Version classiqueVersion mobile

1. Seminario Nazionale di Biblioteconomia

 | 
Gianfranco Crupi

Il MetaOPAC Azalai italiano per la Biblioteconomia, una risorsa per la disciplina

Fabrizio Ciolli et Mario Santanchè

Texte intégral

1La sezione di Scienze del libro e del documento e la sezione ex SSAB della biblioteca del “Dipartimento di Scienze documentarie, linguistico-filologiche e geografiche” della Sapienza Università di Roma sono le due strutture bibliotecarie che raccolgono l’eredità e il patrimonio della “Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari”. Lavorando in collaborazione e complementarità con la consorella ex SSAB, operante sul patrimonio cartaceo tradizionale, la biblioteca di Scienze del libro adempie al suo compito di moderna biblioteca di biblioteconomia occupandosi di tutte le risorse digitali e online di interesse per la disciplina. A tal fine, ha progettato e pubblicato nel 2010 “libri&documenti: laboratorio dei servizi digitali della biblioteca di scienze del libro ad opera dei suoi borsisti”1, strumento per la documentazione digitale, mentre quest’anno, nell’aprile 2013, ha presentato il “MetaOPAC Azalai italiano per la Biblioteconomia”2, metacatalogo di ventitré biblioteche italiane specializzate in biblioteconomia (Figura 1).

2Il servizio nasce da un’idea sviluppata in seno al gruppo Biblio-lis, biblioteche italiane di biblioteconomia, ed è stato realizzato dalla nostra biblioteca di Scienze del libro in collaborazione con l’AIB e il CINECA, gestori del MAI, e il Sistema Bibliotecario Sapienza, che ci garantisce un futuro. Il lavoro si è giovato della collaborazione e dei consigli di vari colleghi del settore, in particolar modo dell’esperienza professionale di Giulia Visintin della “Luigi Crocetti” di Firenze, biblioteca promotrice della lista e del gruppo Biblio-lis e nostra prima partner e compagna d’avventura.

3Il metaOPAC, ospitato su nostro server, riprende l’interfaccia standard dei metaOPAC MAI, riadattandola alla grafica istituzionale e al contesto della nostra università e del nostro dipartimento, e propone una maschera di ricerca strutturata in tre campi con funzioni di filtro: i primi due consentono di optare, con menu a tendina, tra “autore” e “titolo”, il terzo propone un parametro a scelta tra “editore”, “anno”, “ISBN/ISSN”, “classe Dewey” e “soggetto”. L’interrogazione restituisce, quindi, i risultati della ricerca dal server CINECA secondo l’output classico di tutti i metaOPAC, in ordine di risposta degli OPAC e preceduti dai link ai cataloghi cui appartengono le singole biblioteche. Più interessante a nostro avviso, come servizio aggiuntivo, la seconda pagina web, collegata alla prima, in cui forniamo l’elenco completo delle biblioteche connesse, e per ciascuna di esse segnaliamo: il link alla home page, per tutte le informazioni e localizzazioni necessarie; il link all’OPAC specifico della singola biblioteca, per rendere possibili e più agevoli le ricerche dettagliate; il link diretto ai contatti dei vari servizi prestito, per una più facile e veloce richiesta di prestito o document delivery. A questo punto, con ventitré biblioteche specializzate connesse e un patrimonio bibliografico complessivo ben oltre gli ottantamila volumi, il metaOPAC si candida a diventare la risorsa privilegiata per qualsiasi ricerca bibliografica nel nostro settore.

4Superate finalmente le difficoltà legate ai diversi enti di appartenenza, ai diversi sistemi bibliotecari, ai diversi software, da oggi, per una ricerca specialistica pertinente e ragionevolmente esaustiva nel campo della biblioteconomia, è possibile effettuare un’unica interrogazione al catalogo, contro le dieci o quindici necessarie finora. Sono collegate al metaOPAC innanzitutto le biblioteche delle strutture più note e rappresentative nel nostro specifico settore, ovvero le biblioteche SSAB della Sapienza, la “Luigi Crocetti” della Regione Toscana e l’AIB nazionale. A queste si aggiungono biblioteche universitarie di ricerca e di didattica, biblioteche professionali di enti locali, una biblioteca statale a vocazione particolare come quella dell’ex Istituto di patologia del libro, con il risultato complessivo di una notevole e multiforme varietà tipologica. Molto estesa anche la diffusione sul territorio nazionale, dal momento che le biblioteche del gruppo sono presenti in otto regioni e sedici diverse città d’Italia.

5Per l’elenco delle biblioteche rimandiamo alla figura due (Fig. 2); teniamo invece ad aggiungere la massima disponibilità da parte nostra ad accogliere qualsiasi segnalazione e ad includere nel metaOPAC eventuali altre biblioteche che si rendessero via via disponibili e tecnicamente connettibili. Soprattutto formuliamo la speranza che il servizio possa segnare l’inizio di una rinnovata stagione di collaborazione all’interno della comunità professionale, che tramite l’incremento dei servizi di ILL e DD possa garantire una risposta sempre più esaustiva ai desiderata dei nostri utenti, allargando la varietà e completezza complessiva delle collezioni disponibili pur a fronte della drammatica contrazione delle risorse delle singole biblioteche.

6Questo è il nostro auspicio, per questo lavoreremo, al servizio della ricerca scientifica, della didattica e dell’aggiornamento professionale.

Table des illustrations

Titre Figura 1
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/1665/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 220k
Titre Figura 2
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/1665/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 351k

Auteurs

Responsabile biblioteca di Scienze del libro, Sapienza – Università di Roma Coordinatore del MetaOPAC

Bibliotecario biblioteca ex SSAB, Sapienza – Università di Roma – Coordinatore del MetaOPAC

© Ledizioni, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search