopra pensando] pensando sempre RS; al pericol] ilfuturo L, al picholo F, alo pericolo P (+2), elpericolo RS (+1). XXIX.4 d’un pensier nacque un’altra oppinione] diquello (quel S) pensiero fe una visione RS; d’un pensier nacque] dapensieri nascie L, de uno penzero P (+1). XXIX.5 che al quarto dí mandò per un maestro] a lo quarto di mando per uno magistro P (+2); che al quarto dí] disubito L, om. che F, elaltro di RS; per un] per uno RS; maestro] mestro L. XXIX.6 e domandò s’elli vedea] edimandollo sevedese L (+1), edomandollo sevedea FP, edimandollo se sapeva R (+1), et domamdollo se sapia per S (+1). XXIX.7 come potesse] depotere L. XXIX.8 d’Ectorre il corpo] illchorpo dector L, de hector el (lo P) corpo FP, elchorpo di ettorre R (+1).

  • 72 Originariamente “ramo”, indica poi lo scettro, in quanto “segno e simbolo di comando (TLIO, s.v. (...)
  • 73 “aguzzare”, cf. TLIO, s.v. assottigliare, 6.
  • 74 “disporre”, cf. GDLI, s.v. ordinare.
  • 75 La serie di rime è di Pd X, 4-8 (v. 8: dove l’un moto e l’altro si percuote); a completare la serie (...)

Ubidendo ’l maestro i·real bacolo,72 XXX
lo ’ngegno sottilliò73 quanto piú puote:
e ordinò74 un rico tabernacolo
nel detto tempio, sopra quattro ruote;
per conservare il corpo sensa macolo
l’un pensier contra l’altro sí percuote:75
lo ’ngegno nobile ch’era, e gentile,
fece ’l maestro, com’io dirò, sottile.

XXX.1 Ubidendo ’l maestro i·real bacolo] allora ilmaestro che quello chabitacolo L (+1), odendo lo magistro ad tale bacolo P, quello obidendo allora elreale bacolo RS; i·real bacolo] alo re albaculo F. XXX.2 lo ’ngegno sottilliò quanto piú] fellongienngnnio sottile quanto far L (+1). XXX.3 un] uno FPR. XXX.4 nel detto tempio] dentro dalltenpio L, in delo decto templo P (+2). XXX.5 conservare il] conservar lo P, consarvare quello R (+2), conservare quel S (+1). XXX.6 l’un pensier contra l’altro sí] elun pennsiero sopra lalltro L (+1), eun pensiere collaltro se F, e uno per esser collautro P (+1), elluno chollaltro lo R (-1),luno pensiero conlaltro lo S (+1). XXX.7 lo ’ngegno nobile ch’era, e gentile] longiengnio suo nobile (nobile e FP) gientile LFP, ello ingiegnio fecie nobile e sottile R (+1), et longiengnio fe n. e s. S. XXX.8 fece ’l maestro, com’io dirò, sottile (+1)] fece lo magistro sicomo dirro soctile P (+3), quello maestro fecie (che quel maestro fe S) molto gientile RS; fece ’l maestro] fe elmaestro F; com’io dirò, sottile] chome udirete dire L.

  • 76 Ceffi: 231: il quale tabernaculo si reggeva per quattro colonne d’oro purissimo fondute, & in ciasc (...)
  • 77 Verbo concordato al plurale con il soggetto logico collettivo (le quattro colonne); il lau-renziano (...)

Le ditte quattro ruote eran d’avoro XXXI
perfett’e lavorato con gran cura:
reggea catuna una colonna d’oro76
fine, che risplendeano oltra misura.77
Era poggiata ad ornare i·lavoro
a ciascuna colonna una figura,
a guisa d’angel, ch’era di grandessa
quant’era la colonna di larghessa.

[A] XXXI.4: fino, che riluceva oltre misura

XXXI.1 Le ditte quattro ruote eran d’avoro] ledecte ruote eran davorio soro L; eran] erano RS (+1). XXXI.2 perfett’e lavorato con gran] lavorate chon grandisima L; lavorato] lavorate FP; gran] grande P (+1). XXXI.3 reggiea catuna una colonna d’oro] ciasschuna era esmaltata dariento R; reggiea catuna] e onngni ruota L, r. ciasscuna FP, ciaschuna regia S; una colonna d’oro] colonda de oro P. XXXI.4 fine, che risplendeano oltra] fino cherilucieva olltre L, fino che ressprendia (resblandea P) sença FP, esi che esso rilucieva oltre a R (+1), sicche esso rilucia oltre S. XXXI.5 Era poggiata ad ornare i·lavoro] chonun bellisimo lavoro L (-2), era apoiata adornata a lo lavoro P (+1), era ordenato choruno bello lavoro R (+2), era ordinato e posto illavoro S; i·lavoro] el civoro. XXXI.6 a ciascuna colonna] onngni cholonna aveva L; colonna] colonza P. XXXI.7 a guisa d’angel, ch’era di grandessa] dazuro uno angiolo era digrandeza L, aguisa da angelo chera delongeçça F, ad guisa et dirragiolo chera de longecza P (+2), amodo (ad ghuisa S) dagniolo era sua fatteçça RS. XXXI.8 di larghessa] perlluncheza LRS, di grandeçça FP.

  • 78 Alternativa la lettura del laurenziano, che ho reso visibile in fascia A; per poco vale come “quasi (...)
  • 79 “turiboli, incensieri” (TLIO, s.v. turibolo).

E mostravan quelli angeli visibili, XXXII
quanto propii atteggiati eran per poco:78
e ciaschedun avean in man terribili79
ne’ qua’ giammai non si spegnea foco,
e altre molte cose che incredibili
vi parien a udire in quel loco:
d’oro e d’argento e di pietre assai care
le quali io taccio, e non le vo’ contare.

[A] XXXII.2: che foser vivi parevan per poco

XXXII om. R. XXXII.1 E mostravan] emostravano LS (+1), mostravano F, mustrava P; angeli] angli F; visibili] visibelli L. XXXII.2 quanto propii atteggiati eran per] chefoser vivi parevan per L, quanto proprio creaty era per P, et tanto propri e aragniati S. XXXII.3 avean in man terribili] aveva imano teribile L, in mano avea terribili F, in mani avea tribuli P, tenia inmano terribili S. XXXII.4 ne’ qua’ giammai non si spegnea] nellquall mai nonsi spengnieva il L, ne quai giamai sasspengea F, in deli qualy gemay se spengiea P (+1), nelequa mani non sostenevan S. XXXII.5 e altre molte cose che] enobili lavori e L, elaltre molte cosi che F, et altre cose ancora molto S; incredibili] en credibile F. XXXII.6 vi parien a udire in quel] chesivedevan sigiurati iquel L (+1), parien audire i erano inque F, pare a dire era in quello P, che parieno a vedere inquello S. XXXII.7 di pietre] depente P; assai] si S. XXXII.8 le quali io taccio] le quali io laso L, le quali mi taccio S; e non le vo’ contare] che nollpotrei c. L, e nolle volglio acontare (contare P) FP (+1), e nonvo chontare S.

  • 80 L’ottava è un buon esempio del comportamento deteriore del laurenziano, che anzitutto non rispetta (...)
  • 81 Sinonimo di intagli; nel Vocabolario della Crusca (s.v. storia, IV edizione), è segnalato il signif (...)
  • 82 Per la forma con aferesi, cf. TLIO, s.v. abbondanza.

A’ piedistalli e alli capitelli80 XXXIII
delle colonne eran’i diamanti,
e’ zafiri e smiraldi chiari e belli
con intagli ch’avean propii sembianti:
qual di bestie e pesci, e qual d’uccelli
e altre storie81 a queste somiglianti;
l’alta bondansa82 delle pietre belle
lucevan quivi come in ciel le stelle.

XXXIII om. R. XXXIII.1 A’ piedistalli e alli capitelli] eipilastri dique chapitoli L; A’ piedistalli e alli] eilpie decristalli e di F, ali pedy de cristallo et de P (+2), apie di cristallo e S. XXXIII.2 del le colonne] de le dicte colonne FS, et le decte colonde; eran’i diamanti] eran d. L (-1), eran (era P) diamante FP. XXXIII.3 e’ zafiri e smiraldi chiari] esmiralldi e zafini ellucienti L (+1), e de çaffiri e desmiraldi chiari F (+2), de zafini et smiraldy chiari P, et çaffini smiraldi chari S. XXXIII.4 con intagli ch’avean propii sembianti] lucievan chome incielo fanno lestele L (+1); con intagli] contalgy P, come i. S; ch’avean] che parea P; propii sembianti] p. sembiante F, proprio sembrante P. XXXIII.5 om. F; qual di bestie e pesci, e qual d’uccelli] dongni cholore echonpropi senbianti L, serrea forte de poterese trovare P (+1). XXXIII.6 om. F; e altre storie a queste somiglianti] quall di bestia edi pesci edaltri uccielli L, et lo bello lavoro delo nobile affare P (+3), che avedere sida dilecti tamti S. XXXIII.7 l’alta bondansa delle pietre belle] avien fughura equesti simiglianti L; l’alta bondansa] laltra (tanta P) abundantia FP, lalta chiareça S; delle pietre] depietre F. XXXIII.8 lucevan quivi come in ciel le stelle] lalltra abonndanza delle pietre belle L; lucevan quivi] lucea loro P, lucievano piu S; come in ciel] come incielo F (+1), como in celo P, che nelcielo S (+1).

  • 83 Ceffi: 231: La faccia del detto tabernaculo avvegna che tutta fosse d’oro, nondimeno tutti li suoi (...)
  • 84 Locuzione avverbiale, segnalata in TLIO, s.v. effetto, 1.5, “effettivamente”.
  • 85 “genere, qualità, varietà” (GDLI, s.v. ragione, 27).

Anche del tabernacolo formata83 XXXIV
era la faccia, tutto d’oro perfetto:
di pietre prezïose er’adornata,
ch’a rimiralle davan gran diletto;
d’ogni ragion che pietra sia contata
quivi n’avea bondansa con effetto,84
d’ogni ragion85 di pietra prezïosa
quivi n’avea bondansa copïosa.

XXXIV.1 Anche del] ache del M, bennche del L, ancho del F, ancora de lo P (+2), ben che nel S; formata] formato L, fu formata S. XXXIV.2 era la faccia tutto d’oro perfetto] era la faccia] lafaccia bella S; tutto d’oro perfetto] d’oro tuta prefetta L, tucta doro perfetto F, ben doro perfetto S. XXXIV.3 di] et de P. XXXIV.4 ch’a rimiralle davan] earighuardalle L, che remirallo F, che admirarelo P, che admirarla S; davan] parie L, dava FPS; gran] grande P (+1). XXXIV.5 ragion] ragione S (+1); che] de P; contata] chiamata LS. XXXIV.6 quivi n’avea bondansa] sivera inabondaza L, quivi navea co abundantia F (+1), qua avea abundanza P, li era adbundantia S; effetto] affecto P. XXXIV.7 ragion] ragione LS; pietra prezïosa] pietre preziose S. XXXIV.8 quivi n’avea bondansa] ivera innabondanza e L, quivi vera (qua era P) abundantia FP, qui era innabundançia S; copïosa] copiose S.

  • 86 Pietra preziosa dotata di particolare luminescenza (TLIO, s.v. carbonchio).
  • 87 Ho corretto il manoscritto di base, che presenta una lezione non intellegibile, probabil-mente dovu (...)
  • 88 L’ipermetria del verso offre poche possibilità di soluzione: a meno di immaginare uno splendore all (...)
  • 89 Possibile correzione è quando piú luce, che si trova in FPS.

I topasi e ’ carbonchi86 e ’ diamante XXXV
e l’oro e l’altre pietre lor dintorno,
facean la notte i raggi chiari tanti
come fa ’l sol quand’è di mezo giorno;
e ’l giorno risaltava87 per li canti
del tabernacolo uno splendore adorno,88
di tal chiaressa che non si dia vanto
il sol, quand’è piú lucente, d’esser tanto.89

XXXV om. R. XXXV.1 I topasi e’] ito pofini L, litopaçii li F, topaty e, topatii S; e’ diamanti] eidiamante F. XXXV.2 lor dintorno] aquelle intornno L, qui d. F, qua de intorno P, cherano intorno S (+1). XXXV.3 facean la notte i raggi chiari tanti] facievan loschuro luciertanti L (-1);facean] faceano F (+1), facea P, facia S; chiari tanti] chiare tante F. XXXV.4 come fa ’l sol quand’è di] chomefal sole lasul L, come fa elsole a F, como fa lo sole ad P, sichome fa losole nel S (+1). XXXV.5 e ’l giorno risaltava per li] erisprendevano pertuti que L (+1); risaltava] rifoltava M, revoltava FP, rilucia S; per li canti] per suarte FP. XXXV.6 del tabernacolo uno splendore adorno (+1)]; uno] di S (+1); splendore] sblandore P. XXXV.7 di tal chiaressa che non si dia] tanta chiareça che fare non si die S (+2); tal] tale P (+1). XXXV.8 il sol, quand’è piú lucente, d’esser tanto (+1)] illsole desere mai chiaro t. L, elsole quanto piu luce dessar t. F (+1), et lo sole quando plu luce desser t. P (+2), elsole quanto piu luce dispare t. S (+2).

  • 90 Qui il participio preso allude al fatto che il tabernacolo è poggiato su quattro ruote (supra ottav (...)
  • 91 Misura di lunghezza, che ammonta circa a 44 cm (TLIO, s.v. cubito).
  • 92 “intento” (TLIO, s.v. atteso).
  • 93 TLIO, s.v. delicato: “gradevole d’aspetto” (2.2).

Eran que’ ruoti dove tutt’era preso90 XXXVI
il tabernacul di terra levati,
sí che istava da terra sospeso
quattro cobiti91 e mezo misurati:
onde chi stava per montarvi atteso92
saliva in su tre gradi delicati93
di tal larghessa, di poco intervallo
tra l’altre e l’uno, ed eran di cristallo.

XXXVI om. FP XXXVI.1 Eran que’ ruoti dove tutt’era preso (+1); eran] erano LRS; que’ ruoti dove tutt’era preso] irotte overa tutto apeso L, quelle rote due elpeso R, quelle rote dove elpeso S. XXXVI.2 il tabernacul] delltabernacholo LRS; da] di L; levati] levannti L, levato RS. XXXVI.3 sí che istava] sicchello tenie L, si chelli estava R, sicchello stava S; da terra] tucto L. XXXVI.4 quattro cobiti e] quanto giovati in L; cobiti] ghomiti RS; misurati] misurato RS. XXXVI.5 onde chi stava] dunde estava R, onde stagiea S; montarvi atteso] moltani apeso L, montare a. RS. XXXVI.6 saliva in su tre] salie per quattro L, saliva pietre RS; gradi delicati] grandi (grande S) edilichato RS. XXXVI.7 di tal larghessa, di poco intervallo] jne estava nella sedia assedere R, delcorpo io lariccheça con intervallo S; tal] gran L; di poco] echon poco L. XXXVI.8 tra l’altre e l’uno, ed eran di cristallo] chi unque voleva elpoteva vedere R; tra l’altre e l’uno, ed eran] e decti gradi erano L, fra luno e laltro chera S.

  • 94 Ceffi: 232: […] e nella sommitade strema della faccia di sopra del detto tabernaculo, li predetti m (...)
  • 95 Cioè, la sovrastava minacciosamente (cf. infra, v. 8).

Ed era in su la stremità di sopra94 XXXVII
del tabernacolo d’oro lavorata
una figura di tanto bell’opra
c’ognon l’arebbe a Ector asimigliata:
e ’n quella parte stava volta e sopra95
ove la greca gente era atendata,
e ’n man teneva una spada gnuda
e parea a minacciarli a faccia cruda.

XXXVII om. FPR. XXXVII.1 in su] su S; stremita] sutima L. XXXVII.2 del tabernacolo d’oro lavorata (+1); lavorata] lavorato LS. XXXVII.3 di tanto bell’opra] chotanta bella opera L (+1), tanta S. XXXVII.4 c’ognon l’arebbe a Ector asimigliata] ciaschuno ade ector larie somigliato L, chogniuomo lavrebe a Hector somigliato S. XXXVII.5 e ’n quella] innquella LS; stava volta e sopra] sivoltava allora L, sta elvolto disopra S. XXXVII.6 ove la greca gente] dove ilchanpo degreci L; era atendata] era (ora S) attendato LS. XXXVII.7 e ’n man teneva una] teneva inmano una L, et nellamano tenea la S. XXXVII.8 e parea a minacciarli a faccia] laquall minacciava lor choforza L (+1), cheminacciare paria confaccia S (+1).

  • 96 Ceffi: 232: e pareva, con maraviglioso artificio del loro magisterio, che ’l corpo del detto Hettor (...)
  • 97 Luogo nel quale nessuno dei due testimoni presenta una soluzione testuale chiara: si è tenuti a imm (...)
  • 98 Vale “artefatto, finto” (TLIO, s.v. artificiato, 2).

Dietro al tabernacol si vedea96 XXXVIII
un’altra sedia allo lavoro altivo,97
e ivi artificato98 Ettor sedea,
il corpo suo di niun membro privo:
nelli atti e nella vista si reggea
di sopra sé, come se fosse vivo,
vestito di que’ drappi che portava
quand’era vivo, che si disarmava.

XXXVIII om. FP. XXXVIII.1 Dietro al tabernacol si vedea] denntro delltabercholo sivedeva L, sopra neltabernacholo sisedia R (+1), era sua neltabernaculo anchor sedia S (+1). XXXVIII.2 un’altra sedia] una sedia L, jnsullalta sedia R (+1); allo lavoro altivo] allavorio a. L, allo l. attivo M, tutta doro altivo (activo S) RS. XXXVIII.3 e ivi artificato] egli a. L, jne artifitiato R, etlli artifiçiato S; Ettor sedea] ector sedeva L, ettorre estasia (stagia S) RS. XXXVIII.4 di niun] ditutte R, di mille S; membro] venbro L, membra RS. XXXVIII.5 nelli atti e nella vista si reggea] innalto ella vista sirideva L. XXXVIII.6 di sopra sé] sopra dise LRS; come se] chome L, sichome R. XXXVIII.7 vestito] vestiti M; di que’ drappi che portava] disuoi pannj chessistava R, delipanni che esso stava S. XXXVIII.8 quand’era vivo, che si disarmava] quandoche era vivo equando sidisarmava S (+2); che si disarmava] et quando esso sarmava R.

  • 99 Vale “petto, tronco” – cf. TLIO, s.v. casso (2), 1 – e dunque “corpo”, per sineddoche (con lo stess (...)
  • 100 Vale “sede, dimora” (< dimorare; TLIO, s.v. dimoro).
  • 101 desicaro è forma del vb. disseccare, il cui significato può essere quello di “rendere secco, asciut (...)
  • 102 È il “cadere goccia a goccia” (TLIO, s.v. distillare, 4).
  • 103 Con significato astratto, “flusso, scorrimento” (GDLI, s.v. licore).
  • 104 Enjambement interstrofico.

Cosí mostrava vivo esser nel casso,99 XXXIX
e nelle contenensa in suo dimoro.100
E que’ maestri desicaro101 un vaso
di balsamo, dov’era un picciol foro,
sí che li distillava102 per lo naso
e comprendea la testa in suo licoro,103
che conservava la faccia e li denti
e li biondi capelli tenea lucenti,104

XXXIX om. FP. XXXIX.1 vivo esser] esere (dessere S) vivo LRS (+1); casso] caso LRS. XXXIX.2 nelle] nella LRS; in suo dimoro] elsuo lichoro RS. XXXIX.3 E que’ maestri desicaro un] e quell maestro dificho un L, anchora quello maesstro ordino uno R (+2), anchora quelmastro ordino un S. XXXIX.4 dov’era un picciol] chonun picholo L, che aveva uno piccholo R (+2), chavia in picciolo S. XXXIX.5 sí che li] loquale gli L, unde gli (li S) RS. XXXIX.6 e comprendea] chechonprendeva L (+1); la testa] lafaccia RS; in suo licoro] ilsuo lichore (licoro S) LS, elsuo lavoro R. XXXIX.7 che] e RS; la faccia e li denti] tuta lafaccia edenti L (+1). XXXIX.8 e li biondi capelli tenea lucenti (+1)] eibiondi chapelli eriluciennti L, esuoi biondi chapelli t. l. R (+1), elisuoy biondi chapelli t. l. S (+2).

  • 105 Soggetto dei due verbi discorrea e venia è licor, del v. 3. Ceffi: 232: Poi il detto liquore discen (...)
  • 106 Qui ossa vale genericamente “ossatura”: il balsamo scende dalla testa e attraverso l’os-satura pene (...)
  • 107 Correzione necessaria: il movimento del balsamo, che distilla dal vaso posto sopra la te-sta di Ett (...)
  • 108 Leggera aequivocatio: in arte (“perfettamente”) : arte (“artificio, espediente”).

e tutto ’l viso; e discorrea per el petto105 XL
e per l’ossa dentro dalle braccia,106
ed alle107 man venia un licor perfetto
che discendeva giú dall’ampia faccia;
di quello untume il valoroso effetto
le gambe e ’ piè conservar si procaccia:
l’ossa del corpo e ogni membro in arte
si conservavan salde per quell’arte.108

[A] XL.1: e di ciò che discende giú nel petto
XL.2: e discorre per tutte membre e braccia

XL om. FP. XL.1 e tutto ’l viso, e discorrea per el petto (+1)] edicio che disciende giu nellpecto L, ellichore chorre al (el S) valoroso effetto RS. XL.2 e per l’ossa dentro dalle braccia (-1)] ediscore pertute le menbre ebraccia L (+1), che disciendeva (discendia S) aquella bella faccia RS. XL.3 ed alle man venia un licor perfetto] et alle mani venia lichor prefecto L, et dalla ghola infino albiancho petto R, delagola ancor fine albianco petto S; ed alle] dalle M. XL.4 che discendeva giú dall’ampia faccia] chechonprende infin dalempia facia L, pertutte lossa perinfino allebraccia R (+1), pertucte lossa perfine dentro alebraccia S (+2). XL.5 di quello untume] di quellento L, diquello balsimo R (+1), diquello licore S (+1). XL.6 le gambe e ’ piè conservar si] legambe epi conservar si M, leghanbe epie dicierchar L, lemani epiedi aconservare R (+1), lemani eipiey aconservare S. XL.7 l’ossa del corpo e ogni membro in arte] chosi delchorpo ciaschun membro e parte L; in arte] a parte RS. XL.8 si conservavan salde per quell’arte] siconservavano perpropia quella arte RS; conservavan salde] chonservava saldo L.

  • 109 Ceffi: 233: […] compiuto il lavorio del detto tabernaculo, intorno al suo giro ordinarono una chius (...)
  • 110 Legno di ebano (TLIO, s.v. ebano).
  • 111 “tenuta insieme da chiodi”, cf. TLIO, s.v. chiavato (2), 1.

Cosí compiuto il tabernacol bello109 XLI
sí li ordinar intorno una chiusura
di libano,110 e era a guisa d’un cancello,
lavorata e chiavata111 per misura:
e poteasene aprire uno sportello
acciò che sí potesse con piú cura
chi ’l corpo d’Ector volea visitare
aprire lo sportello per me’ guatare.

[A] XLI.4: lavorato con chiovi per misura

XLI om. FP. XLI.1 compiuto] perpunto L, fornito RS; tabernacol] tabernacholo L (+1). XLI.2 sí li ordinar intorno] sillordino dintorno a L, fu ordenato (si ordenaro S) dentro RS. XLI.3 di libano, e era a guisa d’un] debano etera aghuisa duno L (+1), di (da S) libano era amodo (adghuisa S) duno RS. XLI.4 lavorata] lavorato LR; e chiavata per] chonchiovi per L, e serrato oltra R, e richiavata per S (+1). XLI.5 e poteasene] potevasene L. XLI.6 sí potesse con piú] non sentrasse sença R, sentrasse chonpoca S. XLI.7 chi ’l corpo d’Ector volea] et chi elcorpo (chelcorpo S) di ettorre RS; volea] volie L. XLI.8 aprire lo sportello per me’ guatare (+1)] aprie losportello peme lenntrare L, volesse meglio vi (ci S) potesse entrare RS.

  • 112 Ceffi: 233: Onde lo re Priamo ordinoe nel detto tempio grande famiglia di sacerdoti, accioché conti (...)
  • 113 “non aveva imperfezioni, non era rovinato” (per questa accezione, cf. le attestazioni della voce ma (...)

Ed ordinò lo re quivi gran gente112 XLII
di vergini e di molti sacerdoti:
c’orazion faciesson continuamente
alli dii, ferventissimi e divoti;
e diè loro una entrata competente
unde potean richi viver toti:
e anche da costoro era guardato
il tempio, che non era macolato.113

[A] XLI.3: c’onor facevan continualemente
XLI.4: alli dii, serventissimi e devote

XLII om. FP. XLII.1 Ed ordinò lo re quivi gran] et poi lore ordino mollta L, ordino elre gram quantita di RS. XLII.2 di vergini e di molti] comolti rileggiosi e R; di molti] molti S. XLII.3 c’orazion faciesson] chonor facievan L, con (et in S) orationi RS; continuamente] chontinualemente L. XLII.4 alli dii] lidetti RS; ferventissimi] serventissimi LRS. XLII.5 e diè loro una] et daloro una L, ede alloro R, et diede loro S. XLII.6 unde potean richi viver toti] et molto benn potevan u re moti L, u. potevano vivare ricchi tutti RS (+2). XLII.7 e anche da costoro] e dachostoro si L, et ancho dasacierdoti R. XLII.8 era] fusse R.

  • 114 sobría è sobria, con avanzamento dell’accento, nell’accezione di “misurata”, “controllata nell’espr (...)
  • 115 L’interpretazione di questo luogo non è chiarissima: il significato del termine bria sem-bra essere (...)
  • 116 Ho corretto la lezione dell’estense data l’economicità dell’intervento (si spiega con una confusion (...)

Poi tutto ciò composto per ragione, XLIII
i·re con tutta quella chericia
fecioro una divota processione
colla mente e coll’anima sobría114
allo tempio di Timbra e di Giunone,
d’Apollo, e ivi stanno, e della bria115
pregando ognuno con preghi efficace
ché l’amma116 d’Ector sia condutta in pace.

XLIII om. FPR. XLIII.1 Poi tutto ciò composto per] etucto questo chonposto e L, poy che fu posto tucto per S. XLIII.2 i·re con tutta quella chericia] re comti e baroni elacherichiria S (+1). XLIII.3 fecioro una divota] sife una d. L, feciero imsieme una S. XLIII.4 colla mente e coll’anima sobría] almodo della chustumera L (-2), chon lamenti terribili e pien dombria S. XLIII.5 allo tempio di Timbra e di Giunone] alltennpo dapollo edicienone L, al t. di tibrayca e di iunone S. XLIII.6 d’Apollo, e ivi stanno, e della bria] onesta mente qualuque vigia L, dappollo di vesta e lambria S (-1). XLIII.7 pregando ognuno con preghi efficace] ciaschuno preghando chon p. e. L (+1), pregando ciaschuno molto efficace S. XLIII.8 amma] anima M (+1); d’Ector] di hectorre S (+1); sia conducta] chonservi LS.

  • 117 Per il significato, cf. la nota a III.2.8.
  • 118 “alleanza politica o militare” (TLIO, s.v. amistà, 6).
  • 119 Esempio di verso in cui l’ipermetria non è sanabile attraverso sottrazione, ma richiede una differe (...)

Cosí ciò fatto, che ’l mio dir ragiona, XLIV
le dette cose con solennitade,
Priam con ventidue re di corona117
e con tutt’i guerrieri dell’amistade118
e dietro a lor ciascuna altra persona,
maschi che si trovar nella cittade,
andar al tempio d’Apollo a far offerta119
che l’amma d’Ector in ben si converta.

XLIV om. FPR. XLIV.1 Cosí ciò fatto, che ’l mio dir] cosí fu facto (feciero chosi S) chome il mio dire LS (+2). XLIV.2 con] om. L (-1). XLIV.3 Priam con ventidue] priamo chon vennti gra L, et re priamo con dodici S (+2). XLIV.4 e con tutt’i guerrieri dell’amistade (+1)] echonn ghuerieri della lor maestade L, et tucti quelli diloro amistade S. XLIV.5 e dietro] dirieto S; a lor] allui LS; altra] om. S. XLIV.6 maschi che si trovar nella cittade] maestri che sitrovaro per lacittade S (+2); si trovar] setonar L; cittade] citta L. XLIV.7 andar al tempio d’Apollo a far offerta (+1); andar] andare L, giro S; a far] edar L. XLIV.8 che l’amma d’Ector in ben si converta] chellanima dettor innben c. L, accio che lanima sua sia ben coverta S (+1).

  • 120 Ho corretto imaginate di M con imaginare, l’infinito è richiesto da diesi (e dalla rima), e si trat (...)
  • 121 Non chiaro: in contrapposizione a signori del v. precedente, può valere come “apparte-nente al ceto (...)
  • 122 L’aggettivo priore è utilizzato in un senso vicino a quello, indicato nel GDLI, di “dotato di quali (...)

E diesi qui, signori, imaginare120 XLV
(ogn’intelletto c’ha tanto vedere)
li re e li baron di grande affare
che in quel giorno fuor a offerere;
ché serien disdicevoli a istimare
il gran tesoro che dovea valer’e
l’oferta che vi fecier que’ signori,
e’ mezan121 ch’era ’n vie co’ cuor priori.122

XLV om. LFP. XLV.1 E diesi S] edisse M, madebbasi R (+1), ordiesi S; imaginare] imaginate M. XLV.2 c’ha tanto] che tanto a RS. XLV.3 li re e li baron] gli re e lli (om. S) baroni RS. XLV.4 che in quel] che in quello RS; fuor] andaro RS. XLV.5 ché serien disdicevoli a istimare] che sarebbe incredibile a stimare (ad extimare S, +1) RS. XLV.6 il gran tesoro che dovea] elgrande tesoro che doveva R (+2). XLV.7 vi fecier] vifero RS. XLV.8 e’ mezan ch’era ’n vie co’ cuor priori] si limeççani et ancho liminori RS.

  • 123 Vale “aspetto, fattezze” (GDLI, s.v. pelle). Si tratta di un inciso, in cui il canterino, dopo aver (...)

Poi l’altro giorno offerse la reina XLVI
e menò seco le fillie e le nuore;
e tutte l’altre donne, la mattina,
ch’erano in Troia con divoto cuore,
(chiunque era di pelle123 feminina
o badess’a lor modo, o altre suore):
quest’ofrien ghirlande, drappi e anelle
d’oro e d’argento e altre gioie di perle.

XLVI om. FP. XLVI.2 e menò seco] meno chonseco L, menando seco RS; le fillie e le nuore] le figluole elle nuore RS (+1). XLVI.3 e tutte l’altre donne, la mattina] et qualunque era dipelo (chinche era dipelle S) femminina RS. XLVI.4 ch’erano in Troia con divoto cuore] abbadesse menando leloro suore R (+1), abbadessa allora mando o altre sore S (+1). XLVI.5 chiunque era di pelle feminina] ciaschun vifu grande epiccholine L, et tutte laltre donne lamattina RS. XLVI.6 o badess’a lor modo] abadese alloro modo L (+1), che erano introia condivoto chuore RS. XLVI.7 quest’ofrien ghirlande, drappi e] chostoro ofersono grillade e L, lequali offersero grandi ericchi R (+1), quali offessero drappi e chi S. XLVI.8 d’oro e d’argento e altre gioie di perle] et chi argiento oaltra cosa bella R, oro o argiento o altra cosa bella; e altre gioie di perle] chose molte belle L.

  • 124 Ha il significato, neutro, di “differenti”, cf. TLIO, s.v. estraneo, 4. Cf. If XIII, 15: fanno lame (...)
  • 125 Vale “in tempo”.
  • 126 Lo scaggiale (o piú spesso scheggiale) è una “cintura di cuoio o di tessuto pregiato”, spesso ornat (...)

Que’ re parenti e li baron lontani XLVII
che venir non poter con lor persone
si lamentavan co’ lamenti strani,124
perché non vi sarien giunti a stagione,125
ma qui presentaron doni sovrani:
e ta’ che vi mandavan le corone,
tal palafreni e tal destrieri reali,
e le lor donne cinture e scaggiali.126

XLVII om. FPR. XLVII.1 Que’ re parenti e li] ire parennti alltri L; Que’] li S; baron] baroni S (+1). XLVII.2 che venir non poter con lor] che venire nonpotevan conloro S (+3); poter] potian L. XLVII.3 lamentavan] lamentava S. XLVII.4 non vi sarien giunti a stagione] noneran giunte allestagione L, nonsarien gionti alastagione S. XLVII.5 ma qui presentaron doni] equesti limandar doni L, ma mandavanci doni richi e S (+1). XLVII.6 e ta’ che vi mandavan] et al ce vi mandava L, et tale che cimandavano S (+1). XLVII.7 tal palafreni e tal destrieri reali (+1); tal palafreni e tal] tall palafreni e L, tali palafreni e tali S (+3). XLVII.8 e le lor donne] ledonne le L, eleloro donne S (+1); cinture e scaggiali] ginture eschastali L.

  • 127 Ebbe è qui impiegato impersonalmente, alla francese, “vi fu”; afar vale “circostanza, si-tuazione”, (...)
  • 128 Verso non chiaro nel dettaglio della lettera (e con rima imperfetta), sebbene di misura metrica cor (...)

Ebbe in questo afar127 dilazïone XLVIII
di termine di tempo ben duo mesi;
e·re in questo mezo, per ragione,
quardava Troia e ’ di fuora paesi,
dove potea usar sua gente fine,128
che dalli Greci non eran contesi:
porti di mare e roche, e belle ville,
nel territor di Troia piú di mille.

[A] XLVIII.5: dove potea usar giurisdizione

XLVIII om. LFP. XLVIII.1 Ebbe in questo afar] et ebbe (ebbe S) questo fatto (adfare S) RS. XLVIII.2 ben duo] di sei RS. XLVIII.3 e·re] elre R. XLVIII.4 quardava] guardava RS. XLVIII.5 dove potea usar sua gente fine] vone epoteria usare giuritione R (+1), ove poteva usare iuriditione S (+1); usar] usar star M. XLVIII.6 non eran] non gli era (erano S, +1) RS. XLVIII.8 territor] tenitoro RS.

  • 129 Immagine suggestiva, quella dei Greci scoraggiati e fiacchi come se nel campo circolas-se un’epidem (...)

Similemente i Greci erano atenti XLIX
a far la guardia lor meravilliosa;
e non si ralegravan, quelle genti
per c’avesson vittoria sanguinosa:
nel campo avean la sera fuochi spenti
e stavan come moria129 dolorosa.
Cosí temean di venir alle mani
co’ Greci, e Greci temevan de’ Troiani.

XLIX om. LFP. XLIX.2 a far la guardia lor] affare la guardia (laguerra R) loro RS (+2). XLIX.3 ralegravan] rallegravano RS (+1). XLIX.4 per c’avesson] per avere la R (+1), perche avessero la S (+2). XLIX.5 nel campo avean la sera] echampi erano lasera con R (+2), licampi erano lasera coli S (+3). XLIX.6 e stavan come moria dolorosa] come lagiente quale epaurosa RS. XLIX.7 Cosí temean di venir] cosi temevano divenire R (+2), chosi temevano venire S (+1). XLIX.8 co’ Greci, e Greci temevan de’ Troiani (+1)] gli (li S) greci et simile mente litroiani RS (+1).

Signor, io vo’ far qui silensio e punto L
e piú non prolungare questo cantare:
però ch’io son cantando in parte giunto
che del tutto non posso seguitare.
Onde preghiamo Dio che quel defunto
troiano Ettor li piaccia perdonare:
se perdonò giammai a nessuno pagano
si ponga in pace quel baron sovrano.

L om. FP. L.1 Signor, io vo’ far qui silensio e] sinngniori inntendo voler far qui L, signiori io fatto (faccio S) qui solenne RS. L.2 e piú non prolungare questo cantare (+1); e piú non prolungare] epiu voprolunghare L (+1), perpiu non allonghare RS. L.3 però ch’io son cantando in] pero chio sono intal L (-1?), che io chantando sono in R; son] non M. L.4 che del tutto non posso] eora allpresente nonvo L, che io al tutto non posso RS. L.5 onde] pero L; che quel] per quello R (+1), chaquello S (+1). L.6 troiano Ettor li piaccia] troiano ector degia L, ettorre troiano glidebbi R (+2), hectorre troyano debba S (+1). L.7 se perdonò giammai a nessuno pagano (+1)] seperdono mai anighun paghano L, semai perdono anissuno paghano RS. L.8 si ponga in pace quel] siperdoni adector L; quel baron sovrano] quello barone sovrano R (+2), quel barone sovrano S (+1).

Notes

1 La serie delle rime in sede A è dantesca, da Pg XXVI, 95-9; cosí come nell’ottava II è riu-tilizzata in sede B la serie dantesca battesmo: cristianesmo : medesmo di If IV, 35-9.

2 La ripetizione del verbo spirare, come nota Carbonaro 1991: 358, indica che la facoltà di proporre al pubblico la storia attraverso le rime graziosissime e leggiadre perviene al canterino non direttamente da Dio, ma per il tramite della Vergine; quanto poi alla lezione di L, la richiesta a-vanzata dal canterino non può essere quella di spirare la memoria nel petto della Vergine (nel petto tuo): ho quindi corretto tuo in mïo, sulla scorta delle indicazioni della tradizione indiretta.

3 avene è forma scempiata, e senza dittongamento, della III persona dell’indicativo di avveni-re; per il significato nella forma riflessiva, cf. TLIO, s.v. avvenire (1), 3, “addirsi”; ho conseguen-temente corretto il ms. di base integrando una a verosimilmente scomparsa per aplografia.

4 La consistenza del testo è variabile: M è mancante delle prime 12 ottave, fatta eccezione per due frammenti delle ottave 5 e 6; analogamente, L manca dell’ottava 5, cosí come lacune piú evidenti si verificano per i mss. del Troiano e della Fiorita. Indico all’inizio di ogni ottava eventua-li omissioni. Rammento che, in assenza di M, il manoscritto di base è L.

5 La serie di rime è di If IV, 35-39.

6 Qui con valore avverbiale, “abbondantemente esperto”, cf. TLIO, s.v. copioso, 3.

7 TS IX.43: Virgilio parla ben de questa parte | de questo forte reprendendo Achille | dicendo: «Achil-le, malanagia quel’arte | che t’ensinò Chiron in quelle ville, | dove studiasti et adorasti Marte | e la tua madre nata de Sibille | quel malicioso colpo de gran pondo | ch’occise el fior di cavalier del mondo».

8 Forma di imprecazione poco attestata e, come suggerisce il GDLI, piú tipica della lingua meridionale (s.v. mannaggia); nel Tristano Riccardiano (Parodi 1896, cap. 80, dati corpus OVI), è co-munque presente la forma malaggia.

9 Minimo intervento: tue di L è scorretto, probabilmente per confusione paleografica; due (“dove”) è forma tipica dell’usus scribendi del copista di L.

10 Ceffi: 229: Poiché fue morto Hettore, e recato il suo corpo nella cittade di Troia, grandissimo pianto vi si fece, e universalmente piansero li cittadini; imperoche non v’era alcuno cittadino, che innanzi non havesse conce-duto il suo figliuolo alla morte per la vita d’Hettore, sí l’amavano […].

11 Ho corretto l’erronea indicazione del ms. L, che reca 1/2 in luogo di terzo (che trovo correttamente in R).

12 In M la scrizione è leggibile su un’unica parte di carta superstite alla caduta, dove com-paiono (lacunosi) l’ultimo verso dell’ottava IV ([…] ta morto fratel mio […]), e le ottave V e VI.

13 Cf. TLIO, s.v. divellere: il verbo può valere tanto “dilaniare” (1.1), quanto “uccidere” (1.2.1).

14 Possibile restauro della res metrica eliminando già, o mutando figliuoli in figli. O ancora, non impossibile una sineresi in Priàmo bisillabo.

15 Anche qui, l’ortometria non può essere eliminata per semplice sottrazione, ma richiede una sostituzione (ad esempio, cadde sul, come propongono FS).

16 Anche qui, l’ottava di M si legge su un frammento di carta superstite alla caduta, cf. la nota a IV.4.8.

17 Eco dantesca, cf. Pg II, 55-57: Da tutte parti saettava il giorno | lo sol, ch’avea con le saette conte | di mezzo ’l ciel cacciato Capricorno.

18 La lezione di L rubesto (“energico, vigoroso”, GDLI) è da respingere perché non rispetta la res rimica, in una serie che oltretutto è dantesca. La sequenza di rime specchio : rubecchio : vecchio è di Pg IV, 62-66 e, se nel testo dantesco si tratta di un aggettivo (“rosseggiante”), qui il rubecchio è la “ruota dentata” del mulino (GDLI), e offre quindi una combinazione migliore con la parola mulino, richiedendo solo un minimo intervento sulla sintassi: che ’l mulino > che ’n mulino. Qui il Troiano, come si vede dall’esame della varia lectio, è lettore migliore rispetto a L, con cui peraltro spesso concorda. Quella del mulino, come spesso avviene per il laurenziano, è un’immagine la cui referenzialità va cercata nella quotidianità della vita contadina.

19 L’azione di Priamo di stracciarsi le vesti e di piangere è compiuta, nella fonte, dai perso-naggi della corte, cf. Ceffi: 230: Il corpo d’Hettore tutti li regi, e li nobili ch’erano venuti a difender Troia, il portarono al palagio del re Priamo con le vestimenta stracciate, e col capo scoperto, e con stridente pianto il posa-rono ivi.

20 Per estensione, è la “cerchia delle mura”, cf. TLIO, s.v. chiostro, 5.1.

21 “provare intima agitazione, resa manifesta da tremori”, cf. TLIO, s.v. fremire, 2.

22 Il testo, in L corretto metricamente, presenta una stortura della sintassi per la presenza di a: corretto accanto a indossi nell’espressione indossi a, tuttavia genera un anacoluto perché lascia il verbo stracciandosi del v. precedente senza un soggetto. Carbonaro 1991: 338 stampa la lezione di R, a mio avviso senza migliorare il testo, perché mantiene il complemento di termine e, dun-que, l’anacoluto. La proposta testuale qui pubblicata altera in modo minimo la lettura del ms. di base (a > e’) restituendo un soggetto e, in enjambement (insino giuso | indossi), una lectio difficilior, es-sendo le vesti indossate insino giuso (ad esempio i mantelli) vesti tipiche dei personaggi nobili qui descritti (re, conti e gran baroni).

23 Vale “scapigliate” (GDLI, s.v. scapellato).

24 Dolore “crudele” (TLIO, s.v. alpestro, 1.2.3.1); la forma alpresto è metatetica, cf. supra, no-ta a II.20.4.

25 La lettura di L, mufaccio, è certamente erronea e rivela con ogni probabilità il guasto della lezione originaria come faccio, come si osserva dalla lettura degli altri manoscritti.

26 Verosimilmente, al plurale, come talvolta attestato nel corpus OVI.

27 Verso credo irrimediabilmente ipometro, che cosí come si presenta può essere aggiusta-to solo attraverso una combinazione improbabile di dieresi (asaï) e dialefe tra duca e e. Suggerirei, piuttosto, l’inserzione di un con, che è tra l’altro offerta dalla varia lectio di Troiano e Fiorita.

28 Letteralmente è “ciò che è donato” (cf. TLIO, s.v. donaggio); se consideriamo che uno dei significati di coverto è “difeso” (TLIO, s.v. coperto, 4), l’espressione indica qui che il corpo dell’eroe è protetto da una scorta di cavalieri.

29 Cf. supra, nota a III.47.6.

30 Forma dissimilata per “ritroso”, vale semplicemente “dietro”, seguivano cioè il feretro.

31 Sorta di “stoffa” molto pregiata (stoffa di “fiandra”, che prende il nome dalla città di Douais, dov’è prodotta, cf. TLIO, s.v. doagio), qui vale “sudario” (GDLI).

32 Qui può valere anche, per estensione, “pregiato, di ottima fattura” (GDLI, s.v. alessandrino).

33 La fonte del lamento per la morte di Ettore è perlopiú Binduccio che, come notato in Mantovani 2013: 135-6, ne presenta tutte le sequenze (e pressoché nello stesso ordine), anche se, per questa parte, nel testo del IV cantare risultano nel complesso scarse le coincidenze lessicali con la fonte. Di contro, Ceffi liquida in poche righe il lamento, manifestando il proprio disinte-resse; cf. Ceffi: 230: Or dunque che si dirae della reina Hecuba sua madre, e delle sue sirocchie, cioè di Polise-na, e di Cassandra? Or che si dirae ancora d’Andromaca, le quali la fragilitade della loro natura le fece piú in-chinevoli a gl’angosciosi dolori e lagrime fluviali, e a lunga doglienza di lamenti? Veramente le loro lamentagioni singolari non si specificheranno al presente: peroché per lunghi sermoni non si potrebbono contare, e peroché non sono utili, sotto brevitade le trapassiamo.

34 “sofferenza”: TLIO, s.v. disagio, 1.

35 Da intendere come variante di acozzato o accozzato, “unito” (cf. TLIO, s.v. accozzato, 2), con il consueto passaggio z > s tipico del manoscritto estense.

36 “sei volte tanto”; la lezione di M, certamente non molto chiara, si comprende dall’osservazione della varia lectio, che curiosamente segue qui L (duo, dunque “due volte tanto”).

37 per l’aria di L sembra inautentico, laddove la varia lectio è concorde su are/aire, che con-serva la rima. Ho reso visibile comunque il verbo tremare di L, con cui concordano gli altri ma-noscritti.

38 Binduccio (Gozzi): 356: Bello mio figliuolo, parlate a me, ch’io non credo niente che voi siate morto. Voi fate male che voi non mi parlate. Uprite li vostri occhi e riguardate a me, io ve ne pregho, bel dolce figliuolo; ma voi no li potete uprire, io lo veggio bene […]. Bel dolce figliuolo, or veggio io vermeglia la terra di vostro san-gue. Hay bel dolce figliuolo, com’io veggio vostro viso palido e scolorato, ch’era sí bello! Bel dolce figliuolo, ch’eravate valente sopra tutti, che farà ogiumai lo re Priamo?

39 Dall’osservazione della varia lectio di L, si nota, a conferma della tendenza dei copisti di cantari a rielaborare la materia, che il laurenziano, rispetto a M, inverte il primo emistichio di questo verso con il primo emistichio del v. 1 nell’ottava successiva.

40 Ho accolto a testo la proposta di tutta la tradizione contro M, che presenta una lezione sintatticamente corretta (viso d’orto) ma semanticamente poco chiara (è un’espressione, inoltre, che non ha alcuna attestazione che la conforti); di contro, l’espressione giglio d’orto gode di nume-rose attestazioni specie all’interno della tradizione laudistica (nel Laudario urbinate, nelle Laude cor-tonesi, nel Laudario dei Battuti di Modena, dati corpus OVI); in Branca 1936: 17, l’espressione è ripor-tata letteralmente, anche se ricondotta alla descrizione di personaggi femminili; in Cabani 1988: 105, il paragone con il giglio (che generalmente indica “purezza”), è inserito tra i termini di para-gone di chiara ascendenza lirica.

41 Espressione leggermente anacolutica: il “dolore” dovrebbe avanzare ogni altro dolore, oppure “quello di ogni altra donna”; qui invece manca qualcosa: non avendo l’assoluta certezza che si tratti di una lettura non autentica, ho conservato a testo la lezione dell’estense, eviden-ziando nella prima fascia di apparato la lezione di L, a tutti gli effetti migliore.

42 Intervento minimo sul manoscritto di base: torrai è scorretto, poiché il soggetto del ver-bo è la tua bella persona del v. 8. Qui leggono correttamente L e F, con un verbo alla III persona.

43 Ricordo dantesco, è la bella persona di If V, 101.

44 44 Troia è spesso monosillabo, secondo un artificio che risale alla poesia delle origini; cf., per la tipologia e gli esempî, Menichetti 1993: 293-4.

45 TS IX.52: Poi s’arechava in bracio i soi figlioli | e se gli ponea al petto del so padre | dicendo: «padre che abraciarli soli | poi che tracto havevi l’arme legiadre | hora gli lassi in angosciosi doli | al petto afflicto de misera madre. | O misera me, che ben te lo disse | che in questo giorno al stormo non gisse».

46 TLIO, s.v. sibilla, 1.4.1: “indovina”.

47 Piú lineare, indubbiamente, la lettura del laurenziano e, sulla sua scia, del Troiano e della Fiorita; conservo a testo comunque la versione di M che, sebbene meno intellegibile, non è però erronea: s’intenda, con iperbato all’inizio del verso 3, “che molto dinanzi li avea parlato la di-struzione […]”; la lezione dell’altro testimone è comunque resa visibile. Sull’uso del verbo parlare con oggetto diretto, cf. Ageno 1964: 47. Un minimo intervento ex libro è necessario poi al v. successivo, dove M legge troi ella, con confusione paleografica a/e.

48 Possibile la correzione (come segnalo nell’apparato) tanti > tai, che è quella del resto del-la tradizione.

49 Enjambement interstrofico. Si ha in questa ottava un accumulo di echi danteschi: la serie rimica villa : distilla è in If XXIII, 94-96 (al v. 94 l’espressione usata da Dante è, inoltre, la gran vil-la), mentre l’uso della parola-rima distilla associata alle lacrime è in Pg XV, 94-95: Indi m’apparve un’altra con quell’acque | giú per le gote che ’l dolor distilla. L’espressione pietosi e acerbi ricorda Pg XXX, 81: sente il sapor de la pietade acerba.

50 Il valore di perché è qui sfumato da un valore causale a un piú attenuato valore soggetti-vo; sull’uso di a al v. successivo, De Felice 1960: 217-9 segnala l’ambivalente valore direttivo-locativo che la preposizione ha nell’italiano delle origini.

51 Errore di perseveranza nell’estense, che copia (senza poi correggere) l’incipit del verso precedente.

52 “essere necessario, e. volontà divina” (TLIO, s.v. convenire, 4.4.1), qui costruito con il semplice infinito.

53 Correggo M, poiché mantenendo a testo quando si crea un anacoluto logico (non ha sen-so dire “quando la tua persona aveva piú forza”, considerato che Ettore è morto) e sintattico (per la successione dei verbi).

54 Ricordo dantesco esplicito, di Pg XI, 138: si condusse a tremar per ogni vena.

55 Femminile singolare, è un “indumento fatto di tessuto o un filato tinti nella porpora”, cf. TLIO, s.v. porpora, 2.3; il valore economico del capo denotava, si legge sempre qui, il rango sociale di chi lo indossava. Qui dunque “aveva strappato via il ricamo dorato dalla ricca veste”.

56 Possibile l’espunzione di tu, in definitiva non necessario.

57 Ho corretto il manoscritto di base perché con ogni probabilità si tratta di un’anticipazione del colore del v. successivo: il viso di Elena è infatti “impacciato” dal dolore, non certo dal colore, visto che al v. immediatamente precedente il canterino descrive un viso bellissi-mo che rendea sprendore.

58 Il gerundio ha qui forse un valore leggermente concessivo, piú che di semplice inciso: quasi che qui, in una sovrapposizione di voci che nasce probabilmente dalla performance, il cante-rino si stia calando nel personaggio di Elena.

59 Notevole l’uso, da parte del canterino, del termine “tecnico” lamento.

60 Cf. If VI, 21: volgonsi spesso i miseri profani (con profani che rima con mani al v. 19); il cante-rino riprende anche il senso dantesco della dittologia sinonimica, che varrà pertanto “miseri ma-terialmente e moralmente”.

61 Cf. Ceffi: 229: non c’era alcuno cittadino, che innanzi non havesse conceduto il suo figliuolo alla morte per la vita di Hettorre; qui il canterino trasforma la notazione piana della fonte in una serie di nota-zioni parallele basate su opposizioni binarie (Carbonaro 1991: 402).

62 Errore isolato di M, che scioglie la dittologia aggettivale: accidente è qui privo di significato.

63 Infinito preposizionale (con valore finale) che dipende dall’aggettivo tanto; sull’uso, cf. Ageno 1964: 225-7 e le indicazioni fraseologiche in TLIO, s.v. a (2), 13.

64 Distico dal significato non chiarissimo, e dalla ricostruzione impegnativa: per quanto ri-guarda il significato, può trattarsi di un inciso in cui il canterino indica agli astanti l’esatto luogo dove si trovava a Troia il tempio di Apollo; meno probabile mi pare che il canterino descriva l’ombra che, al tramonto (in quel tempo), il tempio di Apollo riversa sui Troiani in processione, vi-sto che come si dice al v. 3 è celato al dí ’l chiarore. Ho corretto anzitutto l’ipometria dell’estense con un verbo all’imperfetto (faceva), cosí come all’imperfetto è il verbo del v. 7 nel laurenziano. Un errore, di minore entità (si tratta di un lapsus paleografico, con scambio t/c) è già nella fonte, poiché Ceffi: 231 legge Cimbrea (allogarono il detto corpo nel Tempio d’Apollo allato alla porta Cimbrea della cittade di Troia) e non l’ho corretto (sia nel Roman de Troie sia nella Historia destructionis Troiae si afferma che il tempio di Apollo si trova presso la porta “Timbrea”). La riprova della difficoltà di questo distico è nell’estrema confusione che caratterizza la varia lectio: nella ricostruzione in fascia A del distico di L ho segnalato con una sottolineatura (come faccio per l’apparato critico nei casi di deviazione dall’ortometria) le possibili ricostruzioni di verso e rima.

65 Ho reso evidente nella prima fascia la lettura del laurenziano, che pure restaura la corret-ta misura del verso offrendo però un ritmo assai difficoltoso, con un accento di 4a ribattuto.

66 Sono le “usanze” (TLIO, s.v. costuma, 2), metaplasmo nominare sulla base del fr. costume (Cella 2003: XXIX).

67 Francesismo: “camera”, la cui grafia riproduce «la forma francese passata dall’affricata alla fricativa» (Cella 2003: 111). In proposito Hope 1971: 127 osserva che «Bezzola considers it to be a purely literary borrowing, probably of a transient nature, but the number of examples and the pejorative (euphemistic) usage show that it was well established for at least two centu-ries and that it actually had a place in everyday speech». L’osservazione di Hope, nota Carbonaro 1991: 405, supporta l’impressione che i gallicismi impiegati nel testo siano soltanto i piú comuni e affermati. La forma con sibilante iniziale è attestata nel San Gradale fiorentino (dati corpus OVI). Sull’uso in poesia, nota sempre Cella (ibidem) che le attestazioni trecentesche, lontane cronologi-camente e culturalmente dal periodo di vivacità nell’impiego della voce, si spiegano come recu-peri arcaizzanti.

68 L’espressione, cosí come la si legge nell’estense (dolente campestro), non sembra avere mol-to significato: campestro è prevalentemente un aggettivo, e conosce solo attestazioni molto rare come sostantivo, e sempre con il significato di “campagna”; ho preferito quindi accogliere la le-zione di L, capestro, il cui significato figurato è quello di “stato di soggezione” (TLIO, s.v. capestro, 2), ed esprime dunque bene lo stato di sottomissione di Priamo al dolore. Cf. Ceffi: 231: Ma im-percioché del nobile Hettore non era rimasto se non il morto corpo, e sí come elli è propria cosa dell’humana fragi-litade non si poteva conservare sopra terra senza corruzione, lo re Priamo investigoe per lo consiglio di molti maestri, se lo predetto corpo senza chiusura di sepoltura si potesse sempre conservare nell’aspetto degl’huomini in tale maniera che, cosí morto, quasi vivo per similitudine paresse, sensa alcuno spaventevole odore […].

69 Rima imperfetta; l’espressione pericol sinistro anticipa quanto sta per essere detto ai vv. successivi.

70 Ho evidenziato nella prima fascia la lettura del laurenziano, analoga nella sostanza ma con un ritmo differente; il resto dei manoscritti qui segue però la lettura dell’estense.

71 Vale “marcire”, con buona attestazione nel corpus OVI.

72 Originariamente “ramo”, indica poi lo scettro, in quanto “segno e simbolo di comando (TLIO, s.v. bàcolo); qui vale, metonimicamente, “comando”. La fonte, nel relativo silenzio della Storia di Troia di Binduccio, è qui quella ceffiana; cf. Ceffi: 231: Li predetti maestri edificarono uno ta-bernaculo di convenevole spazio allato al grande altare del detto tempio, […].

73 “aguzzare”, cf. TLIO, s.v. assottigliare, 6.

74 “disporre”, cf. GDLI, s.v. ordinare.

75 La serie di rime è di Pd X, 4-8 (v. 8: dove l’un moto e l’altro si percuote); a completare la serie di richiami, a breve distanza (v. 10) compare la parola maestro.

76 Ceffi: 231: il quale tabernaculo si reggeva per quattro colonne d’oro purissimo fondute, & in ciascuna di queste colonne era fermata una immagine rappresentante l’aspetto d’un angelo.

77 Verbo concordato al plurale con il soggetto logico collettivo (le quattro colonne); il lau-renziano, evidenziato in fascia A, presenta la normale concordanza soggetto-verbo.

78 Alternativa la lettura del laurenziano, che ho reso visibile in fascia A; per poco vale come “quasi”, in entrambi i manoscritti; atteggiato vale, secondo il TLIO, come colui “che è nell’atto di fare qualcosa, che mostra un determinato comportamento”; qualcosa di piú aggiunge il GDLI, “colui che si muove in modo espressivo”, o ancora “che rivela attraverso l’espressione un sen-timento o una passione”: il significato dell’aggettivo in M dev’essere (considerando anche il sen-so complessivo dell’espressione nel laurenziano, ovvero che queste statue sono, in virtú della lo-ro fattura, quasi vive) una combinazione di questi ultimi due significati; propii, infine, è aggettivo usato in senso avverbiale.

79 “turiboli, incensieri” (TLIO, s.v. turibolo).

80 L’ottava è un buon esempio del comportamento deteriore del laurenziano, che anzitutto non rispetta la rima del v. 1 (capitelli/chapitoli), quindi inverte il v. 4 con il v. 5, anticipando al v. 4 il contenuto del v. 8; il tutto, senza porre alcuna attenzione al sistema delle rime. Ceffi: 231: […] e colonne habienti piedestalli, e capitelli con maravigliosi intagli.

81 Sinonimo di intagli; nel Vocabolario della Crusca (s.v. storia, IV edizione), è segnalato il significato di “pittura o scultura (qui, bassorilievo) che rappresenta un avvenimento”, donde il vb. istoriare; inevitabile il ricordo dantesco di Pg X, che impiega tanto il sostantivo storia (v. 52, i-storia, v. 71) quanto il participio storïata (v. 73).

82 Per la forma con aferesi, cf. TLIO, s.v. abbondanza.

83 Ceffi: 231: La faccia del detto tabernaculo avvegna che tutta fosse d’oro, nondimeno tutti li suoi ador-namenti erano di pietre preziose di ciascuna generazione, in quantitade d’infinita abbondanza.

84 Locuzione avverbiale, segnalata in TLIO, s.v. effetto, 1.5, “effettivamente”.

85 “genere, qualità, varietà” (GDLI, s.v. ragione, 27).

86 Pietra preziosa dotata di particolare luminescenza (TLIO, s.v. carbonchio).

87 Ho corretto il manoscritto di base, che presenta una lezione non intellegibile, probabil-mente dovuta da un fraintendimento paleografico sa/fo; mi sembra meno economico pensare che la scrizione del manoscritto nasconda un rifolgeva, oltretutto non attestato. Il termine vale “distinguersi”, in senso fisico (cf. l’attestazione nell’Ottimo, dati corpus OVI: Questi raggi significano la grazia di Dio, li quali dagli occhi di Beatrice rifratti, e risaltati agli occhi, cioè allo intelletto di Dante, il fanno intendere oltre l’usato modo umano). Ceffi: 231: Lo splendore della luce, e della chiarezza delle dette colonne, mostrava di spargere la notte il lume del giorno, e lo die i raggi del sole.

88 L’ipermetria del verso offre poche possibilità di soluzione: a meno di immaginare uno splendore alla maniera antica, come talvolta si trova anche in Dante; oppure, espungendo uno, che può essere considerato pleonastico; al v. 8 si ha invece un’episinalefe, che è un procedimento as-sai attestato per la poesia popolare (Menichetti 1993: 162-3). L’aggettivo adorno, cf. TLIO, s.v. adorno (1), vale “perfetto”, “dotato di ogni virtú”:

89 Possibile correzione è quando piú luce, che si trova in FPS.

90 Qui il participio preso allude al fatto che il tabernacolo è poggiato su quattro ruote (supra ottava 30), e dunque è quasi metaforicamente “circondato” da queste ruote. Ceffi: 231: Et era il detto tabernaculo dalla faccia di sotto sollevato da terra, & eranvi accostati alquanti scaglioni di cristallo, e per li detti scaglioni si saliva al detto tabernaculo […].

91 Misura di lunghezza, che ammonta circa a 44 cm (TLIO, s.v. cubito).

92 “intento” (TLIO, s.v. atteso).

93 TLIO, s.v. delicato: “gradevole d’aspetto” (2.2).

94 Ceffi: 232: […] e nella sommitade strema della faccia di sopra del detto tabernaculo, li predetti mae-stri ordinarono una statua d’oro, che rappresentava la similitudine d’Hettore, la quale haveva in mano una spada ignuda. L’aspetto, e la faccia della detta immagine era volta verso quella parte ove l’esercito de’ Greci dimora-va ne’ loro padiglioni, […].

95 Cioè, la sovrastava minacciosamente (cf. infra, v. 8).

96 Ceffi: 232: e pareva, con maraviglioso artificio del loro magisterio, che ’l corpo del detto Hettore sedea in su una sedia fermissima, sí artificiosamente disposto, che parea ch’elli nel suo sedere si reggesse, quasi come se fosse vivo, vestito de’ suoi proprij vestimenti, a fuori l’estremitade de’ suoi piedi.

97 Luogo nel quale nessuno dei due testimoni presenta una soluzione testuale chiara: si è tenuti a immaginare, anzitutto, che l’espressione sia ellittica di un participio come fatta, costruita; il complemento, di mezzo o di materia che sia, è retto dalla preposizione a, secondo un uso fre-quente nella sintassi dei canterini: cf. Cantari di Febus-el-Forte (Limentani): LVIII e Cantari d’Aspramonte (Fassò): CXI; quanto a lavoro di M, è da intendere come “tecnica” (è anche la tecni-ca degli artigiani, cf. GDLI, s.v. lavoro), ma l’abbinamento con l’aggettivo attivo è tutt’altro che soddisfacente: attivo può significare “operoso, risoluto” (cf. TLIO e GDLI, s.v. attivo), ma il sen-so complessivo non ne guadagna; ho pertanto corretto in altivo (TLIO, s.v. altivo, “sommo”, o anche “ambizioso”), che è presente nella varia lectio (in R) ed è sicuramente difficilior. Alla luce di questa scelta, risulta meno attraente la lezione di L, avorio, nell’abbinamento con l’aggettivo.

98 Vale “artefatto, finto” (TLIO, s.v. artificiato, 2).

99 Vale “petto, tronco” – cf. TLIO, s.v. casso (2), 1 – e dunque “corpo”, per sineddoche (con lo stesso significato è voce dantesca, If XII, 122 e XXV, 74); contenensa vale “aspetto este-riore, contegno” (TLIO, s.v. contenenza): Ettore dunque pare vivo sia nel corpo sia negli atteg-giamenti. Meno probabile l’ipotesi di caso (corretto per la res rimica) che vale come sinonimo (con unica attestazione nei Cantari di Rinaldo da Monte Albano: 572) del successivo contenensa. Ceffi: 232: Et apposero sopra il suo capo un vaso pieno di puro, e di prezioso balsamo, con alquanti altri mescolamenti di cose habienti virtude di conservare, & ordinarvi uno artificioso foro. Il liquore del qual balsamo, e cose mescolate, in prima si distendeva intorno alla testa della parte di fuori, e perveniva alle gote, per le quali si conservavano li suoi denti, e le sue gengive, sí che tutta la faccia, & il capo con tutta la moltitudine de’ capelli perseverava in con-servazione.

100 Vale “sede, dimora” (< dimorare; TLIO, s.v. dimoro).

101 desicaro è forma del vb. disseccare, il cui significato può essere quello di “rendere secco, asciutto” (TLIO, s.v. disseccare, 1), o anche “esaurire, consumare” (GDLI), “far morire” (TLIO, 3). L’ipotesi è dunque che i maestri “preparino” un vaso pieno di balsamo, ovvero lo cuociano appositamente per contenere il liquido (il vaso, nota Carbonaro 1991: 417, è di norma di terra-cotta; l’ipotesi avrebbe il conforto della fonte); oppure, che gli stessi “consumino, esauriscano” un vaso da cui scende, goccia a goccia, il liquido che mantiene intatto il corpo dell’eroe.

102 È il “cadere goccia a goccia” (TLIO, s.v. distillare, 4).

103 Con significato astratto, “flusso, scorrimento” (GDLI, s.v. licore).

104 Enjambement interstrofico.

105 Soggetto dei due verbi discorrea e venia è licor, del v. 3. Ceffi: 232: Poi il detto liquore discen-dendoli per la gola, si correva nel petto, e per l’ossa, dentro delle braccia perveniva alle mani, insino alle stremitadi delle dita. E cosí scendendo il detto liquore per ciascun lato, copiosamente spargendosi, conservava li detti lati in stato, che quasi perevano lati vivi. Il detto liquore ancora con continue distillazioni scorreva alle appartenenze del petto, e per loro perveniva a’ piedi, & a’ detti piedi era un altro vaso pieno di puro balsamo, & in cotal maniera, per queste apposizioni, il corpo d’Hettore si rappresentava, quasi con viva faccia, conservato con molta guar-dia di conservazione.

106 Qui ossa vale genericamente “ossatura”: il balsamo scende dalla testa e attraverso l’os-satura penetra nelle braccia; l’ipometria di M è qui sanabile solo attraverso un’inserzione sillabi-ca, che potrebbe essere e per l’ossa fin dentro dalle braccia; ho reso visibile qui la lettura del lauren-ziano che propone un’architettura della frase del tutto differente.

107 Correzione necessaria: il movimento del balsamo, che distilla dal vaso posto sopra la te-sta di Ettore, è ovviamente dall’alto verso il basso, e dunque “dalla faccia” giú fino “alle mani”.

108 Leggera aequivocatio: in arte (“perfettamente”) : arte (“artificio, espediente”).

109 Ceffi: 233: […] compiuto il lavorio del detto tabernaculo, intorno al suo giro ordinarono una chiusu-ra di legni d’ebano, la quale si poteva chiudere, e aprire, accioché il corpo d’Hettore cosí ordinato piú acconcia-mente si manifestasse a quelli che ’l volessero riguardare.

110 Legno di ebano (TLIO, s.v. ebano).

111 “tenuta insieme da chiodi”, cf. TLIO, s.v. chiavato (2), 1.

112 Ceffi: 233: Onde lo re Priamo ordinoe nel detto tempio grande famiglia di sacerdoti, accioché conti-nuamente stessero con sollecitudine ferma in orazione delli dei, e soprastessero continuamente alla guardia del detto tabernaculo, disponendo alli detti sacerdoti abbondevoli rendite, per mantenimento della vita de’ detti sacerdoti, li quali servissero alli dei.

113 “non aveva imperfezioni, non era rovinato” (per questa accezione, cf. le attestazioni della voce macolato nel corpus OVI). Il verso potrebbe nascondere (se osserviamo ad esempio la lettura di R, fusse) anche una proposizione finale, retta da un verbo all’indicativo anziché al con-giuntivo (per questa possibilità, cf. Ageno 1964: 207).

114 sobría è sobria, con avanzamento dell’accento, nell’accezione di “misurata”, “controllata nell’espressione di sentimenti e stati d’animo” (GDLI).

115 L’interpretazione di questo luogo non è chiarissima: il significato del termine bria sem-bra essere quello di “misura”, attestato in toscano (TLIO, s.v. bria, e cosí in Manuzzi e in Tom-maseo-Bellini) nella locuzione (essere) fuor di bria, ovvero “essere fuori della misura”: della bria sa-rebbe dunque il contrario di fuor della bria, dunque “compostamente”; altre attestazioni (con ana-logo significato), fuor di Toscana (dati corpus OVI), nella Cronaca aquilana rimata di Buccio di Ra-nallo, cf. Buccio di Ranallo (De Matteis): 214 e 251 e nella Fiorita abruzzese (Mazzatinti 1886-88, III: 33). Il significato è ottimo per conformatio contextus, dato che si sta descrivendo una proces-sione “devota”, i cui protagonisti hanno l’anima e la mente “sobria”. Possibile anche leggere ed all’ombria (una possibilità rivelata nella varia lectio) dalla lettura di S pien dombria: ombria può generi-camente significare “ombra” (e con questo significato richiamare i vv. conclusivi di IV.27, dove è richiamato il tempio d’Apollo, la porta Cimbra e l’umbra prodotta dall’edificio del tempio), anche se nella lingua antica il sostantivo è piú connotato (in Boccaccio è l’ “ombra fresca” prodotta dalle fronde degli alberi), o ha un significato diverso, come in Chiaro Davanzati, dove è l’ “im-magine riflessa” da uno specchio d’acqua. La presentazione di Timbra come divinità conferma una volta di piú l’uso libero dei nomi proprî nella GT (Timbree è una delle porte della città di Troia nel Roman de Troie).

116 Ho corretto la lezione dell’estense data l’economicità dell’intervento (si spiega con una confusione di aste, a livello paleografico), e per il parallelismo che c’è tra questo verso e il v. 8 dell’ottava successiva, dove compare regolarmente amma; l’esito toscano dovrebbe essere piutto-sto alma: la voce assimilata amma è forse modellata sul francese (Tobler-Lommatzsch, s.v. ame), e risulterebbe uno dei tanti gallicismi che fanno capolino nel manoscritto estense (cf. ad esempio il sambra di IV.28.7, e la corrispondente nota al verso).

117 Per il significato, cf. la nota a III.2.8.

118 “alleanza politica o militare” (TLIO, s.v. amistà, 6).

119 Esempio di verso in cui l’ipermetria non è sanabile attraverso sottrazione, ma richiede una differente disposizione delle parole nel verso (al tempio andar), o la sostituzione con al tempio giro.

120 Ho corretto imaginate di M con imaginare, l’infinito è richiesto da diesi (e dalla rima), e si tratta molto probabilmente di una confusione paleografica (t/r).

121 Non chiaro: in contrapposizione a signori del v. precedente, può valere come “apparte-nente al ceto medio”, in una sorta di descrizione gerarchica dei partecipanti alla processione (co-sí, in parallelo, all’ottava successiva, la prima donna a fare offerte è la regina, poi le sue figlie, e poi tutte le altre donne della città).

122 L’aggettivo priore è utilizzato in un senso vicino a quello, indicato nel GDLI, di “dotato di qualità positive, di doti morali”, e dunque “puro”. Anche qui un riscontro all’uso dell’aggettivo va cercato nel parallelismo con cui il canterino descrive le varie sequenze della processione: al v. 4 dell’ottava successiva si ha infatti divoto cuore riferito alle donne.

123 Vale “aspetto, fattezze” (GDLI, s.v. pelle). Si tratta di un inciso, in cui il canterino, dopo aver aggiunto i dettagli temporale (la mattina) e comportamentale (con divoto cuore), torna al sog-getto della frase principale.

124 Ha il significato, neutro, di “differenti”, cf. TLIO, s.v. estraneo, 4. Cf. If XIII, 15: fanno lamenti in su li alberi strani.

125 Vale “in tempo”.

126 Lo scaggiale (o piú spesso scheggiale) è una “cintura di cuoio o di tessuto pregiato”, spesso ornata anche da gemme (GDLI).

127 Ebbe è qui impiegato impersonalmente, alla francese, “vi fu”; afar vale “circostanza, si-tuazione”, cf. TLIO, s.v. affare (1), 3.

128 Verso non chiaro nel dettaglio della lettera (e con rima imperfetta), sebbene di misura metrica corretta: R e S rielaborano il verso (eccedendo nella misura); il testo di M pare viziato da una zeppa (usar star), che ho semplificato pubblicando usar, che è pienamente accettabile nel va-lore di “frequentare” (cf. Crusca, s.v. usare, attestato in Boccaccio). Il significato generale sembra comunque chiaro: Priamo guarda lontano, verso i paesi dove, prima dell’assedio, la sua gente poteva recarsi liberamente. Ricevibile, ed evidenziata in fascia A, la lezione di S, con minimi ri-tocchi formali: ove potea usar giurisdizione.

129 Immagine suggestiva, quella dei Greci scoraggiati e fiacchi come se nel campo circolas-se un’epidemia. Il significato è tuttavia leggermente dubbio: la locuzione essere una moria ha il si-gnificato di “essere in uno stato di inerzia” (GDLI), ma non gode di attestazioni antiche.

Acheter

Volume papier

amazon.fr