Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La Guerra di Troia in Ottava Rima

 | 
Dario Mantovani

Testo

Cantare II

Texte intégral

  • 1 Ugolini 1933: 197 adotta, senza allontanarsene, la lezione di L; qui modifica nome del ma-noscritto (...)
  • 2 Verso poco chiaro; sembra che il senso possa essere: “senza che tu mi guidi, io non di-stinguo non (...)
  • 3 Ugolini (ibidem), che si basa su L, legge mi presta, secondo me abusivamente; il manoscrit-to reca (...)

Imperadrice del concilio eterno, I
da cui iudicio è tutto l’universo,
ora mi presta il tuo santo governo
sí che guid’ongne parte del mio verso:
però che sensa quello io non discerno1
non che ’l sottile, ma ch’è ’l bianc’o perso.2
Donque, Madonna, il tuo santo lume
risprenda acciò ch’i’ segui il mio volume.3

1Mss.: M (base), L, R (II.18 → II.54; om. II.20, II.36), S (II.18 → II.54), T

[A] I.5: però che sensa te io non discerno
I.6: non che ’l sottile, né ’l bianco dal perso

I.1-4 om. L I.1 Imperadrice] praem. o T. I.2 da] al T. I.3 si] om. T. I.5 pero che sensa quello io] che senza lo tuo nome L; quello] quella M, te T. I.6 non che ’l sottile, ma ch’e ’l bianc’o perso] illbiancho dalnero overo opreso L; ma ch’e ’l bianc’o perso] nelbiancha dalperso T. I.7 Donque, Madonna, il] pero madona lo L; il] quel T. I.8 risprenda accio ch’i’ segui il mio] mispra perseghuire questo L; il mio] questo T (+1).

  • 4 Seconda parte del paragone iniziato al verso precedente; si deve sottintendere un “come” (ovv. “ard (...)
  • 5 Forma toscana del verbo “sventolare”, impiegato qui transitivamente; il soggetto sono le schiere tr (...)
  • 6 Rima imperfetta in luogo della rima perfetta; si deve però notare che le forme cavalieri e levrieri (...)
  • 7 Ho accolto a testo LT contro M, che propone la ripetizione del sostantivo spade, poco logica.
  • 8 Ho evidenziato, nella fascia A, corretta dall’ipermetria, la lettura del laurenziano, che of-fre un (...)

Erano al campo le schiere troiane, II
sí com’io dissi nel cantar primieri,
chiamando i Greci con boci villane,
arditi come a lepre va levrieri,
e ’l vento4 che pulisce l’aria e ’l mare.
Traendo ventolavan5 le bandiere,6
le spade ignude e l’arme7 rilucente
lucevan come ’l sol fusse presente.8

[A] II.8: sprendevan come sole ne l’uriente

II.2 si com’io dissi nel cantar primieri] seghondo ssi nelchantra priemero T; si com’io] si come L. II.3 boci] vocie L. II.4 arditi come a lepre va levrieri] ardi chome lepri valebriene L (-1). II.6 Traendo ventolavan le bandiere] facievan isventolar leloro bandiere L (+2); ventolavan] vento lieva T. II.7 ignude] inngiude L; l’arme] le spade M (+1); rilucente] rilucieno T. II.8 lucevan come ’l sol fusse presente] chome fa il sole quando eglie sereno T; lucevan] isprendevan L (+1); come ’l sol fusse presente] come sole nel’uriente L.

  • 9 Vale “prendersi per mano” (per promettere o giurare): TLIO, s.v. impalmare, 1
  • 10 Cf. supra, la nota a II.2.6.

Già in quel punto i Greci erano armati, III
e ’l re Agamenonne, lor capitano,
aveva li gran principi chiamati,
e fatto un cerchio, e’ presensi per mano:
e per fede legati e impalmati,9
e promettendo a Iove iddio sovrano
che per fugir non volgeran destrieri,
poi mosse ’l capitano a far le schiere.10

III.1 Gia in] e in L. III.2 e ’l] e L; lor] loro T (+1). III.3 aveva li gran principi chiamati] avevagli giadiprencipio chiamati T (+1). III.4 e fatto un cerchio, e’ presensi] etuti quanti presono L; presensi] presosi T.. III.5 e per fede legati e impalmati] edatosi la fe e inpallmato L; legati] giurarono T (+1). III.6 e promettendo] imprometendo L; iddio] dio L. III.7 che per fugir non volgeran destrieri] cheperfugire nonesaltarano i destieri L (+3); fugir non volgeran] fugire non volgierano T (+2). III.8 poi mosse ’l capitano a far le schiere] elchapitano entese afare leschiere L (+1); poi mosse ’l capitano a far] epo atese ilchapitano afare T (+2).

  • 11 Il problema numerico, e metrico, è risolto attraverso il riscontro con la fonte (Ceffi: 174: Avegna (...)
  • 12 Ceffi: 174: Nella prima delle quali pose per conducitore Patroclo.

Dico che quel gran re pien d’eccellensa, IV
per contastare il giorno li troiani,
ventisei11 schiere con gran provedensa
fece con valorosi capitani:
della prima ebbe Patrochol potensa,12
con venti milia cavalieri sovrani,
e la sopransegna era un dragone,
nero nell’oro lo scudo e ’l pennone.

[A] IV.7: per sopransegna portava un dragone

IV.1 quel gran re pien d’eccellensa] quelo re pien didolcieza L. IV.2 il giorno li troiani] il gior agli troiani L. IV.3 ventisei schiere con gran provedensa] ventiquattro schiere con gran provedensa M (+1), ventiquattro schiere digran prodeza L, venti sei ischie di g. provedenza T. IV.5 della prima ebbe Patrochol potensa] laprima die apatroccholo L (-2); Patrochol] patrocholo T (+1). IV.6 con venti milia cavalieri sovrani (+1); venti milia] ben tremila LT. IV.7 e la sopransegna era] per sopra sengnia portava L, chenella insengnia portava T IV.8 nero nell’oro lo scudo e ’l pennone] nero nellchampo doro elbelpenone L; nero nell’oro] edoro aveva T.

  • 13 “quel giorno questi (= Patroclo) fu a capo delle schiere d’Achille (che non prese parte alla battag (...)
  • 14 Verso con dialefe necessaria per l’ortometria: L qui ha probabilmente inserito buon come zeppa per (...)

Ebbe questi la gente, il dí, d’Achille,13 V
(ma Achille non fu ’l giorno alla battaglia)
li quali eran per novero mille e mille
combattitori, tutti coperti a mallia;
e la sigonda schiera i·re sortille
al duca d’Atene e di Tesaglia:14
avean la bandiera tutta cupa
con punti bianchi e una rossa lupa.

V.1 Ebbe questi] eben chostui L; la gente, il di, d’Achille] la g. eldiacchile L, ildi lagiente dachille T. V.2 ma] om. L; ’l giorno] il di T. V.3 li quali eran per novero mille e mille (+1)] equelli furono per numero tremila L (+2), liquali furono piu dimille T (-1). V.4 combattitori, tutti coperti a mallia (+1)] chonbatitori tutti armati a maglia T. V.5 i•re sortille] asortile L. V.6 al duca d’Atene e di Tesaglia] albuon ducha dachedi chesaglia L, elducha dateni equello ditesaglia T (+1). V.7 avean] aveva L, edavie T. V.8 con punti bianchi e una rossa lupa] tuti choverti afero insula zufa L.

  • 15 15 sportani in spartani (lapsus paleografico); sospetta ipometria di L in questo verso, T sicu-rame (...)

Menelao guidò la tersa schiera, VI
qual era re di tutti li Spartani:15
questi avea d’argento la bandiera
e neri e ritti v’avea dentro du’ cani.
Nella quarta con gente ardita e fiera
fur de Fidesse cavalier sovrani:
e portava Calido, i·re loro,
il campo azurro e una stella d’oro.

VI.1 Menelao guido] e menelao meno L; tersa] quinta T; schiera] ischiera L. VI.2 qual era re di tutti li Spartani] elquale erare deglispertani L, qualeran tutti gli spartani T (-2); Spartani] sportani M. VI.3 questi avea d’argento la] chostui avia di ghran giente L; questi] chostui T. VI.4 e neri e ritti v’avea dentro du’ cani (+1)] e tuti neri portavano duechani L (+1), eperinsengnia ave dua gran chani T. VI.5 Nella quarta] ellaquarta L, nella sorta T. VI.6 fur de Fidesse cavalier sovrani] dichavalieri valorosi e sovrani L (+1); fur de Fidesse] plur difendiensi T. VI.7 Calido, i•re loro] zelido redichostoro L (+1), ungiglio ire meloro T. VI.8 stella] istella L, testa T.

  • 16 16 Ceffi: 174: La settima schiera fue condotta per Telamone Aiace, ove fue la sua gente di Salamin (...)
  • 17 Il significato di acomandato è quello di “affidato” (cf. TLIO, s.v. accomandare), il cui ogget-to è (...)
  • 18 Verso sospetto, che si può correggere ricorrendo a T: fu de·re Toasse; oppure con L: la se-sta si c (...)

La quinta sí condusse Talamone, VII
e avea a sua bandiera quattro conti,16
che ciascun’era figliuol di barone:
la süa insegna due bande e due monti,
vermiglio tutto e giallo il gonfalone,
acomandato a chi ha l’aspre fronti.17
La sesta schiera fu lo re18 Toasse
che mille cavalier dietro a sé trasse.

[A] VII.6: seguival cavalier valenti e pronti

VII.1 La quinta si] lasettima T. VII.2 e avea a sua bandiera quattro] avia insuachonpangnia tre L, chostui aveva inchonpagnia que T. VII.3 che ciascun’era figliuol di] eciaschedun diloro e gran L, ciaschuno era figliuolo digran T (+1). VII.4 la] nella L. VII.5 e giallo] al giallo M, giallo add. avie T (+1). VII.6 acomandato a chi ha l’aspre fronti] seghuival (seguilo T) chavalieri valentri e pronti LT (+1). VII.7 schiera fu lo re Toasse] sichonduse lore ischarse L; sesta] ottava T; lo re] derre T. VII.8 che] ben L;cavalier] chavalieri LT (+1); a se trasse] glitrase L.

  • 19 Il verso di M è ipometro: non sono intervenuto a correggere (facile pensare a un dalfino), ma ho ev (...)
  • 20 Si può pensare, per restituire la misura del verso, all’espunzione di schiera, lasciando il so-lo o (...)
  • 21 Come talvolta avviene nella GT, si ha concordanza tra un soggetto plurale (fiammelle) e il verbo al (...)
  • 22 Decisamente piú chiara la versione di M, sulla quale sono intervenuto soltanto per cor-reggere l’et(...)
  • 23 Si ha qui una sorta di inarcatura interstrifica: adorno è riferito a quel re Filitor che compare al (...)

Porta questi un dalfin vermiglio19 VIII
per sopransegna, al campo d’ariento.
La settima schiera, col savio consiglio,20
guidò lo duca Gradi a suo talento,
lo qual portava in sua bandiera un giglio
nel campo nero, ed era21 piú di cento
fiammelle rosse, a quel giglio dintorno.22
L’ottava guidò l’alto re adorno:23

[A] VIII.1: Portava questi un dalfin vermiglio

VIII.4: guidò el duca Aias

VIII.1 Porta questi un dalfin vermiglio (-1); Porta] portava LT; questi] questo L; un dalfin] unghonfalone T (+1). VIII.2 per sopransegna] per sua esengnia L; al] nel LT. VIII.3 La settima schiera, col savio consiglio (+1); settima] nona T; col] con L. VIII.4 guido lo duca Gradi a] siebe ellducha aias all L, g. ilducha dason T. VIII.5 lo qual] questi T; sua] suo L; un] il T. VIII.6 nel campo nero, ed] nellchanpo entro L; era] avie T. VIII.7 fiammelle rosse a quel] rosse e vermiglie ellqual L, fra mele rosse in q. T; a] e M. VIII.8 L’ottava] ladecima T; guido l’alto] sighuido un L.

  • 24 Notevole la contaminazione, con l’ingresso di un saracino nella Guerra di Troia.
  • 25 Versione indubbiamente difficiliore (e probabilmente corretta) rispetto alla corrispon-dente di LT: (...)

re Filitor, che portava una testa IX
d’un saracino24 in un campo bianco,
con una spada di color celesta,
con due pugnai ’mpugnat’ a·ritto e al manco.25
La nona si guidò con grande festa
il gran re Menoen ardito e franco,
che nella insegna portava un griffone
d’argento e d’oro, e d’azurro il pennone.

IX.1 Re Filitor, che portava una] Lore polidoro che portava in L; filitor] filitoro T (+1). IX.2 d’un saracino in un] un saracino nell L (-1), disaracino inchampo il T. IX.3 con una spada di color celesta] lanona sighuido chomolla festa L; con] add. essa T (+1). IX.4 con due pugnai ’mpugnat’ a•ritto e al manco] avie chostui duo punie dato alfiancho L, chondue pugnia ildiritto elmancho T. IX.5 La nona si guido con grande festa] loghrare menenone chenonsaresta L; La nona si] elundecima T. IX.6 il gran re Menoen ardito] etera valitisimo uomo L, irre aghamenonne a. T. IX.7 che] e L; insegna] sengnia L; griffone] chrifone L, draghone T. IX.8 d’argento e d’oro e d’azurro] edariento edoro avie L.

  • 26 È “azzurro”, con forma aferetica.
  • 27 La versione di L qui, nella sostanziale corrispondenza delle due versioni, permette di correggere l (...)
  • 28 Migliore lettura quella del laurenziano, che ho evidenziato nella prima fascia; a vantaggio di ques (...)

La decima a Danestore fu data, X
che portava nel zurro26 un monton giallo.
L’undecima sí fu capitanata
dallo re Gueffe, che portava un gallo27
d’oro nel verd’ e corona dorata:
quel fu molto prod’uomo sensa fallo.
La duodecima Ulis valente
che portava nel bianco un serpente.28

[A] X.8: nel bianco portava un nero serpente

X.1 La decima a Danestore fu data] ladiecima schiera sifu ordinata L. X.2 che portava nel zurro un monton giallo] portava nellazuro un montone g. L (+1), elli portava inazurro unchamello T. X.3 L’undecima si] ella tredecima T. X.4 dallo re Gueffe] d. re giunse L, darre giulisse T; gallo] giallo M. X.5 d’oro nel verde] verde nelloro T; corona dorata] con c. armata L, con c. ornata T. X.6 quel fu molto] chostui si fu L, questi fu molto T; prod’uomo] savio T. X.7 La duodecima Ulis] laquatordecima ulisse T. X.8 che portava nel bianco un] nelbiancho portava unero L, un add. nero T (+1).

  • 29 La lettura di M ha il soccorso della versione napoletana di Ceffi, che nella rassegna delle schiere (...)
  • 30 Qui ha valore di “circa” (GDLI).
  • 31 “su sfondo nero”.

Poi la tredecima un Redio29 condusse: XI
che menò da30 tremilïa persone,
per dare e per ricever di gran busse;
avea nel campo rosso tre corone
d’oro, e la quarta decima condusse
un molto gentilissimo garsone
che fu parente di Protoselaio,
e l’arme süe eran tutte a vaio.31

[A] XI.6: un molto gentilissimo barone

XI.1 tredecima] quindecima T; un Redio] demelio L, omelio T. XI.2 che meno da] aveva armate L, cherano a. T. XI.3 ricever] ricevere LT (+1). XI.4 avea] aveva L (+1); nel] il T; tre] a tre T. XI.5 d’oro, e la quarta decima] doro la quarta d. L, sedecima ischiera si T. XI.6 un molto] uno molto L (+1); garsone] barone LT. XI.7 che fu parente di Protoselaio] ellarme suo erano facte avaio L, chera parente del buo protelaio T. XI.8 e l’arme sue eran tutte a vaio] era parennte diproteselao L.

  • 32 Ceffi: 175: E la decessettesima guidoe lo re Podalirio, e lo re Macaon. La decimaottava menoe lo re(...)
  • 33 “conchiglie” (GDLI, s.v. nicchio; tra le varie attestazioni nel corpus OVI segnalo, per il termine (...)

Lo franco Palideo e Macharo32 XII
ebon la quinta decima masnada,
che in quel giorno allo stormo guidaro:
nel campo nero è d’argento una spada.
E Deroda guidò, lo giorno amaro,
ardito la sedecima masnada:
col campo azurro e d’argento tre nichi,33
dalla man destra convien che si fichi.

[A] XII.4: nel campo azurro è d’argento una spada

XII.1 Lo franco Palideo e Macharo] lo f. paladino elbuon machario L, dellindia vivenne pirramo gharo T. XII.2 ebon la quinta decima masnada] siebe laquindecima enonllada L; quinta decima] sete decima T. XII.3 che in quel giorno allo stormo guidaro] quel misse lostormo ilgiorno gridaro T; che in quel] e in quello L. XII.4 nel campo nero] chollchanpo azaru L, cholchampo azurro T. XII.5 E Deroda guido, lo] dardando guido quel T. XII.6 ardito la sedecima masnada] cholla diciasetesima chonvien chevada T (+2). XII.7 col] nell L; azurro] nero T. XII.8 che si fichi] chesenichi L.

  • 34 Possibile anche la lettura Ampod’el grande, suggerita del resto dalla varia lectio; in assenza di u (...)
  • 35 La banda è il “drappo” o la “striscia di stoffa” che distingue armi e insegne, cf. TLIO, s.v. banda(...)

Que’ che guidò la dicessette massa XIII
de’ cavalier, si fu Ampodel34 grande:
col pennon bianco, e una banda il passa
gialla, e un fregetto dalle bande.35
La diciottesima schiera non par lassa:

sí francamente Sanapo l’espande

  • 36 L’osservazione di L evidenzia un errore dello scriba, che nella trascrizione dell’antigrafo frainte (...)

inver lo stormo, e portava costui36

ne·rosso campo due natural grui.

[A] XIII.2: de’ cavalier si fu Apido el grande

XIII.1 Que’ che guido la dicessette massa] e poi ghuido ladiciasetesima ischiera L (+2) quello cheguido ladicianovesima massa T (+3). XIII.2 de’ cavalier, si fu Ampodel grande] dinobili chavalieri apido ellghrande L (+1), dichavalieri sifu apidio ilgrande T. XIII.3 col pennon bianco, e una banda il passa] cholpennone biancho atraverso una banda L (+1), chonunopennone biancho euna banda ilpassa T (+2). XIII.4 gialla e un fregetto dalle bande] giallo uno farseto facto abande L. XIII.5 La diciottesima schiera non par lassa (+1); La diciottesima] ella vintesima T; non par lassa] avia ghrillanda L, non fu l. T. XIII.6 si] e L; Sanapo] sanpida T. XIII.7 inver lo] enello T; costui] inchostume L. XIII.8 ne•rosso campo due natural grui] nero chanpo duo naturall ghrue L.

  • 37 Il copista di M corregge guidando in gridando; ho corretto l’ipermetria del manoscritto di base (di (...)

La dicenove Fallante gridando37 XIV

guidò, con un leon rampante giallo

  • 38 Lettura faciliore quella di LT, ma non priva di significato in relazione al contesto: atraver-sato (...)

nel pennon tutto nero, traversando38

  • 39 Troia monosillabico.

inverso Troia,39 con due milia a cavallo.

  • 40 “con atteggiamento sprezzante”.

E la vintesima cosí spregiando,40

  • 41 La lezione dell’estense risulta incomprensibile a causa della voce bandello, per la quale non vi so (...)

guidò Dïomeda isnello al ballo,41

che tra due spade avea un liopardo,

nero, ne·rosso color, suo stendardo.

[A] XIV.3: nel pennon tutto nero atraversato
XIV.6: guidò Diomeda in cotale istallo
XIV.6: guidò Diomedesse tosto al ballo
XIV.8: nero, nel campo rosso, suo stendardo

XIV.1 La dicenove Fallante gridando] laventi quatresima fatto laghidone T (+2); dicenove] dicenovesima M (+2); Fallante] infrallatre L. XIV.2 con un leon rampante giallo] ilbuon rapante lionghallo L, conuno lione rapacie egiallo T (+2). XIV.3 nel pennon tutto nero, traversando] nellpennone nero tuto atraversato LT (+1). XIV.4 con due milia] om. T (-2). XIV.5 E la vintesima] la venticinquesima T; cosi spregiando] tuta ispronando L, ispieghando T. XIV.6 Diomeda isnello al ballo] d. in cotale istallo L, diomedesse tosto alballo T; al ballo] al bandello M. XIV.7 che tra due spade avea un] teimezo duo ispade uno L. XIV.8 nero, ne·rosso color] nero nellchanpo roso L, nero nelloro enel T.

  • 42 Il nome è probabilmente un patchwork di due nomi contenuti nelle fonti, in Ceffi: 175 Guneo, re di (...)

Enero42 re di Cipri in quella suffa XV

della ventiunesima fu guida,

nel cui pennone, segno di baruffa,

un cavalier armato vi s’anida.

  • 43 Ho corretto anzitutto il manoscritto base in Allor re: altra possibilità è allora, scelgo tut-tavia (...)
  • 44 “si fionda” (GDLI).

Allor re Protelao, a non dir buffa,43
con la vintiduesima si fida44
nella battaglia e portava tre lune
nel campo d’oro, e avean color brune.

XV.1 Enero] enea T; Cipri] cipria L; in quella] a quella L. XV.2 della ventiunesima fu] nella vigiesima prima si fa L (+1). XV.3 segno] insengnio L. XV.4 vi s’anida] vi sanidia L, sene avidia T. XV.5 Allor re] allo re M, e re L, ello re T; Protelao] potelao L, pretolao T; a non dir] anon ride M, anno dire L. XV.6 con la vintiduesima si fida] cholla vigiesima sechonda forte ghrida L (+2); fida] ghuida T. XV.7 e] om. L. XV.8 e avean color brune] tute brune L (-2), avevano c. b. T (+1).

  • 45 Ceffi:175: La vigesimaquinta lo re Agapenor di Arcadia.
  • 46 Ricordo dantesco di If I, 4.

La vintitresima lo re Caponoro45 XVI
guidò, e avie bianca la bandiera,
e dentro vi portava un mezzo toro
rosso: da mezzo in giú tenea maniera
di serp’e in collo avea un anel d’oro.
O quanto a veder parea cosa fiera!46
Però che ’l toro sembrava legato,
a un verd’arbuscel incatenato.

XVI.1 La vintitresima lo re Caponoro (+1)] lavigiesimaterza lore capenoro L (+2), laventitre essima re chapo nero T (+1). XVI.2 e avie] aveva L. XVI.4 tenea maniera] tremarnava T. XVI.5 in collo avea un anel d’oro] aveva achollo uno anello doro L (+1); in] al T. XVI.6 O quanto a veder parea cosa] quanto averllo paria chosi L; a veder] avederlo T. XVI.7 sembrava legato] sera leghato L (-1). XVI.8 a un verd’arbuscel] auno verde albusciello LT.

  • 47 Ceffi: 175: La vigesimasesta schiera menoe esso re Agamenone, sí come imperadore di tutta l’hoste.
  • 48 “macchine da guerra”: TLIO, s.v. argomento, 10.

Guidò la quarta ch’era sopra vinti XVII
Agamenonne,47 come imperadore,
mostrando all’altre schiere li argomenti48
della battaglia, l’ordine e ’l tinore.
Il ciel per segni n’ebbe mutamenti:
l’aria e la terra dovea aver tremore,
vedendoli afrontati per ferire,
e tanti siri sí press’a morire.

[A] XVII.1: Guidò la quarta ischiera sopra venti

XVII.1 quarta] sesta T; ch’era] ischiera L. XVII.2 imperadore] capitano T. XVII.3 all’altre] adongni L; li argomenti] dibuone gienti T (+1). XVII.4 e ’l tinore] cheputano T (+1). XVII.5 Il ciel per segni n’ebbe] cholui persenngni nonebe L (+1); Il ciel] alcielo T (+1). XVII.6 e la terra dovea aver] paria chonnavese L; dovea aver] nestava in T. XVII.7 afrontati] afretati L. XVII.8 e tanti siri si press’a] tanti sinngniori sapresano al L (+1); siri si] baroni esser T.

  • 49 Ceffi: 175: Hettore il fortissimo della gente sua, il quale era primo dinanzi a tutti impaziente di (...)

Già era intrato inansi all’altre schiere49 XVIII
Hectore con ismisurato ardire:
contr’a li Greci mosse lo destrere.
Patrocol quando lo vidde venire,
con gran valor, lo franco cavaliere
iratamente lo trasse a ferire:
perché conobbe allo scudo i·lione
ch’elli portava in bataglia, il barone.

[A] XVIII.3: broccò ’l suo destriere

XVIII.1 intrato] tratto RST. XVIII.2 Hectore con] ector cholsuo L. XVIII.3 contr’a li] e chonntra i (om. T) LT; mosse lo] broccol suo L, mosse il buo T. XVIII.4 Patrocol quando lo vidde] quando patrocholo illvide L, patrocholo quando il vidde T, quando patrocholo lovidde R (+1), quando patroculolovide (+1). XVIII.5 lo] il LRST XVIII.6 iratamente] arditamente RS; trasse] corse T. XVIII.7 conobbe allo scudo i•lione] portava nello ischudo ulione L; allo scudo] loschudo R; lione] barone T. XVIII.8 ch’elli portava in bataglia, il barone] cheportava perarme quelbarone L, elquale portava quello francho barone R (+2), elquale portava elnobile barone S (+1), cheldi portava inbattaglia un lione T.

  • 50 Ceffi: 175: […] con la sua acuta lancia ritrovoe Hettore, e fortemente con essa sospingendolo, sfor (...)
  • 51 “protesse”: GDLI, s.v. garantire.
  • 52 volta ha il significato di “movimento in volo” (GDLI); meno comune è il significato di acorte: si p (...)
  • 53 “ricorse a” (GDLI, s.v. ricoverare).
  • 54 Esiste anche la forma lada, con riduzione del dittongo discendente, che è assai attestata nel corpu (...)

E sopra quel medesimo ferie50 XIX
Patrocol, colla lancia acuta e forte,
e passol tutto: appena il guarentie51
il saldo sbergo, che nol misse a morte.
Ma ’l fortissimo Hector non sbigottie:
come dragon c’hae le volte52 acorte
ricoverò53 alla crudele spada
e fedil d’una piaga sconcia e laida,54

[A] XIX.3: passollo tutto ch’appena il guarie

XIX.1 E sopra quel] esopra aquello LR (+1); ferie] ferire R, ferio S, fedi T. XIX.2 Patrocol, colla lancia acuta e forte] patroccholo cholla lanncia atuctiforte L (+1), patrocholo cholla lancia aghuta eforte R (+1), patroculo cola lancia acuta e forte S (+1); Patrocol] patrocholo T (+1). XIX.3 e passo ’l tutto: appena il guarentie] pasollo tucto chapena illghuarie L, passollo tutto che apena elguarie R, et passaltucto chapenaguario S; e passol] passollo T; guarentie] ghuarenti T. XIX.4 che nol] e nollo L, chenon el R (+1), chenon lo S (+1). XIX.5 fortissimo] forte RS; Hector non sbigottie] sannza isbighotire L, ettorre nonsi esbiguttie R, hectorre giano s. S, e. none isbighotti T (+1). XIX.6 dragon] elleone R, dragone S, lione T; c’hae le volte] cheda levolte RS (+1). XIX.7 ricovero alla crudele spada] feri patrocolo duna ferita eschura R (+2); ricovero] ricoverando S; crudele] tagliente T. XIX.8 e fedil d’una piaga sconcia e laida] che morto elmisse interra alla pianura R; e fedil] fedillo T.

  • 55 Per la formula di autenticazione cf. Cabani 1988: 127; la meccanica del colpo inferto dal guerriero (...)
  • 56 Complemento di causa; alpresta è forma metatetica di alpestra, “crudele” (TLIO, s.v. alpe-stro, 1.2 (...)

che lil ferí al dritto, parme, l’elmo55 XX
e ’nsino al collo li partio la testa:
laonde cadde sensa alcuno schelmo
quel nobil corpo, della mort’alpresta.56
Hector chiamò il suo scudieri Anselmo,
faccendo di quel corpo gloria e festa,
e mostroli Patrocol che giacea
e lasciolli il destrier che sotto avea.

[A] XX.7: mostrogli il corpo che morto giaceva
XX.8: diegli il destieri che tolto gli aveva / e lasciolli il destriere e discendeva

XX om. R. XX.1 Che lil feri al dritto, parme, l’elmo] ellquall cholpo ligiunnse sopra lelmo L, era patroculo ferito per mecolelmo S (+3), egli ilferi adritto permezo lelmo T (+1). XX.2 e ’nsino] chennfino L, imfine S, insino T; partio] parti LS, taglio T. XX.3 laonde cadde sensa alcuno schelmo] onndell chade innterna sennza ischermo L, laundeechaddesenca nullo schelmo S, l. c. sanza niuno ilcholmo T. XX.4 quel nobil corpo, della mort’alpresta] lobillchorpo della morte allpresta L, quelnobile corpo delamortealpesta S (+1). XX.5 chiamo il suo scudieri Anselmo] sichiamo unsuo schiere atellmo L; Hector] ehtorre S (+1); Anselmo] atelmo T. XX.6 di quel corpo gloria e festa] aquello chorpo una ghran festa L. XX.7 e mostroli Patrocol che giacea] mostrogli illchorpo chemorto giaceva L; mostroli] mostragli T; Patrocol] patroculo S (+1), patrocholo T (+1). XX.8 e lasciolli il destrier che sotto avea] diegli illdestieri chetollto gliaveva L, e l. il destriere edisciendeva T; il destrier] il cavallo S (+1).

  • 57 Ho corretto corpi del manoscritto base sulla scorta degli altri testimoni, oltretutto piú a-datta p (...)
  • 58 ’ntorno qui usato senza preposizione; soluzione frequentatissima nei testi antichi, come dimostrano (...)
  • 59 Il canterino espande qui il contenuto della fonte, per ovvie ragioni di drammatizzazione, cf. Ceffi (...)

Fatti que’ colpi,57 incominciar le grida, XXI
e la crudel battaglia e l’aspro stormo:
insino a Giove in ciel n’andar le strida
che l’una parte e l’altra facea ’ntorno58
Hector, che tanto al suo valer s’afida;
che nella pressa, sí com’io v’informo,
era a piè, e già era ’nvaghito59
dell’armi belle del corpo transito.

[A] XXI.7: a piè discese, ch’era già ’nvaghito

XXI.1 Fatti que’ colpi, incominciar le] facto quellchollpo innchomincio la L; Fatti] efatti R (+1); colpi] corpi M; incominciar] echomincio R, incominciaro S (+1), chominciarono T (+2); grida] strida T. XXI.2 e la crudel battaglia e l’aspro stormo] cheluna parte elaltra facietormo T; crudel] crudele S (+1); aspro] allto L. XXI.3 insino a Giove in ciel n’andar le strida] ettor tanto alsuo voler safida T; in ciel n’andar] nanndavano LR (+1), mandavan S. XXI.4 che l’una parte e l’altra facea ’ntorno] chenella possa apie chomio vinformo T; che l’una] dalluna L, elluna R; facean torno] intorno intorno L, andava atorno R, facia stormo S. XXI.5 Hector, che tanto al suo valer s’afida] ettorre intutto suo valore sifida R (+1), hectorre tanto insuo valore saffida S (+1), ettor tanto alsuo pensier sadia T; che tanto al suo valer] tanto allsuo valore L. XXI.6 che nella pressa, sí com’io v’informo] choluna parte elaltra facie dintorno T (+1); pressa] prescia LRS; sí com’io v’informo] sichonndo minformo L, sichome io minformo R. XXI.7 era a piè, e già era ’nvaghito] apie discesechera gia i. L, apiei disciese che i. R, et appie disarmare e i. S, perchera apie per che i. T. XXI.8 dell’armi belle] delle bellarmi L, era dallarme RS; del corpo] dipatrocholo R (+2).

  • 60 Ceffi: 176: e vogliendolo spogliare delle sue splendenti armi, lo re Merione, con tre mila cavalier (...)

Ver’è che Agamenonne, imperadore60 XXII
di tutt’i Greci, ad ire fu mosso
vedendo Hectore, con tanto valore,
sopra quel corpo morto starli adosso
per torli l’arme, a spreggiar su’ onore.
Infra sé disse: «Soferir nol posso»,
e fece grande esercito voltare,
acciò che Hector nol potesse spolliare.

[A] XXII.2: ad ira fu comosso
XXII.5: e spogliargli su’onore
XXII.8: no ’l possa disarmare

XXII.1 Ver’è che Agamenonne imperadore] allora elre menone chonducitore R (+1); Ver’è che] vreche L, allora S, vegiendo T. XXII.2 di tutt’i Greci, ad ire fu] duna parte degreci adira R; ad ire fu mosso] adira fuchomesso L, a tra sifu mosso S, aira sichomosso T. XXII.3 Hectore, con tanto valore] ector che chontanto ardire L; Hectore] ettorre R, pectore S (+1); con tanto] chantando T. XXII.4 sopra quel corpo morto starli] sopra aquello chorpo morto estare R (+1), apello ilchonticino glitenne T (+1). XXII.5 a spreggiar su’onore] espogliarli suo honore L, edispreççare lonore R (+1), e dispregiare suo o. S (+1), esprono asuo o. T. XXII.6 Infra sé disse: «Soferir nol posso] sopra quelchorpo tanto valoroso T. XXII.7 fece] volle T; grande] elgrande R; voltare] menare T. XXII.8 acciò che Hector nol potesse spolliare] accio che ettorre non el possa dispogliare R (+2), accio che hectorrenolpossa portare S; nol potesse spolliare] nollpossa (nolpotesse T, +1) disarmare LT.

  • 61 Lupo rapace, già nella fonte, ricorda Pd XXVII, 54. Cf. Ceffi: 176: […] e con animo adirato disse q (...)
  • 62 Da interpretare nel senso di “cessare”, come in TLIO, s.v. disporre (2), 2: ovvero “la ra-gione fa (...)

E disse Agamenonne incontro a Hectorre, XXIII
iratamente: «Ahi! Lupo rapace,61
coteste armi le qua’ tu vuo’ torre
non le puo’ avere perché non mi piace.
Ma fa ragion tua vita disporre,62
ché qui ricevera’ mort’eficace!»
E assallil con mille cinquecento
uomini armati di gran valimento.

XXIII.1 E disse] diceva L; Agamenonne] el re menone R; incontro a Hectorre] o traditore L, contra H. RS. XXIII.2 Ahi] o LRS, quel T. XXIII.3 coteste armi le qua’ tu vuo’ torre] chechoteste arme tunolle puo torre L, c. a. lequali tu vuoli torre R (+1), ; qua’] quali ST (+1). XXIII.4 non le puo’ avere perché non mi piace] perche innverita enomi piacie L, tu nollepuoi avere chenon mi piacie R (+1); puo’ avere] potresti torre T (+1). XXIII.5 Ma] et R; ragion tua vita] ragione di tua v. LRS (+1), ragione quidi tua v. T (+2). XXIII.6 ché] e L, om. T (-1); ricevera’] ricevarai S; mort’eficace] molto eficacie T. XXIII.7 assallil] asalillo LRST. XXIII.8 uomini] duomini T.

  • 63 Ceffi: 176-7: Intanto si riscalda l’asprissima battaglia, & un’altra volta tornoe Hettore al corpo (...)
  • 64 Si può mantenere la forma procacciar di M, da leggere procàcciar(o): in fiorentino (ma anche in alt (...)
  • 65 Chiara eco dantesca, da If XXV, 23-27, con ripresa della rima (draco e laco) e citazione quasi lett (...)

Or quivi fu l’asprissima battaglia,63 XXIV
però ch’e’ Greci volien sansa fallo
Hector morisse e ciascun si travallia,
perch’era a piè, di torre il suo cavallo.
E ferillo nello sbergo della maglia
e molto si procacciar64 d’aterarlo:
e e’ nel mezo, che pareva un drago,
del sangue de’ nemici facie lago.65

XXIV om. T XXIV.1 quivi fu l’asprissima] qui sifa ghranndisima L; quivi] qui S (-1). XXIV.2 però ch’e’] perche L; volien] nollchan L, volieno RS (+1). XXIV.3 Hector morisse e ciascun si travallia] che ettorre morisse ciasschuno sitravaglia R (+2); Hector] chector L, che hctorre S (+1); e ciascun si travallia] chonghru dell bataglia L. XXIV.4 perch’era] eglera L, peroche era R (+1); a piè] appiey S; di torre il suo] pertogli elbuon L, ditorli el suo RS. XXIV.5 E ferillo nello sbergo della maglia (+1); nello sbergo] allo s. L, n. esbergho R. XXIV.6 si procacciar] si prochacia L, prechuravano R (+1), procuraron S; d’aterarlo] diterallo L, di tirarlo S. XXIV.7 e e’ nel mezo, che pareva un drago] elli inmezo chaparia draghone L, et nelmeçço era che pareva uno d. R (+1), innelmeço era che paria un d. S. XXIV.8 del sangue de’ nemici facie lago] facie deghreci ghrannde uccision L, delsangue degreci facieva unlagho R, ed del sanghue de greci facialagho S.

  • 66 Ceffi: 177: Tra li Greci era uno fortissimo cavaliere, che havea nome Rarion da Pietra, il quale pi (...)
  • 67 Qui vale genericamente “disposizione d’animo” (GDLI, s.v. opinione), con riferimento al distico fin (...)
  • 68 La voce, che ha numerose attestazioni nel corpus OVI, vale “scudo”; piú propriamente, si tratta di (...)

Uno ch’era chiamato Garïone,66 XXV
greco ch’avie tagliate ambe le guance,
vedendo Hectore in quella oppinïone,67
e per morir era sulle bilance,
a lui fedí come a targia68 montone.
Ma un famiglio c’avie ’n man du’ lance
d’Ector, a Garïon lanciò sí l’una
che sol quel colpo co’ mort’i·rauna.

XXV.1 Uno ch’era chiamato] unogrecho che aveva nome R (+1); Uno] et uno S; Garione] gharionn L. XXV.2 greco ch’avie tagliate ambe] caveva tagliate amendune R (+1); tagliate] tagliata L; ambe le guance] om. L (-4), adbe le g. S. XXV.3 Hectore] ector LT. XXV.4 e per] che del R, che in S, che per T; morir] morire RS; sulle] insulle LT, insule RS. XXV.5 a lui fedí come a targia montone] sillo feri chome fiero draghone L, allui feri chome ellupo elchastrone R; targia] targa S. XXV.6 Ma un famiglio c’avie ’n man du’ lance] e unnfamiglio chenman duo lancie L (- 1), et uno fameglio che aveva inmano due l. R (+2), ma uno f. chavia in mano due l. S (+2), mauno f. dettor avea inman du lanci T (+3). XXV.7 d’Ector, a Garion lanciò sí l’una] lanncio a charion siforte luna L, subito agharione nelancio una RS, dettor lancio agharion si luna T. XXV.8 che sol quel colpo co’ mort’i rauna] chegiu fraglialltri morti loraghuna L, perquello cholpo cholli morti laduna R (+1), et per quel colpo cholimortiladduna S (+1), siche inquel cholpo tramorti iraghuna T.

  • 69 Ceffi: 177-8: […] e tantosto il detto famigliare gittoe l’altra lancia contro ad un altro, il quale (...)
  • 70 L’utilizzo del discorso diretto è un espediente del quale il canterino piú volte si serve nella GT, (...)

E tosto quel medesimo famiglio69 XXVI
coll’altra lancia c’avie ’n man, pungente,
veggendo ’l suo signor a tal periglio
un altro cavalier, prode e valente,
fedí d’una ferita sopra ’l ciglio,
e fe’ ’l cader fra l’altra morta gente.
E fatto il colpo inverso i Troian corre,
forte gridando: «Socorrete Hectorre!»70

XXVI.1 quel medesimo famiglio] quello famiglio medesimo L, quello m. fameglio R (+1). XXVI.2 c’avie ’n man, pungente] cheglia manporgiente L, cavia in mano p. RS (+1). XXVI.3 signor] signore LRST; a tal periglio] attale periglio R (+1), atale piglio S. XXVI.4 un altro cavalier] unaltro chavaliere RS (+1), fedi uno chavalier T; prode e valente] mollto valennte LT prodo et v. S. XXVI.5 fedí d’una ferita sopra] duna fedita glidue per me T; fedí] feri S; d’una ferita] diquella lanncia L, duna siffatta R. XXVI.6 e fe’ ’l cader fra l’altra] chader illfecie tralla L, che elfe chadere fralla, chelfe cadere imfrala S, esolfe chadere fralla T (+1); morta] mortal T. XXVI.7 E fatto il colpo] facto quellchollpo L, et fatto echolpi R; i Troian] troia L, etroiani R (+1), y troiani S (+1), itroiani T (+1). XXVI.8 Hectorre] ector L.

  • 71 L’espressione frati ferïali vale “fratelli bastardi”; per il significato, cf. I.40.7 e la nota al v (...)
  • 72 “incerto”: TLIO, s.v. dubbievole, 1.1.
  • 73 Vale metaforicamente “sorte”, “destino” (GDLI, s.v. foce); la correzione all’ipermetria proposta in (...)
  • 74 Espressione caratteristica, collegata al verbo “montare”, per la quale si vedano le attesta-zioni n (...)

Cenebor, un de’ frati ferïali71 XXVII
d’Ector, conobbe il famiglio alla boce:
socorse con baroni imperïali,
per iscamparlo dalla dubievol72 foce,73
ferendo presto com’ucce’ con ali
sopra li greci, la gente feroce,
tanto che Hector rimontò a destrieri,74
e quanto fe’ po’ d’arme, il cavalieri!

XXVII.1 Cenebor, un de’ frati ferïali] c. uno de fratelli naturali RS (+2), deifebo uno defrattelli naturali T (+2); frati ferïali] fratelli naturali L (+1). XXVII.2 d’Ector, conobbe il famiglio] chonobbe elfameglio dettor R (+1), de hetorreconobeel f. S (+1). XXVII.3 socorse] e chorse L, socchorse cho e R, soccorse come S, sochorsel T. XXVII.4 per iscamparlo dalla dubievol foce (+1)] perischampare dalla mortale focie R (+1), per scanparlodalamorte feroce S; dalla dubievol foce] damorte ferocie L; dubievol] dubiosa T. XXVII.5 presto com’ucce’ con ali] presti chome uccielli chonalia L (+1), p. come ucello con ali RS (+1). XXVII.6 li] de L, alli R; feroce] velocie L. XXVII.7 Hector] ettorre RS (+1). XXVII.8 e quanto fe’ po’ d’arme, il cavalieri] aiquanto fedarme poi ubuon ghuerieri L (+1); e] ai RS, de T.

  • 75 Ceffi: 178: onde ripigliando coraggio li Troiani rovesciarono il campo, e li Greci furono costretti (...)
  • 76 Sinonimo di guazza (TLIO, s.v. guazzare, “agitare in un fluido”), denominale da guazzo o guazza (fo (...)
  • 77 Sta, ovviamente, per “mazza”.

Poi rimontò a cavallo il barone,75 XXVIII
la gnuda spada sí facea far piassa
che feria di buona oppinïone,
fra li altri morti nel sangue l’inguassa.76
E avie già morte tante persone
che la spada schiacciava come massa:77
e fece i greci per forsa voltare
con quella gente che ’l venia aiutare.

XXVIII.1 Poi rimontò a cavallo il] rimontato achavallo quello L (+1), erimontando achavallo el R. XXVIII.2 la gnuda spada sí facea far piassa] echolla ispada sifecie far piannza L, cholla sua espada siafacieva far p. R (+1), chola sua spada sifacia fare p. S (+1). XXVIII.3 che feria di buona] chollui chefiere debuona L, et chi feriva (feria S) dibuona RS, ealcuno fidiva di b. T (+1). XXVIII.4 fra li altri morti nel sangue l’inguassa] einnfraglialltri morto tosto illchacia L, l’inguassa] gliaguaçça R, gliguaça S, glighuaza T. XXVIII.5 E avie già morte] e morte aveva gia L, et avia morte (morti S) gia RS, edave morto gia T. XXVIII.6 che la spada schiacciava come massa] chella sua ispada cholla chome giaccia L, chella (cola S) sua espada (spada S) per força dibraccia RS. XXVIII.8 ’l] lo S (+1), gli RT; venia aiutare] venne giutare (aiutare ST, aitare R) LRST.

  • 78 Come verbo di movimento, “allontanatisi” (cf. GDLI, s.v. cessare). Nel TLIO, s.v. cessare, 3.1, è d (...)

Cessati78 i Greci da Patrocol morto, XXIX
Hector a dispogliar ancor ritorna,
però che li parea ricever torto
se la sua intenzion a dietro storna;
e’ discendea del destrieri acorto
per aver le bell’armi onde s’adorna:
col braccio manco teneva ’l cavallo
e col destro intendeva a disarmallo.

[A] XXIX.8: tendeva a dispogliarlo

XXIX.1 Cessati] ciessato RS; Patrocol] patrocolo LRT (+1), patroculo S (+1). XXIX.2 Hector a dispogliar] h. per spogliarllo L, ettorre adispogliarlo R, hectorreadaspogliarlo S, h. perisogliallo T; ancor] ancora R (+1). XXIX.3 però che li parea] per che allui L, bem glipare R, ben liparia assai S (+1), per che sigli parie T; ricever] ricevare RS, ricievere T (+1). XXIX.4 se la sua intenzion a dietro storna] se sua inntenzione indietro torna L, pur la sua intentione indietro torna R; intenzion] intençione S; a dietro storna] indietro torna S, dietro frastorna T. XXIX.5 e’ discendea del destrieri] e dissmonto dachavalo molto L, et dismonta del d. R, et dismontava del d. S. XXIX.6 per aver le bell’armi onde s’adorna] per avere lebelle arme ivi sogiorna L (+1); aver] avere RS (+1); onde] unde e RS. XXIX.8 intendeva a disarmallo] e col destro tendeva adispogliarllo LT, et chollaltro atendeva a d. RS.

  • 79 Riferito a Patroclo.
  • 80 Cf. TLIO, s.v. abbicare “ammucchiare”, “mettere insieme”, ma anche attestato con signi-ficato rifle (...)

Veggendo i·re Agamenon ch’Ettorre XXX
ancor per tor quell’armi era smontato,
da capo un’altra volta lo79 socorre
da molti cavalieri acompagnato:
veggendo Ettore che no le può torre,
perché da troppi greci era sforsato,
montò a cavallo con gran fatica
per la gran moltitudine c’abica.80

[A] XXX.6: perché da troppi greci era asaltato

XXX.1 Veggendo i·re Agamenon ch’Ettorre] vegienndo aghamenonne dismontato ector L (+2), vedendo el re menone che hectorre RS, v. aghamenonne ancor ettorre T. XXX.2 ancor per tor quell’armi era smontato] peraverl arme dellchorpo pasato L, anchora perquelle armi era s. RS, pertor quellarme era dismontato T. XXX.3 da capo un’altra volta lo] unaltra volta dachapol T XXX.4 da] cho T; acompagnato] achonnpagniati L. XXX.5 veggendo Ettore] v. ector L (-1), ede vedendo T. XXX.6 perché da troppi greci era sforsato] per che datro ghreci era asalltato L (-1); perché] peroche R (+1); troppi] molti RS; sforsato] asaltato T. XXX.7 montò a cavallo con gran fatica] achavallo rimonto chongrande fadigha R (+2), ad chavallo rimonto con gramfadigha S (+1); montò] rimonto LT (+1). XXX.8 per la gran moltitudine c’abica] per la g. giennte chelli dava bricha L, peroche lagrecha giente glida brigha R (+1), perchelamoltegiente lida brigha S.

  • 81 Questa e la seguente sono ottave di raccordo, con l’eccezione dei primi due versi della strofa XXXI (...)
  • 82 “stringere in una morsa”: TLIO, s.v. ammorsare (2), con scempiamento.
  • 83 una scorsa vale “un nulla”, espressione colloquiale/formulare tipica dello stile del canteri-no, cf (...)

E furon tanto li greci possenti XXXI
che ’l corpo di Patrocolo ebbor per forsa;
Hector, veggendo i suo’ pensieri spenti,81
iratamente sopra ’ Greci amorsa,82
ferendo i cavalieri fino a’ denti,
che l’arme non valea loro una scorsa:83
e già n’aveva morti piú di mille,
gridando forte: «Vieni al campo, Achille!»

XXXI.1 E furon tanto li greci] e furono allora tannti g. L (+2), efurono igreci allora tanto T (+2); furon] furo R, furono S (+1). XXXI.2 che ’l corpo di Patrocolo ebbor per forsa (+1); Patrocolo ebbor per] p. ebonn per L, p. ebbero a R, p. ebero ad S, p. ebbono per T (+2). XXXI.3 Hector, veggendo] vegienndo ector L, vedendo ettorre RS. XXXI.4 iratamente sopra ’ Greci amorsa] irato sopra degreci samorça R, irato sopra degreci si si sforça S (+1); sopra] sopra i L. XXXI.5 ferendo i cavalieri fino] fendendo echavalieri insino R, fendendo e cavalieri infine S, ferendoli infino giu T; ferendo] partenndo L; fino] innsino L. XXXI.6 che l’arme non valea loro una scorsa] cheglielmi nolla valeva una iscorza L, che larmi loro non valevano una eschorça R (+2), che larmenonlivalia una s. S. XXXI.7 e già n’aveva morti] aveva gia morto L (-1); aveva] avia S. XXXI.8 gridando forte] forte gridanndo LRST; Vieni] venga S.

  • 84 TLIO, s.v. bradone: “omero”, o per sineddoche “braccio”.

Non crediate, signori, ch’e’ gran baroni, XXXII
in questo mezo, di ciascuna parte,
stesseno oziosi, ma parevan dragoni,
ogn’uom seguendo la virtú di Marte
mandando in terra teste, piedi e bradoni84
e cervella e budella in terra sparte:
vedeansi assai cavalli sensa signori,
udiensi guai e strida con dolori.

[A] XXXII.3: fusero stanchi

XXXII.1 Non crediate, signori, ch’e’ gran baroni (+1)] nonnchrediate che nobili baroni L, non crediate signiori che inquestoebaroni S (+2); signori] signor T. XXXII.2 in questo mezo] meçoestessero S; di] da LRST. XXXII.3 stesseno oziosi, ma parevan dragoni (+1)] fusero stannchi ma parchan d. L, estessero otiosi ma parevano d. R (+3), stessero viçiosi ma parienodagoni S (+2) istessono oziosi maparieno d. T (+2). XXXII.4 ogn’uom] onngiun L, ongniuno RST (+1). XXXII.5 mandando in terra teste, piedi e bradoni (+1)] m. allchanpo morti i chanpioni L, andando alchampo feghata epolmoni RS, m. alchanpo teste pie ebrandoni T. XXXII.6 e cervella e budella in terra sparte] et ciaravella ebudella assai sispande R (+1), et ciervella et budella vedere s. S (+1), ciervelle chonbudella per t. s. T (+1); e cervella] om. e L (-1). XXXII.7 vedeansi assai cavalli sensa signori (+1)] asai destieri andar sannza singniore L, ellidestrieri sivedieno sença signori RS (+3), vedevansi assai destreri sanza s. T (+2). XXXII.8 udiensi guai e strida con dolori] udenndo sigran grida romori L (-1); guai e] grandi RS.

  • 85 Ceffi: 178: Allora venne Menesteo, duca d’Atene, alla battaglia con molte migliara d’armati, e an-d (...)
  • 86 Forma antica per torma, “schiera” (GDLI, s.v. torma).

E ’n questo Monasteo, duca d’Atene,85 XXXIII
venne al campo con gente ardita e franca,
e assallí valentemente e bene
Troiol, che daneggiava da man manca;
i Greci, com’al caso si convene,
fuggiell’inansi come gente stanca:
or qui fu il crudele e aspro stormo,
quando s’agiunse l’uno e l’altro tormo.86

XXXIII.1 Monasteo] monisteo L, ministeo S, moristeo T. XXXIII.2 venne al campo] alchampo venne RS (+1); ardita e] molta L. XXXIII.3 assallí] sali T; valentemente] valenntre mente L. XXXIII.4 Troiol] troiolo LST (+1), troilo R; man] mano R (+1). XXXIII.5 com’al caso si convene] innsulquellpunto sichovenne L, tanto (add. e R) quanto si c. RS, alchaso chome sichonvenne T. XXXIII.6 fuggiell’inansi come gente stanca] ficharsi innanzi chomegiente francha L, fuggiendoli dinançi chome giente estancha R (+2); stanca] francha S. XXXIII.7 fu il] ne fu R, om. il S; crudele] grido L, duro. XXXIII.8 quando s’agiunse l’uno e l’altro tormo] equi sannquinse luno ellaltro istormo L, q. sagionseno sichome vinformo R (+1), q. segionsesicomevimformo S; tormo] intorno T.

  • 87 beci è forma di plurale, non attestata nel corpus OVI, da bieco; per il significato, e per l’espres (...)
  • 88 La lezione di M rappresenta qui la corruttela paleografica visibile di una lezione buona del manosc (...)
  • 89 “strage”, deverbale da tagliare.
  • 90 Errata concordanza, in M, di soggetto singolare con verbo al plurale (facevan): l’interven-to effet (...)

Troiol si giva abattendo i Greci, XXXIV
e ’nsegne e gonfaloni, per la battaglia;
e Monosteo e ’ suoi, con li ochi beci,87
givan tagliando a’ Troian sberghi e maglia,
non ispregiando l’un l’altro duo ceci88
fra lor ferendo e faccendo gran taglia;89
il sangue sparto già correva il mare
e facea90 l’onde rosse diventare.

[A] XXXIV.2: cacciando i gonfaloni

XXXIV.1 Troiol si giva] troiolo gia L, troilo andava R, troyoloadava S, troiolo sigia T (+1); i] gli R, li S. XXXIV.2 e ’nsegne e gonfaloni, per la battaglia (+1)] et segue eghonfaloni per la battaglia R (+1); e ’nsegne e gonfaloni] chacciando i ghonfaloni L (+1), insengie eghonfalon T; per la] om. la S. XXXIV.3 e ’ suoi, con li ochi beci] isuo che non sonndieci L, esuoi chompagni greci R, esuoi compagni brece S; beci] pieci T. XXXIV.4 givan tagliando a’ Troian sberghi] tagliavan atroian isbergho L, tagliavano detroiani esberghi R (+1), tagliava de troiani sbergo S, gieta itroiani tagliando isbergho T (+1). XXXIV.5 non ispregiando l’un l’altro duo ceci] non rispiarmando luno ellatro igreci L, non apreççando luno laltro due cieci R (+1), non dispreçandolunolaltro un cece S; l’un] luno T (+1); duo ceci] dun teci M. XXXIV.6 fra lor ferendo e faccendo] innfra loro siferono efa L (+1); lor] loro RS (+1). XXXIV.7 già correva il mare] sichoriva allmare L, gia correndo almare RS, correa egia almare T. XXXIV.8 e facea l’onde rosse] ella qua rossa facie L, faciendo londe r. RS; facea] facevan M (+1), facie T.

  • 91 Ceffi: 179: Ma Menesteo, il quale tutto ansava intorno alla presura di Troilo, per haverlo per suo (...)
  • 92 Participio passato, “calpestare” (cf. GDLI, s.v. scalcare).
  • 93 Ipermetria facilmente sanabile, sostituendo sarebbe con saria.
  • 94 Il significato può essere quello di “pietra” o (metaforicamente) “pavimento” (cf. GDLI, s.v. smalto(...)
  • 95 “giunse”.

Troiolo fu abattuto in quello assalto91 XXXV
dal duca Monosteo villanamente,
e da’ piè de’ cavalli pesto e scalto;92
e morto vi sarebbe il baron piacente:93
ma ’l duca a forsa i·levò dello smalto,94
e menavalne preso fra sua gente,
ma ivi trasse95 un cavalier troiano:
corse con gente e trasselil di mano.

XXXV.1 quello assalto] quella zufato T (+1). XXXV.2 Monosteo] monostro M, neneo molto L (+1), monesteo R, ministeo ST. XXXV.3 de’ cavalli pesto e scalto] dellchavallo che dallosmallto L (+1), dechavagli pessto esmalto R, e da chavallo p. e s. S, de c. posto echalcho T. XXXV.4 e morto vi sarebbe il baron piacente (+1)] et morto visaria elbarone piaciente RS (+1); sarebbe] saria L, sare T. XXXV.5 ma ’l duca a forsa i·levò dello smalto] lolevo ducha venne inquello asallto L, ma monosteo eltiro fuore dello assalto R (+2); i·levò] eltuo S, ilchavo T. XXXV.6 e menavalne preso fra sua] e nelmenava preso chonnsuo L, et preso lomenava infra (fra S) sua RS, emenaval prigion fralla suo T. XXXV.7 ma ivi trasse un cavalier troiano] allora trase unn chavalieri sovrano L, onde vegiendolo un c. t. T (+1); ivi] ine RS; un] uno RS (+1). XXXV.8 corse con] con molta RS; trasselil di mano] levogliele dimano L (+1), trasseli di m. R.

  • 96 Singolare il riferimento a Omero come testimone oculare, che contraddice la secolare polemica a pro (...)
  • 97 L’inciso con il riferimento alle due auctoritates non risulta per nulla chiaro nella lettura di M e (...)

Da ogni parte del crudele stormo XXXVI
avea mortali scontri e aspre giostre:
signori, assai peggior che non v’informo,
ché nol comprenderieno le menti vostre,
sí come Omero96 raconta dintorno,97
lo qual vi fu e scrisselo d’inchiostre;
ma qui ubidirò ’l poeta Dante
che tace il vero che non è costante.

XXXVI om. R. XXXVI.1 Da ogni] adogni S; del crudele stormo] eralchrudo istormo L. XXXVI.2 avea mortali scontri e aspre giostre] era aspro schorto adure sorte L; avea] avia S; mortali] chrudeli T. XXXVI.3 signori, assai peggior che non v’informo] easai piuchio nonn imformo L (-2); peggior] pegiore S (+1); piggiori T (+1). XXXVI.4 ché nol comprenderieno le menti vostre (+1); comprenderieno] comprenderi L, comprendaria S, chomprenderie T; vostre] nostri L. XXXVI.5 raconta dintorno] r. nelnormo M, micontanellormo S, r. nellormo T. XXXVI.6 lo qual vi fu e scrisselo d’inchiostre] lo quale ischrise chollnero innchiostro L, elquale lo scrisse cierto con i. S (+1), chete meria adire lalinghue vestre T. XXXVI.7 ma qui ubidirò ’l poeta Dante] qui ve derete lo poeta dannte L, maqui ubidiro che dicie poeta dante T (+2). XXXVI.8 ch’a creder questo fu molto costante] che dice tacil vero che none acostante M (+2), cha creder questo fu molto costante L, che dice elvero che none e constamte S, taci ilvero che none chostante T.

  • 98 “facendo strage”; cf. supra, nota a II.34.6.
  • 99 Ceffi: 180: Ma Menesteo, il quale con molto dolore s’angosciava, però che havea perduto il suo prig (...)
  • 100 La ripetizione della parola rima pressa ha forse il valore di un’aequivocatio, con il significa-to (...)

Il duca Monosteo gía per la pressa XXXVII
co’ Greci suoi, perduta la speransa
del prigion caro, della gente ingressa,
tagliando98 li Troiani con gran baldansa:99
e li Troiani faccieno crudel pressa,100
mostrando al campo la lor gran possansa:
quivi li morti, del sangue bagnati,
e ’ vivi de lor sangue insanguinati.

XXXVII.1 Il duca Monosteo gía per la pressa] loducha monisteo prellagra prescia L. XXXVII.2 co’ Greci suoi, perduta ha la speransa] chonnsuo chreci perduta lasperanza L. XXXVII.3 del prigion caro, della gente ingressa] dellcharo prigione chongiennte ghrescia L; prigion] prigione RS (+1); ingressa] gressa RS, pressa T. XXXVII.4 tagliando li Troiani con gran baldansa (+1); li] de RS; Troiani] troian L. XXXVII.5 e li Troiani faccieno crudel pressa (+1); faccieno crudel pressa] facievan (facciendo T) chruda ressa LT, faccendo crudele ressa RS (+2). XXXVII.6 lor] loro RS (+1); possansa] potenza L, prodeza T. XXXVII.7 li morti, del sangue bagnati] eran morti baron riveciati L; li] e R, i S; del] nel RS. XXXVII.8 e ’ vivi de lor sangue insanguinati] tuti pertera enellsanghue bangniati L, et ine diloro sangue insanguinati R (+1), et ivydelloro sangue mescholaty (+1).

  • 101 Ceffi: 180: A queste cose dalla parte de’ Troiani sopravenne Eupedo, ed Euripilo con sua compagnia (...)
  • 102 curucciato è variante toscana, meno attestata, di corucciato: le due attestazioni (dati corpus OVI) (...)

Danneggiando cosí il duc’a’ Troiani, XXXVIII
venne subitamente i·lor soccorso
duo re con molti cavalier sovrani,101
che conbattean come curucciat’orso,102
feroce come a verre vanno i cani
pensandosi catun dar crudel morso:
quivi per terra i signor co’ roncioni,
e cadean le bandiere e ’ gonfaloni.

XXXVIII.1 Danneggiando cosí il duc’a’] e danegiando il d. a L, damnifichando monasteo e R, dannificando elducha li S; duc’a’] d. gli T (+1). XXXVIII.2 venne subitamente i·lor] subito venne un chagliardo L; i·lor] elloro RS (+1), allor T. XXXVIII.3 cavalier] chavalieri LRST (+1). XXXVIII.4 che conbattëan come curucciat’orso] e chonnbactea chome chruciati orsi L; conbattean] combattieno R (+1), combactiano S; curucciat’orso] chorucciato orso R, chruciato orso ST. XXXVIII.5 feroce come a verre] e forte chome illvero L, feroci (feroce S) chome altoro RS, ferocie mente chome T; i] li R (+1). XXXVIII.6 pensandosi catun dar crudel morso] pennsando ongiuno di darlli c. m. L (+1), pensando ciaschuno dare crudele m. R (+2), pensando ciascuno dare c. m. S (+1), alle lepri cischuno pensando didare c. m. T (+6). XXXVIII.7 i signor co’ roncioni] andava rivecioni L, chavagli e r. R, destrieri e r. S, singniori e r. T. XXXVIII.8 e cadean le bandiere e ’ gonfaloni] re ebanndiere e richi chonnfaloni L; e cadean] cadieno R, cadevano S (+1), e om. T.

  • 103 “scaramucce”: TLIO, s.v. avvisamento (2); cf. supra, la nota a I.43.1.
  • 104 stagione ha genericamente il significato di “occasione, circostanza” (GDLI, s.v. stagione); qui si (...)
  • 105 Forma al singolare.
  • 106 Correzioni possibili all’ipermetria sono ché, preso da LRS, oppure sarie, preso da T.
  • 107 Vale “disposizione”, “comportamento” (GDLI, s.v. opinione); cf. supra, II.25.3 e la nota corrispond (...)

Io non riconto molti avisamenti103 XXXIX
c’a corpo a corpo feceno i baroni:
sei contra sei, e talor un per venti,
com’avegnono casi alle stagioni;104
perché sarebbe incredibili105 alle genti106
udendo dir le fiere oppinïoni107
ch’aveano i Greci e ’ Troian per lo campo,
cercando ogn’om vittoria per suo scampo.

XXXIX.1 Io non riconto molti avisamenti] quiveran facti avisamente L (-2), inono narato m. a. T (+1); riconto] racconto RS. XXXIX.2 c’a corpo a corpo feceno i baroni] chennquell tennpo farien i baron L (-1); feceno] facieno R, faciano S. XXXIX.3 sei contra sei] sei con sei RS; e talor un per] challor un chon L, et talora piu di R, e talora per uno S (+1), o talun chontra T. XXXIX.4 com’avegnono casi alle stagioni] chome veniva innquella istagione L; avegnono] avengano RS. XXXIX.5 perché sarebbe incredibili alle genti (+1)] chesarian innchredibile allegiennti L; perché] che RS; sarebbe] sarie T. XXXIX.6 dir] dire RST. XXXIX.7 ch’aveano i Greci e ’ Troian per lo campo] chavean i chreci atroiani dongni canto L (+1), chavienoligreci e i troyani perlo c. S (+2); e ’ Troian per lo campo] etroiani perlo canpo R (+1), egli troiani pelchanpo T (+1). XXXIX.8 cercando ogn’om] onngiun chiamava L (+1), cerchando ogni huomo R (+1), cierchando ognuno S, cierchando ongniuno T (+1).

  • 108 Paronomasia dantesca: If I, 36.
  • 109 Ipallage: l’aggettivo riferito alla battaglia è riferito alle genti che la stanno combattendo; per (...)

Furono i Greci e ’ Troiani piú volte XL
volti108 in quel giorno per gente sconfitta,
rotte le schiere, e dipartite, e sciolte,
e non vi campò quasi insegna ritta;
poi ritornavan le genti racolte,
ricominciando la battaglia afflitta,109
ed era allora già vespro nel mondo:
allor della battaglia era ’l gran pondo.

XL.1 Furono] efuro R; i Greci e ’] gligreci elli RS (+2), i g. egli T (+1). XL.2 in quel] quello R (+1), om. il S. XL.3 schiere] chiere R; e dipartite, e sciolte] epartire iricholte L, e di parte sciolte S. XL.4 e non vi campò quasi insegna ritta] e nnonvera quasi ensenngnia drita L; e] che RST; campò] champava T (+1). XL.5 ritornavan le genti racolte] ritornava la giennte sichorte L, ritornavano quelle gienti achorte R (+1), ritornavano legienti raccolte S (+1); ritornavan] vi tornarono T (+1). XL.7 ed era allora già vespro nel mondo] era lora dell vespro nel m. L (-1), allora che labattaglia era ingram pondo R (+1), allora che labactaglia era ad gran pondo S (+1), lora delvespro era gia nel m. T. XL.8 allor della battaglia era ’l gran pondo] quando quella bactaglia era g. p. L, era hora divesparo gia perlomondo R (+2), era ora delvesparogia nel mondo S (+1); allor] allora T (+1).

Vidde Hector allor per molti segni XLI
ch’e’ Greci per l’afanno eran già stanchi,
e ’ re ch’eran con loro, di molti regni,
per lo combatter dovenian manchi;
ond’e’ chiamò i fratelli d’onor degni
e molti altri baroni valenti e franchi,
e disse lor: «Recatevi a memoria
che Marte c’impromisse la vittoria!

[A] XLI.1: Vide in quel punto Ector per molti segni
XLI.6: e molti altri baron arditi e franchi

XLI.1 Hector allor] innquell punto ector LT, inquello ponto ettorre R (+2), in quel ponto hectorre S (+1). XLI.2 Greci per l’afanno eran già] chreci pergliafanni erano L; eran già stanchi] erano estanchi R, erano stanchi S, erano istanchi T. XLI.3 e ’ re ch’eran con loro, di molti regni (+1)] unde (onde S) chiamo efratellidonore degni RS (+2), ere cheglierano chollui dimolti rengni T (+2); regni] segni L. XLI.4 per lo combatter dovenian manchi] et molti altri baroni valenti e franchi RS; dovenian manchi] tuti venien m. L, loro erano istanchi T. XLI.5 ond’e’ chiamò i fratelli d’onor degni] ere che erano venuti di molti regni R (+2), et re cheranconloro di molti regni S (+1); ond’e’] ector L; chiamò] chiama T. XLI.6 e molti altri baroni valenti e franchi (+1)] perlo chombattare divenuti manchi RS (+1); baroni valenti] baron (baroni T) arditi LT. XLI.7 e disse lor] edise alloro LT (+1), diciendo loro R (+1), dicendo allora S (+1); Recatevi] arrechatevi R. XLI.8 c’impromisse] cipromise L, cipromette oggi R, ciapromesso ST.

  • 110 Impiegato con lo stesso significato del latino videor, “mi pare opportuno”.
  • 111 “siate veloci”: TLIO, s.v. avacciare, 1. Il verbo è qui usato intransitivamente, con un uso che è q (...)

«Cassandra mia il vidde nella luna XLII
che la vittoria stava i·nostre mani;
però, ansi che l’aura venga bruna,
parmi110 che ragiugnate li Troiani,
sí che ogni nostra schiera torni in una.
Però vi prego, cavalier sovrani,
che sopra i Greci mostriam nostro ardire:
per Dio, avacciate,111 ch’e’ voglion fuggire!»

XLII.1 mia il] nostra il L, mia el R, mia la S. XLII.2 vittoria] battaglia R; stava i·nostre] enostra enostre L, oggi era inosstre R, oggi e alenostre S, s. anostre T. XLII.3 ansi che l’aura venga bruna] vipriegho prima chellaria siabruna L (+2), innançi che laiere diventi bruna R (+3), imançi che laire sia bruna S; però, ansi che] perche innanzi che T. XLII.4 parmi che ragiugnate] che raunate tuti L, mi pare che r. RS (+1); ragiugnate] rachogliamo T. XLII.5 ogni nostra schiera torni] tute leschieri chori L, nosstre eschiere oggi tornino R (+1); in] ad S. XLII.6 Però] epoi LRS; cavalier] cavalieri RST (+1). XLII.7 mostriam] mostran L, mostriamo RST (+1). XLII.8 per Dio, avacciate ch’e’ voglion] orvi ispaciate che voglion L, perdio espaccianti che vogliano R (+1), perdio spacciatevi che vogliono S (+2), per dio lascianci morire che voler T (+3).

  • 112 Il soggetto è maliscalchi, i “comandanti” (TLIO, s.v. maniscalco, 2.1). L’espressione a con-dizione (...)
  • 113 “a regola d’arte”, cf. GDLI, s.v. ragione.

Cosí missero a condizïone112 XLIII
e’ maliscalchi, quella gente fiera,
i Troian racogliendo per ragione113
per lo campo, stringendoli a bandiera.
Ciascun con fiera e piú aspra oppinione
recarsi tutti insieme a una schiera,
e colle spade in mano, con gran conforto,
sí ripinseno i Greci insino al porto.

XLIII.1 Cosí] echosi RS; missero a condizïone] deto meso innesiquizione L, m. inseghuitione R, m. ad executione S, misono in nanzi loro intenzione T (+1). XLIII.2 e’ maliscalchi] e nanzi L (- 2), li m. RS; quella] di quella R (+1), in quella S. XLIII.3 i Troian racogliendo] gli (li S) troiani rachogliendo RS (+1), glitroiani richogliendoli T (+2) XLIII.4 per lo campo, stringendoli a bandiera] istrengniendoli perllo tanto auna schiera L (+1); stringendoli] estrengiendosi R, stringiendosi S. XLIII.5 Ciascun] ciascuno RST; con fiera e piú aspra] chonnfiera a. L, con piu ferocie RS, chorpi T; oppinione] intenzione T. XLIII.6 recarsi tutti insieme a una schiera] e mollti istando atenti alla frontiera L; recarsi] richorsero R (+1), rechorsi S; tutti insieme] insieme tutti RS. XLIII.7 e colle spade in mano, con gran conforto (+1); spade in mano] ispade inman L. XLIII.8 sí ripinseno i] fecion fugire i L, ripensero e (li S) RS, ripinsono gli T; al] alo S (+1).

  • 114 mascella è plurale, cosí come braccia.

Essendo i Greci allor cosí assalliti XLIV
dalli Troiani con sí feroce ardire,
divenon quasi tutti sbigottiti:
e’ piú ricorrevano al fuggire;
e ’ buon Troiani, come lioni arditi,
seguir la fuga e fecelli morire:
e abattendo e talliando que’ fuggenti,
le braccia e piè e mani, mascella114 e denti.

XLIV.1 allor cosí] inntall modo L, subito ST. XLIV.2 dalli Troiani con sí feroce ardire (+1); Troiani] troian L; feroce] forte R. XLIV.3 divenon quasi tutti sbigottiti] divenir ciaschuno isbighotito L; divenon] vennero RS, divenendo T (+1). XLIV.4 e’ piú ricorrevano al] e piu diloro chominciarono a L (+2), ellipiu richoverarono a R (+1), et lipiu ricoverano in S, e piu inchominciarono a T. XLIV.5 e ’ buon Troiani, come lioni arditi (+1); e ’ buon] elli L, et ibuoni RS (+1). XLIV.6 seguir la fuga e fecelli morire] seghuivano igreci e f. m. L (+1), seguendo lafioccha faciendoli m. R (+2), seghuivanlafugha e facelli m. S (+1), seghuendo lazufa facciendogli fugire T (+2). XLIV.7 e abattendo] om. e LR; que’] quelli R (+1), deli S (+1). XLIV.8 le braccia e piè e mani, mascella e denti (+1)] ebracia emani e pie masciellaedennti L, lemani epiei lemascielle edenti R, le mano e y piedy le massellee identy S, lebraci esteste pie masciella edenti T.

  • 115 Sott. “figlio” (de·re Priamo).
  • 116 Ovvero, non reagivano.
  • 117 “far colare a picco”, cf. TLIO, s.v. affogare, 1.2.3.

Paris de·re Priamo,115 con sua gente, XLV
combattea da man destra lungo ’l mare
e fra li Greci, che parea serpente
che li volesse tutti divorare;
fugendo i Greci e’ non facëan niente,116
faccendo pressa ognun per suo scampare:
Paris cacciando giunse a lor naviglio
e affocollo,117 con disse Virgilio.

XLV.1 con sua] ella sua L, con gran RS. XLV.2 conbattea] chonnbate L, combatteva R (+1), conbactia S; da] a RST. XLV.3 e fra li Greci, che parea] e fralli g. pare va unn L, traglialtri pareva uno R, et trali g. paria uno e frali g. parea T. XLV.4 li volesse tutti] tuctilivolesse S. XLV.5 fugendo i Greci e’ non facëan] ferendo egreci enon fuggiva (fugia S) RS; fugendo] fugiengli T; e’ non facëan niente] enno farie mennte L, enon ferman n. T. XLV.6 faccendo pressa ognun] cerchando inprescia ognuno R (+1), cercando prescia bene S (+1); ognun] ongniuno T (+1); suo scampare] ischanpare LT, suo champare R. XLV.7 cacciando] chacciandoli R (+1); giunse a lor naviglio] chorse alor navili L; a lor] auno RS. XLV.8 e affocollo, con disse] e afochogli come ischrive L, e infochollo chome disse (scrisse S) RS, eda fondollo chome ischrisse T (+1).

  • 118 Forma poco attestata come III persona singolare del condizionale, presente però nel volgarizzamento (...)
  • 119 Per correggere la misura metrica, si può pensare di espungere la e iniziale; oppure di scrivere ass (...)

Chi potré118 racontar l’uccisïoni XLVI
che fe’ de’ Greci il giorno Palidoro,
di re e di marchesi e di baroni
e delli altri minori ch’eran con loro:
gilli uccidendo insino tra ’ padiglioni
e quindi trassero assai argento e oro,119
e armi e palafreni e molti arnesi
e molti padillion che v’eran tesi.

XLVI.1 potré racontar] potrebe chonntar L, potrebbe chontare RS, potre racontare T. XLVI.2 che fe’ de’ Greci il giorno Palidoro] chefacie innquellgiorno pulidoro L; il giorno Palidoro] ettorre enfralloro R, elvero p. S, pulidoro ilgiorno T. XLVI.3 di re e di marchesi e di] dire di chonnti prenncipi e L; baroni] barone RS. XLVI.4 e delli altri minori ch’eran con loro (+1); e delli altri minori ch’eran] e di molltrati chera li L; eran] erano R (+2). XLVI.5 gilli uccidendo insino tra padiglioni (+1)] givalgli uccidendo insino apadiglione R (+1), givali uccidendo fine alopadiglione S (+2); gilli uccidendo insino tra] efugivano innsino a L, gia glucidieno infino a T. XLVI.6 e quindi trassero assai argento e oro (+1); e quindi trassero assai] e inndi ne chavarono L (+1), et difure nechavavano R (+2), et demtronetraeva S, quivi trasse roba T. XLVI.7 e armi e palafreni e molti arnesi] edimolltarme edestrieri naturali L; e molti] edaltri RST. XLVI.8 e molti padillion che v’eran tesi] ealltre gioie chinnovo chontare L, et molti padiglioni cherano tesi S (+1), emolti padiglioni cheverano tesi RT (+2).

  • 120 Ceffi: 190-1: Questo fue quello giorno, nel quale poteo essere la perpetuale fine di quella battagl (...)
  • 121 Ovviamente, Dante: If I, 2.
  • 122 Distico in cui la versione migliore è senz’altro quella del manoscritto T (pur ipermetra, nel secon (...)

Erano i Greci sconfitti per poco,120 XLVII
e’ piú fugivan già con grandi strida
e nascondeansi in secreto loco,
in quella selva scura121 ditta Ida;
e nel naviglio loro era già ’l foco:
e’ Troian li seguivan con gran grida:
e veramente nonne il terso quasi
eran di loro a combatter rimasi.122

XLVII.1 sconfitti per poco] perpocho ischonfitti T. XLVII.2 e’ piú fugivan già con grandi strida] et pur sempre fugiendo chomgram grida R, et pure sempre fuggian con grande strida S (+1); e’ piú] e pur f. chosolenne istrida L, epiu righovernarono chon gran grida T (+1). XLVII.3 nascondeansi in secreto loco] naschonndevansi innsechreti luoghi L; nascondeansi] aschondevansi R, nascondiensi S; in] per T. XLVII.4 in quella selva scura ditta Ida] in q. schura sellva decta dida L, per q. eschura selva detto lida R, permelaselvaobscura di dyda S, in q. selva detta ida ischura T. XLVII.5 e nel naviglio loro era già ’l foco] egli navili ardevan nelgran fuocho L, et nelli loro navilij era gia elfocho R, et gia ne loro navili era lo fuoco S (+1), elnavile loro eragia alfocho T. XLVII.6 e’ Troian li seguivan con gran grida] elli troiani gliseguivano chongram ira R (+3); e’ Troian li seguivan] et litroiani li s. S (+2), eglitroiani glichacciavano T (+3). XLVII.7 nonne il terso] non erano il t. M (+2), molti pochi RS. XLVII.8 eran di loro a combatter] diloro nonnerano achonbactere L (+3), era diloro achombattare R (+1), erano diloroimconbactare S (+2), erano igreci achonbattere T (+1).

  • 123 Vale “superiorità” (TLIO, s.v. dominio, 2), e dunque “esercitando E. la propria superio-rità sui Gr (...)
  • 124 “modo di parlare”: TLIO, s.v. latino, 4.2.

Faccendo Hector de’ Greci il suo dimino123 XLVIII
uccidendoli e mettendoli al fondo,
scontrò con Talamon suo ver cugino
ch’era nella battaglia in greve pondo:
pregollo Hectore con dolce latino,124
quanto piú può umilemente al mondo,
che lasci i Greci e vada colà in Troia,
a·re Priam, che ne farà gran gioia.

XLVIII.1 Hector de’ Greci il suo dimino] ettorre diloro elsuo dimino (domino S) RS. XLVIII.2 loro uccidendo (uccidendoli R +1) RS; al] in R. XLVIII.3 scontrò con Talamon suo ver cugino] schonntrosi inntalamone suo vero chonginio L (+2), eschontrossi ettorre con aias suo chugino R (+2), scomtroayax suo comsubrino S (-2), ischontro talamone suo ver chugino T (+1). XLVIII.4 in greve] a grave L, in grande R, a greve S. XLVIII.5 pregollo] pregando R; Hectore] ettor LT. XLVIII.6 può umilemente al] umilemente pote al R, humilemente sa nel S; al mondo] nellmonda L (+1). XLVIII.7 colà] chollui LRT, seco S. XLVIII.8 Priam] priamo RS; ne] li S.

  • 125 Ceffi: 192: Ma elli ciò negando, ma maggiormente desiderando la salvazione de’ Greci, e la sua non (...)
  • 126 Per sanare l’ipermetria, si può pensare di espungere il voi iniziale, come avviene nei mss. del Tro (...)

Rispuose Talamone: «O dolce frieri,125 XLIX
se voi avete di me tal teneressa,126
fate ristare i vostri cavalieri,
ché non ci caccin con cotanta aspressa;
e doman verrò in Troia volentieri
con voi a·re, e faremo alegressa:
ché s’io lasciasse i Greci in tal furore,
e’ mi saria perpetuo disinore!»

XLIX.1 Rispuose Talamone: «O dolce frieri] r. aias et disse o dolçe sire R; Rispuose] diceva L; O] ay S; dolce frieri] dollte fereri L, dolcie mio singniore T (+2). XLIX.2 se voi avete di me tal teneressa (+1)] se avete dime tale tenereçça RS; tal] om. L; teneressa] temenza T. XLIX.3 ristare] istare L; i vostri cavalieri] le vostre (vostri S) cavaliere RS (+1). XLIX.4 caccin con cotanta] chaccino con c. L (+1), chaccino chontanta R, caccicontanta S, c. c. tanta T. XLIX.5 e doman] domane RS; verrò in Troia] in troia verro R. XLIX.6 con voi a·re, e faremo] efaro chonvoi festa e L, comvoiafare festa e RS, chon voi arre afar festa e T. XLIX.7 lasciasse] lasciasi L; tal] tale RS (+1). XLIX.8 e’ mi saria perpetuo disinore] ame sarebe gran d. L (-1), sempre sarei chiamato (saria tenuto S) traditore RS, emi sarebbe grande d. T.

  • 127 Ceffi: 192: Consentio il misero Hettore.
  • 128 Altra possibilità di lettura è a Talamon’e al falso lusingare.
  • 129 Si può pensare, per correggere l’ipometria, di sostituire pur con pure.
  • 130 Sinonimo di “villano”, con sfumatura morale.

Diedeli fede Hector, per sua sciagura,127 L
a Talamone, al falso lusingare,128
ché avien vinta la guerra sicura,
avendoli pur lasciati fare!129
Fu il peccato e la disaventura
che volle che cosí dovesse andare,
e che quel caso rustico130 avenisse,
acciò che Troia e ’·re e ’ suoi perisse!

L.1 Diedeli fede Hector] ectore glidie lafe L (+1), fede li de (die S) hectorre RS (+1); sciagura] esciaghura R, sventura T. L.2 al falso lusingare] quellfa also chonnsigliere L (+1), quel falso lusenghiere R (+1), colfalsolusengare S (+1), alfalso lusinghiere T. L.3 che avien] chera L, che aveva RT, chavaria S. L.4 avendoli pur lasciati fare (-1)] se glavie se lasciati seghuire L, avendoli pure lassatoli inchalciare R (+2), avendo pure lassatoli incalciare S (+1), avendogli pure lasciato chacciare T (+1). L.5 Fu il] ma el S; e la] e sua S. L.6 che volle che cosí dovesse andare] chevollse chosi dovesse gire L (-1), volse che pure cosi d. a. S (+1); volle] volse R. L.7 e che quel] che quello L, che questo RS. L.8 Troia e·re e ’ suoi] troiani ere esuoi L, ettor ere etroia T.

  • 131 Il soggetto è qui Ettore, che ha fatto un ricco dono ai Greci rinunciando a combattere.
  • 132 “respinti, fatti fuggire”.
  • 133 In aequivocatio con il v. 2.

Cosí fece alli Greci lo rico dono131 LI
e sigurolli, ch’eran messi in volta,132
e fatto Hectore per sé mal per bono,
fece sonar le trombe a ricolta:
e li Troiani ch’erano in abandono,
ché avien vinto il campo, a quella volta,133
quand’elli udir le trombe e li stormenti
ricolsensi e lasciar ir li fuggenti.

LI.1 Cosí fece alli Greci lo rico dono (+1)] echosi fecie aigreci un r. d. L, chosi fecie ettorre elrio dono R, chosife hectore aigreci r. d. S (+1), echosi fecie agreci iriccho d. T. LI.2 e sigurolli] asi ghuirllo L (-1); eran] erano RST (+1). LI.3 e fatto Hectore per sé mal per bono] fatto ane ettorre perse elmale perdono R (+2), facto hectorre per si male perdono S; Hectore] ector LT; per bono] per dono LT. LI.4 fece sonar le trombe a] fe sonare trombecteala S; fece] efe R; sonar] sonare LT. LI.5 e li Troiani ch’erano in abandono (+1); e li Troiani ch’erano] etroiam cheran tuti L, ebuoni troiani cherano T (+2). LI.6 avien vinto il campo] venta a una laghuera L (+1), che avevano vento elchampo R (+1), chaveva vinto sichanpo T (+1); avien] avia S; quella] quessta R. LI.7 quand’elli udir le trombe e li stormenti] quando udiro (udirono R +1) letrombette e s. RS; quand’elli udir] quando udirono L (+1), quandeglino udirono T (+3). LI.8 ricolsensi e lasciar ir li] rasichurandosi allsuono tuti i L, rachorsonsi elassarono andare e R (+3), raccolsorsi e lassaro gire li S (+2), richolsonsi elasciarono que T (+1).

  • 134 Ceffi: 192: […] e con grande dolore di cuore si turbarono, e tornarono entrando nella cittade. E qu (...)
  • 135 Il verbo interporre, per quanto si legge nelle ottave precedenti, è necessariamente riferito a Etto (...)

E’ Troian tornaron ch’era fatto sera,134 LII
chi biastimando Giove e chi Hectorre,
ch’avean vinta la vittoria intera,
s’e’ non si fusse voluto interporre;135
e fuochi d’allegressa d’assai c’era,
facean per terra e sulle mastre torre;
e ’nteseno i fediti a medicare,
poi disarmati s’andaro a posare.

LII.1 E’ Troian tornaron ch’era fatto (+1)] ellitroiani tornarono chera L (+2), tornaro introia che era fatto RS, introia tornarono chefatto era gia T (+2). LII.2 biastimando] bestemiava LT, bastemiava R, bastemmiando S; Hectorre] ector L (-1). LII.3 ch’avean vinta] perche save va L, che avarieno auta R (+1), charebero avuta S (+1), che aveno avuta T. LII.4 fusse voluto] fussen volti e M, fussin voluti T. LII.5 d’assai c’era] easa ciera L, assai vera R. LII.6 facean per terra e sulle mastre torre] facievan glitroiani nellata tore L (+1), fero etroiani nella mastra torre R, fecero li troyani sulle m. t. S (+2); facean] facion T. LII.7 e ’nteseno i fediti] atesoro iferiti L, attesero eferiti R, imtesoroliferiti S (+1), eattendono i f. T. LII.8 poi disarmati] e disarmare L, e disarmati RST; s’andaro] sandoro R, sandarono T (+1).

  • 136 Altro suggerimento per restituire l’ortometria ai due versi è quello di spostare la con-giunzione a (...)

E’ Greci ritornaron nel gran campo, LIII
mormorando sensa rallegrarsi,
e136 dicean bene che ’l giorno ebbono inciampo,
s’Ettor non fusse di mai non levarsi,
e che furon per lui sicuri in campo;
e cosí intendeano a disarmarsi.
Un bando andò: «Ch’ognuno entri a sua tenda,
e chi è fedito a medicarsi ’ntenda!»

LIII om. L LIII.1 ritornaron nel gran campo] e li troyaninelgran campo S, ritornarono apadiglioni T (+1). LIII.2 mormorando sensa rallegrarsi (-1)] m. ciascuno sençaallegrarse S (+1), e mormorando T. LIII.3 e dicean bene che ’l giorno ebbono inciampo (+1)] et dicia bene chavia auto i. S; dicean bene] dicien ben T. LIII.4 s’Ettor non fusse di mai non levarsi] se hectorre nonfusse dimay nonrilevarse S (+2). LIII.5 e che furon per lui sicuri] et furono perluiassecurati S (+2); furon] furono T (+1) LIII.6 e cosí intendeano] e c. atendieno S, eintendendo i re T. LIII.7 Un bando andò: «Ch’ognuno entri a sua tenda] elbandoando che ciaschunoimtenda S; Un] el T; entri] torni T (+1). LIII.8 fedito] ferito S; ’ntenda] actemda S.

  • 137 Correzione possibile per l’ipermetria è togliendo non.

Or lasciam riposar li afaticati LIV
combattitori, che sono a disarmarsi;
e voi se fuste d’udir affannati,
vi poserete, ed io e ciascun posarsi.
E quando voi sarete riposati,
ed e’ comincerà ’l terso a cantarsi,
della pietosa morte del barone,
che dell’arme mai non ebbe compagnone.137

[A] LIV.8: che nell’arme non so nisun migliore

LIV.1 Or lasciam riposar] orlasciamo posare LS (+1), orlassiamo riposare R (+2), orlasciamo posar T. LIV.2 combattitori, che sono a disarmarsi (+1); sono a disarmarsi] s. a disarmare LT, sanno adisarmare R, sanno adriposare S. LIV.3 e voi se fuste] e sevi fusti L, et voi si (che S) sete RS; udir] odire L, udire RS. LIV.4 poserete] posarete RS; ed io e ciascun posarsi] e io giro aposare L, et io mandaro aposare RS (+2), edio mandro aposare T (+1). LIV.5 E quando voi sarete riposati] e chome voi sarete ritornati L; riposati] ritornati RST. LIV.6 ed e’ comincerà ’l terso a cantarsi] sivi chominciero lalltro chantare L, et io chominciaro laltro cantare RS, edio vidiro ilterzo cantare T. LIV.7 della pietosa morte del barone] et verro seguitando questa storia RS; pietosa morte del] morte dettor il pro T. LIV.8 che dell’arme mai non ebbe compagnone (+1)] che nerllarme noso nisun migliore L, cristo vighuardi signiore delagloria RS, e che in narma mai non fu il piu prone T.

Notes

1 Ugolini 1933: 197 adotta, senza allontanarsene, la lezione di L; qui modifica nome del ma-noscritto in lome: la lezione è deteriore, e anche la modifica introdotta non migliora la situazione testuale; anzi, crea un’inutile ripetizione con lume del v. 7, e un’incongruenza causata dall’alter-nanza vocalica lome/lume a due versi di distanza. Ho corretto quella di M con quello, poiché la condizione essenziale perché il canterino possa “discernere” è proprio lo iudicio del v. 2.

2 Verso poco chiaro; sembra che il senso possa essere: “senza che tu mi guidi, io non di-stinguo non solo ciò che è sottile, ma nemmeno ciò che è bianco o nero (perso), ovvero ciò che si distingue benissimo”. Il colore perso è un colore tra il purpureo e il nero, tendente al nero (cf. Dante, aere perso e in numerosi passi anche del Convivio); la lezione di L sembra peggiore, intanto per il lemma preso per perso, quindi per una sospetta ipometria (che comunque potrebbe essere sanata attraverso una dialefe, ma si tratta di una situazione anaforica, nero o vero o perso, che co-stringe a intervenire sul ritmo e perdipiú in modo arbitrario), e quindi per il significato dell’espressione o vero (che non sembra riconducibile al campo semantico dei colori); non cosí negativa è la lettura di T, che ho evidenziato nella prima fascia d’apparato.

3 Ugolini (ibidem), che si basa su L, legge mi presta, secondo me abusivamente; il manoscrit-to reca mispra, con una probabilissima caduta di un’abbreviazione sospesa (m’ispira). La lezione sarebbe, comunque, ipermetra. Interessante è il termine volume, che evoca immediatamente la scrittura.

4 Seconda parte del paragone iniziato al verso precedente; si deve sottintendere un “come” (ovv. “arditi come il vento […]”)

5 Forma toscana del verbo “sventolare”, impiegato qui transitivamente; il soggetto sono le schiere troiane che, traendo, fanno sventolare le bandiere.

6 Rima imperfetta in luogo della rima perfetta; si deve però notare che le forme cavalieri e levrieri al singolare sono tipiche della scripta di M, che cela qui forse rime regolari. Analogamente in sede A si ha un’assonanza in luogo della rima: troiane : villane : mare.

7 Ho accolto a testo LT contro M, che propone la ripetizione del sostantivo spade, poco logica.

8 Ho evidenziato, nella fascia A, corretta dall’ipermetria, la lettura del laurenziano, che of-fre un’efficace alternativa sinonimica: l’impiego della figura etimologica è raro – in generale nel tessuto del genere canterino, e cosí nella Guerra di Troia – ma non assente (cf. infra, II.9.4); qui, piú probabilmente, si tratta però di una ripetizione. Il testo della fonte è completamente rielabo-rato: mentre nell’ottava la scena è diurna, in Ceffi si tratta di un notturno in cui le luci del campo greco danno agli assediati l’impressione del giorno fatto; cf. Ceffi: 167: & in quella notte con molti fuochi & ardenti facelline scacciarono le tenebre, sí che a quelli della cittade appariva che fosse uno infinito die, quasi come se la chiarezza del giorno rilucesse. L’eco è remotamente dantesca, cf. Pg XXVII, 133, Vedi lo sol che ’n fronte ti riluce.

9 Vale “prendersi per mano” (per promettere o giurare): TLIO, s.v. impalmare, 1

10 Cf. supra, la nota a II.2.6.

11 Il problema numerico, e metrico, è risolto attraverso il riscontro con la fonte (Ceffi: 174: Avegnadio che Hettore cosí ordinasse li suoi, non stettesi perciò negligente Agamenone, o fue tardo ad ordinare li suoi. Certo egli ordinoe ventisei schiere della sua gente). È perciò da correggere il manoscritto di base, che reca ventiquattro, con la lettura di T che, per il resto sgangherata, riporta ventisei (un numero, questo, molto difficilmente inventabile, e molto probabilmente originale).

12 Ceffi: 174: Nella prima delle quali pose per conducitore Patroclo.

13 “quel giorno questi (= Patroclo) fu a capo delle schiere d’Achille (che non prese parte alla battaglia)”. La sequenza delle rime è dantesca, in questo caso infernale (If XII, 71-75); il canteri-no riprende qui anche l’a mille a mille dantesco (mille e mille); sequenza simile, sempre nell’Inferno, è al canto XXVI, 62-66, dove al posto di sortille c’è faville (v. 64), mentre in Pd XVIII, 101-105 ab-biamo faville : mille : sortille (e cosí, infine, nel Filostrato, IV.51). Ceffi: 174: il quale menoe seco nella detta schiera tutta la sua gente, & ancora tutta quella d’Achille, ciò furono Mirmidoni. Achille in quel die non venne alla battaglia, con ciò fosse cosa che elli si stava nel suo padiglione, e facevasi curare d’alquante sue fedite.

14 Verso con dialefe necessaria per l’ortometria: L qui ha probabilmente inserito buon come zeppa per un verso lacunoso. Ceffi: 174: Nella seconda schiera mise Agamenone per capitano lo re Me-rione, e lo re Idomeneo, e Menesteo duce d’Atene.

15 15 sportani in spartani (lapsus paleografico); sospetta ipometria di L in questo verso, T sicu-ramente ipometro. Ceffi: 174: La quinta schiera guidoe lo re Menelao, ove furono li Spartani, li quali erano soggetti al regno suo.

16 16 Ceffi: 174: La settima schiera fue condotta per Telamone Aiace, ove fue la sua gente di Salamina, nella cui compagnia furono quattro conti. Nonostante la ripresa letterale della fonte, qui abbiamo conti che sono figli di baroni: è chiaro che l’uso di questo tipo di lessico da parte del canterino è svuo-tato del significato tecnico e feudale, e questi termini valgono genericamente come “personaggi eminenti, eccellenti”.

17 Il significato di acomandato è quello di “affidato” (cf. TLIO, s.v. accomandare), il cui ogget-to è il gonfalone del v. precedente; il senso dovrebbe essere quello di “affidato a coloro che hanno le espressioni piú temerarie”. Ho comunque evidenziato in fascia A la lettura di LT che, pur faci-lior, è leggermente piú corente al parallelismo che il canterino utilizza nella descrizione delle schiere.

18 Verso sospetto, che si può correggere ricorrendo a T: fu de·re Toasse; oppure con L: la se-sta si condusse il re Toasse; entrambe sono giustificate dall’usus scribendi. Ceffi: 174: L’ottava schiera hebbe a conducere il duce Thoas.

19 Il verso di M è ipometro: non sono intervenuto a correggere (facile pensare a un dalfino), ma ho evidenziato in fascia A la lettura di LT, che non presenta dubbî dal punto di vista metrico ed è coerente nella successione dei tempi verbali al passato.

20 Si può pensare, per restituire la misura del verso, all’espunzione di schiera, lasciando il so-lo ordinale (come avviene in questa stessa ottava al v. 8) e leggendo savïo.

21 Come talvolta avviene nella GT, si ha concordanza tra un soggetto plurale (fiammelle) e il verbo al singolare.

22 Decisamente piú chiara la versione di M, sulla quale sono intervenuto soltanto per cor-reggere l’et con la preposizione a (lo scambio paleografico è abbastanza facile da supporre, vice-versa la coordinata compromette la sintassi e anche la logica del testo: si dice che il giglio è cir-condato da qualcosa, e poi risulterebbe dintorno).

23 Si ha qui una sorta di inarcatura interstrifica: adorno è riferito a quel re Filitor che compare all’ottava successiva. I vv. 5-8 dell’ottava IX descrivono l’insegna del re Menoen (altro nome di pura fantasia), a capo della nona schiera; l’ottava X comincia con la descrizione della decima schiera. L presenta lo stesso stacco tra IX e X, ma la coerenza del testo è compromessa dal fatto che si descrivono le insegne del re sia nell’ottava IX che nella X (oltretutto, è meno chiara l’espressione verbale si fu ordinata con un re come soggetto). Disturba poco, in una situazione di stacco strofico, la ripetizione di re nell’ultimo verso di VIII e nel primo di IX, che anzi attenua l’intervallo e permette una continuazione del discorso assai piú fluida.

24 Notevole la contaminazione, con l’ingresso di un saracino nella Guerra di Troia.

25 Versione indubbiamente difficiliore (e probabilmente corretta) rispetto alla corrispon-dente di LT: l’immagine che si evoca è quella di un guerriero che impugna un pugnale in en-trambe le mani. Anche retoricamente la versione di M è da preferire per la figura etimologica, mentre LT costruiscono un verso meno compatto e (L) con qualche dubbio di concordanza (duo punie dato).

26 È “azzurro”, con forma aferetica.

27 La versione di L qui, nella sostanziale corrispondenza delle due versioni, permette di correggere la lezione giallo di M in gallo (lapsus coloristico, nell’elenco delle insegne, quando inve-ce si tratta del gallo raffigurato sull’insegna).

28 Migliore lettura quella del laurenziano, che ho evidenziato nella prima fascia; a vantaggio di questa c’è nero (che è condiviso anche da T), a formare un binomio cromatico che è dell’usus scribendi del testo: in questa rassegna infatti (cosí come in quella piú breve del cantare V) si indica in genere lo sfondo dell’insegna (il campo) e l’oggetto che vi è raffigurato, ciascuno con il rispetti-vo colore.

29 La lettura di M ha il soccorso della versione napoletana di Ceffi, che nella rassegna delle schiere greche cita il re Redio (cf. De Blasi 1986: 153); il luogo citato nella fonte è perfettamente congruo se si tiene conto che a breve distanza nel testo compaiono i nomi dei re Polidario e Ma-chaone, che il canterino utilizza come probabilissima fonte per i Palideo e Macharo dell’ottava suc-cessiva. Il volgarizzamento toscano, invece, tace questo nome.

30 Qui ha valore di “circa” (GDLI).

31 “su sfondo nero”.

32 Ceffi: 175: E la decessettesima guidoe lo re Podalirio, e lo re Macaon. La decimaottava menoe lo re Roda. Roda è già nella fonte un nome proprio che nasconde, con ogni probabilità, il toponimo Rodi, come suggerito dalla lettura dell’altra fonte; cf. Binduccio (Gozzi): 205: La septimadecima schiera conduxe infra lo re Polidarius e lo re Machaon […]. L’ottavadecima fecero e forniro quelli di Rote.

33 “conchiglie” (GDLI, s.v. nicchio; tra le varie attestazioni nel corpus OVI segnalo, per il termine al plurale, l’utilizzo in contesto araldico in due occorrenze, entrambe tratte dalla Cronica di Giovanni Villani).

34 Possibile anche la lettura Ampod’el grande, suggerita del resto dalla varia lectio; in assenza di un riscontro con le fonti non sono intervenuto sul testo, nel rispetto dello status dei nomi proprî (si noterà che Ampodel, peraltro, ricorda i nomi della tradizione francese terminanti in -el/-ello).

35 La banda è il “drappo” o la “striscia di stoffa” che distingue armi e insegne, cf. TLIO, s.v. banda (2); piú piccolo della banda, il fregetto è la “striscia di stoffa che distingue insegne”, cf. TLIO, s.v. fregetto (2); nell’indicazione araldica, fregetto e banda compaiono nella stessa espressione, come risulta dalle attestazioni del corpus OVI (cf., nella Tavola ritonda, la stessa stringa testuale ai cc. 133 e 145: […] campo azzurro, con una banda d’argento, con uno fregetto d’oro da ogni lato della banda).

36 L’osservazione di L evidenzia un errore dello scriba, che nella trascrizione dell’antigrafo fraintende il costui ne e copia costume: il verso successivo rimane cosí ipometro e privo di senso, mentre il v. 7 ha un errore per la rima; evidente qui la dipendenza di L da un antigrafo scritto.

37 Il copista di M corregge guidando in gridando; ho corretto l’ipermetria del manoscritto di base (dicenovesima) con la lezione dicenove, di L che è coerente con quella di XIII.1 (dicessette, analo-go valore ordinale del numerale).

38 Lettura faciliore quella di LT, ma non priva di significato in relazione al contesto: atraver-sato (cf. TLIO, s. v. attraversato) vale “a striscie, a bande orizzontali o oblique”; l’ho resa visibile nella prima fascia di apparato, anche se volge la rima in assonanza.

39 Troia monosillabico.

40 “con atteggiamento sprezzante”.

41 La lezione dell’estense risulta incomprensibile a causa della voce bandello, per la quale non vi sono attestazioni nel corpus OVI, e che non è associabile, come diminutivo, al campo se-mantico della banda o del bando (cf. TLIO, per le rispettive definizioni); istallo del laurenziano ha invece il significato di “campo militare” (GDLI, s.v. istallo); ed è corretta pure la lettura di T, pu-re evidenziata nella fascia A, dove ballo è “combattimento” (GDLI, s.v. ballo). Pubblico una pro-posta testuale che risulta dalla combinazione di M con ballo di T, con isnello (gallicismo, cf. Cella 2003: 252) che ha valore avverbiale, ed è sinonimo del tosto di T.

42 Il nome è probabilmente un patchwork di due nomi contenuti nelle fonti, in Ceffi: 175 Guneo, re di Cifo, e in Binduccio (Gozzi): 205 Eneus, re di Cipro; non si è ritenuto di modificare il testo, in ragione dello status particolare dei nomi proprî.

43 Ho corretto anzitutto il manoscritto base in Allor re: altra possibilità è allora, scelgo tut-tavia quella che mi consente di conservare a testo parte della lezione dell’altro manoscritto (l’intervento è in entrambi i casi assolutamente economico). Il canterino qui utilizza parte di una serie rimica dantesca (attuffa : buffa : zuffa, cf. If XXII, 131-135), variando il significato del dante-sco buffa (“beffa” in Dante, qui “menzogna”; cf. TLIO, s.v. buffa, 1.2, dir buffa è “raccontare il falso”), in quella che è una tipica formula di inveramento, impiegando un’espressione con verbum dicendi invece del piú consueto senza (cf. Cabani 1988: 122-3, e la corrispondente citazione dalla Spagna in rima). Protelao è Proteo, nella fonte ceffiana (Ceffi: 175: La vigesimaquarta lo re Proteo).

44 “si fionda” (GDLI).

45 Ceffi:175: La vigesimaquinta lo re Agapenor di Arcadia.

46 Ricordo dantesco di If I, 4.

47 Ceffi: 175: La vigesimasesta schiera menoe esso re Agamenone, sí come imperadore di tutta l’hoste.

48 “macchine da guerra”: TLIO, s.v. argomento, 10.

49 Ceffi: 175: Hettore il fortissimo della gente sua, il quale era primo dinanzi a tutti impaziente di piú stare, potentemente sforzando il suo cavallo all’arringo contro la prima schiera dei Greci si drizzoe quasi furioso, del quale, quando s’avvidde Patroclo […] venne dirittamente correndo in su ‘l cavallo sforzatamente contro a lui.

50 Ceffi: 175: […] con la sua acuta lancia ritrovoe Hettore, e fortemente con essa sospingendolo, sforza-tamente gli passoe lo scudo, il quale Hettore si mise avanti, e giugnendo all’armi dentro, alquante ne straccioe, ma non pertanto pervenne insino alla nuda carne. Ma Hettore non dubitando del suo sforzato colpo, non schifandolo, acceso di molto ardente furore, non ritrovoe con simile ragione Patroclo con colpo di lancia, ma con la spada ignuda gli s’avventoe addosso, e con la detta spada il ferio si crudelmente nel capo.

51 “protesse”: GDLI, s.v. garantire.

52 volta ha il significato di “movimento in volo” (GDLI); meno comune è il significato di acorte: si penserà non tanto a “avveduto, assennato” (che corrisponde poco alla furia di Ettore che si appresta a uccidere, ed è fuori contesto nel paragone), quanto a “rapido, veloce” (cf. TLIO, s.v. accorto, 3.1), che è perfettamente calzante per descrivere il movimento del dragone (e dell’eroe).

53 “ricorse a” (GDLI, s.v. ricoverare).

54 Esiste anche la forma lada, con riduzione del dittongo discendente, che è assai attestata nel corpus OVI.

55 Per la formula di autenticazione cf. Cabani 1988: 127; la meccanica del colpo inferto dal guerriero troiano è al dritto, ovvero il brando colpisce l’elmo e divide in due la testa di Patroclo: piú incisiva, e dunque difficiliore, l’espressione rispetto a quella dell’altro testimone. Ceffi: 175-6: […] ch’elli glielo divise in due parti, onde Patroclo non potendosi sostenere a cavallo […] cadde in terra nel mezzo tra’ battaglieri.

56 Complemento di causa; alpresta è forma metatetica di alpestra, “crudele” (TLIO, s.v. alpe-stro, 1.2.3.1).

57 Ho corretto corpi del manoscritto base sulla scorta degli altri testimoni, oltretutto piú a-datta per conformatio contextus.

58 ’ntorno qui usato senza preposizione; soluzione frequentatissima nei testi antichi, come dimostrano le molteplici le attestazioni nel corpus OVI.

59 Il canterino espande qui il contenuto della fonte, per ovvie ragioni di drammatizzazione, cf. Ceffi: 176: [Hettore] puose mente alle sue armi, ond’elli era armato, e contemplando fue desiderosamente sorpreso di volerle, e per haverle scese dal suo cavallo. Ho evidenziato in fascia A la lezione concorrente (LR), migliore per contesto e per l’aggancio con la fonte.

60 Ceffi: 176: e vogliendolo spogliare delle sue splendenti armi, lo re Merione, con tre mila cavalieri arma-ti in difensione del corpo morto s’appressoe, e giugnendo con tutta la sua gente al detto corpo, si mise intorno a Hettore, con tutta la moltitudine de’ combattitori, accioché Hettore non potesse spogliare il detto corpo delle dette armi.

61 Lupo rapace, già nella fonte, ricorda Pd XXVII, 54. Cf. Ceffi: 176: […] e con animo adirato disse queste parole contro a Hettore: «O lupo rapace, e insaziabile, certo di questo cibo non potrai tu assaggiare, altrove ti conviene addomandare il pasto, imperoché tantosto vedrai contro a te piú di cinquecento migliaia di combattitori, i quali tutti si sforzeranno alla distruzione del tuo solo capo». Allora il detto re con gl’altri insieme assalirono il detto Hettore.

62 Da interpretare nel senso di “cessare”, come in TLIO, s.v. disporre (2), 2: ovvero “la ra-gione fa sí che si interrompa la tua vita”.

63 Ceffi: 176-7: Intanto si riscalda l’asprissima battaglia, & un’altra volta tornoe Hettore al corpo di Patroclo, fermo di spogliarlo, onde egli scese da cavallo, non lasciando perché lo re Idomeneo con duomila combat-titori venisse incontro a lui alla battaglia […]. Ma con molti colpi di spada elli e li suoi percossero il detto Het-tore, il quale veggendosi a piè affaticato contro tanti cavalieri in battaglia mortale, alle froze aggiunse forze, e a-spramente con la sua spada ignuda ritrova li Greci, uccidendoli li loro cavalli, e molti di loro, tagliando a cui le braccia, & a cui li piedi, e cosie in poca hora ne uccise quindici di loro, li quali si sforzavano di rattenerlo.

64 Si può mantenere la forma procacciar di M, da leggere procàcciar(o): in fiorentino (ma anche in altri dialetti toscani) spesso -no > -ro nella III persona plurale dell’indicativo e congiuntivo presente, e dell’indicativo imperfetto, cf. Castellani 1952: 155, n. 4 e Libro de’ Vizî e delle Virtudi (Segre): 10, n. 13 (dove è discussa la forma raddòppiaro, “raddoppiano”).

65 Chiara eco dantesca, da If XXV, 23-27, con ripresa della rima (draco e laco) e citazione quasi letterale del v. 27: di sangue fece spesse volte laco.

66 Ceffi: 177: Tra li Greci era uno fortissimo cavaliere, che havea nome Rarion da Pietra, il quale piú agramente s’inaspriva contro a Hettore. Ma uno familiare d’Hettore veggendolo posto a tanto rischio, e tegnendo due lancie in mano, con possente virtude ne scrolloe una contro al detto Rarion, il quale con tre mila cavalieri battaglieri piú il noiava, onde per il colpo della trinciante e aguzza lancia, essendo percosso il predetto Rarion, cadde a terra morto.

67 Qui vale genericamente “disposizione d’animo” (GDLI, s.v. opinione), con riferimento al distico finale dell’ottava precedente, in cui Ettore è descritto nella sua furia, mentre fa strage dei nemici.

68 La voce, che ha numerose attestazioni nel corpus OVI, vale “scudo”; piú propriamente, si tratta di uno scudo lungo di forma rettangolare, come precisato in Binduccio (Gozzi): 662, dove la curatrice dell’edizione rinvia al glossario del Roman de Troie nell’edizione Constans); cf. anche Bezzola 1925: 180-1 e Cella 2003: 122-3.

69 Ceffi: 177-8: […] e tantosto il detto famigliare gittoe l’altra lancia contro ad un altro, il quale simil-mente si sforzava d’uccidere Hettore, e per la percossa di quel colpo nel simile modo voloe morto a terra, e gridan-do il detto famigliare verso li Troiani, ch’elli soccorressero a Hettore, ch’era posto in pericolo […].

70 L’utilizzo del discorso diretto è un espediente del quale il canterino piú volte si serve nella GT, per esigenze di drammatizzazione (sull’amplificatio dialogica, cf. Mantovani 2013: 129 e supra, I.3); qui in realtà è già nella fonte, cf. Binduccio (Gozzi): 209: Quando egli ebbe quel colpo fatto, elli si ferí ne la mislea molto vigorosamente, la lancia sopra la sella, e ne ferí un altro: sí lo gitta morto a la terra altressí. Poi si sgrida ad alta bocie e dice: “Franchi chavalieri, venite avante e soccorrite vostro signore!”.

71 L’espressione frati ferïali vale “fratelli bastardi”; per il significato, cf. I.40.7 e la nota al v. corrispondente. Cf. Ceffi: 178: Cinabor, uno de’ fratelli d’Hettore, sí tosto come sentio la voce del chiamatore, primo con tutta la schiera, dov’elli era, con grande virtude di combattere s’abboccaron con li cavalieri che sí a-spramente danneggiavano Hettore.

72 “incerto”: TLIO, s.v. dubbievole, 1.1.

73 Vale metaforicamente “sorte”, “destino” (GDLI, s.v. foce); la correzione all’ipermetria proposta in apparato implica l’uso della preposizione a in luogo di da (alla) comunque ammessa nella sintassi del verbo scampare. In alternativa: per iscamparlo da dubievol foce.

74 Espressione caratteristica, collegata al verbo “montare”, per la quale si vedano le attesta-zioni nel corpus OVI.

75 Ceffi: 178: onde ripigliando coraggio li Troiani rovesciarono il campo, e li Greci furono costretti di tor-nare a dietro. Per la qual cosa, rallegrandosi Hettore non poco, montoe a cavallo, e furioso si lascia correre alla battaglia, smisuratamente abbandonandosi contro alli Greci, essendo disperato dell’armi di Patroclo. Molti de’ Greci uccise, che gli si paravano innanzi, e tanti quanti gliene vengono innanzi de’ Greci, o egli gl’uccise, o egli gli fedette mortalmente abbattendogli.

76 Sinonimo di guazza (TLIO, s.v. guazzare, “agitare in un fluido”), denominale da guazzo o guazza (forma piú antica), con il significato di “immergere”.

77 Sta, ovviamente, per “mazza”.

78 Come verbo di movimento, “allontanatisi” (cf. GDLI, s.v. cessare). Nel TLIO, s.v. cessare, 3.1, è dato il significato contestualizzato di “arretrare (detto di una schiera di soldati)”.

79 Riferito a Patroclo.

80 Cf. TLIO, s.v. abbicare “ammucchiare”, “mettere insieme”, ma anche attestato con signi-ficato riflessivo: “ammucchiarsi”. La voce è anche dantesca, cf. If IX, 78).

81 Questa e la seguente sono ottave di raccordo, con l’eccezione dei primi due versi della strofa XXXI, in cui è precisato che i Greci sono riusciti a recuperare il corpo di Patroclo; nella seconda parte di questa ottava il fuoco è spostato su Ettore, la cui furia è descritta in modo drammatico, con l’ausilio del discorso diretto. Nell’ottava successiva si ha invece, secondo lo sti-le tipico del genere, un appello all’uditorio. I pensieri spenti sono le ambizioni di Ettore di sottrar-re ai Greci il corpo di Patroclo.

82 “stringere in una morsa”: TLIO, s.v. ammorsare (2), con scempiamento.

83 una scorsa vale “un nulla”, espressione colloquiale/formulare tipica dello stile del canteri-no, cf. anche infra, la nota a II.34.5 (duo ceci).

84 TLIO, s.v. bradone: “omero”, o per sineddoche “braccio”.

85 Ceffi: 178: Allora venne Menesteo, duca d’Atene, alla battaglia con molte migliara d’armati, e an-dando con tutta quella gente giunse alla schiera di quelli di Frigia dalla mano manca, nella quale era Troilo, il quale mirabilmente gravava li Greci, […].

86 Forma antica per torma, “schiera” (GDLI, s.v. torma).

87 beci è forma di plurale, non attestata nel corpus OVI, da bieco; per il significato, e per l’espressione occhi biechi, TLIO, s.v. bieco, 1, “torvo”.

88 La lezione di M rappresenta qui la corruttela paleografica visibile di una lezione buona del manoscritto T (con uno scambo tra c e t che non è affatto infrequente); l’espressione, di tono popolaresco, è colloquiale e formulare al tempo stesso (tipi simili, con il verbo di stima, in III.45.4 e VII.36.3), e perfettamente adeguata al cantare.

89 “strage”, deverbale da tagliare.

90 Errata concordanza, in M, di soggetto singolare con verbo al plurale (facevan): l’interven-to effettuato è minimo ed è suffragato dalla lettura degli altri testimoni; mi sembra meno proba-bile, alla luce di ciò, che si tratti una volta di piú di Troiolo e Monesteo.

91 Ceffi: 179: Ma Menesteo, il quale tutto ansava intorno alla presura di Troilo, per haverlo per suo prigione, aggiungendo forze con forze, a ciò tutto lo suo studio puose con tutta sua gente, e tanto s’affaticoe ch’elli trasse Troilo tra’ piedi de’ cavalli, e preselo in persona, e con grande compagnia di cavalieri s’affrettava di menar-lone via […]. Allora lo re Alchamo tutto ardente d’ira, prendendo una lancia, tantosto si lascioe correre contro alli Greci, li quali studiavano di menarne Troilo, […] ond’elli avvenne che con l’aiuto de’ suoi, che giugnevano a molti insieme, che Troilo fue liberato dalle mani di coloro che nel volevano menare […].

92 Participio passato, “calpestare” (cf. GDLI, s.v. scalcare).

93 Ipermetria facilmente sanabile, sostituendo sarebbe con saria.

94 Il significato può essere quello di “pietra” o (metaforicamente) “pavimento” (cf. GDLI, s.v. smalto, e le numerose occorrenze, con questo significato, nel corpus OVI); qui vale generica-mente come “terra” (“lo sollevò da terra”).

95 “giunse”.

96 Singolare il riferimento a Omero come testimone oculare, che contraddice la secolare polemica a proposito della veridicità del suo testo.

97 L’inciso con il riferimento alle due auctoritates non risulta per nulla chiaro nella lettura di M e di T, prima di tutto al v. 5 (normo/ormo), con l’utilizzo di un rimante non attestato, quindi al v. 8, dove la (presunta) citazione dantesca è priva di significato. Nel complesso, considerata la complessiva semplificazione del testo che invece propone L, tanto al v. 5 quanto al v. 8, è pro-babile che esista una difficoltà o un’opacità nel modello di queste testimonianze. Pur nel dubbio, pubblico tuttavia al v. 5 la lettura di L, che si regge nel significato (“cosí come Omero racconta in proposito”) e si può ascrivere a uno standard lessicale della GT; il v. 8 risulta invece da una combinatio delle lezioni di M e T: certa è la parola-rima, costante, su cui vi è lettura univoca, mentre che è presente in tutti i codici ad eccezione di T, ed è invece condivisa dai soli M e T la stringa tac(e) il vero che non è; l’espressione “tacere il vero che non è costante”, in cui costante ha il valore di “accertato con evidenza” (cf. TLIO, s.v. costante, 2.2.1), procura cosí una formula di inveramen-to, con richiamo all’auctoritas di Dante, che “non scrive se non verità evidenti”.

98 “facendo strage”; cf. supra, nota a II.34.6.

99 Ceffi: 180: Ma Menesteo, il quale con molto dolore s’angosciava, però che havea perduto il suo prigio-ne e grandissima parte della sua gente, scorreva per le schiere sí come elli fosse pazzo, e andando cosí scorrendo abbattendo li Troiani […]. Dopo l’inciso rappresentato dall’ottava precedente, con il richiamo all’uditorio, prosegue la narrazione: Monesteo, a causa dell’accorrere dei Troiani che egli conti-nua peraltro a massacrare, ha perso la speranza di riacciuffare Troiolo. Non è chiarissimo della, al v. 3, che si esplicita per contesto, molto probabilmente con valore di complemento di causa. Per ingressa, cf. TLIO, s.v. ingresso (2), “impetuoso e ostile”, “crudele”, secondo cioè il punto di vista di Monesteo; prigion vale, ovviamente, “prigioniero”.

100 La ripetizione della parola rima pressa ha forse il valore di un’aequivocatio, con il significa-to rispettivamente di “mischia” o “fretta” (v. 1), e “pressione” (v. 5).

101 Ceffi: 180: A queste cose dalla parte de’ Troiani sopravenne Eupedo, ed Euripilo con sua compagnia con duo mila combattitori.

102 curucciato è variante toscana, meno attestata, di corucciato: le due attestazioni (dati corpus OVI) sono nella canzonetta Uno piasente isguardo di Pier delle Vigne (Poeti del Duecento, I: 124) e nel sonetto Gioia d’onne gioioso movimento di Guittone (Leonardi 1994: 180); necessaria una ritra-zione dell’accento che, viceversa, cade in modo assolutamente anomalo (accenti di 4a, 9a e 10a).

103 “scaramucce”: TLIO, s.v. avvisamento (2); cf. supra, la nota a I.43.1.

104 stagione ha genericamente il significato di “occasione, circostanza” (GDLI, s.v. stagione); qui si tratta quasi di un’espressione avverbiale: “talvolta”, “all’occasione”.

105 Forma al singolare.

106 Correzioni possibili all’ipermetria sono ché, preso da LRS, oppure sarie, preso da T.

107 Vale “disposizione”, “comportamento” (GDLI, s.v. opinione); cf. supra, II.25.3 e la nota corrispondente.

108 Paronomasia dantesca: If I, 36.

109 Ipallage: l’aggettivo riferito alla battaglia è riferito alle genti che la stanno combattendo; per il significato, “tormentata”: TLIO, s.v. afflitto, 2.

110 Impiegato con lo stesso significato del latino videor, “mi pare opportuno”.

111 “siate veloci”: TLIO, s.v. avacciare, 1. Il verbo è qui usato intransitivamente, con un uso che è quasi avverbiale (“veloci!”).

112 Il soggetto è maliscalchi, i “comandanti” (TLIO, s.v. maniscalco, 2.1). L’espressione a con-dizione (TLIO, s.v. condizione, 4), vale “in posizione sottomessa”, “in stato di sottomissione”; qui vale probabilmente come espressione sinonimica di a bandiera (TLIO, s.v. bandiera, 1.9), e dun-que “in riga”.

113 “a regola d’arte”, cf. GDLI, s.v. ragione.

114 mascella è plurale, cosí come braccia.

115 Sott. “figlio” (de·re Priamo).

116 Ovvero, non reagivano.

117 “far colare a picco”, cf. TLIO, s.v. affogare, 1.2.3.

118 Forma poco attestata come III persona singolare del condizionale, presente però nel volgarizzamento pisano del Roman de Palamedes: cf. Cantari di Febus-el-Forte (Limentani): LVIII; per questa, e per per tutte le attestazioni successive nel testo, cf. ovviamente Castellani 2000: 331. Ceffi: 190: […] & li Troiani quasi vincitori assaliscono li loro padiglioni, & arditamente gli rubarono, e trovando molte armi, e con grande quantitade d’oro e d’argento ne’ loro soppediani, ogni cosa tolsero, portando tutti loro arnesi insino alle loro difese.

119 Per correggere la misura metrica, si può pensare di espungere la e iniziale; oppure di scrivere assa’, con riduzione del dittongo discendente, il che permetterebbe la sinalefe assa’ argen-to.

120 Ceffi: 190-1: Questo fue quello giorno, nel quale poteo essere la perpetuale fine di quella battaglia, & li Troiani in tutto sarebbono stati vincitori; per poco vale “quasi” (= “per un niente”), significato che si ricava dal contesto.

121 Ovviamente, Dante: If I, 2.

122 Distico in cui la versione migliore è senz’altro quella del manoscritto T (pur ipermetra, nel secondo verso), mentre l’errore nasce, negli altri due manoscritti, dalla duplicazione di ele-menti testuali: nel caso di L è la negazione nonne/nonn, che pesa sul computo sillabico del secon-do verso, nel caso di M è il verbo essere (erano/eran); nella soluzione proposta la negazione nonne è forma ampiamente attestata in toscana (dati corpus OVI), mentre non disturba eccessivamente, nella mobilità della sintassi canterina, la concordanza di soggetto al singolare (il terso) con il ver-bo al plurale (eran).

123 Vale “superiorità” (TLIO, s.v. dominio, 2), e dunque “esercitando E. la propria superio-rità sui Greci”. Ceffi: 191-2: Discorrendo Hettore per le schiere perseguitando li suoi nemici, i quali sí come sconfitti fuggivano dalla sua faccia e degl’altri Troiani, si scontroe con Telamone suo cugino, figliuolo d’Exiona, il quale per proprio nome era chiamato Telamone Aiax, o Aiace, e da lui fue assalito […]. Ma combattendo tra loro insieme conobbe Hettore, che egli era figliuolo della sua zia, e che egli era congiunto con lui di parentado, per la qual cosa divenendo di ciò molto lieto, e scoprendosi dell’armi, con grande desiderio e con molto piacere gli si proferse, ancora il pregoe, & ammonio, ch’elli vegna in Troia a vedere il grande parentado della sua generazione.

124 “modo di parlare”: TLIO, s.v. latino, 4.2.

125 Ceffi: 192: Ma elli ciò negando, ma maggiormente desiderando la salvazione de’ Greci, e la sua non dimenticando, pregoe Hettore, che s’elli di tanta tenerezza è mosso intorno a lui, ch’elli faccia, e procuri, che li Troiani non combattino piú in quel giorno, e che piú non perseguitino li fuggitivi Greci, ma che li Troiani si tor-nino alla cittade, lasciando li Greci quel die in pace; frieri è “fratello”.

126 Per sanare l’ipermetria, si può pensare di espungere il voi iniziale, come avviene nei mss. del Troiano, oppure il tal del secondo emistichio.

127 Ceffi: 192: Consentio il misero Hettore.

128 Altra possibilità di lettura è a Talamon’e al falso lusingare.

129 Si può pensare, per correggere l’ipometria, di sostituire pur con pure.

130 Sinonimo di “villano”, con sfumatura morale.

131 Il soggetto è qui Ettore, che ha fatto un ricco dono ai Greci rinunciando a combattere.

132 “respinti, fatti fuggire”.

133 In aequivocatio con il v. 2.

134 Ceffi: 192: […] e con grande dolore di cuore si turbarono, e tornarono entrando nella cittade. E que-sta fue la tanto leggieri cagione, perché li Troiani quel die si ritrassero dalla ricevuta vittoria, alla quale giamai non poterono pervenire.

135 Il verbo interporre, per quanto si legge nelle ottave precedenti, è necessariamente riferito a Ettore: la lettura corretta è qui quella di L, laddove MT sbagliano, T solo contestualmente, M compromettendo anche la sintassi.

136 Altro suggerimento per restituire l’ortometria ai due versi è quello di spostare la con-giunzione all’inizio del v. 2.

137 Correzione possibile per l’ipermetria è togliendo non.