Premessa

Alfonso D’Agostino

A mia madre e a mio padre

Io parlo parlo, – dice Marco, ma chi m’ascolta ritiene solo le parole che aspetta. Altra è la descrizione del mondo cui tu presti benigno orecchio, altra quella che farà il giro dei capitanelli di scaricatori e gondolieri sulle fondamenta di casa mia il giorno del moi ritorno, altra ancora quella che potrei dettare in tarda età, se venissi fatto prigioniero da pirati genovesi e messo in ceppi nella stessa cella con uno scrivano di romanzi d’avventura.
Chi comanda al racconto non è la voce: è l'orecchio

Italo Calvino, Le città invisibili, 137

1Il volume apre la «Biblioteca di Carte Romanze», ossia la nuova serie di monografie annesse alla rivista, costituisce il superamento, come si direbbe in spagnolo, di un’“asignatura pendiente”, ovvero il soddisfacimento di un debito contratto con me stesso piú di vent’anni fa, quando assegnai a una brillante studentessa, Margherita Carbonaro, il compito di affrontare l’edizione dei Cantari della Guerra di Troia. Il lavoro risultò pregevole, anche se parziale (vi sono pubblicati solo i cantari IV e IX), ma la studiosa in erba non intraprese la carriera della ricerca scientifica e dunque mi lasciò con il desiderio di vedere il lavoro compiuto. Peraltro, essendo stato in un ormai lontanissimo passato studente di Lettere classiche, convertito alla Filologia romanza dal fascino di un maestro (Alberto del Monte, 1924-1975) mi è naturale sentire una sintonia particolare con quegli alunni che hanno faticato, anche nelle aule universitarie, con la Filologia greco-latina e con le altre discipline di Scienze dell’Antichità. Anche perché la Filologia romanza è, fra l’altro, proprio la materia che fa da cerniera tra la Classicità e la Modernità; e se è proiettata verso questa seconda, affonda inevitabilmente le sue radici nella prima. Da queste inclinazioni, condivise con i miei allievi, sono nati, ad esempio, lavori come quello di Luca Sacchi, che ha prodotto un’eccellente edizione critica dell’«Apollonio» volgare in prosa (Historia Apollonii Regis Tyri. Volgarizzamenti italiani, Firenze, Sismel-Edizioni del Galluzzo, 2009). Ora vede la luce questa Guerra di Troia in ottava rima, a cura di un altro allievo, Dario Mantovani, che pubblica il ciclo completo dei dieci cantari d’argomento troiano, dopo aver approfondito con originali risultati lo studio della recognitio codicum, che ha fatto emergere molti testimoni importanti sotto i piú svariati aspetti, sia perché soccorrono a formulare ipotesi sulla datazione dell’opera, sia perché espandono la recensio con ricadute benefiche sulla costituzione del testo.

2Questa edizione s’inserisce a doppio titolo negli interessi di ricerca delle cattedre di Filologia romanza del nostro Dipartimento: il tema canterino ha dato luogo a saggi e a mio giudizio importanti, come quello di Beatrice Barbiellini Amidei sulla Ponzela Gaia (Ponzela Gaia: Galvano e la donna serpente, Milano-Trento, Luni, 2000). E Dario Mantovani, che agli inizî si era dedicato alla lirica provenzale e che ha in progetto l’edizione completa del Monge de Montaudon, è ora assegnista di ricerca con un progetto che riguarda proprio l’argomento di questo libro. Il quale è frutto dell’elaborazione della sua tesi dottorale che aveva potuto giovarsi della lettura approfondita di un insigne studioso come il compianto Michelangelo Picone e di una delle migliori e versatili romaniste spagnole, Pilar Lorenzo Gradín. Esso ha inoltre potuto contare sulla revisione, nella parte linguistica, delle sterminate conoscenze del generosissimo Pär Larson.

3Con le sue originali e approfondite ricerche, che denotano grande maturità critica, Mantovani ha potuto inquadrare questo ciclo classico di cantari nel miglior modo possibile, studiandone la composizione, la dipendenza da fonti scritte (in particolare il volgarizzamento di Filippo Ceffi dell’Historia destructionis Troiae di Guido delle Colonne e quello di Binduccio dello Scelto di una mise en prose del Roman de Troie di Benoît de Sainte-Maure) in serrato confronto con la varia lectio consegnata dalla tradizione; ha pure indagato ogni altro aspetto letterario e linguistico di quest’opera, che in modo persuasivo propone di intitolare Guerra di Troia in ottava rima (e non Cantari della guerra di Troia) per indicare un individuo di un percorso evolutivo che precocemente assume le sembianze di un vero e proprio poema, pur mantenendo alcuni caratteri identitarî del genuino cantare.

4Il testo critico che viene offerto, il primo integrale dopo una pubblicazione parziale (i primi due cantari) curata da Francesco Ugolini nel 1933, si presenta costituito con grande prudenza, ma senza rinunziare all’indicazione, in una doppia fascia di apparato e in un sobrio corredo di note, delle piú persuasive possibilità emendatorie.

5La Guerra di Troia in ottava rima si pone, insomma, nel novero delle edizioni critiche piú riuscite di un genere filologicamente problematico.

Auteur

Alfonso D’Agostino