Version classiqueVersion mobile

Moralitas Sancti Heustacii

 | 
Luca Bellone

I. Introduzione

Texte intégral

1. Nei dintorni di Briançon: cenni sui «Misteri alpini»1

  • 1 Per un quadro esaustivo del teatro religioso alpino si rinvia in modo particolare a Petit de Jullev (...)
  • 2 Cf. Mazouer 1998: 144-59.
  • 3 Cf. nello specifico Mystère de la Passion (Jodogne 1965), Roy 1974 e Passione di Revello (Cornaglio (...)
  • 4 Cf. Lebegue 1933, Loukovitch 1933, Cohen 1951, Jodogne 1964a: 827-42, Jodogne 1964b: 63-75, Runnall (...)

1Il termine Mystère, analogamente al suo sinonimo latineggiante Moralitas, designa come noto una rappresentazione teatrale di argomento religioso sviluppatasi originariamente in Francia a partire dal secolo XIII con il proponimento della messa in scena, per finalità essenzialmente didattiche, di episodi tratti dalle Scritture e dalle leggende agiografiche,2 sulla scia di una tradizione anteriore apertasi con i drammi sacri, con i cicli della Passione3 e con i Miracles in lingua d’oïl.4

  • 5 Per approfondimenti sugli aspetti storico-culturali ed economici dell’area nei secoli XV e XVI, cf. (...)
  • 6 Cf. Jeanroy 1894: 525-60, Chocheyras 1975: 65 ss., Henrard 1998: 233-400, Passion de saint André (S (...)
  • 7 Non si analizzeranno in questa sede, poiché ciò esulerebbe dall’obiettivo preposto, le cause del fe (...)
  • 8 Cf. Paravy 1993: 688.
  • 9 Cf. Passion de saint André (Sibille): 13.
  • 10 Cf. soprattutto Cornagliotti 2003: 332-6. Sulla diffusione e della storia del valdismo a Briançon e (...)

2I villaggi compresi nel territorio circostante Briançon5 conobbero, tra la fine del secolo XV e i primi decenni del successivo, una ricca, e per certi versi sorprendente, fioritura di Mystères redatti, rimaneggiati o tradotti6 nella varietà locale, il provenzale alpino, e più volte rappresentati nelle corrispondenti parrocchie, nelle piazze o in altri luoghi pubblici all’aperto, a complemento dell’ufficio liturgico durante le principali solennità religiose.7 Le indagini svolte dagli studiosi, tanto in anni passati quanto in epoche recenti, hanno dimostrato come tali messe in scena rientrassero all’interno di una tradizione drammatica di matrice essenzialmente rurale che riguardava, oltre alla circoscrizione di Briançon, anche le aree al tempo controllate dall’arcidiocesi di Embrun e i territori alpini dei due versanti, francese e italiano, compresi tra il Queyras, la Maurienne e la media e alta Valle di Susa,8 e come costituissero il riflesso diretto del particolare contesto socio-culturale della sub-regione, caratterizzato da un’intensa attività di propagazione della dottrina cattolica9 indirizzata forse, ma certo non esclusivamente, al contrasto del culto valdese, ancora molto popolare.10

3Le ricerche compiute hanno permesso, a oggi, la ricognizione di un repertorio di otto testi di riferimento:

  • 11 Si riporta il luogo di prima rappresentazione ricavato, di volta in volta, dall’explicit di ciascun (...)
  • 12 Viene riprodotto l’anno esatto o l’intervallo di anni entro cui si colloca la prima rappresentazion (...)
  • 13 L’edizione utilizzata in questa sede per i richiami testuali è Mystère de Sant Anthoni de Viennès ( (...)
  • 14 Un numero significativo di rappresentazioni della Moralitas ebbe probabilmente luogo nel corso del (...)
  • 15 Edizione: Istorio de Saint Poncz (Guillaume), d’ora in poi SP.
  • 16 La prima edizione è Moralitas Sancti Heustacii (Guillaume 1883); con la sigla SE si farà tuttavia r (...)
  • 17 Edizione: Istoria Petri et Pauli (Guillaume), d’ora in poi SPP.
  • 18 Il codice non risulta datato ma appare certamente posteriore a SAT e SE; cf. Chocheyras 1975: 92 e (...)
  • 19 Edizioni: Mystère de Saint André (Fazy) e, soprattutto, Passion de saint André (Sibille), quest’ult (...)
  • 20 Cf. Passion de saint André (Sibille): 20.
  • 21 Edizione: Ludus Sancti Jacobi (Arnaud), d’ora in poi SJ.
  • 22 Cf. Mystère de Saint André (Fazy): XI.
  • 23 Edizione: Mystère de Saint Martin (Guillaume), d’ora in poi SM.
  • 24 La data precisa di prima messa in scena non è conosciuta. Il termine, come per il Mystère de saint (...)
  • 25 Ed. in Mystère de Saint Barthélemy (Fiat), d’ora in poi SB.

Mistero

Luogo di rappresentazione11

Anno12

1

Historia sancti Anthonii13

Nevache

150314

2

Istorio de sanct Poncz15

Puy-Saint-Pierre

1503

3

Moralitas Sancti Heustacii16

Puy-Saint-André

1504

4

Istoria Petri et Pauli17

Puy-Saint-Pierre

inizio sec. XVI18

5

Ystoria sancti Andree19

Puy-Saint-André

1512 o 151320

6

Ludus sancti Jacobi21

Chantemerle

152922

7

Istoria translationis sancti ‹Martini›23

Saint-Martin-de-Queyrières

ante 155024

8

Mystère de saint Barthélemy25

La Salle

ante 1550

  • 26 L’iterazione delle repliche accerta poi il favore con il quale le rappresentazioni venivano accolte (...)

Sono due i dati senza dubbio significativi che emergono da uno sguardo preliminare dell’elenco degli esemplari e delle corrispondenti messe in scena: la ristretta forbice temporale (meno di un cinquantennio) e una distribuzione areale compatta (Nevache e Puy-Saint-André, i due comuni più distanti, sono collocati a una ventina di chilometri circa l’uno dall’altro).26

  • 27 Cf. supra la Premessa; si veda inoltre Cornagliotti 2003: 321-39 e infra il paragrafo I.2.6. Cornag (...)

4Al di là delle vicinanze cronologiche e geografiche, le rappresentazioni manifestano inoltre una serie ulteriore di affinità tale da giustificarne il raggruppamento sotto l’unico corpus dei cosiddetti Misteri alpini: tra quelle di maggiore rilievo andranno anticipate in primo luogo le numerose peculiarità di carattere grafico, stilistico e, soprattutto, linguistico e, non ultima, una possibile paternità almeno parzialmente condivisa. Un approfondimento, necessario quanto auspicato,27 di tali aspetti fondamentali potrà ovviamente avere completa realizzazione soltanto in presenza di corrette e precise riedizioni di tutti i singoli esemplari.

  • 28 Cf. Passion de saint André (Sibille): 13: «Le saint, choisi dès l’origine par sa grâce, se caractér (...)

5Ancora a livello introduttivo, un esame del corpus consentirà l’individuazione di tratti convergenti tra i diversi testimoni del repertorio. Dal punto di vista delle tematiche, i Misteri alpini condividono, come già ricordato, la selezione della materia agiografica per la rappresentazione pubblica, come riflesso della volontà di trasmissione di exempla da parte delle istituzioni culturali e religiose locali.28

  • 29 Cf. Cornagliotti 2003: 328.

6L’estensione degli otto testi dimostra invece come la durata degli spettacoli fosse nella maggior parte dei casi considerevole: tre di essi, SPP, SP e SB, sono ad esempio composti da un numero di versi tale da richiedere la suddivisione della messa in scena in due differenti giornate.29

  • 30 Nella parte iniziale di SE, ad esempio, si concede ampio risalto, una cinquantina di versi (cf. SE, (...)
  • 31 In SAT, ad esempio, la prima scena (vv. 189-245), che ritrae Antonio e la sua famiglia sul punto di (...)
  • 32 Cf. Henrard 1998: 297.

7In merito al rapporto con le fonti, inoltre, i drammi alpini presentano, concordemente, un’analoga inclinazione: in ciascun Mistero, a partire dalla compilazione agiografica di riferimento, è stata condotta, soprattutto all’interno delle sezioni narrative, un’evidente opera di rimaneggiamento che ha comportato la dilatazione di molti episodi rispetto ai modelli latini corrispondenti;30 in altre circostanze il medesimo fenomeno ha determinato l’inserzione di passaggi inediti, non contemplati cioè nei testi originari,31 spesso, ma non sempre, riconducibili a topoi provenienti dai modelli delle sacre rappresentazioni e dei cicli della Passione d’ambito oitanico.32

  • 33 Dal gruppo si allontana, per certi versi, il solo SAT, che si distingue per la presenza in apertura (...)
  • 34 Cf., ad es. SE, 1-4: «Jesu Crist, que de la Verge eys nas, / Done bon jort e bon solas, / E garde l (...)
  • 35 Cf. SE, 9-14: «Beous amis, que se present, / No· vous requeren charoment / Que vulha en pas istar, (...)
  • 36 Cf. SE, 14-33, SAT, 108-185, SAD, 23-28, SPP, 16-37, ecc.
  • 37 Cf. SE, 2853-2859: «Perdona nous, me· bons amis, / Si hi a nengum que ayo maleyso; / De present, se (...)
  • 38 Cf. SE, 2842-2851, SAD, 2647-2655: «Jhesus que a fach la redemption / De toto humano naturo, / Nous (...)

8Si annoverano ancora, in questa direzione, i prologhi e gli epiloghi, caratterizzati da stilemi metrici, retorici e linguistici ricorrenti, condivisi da quasi tutti i Misteri e sconosciuti alle fonti:33 nelle battute di apertura, pronunciate da un nunzio, dopo la richiesta di sostegno della compagnia34 e l’invito all’attenzione rivolti all’uditorio della compagnia,35 vengono esposte in forma breve le vicende che verranno rappresentate;36 le chiuse si richiamano invece in maniera particolare per l’appello all’indulgenza al pubblico nei confronti della brigata37 e per l’invito indirizzato agli astanti a fare tesoro degli insegnamenti ricevuti.38

  • 39 Cf. Mazouer 1998: 144-59.
  • 40 Cf. Henrard 1998: 262.

9Una conseguenza evidente di una simile propensione è data dall’incremento del numero complessivo dei personaggi in scena, soprattutto di quelli secondari, secondo una pratica già ben radicata nel teatro francese del Quattrocento:39 infermi, briganti, peccatori, scudieri, cappellani, domestici, martiri, oltre a un’accolita di dipendenti di re, principi e signori, si alternano sul palco in una articolata gamma di situazioni drammatiche ora impegnate e sontuose, ora facete e dilettevoli. Tutte le comparse sono tratteggiate, nelle diverse opere, con tinte familiari e genuine secondo una dimensione umana vicina a quella dello spettatore, al fine di sollecitare il consueto processo di identificazione da parte del pubblico, funzionale all’intento didattico della rappresentazione.40

  • 41 La loro presenza è infatti segnalata in altre rappresentazioni in lingua d’oc attigue cronologicame (...)
  • 42 Cf., ad es., Jeanroy 1894: 552 e Henrard 1998: 250; a proposito dei soli Misteri alpini cf. Mystère (...)
  • 43 Cf. Lioure 1983: 11.
  • 44 Nella prima parte di SAT, ad esempio, si assiste a un’ampia diablerie, della lunghezza di oltre cin (...)
  • 45 Cf., ad es., ibi, 625-97 e Henrard 1998: 250.
  • 46 Cf. a questo proposito Jutgamen General (Lazar): 20 e Henrard 1998: 250-2.
  • 47 Cf. ibi: 357.
  • 48 Cf. SAT, 960-965.
  • 49 Cf. SPP, 6113-6123.
  • 50 Cf. SP, 5693 ss., 6026 ss.
  • 51 Cf. SE, 835-838. Come ricorda Cornagliotti 2003: 331, l’antroponimo è stato connesso, già da Jeanro (...)
  • 52 Le scene in cui essi agiscono si collocano soprattutto in apertura e in chiusura di ciascun testo, (...)

10Le parti contraddistinte da maggiore attitudine all’inserzione di passaggi innovativi riguardano i personaggi diabolici: assenti nei modelli di riferimento latini, i diavoli costituiscono, come noto, uno strumento teatrale di sicuro effetto scenografico, utilizzato, per molteplici ragioni, in tutte le opere teatrali religiose provenzali del periodo,41 che proviene dalla produzione drammatica del Nord della Francia dei secoli XIV-XV42 e che risale, almeno per la tradizione d’Oltralpe, all’Ordo representationis Adae (seconda metà del secolo XII).43 Le figure demoniache compaiono in buon numero e a più riprese nel corso dei Misteri alpini: le scene in cui esse sono protagoniste possono assumere dimensioni considerevoli e occupare diverse centinaia di versi.44 I loro nomi, come già dimostrato altrove,45 provengono dalle Scritture e si ripetono nei diversi drammi senza soluzione di continuità: tra i più ricorrenti si segnalano Lucifer, Sathan, Belzebut, Belial, Berith, Mamona, Astaroth e Leviatam. Risulta talvolta possibile distinguere ed evidenziare, per alcuni di essi, una caratterizzazione individuale che riproduce in maniera evidente la funzione svolta o il peccato incarnato:46 Lucifer, ad esempio, è solitamente il capo delle legioni infernali; Sathan, il rappresentante dei demoni sulla terra.47 In buona parte dei testi alpini indagati compare inoltre un demone “al femminile”, denominato [Mater] Pharfara (in SAT,48 SPP49 e in SP)50 o semplicemente Mater (in SE),51 complice di Lucifer e madre dei diavoli.52

  • 53 Cf., ad es., il personaggio di Trompeta in SE, 1711-1716, 1784-1785, 1831-1837, ecc.; cf. Blum 1989 (...)
  • 54 Si ricorderà qui la sola figura dell’imperatore Adriano, artefice del supplizio di Eustachio e dell (...)
  • 55 In merito all’ultimo punto ci si limiterà a ricordare, nel solo SE, la conservazione dell’integrità (...)

11Ulteriori motivi rintracciabili in tutti i Misteri alpini ed ereditati dall’esperienza francese dei secoli XIV e XV sono inoltre i seguenti: la presenza del messaggere, interprete dai modi e dai toni sfrontati, proverbialmente avido di denaro, cui vengono affidati gli intermezzi comici proprio in virtù della sua esibita libertà, di costumi e di linguaggio;53 il ruolo dei tiranni, carnefici spietati e compiaciuti nel mostrare, al cospetto del popolo delle corti, la propria efferatezza;54 le persecuzioni contro i cristiani; lo svolgimento di episodi di ampio respiro inerenti il martirio del protagonista (che occupano la seconda parte o l’ultima giornata di ciascun testo), contrapposti a quelli del suo ministerium, di norma collocati entro la prima metà del dramma; il ricorso costante all’elementosoprannaturale (eventi miracolosi, visioni trascendentali, manifestazioni celesti).55

2. Breve rassegna degli studi su Se

2.1. Moralitas Sancti Heustacii (Guillaume 1883, 1891, 2010)

  • 56 Cf. Moralitas Sancti Heustacii (Guillaume 1883).
  • 57 Della stessa opinione anche Jeanroy, il quale, pochi anni dopo l’edizione di Guillaume, fornì un pa (...)
  • 58 Cf. Moralitas Sancti Heustacii (Guillaume 1883): 23.
  • 59 Cf. ibid.: «On comprendra notre réserve en présence de la rareté des textes alpins du moyen âge. Là (...)

12L’edizione del testo di Paul Guillaume del 1883, come detto la sola attualmente in circolazione, è accompagnata da una breve introduzione e supportata da alcune note di commento;56 il pessimo stato di conservazione dell’esemplare, unito alla penuria di strumenti a disposizione dell’abate, implicò una trascrizione non sempre meticolosa, segnata da una serie variegata di inesattezze che vanno dall’errata lettura di un buon numero di lezioni, anche di vasta estensione, all’imprecisione nel conteggio complessivo dei versi:57 lo stesso Guillaume, d’altronde, accennando ai criteri utilizzati,58 non occultò le proprie difficoltà, legate in special modo al difetto di dimestichezza con i pochi testi di area alpina dell’epoca fino ad allora recuperati.59

  • 60 Cf. Jeanroy 1894: 525-60, Monteverdi 1909: 169-229, Monteverdi 1910: 2-108, Chocheyras 1975 e Henra (...)
  • 61 Cf. a tale proposito Moralitas Sancti Heustacii (Guillaume 1883): 22: «Je m’abtiens à dessein des o (...)

13In sede preliminare l’attenzione del curatore si concentra su alcuni aspetti rilevanti, ripresi e sviluppati nei contributi successivi sull’argomento:60 profilo storico delle rappresentazioni drammatiche provenzali di epoca tardo-medievale con particolare riferimento ai Misteri alpini; studio delle fonti della leggenda di sant’Eustachio; diffusione del culto del santo tra le comunità dei fedeli del territorio alpino; descrizione dei personaggi principali della rappresentazione. Seguono alcune sintetiche considerazioni di carattere grafematico, sprovviste tuttavia di supporti filologici e linguistici scientificamente probanti.61

  • 62 Cf. Meyer 1885: 294-7.
  • 63 Cf. Moralitas Sancti Heustacii (Guillaume 1891).
  • 64 Cf. Moralitas Sancti Heustacii (Guillaume 2010).

14Successivamente alla recensione di Paul Meyer,62 Guillaume pubblicò, nel 1891, una seconda edizione dell’opera, seguita dalla traduzione francese del testo ma priva di variazioni sostanziali.63 Una ristampa anastatica dell’edizione del 1883 è invece uscita, come anticipato nella Premessa, presso i tipi di Kessinger nel 2010.64

2.2. Jeanroy 1894

  • 65 Cf. Jeanroy 1894: 525-60.
  • 66 Cf., per un resoconto dello stesso studioso a riguardo, Mystères provençaux (Jeanroy–Teulié) e Asce (...)
  • 67 Cf. Jeanroy 1894: 529: «Durant les trente ou quarante années qui séparent les Mystères rouergats de (...)
  • 68 Cf. ibi: 525-26: «Malheureusement, à cètte époque, le théâtre méridional n’était plus que l’ombre d (...)
  • 69 Cf. ibi: 559-60: «Ce n’est donc point par l’originalité du fond que les Mystères alpins et rouergat (...)

15Nelle Observations sur le thêâtre méridional du XVe siècle, edite pochi anni dopo l’edizione di Guillaume,65 Alfred Jeanroy espresse un giudizio nel complesso severo sui Misteri alpini: la poesia drammatica della Provenza redatta in periodo tardo-medievale (secolo XV, principio del XVI) non si caratterizzerebbe, a differenza di quella anteriore (secoli XIII-XIV),66 per tratti originali, ma risulta, al contrario, asservita, tanto nelle tematiche quanto nelle forme della rappresentazione,67 a quella proveniente dalla tradizione teatrale settentrionale;68 il solo aspetto del corpus degno di rilievo sarebbe costituito dalla veste linguistica dei codici, al contempo testimonianza preziosa delle trasformazioni occorse sull’area geografica in esame e significativo contributo offerto alla lessicografia e alla storia della lingua del provenzale e delle sue varietà alpine.69

2.3. Monteverdi 1909 e 1910

  • 70 Cf. Monteverdi 1909: 169-229 e Monteverdi 1910: 2-108.
  • 71 Ibi 1910: 2.

16I due saggi, di vasto respiro,70 raccolgono ed esaminano una quantità ragguardevole di esemplari legati alla leggenda del santo, «pii racconti, poemi, opere drammatiche, in vario linguaggio, di merito vario, d’indole varia, scritti per la meditazione dei monaci nei chiostri, per la ricreazione del volgo ascoltante il dicitore o gli attori, alcuni tosto abbondanti, altri a lungo prediletti».71

  • 72 Così chiamata dallo stesso Monteverdi poiché fedele alla fonte greca da cui deriva, e in opposizion (...)

17Al fine di uno studio particolareggiato della fortuna che la vicenda ebbe tra le diverse popolazioni di culto cristiano, Angelo Monteverdi indagò la diffusione di sant’Eustachio anche nel teatro transalpino di lingua d’oc. La breve sezione dedicata al codice E298 prende avvio da alcune informazioni di carattere generale già contenute in Guillaume 1883 e Jeanroy 1894; l’aspetto senza dubbio più rilevante delle pagine di Monteverdi è tuttavia legato allo studio delle fonti di SE: viene dimostrata, con l’apporto di un buon numero di esempi, sempre persuasivi, la dipendenza del dettato del codice provenzale dalla cosiddetta “versione letterale” latina della leggenda72 in opposizione alla Legenda Aurea di Jacopo da Varazze.

2.4. Chocheyras 1975

  • 73 Cf. Chocheyras 1975, che segue da vicino il precedente lavoro dello stesso autore sulle rappresenta (...)

18Un repertorio di cartine topografiche e tavole cronologiche delle rappresentazioni drammatiche introduce la sezione dei Misteri alpini nel volume dedicato al teatro religioso del Delfinato, nel 1975, da Jacques Chocheyras.73

  • 74 Cf. Chocheyras 1975: 90: «Le mystère de Saint Eustache qui nous est parvenu suit de très près le ré (...)

19SE, secondo lo studioso frutto del dinamismo culturale della parrocchia del villaggio di Puy-Saint-André, di recente fondazione, viene per lo più descritto sulla base delle notizie ricavate da Guillaume 1883, Jeanroy 1894, Monteverdi 1909 e 1910; in merito allo studio delle fonti, e in disaccordo con Monteverdi, Chocheyras definì l’esemplare un semplice “adattamento drammatico” dell’opera di Jacopo da Varazze privo di apprezzabili interventi attribuibili al suo redattore.74

2.5. Henrard 1998

  • 75 Cf. Henrard 1998.
  • 76 Cf. ibi: 5: «Le présent travail a donc été entrepris dans l’espoir de contribuer à combler une impo (...)

20Il saggio di Nadine Henrard,75 che arricchisce sensibilmente Chocheyras 1975, riunisce e analizza, in un ensemble molto articolato, quindici testi – per lo più drammi liturgici, Misteri, cicli della Natività e della Pasqua, completi e frammentari –, per un totale di quarantaduemila versi circa redatti tra la fine del secolo XI e la prima metà del Cinquecento.76

  • 77 Cf. ibi: 7: «Pour la première fois, ce corpus sera ici étudié dans son ensemble sur la base de crit (...)
  • 78 Cf. ibi: 514-8.
  • 79 Cf. ibi: 518: «La Moralitas Sancti Heustacii n’offre donc qu’une versification pauvre et peu variée (...)

21Di SE, come di ciascun altro testimone, si propone un esame dettagliato:77 agli aspetti codicologici e paleografici seguono le consuete indicazioni su luogo e data di composizione e un excursus sulla leggenda. In una sezione a parte vengono illustrate le peculiarità che caratterizzano la struttura metrica e la versificazione del testo:78 il quadro presentato porge all’autrice lo spunto per ribadire il rispetto dimostrato dall’autore verso i canoni tradizionali delle opere drammatiche dell’epoca e, soprattutto, la sua modesta perizia, rivelata da un discreto numero di esempi.79

2.6. Cornagliotti 2003

  • 80 Cf. Cornagliotti 2003: 321-39.
  • 81 Ibi: 322.
  • 82 Ibid.

22Con le Riflessioni sui «Misteri occitani» di area alpina,80 Anna Cornagliotti manifesta anzitutto l’opportunità di una «inderogabile ripresa degli studi»81 degli esemplari del corpus che presupponga «nuove edizioni critiche […], un esame linguistico per quanto possibile esaustivo e […], soprattutto, il dibattito sulla paternità delle opere».82 In tal senso, SE viene ritenuto un utile tassello per contribuire alla ricostruzione e alla comprensione globale della vicenda dei drammi alpini e della loro affermazione.

  • 83 Cf., ad es., a tale proposito, SE, 2000 e n.
  • 84 Cf. Cornagliotti 2003: 322-7.

23La prima fase del progetto auspicato – cioè una nuova trascrizione dei manoscritti – è legittimata, come anticipato, dall’esistenza, nelle edizioni di riferimento, di frequenti casi di errori di lettura, interpretazione e divisione delle parole, oltre a lacune e imprecisioni nel computo del numero dei versi; un campione esemplificativo di tali fenomeni viene catalogato e commentato dalla studiosa, con l’aggiunta di efficaci interventi correttivi83 al fine di ristabilire, laddove ciò si riveli possibile, le esatte lezioni.84

  • 85 Ibi: 327.

24Il secondo stadio, costituito dall’esame della varietà linguistica delle opere, è considerato indispensabile nell’ottica di un pieno recupero del valore culturale della raccolta: a questo proposito si ricorda che nell’ultimo secolo «gli studi sulla lingua e sulla letteratura d’oc si sono enormemente arricchiti, per cui oggi, avendo a disposizione lessici, atlanti linguistici, edizioni critiche di testi da confrontare, saggi sulla grafia, fonetica e morfosintassi dell’occitano, il lavoro che ci si propone si presenta assai più agevole».85

  • 86 Cf. ibi: 327-39.

25La sezione conclusiva del contributo pone l’accento su alcune riflessioni nate dallo studio complessivo dei Mystères che concorrono al rilevamento di analogie ricorrenti all’interno del corpus: nel dettaglio, si tratta di costanti legate alle didascalie latine, alla struttura metrica, agli accorgimenti stilistici e retorici, all’impiego di antroponimi, ai riferimenti all’eresia valdese e, soprattutto, alla tipologia grafematica, che consentono alla filologa di individuare una pregevole “compattezza” tra i testi che potrebbe in definitiva suggerire la presenza di un autore/redattore/adattatore condiviso.86

2.7. Bellone 2006

  • 87 Cf. Bellone 2006: 155-235.

26Il contributo87 analizza, sulla scia delle sollecitazioni espresse da Peter Ricketts e suggerite anche in Cornagliotti 2003, la varietà linguistica di SE; la sua struttura interna mostra una suddivisione della materia in due sezioni fondamentali: nella prima l’attenzione è rivolta ai principali aspetti fonetici individuati nel testo; alla morfologia è invece dedicata interamente la seconda.

27In entrambi i casi l’esame dei fenomeni discussi viene integrato da osservazioni ricavate dagli altri Misteri alpini e, più in generale, da tutti quei testi che, per ragioni geolinguistiche e cronologiche, condividono con SE caratteristiche di sicuro interesse. L’intento comparatistico dell’indagine viene completato dal confronto con alcune delle peculiarità desunte dalle moderne varietà dialettali dell’area alpina attraverso l’ausilio prestato, di volta in volta, dagli atlanti linguistici, dalle grammatiche e dagli strumenti lessicografi di riferimento.

2.8. Passion de saint André (Sibille)

  • 88 Cf. Passion de saint André (Sibille).

28Jean Sibille ha recentemente dato alle stampe una nuova edizione, con note critiche, della Passion de saint André,88 accompagnata dalla traduzione francese e da uno studio linguistico comparato in cui rientrano, quali termini di confronto, pure esempi tratti da SE.

29L’accurata analisi della varietà linguistica si sviluppa su molteplici livelli investigativi secondo un’articolata metodologia di ricerca: un’indagine di tipo sincronico che presuppone il confronto della lingua dei Mystères con quella di opere coeve; un attento esame diacronico che raffronta i drammi brianzonesi con le moderne parlate alpine; un’indagine diatopica che studia i fenomeni fonetici, morfosintattici e lessicali delle rappresentazioni in questione, e della Passion de saint André in particolare, entro un ampio panorama areale allargato alle differenti parlate del dominio galloromanzo. I tratti comuni ai testi teatrali alpini, tra cui ovviamente SE, vengono illustrati e analizzati con precisione e ricchezza di documentazione: lo studio della grafia, la declinazione “tardiva”, il perfetto perifrastico e la morfologia verbale risultano, nel complesso, le sezioni maggiormente sviluppate; chiude l’opera un esame delle peculiarità lessicali della Passion de saint André e il glossario dei lemmi utilizzati nel testo, utili strumenti al fine di mettere in luce un sostrato condiviso con il testo che qui si pubblica.

Notes

1 Per un quadro esaustivo del teatro religioso alpino si rinvia in modo particolare a Petit de Julleville 1880, Fuzellier 1949a, I: 121-35, Fuzellier 1949b, II: 60-79, Fuzellier 1955, Cohen 1956, Chocheyras 1975, Henrard 1998, Théâtre populaire 1999. Le edizioni dei singoli Misteri verranno presentate nelle pagine che seguono; contributi e studi su particolari aspetti del genere o su altre opere drammatiche redatte in territorio alpino nei secoli XV-XVI si trovano invece in Gabotto 1890: 98 ss., Mistero di Salbertrand (Cian): 74-106, Patria 1967: 10-1, Histoire de saint Jean Baptiste (Blandino): 15-37, Blandino 1970: 98-104, Cornagliotti 1971: 117-20, Molino 1975: 155-66, Passione di Revello (Cornagliotti), Patria 1977: 11, Patria 1978: 15, Patria 1979: 95-102, Coletto 1985: 76-94, Tisser 1986: I, Dioclétiane (Coletto), Histoire de saint André apôtre et martyr (Coletto–Giai), Cornagliotti 2003: 321-39, Passion de saint André (Sibille).

2 Cf. Mazouer 1998: 144-59.

3 Cf. nello specifico Mystère de la Passion (Jodogne 1965), Roy 1974 e Passione di Revello (Cornagliotti).

4 Cf. Lebegue 1933, Loukovitch 1933, Cohen 1951, Jodogne 1964a: 827-42, Jodogne 1964b: 63-75, Runnalls 1996: 7-33 e Jutgamen General (Lazar): 11-3.

5 Per approfondimenti sugli aspetti storico-culturali ed economici dell’area nei secoli XV e XVI, cf. soprattutto Brunet de L’Argentière 1754, Albert 1783, Charvaz 1836, Ladoucette 1848, Fauché–Prunelle 1856-1857, Ambrois de Nevache 1872, Muston 1879, Chabrand 1882, Chabrand 1886, Roman 1898: 197-228, Rostolland 1930, Roque 1961, Carlhian–Ribois 1998, Routier 1964, Sentis 1970, Playoust 1972, Sentis 1974, Maurice 1976, Audisio 1979, Maurice 1980, Cézard 1981, Groffier 1981, Maurice 1981, Routier 1981, Pons 1982, Peintures murales 1987, Tuaillon 1990: 125-26, Baccon–Bouvet 1992, Paravy 1993: 365 ss., Haute–Durance 1995, Lous Escartons 1998, Merle 1999, Albert 2006, Passion de saint André (Sibille): 11-5.

6 Cf. Jeanroy 1894: 525-60, Chocheyras 1975: 65 ss., Henrard 1998: 233-400, Passion de saint André (Sibille): 17.

7 Non si analizzeranno in questa sede, poiché ciò esulerebbe dall’obiettivo preposto, le cause del fenomeno; per studi approfonditi in merito cf. soprattutto Chocheyras 1975: 65 ss., Henrard 1998: 233-400 e Passion de saint André (Sibille): 13-4.

8 Cf. Paravy 1993: 688.

9 Cf. Passion de saint André (Sibille): 13.

10 Cf. soprattutto Cornagliotti 2003: 332-6. Sulla diffusione e della storia del valdismo a Briançon e nel territorio circostante cf. Charvaz 1836, Carlhian–Ribois 1998, Routier 1964, Audisio 1979, Routier 1981, Groffier 1981, Paravy 1993, Lous Escartons 1998.

11 Si riporta il luogo di prima rappresentazione ricavato, di volta in volta, dall’explicit di ciascun esemplare o da documenti coevi.

12 Viene riprodotto l’anno esatto o l’intervallo di anni entro cui si colloca la prima rappresentazione di ciascun testo secondo le notizie desunte dai manoscritti o da testimonianze indirette tratte da documenti dell’epoca.

13 L’edizione utilizzata in questa sede per i richiami testuali è Mystère de Sant Anthoni de Viennès (Guillaume), rivista da chi scrive sul manoscritto (d’ora in poi citata con la sigla SAT seguita dal numero dei versi); cf. pure Meyer 1885, Mystère de Sant Anthoni de Viennès (Tuaillon): 141-67, Tuaillon 1998: 273-303 e Histroia Sancti Anthonij (Costantini).

14 Un numero significativo di rappresentazioni della Moralitas ebbe probabilmente luogo nel corso del secolo XVI, secondo quanto si ricava da notizie interne al codice: la prima fu quasi certamente messa in scena a breve distanza dall’anno di redazione dell’esemplare manoscritto, il 1503; cf. soprattutto Chocheyras 1975: 69 e Passion de saint André (Sibille): 19.

15 Edizione: Istorio de Saint Poncz (Guillaume), d’ora in poi SP.

16 La prima edizione è Moralitas Sancti Heustacii (Guillaume 1883); con la sigla SE si farà tuttavia riferimento d’ora in poi all’edizione di chi scrive.

17 Edizione: Istoria Petri et Pauli (Guillaume), d’ora in poi SPP.

18 Il codice non risulta datato ma appare certamente posteriore a SAT e SE; cf. Chocheyras 1975: 92 e Passion de saint André (Sibille): 19-20.

19 Edizioni: Mystère de Saint André (Fazy) e, soprattutto, Passion de saint André (Sibille), quest’ultima sempre utilizzata per le citazioni testuali (SAD); cf. infine Guillaume 1882 e Guillaume 1883b.

20 Cf. Passion de saint André (Sibille): 20.

21 Edizione: Ludus Sancti Jacobi (Arnaud), d’ora in poi SJ.

22 Cf. Mystère de Saint André (Fazy): XI.

23 Edizione: Mystère de Saint Martin (Guillaume), d’ora in poi SM.

24 La data precisa di prima messa in scena non è conosciuta. Il termine, come per il Mystère de saint Barthélemy, è ante quem: dalla testimonianza dei documenti della zona non pare infatti che opere drammatiche fossero state rappresentate nella seconda metà del secolo nelle località esaminate; cf. a questo proposito Passion de saint André (Sibille): 21-2 e 29.

25 Ed. in Mystère de Saint Barthélemy (Fiat), d’ora in poi SB.

26 L’iterazione delle repliche accerta poi il favore con il quale le rappresentazioni venivano accolte, presso i detti villaggi, durante le ricorrenze religiose e in occasione di importanti fiere o altre manifestazioni culturali locali: cf. Mystère de Sant Anthoni de Viennès (Guillaume): XIII-XVII, Chocheyras 1975: 68-72 e Paravy 1993: 388-416.

27 Cf. supra la Premessa; si veda inoltre Cornagliotti 2003: 321-39 e infra il paragrafo I.2.6. Cornagliotti 2003.

28 Cf. Passion de saint André (Sibille): 13: «Le saint, choisi dès l’origine par sa grâce, se caractérise avant tout par une fidélité indéfectible. La représentation de sa vie vaut comme exemple à suivre mais aussi comme mise en scène d’une prédication centrée sur le Credo et l’affirmation de la rédemption par la croix».

29 Cf. Cornagliotti 2003: 328.

30 Nella parte iniziale di SE, ad esempio, si concede ampio risalto, una cinquantina di versi (cf. SE, 75-129), all’illustrazione delle virtù del protagonista, manifestate attraverso l’incontro e lo scambio di battute con due mendicanti, con l’effetto di amplificare la lezione originaria. Cf. infatti le poche righe dedicate all’episodio negli Acta Sanctorum, il testo da cui SE proviene (d’ora in poi AASS Septembris, VI: 123; per l’edizione latina cf. pure BHL: 2760-71 e BSS, V: 281-91): «Operibus vero justitiae et cunctis virtutibus erat praeditus et meritis. Subveniebat oppressis, patrocinabatur gravatis judicio, plures etiam a judicibus injuste damnatos suis opibus relevabat, nudos vestiebat, esurientes satiabat». Per ulteriori esempi a riguardo si rinvia alle note al testo.

31 In SAT, ad esempio, la prima scena (vv. 189-245), che ritrae Antonio e la sua famiglia sul punto di recarsi in chiesa per assistere alla messa, costituisce un tratto originale del Mistero; una simile circostanza ritorna anche in SP: dopo il prologo, vengono rappresentati gli imperatori Filippus pater e Filippus filius nell’atto di pubblicare un editto in cui si ordina alla popolazione la pratica del culto del dio Giove: la trafila è sconosciuta ai modelli latini.

32 Cf. Henrard 1998: 297.

33 Dal gruppo si allontana, per certi versi, il solo SAT, che si distingue per la presenza in apertura di un inno alla Vergine cui viene chiesta la protezione (cf. vv. 1-24) e del prologo articolato in tre parti nelle quali si alternano in scena due annunciatori (vv. 25-188). Cf. Carnahan 1905.

34 Cf., ad es. SE, 1-4: «Jesu Crist, que de la Verge eys nas, / Done bon jort e bon solas, / E garde la compagnio / De tot mal e de vilanio», SAD, 1-4: «Jhesus Christ, filh de Mario / Que tot lo mont regis et guio, / Vuelho gardar la compagnio / De tot mal et de villanio» e SPP, 1-8: «Jhesus, lo rey omnipotent / Lo cal ha fach lo firmament / E a crea lo cel e la terro, / Nos mande pas de cel en terro, / E garde toto ceto gent / De mal e de encombrament, / Et noz vuelho tos ensegnar / Et de sa gracio illuminar», ecc.

35 Cf. SE, 9-14: «Beous amis, que se present, / No· vous requeren charoment / Que vulha en pas istar, / Car entrepreys aven de far / Uno bello moralita, / De Sant Heustaci, en verita», SAD, 21-24: «Et sy vous preouc: faze silencio / Et prenes vung pauc de paciencio / Al ministeri et en la passion / Que a suffert lo valent baron», SPP, 12-15: «On voz suplio, et bas, et faut / Que, se voz play, prena passiensio / Et que ung chascun fasso silensio / Trestouz ensemps be‹ni›gnoment», ecc.

36 Cf. SE, 14-33, SAT, 108-185, SAD, 23-28, SPP, 16-37, ecc.

37 Cf. SE, 2853-2859: «Perdona nous, me· bons amis, / Si hi a nengum que ayo maleyso; / De present, se anne retrayre / Lay ont trobare pan et vim, / Car la sia mantiou vesim / Que lo laysan a bon marcha. / A Diou sia vous recomanda!», SAT, 3940-3946: «D’autro part, vos requeren / Tant humblament, quant nos poyen / Que si avian falhi en nostro hystorio / Per nenguno chauso que syo, / Vos preyen que nos veulha perdonar, / Car nos sen encaro nouvelaux / Certanoment, en cet mestier», SAD, 2656-2663: «Non regarde nostro ignoransso; / Chascum fay segunt sa poyssansso, / Nous ne sen pas tant diligent / Per complayre a–toto gent. / Sy vous play, nous perdonare / Et de bon cor Jhesus preare / Que nous don a tous pervenir / a la glorio dal paradis», SPP, 6132-6135: «Perdona–nous, sy en l’istorio / Aven falhi, en calque pas / Et retene en la memorio / De Peyre et Paul lo dur trapas».

38 Cf. SE, 2842-2851, SAD, 2647-2655: «Jhesus que a fach la redemption / De toto humano naturo, / Nous don a tous devotion / Per tenir vito seguro, / Pervenir a–salvar vostro armo. / Puys que aves vist juar la vito / De nostre patron sant Andriou, / Segunt que ello eys escricho / Et troba al libre siou», SPP, 6124-6131: «Poble present, vulha pensar / Puysqu’ave vist lo contengu, / Quant de mal an pogu passar / Los sans per aver fe soustengu. / Mas, per mal ben lour es vengu: / En paradis la aulto glorio, / Car verita an mantegu; / Per martiri, an agu victorio», ecc.

39 Cf. Mazouer 1998: 144-59.

40 Cf. Henrard 1998: 262.

41 La loro presenza è infatti segnalata in altre rappresentazioni in lingua d’oc attigue cronologicamente ai Misteri: cf., ad es., Le jugement dernier in Jutgamen General (Lazar): 19-21.

42 Cf., ad es., Jeanroy 1894: 552 e Henrard 1998: 250; a proposito dei soli Misteri alpini cf. Mystère de Sant Anthoni de Viennès (Guillaume): LXXIV ss. e Pons 1985-1986: 27-32.

43 Cf. Lioure 1983: 11.

44 Nella prima parte di SAT, ad esempio, si assiste a un’ampia diablerie, della lunghezza di oltre cinquecento versi, in cui i demoni mettono a punto un piano per disperdere il genere umano; cf. SAT, 562-1097.

45 Cf., ad es., ibi, 625-97 e Henrard 1998: 250.

46 Cf. a questo proposito Jutgamen General (Lazar): 20 e Henrard 1998: 250-2.

47 Cf. ibi: 357.

48 Cf. SAT, 960-965.

49 Cf. SPP, 6113-6123.

50 Cf. SP, 5693 ss., 6026 ss.

51 Cf. SE, 835-838. Come ricorda Cornagliotti 2003: 331, l’antroponimo è stato connesso, già da Jeanroy 1894: 553, al Farfarello dantesco (cf. If XXI, 123 e If XXII, 94-95) e potrebbe derivare dalla base onomatopeica FARF– o dall’arabo FARFR ‘folletto’; cf., a proposito della sua discussa etimologia, REW: 3194, ED: s.v. Farfarello e GDLI: s.v. Farfarello. Ancora da Cornagliotti 2003: 331 si apprende che lo stesso personaggio si ritrova, all’interno del teatro italiano, in alcune sacre rappresentazioni fiorentine del secolo XV; cf. pure D’Ancona 1891, I: 53 e Newbigin 1983.

52 Le scene in cui essi agiscono si collocano soprattutto in apertura e in chiusura di ciascun testo, sebbene non manchino intermezzi situati in altri momenti delle rappresentazioni, per lo più nelle sezioni centrali (cf., ad es., SE, 1303-1320), e costituiscono una risorsa drammatica essenziale per lo sviluppo complessivo delle vicende (cf. Henrard 1998: 284): nelle parti iniziali i demoni, riuniti in consiglio, pianificano la cattura o l’eliminazione del protagonista; in prossimità della conclusione si assiste invece allo svolgimento delle accese dispute di cui si rendono protagonisti, nelle quali non mancano alterchi verbali, atti violenti, colluttazioni e torture che caratterizzano il fallimento dei loro propositi, e che contribuiscono in definitiva a generare un momento di comicità (si vedano, ad es., SE, 2737-2840, SAT, 3234-3315 e SAD, 2467-2528) finalizzato al beneficio e al sollievo dell’uditorio dopo la rappresentazione del martirio del santo e a scongiurare il timore dell’evocazione del maligno sulla scena (cf. Henrard 1998: 285).

53 Cf., ad es., il personaggio di Trompeta in SE, 1711-1716, 1784-1785, 1831-1837, ecc.; cf. Blum 1989: 43-53.

54 Si ricorderà qui la sola figura dell’imperatore Adriano, artefice del supplizio di Eustachio e della sua famiglia (SE, 2308 ss.); cf. pure Henrard 1998: 284.

55 In merito all’ultimo punto ci si limiterà a ricordare, nel solo SE, la conservazione dell’integrità dei corpi di Eustachio e dei suoi familiari all’interno della fornace ardente (cf. SE, 2649 ss.), la guarigione prodigiosa di un cieco e di un lebbroso in seguito alla morte del futuro santo (ibi, 2691-2736), l’apparizione di Cristo tra le corna di un cervo, presupposto capitale per la conversione di Placida, della moglie e dei figli (ibi, 218 ss.) e l’intercessione dell’angelo Gabriele nei momenti di maggiore tensione emotiva (ibi, 1502 ss. e 2527 ss). L’intervento divino, conseguente di norma alle preghiere e alle suppliche di Eustachio, costituisce in questo senso il momento sostanziale della rappresentazione, in quanto implica, attraverso la mediazione angelica (cf. Henrard 1998: 256), la fine del supplizio del protagonista e l’elevazione della sua anima in paradiso (cf. SE, 2517 ss. e 2622-2636).

56 Cf. Moralitas Sancti Heustacii (Guillaume 1883).

57 Della stessa opinione anche Jeanroy, il quale, pochi anni dopo l’edizione di Guillaume, fornì un parziale repertorio delle lezioni trascritte in maniera imprecisa dall’abate accompagnato dalle relative correzioni; cf. Jeanroy 1894: 560. La “riconoscenza” nei confronti di Paul Guillaume e, in modo particolare, l’ausilio che le sue “fatiche” hanno apportato a chi ha ricondotto il lavoro di trascrizione dell’esemplare (il codice è infatti soggetto a un continuo processo di deterioramento a causa del quale alcuni passaggi delle prime carte sono diventati, negli ultimi anni, illeggibili) fanno sì che non verranno forniti in questa sede esempi concreti a riguardo; ci si limiterà a dichiarare che in un discreto numero di luoghi (concernenti, a volte, singole parole, altre, interi versi o gruppi di essi) si è operato al fine di recuperare l’originale lezione del copista.

58 Cf. Moralitas Sancti Heustacii (Guillaume 1883): 23.

59 Cf. ibid.: «On comprendra notre réserve en présence de la rareté des textes alpins du moyen âge. Là où manque une règle précise, tous les capriches, toutes les fantaisies d’un scribe doivent être religieusement maintenues».

60 Cf. Jeanroy 1894: 525-60, Monteverdi 1909: 169-229, Monteverdi 1910: 2-108, Chocheyras 1975 e Henrard 1998, dei quali verranno esposti di seguito i tratti salienti.

61 Cf. a tale proposito Moralitas Sancti Heustacii (Guillaume 1883): 22: «Je m’abtiens à dessein des observations purement grammaticales, philologiques et linguistiques; je n’ai ni le temps, ni les aptitudes voulues pour les faire; d’autres sauront me suppléer. Mon travail sera uniquement celui d’un copiste fidèle et soigneux, autant qu’il est possible». Un’indagine in questa direzione venne infatti svolta dall’abate Moutier e inserita in appendice all’edizione, curata dallo stesso Guillaume, di SAT (cf. Mystère de Sant Anthoni de Viennès (Guillaume): 145-62 e 209-22); in essa si segnalano tre sezioni dedicate rispettivamente agli aspetti fonetici, a quelli sintattici e al lessico. Nonostante le evidenti divergenze linguistiche, è stato tuttavia possibile riscontrare alcuni fenomeni comuni ai due Misteri, che sono stati presentati e discussi nell’esame linguistico condotto da parte di chi scrive (cf. Bellone 2006: 155-235).

62 Cf. Meyer 1885: 294-7.

63 Cf. Moralitas Sancti Heustacii (Guillaume 1891).

64 Cf. Moralitas Sancti Heustacii (Guillaume 2010).

65 Cf. Jeanroy 1894: 525-60.

66 Cf., per un resoconto dello stesso studioso a riguardo, Mystères provençaux (Jeanroy–Teulié) e Ascension (Jeanroy–Teulié): 81-115.

67 Cf. Jeanroy 1894: 529: «Durant les trente ou quarante années qui séparent les Mystères rouergats des Mystères alpins, le théâtre méridional avait dû se subordonner de plus en plus à l’imitation des oeuvres françaises […]. Il suffit du coup d’oeil le plus distrait jeté sur le Mystères alpins et sur le Miracle de Saint Jacques pour constater que toutes ces oeuvres sont asservies plus ou moins complètement aux procédés en usage dans le théâtre du Nord». Per maggiori dettagli a riguardo si rimanda al paragrafo III.3. Studio sulla versificazione.

68 Cf. ibi: 525-26: «Malheureusement, à cètte époque, le théâtre méridional n’était plus que l’ombre de ce qu’il avait dû être: d’abord il n’eut point la fortune de rencontrer sur son chemin durant ces cent années un poète de talent […]; ensuite, ce qui est peutêtre plus grave, on le voit s’asservir de jour en jour plus étroitement à l’imitation du thèâtre du Nord, au point qu’il n’est méridional, et encore bien incomplètement, que par la langue qu’il parle».

69 Cf. ibi: 559-60: «Ce n’est donc point par l’originalité du fond que les Mystères alpins et rouergats se recommandent à l’historien de la littérature. Ce n’est point non plus – il suffit d’en lire una page pour être convaincu – par l’art de la composition ou du style. Ils sont loin cependant d’être dépourvus d’intérêt: on y trouvera notamment de curieuses indications de mise en scène, et quelques fidèles et naïves peintures de moeurs provinciales au XVe siècle. Enfin et surtout, ce sont de très précieux textes de langue: non seulement ils permettent d’étudier dans le plus grand détail un dialect provençal aux environs de l’an 1500, mais ils pourraient fournir à la lexicographie de l’ançien provençal une abondante contribution».

70 Cf. Monteverdi 1909: 169-229 e Monteverdi 1910: 2-108.

71 Ibi 1910: 2.

72 Così chiamata dallo stesso Monteverdi poiché fedele alla fonte greca da cui deriva, e in opposizione a quella “libera”, indipendente dalla prima, che si distingue per una maggiore sinteticità e per numerosi tratti innovativi; cf. a tale proposito infra il paragrafo II.5. La diffusione manoscritta della leggenda.

73 Cf. Chocheyras 1975, che segue da vicino il precedente lavoro dello stesso autore sulle rappresentazioni drammatiche nel territorio della Savoia (Chocheyras 1971).

74 Cf. Chocheyras 1975: 90: «Le mystère de Saint Eustache qui nous est parvenu suit de très près le récit de la Légende dorée, dont il ne constitue guère qu’une adaptation dramatique […]» e ibid.: «La légende de saint Eustache est d’ailleurs suffisamment dramatique en elle-même pour que l’adaptateur n’ait pas eu à faire preuve d’invention personnelle, du moins dans la trame du récit proprement dit»; si rinvia, per maggiori dettagli a riguardo, al paragrafo III.2. Cenni sulle fonti.

75 Cf. Henrard 1998.

76 Cf. ibi: 5: «Le présent travail a donc été entrepris dans l’espoir de contribuer à combler une importante lacune de la critique actuelle. Parent pauvre de nos études, le théâtre d’oc est en effet souvent boudé par les médiévistes. Les spécialistes de l’occitan lui préfèrent la prestigieuse lirique, fleuron de la littérature méridionale […]. Les amateurs de théâtre, quant à eux, délaissent le répertoire du Sud pour se tourner vers la production en langue d’oïl, plus richement représentée que son pendant d’oc».

77 Cf. ibi: 7: «Pour la première fois, ce corpus sera ici étudié dans son ensemble sur la base de critères uniformes. Châcun des textes fera l’objet d’un examen approfondi». Una simile dichiarazione d’intenti non risulta supportata, purtroppo, per lo meno in rapporto ai Misteri alpini, da una necessaria revisione delle trascrizioni dei singoli testi.

78 Cf. ibi: 514-8.

79 Cf. ibi: 518: «La Moralitas Sancti Heustacii n’offre donc qu’une versification pauvre et peu variée. Le couplet d’octosyllabes à rime plate y régne en maître. À quelques endroits, il cède la place à une forme strophique simple pour mettre en évidence une prière prononcée par le héros ou par son épouse. Cette indigence – ajoutée aux nombreuses irrégularités de la métrique (irrégularités qu’on ne peut toutes attribuer au copiste) – laisse peu de doutes quant à la faiblesse des talents du versificateur». Per un’analisi della versificazione del codice E298 si rimanda al paragrafo II.5. La diffusione manoscritta della leggenda.

80 Cf. Cornagliotti 2003: 321-39.

81 Ibi: 322.

82 Ibid.

83 Cf., ad es., a tale proposito, SE, 2000 e n.

84 Cf. Cornagliotti 2003: 322-7.

85 Ibi: 327.

86 Cf. ibi: 327-39.

87 Cf. Bellone 2006: 155-235.

88 Cf. Passion de saint André (Sibille).

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search