Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La Guerra di Troia in Ottava Rima

 | 
Dario Mantovani

II. Descrizione dei testimoni

Texte intégral

II.1. Modena, Biblioteca Estense, Càmpori App. 37 γ.0.5.44 (M)1

  • 1 Sono debitore, per alcune delle osservazioni contenute in questa descrizione e in quella del ms. la (...)
  • 2 Briquet: 417; osservazione che Briquet compie per il tipo “huchet”, ma che è ripetuta anche per il (...)

1Il manoscritto Càmpori è un codice cartaceo miscellaneo che risale probabilmente alla prima decade del XV secolo. Nonostante Ugolini 1933: 30 ritenesse, per il codice, di poter «assegnare sicuramente, sia per ragioni paleografiche che per il contenuto, quale data di compilazione la fine del Trecento», esso è certamente da postdatare; gli unici testi con data, vergati dalla stessa mano che trascrive la Guerra di Troia, sono alcune lettere: una scritta da Galeazzo Comitj Virtutum ai priori fiorentini (la contea di Vertus, italianizzato in Virtú, è il feudo acquisito da Gian Galeazzo Visconti attraverso il matrimonio con Isabella di Valois) che data il 18 novembre 1389, e la risposta dei priori stessi, il 16 dicembre 1389. E soprattutto, un’epistola latina scritta da un Ladizlaus rex Hungarie Hierosolimae et Sicilie, cui è apposta in calce la data datus Iadre sub primo meo sigillo die quinto Augusti XI inditione: il Ladislao in questione è Ladislao d’Angiò-Durazzo, figlio di Carlo III d’Angiò e re d’Ungheria incoronato, a Zara (Iadre), il 5 agosto 1403. Il terminus post quem per la composizione del manoscritto è dunque il 1403. Non soccorre l’esame delle filigrane, di cui si riconoscono due tipi abbastanza simili (“huchet” e “basilic”), tuttavia non identificabili con nessuno dei tipi proposti da Briquet, il quale infatti sottolinea che «les types appartenant à ce group sont très nombreux et on en trouve rarement d’identiques».2

  • 3 La c. 2, la prima sulla quale compaiano contemporaneamente entrambe le numerazioni, è segnata con i (...)
  • 4 Ho ricostruito graficamente per comodità la situazione delle carte del manoscritto (con il loro ord (...)
  • 5 Dove spesso sono presenti inserti cartacei, lascito del restauratore, che collegano la carta alla r (...)
  • 6 Carbonaro 1991: 134.

2Le carte sono in tutto 54 e misurano mm 285x215, con uno specchio di scrittura variabile per le diverse sezioni del manoscritto; presentano due tipi di numerazione, a destra in basso con numeratore automatico, a destra in alto a mano (numerazione antica). Il codice è acefalo: la discordanza tra numerazione antica e moderna evidenzia la caduta delle prime 17 cc.3 Molte carte strappate o tagliate sono state restaurate con striscie di carta trasparente di color ambra; altre carte, precedentemente cadute, sono ricollocate erroneamente, come si evince dal confronto tra la vecchia e la nuova numerazione:4 la caduta dei fogli, il loro spostamento e il deperimento complessivo della carta in prossimità della rilegatura,5 rendono particolarmente arduo identificare la distribuzione e consistenza dei fascicoli; un fascicolo sembrerebbe costituito dalle cc. 33-48 (n.n.), un altro forse dalle cc. 49-53 (n.n.).6

  • 7 Alcuni accenni al contenuto del manoscritto Càmpori sono in Vandini 1886, pp. 21-22.

3Intervengono alla compilazione del codice piú mani (si tratta di corsive mercantesche piú o meno connotate): principalmente due (α, cui è dovuta la compilazione di quasi tutta la prima parte del volume, compresi i Cantari, e ε), cui si aggiungono tre mani secondarie (β, γ, e δ) che generalmente inseriscono brevi lacerti testuali negli spazî rimasti bianchi. Qui di seguito il contenuto:7

  • 8 Si tratta del sonetto CXX dei RVF, in cui Petrarca ringrazia Antonio da Ferrara per il lamento in v (...)
  • 9 Si tratta dei versi cui Petrarca indirizza la sua risposta nel sonetto CXX dei RVF (cf. supra).

1r

epistola in latino di Galeazzo Conte di Virtú ai Priori di Firenze (α)

Inc.: Magnifici fratres & amici

Expl.: die xviij novembris MCCCLXXXIIJJ

1v-2r

risposta dei Priori fiorentini all’epistola di Galeazzo (α)

Inc.: Aliquando stectimus in suspenso

Expl.: data Florentie die xvi decembris xiij indictione MCCCLXXXIIIJ

2v

elenco di segni zodiacali accostati a nomi di città e regioni (β)

Inc.: In Xpi nomine Amen hec sunt signa atributa insuprascriptis civitatibus abantiquis autoribus

3r

epistola in latino di Ladislao, re d’Ungheria (α), datata 1403

Inc.: Vir nobilis & devote dilecte

Expl.: die quinto Augusti XI Indictione

3v-4v

profezia in versi, a schema AAAB BBBC CCCD (α)

Inc.: O peregrina ytalia che e chesitamalia

Expl.: Iustitia miconforta & davalore che vero fructo verra dopo il fiore Amen

4c

sonetto di Antonio Pucci (in calce alla profezia, α)

Inc.: Antonio pucci da questa ricetta

Expl.: non leggibile a causa del logoramento della carta 4d profezia in latino (γ)

Inc.: Magister Ieronimus aleph Eufordie et omnis

Expl.: philosophi grecie spanie francie arabie

5r

Risposta di messere franciescho Petracha poeta aMaestro antonio (sonetto, α)8

Inc.: Quelle pietose rime inchio machorsi

Expl.: E cerchi hom degno quando si lonora

5r-5v

decti dimaestro Antonio daferrara sopra li VII peccati mortali (sette sonetti, α)

Inc.: Io sono la mala pianta di superbia

Expl.: Evivo con malie & con Auguria

5v

breve cronologia universale (α)

Inc.: Nota de etatibus mundi

Expl.: Summa Anni MMMMMCCC

6r-7v

profezia in ottave (α)

Inc.: Apri lelabra mie dolce signore

Expl.: Aluostro onore ilmio dir compiuto

7v

elenco di vari fatti di storia religiosa (α)

Inc.: die XXV. mensis natus est Johannes baptista

Expl.: die XXVI mensis Cayn occidit Abel

8r

profezia in italiano (α) seguita da una profezia in latino (idem, α)

Inc.: Urbis urbis perle metropolis

Expl.: sinchelpingue lion diverra basso

Inc.: Inillo tempore Aquila veniens aseptemtrione

Expl.: eterit pax per universum orbem

8v-9v

profezia (Profetia nova, a schema AAAB BBBC ecc., α)

Inc.: Comanda astrologia

Expl.: elli ne sia laudato. Amen

10r-12r

profezia (Prophetia di S[……]Brigida, schema ABCCA, α)

Inc.: Destati o fier leone

Expl.: Questo amolte giustitie fara mosse

12r

Sonetto de caualli (δ)

Inc.: Avoler chelcauallo sia ben perfecto

Expl.: Pichola testa & liochi comel bue

12v-13r

profezia (α)

Inc.: Gia fui ladorno fui

Expl.: Equi co decto dal A infino al Y

13r

profezia (α)

Inc.: ora uiuo chontare della cita

Expl.: questo sara quel foco che cocera della lor carne dura

13v

profezia in latino (α), seguita da un’altra (γ)

Inc.: Merllinus audiuit vocem terribilem dicentem

Expl.: Briscia infirma dolore sanabitur

Inc.: Gallorum levitas germanorum iustificabit

Expl.: defendentes sacras leges observabunt ius (…)

14r-14v

lamento di Antonio da Ferrara per Francesco Petrarca (α)9

Inc.: Io o gia lecto ilpianto detroyani

Expl.: Che poco sa ma uolentieri appara

15r-18r

visione, in terzine (α)

Inc.: Aiuti ilmio intellecto & lalto ingegno

Expl.: Accio chal mondo nabbi unpoco memoria. deogratias Amen

18r

sonetto (δ)

Inc.: O chacciato dalciel damichael

Expl.: poi chettu cerchi crescer pena a Job

18v-19v

breve poemetto in terzine (α)

Inc.: Le uaghe rime elidolce dir damore

Expl.: dando ad Enea di partir in dagine

19v

carme latino in memoria di Giovanni Visconti (α)

Inc.: Quam faustus quam pompa levis

Expl.: Cum in sufficiat quod parvo marmore claudor

20r-37v

Guerra di Troia (α)

Inc.: Lamadre diquel Re che morin croce

Expl.: Eo mestier diriposarmi un pocho

38r-39v

versi latini indirizzati a un Domini duci mediolani (ε)

Inc.: Cum ducis anguigeri variis divisa sepulcris

Expl.: Sol hunc atra dies septembris trina perhemit

39v

istruzioni Achacciare ibruti della vigna odellorto (ε)

Inc.: Scrivi linfrascripti versi & ponli

Expl.: Et sic olera cibariorum cito cadent

40r-42v

esposizione della liturgia della messa, in terzine (ε)

Inc.: Quando si pone ilsacerdote addire

Expl.: Checci difenda fin challui saremo. Amen

42v

Recepta di pillole octime (ε)

Inc.: Scamonea . Amorai . Mastrice . Cardamone

Expl.: chon discretione sigondo che vedra aver bizognio

43r-43v

componimento in ottave intitolato Leconfini del mondo (ε)

Inc.: Ditucto questo mondo aggio cercato

Expl.: et genti che non credon locti leggi

44r

componimento in ottave intitolato Liadornamenti di uno padiglione duno signor pagano (ε)

Inc.: In quattro parti un padiglon disteso

Expl.: Oritorniamo allaltra storia mia

44v-46v

bianche (la c. 46 è una carta bianca inserita dal restauratore)

47r-48r

preghiera (Oratio devota, quartine di versi latini monorimi, ε)

Inc.: Dulcis Xhu memoriam

Expl.: Honor celestis curie. Amen

48r-48v

sentenze e proverbi latini, raccolti sotto il titolo di Versi notabiles (ε)

Inc.: Cur mundus militat subuana gloria

Expl.: Sunt audientibus et non uidentibus ueluti sompnia

49r-53r

profezia (Profetia fratris Tomasutii degualdo […],ε)

Inc.: Tu vuoi pur chidica

Expl.: Desuolumi excelsi / Deo gratias. Amen

53v-54r

bianche con disegni e prove di penna

II.1.1. La sezione della Guerra di Troia in M

  • 10 cf. I.1.5-6: ch’i’ possa dir dell’antica e feroce | guerra di Troia per versi e per canto; nella se (...)

4Il testo della Guerra di Troia inizia, anepigrafo, alla c. 20r; nell’ottava proemiale è indicato il titolo e la materia di tutto il ciclo, che dunque qui prende avvio.10

5Lo scriba trascrive costantemente dodici ottave per carta su due colonne, procedendo per ciascuna delle due dall’alto in basso; facendo eccezione per le prime due (11 e 11) e per l’ultima, nella quale interrompe il suo lavoro alla conclusione del IX cantare, dopo averne trascritto le ultime tre ottave; è pertanto abbastanza semplice ipotizzare cosa contenessero le carte cadute, ovviamente in termini quantitativi. È interessante notare, una volta di piú, che se si considera il complesso del testo tràdito dal manoscritto Càmpori (comprese le ottave andate perdute), la versione di M corrisponde in modo quantitativamente quasi esatto a quella del manoscritto laurenziano, indizio questo di una tradizione indebitata significativamente con la scrittura.

  • 11 L’inversione è sicuramente avvenuta prima che fosse apposta la vecchia numerazione, che infatti pro (...)
  • 12 Successivamente al posizionamento della vecchia numerazione, che infatti salta direttamente da c. 4 (...)
  • 13 In realtà si tratta delle ottave 48 e 49 in L; tuttavia, se calcoliamo 12 ottave per pagina in M e (...)

6È necessario invertire la posizione delle cc. 21 e 22, per mantenere la sequenza corretta del I e del II cantare;11 il primo cantare è trascritto alle cc. 20r/v e 22r/v, il secondo si legge alle cc. 21r/v e 23r/v, terminando alla 24r; il III cantare si legge alle cc. 24r/v e 25r/v; la carta successiva (la 44 della vecchia numerazione), che conteneva la fine del III e l’inizio del IV cantare, è caduta ed è stata reinserita successivamente in modo erroneo:12 il quarto cantare inizia quindi acefalo alla c. 26r (ottava IV.13) e si estende fino a c. 27v, che riporta pure le prime ottave del V cantare. La carta successiva (28) è in realtà la carta 49 secondo la vecchia numerazione, incollata per sbaglio a seguito del restauro del codice: conteneva il VI cantare (da VI.15 fino alla conclusione), e si riconoscono sul superstite bordo sinistro della carta (cui è stato incollato dal restauratore il foglio bianco) le lettere incipitarie delle ottave VI.15 fino a VI.20; la c. 29 è in realtà la c. 44 v.n., di cui sopravvive solo il bordo sinistro che è stato incollato dal restauratore, cosí come avviene per la carta precedente, a un foglio bianco; su questo stesso foglio bianco è incollato (in modo che si possano leggere recto e verso) un frammento della carta su cui si riconoscono pochi vv. di III.51-52;13 il V cantare prosegue senza interruzioni a c. 30 (47 v.n.), dopodiché la vecchia numerazione salta direttamente alla c. 50 (31 n.n.), sulla quale è trascritto il VII cantare; la c. 32 è in realtà la carta 48 v.n., qui incollata per sbaglio a seguito del restauro: conteneva il V cantare (fino alla conclusione), e l’inizio del VI, e si riconoscono sul superstite bordo sinistro della carta (cui ut supra è stato incollato un foglio bianco) le lettere incipitarie delle ottave V.35 fino a V.40; la c. 33 contiene la conclusione del VII cantare (I colonna del verso); il successivo si estende da c. 33v fino a 35v, mentre il nono cantare è trascritto da c. 35v fino alla fine della sezione.

7Ho qui di seguito schematizzato la disposizione del testo della della Guerra di Troia cosí come appare all’interno del manoscritto estense:

II.1.2. La successione dei cantari in M

  • 14 Alla conclusione del VII il canterino afferma, secondo M: intendo far qui punto al terso canto; ana (...)
  • 15 Anche se, a voler precisare, le ottave conclusive del IX cantare sono interamente occupate dal lame (...)

8Come si evince osservando lo schema qui riportato, la situazione del testo, già confusa a causa delle lacune e degli errati reinserimenti, è aggravata dall’ambiguità delle segnalazioni relative alla numerazione dei singoli cantari: mentre la successione tra un cantare e l’altro è indicata correttamente fino all’inizio del V, il VII cantare è invece rubricato come «terso cantare d’Achille», cosí come l’VIII è indicato come «quarto cantare d’Achille» e il nono è segnato come «quinto cantare d’Achille». Alcune segnalazioni presenti nel testo delle ottave conclusive del VII e dell’VIII cantare14 convincono a pensare che non si tratti di una svista del copista, a meno che non si voglia credere a un suo intervento di rielaborazione. Queste segnalazioni convincono ancora meno alla luce dell’esame del contenuto: solo infatti il VI e il IX cantare possono essere definiti a pieno titolo cantari “d’Achille”, poiché solo in questi l’eroe greco vi compare come protagonista indiscusso, nel VI recandosi a Troia durante la tregua e innamorandosi di Polissena, nel IX uccidendo in battaglia Troiolo e infierendo sul suo cadavere.15 Ora, se il VII è il «terso» cantare d’Achille, bisogna ipotizzare che il V (di cui possiamo leggere perlomeno la rubrica iniziale, che non fa accenno ad Achille) e il VI siano rispettivamente il «primo» e il «secondo»: ora, se nel VI il fuoco della narrazione è puntato su di lui, nel V egli ha relativamente poca visibilità: per sua scelta, si direbbe quasi, giacché si ritira dai combattimenti a seguito della decisione dei capi greci di eleggere come capitano Palamedes al posto di Agamennone; né di tale visibilità l’eroe greco gode nel VII e nell’VIII cantare, dove rimane (si direbbe) “nelle retrovie”, invano in due occasioni pregato dai capitani dell’esercito greco perché torni a combattere, mentre gli eroi piú in vista sono perlopiú troiani (Deifebo, Paride e, soprattutto, Troiolo); rientra sulla scena principale alla fine dell’VIII quando, provocato da Troiolo, si riveste delle sue armi e torna alla battaglia, pur rimanendo gravemente ferito.

  • 16 VI.37.7-8: e dirovi la morte del sovrano | Palamides. Cf. infra, testo e note.

9Non ho, alla luce di queste considerazioni (e valutando, per contro, la maggior coerenza del codice laurenziano, che si limita a invertire, forse proprio per un errore di copista, le posizioni del settimo e dell’ottavo cantare), un’ipotesi che possa essere suffragata da prove inoppugnabili: è possibile che quello che noi conosciamo del ciclo risulti da una “fusione” di materiali canterini preesistenti (un ciclo piú genericamente “della Guerra di Troia”, e uno piú propriamente “di Achille”), tuttavia pensare ad una rielaborazione diretta del copista dell’estense è fortemente antieconomico perché, come si è detto, non vi sono motivazioni sufficienti nel testo per denominare questi cantari «cantari d’Achille»; e imputare il “guasto” a un antigrafo crea, alla luce dei dati di cui dispongo, solo un’inutile moltiplicazione di enti di cui non posso fornire dimostrazione. Né si deve credere che i «cantari d’Achille» precedenti il VII (che è chiamato «terso») siano due cantari andati perduti, poiché nel congedo del VI cantare (che possiamo leggere solo nella versione di L) il cantastorie dichiara che nel cantare successivo tratterà della morte di Palamedes, come effettivamente leggiamo nel VII cantare.16 La soluzione che ho adottato è quella, pertanto, di emendare il testo dell’estense attraverso il laurenziano, che come si vedrà (cf. infra, ottave VII.45 e VIII.43, testo e note), sostituisce ai numerali dei semplici dimostrativi.

II.2. Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, Palatino 95 (L)

  • 17 Descritto in Bandini 1791-93: 267-8.
  • 18 In particolare, degno di nota è il frammento dei Cantari del Danese trascritto subito dopo la Guerr (...)

10Manoscritto cartaceo miscellaneo, rilegato modernamente con una copertina rigida di cartone sul cui dorso è stata posta la scritta Anonymi / Poema de / Achille. / etc. Ital.17 La sezione piú antica del codice risale probabilmente al XV secolo: nonostante Rajna 1878: 232 ritenesse che esso fosse da ascrivere «al declinare del Trecento o ai primordî del Quattrocento»; e nonostante per una data ancora piú alta si esprimesse invece Ugolini 1933: 29 («senza esitazione di mano, sia pur tarda, del sec. XIV»), l’esame delle filigrane fa propendere per una datazione piú recente: si riconosce infatti una filigrana tipo “fiore”, accostabile ai tipi Briquet 6383 (diffuso in Toscana, post 1410-15) o 6391 (sempre in Toscana, ma ancora piú recente, 1433-4); il contenuto del manoscritto, inoltre, conforta tale l’ipotesi di datazione.18

  • 19 Molto probabilmente insieme ad altro materiale, se consideriamo che ciascuno dei cantari che leggia (...)

11È composto di 79 carte originarie con due fogli di guardia; le carte misurano mm 290x218, suddivise in cinque fascicoli, della stessa qualità di carta, cosí costituiti: I (8 bifolii), II (9, ma dal quale risultano tagliate 5 cc.), III (9), IV (8), V (8); il primo fascicolo, che conteneva il I cantare e un’ottava e mezza del II,19 è caduto. La numerazione moderna è posta in basso a destra, quella antica (che è anteriore alla caduta del primo fascicolo) in alto a destra, leggibile dalla c. 18r; la prima carta è la 16.

12La Guerra di Troia è copiata su due colonne, dall’alto in basso su ciascuna colonna, con un numero di ottave per carta variabile da 8 a 10. Le ottave sono numerate in ordine progressivo, dalla 51 (ottava II.2, c. 1r della nuova numerazione) alla numero 461 (ottava X.50, c. 24v n.n.); inizialmente si ha un sistema decorativo del capolettera con inchiostro rosso, che tuttavia è lasciato cadere dopo alcune pagine. È trascritto da tre mani (α, β, e γ), ciascuna delle quali è responsabile all’incirca di un terzo del manoscritto: la prima mano è una corsiva mercantesca molto fitta, assai spesso di difficile lettura; le mani β e γ (corsive umanistiche) sono indubbiamente seriori, β forse già cinquecentesca, γ piú antica ma sicuramente non anteriore alla metà del ’400.

13Contiene:

1r-24v

Guerra di Troia (α)

Inc.: chesenza lotuo nome nodiscierno

Expl.: epo uichontero diquello detto

25r-29v

bianche

30r-33r

frammento dei Cantari del Danese (α)

Inc.: Salue regina piena dumilta

Expl.: Ide noj abiamo dicio malpensato

33v

bianca

34r-38r

testo in prosa su sacramenti e storia della Chiesa, includente preghiere (β)

Inc.: Questi sono esacramenti disanta Chiesa

Expl.: esadisfazione dituti quanti enostri pechati Amen amen aleluja aleluja

38v-41v

bianche

42r-47r

testo in prosa riguardante alcune lettere inviate dai lucchesi ai fiorentini (β)

Inc.: Daluca inquesti giornni uenono lettere

Expl.: nomino anchora ifigliuoli dicarlo dapietra mala fu simile mente nimici

47v

bianca

48r-79v

Passione di Niccolò Cicerchia (γ)

Inc.: O increata maesta eterno Idio o infinita

Expl.: elascio tuti edisciepoli inpacie

II.3. Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Magliabechiano Cl. Viii.1272 (N)20

  • 20 Sono debitore, per molte di queste osservazioni, della descrizione del codice effettuata da Luca Sa (...)

14Manoscritto cartaceo miscellaneo, risale molto probabilmente al III quarto del XIV secolo; dotato recentemente di una rilegatura moderna in pergamena fornita di lacci, è composto di tre fogli di guardia nuovi e uno piú antico, cui seguono 98 carte originarie, cui seguono altri tre fogli di guardia nuovi. Le carte misurano mm 305x230; la numerazione moderna è sita in alto a destra, con tracce di due numerazioni antiche da c. 5 a c. 42, e da c. 45 a c. 82.

15È composto da undici fascicoli, della stessa qualità di carta, cosí strutturati: I (6 bifolii), II (9), III (7), IV (3), V (4), VI (4), VII (4), VIII (4), IX (3), X (3), XI (2); la carta presenta una filigrana di tipo “frutto” che si può accostare ai tipi Briquet 7345 (Bologna, 1336) e 7374 (Firenze, 1345-54), e al tipo Mošin-Tralijc 4287 (1344); fanno eccezione alcune carte (44, 87 e 96), piú recenti.

  • 21 De Robertis 1970: 72-4; il manoscritto, che come si può vedere contiene numerosi testi canterini, è (...)

16Il manoscritto è stato studiato da Domenico De Robertis per l’edizione dei Cantari antichi:21 lo studioso vi riconosce quindici mani che copiano lungo un arco cronologico di circa un secolo; le grafie sono di provenienza mercantesca: i testi sono copiati su due colonne, meno spesso su una sola colonna, senza alcun apparato decorativo o figurativo, se si eccettuano i capolettera spesso evidenziati e ingranditi rispetto al corpo normale del carattere. La gran parte del codice è occupata da quattro mani (α, datata 1342, γ, ζ e κ), le altre mani si sono avvicendate occupando gli spazi in bianco; tra queste, alcune sono datate, in particolare β (1358), ε (1413), η (due date, 15 marzo 1393 a c. 33r e 25 gennaio 1392 a c. 44r), ν (17 luglio 1369 a c. 92v), ο (molte date tra 1371 e 1372). Non sono datate le mani δ, θ, λ, µ, π. Di particolare importanza, come si è visto, la datazione della mani η e, soprattutto, ν, che consente di ricavare un terminus ante quem per la composizione del testo della GT.

  • 22 Cf. De Robertis 1970: 73.
  • 23 Cf. Ugolini 1933: 34: «A cc. 84-85 di questo codice, si leggono 21 stanza e mezza e precisamente le (...)

17La Guerra di Troia è trascritta in tre punti distinti del manoscritto (c. 44b, cc. 84r - 85v e c. 98v), da tre mani differenti: particolarmente interessante è il frammento del VII cantare (cc. 84r - 85v), che corrisponde alle ottave VII.2-24 di M, alle quali seguono le ottave VII.32, 33 e quattro versi della 34; in piú, c’è un’ottava che dev’essere collocata dopo l’ottava 6 di M (è omessa dall’estense, ma è tràdita da L), e ci sono due ottave che non sono tramandate né da M né da L, che dovrebbero essere inserite come VII.13 e 14. Si tratta nel complesso di 29 ottave e mezza: bisogna dunque correggere l’indicazione di De Robertis, che segnala un “frammento di 21 st. e mezzo del cantare VIII della Guerra di Troia”,22 con ciò probabilmente riprendendo, a cascata, un’erronea notizia di Ugolini.23

  • 24 Il riferimento è alla tavola del codice in De Robertis 1970: 72-4, integrata da osservazioni deriva (...)

18Qui di seguito il contenuto del codice:24

  • 25 Non vi sono distinzioni interne, si comincia conle Ultime imprese e morte di Tristano, cui segue la (...)
  • 26 Sembra in realtà un’altra mano rispetto a v, che non sono tuttavia in grado di meglio identificare.
  • 27 Per il frammento, cf. Bertelli 2002b: 219-24.

1r-4r

minutario di atti notarili in latino (α)

4v

appunto di un debito (β)

5r-32v

volgarizzamento B della Historia Apollonii regis Tyri (γ)

Inc.: Antichamente aveia inantiocia uno nobile e posente…·Re

Expl.: e qui finiscie questo legiere dapolonio rengraziato sia idio ela sua madre vergine maria amen

28c

frammento del Cantare della vendetta per la morte di Tristano (δ)

Inc.: Serno … coprimi cauaualieri trecento

Expl.: etuta laltra giete diual

28d

alcuni versi in volgare (δ)

Inc.: Per questo san martino che ora e passato

Expl.: eparia doro fin

28v-29r

note, tavole, conti, frammento di preghiera alla vergine (ε e altre mani)

33r-37r

Cantare del Bel Gherardino (ζ; nota di mano η all’inizio e di altre mani alla fine)

Inc.: O geso xpo figliuolo dimaria

Expl.: questo canto e compiuto al uostro honore amen amen amen | finito eilchantare delbel G.

37c-43r

cantari di Tristano anepigrafi25 (ζ)

Inc.: Io priegho irre delle uirtu diuine

Expl.: serno & sile schiere seguste arditamente

43v-44a

due testi brevi in volgare (θ e ε).

Inc.: Un pensiero mi tene di tal tuono

Expl.: siefueda sen … o far sansone … contutti isuoi …

Inc.: T…anto potesti far …

Expl.: estendea dal tut (???) tarno.

44b

frammento iniziale del Lamento d’Ettore (cantare IV della Guerra di Troia) (η).

Inc.: O gloliosa e pura e santa madre

Expl.: valore non fu mai innançi alceistinesimo

44v

Antonio di Meglio, sirventese adespoto e mutilo al fondo (ι)

Inc.: Sovente in me pensando chome amore

Expl: manno tanntto fanno ardente focho

45r-74v

Simone da Cascia, Ordine della vita cristana, mutilo al fondo (κ)

Inc.: Innome delnostro sengniore giesu cristo filgluolo diddio viuo & uero

Expl.: pero chealchuni furono chiamati appostoli …… messi li quali furono liprimi

75r

frammento del Cantare di Lasancis (ν?)26

Inc.: Otrinita chesecoli &governi

Expl.: ucise lancialoto | Com …… morte giunse lasancisa

75v

regole di aritmetica (µ, simile a λ)

76a-76c

Dante, Paradiso VI, 1-108 (ν; nota di ο)27

Inc.: Poscia che Costantino l’aquila volse

Expl.: chapiu alto leone transferi lanello

77r

Franco Sacchetti, Caccia (ο)

Inc.: passando con pensiero per un boschetto.

Expl.: chinor madiedi cento mila omiaj

77a

sonetto caudato adespoto (ο)

Inc.: O fabri, comperate de’ carboni

Expl.: sechondo che bisognio ara lo ppacto | sarete richi tosto e molto

77v-79r

lettere in volgare (ο)

79v

frammento di prosa volgare (κ) e prove di penna (ο)

80r-81v

lettere in volgare (ο)

82r-83r

frammento di detti di filosofi in volgare (mano non riconoscibile)

Inc.: Salamone disse guardati enonti lasciare segnioregiare allauolontade ela postolo disse

Expl.: esalamone disse nonscatuçare la femina cheper altro tenpo ane follegiato inpero chello chalbone

83v

bianca

84r-85v

frammento del cantare VII della Guerra di Troia (ν)

Inc.: Soto loro duca e soto loro bandiere

Expl.: chosi igreci almastro padilione

86r

lettere in volgare (ο)

86v-87v

bianche (disegno di cavaliere con spada sguainata a 86v., metà inferiore)

88r-91r

Passione dello beato santo Istagio e della moglie con due figliuoli (λ e forse κ)

Inc.: in quello tenporale chetori … ano inperadore istaua

Expl.: epresero edanche presero tutte leterre nolo loro e prouncie

91v

ricette (ν)

92r

bianca

92v-94r

descrizione dell’Europia (ν)

Inc.: Uropia edinominata dauno chebe nome europe

Expl.: SjFricho fue de nominato& dauno chebe nome& … chefue nepote& dalo

94v-95r

lettere in volgare (ο)

95v-96v

bianche

97r-98r

precetti d’arte dettatoria in volgare (λ)

Inc.: Pero chesouente bosongna atutta umana generaçione

Expl.: graçioso mio chotale …… lauita

98r

testi brevi vari (un’orazione, l’inizio di una lettera) in volgare (ε)

98v

ottava adespota dalla Guerra di Troia) (π; nota di mano ε)

Inc.: Vere che feron dinanzi de queli

Expl.: malli ucise tre re di corona

II.4. Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, Gaddiano 183 (G)

  • 28 Descritto in Bandini 1791-93: 267-8.

19Manoscritto cartaceo miscellaneo che risale molto probabilmente, in origine, al III quarto del XIV secolo;28 è composto di due fogli di guardia, cui seguono 33 carte, cui seguono due fogli di guardia. Le carte misurano mm. 212 x 135/145; a una numerazione moderna a penna (cc. 1-33) si affiancano prove di una numerazione piú antica (risalente forse ai secc. XVIII o XIX), che tuttavia non compare per tutto il codice.

20Le cc. 1, 4, 5 e 6 presentano delle filigrane, del tipo basilisco la prima, monte le altre tre, che non trovano un riscontro nei repertorî disponibili: quella di tipo basilisco è accostabile ai tipi Briquet 2625 (Siena 1369-70) e Mošin-Tralijc 975 (1364); quella di tipo monte ai tipi Mošin-Tralijc 6255 (1360-61), 6269 (1365), 6272 (1369).

  • 29 Cf. De Robertis 1970: 74-5.
  • 30 Alla quale rinvio per il contenuto complessivo del quaderno cartaceo.

21Il manoscritto è stato studiato da Domenico De Robertis per l’edizione dei Cantari antichi:29 lo studioso vi riconosce sei mani «dei secc. XIV e XV», come risulta dalla tavola del codice.30

22Reca, alla c. 33v, l’ottava III.37 della Guerra di Troia (Inc: Esi gitto loschudo dopo le spalle. Expl.: impresono chuore a siguitare la traccia).

II.5. Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, Tempi 2 (T)31

  • 31 Faccio riferimento alle descrizioni del codice nel Libro di varie storie (Varvaro): IX-XVIII e in T (...)
  • 32 Secondo Varvaro (Libro di varie storie: IX), le numerazioni in alto sarebbero l’una originaria, l’a (...)

23Manoscritto cartaceo miscellaneo risalente al XIV secolo, è composto di 2 fogli di guardia cartacei piú uno pergamenaceo (forse usato anticamente come copertina), cui seguono 167 cc. numerate, cui seguono un foglio di guardia pergamenaceo con prove di penna (molto probabilmente il retro della copertina) e 2 fogli di guardia cartacei. Sono state apposte tre numerazioni (difficilmente databili),32 le prime due, piú antiche, in alto a destra, mentre la terza (piú recente), in inchiostro rosso, in basso a destra; le numerazioni risultano sfasate, poiché la numerazione bassa inizia dalla copertina membranacea, mentre le due piú antiche non sempre coincidono (quella piú in alto è in parte perduta a causa dello smarginamento). La rilegatura è in tavole e in pelle, con fermagli; il manoscritto è composto di nove fascicoli cosí strutturati: I (8 bifo-lii), II (8), III (8), IV (8), V (13), VI (14), VII (8), VIII (7), IX (9); le carte dei primi due fascicoli recano una filigrana di tipo “cervo” accostabile al tipo Briquet 3287 (Firenze, 1359-65), negli altri fascicoli si alternano i tipi “arco”, vicino al tipo Briquet 790 (Pisa 1387, Parigi 1390, Augusta 1393) o anche Briquet 797 (Lucca 1390-94, Bruxelles 1390-91, Siena 1392-99), e il tipo “ascia”, avvicinabile al Briquet 7497 (Fano e Pisa, 1361).

24Contiene l’autografo del Libro di varie storie (o Zibaldone laurenziano) di Antonio Pucci, scritto su una sola colonna, in corsiva gotica; negli spazî rimasti in bianco, altre mani (corsive mercantesche, principalmente tre) hanno trascritto (quasi sempre a una sola colonna e di seguito) dei versi di Dante (dalle Rime), un frammento del Dittamondo di Fazio degli Uberti (alle cc. 81v - 82v, due colonne), un breve frammento dei Cantari di Tristano (13 ottave e 5 vv., cc. 86v-87r) e due frammenti della GT (il primo alle cc. 87r/v, il secondo dalla c. 161r alla c. 164r). La mano che trascrive i Cantari di Tristano è la stessa che trascrive, in corsiva mercantesca, su due colonne, i 2 frammenti della Guerra di Troia.

  • 33 Cf. Libro di varie storie (Varvaro): XI.

25Il manoscritto fu acquisito da Giovanni di Taddeo Benci prima del 1399, come dichiara la nota di possesso a c. 2r, quindi passò al figlio Lorenzo (come analogamente si legge in una nota a c. 161r); è molto probabile che Benci padre abbia acquisito il codice direttamente dai Pucci, dopo la morte di Antonio (1388),33 e che perciò quanto si trova scritto da altra mano rispetto a quella autografa di Pucci sia stato scritto successivamente a questa data.

II.6. Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Nuove Accessioni 444 (F)

  • 34 L’ipotesi di datazione è espressa in Medin 1917-18, avvalorata quindi da Bertelli 2002a: 183; cf. a (...)

26Manoscritto membranaceo risalente all’ultimo quarto del XIV secolo,34 è composto di 149 folii che misurano mm 275x192; i primi dodici folii sono segnati con le lettere a-n, cui seguono i restanti 137, segnati con una numerazione antica in numeri romani. Scritto da due mani, la prima delle quali trascrive i primi dodici folii, la seconda il resto del codice; la scrittura è a due colonne, con lettere iniziali e rubriche in inchiostro rosso.

27Contiene la Fiorita di Armannino Giudice (i primi 12 ff., segnati alfabeticamente, contengono l’indice e il prologo, cui segue il testo), in una redazione rimaneggiata in 45 conti, anziché 33, con inserzioni della Cronica del Villani e del Chronicon di Pipino e, ai ff. 56r-57r, le 35 ottave della Guerra di Troia.

II.7. Parigi, Bibliothèque Nationale De France, Italien 6 (P)

  • 35 Al testo della Fiorita è premessa una nota, alla c. 23r, che recita: In dei nomine Am. Anno a nativ (...)

28Manoscritto cartaceo risalente al XV secolo, datato 1418,35 composto originariamente (come si evince dalla numerazione moderna, in alto a destra) di 103 cc., molte di esse cadute, o logore, a causa del pessimo stato di conservazione del codice. Le carte misurano mm 420x290, scritte su due colonne. Contiene, come F, il rimaneggiamento abruzzese della Fiorita, con l’interpolazione di 35 ottave dei Cantari, alle cc. 36r-37v.

  • 36 De Bartholomaeis 1899: 117-134.
  • 37 Ibi: 118. Il dialetto settentrionale in questione è, secondo De Bartholomaeis, quello veneto.

29È descritto in Mazzatinti 1886-88: 11-33: insieme ad alcuni estratti del manoscritto sono trascritte anche le 35 ottave della Guerra di Troia, ed è segnalato che «il nome dell’antico proprietario fu Iacopo de Montagano; appartenne poi alla biblioteca aragonese, donde con tanti altri manoscritti fu trasportato a Blois. Nel catalogo di questa biblioteca si trova registrato nell’anno 1591». Dagli estratti pubblicati da Mazzatinti, Vincenzo De Bartholomaeis trasse uno studio linguistico sull’antico dialetto di Chieti,36 riscontrando nella patina del codice una stratificazione di tre coefficienti linguistici: «il dialetto del traduttore, l’italiano letterario, e un dialetto dell’Italia superiore».37

II.8. Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, Redi 169 (R)

30Manoscritto cartaceo del XV secolo, composto di tre fogli di guardia, cui seguono 220 cc. numerate, cui seguono due fogli di guardia. Le cc. misurano mm 290x215, la numerazione moderna (in basso a destra) e la numerazione antica (in altro a destra) sono sfasate di un’unità a partire dalla c. 130, per la ripetizione, nella numerazione antica, del numero della carta precedente.

  • 38 All’explicit segue una nota, della stessa mano che trascrive il testo, che dice: «Finito eltroiano. (...)
  • 39 Tanto in R quanto in S, i frammenti del II cantare della GT corrispondono al cantare XIX del Troian (...)

31Contiene il Troiano di Domenico da Monticchiello (Inc.: Acio cheio possa cholla lingua esciolta; Expl.: Aluosstro onore eltroiano echompiuto),38 in 42 cantari trascritti dalla stessa mano, con inchiostri differenti; abbondanti sono le interpolazioni del testo della GT: dal II cantare, alle cc. 94r-96v e alle cc. 99r-100v; dal III cantare, alle cc. 127r-129r; dal IV cantare, alle cc. 129r-133r; dal V cantare, alle cc. 133r-138r.39

32Il manoscritto, come segnalato in Carbonaro 1991: 124, prima di confluire nella biblioteca di Francesco Redi, appartenne a quella di Giovanni Berti e del figlio Simone, entrambi Accademici della Crusca. Innocenti 1977: 143 lo identifica con il manoscritto numerato 73, e classificato come «Il Troiano in ottava rima in fol», che compare in un elenco di manoscritti appartenuti a Simone Berti compilato da Antonio Magliabechi. Il manoscritto sarebbe passato nella biblioteca di Francesco Redi alla morte di Simone Berti, nel 1691.

II.9. Siena, Biblioteca Comunale Degli Intronati, I.Vi.37 (S)

  • 40 Mi rifaccio a questa numerazione come se si trattasse di “pagine”: dunque, senza indicare il recto (...)

33Manoscritto cartaceo, datato 1438, con una nota di copista sul verso dell’ultima carta («Finito e questo libro del Troyano | Perme Gherardo nelchastello dipiano. A dy Quindici di nouembre MCCCCXXXVIII | Deo Gratias Amen»); con questa nota concorda almeno uno dei due tipi di carta di cui è composto il codice, che presenta una filigrana tipo monts, accostabile a Briquet 11652 (Firenze, 1435-7); l’altra carta, invece, ha una filigrana demi-griffon, non avvicinabile ad alcuno dei tipi Briquet o Mošin-Tralijc. Le carte sono 211, suddivise in 18 fascicoli, piú un foglio di guardia; esse misurano mm 320x216 e sono numerate progressivamente su ogni facciata;40 su ogni carta sono trascritte 5 ottave (4, nei casi di stacco tra un cantare e l’altro), sempre dalla stessa mano, con inchiostri differenti.

  • 41 Ciascuno dei cantari tràditi da S è poi, come già notato, leggermente più lungo rispetto al suo cor (...)

34Anche S contiene il solo Troiano, (Inc: Acio chio possa ben chon linghua sciolta; Expl.: Aluostro honore elTroyano e compiuto), in 43 cantari anziché 42,41 e a differenza che in R senza attribuzione. Come già si è detto, S interpola numerose ottave dalla GT, in misura a volte maggiore rispetto a R: dal II cantare, alle pp. 181-185 e alle pp. 188-191; dal III cantare, alle pp. 239-242; dal IV cantare, alle pp. 242-252; dal V cantare, alle pp. 252-261.

Notes

1 Sono debitore, per alcune delle osservazioni contenute in questa descrizione e in quella del ms. laurenziano, dell’eccellente recognitio codicum a suo tempo svolta, con estrema acribia e ricchezza di dettagli, in Carbonaro 1991. I dati in esse contenuti sono stati vagliati e aggiornati, qualora discordassero con quelli da me riscontrati nell’esame materiale.

2 Briquet: 417; osservazione che Briquet compie per il tipo “huchet”, ma che è ripetuta anche per il “basilic”).

3 La c. 2, la prima sulla quale compaiano contemporaneamente entrambe le numerazioni, è segnata con il numero 19 nella numerazione antica.

4 Ho ricostruito graficamente per comodità la situazione delle carte del manoscritto (con il loro ordine e contenuto) per la sezione che tramanda il testo dei Cantari (cf. infra, il § II.1.1).

5 Dove spesso sono presenti inserti cartacei, lascito del restauratore, che collegano la carta alla rilegatura.

6 Carbonaro 1991: 134.

7 Alcuni accenni al contenuto del manoscritto Càmpori sono in Vandini 1886, pp. 21-22.

8 Si tratta del sonetto CXX dei RVF, in cui Petrarca ringrazia Antonio da Ferrara per il lamento in versi da lui composto avendolo creduto morto in Sicilia (mentre, invece, si trovava a Napoli). Cf. Contini 1964, in nota al testo.

9 Si tratta dei versi cui Petrarca indirizza la sua risposta nel sonetto CXX dei RVF (cf. supra).

10 cf. I.1.5-6: ch’i’ possa dir dell’antica e feroce | guerra di Troia per versi e per canto; nella seconda ottava il canterino dichara la propria insufficienza al canto senza l’ispirazione divina, e di lì comincia presentando i principali eroi del ciclo: Achille e Ettore, Agamennone, Priamo (cf. infra, I.2 e note al testo); nell’ottava I.3 ha inizio la storia vera e propria con la rievocazione del ratto di Elena.

11 L’inversione è sicuramente avvenuta prima che fosse apposta la vecchia numerazione, che infatti procede in modo progressivo anche per le carte che devono essere invertite; la numerazione antica è comunque seriore rispetto alla copia.

12 Successivamente al posizionamento della vecchia numerazione, che infatti salta direttamente da c. 43 a c. 45.

13 In realtà si tratta delle ottave 48 e 49 in L; tuttavia, se calcoliamo 12 ottave per pagina in M e consideriamo che si tratta del fondo della pagina (dall’altro lato infatti si leggono IV.4, 5 e 6, su un totale di 12 ottave per quella carta), dobbiamo ritenere che la versione del III cantare in M fosse più lunga di tre ottave.

14 Alla conclusione del VII il canterino afferma, secondo M: intendo far qui punto al terso canto; analoga espressione, che rinvia però al cantare successivo e non a quello che si sta concludendo, nell’ottava conclusiva del cantare VIII: ma nel quinto cantar sì copioso | dirò la morte del baron pietoso. In entrambi i casi (cf. infra, testo e note) ho corretto ponendo a testo la lezione del laurenziano.

15 Anche se, a voler precisare, le ottave conclusive del IX cantare sono interamente occupate dal lamento dei Troiani per la morte di Troiolo.

16 VI.37.7-8: e dirovi la morte del sovrano | Palamides. Cf. infra, testo e note.

17 Descritto in Bandini 1791-93: 267-8.

18 In particolare, degno di nota è il frammento dei Cantari del Danese trascritto subito dopo la Guerra di Troia: cantari di argomento carolingio sono generalmente tramandati da manoscritti quattrocenteschi. Il frammento contenuto in L narra l’episodio in cui Uggeri il Danese si reca a Verona per imporre al saraceno Massimione, signore della città, il tributo dovuto a Carlomagno. I Cantari del Danese sono tramandati anche da un altro manoscritto e da alcune stampe: per i riferimenti essenziali della tradizione, cf. Rajna 1873-75 e l’Introduzione a Cantari del Danese (Furlati).

19 Molto probabilmente insieme ad altro materiale, se consideriamo che ciascuno dei cantari che leggiamo in L occupa, secondo le modalità trascrittorie della mano, all’incira tre cc. (r/v).

20 Sono debitore, per molte di queste osservazioni, della descrizione del codice effettuata da Luca Sacchi, ora in Historia Apollonii Regis Tyri (Sacchi): 51-4.

21 De Robertis 1970: 72-4; il manoscritto, che come si può vedere contiene numerosi testi canterini, è considerato da De Robertis uno dei testimoni privilegiati di questo genere letterario, soprattutto in virtù della sua antichità.

22 Cf. De Robertis 1970: 73.

23 Cf. Ugolini 1933: 34: «A cc. 84-85 di questo codice, si leggono 21 stanza e mezza e precisamente le ottave, descriventi la morte e la vendetta di Troilo (sic) che fanno parte del cant. VIII del nostro poema».

24 Il riferimento è alla tavola del codice in De Robertis 1970: 72-4, integrata da osservazioni derivanti dalla recognitio codicum di Sacchi, che ho potuto in alcuni punti precisare attraverso la consultazione diretta del manoscritto. Ometto per brevità di segnalare incipit e explicit di testi non letterarî.

25 Non vi sono distinzioni interne, si comincia conle Ultime imprese e morte di Tristano, cui segue la Vendetta per la morte di Tristano. Per i cantari tristaniani contenuti in N, cf. Cigni 1997 e Delcorno Branca 1999.

26 Sembra in realtà un’altra mano rispetto a v, che non sono tuttavia in grado di meglio identificare.

27 Per il frammento, cf. Bertelli 2002b: 219-24.

28 Descritto in Bandini 1791-93: 267-8.

29 Cf. De Robertis 1970: 74-5.

30 Alla quale rinvio per il contenuto complessivo del quaderno cartaceo.

31 Faccio riferimento alle descrizioni del codice nel Libro di varie storie (Varvaro): IX-XVIII e in Tanturli 1978: 263-8), sulle quali ho il riscontro della visione diretta del manoscritto.

32 Secondo Varvaro (Libro di varie storie: IX), le numerazioni in alto sarebbero l’una originaria, l’altra quattrocentesca; dello stesso avviso Tanturli 1978: 263-4.

33 Cf. Libro di varie storie (Varvaro): XI.

34 L’ipotesi di datazione è espressa in Medin 1917-18, avvalorata quindi da Bertelli 2002a: 183; cf. anche supra, § I.2.

35 Al testo della Fiorita è premessa una nota, alla c. 23r, che recita: In dei nomine Am. Anno a nativitate […] Millesimo.CCCC.XVIJI X Inditionis. Inceptus fuit hic liber XIIJ Septembris in ciuitate chetis. Il manoscritto è consultabile nella teca digitale della Bibliothèque Nationale, all’indirizzo http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/btv1b84386614.r=italien+6.langEN.

36 De Bartholomaeis 1899: 117-134.

37 Ibi: 118. Il dialetto settentrionale in questione è, secondo De Bartholomaeis, quello veneto.

38 All’explicit segue una nota, della stessa mano che trascrive il testo, che dice: «Finito eltroiano. Rechato fu inrima perlo famosissimo dottore misser domenico damonte chiello». Più sotto, una breve nota di possesso, di mano differente: «Questo libro è di ba / stiano barbiere». In calce alla carta, una mano seicentesca annota: «Un mj Domenico da Montecchiello è nominato nella Vita del B. Giovanni Colombini, scritta da Feo Belcarj»; per questa nota, cf. anche supra, § I.1.3.

39 Tanto in R quanto in S, i frammenti del II cantare della GT corrispondono al cantare XIX del Troiano; quelli del III, IV e V corrispondono, rispettivamente, ai cantari XXIV, XXV e XXVI del Troiano.

40 Mi rifaccio a questa numerazione come se si trattasse di “pagine”: dunque, senza indicare il recto e il verso delle carte; come nota Carbonaro 1991: 128-9, la stessa mano che effettua la numerazione indica all’inizio di ogni cantare il numero progressivo, e alla fine il numero delle ottave di cui il cantare è composto; compaiono anche, sporadicamente, annotazioni in latino di altra mano rispetto a quella del copista, alle pp. 215-9.

41 Ciascuno dei cantari tràditi da S è poi, come già notato, leggermente più lungo rispetto al suo corrispondente in R.